Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 302

Il Giorno della Memoria. Diciamo no alla riduzione dell’ebraismo ad elemento museale

Posted by fidest press agency su domenica, 28 gennaio 2018

olocaustoL’antisemita di sinistra non manca di ricordare come la Shoah sia detestabile, ma ne approfitta subito per aggiungere che il popolo ebraico non ha saputo trarne una lezione visto il modo in cui tratterebbe i suoi vicini di casa. L’antisemita di destra minimizza le responsabilità degli italiani, inserisce in un contesto più ampio la tragedia e si domanda del perché sia giusto questo ‘tributo obbligatorio’ agli ebrei – rei in qualche modo di averla sfruttata economicamente – che con il loro atteggiamento piagnone tengono in scacco l’opinione pubblica.Altri, pensando di far bene, in questi giorni provano a ricordarci come non esistano “morti di Serie A e serie B” e si fanno promotori di messaggi che comprendano anche “le altri stragi dimenticate”, dallo sterminio dei pellirossa all’Amazzonia passando per il Ruanda e l’Ucraina.I miei correligionari partecipano, com’è giusto, alle cerimonie pubbliche, ma molti scelgono di tacere, mentre i media martellano rilanciando le storie delle nostre famiglie sullo sfondo di commentatori che credendo di fare riflessioni originali sul difficile tema non si rendono conto di essere offensivi. Più che una giornata di riflessione per gli ebrei o sugli ebrei (‘con’ sarebbe impossibile viste le esigue dimensioni della nostre comunità e il numero di richieste), sembra quasi di assistere alla ricorrenza perfetta per lavarsi la coscienza svolgendo il compitino in una delle innumerevoli cerimonie pubbliche – senza ebrei – o farne un uso strumentale per rovesciare addirittura accuse più o meno dirette verso Israele e l’ebraismo.In nessuna cerimonia pubblica ho mai sentito fare – invece che arditi parallelismi con i terribili eccidi del XX secolo in Bangladesh – il collegamento più naturale: quello tra il nazismo e le minacce che oggi subiscono gli ebrei nel mondo. Mi riferisco alla fobia verso Israele, alle discriminazioni e boicottaggi verso la nazione ebraica, all’esodo delle comunità francesi e alla paura nelle città di tutta Europa a girare con la kippah in testa. Quando qualcuno azzarda certi paragoni, si fa subito avanti chi pensa che la deriva antisemita sia sovrastimata, e rimugina l’idea che gli ebrei siano sempre vittime di paranoie.Ma perché ampliare ad altre tragedie lo spettro del ricordo è sbagliato? Prima di tutto perché la Giornata della Memoria è già dedicata a tutte le vittime delle leggi razziali, a quelli che hanno protetto i perseguitati, ai Sinti, ai Rom, agli omosessuali, ai disabili, ai perseguitati politici e alle altre minoranze religiose. Poi perché si rischia di perdere il focus sulla vicenda principale. Che senso avrebbe nella Giornata della Donna ricordare anche l’eccidio dei Curdi perché “anche loro hanno tanto sofferto”? Ricordare tutti significa non avere memoria di nessuno.Sempre più spesso capita di vedere giovani che nei campi di sterminio si fanno ritrarre sorridenti davanti ai forni crematori o si fanno selfie sghignazzando di fronte a monumenti e baracche. La loro partecipazione emotiva al dramma della Shoah è pari a quella degli adulti alle cerimonie pubbliche, noia e distacco. I giovani si esprimono semplicemente coi loro strumenti.Oggi olocausto1che i sopravvissuti purtroppo non sono quasi più disponibili, bisogna mettere da parte le banalità e recuperare il coraggio e le competenze per coinvolgere i ragazzi e i loro formatori. Parlare alle nuove generazioni è una sfida difficile, perché gli strumenti ai quali sono abituati contemplano contesti sempre più realistici e ottenere la loro attenzione è complicato. Per questo il lavoro non dev’essere fatto per ampliare o sostituire i temi della Giornata, ma per aggiornare la nostra capacità di trasmissione degli stessi contenuti. Per ogni anno di ritardo ci assumiamo una responsabilità che ricade su tutti, perché a relativizzazione della Shoah come dramma unico nella storia umana, l’estensione del ricordo ad altre categorie, la mancanza di collegamento con il mondo reale e le strumentalizzazione politica stanno completamente demolendo il senso delle celebrazioni legate alla Memoria.Se non vogliamo rischiare di cancellare questa ricorrenza in un prossimo futuro dobbiamo combattere la deriva di banalizzazione, spettacolarizzazione e strumentalizzazione della Shoah in favore di un anniversario più discreto, con nuovi strumenti di sensibilizzazione e trasmissione dei contenuti da usare come mezzo per interpretare il presente.Associare l’ebraismo, una religione viva e vitale più che mai, esclusivamente ad immagini sbiadite del terribile passato è detestabile. Noi non siamo (solo) il popolo della Memoria, ma anche quello del rinnovamento e del progresso. Questa riduzione dell’ebraismo ad elemento museale ignorando il filo che lega la vita delle comunità scomparse a quelle di oggi in Israele ed in Europa è uno degli elementi davvero indispensabili se si vuole scongiurare il ritorno del passato e restituire dignità alle vittime che si sono spese affinché il loro popolo sopravvivesse alla catastrofe. (Alex Zarfati) [Foto: olocausto – l’immagine è presa da Yolocaust, progetto fotografico di Shahak Shapira, che si propone di «indagare sulla cultura della commemorazione»]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: