Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 259

Archive for 6 ottobre 2017

Ultime prove tecniche e soundcheck a Fiuggi in attesa della finale del Cantagiro 2017

Posted by fidest press agency su venerdì, 6 ottobre 2017

cantagiroAl timone della serata, in programma il 7 ottobre a partire dalle 21.30 al Teatro Comunale, Corrado Gentile, conduttore di punta dell’emittente nazionale RDS, e Giulia Carla De Carlo.Dopo mesi di casting, audizioni e selezioni durissime, che hanno portato la carovana di questo storico concorso canoro a percorrere in lungo e in largo lo stivale e raggiungere un centinaio almeno di città sparse in tutte le regioni italiane, manca ormai davvero poco al momento in cui sarà decretato il vincitore assoluto di una delle manifestazioni musicali più longeve d’Italia, che ha sempre animato le estati del bel Paese con tour live e consacrato i successi di tanti big della canzone italiana: da Adriano Celentano, che nel maggio del 1962 la vinse con Stai lontana da me, a Peppino di Capri, da Gianni Morandi a Rita Pavone, e poi ancora Equipe 84, Nomadi, Pooh, Caterina Caselli, Little Tony, Domenico Modugno e Lucio Battisti.
E se nei partecipanti aumenta la tensione in vista della gara di sabato, c’è chi si rilassa perché sul podio c’è già salito nei giorni scorsi.Come l’italo-canadese Robert Olivier, che si è imposto come una delle voci più interessanti della kermesse e si è guadagnato il titolo di vincitore della finale internazionale.Figlio d’arte, ha stracciato tutti sulle note del brano At last di Etta James e dimostrato in tutte le esibizioni ottime capacità canore e interpretative, le stesse che lo hanno portato a Fiuggi dopo una lunga competizione che lo ha visto gareggiante con partecipanti provenienti da diverse parti del globo (dalla Romania alle Filippine, dalla Cambogia alla Norvegia, da Malta a Repubblica Dominicana, Cina e Marocco).“La vera rivelazione di quest’edizione della manifestazione, un testimonial d’eccezione per portare il Cantagiro in tutto il mondo”, come ha commentato subito dopo la consegna del premio il Patron della manifestazione Enzo De Carlo.Robert, però, non è l’unico a godersi la meritata vittoria. Nel corso della settimana, infatti, si sono svolte le finali delle categorie junior e baby. Sul podio, ex aequo, le due coetanee tredicenni, ormai da tempo alle prese con microfoni e spartiti: Laura Aramu, della provincia di Cagliari con il brano dedicato al papà Tu ci sei, e la cosentina Anna Morelli con Adesso parlami.A metterle in luce davanti a una giuria tecnica d’eccezione – composta oltre che da Enzo De Carlo, Elvino Echeoni e Mario Torosantucci, rispettivamente patron, direttore cantagiro5generale e direttore musicale, dall’autore televisivo e regista Sandro Ravagnani – tanta grinta, oltre a indiscusse capacità canore e interpretative.All’emozione di Laura e Anna ha fatto eco quella di altre talentuose giovanissime: le pugliesi Azzurra Barberio, Ludovica del Gaudio e Alessia Bruno, che hanno portato a casa una menzione speciale, ed Elena Chessa, della provincia di Nuoro, che ha vinto il premio folk con il testo Ponte Mannu, scritto in sardo dal noto paroliere Benito Urgu.
Ottima anche la performance del cassanese Vincenzo Pirillo, sette anni. Capelli tirati a lucido e giacca a righe, Vincenzo, appassionato di Morandi, Capossela, Modugno e Carosone, ha conquistato tutti con una professionalità da artista vissuto sulle note di Barbera e Champagne.
“Questi talenti in erba – ha commentato De Carlo – hanno dimostrato capacità e grinta che caratterizzano professionisti”. E’ per questo che alcuni di loro – Sergio Salvini, Gianmarco Gridelli ed Edoardo Guarini, rispettivamente di Cisterna di Latina, Rocca di Papa e Santa Marinella – saranno chiamati a prendere parte alla compilation Disney for peace, che uscirà a dicembre prossimo e che permetterà di raccogliere fondi a favore della ricerca contro la sclerosi multipla.E non è tutto: l’etichetta The Factory Stars produrrà, infatti, una compilation del Cantagiro Junior, che sarà presentata dal 20 al 26 novembre a Milano nel corso della Week Music in collaborazione con la Fipi. Obiettivo principale, oltre che dare ampia diffusione ai brani sui quali i ragazzi si sono cimentati durante questi giorni, contribuire a sviluppare la creatività di questi autori in erba.
cantagiroContinuano a rincorrersi, intanto, le notizie sulle novità dell’edizione in corso.A poco più di mezzo secolo dalla vittoria del “molleggiato” un altro Celentano torna al Cantagiro: questa volta a farlo è Rosita, special guest di questa attesa edizione della manifestazione. Attrice e presentatrice, la Celentano ha anche partecipato al videoclip del singolo Sei Fantastico, firmato dal cantautore, paroliere e polistrumentista Mauro Pina, che proprio sul palco di Fiuggi presenterà il suo ultimo successo, l’album L’ho scritto io. Ma gli ospiti speciali non finiscono qui: al Cantagiro 2017 parteciperanno, infatti, anche Roberta Faccani, ex voce dei Matia Bazar e oggi protagonista, con il suo timbro “black” e graffiante, dei più grandi musical italiani, e Matteo Markus Bok, il giovanissimo cantautore italo-tedesco che, dopo essersi rivelato uno dei protagonisti più talentuosi del programma Italia’s Got Talent con il brano È diventata Primavera, ha riscosso grande successo in Germania e in Austria.Tuttavia queste sono soltanto alcune delle novità firmate da questa edizione della manifestazione, capitanata artisticamente da Danilo Amerio, noto per aver scritto e arrangiato canzoni per i più grandi artisti del nostro panorama musicale italiano. Per festeggiare i 55 anni della kermesse canora è stato, infatti, presentato a Fiuggi anche il libro Il Cantagiro dal 1962 ad oggi. Firmato da Giulia Carla De Carlo e da Jonny Triviani, il volume, che narra la storia dello storico brand, è un interessante focus su un festival che ha raccontato e continua a raccontare la storia di grandi personaggi e nuovi talenti.Ma non è ancora tutto: quest’anno la manifestazione che ha fatto la storia della canzone italiana rientra a gamba tesa tra gli eventi che storicamente possono essere definiti “Festival” nel programma Quando i talent show si chiamavano Festival, organizzato all’interno della programmazione del Milano Music Week di novembre.E infine sbarcherà in diretta streaming e sui social con il nuovo format Cantagiro Chat, un programma di approfondimento condotto dalle giornaliste Giulia Carla De Carlo e Chiara Rai con la regia di Ivan Galea. Cantagiro Chat verrà trasmesso direttamente da Fiuggi, dopo il festival e sulla piattaforma YouTube del quotidiano L’Osservatore d’Italia e contribuirà a rendere ancora più affascinante lo spettacolo musicale. “Ci saranno interviste, backstage e approfondimenti”, assicurano le due conduttrici, che continuano: “Inoltre faremo parlare i cittadini di Fiuggi e sbirceremo dietro le quinte: insomma il divertimento è assicurato”.A questo punto di novità ne manca solo una: il nome del vincitore di quest’anno.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Off-Grid Experts Workshop 2017 – the event for self-sufficient energy attracts a broad audience

Posted by fidest press agency su venerdì, 6 ottobre 2017

workshopMemmingen. The Off-Grid Experts Workshop 2017, an established event in the Off-Grid sector, this time also impresses with tailor-made information about products and innovations and so called „entertrainment“.Under the motto “Switch on Off-Grid” an exclusive circle of 400 experts met for the fifth Off-Grid Experts Workshop 2017 in the end of September. The participants were from Europe, Africa, Middle East, Asia, North and Central America. The established event of the Off-Grid power supply-scene, based on regenerative energy, again took place in Memmingen.Over three days, from Wednesday the 27.09 to Friday the 29.09, it was all about so called insular solutions, means power supply far from the grid. Already in 2015 there was the opportunity for the exhibitors to present their products and solutions to a smaller audience only one day before the start of the event. This opportunity of this Tec-Day was well used and of course repeated in 2017. The first experts arrived on Wednesday to get taught in the technical finesses of several institutions and manufacturers. During these sessions the fair was built with more than 40 exhibitors in the city hall of Memmingen.
Comparing the event of 2015 the amount of eventpartners could be doubled, together with the premium partner Steca and the jubilee partner Studer, there were KfW, Power Blox AG, Morningstar and Victron.
workshop1“We are really happy about the growth of our event, but that was not in the middle of our preparations. We wanted to build up a format that is carried of a relaxed atmosphere where experts can exchange their knowledge. Often those events are really dry, technical and commercial driven. We want to strike that with a positive mood, succeeding with several opportunities for the visitors to participate”, Julia Schluck, responsible for Marketing at the system integrator and wholesaler Phaesun, tells. Phaesun is responsible for the organization of the event since 2011. “For this event we created a new word, which describes our intention best, we call this kind of event ‘entertrainment’. It is a connection of entertainment with effective knowledge transmission. We want to produce as many good memories for the participants as possible.”
Accompanying the exhibition of international manufacturers and institutions the lectures and several side events were in the focus. “It is important for us, to avoid boredom that is the reason why we do a Workshop and no conference in the classical means. The positive reaction of numerous visitors and exhibitors emphasizes this decision. We were told several times that this Workshop is the best fair they have ever visited”, stated Tobias Zwirner, Managing Director of Phaesun GmbH.The idea of Phaesun worked out. With a good atmosphere, sophisticated topics like rural electrification, industrial use, mobile power supply for leisure market, drinking water supply and water purification, as well as latest technologies like fuel cells, were well absorbed. The possibility to put one’s own schedule workshop2supported this success.The organization team of Phaesun succeeded in placing interesting expert lectures, product presentations and latest innovations to make it possible for every participant to schedule their individual program. There were also exciting events like Business Speed Dating, the Hands on Sessions, an Auction of components and the well-established Running Discussion. Like that it was a very colored program.
To make sure that the sophisticated program was well processed, the first evening of the Workshop ended with an exhibitor rodeo. This event offered enough space to deepen the new contacts of the day. There was good food and a rodeo competition for the entertainment of all participants. The winner of defeating the wild bull was Infinite Fingers.
The second day was all about Business Opportunities with Solar Systems (short BOSS), water purification at the Water Forum and remote monitoring of an autonomous system with Infinite Fingers. workshop3The drummer trio Playmobeat loosened the afternoon program with their performance “Energetic Independence”. The audience was included and everybody could check their rhythm together with the three drummers.
Who was still motivated after two Workshop days could be entertained again with Playmobeat on Friday evening, after that the grand Awarding 2017 took place. The winners of the third time given price were this year in category A product: “Most innovative component or solution for Off-Grid power supply/use” MicroEnergy International with their Swarm controller (SOLbox), in category B: project – “Best-in-Class Off-Grid project/initiative in the field of rural electrification, solar water supply or industrial applications” Rafiki Power with their project in Kwa Mtoro, a hybrid system in a container, category C: picture – “Best Picture Energy Independence” again Rafiki Power with “What difference light can make at night” and last but not least, category D: filmlet – best film “Energy Independence” Lagazel with „Manufacturing solar lamps in Africa“. After giving all awards the two DJs from Stuttgart DJs Phonk Ribery and Quincy Jointz started the IndepenDance Night 2017 which ended in the early hours of the following day. (foto: workshop)

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Mostra: motorismo storico

Posted by fidest press agency su venerdì, 6 ottobre 2017

motorismo storicoFiera di Padova dal 26 al 29 ottobre la più importante manifestazione fieristica sul motorismo storico mira a superare il record di 100.000 visitatori dello scorso anno, con 4.500 auto in mostra (molte delle quali in vendita), 1.600 espositori e oltre 90.000 metri quadrati a dare spazio a un vortice di emozioni. Giunta alla sua 34a edizione, Auto e Moto d’Epoca centra l’obiettivo di esporre le più belle auto di ieri, oggi e di domani. Un risultato unico che supera il concetto di salone, trasformando la fiera padovana in un hub della passione. Quest’anno sono in mostra i gioielli d’epoca, le ultime nate a Francoforte e le auto elettriche ed ibride del presente e del futuro. L’insieme di queste tre anime fa di Padova 2017 una fiera unica in Europa: esistono tanti saloni dedicati ai diversi ambiti dell’automobilismo, ma solo a Padova ci si può immergere nella trama dell’auto in tutte le sue sfumature. “Il forte legame con ACI e ACI Storico sottolinea ed avvalora i contenuti che AME è in grado di presentare al pubblico di appassionati di auto e non solo – afferma Mario Carlo Baccaglini, ideatore ed organizzatore di Auto e Moto d’Epoca – puntando su un contenuto fatto di passioni e di cultura, che deve essere custodito e condiviso con le nuove generazioni. Proprio per questo stiamo lavorando a un progetto che va in questa direzione: una community dal nome MyFirstClassic che ha come obiettivo quello di riavvicinare le nuove generazioni all’auto, partendo dalla passione verso le motorismo storico1auto classiche che sono in grado di conciliare il gusto con il portafogli dei più giovani”.La passione è il leitmotiv della presenza di ACI e ACI Storico ad Auto e Moto d’Epoca, che quest’anno si estende a tutto il Padiglione 3, fulcro della manifestazione con un fitto programma di eventi, presentazioni, dibattiti, talk show e premiazioni. Lo sport è fonte inesauribile di passione e ACI punta a valorizzare il primo evento sportivo motoristico nazionale, riscoprendo le sue origini.“La nostra area espositiva verte sul Gran Premio d’Italia di Formula1 – dichiara il presidente dell’Automobile Club d’Italia e di ACI Storico, Angelo Sticchi Damiani – proponendo un’emozionante Monza Experience tra i bolidi che hanno fatto la storia della corsa. A impreziosire lo spazio ci sarà il trofeo originale del primo Gran Premio d’Italia, alzato da Jules Goux nel 1921. Tra gli appuntamenti nell’arena di 120 posti del Padiglione 3 ACI spicca la presentazione del Campionato Italiano Grandi Eventi 2017 con Targa Florio, Coppa d’Oro delle Dolomiti e Gran Premio Nuvolari, oltre a alla giornata di sabato dedicata alla F1, con interventi di Giancarlo Minardi e tanti protagonisti della massima serie mondiale”. (foto: motorismo storico)

Posted in Cronaca/News, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

The Personal Collection of Audrey Hepburn

Posted by fidest press agency su venerdì, 6 ottobre 2017

Audrey HepburnLondon – Christie’s auctions, Part I and Part II, of the personal property of Audrey Hepburn captivated the imagination of a global audience, realising an overall total of £6,053,875/ $8,100,085/ €6,883,255. Comprising 473 lots, the flagship live auction at Christie’s headquarters in London (27 September) and the online sale (19 September to 4 October) attracted registered bidders from a total of 50 countries across 6 continents. Both sales sparked competitive bidding from new and existing clients; in the saleroom, on the telephones, via absentee bids and Christie’s LIVETM in Part I; and via the easily accessible online sale format in Part II. With the success of the Audrey Hepburn online sale, this September saw the highest number of new registrants to Christie’s online since the sales were launched in 2011 and confirms that this platform continues to be the best recruiter of new clients to Christie’s.
Adrian Hume-Sayer, Head of Sale and Director of Private Collections commented: “We are indebted to Audrey Hepburn’s two sons for entrusting Christie’s with this very special collection. Audrey Hepburn is widely acknowledged as one of the greatest icons in the history of both film and fashion. The incredible enthusiasm with which her collection was received bears testament to the enduring strength of her appeal – from Hong Kong to Hollywood the pre-sale exhibitions drew crowds wherever they went, with the London pre-sale events alone drawing in excess of 12,000 visitors. The fervour continued with vigour through both the live and online auctions, with the marathon 10 hour live sale running until midnight. The success of the sales – which saw thousands of her personal possessions across almost 500 lots all find homes – show the immense continued affection for perhaps the greatest British actress the world has seen. Part III of the collection will be offered online in 2018, details will follow in due course.”

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Francoforte: L’editoria italiana si presenta alla 69ma edizione della Buchmesse con 235 editori

Posted by fidest press agency su venerdì, 6 ottobre 2017

francofortelibriFrancoforte dall’11 al 15 ottobre. Lo Spazio Italia, stand collettivo italiano, riunisce quest’anno 118 editori in 500 metri quadrati di spazio espositivo e costituirà la vetrina tricolore alla 69ma edizione del più importante appuntamento internazionale per lo scambio dei diritti editoriali e per la promozione della cultura e dell’editoria italiana all’estero. La Buchmesse attende complessivamente più di 7000 espositori di oltre 100 paesi, con la Francia paese ospite d’onore.La tradizionale collettiva italiana – organizzata dall’Associazione Italiana Editori (AIE), Ministero dello Sviluppo Economico e ICE – Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane – si troverà nella Hall 5.0, stand C36 e C37.Saranno complessivamente 235 gli editori italiani presenti alla Buchmesse. All’interno dello Spazio Italia esporranno 118 case editrici. Tra questi anche gli editori di cui la Regione Lazio e la Regione Piemonte hanno supportato la presenza – il Lazio attraverso l’Assessorato Cultura e Politiche Giovanili, l’Assessorato Sviluppo economico e Attività produttive e LazioInnova (società in house di Regione Lazio), il Piemonte tramite l’Assessorato alla Cultura e Turismo – e che hanno sede nelle rispettive regioni. Presente anche la Sardegna con una rappresentanza di 8 editori gestiti dall’Associazione Editori Sardi.Sarà il Ministro dei Beni delle Attività culturali e del Turismo, Dario Franceschini, in rappresentanza del Governo italiano – accompagnato dal Presidente dell’AIE, Ricardo Franco Levi, l’Ambasciatore d’Italia presso la Repubblica federale di Germania, Pietro Benassi – a inaugurare il padiglione italiano nella giornata di apertura, il 11 ottobre alle 10.30, insieme a tutti gli editori italiani presenti.Sarà l’occasione per presentare alla stampa, italiana e internazionale, il Rapporto sullo stato dell’editoria Italiana 2017.

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Fieracavalli 2017, la passione equestre è di casa a Verona

Posted by fidest press agency su venerdì, 6 ottobre 2017

Maurizio DaneseGiovanni MantovaniVerona. Tremila cavalli di 60 razze, 750 aziende del settore da 25 nazioni, oltre 160mila visitatori attesi in quattro giorni e 210 appuntamenti tra gare sportive, concorsi e show. Alla Fiera di Verona, dal 26 al 29 ottobre, torna Fieracavalli con l’edizione numero 119, presentata oggi a Milano.
Il cambio di data della più importante manifestazione in Europa dedicata al mondo equestre porta con sé anche novità nel programma, ad iniziare da quello sportivo. In primo piano, come sempre, le competizioni più prestigiose a livello nazionale e internazionale, con la 17ª edizione di Jumping Verona, l’unica tappa italiana della Longines FEI World CupTM che vede sfidarsi i binomi del top ranking del salto ostacoli mondiale.Al debutto assoluto a Fieracavalli, invece, la prima edizione del FEI Pony Jumping Trophy, ma anche il rientro a sorpresa, dopo vent’anni, per l’Horseball, lo spettacolare mix tra basket e rugby a cavallo, in scena a Verona con il 1° FIHB KEP Horseball Masters. Cavalieri e amazzoni sono poi impegnati nei CSI 1* e CSI 2, mentre tornano le KUR Dressage con la pluripremiata atleta olimpionica Valentina Truppa.
Non mancano le competizioni targate FISE (Federazione Italiana Sport Equestri), come il Gran Premio delle Regioni U21, la Coppa delle Regioni Pony, il Trofeo Pony, la Coppa dei Campioni Pony e la finale del Progetto Sport. Per respirare l’atmosfera a stelle e strisce, invece, l’appuntamento è con il Westernshow: due interi padiglioni dove assistere alle stock performance e agli speed event.
«Da mercato semestrale dei cavalli di fine ‘800 fino alla moderna Fieracavalli: per quasi 120 anni abbiamo accompagnato l’evoluzione del mondo equestre – commenta Maurizio Danese, presidente di Veronafiere –. Questo perché la rassegna riesce a rappresentare il settore nella sua globalità, promuovendone i comparti allevatoriale, turistico, sportivo e commerciale. Un valore aggiunto unico che conferma la fiera punto di riferimento indiscusso per appassionati, atleti, operatori, istituzioni, federazioni e associazioni».
Oltre che sullo sport, a Fieracavalli i riflettori sono puntati sull’equiturismo, fenomeno in crescita in tutta Europa e che nella sola Italia conta 120mila praticanti assidui, 1 milioni di appassionati stimati e un indotto che raggiunge i 900 milioni di euro. All’interno del padiglione riservato alle vacanze in sella è possibile scoprire itinerari dentro e fuori i confini del nostro Paese, ma anche incontrare maneggi, alberghi e strutture ricettive attrezzate. «Il turismo è una delle principali linee di sviluppo per il futuro del settore equestre – spiega Giovanni Mantovani, direttore generale di Veronafiere –. Come fiera stiamo investendo per far diventare il cavallo una ulteriore leva di marketing per i territori e proprio in Simone Perillooccasione di questa edizione vogliamo presentare il primo master interamente dedicato al turismo equestre, organizzato insieme a European Academy for Rural Territories Hospitality e Ciset-Cà Foscari Università di Venezia».In Fiera, spazio pure al business e al prodotto con le aree dedicate al b2c e al b2b, ma anche all’anima storica della manifestazione, il comparto allevatoriale. Si va dagli esemplari italiani promossi dal ministero delle Politiche agricole (Mipaaf) e dall’Associazione Italiana Allevatori (AIA), ai cavalli iberici e frisoni, fino agli appaloosa, paint e quarter dell’epopea western. Qui fa il grande ritorno anche il cavallo arabo con Anica, l’Associazione Nazionale Italiana del Cavallo Arabo. Via libera al divertimento nell’area dedicata ai bambini, ma anche durante le Notti di Fieracavalli, l’offerta di intrattenimento non stop dal giovedì al sabato, fino alle 23. Da non perdere il Gala d’Oro serale Magnifique, che vede come guest star, Lorenzo, “il cavaliere volante”.«Quella con Fieracavalli è una partnership strategica, fondamentale per la Federazione e per l’intera filiera equestre nazionale – sottolinea Simone Perillo, Segretario Generale della Fise –. Avere a Verona un momento di incontro che riunisce al contempo allevatori, sportivi e imprese, testimonia la forza e la vitalità del comparto». (foto: Maurizio Danese, Giovanni Mantovani, Simone Perillo)

Posted in Cronaca/News, recensione | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La Digital Enterprise Platform di Interoute si aggiudica due premi ai Computing Magazine Award

Posted by fidest press agency su venerdì, 6 ottobre 2017

CTGDOEA17-logo WINNERSRoma. Interoute, l’operatore proprietario di una piattaforma di servizi cloud globale e del più grande network in Europa, è vincitrice nelle categorie Cloud Integration Product of the Year e Best Software-Defined Product del premio Cloud Excellence Awards di quest’anno. L’evento incorona le migliori aziende del settore cloud del Regno Unito, e ha premiato il prodotto Digital Enterprise Platform (EDP) perché in grado di velocizzare l’adozione del cloud, delle applicazioni e di accrescere i livelli di sicurezza.
EDP di Interoute si è distinta per l’offerta di infrastruttura cloud completamente integrata con una rete a bassa latenza e alto throughput, che consente alle applicazioni di essere inserite in prossimità dell’utilizzatore finale, garantendo così performance di livello superiore. La piattaforma, multicloud e software-defined network, consente inoltre di integrare gli investimenti legacy in tecnologia, evitando il re-factoring delle applicazioni. È quindi possibile aggiungere, cancellare, cambiare oppure replicare i servizi mediante il codice, e senza operazioni aggiuntive, attraverso un portale web o API, grazie al controllo diretto sulle infrastrutture globali di computing, archiviazione e rete del cliente.“Il premio Cloud Excellence Award vede la partecipazione di alcune tra le migliori aziende del settore cloud”, afferma Matthew Finnie, CTO di Interoute. “Siamo un’organizzazione costantemente impegnata per dare il meglio, e proprio per questo ci concentriamo sull’innovazione e sulla qualità del supporto che offriamo ai nostri clienti, a livello globale. Sono molto lieto che la nostra Digital Enterprise Platform sia stata premiata non solo come miglior soluzione per l’integrazione del cloud, ma anche come vero e proprio prodotto leader nella categoria software defined.” I Cloud Excellence Award di Computing Magazine sono stati ideati per premiare le aziende leader nel settore cloud. I finalisti sono stati selezionati con criteri che partono dalle caratteristiche del prodotto, fino ad arrivare al livello di innovazione e agli esempi concreti riguardo il modo in cui il prodotto cambia il rapporto tra le aziende e il cloud. La giuria che ha scelto i vincitori era composta da analisti del settore ed esperti in materia di cloud e computing. Questo ulteriore riconoscimento va a sommarsi a quello di Leader del Magic Quadrant di Gartner nella categoria Managed Hybrid Cloud Hosting Europa, ricevuto dall’azienda pochi mesi fa. Il prodotto EDP di Interoute abbraccia 17 Virtual Data Centre, disseminati in 12 Paesi e in diversi continenti. Ognuno di questi Virtual Data Centre si trova all’interno della rete ampia, globale e ad alte prestazioni di Interoute. (foto: winner)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“La Vendemmia a Torino – Grapes in Town”

Posted by fidest press agency su venerdì, 6 ottobre 2017

Palazzo_CisternaTorino Palazzo Dal Pozzo della Cisterna, sede della Città Metropolitana, uno degli edifici di maggior pregio del centro storico di Torino, sarà coinvolto negli eventi e nelle proposte commerciali e culturali de “La Vendemmia a Torino – Grapes in Town”.Nell’antiscalone del piano terreno, ai piedi del monumentale scalone del palazzo che appartenne alla famiglia Savoia Aosta sino al 1940, esporranno e proporranno in degustazione le loro eccellenze vitivinicole il Consorzio Tutela del Gavi, il Consorzio Tutela Nebbioli Alto Piemonte, l’Associazione produttori del Ruché di Castagnole Monferrrato DOCG, la cantina sociale Vignaioli del Tortonese, l’azienda Filari di Luna, il Consorzio Ovada DOCG.
I visitatori potranno ammirare il dipinto “La Vigna”, un omaggio della pittrice Angela Sepe a Cesare Pavese, al libro “La Luna e i falò”, alle Langhe e al Monferrato. Inoltre sarà esposta l’installazione dell’artista Camillo Clauser, ispirata ai ceppi di una vigna e creata nell’ambito del progetto “Vino e Arte” per l’azienda agricola Sant’ Anna dei Bricchetti. I lavori di Clauser traggono ispirazione dal legno e dalle viti, dal paesaggio dei vigneti e delle colline. Nelle sue opere la natura e l’arte si fondono in un mix complesso di segni e aprono una porta alla riscoperta poetica della natura. Clauser utilizza fogli di corteccia invece della carta o della tela: una superficie suggestiva, caratterizzata talvolta da una struttura complessa. La sua sperimentazione è iniziata utilizzando spezie, erbe e pigmenti in combinazione con colori a guazzo e acrilici. Ne sono nate immagini che rimandano alla natura, alle passeggiate, al lavoro nei campi, alle ferie e ai paesaggi.
etichette_viniIstruzione_Vini_PiemonteDi notevole interesse anche le tre teche in cui verranno collocati alcuni preziosi cimeli librari custoditi dalla Biblioteca di Storia e Cultura del Piemonte “Giuseppe Grosso”, che ha sede a Palazzo Cisterna. Il volume più antico è “L’ art de faire, d’ameliorer, et de conserver les vins, ou le parfait vigneron; contenant la meilleure maniere de les preparer, de prevenir, et de remedier aux alterations auxquelles ils sont sujets, et de reconnaitre ceux qui sont frelates. Ouvrage suivi d’un recueil d’environ 150 recettes necessaires a ceux qui veulent faire voyager ou garder long-tems toutes sortes de vins, tant du Piemont, France, que d’Espagne, de Canarie, du Rhin, de Malaga, de Gascogne, de Malvoisie, &c”, Turin, chez les Freres Reycends, 1783. Le altre opere che saranno esposte sono: “Guida pratica alla vinificazione. Vini rossi vini bianchi” di V. Cauda e O. Botteri, edita a Torino dai manuale_vinificazioneFratelli Bocca nel 1876; “Come si fabbrica il buon vino : norme pratiche per la preparazione dei vini da pasto” di F. Ravizza, pubblicato nel Giornale di agricoltura pratica ad Asti nel 1899; “Istruzione intorno al miglior modo di fare e conservare i vini in Piemonte”, di Paolo Francesco Staglieno, Torino, coi tipi di Giuseppe Pomba e c., 1837; “Il vino. Undici conferenze fatte nell’inverno dell’anno 1880 da Arturo Graf e altri”, Torino, Loescher, 1890; “La viticoltura e l’enologia. Museo Martini di storia dell’enologia, Pessione, 25 febbraio 1978”, Associazione Museo dell’agricoltura del Piemonte, stampa 1978; “Vino al vino” di Mario Soldati, con 51 fotografie a colori di Wolfango Soldati, Milano, Mondadori, 1969; “I vini del Piemonte”, di Dina Rebaudengo Torino, Edizioni dell’Albero, 1966; “I vini d’Italia” di Luigi Veronelli con testimonianze di Piero Accolti e altri, Roma, Canesi, 1961; “Storia regionale della vite e del vino in Italia: Piemonte”, di Pierstefano Berta e Giusi Mainardi, Milano, Unione italiana vini, 1997; “I patriarchi del vino”, immagini di Gian Paolo Cavallero, testo di Gigi Marsico, grafica di Angelo Agazzani, Alba, Ferrero, 1976. (foto: palazzo cisterna, etichette_vini, manuale_vinificazione, Istruzione_Vini_Piemonte)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Beni Culturali: Fp Cgil, per Reggia Caserta urgente piano manutenzione e maggior personale

Posted by fidest press agency su venerdì, 6 ottobre 2017

Reggia-e-Caserta-dallalto“Un monumento, per poter essere valorizzato, deve essere anzitutto conservato e tutelato. Per questa ragione è urgente investire nella manutenzione della Reggia di Caserta e nel personale, perché è di interesse generale far fruire a tutti il sito culturale senza comprometterne la tutela e la sicurezza”. Ad affermarlo è la Funzione Pubblica Cgil Nazionale nel chiedere l’apertura di un confronto tra sindacati, il ministero guidato da Dario Franceschini, la Regione Campania e il direttore del sito casertano, Mauro Felicori. La categoria dei lavoratori dei servizi pubblici della Cgil precisa: “Non inseguiamo polemiche né tantomeno strumentalizzazioni, le nostre denunce si legano principalmente alla tutela del sito e delle lavoratrici e dei lavoratori interessati. A Caserta, ma non solo, l’organico è insufficiente, servono incrementi di personale di vigilanza, amministrativo e tecnico. Così come sul versante della sicurezza vogliamo conoscere a che punto è l’attuazione del piano di salvaguardia del sito, la dotazione degli impianti di video sorveglianza, la gestione della sua tutela a fronte dell’aumento dei visitatori, con afflussi magari regolamentati”. Questioni concrete, sottolinea la Funzione Pubblica Cgil, “lontane da strumentali polemiche, che vogliamo siano affrontate con urgenza, a partire dalla convocazione di un tavolo che veda riuniti i sindacati, il Mibact, la Regione e il direttore della Reggia Felicori, perché sia dia impulso alle questioni denunciate e si adottino subito le soluzioni migliori per evitare la prossima annunciata emergenza”, conclude la Fp Cgil.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il debito pubblico e gli “effetti ottici”

Posted by fidest press agency su venerdì, 6 ottobre 2017

banca centrale europea“I miglioramenti di cui il governo favoleggia sono frutto di un’illusione ottica volontaria. È la Banca d’Italia a svelare il mistero quando dice che l’aumento del PIL italiano dipende per l’80 per cento, dalle politiche espansive della Banca centrale europea, il quantitative easing”. È quanto ha affermato il capogruppo di Fratelli d’Italia-Alleanza nazionale Fabio Rampelli intervenendo in aula in dichiarazione di voto sulle risoluzioni della nota di aggiornamento del Def. “Il debito – ha aggiunto – continua ad aumentare sforando i 2.300 miliardi, e con una spesa pubblica cresciuta senza sosta. Questo è il Governo che ha il maggiore aumento giornaliero del debito pubblico. I livelli di disoccupazione in Italia rimangono tra i più elevati d’Europa e la loro riduzione, come ha affermato anche la BCE, non è assolutamente significativa”.
“Il PIL rispetto a dieci anni fa è inferiore del 6/7 per cento, rispetto al 2008, il monte ore lavorate è sceso di ben un miliardo di ore; è aumentato il part time, spesso involontario. Le retribuzioni, al netto dell’inflazione, sono scese del 3,4 per cento. Gli enti locali sono sul lastrico; province e città metropolitane versano in condizioni drammatiche; le province sono massacrate dalla riforma Delrio, non riescono a funzionare e a garantire i servizi e vivono nel caos istituzionale”. “Per queste ragioni- ha concluso il capogruppo- votiamo no alla richiesta di scostamento dei conti presentato in questo Def”

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Cyber-crime: Cefriel, “Fattore umano fondamentale per prevenire attacchi informatici”

Posted by fidest press agency su venerdì, 6 ottobre 2017

computer-security“Oltre a un ingente piano di investimenti in cyber-security è necessario un progetto di formazione per cambiare l’approccio culturale”. Lo afferma Raoul Brenna, responsabile della Practice Security del centro per l’innovazione digitale Cefriel (società partecipata da università, imprese e pubbliche amministrazioni che realizza progetti di innovazione digitale e di sviluppo delle del capitale umano ) e docente del Master in “Information Security Management” commentando l’ultimo rapporto Clusit. “I dati dimostrano che la crescita esponenziale di attacchi informatici non può prescindere dall’elemento umano. Da test di phishing che Cefriel ha effettuato su più di 20 imprese per 40mila persone coinvolte in tutta Europa risulta che oltre il 60% clicca su link ingannevoli presenti nella mail mentre il 40% arriva a cedere le proprie credenziali senza verificare la veridicità del mittente. Sorprende ancora di più il fatto che la grande maggioranza di questi fenomeni accade nei primi 20 minuti dal ricevimento della mail stessa” (Andrea Schieppati Sec Spa)

Posted in Diritti/Human rights, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | 1 Comment »

Roma: grande serata molisana

Posted by fidest press agency su venerdì, 6 ottobre 2017

moliseRoma venerdì 10 novembre 2017 Salone Cna, via Guglielmo Massaia 31, Roma (Ostiense/Garbatella). Grande serata molisana. A cura di Forche Caudine e Cna in collaborazione con l’Associazione Amici di Capracotta. Presentazione dei libri: “Guida del Molise” a cura del quotidiano La Repubblica, “A la Mèrɘca”, storia degli emigrati capracottesi nel Nuovo Mondo e “Il cappotto di quarta mano” di Sebastiano Di Rienzo. Interverranno, oltre agli autori: Lorenzo Tagliavanti (presidente della Camera di Commercio di Roma), Giampiero Castellotti (giornalista, presidente di “Forche Caudine”), Domenico Di Nucci (presidente dell’associazione Amici di Capracotta), Giuseppe Cerasa (coordinatore delle guide regionali di Repubblica), Maria Stella Rossi (giornalista). E’ stata invitata la scrittrice Chiara Gamberale. Previsto buffet di prodotti molisani dell’Alto Molise.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Online l’avviso pubblico per la “Festa di Roma”

Posted by fidest press agency su venerdì, 6 ottobre 2017

Circo MassimoIl Capodanno 2018 sarà una “Festa di Roma” che si svolgerà per 24 ore e andrà da Lungotevere Aventino al Roseto Comunale passando per i ponti vicini al Circo Massimo. Alla realizzazione della Festa interverranno tutte le istituzioni culturali partecipate dal Comune e il programma sarà coordinato dalle istituzioni e dagli enti del consolidato culturale capitolino.Partendo dalle linee strategiche delineate dalla delibera approvata lo scorso settembre, è stato pubblicato sull’Albo Pretorio e sul sito del Dipartimento Attività Culturali l’avviso pubblico per la “Festa di Roma” per il Capodanno 2018, con il quale il Comune verificherà la disponibilità di partner privati alla realizzazione esclusivamente per l’evento del Circo Massimo, prendendo spunto dagli spettacoli di circo e arte già realizzati lo scorso anno. L’evento al Circo Massimo si svolgerà a partire dalle 21,00 del 31 gennaio 2017 fino alle 02,00 del 1 gennaio 2018 e sarà ad ingresso gratuito per il pubblico.”Sarà una festa sui ponti sul modello dell’anno scorso. Questa volta il Capodanno 2018 lo stiamo organizzando nella zona vicino al Circo Massimo”, spiega il Vicesindaco con delega alla Crescita Culturale Luca Bergamo.Il primo in graduatoria di merito avrà accesso a diversi benefici indiretti come l’occupazione di suolo pubblico e il canone di Roma Capitale e potrà realizzare attività di natura commerciale. Inoltre, la proposta progettuale potrà proporre attività anche su base triennale (2018-2020).

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

L’italiano è una lingua in rottamazione?

Posted by fidest press agency su venerdì, 6 ottobre 2017

dantedi Pietro Di Muccio de Quattro. Negli ultimi tempi è tornata d’attualità la questione dell’italiano, inteso come lingua. I professori d’università hanno dichiarato che le tesi di laurea sono scritte con i piedi. Il conseguente dibattito è durato un paio di giorni. Quasi nessun interesse tra il grosso pubblico. Il declino dell’Italia è comprovato più dall’indifferenza della nazione verso il suo idioma che dall’impoverimento dell’economia a colpi di debito pubblico.
“Torniamo alla grammatica e alla sintassi”, hanno invocato taluni accademici, riecheggiando il “Torniamo allo statuto” di sonniniana memoria. L’ironia della storia, forse l’unica rimastaci, vuole però che i censori della lingua adoperata dai laureandi di oggi siano i laureati di quelle università che contribuirono a devastarla. Inseminò anche la cultura delle classi dirigenti, che a loro volta elaborarono una neolingua egualmente tortuosa, approssimativa, verbosa, oscura, tuttavia distinta in branche specialistiche: il politichese, il burocratese, il sindacalese, che da allora hanno soppiantato la potente lingua di Dante e Machiavelli e il levigato nitore di Manzoni.
Gli studenti universitari di oggi sono figli e nipoti legittimi delle istituzioni culturali che quelle classi dirigenti, proprio perché tali, plasmarono. Ne esistono prove clamorose. Se confrontiamo l’oratoria parlamentare restiamo impressionati, pur con le dovute eccezioni, dall’impoverimento dei discorsi, delle argomentazioni, dell’eloquenza. Se scendiamo dall’empireo della politica e saliamo su un tram, troviamo che annullare un biglietto non è più possibile: dobbiamo munirci di un ticket e obliterarlo, mentre obliteratrice è il nuovo nome del congegno che vi provvede, sebbene rimandi ad una geisha esperta nel farci dimenticare il controllore. Quindi non più solo una questione di grammatica e sintassi, purtroppo. Esse sono fondamentali, come gli elementi per i composti chimici. Senza, non possono costruirsi le sostanze. Senza, non può parlarsi e scrivere con sostanza. Eppure, esprimersi in modo formalmente corretto non basta se sostanzialmente oscuro, come quando utilizziamo elementi che non si combinano. L’incomprensibilità dell’eloquio e, peggio ancora, della scrittura dipende bensì dall’ignoranza delle regole del linguaggio ma pure da cervelli non allenati a comunicare per farsi capire perché disabituati, nelle scuole e nelle università, a padroneggiare la lingua, a ragionare, ad esporre con senso compiuto. Rem tene, verba sequentur, diceva Catone il Censore, avallato da Cicerone. Significa che, se possiedi i concetti, le parole adatte ad esprimerli ti verranno naturalmente.
Dunque la chiarezza è frutto della conoscenza, sia della lingua, sia dei contenuti. Se le parole, le accezioni, le frasi sono sbagliate e intorcinate; se tutto il linguaggio lascia a desiderare; se la manifestazione del pensiero non serve a manifestarlo ma a nasconderlo quando esista, tutta la società dovrebbe domandarsi dove ha sbagliato. Se i docenti, a partire dai professori di università, lasciano, ciò nonostante, i discenti arrampicarsi fino alle lauree, che diritto hanno di dolersi del raglio dei somari che allevano?
Se ne avessi la voglia e il tempo, scriverei un piccolo dizionario degli inglesismi ad uso degl’Italiani vantoni. Proprio quelli che più dovrebbero averla a cuore, la lingua italiana, sono tra i suoi principali distruttori. Per pigrizia, piaggeria, sfoggio, politici e giornalisti, quotidianamente, sui mezzi di comunicazione sgretolano la nostra bella lingua e la infarciscono d’inutili quanto incomprensibili vocaboli ed espressioni inglesi.
Cosa diventa un popolo quando i comunicatori adulterano la lingua madre e adoperano un gergo comprensibile solo nella cerchia degli utilizzatori? Senza la lingua nazionale anche la nazione perde i connotati. La classe dirigente ha accettato bovinamente, salvo poche flebili voci dissenzienti, perfino che qualche facoltà universitaria impartisse tutte le discipline solo, dico solo, in inglese, alla stregua di un “college”. Addirittura un liceo classico, dico classico, pare che insegnerà le materie in inglese. Così avremo il latino e il greco impartiti in inglese, anziché in latino e greco, come sarebbe ideale! Nella stragrande maggioranza dei casi, l’inglesismo è inutile. Adoperarlo denota non solo vanità, ma soprattutto ristrettezza mentale e mancanza di rispetto verso chi ascolta o legge. Questa mancanza di rispetto è tanto più grave considerando che l’italiano parlato si è impoverito in modo drammatico. Sono troppi ormai i connazionali che usano solo i vocaboli essenziali della vita e che stanno poco oltre la soglia dell’alfabetizzazione, tant’è che leggono poco e capiscono ancor meno la lingua scritta. Chi si abbuffa d’inglesismi appare alla moda, ma resta incolto, oltre a dare da sé dimostrazione di essere orecchiante sia d’inglese sia d’italiano. Ottima cosa insegnare ottimo inglese fin dalle elementari, ma giammai in sostituzione o a discapito dell’italiano, che invece andrebbe portato al massimo livello, mentre tende a diventare lingua morta in patria, sebbene riviva, ecco il paradosso, all’estero. (fonte: http://www.societalibera.org)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

M5S non è un valore aggiunto

Posted by fidest press agency su venerdì, 6 ottobre 2017

montecitorioNon lo è per gli altri partiti nel momento in cui trattano i loro membri, presenti nei due rami del Parlamento, come una loro creatura, nonostante ritengano sia stata “estorta” col voto degli italiani. Da qui emerge, ad esempio, il “buonismo” di Bersani quando anni fa nell’incontro pubblico con i capi gruppo della Camera del M5S sembrava voler dire: “ragazzi” lo so che siete una nostra costola e allora comportatevi di conseguenza invece di “giocare” al bastian contrario. Si sbagliava Bersani, ma non è stato il solo. Anche in casa Forza Italia, leghisti ecc., la pensano allo stesso modo.
Il M5S è indubbiamente l’espressione di un trasversalismo conseguente alla cattiva gestione della politica negli affari di Stato ma non può essere trasformato in un’operazione aritmetica da parte di chi per anni ha sguazzato nel torbido. Sappiamo che allora si scelse diversamente perchè chi lascia la strada vecchia per la nuova sa quel che lascia ma ma non sa quello che trova, secondo l’antico saggio.
Così è avvenuto e ci siamo imbattuti dal 2013 ad oggi in tre governi a guida Pd: Enrico Letta, Matteo Renzi e Paolo Gentiloni. Come dire: mettiamoli alla prova e vediamo se sono capaci di saper fare ciò che affermano ma si devono impegnare a impiegare un loro percorso virtuoso in tempi rigidamente prefissati, pena la sfiducia. Questo mi pare un compromesso forse discutibile ma logico secondo un certo modo di vedere la politica, anche da parte di chi ha fatto della protesta e della diffidenza il suo naturale cavallo di battaglia. Ora spetta agli elettori capire se la fiducia che fu accordata cinque anni fa può essere rinnovata o se sia il caso di cambiare cavallo e offrire al Movimento5 stelle, che continua a viaggiare da solo, o alla coalizione un po’ raffazionata del Centro destra a guida berlusconiana un nuovo mandato per farci governare. (Riccardo Alfonso)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Miseria e nobiltà

Posted by fidest press agency su venerdì, 6 ottobre 2017

stadio-romaPrendo lo spunto per una notizia di cronaca di anni fa che si riferiva all’intenzione dei calciatori di scioperare ritenendosi lesi nei loro diritti dalle società sportive di appartenenza. L’opinione pubblica di allora accolse tale annuncio con molte severe critiche e non furono pochi coloro che puntarono il dito sul fatto che i giocatori dovevano sentirsi dei privilegiati per quanto guadagnavano sfruttando la passione e le debolezze dei tifosi. A questo punto mi sono chiesto: ma non siamo noi che affolliamo gli stadi, ci abboniamo alle reti televisive private e stimoliamo i club ad acquistare giocatori super pagati, super ingaggiati pur di vedere la nostra squadra svettare ai primi posti in classifica? Se ora c’indigniamo per ciò che vorrebbero fare chi potrebbe non pensare che lo facciamo perché ci viene sottratto il nostro balocco da bambini viziati? Non dovremmo, invece, farlo noi uno sciopero da tifosi, sportivi e curiosi disertando gli stadi e rinunciando agli abbonamenti per le partite in Tv? E più in generale non ci manca il senso della proporzione pensando che milioni di persone muoiono o soffrono la fame nel mondo, sono privi di assistenza sanitaria e senza una casa come riparo eppure basterebbe per loro poco per vivere in maniera meno precaria? E’ che la nostra società è stata drogata dalle logiche consumistiche, dalla sete di avere e di possedere anche se questo significa privare del necessario il nostro simile. Lui è in partenza un perdente, ma noi non lo siamo: abbiamo un lavoro, una casa e un conto in banca. In questo avido e frenetico modo di vivere abbiamo perso la misura delle cose, il senso della vita, i reali valori dell’appartenenza. Non siamo per il nostro vicino come dovremmo l’homo homini amicus ma l’homo homini lupus e mi chiedo sino a che punto sarà possibile andare avanti volendo negare la realtà in nome dell’ipocrisia. (Riccardo Alfonso)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Misuriamoci sui valori

Posted by fidest press agency su venerdì, 6 ottobre 2017

gentiloniOggi è solo una questione di leadership? Dovremmo sfogliare la margherita tra D’Alema e Renzi o Paolo Gentiloni e Di Maio o ancora Enrico Letta o Berlusconi? oppure continuare a fare nomi dalla Meloni a Salvini? E’ questa la vera ragione del contendere? E i contenuti dove li mettiamo? Ma a molti non manca la percezione che si possa trattare di un’armata Brancaleone, pronta a sfaldarsi alla prima raffica di vento. Diverso sarebbe il discorso se i vari personaggi citati o altri dell’ultima ora prima di incrociare i guantoni sul ring mostrassero al popolo degli elettori un programma e su quello costruire la figura di un uomo o di una donna capaci di non menarci come sempre il can per l’aia. Per il programma dovremmo renderci fautori di un nuovo concept della società per essere certi che i valori fondanti possano essere garantiti a “prescindere”. Ma quali possono essere questi valori? E’ presto detto. Noi abbiamo reso sacro il diritto alla vita e noi aggiungiamo un’altra sacralità: il diritto a vivere. E come si può se noi non assicuriamo a tutti i nuovi venuti il diritto all’assistenza, ad alimentarsi, allo studio, al lavoro e ad avere un tetto sotto di cui ripararsi? Le altre cose possono essere degli optional, bene se vi sono ma non necessariamente. E’ questo l’impegno “sacro e irrinunciabile” che le generazioni esistenti devono garantire ai nuovi venuti indipendentemente da chi ha dato loro i natali e in quale regione del mondo si trovino. Se è questo il biglietto d’ingresso alla vita per vivere dignitosamente la limitazione delle nascite è subordinata alla nostra capacità di assicurare il poi al nascituro. E le risorse? Incominciamo a chiederci quanto si spende nel mondo nel guerreggiare, nell’esercitare la violenza, nel commercio delle droghe e nell’impegno spesso vano di contrastarne il commercio, nel permettere che il 20% della popolazione mondiale possa beneficiare dell’80% delle risorse esistenti mentre il restante 80% deve accontentarsi dei resti e gli effetti si vedono senza andare molto lontani dalle nostre città con le bidonville, i quartieri degradati, la povertà diffusa nella quale non vi è diritto d’accesso all’assistenza, alla casa, ad alimentarsi, ad avere un lavoro ecc. E questo dovrebbe essere un messaggio vincente sia per l’idea di una nuova evangelizzazione degli spiriti così come dovrebbe esserlo per la materia, tra il confessionale e il laico. (Riccardo Alfonso)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

After a bite of Apple, Margrethe Vestager targets another tech giant

Posted by fidest press agency su venerdì, 6 ottobre 2017

margretheMARGRETHE VESTAGER’S assault on technology firms she deems to have improperly massaged down their tax bills continued this week with a tilt at Amazon. The internet retailer faces a bill of €250m ($293m) for back taxes over what the European Union’s competition commissioner considers to have been an illegal sweetheart deal with Luxembourg. The order requiring the Grand Duchy to recover the money follows a well-publicised three-year investigation. It is the latest in a series of tax-avoidance cases brought by the European Commission against multinationals, most of them American. Last year, Ireland was ordered to recover €13bn from Apple—smashing all past records for EU corporate-tax cases. As with Apple, the commission concluded that Amazon received illegal state aid—in the retailer’s case between 2006 and 2014—through a tax-cutting arrangement that was unavailable to its rivals. This came in the form of a ruling from Luxembourg’s tax authority, known as a “comfort letter”. Amazon accordingly moved intellectual property of various types into a Luxembourg partnership that served as an intermediary between Amazon’s European operations—whose headquarters was a separate Luxembourg entity—and its American parent. As a partnership, the go-between was not subject to tax under Luxembourg law (the statutory corporate rate is 29.22%). The European operating company was.The operating company was required to pay to the partnership substantial royalties for, among other things, the right to use the Amazon name, thereby shifting lots of profit to the untaxed entity. The commission argues that the level of royalty payments was inflated and did not reflect economic reality. It says the arrangement allowed Amazon to avoid tax on three-quarters of all profits on its sales in the EU (which the company does not disclose).Both Luxembourg and Amazon deny wrongdoing. Luxembourg’s authorities have said before that Amazon chose to put its main European operations in the tiny landlocked country for a variety of reasons, tax not being the main one. They have also pointed out that its operations in Luxembourg are hardly empty shell companies: the company employs over 1,500 people there (though the IP-holding partnership, which no longer exists, had no employees or offices). Amazon says it did not receive special treatment and is considering an appeal.This week’s order could stoke transatlantic tensions. After the Apple ruling last year, American politicians queued up to echo the sentiments of Tim Cook, the firm’s boss, who derided Ms Vestager’s action as “total political crap”. Many of them saw Brussels’s tax probes as being driven by tech-envy, not sound economics. Washington hinted at retaliation, though nothing specific has been tabled.The commission’s critics have a point. The details of the case are complex, and tax experts will disagree about the legality of the arrangements under the spotlight, just as they did with Apple. Few would deny that the frayed patchwork of international corporate-tax rules need reforming; one proposal, espoused by President Emmanuel Macron of France and supported by several other EU countries, would see multinationals taxed on revenues in particular territories instead of on profits. However, punishing a company for a 14-year-old ruling from a national government, happily accepted by both sides at the time, looks harsh. The uncertainty it stokes may also dampen foreign investors’ interest in Europe.Ms Vestager’s ruling will add to the discomfort felt by Jean-Claude Juncker, the commission’s president, who was prime minister of Luxembourg when the tax arrangement in question was hammered out. Mr Juncker has been widely pilloried for having run a government that sucked tax revenue from neighbouring countries through behind-closed-doors deals with big companies. He has been on the back foot since the “LuxLeaks” revelations in 2014, which exposed hundreds of cushy deals with multinationals. In the wake of that data breach, Luxembourg and other EU member states agreed to start systematically providing each other with detailed information about such arrangements.
American firms should brace for further scrutiny of past tax deals. The commission is also looking into the tax affairs of McDonald’s and FiatChrysler in Luxembourg, and those of Starbucks in the Netherlands. The only non-American firm known to be in its sights on tax is Engie, a French utility. The Apple case is likely to produce plenty more drama, too. The company and Ireland are both appealing. The commission, meanwhile, is taking Ireland to the European Court of Justice over its failure to collect the €13bn that it has been told it is owed but clearly does not want. (by The Economist)

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

QuintilesIMS to Host Financial Analyst and Investor Conference on November 8, 2017

Posted by fidest press agency su venerdì, 6 ottobre 2017

Quintiles IMS Holdings, Inc. (“QuintilesIMS”) (NYSE:Q) will host an Analyst and Investor Conference in New York City on Wednesday, November 8, 2017. Management will provide an update on the business and progress since the merger. The presentations will begin at 9:00 a.m. ET and will conclude at approximately 1:00 p.m. Registration is required to attend the event.All are invited to listen to the live event and view the presentation slides via webcast on the QuintilesIMS Investor Relations website at http://ir.quintilesims.com. The discussion will also be available by dialing +1-800-672-6112 in the U.S. and Canada, or +1-303-223-4370 for international callers.
A replay of the webcast will be available later that day, following the conclusion of the live event. To access the webcast recording, visit http://ir.quintilesims.com.
QuintilesIMS (NYSE:Q) is a leading integrated information and technology-enabled healthcare service provider worldwide, dedicated to helping its clients improve their clinical, scientific and commercial results. Formed through the merger of Quintiles Transnational and IMS Health, QuintilesIMS’s approximately 50,000 employees conduct operations in more than 100 countries. Companies seeking to improve real-world patient outcomes through treatment innovations, care provision and access can leverage QuintilesIMS’s broad range of healthcare information, technology and service solutions to drive new insights and approaches. QuintilesIMS provides solutions that span clinical to commercial, bringing customers a unique opportunity to realize the full potential of innovations and advanced healthcare outcomes.As a global leader in protecting individual patient privacy, QuintilesIMS uses healthcare data to deliver critical, real-world disease and treatment insights. Through a wide variety of privacy-enhancing technologies and safeguards, QuintilesIMS protects individual privacy while managing information to drive healthcare forward. These insights and execution capabilities help biotech, medical device and pharmaceutical companies, medical researchers, government agencies, payers and other healthcare stakeholders in the development and approval of new therapies, and to identify unmet treatment needs and understand the safety, effectiveness and value of pharmaceutical products in improving overall health outcomes. To learn more, visit http://www.QuintilesIMS.com.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

CDISC Releases Therapeutic Area User Guide to Accelerate Development of Safer, More Effective Vaccines

Posted by fidest press agency su venerdì, 6 ottobre 2017

vacciniThe Clinical Data Interchange Standards Consortium (CDISC) is pleased to announce the release of a new Therapeutic Area Standard for Vaccines in the form of a User Guide for data managers, statisticians, programmers and study managers, which is freely available on the CDISC website. This Vaccines standard was developed and funded through BioVacSafe, Biomarkers for Enhanced Vaccines Safety, a project funded by the Innovative Medicines Initiative (IMI). Since their discovery, vaccines have protected millions of people worldwide from a broad range of infectious diseases, making them one of the most effective public health interventions available. New and better vaccines are still urgently needed, yet their introduction is hampered by lengthy and expensive vaccine safety testing procedures. The goal of BioVacSafe is to develop cutting-edge tools to speed up and improve the testing and monitoring of vaccine safety, both before and after release to the market. By bringing together for the first time three of Europe’s leading vaccine and manufacture companies as well as top experts from academic institutions and small and medium-sized enterprises (SMEs), the standard will ultimately accelerate the development and introduction of a new generation of safer, more effective vaccines.“We are delighted to see this important new vaccines data standard published and are grateful to IMI for their generous support in achieving this goal,” remarked Stephen Pyke, Senior Vice President, GSK. “This will help to simplify and streamline the long journey for all new vaccines from idea to clinical use.” CDISC Standards were originally developed to enhance the review of safety and efficacy data, and most recently have been extended in specific disease areas. The Therapeutic Area User Guide describes the most common biomedical concepts relevant to Vaccine studies, and the necessary metadata to represent such data consistently with CDISC Standards.This CDISC Therapeutic Area Standard for Vaccines was developed through the Coalition For Accelerating Standards and Therapies (CFAST) initiative, a partnership of CDISC and the Critical Path Institute (C-Path), with participation from the U.S. NIH National Cancer Institute Enterprise Vocabulary Services (NCI-EVS), the U.S. Food and Drug Administration (FDA), TransCelerate, the Japan Pharmaceutical and Medical Devices Agency (PMDA) and additional stakeholders. The goal of the CFAST initiative is to accelerate clinical research and medical product development by creating and maintaining data standards, tools and methods for conducting research in therapeutic areas that are important to public health.CDISC standards have been adopted and used in more than 90 countries, and are required for submissions to the U.S. FDA and Japan PMDA. To date, Therapeutic Area standards have been developed for over 30 disease areas.

Posted in Estero/world news, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »