Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 275

Archive for 22 dicembre 2017

Intelligenza artificiale: l’ultima invenzione dell’umanità?

Posted by fidest press agency su venerdì, 22 dicembre 2017

intelligenza artificialeZurich conferenza annuale del World Economic Forum 2018 che si terrà a Davos, in Svizzera. Esposizione aperta al pubblico: 23 – 25 gennaio 2018 Aperta tutti i giorni dalle 11:00 alle 16:00. Il padiglione di ETH Zurich diventerà un laboratorio sperimentale di esposizioni interattive che consentirà di addentrarsi nei meandri del cervello e solleticare le papille gustative dei visitatori presso il TasteLab café.
ETH Zurich – classificata tra le prime dieci università del mondo – ospiterà una discussione interattiva pre-conferenza annuale dal titolo “RETHINKING INTELLIGENCE”. Se da una parte le future applicazioni dell’apprendimento automatico (machine learning) dimostrano capacità potenzialmente sbalorditive, dall’altra hanno sollevato profonde controversie. “Come dobbiamo compilare il codice per garantire un futuro sostenibile evitando al tempo stesso l’autodistruzione?” In qualità di membro della stampa internazionale svizzera, La inteligenza artificiale1invitiamo a unirsi a questo evento per approfondire il concetto di “superintelligence”. La Sua presenza garantirà l’accesso a leader di primo piano e ricercatori di Google Research Europe, IBM Research Zurich, Disney Research, Starmind, Silicon Valley Robotics ed ETH Zurich Robotics nonché esperti di intelligenza artificiale.John Fraher di Bloomberg News sarà il moderatore di un confronto interattivo che analizzerà i rischi e le potenzialità dell’intelligenza artificiale, probabilmente l’ultima invenzione dell’umanità.
“I creatori di sistemi intelligenti attualmente seguono due diversi indirizzi. Il primo mira a realizzare calcoli analoghi a quelli del cervello reingegnerizzando le esatte proprietà dei neuroni e delle reti all’interno del cervello. Il secondo approccio tenta di comprendere gli algoritmi neurali di alto livello utilizzati dal cervello per i calcoli e di replicarli in un dispositivo hardware computerizzato. Non è ancora chiaro quale dei due indirizzi prevarrà”. Benjamin Grewe, Assistente Professore di Neuroinformatica e di Sistemi Neuronali di ETH Zurich.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Con Tintin al Brafa Art Fair 2018

Posted by fidest press agency su venerdì, 22 dicembre 2017

fumettoBruxelles Da Sabato 27 Gennaio a Domenica 4 Febbraio al Tour & Taxis, Avenue du Port 88. Orari: 11-19 (Giovedì 1 Febbraio late opening fino alle 22) Museo del Fumetto di Bruxelles (Rue des Sables 20 http://www.comicscenter.net), 4.200 m² di tavole tra collezione permanente e mostre temporanee, e il Plantin Moretus Museum di Anversa (Vrijdagmarkt 22 http://www.museumplantinmoretus.be), casa-laboratorio della nota famiglia di stampatori, rimasta intatta come 400 anni fa, Patrimonio dell’Umanità Unesco.
E’ l’unica manifestazione d’arte al mondo in cui il fumetto d’autore ha un ruolo di tutto rispetto accanto a libri antichi o lettere autografe.Per quella che viene definita la Nona Arte: la galleria Huberty&Breyne ha selezionato tavole originali di François Avril, Jean-Claude Götting e Philippe Geluck, mentre la Belgian Fine Comic Strip Gallery dedica ampio spazio alle tavole di Tintin firmate Hergé ma anche alle opere di Peyo e Hugo Pratt.
La Chambre professionnelle belge de la Librairie Ancienne et Moderne (40 antiquari provenienti dalle principali città del Paese) propone una selezione di lettere e manoscritti tra cui la ventennale corrispondenza fra i pittori Emile Claus e Henri Le Sidaner (1900-1921) e un volume di 66 litografie di opere della POP Art e del movimento CoBRA. Prezioso, inoltre, l’autoritratto fotografico di René Magritte (1950) con gli occhi semichiusi a rappresentare uno stato di “veglia dormiente”.
Fotografia protagonista anche da Galerie Schifferli con “Santa Conversazione” di Max Ernst, uno scatto di un collage realizzato nel 1921.
Sanderus Antiquariaat, specializzata in antichi volumi e manoscritti presenta l’atlante Theatrum Orbis Terrarum di Abraham Ortelius, stampato nel 1592 ad Anversa, colorato a mano e decorato in oro.
Per valorizzare al meglio questi “fogli” preziosi immancabili i consigli di Capucine Montanari, la nuova giovane responsabile dell galleria di famiglia specializzata in cornici europee degli ultimi 500 anni.Ingressi: intero 25 €, under 16 gratuito, under 26 e gruppi (minimo 10 persone) 10 €. Catalogo 10 €. Info e biglietti: http://www.brafa.art (foto: fumetto)

Posted in Estero/world news, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Kao si accinge ad acquisire Oribe Hair Care di Luxury Brand Partners

Posted by fidest press agency su venerdì, 22 dicembre 2017

kaoCINCINNATI/PRNewswire/Kao USA Inc., una filiale interamente di proprietà di Kao Corporation, produttore e distributore leader dei migliori marchi di prodotti di bellezza riconosciuti in tutto il mondo per le loro caratteristiche innovative e la loro qualità, ha annunciato oggi di aver firmato un accordo per l’acquisizione di Oribe Hair Care, LLC dai suoi proprietari, inclusa Luxury Brand Partners, LLC, una società innovatrice nel settore cosmetico nota per i suoi marchi ispirati agli artisti e la sua cultura imprenditoriale. Daniel Kaner, co-fondatore e attualmente co-presidente di Oribe Hair Care, sarà nominato presidente della nuova entità acquisita. I termini dell’accordo non sono stati resi noti.Oribe entrerà a far parte del portafoglio di marchi professionali di Kao Salon Division, tra cui Goldwell, una linea completa di prodotti per capelli di alta qualità creati in esclusiva per gli stilisti e destinati a soddisfare le esigenze professionali, e la linea KMS di prodotti per la cura e l’acconciatura dei capelli di ispirazione globale per gli stilisti creativi e i loro clienti.
Oribe è cresciuta da un prestigioso marchio per la cura dei capelli a un’autorità globale nel campo dei prodotti di bellezza che offre trattamenti per la cura dei capelli, della pelle e del corpo, trucchi, strumenti e accessori. Il marchio vanta una forte presenza nel segmento dei saloni professionali di alto livello e tra i principali rivenditori specializzati in tutto il mondo.
“Oribe è un marchio stellare e un’aggiunta perfetta al portafoglio di Kao Salon Division”, ha dichiarato Cory Couts, Presidente globale, Kao Salon Division. “Daniel costituirà un’aggiunta entusiasmante e stimolante al nostro team dirigenziale. La nomina di Daniel, oltre a garantire la continuità di tutte le straordinarie caratteristiche di Oribe, rientra anche nell’ottica di avanzamento della missione della nostra azienda di attrarre i professionisti dei saloni di bellezza più artistici e di successo del mondo”.”Kao è il luogo ideale in cui Oribe Hair Care potrà compiere il passo successivo nel suo viaggio trasformativo”, ha dichiarato Kaner. “Nutro un profondo rispetto per la loro organizzazione e il loro team dirigenziale di talento. La nostra amicizia e il nostro rapporto d’affari risalgono a parecchi anni fa; la partnership strategica negli Stati Uniti tra Oribe e Goldwell Color ha dato i maggiori frutti. Abbiamo sempre creduto che la cura dei capelli dovrebbe essere un’esperienza immersiva e di lusso, e Kao supporta pienamente lo standard elevato che ci siamo prefissati”.”Con il suo focus sui prodotti di lusso, Oribe soddisferà l’esigenza di una linea di prestigio nel mix di prodotti Kao Salon”, ha aggiunto Couts. “L’ampia rete di distribuzione globale di Kao Salon Division, inoltre, consentirà a Oribe di espandersi a livello internazionale”.
“Dire addio a un marchio che Oribe Canales, Daniel Kaner e io abbiamo fondato e creato quasi dieci anni fa è una sensazione dolce-amara”, ha dichiarato Tevya Finger, CEO di Luxury Brand Partners. “Sono estremamente orgoglioso di ciò che Oribe Hair Care è stata in grado di realizzare sin dalla sua concezione, e attendo con ansia di osservare lo sviluppo del marchio su scala globale da parte di Kao Corporation”.La sede aziendale di Oribe rimarrà a New York City con la gestione corrente, subordinata a Kao Salon Division.L’acquisizione è soggetta alle revisioni e approvazioni normative standard. (foto: oribe)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Parkinson: individuata alterazione nella fase iniziale della malattia

Posted by fidest press agency su venerdì, 22 dicembre 2017

Parkinson04Un team formato da Elvira De Leonibus, responsabile del Laboratorio di neuropsicofarmacologia dell’Istituto di genetica e biofisica del Consiglio nazionale delle ricerche (Igb-Cnr) di Napoli e Faculty presso l’Istituto Telethon di genetica e medicina (Tigem) di Pozzuoli, Barbara Picconi e Paolo Calabresi della Fondazione Santa Lucia Irccs e dell’Università di Perugia, ha scoperto un nuovo meccanismo di memoria cellulare attivato dall’apprendimento motorio, che viene alterato nelle fasi iniziali della malattia di Parkinson. Il lavoro, finanziato dalla Fondazione con il Sud e dal Miur, è stato pubblicato sulla rivista Brain.
La memoria motoria è l’abilità attraverso cui impariamo a compiere azioni come scrivere, andare in bicicletta, suonare uno strumento, ed è caratterizzata da un apprendimento lento e progressivo che richiede tanto addestramento ma che, una volta acquisito, consente di compiere automaticamente i movimenti. Si sapeva già che la sede cerebrale dell’apprendimento motorio fosse il corpo striato, una struttura antica del cervello posta al di sotto della corteccia cerebrale. Non era chiaro, invece, come le cellule dello striato riuscissero a ricordare quanto già appreso e, partendo da lì, ad apprendere nuovi movimenti e a perfezionare quelli noti. “Nel nostro studio abbiamo scoperto, in modelli animali, che l’esercizio motorio lascia un segno per giorni nei neuroni dello striato”, spiega De Leonibus, coordinatrice del team di ricerca. “Se applichiamo uno stimolo elettrico ai neuroni dello striato di animali non addestrati, questi danno una risposta inibitoria; se lo stesso stimolo è applicato ad animali sottoposti alle prime sessioni di apprendimento, i neuroni rispondono eccitandosi e questo li rende riconoscibili e consente di perfezionare i movimenti appresi. Tuttavia, una volta che l’esercizio motorio viene acquisito alla perfezione e il movimento viene effettuato automaticamente, i neuroni tornano a dara una risposta inibitoria allo stimolo elettrico”.
Il gruppo di ricerca, che ha coinvolto numerosi giovani ricercatori, come Nadia Giordano e Attilio Iemolo, ha studiato la rilevanza di questa nuova forma di memoria cellulare nella malattia di Parkinson, i cui sintomi (tremori a riposo e lentezza nei movimenti) indicano la morte di un particolare tipo di cellule che porta allo striato la dopamina. “Oggi sappiamo che l’aumento nella produzione della proteina alfa-sinucleina può da sola portare alla morte dei neuroni dopaminergici e, quindi, allo sviluppo della malattia. I ricercatori hanno quindi inserito all’interno delle cellule che producono dopamina il gene dell’alfa-sinucleina umana, in modo che questa venisse prodotta in quantità spropositate nelle cellule che rilasciano dopamina nello striato, determinandone la morte”, prosegue la ricercatrice dell’Igb-Cnr. “Si è visto così che molto prima di arrivare alla morte l’eccesso di alfa-sinucleina impediva agli animali di effettuare automaticamente i movimenti appresi. Questi risultati identificano per la prima volta una manifestazione clinica molto precoce nell’apprendimento motorio che precede la morte dei neuroni nella malattia di Parkinson. È quindi un campanello d’allarme utile per la diagnosi precoce e per lo sviluppo di nuove terapie che, se somministrate subito, possono prevenire o rallentare la morte dei neuroni”.
I ricercatori si sono chiesti a questo punto in che modo l’eccesso di alfa-sinucleina impedisse la formazione della memoria cellulare, una domanda importante per capire le primissime modificazioni biologiche legate allo sviluppo del Parkinson. “Abbiamo visto che l’eccesso di alfa-sinucleina preveniva la formazione della memoria cellulare riducendo drasticamente la quantità del trasportatore della dopamina, una sorta di controllore dei punti di contatto tra diversi neuroni, e quando i livelli di questo trasportatore si riducono tutte le vescicole di dopamina rilasciate disturbano il corretto scambio di informazioni tra le cellule nervose e, dunque, la formazione della memoria motoria”, conclude De Leonibus. “L’identificazione di bassi livelli del trasportatore della dopamina in questo stadio precoce, quando ancora non c’è neurodegenerazione, è perciò un aspetto molto rilevante per la diagnosi della malattia. I risultati di questa ricerca suggeriscono che bassi livelli del trasportatore non necessariamente indicano la morte dei neuroni dopaminergici, ma possono invece indicare una sinucleinopatia, un’ipotesi diagnostica che merita approfondimenti mirati con indagini genetiche e prelievo di liquor, al fine di prevederne l’evoluzione”.
Questo risultato è stato reso possibile anche grazie ai finanziamenti di Fondazione Telethon che proprio in questi giorni sta promuovendo #presente, la campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi per la ricerca scientifica contro le malattie genetiche rare. Inoltre, fino al 23 dicembre si terrà la 28° edizione della Maratona televisiva in collaborazione con la Rai e fino al 24 dicembre sarà possibile fare una donazione inviando un sms o chiamando il numero solidale 45518

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

L’alto tasso alcolico sconfitto dall’acqua

Posted by fidest press agency su venerdì, 22 dicembre 2017

cs Idratazione e alcolLe vacanze sono alle porte e tra cene aziendali e aperitivi natalizi potremmo trovarci a consumare una quantità di alcolici maggiore rispetto alle nostre abitudini.Ogni brindisi è una bella occasione per festeggiare in allegria ma attenzione perchè troppi “cin cin” possono provocare una serie di disturbi che vanno dall’acidità di stomaco all’alito cattivo, fino alla disidratazione. Le bevande alcoliche, infatti, non dissetano ma, al contrario, disidratano. “L’alcol richiede una maggior quantità di acqua per il suo metabolismo, e, in più, aumenta le perdite di liquidi attraverso la sudorazione e le urine, in quanto provoca un blocco dell’ormone antidiuretico” spiega il Professor Nicola Sorrentino, esperto dell’Osservatorio Sanpellegrino, docente di Igiene Nutrizionale all’Università di Pavia, direttore scientifico delle Terme Sensoriali di Chianciano Terme.Ecco perché, a maggior ragione nei giorni “ad alto tasso alcolico”, è importante idratarsi correttamente, prediligendo l’acqua a qualsiasi altra bevanda. “Il primo accorgimento per aiutare il fegato a smaltire l’alcol – continua il professor Sorrentino – è bere molta acqua in modo da ripristinare i fluidi perduti ed espellere almeno una piccola parte di etanolo attraverso sudore ed urine”.Oltre al seguire una corretta idratazione è utile osservare una serie di consigli anche per quanto riguarda l’alimentazione: “Per eliminare gradualmente le tossine accumulate e rigenerarsi – consiglia l’esperto – è importante mangiare in modo sano, evitando tutti quegli alimenti che rallentano la digestione e ci appesantiscono, per permettere ad alcuni organi come fegato, reni e stomaco, di eliminare un po’ alla volta le scorie accumulate. Evitiamo quindi i cibi ricchi di grassi animali (burro, lardo, panna, salumi, ecc.) e fritture mentre si consiglia di tralasciare per una settimana anche formaggi, carne, pesce e preferire le proteine vegetali (ceci, fagioli, lenticchie, piselli, fave). Quattro/cinque porzioni di frutta e verdure, ricche di acqua, vitamine e sali minerali, hanno un elevato potere disintossicante ed assicurano un’elevata quantità di fibre vegetali che “puliscono” l’intestino e svolgono un’importante funzione di regolazione sulla digestione”.
In conclusione, quando si beve un po’ in più, l’acqua può essere un valido aiuto per ripristinare l’equilibrio del nostro organismo. Continuiamo quindi a brindare in compagnia ma contenendo la quantità: un piccolo sorso di spumante sarà sufficiente per augurare e augurarci un felice 2018. (foto: acqua)

Posted in Recensioni/Reviews, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Bancopoli: il caso Boschi e i vergognosi servizi dei TG Rai

Posted by fidest press agency su venerdì, 22 dicembre 2017

Roberto-Ficodi Roberto Fico, presidente Vigilanza Rai. Quello che succede in queste ore in Rai è particolarmente grave, perché mette in chiaro che il Servizio pubblico radio-televisivo è sotto scacco della forza politica che ha indicato il direttore generale. Lo stesso dg che poi ha indicato o confermato i direttori dei telegiornali e i conduttori dei programmi televisivi. I punti critici di questa situazione erano stati sottolineati dal MoVimento 5 Stelle diversi mesi fa, in particolare quando la legge Gasparri era stata soppiantata da una Gasparri-bis, questa volta a marchio Pd. Considero molto grave il modo in cui i tg del servizio pubblico hanno raccontato ieri la vicenda di Bancopoli a seguito dell’audizione dell’ex ad di Unicredit Federico Ghizzoni, in commissione d’inchiesta sulle banche.
Il Tg1 ha preferito dedicare più spazio a un albero e relegare a una manciata di secondi il punto di vista delle opposizioni sull’operato di Maria Elena Boschi, mentre gli attacchi di Berlusconi al Movimento 5 Stelle hanno ricevuto titoli ad hoc e un intero servizio, senza repliche.
Il Tg2, invece, ha parlato di Marco Carrai come di un “imprenditore” qualunque senza citare il suo legame con Renzi e Boschi, chiudendo l’unico servizio politico con un attacco di Berlusconi al Movimento 5 Stelle, anche qui senza alcuna replica. Eppure ieri Luigi Di Maio aveva attaccato proprio il centrodestra per la copertura politica fornita a Maria Elena Boschi quando non ne votò in Parlamento la sfiducia.
Infine il Tg3 non ha accennato alle critiche delle altre forze di opposizione su Bancopoli. Peraltro, tutti i quotidiani oggi dedicano le prime pagine alle notizie su cui molti tg ieri hanno sorvolato.
Quanto accaduto è ancor più grave dal momento che mancano pochi giorni all’avvio ufficiale della cosiddetta par condicio, ma in realtà già ci troviamo nella delicata fase di pre-campagna elettorale. Le pressioni da parte di esponenti del Partito democratico sono spesso anche palesi, con inviti intimidatori a correggere il tiro oppure a invitare un ospite al posto di un altro Il timore è che l’attuale direttore generale della Rai stia tutelando quella maggioranza che lo ha scelto come figura chiave di Viale Mazzini. Il suo rischia di essere un ruolo da commissario politico.In questo contesto ricordiamo sempre che il leader del centrodestra possiede ben quattro reti televisive. Questo non è un contesto da Paese democratico, bensì da Repubblica commissariata. Il pericolo per il regolare svolgimento delle prossime elezioni è questo, mentre alcuni commentatori credono il problema siano le fake news di una manciata di pagine Facebook da qualche migliaia di like. I telegiornali sotto controllo di Renzi e Berlusconi raggiungono invece ogni sera quasi venti milioni di persone. E’ esattamente per questo motivo che il MoVimento 5 Stelle al governo cambierà la legge sul conflitto d’interessi e quella sulla governance della Rai. L’Italia deve essere un Paese in cui il pluralismo è un elemento fondante della vita di ogni giorno, non un principio astratto. (fonte: blog5 stelle)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Gli Swingrowers si esibiranno sul prestigioso palco del Blue Note Club di Tokyo

Posted by fidest press agency su venerdì, 22 dicembre 2017

SwingrowersTokyo. Martedì 26 dicembre gli Swingrowers si esibiranno sul palco del Blue Note Club di Tokyo (concerto organizzato in partnership con l’Istituto di Cultura Italiana a Tokyo): la band italiana, formata da Roberto Costa (Producer, Programmer, Dj), Loredana Grimaudo (singer, writer); Alessio Costagliola (guitarist) e Ciro Pusateri (saxophonist, clarinetist) e nota in tutto il mondo (sono reduci da tour in tutta Europa, USA e Canada, Russia, India) per il loro mix tra jazz, swing manouche e dance/electro, proporrà brani tratti da “Hits&Remix”, un album “dedicato al Giappone”, una raccolta di tracce dei primi due dischi della band distribuita solo in Giappone, che verrà presentato due giorni prima, domenica 24 dicembre, con uno showcase al Brooklyn Parlor di Tokyo.
“Hits&Remix” è stato pubblicato lo scorso giugno dalla casa di distribuzione Rambling Records, partner della casa discografica Freshly Squeezed Music di Brighton, del quale i Swingrowers fanno parte e per il quale, nel 2018, uscirà il loro terzo album, da cui è stato estratto il primo singolo con video, “Butterfly”, eccolo: https://youtu.be/xh67VWfRQU0 Gli Swingrowers hanno aperto concerti per Parov Stelar, Chinese Man e Caravan Palace. Oltre ad aver realizzato remix ufficiali per Caro Emerald, pubblicato remix per l’Island Records. hanno anche intrapreso collaborazioni musicali con i Lost Fingers, Gypsy Hill ed i Too Many T’s e Pony Montana della Feel Good Production. Dopo il loro primo album di debutto ‘Pronounced Swing Grow’ers’, editato nel 2012, la band ha di realizzato il loro secondo album ‘Remote’ alla fine del 2014. “Gli Swingrowers sono una band che sta maturando rapidamente e tra i maggiori talenti della scena musicale neoretrò” (Timeout UK). (foto: Swingrowers)

Posted in Estero/world news, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Metti una sera in albergo a Parigi

Posted by fidest press agency su venerdì, 22 dicembre 2017

Lautrec nel suo studio al lavoro sul quadro Addestramento delle nuove arrivate da parte di Valentin le Désossé (Ballo al Moulin Rouge), fotografia del 1890Un viaggio a Parigi è sempre un grande classico che non delude mai, ma per una vacanza con un tocco di originalità in più la Ville Lumière vanta una schiera di hotel assolutamente “unconventional”.
Le Five, per esempio, è perfetto per una vacanza all’insegna del romanticismo. L’hotel boutique – situato a due passi dal Jardin du Luxembourg, nel cuore del Quartiere Latino – ospita ventiquattro suite moderne allestite con un concept originale ispirato ai cinque sensi, in un’atmosfera raffinata e accogliente. La vera chicca è rappresentata dalla camera superior Cocon étoilé, con il soffitto tempestato di piccole luci scintillanti che danno la sensazione di dormire sotto un cielo stellato, e dalla camera deluxe Cocon Suspendu, resa ancor più particolare dalla presenza di un intrigante letto sospeso. Chi al romanticismo vuole aggiungere una dose di malizia in più apprezzerà la proposta del Love Hotel à Paris: per un’esperienza provocante ma discreta, questa location permette di usufruire di servizi ad alto tasso di seduzione come massaggio per coppie, Jacuzzi, bagno turco, fino a dotazioni “hot” come costumi erotici, sex-toys e X-movies… Ogni camera è dedicata a un tema particolare e propone allestimento e servizi personalizzati, solo per citarne alcune: Le Palais Oriental diventa subito un harem per due, Le Château des Glaces accende la passione con il suo stuzzicante gioco di specchi, Le Dojo Japonais – progettata secondo la pura tradizione giapponese – trasporta i suoi ospiti nel mondo delle geishe (con tanto di kimono disponibile presso il lovestore) o L’île aux Pirates dove fantasticare su una caccia al tesoro très particulier.
parigiChi vuole essere trasportato in un’ambientazione lontana senza rinunciare al lusso e alla modernità potrà invece scegliere 1K Paris, l’hotel quattro stelle ispirato all’antica civiltà inca e rinomato non solo per il design delle sue stanze ma anche per l’eccellente cucina etnica del suo ristorante. Nel cuore del Marais, l’hotel 1K accoglie i propri ospiti in un ambiente moderno ed elegante: per i più esigenti la Pool Suite offre terrazza privata con piscina riscaldata e vista sui tetti di Parigi. La vera chicca è l’esperienza gastronomica offerta dallo chef Julien Burbaud, con la sua reinterpretazione dei piatti peruviani tradizionali riadattati in ottica fusion per palati occidentali.
Puro design, altissima tecnologia e concept di Philippe Starck rendono invece sorprendenti le 272 camere de Le Mama Shelter, progettato dalla famiglia Trignano (fondatrice del Club Med) insieme al filosofo Cyril Aouizerate. Con l’obiettivo di rendere accessibile l’haut de gamme, Il Mama – situato proprio di fronte a “La Flèche d’Or”, il mitico tempio parigino della scena pop rock europea – è molto più di un hotel: vuole rappresentare un vero e proprio spazio di incontro di sinergie urbane, per gli animi pop che non rinunciano a un’ambientazione accattivante e di charme.
Per godere delle bellezze della città da un punto di vista onirico e privilegiato, si può prenotare un soggiorno presso l’Hôtel Design Secret de Paris, nel quartiere Trinité. Una scenografia da sogno rievoca i monumenti più prestigiosi della città e permette di rivivere scorci incredibili dall’intimità della propria stanza: si può scegliere, per esempio, se immergersi nel cuore del tempio dell’arte del XIX secolo con la camera Musée d’Orsay, rivivere gli anni Trenta nella Trocadéro (che celebra il Palais de Paris_TrocaderoChaillot con mosaici di vetro monumentali e moquette dai motivi Art Déco) o farsi ospitare nel Moulin Rouge con la camera che rievoca gli ambienti del mitico cabaret.
Per chi ama concept più futuristici, invece, c’è da segnalare lo Yooma Urban Lodge, al 51 di quai de Grenelle: un vero e proprio ecosistema innovativo, dall’animo digitale e creativo, sostenibile a livello ambientale ed economico. Progettato dal designer Ora-ïto in collaborazione con il pittore e scultore Daniel Buren, questo hotel offre ben centosei camere perfette per ospitare sia gruppi di amici, che coppie, famiglie o professionisti. Nella sua lounge è possibile visitare mostre temporanee e ammirare il video wall permanente su cui sono proiettati video e creazioni fotografiche contemporanee. Un ristorante con centotrenta posti a sedere, una scuola di cucina, una sala fitness con sauna, laboratori artistici e un giardino sul tetto dove si coltivano frutta, verdura ed erbe di stagione completano l’offerta di un luogo vocato all’inclusione e alla condivisione.
La fotografia è invece il tema centrale del Déclic Hotel, il primo hotel in Francia dedicato alle tecniche di questa forma d’arte. Precursore della nuova generazione di hotel a tema interattivi, con le sue diciotto camere e nove suite, offre una vera e propria immersione in un universo immaginato dall’atmosphériste Sandrine Alouf. Le tecniche fotografiche vengono qui sublimate da un sottile gioco di immagini, luci e materiali, con immagini proiettate sul pavimento e sulle pareti delle stanze.
Tutte le informazioni per raggiungere Parigi con le migliori tariffe in aereo, in treno e con pacchetti organizzati su http://it.france.fr/it/feelparisregion. (foto: parigi)

Posted in Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

L’azienda britannica di tecnologia della salute si espande in dieci paesi europei

Posted by fidest press agency su venerdì, 22 dicembre 2017

Atlas Biomed Group Logo (PRNewsfoto/Atlas Biomed Group)LONDRA, /PRNewswire/ Atlas Biomed, l’azienda di tecnologia della salute personalizzata ha annunciato oggi il proprio lancio riuscito con successo in dieci paesi europei, solo sei mesi dopo il suo avvio nel Regno Unito.
La società britannica di tecnologia sanitaria, la sola azienda al mondo ad offrire sia i test del DNA che del microbioma direttamente ai consumatori, ha spinto in avanti i propri piani di espansione in seguito alle forti vendite nel Regno Unito. L’azienda è stata rafforzata dal crescente interesse verso la salute dell’ intestino nei consumatori più attenti alla salute e dal mercato globale del genoma già in pieno boom, stimato in 8 miliardi di sterline con una crescita media del 30%.
Oggi Atlas è partita in Belgio, Danimarca, Finlandia, Repubblica d’Irlanda, Italia, Lussemburgo, Slovenia, Spagna, Svezia e Olanda.La mossa porterà un crescita sostanziale per l’azienda, che fornisce test del DNA e del microbioma direttamente al consumatore con analisi integrate su una piattaforma online sicura. Nel Regno Unito, dove più di due terzi dei consumatori hanno scelto il test del microbioma di Atlas, l’azienda è stata sospinta dalla domanda in continua evoluzione da parte di consumatori attenti alla salute che sono curiosi di sapere il loro stato di salute intestinale, come anche dai costi sempre decrescenti del sequenziamento del DNA.L’AD e co-fondatore Sergey Musienko ha spiegato: “Con i consumatori attenti alla salute nel mondo che si rivolgono alla tecnologia per un consulto, abbiamo voluto aiutare. Avremmo potuto spedire direttamente a questi utenti, tuttavia abbiamo deciso che i costi per loro sarebbero stati incredibilmente proibitivi. Quindi abbiamo aperto le nostre porte a questi mercati nella scommessa di portare test del DNA e microbioma accessibili a milioni di consumatori in tutta Europa e confidiamo di poter continuare la nostra espansione europea nel 2018.” L’espansione di Atlas Biomed fornirà a milioni di nuovi utenti l’accesso alla piattaforma, consentendo loro di comprendere i rischi per la loro salute e mostrando loro come migliorare il loro benessere con suggerimenti su misura per l’alimentazione, l’esercizio fisico e lo stile di vita. (foto: atlas)

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Lombardia: Collettore del Garda, opera inutile e costosa

Posted by fidest press agency su venerdì, 22 dicembre 2017

lago garda“Non condividiamo la soddisfazione di coloro che hanno accolto come una buona notizia la firma dell’accordo per il collettore del Garda. Previsti 100 milioni di euro dal Ministero per un progetto che se tutto va bene, sarà operativo tra non meno di 10-15 anni. Ridicola quindi Regione Lombardia che, in una delle motivazioni con cui avalla la firma, dice che l’opera permetterà ai corpi idrici della sponda bresciana del lago di Garda di raggiungere lo stato ecologico di livello “buono”. Per il 2021 non sarà pronto nulla di quanto previsto. Lo ribadiamo è un’opera inutile che porta i reflui fognari di oltre 200 mila persone per 30 chilometri tra la provincia di Brescia e quella di Mantova. E’ un rischio ambientale enorme”, così Giampietro Maccabiani e Andrea Fiasconaro, consiglieri regionali del M5S Lombardia.Per i portavoce del M5S, “anche in questo caso hanno prevalso le logiche della speculazione. Esistono soluzioni alternative, rapide, economiche e rispettose dell’ambiente come la sistemazione del collettamento dei comuni rivieraschi bresciani, la separazione efficiente delle acque bianche e nere e la costruzione in loco di 2 o 3 depuratori più piccoli. Faremo quanto possibile ovunque per evitare tutto quanto è ora in progetto, a maggior ragione quando fra pochi mesi saremo al Governo”.Fiasconaro, conclude: “Lanciamo sin da ora l’allarme per il fiume Chiese nel quale finiranno le acque del depuratore di Visano. D’estate, quando è più massiccia la presenza di turisti, è spesso in secca e ne risentirà la qualità delle acque a spese dei comuni e della nostra agricoltura”.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Voto contrario del M5S Lombardia al bilancio regionale

Posted by fidest press agency su venerdì, 22 dicembre 2017

regione lombardiaPer Dario Violi, candidato presidente della Lombardia del M5S: “Le grandi promesse di Maroni nei bilanci della regione degli ultimi cinque anni non si sono mai viste.Ha incominciato la legislatura con l’obiettivo di trattenere il 75% di tasse in Lombardia, di far funzionare il trasporto pubblico, di azzerare il bollo auto, i ticket e le liste d’attesa nella sanità. Abbiamo ascoltato i proclami del Presidente sulla legalità. Diceva ‘nessun indagato in Giunta’ e oggi Maroni è indagato.Il centro-destra ha investito in Lombardia la maggior parte dei fondi in enormi infrastrutture che hanno massacrato territori a vocazione agricola come Brebemi che è semivuota o Pedemontana che non vedrà mai la fine. Si sono dimenticati i territori periferici, la montagna, la manutenzione ordinaria delle strade, le case popolari e il trasporto pubblico locale è al collasso.Oggi cittadini e imprese faticano ad arrivare a fine mese e la Lombardia non muove un dito.Il primo bilancio regionale era di 25 miliardi, quello che avete approvato oggi di 23: Maroni è andato in direzione opposta alle sue promesse ai lombardi. La richiesta di autonomia, unico risultato di questa amministrazione, la si deve al Movimento 5 Stelle.Il bilancio di Maroni è invotabile perchè certifica un enorme fallimento”.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Banche: dilettanti allo sbaraglio

Posted by fidest press agency su venerdì, 22 dicembre 2017

monte dei paschi di siena“C’è una consapevolezza molto amara: che il nostro Paese ha affrontato tardi e male la crisi bancaria. Crisi bancaria che è arrivata, dopo il 2013, con particolare virulenza, in Italia e che ha toccato alcune banche patologicamente già provate, cioè banche mal gestite, soprattutto popolari ma non solo, pensiamo a Monte dei Paschi”. Lo ha detto Renato Brunetta, capogruppo di Forza Italia alla Camera dei deputati, ai microfoni di “Radio Anch’io”, su Radio Uno. “L’altra consapevolezza amara è che il governo Renzi ha fatto tanta confusione, ha prodotto norme contradittorie, scritte male, in un mare di conflitti d’interessi del presidente del Consiglio e dei suoi principali ministri.Perché non è un caso che il grande interessamento del governo, di Renzi e di Boschi, era non tanto sul sistema bancario, sul mezzo milione di famiglie buttate sul lastrico dalla loro improntitudine, ma era soprattutto su una sola banca: Banca Etruria, la banca di cui era vice presidente il padre della ministra Boschi.Ecco, questo lascia un grande amaro in bocca. Potevamo fare prima, potevamo fare meglio, potevamo tutelare meglio famiglie e imprese: il governo ha fatto un caos della malora.
Il governo Renzi ha prodotto solo confusione perché fatto, questo è un mio giudizio politico, di buoni a nulla ma capaci di tutto”.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Banche: le manovre del “giglio magico”

Posted by fidest press agency su venerdì, 22 dicembre 2017

BANCA

“È incredibile che Maria Elena Boschi e il ‘giglio magico’ abbiano dissimulato per oltre un anno quello che, in casi normali, non è altro che un legittimo interessamento alla situazione di un istituto di credito del territorio”. Così Andrea Causin, deputato di Forza Italia. “È certamente gravemente inopportuno – continua – che un Ministro della Repubblica spenda questo interessamento in modo prevalente rispetto alla banca di cui il padre era vice presidente, nel momento in cui le difficoltà del credito stavano coinvolgendo molti altri istituti, e in cui sarebbe stato necessario un interessamento di carattere generale”. “Ed è ancora più grave che in questi giorni, queste verità nascoste o mezze verità, finiscano per monopolizzare il lavoro di una commissione d’inchiesta che ha l’obbligo invece di fare piena luce sulle ragioni che hanno portato il sistema bancario italiano a bruciare miliardi di ricchezza di cittadini e imprese”. “La commissione d’inchiesta, fortemente osteggiata dal PD e fortemente voluta da Forza Italia, che vede l’impegno attivo del Capogruppo Renato Brunetta, ha l’obbligo di giungere alla verità. La verità e la trasparenza sono le condizioni minime necessarie, in un libero mercato, affinché si possa ricostruire un rapporto di fiducia tra cittadini, imprese e il mondo del credito”. “Il rocambolesco modo di coprire, anche in questi giorni, le modalità goffe con cui si sono attivati Renzi, la Boschi rispetto a una sola delle Banche che sono entrate in crisi nel 2015, costituisce un intralcio al percorso di ricerca della verità. Hanno raccontato di essere il “nuovo”, ma hanno dimostrato di riprodurre i peggiori collateralismi tra politica ed economia”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Le manovre della Deutsche Bank ai danni dell’Italia

Posted by fidest press agency su venerdì, 22 dicembre 2017

Deutsche-Bank-Sede-Milano“Qui non si tratta di valutare le vendite e i riacquisti dei titoli del debito italiano di Deutsche Bank, che la dottoressa Cannata ha dato per certi, ma il punto nodale è che DB non è una banca come tutte le altre, ma è uno specialista del Tesoro, è un partner del Tesoro, un concessionario. Deutsche Bank insieme a un altro gruppo di banche, una ventina, è un privilegiato, diciamo così, nei rapporti con il nostro Tesoro. Alcuni di queste sono anche azioniste delle società di Rating”.Lo ha detto Renato Brunetta, capogruppo di Forza Italia alla Camera dei deputati, intervenendo in Commissione parlamentare di inchiesta sul sistema bancario e finanziario, durante l’audizione di Grazia Colacicco, sostituta procuratrice della Repubblica presso il Tribunale di Milano.“Il comportamento di Deutsche Bank, quindi, non è disdicevole in sé, ma è disdicevole proprio perché la banca tedesca si trova, da specialista del Tesoro, in vantaggio rispetto ad altri grandi istituti di credito e in conflitto di interessi, perché è un partner privilegiato dell’Italia. Con i comportamenti di DB, invece, sono venute meno lealtà e correttezza.Deutsche Bank con una mano ha comprato titoli del debito sovrano italiano e con l’altra mano ha speculato contro il nostro Paese. Un comportamento anomalo: su quest’ultima ipotesi verificherà la Procura della Repubblica di Milano”.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Rapporto sulla sanità italiana: non ci siamo proprio

Posted by fidest press agency su venerdì, 22 dicembre 2017

sanitàL’Italia investe per il servizio sanitario il 14,1% della spesa pubblica, cioè l’1,1% in meno rispetto alla media europea e ben il 5,2% in meno rispetto all’Irlanda, il paese che vi dedica la quota più alta.Il rapporto mette inoltre in evidenza tre punti fondamentali: l’invecchiamento del personale sanitario, il precariato e la cronica insufficienza degli organici.Solo per quel che riguarda i medici di base, entro il 2023 andranno in pensione circa 21.700 medici su poco più di 45mila, a fronte di solo 6mila giovani medici in ingresso. Eppure si continua a praticare il numero chiuso per l’iscrizione alle facoltà di medicina, nonostante si preveda, con questi numeri, che entro il prossimo decennio almeno un terzo dei cittadini non potrà avere un medico di famiglia.
Già nel 2011 nella sanità pubblica operavano 35mila precari, di cui 10mila medici. La situazione sicuramente è peggiorata negli ultimi anni, vista la malsana tendenza da parte delle Regioni a fare ricorso al lavoro precario per far fronte alla carenza di personale causata dal mancato turn-over.
Ma non finisce qui. Se ai già scarsi fondi previsti per la sanità pubblica si aggiungono i danni provocati dalla corruzione, dall’inefficienza della spesa pubblica nel comparto sanitario e dagli sprechi, il quadro diventa drammatico. Sommando il peso di solo questi tre fattori il danno ammonterebbe a ben 26,6 miliardi di euro all’anno.Una delle contraddizioni più difficili da digerire è quella della lunghezza delle liste di attesa per le visite specialistiche e per i ricoveri ospedalieri. Inutile dire che il ricorso all’intramoenia è non solo inutile, ma addirittura dannoso, in quanto finisce per dilatare i tempi di accesso per chi non vi fa ricorso e genera un forte disparità nell’erogazione della cura, alla faccia dell’uguaglianza di tutti i cittadini sancita dalla Costituzione.E sempre in tema di disuguaglianze, si registra una forte disparità tra nord e sud in quanto a dotazione di apparecchiature tecnicobiomediche, che comunque risultano, in generale, carenti e non aggiornate.Secondo qualcuno staremmo uscendo dalla crisi. Nulla di più falso, se uscire dalla crisi significa continuare a ridurre la spesa pubblica a discapito della salute di tutti.
Continuando ad obbedire ai dettami di provvedimenti come il Fiscal Compact che, imponendo come priorità assolute il pareggio di bilancio e la riduzione del debito, spingono sempre di più a tagliare i servizi sociali come la Sanità, si risponde solo agli interessi della sanità privata e delle assicurazioni.Quindi non è così che si esce dalla crisi. Anzi, è esattamente il contrario. È proprio questa continua riduzione della spesa pubblica, a favore degli interessi di pochi, ad aver generato e fatto crescere questa crisi, che sta assumendo sempre di più i connotati di un intenzionale attacco nei confronti del bene comune.Solo difendendo il bene comune, invece, possiamo migliorare la qualità di vita della maggioranza dei cittadini. Questo significa per noi uscire dalla crisi. (fonte partito umanista) (foto: sanità)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | 1 Comment »

Pensionati e non solo: La lotta alla povertà è un bluf!

Posted by fidest press agency su venerdì, 22 dicembre 2017

pensionatiDal primo gennaio 2018 gli Anziani che al raggiungimento dei 65 anni di età e sette mesi, senza reddito, potevano godere dell’Assegno Sociale di circa 500 euro, a partire dal prossimo anno dovranno aspettare ancora un anno per maturare il diritto. “Noi che viviamo a diretto contatto con una platea estesa di Anziani – afferma Fortunato Sommella – siamo in grado di affermare che tra costoro, i più deboli, si è diffuso un senso di disperazione. A che serve, ci chiediamo, che il Governo proclami ai quattro venti la sua lotta alla povertà, se poi mette in seria difficoltà un numerosa fetta di Anziani che attendevano la scadenza dei 65 e sette mesi di anzianità per avanzare richiesta di pensionamento sociale? Ancora una volta si colpisce il mondo degli Anziani. Questo attacco finirà soltanto quando i Pensionati e tutti gli Anziani riusciranno ad avere una propria rappresentanza, nelle Assemblee dove si decide il loro destino – afferma con sdegno Fortunato Sommella coordinatore nazionale dei “Pensionati d’Europa” (n.r. Il discorso, purtroppo, è di più ampia portata. Tutta la fascia anziani è sotto tiro se si pensa il tentativo sempre più insistente di voler rivedere, anche per il passato, le pensioni di anzianità e di rapportare tutte le rendite al regime contributivo in luogo di quello retributivo. Ciò significa una riduzione media del 30% di tutte le rendite solo perché l’obiettivo primario dell’attuale governo è quello di finanziare in via prioritaria i dissesti bancari tanto che sono state ridotte nell’attuale legge finanziaria le risorse per la sanità. Ci chiediamo fino a che punto i pensionati non prenderanno coscienza della loro forza (il 18% del corpo elettorale) e sapranno indirizzare unitariamente il loro voto verso quei movimenti o partiti che possono sostenerli?)

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il benessere degli occhi è un’Arte

Posted by fidest press agency su venerdì, 22 dicembre 2017

0cchioPassiamo sempre più tempo davanti a PC e cellulari, viaggiamo spesso e lavoriamo in ambienti secchi, per questo dobbiamo proteggere i nostri occhi. Artelac®, una famiglia di gocce oculari di Bausch + Lomb, si prende cura di tutti i tipi gli occhi, soprattutto quelli stanchi, secchi e sensibili, perché gli occhi, per loro natura, hanno sempre bisogno di mantenersi idratati.
L’occhio secco, o più comunemente Dry Eye, è una patologia piuttosto diffusa, molti over 50 ne soffrono, ma il disturbo è in aumento anche a causa dell’uso sempre più frequente di dispositivi elettronici. L’occhio secco è “una patologia multifattoriale della superficie oculare, caratterizzata da una perdita di omeostasi del film lacrimale, e accompagnata da sintomi oculari in cui l’instabilità del film lacrimale e l’iperosmolarità, l’infiammazione della superficie oculare e il danno e le anomalie neurosensoriali svolgono un ruolo eziologico”.
In breve, l’occhio secco è un disturbo che può essere dovuto sia ad una ridotta produzione lacrimale (Ipolacrimia) che ad un’ eccessiva evaporazione lacrimale (Dislacrimia), che colpisce soprattutto chi usa spesso dispositivi elettronici, pazienti con allergie croniche, donne in menopausa e portatori di lenti a contatto. I sintomi più comuni sono bruciore, sensazione di corpo estraneo nell’occhio e arrossamento.
Le lacrime non sono solo sinonimo di pianto e tristezza, sono anche un prezioso agente di protezione dell’occhio. Quando si passa molto tempo al computer, si indossano lenti a contatto, o si è esposti per diverso tempo a riscaldamento o aria condizionata, gli occhi sono spesso stanchi, bruciano e si arrossano. In questi casi un valido aiuto per l’occhio può arrivare da soluzioni idratanti studiate apposta per lubrificare, detergere e proteggere e rinfrescare. Esistono diversi tipi di fastidi oculari e ognuno ha bisogno della sua particolare “tipologia” di gocce oculari, per questo motivo Artelac® si propone come una linea completa di prodotti che fornisce il prodotto Artelac® più adatto alle esigenze. (occhio)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Progetto Pantheon per introdurre un nuovo paradigma per l’agricoltura di precisione

Posted by fidest press agency su venerdì, 22 dicembre 2017

gruppo ricerca roma 3Un sistema integrato in cui i robot aerei e terrestri senza equipaggio si muovono all’interno di un frutteto per raccogliere dati e svolgere, di conseguenza, attività agricole “di precisione”. E’ questo, in sintesi, il Progetto Pantheon sviluppato da un “consorzio”, coordinato dal professor Andrea Gasparri del Dipartimento d’Ingegneria dell’Università degli Studi Roma Tre, composto da quattro università (Roma Tre, Université libre de Bruxelles, Universität Trier e Università degli Studi della Tuscia) e da due partner industriali (Sigma Consulting e Ferrero) con competenze che spaziano dalla robotica e la teoria dei controlli all’agronomia, il telerilevamento e big data.
«Pantheon è un progetto di ricerca finanziato dalla Commissione Europea nell’ambito del programma quadro H2020», spiega il professor Gasparri. «L’obiettivo è quello d’introdurre un nuovo paradigma per l’agricoltura di precisione nei frutteti, ed in particolare per la gestione di noccioleti. L’idea alla base del progetto è quella di sviluppare un sistema robotico in grado di monitorare lo stato fitosanitario di ogni singola pianta presente nel frutteto per effettuare interventi mirati. Questo comporterà una gestione più ecologica del frutto con un aumento della resa ed un utilizzo più mirato delle risorse».Il Progetto Pantheon sviluppa dunque un Sistema di controllo e di acquisizione di dati (Scada) per l’agricoltura di precisione dei frutteti. Le informazioni rilevate sul campo dai robot sono raccolte in un’unità operativa centrale che integra i dati per eseguire le azioni di feedback automatico (ad esempio per regolare il sistema di irrigazione) e per sostenere le decisioni degli agronomi. Ciò consentirà di aumentare drasticamente il rilevamento di fattori limitanti per ogni singola pianta, come la mancanza di acqua o la presenza di parassiti e di malattie, e di reagire di conseguenza. (foto: gruppo ricerca)

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Emendamento del governo sulle sigarette elettroniche

Posted by fidest press agency su venerdì, 22 dicembre 2017

sigaretta-elettronica.png“L’emendamento del Governo sulle sigarette elettroniche che aumenta la tassazione e conferma il divieto di vendita online è la dimostrazione che in questo paese la logica clientelare domina rispetto l’idea di promuovere la libera iniziativa e l’innovazione” – afferma con una nota l’associazione Campagne Liberali, da tempo in prima linea nella battaglia per garantire un futuro al mercato delle sigarette elettroniche che ora rischiano di scomparire dall’Italia.
“Il dibattito intorno a questa legge di stabilità ha dimostrato la volontà della maggior parte dei parlamentari e dei politici di limitare la concorrenza favorendo alcuni gruppi di interesse ben precisi” – continuano da Campagne Liberali. “L’emendamento del Governo favorisce pochi per colpire ulteriormente il settore delle sigarette elettroniche” – aggiungono. Per Campagne Liberali “la legge di stabilità dovrebbe essere l’occasione per confrontarsi su proposte che favoriscono la crescita, l’occupazione, la libertà e la convivenza dei cittadini, oltre che l’innovazione. Invece è diventato lo spazio per umiliare le regole delle democrazie liberali e per limitare la libera concorrenza”.
(foto: sigarette elettroniche)

Posted in Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Agricoltura: riforma della Pac

Posted by fidest press agency su venerdì, 22 dicembre 2017

agricolturaLa riforma di medio termine della Pac – dichiara in una nota il presidente nazionale Confeuro, Andrea Michele Tiso –, ottenuta soprattutto grazie all’impegno del vicepresidente della Commissione Agricoltura del Parlamento europeo, Paolo De Castro, rappresenta un passo importante per l’intero settore agroalimentare e per le sue prospettive. Nell’incontro tenutosi al Palazzo San Macuto a Roma, alla presenza dell’Onorevole De Castro e a quella del ministro Martina, si sono giustamente sottolineati i tanti meriti dell’ex Omnibus, soprattutto negli ambiti della semplificazione del greening; del sostegno ai giovani e dei tagli ai costi assicurativi per gli agricoltori.Come Confeuro – Continua Tiso – siamo estremamente soddisfatti dei risultati raggiunti con questa riforma e ci auguriamo che l’impegno delle istituzioni italiane, in Italia e in Europa, continui ad essere indirizzato verso la necessità di ridare protagonismo ai tanti operatori agricoli che contribuiscono attivamente alla salvaguardia dei territori e alla produzione di cibo sano e genuino.
Con questo impegno e questa dedizione – conclude Tiso – siamo convinti che si possa intervenire con coraggio sulla Pac post 2020 fino a ridiscutere la sua stessa impostazione di partenza e renderla finalmente un vero e proprio strumento di crescita e sviluppo per le Pmi agricole.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »