Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 344

Archive for 19 dicembre 2017

NIO Launches ES8 SUV with New User Experience

Posted by fidest press agency su martedì, 19 dicembre 2017

nioThe NIO ES8 is a 7-seater high performance electric SUV. The NIO ES8 has a base price of RMB 448,000 before subsidies, with 10,000 Founder’s Editions available for RMB 548,000. A battery rental plan is available to NIO users, which provides a RMB 100,000 discount on the purchase price of the ES8. The battery rental subscription is RMB 1,280 per month and enables ES8 owners to enjoy battery upgrading services, along with quality assurance, roadside assistance, car connectivity, and nationwide charging services. The NIO ES8 is customized and will be made to order. Those interested in purchasing an ES8 can place an order through the NIO App.With both front and rear motors, the NIO ES8 delivers 480 kilowatts of power and 840 Newton meters of torque to all four wheels. This E-powertrain enables the ES8 to accelerate from 0-100 km/h in just 4.4 seconds. The latest active air suspension on all ES8’s models creates comfortable, connected riding experience.The ES8 is equipped with a 70-kilowatt-hour liquid-cooled battery pack comprised of cutting-edge VDA square cell batteries. These cells feature the highest energy density of their kind and provide a 2,000-charge lifecycle. The ES8’s drag coefficient is as low as 0.29. The ES8 achieves over 500 kilometers of range when constantly run at 60 kph, and the car achieves an NEDC range of 355 kilometers.The ES8 goes beyond five-star safety. The ES8 is the first car to have an all-aluminium body and chassis featuring aerospace grade 7003 series aluminium alloy, enabling a torsional stiffness of 44,140 Nm/Deg. The ES8 features the highest amount of aluminium for any mass production car. With the excellent passive safety design and 21 active safety features, the ES8 stands out among vehicles in its class.The ES8 is produced at a world-class fully automated factory. The R&D, design, supply chain, and factory ensure the ES8’s premium quality. The ES8 will finish a 3,000,000 km road test before NIO begins delivering the vehicle to users.
The ES8 has a 3,010 millimeter long wheelbase, the longest in its class, to create a truly mobile living space. The three-row, seven-seat layout makes full use of the interior space. The innovative “lounge seat” and “child-care mode”, together with the Nappa leather wrap, creates a cozy atmosphere, making users feel at home. The smart air quality system includes an activated carbon and HEPA filter and negative ion generator.
NIO introduces NOMI, the world’s first in-car AI system. Powered by both in-car and cloud computation, NOMI interacts with people sitting in the vehicle and its emotion engine gives users a friend on the road. NOMI combines the ES8’s intelligence and car connectivity functionalities to turn the ES8 into a fun, expressive, and intuitive companion that can listen, talk, and help drivers along the way.
NIO unveils NIO Power, a new charging experience that allows the ES8’s battery to be swapped in three minutes. NIO Power also includes NIO Power Home, super charger network, and Power Mobile. Power Mobile is a brand-new power service product developed by NIO, which enables an ES8 to run 100 kilometers after charging for ten minutes. By 2020, NIO plans to build over 1,100 Power Swap Stations and deploy over 1,200 Power Mobile vehicles.NIO has opened NIO Houses in Beijing, and announces their plan to open more NIO Houses in nine more cities in 2018, including Shanghai, Shenzhen, Nanjing, Guangzhou, Hangzhou, Chengdu, Hefei, Suzhou and Wuhan. The Grammy Award winning band Imagine Dragons performed for the 10,000 person crowd to end the event. (photo: nio)

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Interventional Cardiology Devices: Research and Markets

Posted by fidest press agency su martedì, 19 dicembre 2017

cuoreThe “Interventional Cardiology Devices Market by type (Angioplasty, Catheters, Plaque Modification (Atherectomy, Thrombectomy), Hemodynamic Flow Alteration (Embolic Protection, Total Occlusion), Guidewire, Introducer Sheath) – Global Forecast to 2022” report has been added to Research and Markets’ offering. The interventional cardiology devices market is expected to reach USD 20.85 billion by 2022 from USD 14.52 billion in 2017, at a CAGR of 7.5%.Factors driving the growth of this market include rising geriatric population, improving healthcare infrastructure, and increasing incidence of CVD. On the other hand, the stringent regulatory scenario for these devices and the availability of effective first-line treatments is expected to limit market growth in the coming years.The plaque modification devices market, by type, is categorized into thrombectomy devices and atherectomy devices. The thrombectomy devices segment is estimated to grow at the fastest rate during the forecast period. The increasing demand for technologically advanced thrombectomy devices is a key factor driving the growth of this market.The angioplasty stents market is segmented drug-eluting stents, bare-metal stents, and bioresorbable stents. The bioresorbable stents segment is the fastest-growing segment of the global angioplasty stents market. Technological advancement in stents is driving the growth of this segment.
Geographically, the interventional cardiology devices market is dominated by North America, followed by Europe in 2017. Asia Pacific is estimated to grow at the fastest rate, due to infrastructural development in its healthcare systems, the rising burden of CVD, and increasing healthcare expenditure in APAC countries.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Vir Biotechnology Appoints Leading Immunologist Antonio Lanzavecchia, M.D., Senior Vice President, Senior Research Fellow

Posted by fidest press agency su martedì, 19 dicembre 2017

LanzavecchiaVir Biotechnology, Inc. today announced the appointment of Antonio Lanzavecchia, M.D., as Senior Vice President and Senior Research Fellow, effective immediately. Reporting to Chief Executive Officer George Scangos, Ph.D., Dr. Lanzavecchia will provide scientific leadership for Vir’s technical programs that are designed to transform the care of people with serious infectious diseases.In addition to this role, Dr. Lanzavecchia will continue to serve as the director of the Institute for Research in Biomedicine in Bellinzona, Switzerland and as a professor in the faculty of biomedical sciences at the Università della Svizzera italiana.“Antonio is an exceptional scientist who has helped transform the field of human immunology so that exciting new approaches to tackling infectious diseases are now available,” said Dr. Scangos. “He will be instrumental in the pursuit of our strategy to integrate diverse innovations in science, technology, and medicine to create treatments that induce protective and therapeutic immune responses.”
Dr. Lanzavecchia is recognized for his contributions to the development of the field of human immunology. His discoveries on antigen presentation, dendritic cell biology, and immunological memory have implications for the development of new therapeutic approaches and vaccines. Dr. Lanzavecchia’s lab at the Institute for Research in Biomedicine developed high-throughput cell-based screens to isolate potent and broadly neutralizing antibodies from human memory B cells and plasma cells. These antibodies represent candidates for passive vaccination, as well as tools for vaccine design. His lab is also addressing basic questions on the role of somatic mutations in protective antibody responses and on the role of a new mechanism of antibody diversification based on templated insertions that they discovered in malaria-immune individuals. Dr. Lanzavecchia has more than 300 publications and several patents to his name and has served on the Board of Reviewing Editors of Science and on the editorial boards of Journal of Experimental Medicine and European Journal of Immunology.Dr. Lanzavecchia earned a medical degree from the University of Pavia, where he specialized in pediatrics and in infectious diseases and worked for almost two decades at the Basel Institute for Immunology. He has been a professor at the University of Genova and at the Swiss Federal Institute of Technology, ETH Zürich. He is member of the European Molecular Biology Organization of the Swiss Academy of Medical Sciences and is a Foreign Associate of the U.S. National Academy of Sciences. (photo: lanzavecchia)

Posted in Estero/world news, Medicina/Medicine/Health/Science, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Sanità:Protocollo d’intesa per la formazione dei giornalisti

Posted by fidest press agency su martedì, 19 dicembre 2017

protocollo intesa sanitàFirmato oggi dal Ministro della salute Beatrice Lorenzin e dal Segretario Generale della Federazione Nazionale della Stampa Italiana Raffaele Lorusso il Protocollo di Intesa per la realizzazione di corsi di formazione in materie scientifiche di largo interesse rivolti ai giornalisti nell’ambito della Formazione Professionale Continua (FPC) obbligatoria per tutti i giornalisti in attività.
Considerato che la trattazione di tematiche di salute, anche di natura emergenziale, ha assunto negli ultimi anni rilevanza particolare e che le informazioni diffuse dai media sono in grado di influenzare la percezione e le scelte dei target di riferimento, l’obiettivo del Protocollo firmato è quello di promuovere nei giornalisti conoscenze in ambito sanitario provenienti da fonte istituzionale autorevole e indipendente, al fine di fornire ai cittadini un’informazione corretta e scientificamente validata, contrastando il fenomeno della disinformazione e delle fake news circolanti.”Con questo Protocollo – ha sottolineato il Ministro della salute Beatrice Lorenzin – ci vacciniamo contro le fake news. Il Ministero della salute mette a disposizione dei giornalisti la propria competenza, gli esperti, il suo know-how per contribuire alla formazione dei giornalisti rispetto alla cultura scientifica e quindi per promuovere la diffusione di informazioni scientificamente validate nel nostro Paese, a vantaggio dei cittadini italiani”.”Formare i giornalisti – ha proseguito il Segretario generale della FNSI Raffaele Lorusso – è fondamentale per avere una opinione pubblica correttamente informata sui temi della medicina, dell’informazione scientifica e diventa anche un antidoto fortissimo contro i ciarlatani che fanno disinformazione e puntano a mettere in discussione, se non a cancellare, quelle che sono state conquiste che hanno rivoluzionato il mondo scientifico e migliorato la vita dei cittadini”.
In particolare il Protocollo prevede:
la realizzazione di corsi di formazione gratuiti nell’ambito della Formazione Professionale Continua obbligatoria per tutti i giornalisti in attività specificamente dedicati alla informazione sui temi della salute e contraddistinti da approcci innovativi volti alla promozione di una informazione corretta che incrementi le conoscenze e le consapevolezze dei cittadini in tema di tutela della salute, con particolare riferimento alle buone pratiche ed alla ricerca coerente delle fonti informative;
l’impegno del Ministero della salute ad elaborare un progetto condiviso di corsi di formazione e mettere a diposizione del progetto, sia in fase di elaborazione, sia in quella di docenza, i suoi esperti scientifici e di comunicazione;
l’impegno della Federazione Nazionale della Stampa ad inserire gli incontri formativi approvati nei programmi obbligatori di FPC; attivare le iniziative previste dal Protocollo attraverso il coinvolgimento dei propri esperti, mettere a disposizione il patrimonio di competenze acquisite, di relazioni associative e scientifiche.Per la realizzazione degli obiettivi del Protocollo d’intesa e al fine di garantire la piena operatività delle attività, sarà costituito un Comitato paritetico, coordinato da un rappresentante del Ministero. Alle riunioni del Comitato potranno essere invitati a partecipare, in qualità di esperti, anche rappresentanti di altre istituzioni pubbliche, in ragione degli argomenti trattati.Le attività di verifica e monitoraggio delle iniziative oggetto del Protocollo saranno espletate dalla Direzione generale della comunicazione e dei rapporti europei e internazionali.
Il Protocollo ha durata di tre anni, a decorrere dalla comunicazione d’inizio attività e potrà essere prorogato senza oneri su richiesta motivata di una delle due Parti. (foto: protocollo intesa sanità)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Ministry of Communications of the Vatican Selects Accenture to Help Design and Deliver its New Communications System: Vatican News

Posted by fidest press agency su martedì, 19 dicembre 2017

VaticanAccenture (NYSE:ACN) announced that the Ministry of Communications of the Vatican has appointed Accenture Interactive to help design and deliver its new communications system called Vatican News. The move is part of the Vatican reform aimed at finding new ways to communicate with and engage all people in today’s digital world.The Ministry, called Secretariat for the Communication, has selected Accenture Interactive as its global experience agency to define a digital communications strategy that increases the consistency and clarity of its communications, and unifies the current array of independent communication channels under a single new portal, Vatican News. The transformation will enable the Vatican media team to have a defined online identity, one voice, and a richer, digital source of multi-media content to reach people all over the world.The objectives include the design of the Vatican News, which will help people find and interact with desired information more easily; the creation of one multi-language editorial team able to work with a multimedia, multi-device and multi-cultural approach; and a content strategy that allows for efficient content management and distribution.Monsignor Dario Edoardo Viganò, Prefect of the Secretariat for Communications said, “We are launching the last part of the reform sought by Pope Francis. Each reform does not originate from a mistaken past but from a present that calls for a change: in this case, today’s cultural and digital convergence require the adoption of production processes that are different from traditional ones. Today, in fact, information production and dissemination happens through agnostic software, in multiple media formats. The collaboration with Accenture Interactive, thanks to their solid global experience, has allowed us to develop an extensive strategy capable of uniting various working groups, the diversification of formats and the strengthening of brand identity — all while maximizing the value of our talented in-house professionals working in the Holy See media.”Accenture Interactive is also responsible for designing new logos and other brand elements of the various Vatican communication channels: Vatican News, Vatican Media and Radio Vaticana Italiana, thus ensuring consistency between the new visual identity used for the portal and its social media properties.“This project strikes at the core of what we do at Accenture Interactive: building human-centered experiences for today’s digital world,” said Anatoly Roytman, head of Accenture Interactive for Europe, Africa, Middle East, and Latin America. “We’re honored to partner with such a venerable institution to reinvent the way it communicates. Accenture Interactive was chosen by the Ministry for our ability to bring a broad range of digital capabilities across user experience, design, content, branding, analytics, search, and social, as well our ability to help large institutions with the change management required for digital transformation to be successful.” (photo: vatican)

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Dr. Andy Khawaja of Allied Wallet is Recognized as WWBR’s 2017 CEO of the Year

Posted by fidest press agency su martedì, 19 dicembre 2017

andy-khawajaDr. Andy Khawaja, CEO of Allied Wallet – an award-winning provider of global payment services including online payment processing, mobile, and prepaid card services, was recently featured as 2017’s CEO of the Year on the cover of Worldwide Business Review.Allied Wallet has seen multi-billion-dollar success and only continues to grow, due in part to the guidance and leadership of its fearlessly innovative CEO. Dr. Andy Khawaja is featured on the cover of Worldwide Business Review in an article entitled, “The Man Behind the Virtual World.”Dr. Khawaja’s hands-on approach has enabled him to gain powerful insights into how to provide better for his team, his customers, and even the customers of his merchants.“… I decided to work with my staff to ensure that they feel comfortable with me and that I am one of them,” said Dr. Khawaja.Allied Wallet is continually ranked as one of the best companies to work for in the world, and Dr. Khawaja prides himself on providing a positive work environment.
It is also very important to him that he provides the best solution for his customers and consumers all over the world.When asked about the best thing about being a CEO, Khawaja told WWBR, “…it is about seeing things done correctly…ensuring that [we] are achieving goals and that our merchants are doing the same. The merchants must have reliable services, something that I can provide so that makes me feel proud of myself, the company, and my team.”Year after year, Dr. Andy Khawaja is recognized as a top CEO in the world for his accomplishments and his dedication to his company. Allied Wallet is repeatedly recognized for their top-rated payment services.Clearly, the two are correlated and Allied Wallet will continue to see multi-billion-dollar success in the new year. (photo: andy-khawaja)

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Yokogawa Develops N-IO Standard Field Enclosure and Control System Virtualization Platform

Posted by fidest press agency su martedì, 19 dicembre 2017

Standard Field EnclosureYokogawa Electric Corporation (TOKYO:6841) announces that it has developed an N-IO standard field enclosure and a control system virtualization platform. The enclosure is a weatherproof remote IO cabinet that stores IO devices used by the CENTUM(R) VP integrated production control system and the ProSafe(R)-RS safety instrumented system, and the virtualization platform enables the control of multiple virtual devices on a single server. By reducing the amount of time and effort to engineer a new system, these solutions help to both speed up project execution and reduce total cost of ownership (TCO). The N-IO standard field enclosure is scheduled to be released in February 2018, and the virtualization platform will be released in May 2018. As global competition intensifies and the market environment changes, manufacturers want to set up production facilities even more quickly. Yokogawa is responding to this need using the agile project execution concept that improves agility. Agile project execution is an innovative approach to utilizing standardized technology and flexible project execution processes that keep automation off the critical path during project execution. The result is a lower cost of installation and maintenance, and the lowest TCO, while reducing the risks of project execution and delivery.
For improved agility in project execution, Yokogawa developed the N-IO (Network IO) field IO device for CENTUM VP R6.01 (released in November 2014) and ProSafe-RS R4.01.00 (released in October 2015). Equipped with a module that can handle multiple IO signal types, the N-IO device can handle both analog and digital IO signals, which account for the majority of IO signal traffic. With this device, the signal type for each IO point can be configured solely through software settings. This eliminates the need to replace IO modules and wiring when changing sensor types and wiring layouts during engineering, and when changing sensor types during a plant revamp. This significantly reduces workload and speeds up project implementation.To realize the agile project execution concept Yokogawa has now developed the N-IO standard field enclosure and a control system virtualization platform. The enclosure is a remote IO cabinet that stores the N-IO device, a key component of the CENTUM VP and ProSafe-RS systems, and the virtualization platform enables the operation of multiple virtual machines on a single server. Together with its N-IO and Automation Design Suite (AD suite) integrated engineering environment*, Yokogawa uses virtualization technology to reduce plant construction costs and speed up project implementation. This helps to eliminate the risk of project delays and ensure on-time delivery.(photo: Standard Field Enclosure)

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Real-Time Monitoring of Melanoma Cell Invasion Helps Scientists Elucidate Key Regulators of Metastasis

Posted by fidest press agency su martedì, 19 dicembre 2017

melanoma-sulla-pelleA team of Italian scientists reported this week that blocking the interaction between urokinase receptor (uPAR) and formyl peptide receptor type 1 (FPR1) suppresses the ability of melanoma cells to migrate, invade through an extracellular matrix, and to burrow through a layer of endothelial cells. Within gene knockdown and overexpression experiments, Maria Motti and colleagues employed an xCELLigence Real-Time Cell Analysis instrument to continuously track the migration/invasion of melanoma cells. The real-time tracking of these processes in a non-invasive manner using gold biosensors enabled them to tease apart subtle differences in kinetic behavior that would have gone unnoticed in a conventional endpoint assay.Melanoma currently affects more than 3 million people globally, resulting in ~60,000 deaths each year. Owing to its tendency to metastasize through the blood and lymphatic vessels, it is the most aggressive form of skin cancer. Although the five-year survival rate is 98% for patients with localized disease, this drops to just 17% once metastasis has occurred. To date, effective treatments for metastatic melanoma are lacking. Citing that there is a growing “awareness that cancer therapy should include, in addition to treatment of the primary tumor and established metastases, also the prevention of metastasis formation,” a focus of Motti’s team has been the disruption of key protein-protein interactions that facilitate melanoma cell migration along chemical gradients. In their newest paper, published in the Journal of Experimental & Clinical Cancer Research, these scientists demonstrated that overexpression of uPAR and FPR1, which is known to occur in melanoma and to contribute to disease progression, promote metastatic disease phenotypes within melanoma cell lines in vitro. Using either a peptide antagonist of the uPAR-FPR1 interaction or an antibody that targets uPAR, the authors were able to suppress melanoma cell migration and invasion. Importantly, the peptide antagonist used here was effective at nanomolar concentrations, had no impact on cell proliferation, and displayed high stability in serum due to the retro-inverso nature of its construction. On the basis of their findings Motti’s team suggests that disrupting the uPAR-FPR1 interaction may be a viable means of blocking the progression of metastasis in melanoma patients. Since the proportion of these patients who have metastases at the time of diagnosis is high, they suggest that “combining current therapy with a systemic anti-metastatic agent might considerably improve the outcome.”

Posted in Estero/world news, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Roma: Concerto di Natale

Posted by fidest press agency su martedì, 19 dicembre 2017

Dilruba AgkunRoma mercoledì 20 dicembre alle 18 all’Auditorium “Ennio Morricone” ‘Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”(Macroarea di Lettere e Filosofia, via Columbia 1) Gabriele Bonolis dirige l’Orchestra Roma Sinfonietta e saluta il suo pubblico con i valzer di Strauss, ma anche con le danze ungheresi di Brahms e le arie più amate del melodramma italiano. Partecipa al concerto il soprano Dilruba Akgün.
Si inizierà con l’opera, precisamente con la Sinfonia della “Norma” di Vincenzo Bellini. Poi il soprano canterà tre arie: “Mercè dilette amiche” da “I Vespri siciliani” di Giuseppe Verdi, “O luce di quest’anima” da “Linda di Chamonix” di Gaetano Donizetti e Quando men vo’ soletta” da “La Bohème” di Giacomo Puccini. Alternandole alle arie, l’orchestra eseguirà tre colorate “Danze ungheresi” di Johannes Brahms.
Nella seconda parte arrivano i due Strauss, padre e figlio. Si ascolteranno tre dei più celebri valzer di Johann Strauss jr – “Vino, donna e canto”, “Rose del sud” e “Valzer dell’imperatore” – e due vivacissime polche, “Sangue leggero” e “Fra tuoni e fulmini”. Come nel “Concerto di capodanno” viennese si finisce con la trascinante “Marcia di Radetzky” di Johann Strauss padre. Valzer, polche e Gabriele Bonolismarce degli Strauss non invecchiano mai, perché facevano impazzire i nostri bisnonni e i loro bisnonni e continuano ad affascinare noi, così come, c’è da scommetterlo, affascineranno i nostri bisnipoti.
Sul podio di Roma Sinfonietta salirà uno dei direttori con cui l’orchestra collabora più frequentemente, Gabriele Bonolis, nel cui curriculum figurano l’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai, l’Orchestra Sinfonica “G. Verdi” di Milano, l’Orchestra del Teatro dell’Opera di Roma, il Festival dei 2 Mondi di Spoleto, l’Accademia Filarmonica Romana, l’Orchestra Sinfonica Nazionale Ceca, l’Opera di Stato di Dresda, l’Opera Reale di Muscat (Oman) e altre importanti istituzioni musicali italiane e straniere.
Nata a Izmir, la giovane Dilruba Akgün ha già attenuto grandi successi in patria, esibendosi all’Opera di Stato di Istanbul e con le orchestre sinfoniche di Ankara, Izmir e Antalya. È stata premiata in concorsi nazionale e internazionale e attualmente frequenta l’Opera Laboratorio – Corso di Alto Perfezionamento Internazionale per giovani cantanti lirici, organizzato dall’Ass. Roma Sinfonietta, nella classe della Prof.ssa Anna Vandi.
Biglietti: E. 12,00. Ridotti E. 8,00. Studenti E. 5,00 Acquistabili anche prima del concerto nell’atrio dell’auditorium (foto: Dilruba Agkun, gabriele bonolis)

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

L’Arab Fashion Council annuncia l’apertura del suo ufficio a Riyadh

Posted by fidest press agency su martedì, 19 dicembre 2017

nouraLayla Issa AbuzaidLONDRA/PRNewswire/ L’Arab Fashion Council, il più grande consiglio di moda non a fini di lucro del mondo, rappresentante i 22 Paesi arabi membri della Lega Araba, ha annunciato l’apertura del suo ufficio regionale a Riyadh e le nomine di S. A. la Principessa Noura Bint Faisal Al Saud a Presidentessa Onoraria e della Sig.ra Layla Issa Abuzaid a Direttore Nazionale per l’Arabia Saudita.Questa mossa strategica costituisce una pietra miliare storica per il Regno. Rappresenta l’avvio di una strategia a lungo termine che andrà di pari passo con la realizzazione dell’ambiziosa visione del Regno per il 2030 e dell’Arab Fashion Council; creare un’infrastruttura sostenibile nel campo della moda nel mondo arabo che sfrutti il design per la produzione, il commercio al dettaglio e l’istruzione, promuovendo il consolidamento della regione come mercato importante per l’industria della moda internazionale e cementando ulteriormente l’industria della moda come pilastro chiave per le economie creative della regione.”L’Arab Fashion Council è orgoglioso di istituire un ufficio regionale a Riyadh. Il Regno Jacob Abriandell’Arabia Saudita è da sempre stato riconosciuto tra le potenze mondiali di investimento nel talento. Con una ricchezza di risorse che va ben al di là del petrolio, la ricchezza del Regno risiede nella sua gente e nelle sue ambizioni per il futuro. La nomina di S. A. la Principessa Noura Bint Faisal Al Saud a Presidentessa Onoraria e di Layla Issa Abuzaid a Direttore Nazionale per l’Arabia Saudita riconosce la leadership delle donne arabe nella regione e segna l’inizio di un viaggio emozionante per la moda in Arabia Saudita”. JACOB ABRIAN, Fondatore e Amministratore Delegato, Arab Fashion Council. L’Arab Fashion Council, con l’ufficio di Riyadh, si pone l’obiettivo non solo di sostenere i designer locali di talento, ma anche di agire come partner strategico per i designer internazionali che si recano nella regione. In qualità di nazione che detiene sostanziali capacità d’investimento, la posizione strategica unica del Regno di centro globale di collegamento tra tre continenti (Asia, Europa e Africa) lo rende un epicentro per l’industria della moda sia tramite investimenti regionali, commercio e promozione, sia in virtù del suo ruolo di punto d’accesso internazionale.”Sono estremamente lieta di accettare la nomina a Presidentessa Onoraria dell’Arab Fashion Council. Il nostro obiettivo è posizionare sia il Regno che la regione sulla mappa internazionale della moda. Incubare la ricchezza dei talenti regionali nel campo della moda nei settori del design, delle vendite al dettaglio e del commercio. Promuovere questi talenti a livello internazionale tramite la creazione di un’infrastruttura sostenibile, responsabile e in grado di far fronte al futuro per il mondo arabo”. S. A. LA PRINCIPESSA NOURA BINT FAISAL AL SAUD, Presidentessa Onoraria, Arab Fashion Council. (foto: Noura, jacob, layla)

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Consigli degli esperti su come difendersi dall’influenza

Posted by fidest press agency su martedì, 19 dicembre 2017

vaccinazione-antinfluenzale-2012-2013Preceduto da notizie preoccupanti provenienti dall’Australia, dove c’è stato un alto incremento della diffusione della malattia e dei casi gravi rispetto agli anni precedenti, con oltre 50 morti, il male di stagione è alle porte e non è il caso di prenderlo “sotto gamba”. Secondo le previsioni, quest’anno saranno circa 5 milioni gli italiani colpiti dall’influenza, con un maggiore interessamento delle fasce che comprendono bambini ed anziani.
Anche se il picco influenzale è atteso dopo l’Epifania, migliaia di italiani sono già bloccati a letto in queste ore; la causa però non è solamente l’influenza vera e propria, infatti si stanno ancora registrando infezioni ad opera di virus “cugini”: “Attualmente, oltre i primi casi di influenza conclamata, stiamo assistendo, principalmente, alla circolazione di forme parainfluenzali legate agli sbalzi termici, causate da uno dei 262 virus diversi che hanno sintomi meno pesanti dell’influenza stagionale, ma che sono ugualmente debilitanti” – precisa il Prof. Pregliasco.
“La “vera” influenza – continua il Prof. Pregliasco – si riconosce perché causa la presenza contemporanea di tre fattori: febbre elevata (più di 38 gradi) ad esordio brusco, sintomi sistemici come dolori muscolari/articolari e sintomi respiratori come tosse, naso che cola, congestione/secrezione nasale o mal di gola. Questi sintomi perdurano per diversi giorni e, nei soggetti più deboli, possono insorgere gravi complicanze, purtroppo a volte dall’esito addirittura fatale. Per tutte le altre patologie circolanti nei mesi invernali, si parla di infezioni respiratorie acute o sindromi parainfluenzali, ugualmente fastidiose, certo, ma non pericolose come può essere l’influenza per alcune categorie o fasce d’età”.Oltre alla vaccinazione ci sono alcune misure efficaci nel prevenire infezioni di questo tipo: lavarsi frequentemente le mani, coprire la bocca e il naso quando si starnutisce e tossisce e rimanere a casa nei primi giorni di malattia respiratoria febbrile per non contagiare le persone con cui si viene in contatto.
L’influenza è altamente “età-dipendente”: se è vero che il paziente anziano è maggiormente vulnerabile al virus di tipo A, il virus B ha un impatto relativamente maggiore nei bambini e negli adolescenti. Una strategia vaccinale ottimale dovrebbe tener conto di questi aspetti epidemiologici.
“Gli anziani, anche se in buona salute, hanno una ridotta capacità di risposta agli stimoli antigenici ed è quindi importante scegliere per loro un vaccino in grado di potenziare la risposta immunitaria” – continua il Prof. Pregliasco. “Nei vaccini adiuvati, oltre all’antigene, cioè quella sostanza che è propria dei batteri o dei virus verso la quale dobbiamo innescare la difesa, contiene anche altre sostanze adiuvanti, che aiutano il sistema immunitario a reagire in maniera più efficace alla presenza del virus”.Tutto ciò è stato ampiamente confermato dalla ricerca scientifica, infatti il vaccino adiuvato viene utilizzato in circa 30 paesi del mondo, inclusi gli Stati Uniti d’America. Recentemente, anche il Joint Committee on Vaccination and Immunisation (JCVI) Inglese ha espresso parere positivo per l’utilizzo del vaccino trivalente adiuvato negli over 65 in Gran Bretagna a partire dalla stagione influenzale 2018-19.“Vaccinarsi – conclude il Prof. Pregliasco – rappresenta un indubbio contributo a preservare le aspettative e la qualità di vita, soprattutto nei più anziani, sia in termini di benessere fisico che psicologico. La prevenzione è l’arma vincente, perché offre sempre la grande opportunità di poter condurre una vita in salute, attiva e indipendente”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Banche: una crisi che si poteva evitare

Posted by fidest press agency su martedì, 19 dicembre 2017

salva banche“In Italia c’è il diffuso convincimento che siamo stati meno bravi a gestire la crisi bancaria rispetto agli altri Paesi dell’Unione europea. Ovvero, gli altri sono stati più tempestivi e hanno usato con più cinismo risorse pubbliche, senza che questo fosse percepito negativamente, pur avendo crisi bancarie più rilevanti della nostra. Perché?”.Lo ha detto Renato Brunetta, capogruppo di Forza Italia alla Camera dei deputati, intervenendo in Commissione parlamentare di inchiesta sul sistema bancario e finanziario, durante l’audizione di Pier Carlo Padoan, ministro dell’Economia e delle Finanze.
“È vero che noi avevamo delle debolezze endogene, come ad esempio la grande quantità di titoli di debito pubblico detenuti dagli istituti bancari, così come esogene, quali le modifiche del sistema di vigilanza a livello europeo.Tuttavia, siamo arrivati al ludibrio internazionale, essendo percepiti come il maggior fattore di crisi, avendo forse una tempesta in un bicchier d’acqua. O meglio, una tempesta non superiore rispetto a quelle degli altri, che si poteva gestire e risolvere con meno clamore e danni.La domanda allora sorge spontanea: che non ci siano stati dei fattori endogeni di aggravamento della crisi? Nessuna autocritica da parte del governo e del Mef, soprattutto nei confronti della Commissione europea? Abbiamo vissuto una fase di caos normativo. Orientamenti, direttive, tempistiche, cambiavano di giorno in giorno. Sembravano dettate dall’improvvisazione, dalla disperazione. Questo è stato percepito dal Parlamento. Nessuna linea direttrice, ma tempi persi e ritardi, così come il farsi dettare i decreti dai ‘salvatori della patria’ interessati.Dal ministro Padoan mi sarei aspettato oggi un’operazione verità sulla crisi, sulle banche, sugli errori fatti dal governo, dal Mef. Anche perché il nostro compito è guardare al futuro, non al passato. Fare in modo, cioè, che certi errori non vengano commessi più.
Ribadisco: la crisi nel nostro Paese non era così grave, l’abbiamo aggravata noi con conflitti di interessi, le nostre tradizionali debolezze, impreparazione della tecnostruttura del Ministero. Sarebbe servita, insomma, un’operazione verità per capire fino in fondo se è stato fatto tutto quello che bisognava fare per gestire una crisi che doveva essere gestita con meno danni, meno costi, e soprattutto con minor perdita della nostra immagine e credibilità internazionale”.
Giorgia Meloni preme sullo stesso tasto di Brunetta dichiarando su facebook: “Insoddisfacenti risposte da parte di Padoan. Il ministro dell’Economia conferma nella sostanza la linea difensiva tenuta sin qui da Renzi e Gentiloni: “Così fan tutti”. Padoan dipinge un sistema bancario opaco, una vigilanza che non funziona ma non spiega perché il governo, invece di intervenire con decisione, ha perpetuato, con le scelte fatte su banca Etruria, le Popolari e le Venete, una insana commistione tra politica, solitamente di sinistra, e sistema bancario.”

Posted in Uncategorized | Leave a Comment »

Campidoglio: restituito alla città il Portico D’Ottavia

Posted by fidest press agency su martedì, 19 dicembre 2017

portico_d_ottaviaRoma. È terminata con successo la delicata operazione di salvataggio dei resti visibili del complesso del Portico d’Ottavia. Una operazione complessa, diretta dalla Sovrintendenza Capitolina che, attraverso un team di archeologi, architetti e ingegneri, ha studiato, verificato, monitorato e consolidato nel tempo, la stabilità del monumento. L’ausilio di alte tecnologie ha permesso e permetterà, anche nel futuro, un monitoraggio attento dei resti del complesso che, nei secoli, è stato più volte danneggiato e rimaneggiato.
Ad inaugurare il restauro del Portico d’Ottavia la Sindaca di Roma Virginia Raggi, il Vicesindaco con delega alla Crescita culturale Luca Bergamo, la Presidente del Municipio I Sabrina Alfonsi, il Sovrintendente Capitolino Claudio Parisi Presicce e la Presidente della Comunità Ebraica di Roma Ruth Dureghello. L’intervento è promosso e sostenuto da Roma Capitale, Assessorato alla Crescita Culturale – Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali.Dopo il restauro e la sua parziale ricostruzione nel 203 da parte di Settimio Severo, nel corso degli ultimi tre secoli, il propileo ha subito notevoli interventi che ne hanno minato la condizione statica. Già nel XIV secolo si è reso necessario innalzare un arcone centrale al posto delle due colonne frontali per consolidare il monumento. Inoltre, l’eliminazione delle case del Ghetto nei primi anni del ‘900 ha accentuato i ‘movimenti statici’. Negli anni ’60 del ‘900 è stato smontato il frontone anteriore e si è intervenuti sulla prima colonna posteriore lesionata, con l’introduzione di una serie di perni metallici al suo interno.Per salvaguardare il monumento e l’incolumità dei cittadini, la Sovrintendenza Capitolina ha deciso quindi di programmare i relativi interventi per fasi.Il primo step ha riguardato l’analisi e la verifica della stabilità del monumento attraverso un attento monitoraggio per capire e interpretare il comportamento della sua struttura statica. Si è proceduto, pertanto, al montaggio di un ponteggio sulla facciata interna del Portico, a ridosso della chiesa, necessario a garantire la pubblica incolumità, messa a rischio dal possibile distacco di frammenti dal timpano, e a salvaguardia del monumento.Con un secondo intervento, si è poi provveduto al montaggio dei ponteggi sulle altre facciate soggette a rischio di distacco di frammenti e, più precisamente, all’interno e all’esterno della facciata principale e all’interno delle due facciate laterali. Sono stati poi realizzati interventi di pre-consolidamento nelle zone a carattere d’estrema urgenza.Nella terza fase appena conclusa, è stato realizzato un progetto di recupero molto complesso e articolato. Inizialmente, si è proceduto alla pulitura, al restauro e al consolidamento delle parti lapidee, degli intonaci e degli affreschi: sono stati infatti riportate in parte al loro antico splendore l’iscrizione dedicatoria di Settimio Severo, nuovamente rubricata, e parte degli affreschi trecenteschi al di sopra dell’arcone frontale.Infine, è stato eseguito l’intervento sull’elemento strutturale più critico, riguardante la prima colonna posteriore lesionata, da cui si è distaccato uno “scheggione” di notevoli dimensioni. La pulizia eseguita durante le fasi preliminari dei lavori, sulla colonna suddetta, ha messo in evidenza un sistema fessurativo più complesso rispetto al previsto, non visibile precedentemente e confermato dalle indagini ultrasoniche e microsismiche realizzate in questa fase, anche durante i recenti eventi di natura sismica.Durante l’opera di consolidamento della colonna lesionata, la campagna diagnostica e di monitoraggio ha controllato così il quadro fessurativo durante le delicate lavorazioni sia in prossimità del basamento che in corrispondenza dello “scheggione”, costituente la parte distaccata della colonna lesionata.
Le attività di monitoraggio e, soprattutto, di alleggerimento della colonna dal peso della trabeazione, sono state oggetto di opera di alta ingegneria, grazie alla quale si è risolto un grave problema statico, risalente già in tempi antichi e documentato dai restauri precedenti e, probabilmente, causati in origine dall’assottigliamento del rocchio inferiore, derivato presumibilmente dal transito dei carretti nel sottostante accesso al Ghetto e per la costruzione del campanile della Chiesa di S. Angelo in Pescheria nell’800, gravante proprio su questa colonna.
portico d'ottaviaInoltre, durante i lavori si è rilevata la necessità di un intervento di restauro specialistico della colonna, in quanto, in corso d’opera, si è riscontrato una maggiore frantumatazione interna, rispetto al previsto, del fusto, già apparentemente soggetto a diffuse micro-fessurazioni in tutta la sua lunghezza.Si è reso necessario, inoltre, intervenire sulla superficie a cortina in laterizio del tratto basamentale e del pilastro con pulitura e adeguata rimozione dei residui di cemento dei pregressi consolidamenti statici degli anni ‘60. L’opera di monitoraggio della colonna continuerà per altri due anni, a partire da ora, con attrezzature di alta qualità, basata sull’esecuzione di misure microsismiche ad alta frequenza, per controllare la sicurezza del manufatto, considerando il periodo soggetto a frequenti eventi di natura sismica.I lavori sono stati realizzati dall’impresa R.T.I.I.C.E.M. srl (capogruppo) con la ditta Carlo Usai vincitrice della gara d’appalto, per una spesa di € 456.242,15 iva inclusa. Con ulteriori finanziamenti dovrà essere avviata la quarta e ultima fase per il completo recupero del Portico d’Ottavia.
Il complesso del portico d’Ottavia prospiciente sul Circo Flaminio fu ricostruito da Augusto tra il 27 e il 23 a.C., al posto del più antico portico di Metello, e dedicato alla sorella Ottavia. Successivamente fu restaurato e parzialmente ricostruito nel 203 da Settimio Severo dopo le distruzioni dovute a un incendio del 191. A questo periodo appartengono per la maggior parte i resti attualmente visibili. Era un quadriportico di m. 119 x 132, a una navata sulla fronte, a due sui fianchi, che includeva i templi di Giunone Regina e Giove Statore, due biblioteche, greca e latina, e un grande ambiente per pubbliche riunioni, la Curia Octaviae. Il suo interno si configurava come una sorta di museo all’aperto poiché ospitava una grande quantità di opere d’arte, tra cui spiccava la turma Alexandri, il complesso statuario di bronzo che raffigurava Alessandro Magno e i suoi cavalieri, opera di Lisippo. Oggi rimane l’angolo sudorientale e il grande propileo di accesso, il vestibolo, posto sul lato corto meridionale verso il Circo Flaminio. Si tratta di un ingresso monumentale con prospetto su quattro colonne di ordine corinzio tra pilastri. L’architrave riporta l’epigrafe dedicatoria del 203, il frontone è senza decorazioni. L’angolo orientale del propileo appare scalpellato: costituiva, infatti, a partire dal 1555, uno degli angoli esterni dello spazio del Claustro degli ebrei. I muri laterali erano in laterizio, rivestiti in marmo, provvisti di aperture in corrispondenza delle ali del portico. Queste ultime erano costituite da un colonnato e chiuse verso l’interno da una parete in laterizio. In età tardoantica e medievale gli spazi porticati del monumento vengono utilizzati per la vendita del pesce, caratterizzando questa zona come la Pescheria, il principale mercato cittadino per la vendita del pesce che rimarrà attivo fino alla fine dell’800. Nell’ultimo quarto dell’VIII secolo sulle strutture del portico e dei monumenti adiacenti si ricavano gli ambienti della diaconia di S. Angelo in Pescheria, che inglobano una delle colonne posteriori e parte del timpano, ancora visibile all’interno della chiesa. A partire dalla fine dell’VIII e fino al XII-XIII secolo il settore prospiciente la chiesa risulta occupato da un’area cimiteriale con decine di sepolture a diversi livelli. Successivamente, in seguito anche a importanti rifacimenti della chiesa della fine del ‘200, le due colonne frontali orientali della facciata del propileo, probabilmente gravemente lesionate, furono asportate e sostituite con un grande arco in mattoni, affrescato e tutt’ora visibile, che introduceva all’ingresso della chiesa. (portico d’ottavia)

Posted in Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

L’Austria entra a gamba tesa in Alto Adige

Posted by fidest press agency su martedì, 19 dicembre 2017

bolzanoBolzano. “Dopo miliardi di euro di soldi italiani spesi per pagare alle popolazioni di lingua tedesca l’autonomia in Alto Adige, oggi l’Austria arriva, se ne frega della quietanza liberatoria del 1992 tra Roma e Vienna e mette sul tavolo, unilateralmente, la concessione della cittadinanza a chi la richiederà, dichiarandosi tedesco o ladino. Il tutto nel totale e gravissimo silenzio del governo PD, che in cambio di due miseri collegi assicurati dai voti della SVP, che come scritto da diversi giornali sarebbero per la Boschi e Delrio, calpestano la nostra dignità nazionale.L’Austria stia al posto suo e non si permetta queste invasioni illecite. Pensare di gestire una porzione d’Italia abitata da una maggioranza di cittadini austriaci è follia. Ci troveremmo di fronte a una secessione mascherata. Fratelli d’Italia farà le barricate in Alto Adige, in Parlamento e in ogni sede istituzionale e chiede l’intervento del presidente Mattarella per fermare questo affronto indegno.Giù le mani dall’Italia”.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

78° Congresso nazionale della Società italiana di cardiologia

Posted by fidest press agency su martedì, 19 dicembre 2017

citrus bergamottoRoma. Delle proprietà benefiche del bergamotto si è parlato al 78° Congresso nazionale della Società italiana di cardiologia (SIC) conclusosi ieri a Roma, grazie allo stand di “Citrus – L’Orto italiano” che ha incontrato diversi cardiologi presenti. Ricco di flavonoidi, il bergamotto riduce i livelli di colesterolo nel sangue, ed è particolarmente consigliato dai medici.“Il succo del bergamotto presenta una elevata concentrazione di bioflavonoidi – ha spiegato il prof. Vincenzo Montemurro, membro del Consiglio direttivo del SIC – e dal suo succo sono stati estratte strutture analoghe alle statine, i farmaci inibitori del colesterolo. Dunque consigliamo a chi soffre di ipercolesterolemia di bere quotidianamente una spremuta di bergamotto, eventualmente mescolata con una spremuta di arancia che ne mitiga l’asprezza”.I flavonoidi possiedono proprietà antiossidanti, antiinfiammatorie e vasoprotettive.
“Ma nessun agrume ne ha una concentrazione così ricca – ha sottolineato ancora Montemurro – per cui il consumo di bergamotto è consigliato anche a diabetici, obesi, ipertesi, a chi soffre di epatopatie, a fumatori. Si tratta di un ‘farmaco naturale’ ben conosciuto come salva-cuore”.Il bergamotto è una pianta endemica della Calabria molto utilizzata nell’industria dei profumi, recentemente riscoperta come frutto di consumo. Artefice del rilancio un’azienda di Cesena, Citrus, che da anni commercializza nei supermercati un retino di bergamotti e che ha appena lanciato una confezione premium accompagnata da una ricetta dello chef Davide Oldani.“Il 90% della produzione va all’industria cosmetica – ha chiarito Ezio Pizzi, Presidente del Consorzio del Bergamotto – e il 10% in frutterie, ma la crescita dei consumi cresce a livelli esponenziali ogni anno. Oggi vengono commercializzati 20 mila quintali annui di frutto fresco per un valore di circa 3 milioni di euro. Oltre che gustato come frutto, viene consumato anche per spremute, infusi, o come aromatizzante o in marinatura in gastronomia. Ricordiamo anche che si tratta di una DOP a filiera controllata O.P. riconosciuta dal Ministero dell’Agricoltura”.
Citrus – L’orto italiano nasce a Cesena poco più di due anni fa con l’intento di riscoprire e valorizzare le tante tipicità locali italiane: agrumi, frutta, verdura ed erbe aromatiche. Attraverso un’attenta opera di comunicazione, Citrus ha riportato sugli scaffali della Grande Distribuzione prodotti come il verdello, limone siciliano estivo, il bergamotto ed altri ancora. Sono tutti prodotti provenienti da filiere etiche, controllate e di qualità, selezionati per le loro proprietà salutistiche e di prevenzione a tavola grazie alla collaborazione dei nutrizionisti di Fondazione Umberto Veronesi alla quale Citrus destina parte del ricavato proveniente da ogni singolo prodotto per sostenere la ricerca scientifica (foto: citrus bergamotto)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Turchia: gli Aleviti non accettano la censura di Erdogan

Posted by fidest press agency su martedì, 19 dicembre 2017

ankaraAnkara. In occasione del procedimento legale relativo al ricorso contro il divieto di trasmissione del canale televisivo alevita Yol che inizia mercoledì 20 dicembre ad Ankara, l’Associazione per i Popoli Minacciati (APM) accusa il governo turco di voler mettere a tacere la voce indipendente di circa 15 milioni di Aleviti e chiede che possa riprendere la trasmissione di Yol-TV sul satellite Türksat. Yol-TV non può più essere trasmessa in Turchia fin dal 16 dicembre 2016, quando la società gestrice del satellite ha tolto a Yol-TV la frequenza per “aver offeso il presidente della Repubblica turca”.
Questo ennesimo atto di censura evidenzia chiaramente il carattere dittatoriale del governo di Recep Tayyip Erdogan e in quale pessimo stato versino in Turchia la libertà di stampa e i diritti civili. Yol-TV è associato alla comunità alevita in Germnia , ha la propria sede a Colonia ed attualmente è visibile solo attraverso internet. Poiché la maggior parte degli Aleviti parla anche il turco, il canale, che esiste fin dal 2007, trasmette principalmente in lingua turca ma aveva anche iniziato a trasmettere alcuni programmi nelle diverse lingue kurde e addirittura in tedesco. In Turchia l’Alevismo non è riconosciuto come religione e i fedeli, che appartengono a diversi gruppi etnici, sono vittime di discriminazione e persecuzione.Yol-TV non è l’unico canale televisivo proibito in Turchia ma fa parte di un nutrito gruppo di emittenti critiche sia nei confronti del partito di governo sia nei confronti della politica del presidente turco Erdogan. Negli scorsi due anni il governo turco ha fatto chiudere almeno 153 mezzi di informazione, tra cui quattro agenzie di notizie, 28 case editrici, 47 quotidiani, 16 riviste, 28 emittenti televisive e 30 stazioni radiofoniche. Molte di queste emittenti erano mezzi di comunicazione kurdi e/o aleviti. Sono almeno 146 i giornalisti in carcere per cosiddetti reati di opinione.Alcuni rappresentanti della comunità religiosa degli Aleviti in Germania hanno contattato l’APM poco dopo la revoca della licenza di trasmissione di Yol-TV, annunciando che si sarebbero battuti “con ogni forza” contro il divieto. Il prossimo 20 dicembre una cinquantina di rappresentanti aleviti viaggerà ad Ankara per assistere al processo di revisione. Tra gli osservatori del processo vi sarà anche Turgut Öker, presidente onorario dell’Unione Europea degli Aleviti e Mahmut Akgül, amministratore delegato di Yol-TV.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Italiani nel pallone tra informazione e controinformazione

Posted by fidest press agency su martedì, 19 dicembre 2017

pallone1La partita si sta facendo pesante. Nel bel mezzo, come tra l’incudine e il martello, ci sono gli italiani. Il tutto sta accadendo per via delle prossime elezioni politiche che molti pensano si facciano tra tre mesi. E mentre i leader incominciano ad affilare le armi s’insinua il sospetto che le loro dichiarazioni e le promesse che fanno sono solo strumentali e destinati ad avere una vita breve perché difficili da realizzare con un’Europa che ci sta con il fiato sul collo. In tutto questo bailamme si sta mettendo a punto una serie di “fake news” ovvero “notizie false” per sconcertare la gente per spingerla a cambiare orientamento politico o a dare forza ai loro convincimenti. Tutto ciò per non parlare del grosso partito degli astensionisti. Già oggi conta la metà degli elettori e di certo non è cosa da poco. Costoro percepiscono la politica e il ruolo delle istituzioni in chiave così negativa da non ritenere nessun movimento o partito degno d’essere votato. Ad aggiungervi il carico da novanta vi è il forte rallentamento della guida ideologica che un tempo supportava l’appartenenza ad un partito. Ora stiamo andando verso il piano inclinato dove il solo distinguo per identificarsi sta tra chi è e chi ha.
Se vogliamo, giunti a questo punto, focalizzare la nostra attenzione sul partito astensionista dobbiamo chiederci in prima battuta a chi interessa che gli italiani non vadano a votare. Incominciamo con il dire che in Italia quelli che fanno politica e vi ruotano intorno non superano i quattro milioni. Potrebbero da soli indicarci un orientamento difficilmente scalfibile dalle fake news. Gli altri sono meno controllabili e in un certo senso più influenzabili su temi di grande impatto sociale: pensiamo agli immigrati e ai problemi che creano in tema di ricollocazione ambientale, all’ordine pubblico ecc. Pensiamo alla giustizia che non funziona, alle riforme che non decollano, alla disoccupazione soprattutto giovanile e alla sistematica denigrazione delle istituzioni che costituiscono il caposaldo del nostro sistema politico, sociale e civile. C’è in questo frangente una grossa fetta dell’opinione pubblica convinta che l’Italia sia un vuoto a perdere e che nella migliore delle ipotesi è meglio arrangiarsi per conto proprio. Gli altri vorrebbero far convergere il dissenso facendo a meno dei partiti, del voto e di quel che ne segue.
A nessuno di questi signori sembra venire in mente che la nostra vita in comune è mediata da regole che la politica stabilisce e che il primo caposaldo “garantista” è dettato dal Parlamento e che questo parlamento per funzionare ha bisogno del supporto di tutti per assicurarne la rappresentatività. Alla fine detterà regole sia per chi ha votato sia per gli astensionisti. E allora perché si rinuncia alla possibilità di parteciparvi sia pure attraverso un proprio rappresentante? (Fonte centro studi Fidest di cultura politica e sociale)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

L’emendamento Scanu alla legge di stabilità

Posted by fidest press agency su martedì, 19 dicembre 2017

montecitorio

E’ “in discussione presso la Commissione Bilancio della Camera. Prevede il doppio binario – medicina legale militare e Inail – che, con ogni probabilità, sarà inserito in occasione dell’approvazione della legge di stabilità con mozione di fiducia al governo, mostra ancora una volta la debolezza della tutela dei militari privi di organizzazioni che agiscano in ragione dei loro interessi.
La nuova norma che interesserà la valutazione degli infortuni sul lavoro e delle malattie professionali del comparto sicurezza e difesa e vigili del fuoco, non solo affossa i bilanci delle amministrazioni interessate e sottrae risorse al welfare, ma è priva di quel preventivo confronto tra le parti che mal si concilia con uno Stato democratico, soprattutto in una fase in cui si assiste sempre più soventemente al presidio controllato della democrazia se non alla militarizzazione di parti dello Stato. Economicamente, il provvedimento comporterà meno risorse (decine e decine di milioni di euro) a Scuola, sanità e sicurezza a vantaggio dell’Inail che, solo per fare da passacarte (alla Commissione medica ospedaliera e Comitato di verifica per le cause di servizio), in un settore altamente rischioso come quello della sicurezza e difesa, incasserà 1300 euro per ogni singola “pratica”.
E’ una vergona!” lo afferma in una nota il Segretario Generale dell’Associazione Finanzieri Cittadini e Solidarietà (FICIESSE), Francesco Zavattolo. “Il provvedimento, inoltre, qualora diventasse legge, non definendo la competenza giurisdizionale (tribunali amministrativi o giudice del lavoro) creerebbe un forte contenzioso lasciando il campo ad una giurisprudenza sconnessa, disomogenea e iniqua. Ma la cosa più grave”, continua Ficiesse, “è che una materia così delicata venga sottratta al confronto con le parti sociali per essere inserita nel calderone variegato della legge di stabilità”. “Auspico” conclude il Segretario Generale, “che il Governo e i partiti, tutti, diano un senso e un peso ai provvedimenti di prossima approvazione impedendo scorribande pericolose sulla pelle dei cittadini e della loro sicurezza. A Salvatore Garau, presidente dell’Associazione AFEVA Sardegna, i sentimenti di vicinanza e stima per la propria attività di dissenso civile avviato con lo sciopero dalla fame davanti a Montecitorio per protestare contro questa ennesima rougue proposal.

Posted in Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Best’s Special Report: China’s Reinsurers Operating in an Increasingly Difficult Market

Posted by fidest press agency su martedì, 19 dicembre 2017

pechinoPechino, China is increasingly becoming a difficult environment for non-life reinsurers, as competition and the regulatory environment are adding to top-line and profitability pressures. The Chinese life reinsurance market, meanwhile, has doubled its premium size since 2012 but must deal with heightened capital pressure, according to a new A.M. Best special report.The Best’s Special Report, titled, “Reinsurance in China: Underwriting Challenges for Non-Life, Capital Pressure for Life,” states that many of the issues challenging non-life reinsurers have resulted from the implementation of the China Risk-Oriented Solvency System (C-ROSS). A glut of reinsurance capacity and growing retention by the direct industry pose clear threats to reinsurers’ profitability. In addition, the oligopolistic structure of the direct market gives large cedents more bargaining power not only on pricing, but also on terms and conditions, which has squeezed profit margins even further. For growth, non-life reinsurers are looking at Belt and Road initiatives and captive insurers, as well as potential business arising from the second phase of C-ROSS.According to the report, life and non-life reinsurers also need to be wary of potential competition from Hong Kong, as regulators there are working on a C-ROSS equivalence, which may allow Hong Kong reinsurers to be treated as onshore reinsurers in China. Although several years off, changes could attract new capital to the Hong Kong market as companies look to enter China’s reinsurance market.
Regulations and government policies will continue to play a large role in steering the direction of China’s reinsurance industry’s development, while also indirectly impacting reinsurance demand. As the market prepares for the second phase of C-ROSS, one task will be to further optimize the solvency regime and recalibrate insurance risk charges for health, motor and credit lines, which may further reshape the non-life reinsurance environment. On the life side, the market has entered a new stage of transformation. Whether financial reinsurance’s strong historical growth will continue is dependent on potential regulatory decisions and an increasingly competitive market environment. As regulators push the industry to refocus on protection and serve the real economy, protection reinsurance will grow, fueled by rapid growth in the direct market.A.M. Best believes that a talent shortage at a growing number of reinsurers and the need for a commensurate increase in salaries, even as profit margins decline, have contributed to the difficult operating environment for China’s reinsurers. However, the increased demand for talent is attracting non-state-owned or non-reinsurance background personnel to the industry, which could help make these traditionally conservative companies more commercialized and competitive.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Most Significant Elvis Presley Musical Artifact Returns Home to Graceland

Posted by fidest press agency su martedì, 19 dicembre 2017

Elvis Presley's musical historyOne of the most significant pieces of Elvis Presley’s™ musical history has returned to Graceland®, 60 years after it was first purchased by Elvis™ for the home in 1957 – a white, baby grand piano with gold accents and a custom-made, gold, metal bench designed by Elvis with a white, leather cushion. For the first time since Graceland opened to the public in 1982, visitors to Graceland are now able to see this original piano, which was returned to the Music Room at Graceland this past weekend during Graceland’s holiday concert events. Additional 1960s-era artifacts which are now on display in the Music Room include the original drapes and original gold couch, which was part of the room’s décor in 1964.
One of the most significant pieces of Elvis Presley’s musical history has returned to Graceland, 60 years after it was first purchased by Elvis for the home in 1957 – a white, baby grand piano with gold accents and a custom-made, gold, metal bench designed by Elvis with a white, leather cushion. (Photo: Business Wire)Prior to Elvis purchasing and refurbishing the 1912 instrument, it was the house piano at Memphis’ legendary Ellis Auditorium from the early 1930s through 1957. Ellis Auditorium hosted the greatest local and national touring musical acts of the period, including W. C. Handy, Duke Ellington, Count Basie, Cab Calloway, and many others. This was the very piano played by his favorite gospel and blues performers in shows that Elvis attended as a boy, during which, as member of the audience, he dreamed of his own future stardom.In the spring of 1957, then 22-year-old Elvis Presley purchased Graceland Mansion in Memphis, Tennessee, just a year after he shot to super-stardom and worldwide fame. While he could have afforded any piano on the planet for his new home, when Elvis heard this sentimentally-valuable piano was for sale, he jumped at the chance to own it. On May 28, 1957, Elvis purchased the piano built by Wm. Knabe & Co. of Gallatin, Tennessee, from Jack Marshall Pianos-Organs in Memphis for $818.85. Elvis refurbished the piano in white and placed it in the music room at Graceland where it remained until 1968. During those years, the piano was the musical focal point of many hours spent rehearsing and entertaining guests and was played constantly by Elvis, as well as visiting celebrities. Elvis enjoyed playing and singing alone in private moments, but especially enjoyed gathering family and friends in the music room as they ran through a broad repertoire of favorite songs – particularly gospel and R&B.
The original Knabe piano was placed in storage in 1968, was sold in 1976 and changed hands several times. It was last refurbished by the C.B. Coltharp Piano Service, who had maintained it at Graceland and referenced photos and record jacket snapshots to restore the piano to its authentic, original 1957 appearance.Pictures of Elvis with this piano were featured in the first issue of Mid-South Magazine in 1965, giving readers a rare look inside Graceland. (photo: Elvis Presley’s musical history)

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »