Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 29 n° 341

Realizzazione dello stadio della Roma

Posted by fidest press agency su martedì, 19 settembre 2017

stadio-roma«La nuova conferenza dei servizi per la realizzazione dello stadio della Roma nell’area di Tor di Valle partirà senza che le modifiche al progetto iniziale abbiano in alcun modo attenuato le criticità riguardanti viabilità e trasporti. Tralasciando tutte le perplessità relative alle cubature e alla pubblica utilità dell’operazione, non si capisce su che basi questa volta si possa arrivare a un responso positivo da parte di tutte le istituzioni coinvolte».
Lo dichiara l’ing. Sandro Simoncini, docente a contratto di Urbanistica e Legislazione Ambientale presso l’università Sapienza di Roma e presidente di Sogeea SpA.«Gli scenari che ipotizzano l’afflusso e il deflusso di 20.000 persone ogni ora con la Roma-Lido, incubo quotidiano di decine di migliaia di utenti, sono quantomeno improbabili: considerata una capienza di circa 1.200 passeggeri a convoglio, significherebbe garantire almeno 16-17 treni e abbassare a poco più di tre minuti e mezzo le frequenze di passaggio. Attualmente, al netto di disservizi e guasti tecnici che sono la regola più che l’eccezione, anche nelle ore di punta le frequenze non scendono mai al di sotto dei dieci minuti: con le risorse che sono state abbozzate, è davvero difficile credere che una delle peggiori ferrovie d’Italia si possa trasformare in un gioiello della mobilità.Discorso simile – prosegue Simoncini – per quella parte di progetto in cui si paventa l’utilizzo da parte dei tifosi della linea Orte-Fiumicino o, in una seconda fase di sviluppo dell’area dello stadio, addirittura degli attracchi fluviali sul Tevere. La realtà è che, per la zona che è stata scelta e per come sono stati concepiti gli interventi su di essa, la stragrande maggioranza degli spettatori arriverà allo stadio con il mezzo privato lungo l’unico asse percorribile, quello via Ostiense-via del Mare. E non sarà certo l’unificazione delle due strade fino a viale Marconi a scongiurare il rischio che ne possa fare le spese la già precaria viabilità dell’intero quadrante».

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: