Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 275

Archive for 5 dicembre 2017

L’arte di produrre Arte: Competitività e innovazione nella Cultura e nel Turismo

Posted by fidest press agency su martedì, 5 dicembre 2017

arte di produrre arteRoma Mercoledì 6 dicembre 2017 ore 10.00, Associazione Civita, Sala Gianfranco Imperatori Piazza Venezia, 11. Il tema dell’innovazione, al centro di questo Rapporto – curato da Pietro Antonio Valentino ed edito da Marsilio Editori – riguarda quella prodotta dalla rivoluzione informatica e dalla diffusione del digitale che ha modificato sia le modalità di produrre e consumare cultura che il rapporto fra domanda e offerta nel settore turistico. L’indagine realizzata dall’Associazione Civita sulle Industrie Culturali e Creative (ICC), al fine di procedere ad un confronto internazionale e porre in evidenza i cambiamenti strategici in atto nei principali paesi europei (Germania, Francia, Spagna e Regno Unito), ha utilizzato le definizioni di ICC e di occupazione culturale totale date dall’Eurostat che sono in linea con quelle di altre istituzioni internazionali come l’Unesco. Facendo ricorso ai dati “ufficiali” si rilevano risultati meno “rosei” di quelli derivanti da molte delle indagini empiriche condotte in Italia che evidenziano comunque l’esistenza di ampi spazi non utilizzati per far crescere il settore e la sua importanza per l’economia nazionale e lo sviluppo locale. Considerando, ad esempio, l’occupazione culturale totale o cultural employment (comprensiva sia degli occupati nelle imprese dell’ICC che di tutti coloro che svolgono una funzione culturale e creativa nel settore pubblico, nel “terzo settore” o in uno degli altri settori dell’economia), l’indagine rileva che nel 2015 in Italia, quest’ultima, è stata di poco superiore alle 614mila unità con un significativo aumento (+3,7%) rispetto al 2011; confrontando il dato italiano con quello di altri paesi europei si rileva che in Germania sono circa il doppio di quelli italiani e nel Regno Unito circa l’84% in più.Il valore più elevato è quello del Regno Unito dove nel 2015 il cultural employment contribuisce per il 3,6% alla creazione dell’occupazione totale del paese (la stessa percentuale è pari in Germania al 3,0%). Il peso occupazionale dell’insieme delle attività culturali e creative è in Italia pari al 2,7%, in linea con il dato della Francia, ma inferiore a quello rilevato per la media dell’Europa a 28 (2,9%).
La prima è che in tutti i paesi l’occupazione culturale ha subito meno gli effetti della crisi.
La capacità delle industrie culturali e creative di reagire meglio agli shock negativi dei contesti, è stata diversa da paese e paese. Pur se, in Italia, la domanda di cultura è diminuita meno di altre, la reazione del settore alla crisi ha messo in evidenza che è necessario innovare di più e allargare il mercato (interno ed estero) dei prodotti culturali ideati e realizzati in loco.
La seconda è ancora più importante dal punto di vista economico.La “rivoluzione informatica” sta modificando in maniera significativa il modo di produrre “cultura” consentendo di scomporre i processi produttivi (ripartendo attività e funzioni in tre grandi fasi: pre-fabbricazione, fabbricazione e post-fabbricazione) nonché di delocalizzare quelle a minor valore aggiunto (in genere la fase di fabbricazione).
Con la scomposizione e delocalizzazione del ciclo, il mercato dei prodotti culturali e creativi si estende, assumendo una dimensione sempre più internazionale. I pochi dati ancora a disposizione rivelano che il mercato mondiale è cresciuto nell’ultimo decennio a ritmi elevati. L’export di cultural goods (i prodotti culturali destinati al consumo finale) ha superato (nel 2013) i 212 miliardi di US$ e nel periodo 2009-2013 è cresciuto del 42,5%. A queste cifre bisogna aggiungere poi l’export dei servizi culturali, di più difficile rilevazione statistica. Il dato disponibile (2012) e limitato ai paesi più industrializzati valuta a poco più di 100 miliardi di US$ l’export di questi servizi che per i paesi europei e per gli USA è più elevato di quello dei cultural goods.
Per l’Italia tutto ciò richiede un cambiamento delle politiche di sostegno al settore che devono puntare a sviluppare competenze e know-how che permettano alle imprese e alle attività di localizzarsi nelle attività a più alto valore aggiunto. Il sostegno deve essere ad ampio spettro, non solo finanziario, ed investire le attività formative, una più stretta collaborazione tra pubblico-privato, la definizione di standard e regolamentazioni internazionali e, insieme, rafforzare il ruolo di istituzioni che preservano il know-how e i contratti.
Il Rapporto rileva, dunque, una tendenza di crescita per tali turismi creativi potenzialmente capace di sostenere l’economia di aree del Paese che non fanno parte degli attuali attrattori turistici. Se il mercato di sbocco dei beni e dei servizi culturali non è più costituito solo da “consumatori” nazionali ma da “buyer internazionali” di beni e servizi intermedi, risulta quanto mai necessario incrementare la competitività delle imprese dell’ICC rispetto a questi nuovi acquirenti.
Questi i temi su cui, moderati da Riccardo Luna, Direttore responsabile di Agi, si confronteranno gli ospiti dell’incontro con l’obiettivo di dare l’avvio ad un confronto in merito alle opportunità derivanti dalla rivoluzione digitale e dalla trasformazione in atto nelle offerte e nei consumi culturali: elementi-chiave per rafforzare la competitività del nostro ecosistema imprenditoriale anche sulla scena dei mercati globali. Il programma in agenda prevede:
SALUTI Gianni Letta, Presidente Associazione Civita
INTRODUCE Pietro A. Valentino, Curatore del Rapporto
INTERVENGONO Armando Peres, Presidente Comitato Turismo OCSE
Domenico Arcuri, Amministratore Delegato INVITALIA
Stefano Pighini, Presidente LVenture Group
Marco Bicocchi Pichi, Presidente Italia Startup
Paolo Giulini, Fondatore Musement
MODERA Riccardo Luna, Direttore responsabile Agi
Verrà distribuita copia della pubblicazione edita da Marsilio Editori

Posted in Recensioni/Reviews, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Il Presidente Grasso alla guida della sinistra italiana

Posted by fidest press agency su martedì, 5 dicembre 2017

pietro grassoDopo l’intervento di ieri l’altro alla convention della sinistra italiana che non si riconosce nel PD renziano il presidente del senato Grasso non sembra ci voglia lasciare dubbi sulla sua scelta di campo. Il suo compito non è agevole. Siamo al cospetto di partiti che pur avendo una comune matrice ideologica sono attraversati da faide interne e distinguo di metodo e di azioni che li hanno tenuti separati e diffidenti a lungo rispetto ai gruppi fratelli. L’ambizione, ci sembra di credere, è anche quella di ricostituire il centro sinistra dopo il tsunami che ha investito un partito che pur lacerato al suo interno pensava di aver ritrovato il suo equilibrio con il nuovo segretario Matteo Renzi. Purtroppo non è stato così. Il suo disegno è stato quello di distruggerlo per lasciare campo libero al centro destra berlusconiano e con la possibilità, essendosi liberato dell’area che si richiama alla sinistra storica, di potersi alleare senza patemi d’animo, con il centro destra e raggiungere la maggioranza per governare il Paese. E’ stata per Renzi un’operazione studiata a tavolino per consentirgli di realizzare un’alleanza che già era nell’aria e che ora si può concretizzare con la benedizione dei potentati europei.
E’ questo lo scenario che si prospetta per alcuni osservatori politici in nome della continuità di un impianto di governo politico-economico-finanziario ben consolidato dalle logiche della globalità e del liberismo creativo dove il profitto la fa da padrone al prezzo della cinica violazione dei diritti delle classi sociali meno abbienti. A questo punto è necessaria una rottura profonda tra il passato e il futuro che può determinarla solo chi è meno compromesso, politicamente parlando, con il vecchio establishment. (Centro studi politici e sociali della Fidest)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , | 1 Comment »

Calendario Storico della Marina per il 2018

Posted by fidest press agency su martedì, 5 dicembre 2017

nave luigi rizzoCivitavecchia. Mercoledì 6 dicembre, alle ore 11.30, a bordo della Fregata Europea Multi Missione (FREMM) Luigi Rizzo il capitano di vascello Luca Anconelli dell’Ufficio Pubblica Informazione e Comunicazione della Marina Militare terrà una conferenza stampa per presentare il Calendario Storico della Marina per il 2018.
“Ricordare il passato – costruire il futuro” è il nuovo tema del calendario per il 2018, nato dall’idea di celebrare l’anniversario della Grande Guerra che vide concretizzarsi nel 1918 l’epica impresa di Premuda di Luigi Rizzo, attraverso un parallelo tra le foto della Marina di ieri e di oggi che testimoniano l’immutato senso del dovere, della professionalità e abilità specialistiche che il personale della forza armata esprime ogni giorno al servizio del Paese.Il Calendario storico quest’anno è dedicato alla Fondazione Francesca Rava, a testimonianza di una sinergia ormai consolidata, in modo da veicolare, insieme a questo originale prodotto editoriale, un importante messaggio di solidarietà nei confronti di chi ha bisogno del nostro aiuto. Tra gli argomenti che saranno affrontati, in tema con il calendario, anche le operazioni che la Marina Militare quotidianamente svolge a favore della collettività.La Marina Militare è da sempre impegnata in compiti che, per loro natura, sono strettamente connessi anche al mondo civile, con particolare riferimento al complesso ed articolato contesto dell’ambiente marittimo, ma non solo. Questa particolare attitudine è chiamata “capacità complementare” ed è svolta a supporto, diretto o indiretto, del Paese.Nell’ambito della conferenza stampa Laura Tassinari, direttore generale di BIC Lazio presenterà il progetto SeaBootCamp, iniziativa realizzata da BIC Lazio per supportare startup e team imprenditoriali rafforzando le loro competenze di marketing e di comunicazione per promuovere prodotti e servizi innovativi applicabili all’economia del mare. Alla conferenza interverrà anche il presidente di Lazio Innova Stefano Fantacone, che porterà i saluti della Regione Lazio.
Le 24 immagini proposte nel calendario ci accompagneranno in un viaggio che correla il passato della Grande Guerra al presente, in un susseguirsi di scatti che abbracciano navi, aerei, sommergibili, basi navali e soprattutto gli uomini. Quelli che ritraggono la Marina di oggi sono frutto della professionalità e dell’occhio attento di Fabrizio Villa. Mesi che scorrono assieme alle fotografie messe a confronto per ricordarci anche che navi, armi e tecnologie cambiano ma la gente e le sue necessità no. La missione della Marina Militare è sempre la stessa, al servizio della collettività, oggi come ieri.
Ora come allora, il controllo dei mari e degli oceani, bene comune dell’umanità, costituisce fondamentale presupposto per la sicurezza sulla terraferma, oltre che valore strategico e vitale per lo sviluppo economico delle nazioni e della comunità internazionale, in ossequio al concetto di difesa avanzata per garantire la sicurezza interna. La storia della nostra Marina costituisce un prezioso patrimonio che ne rappresenta le fondamenta; patrimonio che deve essere divulgato e conosciuto a tutti i livelli nella collettività ma in particolar modo delle giovani generazioni affinché ne possano trarre le appropriate considerazioni e i giusti stimoli per il futuro per costruirne uno sempre migliore. (foto: nave luigi rizzo)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

E’ Vincenzo Zagà il nuovo Presidente della Società Italiana di Tabaccologia (SITAB)

Posted by fidest press agency su martedì, 5 dicembre 2017

Vincenzo ZagàE’ stato eletto durante il XIII Congresso Nazionale della Società da poco conclusosi a Bologna. Zagà, medico pneumologo, già responsabile del Centro Antifumo dell’AUSL di Bologna e giornalista medico-scientifico, succede a Biagio Tinghino, Dirigente Responsabile UOS Alcologia e Nuove Dipendenze Dipartimento di Salute Mentale e delle Dipendenze dell’ASST di Vimercate (MB).
In questo XIII Congresso Nazionale della Società Italiana di Tabaccologia (SITAB) sono stati affrontati alcuni scottanti temi come i nuovi scenari in tema di tobacco control, l’inquinamento e la ricerca in tabaccologia e in fatto di dipendenza da tabacco, una serie di overview su alcune delle principali patologie fumo-correlate e le strategie di sostegno al paziente fumatore intenzionato a smettere.
Inoltre è stata messa a fuoco la specificità clinica dei fumatori resistenti, gli irraggiungibili, quelli che proprio non ce la fanno a smettere. Per questi il focus dell’offerta è nella riduzione del danno, argomento dibattuto in una accesa ma costruttiva tavola rotonda. Infine sono stati affrontati gli stili di vita, i sentimenti e i comportamenti che inevitabilmente condizionano le prime sperimentazioni del fumo di tabacco da parte degli adolescenti.“Il messaggio forte scaturito dal Congresso – afferma Zagà – è stato quello che l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) da anni continua a proporre per evitare ciò che chiama Epidemia da Tabacco (Tobacco Epidemic): la lotta al fumo di tabacco come l’intervento di maggiore efficacia in termini di prevenzione primaria delle patologie fumo-correlate”.
“Come Società Italiana di Tabaccologia siamo sempre più determinati a diffondere informazioni al pubblico e scambiare esperienze tra noi specialisti. Dobbiamo iniziare a pensare al tabagismo come una malattia mortale e non solo come un fattore di rischio. E per salvarsi la vita esiste un solo modo, smettere di fumare. I costi del tabagismo però non sono solo quelli dei morti precoci e, lo sottolineiamo con forza, evitabili. Ma anche quelli per curare le centinaia di malattie che derivano da questa dipendenza. Si tratta di circa 6,5 miliardi di euro, senza considerare i danni sociali e il carico di sofferenza umana.”“Uno studio del Ministero della Salute inglese, già alcuni anni fa ha dimostrato come un counseling breve, associato all’uso di farmaci di provata efficacia, è capace di salvare molte più vite di altri (e pur importanti) progetti di screening. Ma la chiarezza dei dati scientifici si scontra con l’idea che il fumo di tabacco sia un problema risolvibile con la sola ‘buona volontà” e perciò non abbia bisogno di trattamenti e servizi di cura. Mentre smettere di fumare da soli è il metodo più diffuso, ma anche quello meno efficace, che produce un esito dell’1-3% a distanza di un anno, i trattamenti farmacologici riescono ad amplificare fino a decuplicare le percentuali di successo”.La politica di Zagà e della Società per i prossimi anni è sollecitare la definizione degli standard per l’accreditamento dei servizi sul territorio nazionale come i Centri Antifumo, stimolare e contribuire alla stesura di linee guida sui trattamenti e di strumenti formativi di tabaccologia, e il coinvolgimento di specialisti di tutte le specialità in un fronte comune in una “Alleanza Tobacco Endgame”. (D.ssa Elis Viettone)

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

L’olio extravergine tra storia, cultura e territorio

Posted by fidest press agency su martedì, 5 dicembre 2017

olio-caninoA Canino (viterbo) sabato 9 dicembre 2017 la XLV Assemblea Nazionale delle Città dell’Olio con i delegati delle oltre 320 Comuni italiani nell’ambito della 57esima Sagra dell’Olivo di Canino. L’olio extravergine è il prodotto di eccellenza che meglio riesce a coniugare storia, cultura e territorio. E’ questo il messaggio che l’Associazione Città dell’Olio lancerà in occasione della sua XLV Assemblea Nazionale che avrà luogo a Canino.. L’evento promosso da Regione Lazio, Arsial, Comune di Canino e Strade dell’Olio in collaborazione con le Città dell’Olio attraverso il coordinamento regionale, porterà nella città in provincia di Viterbo i delegati delle 325 Città dell’Olio presenti in Italia e sarà l’occasione per riflettere sulle strategie e le opportunità di valorizzazione dell’olio extravergine, a partire dalle produzioni tipiche del Lazio. Durante il convegno che inizierà alle 9.30 presso il Teatro Comunale interverranno Enrico Lupi, Presidente Associazione nazionale Città dell’Olio, Lina Novelli Sindaco di Canino, Marco Marinangeli Coordinatore Regionale Città dell’Olio Lazio e Domenico Merlani, Presidente CCIAA Viterbo. Spazio poi alle relazioni degli esperti Carlo Cambi, esperto marketing del territorio e agroalimentare che interverrà sul tema “Dal paesaggio al turismo, l’ulivo (e l’olio) moltiplicatore di valore”, cercando di rispondere ad una domanda molto complessa e cioè: in questo momento quale scelta è più giusto fare in olivicoltura, produrre a valore o produrre a prezzo? L’intervento di Antonio Rosati, Amministratore Unico ARSIAL Lazio su olivo al tramonto“Promozione dell’olio extra vergine laziale – politiche e strategie da mettere in campo”, invece ci permetterà di ragionare sulla necessità di cooperare per competere, in un ottica sinergica che permetta alle tante realtà di piccole e medie imprese del Lazio con il supporto delle Istituzioni di affermarsi nei mercati internazionali. Di qualità del cibo e qualità dell’ambiente, si parlerà con il giornalista enogastronomico Stefano Polacchi che ci aiuterà a capire se e come la cultura dell’extravergine può aiutare il territorio e la sua economia. Infine David Granieri, Presidente UNAPROL fotograferà le opportunità di mercato olio extravergine e le prospettive per l’olio evo laziale, in una dimensione internazionale, dove cresce la domanda e le imprese olivicole devono farvi fronte, puntando sulla unicità del made in Italy. Il convegno moderato da Antonio Balenzano Direttore dell’Associazione nazionale Città dell’Olio, si concluderà con gli interventi dell’on. Alessandra Terrosi della Commissione Agricoltura, dell’on. Alessandro Mazzoli della Commissione Ambiente, Territorio e Lavori Pubblici e le conclusioni di Enrico Lupi. Dalle 21.00 in poi spazio alla 57esima Sagra dell’Olivo di Canino con lo spettacolo teatrale Compagnia di Bomarzo (Info e prenotazioni 0577 329109). La festa dell’olio di canino continuerà anche domenica con la visita al Castello dell’Abbadia e tante altre iniziative da non perdere. (foto: olio canino)

Posted in Uncategorized | Leave a Comment »

Centro destra si avvia alla vittoria elettorale: parola di Brunetta

Posted by fidest press agency su martedì, 5 dicembre 2017

Ministro brunetta“Negli ultimi sondaggi il centrodestra viene dato verso il 40%, ed il centrosinistra è in frantumi. Scende in pista Grasso, presidente del Senato, e Renzi trema, perché se Grasso con la sua sinistra a sinistra del Pd va al 10%, matematicamente Renzi va sotto il 20% e perde tutti i collegi uninominali dell’Italia appenninica e dell’Italia rossa. Anche per questo il centrodestra deve stare unito, con un programma determinato”.Lo ha detto Renato Brunetta, capogruppo di Forza Italia alla Camera dei deputati, parlando con i giornalisti in sala stampa a Montecitorio.“Quindi ben venga il congresso di Giorgia Meloni, straordinaria leader di un centrodestra rinnovato, ben venga la forza della Lega in tutto il Paese e non solo al Nord, e ben venga la leadership di Forza Italia, che secondo tutti i sondaggi si conferma primo partito del centrodestra con il 16-17%.Attendiamo la formalizzazione del quarto-quinto petalo, quello cattolico-popolare e quello liberale, che possono dare il ‘di più’ per vincere e governare tranquillamente. I risultati che potremmo ottenere sono rassicuranti, ossia la maggioranza alla Camera e al Senato, perché tra collegi proporzionali e maggioritari, sulla base dei sondaggi già del mese di dicembre si possono raggiungere più dei 315 seggi alla Camera e anche la maggioranza assoluta al Senato”.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Turismo, Bell’Italia dedica numero speciale a Roma

Posted by fidest press agency su martedì, 5 dicembre 2017

bici a romaRoma. Oltre 70 pagine raccontano la grande bellezza della Capitale. Dal fascino millenario delle sue architetture alla riscoperta delle sue vestigia grazie al 3D. E ancora il richiamo dei suoi musei e delle sue chiese, con i capolavori d’arte e le mostre accanto agli itinerari “green” e alla nuova scena enogastronomica. I mille volti della Capitale sono protagonisti del numero speciale di Bell’Italia, mensile di Cairo Editore, che sarà presentato oggi a Roma dall’assessore allo Sviluppo economico, Turismo e Lavoro Adriano Meloni, dal Sovrintendente capitolino dei Beni culturali Claudio Parisi Presicce e dal direttore della rivistaEmanuela Rosa-Clot.
Oltre 70 pagine, che tra foto suggestive della città eterna, percorsi culturali, suggerimenti per il visitatore, raccontano i mille volti di Roma ai turisti, con inediti “spaccati” per orientare alla scoperta degli angoli più nascosti. Come quelli della “Roma sotterranea”, a cui la rivista dedica un reportage: dal Carcere Mamertino, con le sue memorie paleocristiane, al Mitreo del Circo Massimo e i suoi miti pagani. Accanto alle “passeggiate archeologiche”, si parla anche di nuove tecnologie applicate Foro romanoall’esperienza del viaggio: luoghi, musei e visite possono essere “fruiti” in modo nuovo grazie all’utilizzo della realtà aumentata e delle ricostruzioni in 3D. Il grande successo del Viaggio nei Fori e della mostra L’Ara com’era all’Ara Pacis ne sono un esempio. “Oggi presentiamo una vera ‘guida” per innamorati di Roma. Mille motivi per visitarla e soprattutto per tornare più volte nel 2018. Roma è eterna, ma non è mai la stessa. Stiamo per chiudere il 2017 che è stato un anno con numeri molto positivi sul fronte del turismo. Le stime di EBTL (Ente Bilaterale Turismo del Lazio) per i primi tre trimestri certificano arrivi complessivi di visitatori in aumento del +3% rispetto allo stesso periodo del 2016, a quota 10.810.158. Le presenze complessive sono invece cresciute del +2,6%, per un totale di 26.482.782. Molto bene il turismo negli hotel di lusso 5 stelle, con un +5%, sintomo dello stato di ottima salute del nostro comparto alberghiero, in linea con le proiezioni per le prossime festività”, commenta l’assessore allo Sviluppo economico, Turismo e Lavoro di Roma Adriano Meloni.“Più dei numeri, ci interessa, tuttavia, la qualità del turismo. Raccontare Roma ai turisti in maniera mirata – continua – ci aiuta a rendere concreto il nostro lavoro per il turismo sostenibile. Promuovere l’immensa offerta culturale della città e le tante novità in programma è uno stimolo per incoraggiare il fenomeno dei “repeaters” e dei soggiorni lunghi, che si trasformano in un investimento reale per il territorio. E’ un tassello di un piano che va ad aggiungersi alla recente nascita del Convention Bureau Roma e Lazio. Un impegno a favore dell’immagine di Roma e per lo sviluppo del territorio, delle imprese e dell’occupazione nel settore turistico” conclude.

Posted in Roma/about Rome, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Julie Ann Anzilotti porta in scena Amore Mio

Posted by fidest press agency su martedì, 5 dicembre 2017

Amore mio1Roma Sabato 9 dicembre (ore 20) al Teatro India Lungotevere Vittorio Gassman (già Lungotevere dei Papareschi) in scena AMORE MIO, uno spettacolo di Julie Ann Anzilotti, con danzatori diversamente abili, in cui pensieri e desideri si esprimono attraverso l’inevitabile e costante necessità di uno scambio, a volte imprevedibile, tra gesti, parole e movimenti. Lo spettacolo affronta il tema dell’amore inteso nel senso più ampio del termine: “amore” come espressione di pensieri, sogni, emozioni e movimenti. Importante è la relazione con la musica eseguita dal vivo dal giovane musicista fiorentino Gabriel Stanza, mentre il segno grafico sottolinea la forza espressiva delle intuizioni degli artisti in scena. La Compagnia Xe diretta dalla coreografa Julie Ann Anzillotti prosegue così il suo percorso artistico dedicato a giovani adulti con disabilità che ha permesso di Amore miorealizzare un profondo e articolato lavoro di teatrodanza, portando alla produzione di spettacoli ospitati in numerose rassegne italiane. Sottratto a una banalità narrativa, Amore mio gioca le sue carte sull’abilità motoria, ritmico-sonora (con l’utilizzo di strumenti musicali) e sull’esplosione verbale – il grido “amore mio”, il dialogo tra una immaginaria rockettara e un non meno illusorio mago del computer, conclusosi con un aggancio seduttivo, quando ormai ognuno aveva già scelto di indossare parrucche e diventare altro da sé. Magnifica e magica l’empatia gioiosa che si instaura tra platea e pubblico di fronte al sentimento amoroso, che suggerisce l’idea dell’incontro tra femminile, in lunghi abiti da sera, e maschile, in camicie grigie e pantaloni neri, componendo una suggestiva atmosfera di complicità, pace e armonia, in cui gli interpreti si incontrano carichi di energia e pathos.
La Compagnia Xe fondata e diretta da Julie Ann Anzilotti, nasce nel 1991 come possibilità di ricerca e di approfondimento del rapporto tra linguaggio coreografico e linguaggio teatrale.
Orari spettacolo: sabato 9 dicembre ore 20 Durata spettacolo: 60 minuti (foto: Amore mio)

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La popolare pop band palermitana protagonista del FiatMusic 2017

Posted by fidest press agency su martedì, 5 dicembre 2017

Tre terziSanremo 6 dicembre al teatro Ariston. I Tre Terzi in direzione Sanremo con la benedizione di Red Ronnie. La popolare pop band palermitana, formata da Claudio Terzo, Ferdinando Moncada, Nicola Liuzzo e Diego Tarantino, suonerà in qualità di artisti finalisti del @FiatMusic 2017, il contest per cantanti e gruppi di talento condotto dal popolare critico musicale. Nei mesi scorsi in un tour che ha toccato tutta Italia, Red Ronnie ha ascoltato centinaia di formazioni, selezionando 22 tra artisti solisti e band.
La band palermitana porterà all’Ariston il nuovo singolo “Chi ci salverà”, che sta già girando nelle radio siciliane e di cui a breve sarà presentato anche il videoclip. Tra tutti i partecipanti sarà nominato il vincitore del Trofeo Fonoprint che darà diritto a due giorni di registrazione nella famosa sala di Bologna. Il vincitore riceverà inoltre un van Fiat Talento in uso gratuito per un anno.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Tributo Genesis venerdì 8 dicembre al nuovo Dorian

Posted by fidest press agency su martedì, 5 dicembre 2017

GenesisPalermo venerdì 8 dicembre nella nuova sede del Dorian – il locale, ma anche il brand, simbolo di musica a Palermo e provincia, sotto la guida artistica di Alessio Ciriminna – in via Rosario Gerbasi 6, di fronte al molo Santa Lucia del porto di Palermo.La serata inizierà alle 20. I clienti del locale potranno scegliere l’apericena servito al tavolo o un ampio menù di antipasti (caponata, tabulè di verdure, sfoglie salate, pane cunzato, timballi di gateau, sfincione bianco, panelle) primi espressi, risotti, salsiccia e spiedini con patate al forno.
Alle 22 protagonisti saranno gli Oberon, band tributo ai Genesis. Sul palco: Joshua Ross (voce, chitarra acustica), Stefano Siragusa (chitarra elettrica, cori), Giuseppe Bertini (tastiere, cori), Marcello Castellucci (basso elettrico) e Ferdinando Piccoli (batteria, percussioni, chitarra acustica, cori). In particolare il gruppo dedicherà la scaletta agli anni in cui della band faceva parte Peter Gabriel. (foto: genesis)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Phase IV ASCENT trial shows Tudorza reduces COPD exacerbations and demonstrates cardiovascular safety

Posted by fidest press agency su martedì, 5 dicembre 2017

new yorkNwe York. Almirall, S.A (ALM), announced positive top-line results from the Phase IV, ASCENT trial for Tudorza (aclidinium bromide 400μg, twice-daily), a long-acting muscarinic antagonist (LAMA). Tudorza met the primary endpoints, demonstrating a statistically significant reduction in the annual rate of moderate or severe chronic obstructive pulmonary disease (COPD) exacerbations in patients with moderate to very severe COPD, with a history of cardiovascular disease and/or significant cardiovascular risk factors compared to placebo. These positive top-line results represent another milestone for Almirall, which receives sales-related milestones from AstraZeneca associated to sales in US.Tudorza also achieved its primary safety endpoint of demonstrating time to a first major adverse cardiovascular event (MACE) comparable to placebo in the same patient population. The 36-month ASCENT post-marketing trial included more than 3,500 patients from Canada and the United States.
Peter Guenter, Chief Executive Officer, Almirall said: “These positive top-line results from ASCENT study represent another significant milestone for Almirall’s respiratory business transferred to AstraZeneca, and will reinforce the marketplace positioning of Tudorza, while Almirall keeps strengthening its financial position”.
On 17th of November 2017, AstraZeneca notified Almirall of a sales milestone achievement for $80 million– expected to be paid in December– related to the aclidinium bromide franchise. In September 2017, Almirall and AstraZeneca had announced positive top-line results from Duaklir Phase III AMPLIFY trial, demonstrating a statistically significant and clinically relevant improvement in lung function in moderate to very severe stable COPD patients.
On 1st of November 2014, Almirall entered an agreement to transfer to AstraZeneca the rights for the development and commercialisation of its respiratory franchise, as well as its pipeline of investigational novel therapies. This global collaboration included milestones associated to development, launch and future Duaklir sales in US. To date, Almirall has received four additional payments from milestones of 280 million dollars, in addition to the upfront payment of $900 million.
In April 2017, AstraZeneca entered a strategic collaboration with Circassia Pharmaceuticals plc for the development and commercialisation of Tudorza and Duaklir in the US.

Posted in Estero/world news, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Catella Residential Investment Management acquires residential project developments in Nuremberg and Stuttgart

Posted by fidest press agency su martedì, 5 dicembre 2017

catellaBerlin-based investment manager Catella Residential Investment Management GmbH (CRIM), focused exclusively on the residential asset class, has acquired two residential project developments in Nuremberg and Stuttgart for an investment fund of a southern German utility. The transactions are priced at around EUR 23.6 million in total. The fund is managed by Institutional Investment Partners 2IP. CRIM will be responsible for managing the fund’s residential portfolio, which has been designed for a utility in southern Germany.“Both project developments are already recording strong demand, because they are being built in the exact market segment for which there is fierce competition at present – small to medium-sized residential units. These types of properties are especially sought after in premium markets, where they are in extremely short supply. Both acquisitions have thus provided a long-term, stable investment opportunity for our clients”, says Matthias Bursi, Deputy Fund Manager at Catella.
Nuremberg.This project development, located in the Mögeldorf district of Nuremberg, will offer leasable space of around 2,606 m2. The building will house 25 residential units and one commercial unit and an underground car park with 30 spaces. The flats vary in size from 51 to 108 m2. The seller is Kommunale Entwicklungs- und Wohnungsbaugesellschaft mbH (KEWOG), which is on schedule to complete the building by the end of this year.The Mögeldorf district in the east of the city is a classic residential neighbourhood of villas and single-family homes. Proximity to the Pegnitzauen country park is a major benefit to the development. The purchase price is EUR 9.9 million.
Stuttgart. The property acquired in Stuttgart-Feuerbach, in the northern part of the city, is a seven-storey block of flats containing a total of 124 microflats and with its own underground car park with 13 spaces. The flats, which measure between 18 and 23 m2, are expected to be handed over in September 2018 to a non-profit operator, a subsidiary of the Stuttgart Caritas Association. The operator has signed a 15-year lease for the property.The Feuerbach district is about 5 km away from the Stuttgart city centre, with convenient access by underground and suburban rail services. There are numerous office and commercial properties in the vicinity, which are occupied by companies such as Bosch, whose employees could be potential tenants. The purchase price is around EUR 13.7 million.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Si è conclusa la conferenza internazionale sull’intelligenza artificiale

Posted by fidest press agency su martedì, 5 dicembre 2017

tavolo convegnoPerugia – “Intelligenza artificiale e responsabilità” è stato il tema della conferenza internazionale che si è svolta nell’aula Magna di Palazzo Gallenga dell’Università per Stranieri di Perugia. Studiosi italiani e stranieri si sono interrogati su come evolverà il concetto di responsabilità in uno scenario in cui l’intelligenza artificiale e la robotica diventano sempre più rilevanti ed evolute. Illustri rappresentanti del mondo accademico, delle assicurazioni, e dell’industria automobilistica hanno ampiamente discusso, misurandosi con queste complesse tematiche, in particolare con le implicazioni etiche ed assicurative connesse ai nuovi profili di responsabilità. All’incontro di studio, organizzato dall’Università per Stranieri in concorso con l’Ordine degli Avvocati di Perugia e dell’Associazione Italiana Giovani avvocati (AIGA), hanno preso parte, tra gli altri, il rettore, professor Giovanni Paciullo, il professor Ugo Ruffolo, docente di Diritto Civile all’Università di Bologna, la professoressa Maria Costanza, docente di Diritto Privato all’Università di Pavia, il professor Francesco Di Giovanni, docente di Diritto Privato all’Università di Bari, e Margherita Scalamogna, presidente della Sezione di Perugia dell’Associazione Italiana Giovani Avvocati. “L’auto che si guida da sé – ha detto il rettore Giovanni Paciullo in apertura del convegno – sta diventando una scelta strategica dell’industria automobilistica che pone sfide inedite sul piano delle tutele. Assistiamo a nuovi orizzonti in cui la fantascienza è resa realtà, di spazi interconnessi che danno vita a scenari complessi di una intelligenza sempre più collettiva, di sfide a livello non solo tecnologico ma anche etico. La robotica – ha aggiunto il rettore – sta acquisendo progressivamente sempre più spazi: dall’applicazione nella medicina operatoria, a tutte quelle aree di più prossima e quotidiana consuetudine”. Il rettore Paciullo ha poi sottolineato l’impegno del Governo regionale dell’Umbria nel sostenere questa iniziativa scientifica: “L’idea – ha spiegato Paciullo – è quella di promuovere a Perugia una sede stabile di approfondimento di questi temi, offrendo anche all’avvocatura di Perugia l’opportunità di rimodulare il proprio profilo professionale a misura di questi scenari. È quindi necessario – ha concluso il rettore – il confronto tra i due orizzonti, perché non può la tecnologia procedere in maniera autonoma, ma deve rapportarsi con il catalogo dei diritti della persona e modularsi a misura di questo”.Margherita Scalamogna dell’Associazione AIGA ha ribadito che l’automazione e l’avvento di tutte le nuove tecnologie hanno fortemente inciso sulla nostra quotidianità, sulla vita sociale, e soprattutto nel mondo delle professioni.Per il professor Ugo Ruffolo i tempi sono maturi per una riflessione in materia di relazioni tra Diritto ed ‘artificial intelligence’ con riguardo, in particolare, ai problemi di mediazione giuridica posti dalle nascenti tecniche di robotica avanzata, “Sono temi complessi – ha detto Ruffolo – e incidono seriamente sia sulle fondamentali esigenze di tutela del consumatore, sia, parallelamente, sul rischio d’impresa collegato ai possibili nuovi costi da responsabilità, contrattuale ed extracontrattuale, con la conseguente esigenza di poterli ragionevolmente predeterminare e gestire. Tra gli interrogativi che stanno ricevendo maggiore attenzione in questo ambito ancora relativamente inesplorato – ha evidenziato Ruffolo – spicca, in particolare, anche a livello europeo, quello relativo all’eventuale necessità di nuove norme e nuove categorie giuridiche al fine di regolare tali scenari innovativi”.E sul rapporto tra intelligenza artificiale, attività d’impresa e responsabilità̀ è intervenuta la professoressa Maria Costanza dell’Università di Pavia: “L’incremento tecnologico – ha spiegato – consente il miglioramento della condizione umana. Ma l’eccesso di tecnologia nelle imprese può dare luogo ad un decremento di occupazione. Quando si parla dei tassi di disoccupazione – ha continuato – non si tace del fatto che l’evoluzione tecnologica ha reso meno importante il numero dei lavoratori rispetto alle rese dell’attività produttiva industriale. Nella nostra società occorre un equilibrio fra gli sviluppi della tecnologia e le esigenze umane e sociali.”
Intelligenza artificiale e rapporto contrattuale è stato invece il tema del panel trattato dal professor Francesco Di Giovanni, che ha posto l’accento sul cambiamento in atto delle attività contrattuali in relazione alla rapida evoluzione della robotica. “All’ offerta di servizi diffusa – ha affermato Di Giovanni – si sostituisce un’offerta concentrata nelle mani di chi avrà un forte potere contrattuale, soprattutto perché avrà le conoscenze tecniche”.Ma nell’intensa giornata di studi promossa dalla Stranieri, si è dibattuto anche di connessioni tra l’intelligenza artificiale e le attività d’impresa; di diritto della robotica; del sistema assicurativo, di profili e prospettive evolutive del quadro normativo europeo. Al convegno sono intervenuti Andrea Amidei, ricercatore dell’Università di Bologna, Antongiulio Lombardi, direttore affari regolamentari Wind-Tre; Carl Taylor, director of Application Services and Global Technology Strategy Hutchison Whampoa Limited e Stefano Forges Davanzati, amministratore della GBSAPRI SpA. (foto: tavolo convegno)

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Blocco studentesco: protagonisti della politica studentesca

Posted by fidest press agency su martedì, 5 dicembre 2017

blocco studentesco1“Con più di 56mila preferenze prese nei licei e negli istituti di tutta Italia – inizia così la nota del Blocco Studentesco – e oltre 200 tra rappresentanti d’istituto e alle consulte provinciali il nostro movimento si riconferma come realtà pragmatica e vincente nelle scuole superiori lungo tutto lo stivale. Abbiamo vinto la Consulta provinciale di Ascoli, Fermo e Viterbo, centrando anche la vice-presidenza a Frosinone e ad Ascoli. Sono tante anche le segreterie prese, come quella della commissione ‘alternanza scuola-lavoro’ di Torino e quelle di Pescara e Viterbo. Il lavoro svolto negli scorsi anni, dalle occupazioni ai vari blitz, come i cortei e le azioni contro l’alternanza scuola-lavoro di quest’anno, hanno fatto si che il Blocco Studentesco centrasse questo obiettivo importante”. “A Roma e provincia – prosegue la nota del movimento studentesco di CasaPound – abbiamo conquistato sia istituti rinomati come il Caetani e il Bernini senza però sparire dalle periferie dove ad esempio abbiamo preso l’85% dei voti all’I.T.I. Faraday di Ostia. Anche in provincia continuano ad arrivare consensi, come la vittoria a Ciampino al liceo Volterra o a Tivoli al polo liceale Majorana”.
“Nel Nord Italia abbiamo raggiunto importanti risultati anche in grandi Città come Milano dove abbiamo eletto rappresentanti d’istituto all’I.I.S. Lagrange con quasi 1500 voti e 2 rappresentanti alla consulta al liceo Rebora. Eletti anche a Torino nell’istituti Curie-Levi e Curi-Vittorini, in Friuli-Venezia Giulia eletti sia ad Udine che a Pordenone. Confermati i buoni risultati degli anni passati in regioni come il blocco studentesco2Trentino, l’Emilia-Romagna e la Liguria”.“Al Sud presenti soprattutto in Campania dove abbiamo eletti ad Eboli e all’istituto Apreda in provincia di Napoli e in Puglia dove abbiamo preso rappresentanti nella provincia di Lecce negli istituti Vanoni e Moccia”.“Al centro Italia oltre che nelle Marche dove abbiamo preso solo ad Ascoli il 53% dei voti degli studenti di tutta la provincia e a Fermo dove abbiamo confermato gli importanti risultati ottenuti negli anni precedenti, abbiamo eletto rappresentanti in Umbria in città come Todi, Foligno e Orvieto. In Abruzzo siamo presenti in tutte le provincie, eleggendo rappresentanti alla consulta di Teramo,Pescara, Chieti e L’Aquila, oltre ad eleggervi numerosi rappresentanti d’istituto. In Toscana, con quasi 6mila voti totali abbiamo eletti a Grosseto, Massa, Lucca, Pistoia, Arezzo (dove abbiamo conquistato anche un rappresentante al Parlamento regionale degli studenti della Toscana) e nel capoluogo Firenze. Nel Lazio abbiamo conquistato per la prima volta la Presidenza e la Segreteria della consulta di Viterbo, prendendo più del 50 % dei voti. A Frosinone pure siamo stati protagonisti eleggendo il vicepresidente della CPS”“Le battaglie intraprese nel corso dell’anno sempre al fianco degli studenti contro ogni sopruso che provenisse da Ministri o da docenti e direttori degli istituti, come le nostre campagne volte a rimarcare la necessità di un ritrovamento di quello spirito eroico e combattentistico dei nostri Padri per affrontare le sfide del presente, – conclude la nota del movimento – premiate anche degli ottimi risultati ottenuti, ci rivedranno protagonisti in futuro, fino alla vittoria”. (foto: blocco studentesco)

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Pentolai all’orizzonte

Posted by fidest press agency su martedì, 5 dicembre 2017

pentoloneNel pentolone della politica italiana si fa sempre più insistente il fragore dei pentolai. Ognuno di loro, nel suo piccolo sempre più infinitesimale, reclama la propria porzione di rendita a sbafo. Come di consueto conquistata, ovviamente, con la frode, il furto, l’inganno. A questa folta schiera se ne stanno aggiungendo anche altri, sotto la parvenza della novità, che in realtà altro non fanno se non cercare di garantire, per se stessi e per i loro “finti” avversari, il perpetuarsi di un sistema della rappresentatività rigonfia all’inverosimile, marcia, corrotta. I principali mass media partecipano attivamente a questo tentato “assassinio di una democrazia”, non sappiamo se consapevolmente o a seguito di una perenne ombra di ricatti, ritorsioni e costrizioni che su di essi gravano. In questa fredda domenica di inizio dicembre una ennesima autorevole “new entry” ha certamente fatto più baccano degli altri. Anch’essa col suo fardello di false promesse, paroloni, illusioni facilmente sbugiardabili, per esempio, dal fatto di aver contribuito, finora, a tenere rigorosamente blindate tutte le porte di accesso degli scranni istituzionali di questa ennesima legislatura. Anche a quelle minime istanze colloquiali civilmente inoltrate in nome di una sovranità popolare continuamente vilipesa e calpestata…Per tutta la giornata e per i prossimi giorni sicuramente riecheggerà nei tg il nuovo slogan lanciato oggi: “liberi e uguali”. Liberi e uguali de che? Lo annuiscono, lo scongiurano, cercano di spiegarlo, finalmente lo ammettono. Sanno benissimo che questa forma di espressione democratica del diritto di voto sta mettendo a nudo il re.Ognuno di essi cerca di autoconvincersi che per richiamare nuovamente gli elettori a quella sudditanza a loro tanto cara – e soprattutto conveniente – possano bastare un pugno di false promesse nuovamente contornate dagli spettri di una conflittualità ideologica, da loro tanto ambita quanto ormai lontana… (fonte: Movimento Astensionista Politico Italiano – Antonio Forcillo, portavoce nazionale)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Il nuovo sistema degli appalti pubblici: regole, processi e tecnologie”

Posted by fidest press agency su martedì, 5 dicembre 2017

montecitorio

Roma, 6 dicembre ore 16, presso la Biblioteca della Camera dei deputati (Palazzo San Macuto, Sala del Refettorio) in via del Seminario 76. L’incontro, organizzato dalle associazioni Ambiente e Società e Italian Digital Revolution in collaborazione con l’associazione dei consumatori Adiconsum, intende proporre una riflessione sulla riforma degli appalti con particolare riferimento al nuovo codice (il decreto legislativo n. 50/2016, modificato dal decreto correttivo n. 56/2017 e dal dl 50/2017, convertito con la legge n. 96/2017), alla semplificazione normativa, ai criteri di aggiudicazione, alla trasparenza, ai cambiamenti dettati dall’innovazione tecnologica e al rating reputazionale per le imprese. Il dibattito, moderato dalla giornalista del Corriere delle Comunicazioni Federica Meta, sarà aperto dai saluti dei presidenti di As e Aidr, Amedeo Scornaienchi e Mauro Nicastri. Previsti gli interventi dei parlamentari Federica Dieni (M5S) e Gianluca Benamati (Pd) e di Rocco Morelli, direttore scientifico dell’associazione Ambiente e Società; Sergio Alberto Codella, avvocato e segretario generale dell’Aidr; Massimo Bruno, responsabile delle relazioni esterne dell’Enel; Roberto Poppi, direttore acquisti e appalti della società Sogin spa; Mauro Draoli, responsabile del laboratorio di sperimentazione di tecnologie e applicazioni IT dell’Agenzia per l’Italia digitale; Francesco Pinto, segretario generale dell’Associazione per la sussidiarietà e la modernizzazione degli enti locali (Asmel); Gabriele Buia, presidente dell’Associazione nazionale dei costruttori edili (Ance); Giacomo Stucchi, presidente del Comitato Parlamentare per la Sicurezza della Repubblica (Copasir); Ciro Cafiero, giuslavorista e docente di diritto del lavoro; Gianluca Maria Esposito, direttore della Scuola in anticorruzione e appalti nella pubblica amministrazione dell’Università di Salerno; Carlo De Masi, presidente dell’Adiconsum.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Casal de’ Pazzi: Secondo mercato d’autore

Posted by fidest press agency su martedì, 5 dicembre 2017

roma mercato rionaleRoma Venerdì 8 dicembre 2017, alle ore 10.00, sarà presentato al pubblico il secondo Mercato d’Autore, il Mercato Casal de’ Pazzi, Via Locke realizzato nell’ambito del progetto “MERCATI D’AUTORE – La genuinità firmata Roma” che intende riqualificare, attraverso azioni di restyling, i mercati rionali della Capitale. Media partner dell’iniziativa è Leggo.“Vogliamo essere al centro del quartiere, al centro della vita delle persone” ha dichiarato la Presidente Stefania di Francesco, “siamo soddisfatti di questo progetto di riqualificazione e rielaborazione del mercato, che ha l’obiettivo di creare un punto di incontro per il territorio e far diventare il mercato un luogo di ritrovo per la rinascita del quartiere.” In questa direzione va il ricco programma della giornata di Festa: a partire dalle ore 10.00 si svolgeranno attività di animazione per i bambini con Capitan Calamaio e Pennino, e Face Painting a cura dell’Associazione Piccoli Giganti; alle ore 11.00 ci sarà il taglio del nastro con la benedizione del Parroco del quartiere e, a seguire, la conferenza stampa alla presenza dei rappresentanti istituzionali. Non mancherà un accompagnamento musicale per allietare i presenti: il taglio del nastro sarà preceduto da una ouverture musicale a cura del complesso bandistico Arturo Toscanini di Settecamini, mentre al termine della conferenza stampa, si terrà un concerto di gospel e canti natalizi di Amalia Dustin, mezzo soprano.E oltre all’udito verrà deliziato anche il palato, con piccole degustazioni a cura degli operatori del mercato, che proporranno presso ciascun banco una selezione di prodotti e ghiottonerie, con lo scopo di rendere questa occasione un momento di aggregazione, in una zona che nell’immaginario collettivo è ormai considerata un quartiere dormitorio.Il progetto Mercati d’Autore è stato presentato per la prima volta a marzo del 2016 con la riqualificazione del Mercato Nomentano di Piazza Alessandria. Grazie ai fondi della Regione Lazio dedicati alle reti d’impresa per il commercio, Mercati d’Autore da modello di best practice ha preso corpo diventando a novembre di quest’anno una Società consortile a responsabilità limitata che coinvolge 34 realtà mercatali di Roma fra mercati, AGS (i mercati a gestione autonoma) e attività presenti all’interno dei mercati.Titty Gentile, amministratrice della Società consortile, sottolinea come questo sia un momento di grande rinascita per i mercati a Roma: “Attraverso il finanziamento della Regione sarà possibile realizzare un programma di promozione e marketing volto a rilanciare l’immagine dei mercati rionali anche sotto il profilo dell’attrattività per i tanti turisti che ogni anno visitano la capitale”. Gli interventi di riqualificazione del Mercato Nomentano e del Mercato di Casal de’ Pazzi sono stati completamente autofinanziati dagli operatori. (foto: roma mercato rionale)

Posted in Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

GSMA Report: Mobile Industry to Play Critical Role in Bangladesh’s Digital Transformation

Posted by fidest press agency su martedì, 5 dicembre 2017

Onu palaceThe GSMA released a new report that highlights the mobile industry’s unique position to play a critical role in achieving both the Bangladeshi government’s Vision 2021 development roadmap and the United Nations Sustainable Development Goals (SDGs). Titled “Bangladesh: Driving mobile-enabled digital transformation”, the report notes that by working closely together, the government and industry have the capacity to unlock digital transformation for millions of Bangladeshis, as well as drive social and economic growth for the country. The report was produced in partnership with the Swedish International Development Cooperation Agency (Sida), the UK Department for International Development (DFID), and supported by the United Nations Development Programme.“By encouraging the use of mobile technology across all aspects of society, especially driven by government agencies that may not have considered mobile a key tool they can use to achieve their development targets, Bangladesh can potentially leapfrog other developing markets in terms of growth and economic progress,” said Alasdair Grant, Head of Asia Pacific for the GSMA. “The government has already embraced the UN SDGs and incorporated the goals into the Vision 2021 plans, and it is clear that mobile can play a critical role in achieving those long-term goals.” Vision 2021 is the government’s roadmap for Bangladesh to become a middle-income country where poverty will be completely eradicated by 2021 – the 50th year anniversary of Bangladesh’s independence. One of the components of Vision 2021 is Digital Bangladesh, which aims to bring socio-economic transformation through information and communication technology (ICT). To date, mobile has been an important element in the advances that Bangladesh has made.“In Bangladesh, Sida focuses on deepening the support to basic health care, gender equality and women’s rights, private sector development and the environment, as well as climate change adaptation, said Johan Hellström, Program Manager Specialist, Digital Development, Unit for Global Economy and Environment (GECO), Department for International Organisations and Policy Support (INTEM), Sida. “Sida believes that mobile technology is a cost-effective – and increasingly essential – large-scale tool for inclusive development. Delivering access to information can help in reducing energy consumption and carbon emissions, and increases the effectiveness of private and public services including health care and financial services.”“UNDP feels privileged to partner with Bangladesh on yet another transformative development initiative. Long known as a rich laboratory for innovative development solutions, Bangladesh has creatively leveraged the unprecedented availability and use of simple technologies to pioneer simplification of governance and improvement of people’s lives,” said Mia Seppo, UN Resident Coordinator and UNDP Resident Representative in Bangladesh. “With this new engagement, I am confident that Bangladesh will have plenty to offer for other developing nations to emulate, thereby contributing to global achievement of Agenda 2030.”

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

2018: Andamento dei mercati e degli investimenti

Posted by fidest press agency su martedì, 5 dicembre 2017

Mark BurgessLe politiche monetarie ancora espansive, la crescita globale coordinata, l’espansione del commercio internazionale e la solidità dei fondamentali societari e della crescita degli utili continueranno a garantire un contesto propizio agli attivi rischiosi nel 2018, secondo Columbia Threadneedle Investments. Tuttavia, i rischi geopolitici e le valutazioni elevate nei mercati del credito implicano il persistere di ostacoli nell’anno a venire.
Per le azioni nel 2018 ci aspettiamo una crescita degli utili societari del 10-15%, supportata da un contesto ideale caratterizzato da crescita economica moderata, bassa inflazione e politiche monetarie favorevoli per le attività finanziarie. Le aree verso cui nutriamo maggiore ottimismo sono il Giappone, l’Europa (Regno Unito escluso) e l’Asia emergente. Per il Giappone, prevediamo un’espansione degli utili societari pari all’8% nel 2018, sospinta da una crescita economica superiore alle attese, da riforme aziendali, da un’attenuazione del rischio politico e da politiche monetarie accomodanti. L’impegno di un numero crescente di società nipponiche a migliorare la redditività del capitale proprio è un elemento di rilievo. Le performance persistentemente robuste registrate in tutta l’area euro sono sostenute dalla solidità della domanda e dei dati sull’attività manifatturiera, mentre i consumi interni – un fattore chiave per la continuità della crescita – hanno ricevuto impulso dall’aumento dell’occupazione e dal miglioramento dei bilanci delle famiglie. La fiducia è elevata, l’attività d’impresa è vivace e il ritmo di creazione di posti di lavoro è stupefacente, pertanto, in un tale contesto, riteniamo che gli utili delle società europee possano crescere del 15% il prossimo anno.
Per le Obbligazioni la domanda di reddito di alta qualità rimarrà un tema dominante. Ciò difficilmente cambierà visto l’invecchiamento della popolazione in tutto il mondo. Tuttavia, considerati gli odierni livelli di partenza dei rendimenti, è improbabile che gli investitori generino extra-rendimenti elevati sui mercati del credito. Da tempo esprimiamo un parere sfavorevole sui titoli di Stato dei paesi core e tale orientamento non è mutato: restiamo dell’idea che si tratti di strumenti vulnerabili, con premi a termine negativi e tassi a breve depressi, nonché valutazioni decisamente eccessive per i nostri gusti.
Siamo neutrali nei confronti del credito, i cui differenziali hanno fatto molta strada ma continuano a compensare per il rischio di default sottostante dei titoli corporate e il rischio di liquidità. In tale ambito, le obbligazioni societarie high yield europee offrono un potenziale di rialzo lievemente superiore ai titoli corporate investment grade.
Tuttavia, con i rendimenti su livelli estremamente contenuti in termini storici e i premi a termine globali così compressi, il rischio di una correzione incombe innegabilmente sui mercati obbligazionari. Per il momento permangono alcuni supporti strutturali, ma se i rendimenti si muoveranno al rialzo, è più probabile che lo facciano in Europa.
Sulle Materie prime il rafforzamento del contesto macroeconomico ha sostenuto i mercati delle materie prime, e le dinamiche di domanda e offerta ancora favorevoli supportano gli incrementi di prezzo, tuttavia continuiamo a monitorare alcuni fattori. Poiché l’energia è parte di ogni catena produttiva, la destabilizzazione in Medio Oriente sarà un elemento chiave da controllare, come pure gli sviluppi politici in Cina, dove il governo ha spostato la sua attenzione sulle politiche ambientali (usate come mezzo per affrontare i problemi di capacità in eccesso in alcune industrie pesanti, quali quelle dell’acciaio e dell’alluminio).
Per il Regno Unito e Brexit gli utili delle società britanniche hanno deluso e l’economia interna rallenta a causa dell’incertezza causata dalla Brexit, che preoccupa non solo le aziende locali ma anche quelle che investono nel Regno Unito. Se il negoziato sugli scambi commerciali dovesse avanzare in maniera costruttiva, potrebbe emergere un quadro più certo entro il quale società e investitori potrebbero prendere decisioni riguardo al futuro. Per il momento, l’attività nel Regno Unito rallenta e un’eventuale “hard Brexit” potrebbe dar luogo a turbolenze geopolitiche nelle economie e nei mercati di tutto il mondo.
L’ Instabilità politica in Europa in conseguenza del sostegno ai partiti populisti europei nel 2017 è risultato inferiore alle attese del mercato, tuttavia il rischio di instabilità politica in Europa permane.
In USA le azioni del Presidente Trump rivestiranno ovviamente una grande importanza per i mercati. Fino a questo momento, il magnate non è riuscito a implementare nessuna delle sue proposte legislative, e alcune – come le restrizioni commerciali e la costruzione del muro al confine con il Messico – sono completamente cadute. La riforma della fiscalità è ancora sul tavolo, ma se non dovesse essere attuata gli utili e la crescita statunitensi ne risentiranno. Ciò detto, riteniamo che il successo di un pacchetto fiscale sarebbe probabilmente accompagnato da un modesto aumento dei prezzi nel breve termine, grosso modo equiparabile alle difficoltà che creerebbe la mancata implementazione di tale legislazione.
A livello geopolitico, i rapporti tra Stati Uniti e Corea del Nord, Cina e Messico potrebbero avere ripercussioni sui mercati. Finora, le relazioni tra gli USA e la Corea del Nord non sono andate oltre l’escalation verbale, e anche le restrizioni al commercio paventate con il Messico e le conseguenti tensioni lungo la catena di produzione non si sono tradotte in vere proposte politiche. I rapporti diplomatici tra Washington e Pechino sembrano essersi rafforzati rispetto a un anno fa, ma un loro eventuale deterioramento potrebbe avere un impatto negativo sui mercati. Anche se per gli investitori è difficile inglobare nei prezzi questi fattori di rischio, come accade con qualsiasi “incognita geopolitica”, essi vanno comunque monitorati con attenzione.
borsa-merci-telematica-italianaNonostante livelli prossimi alla piena occupazione, in quasi tutte le principali economie sviluppate le pressioni inflazionistiche sono ormai assenti da qualche tempo. Negli Stati Uniti, ciò è dovuto in parte all’apprezzamento del dollaro dopo l’elezione di Trump e alla delusione per la mancata implementazione delle politiche promesse. Più in generale, le aspettative d’inflazione restano contenute nei mercati sviluppati per effetto di fattori sia a breve che a lungo termine, quali i prezzi delle materie prime, i tassi di cambio, l’impatto delle nuove tecnologie e la stessa globalizzazione, che ha frenato la crescita dei salari in un mercato del lavoro globale sempre più competitivo.
Ciò significa che le politiche monetarie sono rimaste accomodanti, sostenendo le attività rischiose. Con i tassi globali già prossimi allo zero, uno shock inflazionistico lascerebbe un esiguo margine di manovra alle banche centrali per introdurre nuovi stimoli, con effetti destabilizzanti sui mercati.
In conclusione, il contesto macroeconomico è estremamente favorevole per le azioni e nel 2018 prevediamo un moderato rialzo delle quotazioni sospinto dalla persistente solidità dei fondamentali e della crescita degli utili. Nei mercati del credito, d’altro canto, il potenziale di rialzo appare limitato a causa delle valutazioni eccessive, ma ciò non significa che gli investitori debbano evitare del tutto questa classe di attività. Mancando la prospettiva di un inasprimento monetario o di modifiche fiscali su larga scala, Asia, Giappone ed Europa sembrano attualmente le aree migliori per assumere un’esposizione ciclica all’espansione globale. Tuttavia, alla luce dei rischi geopolitici ed economici all’orizzonte, nel 2018 ci sarà bisogno delle competenze dei gestori attivi per amministrare i portafogli con prudenza e individuare le opportunità d’investimento che generano rendimenti costanti.”(testo in abstract) (fonte Columbia Threadneedle Investments a cura di Mark Burgess, Vice CIO Globale) (foto: Mark Burgess)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Storia, politica, giornalismo: La vita di frontiera di Sergio De Santis

Posted by fidest press agency su martedì, 5 dicembre 2017

Roma Giovedì 7 Dicembre 2017, ore 15:00 Dipartimento di Scienze Politiche, Sala Tesi, 2° piano Via Chiabrera 199. Seminario su Sergio De Santis (1929-2016) Sergio De Santis è stato giornalista, studioso di storia, esperto di America Latina, responsabile e autore di vari programmi televisivi. Autore di monografie, articoli e saggi su riviste nazionali e internazionali, ha collaborato con Lelio Basso e con l’ISSOCO in molte rilevanti iniziative. Al Dipartimento di Scienze Politiche di Roma Tre ha donato un fondo per l’istituzione di un assegno di ricerca sui temi relativi alla storia dell’America Latina.

Posted in Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »