Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 259

Archive for 20 dicembre 2017

Bitcoin: la questione di fondo

Posted by fidest press agency su mercoledì, 20 dicembre 2017

bitcoin-storyIn giro non si sente parlare altro che di Bitcoin. Se ne parla nei bar, nelle palestre, al mercato… Se ne parla anche alla TV, nelle radio, sui giornali… Non può esserci il minimo dubbio: il mercato dei bitcoin, tecnicamente, è una bolla. Questo, però, non significa affatto che dai prezzi attuali non possa ancora aumentare vertiginosamente: raddoppiare ulteriormente e magari fare ancora molto di più.
Non mi stupirei affatto nel vedere il prezzo di un bitcoin a 30.000 o anche a 50.000 mila dollari.
Durante la follia di una bolla può accadere qualsiasi cosa.
Il dato di fatto è che la quasi totalità di chi acquista bitcoin oggi lo fa con l’esclusivo scopo di speculare. I prezzi attuali sono giustificati esclusivamente dalla speculazione. Non c’è nessuno (o una parte del tutto marginale e trascurabile) che acquista bitcoin perché ha necessità di utilizzarli, di spenderli. Se si considera quanto scriverò fra poco, non c’è alcun ragionamento logico che possa far salire il prezzo in questo modo.Bitcoin è diventato così popolare per ragioni tecnologiche interessanti e queste ragioni hanno tutte le caratteristiche per restare e cambiare alcuni aspetti della nostra vita in futuro.
La tecnologia Bitcoin ha prodotto per la prima volta nella storia un bene digitale che è trasferibile, ma non duplicabile. Essendo un bene limitato (perché non se ne potranno “estrarre” più di un certo numero) molti hanno visto nei bitcoin una sorta di “oro digitale”.
Le idee e l’infrastruttura informatica che sta alla base di Bitcoin è molto interessante (anche se alcuni aspetti la rendono problematica come l’enorme consumo di energia che richiede) e non ci sono molti dubbi sul fatto che in futuro verrà utilizzata, almeno come idea, per tutti quei settori che richiedono registri pubblici e/o la creazione di “beni digitali” non duplicabili.
Al momento tutti comprano bitcoin sperando che salga per poterne uscire più ricchi di prima. Ad un certo punto, tutti coloro che sarebbero, astrattamente, disponibili a fare questo genere di scommessa finiranno perché avranno tutti comprato bitcoin.
Affinché il prezzo raggiunto continui a mantenersi a quei livelli, sarà necessario che la domanda venga alimentata da chi compra bitcoin perché trova una utilità (deve farci qualcosa che non può fare diversamente o che trova più vantaggioso fare attraverso Bitcoin).
La questione di fondo, quindi, è: riuscirà Bitcoin a ritagliarsi un ruolo strutturale nel panorama finanziario mondiale?
Bitcoin potrebbe essere solo due cose: una riserva di valore simile all’oro fisico (che potenzialmente potrebbe andare a sostituire) oppure un mezzo di pagamento. Quest’ultima ipotesi è tecnicamente molto improbabile. Bitcoin è sostanzialmente troppo lento per stare al passo con l’enorme numero di transazioni che si fanno quotidianamente. Chi vede Bitcoin come una moneta (a dispetto del nome) fondamentalmente non ha capito niente di questa tecnologia.
Ad oggi non c’è niente che renda i Bitcoin un efficiente strumento di riserva di valore.
I “teorici” di Bitcoin vedono nell’assenza di una banca centrale che governi lo strumento di scambio uno dei suoi maggiori punti di forza.Nella realtà, l’atteggiamento che terranno le banche centrali nei confronti di questo strumento sarà l’elemento determinante che ne decreterà il sostanziale fallimento oppure la possibilità che esso rivesta un ruolo come possibile riserva di valore digitale al quale, necessariamente, dovrà agganciarsi un ecosistema di strumenti di pagamento digitali che né giustifichino l’esistenza.
E’ del tutto evidente che il giorno in cui Bitcoin assumerà una qualche rilevanza dal punto di vista macroeconomico, ovvero muoverà dei valori economici o finanziari oggetto d’interesse delle banche centrali, arriverà una regolamentazione del fenomeno.Oggi è semplicemente impossibile stabilire quale possa essere il valore dei bitcoin nel medio/lungo termine, perché non si conosce quale sarà la regolamentazione di questo strumento.La grande maggioranza di coloro che oggi alimenta la speculazione sui bitcoin non si pone minimamente il problema del futuro di Bitcoin. Acquista bitcoin semplicemente perché salgono.
Questo si può fare, ma si deve essere consapevoli che si tratta di una scommessa. Chi acquista bitcoin oggi lo dovrebbe fare con lo stesso spirito con il quale acquista un biglietto della lotteria. Sa che sta spendendo dei soldi per comprare un sogno. Non lo deve equiparare ad un investimento finanziario perché non ci sono le condizioni minime per poterlo definire uno strumento d’investimento.
Quindi, se proprio si è mossi dalla naturale ed inevitabile avidità e si vuole “acquistare questo sogno”, il sentito suggerimento è che si faccia con quella quantità di denaro che si è disposti a buttare via completamente. Molti di quelli che lo faranno li perderanno, una piccolissima parte di questi ci guadagnerà. Di questa piccolissima parte, una parte saranno semplicemente fortunati (la parte più piccola) un’altra parte sono persone che conoscono le regole della speculazione, sono consapevoli di mettere soldi in una bolla e prendono le precauzioni operative necessarie. (Alessandro Pedone, responsabile Aduc Tutela del Risparmio)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | 1 Comment »

Le miglior scuole di lingue nel 2017

Posted by fidest press agency su mercoledì, 20 dicembre 2017

scuola EC, St. Julian_s, MaltaI vincitori della seconda edizione degli ESL Language Travel Awards sono stati scelti tra più di 400 scuole di lingua sui 5 continenti, che vanno dai piccoli centri indipendenti ai grandi gruppi internazionali. La cerimonia ha premiato 9 categorie, dalla “Scuola di lingua inglese dell’anno” al “Campione per la Responsabilità Sociale d’Impresa (RSI)”.In un’industria caratterizzata da numerosi enti di accreditamento, gli ESL Language Travel Awards offrono agli studenti delle classifiche assolutamente oggettive. Sono basate su un’attenta analisi di oltre 7.000 recensioni di studenti e più di 180 valutazioni da parte dello staff di ESL ricevute negli ultimi 12 mesi.La cerimonia si è svolta durante il workshop annuale di ESL a cui partecipano le scuole di lingua di tutto il mondo.
I vincitori del 2017 sono:
• Scuola dell’anno – inglese: EC, St. Julian’s, Malta
• Scuola dell’anno – altre lingue: Lexis, Seoul, South Korea
• Gruppo di scuole dell’anno: Kings Education
• Infrastrutture scolastiche dell’anno: Brooklyn School of Languages, New-York, United States of America
• Alloggio dell’anno: IH, Belfast, Northern Ireland
• Programmi d’insegnamento dell’anno: CIAL, Lisboa, Portugal
• Programma d’attività dell’anno: Liverpool School of English, United Kingdom
• Campione RSI dell’anno: ILSC Education Group
• Programma Junior dell’anno: BSC Ardingly College, United Kingdom
Su ESL: eletta per la 5a volta “Migliore Agenzia d’Europa” nel 2016, ESL è una delle principali agenzie internazionali di soggiorni linguistici. ESL rappresenta il più ampio ventaglio di proposte, con oltre 400 scuole di lingua in tutto il mondo e corsi all’estero in 23 lingue. Con uffici in 12 paesi e 58 città, ESL offre un servizio di consulenza personalizzato e su misura per tutti i suoi studenti. L’agenzia ha contribuito a plasmare l’industria dei viaggi studio, lanciando programmi ambiziosi in destinazioni insolite e servizi innovativi.

Posted in Estero/world news, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Università e qualità della vita

Posted by fidest press agency su mercoledì, 20 dicembre 2017

Campus DurandoMilano. Sessioni d’esame, laboratori, corsi, progetti, revisioni. Gli anni dell’Università sono da molti considerati tra i più belli della vita, ma coincidono anche con un periodo di grande e costante impegno che vede i giovani allontanarsi da casa e trascorrere la gran parte delle proprie giornate all’interno del campus universitario, spesso ritrovandosi a dover cambiare città, o persino Paese, per poter inseguire i propri sogni ed ambizioni.Ma quali sono le maggiori problematiche che gli studenti di oggi si trovano a fronteggiare? E come si immaginano di poterle risolvere, così da vivere in un ambiente più sereno e ‘student-friendly’? Se lo sono chiesti Sodexo, leader mondiale nel settore dei servizi che migliorano la Qualità della Vita, Nuova Accademia di Belle Arti Milano (NABA) e Domus Academy, promotori della terza edizione della Design Marathon. Una competizione concentrata in 48 ore di creatività no stop e rivolta esclusivamente a studenti selezionati che, divisi in gruppi di lavoro, hanno realizzato progetti mirati a migliorare la vita quotidiana in ambito universitario. Sodexo, che vuole guardare al futuro attraverso gli occhi dei giovani, ha invitato così i ragazzi ad immaginare un mondo in cui tutto funziona e non resta altro di cui occuparsi che i propri obiettivi personali: per concentrarsi su desideri, aspirazioni e sogni utilizzando la propria creatività ed immergendosi così in una realtà di qualità, superando quelle criticità tipiche dello studente.Dagli elaborati sono emerse alcune criticità su cui gli studenti hanno lavorato integrando pensieri e idee in modalità multidisciplinare e ideando possibili soluzioni per ognuna di esse.Tra le problematiche maggiormente sollevate, la difficoltà riscontrata dagli studenti provenienti dall’estero o da diverse parti d’Italia di ritrovarsi soli e di doversi ambientare in una realtà totalmente nuova.La frenesia della routine universitaria, scandita da sessioni d’esame e lunghe giornate a lezione, può generare stress: i ragazzi sentono, così, di non disporre del tempo sufficiente per prepararsi al meglio per le prove scolastiche, non riuscendo a conciliare gli impegni universitari con i mille imprevisti della vita quotidiana, che pian piano va riempiendosi di responsabilità.Vincitore del concorso è l’idea innovativa di cinque studenti: Akshay Khandelwal, Leman Koksal, Nilufer Durmaz, Parul Agarwal e Sarah Chatta. Si tratta di Care+, il progetto di un sistema integrato di servizi in grado di migliorare la qualità della vita del tipico studente universitario fuori sede.Un aiuto a tutti coloro che, ritrovandosi soli in una città nuova, faticano a trovare il tempo di occuparsi della casa, sbrigare commissioni o persino curarsi a dovere in caso di malattia.Attraverso un’app, lo studente può mettersi in contatto con l’idraulico Sodexo, nel caso di una perdita improvvisa in casa, o con il primo medico disponibile, in caso di influenza, così da risparmiare tempo prezioso da dedicare allo studio o ai propri progetti personali.
Hanno ricevuto una menzione da parte di Sodexo anche altri due progetti che hanno ideato originali soluzioni improntate a una maggiore socializzazione all’interno del campus: come un’App che permette agli utenti di creare e sponsorizzare eventi in Università e un nuovo innovativo concetto di spazio di co-working notturno.Partendo dal presupposto che il modo migliore di creare un valore reale e duraturo sia quello di mettere le persone al centro delle organizzazioni e della società nel suo insieme, Sodexo crede fermamente nel fatto che la Qualità della vita sia un fattore cruciale ed altamente impattante su qualsiasi prestazione.Come ha spiegato ai ragazzi Nadia Bertaggia, HR Director Med Region di Sodexo, esistono alcune tematiche che impattano in modo diretto sulla Qualità della Vita in Università: “tra queste c’è senz’altro l’Ambiente Fisico, un aspetto in grado di influenzare la nostra percezione di comfort e sicurezza, ma anche la Salute e il Benessere, condizioni fondamentali per una vita serena che, in ambito universitario, coincidono anche con la possibilità di consumare nei ristoranti del campus un pasto bilanciato e salutare.”Non sono da trascurare nemmeno aspetti che migliorano la vita degli studenti in termini di Semplicità ed Efficienza, che possono concretizzarsi nei servizi più diversi come un helpdesk, servizi di consegna, navette o persino lavanderie”.

Posted in Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Commission’s top scientific advisers publish opinion on Food from the Oceans

Posted by fidest press agency su mercoledì, 20 dicembre 2017

ciboThe High Level Group of the Commission’s Scientific Advice Mechanism has published a new scientific opinion on ‘Food from the Oceans’. The advisers were asked to look at how more food and biomass can be obtained from the oceans in a way that does not deprive future generations of their benefits.
The High Level Group formulates policy recommendations to help meet the demands of a global population approaching 10 billion by 2050. Karmenu Vella, Commissioner for Environment, Maritime Affairs and Fisheries, said: “The growing global population can’t be fed by agriculture alone. Luckily, there is vast potential in the ocean. This report will help in two ways. It points to how we can get more food from the ocean. And it indicates how to do that sustainably.”
Carlos Moedas, Commissioner for Research, Science and Innovation, added: “This substantive opinion and comprehensive evidence review shows that the Commission’s Scientific Advice Mechanism is going from strength to strength. I am confident that the value of this opinion will be recognised not just by European policy makers, but also by national governments and all those who care about the future of our oceans.”Spotlight on the recommendations: take into account producer and consumer needs for a balanced food production framework – expand consumption of species lower in the food chain (i.e. algae and shellfish) – consider fish farming in sustainable fisheries partnership agreements between the EU and southern partner countries.As announced by President Juncker on 13 May 2015, the Commission set up the Scientific Advice Mechanism (SAM) to contribute to the quality of EU legislation with scientific expertise. It has already presented valuable opinions in areas such as CO2 emissions from cars, cybersecurity and biotech. A news item and the scientific opinion are available online.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

EU deploys vessel in the Adriatic Sea to reinforce fisheries control

Posted by fidest press agency su mercoledì, 20 dicembre 2017

mare adriaticoSince 1 December, the inspection vessel ‘AEGIS I’ has been patrolling in the Adriatic Sea as part of a joint deployment plan for the Mediterranean. The European Fisheries Control Agency (EFCA) is collaborating with Greece, Italy and Croatia who will have inspectors on board the vessel.
The main purpose is to monitor and carry out inspections on fishing vessels engaged in fishing of small pelagic species, blue fin tuna and swordfish. In addition, the operation will monitor fishing activity in the Jabuka/Pomo Pit area where a new fisheries restricted area will come into force in 2018 as part of a recommendation by the General Fisheries Council for the Mediterranean (GFCM).This GFCM recommendation and the associated control regime are tangible results of the commitments made in the Malta Medfish4ever ministerial declaration, which acknowledged that control and inspection are essential elements for the success of conservation and management measures in the Mediterranean. Moreover, the Declaration sought to further develop both fisheries restricted areas and marine protected areas in the Mediterranean Sea. It is expected that the Declaration will ensure effective protection of least 10% of the Mediterranean by 2020, in line with the United Nations Sustainable Development Goal 14.5 and the priorities of the Our Ocean conference hosted by the EU in October.
Compliance with the rules of the EU’s Common Fisheries Policy is crucial for achieving healthy and sustainable fish stocks. The European Fisheries Control Agency contributes to an effective and uniform application of these rules. Through joint deployment plans, EFCA facilitates cooperation between Member States by exchanging inspectors, joint planning and coordinating the deployment of national fisheries patrol vessels.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Agreement on Commission proposal for a multi-annual fisheries management plan for the North Sea

Posted by fidest press agency su mercoledì, 20 dicembre 2017

european parliamentThe European Parliament, the Council and the Commission have reached a political agreement on a multi-annual management plan for demersal fish stocks in the North Sea. This comprehensive plan covers more than 70% of the fishing sector, sets catch limits based on science and brings decision-making closer to the fisherman.
The EU co-legislators have reached an agreement during an informal trilogue, on the Commission’s proposal from August 2016. The new North Sea plan is the first comprehensive plan for this sea basin and the second multiannual plan for the EU, following the one for the Baltic Sea reached in 2016.
Commissioner Karmenu Vella stated: “I am very pleased with today’s political agreement, as it signals the EU’s determination to protect the future of our fishing industry and coastal communities. The North Sea is one of Europe’s richest fishing grounds and only with long-term and sound planning, we can provide the necessary predictability and profitability to our fishermen for the long run. Today’s agreement shows that the EU lives up and continues to pursue its ambitious commitments for more sustainable fisheries made at the Our Ocean Conference 2017 in Malta”.The fisheries of the North Sea are highly complex, involving vessels from at least seven coastal Member States, as well as Norway. Vessels use a variety of fishing equipment and their catches consist of a mix of different species, such as cod and haddock, or plaice and sole. Today’s agreement is for a plan for demersal fish stocks, i.e. fish that live and feed near the bottom of the sea.The agreement includes ranges within which sustainable catch limits can be set on the basis of the best available scientific advice, as well as rules on recreational fisheries where it has a significant impact on the relevant stocks.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Sicurezza dei prodotti nel mercato unico UE

Posted by fidest press agency su mercoledì, 20 dicembre 2017

european commissionBruxelles. La Commissione presenta due proposte legislative finalizzate a rendere più facile per le imprese, in particolare le PMI, vendere i propri prodotti in Europa e a rafforzare i controlli da parte delle autorità nazionali e dei funzionari doganali per impedire la vendita ai consumatori europei di prodotti non sicuri.
Le iniziative sono intese a migliorare due aspetti della libera circolazione delle merci nell’UE:
Rendere più facile la vendita di un prodotto in un altro Stato membro
Il principio del “reciproco riconoscimento” garantisce che i prodotti che non sono soggetti a una regolamentazione a livello dell’UE possano, in linea di principio, circolare liberamente all’interno del mercato unico se sono legalmente commercializzati in uno Stato membro. Questo principio dovrebbe consentire ai fabbricanti di vendere i loro prodotti in Europa, senza sottostare a ulteriori prescrizioni. Per applicare il principio in modo più rapido, più semplice e più chiaro, la Commissione propone un nuovo regolamento sul reciproco riconoscimento delle merci.
Rafforzare i controlli delle autorità nazionali volti a garantire che i prodotti siano sicuri e conformi alle norme.Sono ancora troppi i prodotti non sicuri e non conformi venduti sul mercato dell’UE: ad esempio, risulta dalle ispezioni che il 32% dei giocattoli, il 58% dei dispositivi elettronici, il 47% dei prodotti da costruzione e il 40% dei dispositivi di protezione individuale non soddisfano i requisiti in tema di sicurezza o di informazioni ai consumatori previsti nella legislazione dell’UE. Oltre a rappresentare un rischio per i consumatori, tali prodotti pongono in una situazione di svantaggio competitivo le imprese virtuose.
Il mercato unico, che celebrerà il suo 25º anniversario nel 2018 ed è uno dei maggiori successi dell’Europa, assicura la libera circolazione delle merci, dei servizi, dei capitali e delle persone. Se ai consumatori garantisce una scelta più ampia e prezzi più bassi, ai professionisti e alle imprese esso apre nuove opportunità. Consente alle persone di viaggiare, vivere, lavorare e studiare ovunque lo desiderino.
Gli scambi di merci costituiscono il 75% del commercio intra UE e rappresentano circa il 25% del PIL dell’UE. Le regole sui prodotti dell’UE valgono per la grande maggioranza di tutti i prodotti fabbricati nell’Unione. Tali prodotti hanno un valore di 2 400 miliardi di euro e sono fabbricati o distribuiti da circa 5 milioni di imprese. Le norme europee assicurano la libera circolazione dei prodotti in tutta l’Unione, garantendo al contempo un elevato livello di protezione dell’ambiente, della salute e della sicurezza. Ad esempio, la legislazione dell’UE in settori come quelli dei giocattoli e delle sostanze chimiche è fra le più rigorose al mondo.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

EU and Arctic partners agree to prevent unregulated fishing in high seas

Posted by fidest press agency su mercoledì, 20 dicembre 2017

European UnionThe European Union, together with partners engaged in Arctic matters (Canada, the People’s Republic of China, the Kingdom of Denmark in respect of Greenland and the Faroe Islands, Iceland, Japan, The Republic of Korea, Norway, the Russian Federation and the United States), have succeeded in reaching an international agreement to prevent unregulated commercial fishing in the Arctic high seas. That is, until sufficient scientific information to support the sustainable exploitation of fish stocks in the region is available.The Arctic region is warming at almost twice the global average rate, causing a change in the size and distribution of fish stocks. As a result, the Arctic high seas may become more attractive for commercial fisheries in the medium to long term. However, until present, most of the Arctic high seas were not covered by any international conservation and management regime.The agreement, reached in Washington DC at the fifth and final round of negotiations, will be a first step towards the creation of regional fisheries management organisations for the Central Arctic Ocean, to ensure that any future fishing is carried out sustainably.
The agreement is fully in line with the European Union’s long-standing position – emphasised recently at the EU-hosted Our Ocean Conference in Malta on 5-6 October – that no commercial fisheries should begin in the Arctic high seas before a science-based and precautionary management regime is in place.
Sound stewardship of the high seas has a prominent place in the EU’s Arctic policy and Ocean Governance policy, as regards a responsible approach towards utilizing Arctic marine resources, while respecting the rights of indigenous peoples.The agreement will enter into force when all ten Parties have signed and subsequently ratified the agreement.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Startup World Cup zurück in Luxemburg

Posted by fidest press agency su mercoledì, 20 dicembre 2017

logoLuxemburg.Talentierte Unternehmer und Unternehmensschmieden aus Luxemburg und der Großregion, holen Sie Ihre Kalender hervor! Am 22. März 2018 findet in Luxemburg die zweite Auflage des Startup World Cup statt. Dieser weltweit anerkannte Wettbewerb, der von dem renommierten Event-Veranstalter Farvest und EY, Marktführer im Bereich von Unternehmensdienstleistungen, organisiert wird, findet zum zweiten Mal in Folge in Luxemburg statt, das als Gastgeberland dieser prestigeträchtigen Veranstaltung für Start-ups ausgewählt wurde.Bedenkt man die Bemühungen der luxemburgischen Regierung, Luxemburgs Ruf als Start-up-Nation gerecht zu werden und junge Unternehmen zu unterstützen, die sich in einem wachsenden Umfeld weiterentwickeln und erfolgreich sein möchten, ist dies kein Zufall.
Im März dieses Jahres wurde Epsilon in Luxemburg zum Sieger der diesjährigen Ausgabe ernannt. Als Marktführer für vernetzte Schuhe hat das junge Unternehmen mit Sitz in Nancy (Lothringen), das 2014 von Karim Oumnia gegründet wurde, ein neues Geschäftsmodell entwickelt, das Elektronik in Schuhe integriert. Dazu gehört die Herstellung von fußwärmenden Schuhsohlen, die es ermöglichen, die Temperatur Ihrer Schuhe über ein Smartphone zu regulieren und die ersten „intelligenten Schuhe” vorzustellen und auf den Markt zu bringen.Startup World Cup setzt sich aus einer Reihe weltweiter Konferenzen und Wettbewerben zusammen mit dem Ziel, Start-up-Ökosysteme weltweit miteinander zu verbinden. Dabei werden die talentiertesten Unternehmer ermutigt, für den angesehenen Titelgewinn des Startup World Cup zu kämpfen. 32 regionale Veranstaltungen sind weltweit geplant und führen zum großen Finale im Silicon Valley.
Am 22. März 2018 findet die zentrale europäische Veranstaltung statt. Es handelt sich dabei um das Halbfinale in Luxemburg.Startup World Cup wird von Fenox Venture Capital organisiert, einer seit vielen Jahren im Silicon Valley ansässigen Venture-Capital-Gesellschaft. Die Veranstaltung im März in Luxemburg war das Debüt des Wettbewerbs in Europa.
Das groβe Finale findet am 11. Mai 2018 in San Francisco statt. Der Gewinner des Pitching-Wettbewerbs wird Europa vertreten und mit 32 weiteren Start-ups aus aller Welt in Wettbewerb stehen – mit der Möglichkeit, USD 1.000.000 für Investitionen in das eigene Unternehmen zu gewinnen.
Bewerbungen können nun eingereicht werden. Alle interessierten Start-ups können sich unter folgendem Link bewerben: http://www.startupworldcup.io/luxembourg-application (photo. logo)

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Ministers agree on fishing catch limits in the Atlantic and North Sea for 2018

Posted by fidest press agency su mercoledì, 20 dicembre 2017

mare blu1

The negotiations were based on the Commission’s proposal for Total Allowable Catches (TAC), presented by Commissioner Karmenu Vella.The agreement will bring 53 catch limits (TACs) to Maximum Sustainable Yield (MSY) levels in 2018, 9 more than in 2017. In 2009, only 5 stocks had catches set at MSY.
Commissioner Vella welcomed the outcome: “We are now more than half-way to the 2020 deadline to ensure that all stocks are fished sustainable. With today’s agreement two-thirds of fish in the Atlantic and the North Sea will be subject to sustainable catch limits next year. I would like to pay particular tribute to our fishermen, who year by year undertake considerable efforts. Each year we move closer to our objective of sustainable fisheries and this will bring substantial long term reward.”As the size of some key fish stocks is increasing, so is the profitability of the fishing sector. Today’s agreement on fishing opportunities is worth over €5 billion, benefiting more than 50,000 fishermen.
For the first time at EU level, it was agreed to close eel fisheries for three months during their migration period. Moreover, Member States committed to additional actions to protect the eels throughout its lifecycle and in all sea basins. These measures are crucial, both for the recovery of the stock and to safeguard the communities who depend on this fishery.For sea bass, an improved package was agreed which should allow the stock to start recovering following years of decline. The package recognises the responsibility of commercial and recreational fishermen alike.Sustainable fisheries are at the core of the EU’s Common Fisheries Policy. It sets a legal obligation to ensure that by 2020 at the latest, all stocks are fished sustainably (MSY). Maximum Sustainable Yield (MSY) levels allow the fishing industry to take the highest amount of fish from the sea while keeping fish stocks healthy.
The European Union is pursuing sustainable fisheries not only in home waters, but worldwide though bilateral partnership agreements and its work in international and regional fisheries management organisations. Sustainable fisheries were also among the key topics at the EU-hosted Our Ocean conference, 5-6 October 2017 in Malta, which generated important private sector engagements to advance sustainable seafood consumption.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Periferie e disagi economici

Posted by fidest press agency su mercoledì, 20 dicembre 2017

periferia“Il 33,8% dei residenti nei capoluoghi metropolitani vive in quartieri dove c’è una significativa presenza di famiglie con potenziale alto disagio economico. L’incidenza di tali famiglie è variabile fra l’1-3% nel Nord, fino al 4 – 14% nel Mezzogiorno con punte massime a Napoli, Palermo e Catania”.
È quanto si legge in un estratto della Relazione conclusiva sull’attività svolta Commissione parlamentare d’inchiesta sulle condizioni di sicurezza e sullo stato di degrado delle citta’ e delle loro periferie, presieduta da Andrea Causin, deputato di Forza Italia. “Altrettanto rilevante – prosegue – è la quota di residenti metropolitani, pari al 37,5% in quartieri dove si manifesta una significativa presenza di famiglie a elevata vulnerabilità sociale e materiale, quale sintesi di sette diversi indicatori. I valori massimi si registrano a Messina dove 51,6% della popolazione vive a stretto contatto con famiglie in condizioni di forte deprivazione sociale”

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Pauvreté, un combat européen à mener avec les démunis

Posted by fidest press agency su mercoledì, 20 dicembre 2017

PauvretéEn Europe, le nombre des démunis reste bien trop élevé. L’Union européenne (UE) et les États membres, qui se sont fixé un objectif collectif de baisse de la pauvreté avant la crise, doivent se saisir de cette question. C’est un enjeu économique, de compétitivité autant qu’un défi humain et social. Un sursaut européen appelle la participation des pauvres et des exclus aux politiques qui les concernent.
Dans cette tribune, Sylvie Goulard, ancienne présidente de l’intergroupe de lutte contre la pauvreté du Parlement européen (2010-2017) et ancienne ministre des armées, rappelle que la lutte contre la pauvreté renvoie à la question du sens de l’intégration européenne : quel type de société voulons-nous bâtir ensemble ? Après un panorama rapide des inégalités et de la pauvreté, elle pose la délicate question du niveau approprié d’action publique : l’UE, au nom de l’égalité ? Les États, au nom de la subsidiarité, au risque de perpétuer l’unanimité en matière fiscale qui limite la redistribution? Enfin, elle insiste sur la méthode choisie pour lutter contre la pauvreté, politiques qui doivent être conçues avec les personnes démunies. (photo: Pauvreté)

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

UNHCR intensifica il sostegno alle persone in fuga dal Camerun in Nigeria

Posted by fidest press agency su mercoledì, 20 dicembre 2017

camerunL’UNHCR, l’Agenzia ONU per i Rifugiati, sta intensificando la sua presenza nel sud-est della Nigeria per fornire assistenza salvavita alle migliaia di persone che continuano a fuggire dalle aree anglofone del Camerun. Da quando in ottobre sono aumentate le tensioni tra le forze di sicurezza e gli indipendentisti nella regione anglofona del Camerun, personale UNHCR e governativo ha registrato circa 7.204 arrivi nelle aree remote del Cross River State in Nigeria, e si riporta che altre migliaia di persone siano in attesa di essere registrate.Circa il 70 percento dei richiedenti asilo registrati provengono dalle aree di Akwaya, nel sud–ovest del Camerun. Per la maggior parte si tratta di donne e bambini, ospitati dalle comunità locali in prossimità del confine. L’UNHCR è preoccupata del fatto che la popolazione locale raggiunga presto la sua capacità massima, mentre le agitazioni in Camerun non si fermano e molti altri richiedenti asilo continuano ad arrivare.Le piogge torrenziali tipiche della stagione, hanno aggravato le condizioni delle strade nelle aree più remote, ostacolando la distribuzione degli aiuti. L’UNHCR e le altre organizzazioni partner stanno distribuendo cibo, beni di prima necessità e fornendo cure mediche. L’UNHCR sta anche dispiegando più personale nella regione e si sta coordinando con i partner e le autorità locali e nazionali per rispondere ai bisogni di tutte le persone coinvolte.Per far fronte agli arrivi e rafforzare il coordinamento e l’intervento di risposta dell’UNHCR saranno necessarie ulteriori risorse. Al momento, in Nigeria, l’UNHCR e le organizzazioni partner hanno elaborato un piano d’emergenza nell’eventualità di nuovi arrivi.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Buone notizie per l’informazione

Posted by fidest press agency su mercoledì, 20 dicembre 2017

luigi di maiodi Luigi Di Maio. In tempi in cui i giornali tradizionali vendono sempre meno copie, in cui la loro affidabilità è sempre più messa in discussione e in cui si parla (spesso a sproposito) di fake news, mi sembra doveroso parlare anche di nuove realtà editoriali che nascono e si affermano spesso nell’indifferenza (se non fastidio) dei media tradizionali.Sono realtà che ovviamente nascono online, in forma collaborativa, che si sostengono con il crowdfunding e che sono portate avanti da giovani professionisti che hanno voglia di innovare e sperimentare. Non sono contaminate da logiche politiche, non pretendono finanziamenti pubblici e puntano alla qualità piuttosto che alla quantità. Sono tante, hanno community molto attive, alcune ci sono da poco, altre da molto. Sono una fonte di informazione attendibile, ma alternativa a quella mainstream, a cui non lesinano critiche, né omettono di evidenziarne gli errori. Sono realtà che si sono conquistate la credibilità sul campo, quella che la stampa tradizionale ha perso. Insomma se vedete un loro post su Facebook potete fidarvi. Queste esperienze sono da valorizzare, non certo con i contributi statali, ma raccontandole ed eventualmente con un sostegno concreto.Mi prendo l’impegno di farlo periodicamente (segnalate nei commenti se voi ne conoscete) e oggi inizio con Valigia Blu http://www.valigiablu.it, un blog collettivo che risponde in pieno alle caratteristiche che vi ho elencato sopra. E’ nata 8 anni fa con un appello che raccolse 200.000 firme dal titolo “Prescrizione non è assoluzione” per chiedere una rettifica all’allora direttore del Tg1 Augusto Minzolini. Non vivono di pubblicità, ma solo di piccole donazioni dei loro sostenitori. In questi giorni hanno ottenuto il loro obbiettivo di raccolta fondi e colgo l’occasione per fare a tutti loro gli auguri affinchè contribuiscano a costruire un nuovo panorama informativo che metta al primo posto il lettore, la qualità delle informazioni e la verifica scrupolosa delle fonti.Spero anche che i rappresentanti delle istituzioni non si limitino a fare inutili crociate contro le “fake news” evocando la censura (sopratutto la censura del web, quando le falsità vengono diffuse da sempre, in particolare dai giornali), ma inizino a incoraggiare le esperienze positive come quella di cui vi ho parlato oggi. Buona informazione a tutti! (fonte blog 5 stelle)

Posted in Spazio aperto/open space | Leave a Comment »

Patologie mitocondriali

Posted by fidest press agency su mercoledì, 20 dicembre 2017

parma universitàParma. I ricercatori dell’Università di Parma Paola Goffrini ed Enrico Baruffini, del Dipartimento di Scienze Chimiche, della Vita e della Sostenibilità Ambientale (SCVSA), sono risultati vincitori di due progetti presentati al bando Ricerca Finalizzata 2016 del Ministero della Salute.
La prof.ssa Paola Goffrini è Responsabile di Unità del primo progetto, dal titolo Mitochondrial aminoacyl tRNA synthetases: implementation of the genetic diagnosis and evaluation of amino acid supplementation as potential therapeutic approach, mentre il Principal Investigator è il prof. Daniele Ghezzi dell’Istituto Neurologico CARLO BESTA di Milano. Il progetto, al quale partecipa anche il gruppo di ricerca del prof. Enrico Bertini dell’Ospedale Bambino Gesù di Roma, ha la durata di due anni e ha avuto un finanziamento di 390.000 euro, di cui 55.000 per l’Unità di Parma. Il secondo progetto, di cui è Responsabile di Unità il prof. Enrico Baruffini, si chiama Italian Project on Hereditary Optic Neuropathies (IPHON): from genetic basis to therapy e rientra nella sezione del bando “Giovani Ricercatori”, i cui partecipanti devono avere tutti meno di quarant’anni. Il Principal Investigator è il dott. Leonardo Caporali, ricercatore presso l’Istituto Scienze Neurologiche con sede a Bologna. La ricerca, della durata di tre anni, è stata finanziata per 450.000 euro, di cui 89.360 destinati all’Unità di Parma. Entrambi i progetti hanno lo scopo di identificare, tramite l’utilizzo di tecniche di Next generation sequencing, nuove mutazioni in centinaia di pazienti affetti da patologie mitocondriali per le quali non è nota ancora la causa molecolare.Il ruolo delle Unità di Parma sarà quello di validare il ruolo patogenetico delle mutazioni, che verranno analizzate mediante studi funzionali nel modello lievito. Compito altrettanto importante delle Unità di Parma è quello di utilizzare i modelli mutati costruiti nella fase precedente al fine di identificare, tramite tecniche di Drug Discovery, Drug Repositioning e supplementazione aminoacidica, molecole in grado di ridurre gli effetti deleteri di queste mutazioni, da proporre come possibili terapie farmacologiche.Paola Goffrini ed Enrico Baruffini afferiscono al Gruppo di Genetica Molecolare e Biotecnologie dell’Unità di Scienze Biomolecolari, Genomiche e Biocomputazionali del Dipartimento SCVSA, di cui fanno anche parte anche le prof.sse Claudia Donnini e Tiziana Lodi, la dott.ssa Cristina Dallabona, dottore di ricerca, e le dott.sse Camilla Ceccatelli Berti, Micol Gilberti e Giulia De Punzio, dottorande in Biotecnologie e Bioscienze.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Probiotici “amici del cuore”

Posted by fidest press agency su mercoledì, 20 dicembre 2017

cuoreIl benessere del nostro cuore passa anche dall’intestino, o meglio dall’equilibrio del suo ecosistema. Lo dimostrano studi recenti, presentati durante l’ultimo congresso della SIMG, la Società Italiana di Medicina Generale e delle Cure Primarie, a Firenze, nel simposio “Ruolo, scelta e appropriato uso degli integratori nel trattamento dell’ipercolesterolemia e nel rischio cardiovascolare basso e moderato”. Le ricerche rivelano che specifici probiotici, se assunti in quantità adeguate, possono portare benefici evidenti all’organismo e soprattutto possono evitare che si creino degli squilibri, a livello intestinale, che possono portare alla progressione dei fattori di rischio cardiovascolare.Il professor Edoardo Felisi, docente del Master Prodotti Nutraceutici, dipartimento di Scienze del Farmaco, dell’Università degli Studi di Pavia, spiega infatti che “i probiotici sono microorganismi vivi e vitali e, aggiunti ad alimenti o a integratori, devono essere assunti in quantità adeguate, così da garantire l’eubiosi, cioè l’equilibrio della composizione qualitativa del microbiota intestinale. Questo permette di far funzionare correttamente l’organismo. Al contrario, la disbiosi è la perdita di questo equilibrio, determinato da una variazione qualitativa e quantitativa del microbiota intestinale”.Intervenendo sul microbiota si possono controllare anche diverse patologie sistemiche, a partire dal diabete di tipo 2, ma anche obesità, sindromi metaboliche e malattie infiammatorie del sistema nervoso centrale.In particolare, uno studio ha dimostrato l’importanza dell’assunzione di un probiotico specifico che agisce sulla riduzione dell’ipercolesterolemia e quindi del rischio cardiovascolare.
Il professor Paolo Magni, docente di Patologia Clinica, dipartimento di Scienze farmacologiche e biomolecolari, Università degli Studi di Milano commenta: ”È stato condotto uno studio clinico con un nutraceutico contenente un probiotico e riso rosso fermentato in una popolazione con modesta o moderata ipercolesterolemia e quindi soggetta a rischio cardiovascolare. I risultati rivelano che il nutraceutico, rispetto al placebo, riduce il colesterolo cattivo (LDL) del 26%; si è inoltre osservato che il colesterolo non HDL (colesterolo aterogenico) si riduce del 24%; questo è un importante effetto sulla riduzione del rischio cardiovascolare, in quanto la colesterolemia totale viene ridotta del 17%”.
Entrando nel dettaglio, il professor Magni specifica che “un particolare nutraceutico, il Bifidobacterium Longum BB536 – uno dei ceppi ad attività probiotica più studiati – rende insolubile il colesterolo, che non viene di conseguenza riassorbito a livello intestinale e pertanto non raggiunge il fegato, ma viene eliminato nelle feci”.“Secondo lo studio clinico citato, l’azione sinergica del probiotico, efficace nella riduzione dell’assorbimento del colesterolo, e di un prodotto naturale che riduce la produzione di colesterolo, come la Monacolina K, ottenuta dal processo di fermentazione del riso rosso, si è rivelata altamente efficace – conferma il dottor Gerardo Medea della Società Italiana di Medicina Generale e delle Cure primarie in Area metabolica -. Studi come questo sono un elemento fondamentale per i Medici di Medicina Generale nella scelta quotidiana del prodotto, in questo caso del probiotico più adatto ai pazienti con basso o moderato rischio cardiovascolare, purchè non abbiano bisogno di farmaci”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La traslazione della salma di Vittorio Emanuele III in Italia

Posted by fidest press agency su mercoledì, 20 dicembre 2017

piazza del pantheonHa stimolato una antica polemica, che sarebbe il caso di tralasciare affidando ogni giudizio al tempo che distilla tutti gli eventi. Dato per scontato che l’ex sovrano, penultimo re d’Italia, non merita, nel ricordo collettivo e nelle pagine della Storia, la dignità di sepoltura nel Pantheon, non bisogna negare una realtà trascurata, posta sotto il silenzio dal sovrastare di interpretazioni storiche che mirano a cancellare pagine di una storia che, invece, va ricordata.Gli errori di Vittorio Emanuele III nel non impedire l’avvento del fascismo in Italia e la successiva sudditanza nei confronti del nazismo di Hitler, finirono con il ritorcesi contro la stessa casa Savoia e non solamente come valutazione storica. Da nessuna parte ho letto, in questi giorni, il ricordo di Mafalda di Savoia, figlia di Vittorio Emanuele III, praticamente assassinata nel Lager di Buchenwald, dove venne deportata dai tedeschi con un tranello.
Nel 1943, il 22 settembre, Mafalda, con mezzi di fortuna, raggiunse Roma, dove potè rivedere i figli, nascosti in Vaticano, sotto la protezione di Mons. Montini (il futuro pontefice Paolo VI)
L’indomani, 23 settembre 1943, venne chiamata dal comando tedesco, motivando tale chiamata con improbabili notizie del marito: un tranello: in realtà il marito era già nel campo di concentramento di Flossenbürg, Mafalda venne subito arrestata e imbarcata su un aereo con destinazione Monaco di Baviera, fu trasferita poi a Berlino e, infine, deportata nel Lager di Buchenwald, dove venne rinchiusa nella baracca n. 15 sotto falso nome (Frau von Weber).
Nell’agosto del 1944 le truppe alleate bombardarono il lager; la baracca in cui era prigioniera la principessa fu distrutta e lei riportò gravi ustioni e contusioni varie su tutto il corpo. Recuperata da alcuni deportati, fu ricoverata nell’infermeria, ma senza cure le sue condizioni peggiorarono. Dopo quattro giorni di tormenti, a causa delle piaghe insorse la cancrena e le fu amputato un braccio. L’operazione ebbe una lunghissima, sconcertante durata. Ancora addormentata, Mafalda venne abbandonata in una stanza della baracca, privata di ulteriori cure e lasciata a se stessa. Morì dissanguata, senza aver ripreso conoscenza, nella notte del 28 agosto 1944. Fu seplota in una fossa comune con una solo numero per l’identificazione (262 eine unbekannte Frau (una donna sconosciuta). Dopo l’8 settembre alcuni marinai di Gaeta si misero alla ricerca della salma della principessa; ritrovata, gli stessi si tassarono per consentire la possibilità di riconoscimento. La principessa Mafalda riposa oggi nel piccolo cimitero degli Assia, nel castello di Kronberg im Taunus vicino a Francoforte sul Meno.Rimane il dato più rilevante che coinvolge l’intera famiglia Savoia, incapace di intervenire per sottrarre Mafalda alla perfida esecuzione dei nazisti: una ulteriore macchia nelle pagine della storia del nazi-fascismo, e nelle pagine della Storia di casa Savoia. (Rosario Amico Roxas)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Vittorio Emanuele III e Elena di Savoia rientrati in Italia

Posted by fidest press agency su mercoledì, 20 dicembre 2017

reali italia.pngIl rientro in Patria dei resti mortali delle LL. MM. Vittorio Emanuele III e Elena di Savoia rappresenta per i fautori della monarchia un momento di grande commozione e di una revisione di lettura della storia italiana riferita al Regno d’Italia.Riteniamo giusto e doveroso ringraziare la Principessa Maria Gabriella di Savoia, da sempre vicina all’Associazione Immagine per il Piemonte, per le sue doti di cultura e di politica internazionale capaci di riannodare i fili della Sua Casa che si erano persi in questi ultimi 70 anni.A Lei dobbiamo la gioia di poterci inginocchiare dopo tanti lustri davanti alle tombe del Re e delle Regina d’Italia a Vicoforte.Il Piemonte, secolare culla della dinastia, che già ha nella basilica di Superga il mausoleo dei Re di Sardegna, oggi può vantare di conservare nel barocco Santuario di Vicoforte (Cuneo) le salme dei Reali appena traslate da terre lontane.Aggiungiamo, e non per ultimo, il ringraziamento al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella per aver dimostrato interesse e sensibilità per la Storia della nostra Patria concedendo l’autorizzazione al rientro delle spoglie mortali di Vittorio Emanuele III e Elena di Savoia. (foto: reali italia)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | 1 Comment »

Il futuro dell’Oftalmologia: incontro formativo a Milano

Posted by fidest press agency su mercoledì, 20 dicembre 2017

tecnologie in evoluzioneE’ stata Milano la sede del prestigioso incontro “Tecnologie in evoluzione in Oftalmologia: il futuro è oggi”, un evento formativo per medici oftalmologi, che ha visto la partecipazione di più di 130 specialisti italiani.
L’incontro, realizzato grazie al contributo non condizionato di Bausch + Lomb e sotto il coordinamento scientifico del Dottor Ettore Destro, Responsabile del reparto di Oculistica dell’Istituto Clinico Città Studi di Milano, ha riscosso un grande successo, anche grazie alla sua formula innovativa che ha unito relazioni frontali e live surgery. Durante l’evento chirurghi, tra i più illustri esponenti dell’oftalmologia italiana, sono stati infatti impegnati in interventi chirurgici di retina e cataratta presso la Sala Operatoria dell’Istituto Clinico di Città Studi e le loro chirurgie sono state trasmesse in diretta streaming nella splendida e funzionale sede congressuale del Palazzo Copernico di Milano.Ma non si è parlato solo di chirurgia, durante l’incontro sono state infatti prese in esame due importanti tematiche che da sempre coinvolgono la pratica clinica oftalmologica: infiammazione e secchezza oculare. Si tratta di patologie che riguardano un’ampia fascia di popolazione: la secchezza oculare, o più comunemente dry eye, è una condizione piuttosto diffusa, così come gli interventi di chirurgia della cataratta e l’infiammazione che, nonostante l’evoluzione delle tecniche chirurgiche, rimane uno degli aspetti principali con cui si confronta quotidianamente il chirurgo oftalmologo.
L’evento milanese si è posto come un punto d’incontro tra chirurgia e farmacologia, infatti per garantire un migliore approccio terapeutico ai pazienti, la chirurgia oculare si sta evolvendo verso una nuova gestione medico-chirurgica della malattia. L’obiettivo era quello di offrire uno spazio di ragionamento per i medici specialisti, col fine di agevolare il confronto sulle metodiche chirurgiche, diagnostiche e terapeutiche attraverso l’analisi dei casi chirurgici mostrati con le live surgery e le relazioni scientifiche.
Live Surgery che ha dato ai partecipanti l’opportunità di apprezzare alcune novità tecnologiche, come quelle date dal laser a femtosecondi, una tecnologia recentemente perfezionata da Bausch + Lomb che incarna il futuro della chirurgia della cataratta e della cornea garantendo ai pazienti interventi sicuri, precisi e ripetibili, oltre all’ultima frontiera della chirurgia vitreo-retinica con ultrasuoni.“L’evento ha avuto un grande successo, molto oltre le aspettative con oltre 130 partecipanti, pur essendo in concomitanza con altri eventi di rilevanza nazionale.” afferma il Dottor Ettore Destro, che aggiunge: “Lo scopo era quello di mostrare e spiegare, affrontandolo con esempi pratici, tutto ciò che di più moderno e all’avanguardia offre la tecnologia in oftalmologia: “Il futuro è oggi”. Quello che sia relatori che i partecipanti hanno maggiormente apprezzato è la formula che unisce relazioni frontali di aggiornamento scientifico alla possibilità di vedere le chirurgie in diretta a cui ho voluto dare tempi più lunghi per consentire un maggior sviluppo della componente didattica. E’ grazie a incontri come questi che possiamo fermarci e unire le nostre esperienze per stabilire come possiamo offrire un servizio sempre migliore ai nostri pazienti. Un grazie va a Bausch + Lomb per aver fatto in modo che tutto questo fosse possibile e realizzabile. Voglio inoltre ringraziare la mia equipe che ha lavorato sodo dietro le quinte perché tutto si svolgesse con fluidità nel rispetto del programma.” (foto: tecnologie in evoluzione)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Lettera aperta alle forze politiche in vista delle elezioni della prossima primavera

Posted by fidest press agency su mercoledì, 20 dicembre 2017

elezioni1E’ intenzione della FICT presentare un documento all’attenzione di quanti si apprestano a concorrere alle prossime elezioni elettorali per chiedere con forza che la questione delle dipendenze venga rimessa al centro delle politiche. Il documento verrà proposto a tutti i senatori e ai candidati alle elezioni politiche e, su tutti i territori, tramite i 42 Centri federati FICT, ai candidati alle regionali e amministrative.In Italia il settore delle dipendenze è sempre più relegato ai margini del dibattito nazionale tra le diverse forze politiche. Sembra vi sia una sostanziale e generalizzata delega agli addetti ai lavori, che però, sia nel pubblico che nel privato sociale, sono sempre meno e sempre più soli.Eppure a leggere i dati ufficiali della Relazione annuale sulle droghe al Parlamento, a voler fare lo sforzo di capire, c’è da restare sconcertati. Le droghe non solo sono sempre più diffuse e pericolose, ma si evolvono con una rapidità straordinaria, a fronte di un sistema di contrasto fossilizzato ed arretrato di decenni.Il sistema di contrasto, la rete dei servizi del pubblico e del privato sociale deve continuamente lottare per la propria sopravvivenza, facendo il possibile con risorse sempre più esigue ed all’interno di un quadro normativo arretrato ed inadeguato.Mentre il mondo della droga è quotidianamente in evoluzione, e negli ultimi 10 anni ha visto un mutamento enorme, nelle forme di dipendenza, nelle sostanze e persino nelle modalità di assunzione, gli operatori sono costretti ad operare con strumenti di intervento che fanno riferimento ad una normativa ampiamente superata. Ed a fronte di tutto ciò solo un assordante silenzio della politica.

Posted in Lettere al direttore/Letters to the publisher, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »