Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 275

Archive for 27 novembre 2017

The laureate of the US$1million 2017 cycle of the Al-Sumait Prize in the field ofEducation has been announced following its Board of Trustees meeting in Kuwait City

Posted by fidest press agency su lunedì, 27 novembre 2017

His Highness the Amir of the State KuwaitKuwait City. Laureate for the 2017 cycle of Al-Sumait Prize for African Development in the field of Education has been endorsed by the Prize’s Board of Trustees for its exemplary work in Education development in Africa. The recipient organization of the US$1million prize of this prestigious award is The African Women Educationalists (FAWE), Nairobi, Kenya. The decision was announced at the conclusion of Al-Sumait’s Board of Trustees meeting in Kuwait City.The African Women Educationalists is awarded the prize for its achievements in significantly enhancing gender equity and equality in education through targeted programs, having a profound impact on attitudes and practices towards girls’ education and influencing education policies in 33 African countries.Commenting, Al-Sumait’s Board Chairman H.E. Sheikh Sabah Al-Khaled Al-Hamad Al-Sabah, said “Our goal, with this prize, is to promote positive change across Africa, and this newly announced laureate of the Al-Sumait Prize for African Development has been working tirelessly in the field of education to create a positive and sustainable difference across Africa.”Dr. Adnan Shihab-Eldin, Director General of the Kuwait Foundation for the Advancement of Sciences (KFAS), which administers the award, said: “The organization awarded the 2017 Al-Sumait Prize in the field of Education represents innovative, exciting initiatives being carried out to address education access and quality as well as gender equity challenges facing Africa”He added that FAWE will receive the award at the KFAS Prizes Ceremony in December under the patronage of His Highness the Amir of the State Kuwait Sheikh Sabah Al Ahmed Al Jaber Al Sabah.The 2015 Al-Sumait Prize in the field of Health is was awarded to Professor Kevin Marsh in recognition of his sustained research and fieldwork to control and eradicate malaria.The2016 prize in the field of Food Security was jointly awarded to the International Potato Center (CIP) and the International Institute of Tropical Agriculture (IITA).
Members of Al-Sumait PrizeAl-Sumait’s Board is chaired by H.E. Sheikh Sabah Al-Khaled Al-Hamad Al-Sabah, Kuwait’s First Deputy Prime Minister and Minister of Foreign Affairs. Other board members include: Bill Gates, co-chair of the Bill & Melinda Gates Foundation, Dr. Kwaku Aning, Chairman of the Governing Board of Ghana Atomic Energy Commission, Chairman of Ghana Nuclear Energy Institute and Former Deputy Director General of the International Atomic Energy Agency, Abdulatif Alhamad, Director General and Chairman of the Arab Fund for Economic and Social Development, Tareq Al-Mutawa, Executive Member of the Board of Public Gathering Charity Committee and Makhtar Diop, Vice President for Africa, The World Bank.
Kuwait’s Al-Sumait Prizes are a set of annual awards designed to honor significant advances in the fields of food security, health and education in Africa. Administered by the Kuwait Foundation for the Advancement of Sciences (KFAS) and a Board of Trustees, the awards celebrate the work and accomplishments of Dr. Abdulrahman Al-Sumait, a Kuwaiti physician who spent his lifetime helping the poor in Africa in the field of health and education. The objective of the prizes is to recognize best studies, scientific projects, applied research, and innovative initiatives that have a significant impact and lasting influence on advancing progress to economic and social development in Africa.

Posted in Estero/world news, scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“La rivoluzione della musica Jazz del Novecento”: workshop con Maurizio Zerbo

Posted by fidest press agency su lunedì, 27 novembre 2017

jazz sicilianaPalermo Martedì 28 novembre ore 17.30 – Real Teatro di Santa Cecilia (Piazza Santa Cecilia n. 5) lo storico del jazz Maurizio Zerbo terrà al Real Teatro Santa Cecilia una conferenza su “La rivoluzione del jazz nella musica del Novecento” – Una pratica musicale multiculturale, che ha anticipato la globalizzazione delle società multietniche nel terzo millennio. Attraverso ascolti musicali che vanno da Louis Armstrong al rap, dai Beatles all’Orchestra Jazz Siciliana, verranno enucleati i principi fondamentali di una musica inclusiva che ha influenzato la popular music (rock, pop, funk), modificando il paesaggio sonoro del Novecento. Maurizio Zerbo È nato nel 1964 a Palermo, dove si è laureato in Lettere Moderne con il massimo dei voti e la lode. Dopo gli studi di musicologia afroamericana con Stefano Zenni e di etnomusicologia con jazz1jazzGigi Garofalo, ha redatto saggi recensioni di cd, libri e concerti per le più autorevoli riviste italiane di jazz. Per il Centro Regionale per il Catalogo – Assessorato Beni Culturali della Regione Sicilia, ha ideato e curato la collana discografica “ I grandi concerti The Brass Group”. Negli anni accademici 2010/2011 e 2011/2012, ha insegnato Storia del Jazz presso il Conservatorio Statale di Musica “Vincenzo Bellini” di Palermo. Ingresso gratuito sino ad esaurimento posti.
In un’era sempre più globalizzata, dove le frontiere non hanno più confini portando le società in una determinazione multiculturale, anche i generi musicali subiscono notevoli influenze. Un fenomeno sociale quello del melting-pot, che ricade anche nella produzione artistica e nel conseguente
cambiamento del sound in particolare nella musica jazz. Di tutto ciò verrà discusso in un incontro promosso dalla FederTeatri Sicilia e organizzato dalla Fondazione The Brass Group, nell’ambito dell’iniziativa FormaTeatro 2017.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Catella Wohnen Europa investment fund acquires project developments in Denmark and Germany

Posted by fidest press agency su lunedì, 27 novembre 2017

catellaBerlin-based investment manager Catella Residential Investment Management GmbH (CRIM), focused exclusively on residential assets, has acquired two project developments for the Catella Wohnen Europa investment fund: one in Bremen, Germany, and the other in Aarhus, Denmark. The total purchase price of the 25,000 m2portfolio was around EUR 88.6 million.“The two acquisitions will allow us to further diversify our existing portfolio. In terms of residential property, Aarhus and Bremen are core markets, given that their population sizes are predicted to increase long-term and demand already significantly exceeds supply. Accordingly, the investments are a perfect fit for our broad-based portfolio”, says Benjamin Rüther, Deputy Fund Manager at Catella.
About the Bremen acquisition: microflats near the university A microflat complex with 215 units and total residential space of around 12,470 m2was acquired in the Hanseatic City of Bremen. The high-spec building, currently under construction by a company in the Zech Group, is expected to be completed and handed over to its future tenant, the City of Bremen, in March 2018. The city has entered into a 10-year double-net lease with an option to extend for a further five years. The purchase price is around EUR 35.5 million.
The development is located very close to the university in the north-east of the city and benefits from excellent public transport links.About the Aarhus acquisition: high-quality residential units in a growing market
A project development measuring around 13,000 m2with a total of 162 residential units was acquired in Aarhus, the second-largest city in Denmark. Unit areas range between 56 and 117 m2and completion is expected before the end of this year. The purchase price is around EUR 53.1 million.The project is located in one of five new districts in the city that have been earmarked for development to meet the very strong demand. The city’s population, currently around 340,000, is expected to grow by another 10 percent by 2025. Aarhus is home to some 58,000 students and 125,000 people under the age of 25.
The Catella Wohnen Europa investment fund is a German open-end mutual real estate fund for semi-professional and wealthy private investors looking to invest at least EUR 500,000. Launched in February 2016, the fund accumulated real estate assets under management of more than EUR 450 million in a single year. Catella Wohnen Europa invests in selected European core markets including Germany, France, the Netherlands and Scandinavia.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La grande arte italiana sarà allestita nel cuore di Miami Beach

Posted by fidest press agency su lunedì, 27 novembre 2017

conferenza_stampaSi è tenuta ieri alla Camera dei Deputati la presentazione del progetto internazionale MIAMI MEETS MILANO, che dal 6 al 10 dicembre porterà la grande arte italiana negli Stati Uniti, in un significativo confronto tra opere di artisti storicizzati ed emergenti. L’esposizione sarà allestita nell’esclusivo hotel Victor in Ocean Drive, nel cuore di Miami Beach, negli stessi giorni della famosa fiera internazionale di Miami Art Basel – la più importante del settore.
L’on. Ignazio La Russa, presente alla conferenza, si è complimentato per l’iniziativa e ha ringraziato l’organizzatore Salvo Nugnes, spiegando come “senza utilizzare nessun tipo di fondi, ma con grande spirito d’iniziativa e imprenditorialità, Miami Meets Milano porta i grandi nomi italiani all’estero, producendo un circolo virtuoso per l’arte nel nostro paese, un campo in cui non siamo certamente secondi a nessuno, nel mondo.”
Non è un caso – prosegue l’Onorevole – che anche oltre oceano l’evento sia stato accolto con molto clamore dalla stampa e dalla critica, con il benestare del console italiano, del sindaco di Miami”
Salvo Nugnes, Art Director della mostra “Miami meets Milano”, spiega così le finalità di un’iniziativa tanto ambiziosa: “Le due città hanno un forte legame simbolico. Sono entrambe fulcro della promozione dell’arte e della cultura a livello mondiale, dove passato e presente, antico e moderno, tradizione e innovazione si ritrovano insieme, in perfetta fusione. L’intenzione è quella di consolidare la centralità della grande arte italiana nel mondo allargando l’orizzonte del panorama contemporaneo».
«L’iniziativa – spiega Vittorio Sgarbi – offre l’opportunità di ammirare le opere di maestri dell’arte antica, moderna e contemporanea che hanno già lasciato un segno evidente nella storia. Tra gli altri Antonio Canova, Filippo De Pisis, Fausto Pirandello, Renato Guttuso, Gino De Dominicis, accostate ai lavori di artisti emergenti».
La mostra ha il contributo del curatore e critico Vittorio Sgarbi, di José Dalí ( artista e figlio di Salvador Dalí), del Direttore Generale del Ministero degli Affari Esteri Andrea Meloni, del Sindaco di Miami Philip Levin, del Console Generale d’Italia a Miami Adolfo Barattolo, di Renato Manera della “Fondazione Antonio Canova”, di Alberto D’Atanasio del Museo Modigliani, di Veronica Ferretti del Museo Buonarroti. (Christian Flammia)

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

I protagonisti del mercato immobiliare italiano e l’edizione 2017 dei “Real Estate Awards”

Posted by fidest press agency su lunedì, 27 novembre 2017

casaSesto San Giovanni (MI) Grand Hotel Villa Torretta si parte il 30 novembre alle 14 con la prima tavola rotonda. Presenti, il noto consulente di marketing Rudy Bandiera, con Luca Rosetto (CEO casa.it), Carlo Giordano (CEO immobiliare.it), Angelo Semerano (CEO Gestim), Massimiliano Pochetti (Presidente Casashare) e Simone Rossi (AD gateaway.com).
Alle 16 un’altra tavola rotonda, con la presenza del senatore Vincenzo Gibiino, Presidente dell’Osservatorio Parlamentare per il Mercato Immobiliare insieme con i presidenti delle 3 associazioni di categoria italiane, Paolo Bellini (ANAMA), Gian Battista Baccarini (Fiaip) e Santino Taverna (FIMAA), unitamente a Silvia Spronelli (Presidente SoloAffitti), Alberto Cogliati (Direttore Commerciale Engel & Völkers), Dario Castiglia (Presidente RE/MAX Italia), Roberto Barbato (Presidente REPLAT).
Seguirà l’intervista a Matteo Stifanelli, Country Manager di Airbnb Italia, con cui si parlerà di short rent (affitti brevi), grande opportunità per gli agenti immobiliari italiani e nuovo segmento di mercato.A seguire, alle 18, le premiazioni vere e proprie che assegneranno gli Oscar dell’immobiliare italiano.
Il giorno seguente, dalle 9, una serie di keynote con i protagonisti del marketing e della consulenza (anche motivazionale) immobiliare italiana: si parte ancora con Rudy Bandiera, che focalizzerà il proprio intervento sull’importanza del Personal Branding. Poi Fabrizio Cotza, il cosiddetto “formatore sovversivo”, fautore di un nuovo approccio alla gestione aziendale.Veronica Gentili (Glisco) parlerà di Facebook e dei social media come strumenti di marketing per il real estate.Altri nomi in programma: Tiziano Benvenuti (“The great Listing Agent”), Mirko Saini (“Linkedin per il settore immobiliare”) e Alessio Beltrami (“Content Marketing Italia”).All’evento parteciperanno le più importanti organizzazioni italiane nel campo immobiliare: casa.it, immobiliare.it, Intesa San Paolo Casa, ReMax Italia, Replat, Realisti.co, Coldwell Banker, SoloAffitti, Agim, OPISAS, SoloCase, CambioCasa, WeAgentz, FRIMM, Agent Pricing, GESTIMM, GETRIX, CasaShare, Engel & Völkers, Gateaway, realisti.co, Wiki Casa, Halldis, Total Render.
“Il real estate italiano si dà convegno al nostro evento – dichiara Diego Caponigro, Organizzatore dell’evento, Presidente OID e CEO di ReGold.it – in cui cerchiamo di fare il punto sulla situazione attuale, individuando peraltro nuovi segmenti di business e scenari per il prossimo futuro. L’agenda degli interventi è molto ricca, con tantissime eccellenze italiane e internazionali e con la presenza di nomi di carattere istituzionale e politico. Il culmine è rappresentato dalle premiazioni di chi maggiormente, tra gli operatori, le organizzazioni e i professionisti, si è distinto durante il 2017”.
http://www.realestateawards.it/

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La sfida: Il ritorno di Berlusconi

Posted by fidest press agency su lunedì, 27 novembre 2017

Silvio BerlusconiOramai è una certezza: Berlusconi for Presidential election, del Consiglio, per intenderci. Qualcuno, pensando agli anni che ha, ironizza, ma non dovrebbe, in quel senso intendiamoci. Lasciamo perdere cosa potrebbe dirci la Corte europea dei diritti dell’uomo, oramai è già deciso e nessuno potrà ostacolarlo. L’uomo che più degli altri ha varcato la soglia delle aule giudiziarie subendo qualche condanna, varie assoluzioni e giudizi sospesi per prescrizione è riuscito, nonostante tutto, ad entrare nel cuore, e dicono nelle menti degli italiani, tanto che il suo fido amico e collaboratore Renato Brunetta ci fa notare che in tutta la sua carriera l’illuminato ha accumulato ben 200 milioni di voti da parte dei suoi elettori. E quello che di certo non guasta è diventato un Paperon dei Paperoni nella galassia dei ricconi del nostro tempo passando da palazzinaro in quel di Milano a patron delle televisioni private e dell’editoria, dai libri, con la Mondadori, ai giornali diventando persino il socio “occulto” di quel quotidiano “La repubblica” che tanto lo ha criticato ma che ora per bocca di un altro ottuagenario, Scalfari per la cronaca, gli promette il voto e quello dei suoi lettori. Tutto questo, presumo, è dettato dalla logica del nostro tempo che lo considera un vincente mentre a noi tocca il ruolo non certo esaltante di perdenti.
Ed è davvero un’ironia della sorte che a dargli fama e onori non sono i suoi compagnucci miliardari ma proprio il popolo dei perdenti che si chiamano modesti pensionati, giovani precari, disoccupati, lavoratori in nero e le massaie alle prese con i magri bilanci familiari.
A tutti costoro da venti anni ha promesso pensioni più alte, milioni di nuovi posti di lavoro, tasse più basse per tutti e la gioia di vederlo sorridere con la sua aria di eterno giovane.
E noi da vent’anni e ora per altri cinque continueremo a crederci: E’ Berlusconi. (Centro studi politici e sociali della Fidest)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Giovani senza futuro?

Posted by fidest press agency su lunedì, 27 novembre 2017

infortuni-lavoroSe stiamo ai dati statistici che ci pervengono, da ciò che vediamo e dalle conversazioni che facciamo, dobbiamo rilevare un certo disagio giovanile che ci preoccupa. Osserviamo una generazione che tende a chiudersi in se stessa, a non riuscire a percepire i valori della vita e nei casi più gravi ad estraniarsene del tutto scaricando le proprie tensioni ed emotività nel cinismo, nella cultura del consumismo fine a se stesso: Io ho e quindi sono un vincente, tu non hai e sei un perdente. E fino a diventare un giudizio senza appello.
Ma ciò che ci appare più grave è quanti, nel mondo degli adulti, non ne intercettano il malessere cercando in qualche modo di comprendere le ragioni e tentare d’invertire la tendenza. In alcuni casi la spiegazione s’indirizza nella nostra incapacità d’essere coerenti con le scelte di vita che facciamo allorché predichiamo bene e razzoliamo male. In questa misura finiamo con il mostrare il lato peggiore del nostro modo di vedere e pensare. In pratica non diamo certezze ma seminiamo dubbi e ambiguità. Facciamo, ad esempio, del lavoro non un tramite per realizzarsi ma un sistema che tende a sfruttarti e a schiavizzarti. Indichiamo la politica come un obiettivo per ottenere risultati sfruttando le ingenuità degli elettori con false promesse invece di pensare al bene comune. Abbiamo trasformato l’insegnamento scolastico e l’ottenimento di un titolo banalizzandolo e trasformandolo in un qualcosa privo di significato se poi, ad esempio, vi sono diplomati e laureati che finiscono nel calderone dei call center, o a fare i precari, o a svolgere lavori saltuari o a restare disoccupati. Che fine, ci chiediamo, hanno fatto gli studi di greco antico, di latino al cospetto di un mercato del lavoro che ti chiede qualcosa d’altro? Ora che i politici, ancora una volta, si preparano ad affilare le loro lingue per ammannirci le solite promesse da marinaio cosa possono attendersi dai giovani e anche dai meno giovani se non il loro sdegnoso ritirarsi sull’Aventino perdendo forse quello che sarà l’ultimo treno per una società di giusti? (Centro studi politici e sociali della Fidest)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Come l’arte trasforma lo spazio di Maddalena d’Alfonso

Posted by fidest press agency su lunedì, 27 novembre 2017

come l'arte trasforma lo spazioRoma mercoledì 29 novembre Ore 18.00 la Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea Sala delle Colonne viale delle Belle Arti, 131 (orari di apertura: dal martedì alla domenica 8.30 – 19.30
ultimo ingresso 18.45 Ingresso libero) ospita la presentazione del volume Come lo spazio trasforma l’arte, come l’arte trasforma lo spazio, appena edito da Silvana Editoriale e curato da Maddalena d’Alfonso. Intervengono:
Maddalena d’Alfonso, autrice
Maria Fratelli, conservatrice, dirigente del comune di Milano
Cristina Piotti, giornalista
Rossella Caruso, storica dell’arte
Marxiano Melotti, docente di Sociologia del Turismo e Direttore del Master Musei, Società e Patrimonio culturale, Università degli Studi Niccolò Cusano
Modera Giulia Mura, architetto, curatrice e critica free lance
Il libro, nato come ricerca per il PHD in museografia del Politecnico di Milano, è il racconto dei mutamenti tra spazio, arte e architettura, e indaga le influenze reciproche dalle avanguardie storiche di inizio Novecento a oggi, proponendo una lettura critica inedita sulle variazioni avvenute all’interno di nuovi concept artistici, espositivi e museali.Attraverso l’analisi di una serie di eventi e momenti topici del Novecento, l’autrice presenta il divenire di un processo che dalla decontestualizzazione dell’opera dal suo ambiente originario arriva fino all’attuale e definitiva perdita del suo senso e del suo ruolo, volgendo nella direzione di un’accentuazione progressiva delle sue componenti estetizzanti e concettuali. (Maria Fratelli, introduzione)Il volume racconta, secondo cinque modalità diverse, il percorso incerto, fragile e potente della cultura visiva dei nostri giorni, esponendo in ogni capitolo, un proprio punto di vista sulle variazioni che sono avvenute e che avvengono tuttora nel museo, inteso come dimensione operativa ed elemento fondante del sapere collettivo, capace di innescare nuove sequenze di senso.

Posted in Recensioni/Reviews, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

A Via Margutta si accendono le luci del Natale

Posted by fidest press agency su lunedì, 27 novembre 2017

via margutta1Roma Il 29 novembre questo microcosmo magico nel cuore della Capitale sarà illuminato con i giochi di luce che saranno allestiti come ogni anno dall’Associazione internazionale Via Margutta e sponsorizzati per l’occasione da “Assaggia”, il ristorante di cucina tradizionale aperto lo scorso settembre che ripropone le ricette romane delle “nonne” nella formula originale della degustazione in piccole porzioni.
Alle 17.30 in punto di mercoledì 29 novembre, alla presenza della presidente dell’Associazione, Tiziana Todi, le luci natalizie di via Margutta si accenderanno per far splendere questo angolo unico al mondo con luminarie festose. Assaggia e gran parte dei negozi che si affacciano su via Margutta offriranno un drink di benvenuto agli ospiti e ai passanti per rivolgere un augurio in vista delle festività natalizie e invitare la città a scegliere via Margutta per le passeggiate, lo shopping e il relax e riscoprire lo spirito più intimo e profondo di questa strada devota all’arte e alla cultura.
“Assaggia è il più recente ingresso a via Margutta io, invece, ho un legame profondo con questa strada in cui la mia famiglia vive da oltre un secolo – spiega Alberto Moncada, patron del ristorante e dell’Hotel – così ho voluto sponsorizzare le luci di Natale per festeggiare il nostro arrivo qui e come mio personale gesto di affetto per questa strada sacra agli artisti e patrimonio di tutta l’umanità. Avendo vissuto molti anni anche negli Stati Uniti, dove le cerimonie di apertura della stagione delle festività sono molto sentite, ho chiesto di fissare il light up delle luci alle 17.30 per gemellare in qualche modo questa magnifica strada con New York e con la cerimonia di accensione delle luci del grande albero di Natale al Rockefeller Center. Con questo evento – conclude Moncada – vogliamo coniugare perciò il genius loci di via Margutta, il senso della tradizione natalizia italiana e lo spirito cool e cosmopolita di New York”.3

Posted in Recensioni/Reviews, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Sciopero, i medici all’offensiva: le richieste dei sindacati

Posted by fidest press agency su lunedì, 27 novembre 2017

sciopero mediciSi sono dati appuntamento il prossimo 30 novembre a Roma per manifestare contro la legge di bilancio 2018 che non prevede risorse per il rinnovo del contratto di lavoro del personale medico. Seguirà poi una prima giornata di sciopero in programma per dicembre. Le organizzazioni sindacali della dirigenza medica e sanitaria, preoccupate per lo stato della sanità pubblica, sono in stato di agitazione. «Abbiamo chiesto subito un incontro ai membri della commissione bilancio di Camera e Senato – spiega Carlo Palermo, coordinatore dei segretari regionali di Anaao Assomed – Non possiamo accettare da Governo e Regioni un aut aut, o si finanziano i Lea o si pensa al rinnovo del contratto dei medici. Le risorse per il rinnovo dei contratti della categoria sono già state trasferite dallo Stato alle Regioni che avrebbero dovuto accantonarle. E invece le hanno destinate, dicono, per coprire i costi dei Lea. Purtroppo il nostro sistema sanitario nazionale è sotto finanziato rispetto al sistema di altri paesi. In Italia – ha aggiunto Palermo – a fronte di 60 milioni di abitanti c’è un investimento nella sanità di 150 miliardi. Poco rispetto, per esempio, a quanto investono gli altri paesi europei a partire da Francia e Germania».Il coordinatore dei segretari regionali di Anaao Assomed, poi, sottolinea: «Gli effetti del taglio alle risorse del nostro sistema sanitario, che negli ultimi sette anni ha portato ad un taglio di circa 9000 medici e 45mila infermieri, oggi iniziano a sentirsi. Dal 2014 al 2016, le Regioni hanno dovuto restituire allo Stato una quota di risorse che il Governo aveva loro trasferito, pari a circa 10 miliardi di euro. Risorse che sarebbero dovute servire a finanziare la sanità pubblica e anche il rinnovo del contratto del personale medico fermo ormai da otto anni». Così le organizzazioni sindacali della dirigenza medica e sanitaria hanno elaborato una proposta da sottoporre alle commissioni bilancio di Camera e Senato. Chiedono che una quota parte della nuova tassa sul fumo, inserita nel pacchetto degli emendamenti allo studio del parlamento, venga destinata non solo a finanziare i farmaci innovativi ed oncologici e a potenziare le reti di terapia del dolore, ma anche a prevedere risorse utili per il rinnovo del contratto, quelle risorse che le Regioni avrebbero dovuto accantonare ma che in realtà sono già state spese. «Chiediamo – continua Carlo Palermo – che le risorse aggiuntive trovate grazie alla nuova tassa sul fumo siano reali, che venga trasferito alle regioni un miliardo in più rispetto ai fondi di bilancio destinati a coprire le spese sanitarie. Non vorremmo che quel miliardo si riduca alla fine ad appena 400 milioni di euro, se consideriamo i 600 milioni di euro che le Regioni sono chiamate a riversare, come contributo, al bilancio dello Stato. Per questo alla giornata di manifestazione in programma per il prossimo 30 novembre, seguiranno delle giornate di sciopero ad oltranza, fino a quando non avremo avuto dal Parlamento rassicurazioni concrete. La prima giornata di sciopero è già prevista per il prossimo dicembre. Rimane da stabilire solo la data». (Francesca Malandrucco – fonte: doctor33)

Posted in Cronaca/News, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Banche e la fiducia

Posted by fidest press agency su lunedì, 27 novembre 2017

banca“La banca, più delle altre imprese, intermedia una cosa fondamentale: la fiducia. Se i cittadini e le imprese perdono fiducia nel sistema bancario, il sistema economico collassa. Vedendo quello che è successo nel nostro Paese negli ultimi anni sono leciti pensieri negativi”. Lo ha detto Renato Brunetta, capogruppo di Forza Italia alla Camera dei deputati, intervenendo alla convention “#IdeeItalia. La voce del Paese”, in corso a Milano.“Da vice presidente della Commissione di inchiesta sulle banche – ha aggiunto – sto vedendo le devianze criminali che si sono susseguite in questi anni, a partire da Monte Paschi e dalle sue Venete. Il quesito che mi pongo è: sono la punta di un iceberg di un sistema malato? Dobbiamo andare in fondo con la Commissione per capire le ragioni strutturali rispetto alle quali per esempio Mps, il terzo gruppo bancario italiano, sia finito come è finito”.“Non è che queste devianze – ha sottolineato Brunetta – mi portano a dire che il sistema è marcio, mi portano a fare un’altra riflessione: se le regole europee sono quelle giuste, se la strada intrapresa dall’Italia è quella giusta. Se avessimo trovato o utilizzato fin dall’inizio il fondo interbancario di garanzia molte tragedie sarebbero state evitate”.“Quindi dico viva l’Europa se ci obbliga a comportamenti meno opportunistici e se obbliga i nostri vigilanti ad essere un po’ meno indigeni e condizionati da regole inefficienti. Basta vigilanti che vengono assunti dai vigilati. Non è un bel vedere”.“Abbiamo bisogno delle banche, di regole europee trasparenti ed efficienti, di un contesto di debito pubblico che non sia il grande condizionatore della nostra vita economica e non solo economica. Finché avremo questo cappio al collo il nostro sarà un Paese subordinato. La responsabilità sta nella capacità di questo Paese di diventare democratico e libero. E tutto il resto ne è la conseguenza”, ha concluso l’esponente azzurro.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Natura Viva di Piero Gilardi

Posted by fidest press agency su lunedì, 27 novembre 2017

natura vivaSenza titolo-1Roma Galleria Lombardi, Via di Monte Giordano 40, Inaugurazione: Sabato 2 Dicembre, ore 18 (dal 2 Dicembre 2017 al 20 Gennaio 2018 Orario: dal Mart. al Sab. 11:00-19:00, Ingresso libero) Curatore: Enrico e Lorenzo Lombardi.
Dopo la grande esposizione al Maxxi con più di cinquantamila visitatori, la Galleria Lombardi presenta l’esposizione di Piero Gilardi “Natura Viva” con una selezione di quattordici opere che vanno dai primi anni 90 al 2017. Per anni la rappresentazione di natura morta ha dominato lo scenario artistico entrando nell’immaginario comune, la natura d’altronde è sempre stato uno dei principali filoni dell’espressione artistica.. Gilardi segue logiche del tutto innovative, ci guida verso la sua visione della natura in linea con i nostri tempi attraverso l’uso di materiali industriali come il poliuretano espanso e ci ricorda di quanto l’essere umano sia legato per la sua stessa esistenza alla natura. (foto: natura viva)

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Questioni di epigrafia greca. A proposito di S. Kaczko, Archaic and Classical Attic Dedicatory Epigrams

Posted by fidest press agency su lunedì, 27 novembre 2017

Roma Venerdì 1 Dicembre 2017, ore 16:00 Via Ostiense 234/236 Dipartimento di Studi Umanistici, Aula Paolo Radiciottinell’Aula Paolo Radiciotti dell’Area di Studi sul Mondo Antico del Dipartimento di Studi Umanistici i professori Albio Cesare Cassio e Enzo Lippolis (Sapienza – università di Roma) e la prof.ssa Roberta Fabiani (Università degli Studi Roma Tre) terranno un seminario sul tema: Questioni di epigrafia greca. A proposito di S. Kaczko, Archaic and Classical Attic Dedicatory Epigrams (De Gruyter, Berlin-Boston 2016).

Posted in Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

MusicaInFormazione. “L’improvvisazione musicale: aspetti teorici, storici e psicopedagogici”

Posted by fidest press agency su lunedì, 27 novembre 2017

Roma Venerdì 1 Dicembre 2017, ore 9:30 Dipartimento di Scienze della Formazione – Aula Magna Via Principe Amedeo 182 nell’ambito della rassegna di concerti e cultura musicale “MusicaInFormazione”, promossa dal Dipartimento di Scienze della Formazione e curata dal prof. Raffaele Pozzi, si terrà un convegno di studi internazionale sul tema “L’improvvisazione musicale: aspetti teorici, storici e psicopedagogici”.

Posted in Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Maker Faire Rome: The European Edition 4.0

Posted by fidest press agency su lunedì, 27 novembre 2017

Roma Venerdì 1 Dicembre 2017, ore 9:00 / 3 Dicembre 2017 Fiera di Roma Via Alexandre Gustave Eiffel. L’Università Roma Tre parteciperà al Maker Faire Roma 2017 con uno stand dove saranno mostrate alcuni progetti innovativi e avere informazioni sulle attività didattiche e di ricerca del Dipartimento di Ingegneria. L’atteso appuntamento con “Maker Faire Rome – The European Edition 4.0”, il più grande evento europeo sull’innovazione e sull’impresa 4.0, si svolgerà dall’1 al 3 dicembre 2017 alla Fiera di Roma.Con 7 padiglioni a disposizione (uno in più rispetto allo scorso anno) per oltre 100mila mq di estensione, Maker Faire Rome è la fiera dove prende forma la rivoluzione digitale, il luogo della ribalta dedicato alle famiglie, ai bambini e a tutti gli appassionati di innovazione, ma anche il format consolidato per le aziende e gli innovatori di professione che utilizzano la cultura digitale come mezzo per affrontare le nuove sfide dei mercati. Tanti, attuali e coinvolgenti gli altri temi della quinta edizione. Si va dall’Internet delle cose alla manifattura digitale fino all’agricoltura 4.0, passando per il cibo del futuro alla sensoristica; mobilità smart, riciclo e riuso, edilizia sostenibile; robotica; realtà virtuale e aumentata, salute e benessere; scienza e biotecnologie.

Posted in Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

GiRo ASTRE – Maker Faire Rome

Posted by fidest press agency su lunedì, 27 novembre 2017

Roma Venerdì 1 Dicembre 2017, ore 8:00 / 3 Dicembre 2017 Fiera di Roma Via Franco D’Amico gli studenti della Scuola ASTRE del biennio 2016-2018 parteciperanno al Maker Faire Rome 2017 presentando l’app GiroRoma realizzata per i corsi “Patrimonio Artistico e Identità Sociale” e “Progettare a Roma per valorizzare i beni culturali”. Le persone interessate sono invitate a partecipare.

Posted in Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Isola della Sostenibilità ad Architettura

Posted by fidest press agency su lunedì, 27 novembre 2017

architetturaRoma Giovedì 30 Novembre 2017, ore 9:00 / 2 Dicembre 2017 Dipartimento di Architettura Largo Giovanni Battista Marzi 10 (Ex Mattatoio di Testaccio) Giunta con successo alla sua quarta edizione, “Isola della Sostenibilità” è la manifestazione nazionale promossa da un “comitato strategico” composto da: Enea, Crea, Cnr, Università Roma Tre, Università La Sapienza. Isola della Sostenibilità è evento ufficiale della Giornata Mondiale dell’Alimentazione 2017.La manifestazione ha l’obiettivo di promuovere lo sviluppo sostenibile tra le nuove generazioni, proponendo idee e progetti sostenibili provenienti dal mondo della ricerca, dalle istituzioni, dell’industria, dell’associazionismo.
E’ rivolta alle scuole di ogni ordine e grado, studenti universitari, famiglie e tutti coloro fortemente interessati ai temi legati alla sostenibilità.
L’edizione 2017 si concentrerà su 4 dei 17 goal di Agenda 2030, ossia: Fame Zero (Goal 2), Energia pulita e accessibile (Goal 7), Lavoro dignitoso e Crescita Economica (Goal 8), Consumo e Produzione Responsabile (Goal 12).Il format prevede talk divulgativi, laboratori didattici ed area expo. Ingresso gratuito

Posted in Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Le trasformazioni del lavoro e il nuovo capitalismo dell’immateriale. In memoria di André Gorz

Posted by fidest press agency su lunedì, 27 novembre 2017

Roma Mercoledì 29 Novembre 2017, ore 10:30 Dipartimento di Scienze Politiche, Aula 1A Via Chiabrera 199. Tavola rotonda sulle trasformazioni del lavoro e del capitalismo contemporanei, a partire dalla figura intellettuale di André Gorz. L’iniziativa costituisce il II incontro del ciclo di conferenze “Società, politica e teoria sociale dopo la grande recessione”, organizzato nell’ambito delle attività della cattedra di Sociologia Generale del Dipartimento di Scienze Politiche.

Posted in Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Presentazione del corso ‘Scienza e tecnica delle investigazioni forensi’

Posted by fidest press agency su lunedì, 27 novembre 2017

Roma Mercoledì 29 Novembre 2017, ore 10:00 Dipartimento di Giurisprudenza, Sala del Consiglio Via Ostiense 159 conferenza di presentazione del corso di perfezionamento interdipartimentale in “Scienza e tecnica delle investigazioni forensi”, alla presenza di illustri personalità del mondo giuridico e scientifico e sostenuto, quest’anno, dalla Fondazione “Alberica Filo della Torre”, tristemente nota alle cronache poiché vittima del “delitto dell’Olgiata”, proprio per sottolineare l’importanza delle Scienze Forensi nella risoluzione dei cosiddetti cold case.

Posted in Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Salvatore Riina: trattato peggio delle aragoste

Posted by fidest press agency su lunedì, 27 novembre 2017

aragostaNell’interessante libro dell’avvocato Nicodemo Gentile dal titolo “Laggiù tra il ferro” (Editore: Imprimatur) ho appena letto questo brano: Qualche mese fa mi trovavo in Cassazione per discutere un ricorso e, prima che chiamassero il mio procedimento, ho assistito alla accorata discussione di una collega, che rappresentava gli interessi di un’associazione animalista costituitasi parte civile nei confronti di un ristoratore, reo di aver tenuto astici ed aragoste in acqua e ghiaccio con le chele legate. Appresi dalla stampa, qualche giorno dopo, che la Collega aveva colto nel segno: i Giudici (sentenza 30177 del 17.01.2017) confermarono la condanna dell’uomo, perché – spiegarono – passi che vengano cucinati quando sono ancora vivi, come vuole la consuetudine sociale, ma non possono essere conservati in modo tale da arrecare loro, “esseri senzienti”, inutili sofferenze. Tanto basta per integrare il reato di maltrattamento di animali. È senz’altro apprezzabile la sensibilità che questi Giudici hanno mostrato di fronte alle sofferenze di astici e aragoste, ma sarebbe auspicabile, con i dovuti distinguo, una apertura maggiore nei confronti di altri “esseri senzienti”, gli uomini e le donne che popolano le nostre carceri, la cui detenzione spesso si sostanzia in un trattamento addirittura deteriore rispetto a quello riservato agli animali.
Qualcuno potrebbe replicare che le aragoste non fanno reati, e questo è vero. Molti però non sanno che quando muore un ergastolano c’è una sorta di quasi invidia fra gli altri ergastolani, perché molti di loro hanno più paura della vita che della morte. In punta di piedi, sperando di non offendere le vittime che ha fatto la mafia, a cui va tutta la mia solidarietà, desidero dire qualcosa sulla morte di Salvatore Riina. Sulla sua scomparsa si è scritto di tutto, ma quasi nessuno ha detto che adesso la mafia politica e finanziaria sarà più forte di prima, dopo la scomparsa dell’ultimo boss dalla mafia militare e stragista. Molte persone sono convinte che il terrorismo religioso o politico e la criminalità organizzata si combattano e si vincano con la pena di morte o con la pena dell’ergastolo, e con il regime di tortura del 41 bis. In realtà non sanno quanto si sbagliano, perché la storia ci insegna il contrario e il male, da solo, anche se dato in nome della legge o del Dio di turno, moltiplica altro male. A mio parere, lo Stato inizialmente deve difendersi, anche con fermezza, ma nello stesso tempo deve pensare a sconfiggere questi fenomeni criminali culturalmente, affinché non si ripetano. Quasi nessun politico, invece, si rende conto che in Italia il carcere non funziona, se l’ottanta per cento delle persone che entrano in galera una volta fuori poi ci rientrano. Penso che solo l’amore sociale può fare uscire il senso di colpa per il male fatto, non certo una pena che fa solo male. L’ho detto tante volte che in carcere quello che manca più di tutto è proprio l’amore sociale. Solo questo può sconfiggere la mafia e creare sicurezza nella società. I padri della nostra Costituzione lo sapevano bene, forse perché alcuni di loro in carcere hanno trascorso tanti anni, se hanno stabilito che la pena deve avere solo la funzione rieducativa. In poche parole per loro la pena avrebbe dovuto fare solo bene e non male, come invece accade oggi nelle nostre Patrie Galere, nella stragrande maggioranza dei casi. Penso che il carcere dovrebbe solo contenere il corpo del prigioniero, però dovrebbe liberargli il cuore e la mente dalla cultura che lo ha portato in galera, ma questo, purtroppo, non avviene mai. Qualcuno si è lamentato che Riina non ha dimostrato mai nessun pentimento, ma io sfido chiunque a cambiare e a migliorare vivendo nelle sue condizioni per quasi un quarto di secolo, murato e sepolto vivo. Ed è incredibile che neppure da moribondo gli sia stato concesso di abbracciare i propri familiari. Probabilmente adesso qualche professionista dell’antimafia dirà che non era il caso di seppellire il suo cadavere nel cimitero di Corleone perché potrebbe lanciare ancora messaggi dall’aldilà ai suoi picciotti. Non voglio fare dell’ironia, ma il regime di tortura del 41 bis ti squarcia dentro e ti fa sentire una vittima, anche se sei il peggiore criminale del mondo.
musumeciAdesso spero che dopo la morte di Provenzano e Riina lo Stato faccia qualcosa per liberare culturalmente e fisicamente quegli ergastolani che sono entrati in carcere appena maggiorenni e che hanno passati più anni della loro vita dentro che fuori. Ecco la storia di uno di loro:
Cosimo è stato arrestato nel 1991, all’età di diciannove anni. Quando è stato condannato alla pena dell’ergastolo pensava che non era ancora morto e che avrebbe potuto uscire dopo 20, 30, 40, 50, addirittura dopo 100 anni di carcere, in permesso, semilibertà e in condizionale. Cosimo col suo quarantaseiesimo compleanno ha passato più di 27 anni in carcere, molti di più di quelli che ha vissuto fuori. Eppure lui ha sempre creduto a quello che sentiva alla televisione e a quello che leggeva sui giornali. Cosimo ha sempre creduto a quello che dicevano i politici: -La pena dell’ergastolo in realtà non esiste perché si può uscire in permesso premio, in semilibertà e in condizionale. Cosimo è stato un ingenuo: per tanti anni ha creduto che un giorno sarebbe uscito, che un giorno si sarebbe sposato e che avrebbe avuto dei figli. Ora Cosimo, dopo ventisette anni di carcere, alla richiesta di un permesso premio, ha ricevuto la risposta del magistrato di sorveglianza e ha capito che non potrà mai uscire, né ora né mai: -Considerando che i delitti sono stati commessi al fine i agevolare l’associazione criminosa di appartenenza e pertanto ostativi alla concessione dei benefici, dichiara inammissibile la richiesta di permesso. Cosimo ora sa che sarà sempre, e per sempre, colpevole. Chiedere questo tipo di giustizia è orribile: è più comprensibile chiedere la vendetta con una pena di morte. Penso che Cosimo sia meno pericoloso di un politico corrotto o di un banchiere che fa i prestiti da strozzino, o di molti imprenditori colpevoli di tanti omicidi bianchi. Io credo che Cosimo sia meno pericoloso dell’ex presidente della Parmalat, che ha fatto un buco da tre miliardi di euro e se l’è cavata con qualche mese di carcere. Io penso che anche a Cosimo vada data una possibilità, una sola, ma gli vada data. Lui non ha più sogni, li ha finiti tutti. Non ha più dubbi, dopo la risposta del magistrato di sorveglianza, ha la certezza che morirà in carcere. Nessuno merita una pena che non finisce mai, perché tutte le cose hanno diritto di iniziare e di finire. Cosimo sa che alla fine la morte sarà più giusta degli uomini e pur di farlo uscire dal carcere se lo porterà via. (Carmelo Musumeci)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »