Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Archive for 20 gennaio 2018

Presentazione libro: “Eterni secondi”

Posted by fidest press agency su sabato, 20 gennaio 2018

eterni secondiSant’Angelo Lodigiano domenica 21 gennaio ore 16 “Sala Girona” viale Partigiani il nuovo romanzo di Luca Bonaffini Edito da Gilgamesh Edizioni. E’ un romanzo a tre tempi, ingannevole e mutante, strutturato come un lungometraggio a episodi degli anni ’70 e avente come filo conduttore il tempo e le sue avversità numeriche. Secondi si nasce, non si diventa e lo si resta per l’eternità, con tutti i vantaggi che offre la posizione “non illuminata” del non essere mai tra i primi.
“Cattivi romantici”, “L’internauta”, “La notte in cui spuntò la luna dal monte” – scritti tra il 2011 e il 2017 – sono tre facce dello stesso orologio. Tre racconti apparentemente lontani, ma in realtà accomunati da quel romanticismo maldestro tipico della scrittura bonaffiniana e dei suoi personaggi spesso teneri, fastidiosi e surreali, che ritraggono le fragilità, la tenerezza e il cinismo della società contemporanea. E per un mantovano doc, gastronomicamente parlando, i “primi” di solito fanno la differenza….
Luca Bonaffini è nato a Mantova nel 1962. Compositore di musiche e autore di testi per canzoni, ha realizzato dodici album come cantautore e si è affermato intorno alla fine degli anni ‘80 come collaboratore fisso di Pierangelo Bertoli. Altri suoi brani sono stati interpretati da Patrizia Bulgari, Flavio Oreglio, Sergio Sgrilli, Fabio Concato, Nek, Claudio Lolli e ha scritto testi teatrali insieme a Enrico Ruggeri e Dario Gay. Nel 2015 Mario Bonanno ha pubblicato un libro-intervista dedicato ai suoi trent’anni di carriera, intitolato “La protesta e l’amore. Conversazioni con Luca Bonaffini” (Gilgamesh editrice)”. Insegna Storia della Popular Song presso Musica Insieme di Mantova e tiene seminari di alta formazione internazionale presso la Hope Music School. (foto: eterni secondi)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La Casa del Cinema rende omaggio alla diva Audrey Hepburn

Posted by fidest press agency su sabato, 20 gennaio 2018

audrey hepburnRoma 20 gennaio 2018 Casa del cinema Largo Marcello Mastroianni, 1 Ore 16.30 Sala Deluxe | Cenerentola a Parigi (Funny Face), S. Donen, USA, 1957, 103’, v.o.sott.ita seguire (ore 18.00 circa) presentazione del libro Audrey Hepburn. Immagini di un’attrice di Margherita Lamesta Krebel
Oltre all’autrice presenzieranno all’incontro Marco Solfanelli (editore Tabula Fati), Maria Barresi (giornalista Rai TG1), Enrico Magrelli (critico cinematografico Hollywood Party), Roberto Mostarda (giornalista Wall Street International, già conduttore Giornale Radio Rai), Andrea Minuz (docente di Storia del Cinema presso La Sapienza Università di Roma) e Stefano Dominella (presidente Maison Gattinoni). La figura della Hepburn ancora oggi riecheggia in modo potente e trasversale. Tutti conoscono la sua straordinaria influenza nel mondo della moda, divenuta simbolo universale di bellezza e stile, ma poche volte sono stati messi in risalto il suo talento e le sue eccezionali capacità interpretative. Un originale animale scenico che l’American Film Institute ha definito “la terza più grande attrice di sempre”. Premio Oscar al debutto come protagonista in Vacanze Romane, è stata un esempio davvero singolare di carriera, in cui il numero dei film girati è pari al numero dei suoi film di successo.
Attraverso il fil rouge di quattro passaggi – innocenza, metamorfosi, moda e maturità – l’autrice ha voluto testimoniare la meravigliosa avventura cinematografica dell’interprete, focalizzando l’analisi sull’acting, senza trascurare la sua allure da diva iconica, capace di affascinare anche al di là della sua bravura. Arricchito dall’uso insolito di tavole-disegno, il libro presenta due inediti: una chiacchierata con il Prof. Andrea Dotti, secondo marito di Audrey Hepburn, e un’intervista a Giancarlo Berardi, ideatore di Julia, fumetto del 1998 con protagonista una detective di successo ispirata, nei lineamenti del volto, alla diva Audrey.
L’ottica saggistica del testo – favorita dalla formazione trasversale dell’autrice, che abbraccia cine-ma, moda e recitazione – dialoga con l’approccio passionale dell’autrice, per regalare a tutti la possibilità di apprezzare l’avventura artistica e umana di questa magnifica star.Margherita Lamesta Krebel, giornalista-pubblicista, scrive di cinema, teatro, arte e moda. Laureata in Lettere presso La Sapienza, ha seguito seminari sulla scrittura cinematografica con Vincenzo Cerami, Suso Cecchi D’Amico e Furio Scarpelli, a cura del prof. Orio Caldiron. Giorgio Strehler, Bruce Myers, Greta Seacat, Peter Brook, Michael Margotta, Arnaldo Ninchi, Carl Anderson, Riccardo Biseo, Cathy Marchand, Terry Taylor sono stati i suoi principali maestri nell’approccio alla performance recitativa.(foto: audrey hepburn)

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Dollywood Announces Spring Mix Music Series Schedule, Festival of Nations Lineup

Posted by fidest press agency su sabato, 20 gennaio 2018

dublinoDublino. With Dollywood’s “Season of Showstoppers” now on the horizon, and with the buzz surrounding Dollywood’s Spring Mix continuing to grow, excited concert-goers can begin circling dates on the calendar as the lineup has been set for the park’s impressive new music series. During 2018, guests also will be treated to an exciting new Festival of Nations lineup, thrilling summer shows and more great entertainment throughout the season.With so many new entertainment options (all included with park admission) available next year, Dollywood officials have developed a new option for guests looking to enjoy it all. New multi-day tickets allow guests to purchase tickets good for two or three days, providing them more flexibility to enjoy performances across multiple days during their visit to the award-winning park.The season begins with Dollywood’s Festival of Nations (March 17-April 9), a fascinating festival that offers a captivating glimpse at a number of cultures from across the globe. Three internationally-known groups—all new to Dollywood in 2018—headline this season’s festival. The National Dance Company of Siberia, The Flamenco Kings starring Los Vivancos, and Ladysmith Black Mambazo—who worked with Dolly on her 1996 album Treasures—bring three unique, high-energy shows to Dollywood.Also new to Festival of Nations in 2018 is JigJam, a quartet from the heart of Ireland that blends traditional Irish music with bluegrass to create a new genre known as “Celtgrass.” Perennial Festival of Nations favorites including the Caribbean’s Invaders Steel Drum Orchestra and Ecuador’s Atahualpa return to provide guests a fun, educational escape around the world without leaving the heart of the Smokies.Dollywood’s Spring Mix (April 11-29) features three weeks of stellar performances across multiple genres. The impressive roster of Spring Mix artists have combined to earn 42 gold albums, 18 platinum albums, 25 Grammys, 12 Country Music Association Awards, 10 American Country Music Awards, four American Music Association Awards and 56 Dove Awards.The first week includes classic country artists like Crystal Gayle, Shenandoah, Pam Tillis and Dollywood entertainment alumnus, Suzy Bogguss. The second week plays host to inspirational artists including Amy Grant, The Blind Boys of Alabama and comedienne Chonda Pierce – also known as “The Queen of Clean.” Classic artists like The Marshall Tucker Band, The Drifters, and The Atlanta Rhythm Section entertain park guests during the final week of the event.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Lettera del MoVimento 5 Stelle a Berlusconi: ovvero quando le bugie hanno le gambe corte

Posted by fidest press agency su sabato, 20 gennaio 2018

berlusconi_neroneGentile dottor Silvio Berlusconi, da settimane ormai Le sentiamo ripetere che gli eletti del MoVimento 5 Stelle per l’87 per cento non hanno mai lavorato. E, nonostante le smentite dati alla mano, Lei continua a sostenere questa tesi che, dati oggettivi, dimostrano essere infondata. Nel dubbio che, magari, Lei semplicemente sia stato male informato da qualcuno, Le scriviamo questa missiva attraverso la quale Lei stesso potrà verificare come si sta facendo latore di informazioni non veritiere.Il Movimento 5 Stelle conta 123 parlamentari uscenti tra Camera e Senato. Su 123 parlamentari uscenti 80 sono laureati (65%), 41 diplomati (33,4%) e 2 hanno la licenza media (1,6%). Le professioni svolte dai nostri portavoce sono: impiegati (14), insegnanti (11), studenti universitari (11), ingegneri (10), dipendenti di aziende private (10), liberi professionisti (6), consulenti (5), avvocati (4), piccoli imprenditori (4), medici (3), architetti (2), artigiani (2), ricercatori universitari (2), dipendenti aziende pubbliche (2), soci di piccole imprese (2), praticanti avvocati (2), educatori professionali settore pubblico (1), infermiere (1), sioterapista (1), funzionario tributario (1), operaio metalmeccanico (1), idraulico (1), biologo (1), casalinga (1), operatrice economica (1), amministratore unico (1), assistente giudiziario di tribunale (1), telecineoperatore (1), addetto alla selezione del personale (1), pedagogista 1, operatore Sociale in settore privato (1), Perito Chimico (1), chimico (1), scrittore( 1), commerciante (1), tecnico sala prove ( 1), tecnico laboratorio (1), consulente Informatico (1), settore turismo (1), giornalista pubblicista (1).I disoccupati di cui Lei parla sono 6 su 123, circa 4,8% degli eletti, compresa una lavoratrice precaria. Quindi 4,8%, non 87 per cento. A Lei che è abituato a leggere i numeri, non le sfuggirà certo la macroscopica di erenza che passa fra le due cifre. E, a scanso di equivoci, le riportiamo a seguire l’elenco dei parlamentari con le relative professioni, nella speranza di averLe fatto massimo chiarezza.Il MoVimento 5 Stelle.

Posted in Lettere al direttore/Letters to the publisher | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Mostra degli allievi del Liceo Artistico Statale “Giulio Carlo Argan”

Posted by fidest press agency su sabato, 20 gennaio 2018

Annibale CarracciRoma Inaugurazione 23 gennaio 2018 ore 17.00 Gipsoteca Museo dell’Arte Classica Università – Sapienza Università di Roma Piazzale Aldo Moro 5 Fino al 3 febbraio 2018 Orari: dal lunedì al venerdì 9.00 – 19.00 “Alimentazione Arte Salute” mostra degli Allievi del Liceo Artistico Statale “Giulio Carlo Argan” di Roma, Piazza dei Decemviri, 12 a cura di Roberto Luciani.
Il progetto, ideato da Anna Messinese dirigente del Liceo Artistico, con il coordinamento di Stefania Archilletti e Francesco Larocca e l’allestimento di Williams Troiano, è sostenuto dal patrocinio dell’Accademia Nazionale d’Arte Antica e Moderna e dall’Unione Europea Esperti d’Arte.
In mostra circa 70 opere realizzate in piena libertà di stile e tecnica, coniugando linguaggi contemporanei e “classici”, mediante infiniti stimoli visivi provenienti dal mondo moderno e in particolare dalla città di Roma, dove i ragazzi vivono, studiano e si esprimono.
Le opere esposte sono essenzialmente pittoriche realizzate con molteplici tecniche – ad olio, tempera, acquerello, acrilico, vernice industriale, ed altro – a cui si alternano oggetti di design e sculture in cemento, legno e argilla, o composizioni che fanno ricorso a tecniche diverse, dalla computer grafica ai collage, dalla fotografia alle applicazioni polimateriche.
“In questo periodo di profondi mutamenti sociali e conseguenzialmente territoriali, dove globali trasformazioni dettano una fase nuova di interpretazione e riflessione, appare molto importante che il Liceo Artistico Statale Giulio Carlo Argan di Roma, abbia voluto offrire un tangibile segno dell’estensione del proprio impegno curando una mostra collettiva dei suoi allievi. (…)
Il tema della mostra dimostra una grande sensibilità verso il difficile connubio Alimentazione-Salute, soprattutto tra i giovani. (…) La mostra offre l’occasione per conoscere ed apprezzare la vitalità creativa di alcune decine di autori che, sia a scuola che all’esterno, si dedicano con coerenza, capacità e passione ad arricchire il patrimonio culturale della Nazione grazie al loro impegno di studenti-artisti e alla qualità della loro espressione artistica. (…)
La loro ricerca si estrinseca attraverso un lessico mentale che fonda le radici nella coscienza di un lavoro che non vuole possedere esiti esclusivamente narrativi, ma che si prefigge di sviluppare una capacità di riflessione inflessibile, in grado di parlarci del presente ma anche del futuro, spesso con una elevata capacità metaforica di anticipazione. Si tratta di una polifonia di immagini, ricavata dall’esperienza e dall’analisi approfondita di un modo personale di vedere l’essenza delle cose. Quindi, in questa collettiva, senza pregiudizi ideologici e critici ma con un principio di spontanea libertà e originalità espressiva, espongono giovani artisti alla ricerca di una giusta considerazione, tutti comunque legati con quel fil rouge che evidenzia l’essenza dell’essere artisti davanti all’argomento in oggetto. (…)” (Roberto Luciani)
“Nei modi più svariati il cibo entra nell’universo artistico, ma se è vero che il cibo diventa arte, è vero innanzitutto che l’arte diventa cibo, un cibo, potremmo dire, sovrano, perché capace di nutrire gli uomini in modo assoluto. L’arte quindi è cibo per gli occhi e la psiche, ma principalmente è cibo per l’anima umana.” (dal testo critico di Roberto Luciani)Per la preziosa collaborazione si ringraziano le Prof.sse Rosaria Acierno, Laura Di Stefano, Floriana Tenore, tutti i Docenti e gli Allievi. (foto: Annibale Carracci)

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

E’ nato il Comitato di riferimento dell’Università Europea di Roma

Posted by fidest press agency su sabato, 20 gennaio 2018

università europea di romaNe fanno parte esponenti di rilievo del mondo delle imprese, delle professioni e del lavoro, che avranno il compito di supportare il vertice dell’ateneo. “Si tratta di un ulteriore passo nello sviluppo della nostra università”, spiega il Pro-Rettore Alberto Gambino. “Il dialogo, la collaborazione e l’ascolto sono elementi fondamentali nel consolidamento del nostro giovane ateneo. Per questa ragione abbiamo accolto con entusiasmo la costituzione di un gruppo di esperti in grado di offrirci la loro esperienza e competenza. Fin dall’inizio l’obiettivo dell’Università Europea di Roma è stato chiaro: introdurre elementi di novità nel percorso formativo, che, partendo dalle solide esperienze culturali della tradizione, potesse avere come dimensione l’Europa e il mondo. In questo senso il contributo di idee del Comitato di riferimento si presenta come una grande opportunità per costruire il futuro e per allargare gli orizzonti del cammino educativo dei giovani”. I membri del Comitato di riferimento dell’Università Europea di Roma sono: Vittorio Argento, Giornalista RAI e Capostruttura Safety & Security, Gianfranco Battisti, Presidente Nazionale di Federturismo e A.D. di Sistemi Urbani Srl – Gruppo Ferrovie dello Stato, Mario Civetta, Presidente dell’Ordine dei Dottori commercialisti e degli Esperti contabili di Roma, Gian Luigi De Palo, Presidente Nazionale del Forum delle Associazioni Familiari, Federico Fabretti, Esperto di comunicazione, media e rapporti istituzionali, Giorgio De Rita, Segretario Generale CENSIS, Loredana Gulino, Direttore Generale per la Lotta alla Contraffazione del MISE – Ufficio italiano brevetti e marchi, Marcella Mallen, Presidente della Fondazione Prioritalia, Daniela Primicerio, già Direttore Generale Ufficio Studi e Consulenza del MISE, Direttore Generale per l’Armonizzazione del Mercato e Tutela dei consumatori presso il Ministero della Attività Produttive, Andrea Ripandelli , Presidente partner della Global Real Estate Advisor – GREA e Fondatore di “Per Lorenzo Onlus”, Maurizio Romeo, Presidente del Club dei Circoli Sportivi Storici, Rossana Rummo, Membro del Consiglio di Presidenza della Corte dei Conti, Alfonso Sabella, Giudice del Tribunale di Napoli, Riccardo Starace, Imprenditore del settore sanitario, Antonino Tamburello, Direttore dell’Istituto Skinner.

Posted in Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola – Diplomati magistrale: 23 marzo grande manifestazione di protesta a Roma

Posted by fidest press agency su sabato, 20 gennaio 2018

scuolaRoma. Dopo il deludente incontro al Ministero dell’Istruzione il presidente nazionale Anief Marcello Pacifico ha incontrato il senatore Andrea Marcucci, per illustrargli i dettagli della proposta di decreto urgente utile a riaprire le Graduatorie ad Esaurimento: il testo presentato rappresenta la migliore soluzione condivisa per evitare che oltre 44mila maestri, con regolare abilitazione, si ritrovino non solo fuori dalle Graduatorie ad Esaurimento ma addirittura espulsi dalla scuola per via dell’applicazione della norma, introdotta con la Buona Scuola, che impedisce di conferire supplenze di lunga durata a tutto il personale precario che supera i 36 mesi di servizio anche non continuativo. Contestualmente, il leader del giovane sindacato si è rivolto al Capo dello Stato, affinché inviti il Governo a predisporre l’intervento legislativo immediato, proprio per evitare di assistere all’ingiusta espulsione giornaliera dei maestri e delle maestre dalle nostre scuole pubbliche.Marcello Pacifico (Anief-Cisal): Riaprire le GaE a questi docenti sarebbe un gesto di estrema sensibilità, perché decreterebbe la parola fine ad un contenzioso senza fine, mettendo la scuola nelle condizioni di funzionare al meglio. In caso contrario, si creerebbero seri problemi alla didattica di un altissimo numero di scuole dell’infanzia e primaria. Ma bisogna fare in fretta: per coloro che detengono un diploma magistrale, conseguito entro il 2002, occorre prevedere una graduale stabilizzazione. Il tutto va fatto prima dell’entrata in vigore del nuovo sistema di formazione e reclutamento previsto dalla Legge 107 del 2015, il quale, peraltro, sarà aperto anche al personale di ruolo mettendo in ‘concorrenza’ docenti con profili e curricula incompatibili. Confermiamo di volere avviare una vera e propria ‘guerriglia’ legale: prima di tutto perché le nostre istanze verranno prese in consegna da Bruxelles, dove si valuterà anche come denunciare lo Stato italiano rispetto all’Europa. A livello nazionale, confermiamo poi la volontà di bloccare molti scrutini del primo quadrimestre, previsti tra la fine di gennaio e l’inizio di febbraio. Inoltre, sciopereremo subito dopo l’insediamento del Parlamento. Infine, nel giorno di insediamento delle nuove Camere, è stato fissato un grande appuntamento in piazza, nella capitale, in modo da sensibilizzare il nuovo Esecutivo a trovare una soluzione immediata.

Posted in Cronaca/News, scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Teamsters Statement On Bus Attack Impacting Teamster Drivers, Tech Shuttle Passengers

Posted by fidest press agency su sabato, 20 gennaio 2018

INTERNATIONAL BROTHERHOOD OF TEAMSTERS LOGOSAN FRANCISCO,/PRNewswire-USNewswire/ Teamster shuttle bus drivers safely navigated through an apparent pellet gun attack on commuter shuttle buses this week along Highway 280. Buses sustained damage in the attack, but there were no reported injuries to the drivers or passengers.Two out of the five buses damaged were operated by Teamsters Local 853 members working for Loop Transportation and Compass Transportation and transporting employees for Apple.”We take the safety of our members and their passengers very seriously,” said Dennis Hart, Secretary-Treasurer of Teamsters Local 853 in Oakland. “We are working with the employers to ensure that everyone stays safe.”Apple has announced its buses will be rerouted away from Highway 280.There is no apparent motive for the attacks. High-tech companies have come under criticism locally for contributing to a housing affordability crisis in San Francisco. High-tech commuter shuttle contractors, meanwhile, employ thousands of professional drivers who have raised standards over the past several years by organizing with the Teamsters.
More than 1,000 tech commuter shuttle drivers have joined the Teamsters since 2015 at Facebook, Apple, Yahoo and more than a dozen other high-tech companies with the exception of Google. Teamsters form the majority of shuttle bus drivers serving high-tech companies in Silicon Valley. The union has negotiated industry-leading contracts for organized tech industry workers, bringing them into the middle class with good wages and benefits.The Teamsters Union is part of a growing movement of labor, faith and community-based organizations and workers challenging income inequality in Silicon Valley through an innovative partnership called Silicon Valley Rising. http://siliconvalleyrising.org.
Founded in 1903, the International Brotherhood of Teamsters represents 1.4 million hardworking men and women in the United States and Canada. Visit http://www.teamster.org for more information. Follow us on Twitter @Teamsters and “like” us on Facebook at http://www.facebook.com/teamsters. (photo: international brotherhood)

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Calano i reati perché manca la fiducia nel sistema giudiziario

Posted by fidest press agency su sabato, 20 gennaio 2018

furti-in-casa“Le statistiche del ministero dell’Interno non tengono conto dei reati commessi e non denunciati per sfiducia nel sistema giudiziario e per la cronica incertezza della pena. I roghi tossici di Roma, Napoli, Milano, Torino, rientrano nella statistica del ministero? La risposta è no. Le migliaia di segnalazioni non corrispondono a formali denunce e restano fuori dal conteggio ufficiale del ministero dell’ Interni. Così come la gran parte di borseggi, accattonaggi, rovistaggi, taccheggi, abusivismo commerciale, occupazioni, furti di beni non assicurati il tutto ingigantito dalla depenalizzazione di innumerevoli reati che rappresentano una delinquenza abituale e diffusa… Non possono essere conteggiati. Spesso le stesse forze dell’ordine sono costrette, per carenza di uomini e mezzi, a intervenire solo sui fenomeni di criminalità organizzata. La libertà senza sicurezza non è vera libertà e i primi a pagare un prezzo salato per l’insicurezza sono le persone socialmente ed economicamente più fragili. Dunque, occorre guardare al problema e risolverlo piuttosto che costringere gli italiani a vivere nella paura come fa la sinistra, trincerata su un irresponsabile atteggiamento di minimizzazione”.È quanto ha dichiarato il capogruppo di fratelli d’Italia Fabio Rampelli intervenendo ad Agorà.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La Turchia al Bit di Milano

Posted by fidest press agency su sabato, 20 gennaio 2018

turchiaturchia2Fiera Milano City – Milano, 11-13 Febbraio 2018 Stand Turchia: Pad. 4 Leisure – Stand n. B109 B99 C108 C98La Turchia scommette sul suo patrimonio culturale ed archeologico e lancia il progetto “2018: The Year of Troy” per celebrare i 20 anni dall’inserimento del sito archeologico di Troia, uno dei più famosi al mondo, nella Lista UNESCO. L’Ufficio Cultura e Informazioni dell’Ambasciata di Turchia partecipa anche quest’anno alla BIT Borsa Internazionale del Turismo di Milano (dall’11 al 13 febbraio) con uno stand di 180 mq dove ospiterà 11 turchia1co-espositori, oltre alla compagnia di bandiera Turkish Airlines : saranno presenti le destinazioni di Bursa, Çanakkale e Cappadocia, la Fiera EMITT di Istanbul, la Camera di Commercio di Izmir, l’Agenzia per lo Sviluppo di Izmir e i tour operator Allegro Tour, Entour, Intra Tours DMC, Karavan Travel, METS Yachting LTD.Soddisfazione per la netta ripresa dei flussi turistici : oltre 30 milioni di turisti internazionali tra gennaio e novembre 2017 (per la precisione 30.706.245) con un incremento del 27,68% rispetto agli stessi 11 mesi del 2016. Anche per quest’anno la Russia e la Germania si confermano come i due mercati principali del Paese (4.647.162 turisti russi e 3.451.897 turisti tedeschi), mentre gli italiani in Turchia sono stati 188.251. Gli arrivi dal Bel Paese sono in costante ripresa già dall’inizio della scorsa estate (novembre +14,46%, ottobre +12,31%, settembre +23,06%, agosto +8,11%, luglio +33,92%) quindi le aspettative sono ottimistiche per la prossima stagione. (Foto: turchia)

Posted in Cronaca/News, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Campidoglio, al via “Memoria genera Futuro”

Posted by fidest press agency su sabato, 20 gennaio 2018

shoah-iRoma. Oltre 100 appuntamenti dal 18 gennaio al 18 marzo per ricordare e confrontarsi insieme sullo sterminio nei campi di concentramento nazisti: dai teatri, agli spazi culturali fino ai luoghi simbolo della memoria e alle biblioteche diffuse nel territorio della città. Tutto questo è la seconda edizione di Memoria genera Futuro.Il progetto di coordinamento è frutto della collaborazione tra l’Assessorato alla Crescita culturale, l’Assessorato alla Persona, Scuola e Comunità solidale e i rispettivi Dipartimenti, i Municipi, la Comunità Ebraica di Roma, la Fondazione Museo della Shoah, il Museo Ebraico di Roma, UCEI – Unione delle Comunità Ebraiche Italiane, l’Istituzione Biblioteche di Roma, il Teatro di Roma, l’Azienda Speciale Palaexpo, la Fondazione Musica per Roma, la Fondazione Teatro dell’Opera, l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, la Fondazione Cinema per Roma, la Fondazione Romaeuropa, la Casa del Cinema, la Casa della Memoria e della Storia e le associazioni ivi residenti (ANPI, ANED, ANEI, ANPC, ANPPIA, FIAP, IRSIFAR e Circolo Gianni Bosio). Si ringrazia per la collaborazione l’Istituto Luce e l’Archivio Nazionale del cinema della Resistenza (ANCR).
ghetto-historicallyQuest’anno ricorrono 80 anni dalla promulgazione nel 1938 delle Leggi Razziali. Le norme infami volute dal fascismo con la complicità di Vittorio Emanuele III giunsero dopo 16 anni di regime durante cui libertà personali e collettive vennero cancellate con l’accompagnamento di una lunga e intensa campagna razzista e antisemita, di cui furono protagonisti tristemente anche intellettuali e scienziati. “Se voi volete andare in pellegrinaggio nel luogo dove è nata la nostra Costituzione, andate nelle montagne dove caddero i partigiani, nelle carceri dove furono imprigionati, nei campi dove furono impiccati. Dovunque è morto un italiano per riscattare la libertà e la dignità, andate lì, o giovani, col pensiero, perché lì è nata la nostra costituzione” così Piero Calamandrei racconta le radici della Costituzione Repubblicana.
In Memoria genera Futuro 2018 sono diversi gli appuntamenti che parlano del 1938. Dal “Processo” che vede imputato Re Vittorio Emanuele III all’Auditorium Parco della Musica questa sera, 18 gennaio, (e in onda su Rai Storia il 27 gennaio alle 21:15), alla mostra “1938 La Storia” della Fondazione Museo della Shoah alla Casina dei Vallati, passando per “La notte scura”, mostra di George de Canino alla Casa della Memoria, nella quale attraverso l’arte contemporanea si ricorda la propaganda fascista, fino al seminario su “Leggi razziali e sport” alla Casa della Memoria, alla proiezione del film “Concorrenza sleale” alla Biblioteca Elsa Morante. Diversi gli spettacoli teatrali come “Ridere rende liberi” al Tetro di Villa Torlonia e “Tante facce nella memoria” al Teatro India, come tanti i concerti previsti. Si va dall’opera per bambini “Brundibar” al Teatro Nazionale e al Palladium, al teatro musicale elsa morante“Anna e Zef” dell’Accademia Santa Cecilia all’Auditorium Parco della Musica. Grande presenza nel programma della seconda edizione di Memoria genera Futuro del cinema come “Il viaggio di Fanny” alla Casa del Cinema e il progetto “In memoriam” curato da Mario Sesti alla Casa della Memoria. Tra le conferenze “Gli ebrei di Libia a Roma” all’Opificio della Fondazione Romaeuropa e alla Casa della memoria l’incontro “Giusti di ieri e Giusti di oggi”. Tra le molte iniziative dedicate ai giovani, il Municipio V organizza una passeggiata tra le pietre d’inciampo e al centro sociale anziani “Michele Testa” il reading musicale “La storia della Shoah raccontata attraverso i ricordi dei nonni”. Inoltre i ragazzi del Progetto “Testimoni dei Testimoni” si recheranno in 18 Centri Anziani per condividere il lavoro che stanno svolgendo in merito al tema della Memoria. Tra le tante mostre al Mattatoio (Ex Macro Testaccio) l’esposizione di Mauro Maugliani “Étoiles filantes” a cura dell’Assessorato alla Cultura della Comunità Ebraica di Roma, ASCER e Azienda Speciale Palaexpo. Tra i tantissimi appuntamenti nelle Biblioteche di Roma che propongono proiezioni cinematografiche, incontri e mostre alla Biblioteca Longhena letture a cura dei ragazzi delle scuole dal libro “Le valige di Auschwitz” e alla Biblioteca Pier Paolo Pasolini l’incontro con la scrittrice Lia Tagliacozzo. Il programma dettagliato con tutte le iniziative su http://www.comune.roma.it.
ll 25 gennaio nella Sala della Protomoteca in Campidoglio, Roma Capitale, Sky Sport e Comunità Ebraica di Roma, presenteranno in anteprima il documentario di Sky Sport “1938 – Lo sport italiano contro gli ebrei”. Saranno presenti tra gli altri la Sindaca Raggi, il Vicesindaco Bergamo, l’Assessore Baldassarre, la Presidente della Comunità Ebraica di Roma Dureghello e il giornalista Matteo Marani, autore dell’inchiesta che andrà in onda sabato 27 gennaio.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Nuovo programma Airport Companion riservato ai titolari Visa

Posted by fidest press agency su sabato, 20 gennaio 2018

visa1Londra. Visa in partnership con DragonPass ha lanciato il programma Airport Companion riservato ai titolari Visa, ideato per fornire una serie di vantaggi esclusivi in grado di rendere ancora più piacevole l’esperienza di viaggio. I servizi verranno offerti ai viaggiatori attraverso le istituzioni finanziarie che emettono carte Visa in Europa e che hanno aderito all’iniziativa. I titolari Visa abilitati potranno accedere a oltre mille sale lounge e a una serie di sconti riservati nei ristoranti degli aeroporti. Alcuni dei titolari potranno inoltre accedere ad alcune caratteristiche premium come trasferimenti, spa, code veloci e coupon digitali per pasti e bevande gratuite. Il Programma mette in grado i titolari Visa di gestire la loro partecipazione attraverso un’app dedicata che consente loro di effettuare pagamenti, ricevere suggerimenti dedicati e altro ancora.L’offerta di servizi targata DragonPass è abilitata a livello tecnologico da Visa Developer Platform che utilizza le Api (le Application Programming Interface) di Visa per abilitare il processo (senza interruzioni) di verifica dell’account e di abilitazione al programma, rendendo più semplice per le banche l’integrazione del programma all’interno delle proprie app e la definizione di servizi per la loro specifica base clienti e in base ai loro obiettivi commerciali. Un processo digitale semplificato diinstallazione fornisce alle istituzioni finanziarie la capacità di sviluppare servizi rapidamente e in grado di rispondere efficacemente ai loro requisiti. DragonPass inoltre abilita le istituzioni finanziarie nella gestione di campagne su misura per segmenti per ottimizzare il servizio, guidando l’acquisizione, la fidelizzazione e l’incremento del valore percepito dai clienti.
La presenza globale di DragonPass sta crescendo rapidamente e può contare attualmente su oltre mille lounge e oltre 2000 restauranti convenzionati all’interno degli aeroporti fruibili dagli utenti a livello mondiale.Il programma offre sconti in un’ampia gamma di outlet, dalla Caviar House di Magala a Los Clos di Dubai, e l’accesso alle sale lounge più confortevoli come la Maple Leaf lounge a Francoforte e la Plaza Premium Lounge all’aeroporto di Londra Heathrow.

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Repubblica Centrafricana: 75.000 profughi in meno di un mese

Posted by fidest press agency su sabato, 20 gennaio 2018

repubblica-centrafricanaDopo la nuova ondata di violenza che nella Repubblica centrafricana ha causato solo nelle ultime tre settimane più di 75.000 profughi, l’Associazione per i Popoli Minacciati (APM) si appella alla comunità internazionale affinché intensifichi l’invio di aiuti umanitari nel paese scosso dal 2012 da una guerra civile dimenticata dal mondo. Circa la metà della popolazione centrafricana dipende per la propria sopravvivenza dagli aiuti umanitari ma nel 2017 gli aiuti internazionali hanno coperto solo il 36,5% degli aiuti veramente necessari. Da quando sono ripresi i combattimenti tra le diverse milizie del paese, la situazione sta drammaticamente peggiorando in tutto il paese anche se la situazione peggiore si registra nel nordest della Repubblica Centrafricana. Dopo i combattimenti scoppiati il 29 dicembre 2017 nei dintorni della città di Paoua circa 60.000 persone sono state costrette a fuggire di casa e a cercare rifugio nella città di Paoua che fino a quel momento aveva solo 40.000 abitanti. Nel vicino Ciad sono stati registrati 15.000 nuovi profughi provenienti dalla Repubblica Centrafricana. Solamente nel 2017 circa 180.000 persone sono fuggite dalla violenza portando così il numero complessivo dei profughi centrafricani a 1,1 milioni su una popolazione totale di 5 milioni. I combattimenti sono in aumento anche nelle altre regioni del paese. A causa degli scontri armati, lo scorso 17 gennaio sono morte sette persone in un quartiere della capitale Bangui, abitato prevalentemente da musulmani. I combattimenti sono stati scatenati da un attacco terroristico nonché da una lite tra miliziani armati e commercianti ai quali i miliziani hanno tentato di estorcere il pagamento di un pizzo.Da diversi anni le organizzazioni per i diritti umani chiedono il disarmo completo di tutte le milizie, cosa che il governo del paese finora non è riuscito ad ottenere. L’annuale Conferenza episcopale cattolica, tenutasi lo scorso 14 gennaio 2018, ha a sua volta condannato la violenza delle milizie e ha chiesto a tutte le parti in causa di aderire ad un armistizio incondizionato. Attualmente circa il 70% del territorio centrafricano è controllato da diverse milizie armate che si contendono il controllo delle materie prime.

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Un Ministero per la Solitudine

Posted by fidest press agency su sabato, 20 gennaio 2018

sant'egidio1L’istituzione nel Regno Unito di un Ministero per la Solitudine (Ministry for Loneliness) – da salutare come un significativo segno di attenzione al problema – fa emergere uno dei più grandi temi che l’Europa deve affrontare pensando al suo presente, ma soprattutto al suo futuro: l’isolamento sociale che colpisce in modo trasversale giovani e anziani, tanto che Londra ne ha dovuto prenderne atto e considerarlo alla stregua di una malattia per gli effetti che provoca. Basta pensare alle crescenti forme di depressione o di altre patologie connesse al fenomeno, alcune delle quali comuni, ma aggravate proprio dalla solitudine.Se in Gran Bretagna si calcola che siano 9 milioni le persone che vivono “isolate” e 2 milioni quelle che abitano “sole” (con 200 mila anziani che trascorrono settimane senza incontrare nessuno), in Italia come negli altri Paesi dell’Unione Europea, c’è bisogno di maggiori interventi a tutela di chi è in queste condizioni, a partire dalla popolazione anziana, dato che nel nostro continente ben il 33 % delle famiglie è composto da una sola persona e all’interno di questa categoria gli ultrasessantacinquenni sono circa il 40 %.La Comunità di Sant’Egidio lancia un appello a non sottovalutare il problema e invita ad affrontarlo creando reti di protezione dal fenomeno dell’isolamento sociale. Da una rilevazione condotta recentemente dalla Comunità su un campione di 2412 anziani di Roma, Novara, Genova, Napoli e Catania è emerso che il 6% degli ultrasessantacinquenni non ha nessuno su cui contare in caso di necessità ed il 24% pensa di poter contare su qualcuno solo in maniera occasionale. L’esperienza del programma “Viva gli anziani” di Sant’Egidio dimostra che è possibile intervenire coinvolgendo più anzianisoggetti all’interno dei quartieri dove vivono le persone sole, in modo da costituire una trama di relazioni con il vicinato, il personale medico e sanitario, le istituzioni e il volontariato. Il risultato è quello di un miglioramento significativo, per tutti, della qualità della vita. Prima di tutto per gli anziani, dato che con il monitoraggio effettuato (grazie a visite, telefonate e altri interventi di prossimità) oltre a diminuire il tasso di istituzionalizzazione si sono registrati effetti positivi sulla salute delle persone, come quando, durante l’ondata di calore del 2015, nei rioni del centro di Roma dove opera “Viva gli anziani!”, la mortalità è aumentata del 50% in meno rispetto ai quartieri limitrofi. Ma conseguenze positive esistono anche per le altre generazioni, visto che la solitudine non è di appannaggio esclusivo della Terza o Quarta Età ma riguarda da vicino anche chi ha molti anni di meno. Significativo è a questo riguardo l’impegno del movimento Giovani per la Pace della Comunità di Sant’Egidio (giovani delle scuole superiori) nel vivere e favorire il contatto diretto con gli anziani: un’alleanza tra generazioni da cui trae beneficio tutta la società.

Posted in Politica/Politics, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | 1 Comment »

Proteggere i minori nelle controversie internazionali in materia di divorzio

Posted by fidest press agency su sabato, 20 gennaio 2018

europeBruxelles. Pur riconoscendo la qualità delle proposte della Commissione che mirano a migliorare il regolamento in vigore, i deputati propongono di rafforzare la tutela dei diritti dei minori durante l’intera procedura di risoluzione delle controversie tra le coppie divorziate. Ciò significherebbe in particolare garantire che il bambino abbia il diritto di esprimere la propria opinione, attraverso una procedura chiara, in cui non vengono esercitate pressioni sul bambino e l’intervistatore è un esperto appositamente formato. Se un bambino viene sequestrato in un altro Paese dell’Unione europea da uno dei suoi genitori, i deputati propongono che la questione venga affrontata da giudici che esercitano la professione e hanno acquisito esperienza in tale ambito, per garantire la priorità dell’interesse superiore del bambino.In apertura del dibattito di mercoledì, il relatore Tadeusz Zwiefka (PPE, PL) ha evidenziato l’importanza della dimensione infantile. Il fanciullo rappresenta l’anello più debole nelle controversie tra genitori e necessita quindi di tutta la protezione che possiamo offrirgli. In particolare, l’audizione del bambino rappresenta una questione fondamentale e merita disposizioni dettagliate.
Secondo le stime della Commissione, nell’UE risiedono 16 milioni di famiglie internazionali e ogni anno ci sono circa 140 000 divorzi internazionali. I casi di rapimento di minori da parte dei genitori registrati nell’UE sono circa 1.800 l’anno. Il Parlamento ha un Mediatore per i casi di sottrazione internazionale di minori. Questa funzione è attualmente svolta da Elisabeth Morin-Chartier.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

I risultati dell’Osservatorio sul Mercato del Lavoro

Posted by fidest press agency su sabato, 20 gennaio 2018

opportunita-lavoroIn discesa la ricerca dell’occupazione fra i giovani, ma rimane ancora a livelli tutt’altro che rassicuranti. Secondo quanto rilevato da CornerJob nell’ultimo trimestre 2017 la percentuale dei giovani alla ricerca del lavoro nella fascia 18-25 anni ha registrato un deciso calo (assestandosi al 41,5% e scendendo di circa 13 punti percentuali rispetto al trimestre precedente). Ma il dato è da inserire in un quadro stagionale. Stiamo parlando infatti di una fascia d’età che è ancora alle prese con lo studio. Ragazzi che quindi, nel corso dell’estate decidono di sacrificare parte delle vacanze con “lavoretti stagionali” per far quadrare un bilancio sempre più complicato, ma che, con l’inizio degli anni accademici e i primi esami, devono dedicarsi con maggior vigore allo studio. Di segno inverso risulta invece il dato relativo alla fascia 26-30 anni, dove la percentuale di chi è alla ricerca del lavoro sale di cinque punti percentuali rispetto al trimestre precedente assestandosi al 22,7%, bilanciata da una diminuzione di cinque punti percentuali in area over 30, dove il totale delle ricerche di lavoro è al 25%. “Le nostre rilevazioni che, ricordiamo, hanno un valore indicativo in quanto provenienti dalle aziende e dai candidati presenti sulla nostra piattaforma, sembrano andare in una direzione lievemente differente rispetto all’entusiasmo generale originato dalla pubblicazione degli ultimi dati ISTAT”, ha commentato Eva Maggioni, Head of Strategies & Sales di CornerJob. “Sulla nostra piattaforma, i millennial alla ricerca di un lavoro toccano il 64,3% del totale. Che è sicuramente un risultato migliore rispetto alla punta del 74% del primo semestre 2017. Ma è importante non confondere un cambio di direzione con una decisa (e decisiva) ripresa. I punti di domanda sono ancora tanti. Il primo, osservando i candidati sulla piattaforma, è che spesso sono gli stessi che si ripresentano a cadenza trimestrale o anche mensile. Noi li abbiamo intervistati. E ci hanno detto che, se il metro di paragone dello status di “occupati” non è più il caro vecchio posto fisso, non può nemmeno essere quello di una precarizzazione così spinta. Fatta di contratti che spesso non arrivano neppure ai tre mesi e che quindi, non permettono alcuna forma di progettualità. Certo anche questo è lavoro, ma onestamente si può definire occupazione?”. Ai dubbi di Eva Maggioni dà eco anche maggiore Francesca, 30 anni, laureata in scienze dell’alimentazione. “Io sono cinque anni che passo da uno stage all’altro. Ogni volta mi dico che forse è la volta buona. Ma non è così. Quindi è vero, sto lavorando. Ma di fatto non ho un salario che si possa considerare tale, sono costretta a vivere ancora con i miei e a rimandare il mio sogno di indipendenza di tre mesi in tre mesi. E mi dispiace che le statistiche mi considerino occupata, perché io sono, di fatto, una disoccupata al lavoro”.
La Lombardia si conferma alla guida del mercato del lavoro. Retrocede invece il Lazio che viene superato dal Piemonte. La Campania (per i primi nove mesi al terzo posto in termini di offerte) si piazza al settimo posto. La Lombardia è, come sempre, alla guida del mercato. Con un primo posto nella classifica delle regioni italiane consolidato da diverse lunghezze di vantaggio rispetto a tutte le altre, assorbendo il 68% delle offerte di lavoro del Paese. Al secondo posto troviamo il Piemonte con il 15% (+9% versus terzo trimestre) che supera il Lazio a quota 14% (-5% rispetto al Q3). La Campania, precedentemente medaglia di bronzo, perde 11 punti percentuali e precipita nella zona bassa della classifica, quella delle regioni con risultati inferiori all’1%.
Sul fronte delle offerte c’è una grande fame di agenti immobiliari e di commercio che rimangono tra le professioni più ricercate anche nel quarto trimestre 2017 assorbendo oltre il 44% del totale. Al secondo posto troviamo il settore turismo- HoReCa a quota 20%. Al terzo posto, ma con quasi 9 lunghezze di distacco rispetto al secondo, le professioni di back office (contabilità, segreteria, IT). Sul fronte delle professioni più ambite dai candidati, il settore turismo-HoReCa rimane ben saldo al primo posto a quota 34%, seguito dalle posizioni di back -office (a quota 12%).

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Mostra collettiva Il paradigma di Kuhn

Posted by fidest press agency su sabato, 20 gennaio 2018

paradigma di KuhnSiena galleria FuoriCampo, opening sabato 20 gennaio, ore 19:00 21 gennaio – 31 marzo 2018 Cremona StudioO2, opening sabato 27 gennaio, ore 18:00 28 gennaio – 28 febbraio 2018. La mostra collettiva Il paradigma di Kuhn riunisce le opere di 19 artisti, dilatandosi in due sedi e in due momenti diversi: la galleria FuoriCampo di Siena ospiterà infatti dal 20 gennaio al 31 marzo una serie di piccoli lavori – uno per ogni artista – che anticipano, senza svelare, l’allestimento delle opere nello spazio museale. Fu l’epistemologo Thomas S. Kuhn nel suo libro più famoso La struttura delle rivoluzioni scientifiche a indicare che la scoperta comincia con la presa di coscienza di un’anomalia rispetto alle aspettative, che viene esplorata finché la teoria paradigmatica non viene riadattata, e ciò che era anomalo si trasforma in normalità. Esiste dunque un legame di continuità fra scienza e rivoluzione, nel senso che lo scienziato opera sempre all’interno di una cornice di riferimento riconosciuta e apparentemente solida, fino ad individuare il limite e a superarlo con un adattamento teorico, alimentando dunque il seme del cambiamento verso una nuova rivoluzione.
Seguendo il pensiero di Kuhn, anche il mondo dell’arte può dirsi scandito da brevi momenti di rivoluzione, Manifesti o Secessioni, a cui si alternano lunghi periodi di “accademismo”, che, riproducendo certi principi compositivi o teorici, stimolano a loro volta un cosiddetto “punto di svolta” sul piano culturale.
Le opere presenti in mostra sono accumulate perciò da un pensiero anti-passatista, inteso non tanto come rifiuto del passato quanto piuttosto come rilettura obiettiva della storia, lontano da riferimenti ideologici pretestuosi, per proiettare la prassi artistica su tematiche più universalistiche attinenti il mutamento e la trasformazione, componenti ultimi e soluzione del reale.
Molti degli artisti invitati lavorano proprio sull’idea di costruzione e adattamento, su equilibri formali e rapporti di forze, in un’incessante analisi del proprio presente e di un’eventuale soluzione per il futuro. Un atteggiamento che forse deriva da un sistema dell’arte nazionale sempre più chiuso su se stesso che offre poche possibilità agli artisti italiani, ancora schiacciati da due paradigmi tanto ingombranti e resilienti – l’Arte Povera e la Transavanguardia – da apparire perfino dogmatici e inibire lo sviluppo di un nuovo corso per l’arte.La mostra di trasforma dunque in una sorta di “spazio critico” sulle attuali “capacità” dell’arte contemporanea, sottoponendo alla verifica sperimentale alcuni principi artistici ed espositivi, grazie alle opere di artisti considerati come marcatori, sensibili indicatori di un’anomalia riconducibile all’esaurirsi della capacità esplicativa del paradigma.
Gli artisti sono Marco Basta, Thomas Berra, Alessandro Biggio, Andrea Bocca, Pamela Diamante, Tony Fiorentino, Mafalda Galessi, Corinna Gosmaro, Helena Hladilovà, Vincenzo Napolitano, Dario Pecoraro, Alessandro Polo, Gianni Politi, Agne Raceviciute, Stefano Serretta, Namsal Siedlecki, Luca Trevisani, Serena Vestrucci, Mauro Vignando. (foto: paradigma di Kuhn)

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Fazil Say in concerto a Roma

Posted by fidest press agency su sabato, 20 gennaio 2018

fazil sayFazil Say suonerà martedì 23 gennaio alle 20.30 a Roma nell’Aula Magna della Sapienza per i concerti della IUC. Inizierà con tre dei brani più noti di Chopin (il Notturno in mi minore op. 72, e i due Notturni in do diesis minore e in do minore, pubblicati postumi) a cui seguirà la Sonata in fa minore op. 57 “Appassionata” di Beethoven, che ad oltre due secoli dalla sua composizione continua a emozionare con la sua forza espressiva e le sue idee musicali rivoluzionarie, esaltate dall’interpretazione di Say. La seconda parte del concerto si aprirà con Erik Satie, eccentrico protagonista della vita musicale parigina tra diciannovesimo e ventesimo secolo, di cui Say eseguirà sei Gnossiennes, piccoli brani all’apparenza semplicissimi e innocui, ma assolutamente originali per la fazilsay02-c-marcoborggreve ridottalibertà del ritmo, degli accordi e della forma.Say concluderà con due proprie composizioni, Black Earth e Yürüyen Köşk – Hommage à Atatürk, op. 72, quest’ultima è stata scritta nel 2017 ed è una novità per l’Italia. Black Earth si basa su una canzone di Aşık Veysel (1891-1973), famoso autore di ballate popolari turche e ultimo rappresentante di una tradizione millenaria finita con lui. Questa sua canzone parla di solitudine e perdita: alla fine tutto quel che rimane è la “terra nera” della sua regione natale di Sivas.Yürüyen Köşk – Hommage à Atatürk, op. 7 – il cui titolo significa “il palazzo che cammina” – è un ampio brano diviso in quatto movimenti (Illuminazione – Lotta contro l’oscurità – Credere nella vita – Il platano) ed esiste in due versioni, per pianoforte solo – che costituisce la quarta parte di The Art of the Piano – e per quintetto. È ispirato ad un episodio della vita di Atatürk, il padre della Turchia moderna, che in una sua proprietà fondò una “fattoria del popolo” per incoraggiare le pratiche agricole moderne. Quando un platano crebbe così tanto da rendere necessario tagliarne un ramo per non danneggiare un edificio che sorgeva lì vicino, Atatürk decise piuttosto di spostare il palazzo di qualche metro, con una complessa opera di ingegneria. Poi donò al popolo turco questa proprietà e tutti gli altri suoi beni. (foto: fazil say)

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Azioni globali: la qualità si farà strada

Posted by fidest press agency su sabato, 20 gennaio 2018

David DuddingA cura di David Dudding, Gestore portafoglio azionario globale di Columbia Threadneedle Investments. Dopo un anno nel complesso positivo per i titoli di alta qualità che prediligiamo, le valutazioni in alcune parti del mercato hanno iniziato ad apparire eccessive. Riteniamo tuttavia che alcuni investitori siano stati troppo frettolosi nell’attribuire tale giudizio a intere categorie del mercato, poiché non hanno tenuto conto dei forti vantaggi competitivi e dei positivi profili di crescita di lungo termine delle aziende di alta qualità in questi settori.Ciò è particolarmente vero per le società tecnologiche, dove i profitti esplosivi dei cosiddetti titoli “FANG” (Facebook, Amazon, Netflix e Google – ora Alphabet) sono stati ampiamente documentati. Negli ultimi 12 mesi abbiamo leggermente ridotto la nostra esposizione ad alcune azioni tecnologiche che apparivano sopravvalutate.Tuttavia, a nostro avviso, altri titoli tecnologici non sono affatto onerosi e nel 2018 potrebbero persino realizzare performance superiori a quelle del 2017. È un dato di fatto che se ritenessimo un’azione sopravvalutata in rapporto alle sue prospettive di crescita di lungo periodo non la deterremmo.La chiave è concentrarsi il più possibile su specifici titoli, valutando i fondamentali delle singole società e non quelli dei settori nel loro complesso.Microsoft è un buon esempio del perché è necessario valutare i titoli in rapporto ai loro meriti individuali. Contrariamente a quanto ci si potrebbe attendere, i multipli della società non raggiungono i livelli comunemente associati ai giganti tecnologici. Alla data della redazione del presente documento, Microsoft quota a circa 30 volte gli utili, il che non la rende né conveniente né costosa.1 Inoltre, grazie al crescente slancio della sua piattaforma cloud (Azure), Microsoft si annuncia come una delle società che nel 2018 potrebbero realizzare performance superiori a quelle del 2017.Quando esaminiamo i vantaggi competitivi, ci soffermiamo sulle aziende che sono protette dai cosiddetti “fossati economici”. È dunque positivo osservare che gli utenti di lunga data dei software e dei server Microsoft, quando si pongono alla ricerca di soluzioni di cloud computing, favoriscono la società con cui hanno familiarità. Negli ultimi trimestri Azure ha evidenziato una crescita molto più sostenuta di Amazon Web Services, il pacchetto di servizi leader nel mercato delle infrastrutture cloud.2 La fiducia che molti utenti ripongono nel marchio Microsoft ha creato un fossato economico che rafforza il vantaggio competitivo dell’azienda.
La principale minaccia per la crescita di titoli come Amazon, Facebook e, eventualmente, Microsoft nei prossimi 12 mesi non è costituita dalle loro valutazioni, ma piuttosto dai crescenti rischi politici e regolamentari.I governi mondiali sono alla ricerca di soluzioni per rafforzare il proprio controllo sui giganti tecnologici e per aumentare l’imposizione fiscale a loro carico. Il programma del ministro delle finanze britannico Philip Hammond, annunciato nella finanziaria di novembre, di valutare l’idea di tassare le società tecnologiche sulla base delle loro vendite nel Regno Unito, potrebbe costituire un segnale di ciò che ci aspetta. In seguito al riconoscimento dell’influenza che le interferenze russe su Facebook e Google potrebbero aver avuto sui risultati elettorali statunitensi nel 2016, le richieste di un inasprimento della regolamentazione si sono intensificate.
Il rischio regolamentare, non solo nel Regno Unito ma a livello globale, è il motivo per cui Alphabet, con un P/E pari a 36 alla data di redazione del presente documento1, è a nostro avviso conveniente. La minaccia di norme più severe nel settore tecnologico è un fattore che nel 2018 monitoreremo attentamente. (foto: David Dudding)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

LuganoMusica: Widmann e Hagen Quartet, un quintetto in prima esecuzione

Posted by fidest press agency su sabato, 20 gennaio 2018

Hagen QuartettJörg Widmann composer clarinettistPhoto: Marco BorggreveLugano giovedì 25 gennaio, alle ore 20.30, nella Sala Teatro del LAC di Lugano, un nuovo appuntamento con la musica contemporanea e con una delle sue personalità attualmente più interessanti: il compositore e clarinettista tedesco Jörg Widmann.A lui LuganoMusica ha commissionato – insieme ad altre prestigiose istituzioni musicali, come il Centro Nacional de Diffusion Musical di Madrid, la Wigmore Hall di Londra, la Philharmonie di Essen, la Carnegie Hall di New York, la Strijkkwartet Biennale di Amsterdam, la Cité de la Musique di Paris e la Mozartwoche di Salisburgo – un quintetto per clarinetto ed archi che verrà eseguito per la prima volta in Svizzera proprio al LAC.Per questa prima esecuzione svizzera, l’altro grande protagonista della serata insieme a Widmann sarà il celebre quartetto Hagen, composto dai fratelli Hagen, Lukas e Clemens, che suonano due Stradivari, Veronika, che suona una viola Maggini, e da Rainer Schmidt.“Il mio quintetto è un singolo adagio di circa 40 minuti – commenta Widmann -. Il primo tempo Lento potrebbe funzionare per l’intero pezzo. Ad eccezione di alcune esplosioni, l’intero lavoro si posiziona nell’affascinante e pericolosa area intermedia di statica e flusso, la musica scompare quasi completamente e poi torna a suonare in sfere più alte o più basse, a galleggiare. O almeno è quello che spero. Suonare, galleggiare, amare: in quasi nessun altro pezzo mi sono dedicato a questi topoi in modo così libero come in questo mio quintetto per clarinetto”.Oltre al quintetto composto da Widmann, il concerto prevede l’esecuzione del capolavoro di Mozart, il Quintetto per clarinetto e archi in la maggiore, KV581.
Alle ore 19.00 si terrà un incontro pre-concerto nella Sala Refettorio del LAC (ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria). (foto: Hagen_Quartett, Jorg_Widmann)

Posted in Estero/world news, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »