Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 34 n° 316

Concerto del grande pianista Francesco Libetta

Posted by fidest press agency su mercoledì, 15 novembre 2017

Francesco LibettaRoma 16 novembre ore 19 Accademia di Francia a Roma – Villa Medici viale Trinità dei Monti, 1 Per il ciclo I Giovedì della Villa, ideato dalla direttrice Muriel Mayette-Holtz e curato da Cristiano Leone, il 16 novembre l’Accademia di Francia a Roma propone una serata tra arte e musica. Si comincia alle 19 con l’atteso ritorno di Art Club, la rassegna dedicata all’arte contemporanea a cura di Pier Paolo Pancotto, che per l’occasione ha invitato ventuno artisti internazionali a collaborare fra loro e a confrontarsi con gli spazi di Villa Medici, dando luogo a un’inedita mostra dal titolo Greffes (Innesti). A seguire, alle 20.30, I balletti russi di Diaghilev, concerto di Francesco Libetta (Galatone, 1968), pianista, compositore e direttore d’orchestra, notato dai primi anni ’90 dalla critica internazionale più autorevole, che non esita a definirlo “il più grande pianista vivente” (P. Isotta, Corriere della Sera).
Ore 19. Art Club#18: Greffes. La collaborazione tra artisti è un’esperienza dagli esiti spesso sorprendenti paragonabili a quelli prodotti in natura da un innesto, emblematico punto d’incontro tra Ciprian MUREŞANscienza e sperimentazione, dato di fatto e imponderabilità. L’Art Club #18 si fa portavoce di questo fenomeno, attualmente in forte ascesa e quasi del tutto nuovo per il grande pubblico. Nell’occasione, autori diversi per generazione, cultura e linguaggio si incontrano a Villa Medici in qualità di originali, talvolta inattesi, testimoni del dialogo creativo che, da lungo tempo, li pone in sintonia. Nasce così Greffes, frutto della loro reciproca stima e fratellanza professionale ed emotiva, in un gioco di rimandi intellettuali e visivi che è alla base dell’odierno progetto espositivo.
Ore 20.30. I balletti russi di Diaghilev, concerto di Francesco Libetta. In riferimento alla mostra dedicata a Picasso – in corso alle Scuderie del Quirinale, curata da Olivier Berggruen con Annunciata von Liechtenstein e inserita nel ciclo delle celebrazioni picassiane – il programma si collega ai rapporti tra l’artista spagnolo e Stravinsky, e a una delle figure che hanno lasciato una profonda traccia nella cultura del 1900, il russo Sergej Pavlovič Djagilev, detto Serge de Diaghilev.
Impresario di genio, Diaghilev dimostrò di saper riconoscere le potenzialità e il talento di tanti artisti, e con straordinaria abilità per molti anni riuscì a riconoscere e applicare lo spirito del moderno nella società più influente delle capitali europee della sua epoca.
Achraf TOULOUBMolti dei compositori inclusi nel programma hanno scritto per la compagnia di balletto di Diaghilev: “Les Ballets Russes”. In particolare Stravinsky deve a Diaghilev le prime grandi opportunità della sua carriera (sono ora sepolti accanto, nel cimitero di Venezia): L’Oiseau de feu, Petrouska, Le Sacre du printemps. Fu per Diaghilev che Stravinsky, dopo i successi dei balletti basati su tradizioni russe, e dopo il successo di un balletto di Respighi su tema italiano, scrisse le musiche di Pulcinella. Il balletto andò in scena con l’allestimento curato da Picasso.
Per scrivere questa partitura Stravinsky lavorò su musica antica italiana (Pergolesi in particolare, ma non solo). E fino agli ultimi anni professò la più profonda ammirazione per il genio di Carlo Gesualdo, il Principe di Venosa, sperimentatore di armonie arditissime. (foto: Francesco Libetta, Ciprian MUREŞAN, Achraf TOULOUB) Ingresso gratuito (nel limite dei posti disponibili).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: