Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 275

Archive for 6 novembre 2017

Leopoldo de’ Medici principe dei collezionisti

Posted by fidest press agency su lunedì, 6 novembre 2017

palazzo pittiFirenze 7 novembre 2017 – 28 gennaio 2018 Tesoro dei Granduchi, Palazzo Pitti, Enciclopedica figura di erudito, divenuto cardinale all’età di cinquant’anni, Leopoldo de’ Medici (Firenze, 1617 – 1675), figlio del granduca Cosimo II e dell’arciduchessa Maria Maddalena d’Austria, spicca nel panorama del collezionismo europeo per la vastità dei suoi interessi e la varietà delle opere raccolte. Servendosi di abilissimi agenti, mercanti e segretari italiani e stranieri, radunò, nel corso della sua vita, esemplari eccellenti e raffinati nei più diversi ambiti: sculture antiche e moderne, monete, medaglie, cammei, dipinti, disegni e incisioni, avori, oggetti preziosi e in pietre dure, ritratti di piccolo e grande formato, libri, strumenti scientifici e rarità naturali. Uomo scrupoloso e di indole riflessiva lasciò traccia delle sue predilezioni nella ricchissima corrispondenza intrattenuta con gli agenti, edita di recente e nota alla critica.«Uno dei più voraci collezionisti non solo nella storia di Firenze e dei Medici, ma d’Europa, il Cardinale era dominato da una passione totale per l’arte. Lo guidava negli acquisti la sua genialità visionaria, che lo portò ad esplorare – e ad accaparrarsi – interi nuovi continenti nella materia collezionistica, e a disporne con finissimo intuito museologico. Si deve a lui, ad esempio, il primo nucleo della raccolta degli autoritratti, ancor oggi unica al mondo per genere e ampiezza» (Eike D. Schmidt, Direttore delle Gallerie degli Uffizi).Alla morte del Cardinale, la maggior parte delle opere a lui appartenute entrarono nelle collezioni granducali e molte di esse furono espressamente destinate dal nipote, il granduca Cosimo III, ad abbellire la Galleria degli Uffizi: l’ingresso sistematico dell’eredità di Leopoldo nelle raccolte del principale museo della Casata toscana provocò uno dei più radicali rinnovamenti nella sua storia.
Nel quarto centenario della nascita di Leopoldo, le Gallerie degli Uffizi hanno voluto dedicare un’esposizione alla sua figura con lo scopo di presentare al pubblico esempi significativi del suo gusto nei diversi campi in cui esercitò la sua azione di conoscitore.
Sotto l’occhio vigile del Principe, presente in mostra con pitture, sculture e miniature che lo raffigurano nel trascorrere del tempo, dal poco noto quadro del castello di Konopiště di Giusto Suttermans, che lo mostra bambino, vestito alla polacca a cavallo di un destriero parato a festa, alle immagini di pittura e scultura che lo ritraggono nella sua nuova veste cardinalizia (dal 1667), si articolano le sezioni dell’esposizione, ospitata nelle prestigiose sale di rappresentanza del Tesoro dei Granduchi a Palazzo Pitti. Proprio nella reggia medicea erano custodite in origine le vastissime raccolte di Leopoldo, ospitate nel suo fastoso appartamento al secondo piano di Palazzo Pitti, allestito con gusto improntato al Barocco romano.
Dotato di una forte memoria visiva, Leopoldo riuscì a predefinire la sua collezione vedendone, già dagli anni precoci dei primi acquisti, la futura morfologia, la struttura portante, lo stile e la qualità che avrebbero assunto un’impalcatura concettuale in grado di resistere e affascinare fino ai nostri tempi. Niente fu lasciato al caso e le circostanze che videro promuovere contrattazioni anche lunghe e articolate, si attennero sempre al rigore di una precisa prassi.
Nel tempo in cui a Roma si effettuavano importanti campagne di scavo, Leopoldo grazie all’apporto dei suoi agenti e consiglieri, tra i quali Ottavio Falconieri, Leonardo Agostini, Pietro da Cortona, Gian Lorenzo Bernini, Ercole Ferrata, concluse l’acquisto di busti e sculture antichi di notevole pregio artistico, come la statua di fanciullo togato in basalto del II secolo d.C. scoperta nel 1651.
Vicino alla scuola galileiana, il Principe fu, insieme al fratello Ferdinando II, promotore dell’Accademia del Cimento (1657 – 1667), diretta espressione dell’atteggiamento sperimentalista che fiorì nella corte medicea pochi anni dopo la morte di Galileo Galilei. Nella collezione del Cardinale diversi erano gli strumenti appartenuti al grande scienziato, identificati in questa occasione nelle raccolte del Museo Galileo di Firenze. Interessato ai viaggi in terre lontane, vissuti attraverso le cronistorie letterarie, Leopoldo riunì nelle sue collezioni rarità naturali e oggetti preziosi dall’Oriente e dai paesi del Nuovo Mondo: dalle coppe con nautili lavorati in Cina agli oggetti in lacca giapponese, dalle armi indonesiane alla rarissima maschera in travertinite del IV-V secolo d.C. proveniente da Teotihuacan (Messico).
I contatti con il Nord Europa lo portarono a collezionare importanti gruppi scultorei in avorio di carattere sacro e profano, mentre la profonda religiosità che si respirava alla corte medicea lo spinse a commissionare preziosi reliquiari che, dispersi nel corso del XVIII secolo in alcune basiliche della Toscana, sono stati riuniti in occasione dell’esposizione.Se è impossibile ricreare gli ambienti dell’appartamento del Cardinale e riunire i numerosissimi dipinti della sua collezione (i risultati degli studi condotti in occasione della mostra saranno in catalogo e su supporti informatici), una scelta mirata riuscirà comunque a evocare lo sfarzo delle sue stanze dove i quadri di Tiziano, Pontormo, Botticelli, Parmigianino, Veronese, Bassano, Correggio si stagliavano sul fondo rosso delle pareti rivestite di taffetà nel fulgore delle loro cornici dorate, disegnate da artisti di chiara fama, quali Pietro da Cortona o Ciro Ferri.La volontà di lasciar memoria delle fattezze di personaggi di rilievo si manifestò nell’intento di costruire una storia dell’arte europea attraverso i ritratti dei suoi protagonisti: una stanza intera del suo appartamento era dedicata agli autoritratti dei pittori più famosi, una collezione unica al mondo ancor oggi vanto della Galleria degli Uffizi; così come la determinazione con cui perseguì una imponente raccolta di disegni, con l’aiuto dell’esperto Filippo Baldinucci, costituì il nucleo primigenio del Gabinetto Disegni e Stampe degli Uffizi.La mostra a cura, come il catalogo edito da Sillabe, di Valentina Conticelli, Riccardo Gennaioli, Maria Sframeli, è promossa dal Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo con le Gallerie degli Uffizi e Firenze Musei.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Elezioni Ostia: “Il vero dato su cui riflettere è lo sconfortante 36% dell’affluenza”

Posted by fidest press agency su lunedì, 6 novembre 2017

ostiaL’allontanamento degli elettori dalle istituzioni ha tante e complesse cause, ma una è senz’altro la delegittimazione della politica. È innegabile che a partire dal mio partito ci siano stati politici che hanno dato esempi negativi, ma fare di tutta l’erba un fascio e considerare la politica in sé corrotta è un tragico errore che spinge i cittadini ad allontanarsi non solo dalla politica ma dalle istituzioni. Questo fenomeno mette a rischio la democrazia, sempre più velocemente si passa dal qualunquismo agli estremismi: ad Ostia il crollo dei 5 stelle apre la strada a Casapound. I partiti che hanno usato la delegittimazione della politica come strumento di propaganda elettorale alla fine hanno delegittimato anche loro stessi. Nel momento in cui M5S governa la capitale d’ Italia è sintomatico che alla prima prova elettorale, nel municipio in cui un anno fa i ‘grillini’ presero il maggiore consenso a Roma, oggi falliscono triturati dalla loro stessa demagogia.
In questo quadro bisogna mettere da parte gli egoismi elettorali, come diceva un poeta” gli odi di partito” e fare fronte comune sui valori di uguaglianza, solidarietà, progresso che oggi sono entrati in crisi anche a causa della pressante crisi economica.” Così in una nota il consigliere del PD capitolino Antongiulio Pelonzi. E in un altro comunicato il consigliere del PD capitolino Marco Palumbo aggiunge: “Ricordo alla sindaca Raggi che nel 2103 il candidato sindaco De Vito prese nel X Municipio 15.222 voti (16,91%), mentre il candidato presidente al X° municipio Ferrara ne prese 15.082 (16,98%).Nel 2016 Virginia Raggi a Ostia prese 42.538 voti (43,82%). Oggi Giuliana Di Pillo è arrivata a 19.777 voti (30,28%) prendendo solo 4mila voti in più rispetto al 2013. Il dato fortemente significativo, dopo un anno e mezzo di giunta M5S con la sindaca Raggi sono i circa 23 mila voti persi. Altro che voti raddoppiati la performance del M5S ad Ostia è una frana elettorale che ha dimezzato i consensi dei cinquestelle.” Sull’altro versante Nello Angelucci, consigliere M5S di Roma Capitale comunica: ” “Le elezioni del X Municipio confermano il fallimento di Salvini e Meloni che anche uniti non ce l’hanno fatta. L’effetto Raggi su Roma ha invece premiato il M5S alle urne che si è confermato il primo partito con il doppio dei voti rispetto alle elezioni municipali del 2013. E’ il riconoscimento del lavoro che il M5S sta portando avanti nella Capitale che conferma il M5S come prima forza politica che prende più voti di tutti. E da solo. Grazie a tutti coloro che ci hanno dato fiducia nell’espressione di voto per l’elezione del Presidente del Municipio X. E’ preoccupante il dato sull’astensionismo, sono sicuro che i cittadini ancora sfiduciati dalla vecchia politica torneranno a credere nelle istituzioni. Avere alla presidenza del Municipio un esponente del M5S è un’opportunità che non va sprecata. Quelli di destra hanno fatto un’ammucchiata che gli è servita a poco e ora sono costretti a strizzare l’occhio a CasaPound. Fa sicuramente comodo ignorare la presenza di alcuni esponenti del clan Spada ai seggi per i candidati di estrema destra. Del resto ci hanno abituati ai loro continui silenzi nel corso di questa campagna elettorale. Il MoVimento 5 Stelle si conferma l’unico in grado di schierarsi apertamente contro la criminalità organizzata. Solo con Giuliana Di Pillo il territorio potrà ripartire dopo Mafia Capitale. Sono sicuro che il 19 novembre i cittadini faranno la scelta giusta. Sceglieranno la legalità. Eleggere Giuliana come presidente è la loro occasione per il riscatto”.

Posted in Uncategorized | Leave a Comment »

Dalla Sicilia ad Ostia vince il partito astensionista

Posted by fidest press agency su lunedì, 6 novembre 2017

porto palermoUn dato è certo: l’astensionismo ha fatto la parte del leone sia in Sicilia sia ad Ostia. Sull’altro fronte il dato più eclatante è che il PD sotto la guida dello “sfascia carrozze” è calato di molto e se non vi è stato un tracollo lo deve in Sicilia a Micari, rettore dell’Università di Palermo, una indubbia figura di prestigio, e ad Ostia dall’impegno personale e del vasto seguito che ha sempre goduto Athos De Luca. Non è agevole pensare che da qui alle politiche del prossimo anno qualcosa possa cambiare in un senso o nell’altro anche se l’astensionismo potrebbe essere contenuto ma non certo sconfitto. Questo perché è forte il malessere nel nostro paese. E non è certo una soluzione quella di rispolverare le vecchie glorie ma senza un progetto politico e programmatico serio dove emerga chiaro che la nostra società non è divisa, come un tempo, da tante espressioni partitiche ma da una sola realtà tra chi ha e chi è. Non si possono più accettare le sistematiche demonizzazioni delle istituzioni dalla giustizia al Quirinale e alla Corte Costituzionale per favorire interessi di parte che, tra l’altro, non agevolano lo sviluppo del paese ma concorrono fortemente a favorire facili guadagni e speculazioni di ogni genere. Questa logica del tutto distruggere per nulla costruire è avvertita fortemente nel nostro Paese e il timore che proprio il movimento come 5 stelle che, sino ad oggi, ha dato una speranza finisca anch’esso nel tritacarne dei fomentatori e calunniatori di professione che fanno di tutto per minarne la credibilità e finisca con il favorire quanti con l’arma dell’astensionismo pensano di tacitare il dissenso. Potrebbe diventare un rischio serio per la tenuta della nostra stessa democrazia o di quella che ne resta. (Riccardo Alfonso)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Cardiac imaging experts create ‘imaging phenotype’ to improve personalised treatment

Posted by fidest press agency su lunedì, 6 novembre 2017

lisbonaLisbon, Portugal 6 to 9 December 2017 at the Centro de Congressos de Lisboa (CCL). EuroEcho-Imaging is the annual meeting of the European Association of Cardiovascular Imaging (EACVI), a registered branch of the European Society of Cardiology (ESC). The full scientific programme is available here. The EuroEcho-Imaging 2017 mobile app can be downloaded from the App Store or Google play – search for ‘EuroEcho2017’.
“Clinicians, scientists and engineers from across the globe attend EuroEcho-Imaging,” said Professor Erwan Donal, Chairperson of the Scientific Programme Committee. “It is the place to see the most innovative imaging techniques in cardiovascular diseases and journalists will find plenty of fresh material.” Phenomapping is an emerging field that will be discussed by specialists at the meeting. Using the statistical methods that condense large amounts of data from DNA sequences into understandable information, data from cardiac imaging (mainly echocardiography) is transformed into an ‘imaging phenotype’. Professor Donal said: “This is a completely new area in cardiovascular imaging. International leaders will reveal how phenomapping can be used to personalise treatment for patients with cardiovascular disease.” EuroEcho-Imaging is the place to be to meet world renowned global experts in the field of cardiovascular imaging. More than 3 200 healthcare professionals from over 90 countries are set to attend the four day event. Original research will be presented in the abstract programme and more than 150 scientific sessions will explore the hottest topics in cardiovascular imaging. Subjects of interest to the press include the use of holograms and 3D printing to guide procedures such as repair of congenital heart defects and replacement of heart valves; use of imaging for early detection and prevention of heart damage caused by cancer treatment; and foetal cardiac magnetic resonance (CMR) and fusion imaging to improve diagnosis and treatment of congenital heart diseases. The main themes of the congress are imaging in heart failure and interventional imaging. Cardiac imagers have played a key role in both areas, using echocardiography, cardiac computed tomography (CT), CMR, and nuclear imaging techniques to select patients and guide procedures. These include atrial fibrillation ablation, valve replacement, and implantation of cardiac resynchronisation therapy devices. Members of the press will hear the latest research in both fields. Members of the press can get a look into the future by attending sessions held in collaboration with Computers in Cardiology, a group of scientists in engineering, physics and computer science who will discuss techniques on the horizon to improve the diagnosis, monitoring, and treatment of patients with cardiovascular disease. Contentious issues will be debated giving media representatives both sides of the story. For example, should patients with coronary artery disease and heart failure receive revascularisation? Professor Donal said: “We don’t have convincing evidence on whether or not to treat the heart failure only. Those in favour of revascularisation argue that it improves ejection fraction and ameliorates heart failure. They will show how CMR can be used to assess viability of the myocardium and select candidates for revascularisation.” Dr Philippe Pibarot from Quebec, Canada, will give the EuroEcho-Imaging lecture “Why and how cardiac imaging has revolutionised the management of aortic stenosis”. Professor Donal said: “EuroEcho-Imaging will demonstrate how clinicians and scientists worldwide are using echocardiography, cardiac CT, CMR, and nuclear imaging to improve our understanding and treatment of cardiovascular diseases. This is the event of the year for breaking news in cardiovascular imaging.”

Posted in Estero/world news, Medicina/Medicine/Health/Science, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Gli exit poll danno in vantaggio il centrodestra in Sicilia

Posted by fidest press agency su lunedì, 6 novembre 2017

nello-musumeci“Aspettiamo i dati reali, ma già ora possiamo dire che questa è una notte felice. Perché per primi come Fratelli d’Italia abbiamo creduto nella candidatura di Nello Musumeci, un uomo specchiato e capace, uno straordinario siciliano. Alcuni avevano dei dubbi ma siamo felici che questa volta i nostri amici di viaggio ci abbiamo ascoltato. Perché abbiamo ridato al centrodestra un progetto serio di governo e una possibilità di vittoria. Una speranza per i siciliani che vogliono ricostruire e non distruggere. E sarebbe una vittoria della destra credibile, competente e onesta, che non scende a compromessi. Verrebbe così smentita, ancora una volta, la favola secondo la quale si vince solo al centro, con proposte e identità annacquate. E non si potrebbe che partire dal modello Sicilia, anche per il governo della Nazione”. Lo scrive su Facebook il presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni, commentando i primi exit poll sulle elezioni regionali siciliane.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

28mo Concorso Internazionale “Città di Porcia”

Posted by fidest press agency su lunedì, 6 novembre 2017

vincitori con Giampaolo doroE’ il giovanissimo cinese Yun Zeng (compirà 18 anni a dicembre) il vincitore del 28mo Concorso Internazionale “Città di Porcia”, quest’anno dedicato al corno, organizzato dall’associazione Amici della musica Salvador Gandino col sostegno di Regione Friuli Giulia, Comune di Porcia e Fondazione Friuli, in collaborazione con Tecnoinox, Itas Assicurazioni e Progetto e Sviluppo, e il patrocinio di Comune di Pordenone e Pordenone with love. Un primo premio conteso con lo spagnolo Adrian Diaz Martinez (la giuria durante il dibattimento aveva ventilato l’ipotesi di un secondo premio ex aequo per entrambi), a cui è andato invece il premio del pubblico (1000 €), per soli 10 voti in più. Terzo premio per il russo Maksim Semenov. Tutti e tre i concorrenti per la prova Finale con Orchestra che si è svolta al Teatro Comunale Giuseppe Verdi di Pordenone, partner del concorso, hanno scelto di eseguire il Concerto nr.1 in mi bemolle maggiore per corno e orchestra di Richard Strauss: un’opera giovanile del compositore austriaco, il cui padre era primo corno presso l’orchestra di corte di Monaco di Baviera, nella quale già si manifestano la sua genialità e il suo fervore romantico. L’esecuzione da parte dei tre cornisti è stata molto diversa e ha dato modo di apprezzare le diverse personalità e le diverse scuole di provenienza: Semenov ha restituito una visione intima, Yun Zen si è mostrato estroverso, spavaldo e quasi sfrontato, affrontando anche qualche rischio, Diaz Martinez è stato maggiormente aderente alla partitura, dando piena espressione a un suono caldo e morbido, tipicamente mediterraneo. Al Massimiliano Caldiorcestra padova e del venetovincitore è andato un premio di 8.500 €, un concerto con l’Orchestra di Padova e del Veneto, un concerto nella programmazione concertistica del CIDIM e per la prima volta una borsa di studio di 1.000 dollari offerti dalla International Horn Society, ente impegnato non solo nel promuovere giovani talenti, ma anche nel sostenerli finanziariamente, come ha voluto ricordare Frank Lloyd, membro della giuria del concorso e membro per diversi anni della Ihs (e interprete delle colonne sonore di due celebri film: Guerre Stellari e Robin Hood). Il secondo premio consta di 4.500 €, il terzo di 3.000 €. “Questo – afferma il presidente di giuria Guido Corti – è un premio che cambia la vita. Il Città di Porcia (unico al mondo a fare della Finale con Orchestra un grande concerto pubblico) è attualmente considerato tra i 4 più importanti al mondo. Io, visto il livello raggiunto, lo colloco senz’altro tra i primi tre. Tanto è vero, che il vincitore di Porcia, non viene ammesso a partecipare a Monaco e a Praga, che rappresentano il massimo”. Non a caso il vicepresidente regionale Sergio Bolzonello ha parlato di “reputazione per il territorio”, come risultato di un lavoro straordinario e impagabile. Felicissimo per la serata coronata da una strepitosa Eroica di Beethoven interpretata dall’Orchestra di Padova e del Veneto diretta da Massimiliano Caldi, si è dichiarato Maurizio Baglini, direttore musicale del teatro: “Abbiamo riempito la platea e diverse persone non hanno potuto trovare posto, con mio grande dispiacere.” Soddisfatto il direttore artistico del concorso Giampaolo Doro: “Le prenotazioni sono arrivate da tutto il Triveneto”. (foto: Massimiliano Caldi, orcestra padova e del veneto, vincitori con Giampaolo doro)

Posted in Uncategorized | Leave a Comment »

Romaeuropa festival al Teatro Vittoria

Posted by fidest press agency su lunedì, 6 novembre 2017

roma festivalRoma dal 6 al 9 novembre Teatro Vittoria Via dei Magazzini Generali, 20 Pippo Delbono al Romaeuropa festival in “Adesso voglio musica e basta” 4 appuntamenti fra musica, teatro e letteratura con Alexander Balanescu, Petra Magoni, Enzo Avitabile, Piero Corso. è un percorso in quattro tappe nel mondo musicale dell’attore e regista italiano, ma anche un viaggio nei punti cardine della sua estetica e della sua biografia.Quattro appuntamenti, fra musica e letteratura, in compagnia di quattro grandi musicisti, Alexander Balanescu, Petra Magoni, Enzo Avitabile e Piero Corso, a confronto con le più alte espressioni musicali di tutti i tempi.“Il mio rapporto con l’arte nasce con la musica – racconta Delbono. È sempre stata una presenza importante nel mio lavoro e nella mia vita. Ho avuto incontri importanti, la fortuna di lavorare con grandi maestri. Però, alla fine, sono sempre tornato alla musica. E in questo amore per la musica ho iniziato a comporre anche io. Ma ho bisogno di un po’ di tempo, sto imparando. Mi piace, perché è bello (come diceva Pasolini) ‘Ricominciare da dove non c’è certezza’. “E incontri importanti sono stati anche quelli con i grandi musicisti che si alterneranno accompagnando Delbono nei quattro giorni del nuovo spettacolo: “ConBalanescu ci siamo incontrati su un set cinematografico. Lui suonava il violino, io ho attaccato con la voce e abbiamo iniziato un dialogo che continua ancora oggi. Questo è successo anche con Petra Magoni. La mia voce ha incontrato la sua e si è creato un equilibrio, diverso da quello con Balanescu, ma subitaneo. Con Avitabile si tratta di grande amore. Le sue musiche hanno accompagnato anche miei altri spettacoli. Mi ha affidato i suoi pezzi, scorporati dalla sua voce, dicendomi di farne ciò che volevo. E io li ho riadattati, li ho fatti miei. Con Enzo, oltre alla musica, condividiamo anche un pensiero politico. Lui rappresenta per me un modo di guardare il mondo. Piero Corso è un collaboratore storico, il primo con cui iniziai a lavorare sui dialoghi tra voce e musica, vent’anni fa. Il suo approccio alla chitarra è da autodidatta, ma molto poetico. Il suo tocco è raro e speciale”.
Si parte dalle note di violino di Paganini che diventano ‘urli dell’anima’ nell’interpretazione di Balanescu il 6 novembre in Amore e carne, si prosegue con il mito di Edipo raccontato il 7 novembre sulla voce sensuale di Petra Magoni unendo Peri, Caccini e Monteverdi a Lou Reed, Sinéad O’Connor e Fabrizio De André ne Il Sangue per arrivare all’amore bestemmiato, ucciso e rinato raccontato sui ritmi della musica popolare napoletana reinterpretata da Enzo Avitabile in Bestemmia d’amore l’8 novembre e concludere con le chitarre di Piero Corso che accompagnano un confronto autobiografico con Bernard-Marie Koltès in La Notte il 9 novembre.Il nucleo iniziale dell’amore si apre dunque ai grandi temi umani della tragedia greca: il dolore, la perdita, la morte. “Perché il desiderio di uscire fuori dal dolore comunque ci accompagna, sempre, anche oggi, che è un momento duro, in cui sentiamo nell’aria presagi di antiche guerre, in cui si parla di disastri, di bombe atomiche, in cui c’è il timore di accogliere chi è diverso da noi. È un momento dolorosissimo e questo dolore cerco di affrontarlo con il mio teatro. I temi trattati da questo spettacolo hanno, quindi, anche un valore politico, non in senso ideologico. Per me è molto difficile credere in un partito, ma credo fermamente nell’essere umano”.Temi universali, dunque, presentati in “Adesso voglio musica e basta” con un ordine preciso: dal bisogno di speranza di “Amore e carne” (suo film del 2011 con musiche di Balanescu e Laurie Anderson) al buio della realtà che ci circonda, un pessimismo radicale che emerge dalle opere del drammaturgo francese Bernard-Marie Koltès. Biglietti da € 17 a € 25.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

DEWA Is the First Organisation outside Europe to Win EFQM Global Excellence Award in the Platinum Category

Posted by fidest press agency su lunedì, 6 novembre 2017

Global Excellence AwardDubai Electricity and Water Authority (DEWA) has won the Global Excellence Award from the European Foundation for Quality Management (EFQM), becoming the first organisation outside Europe to receive this prestigious award, and the first in the Award’s history to win it from first application. DEWA achieved between 750-800 points, ranking in the Platinum category, which includes leading companies and institutions that promote sustainable excellence.
“At DEWA, we work in line with the vision of HH Sheikh Mohammed bin Rashid Al Maktoum, Vice President and Prime Minister of the UAE and Ruler of Dubai, who has identified the basic features and proactive approach for future governments. This is based on achieving the best accomplishments in various sectors of government, to reflect positively on the services provided to citizens and society member. The excellence process with the Dubai Government Excellence Program has contributed to promoting a culture of institutional excellence, consolidating the foundations of sustainable excellence. DEWA provides a positive work environment that contributes individual and organisational efficiency and institutionalising a culture of excellence, according to the highest standards of total quality management and sustainable excellence. At DEWA, excellence is a daily work programme implemented according to specific and well-thought-out strategies and plans carried out by all staff, to achieve the happiness of customers and society as a whole,” said HE Saeed Mohammed Al Tayer, MD & CEO of DEWA.
A team of 7 assessors from EFQM visited DEWA to review its procedures and practices in innovation, excellence, continuous development, and policies to maintain its achievements. The team commended DEWA’s efforts which contribute to realising its vision to become a sustainable innovative world-class utility, and applauded its achievements over the past years.The UAE, represented by DEWA, ranked first in the world in getting electricity, as per the World Bank’s Doing Business 2018 report. The extensive report uses multiple criteria to measure the ease of doing business in 190 countries around the world. (photo: Global Excellence Award)

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Parte dal World Trade Market la promozione del Macerata Opera Festival 2018

Posted by fidest press agency su lunedì, 6 novembre 2017

sferisterio sold out@Alfredo TabocchiniLondra. Inizia dal prestigioso World Trade Market di Londra la promozione della stagione 2018 del Macerata Opera Festival. Dopo aver annunciato nei giorni scorsi il nuovo direttore artistico Barbara Minghetti, quello musicale Francesco Lanzillotta e aver confermato il sovrintendente Luciano Messi, l’Arena maceratese parte con la programmazione del triennio 2017-2020.Grazie alla Regione Marche e alla collaborazione della Confcommercio Marche Centrali, lo Sferisterio sarà impegnato dal 6 all’8 novembre in questo appuntamento internazionale dove potrà incontrare operatori turistici e buyers provenienti da tutto il mondo. Quella inglese è fra le più importanti fiere internazionali del settore: giunta alla 37ª edizione, punta a superare i numeri record del 2016, con oltre 51mila visitatori e affari conclusi per un valore di circa 2,5 miliardi di sterline. Tra gli espositori, numerosi Paesi asiatici, testimonianza della crescita notevole dei mercati orientali.Per il Macerata Opera Festival è l’occasione per presentare il nuovo cartellone, composto da tre opere: Il flauto magico (debutto il 20 luglio, repliche 29 luglio, 4-12 agosto), L’elisir d’amore (21 luglio, repliche 27 luglio, 5-10 agosto) e La traviata, nel famoso allestimento degli specchi (22 luglio, repliche 28 luglio, 3-11 agosto). L’Italia sarà protagonista del World Trade Market, in quanto – grazie all’impegno dell’Enit (Agenzia nazionale del turismo) – è Premier Partner.
Quello di Londra è la prima vetrina internazionale dello Sferisterio che nei prossimi mesi parteciperà all’Holiday World Show di Dublino (26-28 gennaio), al Salon des Vacances di Bruxelles (1-4 febbraio), al F.R.E.E. di Monaco (21-25 febbraio) e all’ITB di Berlino (7-11 marzo), ulteriori occasioni di contatto con il mondo del turismo per sviluppare nuove strategie commerciali e incrementare le presenze durante l’estate maceratese. (foto: sferisterio)

Posted in Estero/world news, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La Fisica incontra la città

Posted by fidest press agency su lunedì, 6 novembre 2017

RomaRoma. Mercoledì 8 Novembre 2017, ore 20:30 Università degli Studi Roma Tre – Aula Magna Rettorato Via Ostiense, 159. Che cos’è un’interazione fondamentale? Stefano Forte (Dipartimento di Fisica, Università di Milano) Per molti fisici, le interazioni fondamentali sono come il tempo secondo sant’Agostino: “Che cosa sono? Se nessuno me lo chiede, lo so; se cerco di spiegarlo a chi me lo chiede, non lo so.” Eppure, alla domanda “quali sono le interazioni fondamentali” tutti risponderanno senza dubbi ed allo stesso modo: la gravità, l’elettromagnetismo, la forza debole e la forza forte. Queste queste quattro forze sono davvero “fondamentali” e se si in che senso? Potremmo scoprire un giorno che in realtà non lo sono? E potremmo scoprire che nessuna interazione è fondamentale? La risposta a queste domande coinvolge alcune delle idee più profonde della fisica degli ultimi cinquant’anni: l’indeterminazione quantistica, le simmetrie dello spazio-tempo, le costanti fondamentali, le leggi di scala. Vedremo come queste idee abbiano permesso di sviluppare il modello standard: l’attuale teoria delle interazioni fondamentali, forse la teoria meglio verificata sperimentalmente di tutta la fisica. Vedremo anche come la visione di teoria fondamentale che ne nasce potrebbe essere superata in futuro.
Stefano Forte è professore ordinario di fisica teorica presso l’Università di Milano, dove ha stabilito una vivace scuola di fisica delle interazioni fondamentali. In precedenza è stato ricercatore dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare a Torino e a Roma, ed ha occupato posizioni post-dottorali a Parigi ed al CERN dopo aver conseguito il dottorato di ricerca presso l’MIT. Si occupa soprattutto della teoria dell’interazione forte ed in particolare della struttura del protone, la cui conoscenza dettagliata è stata cruciale per la recente scoperta del bosone di Higgs. Ha svolto e svolge attività di insegnamento e ricerca in varie istituzioni internazionali, tra cui il CERN di Ginevra, il centro Higgs di Edimburgo, l’Università Pierre et Marie Curie di Parigi, l’istituto Niels Bohr di Copenhagen e la scuola normale superiore di Lione.

Posted in Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Colloquium di Matematica – H. Duminil-Copin

Posted by fidest press agency su lunedì, 6 novembre 2017

geometria1Roma Mercoledì 8 Novembre 2017, ore 16:00 Dipartimento di Matematica e Fisica – Aula F Largo San Leonardo Murialdo, 1. Counting self-avoiding paths using discrete holomorphic functions Prof. H. Duminil-Copin (IHES, Bures-sur-Yvette, France) In the early eighties, physicists Belavin, Polyakov and Zamolodchikov postulated conformal invariance of critical planar statistical models. This prediction enabled physicists to harness Conformal Field Theory in order to formulate many conjectures on these models. From a mathematical perspective, proving rigorously the conformal invariance of a model (and properties following from it) constitutes a formidable challenge. In recent years, the connection between discrete holomorphicity and planar statistical physics led to spectacular progress in this direction. Kenyon, Chelkak and Smirnov exhibited discrete holomorphic observables in the dimer and Ising models and proved their convergence to conformal maps in the scaling limit. These results paved the way to the rigorous proof of conformal invariance for these two models. Other discrete observables have been proposed for a number of critical models, including self-avoiding walks and Potts models. While these observables are not exactly discrete holomorphic, their discrete contour integrals vanish, a property shared by discrete holomorphic functions. This property sheds a new light on the critical models, and we propose to discuss some of its applications. In particular, we will sketch the proof (joint work with Smirnov) of a conjecture made by Nienhuis regarding the number of self-avoiding walks of length n on the hexagonal lattice starting at the origin.

Posted in Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Conversazioni intorno a una balena bianca

Posted by fidest press agency su lunedì, 6 novembre 2017

moby dickRoma Mercoledì 8 Novembre 2017, ore 18:00 Moby Dick – Biblioteca – Hub culturale via Edgardo Ferrati 3a. In occasione del primo anniversario della nascita della Biblioteca e Hub Culturale, Sara Antonelli, professoressa di Americanistica dell’Università Roma Tre e Paolo Di Paolo, critico letterario e scrittore, discutono del capolavoro di Melville: “Moby Dick”, la “maledetta” bestia che dal fondo dell’inferno il capitano Achab ricopre di odio perché, come i suoi incubi, non riesce a sconfiggere e a dominare. L’incontro sarà animato dalle letture di Alessandra De Luca.
Nell’edificio degli ex Bagni Pubblici di Garbatella, in collaborazione con Laziodisu e l’Università Roma Tre, il giorno 8 novembre di un anno fa veniva inaugurato lo spazio Moby Dick, biblioteca e Hub Culturale della Regione Lazio, dando vita a un complesso polifunzionale di ultima generazione, articolato e versatile, che coniuga perfettamente le attività del centro culturale con i servizi della biblioteca.
Oggi, all’interno della struttura si trovano due grandi sale di lettura, wi-fi gratuito e una emeroteca.
Il prestito si basa su nuovissime concezioni dei servizi bibliotecari. Moby Dick infatti si avvale del servizio PIM, Prestito Interbibliotecario Metropolitano, attraverso il quale in pochi giorni si mette a disposizione dell’utenza qualsiasi documento venga richiesto presente presso le Biblioteche del Comune di Roma. Inoltre, gli utenti si possono avvalere di MLOL, Media Library on Line, che garantisce l’accesso a giornali e riviste on line di tutto il mondo e il prestito digitale di e-book. Dal 27 settembre scorso è, infine, attivo il servizio di prestito per le collezioni al momento presenti a Moby Dick, quella di letteratura per l’infanzia e quella dei romanzi vincitori del Premio Strega.
Un fitto programma di attività culturali, per bambini e per adulti, anima la struttura che è diventata uno dei riferimenti più qualificati della città di Roma.

Posted in Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Storia della Scienza, della Tecnica e della Medicina

Posted by fidest press agency su lunedì, 6 novembre 2017

università roma treRoma Mercoledì 8 Novembre 2017, ore 16:00 / 19 Dicembre 2017 Dipartimento di Studi Umanistici – Aula 2 dell’Area di Italianistica e Sala del Consiglio Via Ostiense 234/236.
Nei giorni 8-15-22-29 novembre 2017 e nei giorni 6-13 dicembre 2017, alle ore 16, nell’Aula 2 del Dipartimento di Studi Umanistici, si terrà un seminario sul tema “Storia della Scienza, della Tecnica e della Medicina”. Il giorno 19 dicembre 2017, nell’Aula del Consiglio del Dipartimento di Studi Umanistici alle ore 9:30, avrà luogo la giornata conclusiva del seminario in oggetto, che proseguirà nel pomeriggio dalle 15:30 alle 19.

Posted in Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

1917-2017: 100 anni Rivoluzione d’Ottobre

Posted by fidest press agency su lunedì, 6 novembre 2017

leninRoma Mercoledì 8 Novembre 2017, ore 11:00 / 9 Novembre 2017 Dipartimento di Studi Umanistici – Videoteca Piano rialzato Area Mondo Antico Via Ostiense, 234 In occasione del centenario della Rivoluzione d’Ottobre la Videoteca del Dipartimento di Studi Umanistici presenta due giornate d’incontro e le proiezioni di un documentario e di un film.
Il trionfo del comunismo nel 1917, nella Russia zarista trasformata in Unione sovietica. E subito dopo, una lotta per il potere all’ombra delle bandiere rosse. Gli anni dello stalinismo. L’incarcerazione e il massacro dei dissidenti. E i lager siberiani dove la forza lavoro veniva sfruttata per permettere alla nomenklatura di Mosca di tenere testa all’Occidente. E’ la storia della dittatura più longeva del secolo.

Posted in Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Presentazione volume Storia d’Italia nella guerra fredda (1943 – 1978)

Posted by fidest press agency su lunedì, 6 novembre 2017

Roma Martedì 7 Novembre 2017, ore 16:30 Dipartimento di Scienze Politiche, Sala del Consiglio Via G. Chiabrera, 199 Presentazione del volume di Guido Formigoni, Storia d’Italia nella guerra fredda (1943 – 1978) – (il Mulino, 2016). Interverranno Renato Moro, Paolo Acanfora, Giovanni Mario Ceci, Laura Fasanaro. Sarà presente l’autore.​

Posted in Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Seminario di Fisica Matematica – H. Duminil-Copin

Posted by fidest press agency su lunedì, 6 novembre 2017

olimpiadi-matematica-cesenatico_largeRoma Martedì 7 Novembre 2017, ore 14:30 Dipartimento di Matematica e Fisica – Aula 311 Largo San Leonardo Murialdo, 1 Sharpness of the phase transition via randomized algorithms Prof. H. Duminil-Copin (IHES, Bures-sur-Yvette, France). We will present a novel technique enabling us to prove that correlations of classical models of statistical physics decay exponentially fast in the subcritical regime. The strategy, relying on randomized algorithms, extends to a variety of models, including continuum percolation models, Ising and Potts models.

Posted in Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Le scienze naturali per la formazione primaria

Posted by fidest press agency su lunedì, 6 novembre 2017

chimicaRoma Lunedì 6 Novembre 2017, ore 16:00 / 8 Novembre 2017 Dipartimento di Scienze della Formazione – Polo didattico Via Principe Amedeo 184 il Laboratorio di Matematica per la formazione primaria del Dipartimento di Scienze della Formazione organizza due conferenze dedicate alla chimica e alla fisica, volte a presentare queste discipline nel contesto storico e nei suoi legami con altri ambiti della cultura. “Le origini della chimica moderna. Da Parcelso a Robert Boyle” di Antonio Clericuzio (Università Roma Tre) – Lunedì 6 novembre ore 16-18. “Raccontare la fisica attraverso le immagini” di Leonardo Colletti (Università di Trento) – Mercoledì 8 novembre ore 14-16. L’iniziativa rientra tra le attività formative per le quali può essere concesso l’esonero dal servizio nelle scuole di ogni ordine e grado ai sensi della Nota MIUR 02.02.2016 – Prot. n. 3096. Su richiesta verrà rilasciato un attestato di partecipazione. http://www.formazione.uniroma3.it/Laboratori.

Posted in Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Presentazione del volume ‘Non siamo immuni. La vita è meravigliosa…’

Posted by fidest press agency su lunedì, 6 novembre 2017

Roma Lunedì 6 Novembre 2017, ore 14:30 Dipartimento di Scienze politiche, Aula 2B – II piano Via Gabriello Chiabrera 199 Alle ore 14.30 il professor Francesco Antonelli presenta il volume “Non siamo immuni. La vita è meravigliosa…” di Giacomo Perini, che partecipa all’incontro. Intervengono Francesco Guida, direttore del Dipartimento di Scienze Politiche, Edoardo Marcucci, vicepresidente del Consiglio Scientifico della Biblioteca e Andrea Argenio, assegnista di ricerca del Dipartimento.
Nel corso dell’incontro verrà proiettato il docufilm “Gli anni più belli. Così la malattia ha cambiato la mia vita” di Livia Parisi e Giacomo Perini, vincitore del 1° premio del Concorso dell’AIOM “Oncologia e cinema”.www.sba.uniroma3.it

Posted in Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Workshop on Habit, Second Nature, and Disposition

Posted by fidest press agency su lunedì, 6 novembre 2017

Roma Lunedì 6 Novembre 2017, ore 10:30 Dipartimento di Filosofia, Comunicazione e Spettacolo, Aula Verra Via Ostiense 234-236. This workshop focuses on two crucial features of the notion of habit: on the one hand, its dispositional character; on the other hand, its elusive belonging to both first and second nature.

Posted in Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Cooperazione internazionale: Il nostro futuro nel mondo

Posted by fidest press agency su lunedì, 6 novembre 2017

luca pietromarchiRoma Lunedì 6 Novembre 2017, ore 10:00 Università degli Studi Roma Tre Scuola di Lettere, Filosofia, Lingue – Aula 10 Via Ostiense 234/236 Incontro tra il viceministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, Mario Giro, e gli studenti al fine di stimolarli verso un futuro professionale nel mondo della cooperazione internazionale. L’incontro costituisce una importante tappa del percorso compiuto presso le università italiane dal viceministro Mario Giro, dal direttore generale della Cooperazione allo Sviluppo del MAECI e dal direttore generale dell’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo, Laura Frigenti, e si inserisce nell’ambito del progetto “Cooperazione internazionale – Il nostro futuro nel mondo”, che comprende una serie di “Giornate d’orientamento sulle opportunità di lavorare con la Cooperazione Internazionale”, in cui gli studenti universitari sono i protagonisti di un confronto diretto e informale. Nel corso dell’incontro, il viceministro illustrerà tutte le opportunità di lavoro che la cooperazione internazionale offre ai giovani oggi e le modalità di partecipazione per accedere alle borse di studio offerte dall’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo (Aics) che verranno assegnate nel 2018 e raccoglierà spunti utili per la preparazione del Primo Forum Nazionale della Cooperazione che si terrà a dicembre 2017.Programma:
10:00 Luca Pietromarchi, Magnifico Rettore dell’Università degli Studi Roma Tre Saluto e introduzione.
10:10 Mario Micheli, Delegato del Rettore per la Cooperazione allo Sviluppo La Cooperazione allo Sviluppo a Roma Tre.
10:20 Mario Giro, Viceministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale Cooperazione Internazionale: il nostro futuro nel mondo
10:50 Testimonianze di giovani attivi nel mondo della cooperazione, in collegamento dai paesi beneficiari
11:00 Dibattito e confronto con gli studenti. Modera Francesca Caferri, Caporedattore Esteri di Repubblica
11.40 Riflessioni di Pasquale De Muro, Alessandro Volterra e Massimo Ghirelli, Università degli Studi Roma Tre
11:50 Conclude Claudio Giovanardi, Presidente della Scuola di Lettere, Filosofia, Lingue dell’Università degli Studi Roma Tre.

Posted in Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »