Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Archive for 27 settembre 2017

Terrorista palestinese uccide tre poliziotti israeliani in un attentato vicino Gerusalemme

Posted by fidest press agency su mercoledì, 27 settembre 2017

soldati israeliani uccisiGerusalemme. Un terrorista palestinese ha sparato e ucciso tre israeliani (un agente della polizia di frontiera e due guardie della sicurezza civile), e ne ha ferito gravemente un terzo, questa mattina nei pressi del villaggio di Har Adar, nell’area di Gerusalemme. Il terrorista è stato a sua volta colpito e ucciso dalla reazione delle forze di sicurezza. L’attacco è avvenuto durante normali controlli di sicurezza sui pendolari quando il terrorista, un 37enne originario di Beit Surik in possesso di regolare permesso di lavoro, mescolato fra i lavoratori palestinesi, ha improvvisamente estratto un’arma e aperto il fuoco da breve distanza. “Centinaia di lavoratori vengono ogni mattina a lavorare nella nostra comunità – ha dichiarato il capo del Consiglio di Har Adar, Chen Filipovich – Questo grave evento è del tutto anomalo e ne trarremo le conclusioni necessarie, ma continueremo ad operare per mantenere la calma e una buona atmosfera di collaborazione”. Dal canto suo, Hamas ha celebrato l’attacco terroristico in un dichiarazione che afferma: “L’attacco di Gerusalemme è una nuova pagina dell’intifada di al-Quds ed evidenzia il fatto che tutti i tentativi di giudaizzazione sono falliti. Gerusalemme è araba-musulmana. I suoi abitanti e i suoi giovani non risparmieranno gli sforzi per redimerla con il loro spirito e il loro sangue”. Il portavoce di Fatah, Munir al-Jaghoub, ha dichiarato che dell’attentato “è esclusivamente responsabile Israele”. Intanto la pagina ufficiale di Fatah su Facebook ha reso omaggio al terrorista con un post che lo definisce “martire” (Fonte: Israele.net, 26 Settembre 2017)
Nella foto in alto le tre vittime dell’attentato di oggi nei pressi del villaggio di Har Adar: Or Arish, Solomon Gavriya e Youssef Ottman.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

How Would World-Renowned Teachers Redesign Curricula?

Posted by fidest press agency su mercoledì, 27 settembre 2017

new yorkNew York. Employers complain that graduates are not ready for work. Stanford University studies indicate students are overloaded and under-prepared. So exactly what should we teach young people in an age where Dr. Google has an answer for everything; humans are living longer; the traditional professions disappear while new ones are created; international mobility is drastically increasing population diversity; terrorism, environmental threats and inequality need our collective attention; and robots and gene editing are coming, requiring us to re-examine the very core of what it means to be human? The Global Teacher Bloggers are pioneers and innovators in fields such as technology integration, mathematics coaching, special needs education, science instruction, and gender equity. C.M. Rubin Founder of CMRubinWorld asked them to reflect on these questions: Do you believe curriculum needs to be more relevant for a 21st century world? If you had the power to change the school curriculum, what would you change? “We need to develop a generation of critical thinkers, collaborators, communicators, environmentalists and ethical IT users,” writes Rashmi Kathuria in India. “The content of the news in the last few months, and indeed years, provides clear and loud evidence for the fact that our education system is failing,” notes Miriam Mason-Sesay, who believes “division, hatred and bigoted fearfulness are fostered seemingly unchallenged, and our education system has not prepared our youngsters to evaluate the veracity of so many claims.” Craig Kemp in Singapore wants “more emphasis on lifelong learning skills than on curriculum content,” and Elisa Guerra Cruz’s curriculum would be focused on “passion projects, aimed at gaining knowledge and abilities, but also at discovering whatever fires a student’s heart,”
The Global Teacher Bloggers have founded schools, written curricula, and led classrooms in 16 different countries that stretch across every populated continent on earth. CMRubinWorld’s Top Global Teachers are: Rashmi Kathuria, Jim Tuscano, Craig Kemp, Jasper Rijpma, Elisa Guerra, Pauline Hawkins, Maarit Rossi, Vicki Davis, Miriam Mason-Sesay, Shaelynn Fransworth, Carl Hooker, Adam Steiner, Warren Sparrow, Nadia Lopez, Richard Wells, Joe Fatheree, Kazuya Takahashi, and Abeer Qunaibi.

Posted in Estero/world news, scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Catella: European residential properties show large potential for appreciation

Posted by fidest press agency su mercoledì, 27 settembre 2017

catellaThe new Catella Market Indicator “Residential Europe Autumn/Winter 2017/2018” shows high international demand for residential property assets. European residential property worth almost EUR 37 billion was traded in 2016, and Catella expects this volume to reach a new record of approximately EUR 39 billion in 2017.The reasons behind this continued growth are urbanisation, availability of capital, migration and demographics. According to Catella, the groups of potential buyers are decidedly dissimilar. “This is underlined by the fact that Asian institutional investors were active in the continental European market for the first time ever in 2016. Several private equity funds are investing in Spain, retirement funds in the UK and Germany are investing in the Netherlands, and 40% of Berlin’s residential property trade is being done with a number of French, Scandinavian and Finnish buyers,” says Dr Thomas Beyerle, Head of Group Research at Catella. The analysis of 75 European cities in four categories by Catella Research showed the following:
The Dutch cities of Amsterdam, Utrecht and Rotterdam are the leaders at the “metropolis” level. These are followed by Helsinki, Copenhagen, London and Manchester. Malmö, Stockholm and Vienna also show high-level rankings (cash cows). This quadrant model from Catella Research classifies cities such as Manchester, Oslo, Stockholm, London and Helsinki as “stars”. Cities like Rome, Porto and Zaragoza display rather low levels, but are shaped by high dynamics and can be classified as the new kids on the block when it comes to residential property investment. The German cities are dispersed throughout the mid-section in terms of both level and dynamics rankings.Focusing on the investors, Beyerle sums up by saying, “Having investments in place in the residential property market now and in the future is more important than looking for the perfect opportunity to enter the market.” View the complete analysis at catella.com/research.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Catalan referendum: Illegal entity

Posted by fidest press agency su mercoledì, 27 settembre 2017

catalanBarcelona. THE Catalan regional government of Carles Puigdemont is preparing to hold a unilateral referendum on seceding from Spain on October 1st, which it says will be legally binding. Catalans will be asked whether they want to form an independent republic. But there is a problem: Spain’s democratic constitution of 1978, which was approved by more than 90% of Catalan voters, gave wide autonomy to the regions but affirmed “the indissoluble unity of the Spanish nation”. Only the Spanish parliament can change the constitution. Mr Puigdemont’s referendum is therefore illegal, and Mariano Rajoy, Spain’s conservative prime minister, is determined to prevent it taking place.
Home to 7.5m people (16% of the total) and accounting for 19% of national GDP, Catalonia is one of Spain’s richer regions. It has formed an integral part of Spain since the 16th century (and of the Kingdom of Aragón before that), but it has its own language and culture. Until recently Catalan nationalists were content with home rule. Two things combined to increase support for independence. First, Spain’s Constitutional Tribunal rejected parts of a new statute that would have given Catalonia more autonomy. More importantly, nationalist politicians in Barcelona succeeded in deflecting against Madrid popular anger at the austerity that followed the bursting of Spain’s housing and financial bubble in 2009. Parties campaigning for independence narrowly won a regional election in 2015. Ranging from bourgeois nationalists to anti-capitalist anarchists, they are united only by the demand for a referendum, which they call “the right to decide”. Earlier this month they rushed through the Catalan parliament one law ordering the referendum and a second requiring, if the Yes vote wins and irrespective of turnout, an immediate unilateral declaration of independence. The Catalan government’s own pollster finds that while 70% want a referendum on the territory’s future, only 48% do if Spanish government doesn’t agree—which it emphatically does not. According to the same poll, support for independence is slowly declining, and now stands at 41%. Mr Rajoy is relying on the courts to stop the referendum, arguing that the rule of law is fundamental to democracy. The Constitutional Tribunal has suspended the two laws. The Civil Guard arrested 14 senior people, most of them Catalan officials, involved in organising the referendum, and has seized 9.8m ballot slips. Mr Puigdemont insists that the vote will go ahead. He is relying on popular mobilisation: tens of thousands protested against the arrests in Barcelona. But it is hard to see the vote being anything more than an unofficial consultation, similar to one held in 2014. Most supporters of “No” side won’t vote. If anything like the 2.3m alleged to have voted in 2014 were to turn out, Mr Puigdemont would claim victory.Behind the confrontations lies a deadlock. Mr Puigdemont does not have enough popular or external support to impose independence. But Mr Rajoy’s bet that time and economic recovery would calm Catalonia has proven to be mistaken. A majority of Catalans remain unhappy with the status quo. Their discontent demands a political, rather than merely legal, response. After October 1st, a fresh regional election is likely to follow in Catalonia. And the Spanish government has accepted that it will have to discuss constitutional and other changes to try to anchor Catalonia more firmly in Spain. Dialogue is essential, but in a climate inflamed by confrontation, it will be neither quick nor easy. (foto: catalan) (by The Economist)

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Parigi è una delle città europee più apprezzate dai turisti di tutti il mondo

Posted by fidest press agency su mercoledì, 27 settembre 2017

parigiparigi1Racchiude in sé anche un’inaspettata anima orientale che conquisterà gli amanti delle culture più lontane. Nel parco di Bois de Vincennes, situato nel XII arrondissement, a est della città (poteva essere altrimenti?), è possibile ammirare un tempio buddista, costruito in occasione dell’esposizione coloniale del 1931, che al suo interno conserva una statua monumentale di Buddha alta nove metri. Per immergersi completamente nelle atmosfere indiane è invece consigliabile andare alla scoperta di Grands Boulevards, quartiere multiculturale ricco di stimoli etnici autentici. Qui si trova Passage Brady: in poche parole, l’India a Parigi. Uno stretto vicolo costruito nel 1928 diviso in due parti da Boulevard de Strasbourg (un lato è coperto di vetrate, mentre l’altro è a cielo aperto) vi condurrà lontano, lungo una vera e propria esperienza sensoriale tra i colori delle stoffe, i sapori dei piatti tipici provenienti dai numerosi ristoranti e i profumi delle irresistibili spezie indiane.Per fare il giro del mondo in meno di una mattinata, invece, basta mettere in agenda una visita al Marché de Belleville, nei pressi della stazione di Ménilmontant. Ci si ritroverà a passeggiare tra le bancarelle di uno dei mercati più multiculturali della città: qui si respira un’atmosfera parigina ed etnica insieme, per un’esperienza folkloristica e cosmopolita più unica che rara. Oltre agli iconici grandi magazzini e ai negozi più alla moda, Parigi sa solleticare gli amanti dello shopping anche con proposte non del tutto “convenzionali”. Per soddisfare la voglia di acquisti davvero originali e tres vintage, il posto giusto è Les Puces de Saint Ouen, ovvero il mercatino dell’usato più grande della città e primo mercato di antichità al mondo. parigi2Qui l’offerta di oggetti di ogni tipo è praticamente illimitata: dal sabato al lunedì circa duemila tra commercianti di antiquariato, artigiani e artisti espongono la propria merce – mobilio, oggettistica, opere d’arte dei secoli XVIII, XIX e XX – lungo una superficie di ben sette ettari. Anche Les Puces de Montreuil merita una visita, soprattutto per gli amanti dell’abbigliamento in stile retrò: giacche di pelle, cravatte antiche, camicie hawaiane, uniformi militari… chi è in cerca di moda vintage non rimarrà deluso. I mercatini sono senza dubbio un’occasione per fare un tuffo nei tempi che furono e spesso nascondono, tra apparenti cianfrusaglie, oggetti in grado di evocare fascino e segreti lontani, ma non sono l’unica occasione per toccare con mano i misteri del passato. Per esempio, nel VI arrondissement, gli amanti delle trame più oscure della storia apprezzeranno la Chiesa di Saint-Sulpice, resa celebre dal best seller “Il codice da Vinci” di Dan Brown: oltre ad ammirare l’imponente pulpito settecentesco, uno dei Parigi torre-eiffel1più grandi organi del mondo e gli affreschi di Eugène Delacroix, infatti, gli appassionati si recano qui per scovare tracce di simboli massonici. Tra gli altri luoghi di culto parigini circondati da un’aura di mistero, non si possono non citare l’abbazia di Saint-Germain-des-Prés (dove, tra l’altro, è custodita la tomba di Cartesio), nella cui cripta pare sia celata la prova del collegamento fra Gesù e merovingi, e la Chiesa di Saint-Séverin, mèta degli appassionati del Codice in cerca della statua di Maria Maddalena…
Dopo essersi addentrati nel dedalo di negozietti a Passage Brady o nei mercatini delle pulci di Saint Ouen e Montreuil e aver scoperto il cuore più nascosto della città, si può provare l’ebrezza di vederla dall’alto, in tutto il suo splendore, ma in maniera – ça va sans dire – non comune. Ovvero, invece che la classica visita in cima alla Tour Eiffel, la Ville Lumiére si fa ammirare anche da Le Ballon de Paris, che si trova presso il Parc André Citroën. Salire sulla mongolfiera più grande del mondo per volare su Parigi a 150 metri di altezza è davvero un’esperienza insolita che rimarrà nel cuore di grandi e piccini.(foto: parigi)

Posted in Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

L’on. Nissoli riceve la rete mondiale degli Istituti ad alta specializzazione tecnologica promossa dal Canada

Posted by fidest press agency su mercoledì, 27 settembre 2017

Fucsia Nissoli FitzgeraldRoma. L’on. Nissoli ha ricevuto, assieme al sen. Malan, presso il Senato della Repubblica, la Dr.ssa Denise Amyot (Chair World Federation of Colleges and Polytechnics), la Dr.ssa Paola Bucalossi, (Public Affairs Officer, Education Promotion and Communications, Embassy of Canada) e i responsabili delle Fondazioni Istituti Tecnici Superiori italiani che oggi hanno aderito alla “World Federation” presieduta dalla Dr.ssa Amyot di Ottawa.
“Ringrazio i rappresentanti delle reti degli ITS”, ha detto l’on. Nissoli a margine dell’incontro sottolineando che essi sono una “realtà nazionale che rappresenta la formazione professionalizzante, che nonostante il recente avvio (le prime fondazioni sono state costituite nel 2010) costituiscono un’eccellenza italiana che in questo periodo di difficoltà di inserimento nel mondo del lavoro hanno consentito l’accesso all’80% dei loro diplomati, hanno realizzato progetti di interesse nazionale, stanno formando giovani secondo le esigenze di Industria 4.0 e delle nuove prospettive legate all’internazionalizzazione, sia attraverso scambi che con lo sviluppo di progetti come Solidarietà Solidale finalizzato a favorire lo sviluppo di Paesi dell’Africa”. “Voglio assicurarvi – ha detto l’on. Nissoli ai convenuti – il nostro impegno istituzionale a sostegno delle attività di collaborazione tra le Fondazioni ITS che vorranno cimentarsi con esperienze di internazionalizzazione e scambi con i membri aderenti alla World Federation of Colleges and Polytechnics . Mi sembra un percorso buono per incamminarsi verso una formazione in grado di rispondere alle sfide della globalizzazione e vi ringrazio veramente di cuore per il vostro impegno educativo”. (foto: rete mondiale)

Posted in scuola/school, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Colori” Mostra personale di Alexander Jakhnagiev

Posted by fidest press agency su mercoledì, 27 settembre 2017

Alexander jakhnagievIo M'Ammo performanceNew York Lunedì 2 ottobre, a partire dalle 18,30 ore locali, presso il Consolato Generale d’Italia a New York (690 Park Ave, NY 10065), la mostra personale “Colori” di Alexander Jakhnagiev. La mostra, curata da Pino Purificato, sarà ospitata nella sede del Consolato dal 3 al 12 ottobre.
Un viaggio con le ultime opere di Alexander Jakhnagiev dipinte per il pubblico di New York. In mostra 15 tele e una video installazione che racconta le ultime performance dell’artista.
Tra i progetti di grande impatto sociale e mediatico ricordiamo la “Crash Art” la pittura su macchine incidentate per sensibilizzare sulla sicurezza stradale ospitata di fronte al Parlamento italiano a Piazza Montecitorio; “Ombrelli”, oltre 2.000 ombrelli dipinti che hanno coperto integralmente una strada ad Assisi in un’installazione di Land Art e ancora ”Ombrelli” in occasione della festa della Repubblica, Sottosuoli performancedurante la parata militare del 2 Giugno ai Fori Imperiali con il Presidente della Repubblica Mattarella; “Piedi d’Arte” pittura sui piedi dei calciatori del Ac Perugia le cui impronte su tela sono state vendute per beneficienza in favore dei bambini malati di leucemia:“Sottosuoli” e “Schiavitù” due percorsi performativi con gli homeless e con le prostitute di Roma.
Alexander jakhnagiev, figlio del famoso artista Ivan jakhnagiev, ha al suo attivo oltre 100 mostre personali allestite in tutto il mondo in spazi pubblici (Parlamento Italiano, Parlamento Europeo a Bruxelles) e privati. Vive e lavora a Roma.
Alexander Jakhnagiev è un artista europeo. I colori vivaci delle sue opere, le sue coinvolgenti performance e il suo stile dinamico raccontano dell’Europa e delle sue genti, della pluralità che contraddistingue il vecchio continente e che lo ha reso al contempo una culla e un baluardo della libertà, espressiva ed artistica. Un artista di quella Italia Europea che sempre più dobbiamo costruire.
Benedetto Della Vedova Sottosegretario di Stato, Ministero degli Esteri. (foto: Alexander jakhnagiev, Io M’Ammo performance, Sottosuoli performance)

Posted in Estero/world news, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: Contratto, aumento farsa

Posted by fidest press agency su mercoledì, 27 settembre 2017

ministero-finanzeIl finanziamento pubblico è contenuto nella Nota di aggiornamento al Documento di Economia e Finanza che preannuncia la Legge di Bilancio 2018: se si divide la quota stanziata per i 3,1 milioni di dipendenti e dirigenti pubblici, la cifra copre appena 516,12 euro all’anno per il triennio di vacanza contrattuale i cui valori dell’indennità non sono stati ancora adeguati al 50 per cento del costo dell’inflazione registrata dal 2008.Marcello Pacifico (Anief-Cisal): Siamo molto al di sotto rispetto ai 12 miliardi che servivano per adeguare le buste paga dei lavoratori statali, ferme da oltre otto anni, sia all’inflazione, cresciuta nel frattempo di oltre 14 punti percentuali, sia a quelle che vengono percepite da colleghi che svolgono le stesse mansioni in altri comparti lavorativi. Da quando il contratto è sbloccato, ormai da oltre due anni, la cifra doveva provvedere agli aumenti e a riallineare l’inflazione all’aumento del costo della vita intercorso tra il 2008 e il 2015, al 5 per cento. Non sono spiccioli, ma oltre 100 euro a dipendente, a cui va aggiunta una cifra analoga per gli aumenti effettivi. Ciò non è avvenuto. Addirittura per il Mef, la quota di vacanza contrattuale dovrebbe rimanere congelata fino al 2021. È per questo motivo che abbiamo predisposto un ricorso specifico per recuperare l’intero maltolto.
Chi volesse ricorrere contro questo aumento-farsa, può pertanto scaricareformale diffida al Miur, bloccando in tal modo anche la prescrizione, sempre in attesa dell’esito del giudizio della Consulta: l’obiettivo è recuperare il 7% dello stipendio da settembre 2015, come già confermato dalla Corte Costituzionale. Appare invece inutile ricorrere contro il blocco del contratto dopo la sentenza della Consulta.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Precariato scuola: il Consiglio d’Europa dichiara ammissibile il reclamo Anief contro l’Italia

Posted by fidest press agency su mercoledì, 27 settembre 2017

33894_10Il Consiglio d’Europa dichiara ammissibile il reclamo Anief contro l’Italia per abuso di supplenze: il Governo italiano dovrà rispondere entro il 15 novembre. Dichiarato ammissibile il ricorso 146/17. L’associazione sindacale Anief riconosciuta dal Comitato Europeo dei diritti sociali come rappresentativa delle istanze del personale docente e Ata, per la ripetuta violazione della Direttiva 1999/70/ UE, ribadita dalla Legge 107/15 (cosiddetta “Buona scuola”) e delle sentenze della SS. UU. della Cassazione (22552 e ss. 2016). La decisione che ne scaturirà sarà quindi vincolante per le autorità nazionali ai sensi della Carta sociale europea. Trovano quindi credito le tesi dei legali del giovane sindacato che hanno sottolineato come a differenza del settore privato nel pubblico impiego, e in particolare nella scuola, dopo 36 mesi di servizio a tempo determinato in assenza di ragione oggettive non sia consentita la conversione del rapporto di lavoro, ma addirittura l’espulsione dallo stesso mercato del lavoro. Per tutti questi motivi, il sindacato si è rivolto al giudice transnazionale, attraverso un reclamo ad hoc: il nostro Governo, evidentemente cosciente della distanza del suo operato rispetto alle direttive UE, ha quindi deciso di dichiarare irricevibile il reclamo non per i rilievi mossi, ma appellandosi al fatto che l’Anief non risulta ancora rappresentativo. Esaminato il caso, il Comitato UE ha prima rigettato la posizione del nostro Esecutivo e poi giustamente osservato che l’Italia ha ratificato la Carta il 5 luglio 1999, quindi è legata alle sue disposizione dal 1° settembre 1999: il reclamo quindi è motivato. Marcello Pacifico (Anief-Cisal): I tre anni di servizio a tempo determinato rappresentano una sorta di viatico, in presenza di abilitazione e posto libero: vanno considerati come soglia da considerare per l’assunzione a titolo definitivo. E non come blocco da imporre per scongiurare questo diritto. È evidente che il comma 131 della Buona Scuola è stata creata appositamente per aggirare le direttive UE. Per le stesse motivazioni, sempre in Europa, abbiamo avviato la discussione della petizione presso il Parlamento Europeo, la presentazione del reclamo al consiglio d’Europa, ci siamo rivolti alla Cedu, la Corte europea dei diritti dell’Uomo e ora al Comitato Europeo dei diritti sociali. Inoltre, a livello nazionale stiamo valutando se impugnare la Circolare Miur 37381.In attesa che la giustizia europea faccia il suo corso e dopo chela Corte di Giustizia dell’Unione europea ha espresso forti perplessità sul limite dei 12 mesi di risarcimento sanciti dalla Corte di Cassazione (sentenza n. 27384/2016), Anief prosegue i ricorsi gratuiti per attribuire il conferimento dell’indennità di vacanza contrattuale nel periodo 2008-2018. Si ricorda che la violazione della normativa comunitaria riguarda anche la mancata stabilizzazione: si può quindi decidere di ricorrere in tribunale per ottenere scatti di anzianità, il pagamento dei mesi estivi e adeguati risarcimenti. Ai ricorsi sono interessati pure i lavoratori già assunti a tempo indeterminato.

Posted in Diritti/Human rights, scuola/school | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Sedicesima edizione della Fiera Nazionale della Piccola e Media Editoria

Posted by fidest press agency su mercoledì, 27 settembre 2017

Più libri più liberi 2010_Foto di Jacopo Pergameno_Courtesy AIE_Associazione Italiana Editori_PANORAMICA_Roma Si conferma a Roma, dal 6 al 10 dicembre, la sedicesima edizione della Fiera Nazionale della Piccola e Media Editoria, promossa e organizzata dall’Associazione Italiana Editori (AIE). Con un’importante novità: la Fiera abbandona la storica sede del Palazzo dei Congressi per approdare sempre all’Eur al Roma Convention Center La Nuvola, il nuovo centro congressuale di Roma, progettato da Massimiliano e Doriana Fuksas e gestito da Roma Convention Group. La struttura, con i suoi 8000 posti complessivi, un Auditorium in ciliegio americano capace di accogliere 1.800 persone, è una realtà che opera con successo nel mercato mondiale dei congressi e dei grandi eventi, grazie ad eccellenti caratteristiche funzionali e a un valore sia artistico che architettonico molto forte. La nuova sede garantirà quindi un aumento di editori presenti in Fiera e un ambiente più agevole e comodo per i visitatori: i metri quadrati espositivi dedicati agli editori passeranno da 2.000 a 3.500. Un intero piano di 5.000 metri quadri ospiterà invece gli spazi comuni e gli stand collettivi.
“E’ un passaggio che ci rende orgogliosi – ha commentato il presidente di AIE Ricardo Franco Levi -. La nostra Più libri più liberi in un palcoscenico così prestigioso e innovativo consolida la manifestazione come appuntamento fondamentale dell’Associazione, insieme a Tempo di Libri, perché dedicata espressamente alla piccola e media editoria e voluta e sostenuta da tutta l’editoria, grande e piccola”.“Lo spostamento di sede non ha solo una rilevante valenza logistica, ma anche simbolica – ha sottolineato Annamaria Malato, presidente di Più libri più liberi -. La manifestazione culturale più importante della Capitale sarà ospitata nell’opera architettonica più all’avanguardia d’Europa. La manifestazione non muterà il suo carattere di appuntamento esclusivo per l’editoria indipendente, ma tutti gli attori coinvolti, editori e organizzatori, sono da tempo al lavoro per presentare un programma ancora più avvincente delle passate edizioni per accogliere adeguatamente il pubblico di lettori che invaderà la Fiera quest’anno, ancora più numeroso che negli anni passati”.Più libri più liberi sarà il primo evento Grande Pubblico che consentirà a romani e non di visitare l’avveniristica struttura dell’EUR: “Ospitare Più libri più liberi a La Nuvola – ha dichiarato il presidente di EUR SpA e di Roma Convention Group Roberto Diacetti – rappresenta una scelta di successo, finalizzata anche a soddisfare il forte e naturale interesse espresso da quanti non sono operatori del settore meeting e congressi, ma che nei giorni della fiera avranno la possibilità di apprezzare la funzionalità e la bellezza di una struttura congressuale tra le più importanti nel mondo, già diventata un’icona del contemporaneo a Roma. Dal 29 ottobre ad oggi abbiamo già ospitato oltre 20 eventi nazionali ed internazionali e per il 2018 abbiamo già 155 giorni di occupazione, che dimostrano che Roma può e deve crescere come destinazione congressuale e dei grandi eventi, come sarà l’edizione 2017 di Più libri più liberi, per centrare un risultato importante in termini di valore, occupazione e competitività”.
Per accompagnare il cambiamento per la sua sedicesima edizione, Più libri più liberi aggiorna il suo logo, con un restyling curato dalla agenzia di grafica Bunker, e rende il suo segno grafico ancor più moderno e leggero. Centra inoltre la sua campagna di comunicazione sulla bellezza architettonica della Nuvola, attraverso le immagini di Roland Halbe, che ha ritratto le più grandi architetture moderne e contemporanee internazionali.
Più libri più liberi è una manifestazione promossa e organizzata da AIE – Associazione Italiana Editori, con il sostegno del Centro per il libro e la lettura del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo, Regione Lazio, Roma Capitale – Assessorato alla crescita culturale, ICE – Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane e in collaborazione con Biblioteche di Roma, Siae e Atac azienda per i trasporti capitolina.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Impariamo a convivere con le idee altrui

Posted by fidest press agency su mercoledì, 27 settembre 2017

mahatma-gandhiIn questi giorni abbiamo avuto la comprova, ammesso che ci fosse stato bisogno del modo come diventino conflittuali le opinioni e persino la rappresentazione di fatti e circostanze che, per il loro evolversi, si pensa possano avere un solo modo di vederli. Altri, invece, dimostrano il contrario.
Si può essere, ovviamente, in mala fede, ma ciò non cambia la sostanza del ragionamento. Nel corso della sua lunga storia l’umanità si è nutrita di passioni, di conflitti, di gioie e di dolori. Moltitudini di essere umani hanno ucciso e sono stati uccisi dai loro simili per un interesse partigiano, per odi razziali e tribali, per la sete di possesso, per il primato di un principe e per il fanatismo religioso, per la cultura temporale della fede. Abbiamo avuto il secolo delle ideologie aberranti. Ci siamo abbeverati alla fonte delle logiche consumistiche e abbiamo visto il nostro simile come preda da dominare e, all’occorrenza, eliminare.
Alla fine è spuntato il XXI secolo e molti guardandosi dietro sono riusciti ad inorridire per gli orrori compiuti, ma non sono stati capaci di porvi riparo, pur consapevoli che stiamo avviandoci per la strada del non ritorno. Ciò che oggi è più importante che siano consci del perché di tanti insuccessi. E’ perché non abbiamo imparato a convivere con le idee altrui, a rispettarle e a misurarsi con esse poiché non esiste una verità conclamata ma tanti pezzi di verità sparsi per il mondo e che attendono pazientemente d’essere individuati e raccolti come si fa con un puzzle. Noi abbiamo bisogno di uomini come lo è stato Giovanni Paolo II e ancor prima Ghandi e molti altri e, tra questi, potrebbe esserci Papa Francesco. Uomini che fanno paura a chi si trova nel suo elemento guazzando nel torbido. E’ un segnale importante e se anche la loro luce è flebile, nell’oscurità di una notte senza stelle, non dobbiamo perderne la traccia. (Riccardo Alfonso)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il modello italiano di nazione

Posted by fidest press agency su mercoledì, 27 settembre 2017

alcide de gasperiLe grandi nazioni si sono costruite essenzialmente su due modelli, quello legittimistico basato sull’alleanza fra il “trono” e “l’altare” e quello giacobino della “nazione in armi”.
Qual è il modello italiano? Se penso al nostro Risorgimento mi pare impossibile inquadrare la sua evoluzione in uno dei due modelli citati.
D’altra parte la nazione “legittimista” finì con il realizzarsi con il concordato del 1929 che chiudeva la questione romana, identificata da Antonio Gramsci come il problema principale (insieme con quella meridionale) per la realizzazione effettiva dell’unità nazionale. Fu una partenza debole, per le istituzioni liberali, essendo rimaste a lungo prive dell’apporto delle masse cattoliche e contadine. E’ in quella fase che il nazionalismo diventa, proprio perché espressione di élite ristrette, antiparlamentare e potenzialmente eversivo. La rivincita dell’idea della nazione in armi venne con la Resistenza, in cui però le motivazioni patriottiche e quelle classiste non togliatti_gramscisi fusero mai completamente, la lotta sociale s’intrecciò con la guerra civile, e il risultato fu la costruzione di un nuovo Stato e di un nuovo patto costituzionale che prescindeva dall’idea di nazione. Un’altra indicativa svolta l’abbiamo avuta nel 1948, dove i vincitori si raccolsero intorno alla figura di Alcide de Gasperi e i perdenti si sentirono stranieri in patria. Ancora una volta il vento del cambiamento nelle relazioni internazionali dopo la caduta del muro di Berlino nel 1989 riportò in Italia un sostanziale reinserimento delle forze di origine comunista e il loro modo di riconciliarsi pienamente con l’idea di nazione. Oggi, probabilmente, siamo di fronte a nuove forme evolutive del nostro modello di nazione. La sua crescita è in una fase iniziale per cui per il momento è arduo dare una definizione esaustiva. Vedremo nei prossimi anni. Ciò che, tuttavia, mi appare indicativo è che nell’attesa del nuovo corso ci siamo imbattuti in un risveglio dei localismi e delle tendenze separatiste. La verità è che abbiamo fatto poco per dare al sistema paese il suo assetto unitario lasciando che il meridione restasse indietro rispetto agli stimoli innovativi esercitati nel Nord.
Ora questo nodo irrisolto giunge al pettine e potrebbe guastare la festa a quella parte di italiani che sente vivo il sentimento unitario. (Riccardo Alfonso)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Italiani un popolo ingovernabile?

Posted by fidest press agency su mercoledì, 27 settembre 2017

chimeraDalla sua unità è trascorso oltre un secolo e mezzo eppure tutta la sua storia e la cronaca di questi giorni ci danno una nazione divisa anche quando con la dittatura fascista si cercò un’identità unitaria. Fu solo un fuoco di paglia che ci portò di filato in una guerra dalla quale uscimmo malconci ma non redenti.
Diventammo forzatamente democristiani per ragioni di politica internazionale, ma con un partito comunista molto forte e temuto. Con lo sfaldamento della D.C. e dei suoi alleati, negli anni novanta, ci ritrovammo senza una guida ma alla mercé del primo imbonitore di turno. Così costruimmo un altro ventennio, dove fornimmo prova della nostra capacità di sopravvivere agli scandali, alla corruzione, al malgoverno, agli inciuci e alle panzane che ci ammannivano a manca e a destra. Ora ci ritroviamo con i cocci in mano, ma continuiamo a bramare il nostro messia politico e poco importa se ha dei difetti e delle debolezze. E’ lui che ci fa sognare il paese che non è e che non sarà a dispetto della cruda realtà. Per lui ci dividiamo, litighiamo, fanatizziamo e rendiamo sempre più confuso e triste la nostra vita. Non riusciamo ad avere la mente lucida, d’essere consapevoli che non è più il tempo di deleghe in bianco, ma che dobbiamo verificare di persona il mandato che noi affidiamo ai nostri eletti. Dobbiamo avere la consapevolezza di essere un popolo che non ha più la licenza d’inseguire le chimere ma di misurare il futuro con le sue mani e le sue azioni. (Riccardo Alfonso)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il cattolicesimo e le nuove sfide

Posted by fidest press agency su mercoledì, 27 settembre 2017

vaticanoI temi ricorrenti, e non sono solo di questi giorni, sono quelli che più di frequente appaiono anche sui quotidiani di tutto il mondo e si riferiscono alle coppie di fatto, a matrimoni omosessuali, alla riproduzione sessuale in vitro, ai divorzi e più in generale alle nuove provocazioni di “frontiera” della genetica.
La risposta che oggi abbiamo, sia pure articolata in modo diverso, è quella di generale chiusura per il diverso che si prospetta e con un certo irrigidimento delle posizioni in specie in casa del Vaticano. Non dico, a questo punto, che sia un errore fissare dei paletti oltre i quali presumere che si possa giungere a creare confusione di ruoli e perdita di valori etici e religiosi. Tutt’altro. Vi è, in ogni caso, un margine entro il quale occorre ragionare con più ponderazione.
Il timore è pienamente giustificato da parte di chi pensa che, concedendo qualcosa, si finisca con il far franare il castello che si è costruito in secoli di professioni di fede e di dogmi accertati e riconosciuti validi e sperimentati con successo nel tempo a dispetto degli eventi e della loro mutabilità legata, si ritiene, alle mode e non alle certezze alle quali sembravano ancorarsi.
E’ anche vero che una revisione delle “certezze” va fatta sgombrando il campo dall’idea che taluni considerano la religione un sinonimo di “conservazione”, di “tradizione” e che, in virtù di ciò, non accettano il nuovo per partito preso e non per intimo convincimento. Di certo un grande passo papa Giovanni Paolo II, e in una certa misura i suoi predecessori, l’hanno compiuta sul fronte del riconoscimento dei propri errori nei confronti degli altri credi religiosi, ma è ancora poco se vogliamo dare una visione di una Fede che sappia riconoscere i suoi limiti temporali mentre ci parla del trascendente.
Non dico, però, le cose che dovrebbero essere cambiate o i rigori della dottrina che andrebbero smussati, ma suggerisco che se ne parli sia pure a porte chiuse, ma se ne parli anche nei “palazzi” del potere ecclesiastico perché qualcosa è cambiato tra la gente e quel qualcosa merita la dovuta attenzione ed anche riconoscimento. (Riccardo Alfonso)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Idea politica e idea dello Stato

Posted by fidest press agency su mercoledì, 27 settembre 2017

weberL’idea della politica e l’idea dello Stato modernamente inteso, sono oggi in rotta di collisione. E’ una frattura semantica conseguente al riconoscimento dell’asse centrale della società civile, alle multi e interdipendenze, alla razionalità plurale. Il nesso non si trova più concentrato nello Stato, in una classe, struttura, o ceto, ma in ogni soggetto. Il principio di libertà (persona) diritto alla proprietà (natura) s’identifica in un agire dotato di senso solo se rispetta questi due canoni fondazionali, di là della tripartizione del potere che Weber ha proposto: razionale, tradizionale, carismatico.
Lo Stato e l’impresa economica sono i due grandi elementi creati dal mondo moderno. Entrambi sono attraversati dalla politica ma in forma sempre più ridotta, semplice postulato normativo, a una forma di giustificazione del potere esistente. In questo modo, la politica non è più riconoscibile come centro di una società, ma solo come sistema autoreferente senza finalità extra-sociali. Un potere che sempre più s’identifica con il vecchio detto: auctoritas non veritas facit legem. (Riccardo Alfonso)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il linguaggio delle opposizioni in Italia

Posted by fidest press agency su mercoledì, 27 settembre 2017

berlusconiDa venticinque anni a questa parte tutta l’area politica che si richiama al centro sinistra e alla sinistra ha avuto un solo obiettivo quello di accanirsi sulla figura di Silvio Berlusconi. E’ stato identificato come la quintessenza di tutti i mali che hanno funestato la politica italiana di questi ultimi anni. Non intendo, a questo punto, entrare nel merito delle ragioni che motivano tante contrarietà ma mi chiedo se ne è valsa la pena considerato che si è cercato in mille modi di affossarlo ma in altri mille e uno è ritornato alla ribalta più forte di prima. Mi chiedo se è stato un falso obiettivo, un falso problema per chi ha seguito questa stimolo dissacrante che sembra essersi ritorto sui loro dissacratori oppure tanta acrimonia la dobbiamo alla incapacità degli altri di concepire la politica in modo diverso da quello di una mera questione di potere, di primato personale fine a se stesso, di “inciucio” politico.
Tutto ciò, ovviamente, allontana i reali problemi del paese, nella migliore delle ipotesi li mette in ombra e, in pratica, li trasferisce alle generazioni future come se nulla fosse. E’ un modo di fare, se la circostanza ci può consolare, comune a molti altri paesi cosiddetti a democrazia compiuta e no.
Alla fine facciamo la parte di chi vuol distruggere per costruire e non di chi vuol costruire senza distruggere. Se trasferiamo il concetto in chiave politica e guardiamo solo i fatti di casa nostra ci rendiamo conto che l’origine di tutti i nostri mali non è Berlusconi o altri, se guardiamo sul fronte opposto, ma su quei “poteri occulti”, perché si celano alle luci della ribalta, sanno curare solo i loro interessi e hanno bisogno che la politica si goda il suo capro espiatorio, che la politica sbandieri le riforme ma non le faccia o se proprio è costretta finisca con il farle male per offrire l’opportunità ai censori di poter affermare: sarebbe stato meglio non averle fatte e fissando una seria ipoteca sulle altre in gestazione. Vorrei, invece, che fosse restituito alla politica il suo primato che è quello di una società ispirata al bene comune e a una solidarietà partecipata. Il resto è solo fumus. (Riccardo Alfonso)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il mercato taroccato: I falsi

Posted by fidest press agency su mercoledì, 27 settembre 2017

pennaEsiste una produzione industriale mondiale fondata sui “falsi” e i guadagni che ne ricavano sono enormi perché si rivolge a un settore dove i potenziali acquirenti hanno una minore disponibilità di risorse e tendono al risparmio ma al tempo stesso non vogliono rinunciare a taluni beni.
In una trasmissione televisiva è stato fatto un esempio illuminante. Sono state mostrate due penne stilografiche di valore.
L’originale costa 50 euro e la falsa 40 (ma imitata alla perfezione). La prima per produrla occorrono 35 euro mentre per la seconda cinque. L’acquirente per risparmiare dieci euro permette alla filiera dal fabbricante al commerciante di guadagnare 35 euro contro i quindici dell’originale. E’ solo un esempio ma che potremmo fare con i tantissimi prodotti, falsi e originali, che hanno invaso i nostri mercati e ci riferiamo non solo all’Italia ma un po’ ovunque nel mondo. E’ un giro d’affari che ora adotta una tecnica di vendita più raffinata e lucrosa.
Prima si riconoscevano i “falsi” dal prezzo. La differenza era enorme. Ora è stato corretto il tiro. Se riprendiamo l’esempio precedente sappiamo che lo stesso prodotto (la penna stilografica) era venduta al mercato del falso intorno alle 10 euro. Il basso prezzo aveva insospettivo molti acquirenti e da qui lo stratagemma di far apparire il falso come un originale “scontato”. E se i guadagni aumentano, il giro d’affari diventa più allettante e la corruzione dilaga.
Per porvi riparo occorrono più controlli e più consapevolezza per i consumatori che se si può risparmiare con un falso con qualche fronzolo il danno maggiore proviene da quei beni che possono incidere sulla salute e sul nostro benessere: pensiamo ai medicinali, ai prodotti di bellezza, ai giocattoli, agli alimenti. Non solo. Il falso finisce con il danneggiare la nostra economia. Penso al mercato degli occhiali da sole. L’Italia deteneva un primato che oggi è venuto meno e centinaia di piccoli ma efficienti laboratori sono stati costretti alla chiusura. Lo stesso dicasi per l’industria calzaturiera e non sono le sole a soffrirne, lo è anche l’agricoltura nel suo complesso e l’artigianato. D’altra parte non posso pensare che da solo il consumatore possa salvaguardarsi se non interviene, da una parte, il legislatore con norme più severe e, dall’altra, un sistema di controlli più potenziato in uomini e tecnologie. D’altra parte il lassismo di questi ultimi anni ha provocato un danno diretto, con la chiusura delle nostre imprese, e riflesso (compreso il danno salute) di svariati miliardi di euro e questa emorragia deve essere assolutamente fermata. (Riccardo Alfonso)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

I rischi dei passaggi mentali condivisi

Posted by fidest press agency su mercoledì, 27 settembre 2017

platoneUno di questi aspetti è senza dubbio il rischio di entrare in un paesaggio mentale colonizzato. Come, ad esempio, abbiamo vissuto le nostre mutazioni antropologiche o le gestiamo in una situazione particolare? Un esempio illuminante lo abbiamo dal prologo di un dialogo di Platone il “Protagora” nel quale egli mostra come Socrate gestisse una situazione insolita. Immaginiamoci la scena: Ippocrate, figlio di Apollodoro arriva a casa di Socrate e bussa con insistenza alla sua porta. Ha fretta e si fa premura di richiamare l’attenzione di Socrate e Socrate di rimando: cos’è che ti accade, perché vieni a quest’ora? E lui, tutto agitato, gli risponde: “ma come non lo sai? È arrivato Protagora e dobbiamo fare qualcosa.” A questo punto Socrate prende tempo e cerca di far ragionare il suo giovane amico non tanto per impedirgli di andare ad ascoltare Protagora quanto di capire che egli non è il tutto ma solo una parte della conoscenza e in questo modo ci ha impartito una lezione magistrale che regge il suo e il nostro tempo: “consapevolezza delle caratteristiche dell’informazione, accesso all’informazione, disponibilità di una molteplicità di fonti, esame critico e dialogo dell’informazione. Ha creato una vera e propria comunità di apprendimento, di collaborazione. Lui ha scelto il rischio, non si tira indietro, si espone ma lo fa a ragion veduta.
Se ci caliamo da questo pensiero “antico” nella nostra quotidianità mi rendo conto che i nostri maggiori errori stanno proprio nel fatto che non cerchiamo di mettere a frutto la nostra intelligenza per analizzare ciò che più di ogni altra cosa l’anima si nutre: di cognizioni, d’informazioni che assumiamo dall’ambiente, ma lo dobbiamo fare con la mente sgombra da presunzioni, luoghi comuni, da logiche oscurantiste. Come dire, restando all’insegnamento di Socrate, andiamo pure ad ascoltare Protagora, poi però lo discuteremo anche con altri. Significa crescere in un clima di verità nelle relazioni. Il saperlo fare significa sgrossare queste verità dalle false, stereotipate, interessate rappresentazioni in situazioni che sovente nulla c’entrano con il digitale ma rientrano in ambiti familiari e ambienti sociali. E la realtà a volte ci sfugge perché non è complicata come si pensa. Un esempio classico lo posso avere dal film di Rohmer dal titolo “Il raggio verde” tratto dal libro di Verne. Il raggio verde è l’ultimo raggio di sole che in giornate particolarmente limpide si colora di questa tonalità. Alla fine arriva e si tratta di un bellissimo puntino verde.
Tutto qui? E’ valsa l’attesa per questo quasi insignificante “segnale”? Sì, se riusciamo a capirne l’insegnamento. (Riccardo Alfonso)

Posted in Confronti/Your opinions, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il genocidio dei diversi

Posted by fidest press agency su mercoledì, 27 settembre 2017

sinagoga romaOgni volta le pagine della storia grondano di sangue innocente. Penso ai cristiani dati in pasto ai leoni nell’antica Roma, ai bambini handicappati che gli spartani buttavano dalla rupe. Penso alla polizia etnica serba ai danni dei kosovari, alla caccia e alla morte di milioni di ebrei nella civile ed evoluta Germania, alle leggi razziali fasciste, alle migliaia di bambini ebrei che in Francia alcuni funzionari del governo, del maresciallo Pétain, alleato con i nazisti, nella seconda guerra mondiale, denunciavano e mandavano a morire nelle camere a gas. E ancora gli zingari e i disabili e a guerra finita, nel 1945, i nazisti continuavano a trucidare gli ebrei ungheresi che sino a quel momento erano stati dimenticati o se vogliamo risparmiati. E’ stata una mattanza senza soluzione di continuità. Tutti, possiamo dire, ci hanno intinto il pane e ancora oggi i rigurgiti, di tanta bieca violenza, si avvertono qua e là in manifestazioni antisemite, razziste che fanno vittime di ogni genere anche per ragioni religiose tra cristiani e musulmani, tra musulmani ed induisti, tra integralisti musulmani colpevoli di essere sciiti o sunniti. E’ la prova provata che nemmeno le democrazie occidentali oggi restano immuni da questo veleno sottile che s’insinua nelle loro viscere e le rende altrettanto esposte a revanscismi di natura razzista. Perché ancora oggi pregare in una moschea, o in una cattedrale cristiana o in una sinagoga o in un tempio indù fa la differenza e la distinzione nel radicamento della cultura del diverso, dell’esclusivo, del fedele in opposizione all’infedele?
Perché ancora oggi le logiche del consumismo impongono la figura di un essere umano vincente, di una figura super agiata, se non ricca, dai natali doc e si volgono cinici per una selezione della razza che ha tanto il sapore del razzismo nel nome del diverso, dell’escluso, del povero, dell’emarginato. Se noi non superiamo questi limiti di natura religiosa e laica che danno la misura dei nostri egoismi, è difficile poterci considerare costruttori di pace, di fraternità e di solidarietà universale. (Riccardo Alfonso)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »