Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 344

Archive for 22 gennaio 2018

ADT Marks IPO and First Day of Trading on New York Stock Exchange

Posted by fidest press agency su lunedì, 22 gennaio 2018

NYSEADT Inc. (NYSE: ADT) opened for trading today on the New York Stock Exchange (NYSE) under the ticker symbol “ADT” following its initial public offering. ADT is a leading provider of security and automation solutions for homes and businesses in the United States and Canada, with approximately 7.2 million customers and nearly 18,000 employees.ADT Chief Executive Officer Timothy J. Whall, joined by members of ADT’s senior executive team and board of directors, rang the NYSE Opening Bell®, followed by a visit to the DMM location on the Trading Floor to observe the price discovery process. The process culminated with the ringing of the First Trade Bell by Mr. Whall, which signified the opening of the stock.“We have 18,000 employees who have helped make tremendous strides as an organization over the past two years in redefining customer experience and what security means,” said ADT’s Whall. “A big thanks goes out to our passionate team members for continuously focusing on the one thing that matters most – our customers.”“We’re pleased to welcome ADT to the NYSE’s community of the world’s leading companies,” said Tom Farley, President, NYSE. “We congratulate the ADT team on its IPO, and we are proud to mark this exciting new chapter for the company and its shareholders.”With 200 locations across the U.S. and Canada, and more than 300 authorized Dealers, ADT is an industry leader in sales, installation and service field force. ADT team members receive an average of 40,000 alarms each day.The NYSE is home to many of the world’s most iconic brands, technology business leaders and emerging growth companies shaping today’s global economic landscape. ((Photo: NYSE)

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Judge Grants New Trial for Seattle’s Bigler Family v. Olympus

Posted by fidest press agency su lunedì, 22 gennaio 2018

Bigler familyA King County court has granted a new trial for the family of Rick Bigler in the wrongful-death case against Olympus Corporation (OTCMKTS:OCPNY), finding that during a first trial Olympus concealed key evidence showing it knew its medical scopes had safety issues years before the devices were connected to dozens of superbug outbreaks and numerous deaths around the world. In addition to a new trial, Olympus must pay Bigler’s family $250,000 and cover all of their attorneys’ fees and costs to bring new Consumer Protection Act and punitive damages claims against the device maker. The order was signed by King County Superior Court Judge Steve Rosen on January 16, 2018.“All we wanted from the start was a fair and full trial, but Olympus turned it into a game of hide-and-seek,” said David Beninger of Luvera Law Firm, the attorney representing the Bigler family. “Unfortunately, not only was Olympus’ behavior ethically improper, it also was illegal, violating Washington’s legal discovery rules – and now the company has been dealt a punishment that fits its crime.”The court found that Olympus failed to meet its discovery obligations to disclose documents and witnesses in response to specific questions from the opposing counsel – a standard established by Washington State Physicians Insurance Exchange v. Fisons Corp., a historic case that Beninger and his partners handled nearly 25 years ago. “We’re pleased to have another opportunity to hold Olympus fully accountable for Rick’s death, and the harm it caused our family and so many others,” said Theresa Bigler, Rick Bigler’s widow. “But the way Olympus put my family through the pain of a seven-week trial when it knew it wasn’t playing by the rules, not to mention wasting the court and jury’s time, is absolutely unthinkable.” (Photo: Bigler family)

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Warner Bros. Pictures to Distribute the Follow Up to “Detective Chinatown” in North America

Posted by fidest press agency su lunedì, 22 gennaio 2018

new yorkNew York. Warner Bros. Pictures has acquired domestic distribution rights for the follow up to the Chinese hit “Detective Chinatown” from Wanda Media Co., Ltd., it was announced today by Jeff Goldstein, Warner Bros. Pictures’ President of Domestic Distribution, and Jiang Defu, General Manager of Wanda Media. The deal marks the second collaboration between the two companies, following last year’s worldwide blockbuster “Wonder Woman.”The new action comedy has been slated for release in North America on Chinese New Year, February 16, 2018, day-and-date with its release in China. In the U.S., it is set to open in 48 markets.
In making the announcement, Goldstein stated, “China has become a major contributor to the global film industry and Wanda is a company at the forefront of that rise. We are excited to expand our relationship with them and to bring this new project to American audiences.”Jiang stated, “This is an exciting new cooperation, which will expand the global footprint of Chinese language films. Warner Bros., as one of the most successful studios in the industry, will bring our latest movie to North American audiences, and we look forward to the launch of this fresh, comedy detective film during the Chinese New Year.”The new film is the follow up to the Chinese hit “Detective Chinatown,” which opened in China in December 2015 and went on to gross more than $126 million (RMB 820m). It reunites writer/director Chen Sicheng and stars Wang Baoqiang and Liu Haoran, who reprise their roles as detectives Tang Ren and Qin Feng, respectively.When the case of New York Chinatown godfather Uncle Qi’s missing son turns into a murder investigation, the detective duo Tang and Qin team up again to hunt down the killer—this time with some help from the International Detective Alliance.The main cast also includes Xiao Yang, Natasha Liu Bordizzo, Michael Pitt and Japanese star Tsumabuki Satoshi.The movie was shot in New York City and Beijing.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Students with Visual Disabilities Learn to Code At TechLaunch at Florida Vocational Institute

Posted by fidest press agency su lunedì, 22 gennaio 2018

Miami-skyline-for-wikipediaMiami. TechLaunch at Florida Vocational Institute is providing a free coding class to members of Miami Lighthouse for the Blind on Saturday, January 27th, 2018. The goal is to show these students that coding is fun and anyone who can use a computer can code. The visually impaired students are going to learn basic JavaScript and other key concepts and tools.Miami Lighthouse for the Blind is a foundation dedicated to helping people with visual disabilities achieve success in their lives. With the use of their positive motto, “It is possible to see without sight” the foundation seeks to provide the upmost care to all their students in assisting them in their future endeavors.“TechLaunch at FVI is committed to Web Development education, and we believe that coding is the future and everyone should learn the language of code,” said Denyse Antunes, the college’s President. “It’s important to remember that education goals for students with visual impairments are essentially the same as those for all students. TechLaunch is committed to closing the gap for access to coding bootcamps for minorities, economically disadvantaged students and anyone that wants to learn to code.”Miami Lighthouse for the Blind ranked among the top non-profits in the nation, and their mission statement is “To provide vision rehabilitation and eye health services that promote independence, to collaborate with and educate professionals, and to conduct research in related fields.” According to Reinaldo Sanchez, the Education Services Coordinator at Miami Lighthouse, “this partnership with TechLaunch at FVI will expose even more opportunity to the people we serve in an area that is tied to the future of business and technology.”The session will be held on Jan 27th at 10am at FVI’s West Miami location.

Posted in Estero/world news, scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Oscar Ortofrutta Italiana conferito a Salvatore Secondulfo

Posted by fidest press agency su lunedì, 22 gennaio 2018

Salvatore SecondulfoA Caserta, è stato conferito l’Oscar Ortofrutta Italiana 2018 a Salvatore Secondulfo, imprenditore agricolo con aziende a Battipaglia (Salerno), Trani (Bat) e socio di Confagricoltura.
Il riconoscimento – promosso dal Corriere Ortofrutticolo – è assegnato ogni anno da una giuria di altissimo livello che sceglie il nome da una rosa di 11 candidati, formata da coloro che hanno avuto l’onore della storia di copertina del periodico diretto da Lorenzo Frassoldati nel corso dell’anno precedente. Rosario Rago, presidente di Confagricoltura Campania e membro della giunta nazionale dell’organizzazione agricola, nell’apprendere la notizia ha commentato:“Esprimo la gioia mia personale e di tutti i colleghi di Salvatore Secondulfo, che si è sempre distinto per le sue scelte imprenditoriali nel segno dell’innovazione, della qualità del prodotto e della capacità di fare sistema, l’Oscar giunge quale meritato riconoscimento a fronte di una carriera esemplare.”
Salvatore Secondulfo, 62 anni, da Somma Vesuviana (Napoli) a soli 19 anni affianca il padre in un’azienda di commercializzazione di ortofrutta attiva sul mercato di Napoli. Oggi è al timone di un importante gruppo imprenditoriale, con 5 aziende in Campania a Battipaglia ed una in Puglia, a Trani, e che fanno capo alla Organizzazione di Produttori “Secondulfo” della quale fanno parte anche altre imprese agricole. Nelle cinque aziende di Battipaglia, estese su 200 ettari, si coltivano kiwi, fragole, nettarine, pesche e albicocche, in fase di conversione al biologico. Il gruppo commercializza mediamente in un anno: 8mila tonnellate di uva da tavola (prodotta a Trani sotto l’Igp Puglia), 3500 di kiwi, dal 2017 già certificati bio, 3500 di nettarine, 2500 di pesche, 2500 di fragole e altrettante di albicocche. La produzione diretta supera il 40%, mentre alla produzione sviluppata da terzi viene assicurata attraverso la OP assistenza tecnica e controllo qualità in ogni fase del ciclo produttivo. Il 70% della produzione va alla Gdo italiana, il 20% è la quota dell’export con kiwi, pesche e nettarine che raggiungono in particolare Francia e Germania. (foto: Salvatore Secondulfo)

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Declino demografico per i medici di famiglia

Posted by fidest press agency su lunedì, 22 gennaio 2018

medico famigliaNel corso triennale di medicina generale in Lombardia, al via in questi giorni, si è verificata una cosa mai successa in nessuna regione: il numero di ammessi al primo anno del triennio 2017-2020 è molto più basso di quanti il corso ne possa contenere. Mentre gli specializzandi sono sempre pochi in rapporto ai candidati, nei corsi dei sei poli didattici di medicina generale di Milano, Bergamo, Brescia, Busto Arsizio, Monza e Pavia si sono immatricolati in tutto appena 44 neolaureati su 100 posti disponibili. In tre dei sei poli dopo le prime assegnazioni non era stata raggiunta la quota minima di 12 persone e si è reso necessario scorrere le liste passando ai “secondi classificati” nelle graduatorie risultanti dopo il test d’ammissione. Che, ricordiamo, è stato in settembre mentre il test d’accesso alle specialità è stato il 29 novembre. Molti neolaureati hanno tentato entrambi i test e dopo aver appreso di essere passati anche in quello di specialità hanno lasciato il posto loro preparato nel corso di Medicina Generale. Arriverà una lettera ai 56 primi esclusi dalla graduatoria che hanno una settimana di tempo per comunicare la propria adesione al corso. Se, al termine della settimana, visti i “sì” e i “no”, resteranno ulteriori posti, sarà contattato un numero pari di esclusi fino al completamento dei posti messi a bando. Ma il tempo stringe. «Le graduatorie sono valide fino al 12 febbraio. I posti non assegnati entro quella data saranno persi per sempre», avverte Anna Pozzi coordinatrice del corso al Polo di Bergamo. C’è una disaffezione dei giovani medici verso la medicina generale? «C’è pragmatismo. Questo lavoro attrae ma attrae di più il contratto di specializzando. Intanto a dicembre dal corso di medicina generale del Polo di Milano da me diretto che si è chiuso a fine anno sono usciti in 11 a fronte di un fabbisogno pari a 220 zone carenti in tutta la provincia pubblicate sul Bollettino ufficiale regionale», spiega Vito Pappalepore segretario Fimmg milanese. «Qualcuno verrà da altre regioni, ci si potrà iscrivere in soprannumero, si potrà attingere agli equipollenti (che però sono colleghi abilitati 24 anni fa), ma diventa obiettivamente difficile ricostruire la medicina generale che c’era fin qui. E’ previsto nel nuovo accordo lombardo alla firma in questi giorni che il massimale salga a un medico ogni 1800 abitanti nelle sedi che fanno medicina proattiva con infermieri e collaboratori, e fino a un medico ogni 2 mila abitanti con gli iscritti a termine (mentre oggi con i rapporti a termine si può sforare il massimale di 1500 scelte con altre 250 scelte a termine). Credo serva un coordinamento con l’accordo nazionale ma è l’unica risposta efficace ai tempi che cambiano». Sul corso in partenza, Pappalepore sottolinea che Fimmg avrebbe voluto un meccanismo più “dentro o fuori” subito dopo la redazione delle graduatorie. «Avevamo proposto di convocare tutti i candidati insieme in una grande sala da mille posti e chiamarli nell’ordine, dal primo all’ultimo, chiedendo se accettavano o meno: chi avesse puntato pure sul test per le scuole di specialità avrebbe rinunciato. Non è stato possibile. Attualmente -aggiunge Pappalepore- i poli didattici semivuoti sono quelli afferenti alle aree meno popolose, nelle grandi città ci sono più candidati e le aule quasi al completo. Non è escluso che con i nuovi scorrimenti e i nuovi ingressi chi abiti nelle “terre di mezzo”, poniamo tra Brescia e Bergamo, slitti dal polo di Brescia a quello di Bergamo per fare posto a un collega di Brescia città o della Gardesana. Altri disagi non ne prevedo. Credo sia importante far capire ai giovani che la nostra professione sta raccogliendo nuove sfide stimolanti. Proprio adesso la Asl avvisa che ogni medico candidato a gestire le cronicità e in precedenza coinvolto nella sperimentazione “Chronic related group” può leggere online l’elenco dei suoi pazienti destinatari delle prime lettere dell’ATS che li invitano a essere seguiti non da un gestore qualsiasi ma dal loro curante». (Mauro Miserendino – fonte doctor33) (foto: medico famiglia)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Roberto Damiani presenta il libro “Pedalare per la pace”

Posted by fidest press agency su lunedì, 22 gennaio 2018

PedalareRescaldina (MI) martedì 23 gennaio (ore 21) Osteria sociale del buon essere “La Tela” Strada Saronnese, 31. E’ ad ingresso libero. Da Auschwitz a Roma per non dimenticare. Ben 2.147 chilometri in bicicletta per ricordare l’impegno di Gino Bartali che, spingendo proprio sui pedali, salvò centinaia di vite. Viene presentata l’impresa fatta dal legnanese Roberto Damiani e raccolta nel libro “Pedalare per la pace” (Bradipolibri). Per la rassegna “incontro con l’autore” e all’interno delle iniziative promosse in occasione del Giorno della Memoria, Damiani è ospite dell’osteria sociale per raccontare il suo viaggio. «L’idea del viaggio è nata dalla volontà di rendere omaggio a Gino Bartali che con i suoi allenamenti tra Firenze ed Assisi trasportò documenti che contribuirono a salvare circa 800 persone dalla deportazione nei lager. Sono vittorie certamente più importanti di ogni Giro o Tour vinto da Gino», ricorda Roberto Damiani. «Il libro è nato come diario del viaggio, legato a riflessioni e stati d’animo vissuti in quella che ho definito “99 ore in una bolla”. Sono stati 13 giorni, di cui 99 ore pedalate, fuori dal tempo e dentro noi stessi. Un viaggio vero, un viaggio da Auschwitz a Roma e non il contrario, come quello che avrebbe voluto fare ogni prigioniero. Dalla prigionia a casa. Dalla morte alla vita». La scelta di usare la bicicletta per il viaggio è il risultato di una passione coltivata fin da giovane e che è diventata professione. Roberto Damiani, infatti, ha corso per dieci anni nelle categorie giovanili di ciclismo. Nel 1984 ha iniziato la carriera di Direttore Sportivo che con il tempo è diventata la sua professione e che tuttora prosegue in Austria con Tirol Cycling Team. «Il ciclismo è vita anche perché è un tributo alla fatica, ma alla fatica vera e sana, alla fatica che nobilita, alla fatica che ti regala identità e che dunque ti contraddistingue dagli altri. Se poi questo trasferimento in bicicletta inizia in uno dei luoghi dove è stato commesso uno dei più orrendi genocidi di massa della storia dell’umanità e termina nella città-simbolo della cristianità, beh, è indubbio che quel tipo di pedalata nasconda qualcosa di più totalizzante e coinvolgente, quasi la ricerca del proprio io e di una nuova dimensione in cui poter vivere meglio», scrive Paolo Viberti nel suo contributo al libro. «Ecco, credo che il viaggio di Roberto risponda al desiderio di conversare con il suo inconscio. Perché pedalando lo si fa meglio, lo si fa sino in fondo, lo si fa senza sotterfugi e confortati dal coraggio dei forti. Una volta per sempre».
La Tela è un bene sequestrato alla criminalità organizzata, affidato al Comune di Rescaldina e gestito dalla Cooperativa ARCADIA insieme con altre associazioni del territorio. È diventato ristorante e centro di aggregazione e di promozione sociale e culturale. (foto: Pedalare)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Report annuale richiesta stranieri immobili italiani

Posted by fidest press agency su lunedì, 22 gennaio 2018

mercato-immobiliareUn più 23,68% rispetto all’anno scorso di richieste in arrivo dall’estero per immobili italiani. Il mercato degli stranieri sta crescendo enormemente, dal 2012 (anno del primo report ufficiale di Gate-Away.com) a oggi il numero delle richieste è quadruplicato.Prime in classifica tra le regioni con più istanze sono la Toscana, la Lombardia, la Liguria e la Puglia. A seguire Sardegna, Sicilia e Abruzzo. Chiudono la top ten Piemonte – che ha registrato un +40.99% rispetto all’anno scorso – Umbria e Marche. “Oggi possiamo confermare che non c’è più la regione preferita dagli stranieri – commenta Simone Rossi generale manager di Gate-Away, il portale dedicato agli stranieri che desiderano comprare una seconda casa in Italia – infatti se il 38% delle richieste è per le prime 3 regioni, il 62% si spalma per tutte le altre 17. Tutta l’Italia, da cima a fondo, ha un enorme potenziale di attrattività per questo mercato, molti stranieri stanno già scoprendo nuove zone dove poter trovare la loro casa dei sogni”. Questo è il risultato del report annuale del 2017 di Gate-away.com, che monitora richieste provenienti da 150. Dall’analisi dell’andamento emerge anche l’aumento consistente delle preferenze degli stranieri per regioni come Valle d’Aosta e Trentino Alto Adige che, seppur non rientrano nelle migliori 10, hanno rilevato una crescita rispettivamente del 69.01% e del 68.83% rispetto al 2016.Il valore medio dell’immobile che sognano di acquistare gli stranieri è di 411,056 euro e dai dati di Gate-Away è evidente l’aumento del 49.14% (rispetto al 2016) della fascia di prezzo che oscilla tra i 500 mila euro e oltre 1 milione.Il compratore tipo è un uomo di età compresa tra i 55 e i 64 anni, con elevato titolo di studio che cerca mediamente proprietà indipendenti e pronte per essere abitate. Le richieste al portale arrivano soprattutto dala Germania (+34.04), Stati Uniti e Gran Bretagna, ma tutti i paesi sono in costante crescita. “Come per le regioni- continua Rossi – non c’è più la nazionalità che compra: il 43,91% delle richieste è per i primi 3 paesi in classifica ma il 56% proviene da altri 152 paesi. Ciò dimostra che l’Italia tutta ha un’attrattiva riconosciuta a livello mondiale”. Si pensi al Canada ha visto una crescita del 52.91%, entrando nella classifica dei primi 10 del portale. Gate-Away.com evidenzia dati interessanti anche sulla crescita dei paesi richiedenti i quali, nonostante le posizioni basse nella classifica, regalano sempre delle sorprese: si pensi all’India che attesta la sua escalation al +133.33%, al +127.24 % di Israele e addirittura al +140. 58 % della Turchia. “Riguardo la Turchia- precisa Rossi – circa un terzo delle richieste proviene dai turchi, le altre da persone di nazionalità diverse. Sono principalmente di tedeschi, americani e britannici, che vivono lì ma che cercano una casa in Italia, confermando il fatto che, nella situazione geopolitica instabile che stiamo vivendo, l’Italia rappresenta un porto considerato stabile e affidabile per investire e trasferirsi”.Grazie alle campagne informative e le attività formative sempre più player del settore immobiliare in Italia si rendono conto delle grandi opportunità offerte da questo mercato, che non è alternativo ma complementare a quello locale.“Lo abbiamo verificato – conclude Rossi – con le presenze di agenti immobiliari che stanno iscrivendo al nostro tour di seminari in Italia. Un esempio molto virtuoso è la Sicilia, che solo pochi anni fa risiedeva nelle ultime posizioni del ranking delle regioni e nel 2017 si è attestata al 6 posto”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Ecco perchè il MoVimento 5 Stelle fa paura ai partiti e alle lobby

Posted by fidest press agency su lunedì, 22 gennaio 2018

alessandro di battistaAppello di Alessandro Di Battista: “Siamo agli sgoccioli, manca molto poco alle prossime elezioni politiche. Il MoVimento 5 Stelle ce la può fare, se riusciremo a fare una grande campagna elettorale. Io credo che riusciremo a vincere le prossime elezioni, ci credo tanto, vedo i partiti politici che si difendono reciprocamente, che tentano di spaventare gli italiani per un possibile governo del MoVimento 5 Stelle. Lorsignori sono terribilmente spaventati e hanno anche ragione: faremo nuove leggi sui costi della politica e sul taglio dei vitalizi, sulla creazione di una banca pubblica di investimento per le imprese gestita dallo Stato. Abbiamo norme pronte sulla trasparenza bancaria, per la tutela del risparmio dei cittadini, norme anticorruzione. Abbiamo pronto il Reddito di cittadinanza per rendere la povertà illegale. Oltretutto, se passasse il Reddito di cittadinanza, si annienterebbe il voto di scambio, un cancro del nostro paese e certi soggetti politici senza voto di scambio non verrebbero mai eletti. Per questo vi chiediamo un sostegno economico: Luigi sta girando l’Italia e io anche nel mese di febbraio partirò, sarà qualcosa di grande come il Costituzione Coast to Coast. Anche se non sarò candidato per me non cambia niente, sosterrò il MoVimento 5 Stelle, il mio unico obiettivo è vincere le elezioni, permettere al Movimento 5 Stelle di andare al governo e a Luigi Di Maio di essere il futuro presidente del consiglio.Sosteneteci con una donazione: http://www.movimento5stelle.it/programma/donazioni.html Sapete come come siamo, abbiamo rifiutato 42 milioni di euro di rimborsi elettorali, ci siamo tagliati tanti soldi dei nostri stipendi e questo è il segnale di credibilità che noi mettiamo sul piatto e attraverso il quale ci sentiamo assolutamente in diritto di chiedervi un sostegno volontario. Microdonazioni, perché attraverso le microdonazioni noi riusciamo a fare la nostra campagna elettorale. E soprattutto non dobbiamo dire grazie a nessuno, a parte l’unico nostro lobbista: il popolo italiano”. (foto: alessandro di battista)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Interrogazione al ministro Lorenzin sulla morte della 50enne di Omignano

Posted by fidest press agency su lunedì, 22 gennaio 2018

Lorenzin beatrice“Il ministro della Salute Beatrice Lorenzin ha il dovere di accertare eventuali responsabilità politiche da parte della Regione Campania sulla morte di Barbara Di Matteo, una donna di 50 anni di Omignano, in provincia di Salerno, ricoverata in gravi condizioni all’ospedale San Luca di Vallo della Lucania ma deceduta durante il tragitto da Salerno e Napoli perché nel nosocomio cilentano la tac non funziona da giorni: è quanto denuncia il deputato di Fratelli di Italia, Edmondo Cirielli, annunciando un’interrogazione parlamentare sul caso.“Siamo di fronte all’ennesimo episodio di malasanità targato De Luca. Da mesi spiega Cirielli – l’ospedale di Vallo della Lucania, per una chiara volontà politica, è in fase di smantellamento mentre l’ospedale di Agropoli, nonostante i proclami dell’ex sindaco Franco Alfieri e del governatore Vincenzo De Luca, commissario alla Sanità in Campania, resta chiuso”. “La morte di Barbara Di Matteo non può essere archiviata come tragica fatalità, perchè i cilentani, mentre il servizio pubblico è carente, sono costretti ad assistere al rilascio nuove convenzioni da parte della Regione Campania a strutture private. Convenzioni stranamente elargite recentemente e proprio in concorrenza col servizio pubblico. Con l’interrogazione chiederò al Ministro di far luce sull’ennesimo caso di malasanità in Campania. Mentre una volta al Governo chiederemo al nuovo Ministro della Salute un’ispezione per verificare la legittimità dell’operato della Regione Campania sul rilascio delle convenzioni ai privati” – conclude il deputato salernitano.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Cade il limite dei 5 anni per la prescrizione delle rivendicazioni dei lavoratori

Posted by fidest press agency su lunedì, 22 gennaio 2018

tribunaleIl tribunale di Firenze, con la sentenza emessa il 19 gennaio 2018 a favore dei dipendenti dell’Unicoop Firenze, ha emesso una sentenza espansiva che, come USB, riteniamo storica.Il tribunale, oltre ad accogliere la richiesta dei lavoratori ricorrenti, consistente nel riconoscimento del pagamento della festività del 4 novembre, uniformandosi alla precedente sentenza che dava ragione a 110 lavoratori, ha accolto anche la tesi sostenuta dall’USB per il tramite dello studio legale Conte, Marini e Rafagni, ossia che il limite temporale di 5 anni per poter rivendicare arretrati retributivi prima della prescrizione, possa essere superato.
La tesi sostenuta dall’USB è stata infatti che la norma che prevedeva la prescrizione dopo 5 anni non fosse più coerente con le attuali modifiche normative e le ridotte tutele che hanno oggi i lavoratori.Come noto, fino a un recente passato, i lavoratori avevano una serie di tutele che con varie riforme sono state abolite, tanto da rendere ancora più debole il suo rapporto con il datore di lavoro. La legislazione negli scorsi decenni era fondata su un elemento centrale, ossia che nel rapporto tra lavoratore e datore di lavoro, il primo era il soggetto debole che andava tutelato. A corollario di questo principio il legislatore aveva prodotto una serie di norme e facilitato anche il ricorso alla magistratura.Basti pensare all’art. 18, prima delle manomissioni operate dalla Fornero e da Renzi, dal passare alla possibilità di presentare un ricorso alla magistratura senza pagare cifre importanti all’attuale obbligo di pagare le spese, dall’essere gravato, in tutto o in parte, dei costi nei casi la sentenza non fosse favorevole ecc.In pochi anni le norme introdotte dai vari governi Berlusconi, Monti, Letta e Renzi hanno totalmente modificato queste tutele, tanto da mettere sullo stesso piano, il datore di lavoro e il lavoratore che, oggi, non solo è stato sostanzialmente privato delle possibilità di essere reintegrato in azienda in caso di licenziamento illegittimo, ma deve anche sostenere costi notevoli per affrontare una vertenza di lavoro.Il limite temporale dei 5 anni per poter rivendicare arretrati e differenze retributive, prima che le stesse andassero in prescrizione, è una di quelle norme che era stata pensata negli anni in cui il lavoratore godeva di una legislazione di sostegno che muoveva dall’assunto che tra datore di lavoro e lavoratore era quest’ultimo il soggetto debole che necessitava di maggiori tutele.
Il venir meno di queste tutele ha reso anacronistica, a nostro avviso, una norma che poneva il limite temporale dei 5 anni.È evidente che oggi il lavoratore ha più difficoltà a contrapporsi al datore di lavoro vigendo un regime ricattatorio e di precarietà dilagante.
Questo può determinare anche che il lavoratore possa richiedere delle somme di denaro, a titolo di arretrati, differenze retributive ecc, anche dopo che siano decorsi i 5 anni, come conseguenza del peggioramento delle leggi sul lavoro e del timore di subire ritorsioni nel caso rivendichi differenze retributive.Il tribunale di Firenze ha, nella sostanza, riconosciuto che una norma prevista quando erano vigenti le reali tutele a favore dei lavoratori possa non essere più coerente con l’attuale sistema di precarietà e di mancanza di diritti, emettendo una sentenza di natura espansiva che apre nuove possibilità per i lavoratori dipendenti.

Posted in Diritti/Human rights, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Fiera Klimahouse

Posted by fidest press agency su lunedì, 22 gennaio 2018

bolzanoBolzano 24/27 gennaio 2018. Anche quest’anno Wood Beton parteciperà alla Fiera Klimahouse, l’appuntamento nazionale dedicato all’edilizia innovativa e sostenibile. In occasione della fiera, l’azienda di Iseo presenterà un nuovo prodotto, dedicato al settore delle ristrutturazioni. “RHINOCEROS WALL” è un sistema che permette di riqualificare gli edifici che non rispettano le normative sismiche ed energetiche attualmente in vigore e consente di abbattere i costi di ristrutturazione del 40%, assicurando tempi brevi e costi certi. Inoltre, il sistema consente di beneficiare della detrazione fiscale prevista per le ristrutturazioni e di accedere agli “Ecobonus” e “Sismabonus”. “RHINOCEROS WALL” è un sistema brevettato ed è candidato al premio Klimahouse Trend 2018 per le categorie innovation, timely, widespread.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Léo Malet 120, rue de la Gare

Posted by fidest press agency su lunedì, 22 gennaio 2018

rue-de-la-gareTraduzione di Federica Angelini Primi anni Quaranta. C’è la guerra. Nestor Burma è appena tornato dal campo di prigionia e vede per caso Colomer, suo socio all’agenzia investigativa Fiat Lux prima che venisse chiusa, davanti alla stazione di Perrache. Proprio quando i due si riconoscono e stanno per incontrarsi dopo tanto tempo, Colomer cade a terra, freddato da un colpo di pistola. Prima di morire, però, riesce a sussurrare all’amico un indirizzo: 120, rue de la Gare. Lo stesso che Burma aveva sentito ripetere all’ospedale militare da un prigioniero colpito da amnesia. Sulla scena del delitto c’è una ragazza armata. È lei l’assassina? Partendo dal rebus del misterioso indirizzo, iniziano le indagini. Ad aiutare l’investigatore ci saranno il poliziotto Florimond Faroux e la bella Hélène Chatelain, ex segretaria della Fiat Lux che, sospettata di nascondere qualcosa, verrà addirittura pedinata dalla polizia… Torna in libreria uno dei capolavori di Léo Malet: la prima inchiesta dell’affascinante Nestor Burma. Un romanzo che non può mancare nelle librerie di chi colleziona la serie, ma anche un’ottima occasione per fare la conoscenza del detective anarchico e delle sue avventure. In libreria dal 25 gennaio 120, rue de la gare Léo Malet Collana Darkside Fazi editore. (foto: rue-de-la-gare)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Mihail Sebastian Da duemila anni

Posted by fidest press agency su lunedì, 22 gennaio 2018

duemila-anniRomania, anni Venti. L’antisemitismo è sempre più diffuso e violento. Il protagonista, uno studente ebreo dell’Università di Bucarest, insieme ai colleghi correligionari subisce quotidianamente angherie e soprusi, un martirio che gli altri sposano quasi fosse un processo di redenzione, mentre lui si sente intimamente antisionista eppure incapace di rinnegare la propria religione. Questo insanabile dissidio interiore lo induce al vizio. Il suo tempo trascorre infatti in lunghe passeggiate solitarie e notti alcoliche che spartisce con rivoluzionari, fanatici e libertini. Ed è attraverso il suo vissuto quotidiano e le conversazioni con i suoi compagni di strada – il determinato marxista S.T. Haim, il sionista Sami Winkler o il carismatico professor Ghita Blidaru – che il protagonista ricerca il senso di un mondo che sta cambiando e dell’oscurità che sta scendendo sul suo paese e minaccia di distruggerlo.
Uscito per la prima volta nel 1934, il romanzo è una tragica testimonianza dell’ascesa dell’antisemitismo in Europa. Un documento inestimabile e un racconto doloroso su uno dei periodi più feroci della storia europea che, in questi tempi oscuri di irragionevoli spinte nazionalistiche, ci insegna a dare un senso al passato offrendoci un ritratto dei molti volti dell’antisemitismo e provando a dare una risposta all’inevitabilità dell’odio. In libreria dal 25 gennaio Da duemila anni Mihail Sebastian Collana Le strade Fazi editore (foto: duemila anni)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Chelsea Football Club Joins World Jewish Congress

Posted by fidest press agency su lunedì, 22 gennaio 2018

Chelsea Football ClubNEW YORK – The Chelsea Football Club on Thursday joined the World Jewish Congress’ #WeRemember campaign, as part of its own long-term educational initiative to raise awareness of the persisting phenomenon of anti-Semitism in sports. The WJC will also be partnering with Chelsea in promoting and developing the football club’s initiative, which was announced on Tuesday under the leadership of club owner Roman Abramovich, and will be launched officially on 31 January at the Premier League game against Bournemouth at Stamford Bridge Stadium.“The World Jewish Congress deeply appreciates the comprehensive efforts being made by the Chelsea Football Club to raise awareness of the dangerous manifestations of anti-Semitism and racism in sports. The value of one of the most prominent sports clubs in the world vigorously leading the charge in addressing this crucial issue, cannot be overstated,” said World Jewish Congress CEO and Vice President Robert Singer. “Education is key to these efforts, and we encourage clubs and organizations in every field to emulate and embrace the initiatives being undertaken by Chelsea to make it clear that hatred has no place in sport.”Chelsea Football Club owner Roman Abramovich told the World Jewish Congress upon announcing his organization’s educational campaign on Tuesday: “With people around the world observing International Holocaust Memorial Day later this month, we are reminded that there is still much to be done in the fight against anti-Semitism. That’s why I am proud to have launched, together with Chelsea Football Club, this initiative to challenge anti-Semitism in all its forms. I am very impressed by the important work the World Jewish Congress is doing in this area and am delighted, therefore, with the partnership we have entered into to jointly raise awareness of anti-Semitism in sport and together making an effort to tackle it.” (photo: Chelsea Football Club)

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

New spring collection: Enchanted Forest

Posted by fidest press agency su lunedì, 22 gennaio 2018

The new collectionIn the enchanted forest of the peacock, the paths are lit up from within. All around you can hear life. The scent of magic infuses your mind.Fantasy animals roam the clearings and draw you into their world of beauty. The magnificent peacock spreads his colourful feathers and mesmerizes the visitors who meet him on his path.People are made of stories. Some are defining, some are just for fun. Great stories come from the experiences that are all about the present. Now is the time for a joyful journey.Trollbeads is the original bead-on-bracelet brand offering hundreds of beautiful beads – each a little work of art allowing every bracelet to be entirely personal.As the perfect storyteller of the collection stands the peacock. In all his beauty and grace, you will meet him in a Sterling silver bead, a classy lock for the bracelet and a stunning pendant, designed by Kristian Krysfeldt. Even among the glass beads you will find the peacock spreading his feathers.The Enchanted Peacock Pendant is meant for the new Fantasy Necklace featuring a Peacock pearl designed by Lise Aagaard. Peacock pearls represent mystery, independence and strength.
Also Søren Nielsen, the very first designer of Trollbeads, contributes to this collection. Among other designs, he has designed the magnificent Unfolding Ring, and the wonderful Blooming Katniss Pendant with matching studs. You can wear the Blooming Katniss Pendant in several ways – besides as a pendant, it can also be used as keeping two bracelets or bangles together.
12 new, stunning glass beads are launched to welcome the light of spring. They feature many great voices – not all human. The Enchanted Animal Kit thus brings you six fantasy animals. Starring is the peacock. A stunning piece of glass art featuring the feathers of the peacock. Also, a cheetah, a jaguar and two tigers appear from the glass and live side by side with the peacock in this Enchanted Forest.Six glass art beads are full of sparkles and beautiful colours, reminding you that life is a fairy tale, and only you decide how you write your chapters. Put as much glitter and sparkle into it. Trollbeads is world famous for the enchanting way it plays with glass. All glass beads are handmade in front of a red-hot, open flame.The exquisite craftsmanship of Trollbeads’ jewellery is only truly complete when you match the different components that tell your stories in your own personal way. Because your individuality, the way you live your life and the meaning you attach to each bead, is the true beauty of Trollbeads.The Enchanted Forest collection can be mixed and matched with existing and new jewellery – any way you like. The collection is available in stores and online from January 19, 2018.
Trollbeads, a Danish family-owned jewellery brand, was established in 1976 and invented the original bead-on-bracelet concept. At the core of the brand lies self-expression through 600 different beads in silver, gold and glass and gemstones. Trollbeads jewellery is available in more than 30 countries through the company’s own flagship stores, independent retailers, and online at http://www.trollbeads.com. (photo: The new collection)

Posted in Estero/world news, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Top Global Teachers recommend the best Edtech for Teaching in the Fourth Industrial Revolution

Posted by fidest press agency su lunedì, 22 gennaio 2018

Natali a New York (2)NEW YORK (PRWEB) Kids are growing up in a technological environment, and knowing how to make the best use of good tech is a critical part of preparing them for their future lives. Important 21st century skills such as problem solving, communication and creativity can also be improved with the use of great tech. “Teaching in the Fourth Industrial Revolution takes passion and initiative, and along with the challenges come the exhilarating opportunities,” says Elisa Guerra Cruz who includes Stop Motion Studio, Weebly and Paths to Math in her best of edtech list. “Teaching is about the relationship,” says Vicki Davis “but there are tools that improve that relationship and help us teach better, faster and have more fun as we’re doing it.” Davis’ top 7 tech tools for improving learning include Power School Learning (LMS), EdPuzzle, and Hemingway and Grammarly. “Images allow students to capture their learning and share their stories all from their phone,” notes Shaelynn Farnsworth whose favorite apps for editing, typography, Gif-making and sharing include Snapseed, Word Swag, Motion Stills and Snapchat Stories.
The Global Teacher Bloggers have founded schools, written curricula, and led classrooms in 16 different countries. CMRubinWorld’s Top Global Teachers are: Rashmi Kathuria, Jim Tuscano, Craig Kemp, Jasper Rijpma, Elisa Guerra, Pauline Hawkins, Maarit Rossi, Vicki Davis, Miriam Mason-Sesay, Shaelynn Fransworth, Carl Hooker, Adam Steiner, Warren Sparrow, Nadia Lopez, Richard Wells, Joe Fatheree, Kazuya Takahashi, and Abeer Qunaibi. CMRubinWorld launched in 2010 to explore what kind of education would prepare students to succeed in a rapidly changing globalized world. Its award-winning series, The Global Search for Education, is a highly regarded trailblazer in the renaissance of 21st century education, and occupies a widely respected place in the pulse of key issues facing every nation and the collective future of all children. It connects today’s top thought leaders with a diverse global audience of parents, students and educators. Its highly readable platform allows for discourse concerning our highest ideals and the sustainable solutions we must engineer to achieve them. C. M. Rubin has produced hundreds of interviews and articles discussing an extensive array of topics under a singular vision: when it comes to the world of children, there is always more work to be done.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Votare per la chiarezza e la trasparenza è ancora possibile?

Posted by fidest press agency su lunedì, 22 gennaio 2018

Enrico Cisnetto, “Cortina InConTra”

Enrico Cisnetto

Gira e rigira, si finisce sempre lì. Anche in queste elezioni, come per tutte quelle che si sono succedute dal 1994 in poi, il dilemma riguarda il grado di contrapposizione delle diverse forze in campo. È più opportuno che la lotta politica e il contrasto delle identità sia massimo, esaltato fino allo scontro (per quanto verbale), oppure è preferibile che sia manifesti una certa condivisione d’intenti, che si lasci la porta aperta a possibili collaborazioni, se non addirittura che le si auspichi anche in campagna elettorale? Per rispondere dobbiamo fare un passo indietro.
Per molti anni i cultori del bipolarismo ci hanno ammorbato con l’esaltazione della prima delle due ipotesi, salvo dover poi prendere atto – tardi e non tutti – che la contrapposizione “militare” (aggettivo) che ha caratterizzato la Seconda Repubblica ha prodotto inutili lacerazioni ma soprattutto ha generato alleanze, chiuse nel corpetto stretto dei due poli, del tutto spurie se non innaturali, pensate solo con l’obiettivo di battere l’avversario (in quel caso “nemico”) ma prive di quei denominatori comuni indispensabili per poter poi, una volta vinte le elezioni, governare. Certo, quel sistema ci ha regalato l’ebbrezza dell’alternanza che la Prima Repubblica – peraltro per precise ragioni storiche e geopolitiche – ci aveva negato. Ma, come noi ci siamo sforzati di ripetere senza sosta e, almeno inizialmente, in scarsissima compagnia, oltre ad essere una sensazione drogata, perché quella era un’alternanza “obbligata” – nel senso che centro-destra e centro-sinistra non casualmente hanno sempre perso l’elezione successiva a quella vinta, proprio perché incapaci di governare – si trattava di un regime politico che ha portato il Paese alla crisi più grave della sua storia repubblicana. Fallito quel sistema con l’emergere di una terza forza, i 5stelle, e per di più di “rottura”, e con la caduta traumatica del governo Berlusconi nel 2011, si è andati – purtroppo alla cieca – alla ricerca di un nuovo equilibrio, del tutto impropriamente chiamato Terza Repubblica, ancor più di quanto fosse improprio chiamare Seconda quella nata nel 1994. Il risultato di questa ricerca è stato fin qui improduttivo, per non dire disastroso. Infatti, questa stagione, che noi abbiamo chiamato “Seconda Repubblica bis”, ha generato nei sei anni della sua durata, una sequela di fallimenti o sciagure. Nell’ordine: la nascita e subitanea morte di una forza terza (Scelta Civica di Mario Monti); la rottamazione, causa giusta ma evocata male e praticata peggio; l’incontro tra forze diverse, sciupato dall’opacità del “patto del Nazareno” e dalla sua prematura scomparsa; la riforma costituzionale, altro giusto obiettivo rovinato con un referendum sbagliato nel metodo e nel merito; il suicidio del Pd renziano; la nuova legge elettorale, capace di riuscire nel difficile intento di sommare gli aspetti negativi del sistema proporzionale e di quello maggioritario, cancellando quelli positivi. Traiettoria che si conclude, ora, con un’assurda campagna elettorale che, inevitabilmente, porterà ad una fase di stallo carica di pesanti incognite.Ma proprio perché è diffusa la consapevolezza che il combinato disposto tra il discredito, ulteriormente cresciuto, di cui godono le forze politiche presso i cittadini e le cervellotiche contraddizioni delle norme di voto, non designerà il 5 marzo alcun vincitore, che è tornata prepotentemente sulla scena la domanda da cui siamo partiti: esaltare le differenze o cercare le convergenze? Noi, come si potrà immaginare, siamo per il secondo corno del dilemma – non per vocazione consociativa, anzi, ma per fredda analisi della realtà e delle necessità che da essa si ricavano – ma siamo costretti a constatare che tutti i politici battono la prima strada e che quasi tutti gli osservatori la prediligono. Tutti in nome della sacra avversione all’inciucio. I partiti dicono: ora dobbiamo prendere i voti distinguendoci, guai a evocare strani incroci. Gli analisti, con l’aria di voler fare i puristi, commentano: guai a produrre unioni eterogenee che scoppierebbero subito dopo le elezioni, meglio un maschio confronto-scontro tra diversi. Il risultato è che da un lato le alleanze disparate ci sono ugualmente – il centro-destra mette insieme un Berlusconi neo-merkeliano con i sovranisti anti euro di Salvini e della Meloni, impossibile connubio destinato o svanire il giorno dopo del voto o a costringere una delle due parti a tradire se stessa – e dall’altro, il più probabile esito elettorale, la mancanza di un vincitore e la conseguente paralisi che ne può derivare, resta privo di una qualunque risposta politica. Ma lasciare esclusivamente al dopo voto il compito di affrontare la questione se fare alleanze diverse da quelle elettorali, e quali, oltre ad essere segno di irresponsabilità e motivo di scarsa trasparenza verso gli elettori (proprio quella che si evoca quando si proclamano i no agli inciuci), è anche il miglior modo per renderle improbabili o, ammesso che si facciano, assai fragili.Ha dunque ragione da vendere l’inascoltato Sabino Cassese quando afferma che occorre saper ritrovare – perché la politica italiana possedeva questa qualità ma l’ha smarrita da oltre un quarto di secolo – il “talento per i patti di governo”, senza avere paura della negoziazione e del compromesso, senza cadere nella trappola, concettuale e semantica, della riduzione a inciucio deteriore e sconcio di qualunque forma di accordo. Il prossimo governo sarà, o non sarà, quel che le forze parlamentari elette sapranno costruire, incontrandosi, negoziando e “compromettendosi”. Da ciò ne discende che è stupida, oltre che costituzionalmente scorretta, la pratica dell’indicazione dei cosiddetti candidati premier che tutti fanno o vorrebbero fare (chi non lo indica è perché non ce l’ha). E questo non solo perché la scelta spetta al Presidente della Repubblica ed è scorretto far credere agli elettori che invece tocchi a loro (sono comunque sempre meno quelli che ci cascano, come dimostra l’aumento esponenziale del numero di astenuti consapevoli), ma perché è di ostacolo allo svolgimento positivo del dopo voto.In questi giorni in molti stanno cercando quella che potremmo chiamare la “condizione indispensabile” di voto: concedo il mio consenso solo a quelle forze che si impegnano senza se e senza ma per questa o quella questione. Per esempio, taluni stanno dicendo: votiamo solo chi è a favore dell’Europa. Poi si può discutere quale Europa e con quali mezzi la si raggiunge, ma si deve esprimere senza incertezza alcuna la preferenza all’integrazione continentale. Ecco, a noi viene la voglia dire: diamo il voto solo a chi smette di esaltare il proprio isolamento, di partito o di coalizione che sia, e dice fin d’ora che è disponibile senza riserve a dare un governo al Paese, accettando la filosofia dei “patti” come regola del gioco necessaria, rinunciando esplicitamente a demonizzarla come inciucio, e di conseguenza cercando fin dalla campagna elettorale, pur senza rinunciare a spiegare agli elettori le proprie specificità, i terreni di possibile convergenza e sottolineando le affinità che pure esistono. È una tentazione forte, quella che abbiamo. Sapendo però che rischia di farci scoprire che non c’è nessuno, ma proprio nessuno, che afferri questa bandiera e s’impegni a onorarla. (Enrico Cisnetto direttore http://www.terzarepubblica.it)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Liliana Segre senatrice a vita

Posted by fidest press agency su lunedì, 22 gennaio 2018

shoah-i“Ringrazio il Presidente Sergio Mattarella per la nomina a senatrice a vita di Liliana Segre, in un momento in cui riemerge la pericolosità dell’antisemitismo e dei razzismi”, dichiara l’on. Milena Santerini, deputata di Democrazia Solidale e presidente dell’Alleanza contro l’intolleranza e il razzismo del Consiglio d’Europa.”Da decenni Liliana, a cui mi lega una profonda amicizia, svolge un ruolo educativo fondamentale per i giovani italiani e milanesi, testimoniando l’orrore della Shoah”. Santerini, docente di Pedagogia all’Università Cattolica di Milano, è un’esperta di Didattica della Shoah: “Con la sua storia ci ha spiegato come i forni crematori di Auschwitz, simbolo del Male nel Novecento, sono il punto di arrivo dopo anni di antisemitismo, discriminazioni e indifferenza. Quest’anno ricordiamo gli 80 anni delle Leggi Razziali del regime fascista, in base alle quali Liliana fu espulsa da scuola nel 1938, a 8 anni”.
auschwitz-ii-birkenau-4Milena Santerini è membro del Consiglio di Amministrazione della Fondazione Memoriale della Shoah di Milano: “Questo luogo dimenticato è oggi visitato da migliaia di milanesi, soprattutto studenti delle scuole, grazie alla tenacia di Liliana. Eravamo insieme il 30 gennaio 1997, insieme al rabbino Giuseppe Laras, quando in poche decine di persone iniziammo a ricordare la deportazione degli ebrei dai binari nascosti della Stazione Centrale. Ogni anno ci siamo sempre ritrovate ricordando quel 30 gennaio 1944, quando Liliana fu caricata sul treno per Auschwitz. La sua testimonianza ci ha insegnato a conoscere la storia della più grande tragedia del Novecento, le responsabilità rimosse dell’Italia e degli italiani, la pericolosità dell’antisemitismo e dei razzismi, l’amore per la vita umana. Il suo insegnamento contro l’indifferenza, parola che ha voluto scolpita a caratteri cubitali all’ingresso del Memoriale della Shoah, è un monito di fronte alle ingiustizie e alle tragedie che colpiscono gli esseri umani”.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

L’ozono “cura” la mente? Ricerca a Brescia

Posted by fidest press agency su lunedì, 22 gennaio 2018

alzheimer-cervelloBrescia. Sono migliaia le scoperte scientifiche che scaturiscono dall’osservazione di fenomeni apparentemente casuali e comunque imprevisti: si spera di raggiungere lo stesso risultato all’IRCCS Fatebenefratelli di Brescia, dove si è scoperto che l’uso dell’ossigeno-ozono terapia, ampiamente utilizzata in ortopedia ma anche in altre condizioni, produce risposte di miglioramento delle funzioni cognitive nel paziente anziano affetto da Malattia di Alzheimer o da altre forme di demenza. Studi preliminari hanno infatti dimostrato che in cellule neuronali trattate con ossigeno-ozono vengono attivati specifiche funzioni cellulari coinvolte nei processi della mente (infiammazione e processi ossidativi). In questi giorni prenderà il via il progetto “Cognitive frailty and oxygen-ozone therapy: integrated approach to identify biological and neuropsychological markers” (in italiano “Fragilità cognitiva e terapia dell’ossigeno-ozono: un approccio integrato per l’identificazione di marcatori biologici e neuropsicologici”) affidato alla Geriatra Dott.ssa Cristina Geroldi, ai ricercatori Dott. Cristian Bonvicini, Catia Scassellati ed al Dott. Antonio Galoforo, quest’ultimo pioniere di questa terapia non soltanto in Italia ma anche in Africa, impegno nel terzo mondo che gli ha meritato vari riconoscimenti.Il progetto, finanziato interamente dal Ministero della Salute, ha un valore di 386mila euro, di cui metà dell’importo sarà utilizzato come borse di studio per finanziare l’attività di giovani ricercatori all’interno del progetto, il restante per acquisire materiali di laboratorio necessari per condurre gli esperimenti previsti.All’IRCCS e in molte altre realtà sanitarie sono anni che l’ossigeno-ozono terapia viene utilizzata per favorire la riabilitazione motoria dell’anziano e la sua validità scientifica è ormai riconosciuta tanto da essere sovvenzionata dal Servizio Sanitario Lombardo. “Nella pratica clinica si è visto che il paziente anziano “fragile”, oltre a migliorare sul piano più strettamente articolare e quindi motorio, presenta miglioramenti vistosi anche sul piano comportamentale e sul difficile ri-equilibrio del ritmo sonno-veglia: noi partiremo proprio da lì” spiega il Dott. Bonvicini. In pratica, da un’intuizione si studierà se ma soprattutto come l’ozono agisca sui neuroni di questi pazienti. Il dott. Bonvicini lavora all’IRCCS da ormai 18 anni e questa è per lui, e non solo per lui, una ricerca importante: “Si parla molto di cervelli in fuga, ma le opportunità esistono anche qui in Italia, dove abbiamo istituzioni che sono competitive con quelle estere, ti permettono di lavorare bene con materiali e contatti idonei e all’avanguardia, di aggiornarti e di inseguire obiettivi ambiziosi” ci racconta il ricercatore, ammettendo che “bisogna però essere motivati da una forte passione, perché altrimenti vieni attratto sicuramente dagli stipendi di altri Paesi che in ambito scientifico sono circa il doppio”.La ricerca si avvarrà delle competenze professionali di diverse Unità dell’IRCCS Fatebenefratelli di Brescia, quali Unità Alzheimer, Unità di Genetica e Laboratorio di Marcatori Molecolari, Unità di Neuropsicologia, nonché della collaborazione con la Scuola Normale Superiore di Pisa. Nello specifico, si useranno diverse analisi (trascrittomica, immunoproteomica, metabolomica, lipidomica e bioinformatica) con le quali “cercheremo di identificare marcatori biologici e neuropsicologici/comportamentali che possano distinguere pazienti trattati con ossigeno-ozono e soggetti non trattati, per approfondire i meccanismi molecolari su cui agisce la terapia e soprattutto identificare target terapeutici mirati per la cura di questi pazienti. Mi chiede quale sarà il nostro premio? Scoprire, capire, conoscere. E vedere la gente soffrire di meno” sintetizza il ricercatore bresciano.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »