Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 29 n° 327

Archive for 13 ottobre 2017

Xi Jinping: “The world’s most powerful man”

Posted by fidest press agency su venerdì, 13 ottobre 2017

the economistAMERICAN presidents have a habit of describing their Chinese counterparts in terms of awe. A fawning Richard Nixon said to Mao Zedong that the chairman’s writings had “changed the world”. To Jimmy Carter, Deng Xiaoping was a string of flattering adjectives: “smart, tough, intelligent, frank, courageous, personable, self-assured, friendly”. Bill Clinton described China’s then president, Jiang Zemin, as a “visionary” and “a man of extraordinary intellect”. Donald Trump is no less wowed. The Washington Post quotes him as saying that China’s current leader, Xi Jinping, is “probably the most powerful” China has had in a century.
Mr Trump may be right. And were it not political suicide for an American president to say so, he might plausibly have added: “Xi Jinping is the world’s most powerful leader.” To be sure, China’s economy is still second in size to America’s and its army, though rapidly gaining muscle, pales in comparison. But economic heft and military hardware are not everything. The leader of the free world has a narrow, transactional approach to foreigners and seems unable to enact his agenda at home. The United States is still the world’s most powerful country, but its leader is weaker at home and less effective abroad than any of his recent predecessors, not least because he scorns the values and alliances that underpin American influence.
The president of the world’s largest authoritarian state, by contrast, walks with swagger abroad. His grip on China is tighter than any leader’s since Mao. And whereas Mao’s China was chaotic and miserably poor, Mr Xi’s is a dominant engine of global growth. His clout will soon be on full display. On October 18th China’s ruling Communist Party will convene a five-yearly congress in Beijing (see Briefing). It will be the first one presided over by Mr Xi. Its 2,300 delegates will sing his praises to the skies. More sceptical observers might ask whether Mr Xi will use his extraordinary power for good or ill.
World, take noteOn his numerous foreign tours, Mr Xi presents himself as an apostle of peace and friendship, a voice of reason in a confused and troubled world. Mr Trump’s failings have made this much easier. At Davos in January Mr Xi promised the global elite that he would be a champion of globalisation, free trade and the Paris accord on climate change. Members of his audience were delighted and relieved. At least, they thought, one great power was willing to stand up for what was right, even if Mr Trump (then president-elect) would not.
Mr Xi’s words are heeded partly because he has the world’s largest stockpile of foreign currency to back them up. His “Belt and Road Initiative” may be puzzlingly named, but its message is clear—hundreds of billions of dollars of Chinese money are to be invested abroad in railways, ports, power stations and other infrastructure that will help vast swathes of the world to prosper. That is the kind of leadership America has not shown since the post-war days of the Marshall Plan in western Europe (which was considerably smaller).Mr Xi is also projecting what for China is unprecedented military power abroad. This year he opened the country’s first foreign military base, in Djibouti. He has sent the Chinese navy on manoeuvres ever farther afield, including in July on NATO’s doorstep in the Baltic Sea alongside Russia’s fleet. China says it would never invade other countries to impose its will (apart from Taiwan, which it does not consider a country). Its base-building efforts are to support peacekeeping, anti-piracy and humanitarian missions, it says. As for the artificial islands with military-grade runways it is building in the South China Sea, these are purely defensive.Unlike Vladimir Putin, Russia’s president, Mr Xi is not a global troublemaker who seeks to subvert democracy and destabilise the West. Still, he is too tolerant of troublemaking by his nuke-brandishing ally, North Korea (see Schumpeter). And some of China’s military behaviour alarms its neighbours, not only in South-East Asia but also in India and Japan.At home, Mr Xi’s instincts are at least as illiberal as those of his Russian counterpart. He believes that even a little political permissiveness could prove not only his own undoing, but that of his regime. The fate of the Soviet Union haunts him, and that insecurity has consequences. He mistrusts not only the enemies his purges have created but also China’s fast-growing, smartphone-wielding middle class, and the shoots of civil society that were sprouting when he took over. He seems determined to tighten control over Chinese society, not least by enhancing the state’s powers of surveillance, and to keep the commanding heights of the economy firmly under the party’s thumb. All this will make China less rich than it should be, and a more stifling place to live. Human-rights abuses have grown worse under Mr Xi, with barely a murmur of complaint from other world leaders.
Liberals once mourned the “ten lost years” of reform under Mr Xi’s predecessor, Hu Jintao. Those ten years have become 15, and may exceed 20. Some optimists argue that we have not yet seen the real Mr Xi—that the congress will help him consolidate his power, and after that he will begin social and economic reforms in earnest, building on his relative success in curbing corruption. If he is a closet pluralist, however, he disguises it well. And alarmingly for those who believe that all leaders have a sell-by date, Mr Xi is thought to be reluctant to step down in 2022, when precedent suggests he should.
Mr Xi may think that concentrating more or less unchecked power over 1.4bn Chinese in the hands of one man is, to borrow one of his favourite terms, the “new normal” of Chinese politics. But it is not normal; it is dangerous. No one should have that much power. One-man rule is ultimately a recipe for instability in China, as it has been in the past—think of Mao and his Cultural Revolution. It is also a recipe for arbitrary behaviour abroad, which is especially worrying at a time when Mr Trump’s America is pulling back and creating a power vacuum. The world does not want an isolationist United States or a dictatorship in China. Alas, it may get both. (This article appeared in the Leaders section of the print edition under the headline “The world’s most powerful man” by The Economist)

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Construisons une nouvelle Europe

Posted by fidest press agency su venerdì, 13 ottobre 2017

pierre moscovicimarielle de sarnezParis 20 october 2017 16-20 Bâtiment Chaban Delmas Salle Victor Hugo 101, rue de l’Université Le 20 octobre, certains des principaux acteurs du débat sur la réforme de l’Union européenne en France et en Europe se retrouveront lors de la prochaine rencontre européenne organisée par Le Groupe Spinelli sous le titre “Ensemble: construisons une nouvelle Europe” dans les locaux de l’Assemblée nationale à Paris. Lors de cette série de débats publics, des élus français et européens, ainsi que des représentants de la société civile, discuteront les réformes à mener et la direction à prendre dans le but de rendre l’Union européenne plus démocratique et de lui permettre de répondre aux attentes des citoyens.La rencontre se conclura par une table ronde avec des personnalités françaises et européennes de premier ordre portant sur le rôle de la France dans le parachèvement de l’unité politique européenne.L’impulsion pro-européenne imprimée par l’élection du Président Emmanuel Macron, ainsi que les propositions du nouvel exécutif français et de la majorité parlementaire actuelle, marquent un changement d’ère dans le rôle que la France est prête à jouer dans le développement du projet européen et a réouvert le débat sur le futur de l’Europe. Des réformes ambitieuses dans le but de créer une Europe plus unie économiquement et politiquement, démocratique et proche de ses citoyens sont maintenant proposées.
Sabine ThillayeChristopher GlückLe Groupe Spinelli est un réseau de députés européens tentant d’insuffler une dynamique fédéraliste dans les processus décisionnels de l’Union européenne. Depuis des années le Groupe s’est donné pour objectif de promouvoir la participation citoyenne au débat sur le futur de l’Europe, notamment à travers une coopération la plus étroite possible avec des parlementaires des Etates membres. A l’origine d’un grand nombre d’initiatives à travers toute l’Europe, et notamment la Marche pour l’Europe qui a rassemblé plus de 10 000 personnes à Rome le 25 mars dernier, ou la série de débats “Comment relancer le projet politique européen”, Le Groupe Spinelli a rencontré des milliers de citoyens dans les plus grandes villes du continent.
L’Union des fédéralistes européens est une organisation politique paneuropéenne consacrée à la promotion de l’unité politique européenne. Fondée peu après la Seconde Guerre mondiale, elle repose sur la conviction que ce n’est qu’en s’unissant en fédération européenne que les Etats d’Europe pourront surmonter les divisions du passé et garantir un avenir de paix et de prospérité. Au cours des 70 dernières années, l’UEF a été une voix déterminante pour la promotion de l’unité européenne et parmi les tous premiers militants des étapes du développement du projet d’intégration européenne.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Incontro: la mia televisione

Posted by fidest press agency su venerdì, 13 ottobre 2017

Varlin in AtelierRoma Venerdì 20 ottobre 2017 Ore 18.00 Istituto Svizzero di Roma Via Ludovisi 48. L’Istituto Svizzero propone una serata di dibattito e riflessione sul servizio pubblico, alla presenza, tra gli altri, di Gilles Marchand, direttore generale della Televisione Svizzera, Maurizio Canetta, direttore della Radiotelevisione svizzera di lingua italiana, e della presidente della RAI Monica Maggioni. Come possono le televisioni europee del servizio pubblico svolgere oggi il loro ruolo e a che prezzo di fronte alla concorrenza e ai privati? Cosa può aspettarsi lo spettatore e il cittadino dai canali pubblici? L’obiettivo di un impegno tradizionale sulla cultura, la memoria ed il patrimonio comune sono superati o più attuali che mai? Quale sostegno alla creazione audiovisiva contemporanea? La memoria collettiva e regionale si alimentano del servizio pubblico? e quali sono i rischi di fronte ai budget sotto pressione delle televisioni del servizio pubblico televisivo e al dibattito sul canone? L’Italia e la Svizzera condividono problemi comuni malgrado un panorama audiovisivo nazionale molto diverso?La serata in due parti permetterà – in un primo tempo – di affrontare queste domande e di confrontare le idee dei dirigenti e professionisti a capo di queste istituzioni con le riflessioni degli specialisti.
La seconda parte Giacometti, Varlin, gli artisti della Valle Bregaglia ci farà scoprire delle immagini inedite tratte dagli archivi della RSI, Radiotelevisione svizzera di lingua italiana, dedicati allo scultore Alberto Giacometti, gli artisti della Val Bregaglia e al suo profondo legame con il territorio del Canton Grigioni italiano.
La scelta non è casuale. E’ dettata infatti dalla possibilità di mostrare documenti delle Teche RSI di rara bellezza e intensità. Giacometti che dichiara la sua poetica continuando a lavorare a una scultura, Varlin che si muove nel suo studio e nella sua abitazione di Bondo (oggi così duramente colpita), Dürrenmatt che commenta un’opera dell’amico Varlin.
Questo e altro sarà mostrato e commentato da chi conosce bene questi artisti e l’ambiente in cui hanno operato: Diana Segantini, pronipote di Giovanni Segantini e responsabile del Dipartimento Cultura della RSI; Patrizia Guggenheim, figlia di Varlin, storica dell’arte e responsabile del Lascito e Archivio Varlin; Philippe Daverio, il noto esperto di arti figurative che per la Bregaglia ha da sempre una grande considerazione. Risponderanno alle domande della giornalista e produttrice di Rete Due Sandra Sain e del pubblico in sala. Evento in collaborazione con la CORSI – Società cooperativa per la Radiotelevisione svizzera di lingua italiana. (Foto: Varlin in Atelier)

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scienza – Campagne liberali: Demonizzazione Colombo è posizione contro l’idea di sviluppo

Posted by fidest press agency su venerdì, 13 ottobre 2017

columbus day1Roma. Nel giorno dell’anniversario che celebra l’approdo di Cristoforo Colombo sulle coste caraibiche, le polemiche oltreoceano gettano ombra sul valore immenso della scoperta. “Gli esploratori come Colombo iniziarono a seguire il metodo sperimentale, anticipando le mosse della scienza moderna” – afferma l’associazione Campagne Liberali – “ed è anche grazie alle scoperte come quella dell’America che la superstizione e la stregoneria sono state superate, accelerando lo sviluppo tecnologico e la comprensione scientifica del mondo”. “Certamente Colombo era un esploratore e un colonizzatore, ma le proteste che hanno avuto luogo in questi giorni sono incomprensibili” – continua la nota di Campagne Liberali. “Sarebbe stato bello non aver dovuto studiare sui libri di scuola le nefandezze compiute a danno delle popolazioni indigene dagli europei, ma ciò non sposta nemmeno di una virgola l’immenso valore scientifico della scoperta. Grazie alla curiosità e all’ingegno di tanti uomini come Cristoforo Colombo, si sono poste le basi dello sviluppo dell’uomo, da un punto di vista economico, sociale e tecnologico. Più semplicemente abbiamo costruito il progresso di oggi”.
“Cristoforo Colombo deve continuare ad essere celebrato senza polemiche strumentali e tendenziose” – conclude Campagne Liberali. “Allo stesso modo dobbiamo continuare a raccontare la Storia, sviscerandone anche gli aspetti più crudi, gli stessi che hanno reso il mondo di oggi meno crudele e più attento al prossimo”.
Campagne Liberali è una piattaforma di cittadini non partisan che difende il diritto alla libera scelta e promuove il corretto dibattito scientifico.
L’esigenza di creare una piattaforma che contribuisca alla diffusione di informazioni scientifiche e del metodo sperimentale è nata dalla preoccupazione per le continue operazioni di disinformazione che sono una minaccia alla libertà di scelta. Le campagne attualmente attive sono tre.
La prima mira a combattere l’ondata anti-scientifica e demagogica contro l’olio di palma guidata da numerosi interessi particolari. Le notizie e le informazioni non corrette su questo ingrediente hanno, infatti, creato un clima di falso allarmismo che ha danneggiato cittadini e imprese.
Obiettivo della seconda – dedicato al conflitto tra la scienza e le cosiddette “bufale” – è sostenere la scienza e il metodo scientifico contro le affermazioni false e il pregiudizio. Questa campagna ha raccolto l’adesione di numerosi esponenti del panorama accademico e scientifico italiano.
La terza, infine, “Liberi di scegliere”, combattendo ogni forma di intolleranza o protezionismo, pone l’accento sulla responsabilità individuale e sulla libertà di scelta dei cittadini di fronte allo Stato, il cui ruolo deve essere quello di informare questi ultimi e creare le condizioni affinché essi compiano scelte consapevoli. http://www.campagneliberali.org

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Grande esposizione dedicata a Claude Monet

Posted by fidest press agency su venerdì, 13 ottobre 2017

Claude MonetRoma Il 19 ottobre al Vittoriano di Roma arriva la grande esposizione interamente dedicata a CLAUDE MONET. In mostra circa 60 opere, le più care all’artista e che lo stesso Monet conservava nella sua ultima, amatissima dimora di Giverny: prestiti eccezionali tutti provenienti dal Musée Marmottan Monet di Parigi che nel 2014 ha festeggiato gli 80 anni di vita e che raccoglie il nucleo più importante e numeroso delle opere del grandissimo artista francese, grazie alle donazioni dei collezionisti dell’epoca e del figlio Michel. L’inquietante modernità dei salici piangenti, del viale delle rose e del ponticello giapponese ma anche le monumentali ninfee e glicini, i colori evanescenti e sfumati, la campagna francese e la natura in ogni sua fase: tra i capolavori in mostra Ritratto di Michel Monet neonato (1878-79), Ninfee (1916-1919), Le Rose (1925-1926), Londra. Il Parlamento. Riflessi sul Tamigi (1905).Sotto l’egida dell’Istituto per la storia del Risorgimento italiano, promossa dall’Assessorato alla Crescita culturale-Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali di Roma Capitale, con il patrocinio del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo (MiBACT) e della Regione Lazio, la grande retrospettiva – curata da Marianne Mathieu – è prodotta e organizzata dal Gruppo Arthemisia in collaborazione con il Musée Marmottan Monet, Paris.All’interno della mostra sarà esposta anche la ri-materializzazione di una delle celebri Ninfee di Claude Monet, la serie di capolavori che ha per sempre cambiato il futuro della pittura e influenzato gli artisti delle generazioni successive. Nel 1958 un tragico incendio all’interno del Museum of Modern Art di New York danneggiò gravemente diverse opere, tra cui alcuni dipinti del maestro impressionista, andati perduti per sempre. Con un progetto unico e ambizioso e grazie alle più recenti tecnologie, Sky Arte HD ha riportato alla luce uno dei capolavori distrutti nel rogo, Water Lilies (1914-26), esposto per la prima volta al pubblico.L’affascinante storia dell’opera e il processo di ri-materializzazione saranno raccontati nella produzione internazionale di Sky Arte HD Il Mistero dei Capolavori Perduti. Una serie di 7 documentari diretta da Giovanni Troilo e co-prodotta da Ballandi Arts, ognuno dedicato a un dipinto a oggi tragicamente perduto: alcuni rubati, altri distrutti accidentalmente o di proposito, i dipinti scomparsi e gli artisti che li realizzarono tornano in vita prossimamente su Sky Arte HD. (foto: Claude Monet)

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Master in Giornalismo LUMSA

Posted by fidest press agency su venerdì, 13 ottobre 2017

lumsa-universitaRoma lunedì 16 ottobre 2017 – ore 16.30 LUMSA – Aula Magna Borgo Sant’Angelo, 13 Con l’inizio del nuovo anno accademico, il Master in Giornalismo della LUMSA Master School inaugura i nuovi locali e le nuove strutture multimediali nel corso della tavola rotonda Nuovi giornalismi, le sfide e le opportunità del futuro. La cerimonia inaugurale – che darà il via ai lavori del nuovo anno, il secondo del ciclo 2016-2018 – si svolgerà con un intervento del Presidente del Senato Pietro Grasso.
A seguire, dopo la visita dei locali del Master in Giornalismo da parte del Presidente del Senato e la benedizione del Card. Giovanni Lajolo, Presidente del CdA della LUMSA, e dei saluti istituzionali del Rettore Francesco Bonini interverranno:
Lirio Abbate, caporedattore de L’Espresso
Luigi Contu, direttore dell’Agenzia ANSA
Vincenzo Morgante, direttore della TGR Rai
Marco Tarquinio, direttore di Avvenire
Il Master in Giornalismo LUMSA si appresta quindi a iniziare le attività del nuovo anno con grandi novità: dalla presenza di 20 insegnamenti tecnico-professionali, per un totale di 330 ore, unite a circa 700 ore di praticantato, al potenziamento della strumentazione digitale a disposizione dei 27 corsisti, ora nuovamente al lavoro su LumsaNews.it dopo i tirocini svolti all’interno delle redazioni di Rai, Mediaset, Sky, la Repubblica e le altre testate del GEDI Gruppo Editoriale (ex Gruppo L’Espresso).
La rivoluzione tecnologica messa in campo con le risorse dell’Ateneo ha poi consentito la completa digitalizzazione della redazione: dalla sala regia allo studio radio-televisivo, dalla strumentazione di ripresa (videocamere e microfoni) all’impiantistica di illuminazione in studio, fino all’archivio MAM (Media Asset Management).L’evento, in programma per lunedì 16 ottobre, sarà moderato dal giornalista Carlo Chianura, direttore delle testate del Master in Giornalismo della LUMSA Master School.

Posted in Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Meloni: No a rosatellum

Posted by fidest press agency su venerdì, 13 ottobre 2017

meloni«No al Rosatellum perché quella che ci propongono è una democrazia finta: gli italiani possono sì votare però il loro voto non deve contare niente. Gli italiani non possono scegliere il loro governo perché lo sceglieranno i partiti, non possono scegliere i loro parlamentari perché li sceglieranno i partiti. Addirittura alcuni italiani voteranno una lista ma finiranno per eleggere i parlamentari di un’altra lista che non volevano votare. Noi non ci stiamo alla democrazia finta»Lo ha detto interpellata dai cronisti a Montecitorio il presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni. Sulla posizione di Lega e Forza Italia che invece sono favorevoli al Rosatellum, la Meloni ha spiegato: «Ognuno fa le proprie scelte. Ho detto e ribadisco che noi siamo rimasti sulla nostra posizione. Abbiamo sempre chiesto un premio di maggioranza e il voto di preferenza, ovvero la libertà per i cittadini di scegliere il loro governo e il loro parlamentare. Gli altri non sono d’accordo e hanno fatto altre scelte. Ciò non toglie che noi siamo rimasti sempre dalla stessa parte».

Posted in Cronaca/News, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Legge elettorale: altro che porcellum

Posted by fidest press agency su venerdì, 13 ottobre 2017

elezioni1“C’è qualcuno che ha deciso di perdere e c’è qualcuno che ha già deciso quale è l’alleanza trasversale. Lo chiediamo anche ai nostri alleati”. Così Ignazio La Russa, deputato di Fratelli d’Italia, durante le dichiarazioni di voto sulla legge elettorale.“Questa legge elettorale – ha aggiunto La Russa – ha 4 gravissime magagne: la pecca più grave e insuperabile è quella di predeterminare la impossibilità di una maggioranza scelta dagli elettori. E’ una legge scelta scientificamente e tecnicamente studiata, affinché all’indomani delle elezioni fosse assolutamente impossibile che potesse nascere un governo scelto dagli italiani. Saranno ancora una volta le segreterie di partito a scegliere il governo a danno dei cittadini, favorendo magari i poteri forti, della grande finanza e delle grandi banche. Noi per evitarlo abbiamo proposto un premio di maggioranza ma ci avete risposto di no”.“La seconda – prosegue il deputato di Fdi – è l’aver bocciato il nostro emendamento sulle preferenze facoltative per i soli partiti che le avessero volute preferendogli ancora una volta le liste bloccate. Fdi non vuole decidere chi sono i propri eletti e li vuole far scegliere ai cittadini. Possibile che ci dovete obbligare a fare le liste bloccate? Perché voi volete le liste bloccate, dopo esservi sbracciati a dire che il Porcellum era Porcellum proprio per le liste bloccate. Questa legge non è un Porcellum ma un porcaio. Altra magagna poi, è non aver voluto mettere nella legge elettorale, la regolamentazione delle primarie, anche lì bocciando un nostro emendamento”.“Ultima magnagna – conclude La Russa – riguarda la SVP. Vi pare normale che tutte le ultime leggi elettorali continuino a prevedere un numero fisso per la SVP? Noi tutti dobbiamo giustamente fare campagna elettorale, noi tutti dobbiamo chiedere il voto ai cittadini spiegando loro il perché dovrebbero votare noi e non altri ma per la SVP non ce ne è bisogno. Ci pensa la legge. Una legge cucita su misura per cui tutti i parlamentari dell’Alto Adige sono della SVP tranne uno che verrà concesso al Pd in cambio del favore”.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

I vincitori del Premio del cittadino europeo 2017

Posted by fidest press agency su venerdì, 13 ottobre 2017

europaBruxelles. Cittadini e organizzazioni di tutta Europa si sono riuniti al Parlamento europeo per la cerimonia di consegna del premio che celebra l’impegno e i valori europei.Il Premio del cittadino europeo è assegnato ogni anno a progetti e iniziative che contribuiscono alla cooperazione europea e alla promozione di valori comuni. Dopo aver ricevuto le medaglie d’onore nel corso delle cerimonie nazionali nei rispettivi paesi, l’11 ottobre 2017 i vincitori si sono riuniti a Bruxelles per l’evento centrale di premiazione.Secondo la presidente della giuria del Premio, Sylvie Guillaume, vicepresidente del Parlamento e eurodeputata francese del gruppo dell’Alleanza progressista dei Socialisti e Democratici, “il Parlamento europeo è qui per puntare il riflettore sul successo di questi progetti. I nostri cittadini hanno una voce, e il Premio del cittadino europeo è la prova che la stiamo ascoltando”.
I vincitori di quest’anno includono 49 cittadini e organizzazioni di 26 paesi dell’Unione Europea. Tra questi anche Don Gino Rigoldi, la Fondazione Opera Immacolata Concezione, i Pescatori siciliani di Mazara del Vallo e #Vorreiprendereiltreno ONLUS.Chi sono i vincitori del Premio cittadino europeo 2017 per l’Italia:
Don Gino Rigoldi è cappellano dell’Istituto Penale per Minorenni “Cesare Beccaria” di Milano dal 1972. Ha realizzato progetti educativi e di reinserimento sociale sia in carcere che nelle periferie, dedicando tutta la sua opera a giovani in difficoltà.
Fondazione OIC ONLUS da oltre 60 anni accoglie persone anziane e fragili in 13 residenze tra Veneto e Lombardia, assistendo 2.300 ospiti con 1.700 dipendenti di oltre 30 nazionalità diverse.
I pescatori di Mazara del Vallo hanno salvato negli ultimi anni migliaia di migranti, dando l’allarme alla Marina Militare, dando assistenza ai naufraghi con i loro pescherecci, fornendo abiti e pasti.
#Vorreiprendereiltreno nasce nel 2014 come campagna di sensibilizzazione per la difesa dei diritti dei disabili, promossa dallo studente e giornalista Iacopo Melio. Il suo obbiettivo è trattare con leggerezza tematiche legate alla disabilità, promuovendo una cultura volta all’inclusione e all’accessibilità.

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Battaglia persa contro il lavoro nero

Posted by fidest press agency su venerdì, 13 ottobre 2017

donne al lavoroSecondo i dati resi noti oggi dall’Istat, nel 2015 l’economia non osservata vale circa 208 miliardi di euro, pari al 12,6% del Pil. “I dati più preoccupanti sono che sale al 37,3% la componente di economia non osservata attribuibile all’impiego di lavoro irregolare, contro il 35,6% del 2014 e che sale quella legata alle attività illegali, che passa da 16,884 a 17,099 mld” afferma Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori.”Per quanto riguarda il lavoro nero, anche se la cifra si riduce in termini assoluti, scendendo da 78,068 a 77,383 mld, il punto è che la battaglia è stata persa, dato che ha avuto molto meno successo rispetto alle altre componenti, come quella delle sottodichiarazioni, scese da 99,5 a 93,2 mld, circa 2 punti percentuali in meno” prosegue Dona.
“Per combattere questo fenomeno bisogna cambiare le regole. Fino a che il lavoratore che denuncia il lavoro in nero rischia di passare per evasore, non si andrà da nessuna parte” conclude Dona.

Posted in Cronaca/News, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

MEPs push for stronger data protection by EU institutions and agencies

Posted by fidest press agency su venerdì, 13 ottobre 2017

europa comunitaria2All EU institutions, bodies and agencies should live up to strong data protection safeguards when processing personal data Civil Liberties MEPs on Thursday passed amendments to new EU rules on the processing of personal data by the EU institutions. This update of the existing law from 2001 will strengthen and modernise the rules by bringing them into line with the General Data Protection Regulation adopted in 2016.MEPs underlined that the new rules should cover not only the EU institutions, but also bodies, offices and agencies to ensure a strong and coherent framework for data processing throughout the EU. In particular, they should end the fragmentation of the rules for processing by the EU’s agencies, including agencies in the law enforcement sector.To this end, MEPs included a specific set of rules for processing of law enforcement data that is in line with the directive on data transfers for policing and judicial purposes (adopted at the same time as the General Data Protection Regulation) and current rules used by Europol.To further strengthen transparency, MEPs want all Union institutions and bodies to establish their own central register of their data processing and make the register publicly accessible. They also set clear provisions to limit the use of the data processed, minimise data stored, and specifying that inaccurate data should be erased or rectified without delay, in line with the General Data Protection Regulation.MEPs stress that the Commission should be obliged to consult the European Data Protection Supervisor when preparing new legislative proposals. They also support that the European Data Protection Supervisor should be able to fine EU institutions, bodies or agencies that do not live up to the data protection rules.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Economia in nero vale 208 miliardi

Posted by fidest press agency su venerdì, 13 ottobre 2017

istatCi sarebbe da sobbalzare sulla sedia a leggere i dati di Istat su quella che eufemisticamente è definita “economia non osservata”, che noi traduciamo in economia in nero. Il totale fa 208 miliardi (non milioni) per il 2015. L’evasione fiscale e contributiva, nel 2014 ammontavano a 214 miliardi (non milioni), vale a dire che non si pagano le tasse e non si fanno versamenti per le pensioni per questa cifra astronomica.I due dati, 208 e 214 miliardi, sono sfalsati di un anno e in parte sovrapponibili. Lo scorso anno sono stati evasi 11 miliardi di contributi per le pensioni.Non pagare le tasse e i contributi dovuti o ricorrere al lavoro nero, significa essere frodatori, cioè sottrattori di denaro pubblico, in poche parole ladri. Ma non erano ladri solo i politici? (Primo Mastrantoni, segretario Aduc)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Farmers Edge and Planet Partner to Change Global Agriculture Using Daily Satellite Imagery and Real-Time Big Data Insights

Posted by fidest press agency su venerdì, 13 ottobre 2017

Planet Earth - North AmericaFarmers Edge™, a global leader in decision agriculture, announced today a strategic partnership to bring Planet’s best-in-class global monitoring data and platform capabilities to the Farmers Edge precision agriculture product suite. Planet is an integrated aerospace and data platform company that operates the world’s largest fleet of earth imaging satellites, collecting the largest quantity of earth imagery. Farmers Edge is now a sole distributor for Planet in key agricultural regions, with the right to use and distribute high-resolution, high-frequency imagery from Planet’s three flagship satellite constellations.
Through this multimillion-dollar, multi-year global distribution agreement, Farmers Edge and Planet are significantly expanding their existing partnership. The companies will deliver the vanguard of remote sensing driven and analytics-based agronomy services to growers worldwide. Farmers Edge customers will be among the first to take advantage of field-centric, consistent, and accurate insights from satellite imagery. While traditional imagery products provide only a partial, delayed, or inconsistent view of fields, this partnership equips Farmers Edge growers with comprehensive, high-quality field imagery more frequently updated than any other company in the industry.“Until now, the challenge with satellite imagery was the data was simply not frequent enough to react to crop stress in a timely manner,” said Wade Barnes, President and CEO of Farmers Edge. “At Farmers Edge, providing our customers with the most concise, comprehensive, and consistent data is at the core of what we do. We understand the need for more image frequency, that’s why we are partnering with Planet. Daily imagery is a game-changer in the digital ag space.”The combination of Planet’s unprecedented data set and Farmers Edge state-of-the-art image processing technology allows for early crop monitoring and gives growers the best opportunity to correct factors that could limit crop performance and compromise yield potential. Growers will now have a wealth of field-centric data updated throughout the growing season, including early monitoring of crop stand, detection of pest and weed pressure, drainage issues, hail damage, herbicide injuries, nutrient deficiencies, yield prediction and more.“Farmers Edge is consistently at the cutting edge of innovation in agricultural technology, and we’re proud to expand our partnership with them as we work to improve profitability, sustainability, and efficiency for the world’s producers,” said Will Marshall, CEO of Planet. “The challenges faced by the agriculture industry are complex in nature and global in scale, and we believe our data is uniquely positioned to solve agricultural challenges.”“Retailers, co-ops, equipment dealers, agronomists, and all other important advisors to the farmer can now partner with Farmers Edge and leverage this industry changing capability within their business,” said Ron Osborne, Chief Strategy Officer of Farmers Edge. “We’re pleased to be able to help so many in our industry manage risks, in near real-time. This is great for our customers, our partners, and agriculture.”In 2016, Planet awarded Farmers Edge its Agriculture Award, recognizing the company’s pioneering work with ag-based analytics, Variable Rate Technology and field-centric data management. (photo: Planet’s global)

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Piramal Pharma Solutions annuncia un’espansione su larga scala dei siti produttivi di API

Posted by fidest press agency su venerdì, 13 ottobre 2017

riverview_miRIVERVIEW, Michigan/PRNewswire/ Piramal Pharma Solutions (PPS), organizzazione leader in contract development e manufacturing (CDMO) e parte di Piramal Enterprises Ltd. (PEL), ha annunciato un investimento di 55 milioni di dollari nelle sue sedi produttive in Nord America e Asia, per ampliare le proprie risorse e capacità manifatturiere di API.Una parte di questo investimento andrà ai nuovi impianti multi-funzionali all’avanguardia, con oltre 270kL di capacità totale, per supportare l’attuale pipeline di circa 80 programmi in fase avanzata in cui PPS è attualmente impegnata ad assistere i propri partner in vari siti internazionali. PPS espanderà anche la sua potenza (nuovo Limite di Esposizione Produttiva: ≥10 ng/m3) nel proprio impianto di Riverview, Michigan, mentre aumenterà le capacità di sviluppo iniziale ad Ennore, in India, attraverso aggiunte di GMP kilo lab e un impianto pilota. Per servire meglio i suoi clienti biotech in Europa, PPS aggiungerà capacità di primo sviluppo sia in sostanze di farmaco che in prodotti farmaceutici nel suo sito di Morpeth, in Gran Bretagna. Con questo investimento, anche funzioni di supporto come capacità analitiche, infrastruttura R&S, automazione e sistemi informatici saranno ampliate in tutti i siti API.Piramal supporta lo sviluppo e la produzione dei principi attivi tramite un modello integrato nei propri cinque siti in Nord America, Europa e Asia. Le attività di sviluppo API fra cui lo scouting di percorso e lo sviluppo dei processi vengono condotte negli impianti di Aurora (CA), Ennore (IN) e Riverview (USA). Queste strutture sono ulteriormente integrate con unità manufatturiere di API commerciali ad Aurora (CA), Ennore (IN), Digwal (IN), Morpeth (GB) e Riverview (USA).Vivek Sharma, AD di Piramal Pharma Solutions ha commentato: “Ci impegniamo ad investire nelle esigenze future dei nostri clienti. Con questi investimenti, possiamo ora sostenere la commercializzazione della nostra pipeline di oltre 80 programmi che sono in Fase II o più avanzata, mentre aumentiamo la capacità di gestire partnership future.” Ha poi aggiunto: “C’è stato un significativo interesse dei clienti verso le nostre offerte ‘integrate’, e siamo lieti di avere più di 60 programmi integrati in PPS attraverso tutte le fasi di sviluppo del farmaco. Ringraziamo i nostri clienti per la loro fiducia e supporto e promettiamo di continuare il focus sui tre pilastri che ci hanno resi loro partner d’elezione: centralità del cliente, qualità e innovazione.”

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Hurricane Electric Expands Global Network to East Africa Data Centre in Nairobi

Posted by fidest press agency su venerdì, 13 ottobre 2017

nairobiNairobi. Hurricane Electric, the world’s leading IPv6-native Internet backbone, today announced that it has added a new Point of Presence (PoP) in Nairobi at the East Africa Data Centre. Located at the Sameer Industrial Park, Mombasa Road in Nairobi, Kenya, this is Hurricane Electric’s first PoP Kenya and third in Africa. The East Africa Data Centre is one of the most connected facilities in the region and boasts long distance fibre routes to Uganda, Tanzania, Rwanda, Burundi, Ethiopia and Somalia. Covering 2,000 m2 across four floors, the carrier neutral data centre offers N+1 cooling and power for its tenants as well as parallel UPS systems and N+1 diesel generators to maintain uptime. Additionally, the facility has been designed to meet International Data Centre Standards as outlined by TIA-942.
With the launch of Hurricane Electric’s newest PoP, customers of the East Africa Data Centre and others in the area now have a variety of new connectivity options as well as the ability to improve fault tolerance, load balancing, congestion management and transit of next-generation IPv6 traffic. Additionally, tenants at the East Africa Data Centre are able to exchange IP traffic with Hurricane Electric’s vast global network, which offers over 19,000 BGP sessions with over 6,500 different networks via more than 160 major exchange points and thousands of customer and private peering ports.
The Nairobi PoP also provides access to Hurricane Electric’s extensive IPv4 and IPv6 network through 100GE (100 Gigabit Ethernet), 10GE (10 Gigabit Ethernet) and GigE (1 Gigabit Ethernet) ports and as a result, both new and existing customers will be able to experience increased throughput, reduced latency and improved reliability.“Hurricane Electric is delighted with the continued growth of our global network through this new Point of Presence and we remain committed to further expanding into even more African countries in 2018,” said Mike Leber, President, Hurricane Electric. “Because the region is so well connected, Nairobi has proven itself to be an important technological hub for Kenya and beyond. Our newest site will allow customers of East Africa Data Centre to tap into the bandwidth and reach of Hurricane Electric’s rich global network and we are grateful for the opportunity to support them.”In August, Hurricane Electric announced that it became the first backbone in the world to connect to 4,000 IPv6 (Internet Protocol version six) networks. This milestone can be attributed to the company’s global strategy of expanding to more countries and cities in order to provide existing customers with more direct routes while also reaching new customers that are in need of additional connectivity options. Due to the proliferation of the Internet of Things (IoT), which has dramatically expanded the volume of Internet aware devices, the next generation IPv6 is a necessity to support the long-term growth of the Internet.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Scania and Dassault Systèmes Partner for Future Innovation and Deployment of 3DEXPERIENCE Platform

Posted by fidest press agency su venerdì, 13 ottobre 2017

Paris-antenne-vue-eiffel-tourParis. Dassault Systèmes (Paris:DSY) (Euronext Paris: #13065, DSY.PA) today announced an agreement with Scania, formalizing the process to deploy the 3DEXPERIENCE platform and other solutions for innovation now and in the future. The cooperation aims to enable cost-efficient design, testing and validation of the complete range of Scania’s high-quality modular products. It will improve realistic simulations of functional properties and processes, such as engineering, manufacturing, service and sales. This will further support Scania in providing the right products at high quality to customers, as well as a more cost- and resource-efficient product development process. “Scania’s renowned modular system opens up innumerable variants of products and the continuous introduction of design changes,” said Michael Thel, Engineering Director, Scania. “This requires a comprehensive repository of designs that can be joined together in building the applications of the customer’s choice. The 3DEXPERIENCE platform will help improve simulation for faster validation of our vehicles. It will also enable full traceability and digital continuity from design to manufacturing throughout our unique virtual product development processes.” “I believe that our 3DEXPERIENCE vision, so beyond the usual product design focus prevalent in industry today, was key in formulating our approach to Scania’s needs,” said Olivier Sappin, Vice President, Transportation & Mobility Industry, Dassault Systèmes. “The 3DEXPERIENCE platform and its ‘Modular Glocal & Secure’ industry solution experience provide digital continuity to accelerate innovation, improve product quality and performance, and reduce costs in the context of mass customization and complexity. Scania will experience these benefits across its entire value stream.”
Dassault Systèmes, the 3DEXPERIENCE Company, provides business and people with virtual universes to imagine sustainable innovations. Its world-leading solutions transform the way products are designed, produced, and supported. Dassault Systèmes’ collaborative solutions foster social innovation, expanding possibilities for the virtual world to improve the real world. The group brings value to over 220,000 customers of all sizes, in all industries, in more than 140 countries. For more information, visit http://www.3ds.com.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Nona conferenza annuale sulla traduzione internazionale

Posted by fidest press agency su venerdì, 13 ottobre 2017

TII Translation Conference (PRNewsfoto/Hamad bin Khalifa University)DOHA, Qatar/PRNewswire/ L’Istituto di traduzione e interpretariato (TII) del College of Humanities and Social Sciences (CHSS) dell’Hamad Bin Khalifa University (HBKU) sta ora accettando le richieste di partecipazione alla sua nona conferenza annuale sulla traduzione internazionale. L’evento, della durata di due giorni, si terrà il 27 e 28 marzo 2018, e sarà ospitato dal college presso il Qatar National Convention Center (QNCC). Il TII accoglie richieste di partecipazione da parte di accademici, professionisti e membri della comunità impegnati, a livello teorico o pratico, ad affrontare il tema della conferenza di quest’anno, ovvero la traduzione nell’era digitale: dagli strumenti di traduzione ai paradigmi in rapido mutamento.Le presentazioni dei sunti devono contenere almeno 300 parole, in inglese o in arabo, le lingue ufficiali della conferenza. I sunti devono inoltre includere l’affiliazione istituzionale del richiedente, le informazioni di contatto e una breve biografia di non più di 100 parole. Il termine ultimo per la presentazione delle pubblicazioni è il 12 novembre. I partecipanti selezionati avranno l’opportunità di presentare le pubblicazioni alla conferenza nel corso di 20 minuti e di rispondere alle domande poste dai colleghi e dall’audience per 10 minuti.Le aree tematiche per la nona conferenza annuale sulla traduzione internazionale includono, tra le altre, la traduzione in arabo nell’era digitale; il ruolo delle comunità di traduttori online nell’attivismo sociale e politico; progetti e iniziative di traduzione collaborativa; traduzione multimediale e ipermediale e traduzione nel campo delle scienze umane digitali. La conferenza inoltre invita i candidati a presentare delle pubblicazioni per esplorare l’evoluzione del settore della traduzione, tramite crowdsourcing e outsourcing, e per esaminare il crescente interesse nei confronti dell’uso di database online, corpora e traduzione automatica. Le pubblicazioni possono anche trattare argomenti come la censura e la manipolazione nell’era digitale, il transadattamento e la traduzione creativa.I settori della traduzione e dell’interpretazione fungono da blocchi di costruzione chiave che consentono il trasferimento di nozioni tra soggetti strategici, spianando la strada allo sviluppo sociale e al progresso verso un’economia basata sulla conoscenza. Il rapido progresso delle tecnologie digitali ha messo a disposizione un accesso senza eguali alle informazioni in tutto il mondo, ponendo così l’accento sul settore.Il Dott. Amal Al Malki, decano fondatore di CHSS, ha osservato: “Le enormi innovazioni tecnologiche hanno influenzato notevolmente il modo in cui comunichiamo nell’era digitale. Il mandato della nona conferenza annuale sulla traduzione internazionale comprende aree chiave di avanzamento, come il ruolo svolto dalle comunità di traduttori online nel campo dell’attivismo sociale e politico e dei progetti di traduzione collaborativi.”Nell’ambito della conferenza, invitiamo i traduttori professionisti a presentare pubblicazioni che esplorino l’evoluzione del mercato della traduzione, che si affida sempre più spesso a mezzi non tradizionali. I partecipanti selezionati avranno l’opportunità di presentare la propria ricerca alla conferenza”, ha aggiunto il Dott. Al Malki.Il college, inoltre, sponsorizzerà i relatori della conferenza. Ciò comprende la fornitura di biglietti aerei in classe economica, alloggio e trasporto solo da e per la conferenza. http://www.tii.qa/9th.
Hamad Bin Khalifa University (HBKU), membro della Qatar Foundation for Education, Science, and Community Development (QF), è stata fondata nel 2010 come università intensamente focalizzata sulla ricerca che funge da catalizzatore del cambiamento trasformativo in Qatar e nella regione, avendo al contempo un impatto globale. Situata a Education City, HBKU si impegna a costruire e coltivare le capacità umane attraverso un’esperienza accademica in grado di arricchire gli studenti, un ecosistema innovativo e partnership uniche. HBKU offre programmi d’istruzione liceale e universitaria tramite i suoi college, e offre opportunità di ricerca e borse di studio tramite i suoi istituti e centri. Per maggiori informazioni su HBKU, visitare http://www.hbku.edu.qa.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Multe stradali in ambito europeo, le regole comuni in una scheda pratica

Posted by fidest press agency su venerdì, 13 ottobre 2017

autostradeUna circolare del Ministero dell’Interno del 12/9/2017 ha dettato istruzioni operative per lo scambio dei dati dei veicoli in ambito europeo ai fini dell’applicazione transfrontaliera delle sanzioni amministrative (multe) relative alle violazioni delle normative stradali ritenute più importanti e pericolose compiute, in questo caso, in Italia.La circolare si rifà in particolare alla Direttiva UE 2015/413 che ha sostituito la 2011/82/UE annullata dalla Corte di Giustizia europea a causa di errori formali, mantenendone il contenuto per dare continuità alle regole. La base normativa italiana rimane il decreto legislativo 37/2014 di recepimento della direttiva del 2011.Il sistema di scambio di informazioni creato per agevolare l’individuazione dei trasgressori di violazioni commesse nei Paesi UE con veicoli immatricolati in un altro Paese membro si chiama Cross Border operativo attraverso i “punti di contatto nazionali” (in Italia la Motorizzazione civile), con richieste inviate dagli organi di Polizia. Le regole dettate dalle Direttive europee prevedono, oltre allo scambio dati, l’invio di una informativa al trasgressore per avvisarlo della violazione commessa e della multa collegata, documento che si affianca alla notifica formale del verbale o altro atto previsto dalla normativa dello Stato europeo in cui è stata commessa la violazione. Diverse a seconda dello Stato di violazione e non regolate uniformemente a livello europeo sono invece sia le modalità di ricorso formale utilizzabili dal trasgressore sia le modalità di riscossione (coattiva) attivabili in caso di mancato pagamento della multa, regole che comunque devono essere riportate negli atti notificati. (Rita Sabelli, responsabile Aduc aggiornamento normativo)

Posted in Diritti/Human rights, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Catella: European retail – investor`s favourite facing a transformation

Posted by fidest press agency su venerdì, 13 ottobre 2017

stockholmStockholm. The new Catella Market Tracker “European Retail Markets – Investors’ favourite facing a transformation” shows the increasing pressure on European retail formats from e-commerce. But countries such as the Nordics, France and the UK are evading this negative trend. Examining the transformation of shopping centres shows that traditional retail space is being continuously replaced with food service and event space, in new buildings and, particularly, in the refurbishments being made by value-add investors.The largest distortions can be found in the textile trade, which suggests that not all products are affected in the same way. “Conversely, grocery stores are experiencing strong interest at many shopping destinations, with a large range of products and high-quality presentation, making in-store shopping attractive again,” says Dr. Thomas Beyerle, Head of Group Research at Catella.The results of the new Catella shopping centre Ranking show
– The Nordics (Sweden, Finland, Norway and Denmark), the UK and France lead the ranking
– With a density of approximately 900 square metres per 1,000 people, Norway provides the best coverage of shopping centres across Europe.
– The retail turnover index shows that most of the European retail market is flourishing, and that it displays stable growth rates in the UK, Sweden and France.From the investor perspective, Beyerle concludes that, “Independent of the structural shift in retailing, the established stock of shopping centres in the top-ranked countries combined with an estimated undervaluation of rents to offer investors an opportunity in retail to generate decent yields through moderate capital investment.” The market place concept will remain the leading shopping destination, be it a European city centre or simulated in a shopping centre. Structural distortions stem from a lack of innovation and underestimation of the expected consumer digitalisation. catella.com/research.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Brasile: in aumento il numero di omicidi tra gli adolescenti

Posted by fidest press agency su venerdì, 13 ottobre 2017

Rio de JaneiroRio de Janeiro. Il numero di omicidi tra gli adolescenti in Brasile continua a crescere, soprattutto negli stati nordorientali del paese e riguardano principalmente ragazzi neri. Queste sono le principali conclusioni di Indice de Homicidios na Adolescencia 2014 (IHA), studio realizzato in collaborazione tra UNICEF, il Ministero dei Diritti Umani (MDH), l’Osservatorio delle Favelas e Laboratorio di Analisi della Violenza e l’Università Statale di Rio de Janeiro (LAV-Uerj).Lo studio analizza gli omicidi di adolescenti tra i 12 e i 18 anni in 300 comuni brasiliani con più di 100mila abitanti. Secondo i dati raccolti, al 2014, per ogni mille adolescenti tra i 12 ei 18 anni, 3,65 ragazzi rischiano di essere uccisi prima di compiere 19 anni. Se le condizioni analizzate non cambieranno, entro il 2021, nei 300 comuni presi in analisi 43.000 adolescenti potrebbero esseri uccisi.
Il numero di morti di bambini sotto un anno di età è stato ridotto da 95.938 nel 1990 a 37.501 nel 2015. Nello stesso periodo, il numero di adolescenti di età compresa tra 10 e 19 anni uccisi è aumentato da 4.754 a 10.290, secondo Datasus (Dipartimento del Ministero della Salute Brasiliano).
Dal 2012, il numero di adolescenti morti per aggressione tra i 12 ei 18 anni è proporzionalmente più alto rispetto al numero di morti registrato nel resto della popolazione (nel 2014 ogni 100.00 adolescenti ne morivano 31,6, in generale nel resto della popolazione morivano 29,7 persone ogni 100.000).Un altro punto importante che lo studio mette in evidenzia è la concentrazione della violenza nel nord est del paese. Delle 10 capitali più violente per un adolescente, 7 sono nella regione nordorientale. Fortaleza registra il più alto IHA, con 10,94 omicidi ogni 1.000 adolescenti, seguita da Maceió (9,37). Le città di Rio de Janeiro e São Paulo hanno registrato le posizioni 19 e 22 tra le capitali (con tassi rispettivamente del 2,71 e del 2,19).Il sesso, il colore, l’età e i mezzi utilizzati negli omicidi incidono sulla probabilità per un adolescente di essere vittima di violenza letale. Nel 2014 gli adolescenti maschi avevano 13,52 possibilità in più di morire rispetto ad una ragazza adolescente, mentre un ragazzo adolescente nero aveva 2,88 probabilità in più di morire rispetto ad un adolescente bianco. Il rischio di essere ucciso per arma da fuoco è di 6,11 volte superiore rispetto ad altri mezzi.
Un altro studio condotto dall’UNICEF, l’Assemblea Legislativa dello Stato del Ceará e il Governo dello Stato del Ceará, Trajetoria Interrompidas, traccia un’analisi degli omicidi che si sono verificati a Fortaleza e in altri sei comuni del Ceará. La maggior parte delle vittime il 97,95% erano maschi, di questi il 65,75% erano neri o mulatti, residenti nelle periferie. La maggior parte degli adolescenti uccisi erano poveri: il 67,1% viveva in famiglie con uno o due salari minimi – e il 70% non frequentava la scuola da almeno sei mesi. A Fortaleza, la metà degli omicidi di adolescenti si è verificata in media a 500 metri da casa della vittima.

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »