Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 29 n° 307

Archive for 19 settembre 2017

Photo: Arrivano i Paparazzi!

Posted by fidest press agency su martedì, 19 settembre 2017

la-dolce-vitaMadison Ave.Torino mercoledì 20 settembre alle ore 20.30 Cinema Massimo, Sala Tre e nella sede di CAMERA Centro Italiano per la Fotografia in via delle Rosine 18 sarà presentata, una rassegna cinematografica, articolata in quattro appuntamenti mensili, dal titolo PHOTO. Arrivano i Paparazzi! Sarà proiettata in primis La dolce vita di Federico Fellini. Il film forse più bello del grande maestro, che racconta, attraverso le vicissitudini del protagonista – interpretato dal celeberrimo Marcello Mastroianni – la Roma mondana, trasgressiva e contradditoria del miracolo economico. Il film sarà introdotto da Walter Guadagnini, Direttore di CAMERA e da Donata Pesenti Campagnoni, Direttore pro tempore del Museo Nazionale del Cinema. Ingresso 6.00/4.00/3.00 euro.
Con oltre 150 immagini di “Vip e Star di ieri e di oggi”, scatti di famosi fotografi come Tazio Secchiaroli, La grande bellezzamarlon brandoMarcello Geppetti, Ron Galella, Lino Nanni e progetti fotografici di artisti contemporanei come Alison Jackson e Armin Linke, la mostra racconta il fenomeno e le trasformazioni dei Paparazzi. A partire dalla Roma dei primi anni Sessanta, il periodo della celeberrima Via Veneto della Dolce Vita, con un’immersione nella società e nel costume di quella stagione, la mostra procede nel suo percorso visivo negli anni e nelle tematiche che si modificano con il cambiare della società e degli stessi mezzi di comunicazione di massa. Il gusto della sorpresa e dell’assalto diretto, che caratterizzava i Paparazzi, si trasforma nel tempo in uno sguardo da lontano, più voyeuristico. Esemplari sono le vicende di Jackie Kennedy, poi Onassis, autentica icona della stampa di costume e scandalistica, e di Lady Diana, le cui storie sono strettamente legate a quelle dei “ladri di immagini”. Nel percorso si inseriscono immagini realizzate da alcuni artisti contemporanei, che hanno giocato su questo linguaggio, tra finzione e realtà, e da grandi fotografi di moda, che hanno trasformato questo linguaggio in stile.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Attività delle delegazioni parlamentari dell’U.E.

Posted by fidest press agency su martedì, 19 settembre 2017

macronIl futuro del sistema commerciale multilaterale e la cooperazione tra UE ed America Latina nella lotta contro il crimine organizzato e il terrorismo saranno tra i principali argomenti della 10ª sessione plenaria dell’Assemblea Parlamentare euro-latinoamericana (EuroLat), che si svolgerà a San Salvador da lunedì a giovedì 21 settembre.Altri temi in agenda: la volatilità dei prezzi delle derrate alimentari, il lavoro informale e non dichiarato, la regolamentazione delle lobby, la cooperazione nei settori aeronautico e della ricerca.
Da lunedì a venerdì, una delegazione della Commissione libertà civili si recherà in Tunisia per esaminare la cooperazione tra Unione europea e Paesi della regione – la Libia in particolare – nella gestione dei flussi migratori e nel controllo delle frontiere. La delegazione discuterà con i ministri tunisini, i membri del Parlamento e la società civile, delle operazioni di ricerca e salvataggio nel Mediterraneo, della situazione nei centri di detenzione e di diritti umani, come anche di liberalizzazione dei visa e degli accordi di riammissione.
In seguito alla decisione della Corte di Giustizia europea sull’immediata interruzione dello sfruttamento della foresta protetta di Białowieża (Polonia), e al rifiuto delle autorità polacche di rispettare tale divieto, una delegazione della Commissione ambiente si recherà a Varsavia da lunedì a mercoledì per un incontro con il ministro dell’ambiente, Jan Szyszko, le ONG e i rappresentanti di industrie e sindacati.
Portrait of Antonio TajaniI deputati della Commissione controllo dei bilanci saranno in Ungheria da lunedì a mercoledì per visitare alcuni progetti finanziati dai fondi UE e incontrare i membri del Parlamento ungherese, i rappresentanti della Corte dei conti e della società civile. La commissione CONT ispeziona regolarmente i progetti finanziati negli Stati membri e nei Paesi terzi.
Alla luce dei recenti sviluppi della situazione in Myanmar, la Commissione commercio internazionale del Parlamento europeo ha deciso di rimandare a data da definirsi la missione pianificata nel Paese. Il PE ha recentemente adottato una risoluzione nella quale si chiede di “porre immediatamente fine alle uccisioni, ai soprusi e agli stupri di cui è vittima l’etnia rohingya” in Myanmar/Birmania.
Il Presidente del Parlamento europeo, Antonio Tajani, sarà in visita ufficiale in Francia giovedì e venerdì. Incontrerà il Presidente della Repubblica francese, Emmanuel Macron, il Primo ministro Édouard Philippe e il Presidente dell’Assemblea nazionale François de Rugy.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

Il made in Italy fa scuola alla Maker Faire di New York

Posted by fidest press agency su martedì, 19 settembre 2017

New York maker faireNew York. Nel padiglione Italia della Maker Faire di New York, il 23 e 24 settembre prossimi Olivetti e Fondazione Mondo Digitale, selezionate dall’Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane nell’ambito del Piano per la promozione straordinaria del Made in ltaly, propongono un modello di didattica “ri-innovata”, in grado di coniugare istruzione e competenze richieste dal mercato del lavoro e di preparare i giovani a nuove professioni in continua e veloce evoluzione.
In particolare, Olivetti presenta in anteprima “ORobot101”, il nuovo kit robotico, realizzato con la stampante 3D, per agevolare il percorso educativo degli studenti italiani verso le nuove tecnologie. Basato su un approccio multidisciplinare, combina alla potenza del Cloud Robotics la versatilità delle macchine a controllo numerico, per avvicinare i più piccoli al mondo del coding e del making. Con “ORobot 101”, infatti, gli studenti non solo imparano nuovi linguaggi di programmazione ed entrano in contatto con community di sviluppatori, ma acquisiscono anche competenze per la fabbricazione digitale e la prototipazione rapida, con la possibilità di ricrearsi in maniera autonoma, attraverso la stampante 3D, le componenti stesse del robot.
Con la Fondazione Mondo Digitale arriva per la priva volta in USA il modello di Palestra dell’Innovazione, spazi di apprendimento “aumentato”, fisici e virtuali, per arricchire la formazione scolastica con competenze digitali e trasversali maturate sul campo. Dal primo modello, nato nel 2014 a Roma, oggi sono oltre 120 le scuole italiane che hanno aderito alla Rete nazionale delle Palestre dell’Innovazione per sperimentare strategie didattiche innovative.
Con “Kit Cut” la Fondazione Mondo Digitale presenta a New York un originale progetto di ricerca per favorire nella scuola la contaminazione delle discipline tradizionali con modelli di apprendimento personalizzabili in classe secondo i principi della sharing knowledge economy: da file open source per la realizzazione di arredi scolastici funzionali e intelligenti a kit prodotti con stampanti laser per la creazione di robot o di strumenti didattici per l’insegnamento delle materie curricolari, dalla storia alla geometria.
Alla Maker Faire di New York l’Italia mostra una scuola che, attraverso il modello di Educazione per la vita, è capace di rispondere efficacemente alle richieste del mondo del lavoro e di trasformare i più giovani in protagonisti del cambiamento, a tutte le età.

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Un percorso possibile per il trattamento della Fibrillazione Atriale e dell’Ictus Cardioembolico”

Posted by fidest press agency su martedì, 19 settembre 2017

giuseppe dossettiRoma 19 Settembre 2017; ore 9.00 – 13.00 Camera di Commercio Sala della Giunta Via de’ Burrò, 147. Le malattie cardiovascolari continuano a rappresentare la principale causa di decessi da malattie non comunicabili a livello globale. Infatti il versante della prevenzione e dell’educazione sanitaria rimane tutt’oggi poco esplorato. La tutela della salute cardiologica è senza ombra di dubbio una sfida impegnativa, ma bisogna tenere conto che i costi individuali e sociali, già critici, saranno soggetti in un futuro di medio-lungo termine ad un aumento esponenziale. Invertire questo trend diviene fondamentale per garantire gli obiettivi di salute nazionali e per assicurare la stabilità del quadro macroeconomico. A distanza di due anni dall’elaborazione di una nostra proposta di legge poi divenuta di iniziativa parlamentare con la presentazione da parte del Senatore D’Ambrosio Lettieri del DDL n.1850: “Disposizioni in materia di malattie cardiovascolari e per la prevenzione e la cura dell’ictus cerebrale ischemico”, l’Associazione Dossetti chiama a raccolta il mondo accademico, scientifico, istituzionale, le associazioni di pazienti e gli stakeholder di settore al fine di dare nuovo impulso all’iter legis e accendere nuovamente i riflettori su questa problematica. Il programma della giornata è il seguente:
8.45 Indirizzo di benvenuto: Claudio Giustozzi
Introduzione ai lavori: Sen. Luigi D’Ambrosio Lettieri – 12ª Commissione Igiene e Sanità
09.00 SOCIETA’ SCIENTIFICHE, ASSOCIAZIONI DI PAZIENTI E AZIENDE DEL SETTORE A CONFRONTO
Presiede: Claudio Giustozzi
Modera: Walter Gatti
Partecipano in quqaliltà di relatori e moderatori: Riccardo Cappato, Antonio Carolei, Luca Carreri, Emilio Chiarolla, Francesco Fedele, Claudio Fresco, Anna Patrizia Jesi, Lorenzo Loffredo, Ciro Mauro, Marino Nonis, Pasquale Perrone Filardi, Mara Piccoli, Nicoletta Reale, Marco Rolloni, Maurizio Santomauro, Massimo Vito Tritto
12.45 Questions & answers
13.00 Conclusioni e chiusura dei lavori.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Roma/about Rome, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

”Cardiology of Today and Tomorrow: Prepared for the Future”

Posted by fidest press agency su martedì, 19 settembre 2017

san pietroburgoS. Pietroburgo (Russia) Dal 21 al 23 settembre 2017 si svolgerà il simposio internazionale “Cardiology of Today and Tomorrow: Prepared for the Future”. Il meeting riunirà cardiologi di fama internazionale che esporranno i più recenti progressi nella cura delle malattie cardiovascolari. «S. Pietroburgo vanta una lunga tradizione nella clinica e nella ricerca in cardiologia, con una consolidata esperienza nella riduzione della mortalità e della morbilità cardiovascolare» spiega Evgeny Shlyakhto, Direttore del Federal Almazov North-West Medical Research Centre di S. Pietroburgo e presidente del simposio. «I cardiologi russi ed europei condividono una lunga storia di collaborazione scientifica ed accademica, che rappresenta un esempio di approccio innovativo di integrazione delle conoscenze e delle esperienze con il concetto di medicina traslazionale».
Il 21 settembre il simposio per la cerimonia di apertura si svolgerà alla Philarmonia – Nevskiy avenue 30, S. Pietroburgo. Sono previste tre letture da parte di Evgeny Shlyakhto (Russia), Alberto Zanchetti (Italy) ed Edward Lakatta (USA).
Il 22 e 23 settembre il simposio si svolgerà al Federal Almazov North-West Medical Research Centre 2 Akkuratova st., S. Pietroburgo. I temi principali saranno le linee guida cardiovascolari europee, russe e statunitensi, l’ipertensione arteriosa e il danno d’organo, la dislipidemia e altre comorbilità, l’ischemia cardiaca e l’angina stabile, l’insufficienza cardiaca. Il simposio è promosso dalla Fondazione Internazionale Menarini.

Posted in Estero/world news, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La salute della donna: Patologie femminili di maggiore impatto

Posted by fidest press agency su martedì, 19 settembre 2017

milanoMilano, 20 settembre h. 13.00 Hotel Michelangelo – Sala B – Piazza Luigi di Savoia 6 Dall’istituzione della prima Cattedra di medicina di genere a Padova e di una giornata nazionale dedicata alla salute della donna, ai Bollini Rosa agli ospedali italiani, alla presentazione del Manifesto sulla salute della donna fino al primo disegno di legge sulla medicina di genere. Di passi avanti ne sono stati fatti molti. Il genere rappresenta ormai un parametro imprescindibile per garantire la personalizzazione della cura sia in ambito clinico sia nell’organizzazione dei servizi sanitari.
Il 1° Congresso Nazionale di Onda, Osservatorio Nazionale sulla salute della donna farà il punto sulla medicina di genere e sulla salute della donna nell’età fertile e nella menopausa mettendo in luce le interazioni tra le varie malattie in ambito cardiologico, diabetologico, ginecologico, neurologico, oncologico, psichiatrico e reumatologico. Partecipano:
Sen. Emilia De Biasi, Presidente Commissione Igiene e Sanità, Senato della Repubblica
Claudio Mencacci, Presidente Comitato tecnico scientifico Onda, Osservatorio nazionale salute della donna
Francesca Merzagora, Presidente Onda, Osservatorio nazionale salute della donna
Rossella Nappi, Professore Associato Clinica Ostetrica e Ginecologica, IRCCS Policlinico san Matteo, Università degli Studi, Pavia
Maria Penco, Professore Ordinario di Cardiologia, Direttore Scuola di Specializzazione, Malattie Apparato Cardiovascolare, Università degli Studi, L’Aquila
Armando Santoro, Direttore Cancer Center, Oncologia Medica, Humanitas Research Hospital, Rozzano (MI)
Massimo Scaccabarozzi, Presidente Farmindustria
Vittorio Silani, Direttore UO Neurologia e Stroke Unit, IRCCS Istituto Auxologico Italiano, Milano

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Assemblea Generale dell’ONU: Realtà ed aspettative

Posted by fidest press agency su martedì, 19 settembre 2017

Onu palaceUn centinaio di capi di Stato e di governo sono attesi questa settimana a New York per l’Assemblea generale delle Nazioni Unite. Il mega-incontro diplomatico e’ dominato quest’anno dalle tensioni con la Corea del Nord, la Siria e la spada di Damocle sull’accordo nucleare iraniano. Nel contempo dovra’ essere affrontata anche la questione della riforma della “macchina dell’ONU”.
Fatto rilevante: e’ il primo incontro del genere a cui partecipano il presidente Usa Donald Trump, il suo omologo francese Emmanuel Macron, e il segretario generale dell’ONU stessa, Antonio Guterres, tutti e tre entrati in funzione quest’anno.Oltre ai numerosi incontri bilaterali che caratterizzeranno queste Assemblee, saranno di un certo rilievo le questioni relative agli esperimenti nucleari della Corea del Nord; l’accordo sul programma nucleare iraniano concluso tra Teheran e le potenze del gruppo P5 + 1 (Stati Uniti, Germania, Francia, Gran Bretagna, Russia e Cina) nel 2015; i sei anni del conflitto siriano che ha gia’ prodotto piu’ di 300mila morti e milioni di rifugiati; la riforma dell’ONU che deve rendersi piu’ efficace e performante (la sua burocrazia e’ uno dei punti deboli della praticita’ di questo organismo); nonche’ il patto mondiale per l’ambiente che sara’ presentato dal presidente francese e che, proprio da oggi, dovra’ prendere in considerazione le nuove aperture dell’amministrazione Trump rispetto alle precedenti chiusure sugli accordi di Parigi. Quest’ultimo, redatto da 80 esperti internazionali, potrebbe diventare il primo accordo internazionale di un certo peso giuridico,mettendo insieme ed armonizzando l’insieme dei diritti ambientali in un solo documento.Per questo, e non solo, sara’ interessante verificare il comportamento dell’Unione Europea, se sara’ in grado di avere una sua originalita’ positiva e utile, o essere semplicemente motore di trasmissione delle volonta’ nazionali dei suoi membri (l’iniziativa francese sull’ambiente fa onu assembleapensare che probabilmente sara’ proprio cosi’).Ogni volta che c’e’ un’Assemblea del genere, viene spontanea una domanda: serve? La risposta e’ semplice e banale: Si’! Serve in se’ e come messaggio:
– In se’. Gli accordi che verranno raggiunti saranno un punto di riferimento per le politiche dei vari Stati, oltre che un grimaldello verso i riluttanti e i finti tonti. Saranno importanti per questo, rispettivamente, le volonta’ nazionali di fare il bene dei propri amministrati in armonia e senza conflitti a partire dal proprio vicino, nonche’ le iniziative di controllo e persuasive che l’ONU mettera’ in campo nei vari scenari dei conflitti.
– Come messaggio. Sara’ la politica in grado di porsi come strumento utile e valido per armonizzare un’economia che e’ gia’ transnazionale, e spesso senza regole se non quelle del profitto ad ogni costo, anche il piu’ brutale? E’ la scommessa base di una istituzione del genere, creata quando la transnazionalita’ dell’economia era uno degli aspetti, mentre oggi questa transnazionalita’ e’ dominante e spesso molto pesante. Si pensi, per esempio, alle comunicazioni e agli enormi ed incontrollati poteri che le aziende del settore (Internet e non solo) esercitano con scarse regole e, quando ci sono, spesso eluse (censura, diritto d’autore, evasione fiscale,…).
Non ci aspettiamo niente di avveniristico da questa Assemblea. E non potrebbe essere altrimenti. Ma una base di lavoro e di iniziativa e’ importante, anche solo per rapportarsi coi piu’ riottosi e violenti negatori dei diritti dei cittadini e degli esseri umani.
Purtroppo, l’Unione europea e’ un nano in questo contesto. Ma e’ stata e puo’ continuare ad essere una buona esecutrice, foss’anche per le consistenti disponibilita’ finanziare che ha. Gli Stati nazionali membri dell’Unione avranno il compito di stimolarla maggiormente, usandola anche come ponte per le proprie iniziative. (Vincenzo Donvito, presidente Aduc)

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Versus Versace

Posted by fidest press agency su martedì, 19 settembre 2017

versus versaceversus versace1versus versace2versus versace3Londra. L’anima di Versus Versace è giovane, sexy, irriverente e, soprattutto, divertente.“Versus è individualità, forza e positività. E’ per tutti coloro che hanno il coraggio di esprimere se stessi in tutto ciò che fanno”. Donatella Versace Questa collezione celebra l’essenza di Versus attraverso la New York degli Anni ’90. Camicie stampate, costumi da bagno, pantaloni flare e gilet di maglia metallica diventano capi essenziali per i giovani di oggi. I mini abiti in tessuto plaid sono personalizzati da intarsi di seta duchesse in colori fluo e borchie, mentre i bikini diventano il nuovo streetwear per l’estate in città e sono indossati sotto camicie stampate, canotte oversize di maglia metallica e tutine aderenti. Il carattere Versus emerge anche nelle proposte sartoriali, con una V intarsiata nel retro degli abiti bordati da frange. Oggi più che mai, Versus ha una forte connotazione streetstyle che si manifesta negli abiti-polo con cinture stampate e bottoni a forma di testa di leone, o nei mini-abiti estivi versus versace4in colori fluo. La maglieria segue le forme del corpo, con intarsi grafici di tessuto tecnico e giochi di trasparenze. Tutto è uno statement, dagli accessori con le frange, ai costumi da bagno con logo glitterato fino ai mini-abiti di maglia metallica borchiati. Versace è felice di annunciare la borsa di studio Gianni Versace a sostegno di uno studente del corso di studi MA Fashion Course alla Central Saint Martins, UAL a partire dall’autunno 2017. “La Central St. Martins educa e prepara molti dei migliori talenti che entrano a far parte del mondo della moda. Tanti suoi alunni hanno lavorato con me nel corso degli anni perché da sempre sostengo e osservo con attenzione queste giovani promesse. E’ quindi con grande piacere che sponsorizziamo questa borsa di studio come tributo a mio fratello Gianni, uno stilista visionario il cui ricordo indelebile aiuterà a formare i creativi del futuro”. Donatella Versace.

Posted in Estero/world news, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Lotta comune per sconfiggere i tumori

Posted by fidest press agency su martedì, 19 settembre 2017

camera deputati2Roma martedì 19 settembre dalle 11.45 alla Sala Aldo Moro Camera dei Deputati (Montecitorio) presentazione del libro di “Insieme contro il camcro”. Interverranno: Antonio Tajani (Presidente del Parlamento Europeo), Mario Melazzini (Direttore Generale dell’Agenzia Italiana del Farmaco) e Monica Guerritore (Attrice), Francesco Cognetti (Autore e Presidente di Insieme Contro il Cancro) e Mauro Boldrini (Autore e Direttore della Comunicazione di Insieme Contro il Cancro). Chairman dell’evento sarà il dott. Gianni Letta (giornalista). nel nostro Paese il 5% della popolazione riesce a sopravvivere al cancro. Quello che è stato definito il “Male del secolo” sta diventando una malattia che può essere sempre più curata. Nonostante questo importante risultato va constatato che in Italia manca ancora una vera e propria cultura della prevenzione oncologica, della gestione e riabilitazione del paziente e della ricerca scientifica. Tutti possono, e devono, fare della lotta al cancro una della loro priorità. Non solo oncologi ma anche le Istituzioni, la Cultura, l’Imprenditoria, i Media, il Mondo dello Sport e dello Spettacolo. Con l’impegno di ciascuno, nel proprio ambito, sarà possibile rendere il tumore sempre più guaribile e garantire a chi l’ha superata un ritorno ad una vita normale.
Per questo la Fondazione Insieme Contro il Cancro ha deciso di raccogliere le testimonianze di 22 personaggi famosi (rappresentati delle Istituzioni, attori, giornalisti, imprenditori, sportivi). Le interviste sono state raccolte nel libro La grande lotta comune per sconfiggere i tumori (autori Francesco Cognetti e Mauro Boldrini, Mondadori Editore).

Posted in Recensioni/Reviews, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

112° Congresso della Società Botanica Italiana

Posted by fidest press agency su martedì, 19 settembre 2017

parma universitàParma Da mercoledì 20 a sabato 23 settembre si svolgerà a Parma, all’Auditorium del Plesso Polifunzionale del Campus Scienze e Tecnologie, il 112° Congresso della Società Botanica Italiana (IV International Plant Science Conference).Il Congresso ospiterà relatori sia internazionali che nazionali di chiara fama, che tratteranno diversi aspetti scientifici strettamente inerenti la Botanica generale, sistematica, ambientale e farmaceutica, fornendo quindi una panoramica ad altissimo livello sui recenti sviluppi e approcci per quel che concerne le ricerche di punta nelle Scienze Botaniche.Al Congresso parteciperanno non solo scienziati senior affermati, ma anche dottori di ricerca e giovani ricercatori interessati alle tematiche trattate o a presentare un proprio contributo scientifico. La lingua ufficiale sarà l’inglese.Nel pomeriggio di venerdì 22 settembre, all’Orto Botanico dell’Università di Parma (via Farini 90), si terrà un incontro su tematiche relative agli Orti Botanici, organizzato in collaborazione con il Sistema Museale dell’Ateneo. Sabato 23 settembre è prevista inoltre un’escursione scientifica nel Parco Nazionale dell’Appennino tosco-emiliano, organizzata in collaborazione con l’Ente Parco.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Report dell’Osservatorio Immobiliare Digitale

Posted by fidest press agency su martedì, 19 settembre 2017

borsaL’Osservatorio Immobiliare Digitale (OID) presenta il Report sul mercato residenziale degli USA, realizzato in collaborazione con Opisas, società internazionale specializzata nella vendita ed intermediazione di investimenti immobiliari all’estero. Le vendite di giugno 2017 hanno fatto registrare un incremento dell’1.7% rispetto allo stesso mese dell’anno precedente. Degno di nota anche l’aumento del prezzo mediano di vendita degli immobili: +7.5% (sempre giugno 2017 su stesso mese 2016). Il Report, oltre a presentare un novero di dati interessanti e inediti, analizza anche la portata degli investimenti stranieri negli USA, in fortissima crescita, trainati dalla Cina. Presente anche l’Italia, al decimo posto.
“L’analisi del mercato residenziale statunitense – dichiara Diego Caponigro, Presidente OID e CEO di ReGold.it – è un importante insight per la valutazione e lo studio della situazione economica globale. Il Report si focalizza infatti anche sul costante e crescente interesse da parte degli investitori internazionali per questo mercato”. “Siamo molto orgogliosi – aggiunge Christian Calusa, CEO e Founder di Opisas – che OID ci abbia chiesto di collaborare a questo Report. La certificazione riconosciuta ad OPISAS (e attribuita da OID) sul processo di acquisto sul mercato immobiliare americano è un riconoscimento che ci riempie di soddisfazione. Sono molto orgoglioso dei traguardi che OPISAS ha raggiunto negli ultimi anni all’estero, dove ormai collaboriamo con diverse associazioni di categoria che ci considerano un partner serio ed affidabile per i propri associati.”

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Festival Remover Roma con Santiago

Posted by fidest press agency su martedì, 19 settembre 2017

cervantesRoma. Dal 2 ottobre al 2 novembre, per un mese esatto, i luoghi più rappresentativi della cultura spagnola a Roma, la Real Academia de España en Roma, l’Instituto Cervantes e la Escuela Espanola de Historia y Arqueologia en Roma ospiteranno una serie di eventi dedicati alla scoperta della cultura spagnola in tutte le sue forme. Remover Roma con Santiago è il titolo scelto per questa prima edizione che ha come obiettivo quello di far conoscere il lavoro di alcuni dei maggiori artisti che provengono dalle varie regioni spagnole attraverso cui passa il Cammino di Santiago.
Il Festival verrà inaugurato il 2 ottobre con una grande mostra collettiva “Muchos Caminos”, che si terrà presso la Real Academia de España e che vedrà coinvolti sia artisti spagnoli contemporanei che artisti stranieri che hanno legato in qualche modo il loro lavoro al Cammino. Lo stesso giorno, prima dell’inaugurazione della mostra, si terrà un grande concerto di Uxia, considerata una delle esponenti più importanti della musica galiziana, il cui stile si caratterizza per la fusione di musica tradizionale galiziana con il Fado e i ritmi brasiliani.
Tra gli appuntamenti il 29 ottobre si terrà il concerto di chiusura di Maria del Mar Bonet presso la Real Academia de España, con cui l’artista chiude la sua carriera cinquantennale. Il 6 ottobre alla Casa del Cinema l’appuntamento è con Carlos Saura una delle figure chiave della storia del cinema spagnolo, e nell’occasione verrà proiettata la sua nuova opera Jota, de Saura dedicata all’Aragona, sua terra d’origine.
Il 7 ottobre, sempre alla Casa del Cinema, sarà la volta di Oliver Laxe, regista, sceneggiatore e attore riconosciuto e premiato a Cannes e a livello internazionale, che presenterà Todos vòs sodes capitans. Oskar Alegrìa presenterà Emak Bakia baita, documentario dedicato al soggiorno basco di Man Ray, attraverso la ricerca della casa in cui l’artista girò un film d’avanguardia quasi del tutto sconosciuto e che non figura in nessun archivio. Isabel Muñoz, fotografa di fama internazionale, due volte vincitrice del World Press Photo, il cui lavoro si focalizza sullo studio del corpo umano, porterà il documentario Angalia Mzungu, testimonianza di un viaggio che la fotografa ha compiuto in Congo. Tra gli appuntamenti dedicati al teatro il 4 ottobre si terrà Beatus, spettacolo incentrato sull’Apocalisse di Giovanni, con scene cantate tra tradizione popolare e liturgia. Il Festival darà spazio anche ai più piccoli con dei laboratori artistici per bambini curati da Maria Angeles Vila, che guideranno i giovani partecipanti in un viaggio alla scoperta del Camino de Santiago. Tutti gli appuntamenti del Festival inoltre si possono consultare sul nuovo portale http://www.piazzadispagna.es,

Posted in Recensioni/Reviews, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Trasformazione digitale della stampa

Posted by fidest press agency su martedì, 19 settembre 2017

stampa digitale

Al via il prossimo 20 settembre la Digital Transformation Academy, una iniziativa in collaborazione con Talent Garden. L’iniziativa prevede 3 giornate di formazione nelle città di Brescia (20 settembre), Roma (5 ottobre) e Palermo (17 ottobre), e una maratona di 12 ore nella sede torinese di Talent Garden, durante la quale tutti i partecipanti potranno mettersi alla prova nella creazione di soluzioni digitali innovative applicabili al settore dell’editoria. Sono 150 i professionisti dell’editoria coinvolti in questo percorso di formazione. La prima fase di formazione, “Envisioning Academy”, vedrà alternarsi lezioni frontali, brainstorming e workshop per sviluppare abilità di pensiero laterale e di utilizzo della tecnologia all’interno dei diversi settori dell’editoria e sarà affidata alla guida di alcuni professionisti del settore. Tra questi Alessandro Rimassa, direttore della scuola di innovazione di Talent Garden e esperto di digitale; Pier Luca Santoro, consulente, giornalista ed esperto di social media e di data driven marketing; Alessandro Chessa, coordinatore del Master della Tag Innovation School sull’analisi dei dati e esperto di comunicazione basata sulla lettura dati.
Il percorso si chiuderà nel Campus di Talent Garden Fondazione Agnelli con una sfida che metterà in competizione giornalisti, marketing manager ed esperti di digitale nella produzione di progetti innovativi per la fruizione di informazione attraverso i nuovi strumenti del digitale. Nel corso di 12 ore i professionisti coinvolti nei workshop verranno organizzati in gruppi di lavoro per sfidarsi in un contest di creatività e innovazione (hackathon) sulle idee nate durante le giornate di formazione e trasformarle in qualcosa di pratico e potenzialmente applicabile all’interno dell’azienda.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Bergamo si tinge di GIALLO!

Posted by fidest press agency su martedì, 19 settembre 2017

il cavaliere gialloBergamo giovedì 21 settembre (Auditorium di Piazza Libertà, ore 21.00) la prima edizione di A Shot in the Dark, con l’anteprima del restauro di Blow-Up di Michelangelo Antonioni (1966, in sala dal prossimo 2 ottobre), capolavoro senza tempo riportato al suo splendore originale grazie a Cineteca di Bologna, Istituto Luce – Cinecittà e Criterion, con la supervisione del direttore della fotografia Luca Bigazzi.
Prendendo a prestito il titolo del secondo episodio della saga della Pantera Rosa, A Shot in the Dark, organizzata da Bergamo Film Meeting dal 21 al 24 settembre, sarà un viaggio dentro il genere giallo, a cavallo tra il cinema e le altre arti. “Giallo” inteso come contenitore di infiniti sottogeneri e di tutte quelle storie che, fra cadaveri e commissari, indagini e pedinamenti, complotti e macchinazioni, ombre e segreti, hanno per oggetto il vasto campo del crimine e del mistero nelle sue più varie modalità di racconto.Una rassegna di film, incontri, musica, oltre alla mostra Mon cher Simenon – Indizi dal Fondo (Foyer Auditorium di Piazza della Libertà, 21 – 24 settembre) e all’assegnazione del Premio Cavaliere Giallo per la migliore sceneggiatura di un cortometraggio giallo/thriller (Auditorium di Piazza Libertà, sabato 23 settembre, ore 20.30) pensati per valorizzare e promuovere il Fondo Georges Simenon, costituito nel 2003 grazie alla donazione del regista e scrittore Gianni Da Campo (1943-2014), uno dei più grandi collezionisti dell’opera dello scrittore belga.In programma, oltre all’esilarante A Shot in the Dark (Uno sparo nel buio, 1964) di Blake Edwards e all’anteprima di Blow-Up, troveranno spazio inediti, cult movies e classici in versione restaurata – da sempre segno distintivo delle proposte di Bergamo Film Meeting – tra cui spicca The Long Goodbye (Il lungo addio, 1973), dall’omonimo romanzo di Raymond Chandler, riletto in chiave contemporanea da Robert Altman. Le Samouraï, il capolavoro scritto e diretto da Jean-Pierre Melville (Frank Costello faccia d’angelo, 1967), interpretato da uno stupefacente Alain Delon nel ruolo di un killer spietato e affascinante, si accompagnerà al folle, incandescente e iperrealistico The Killer (id, 1989) di John Woo, mostro sacro della new wave hongkonghese anni ’90. Le atmosfere assolate del giallo mediterraneo saranno invece rappresentate da Total Khéops (2002) di Alain Bévérini, tratto dall’omonimo romanzo di Jean-Claude Izzo, mentre il tributo a Georges Simenon avverrà con la proiezione di L’inconnu dans la maison (1992) di Georges Lautner, terza trasposizione cinematografica de Gli intrusi, che si avvale dell’intensa interpretazione di un Belmondo maturo e in grandissima forma.
labatteriaA Shot in the Dark ospiterà il XXVIII convegno nazionale di studi – Il giallo tra cinema, scrittura e fumetto promosso dalla FIC – Federazione Italiana Cineforum, che venerdì 22 e sabato 23 offrirà numerosi approfondimenti critici sul cinema e la letteratura di genere. Nove i relatori, rappresentanti della critica cinematografica (Emanuela Martini, Anton Giulio Mancino, Roberto Chiesi, Nuccio Lodato, Roberto Manassero) e del mondo accademico (Dick Tomasovic, Matteo Pollone, Giovanni Memola, Giuseppe Previtali) che con i loro interventi spazieranno dal noir alle spy stories, dal poliziesco italiano al giallo mediterraneo, da Arthur Conan Doyle a Georges Simenon, da Graham Greene a Raymond Chandler, da Jean-Claude Izzo a Giancarlo De Cataldo.
La prima edizione di A Shot in the Dark si concluderà domenica 24 settembre (Bergamo – Cascina Elav, ore 21.00) con il concerto de La Batteria, gruppo della scena musicale romana più trasversale, con esperienze che vanno dal post-rock progressivo al jazz sperimentale, dall’hip hop fino alla world music, uniti dal comune amore per le colonne sonore e le sonorizzazioni degli anni ’60 e ’70, per gli strumenti vintage e per i film gialli e polizieschi all’italiana. (foto: il cavaliere giallo, la batteria)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Bankitalia: nuovo record debito, sale a 2.299,968 miliardi

Posted by fidest press agency su martedì, 19 settembre 2017

Banca d'ItaliaNuovo record storico del debito pubblico italiano, che a luglio sale a 2.299,968 miliardi, battendo il precedente primato di giugno di 2.281,417 mld, che aveva battuto il record di maggio di 2.279,264 miliardi, che aveva battuto il record di aprile (2.270,977) e che a sua volta aveva battuto il record di marzo (2.260,551). “Un debito equivalente a 91 mila euro a famiglia. Se una famiglia avesse un debito così elevato avrebbe già la casa all’asta. La cosa più grave è che mentre lo scorso anno i dati erano altalenanti, si passava da record a discese, da aprile il debito si è impennato. Il lieve rialzo del Pil non può consentire di trascurare l’abbassamento del debito in valore assoluto, altrimenti il loro rapporto non si abbasserà mai” afferma Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori.
“Tutti continuano a mettere in guardia dal pericolo debito pubblico, che lascia esposta e vulnerabile l’Italia a possibile speculazioni dei mercati. Ma il Governo evidentemente non se ne cura” conclude Dona.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Percorsi di continuità assistenziale

Posted by fidest press agency su martedì, 19 settembre 2017

ospedale-bergamo-papaBergamo Martedì 19 settembre 2017, ore 8.30 – 13.00 Centro congressi Giovanni XXIII, viale Papa Giovanni XXIII 106, presentazione di uno studio sulle persone affette da malattie croniche in Lombardia sono 3,5 milioni, pari a circa il 30% della popolazione. Tra queste, 600mila sono in condizione di cronicità sociosanitaria. La presa in carico di tali situazioni è cruciale. Per questo, le Direzioni Sanitaria e Sociosanitaria di ATS Bergamo, ASST Papa Giovanni XXIII, Bergamo Est e Bergamo Ovest, organizzano la mattinata di studi «Percorsi di Continuità assistenziale. Territorio – Ospedale – Territorio: riflessioni su un dialogo tra modelli», in programma martedì 19 settembre dalle ore 8.30 alle 13.00 presso il Centro Congressi Giovanni XXIII in viale Papa Giovanni XXIII a Bergamo.
Obiettivo: condividere metodi e strumenti adottati da diversi sistemi regionali per garantire ai pazienti la continuità nelle cure, nel pieno rispetto della dignità delle persone, della centralità del ruolo della famiglia e dell’equità di accesso ai servizi socio sanitari. In particolare, saranno presentati, oltre al modello dell’ASST della provincia di Bergamo, i casi dell’Azienda USL Toscana Centro con Monica della Fonte e Cecilia Pollini e dell’Azienda per l’Assistenza Sanitaria n.2 Bassa Friulana Isontina con Mara Pellizzari.A commentare sfide e prospettive di tali modelli: Giorgio Barbaglio, Direttore Sanitario ATS Bergamo, Paola Obbia, Azienda Sanitaria Locale CN1 e Associazione Infermieri di Famiglia e di Comunità e Gavino Maciocco, Dipartimento di Sanità Pubblica dell’Università degli Studi di Firenze.«Le malattie croniche nella provincia di Bergamo incidono per più del 70% sulla spesa sanitaria globale Per questo abbiamo adottato un provvedimento quadro che prevede la segnalazione precoce dei pazienti fragili e l’attivazione di percorsi protetti per persone che necessitano di una presa in carico e di un accompagnamento, con l’istituzione di un servizio dedicato in ogni struttura. Ma non solo, abbiamo approfondito alcune attività connesse alla continuità assistenziale ospedale – territorio con l’intento di elaborare e condividere con tutti i soggetti accreditati e contrattualizzati un percorso di dimissioni protette e di presa in carico integrata. Attività che illustreremo nel corso della mattinata, riflettendo anche sulle pratiche attivate in altri territori, attraverso una logica partecipativa» – anticipa la dott.ssa Mara AZZI, Direttore Generale ATS Bergamo, che aprirà i lavori del convegno.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Rapporto ONU: di nuovo in aumento la fame nel mondo

Posted by fidest press agency su martedì, 19 settembre 2017

Onu palaceDopo una costante diminuzione da oltre un decennio, la fame nel mondo è di nuovo in aumento, colpendo nel 2016 circa 815 milioni di persone, vale a dire l’11% della popolazione mondiale, afferma la nuova edizione del rapporto annuale delle Nazioni Unite sulla sicurezza alimentare e la nutrizione nel mondo pubblicato oggi. Inoltre molteplici forme di malnutrizione minacciano la salute di milioni di persone in tutto il mondo. L’aumento – 38 milioni di persone in più rispetto all’anno scorso – è dovuto in gran parte alla proliferazione di conflitti violenti e agli shock legati al clima, secondo The State of Food Security and Nutrition in the World 2017 (Lo Stato della sicurezza alimentare e della nutrizione nel mondo).Circa 155 milioni di bambini di età inferiore ai cinque anni sono sotto sviluppati (troppo bassi per la loro età), mentre 52 milioni soffrono di deperimento cronico, che significa che il loro peso non è adeguato rispetto alla loro altezza. Circa 41 milioni di bambini sono invece in sovrappeso. Preoccupano inoltre, secondo il rapporto, l’anemia delle donne e l’obesità degli adulti. Queste tendenze sono una conseguenza non solo dei conflitti e del cambiamento climatico, ma anche dei grandi mutamenti nelle abitudini alimentari e dei rallentamenti economici.Il rapporto è la prima valutazione globale dell’ONU sulla sicurezza alimentare e sulla nutrizione rilasciata dopo l’adozione dell’Agenda per lo sviluppo sostenibile 2030, che mira a porre fine alla fame e a tutte le forme di malnutrizione entro il 2030 come priorità politica a livello internazionale.
Esso identifica i conflitti – sempre più aggravati dal cambiamento climatico – come uno dei fattori chiave dietro il riacutizzarsi della fame e di molte forme di malnutrizione.”Nel corso degli ultimi dieci anni i conflitti sono aumentati drasticamente e sono diventati più complessi e di difficile risoluzione”, hanno dichiarato nella loro prefazione comune al rapporto i responsabili delle agenzie ONU che lo hanno curato (l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Alimentazione e l’Agricoltura (FAO), il Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD), il Fondo delle Nazioni Unite per l’Infanzia (UNICEF), il Programma Alimentare Mondiale (WFP) e ’l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS). E hanno fatto notare come alcune delle più alte percentuali di bambini che soffrono la fame e la malnutrizione sono concentrate in zone di conflitto.”Questo è un campanello d’allarme che non possiamo permetterci di ignorare: non porremo fine alla fame e a tutte le forme di malnutrizione entro il 2030 se non affrontiamo tutti i fattori che minano la sicurezza alimentare e la nutrizione”, hanno affermato. “A tal fine assicurare società pacifiche e inclusive è una condizione necessaria”.Agli inizi del 2017, per diversi mesi, la carestia ha colpito alcune parti del Sud Sudan e c’è il rischio concreto che possa riapparire nel paese e in altre zone colpite da conflitti, soprattutto nel nordest della Nigeria, in Somalia e nello Yemen, hanno fatto notare.Anche regioni più pacifiche, ma colpite da siccità o da inondazioni legate in parte al fenomeno meteorologico di El Niño, così come dal rallentamento economico globale, hanno visto deteriorarsi la sicurezza alimentare e la nutrizione.

Posted in Spazio aperto/open space, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Advances in collective intelligence: crowds, big-data and community resilience”

Posted by fidest press agency su martedì, 19 settembre 2017

villa del grumello1Como. Dal 18 al 22 settembre a Villa del Grumello a Como si terrà “Advances in collective intelligence: crowds, big-data and community resilience”, diciassettesima Lake Como School of advanced studies, l’iniziativa promossa dalla Fondazione Alessandro Volta di Como che realizza attività di formazione post universitaria rivolte a giovani ricercatori. Gli ultimi anni hanno visto una crescente popolarità e maturità della ricerca sull’intelligenza collettiva, attivata dai progressi della tecnologia dell’informazione e scienza dei sistemi complessi.
L’intelligenza collettiva è definita come una intelligenza condivisa o di gruppo, emergente dalla collaborazione, dagli sforzi collettivi, e dalla concorrenza di molti agenti (umani o altro). La disciplina si sviluppa in una ricerca interdisciplinare, che coinvolge l’informatica, le scienze cognitive, le scienze politiche, l’economia, l’antropologia, la teoria dell’organizzazione, la giurisprudenza, la sociobiologia, e le scienze di rete. Inoltre, la ricerca e le applicazioni dei big data creano nuove opportunità per sviluppare la progettazione di nuove linee per la crescita dell’intelligenza collettiva verso molti sistemi complessi e organizzazioni. Lo scopo principale della Scuola è quello di mostrare ai partecipanti i temi e gli strumenti più rilevanti a supporto di nuovi scenari di ricerca e di applicazione includendo l’intelligenza collettiva, concentrandosi su due temi principali: fenomeni della folla (ad esempio, crowdsourcing, gestione della folla) e resilienza della comunità (l’abilità costante di una comunità di utilizzare le risorse disponibili per rispondere, resistere, e uscire da situazioni avverse).In occasione della scuola, inoltre, la Fondazione Alessandro Volta organizza l’incontro aperto al pubblico “Intelligenza Collettiva e complessità urbana: nuovi scenari e nuove opportunità” che si terrà mercoledì 20 settembre presso la Sala Stemmi di Palazzo Cernezzi a Como. Interverranno Stefania Bandini dell’Università degli Studi di Milano-Bicocca e Hiroko Kudo della Chuo University (Giappone).

Posted in Cronaca/News, scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La Regione Basilicata: una fabbrica di precariato

Posted by fidest press agency su martedì, 19 settembre 2017

basilicataMentre la Giunta Regionale “valuta”, ai sensi dell’art. 27 della Legge Regionale N. 18/2017 l’avvio delle procedure di stabilizzazione ai sensi dell’art. 20 del D.Lgs. 75/2017, i “precari fortunati” vengono ricollocati all’interno della società esterna Consedin, recente affidataria della gara sull’esternalizzazione dei servizi di assistenza tecnica dei fondi UE della Regione Basilicata.
Sconcerta il cinismo e l’approssimazione con cui si barattano le nuove postazioni all’interno della società, propagandando questo nuovo lavoro come propedeutico alla stabilizzazione futura. Purtroppo i sindacati concertativi hanno abdicato al loro ruolo, allineandosi alla volontà istituzionale e rinunciando di fatto alla battaglia contro il precariato.I lavoratori precari dell’assistenza tecnica dei fondi UE della Regione Basilicata passeranno, dopo quasi 15 anni di lavoro alle dirette dipendenze dell’Ente Regione, a una società che li contrattualizzerà per il tempo necessario all’espletamento della gara, per liquidarli immediatamente dopo questo periodo.
La Regione Basilicata ha così ottenuto il primato di aver attuato la più grande “precarizzazione” del lavoro degli ultimi 20 anni, mentre la Regione Puglia stabilizzerà 600 precari, e mentre l’Emilia Romagna e l’Umbria si accingono ad assumere i lavoratori precari, senza attendere fantomatiche linee guida del Ministero della Funzione Pubblica, per il passaggio dalle piante organiche al Piano Triennale dei Fabbisogni.In Basilicata invece si preferiscono avvisi pubblici per “titoli e affiliazioni” e scorrimenti lampo di graduatorie di altri enti o di concorsi (come quello per dirigenti al Consiglio Regionale…) per saturare, in modo poco trasparente e del tutto improvvisato e discrezionale, le aree ritenute deficitarie.USB non molla e andrà avanti. Abbiamo già adito le vie legali e continueremo su questa strada “denunciando” alla Corte di Giustizia Europea le illegittimità sul lavoro precario in Regione Basilicata, come già fatto per quanto concerne il personale della ricerca, e stigmatizzando una gara d’appalto sull’esternalizzazione dei servizi di assistenza tecnica, che costa più del doppio dei concorsi pubblici, con inquadramenti a tempo determinato in categoria D, o della semplice prosecuzione in proroga delle attuali collaborazioni, ai sensi del comma 8 dell’art. 20 del D.Lgs 75/2017.

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Casi di tumore in Italia

Posted by fidest press agency su martedì, 19 settembre 2017

tumore metastaticoSono 369mila i nuovi casi di tumore in Italia stimati nel 2017 (192.000 fra i maschi e 177.000 fra le femmine), nel 2016 erano 365.800. È un vero e proprio boom di diagnosi di cancro del polmone fra le donne: 13.600 nel 2017 (+49% in 10 anni), dovuto alla forte diffusione del fumo fra le italiane. Crescono in entrambi i sessi anche quelli del pancreas, della tiroide e il melanoma; in calo, invece, le neoplasie allo stomaco e al colon-retto, grazie anche alla maggiore estensione dei programmi di screening. E oggi oltre 3 milioni e trecentomila cittadini (3.304.648) vivono dopo la diagnosi, addirittura il 24% in più rispetto al 2010. Poi, una conferma: il cancro colpisce più al Nord della Penisola, ma al Sud si sopravvive di meno.
È questo il censimento ufficiale, giunto alla settima edizione, che fotografa l’universo cancro in tempo reale grazie al lavoro dell’Associazione Italiana di Oncologia Medica (AIOM), dell’Associazione Italiana Registri Tumori (AIRTUM) e della Fondazione AIOM, raccolto nel volume “I numeri del cancro in Italia 2017” presentato oggi all’Auditorium del Ministero della Salute in un convegno nazionale. “L’incidenza è in netto calo negli uomini (-1.8% per anno nel periodo 2003-2017), legata principalmente alla riduzione dei tumori del polmone e della prostata, ed è stabile nelle donne, ma si deve fare di più per ridurre l’impatto di questa malattia, perché oltre il 40% dei casi è evitabile – afferma il prof. Carmine Pinto, presidente nazionale AIOM -. Ormai è scientificamente provato che il cancro è la patologia cronica che risente più fortemente delle misure di prevenzione. Migliaia di studi condotti in 50 anni hanno dimostrato con certezza il nesso di causalità fra fattori di rischio quali gli stili di vita sbagliati (fumo di sigaretta, sedentarietà e dieta scorretta), agenti infettivi, a cui può essere ricondotto l’8,5% del totale dei casi (31.365 nel 2017), esposizioni ambientali e il cancro. Oggi abbiamo a disposizione armi efficaci per combatterlo, come l’immunoterapia e le terapie target che si aggiungono alla chemioterapia, chirurgia e radioterapia. Tutto questo, unito alle campagne di prevenzione promosse con forza anche da AIOM, si traduce nel costante incremento dei cittadini vivi dopo la diagnosi. Lo scorso anno si temeva che il nostro sistema sanitario non riuscisse a reggere le conseguenze economiche dovute all’arrivo dei nuovi trattamenti. Siamo riusciti ad evitare questo rischio grazie al Fondo di 500 milioni di euro destinato ai farmaci oncologici innovativi che ci ha permesso di garantire a tutti i pazienti le migliori cure disponibili. Per questo rilanciamo anche per il 2018 la richiesta di proroga del Fondo con risorse dedicate”. “La conoscenza dei dati presentati in questo volume – spiega il Ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, nella prefazione – potrà rendere più facile e incisiva l’azione di miglioramento del livello delle prestazioni e dei servizi, in particolare per lo sviluppo dei percorsi e delle reti oncologiche, garanzia di uguale accesso, tempestività, qualità e appropriatezza sia negli iter diagnostici che nelle cure per tutti i cittadini in tutte le Regioni. Ricerca clinica e traslazionale, umanizzazione, rapporto medico-paziente, informazione e prevenzione sono alcune tra le parole chiave da conoscere ed implementare per chi ha compiti di responsabilità nei confronti dei cittadini ammalati di tumore”. Nel 2014 (ultimo dato ISTAT disponibile) sono stati 177.301 i decessi attribuibili al cancro. Le neoplasie rappresentano la seconda causa di morte (29% di tutti i decessi) dopo le patologie cardio-circolatorie (37%). Il tumore che ha fatto registrare nel 2014 il maggior numero di decessi è quello al polmone (33.386), seguito da colon-retto (18.671), mammella (12.330 decessi), pancreas (11.186) e stomaco (9.557). “La mortalità, – sottolinea la dott.ssa Stefania Gori, presidente eletto AIOM -, continua a diminuire in maniera significativa in entrambi i sessi come risultato di più fattori, quali la prevenzione primaria (in particolare la lotta al tabagismo), la diffusione degli screening su base nazionale e il miglioramento diffuso delle terapie in termini di efficacia e di qualità di vita in un ambito sempre più multidisciplinare e integrato. Più pazienti hanno lunghe sopravvivenze e più persone guariscono dal cancro: e questo è un importante risultato di sanità pubblica”. Complessivamente, la sopravvivenza a 5 anni nelle donne raggiunge il 63%, migliore rispetto a quella degli uomini (54%), in gran parte determinata dal tumore del seno, la neoplasia più frequente fra le italiane, caratterizzata da una buona prognosi. I cittadini che si sono ammalati nel 2005-2009 hanno una sopravvivenza migliore rispetto a chi è stato colpito dalla malattia nel quinquennio precedente sia negli uomini (54% vs 51%) che nelle donne (63% vs 60%). Le percentuali più alte a 5 anni si registrano in Emilia-Romagna e Toscana sia negli uomini (56%) che nelle donne (65% donne). “Un bilancio nel suo complesso fortemente positivo – continua il prof. Pinto – perché, anche con minori risorse economiche disponibili in percentuale del PIL rispetto ai Paesi dell’Europa occidentale, la sanità pubblica italiana raggiunge questi importanti risultati. La bestia nera in termini di mortalità in entrambi i sessi riguarda ancora il tumore del pancreas (solo 8% i pazienti vivi a 5 anni dalla diagnosi)”. Le 5 neoplasie più frequenti nel 2017 nella popolazione sono quelle del colon-retto (53.000 nuovi casi), seno (51.000, in crescita solo nelle fasce di età dove si è avuto un ampliamento dello screening, cioè fra i 45-49 anni e nelle over 70), polmone (41.800), prostata (34.800) e vescica (27.000). E si conferma, anche dal Rapporto 2017, un’Italia a due velocità. “Emerge una forte difformità tra il numero di nuovi casi registrati al Nord rispetto al Centro e Sud sia negli uomini che nelle donne – spiega la prof.ssa Lucia Mangone, presidente AIRTUM -. In particolare, al Nord ci si ammala di più rispetto al Sud. Il tasso d’incidenza tra gli uomini è più basso dell’8% al Centro e del 17% al Sud/Isole rispetto al Nord e per le donne del 5% e del 18%. Alla base di queste differenze vi sono fattori protettivi che ancora persistono al Sud, ma anche una minore esposizione a fattori cancerogeni (abitudine al fumo, inquinamento ambientale ecc). Per contro, al Sud si sopravvive di meno: nelle regioni meridionali, dove gli screening oncologici sono ancora poco diffusi, non si è osservata la riduzione della mortalità e dell’incidenza dei tumori della mammella, colon-retto e cervice uterina”. “Nel mondo il ruolo delle infezioni croniche è considerato responsabile del 16% di tutte le neoplasie – afferma la dott.ssa Gori -. Per l’Europa questa stima è pari al 7%, simile a quanto evidenziato per l’Italia (8,5%). Nel nostro Paese è stato calcolato che, tra i tumori dovuti a agenti infettivi, l’Helicobacter pylori è causa del 42%, il virus dell’epatite B e C del 35%, il virus del papilloma umano (HPV) del 20%. Nel complesso quasi 4.400 casi ogni anno sono riconducibili all’HPV, ma oggi è disponibile un’arma fondamentale per combatterlo, la vaccinazione. In Italia è offerta gratuitamente e attivamente alle dodicenni in ogni Regione dal 2007-2008. Inoltre, tra le vaccinazioni previste nei nuovi Livelli Essenziali di Assistenza e nel Piano nazionale Vaccini 2017-2019 ora vi è anche quella contro l’HPV nei maschi undicenni”.
“I cittadini devono essere sensibilizzati sull’importanza di aderire alle campagne di prevenzione – conclude il dott. Fabrizio Nicolis, presidente Fondazione AIOM -. Lo dimostrano i risultati ottenuti grazie all’estensione del programma di screening colorettale, quello più recentemente implementato in Italia. A livello nazionale fino al 2005 le esperienze di screening colorettale erano sporadiche, ma in seguito hanno avuto ampia diffusione. L’incremento è stato notevole, passando da una copertura di poco più del 10% nel 2005 a quasi il 75% nel 2015. L’efficacia di questi programmi è tanto maggiore quanto più elevata è l’adesione all’invito. Il dato del 2015 non è, però, del tutto soddisfacente: complessivamente solo il 43% degli invitati ha aderito, con notevoli differenze fra Nord (53%), Centro (36%) e Sud (25%). Serve ancora molto impegno su questo fronte”.

Posted in Lettere al direttore/Letters to the publisher, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »