Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 344

Archive for 9 novembre 2017

Catella: Risk evaluation reveals good investment opportunities in Europe

Posted by fidest press agency su giovedì, 9 novembre 2017

catella10In the latest Catella Market Tracker “Commercial Real Estate Investments in Europe – Risk Evaluation in Times of Boom and Uncertainty”, an analysis of 28 European real estate locations shows a good basis for long-term yield generation based on the common risk key indicators – risk/yield, volatility and Sharpe ratio.The analysis of 28 European locations in an office and retail portfolio shows an average total return of 7.95% at the end of 2017.The top-5 performers are Dublin (12.1 %), Lyon (10.4 %), Stockholm (10.2 %), Paris (9.9 %), Barcelona (9.8 %) and Marseilles (9.8 %).
The bottom-6 performers include five German cities: Frankfurt (5.6 %), Hamburg (5.6 %), Cologne (5.7 %), Berlin (5.8 %) and Munich (6.5 %). The sextet is completed by Helsinki, with a historical annual total return of 5.9 %.For average volatility or standard deviation, the following picture emerges:The five German cities (Cologne: 5.0 %, Hamburg: 5.7 %, Frankfurt: 6.8 %, Munich: 7.1 %) and Helsinki (6.2 %) – as underperformers – record the lowest levels of relative volatility.
Three of the five riskiest cities are found among the top-5 performers: Dublin (21.2 %), Barcelona (12.9 %) and Paris (12.1 %).When applying the Sharpe ratio – a measure that takes into account both value growth and volatility – the strongest values are attributable to Brussels (1.13), Amsterdam (1.06) and Lille (1.01).Large-scale investors still believe that major cities are a must-have investment that ought to account for a substantial proportion of their portfolio. “With a view to traditional risk theory and the current conditions on the market, however, this maxim should be viewed with a certain degree of scepticism,” says Dr. Thomas Beyerle, Head of Group Research at Catella. A resulting “naïve” investment using the popular but simplified ABBA strategy is consequentially not an investment recommendation.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Meeting congressuale sulla plasticità cerebrale

Posted by fidest press agency su giovedì, 9 novembre 2017

DSCN0421Assisi presso il Centro CTF Wellness il 25 e 26 novembre prossimi, organizzato dall’Associazione WAL Walk and Learn vedrà sfilare relatori del calibro del Prof. Pierluigi Gargiulo, Medico nutrizionista, e Responsabile studio “Nutrizione e Cancro” all’Università di Roma Tor Vergata, il Prof. Massimo Piccirilli della Cattedra di Psichiatria e Psicologia Medica, Università di Perugia, Prof. Luigi Turinese psicologo e analista junghiano, ma anche personalità dello sport e della cultura come Greta Pontarelli, 5 volte campionessa del mondo nella disciplina olimpica chiamata Pole Sport e l’iconica Benedetta Barzini, modella, attrice, giornalista, scrittrice. A vent’anni modella di Irving Penn, poi raffinata musa ispiratrice di tutti i più grandi fotografi e fashion-brand dell’epoca. “L’Umbria è la seconda regione più longeva d’Italia con 162 ultra 90enni ogni 10mila abitanti, preceduta solo dalla Liguria” spiega la dottoressa Annamaria Crespi, ideatrice del Metodo WAL dati Istat alla mano “il 25% della popolazione regionale ha più di 65 anni pari a 222mila persone. Questo significa che gli umbri sono una popolazione longeva, ora la sfida è che siano anche sani dal punto di vista fisico e cognitivo. Un cervello inattivo è infatti fattore di rischio per il declino e la perdita di indipendenza. Oggi possiamo usare le ricerche scientifiche sapendo che il cervello ha bisogno di cibo in termini di energia ma anche di stimoli e movimento fisico. Quando uniamo questi elementi inoltre, otteniamo effetti immediati ad esempio sulla memoria. IN UNA TESI SPERIMENTALE che ha analizzato gli effetti dell’apprendimento in movimento con il metodo WAL abbiamo riscontrato un miglioramento del 10,56% al test dei cubi, del 14,27% nella memoria differita e del 16,42% nei test che chiedevano di ricordare coppie di parole. Siamo abituati a pensare agli over 65 come improduttivi e come a un costo, mentre rappresentano una straordinaria risorsa in termini di esperienza. “Ci stiamo rendendo conto che quella anziana è l’età in cui possiamo scoprire nuove passioni e mettere in campo risorse creative e sociali. Abbiamo guadagnato molti anni in termini di aspettativa di vita che dobbiamo imparare ad utilizzare al meglio”.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il sedicenne Alexander Malofeev nel suo primo recital italiano

Posted by fidest press agency su giovedì, 9 novembre 2017

Alexander Malofeev1Roma Suonerà sabato 11 novembre alle 17.30 nell’Aula Magna della Sapienza per la IUC e sarà non solamente il suo debutto a Roma ma anche il suo primo recital solistico in Italia, che lo vede impegnato in musiche di Chopin, Rachmaninov, Ravel e Prokof’ev, che per la loro enorme difficoltà esecutiva intimidiscono anche i più grandi pianisti. Inizierà con Maurice Ravel e il suo Gaspard de la nuit, composto nel 1908 e ispirato a tre poemetti in prosa di Aloysius Bertrand, eccentrico poeta romantico, molto ammirato da Beaudelaire, che lo considerava l’inizatore della poesia moderna. Seguendo l’estro bizzarro e sulfureo di Bertrand, il pianoforte diventa il custode dei misteri inquietanti della notte, fa sorgere la visione raccapricciante di un impiccato che penzola dal patibolo mentre lontane campane suonano a morto, appare e scompare piroettando come un folletto capriccioso. Ravel stesso ha affermato che con Gaspard de la nuit ha voluto scrivere una musica di trascendente virtuosismo, che superasse in difficoltà qualsiasi pezzo pianistico scritto fino ad allora.
Seguirà la Sonata n. 2 in si bemolle minore op. 36 di Sergej Rachmaninov, iniziata nel 1913 nel suo studio di Piazza di Spagna a Roma, ma assolutamente russa per il suo debordante carattere Alexander Malofeevespressivo e sentimentale, che fa di Rachmaninov un erede di Ciajkovskij. Nel 1931 il compositore ne preparò una versione più breve, in cui sono smussate le difficoltà pressoché insormontabili della prima stesura.
Poi Malofeev passerà alla Sonata n. 7 in si bemolle maggiore op. 83 di Sergej Prokof’ev, composta nel 1943 e nota anche come “Sonata di guerra”, perché riflette le inquietudini di quegli anni, con un’irruenza e una violenza che ne fanno uno dei pezzi più difficili del repertorio pianistico ed esigono dita di acciaio.
Il giovanissimo pianista russo concluderà il suo concerto tornando indietro all’Ottocento per eseguire la Sonata n. 2 in si bemolle minore op. 35 di Frédéric Chopin, la più famosa delle tre del compositore polacco, nata intorno alla Marcia funebre, che ne costituisce il terzo movimento ma che fu composta per prima ed è il fulcro emozionale dell’intera Sonata e anche la sua parte più celebre. Questa Marcia funebre divenne subito celeberrima anche come brano a sé stante e Chopin volle che fosse eseguita ai suoi funerali. (foto: Alexander Malofeev)

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il PD è ufficialmente morto?

Posted by fidest press agency su giovedì, 9 novembre 2017

renato-brunetta“Renzi chi? Il segretario del Pd non è più un leader credibile né affidabile. È tornato quello del referendum, chiuso in un fortino contro tutti. Ha provato a fare i giretti con il suo trenino da 300mila euro, e gli è andata male: ha beccato solo contestazioni e nulla più”.Così Renato Brunetta, capogruppo di Forza Italia alla Camera dei deputati, in un’intervista ad “Affaritaliani.it”.“Ha fatto bene Luigi Di Maio a non concedergli una vetrina mediatica che avrebbe resettato e riscattato l’immagine e la sostanza di perdente. Renzi ha snobbato la Sicilia e i siciliani, non ha voluto metterci la faccia perché non è stato in grado di ‘rottamare’ il passato ingombrante rappresentato dal nulla di Rosario Crocetta”.
“Il Partito democratico è ufficialmente morto, dalle prossime settimane avremo a che fare con un’entità diversa da quella che abbiamo conosciuto in questi anni. Decideranno loro se fare fuori Renzi prima o dopo le elezioni politiche, ma una cosa è certa: la sinistra non è più un competitor per la vittoria, ma è la terza forza, visibilmente staccata, di questo nostro tripolarismo”.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

The First Map to Name America

Posted by fidest press agency su giovedì, 9 novembre 2017

WALDSEEMÜLLER, MartinOn 13 December Christie’s Valuable Books and Manuscripts sale will offer a copy of the first map to name America by the most important cartographer of the early sixteenth century, Martin Waldseemüller. The appearance of this previously unknown copy of the Waldseemüller gores (estimate: £600,000 – 900,000 / $800,000 – 1,200,000), 1507, marks a significant cartographic discovery. This revolutionary map not only names America for the first time, but is also the first map to illustrate separate South and North American continents, and is the earliest recorded printed globe. It is one of only 5 known copies and is the first accurate illustration of the world in 360 degrees, depicting a separate Pacific Ocean. A large wall map, produced by Waldseemüller around the same time, and also naming America, survives in a single copy and was acquired by the Library of Congress in May 2003 for $10 million. The Waldseemüller gores will be on view to the public from 9 December, as part of Christie’s Classic Week.Julian Wilson, Senior Specialist, Books, Maps & Manuscripts: “The discovery of this unknown copy of the Waldseemüller gores marks the most exciting moment of my twenty-year career at Christie’s, his cartographic innovations had an enormous influence in the science of map-making and perhaps most significantly, defined history in naming America.” (foto: WALDSEEMÜLLER, Martin)

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Gli Stomaterapisti Italiani elaborano il primo accordo internazionale per l’Umanizzazione delle Cure in Stomaterapia

Posted by fidest press agency su giovedì, 9 novembre 2017

Professional Exchange Italia SpagnaMestre. Sono più di 70.000 le persone con una stomia intestinale o urinaria residenti in Italia. Un collettivo molto importante, che la società, però, quasi non conosce. Pazienti particolarmente vulnerabili che, dopo aver lottato, per esempio, contro un cancro e aver vinto la battaglia, si trovano poi a dover affrontare una realtà completamente nuova, difficile da accettare e complicata da gestire.
Lo Stomaterapista è l’infermiere specializzato a prendersi cura del portatore di stomia e che, per arrivare a questa specializzazione, segue un percorso formativo dedicato.
Professional Exchange è un progetto supportato da Hollister, un’azienda che sviluppa, produce e commercializza prodotti per stomaterapia, ha lo scopo di ottenere visibilità e creare valore aggiunto in ambito di Stomaterapia per gli infermieri esperti. Professional Exchange è votato alla collaborazione con le Associazioni con lo scopo comune di migliorare la vita del portatore di stomia.
“Professional Exchange ha permesso di mettere in luce la figura dello Stomaterapista, in una Sanità sempre più attenta ai bisogni degli Assistiti.” dice Lucia Mensi, Stomaterapista presso ASL3 Liguria “Questo binomio è fondamentale per capire che una persona stomizzata, se accompagnata da una figura competente per tutta la durata del percorso assistenziale e riabilitativo, può tornare ad occupare nella società il suo ruolo di sempre (nella famiglia, nel lavoro), abbandonando in tempi più brevi lo scomodo ruolo di “malato cronico”
Nell’ambito di Professional Exchange, gli stomaterapisti hanno l’opportunità di sviluppare progetti innovativi che mettono al centro il paziente. Il concetto di “Umanizzazione delle Cure Infermieristiche”, infatti, è una delle sfide che l’assistenza sanitaria sta affrontando in questo nuovo millennio. Questo primo accordo internazionale si propone di essere il primo step per lo sviluppo di un sistema che oltre a garantire la cura si occupi anche di migliorare la vita del paziente occupandosi di lui a 360 °.
“Professional Exchange realizza in pieno quella che è la Mission di Hollister” racconta Martina Bardelli, Direttore Marketing di Hollister Italia “L’incontro con i professionisti e la loro valorizzazione è parte integrante del nostro modo di agire, offrire loro occasioni di condivisione e aggiornamento è un impegno che da sempre perseguiamo per supportarli nel loro lavoro quotidiano confermando il nostro obbiettivo principale, ovvero rendere più appagante e dignitosa la vita delle persone che vivono con una stomia”
Il Congresso da voce a tutte le Associazioni di categoria e dei portatori di Stomia con le quali Professional Exchange mantiene una collaborazione costante, condivide le attività di realtà internazionali ed implementa le conoscenze tecniche degli infermieri.
Il programma include, inoltre, i più importanti temi che coinvolgono l’attività dello Stomaterapista. Oltre alla Humanization Care, include infatti i Diritti dei portatori di Stomia e la sensibilizzazione delle Aziende Ospedaliere sulla figura dello Stomaterapista. Oltre a ciò si affrontano i rischi dell’utilizzo dei Social nella professione Infermieristica e del costo-efficacia dell’attività dello Stomaterapista. Sono riportate le esperienze nei rapporti con le Istituzioni di alcuni rappresentati del gruppo GESTO (un gruppo volontario di Stomaterapisti che si occupano di creare progetti ad elevato valore assistenziale, di rapporti con le Istituzioni e di Comunicazione) che vengono condivise ed arricchite dalle analoghe esperienze dei colleghi Spagnoli.
La collaborazione con le Associazioni impreziosisce il programma con interventi di Gabriele Roveron (Presidente AIOSS – Associazione Italiana Operatori di Stomaterapia) che presenta la situazione della Stomaterapia in Italia, Fancesco Diomede (Segretario Nazionale AIStom – Associazione Italiana Stomizzati) che porta i Diritti del Portatore di Stomia e Pier Raffaele Spena (Segretario Nazionale FAIS – Federazione delle Associazioni degli Incontinenti e Stomizzati) che illustra i concetti della Comunicazione attiva per lo stomizzato. (foto: Professional Exchange Italia Spagna)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Rapporto 2017 su “I Fondi immobiliari in Italia e all’estero”

Posted by fidest press agency su giovedì, 9 novembre 2017

borsa milanoRoma mercoledì 22 novembre a Roma presso l’Auditorium Via Veneto (via Veneto, 89) dalle 9.00 alle 13.00 si terrà il Rapporto 2017 su “I Fondi immobiliari in Italia e all’estero”.L’aggiornamento del Rapporto sarà presentato da Mario Breglia (Scenari Immobiliari) e Gottardo Casadei (Studio Casadei), e commentato da Domenico Bilotta (Investire SGR), RiccardoCorsi (Fabrica Immobiliare SGR), AndreaCornetti (Prelios SGR), IvanoIlardo (BNP Paribas Reim SGR), Giampiero Schiavo (Castello SGR), Edoardo Schieppati (Coima SGR)
Dopo la presentazione della ricerca si terrà il convegno dal titolo “Impatto della politica europea (e BCE) su risparmi e investimenti”, introdotto dal prof. Alberto Martinelli (Università Statale degli Studi di Milano), a cui parteciperanno Giampaolo Galli (Camera dei Deputati), Claudio Cacciamani (Università di Parma), Riccardo Puglisi (Università di Pavia), Davide Squarzoni (Prometeia Advisor Sim), Massimo Lo Cicero (Università degli Studi Suor Orsola Benincasa di Napoli).

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Infezioni chirurgiche ospedaliere

Posted by fidest press agency su giovedì, 9 novembre 2017

Ospedale Spallanzani, RomaAnche nel nostro Paese, le ICA, ovvero le infezioni correlate all’assistenza, rappresentano l’evento avverso più frequente in sanità. Un problema serio e molto diffuso, nonché la complicanza più grave nella cura dei pazienti ospedalizzati che è stato il tema di un dibattito, promosso a Milano da J&J Medical, con la partecipazione di opinion leader di diversa estrazione, a cominciare da chirurghi, quali il Prof. Marco Montorsi, Presidente della Società Italiana di Chirurgia e Responsabile di Unità Operativa Chirurgia generale e digestiva Humanitas Research Hospital e il Prof. Enrico Opocher, Direttore del reparto di Chirurgia Epato-Bilio-Pancreatica e Digestiva – Ospedale San Paolo di Milano, che hanno ribadito come la maggiore attenzione alle infezioni sia frutto, anche, di una presa di coscienza della classe chirurgica sul problema.Dagli interventi complessi di chirurgia oncologica addominale alla protesica, fino alla chirurgia ginecologica e ostetrica, le SSI (infezioni del sito chirurgico) costituiscono circa il 32% di tutte le infezioni ospedaliere, ma, di fatto, sono anche le più gravi perché veicolo di complicanze severe. Addirittura, i pazienti che contraggono una SSI sono, infatti, 5 volte più esposti al rischio di una nuova ospedalizzazione, 2 volte più esposti al rischio di degenza in una unità di terapia intensiva e 2 volte più esposti al rischio di morte. In mancanza di un sistema stabile di sorveglianza su questo tipo di infezioni, è fondamentale abbattere il rischio di contrarre un’SSI fin dall’ingresso in sala operatoria, come spiega in proposito Enrico Opocher: «Causate da microrganismi presenti nell’ambiente, che solitamente non danno luogo a infezioni, le SSI insorgono più frequentemente in pazienti ad alto rischio sottoposti a chirurgia addominale durante il ricovero o, in qualche caso, anche dopo la dimissione e possono avere diverso grado di gravità, fino ad essere letali. Oggi, però, è possibile abbattere di un terzo l’insorgenza delle SSI grazie a una serie di correttivi che vanno ad intervenire sui fattori di rischio modificabili, come suggerito dalle raccomandazioni dell’OMS nelle ‘Global Guidelines for the Prevention of Surgical Site Infection’ elaborate nel 2016. Tra queste, sottolineiamo l’antisepsi della cute tramite il lavaggio accurato delle mani, il corretto uso degli antibiotici, che non devono essere più utilizzati nel post-operatorio ma solo all’atto dell’intervento chirurgico e l’utilizzo delle suture rivestite con antibatterico (Triclosan)».
Oltre a essere, ovviamente, un problema sanitario che mette a rischio la sicurezza del paziente, le ICA sono anche un fenomeno dal notevole impatto socio economico: tanto che si stima un costo correlato ad una singola infezione ospedaliera di circa € 9.000 – 10.500. Complessivamente, il loro impatto economico sul Sistema Sanitario Nazionale è superiore a un miliardo di Euro l’anno, con un prolungamento della degenza pari al 7,5-10% delle giornate di ricovero. In questo scenario, le SSI (Surgical Site Infections) sono tra le più costose. Un aspetto ben evidenziato dalla ricerca “Burden economico delle infezioni ospedaliere in Italia”, realizzata dal Prof. Francesco Saverio Mennini, Research Director CEIS Economic Evaluation and HTA (EEHTA), Facoltà di Economia, Università di Roma Tor Vergata, che intervenendo al dibattito ha sottolineato: «è un dato di fatto che un paziente che contrae un’infezione ospedaliera resta più a lungo in ospedale e impiega più risorse. Partendo dal presupposto che le infezioni ospedaliere compaiano in circa 3 casi ogni 1.000 ricoveri acuti in regime ordinario, la loro valorizzazione mediante valutazione delle giornate aggiuntive per singolo diagnosis related group ha comportato una stima media annua di 69,1 milioni di euro. Non solo: il focus su 6 interventi selezionati dagli OL coinvolti (diverticolite, appendicite, colecistite, calcolosi della colecisti, ernia e laparocele) ha evidenziato un aumento della durata di degenza pari in media a 12 giornate (range 6 – 16) e stimato un incremento del costo medio per singolo ricovero compreso tra € 4.000 e € 9.000. Numeri che devono far riflettere soprattutto sull’opportunità di adottare misure innovative, come trattamenti e device tecnologici, con l’obiettivo di migliorare la qualità dell’assistenza nel limite delle risorse disponibili».
La prevenzione e il controllo delle infezioni ospedaliere sono dunque un obiettivo prioritario di sanità pubblica per cui il lavoro coordinato di prevenzione, qualità e controllo del rischio su tale tematica è ritenuto prioritario. In uno scenario in divenire come questo, in ogni struttura sanitaria, diventa quindi fondamentale proprio la figura del risk manager, deputato a individuare gli strumenti per valutare e governare i rischi. «La gestione del rischio clinico in sanità, di cui le ICA costituiscono un elemento importante – ha dichiarato il dott. Enrico Burato, direttore SC qualità accreditamento risk management Ospedale Carlo Poma, Mantova e componente dal 2005 del gruppo di lavoro di risk management in Regione Lombardia – è l’insieme delle azioni messe in atto per misurare i fenomeni, comprenderne le cause e migliorare la qualità delle prestazioni sanitarie al fine di garantire la sicurezza dei pazienti. In tal senso, il controllo globale sull’esposizione al rischio dei pazienti potrebbe ridurre l’incidenza delle infezioni chirurgiche ospedaliere. Compito del Risk Manager è, quindi, quello di individuare gli strumenti per valutare e governare i rischi, ricercandone i miglioramenti nel sistema di gestione complessivo, sviluppando strumenti efficienti e identificando le conseguenze sanitarie ed economiche derivanti dall’esposizione al rischio stesso dei pazienti. Un obiettivo oggi possibile che deve, però, essere perseguito con una logica di sistema e con la collaborazione di tutte le figure professionale interessate dal problema all’interno di ogni singola struttura sanitaria». E questo con la costruzione di sistemi di sorveglianza e con l’individuazione delle cosiddette “buone pratiche”, ma anche con l’aderenza a linee guida internazionali, quali le ‘Global Guidelines for the Prevention of Surgical Site Infection’ dell’OMS e “The Centers for Disease Control and Prevention Updated Guideline”, oltre alla valutazione EUNetHTA , la rete europea per la valutazione delle tecnologie sanitarie (Health Technologies Assessments – HTA), insieme all’attività di formazione, informazione e auditing all’interno delle strutture sanitarie.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Ancora buone notizie dalla ricerca scientifica in neurologia

Posted by fidest press agency su giovedì, 9 novembre 2017

cervelloProprio in occasione del 48° Congresso della Società italiana di Neurologia, sono stati presentati importanti sviluppi terapeutici della neuro-genetica e della diagnostica avanzata nel settore delle demenze e del decadimento cognitivo. Nel campo delle malattie neurologiche le Amiotrofie Spinali (SMA) sono tra le patologie più invalidanti, sin dall’infanzia. Si tratta di malattie degenerative del motoneurone spinale che, nelle forme più gravi, portano alla morte in tempi molto brevi dalla nascita. Oggi però, grazie alle nuove terapie geniche, i piccoli pazienti riescono a raggiungere risultati inimmaginabili nello sviluppo motorio, come controllare la posizione della testa, mantenere la posizione seduta e in alcuni casi riescono anche a gattonare e a camminare.“Non c’è dubbio che i recenti avanzamenti della neuro-genetica rappresentino uno dei risultati più importanti degli ultimi anni – afferma il Prof. Gianluigi Mancardi, Presidente della Società Italiana di Neurologia e Direttore della Clinica Neurologica dell’Università di Genova – La SMA ora può essere affrontata e trattata: grazie alla somministrazione per via lombare di oligonucleotidi antisenso, infatti, l’organismo produce una proteina in grado di mantenere in vita e in attività i motoneuroni spinali. Si tratta di un avanzamento di eccezionale rilevanza nel settore delle malattie degenerative del sistema nervoso, che fa ben sperare per le altre forme patologiche degenerative, ora incurabili, come la Corea di Huntington e la Sclerosi Laterale Amiotrofica (SLA). La SMA, Atrofia Muscolare Spinale, colpisce circa 1 neonato ogni 10.000 e rappresenta la causa genetica di morte più diffusa nell’infanzia. Si tratta di una patologia che, nelle forme più gravi, si manifesta con gravi difficoltà a respirare e a muoversi autonomamente con un importante impatto sulla vita dei bambini. Altre importanti novità emerse dal recente Congresso SIN riguardano le demenze e il decadimento cognitivo, che in Italia colpiscono oltre 1.000.000 le persone.
Si registrano, infatti, significativi passi avanti sul versante diagnostico: i neurologi ora saranno in grado di classificare con precisione le diverse forme di decadimento mentale, anche con esami di laboratorio sofisticati. Una diagnosi cosi specifica ed avanzata risulta fondamentale per potere centrare la terapia più adeguata, che sarà necessariamente differente nei diversi quadri patologici di ciascun paziente.Rilevanti presentazioni, illustrate durante il Congresso, ad esempio, hanno dimostrato come alcuni disturbi comportamentali, che insorgono durante il sonno, possono precedere anche di molti anni l’insorgenza di malattie degenerative. Inoltre, sono stati presentati durante il lavori congressuali, studi significativi sulla frequenza di crisi epilettiche subcliniche nei pazienti con malattia di Alzheimer. Queste crisi, non vengono evidenziate dalle normali tecniche neurofisiologiche, ma potrebbero contribuire alla definizione di manifestazioni clinica della malattia ed essere eventualmente trattate. Grazie a questi passi avanti gli esperti, infatti, potranno comprendere meglio l’origine della confusione mentale in questi pazienti, ovvero se dovuta all’epilessia o alla demenza, individuando di conseguenza il trattamento più consono.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Andrea Padova, concerto per pianoforte

Posted by fidest press agency su giovedì, 9 novembre 2017

Andea PadovaTrapani Domenica 12 novembre 2017 ore 18.30 Chiesa di Sant’Alberto Via Garibaldi sarà la volta di Andrea Padova, che si esibirà in un concerto per pianoforte con musiche di Chopin, Liszt, Ravel e Debussy, alle ore 18.30, nella Chiesa di Sant’Alberto, in Via Garibaldi a Trapani. Andrea Padova, molto apprezzato sia come interprete che compositore, nel 1995 vince l'”International Piano Competition Johann Sebastian Bach”, e da allora inizia una carriera internazionale tenendo concerti in tutto il mondo. Considerato come uno dei più innovativi interpreti delle opere di J.S.Bach da musicologi autorevoli come Harold C. Schonberg, Padova ha in repertorio oltre sessanta concerti per pianoforte e orchestra, dall’integrale dei concerti di Bach al Novecento. È stato definito “una delle figure più interessanti del panorama pianistico contemporaneo” dalla rivista Insound che nel 2008 lo ha premiato come miglior pianista italiano.La sessantacinquesima stagione degli “Amici della Musica” è realizzata con il contributo del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo e della Regione Siciliana – Assessorato Regionale del Turismo, dello Sport e dello Spettacolo e con la collaborazione dell’Ente Luglio Musicale Trapanese, della Fondazione Pasqua 2000, il Conservatorio di Musica “A. Scontrino” di Trapani, il Goethe Institut e l’Istituto di Cultura Italo Tedesco di Trapani. (foto: Andea Padova)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Trentesima edizione del Premio Charlot

Posted by fidest press agency su giovedì, 9 novembre 2017

CharlotCharlot1Ginevra. Inizia con un importante riconoscimento, sicuramente il più importante ricevuto in questi tre decenni, in cui la manifestazione ideata e curata da Claudio Tortora, si è dedicata alla ricerca di giovani talenti della comicità e a premiare le eccellenze italiane del mondo del teatro, del cinema, della televisione ecc… Infatti sabato 4 novembre il patron Claudio Tortora è volato fino a Ginevra dove ad attenderlo c’era Eugene Chaplin, figlio del grande Charlie. Con lui, Tortora, si è recato prima sulla tomba del “Vagabondo” per un momento di preghiera e poi nell’ex residenza di Charlie Chaplin ora divenuta Museo, (inaugurato la scorsa primavera in occasione del quarantennale della sua dipartita) per donare la statuetta di Charlot2ceramica del Premio Charlot, quella che ogni estate viene consegnata come Premio ai vincitori delle categorie cinema, teatro, libri, televisione, ecc…. “E’ stato un momento di grande soddisfazione. – ha commentato Claudio Tortora – L’accoglienza ricevuta dalla famiglia Chaplin è stata straordinaria. Un riconoscimento, questo che abbiamo avuto, che premia più di tutto un cammino di trent’anni. Una grande organizzazione quella del Museo. Un vero esempio di come si tutela e si promuove un’immagine internazionale, come quella di Chaplin. Esorbitante il numero di visitatori da tutto il mondo. In questo l’Italia ha tantissimo da imparare perché di storie da raccontare, di personaggi, ma ancor più di beni architettonici, musei, monumenti e quant’altro, noi ne abbiamo tantissimi. Se chi è addetto alla promozione di tutto questo, decidesse di andare a vedere come si fa, Vevey vicino a Ginevra, non è poi tanto distante. Trent’anni di Premio Charlot sono ora nel museo di Charlie Chaplin, ma ancor più in quella che era la sua casa ora diventata museo, il castello di Manoir de Ban sur Corsier come si fa a non emozionarsi?” (foto: Charlot)

Posted in Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Business Beyond Borders matchmaking event at TRUSTECH Cannes

Posted by fidest press agency su giovedì, 9 novembre 2017

cannesTrustech Cannes, France on 28-30 November 2017 The European Commission matchmaking scheme for Small and Medium Enterprises (SMEs) and Clusters Business Beyond Borders (BBB).
A remarkable number of business partnerships have been struck between European and international SMEs at previous matchmaking events – among which Genera (Madrid), African Utility Week (Cape Town), Texworld (Paris) and HOSTMilano (Milan). BBB now turns its attention to companies operating in the ICT and digital services sector.Previous BBB events acted as an accelerator for business deals and partnerships between companies in the energy, utilities, textile and hospitality sectors, with participants stating that they had found “the right international business partner for their company’s current needs” through this initiative.Besides the BBB matchmaking event, TRUSTECH Cannes 2017 edition will also feature high-profile European and international speakers and key players in the ICT industry, including representatives from Uber, Google and PayPal. Business Beyond Borders helps businesses, especially SMEs and Clusters, to trade across borders and explore third markets. During TRUSTECH Cannes, companies attending the BBB matchmaking sessions will be able to benefit from a unique package:
Business meetings perfectly matched to each BBB delegate’s needs and preferences, taking place in a convenient matchmaking area at the heart of the trade fair;
Access to technical sessions on relevant topics for BBB participants;
Access to an international and well-placed worldwide network, including several EU-funded support schemes.
Participation in the BBB Social Media Competition for a chance to further promote your business online;
Professional assistance on the spot and after the event to tailor participation to the needs of each BBB delegate.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il corpo umano messo a nudo

Posted by fidest press agency su giovedì, 9 novembre 2017

corpo umano1Torino dal 25 novembre 2017 al 25 febbraio 2018 alla Promotrice delle Belle Arti un affascinante, misterioso, unico, è il protagonista della mostra scientifica più interessante e didattica a livello mondiale finalmente in arrivo di Torino. Un viaggio per scoprire come funziona il nostro corpo e soprattutto come preservarlo prendendoci cura della nostra salute. Creato nel 2008 dal gruppo Musealia, il progetto museale è stato curato a quattro mani dal Dottor Rafael Latorre, professore di anatomia semplice e comparata all’università di Murcia e dal Dottor Virginio Garcia Martinez, professore di anatomia ed embriologia umana dell’università di Extremadura, in collaborazione con l’Università del Tennesse. Una occasione unica, divertente e didattica per conoscere il corpo umano consentendo per la prima volta al pubblico l’accesso a contenuti scientifici che erano riservati solo agli specialisti, con un linguaggio semplice, in una vera e propria lezione sull’anatomia umana.
L’obiettivo di Human Bodies è la promozione dei temi della salute e della longevità, soprattutto tra i più giovani, informando gli spettatori sui danni delle cattive abitudini alimentari e degli stili di vita errati. Sono proprio i ragazzi, infatti, il pubblico privilegiato di questa mostra: ragazzi delle scuole medie, studenti e universitari di età 20-38, famiglie e soprattutto chi è interessato a conoscere come funziona l’organismo e a come mantenerlo in perfetto stato.In Human Bodies protagonisti sono i corpi nella loro interezza insieme a oltre 150 organi veri, conservati attraverso il processo della plastilinazione, una tecnica che consente di preservare al tempo il corpo umano, mantenendone le caratteristiche reali originali. Un processo lungo e complicato che rende unici tutti i reperti esposti. Questi, donati da singole persone alla scienza, sono utilizzati ai soli fini scientifici e, una volta terminata la mostra, corpo umanocorpo umano2torneranno all’Università di Murcia come base di studio per prossime generazioni di professionisti nel settore medico.La mostra, che ha già appassionato milioni di persone nel mondo, è divisa in otto aree: lo sviluppo nel corpo umano, lo scheletro, il sistema muscolare, il sistema respiratorio, quello digerente, nervoso e infine il sistema urinario e riproduttivo.In sostanza, come in un libro di anatomia tridimensionale, si vive in mostra il ciclo della vita, dal primo embrione fino alla creazione di una nuova vita, passando per le abitudini quotidiane degli uomini, incluso lo sport. Alcuni dei corpi esposti, infatti, sono di atleti “plastinati” nel gesto atletico. Ma anche le cattive abitudini, come l’alcolismo, il fumo e la cattiva alimentazione, trovano in mostra esempi molto impattanti. Perché vedere con i propri occhi, specialmente per i più giovani, può avere molta più forza di tante parole.Per arricchire ulteriormente i contenuti della mostra, verranno coinvolti per l’edizione di Torino esperti del mondo medico e scientifico del territorio, per un ciclo di conferenze di approfondimento. Così come sono in progress anche connessioni legate al mondo del wellness, per la cura del corpo e dello spirito, attraverso sport ed alimentazione sana.Il percorso prevede un’audioguida esplicativa, inclusa nel prezzo del biglietto, che accompagna il visitatore, in più lingue, con spiegazioni semplici ed efficaci su quanto è presentato in mostra. (foto: corpo umano)

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Clean Air Forum Parigi

Posted by fidest press agency su giovedì, 9 novembre 2017

Parigi1Parigi 16 e 17 novembre al Clean Air Forum. Esperti, stakeholder e soggetti decisori si riuniranno per discutere di inquinamento, per condividere conoscenze e individuare soluzioni efficaci.Inoltre, l’Agenzia europea dell’ambiente lancerà l’Air Quality Index, piattaforma web che consentirà ai cittadini di verificare la qualità dell’aria della località in cui vivono in tempo reale.Un tema di grande importanza per l’Italia, dove solo nell’ultimo mese città come Torino hanno sofferto di oltre 40 giorni di siccità e valori di Pm10 sopra i limiti.Di seguito alcuni dati della Commissione UE per inquadrare lo scenario:
1. L’inquinamento atmosferico e i rifiuti sono le principali preoccupazioni ambientali per gli italiani
Inquinamento atmosferico 43%
Quantità crescente di rifiuti 43%
Cambiamento climatico 40%
2. Entro il 2030, se verranno integralmente applicate le nuove norme dell’UE riguardanti l’aria pulita, si eviteranno 200.000 morti premature.
3. Entro il 2030, se verranno integralmente applicate le nuove norme dell’UE riguardanti l’aria pulita, la spesa sanitaria diretta diminuirà di oltre il 40%.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Finanziaria: Niente risorse alla sanità

Posted by fidest press agency su giovedì, 9 novembre 2017

Nino CartabellottaSi è svolta ieri l’audizione della Fondazione GIMBE presso la 12a Commissione Igiene e Sanità del Senato della Repubblica, in vista dell’esame del Disegno di Legge di Bilancio 2018. Tenendo conto che il testo inviato al Parlamento – ad eccezione di € 21,5 milioni “assegnati” dall’art. 18 – non prevede alcuna misura per la sanità, il Presidente Nino Cartabellotta è intervenuto per rilevare l’inaccettabile entità del definanziamento pubblico, fare chiarezza sugli impegni di Stato e Regioni sulle risorse destinate ai rinnovi di contratti e convenzioni del personale sanitario, proporre l’eliminazione del superticket attraverso la rimodulazione delle detrazioni IRPEF per le spese mediche e “lasciare una traccia” per il prossimo esecutivo sull’inderogabile necessità di un riordino normativo della sanità integrativa.
I dati riportati dal Presidente hanno documentato che nel periodo 2015-2018 l’attuazione degli obiettivi di finanza pubblica ha determinato una riduzione cumulativa del finanziamento del SSN di € 11,537 miliardi rispetto ai livelli programmati dai Documenti di Economia e Finanza (DEF). Cartabellotta ha riportato l’esempio paradigmatico del 2018, per il quale la spesa sanitaria stimata dal DEF 2014 in € 121,3 miliardi è precipitata a € 117,7 miliardi nel DEF 2015 per poi essere ulteriormente ridotta a € 116,2 miliardi nel DEF 2016 e a € 115,1 nel DEF 2017. Il finanziamento nominale per il 2018, invece, dai € 115 miliardi fissati dell’Intesa 11 febbraio 2016, è stato ridotto a € 114 dalla Legge di Bilancio 2017 ai € 113,39 dal DM 5 giugno 2017 sulla rideterminazione del fabbisogno del SSN e rischia di lasciare per strada altri 300 milioni con la Legge di Bilancio 2018. «Peraltro– ha precisato Cartabellotta – le previsioni a medio termine non lasciano intravedere alcun rilancio del finanziamento pubblico: infatti, se la nota di aggiornamento del DEF 2017 da un lato certifica la crescita del PIL del 1,5% per gli anni 2017-2019, dall’altro riduce progressivamente il rapporto tra spesa sanitaria e PIL dal 6,6% del 2017 al 6,5% del 2018, al 6,4% nel 2019 e addirittura al 6,3% nel 2020».
Il Presidente ha fatto chiarezza su posizioni e responsabilità di Governo e Regioni che hanno infiammato le legittime richieste sindacali in un momento storico per il rinnovo di contratti e convenzioni. Vero è che la Legge di Bilancio 2017 ha formalmente vincolato (comma 412) le somme per i rinnovi di contratti e convenzioni, ma oltre a non averle quantificate, non le ha nemmeno incluse nel comma 393 che ha vincolato un miliardo di euro a farmaci oncologici innovativi, farmaci innovativi, vaccini, assunzioni e stabilizzazioni. «Purtroppo – ha spiegato Cartabellotta – solo alcune Regioni hanno effettuato l’accantonamento previsto e oggi, di fatto, mancano all’appello sia le risorse assegnate dalla Legge di Bilancio 2017 per i rinnovi contrattuali relativi agli anni 2016 e 2017, sia quelle che la nuova Legge di Bilancio dovrebbe destinare alla quota 2018, sostanzialmente erose dal contributo di cui si sono fatte carico le Regioni a statuto ordinario: € 423 milioni nel 2017 e € 604 nel 2018». Secondo le stime riportate dal Presidente, sono necessari € 802 milioni per il rinnovo del contratto del personale dipendente relativo al triennio 2016-2018, oltre ai fondi necessari per il rinnovo del personale in regime di convenzione, il cui metodo di calcolo non è riportato dal DPCM 27 febbraio 2017.
In presenza di un definanziamento pubblico di tale portata, per arginare il continuo aumento della spesa out-of-pocket, che oggi ha raggiunto il 90% della spesa privata e contenere l’espansione selvaggia del mercato assicurativo, il Presidente ha suggerito due azioni integrate: ridefinire il perimetro dei LEA attraverso quel delisting programmato e mai attuato e destinare le risorse della sanità integrativa esclusivamente a prestazioni extra-LEA. Tuttavia, per non compromettere il modello universalistico, Cartabellotta ha indicato come indifferibile un riordino della normativa, oggi estremamente frammentata e iniqua. «Con la presente audizione – ha precisato Cartabellotta – intendiamo lasciare una “traccia ufficiale” per la prossima legislatura sulla necessità di un testo unico per tutte le forme di sanità integrativa al fine di pervenire a un impianto regolatorio capace di assicurare una governance nazionale, di garantire a tutti gli operatori del settore le condizioni per una sana competizione, ma soprattutto di tutelare i cittadini, evitando derive consumistiche e di privatizzazione».

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Lo sbarco di Anzio raccontato da Veronica Pivetti

Posted by fidest press agency su giovedì, 9 novembre 2017

Veronica_PivettiSbarco AnzioAnzio 9-10 novembre 2017. A distanza di 73 anni gli studenti delle scuole di Roma e del Lazio, con il Progetto Scuola ABC Cinema&Storia, promosso dalla Regione Lazio con Roma Capitale, rivivranno i passaggi fondamentali della nostra Storia ripercorrendo i momenti dello sbarco tra Anzio e Roma, accompagnati da speciali narratori, insieme a giornalisti, testimoni e volti noti dello spettacolo – Veronica Pivetti, Silvia Costa, Vins Gallico, Laura Delli Colli, Enrico Menduni, il Teatro dell’Oppresso per scoprire attraverso la letteratura, il teatro e il cinema il passato condiviso del nostro Paese.
Il viaggio partirà dalla spiaggia di Anzio con Enrico Menduni, giornalista saggista e docente universitario, che accompagnerà gli studenti durante tutta la giornata e racconterà loro la storia dello sbarco degli alleati grazie anche all’aiuto di materiale video e fotografico originale e a alcune letture, tra cui “La pelle” di Curzio Malaparte, in cui vi è una descrizione drammatica dell’arrivo degli alleati a Roma. Insieme a Menduni ci sarà lo scrittore Vins Gallico, che lo supporterà con alcune incursioni creative.Sarà poi la volta della visita al Museo dello Sbarco di Anzio, inaugurato in occasione del 50° anniversario dell’arrivo ad Anzio delle truppe alleate e collocato in una delle sale della seicentesca Villa Adele.Nelle vetrine e nelle bacheche sono esposte uniformi, armi, decorazioni, documenti, piani di battaglia, foto di veterani, oggetti d’uso quotidiano; tutto rigorosamente autentico. Molti reperti provengono direttamente dai fondali del mare di Anzio, dove, a varie profondità, aerei, navi da guerra e da carico, mezzi da sbarco giacciono con l’intero l’equipaggio, come gli incrociatori britannici “Janus” e “Spartan” e la nave ospedale “St. David”.Il pomeriggio proseguirà con la proiezione di Dunkirk, scritto e diretto da Christopher Nolan. Ambientato durante la seconda guerra mondiale, il film racconta dell’evacuazione di Dunkerque, ed è interpretato da un cast corale di grandi attori.
Tra passato e presente, i ragazzi assisteranno poi alla performance: La guerra non è un gioco – Viaggi di ragazzi coraggiosi” del Teatro dell’Oppresso, che usa la drammaturgia come strumento per il Teatro dell Oppressocambiamento sociale a livello individuale, locale e globale. Ai ragazzi offre l’opportunità di raccontare le loro storie di viaggio, di sopravvivenza, di vita per toccare con mano lo strumento dell’arte quale mezzo di partecipazione, presa di coscienza e trasformazione della realtà.
Il 10 novembre, arrivati a Roma, alla Casa del Jazz sarà la volta di Veronica Pivetti, regista e attrice e volto noto ai ragazzi che, intervistata dalla giornalista Laura delli Colli, presenterà un suo personale racconto tra il Cinema e la Storia attraverso tre film per lei significativi.La due giorni finirà con La Storia e l’Europa, incontro con Silvia Costa, parlamentare europea, membro Commissione Cultura e Istruzione, durante il quale gli studenti potranno confrontarsi sui grandi temi che attualmente attraversano il vecchio continente.Il Meeting di Cinema&Storia è realizzato grazie al contributo dell’Istituto Luce Cinecittà e della Direzione Generale Cinema del MiBACT.
Con il coinvolgimento di 60 istituti superiori, 200 docenti, 400 classi e 6000 studenti, Cinema&Storia fa parte dei Progetti Scuola ABC, promossi dalla Regione Lazio con Roma Capitale, nell’ambito del POR-FSE Lazio 2014-2020, e curati dal Progetto ABC Arte Bellezza Cultura con la collaborazione di Roma Lazio Film Commission, Giornate degli Autori, Istituto Luce Cinecittà e Direzione Generale Cinema del MiBACT. (foto: sbarco anzio, teatro dell’oppresso, veronica pivetti)

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

I trucchi contabili del governo Gentiloni

Posted by fidest press agency su giovedì, 9 novembre 2017

palazzo chigiDichiarazione dell’onorevole Renato Brunetta, presidente dei deputati di Forza Italia: “Le prime audizioni in Senato sulla Legge di Bilancio stanno finalmente facendo emergere la verità sui trucchi contabili utilizzati dal governo Gentiloni e dal ministro dell’economia Padoan. Il primo di questi è relativo all’aumento dell’Iva, che Banca d’Italia ha confermato scatterà all’inizio del 2019, in quanto la cancellazione della relativa clausola di salvaguardia è stata prevista dal Governo solo per l’anno 2018. Altro che eliminazione definitiva, come il ministro Padoan va da tempo dicendo agli italiani! La cancellazione parziale, secondo la Banca d’Italia, produrrà effetti molto negativi, come l’incertezza sulle decisioni che cittadini e imprese dovranno prendere circa i loro consumi, e aumenterà pesantemente il rischio di tenuta dei saldi della finanza pubblica. L’irresponsabile governo Gentiloni lascerà, quindi, un pesante macigno finanziario all’esecutivo che nascerà dalle prossime elezioni, il quale sarà obbligato a trovare le risorse per il disinnesco completo delle suddette clausole.Il giudizio di Bankitalia è molto negativo anche sui rischi derivanti dalle coperture aleatorie relative alle misure di contrasto all’evasione fiscale. “La stima di tali effetti resta per forza di cose incerta. Basare una quota significativa delle coperture su tali introiti, come avviene per gli anni successivi al 2018, comporta un elemento di rischio”, ha dichiarato senza mezzi termini il vicedirettore generale di Bankitalia, Luigi Federico Signorini. Noi abbiamo da sempre denunciato la troppa facilità con la quale il Governo ricorre a coperture aleatorie derivanti dalle misure di contrasto all’evasione. Ci chiediamo, a questo punto, perché la Ragioneria Generale dello Stato, che dovrebbe essere la prima a denunciare queste pratiche contrarie alle regole di contabilità pubblica, abbia bollinato la manovra senza prima chiedere chiarimenti dettagliati al Tesoro. Infine, Banca d’Italia ha invitato, per l’ennesima volta, il Governo a sfruttare la modesta ripresa economica che si sta registrando in Italia per ridurre significativamente il debito pubblico. Anche questa è stata da sempre una richiesta avanzata da Forza Italia, che ha proposto misure eccezionali per la riduzione del debito come le privatizzazioni e la vendita del patrimonio immobiliare della Pubblica Amministrazione. Da queste due operazioni, invece, il Governo Gentiloni non ha ricavato neanche un euro, nonostante avesse previsto miliardi di risparmi nell’ultimo Documento di economia e finanze”.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Suono Italiano Madrid”

Posted by fidest press agency su giovedì, 9 novembre 2017

suono italianoMadrid 15 de noviembre, a las 20:00 horas, en el Istituto Italiano di Cultura di Madrid Calle Mayor, 86que tendrá el recital del dúo compuesto por el guitarrista Luigi Attademo y el violista Simone Gramaglia pondrá el broche de oro al ciclo “Suono Italiano Madrid”. La edición del ciclo “Suono Italiano Madrid”, que el IIC Madrid puso en marcha nuevamente esta temporada junto al Cidim (Comitato Nazionale Italiano Musica) y que cuenta con el patrocinio de Unión Fenosa Gas, llega a su fin el próximo 15 de noviembre y los protagonistas del sexto y último concierto serán el guitarrista Luigi Attademo y el violista Simone Gramaglia y, nunca mejor dicho, el broche de oro lo pondrán con un concierto que contará además con la presencia del compositor de una de las piezas, Mauro Montalbetti. En programa obras de de Johann Sebastian Bach, Montalbetti, Niccolò Paganini y Franz Schubert. Entrada libre hasta completar el aforo.
Luigi Attademo inicia su itinerario artístico graduándose tercero en el “Concours international d’exécution musicale” de Ginebra en 1995. Nacido en la escuela del guitarrista-compositor Angelo Gilardino, cuenta entre sus maestros con Giovanni Guanti, Julius Kalmar, Alessandro Solbiati y Emilia Fadini. Entre sus recientes proyectos, la publicación de la antología y del CD con la música contemporánea para guitarra dedicada a Paganini (Ed. Sinfonica) y la integral de las obras de Niccolò Paganini para guitarra sola, interpretadas por primera vez integralmente con una guitarra de la época (Ed. Brilliant, 2013). En el 2014 la revista Amadeus le ha dedicado el número de mayo con la publicación de un CD monográfico sobre Fernando Sor. En 2015 ha vuelto a presentar en Italia la laboriosa obra de Hans Werner Henze, El Cimarrón. Es docente actualmente en el Istituto Superiore di Studi Musicali “Gaeta Donizetti” de Bérgamo y colabora habitualmente con HEM de Ginebra y Lausana. Simone Gramaglia es viola del Quartetto di Cremona, ensemble con el que desde hace quince años toca en todo el mundo. Como solista ha actuado con numerosas orquestas ejecutando la Sonata per la Gran Viola de N. Paganini y está considerado como uno de los violistas de referencia de su generación. Desde 2012 toca en dúo con el guitarrista Luigi Attademo. Entre las colaboraciones artísticas más bellas aquéllas con Andrea Lucchesini, Lawrence Dutton y Jamie Walton. Sus maestros han sido Mikhail Kugel, Bruno Giuranna y Yuri Bashmet. Ha sido para él de gran inspiración la confrontación con su mentor y amigo Hatto Beyerle. Docente de Cuarteto de cuerda en la Accademia Stauffer de Cremona y del curso de viola y cuarteto de Master4Strings, imparte masterclass en toda Europa. Escribe la sección “L’Angolo del Quartetto” en el Arcos Magazine y estudia Filosofía en la Universidad de Génova. (foto: suono italiano)

Posted in Estero/world news, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La certezza del Diritto è un mito o realtà?

Posted by fidest press agency su giovedì, 9 novembre 2017

legge-e-giustiziaRoma Mercoledì 22 Novembre alle ore 16.00 nella sede del Palazzo Lancellotti, si terrà un convegno dal titolo “l’incertezza del Diritto e le disfunzioni del sistema giudiziario”. Il Presidente di VERSOilFUTURO, l’Avv. Fabrizio Valerio Bonanni Saraceno darà modo ai tanti esponenti l’On. Nunzia De Girolamo(FI), l’On. Stefano Pedica (PD), Stefano Parisi (EPI), Sen. Nunziante Consiglio, On. Fabio Rampelli (FDI), Prof. Vito Tenore (Magistrato Corte dei Conti), Antonio Gazzanti Pugliese di Cotrone (Notaio, Ambasciatore Ord. Malta), Enea Franza (Dirigente Consob), Antonietta Lazzaruolo (Avv e Tesoriere Nazionale Uif), Carlo Sgandurra (Pres. AgenziaControllo Servizi – RomaCapitale) di poter intervenire sull’argomento. Come argomentava N. Bobbio “Il compito degli uomini di cultura è più che mai oggi quello di seminare dei dubbi, non già di raccogliere certezze”. (n.r. Potremmo dire, chiosando l’argomento, che la certezza del diritto lotta contro il tempo. In effetti la prima e più grave disfunzione del sistema giudiziario italiano è la lungaggine dei procedimenti prima della sentenza finale. Questa è la madre di tutto lo sfacelo che esiste in italia con le sue inevitabili ricadute nel sociale, nella politica, nell’economia).

Posted in Diritti/Human rights, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

What do you do when you are paddling from Oslo to Athens and you end up with an extra kayak?

Posted by fidest press agency su giovedì, 9 novembre 2017

kayakIf you are on a mission to prove the power of small acts of kindness, you give it to someone who needs it more than you. Mark Fuhrmann of the Piece Prize has done just that, presenting the craft to the Corfu chapter of The Smile of the Child, a national organization with 13 chapters providing homes for 360 children all over Greece. Mark is on the last leg of an epic journey, paddling his kayak from Oslo to Athens. Along the way he has stopped to recognize “Silent Heroes”, those who give in their communities without asking anything in return. Most of the trip has been solo, but Mark reserved six weeks of the tour for anyone who felt the call to join him on his mission.“Travelling alone, I was dependent on the kindness and compassion of strangers, for five months and 5000 kilometers,” he explains. “But the Piece Prize motto is ‘Together we are better’, so I wanted to show that individual determination can be rewarded with companionship and support, even though it may seem impossible at times.”The first of Mark’s paddling companions joined him in Venice, where they purchased the kayak with a partial donation from The Piece Prize. The last fellow traveller returned home once they reached Corfu. “When the last one went home I had to figure out what to do with the extra kayak. Rather than send it back to Oslo, I was looking for a worthy recipient here on Corfu, my first stop in Greece,” says Fuhrmann. “As soon as I learned about The Smile of the Child, I knew I had found the right place.”
The Corfu chapter houses 21 children, providing support to an additional 230 children on the island. “We are so pleased to have met Mark, and thankful for the generous gift from The Piece Prize and Mark’s fellow travellers,” says Iordanis Tsompanakis, head of the Corfu office. “I wish Mark health, strength, and kind winds, on the rest of his journey, and in the future!”Mark is now continuing solo to his final destination, Athens, where he will speak at the local chapter of The Smile of the Child.
Silent heroes can be anyone of any age. They may run community organisations, be involved with charity work, be a friend to those in need, do good deeds, anything that promotes positive values and demonstrates compassion for others, regardless of the scale of the activity. In short, they are good neighbours, and good people!Since leaving Oslo in April, Mark has stopped at Gothenburg, Copenhagen, Bremen, Amsterdam, Rotterdam, Antwerp, Brussels, Paris, Nice, Venice, and Zagreb, Budva, Tirana, and Corfu. His next and final stop is Athens. His route has taken him over open seas, canals, and rivers, and will cover more than 5600 kilometres when completed, taking nearly seven months. (photo: kayak)

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »