Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 259

Archive for 26 settembre 2017

Virtual Forge Adds Branch Offices in Dubai and Singapore

Posted by fidest press agency su martedì, 26 settembre 2017

dubai-franchise-expo-uaeDubai. Virtual Forge, leading provider of security solutions for SAP systems, is expanding its international presence with a branch office in Dubai and an office in Singapore. In the United Arab Emirates, Virtual Forge is working closely with local CAFM specialists IMSWARE (http://www.imsware.com). In the Asia-Pacific region, a Virtual Forge hub is being established in Singapore. Solutions from Virtual Forge have already been seeing success on the Arabian peninsula for some time. Virtual Forge has taken a first step closer to customers by entering into a close, local partnership with IMSWARE in Dubai. The two companies have joined together to support SAP customers directly under the brand “Virtual Forge Middle East”. “In addition to having a local presence, carrying out operations in the Middle East will now be much easier,” explained Andreas Fritz, Director of Strategic Management. “Training, implementations and consulting projects will be significantly more flexible and less complex.”Likewise, a growing number of companies in the Asia-Pacific region have come to trust Virtual Forge’s experience as their trusted advisor for SAP security, compliance and quality. To provide the best possible support for customers, singapore-marinapartners and interested parties in the APAC region, a new Virtual Forge hub with an office in Singapore is being established. Virtual Forge APAC will provide comprehensive support from local experts on the markets in Australia, New Zealand, Singapore, Hong Kong and China.ERP expert Leo Ip has been brought in to lead the new office. “I am excited to work for the market leader in SAP security. The timing for boosting the market presence in APAC could not be better and I am confident that we will quickly see success,” said Mr. Ip.According to Jochen Fischer, Head of International Sales at Virtual Forge, “the advantage of the branch office in Singapore is that we can carry out risk analyses, penetration tests and audits rapidly and efficiently at a local level for customers. Consequently, we will be able to immediately react to risks concerning SAP and ensure long-term security and compliance.” Virtual Forge has been active in both regions for years from within Germany and has already won prestigious customers. “We intend to build on this success by attracting new customers and projects,” stated Virtual Forge CEO Dr. Markus Schumacher.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Australia – The National Broadband Network – Moving into 2018 – Research and Markets

Posted by fidest press agency su martedì, 26 settembre 2017

australiaMelbourne. The Australian telecommunications market will change dramatically over the next ten years. Accelerated by government policies in relation to broadband infrastructure and the National Digital Economy Strategy these changes will drive the transformation of the telecom industry as well as a range of economic sectors dependent on telecom infrastructure. These developments will be further accelerated by a range of dependent sectors such as cloud computing, M2M and big data. The over-the-top (OTT) players are also becoming more and more prominent in the telecoms industry and this will start blurring some of the borders between infrastructure, IT and applications.In its original plan under the previous government, the nbn, the company overseeing Australia’s National Broadband Network (NBN) project, would connect 93% of homes, schools and workplaces to an optical fibre network (fibre-to-the-premises – FTTP), providing high-speed broadband services to Australians in urban and regional towns. The remaining 7% of premises would be connected to an LTE-based fixed wireless network, and for those outside these footprints to a satellite network.With the arrival of a new government, the new plan was estimated to cost $41 billion (which has since been increased to approximately $50 billion). It is a move away from a pure FTTP plan to a multi-technology-mix approach deploying FTTP, Fibre-to-the-Node (FTTN), Fibre-to-the-Basement (FTTB) and cable (HFC) in addition to fixed wireless and satellite.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

The Republic of Sierra Leone Transitioning As Africa’s First Ever “Smart Country”

Posted by fidest press agency su martedì, 26 settembre 2017

sierra leoneSierra Leone President Dr. Ernest Bai Koroma and RippleNami Inc., a blockchain systems solution provider, announce a nationwide digitization program that will forever change Sierra Leone’s global digital standing. By leapfrogging legacy information communication technology (ICT) systems with RippleNami’s proprietary technology platform, Sierra Leone is poised to penetrate global markets, obtain economic independence, and elevate the prosperity of its people. In collaboration with the government of Sierra Leone and Data Edge Revenue, a Freetown systems integration company, RippleNami developed the application software that connects people, organizations and resources to services that create social, civic and economic opportunities far beyond any prior capabilities.This collaboration’s first phase is a nationwide economic identification service. This program provides the digital credentials and collections systems to increase financial inclusion and to improve access to public and government-provided services. The implementation is underway and will roll out fourth-quarter 2017.In addressing the UN General Assembly today, Sierra Leone’s Minister of Foreign Affairs, Dr. Samura Kamara, speaking on behalf of President Koroma, said, “Today we announce a quantum leap towards digitizing a national program, empowering Sierra Leone to obtain economic independence and aggressively compete in global markets while elevating the prosperity of its people. For the first time in our nation’s proud history, Sierra Leone, in partnership with RippleNami, will deploy the blockchain-data visualization system solution that enables Sierra Leone to generate, own, collect, analyze and transact data on a nationwide scale – making Sierra Leone Africa’s first “Smart Country.” “For the first time ever, the people and organizations of Sierra Leone can leverage their individual and collective assets to fully participate in and benefit from the global economy,” said Phil Gahn, founder and chief business development officer of RippleNami. “The visionary leadership of President Koroma and the commitment of the people of Sierra Leone serve as a beacon for other West Africa nations to obtain and sustain a brighter future through digitization. Our partnership with Data Edge Revenue, and our experience delivering services on our platform in Sierra Leone, stand to benefit the entire region in unforeseen ways.” Advancements in blockchain and cloud computing, as well as the country’s broad adoption of mobile lifestyles, enable Sierra Leone to leapfrog legacy ICT systems and make essential services affordable and quickly accessible at scale. “We operate with a clear understanding that data is the new currency in today’s economy,” said Jaye Connolly-LaBelle, president and chief executive officer of RippleNami. “This program cost-effectively positions countries like Sierra Leone to deploy data-driven services that dramatically improve the lives of their citizens and is easily replicable in neighboring countries.”
The visualization capabilities of RippleNami’s platform play a central role in resource management and other planning disciplines undertaken by the government and citizens of Sierra Leone. These proprietary capabilities integrate blockchain transactions with other big data sources to help users detect patterns, identify trends and analyze gaps in ways that lead to better decisions in shorter timeframes.The program also involves a unique service deployment model leading to faster large-scale adoption of the platform enabled services. Sierra Leone government ministries, municipal councils and private businesses in collaboration with RippleNami and Data Edge Revenue are honored to launch and promote these services throughout the country.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Evoqua’s ADI Systems Recognized with New Brunswick Bioscience Award

Posted by fidest press agency su martedì, 26 settembre 2017

bioscienceEvoqua Water Technologies today announced its newest business – ADI Systems – was recognized by BioNB, New Brunswick’s bioscience agency, with the New Brunswick Bioscience Achievement Award at the annual industry event, Innovation at the Market. Over 150 members of the business and research community gathered for the presentation of the award and the celebration of the substantial growth experienced by the province’s bioscience sector in recent years.ADI Systems provides wastewater treatment and waste-to-energy technologies for industrial processors around the world. This includes many household names such as The Kraft Heinz Company and The Kellogg Company. ADI Systems has also completed successful wastewater treatment projects locally—including a system at Old Dutch Snack Foods in Hartland—and the company is currently working on a large-scale project at Lake Utopia Paper, a J.D. Irving Company.ADI Systems was founded in New Brunswick nearly 30 years ago and has successfully expanded over the years to build a global presence. In the process, they have created many employment opportunities for New Brunswick residents, helping grow the local economy.The New Brunswick Bioscience Achievement Award is given out every year and recognizes one individual, company or research team who, above all others, has made outstanding contributions to the growth and promotion of the sector and has helped to put New Brunswick on a national or global map. Among the long list of previous winners are Sylvar Technologies, LaForge Bioenvironmental and LuminUltra Technologies. This year’s award was presented at Innovation at the Market, the bioscience community’s flagship networking event and celebration of Global Biotechnology Week (September 20- 27).ADI Systems was chosen from among four strong nominees this year: Dr. Chris Baker of IPSNP Computing; SomaDetect, a start-up and finalist in NBIF’s Breakthru Competition, and Dr. Murray McLaughlin of Bioindustrial Innovation Canada.McInnes Cooper, a leading Atlantic Canadian and national law firm, sponsored the Bioscience Achievement Award, which was presented to ADI Systems by Jaime Connolly, partner in the Fredericton office.BioNB hosted Innovation at the Market with the support of the following sponsors: LuminUltra Technologies, Grant Thornton, McInnes Cooper, CIBC Wood Gundy – Mais Reynolds Financial Group, the Research and Productivity Council, LearnSphere and the New Brunswick Innovation Foundation.ADI Systems, who joined Evoqua in July 2017, is a world leader in industrial wastewater treatment and waste-to-energy solutions. The company’s proven anaerobic and aerobic technologies reliably treat wastewater to help industrial processors comply with environmental regulations and reduce/eliminate surcharges. ADI Systems also offers technology to capture, treat, and utilize biogas as a source of renewable energy. With more than 35 years of experience, ADI Systems’ experts customize the most efficient treatment process for each plant’s needs, providing a turnkey, design/build solution for customers worldwide. For more information, visit: http://www.evoqua.com/adi.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Pino Daniele night al Dorian

Posted by fidest press agency su martedì, 26 settembre 2017

Pino DanielePalermo sabato 30 settembre nella nuova sede del Dorian – il locale, ma anche il brand, simbolo di musica a Palermo e provincia, sotto la guida artistica di Alessio Ciriminna – all’ex Baglio Tasmira, in via Rosario Gerbasi 6, di fronte al molo Santa Lucia del porto di Palermo.
La serata inizierà alle 20. I clienti del locale potranno gustare la grigliata di carne e verdure, pizza rustica, focacce e insalata
Alle 22 parte il concerto degli Schizzechea. Filippo Cottone, Fonzi Dell’Utri, Mimmo Aiello, Vincenzo Cosenza e Vincenzo Noto porteranno quello che loro stessi hanno ribattezzato “Pino Daniele style”. Tra i brani in scaletta: Je so pazzo”, “Quanno chiove”, “Yes I know my way”, “Se mi vuoi” e “A me me piace o blues”. (foto: pino daniele)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Prima personale di Laura Giardino

Posted by fidest press agency su martedì, 26 settembre 2017

Laura GiardinoNapoli sabato 14 ottobre, ore 17.30 (15 ottobre – 7 novembre 2017 Orari: da lunedì a domenica h. 9.30-18.30. Chiuso il martedì. Ingresso libero) PAN Palazzo delle Arti di Napoli prima personale di Laura Giardino. Out of Field” espone sedici tele inedite, tutte realizzate nel 2017 appositamente per questa occasione, in cui il linguaggio della pittura si mescola a quello della fotografia e del cinema. Curata da Marina Guida la mostra accoglie i visitatori in un’atmosfera perturbante: colori acidi e antinaturalistici, prospettive incongrue, figure umane mai del tutto svelate o ritratte solo in lontananza, luoghi urbani o domestici, quotidiani, desolati suggeriscono che ad essere centrale nel lavoro della Giardino è ciò che è out of field – fuori campo – al di là della nostra capacità percettiva.
Il progetto, promosso dall’Assessorato alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli, è realizzato in collaborazione con la galleria AREA\B di Milano.
Con occhio registico, l’artista inquadra porzioni di mondo e le restituisce in un’atmosfera noir non priva d’ironia. I suoi personaggi non sono mai al centro dell’immagine, sono piuttosto spinti ai margini o raccontati attraverso qualche dettaglio inatteso. Nell’opera FLOOD08, per esempio, un paio di gambe femminili adagiate su un materassino da mare sbucano da una camera: ma non è il pavimento quello su cui il materassino si poggia, bensì una distesa d’acqua che ha inondato l’appartamento di cui ormai sono riconoscibili solo pochi elementi.
La sintesi grafica che caratterizza lo stile dell’artista milanese non stempera la sensazione di straniamento che lo spettatore prova davanti alle tele, anzi, la amplifica. Ciò che è familiare si rivela all’improvviso estraneo e quindi inquietante: in INT01 una mano che si intravede nell’angolo dell’immagine, casualmente appoggiata a un corrimano, genera suspense e inquietudine come in un thriller hitchcockiano, in cui il pericolo non appare manifesto. Queste “cartoline” di vita quotidiana diventano visioni oniriche in cui tutto può succedere o tutto è già accaduto e sfuggito ai nostri sensi.
Laura Giardino1È una pittura sofisticata quella di Laura Giardino, sottilmente intimista, che punge e non rassicura, come ben descrive Marina Guida nel catalogo che accompagna la mostra: “Nell’osservare le opere di Laura Giardino, la prima parola che affiora alla mente di un attento osservatore è quella che scelse Sigmund Freud per il suo famoso saggio del 1919 “Das Unheimliche”, il perturbante. L’ambiguità semantica di questo aggettivo sostantivato, composto da due termini dal significato opposto – “heim” casa, ciò che è conosciuto, accogliente, rassicurante, e “heimlich” nascosto, sconosciuto, estraneo – ben si adatta all’ambivalenza delle sensazioni che suscitano le tele di Laura Giardino”.
L’artista non dipinge una storia, ma la evoca attraverso l’emozione, l’indicibile, l’atmosfera del luogo. Ad essere centrale non è la scena principale, il racconto di un accadimento, lo svolgimento di un atto, ma lo spazio in potenza. Gli appunti visivi che la nostra memoria cataloga come secondari diventano protagonisti delle opere grazie ad un decentramento prospettico, consentendo una riflessione sul concetto di percezione del reale. Catalogo edito da E20 Progetti, con testo critico di Marina Guida.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

CREDI indicates a positive view of the credit market among property companies

Posted by fidest press agency su martedì, 26 settembre 2017

Stockholm. “In this year’s third CREDI survey, we see an improvement in the CREDI Main Index, from 41.8 to 49.8. This is the highest index value in two years, and marks the second largest improvement in the history of CREDI. Listed property companies have a very positive view of the development of the crstoccolma1edit market, due to factors such as improved access to bank loans and reduced credit margins. In addition, property companies and banks agree that credit duration has increased,” says Martin Malhotra, Project Manager at Catella.“Historically, the responses of property companies’ in the CREDI survey have tracked the development of the overall stock market. The relatively strong development on the stock market over the last year indicates a continued improvement in the credit sentiment over the coming quarters. Furthermore, the positive view of the credit market in the latest CREDI survey indicates a stabilisation in bank lending to the property sector,” says Arvid Lindqvist, Head of Research at Catella.“While access to bank loans has improved and corporate bonds remain popular, preference shares are becoming increasingly less relevant for property companies. After more than a year with no new issues on the Nasdaq OMX Nordic Main Market, property companies are now looking to redeem their outstanding preference shares. During the summer, Sagax redeemed more than 70 per cent of its preference shares, which reduced the total volume by 8.2 per cent. In addition, Balder intends to redeem all of its 10 million outstanding preference shares, which would reduce the total volume by an additional 24 per cent,” Martin Malhotra concludes.
The twentieth edition of the Catella Real Estate Debt Indicator (CREDI) is attached and can also be downloaded from catella.com/credi. CREDI consists of two parts: one is an index based on a survey of listed property companies and active banks, and the other a set of indices based on publicly available data. Read more about the methodology at catella.com/credi. This edition also includes an analysis of preference shares and an overview of the property market.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Pessimism and optimism on Germany after its election

Posted by fidest press agency su martedì, 26 settembre 2017

german electionThe far-right Alternative for Germany, a party with real neo-Nazis in it, is on track for 93 seats. It might even come first in the state of Saxony, where its lead candidate is a man who rails against “mixed peoples” and Germany’s “cult of guilt” about the Holocaust. In the Bundestag the party will enjoy resources and prominence: hundreds of staff members, allocated speaking time under the glass dome of the Reichstag building and seats on prime-time political talk shows from where it can spread its messages and thus advance further. It is only a matter of time until it joins a coalition at state level. The shouty “Elephant Round” (a post-election TV discussion between the party leaders, pictured above with the Free Democrats’ Christian Lindner and Angela Merkel) was the overture to a new period of political discord in a once-harmonious country.Meanwhile the two main parties that have underpinned Germany’s reputation for centrist sensibleness—the Christian Democrats (CDU/CSU) and Social Democrats (SPD)—are on their lowest combined vote share since the war. The SPD having ruled out a new “grand coalition” with her, a weakened Angela Merkel must now form a highly wobbly and possibly dysfunctional “Jamaica” coalition with the right-liberal FDP and the environmentalist Greens, who have spent much of the past few weeks at each other’s throats.
The Christian Social Union, the CDU’s Bavarian sister party, seems to have ended its pre-election ceasefire and is now grumpier than ever, having lost about a quarter of its support ahead of a crucial state election in Bavaria next year. It is demanding that Mrs Merkel secure her right flank. Meanwhile with the somewhat Eurosceptic FDP in the finance ministry, optimistic talk of a new Franco-German axis can go out the window.
Germany is launched into a period of new political instability and just at the point when other problems are starting to grow. The mighty car industry is in crisis. The baby boomer bulge is about to retire. The infrastructure is deteriorating. Demands on Germany to do more for international security are growing. The work of integrating the over 1m people who arrived since Mrs Merkel conspicuously kept the country’s doors open two years ago is still young. Dark clouds are gathering over the country.
Germany has generously taken in over 1m people in two years. There was bound to be a reaction, not least given the way Mrs Merkel handled the decision: taking it at the last minute, without much consultation and without “rolling the pitch” of public opinion first. Meanwhile she made basic, corrigible mistakes during her election campaign. This was intellectually lazy, offering platitudes (for a Germany in which we live well and gladly) rather than engaging in difficult debates. She underestimated voters’ discernment and paid a fair price, nonetheless doing just fractionally worse than in her first two successful bids for the chancellory, in 2005 and 2009.In any case, the AfD’s performance—high at 13% but short of private pre-election predictions of 15% or more—was part of a broader story: the rise of smaller parties tapping into voter restlessness after 12 years of Mrs Merkel, during eight of which she has helmed flabby grand-coalitions with the SPD. In many respects this fragmentation is a fair response to a tired and platitudinous political establishment summed up by the dismal TV debate between Mrs Merkel and Martin Schulz, her SPD rival—which compared unfavourably with a more substantive debate at the small parties’ encounter two days later.
german election1The result could even reinvigorate German democracy. The SPD is returning to opposition, where Mr Schulz’s natural pugilism will come into its own and, together with the modernising energies of figures like Manuela Schwesig, could enable the party to go into the post-Merkel election in 2021 revived and newly competitive. In the meantime it may well outshine the chaotic and infighting-ridden AfD, which will be forced by the rigours of the legislature to alienate parts of its sprawling and disjointed electoral coalition (“the relationship between the AfD and its voters is weak”, notes Cas Mudde, an authority on populism). New powers and resources might give the AfD’s high command more things to fight about. And there is such a thing as bad publicity.Meanwhile the Jamaica coalition Mrs Merkel must now build could constructively shake up Germany’s sleepy consensus: the Greens pushing drastic and welcome progress towards electric cars and renewable energy and the FDP driving advances on long-neglected subjects like red-tape reduction and digitalisation. Many of the differences between the Greens and FDP were exaggerated for the election (the leading figures of the two parties, Cem Özdemir and Christian Lindner, address each other with “du”, or the informal pronoun; they get on, in other words). And anyway, a bit of conflict in the next government may do the country more good than harm, blowing away the cobwebs.The truth, of course, lies somewhere between pessimism and optimism. But to which is it closer? That will take some digestion. But my instinct is that the “Germany for optimists” is the more accurate. The election result is unsettling on several fronts, deeply so where the AfD is concerned. But much of Germany’s pre-election tranquility was illusory anyway. The anger had been building for years; the AfD’s success has just brought it to the surface, where perhaps it can even be understood and addressed. Questions that were going unanswered, tensions that were going unconfronted, now brook no oversight. (by The Economist corrispondent) graphic: german election)

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Francisco Suarez e le fondamenta dell’autorità politica

Posted by fidest press agency su martedì, 26 settembre 2017

Francisco SuarezRoma 23-24 ottobre 2017 Aula Magna della Pontificia Università Gregoriana. Gesuita, filosofo e giurista spagnolo, Suarez dedicò ampio spazio alla riflessione sul bene comune, il diritto naturale e il diritto dei popoli, il rapporto tra natura e libertà, la metafisica della democrazia, il sistema delle leggi. «La sua analisi rilevava anche un sorprendente interesse per la psicologia, oltre che per le dimensioni sensitive e vegetative della persona umana» ha ricordato di recente il Card. Gianfranco Ravasi. «Ebbe un influsso impressionante per secoli. Il suo De legibus fu un referente classico per il diritto canonico fino al concilio Vaticano II».A 400 anni dalla sua morte, gli studiosi tornano alla sua riflessione sotto la spinta del nostro presente, connotato da una seria mancanza di chiarezza su punti cruciali quali la tolleranza, l’identità nazionale e la reciprocità. Al saluto del Rettore, P. Nuno da Silva Gonçalves SJ, seguiranno le relazioni di Thomas Pink (King’s College London), Jean François Courtine (Université Paris-Sorbonne), João J. Vila-Chã ,SJ (Pontificia Università Gregoriana), Costantino Esposito (Università degli studi di Bari “Aldo Moro”), Erik Åkerlund (The Newman Institute, Uppsala) e Franco Todescan (Università di Padova).
Il programma completo: https://goo.gl/2WyXgP L’ingresso è libero. È previsto il servizio di traduzione simultanea italiano e inglese. (foto: Francisco Suarez)

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

I numeri che contano

Posted by fidest press agency su martedì, 26 settembre 2017

fisco2005aAbbiamo un’economia sommersa che vale 270 miliardi, un’evasione di 180 miliardi e una corruzione pubblica che ammonta a settanta miliardi. E’ questa la vera faccia del paese. L’onestà non premia. Il contribuente non è difeso. Si sfruttano le doti meno nobili dell’animo umano incoraggiando l’evasione, favorendo il sommerso, offrendo il voto di scambio e lasciando che gli strumenti a tutela dei cittadini vadano alla malora con milioni di processi in civile e in penale che prima di avere una sentenza definitiva richiedono tra gli otto e i 12 anni, che chi si ammala e vuole essere curato deve sborsare di tasca propria, chi vuole cibarsi di cibi qualitativamente validi deve pagare di più innescando quella spirale perversa che condanna tutti coloro che sono detentori di redditi medio-bassi ad usufruire di servizi e alimenti scadenti fonte di malattie inevitabili sia pure differite nel tempo. Quale sarebbe stato il gesto di “coraggio” di un governo, e lasciamo stare l’eufemismo del governo tecnico che fa ridere i polli, se non quello di adottare una politica fiscale aperta al rimborso delle spese di mantenimento come accade in Germania e nel paesi anglosassoni? Così se a casa arriva l’idraulico o si va dal medico specialista e si è posti di fronte all’alternativa di pagare duecento euro senza ricevuta o 250 se non 300 con la ricevuta, la convenienza e la mancanza di un adeguato scomputo della spesa nella dichiara-zione dei redditi, ci convince la soluzione economiamente più vantaggiosa. I politici lo sanno ma preferiscono fare come le scimmiette: non vedere, non sentire, non parlare perché le corporazioni sono quelle che dettano le fortune o le sfortune dei partiti nei confronti elettorali, mentre gli altri, pur essendo la maggioranza assoluta del paese, sono stati ammansiti dai tanti specchietti per allodole che si chiamano disinformazione, clientelismo, complessi d’inferiorità e diavolerie del genere.
E il meccanismo è così ben oliato che se non si va alla radice del problema la sua soluzione diventa impossibile. Ecco perché si continuerà a evadere di là delle facciate della prima ora con i casi scoperti che a ben vedere sono la minima parte di una componente di ben altra natura.
Ecco perché ci sarebbe voluta una riforma fiscale complessiva che badasse alle aliquote ma anche a tutto il resto. Perché i cittadini devono essere educati a ottenere risultati virtuosi nelle loro operazioni finanziarie, commerciali e negli scambi di servizi. Bisogna incoraggiare e non deprimere. Bisogna offrire opportunità virtuose e non convenienza a evadere. (Riccardo Alfonso)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Gli effetti di un’ideologia: capitalismo

Posted by fidest press agency su martedì, 26 settembre 2017

cassa depositi e prestitiHanno scritto, tra l’altro, Mario Lettieri e Paolo Raimondi su Italiaoggi: “È l’ultima ideologia morente dell’Ottocento che sta facendo danni enormi. Un liberismo economico e un monetarismo nati nella vecchia Inghilterra dove l’economia poteva contare non su uno Stato ma su un impero che raccoglieva ricchezze a man bassa dalla sue colonie. Noi crediamo che la ripresa debba essere al centro delle decisioni della manovra economica in discussione. Non basta il risanamento del bilancio. Gli enti locali hanno un patrimonio immobiliare di circa 350 miliardi. La parte inutilizzata è di 20-40 miliardi. Il 60% del totale riguarda l’edilizia residenziale pubblica che potrebbe in parte essere venduta ai residenti. Venduta, non svenduta. Adesso gli enti locali hanno un debito complessivo di 111 miliardi dei quali settantotto nei confronti della Cassa Depositi e Prestiti. “Alla quale, ovviamente, pagano gli interessi dovuti”. E’ un particolare di un quadro con il quale gli autori hanno preferito usare colori a tinte fosche. E’ anche un limite che ci siamo imposti con eccessiva passività poiché ai domini inglesi abbiamo fatto spazio al colonialismo selvaggio e poi ancora alla logica del “re travicello” facendo salire al potere i corrotti e i corruttibili dei paesi ricchi di materie prime, ma in compenso le loro popolazioni erano sfruttate e sono rimaste tali.
Intanto ben più gravi delle bombe dei nostri arsenali atomici, si stanno profilando all’orizzonte: sono le bombe demografiche, le intolleranze, la voglia di emergere, di entrare nella stanza dei bottoni, e ancora conflitti etnici, tribali, razziali, migratori. Un insieme di situazioni che ci rende consapevoli di un disagio esistenziale che difficilmente, come in passato, si può in qualche modo calmierare con la tolleranza, la rassegnazione, la vocazione al martirio per la conquista della felicità in un altro mondo.
Oggi cresce la voglia di essere presenti, protagonisti, arbitri del nostro futuro e l’idea del possesso come status symbol non fa che aggravare l’evidenza dettata dalla scarsità di risorse e benessere che sette miliardi di abitanti richiedono all’unisono. Occorre voltare pagina e di farlo in fretta prima che queste bombe ci scoppino tra le mani.
Ecco cosa ci attende il presente che allunga la sua ombra nel nostro futuro, un futuro dove i giovani di oggi saranno i protagonisti del domani e saranno ancora più insofferenti dei loro padri e forse anche più cinici. E’ una svolta che non implica solo l’economia e la finanza, ma anche i costumi, la fede, il concetto stesso di esistere e di morire. (Riccardo Alfonso)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Gli italiani e il potere invisibile

Posted by fidest press agency su martedì, 26 settembre 2017

bobbioGià molti anni fa un celebre avvocato, Achille Battaglia, scrisse in un suo libro titolato “Il giudice e la politica”, che se si vuole conoscere una determinata società bisogna guardare, più che alle leggi che la regolano, alle sentenze dei suoi giudici. “A questo proposito oggi andrebbe aggiunto che il lasciare languire la giustizia impantanandola in un mare di processi in attesa di giudizio, o perseguendo in maniera “maniacale” alcuni aspetti formali ritenuti non del tutto tutelati sia nella fase istruttoria sia in quella giudicante, non si fa che rendere un pessimo servizio alla stessa giustizia. Inoltre l’allentamento delle verifiche, sia burocratiche, per il venire meno dello stato accentrato, sia politiche, per la particolare situazione italiana che ha visto l’opposizione politica spesso più impegnata nel tentativo di co-governo che nel ruolo di controllo, ha portato a concentrare nel giudice penale gli unici interventi di verifica della regolarità dell’azione amministrativa, cioè il potere di controllo. Oltre, naturalmente, a quello che l’opinione pubblica esercita soprattutto attraverso l’opera della stampa d’informazione: occorre però precisare la scarsa attenzione della pubblica opinione a fenomeni di corruzione e di malgoverno amministrativo, essendo la massa dei cittadini attestata su un atteggiamento passivo di rassegnazione, se non di acquiescenza. Infatti, per quanto vi siano stati dei sinceri moti d’entusiasmo per taluni operati della giustizia, come l’azione condotta brillantemente dai magistrati di “mani pulite” milanesi e dai pool palermitani e fiorentini o di altre procure, questa carica emotiva sembrava incapace di avere una tenuta di largo respiro e di sapersi tradurre in una continua e ininterrotta azione di stimolo in difesa del diritto e in odio alla sopraffazione dei poteri che mestano nel torbido. A tutto ciò si aggiunga quel grave fenomeno, denunciato principalmente da Bobbio, che è costituito da ciò che egli affermava essere la mancata realizzazione di una promessa fondamentale della democrazia. (Riccardo Alfonso) (foto: bobbio)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Gli italiani e i partiti

Posted by fidest press agency su martedì, 26 settembre 2017

nenniSi racconta che Pietro Nenni soleva dire che se due italiani discutono di politica alla fine nascono due partiti e tre correnti. Di là della battuta qualcosa di vero c’è. Penso, ad esempio, ai tanti partiti che da anni proliferano un po’ ovunque e si moltiplicano man mano che ci avviciniamo alle scadenze elettorali. Sembra che siamo incapaci di raccogliere le nostre forze appoggiando coralmente un movimento politico. Ma c’è di peggio. Nel segreto delle urne l’elettore finisce con il ripiegare sul simbolo che pure ha criticato ferocemente e giurato di non esprimergli in avvenire il proprio consenso.
Sembra che prevalga la paura di chi vorrebbe scegliere la strada nuova ma preferisce quella vecchia ritenendola meno imprevedibile.
Eppure la soluzione del problema è possibile offrendo al movimento cinque stelle di Beppe Grillo la possibilità di fare da “giustiziere”. Per raggiungere questo risultato dovremmo essere conseguenti con un voto corale. E’ questo il vero punto della questione. Ora Grillo ci ha dato una nuova figura: Luigi di Maio ma già le sirene del malaugurio lo danno per perdente per il semplice fatto che è giovane, inesperto, incapace di coagulare intorno a sé una coalizione di esperti qualificati e di spessore internazionale. Eppure due anni fa abbiamo digerito senza battere ciglio un altro inesperto e giovane e abbiamo al riguardo taciuto. Cosa cambia ora? (Riccardo Alfonso)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Gesù storico, Gesù della fede

Posted by fidest press agency su martedì, 26 settembre 2017

cristo1Giuseppe Flavio, storico ebreo negli anni 93 o 94 d.C. nelle sue “Antichità giudaiche” parla di Gesù. Oggi non esiste il manoscritto originale. Possiamo accedere alla sua conoscenza solo attraverso la copiatura del manoscritto ad opera, nel corso dei secoli, dei diversi monaci cristiani. A questo riguardo va altresì precisato che prima del terzo secolo d.C. non esistevano monasteri e data la professione di fede ebraica di Flavio e l’ambiente nel quale viveva vi possono essere stati dei ritocchi al suo manoscritto. Pur con tutte queste puntellature, ciò che emerge, dal testo giunto ai giorni nostri, è che la testimonianza sull’esistenza di Gesù è da considerarsi valida. Flavio lo definisce: “Un uomo buono che attrasse dietro di se molte persone, che ebbe dei discepoli che gli rimasero fedeli anche nei momenti più difficili e che fu condannato sotto Pilato e morì sulla croce e che i suoi discepoli, sin dal primo momento, dissero che al terzo giorno era resuscitato e vive in mezzo a noi, e in lui si compiono le cose meravigliose annunciate dai profeti.”
A questa testimonianza “esterna” si aggiunge quella dei suoi discepoli e, soprattutto dei quattro evangelisti: Matteo, Marco, Luca e Giovanni che ci hanno raccontato la vita di Gesù segnandola come la “buona notizia” dal greco “evangèlicon”. Non solo. A latere sono fiorite altre “buone notizie” da autori poco noti e che sono passate alla storia come “apocrife”. Da tutto ciò non mi sembra vi possano essere dubbi sull’esistenza di un uomo carismatico, dalla parola suadente, dalla fermezza dei suoi principi posto al cospetto delle debolezze umane incluse quelle dei sacerdoti di Gerusalemme nel tollerare la presenza di mercanti dinanzi al tempio, luogo di fede e di sacrale rispetto. Ma la storia può spiegare il Gesù della fede?
Questa riflessione la considero importante per considerare il fondamento sul quale si costruiscono il cristianesimo e la sua pesante eredità di sofferenze, martirii, persecuzioni ed emarginazioni. La parola di Gesù è stata quella che uccide perché la natura umana conosce la strada giusta ma preferisce percorrere l’impervia. Perché non è sufficiente costruire una Chiesa in nome di un Gesù elevato agli onori di un Dio. Occorre ogni giorno dare testimonianza di se ed essere costruttori di pace per ritrovare la via, la verità e la giustizia. E in questo le religioni non sempre si ritrovano con il Gesù della fede facendoci dubitare della sua stessa esistenza. (Riccardo Alfonso)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Fare disinformazione

Posted by fidest press agency su martedì, 26 settembre 2017

giornalismoOggi è un tema ricorrente come se la nostra generazione, e non altre, sia la genitrice di questa “devianza sulla strada della verità”. Niente di più errato.
Posso dire, invece, che la disinformazione sia stata un’arte coltivata a dovere in ogni generazione di umani e oggi ne possiamo riscontrare talune storture nella storia che ci è stata tramandata e, nonostante ciò, pretendiamo a un popolo di discenti di prenderla per buona. Così sono stati creati i mostri e gli adoni nei millenni passati e così facciamo passare per buoni i cattivi e i cattivi per onesti, per buona pace di tutti.
Oggi, tuttavia, c’è una grossa differenza. Per la prima volta abbiamo l’opportunità di vederci meglio nelle pieghe delle segrete cose ma a condizione che sappiamo ben sfruttare quell’arma a doppio taglio che si chiama informazione.
Oggi le notizie si sono centuplicare, rispetto ad alcuni anni fa, e i mezzi per diramarle si sono espansi. Ha incominciato la carta stampata per poi aggiungersi, via via, la cinematografia, la radio, la televisione, la multimedialità e internet.
Oggi i giornali e i settimanali li troviamo sia in edicola sia sul piccolo schermo televisivo e su internet. Sfornano tante notizie che tra queste, quasi per caso, ritroviamo quella verità che altri hanno accuratamente camuffato in qualcosa di diverso. E’ un trucco antico da prestigiatore che sa essere ancora credibile per chi scompone la verità in tanti quarti per poi ricomporla con un venticinque o un 50% di altro.
Così quel quarto o mezza verità fanno da spalla al resto che ne è estraneo per dare l’impressione, a chi legge o ascolta, che, dopo di tutto, il fatto è credibile al 100%.
Questo trucchetto riesce spesso perché la gente ha un grande bisogno di credere, di avere fiducia in qualcuno o in qualcosa e basta poco per accontentarla. Poi vi è un aspetto non trascurabile: quello legato alla memoria. Il passato spesso lo immergiamo nella nebbia più fitta accontentandoci di navigare a vista con ricordi ed esperienze sfumati. Un’altra tecnica è quella del meno peggio: si dice tutti i politici sono ladroni e allora perché non affidare al capo dei ladroni le casse dello Stato? Ruba lui ma si spera che almeno non faccia rubare agli altri. C’è solo un rischio: a forza di disinformare si possono dichiarare proprio quelle verità che vorremmo tenere celate. E noi le aspettiamo al varco. (Riccardo Alfonso)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Ere nouvelle

Posted by fidest press agency su martedì, 26 settembre 2017

la Moschea di Forte Antenne, Roma

la Moschea di Forte Antenne, Roma

Mentre i cattolici e i cristiani in generale hanno impiegato oltre un secolo per imporre una loro cultura che abbandonasse la tradizione legittima, per imboccare la strada dei nuovi ideali sociali e politici, il mondo arabo e il suo braccio religioso, espresso dall’islamismo, stenta a riconoscere un ruolo guida della Fede che sappia contemperare le esigenze laicistiche del suo mondo e di quello vicino. E tutto questo s’impone come esigenza temporale nel breve tratto di alcuni lustri. Forse il disagio proviene dalle tante scuole islamiche che sono fiorite e che presentano aspetti contraddittori tra di loro nell’interpretazione degli insegnamenti maomettani espressi in nome di Allah. E’ mancato, in pratica, un passaggio fondante, un legame più critico e dialettico tra democrazia e islamismo, superando l’assetto capitalistico e rifiutando il materialismo socialista. La nuova strada del laicismo musulmano è, infatti, tutta da percorrere. Oggi esiste una contraddizione di fondo tra chi governa i paesi islamici con la sola idea di arricchimenti personali a scapito del popolo e di chi vuole una ridistribuzione delle ricchezze derivanti dagli introiti del petrolio affinché possano beneficiarne in primo luogo gli autoctoni.
Persino l’integralismo islamico cerca un compromesso con i corrotti e i corruttori indicando un nemico esterno invece di individuarlo tra le dittature esistenti e i loro tentativi di corruzione per garantirsi una sopravvivenza a fronte di un disagio diffuso da parte delle masse. Se non si esce da questa situazione, possiamo solo aspettarci un’irrazionale esportazione dell’integralismo teso a scoraggiare le alleanze occidentali, con i governi islamici corrotti, con la forza del terrore. (Riccardo Alfonso)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Errare umanum est…

Posted by fidest press agency su martedì, 26 settembre 2017

pifferaio-magico.medium_300… perseverare autem diabolicum, et tertia non datur. (Errare è umano, ma perseverare è diabolico, e la terza possibilità non è concessa). E il nostro errare in politica ha, oramai, superato la terza possibilità. La prima volta ha sacrificato la democrazia per seguire la strada della dittatura fascista. La seconda ci ha preso di contropiede con la democrazia acefala di stampo democristiano dove è mancata l’alternativa al governo del paese. La terza perché abbiamo seguito le note suadenti del pifferaio di turno e ancora la quarta con l’attuale governo che andava sin dall’inizio respinto al mittente. Davvero siamo molto scarsi in storia se negli ultimi novanta anni non siamo riusciti a renderla maestra della nostra vita?
Ma chi sono questi italiani che hanno così poca memoria e continuano a farsi sedurre dalle parole in luogo dei fatti? (Facta non verba).
Se abbiamo saputo coagulare un consenso molto elevato nei confronti dell’attuale governo con le sue improvvide iniziative che stanno mettendo in ginocchio l’intero paese.
Se continuiamo ad essere i “servi sciocchi” dei poteri forti che esprimono non più del 10% dell’elettorato eppure riescono a carpire il consenso della maggioranza assoluta dei cittadini.
Se ci crogioliamo al pensiero di fortificare il dissenso con l’antipolitica e il non voto che si trasformerebbe in un incauto lasciapassare per chi potrebbe meglio esercitare il suo potere perché ogni voto non dato diventa in pratica un consenso a favore di chi non vorremmo. Se ci scandalizziamo alle parole di Grillo sul confronto tra mafia e partiti come se non vi fossero state commistioni tra loro di sapore clientelare, affaristico, di voto di scambio.
Se non ci convinciamo che esiste in Italia una ricchezza ben tutelata e che l’attuale governo si guarda bene dal scalfirla e che da sola potrebbe risolvere tutti i nostri problemi economici e di pareggio del bilancio pubblico senza togliere il pane di bocca a chi ha solo quello da masticare. Ma allora in che razza di mondo ci troviamo? (Riccardo Alfonso)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Eutanasia sociale e cure low cost

Posted by fidest press agency su martedì, 26 settembre 2017

pronto soccorso tor vergataE’ la nuova frontiera della medicina pubblica. I suoi sostenitori ritengono necessario considerare tali aspetti per garantire risorse alla spesa pubblica nel campo dell’assistenza sanitaria. Altri rafforzano il concetto asserendo che per le sole spese farmaceutiche gli anziani costano undici volte di più di un ventenne.
Cosa s’intende per eutanasia sociale? E’ che il malato incurabile, e gli affetti da gravi e croniche patologie, sono caricati interamente sulle spalle delle famiglie e ciò significa che l’impossibilità, per molte di esse, di sostenere tale onere rende precaria l’assistenza dei loro cari.
Lo stesso ragionamento vale trattando la medicina low cost. E’ come dire che arrivati a una certa età, o per altre forme gravi di infermità comprese le malattie mentali, non è più necessario impegnarsi per prolungare la loro esistenza con strumentazioni e medicinali d’avanguardia. Basta utilizzare i vecchi metodi. D’altra parte morire a trent’anni è un’eccezione mentre a ottanta diventa una regola. Così per le eccezioni si può fare qualcosa ma per le regole no.
Altri prospettano scenari ancora più inquietanti sostenendo che l’accesso all’assistenza ospedaliera debba essere consentita solo per fatti acuti e non a soggetti cronici e riducendo, in pari tempo, i posti letto per i reparti geriatrici. E’ come dire che se gli anziani, e i diversamente abili, si ammalano la loro è da ritenersi una patologia cronica e, quindi, curabile in famiglia anche se l’affezione è indipendente dal loro stato cronico come può essere una polmonite virale per un malato mentale. Ci portiamo, quindi, a introdurre una forma d’assistenza sanitaria a due velocità che alla fine avvantaggerà chi ha risorse economiche per curarsi mentre per gli altri ritornano i lazzaretti con la sola differenza, rispetto al passato, che essi tendono a moltiplicarsi in ogni famiglia che ha un malato del genere. Questa disumanizzazione dello stato sociale, questo cinico distinguo tra il malato cronico e l’acuto, tra il giovane e l’anziano e il diverso rispecchia, purtroppo, le nostre logiche consumistiche ereditate da forme di accaparramento della ricchezza, dal possesso delle risorse a scapito degli altri che ci conduce a gravi disagi esistenziali ma anche a rivolte sociali e a sprezzanti soppressioni con una sorta di pulizia etnica generazionale, di classe e di razza.
Dobbiamo fermare questa corsa alla perdita del senso della misura, dei valori fondanti la nostra società finché siamo in tempo. Dobbiamo svegliarci dal nostro torpore e cercare un riscatto che ci restituisca la nostra dignità e soprattutto la dignità dei più deboli, di coloro che non si possono difendere da soli. E’ un dovere morale laico e confessionale in pari tempo. (Riccardo Alfonso)

Posted in Confronti/Your opinions, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Emergenza criminalità

Posted by fidest press agency su martedì, 26 settembre 2017

Carcere Regina Coeli alla LungaraSe vado a ritroso nel tempo mi accorgo di un particolare che riguarda il comportamento criminale. Un tempo e potremmo fissarlo intorno agli anni 50-70 e soprattutto in Italia, il ladro rubava con destrezza ma non con violenza. Si faceva poco uso delle armi da fuoco e di più dell’arma bianca e di quelle improprie. Si cercava d’evitare il contatto diretto con le vittime designate preferendo certe ore notturne e strade isolate e poco illuminate. Oggi si favoriscono gli scontri diretti con inermi cittadini e con i poliziotti e si compiono rapine spesso a viso scoperto e indirizzandosi non solo verso banche ma anche presso negozi e abitazioni private. E tutte le volte le armi preferite sono quelle da fuoco e con una potenza a volte dirompente per i suoi effetti lesivi. Esiste spesso una sproporzione tra il fine che s’intende perseguire e i mezzi che si adottano per realizzarlo. Manca in buona sostanza, proprio questo rapporto tra causa ed effetto, la consapevolezza che la giustizia è una cosa seria e che in tal senso va presa da tutti, nessuno escluso. Tutto ciò se non vogliamo una delegiferazione di fatto che sta diventando già inquietante per le sue conseguenze se è vero, come è vero, che solo il 2% dei ladri d’appartamento è assicurato alla giustizia ed è il 3%, per gli scippatori, il 5% dei ladri d’auto e via di questo passo. Sono tutti numeri piccoli se non piccolissimi a fronte di una criminalità sempre più aggressiva e determinata.
E’ la stessa filiera della giustizia a segnare il passo come lo è il ruolo della magistratura inquirente e giudicante con tempi lungi, anzi lunghissimi, per una sentenza definitiva sia in sede civile sia penale.

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

… e la vita continua: Una storia come tante altre

Posted by fidest press agency su martedì, 26 settembre 2017

melbourneSe qualcuno mi chiedesse di parlare della mia vita lo guarderei con stupore perché non di me dovrei parlare ma degli eventi che mi hanno attraversato, si sono impressi nella mia mente, mi hanno fatto soffrire, emozionato, esaltato, depresso. Sono state e restano tutte storie di altri mentre a me è toccata la parte dello spettatore, di chi, affacciato alla finestra, li ha visti passare, ma solo di sfuggita.
Mi chiedo oggi perché tanti anni fa ho scelto di lasciare la mia terra per andare altrove così come hanno fatto molti miei coetanei e altri, prima e dopo di me, costituiscono un modo per comprendere il contesto nel quale sono vissuto, i desideri che mi motivavano e le aspettative che nutrivo. E scegliere di vivere altrove è stato, probabilmente, il desiderio d’evasione da una cittadina dell’entroterra, come lo è Campobasso, fuori dai grandi itinerari turistici, che viveva di terziario e di agricoltura, chiusa nella sua tradizione piccolo-borghese e contadina. E i giovani, si sa, amano sentirsi trasgressivi, novatori, desiderosi di nuove esperienze, di visitare luoghi lontani.
Così divenni un emigrante quando ebbi l’opportunità di recarmi in Australia e di restarvi per qualche anno. Al ritorno non seppi del tutto disfare la mia valigia e continuai a vagare altrove: Londra, Bruxelles, Berlino, Amsterdam, Monaco di Baviera, Parigi, ecc. E a un certo punto mi fermai in Italia, ma non a Campobasso. Anche in questo caso non posso dire d’essere stata una libera scelta, ma imposta dal lavoro. Ora sono già molti anni che vivo a Roma e ancora una volta sono stati gli “eventi” generati da altri ad orientarmi. Ho conosciuto molisani sfortunati come Mino Pecorelli ucciso dalla mala e i cui mandanti sono tuttora ignoti, Mario Tanassi di Ururi, prima che fosse coinvolto nello scandalo Lockheed, Fred Bongusto e molti altri noti e meno noti. In qualche modo costoro hanno avuto l’opportunità di restare attaccati alla loro terra d’origine e in questo modo hanno saputo, meglio di me, conservare amicizie e parentele. D’altra parte la mia generazione ha, a mio avviso, una particolarità. E’ stata quella che ha vissuto più delle altre le grandi accelerazioni che vi sono state nel nostro modo di vivere. E tutto questo ha influito notevolmente sugli stessi rapporti generazionali, ambientali e di costume. Noi venivamo da una cultura fondamentalmente contadina costituita da grandi famiglie patriarcali dove i valori della famiglia, le parentele erano alla base del nostro modulo di Bongustovita. E uscire da questa logica era già un aspetto traumatico nell’affrontare la vita. Ci portavamo dietro, probabilmente con una certa superficialità apparente, con le nostre intemperanze, dolorose ferite affettive per i nostri genitori e parenti e che solo ora, che giovane non sono più, ne ho la piena consapevolezza. Da qui la rottura della prima arcata del ponte con la generazione che ci ha preceduto e seguita, subito dopo, dall’altra per la nostra indecisione nel fare le scelte giuste affrontando al meglio i grandi mutamenti in atto con le sue logiche consumistiche, con la dissacrazione di alcuni valori come quelli della famiglia, della cultura tradizionale, fondamentalmente piccolo-borghese e contadina, e di porvi quegli opportuni correttivi che avrebbero potuto se non proprio conciliare posizioni tanto antitetiche tra di loro almeno lasciandole convivere senza suscitare grossi traumi. E lo stesso problema si è posto sul lavoro. L’ansia maggiore che si percepiva tra i giovani del mio tempo era la necessità di assicurarsi un lavoro fisso e quello statale costituiva l’ideale perché era, al tempo stesso, una garanzia di stabilità e di affermazione per un dignitoso stato sociale. Con il passare degli anni in taluni di noi crebbe l’insoddisfazione per un’attività lavorativa scelta a suo tempo più per necessità che per vocazione e si cercarono altre soluzioni coltivando, contestualmente, piccole ma appaganti attività. Non fui da meno. La mia passione era lo scrivere. Gli amici mi consideravano un grafomane, una vera e propria malattia che si manifestava nella mia ansia di raccontare ciò che avveniva intorno a me.
Gli umili figli della terra.jpg1Il giornalismo diventò il percorso naturale. Incominciai a scrivere lettere al direttore poi nei periodici locali a scrivere la cronaca bianca, a parlare alla gente, a vivere le loro emozioni, a battermi contro le ingiustizie sociali, le prevenzioni e il razzismo. Ero passato dagli australiani che chiamavano noi italiani “bloody bastards”, ai piemontesi che ci trattavano con aria di sufficienza.
Incominciai con il narrare la storia dei braccianti agricoli: “Gli umili figli della terra”. Era la storia delle mondine, quella che molti italiani ricordano nel film “riso amaro” con Silvana Mangano e Vittorio Gassman. Seguì “L’ultima frontiera”. Un saggio scritto intorno ad un evento drammatico: la storia del pensiero scientifico che ci portò agli armamenti nucleari e alle due bombe atomiche esplose sul cielo di Nagasaki e Hiroshima. Una circostanza che la nostra istruzione scolastica non ci aveva permesso d’intuire per tempo e che io vidi, sia pure con adeguate protezioni, da vicino riproporsi nel deserto australiano, sul finire degli anni cinquanta. Ben presto mi accorsi, da scrittore in erba, che stavo remando contro corrente.
L’Italia, come ben sapeva uno scrittore e poeta di Morrone nel Sannio, Gino Parente, e che mi onorò della sua amicizia, era, e sicuramente continua a esserlo, il paese dei poeti e degli scrittori. In un libro bomba atomicane catalogò ben 120.000 ma mi confessò che si trattava di una sottostima perché per lui dovevano essere per lo meno il doppio. Da qui intuii la necessità di cercare un nuovo mezzo per comunicare. La gente voleva essere informata, ma aveva sempre meno tempo per un lungo scritto. A questo punto un’agenzia stampa poteva funzionare al caso mio. Oggi ho un filo diretto con quanti travasano i loro pensieri, opinioni, fatti e li commentano via e-mail. Io li leggo, sfrondo i lunghi fraseggi soprattutto per motivi di spazio, e consento, a quest’anonimo popolo, di far conoscere non solo la propria sofferenza personale ma anche quella degli altri.
Ritengo, in questo modo, di aver dato un certo spazio a chi si sente un “uomo periferico” lontano dai giochi di potere, ma con tanta voglia di far sentire la propria testimonianza con le sue esperienze, amarezze e soddisfazioni. E per quello che è “il nostro, – come disse Sciascia, – un paese senza memoria e verità, ed io per questo cerco” mi trovo a combattere sempre più battaglie di “confine” ora nel tentare di costruire una seconda rete informativa e ora appoggiando, con altrettanto entusiasmo e convinzione, il popolo di emarginati dai pensionati ai diversamente abili. E ora cosa posso aggiungere di più? Solo un invito: ai pensionati: siate gli artefici del futuro dei vostri nipoti. (Riccardo Alfonso)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »