Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 30 n° 318

Archive for 6 febbraio 2018

ASUS è tra le aziende Fortune World’s Most Admired Companies

Posted by fidest press agency su martedì, 6 febbraio 2018

Piazza della RepubblicaCernusco sul Naviglio. ASUS annuncia di essere stata inserita nel prestigioso elenco Fortune World’s Most Admired Companies come una delle principali aziende nella categoria Computers, riaffermando la sua posizione di leader nel settore come solida realtà costantemente impegnata nella creazione di prodotti all’avanguardia per migliorare la qualità della vita, odierna e futura.
Per questo sondaggio sulla reputazione delle aziende, Fortune ha collaborato con il suo partner Korn Ferry. A partire da un catalogo di circa 1500 candidati, le 1.000 società statunitensi di più grandi dimensioni sono state classificate in base al fatturato, insieme a società non statunitensi presenti nel database Global 500 di Fortune con ricavi pari o superiori a 10 miliardi di dollari. Sono poi state selezionate le aziende con il fatturato più elevato in ogni settore, per un totale di 680 in 29 paesi. Le aziende più votate sono state selezionate dalle 680 di cui sopra; i dirigenti che hanno espresso le loro preferenze lavorano all’interno delle aziende incluse in tale gruppo.
Per stabilire le aziende che godono della più elevata considerazione in 52 settori diversi, Korn Ferry ha chiesto a dirigenti, direttori e analisti di classificare le aziende all’interno del loro settore di appartenenza sulla base di nove criteri, dal valore degli investimenti alla qualità del management e dei prodotti fino alla responsabilità sociale e alla capacità di attirare nuovi talenti. Per essere inclusa nell’elenco, un’azienda deve classificarsi nella metà superiore dei risultati del sondaggio relativo al proprio settore.È possibile consultare i risultati completi del posizionamento di ASUS full all’indirizzo: http://fortune.com/worlds-most-admired-companies/asustek-computer/

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Parole e Immagini in Omaggio a Remo Pagnanelli

Posted by fidest press agency su martedì, 6 febbraio 2018

Silvio CraiaCarlo IacomucciMacerata Inaugurata la preziosa mostra alla Biblioteca Comunale Mozzi-Borgetti di Macerata, piazza san Giovanni con “I colori della poesia in mostra- IO, REMO”. 15 artisti invitati che hanno magistralmente illustrato le poesie del poeta Remo Pagnanelli (Macerata, 6 maggio 1955 – Macerata, 22 novembre 1987).Una mostra ben curata in particolar modo nell’allestimento, un ringraziamento va all’Associazione culturale”Remo Pagnanelli” con la collaborazione di Art Club Studio.Sono intervenuti: Roberto Cresti, Guido Garufi ,Stefania Monteverde, Sabina Pagnanelli, Domenico Sirocchi, Daniele Taddei.Una mostra davvero significativa dove 15 Artisti interpretano e rappresentano il pensiero di REMO PAGNANELLI per non dimenticarlo ricordandone tutta la sua sensibilità, curiosità e spiritualità. 15 Artisti dai linguaggi diversi, dai percorsi diversi, dai supporti diversi, dalle tecniche diverse, dai pensieri diversi, ebbene tutte queste differenze fanno di questa mostra un raro esempio di sapienza e di creatività che albergano del territorio. Il territorio non sempre è generoso con gli Artisti, spesso non agevola il percorso ed il riconoscimento, ma in questa mostra, in questo incontro magico tra poesia e arte visiva si è raggiunto un risultato encomiabile , destinato a far parlare di se anche in ambiti nazionali, ancora una volto lo stare assieme ritorna premiante, alimentando l’entusiasmo e la passione, alla base di ogni manifestazione artistica. (foto: Silvio Craia, Carlo Iacomucci)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Moneymailme CEO reveals first multi-protocol blockchain marketplace at Paris Fintech Forum

Posted by fidest press agency su martedì, 6 febbraio 2018

parisParis. Mihai Ivascu, the CEO and Founder of the award-winning social payments app Moneymailme, announced at the Paris Fintech Forum his company’s secret breakthrough: the world’s first multi-platform blockchain app store for smart contracts. It’s called Modex. The Modex Smart Contract Marketplace is scheduled for a product launch on March 15 timed right before the company’s much-awaited ICO. Modex’s token pre-sale opened to the public at the end of January and nearly half of the tokens have been reserved in the first three days.Modex is bridging the gap between businesses and developers in order to accelerate global adoption of blockchain technology. Given the emerging norm for ‘borderless’ transactions, blockchain’s distributed ledger technology has opened doors for “a new world of data exchange facilitated through Smart Contracts,” stated Mihai Ivascu, group CEO and founder.”Moneymailme’s Modex Smart Contract Marketplace supplies the infrastructure needed to integrate blockchain capabilities with apps like Moneymailme and endless amounts of others,” Ivascu told investors at the Paris Fintech event. “Our packaging and delivering the platform with our financial partners who have developed practical uses for the tool in Europe and the rest of the world is a really exciting feature,” he said. “Modex is a game-changer.” Designed to serve as a central hub for multiple 3rd party applications and web platforms to plugin with and deploy smart contracts, the Modex Marketplace incorporates significant advantages for consumer adoption, enterprise cost savings, developer tools, community trust and engagement, IP protection, and revenue opportunities for developers, all centered around the smart contract ecosystem that Modex has created. The infrastructure has been built on top of the Ethereum blockchain protocol and has been conceived to incorporate emergent protocols that also support smart contracts, being one of the first in the industry to do this. The Modex ICO opens on March 28 and will last for 30 days or until its cap is reached. The Modex ICO pre-sale is currently accepting contributions from early bird supporter of the business.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

The state of West Bengal has chosen Earth Networks

Posted by fidest press agency su martedì, 6 febbraio 2018

Bay_of_Bengal_mapEarth Networks today announced that the state of West Bengal has chosen Earth Networks to provide real-time storm tracking, lightning detection and advanced alerting services to provide life-saving weather and forecasting services to residents and businesses across the state.The Earth Networks Total Lightning Network in India helps safety and disaster management agencies provide the public with advance warning of incoming severe weather to save lives, reduce injuries and minimize property damage. West Bengal, subject to dangerous weather all year long, such as cyclones, heavy rains, and thunderstorms, now joins a growing number Indian states, including Andhra Pradesh and Karnataka, to take advantage of Earth Networks’ comprehensive early warning capabilities—live storm tracking, advanced lightning detection, and dangerous thunderstorm alerts (DTAs).“Because India’s population is among the most vulnerable in the world to weather-related hazards, we’ve cultivated relationships with state-wide disaster management agencies and private enterprises to bring the best and most technologically-advanced precision weather network to India,” said Jim Anderson, SVP Global Sales, Earth Networks. “This partnership with West Bengal will provide critical real-time weather information and severe weather alerting capabilities not previously possible in the region.”
Earth Networks Brings Severe Weather Alerting and Lightning Detection to West Bengal
Operating in 90+ countries, Earth Networks Total Lightning Network is the most comprehensive lightning network in the world. Its ability to monitor in-cloud lightning, in addition to cloud-to-ground lightning enables faster localized storm alerts so forecasters can warn of other forms of severe weather such as downbursts, heavy rains, and high winds. “Keeping our 90 million residents safe from dangerous weather conditions is a serious challenge,” said Sri S. Suresh Kumar (IAS), Principal Secretary Department of Disaster Management and Civil Defence, Government of West Bengal. “With Earth Networks’ in-cloud lightning detection, we can provide earlier warnings and more accurate forecasts, which in turn will improve safety for everyone.” Jatin Singh, CEO of Skymet Weather Services, Earth Networks’ Indian partner said, “In addition to the advances in public safety, the practical applications for this real-time weather information are limitless. With early severe weather indicators from lightning we have new data sets and technology to support enterprises across industries such as aviation, energy, mining, insurance and more.” The partnership is a win for both government and civil defense agencies who will be able to access Earth Networks’ products that further aid the state in saving lives and reducing property damage that occurs due to severe weather, while helping private industry partners access new sources of weather data to optimize operations, analyze trends and protect critical infrastructure.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Fusionex Wins Malaysia Airlines Project for Information Collaboration and Data Management Platform

Posted by fidest press agency su martedì, 6 febbraio 2018

Malaysia AirlinesFusionex, a multi-award-winning, leading software solutions provider specializing in Big Data Analytics (BDA), the Internet of Things (IoT), Artificial Intelligence, and Machine Learning, has been awarded a contract of significant value with Malaysia Airlines Berhad (“MAB”) to provide a group-wide data management platform that will increase work efficiency and ease of communications within its group.MAB seeks to address the challenges encountered by its thousands of employees to work and communicate efficiently. With millions of travelers flying on MAB every month to almost 60 destinations, MAB requires a scalable platform to cope with the volume as well as complexity of data and information gathered, in MAB’s bid to better serve its customers and staff.The platform will allow for collaboration within the company and also facilitates messaging and information sharing between employees. With all employees using the same platform, any communication, whether textual, imaging etc. would be accessible quickly and easily.Apart from work purposes, the platform will allow employees to participate in leisure activities for an optimized work-life balance to be achieved. An enterprise social network feature will be deployed for employees to use as a social collaboration tool, in line with MAB’s objective to promote a strong and united corporate community.
Dato’ Seri Ivan Teh, Fusionex CEO, commented: “This initiative is applauded as it is targeted to bring Malaysia Airlines’ corporate performance to greater heights, as well as to foster closer communication among MAB employees. Coordinating thousands of employees with a huge amount of data across the globe is no small feat. This win showcases the vast potential for data management and data technology to empower a variety of sectors including aviation towards digital transformation, and we are delighted to be a part of this journey with Malaysia Airlines.” (photo: Malaysia Airlines)

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

A Rare Fauve View of the Thames by André Derain

Posted by fidest press agency su martedì, 6 febbraio 2018

André DerainLondon – André Derain’s Londres: la Tamise au pont de Westminster (1906-07, estimate: £6,000,000-9,000,000) will star in Christie’s Impressionist and Modern Art Evening Sale on 27 February, launching ‘20th Century at Christie’s’, a series of auctions that take place in London from 20 February to 7 March 2018. One of 29 recorded paintings of London that Derain painted across 1906 and 1907, it comes to auction alongside the exhibition ‘Impressionists and London’ currently on view at London’s Tate Britain. Londres: la Tamise au pont de Westminster is captured from the Albert Embankment, portraying the Thames, the Palace of Westminster, Westminster Bridge and, in the background, the pyramidal silhouette of Whitehall Court. As with all of the works in this series, the British capital is saturated in radiant colour. The expansive grey waters of the Thames are transformed into a mosaic of shimmering yellow, blue and turquoise; the sunlit sky rendered in an iridescent patchwork of blues and pinks. The painting will be on view in Hong Kong from 5 to 8 February and New York from 12 to 14 February 2018 before being exhibited in London from 20 to 27 February 2018. Keith Gill, Head of Sale, Impressionist and Modern Art Evening Sale, Christie’s, London: “Derain’s time spent in London saw him produce some of the most revolutionary works of his career. With its blazing colour, radical means of execution and structure, Londres: la Tamise au pont de Westminster is a magnificent painting that takes its place within the esteemed artistic lineage of Turner, Whistler and Monet, all of whom had depicted London in their art. Among the most iconic works of Fauvism, many of this rare series of London paintings are now housed in museum collections across the world, including the Musée d’Orsay, Paris; Museum of Modern Art, New York; The Metropolitan Museum of Art, New York; and the Tate Gallery, London, where a selection of other works from this groundbreaking London series are currently on view in the exhibition, ‘Impressionists in London’. Following the widely acclaimed exhibition of Derain’s work of this period at the Centre Pompidou, Paris, we are honoured to present this rare Fauvist work in our Evening Sale in London.” (photo: André Derain)

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Scuola Il PD non vuole riaprire le GaE: così si assume la responsabilità del licenziamento di 6 mila maestre

Posted by fidest press agency su martedì, 6 febbraio 2018

ministero-pubblica-istruzioneÈ curioso il fatto che lo stesso partito nella passata legislatura si era impegnato, con una risoluzione, ad assumere anche le diplomate magistrale dopo aver aperto per ben due volte, con un emendamento, le vecchie graduatorie permanenti. Il presidente Anief in un’intervista ribadisce la necessità di un decreto legge per far incontrare domanda ed offerta. Bisogna anche ripristinare i moduli nella primaria dove tra il 1999 e il 2009 si giunse ai più alti livelli di apprendimento dei nostri bambini.La notizia, diffusa da Orizzonte Scuola, riporta la ferma decisione del Partito Democratico di continuare a tenere blindate le Graduatorie ad Esaurimento, nonostante scioperi, manifestazioni, ricorsi. Lo afferma Simona Malpezzi che nel sostenere le ragioni delle docenti laureati in Scienze della formazione primaria dimentica come il suo stesso partito si sia dimenticato di esse, lasciando fuori dal reclutamento sia le docenti laureate dal 2012, sia quelle diplomate entro il 2002.
Marcello Pacifico (Anief-Cisal: Non si comprende per quale motivo il Partito Democratico perseveri su questa linea, contraddicendo la politica di apertura delle Gae a tutto il personale abilitato sostenuta nella precedente legislatura. Nella XVI, infatti, ben due volte le GaE sono state aperte ai docenti abilitati precari, prima con la Legge 30 ottobre 2008, n. 169 e poi con la Legge 24 febbraio 2012, n. 14 grazie a due emendamenti presentati dai democratici e suggeriti dall’Anief. Proprio a seguito di queste riaperture, nel 2012, era stata presentata una risoluzione a firma dell’attuale capogruppo in VII Commissione, on. Coscia, che chiedeva di garantire la parità di trattamento nell’assunzione delle laureate in SFP e delle diplomate magistrale.L’Anief, che aveva già riscontrato la mancanza di volontà a trovare una soluzione politica immediata nel territorio italiano, per questi motivi qualche giorno fa ha presentato un reclamo collettivo al Consiglio d’Europa, finalizzato a ribaltare quella decisione, sostenendo che la violazione del giudicato operata dal Consiglio di Stato fa il paio con la violazione sistematica da parte del Governo italiano della normativa comunitaria sui contratti a termine e della carta sociale europea. E anche per questi motivi ha organizzato scioperi e manifestazioni che si concluderanno con l’inizio della nuova legislatura: il 23 marzo a Roma, davanti al Parlamento, nel giorno dell’insediamento delle nuove Camere.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Spese per gli statali, pochi investimenti in sicurezza

Posted by fidest press agency su martedì, 6 febbraio 2018

ministero-finanzeIl Tesoro ha calcolato il costo degli statali, il Coisp: “I dati dimostrano con chiarezza quanto poco si investa in sicurezza. Il valore economico riconosciuto al sacrificio dei Servitori dello Stato è a dir poco offensivo”. “I dati diffusi dal ministero dell’Economia con il rapporto relativo alle spese sostenute dai cittadini per i dipendenti statali sono di una chiarezza incontrovertibile: l’investimento sulla sicurezza è letteralmente esiguo, il valore economico attribuito al lavoro unico e non paragonabile a qualunque altro degli operatori della Polizia di Stato è a dir poco offensivo. Sono dati che rendono ancor più evidente quale misera elemosina il Governo abbia voluto riservare a migliaia di Servitori dello Stato che garantiscono la stessa esistenza della democrazia con un rinnovo del contratto, dopo otto anni di illegittimo blocco, che è solo un’offesa alla dignità e alla professionalità di donne e uomini in divisa”.
Così Domenico Pianese, Segretario Generale del Coisp, Sindacato Indipendente di Polizia, a seguito delle notizie di stampa che hanno riportato i dati calcolati dal Tesoro in merito al costo degli “statali”. La Ragioneria generale ha fatto i conti in base alla situazione nel 2016, puntando l’attenzione sul costo dei dipendenti pubblici, che complessivamente vale 2.197 euro a testa. Al primo posto c’è la scuola, che vale 654 euro per ogni cittadino, seguita dalla sanità con 515 euro, e dalle Regioni con 265 euro pro capite. A notevole distanza, secondo il rapporto diffuso dal ministero dell’Economia, la spesa per la Polizia di Stato, con i suoi 84,15 euro a testa, corrispondenti al 3,83% del totale.“Intanto – aggiunge Pianese – non si può prescindere dalla premessa fondamentale che le spese per la sicurezza non sono un costo ma un investimento a garanzia della libertà, della crescita, del buon funzionamento di tutti gli altri settori del Paese. Ma quel che preme di più rilevare è la differenza fra il poco riservato ai poliziotti italiani rispetto al tanto destinato a tutto il resto, nonostante il sistema sicurezza italiano sia uno dei pochi motivi di vanto per l’Italia nel panorama internazionale. Quello della Sicurezza, infatti, è anzitutto l’unico Comparto dotato di una ‘specificità’ che si traduce solo in moltissime e pesantissime pretese nei confronti dei suoi operatori che non godono, però, di pari riconoscimenti, garanzie, tutele; ma è un Comparto che, giorno dopo giorno, viene gravato da ulteriori, vitali e sempre maggiori responsabilità, dovendo fronteggiare emergenze che ci impongono di stare al passo con le vecchie e nuove minacce che aleggiano sulle vite dei cittadini e dello Stato. Tutto questo, purtroppo, senza alcun serio e concreto riconoscimento del nostro ruolo, del nostro operato, del nostro senso del dovere, del nostro sacrificio”.

Posted in Spazio aperto/open space, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Modenantiquaria, il grande salotto internazionale dell’antiquariato

Posted by fidest press agency su martedì, 6 febbraio 2018

salone antiquariatoModena. Al via Modenantiquaria, il grande salotto internazionale dell’antiquariato Dal 10 al 18 febbraio si rinnova l’appuntamento con Modenantiquaria, la manifestazione internazionale di alto antiquariato che inaugura la sua 32esima edizione a ModenaFiere. La kermesse modenese si è affermata come una delle mostre mercato più apprezzate d’Europa grazie ai suoi tre saloni complementari: Modenantiquaria, Excelsior e Petra. Secondo il presidente di ModenaFiere Alfonso Panzani è “un evento in grado di calamitare pubblici nuovi, indispensabili a garantire vitalità ad un settore che sembrava essersi arenato”. Tra le novità quattro momenti di approfondimento con esperti e visite guidate in collaborazione con l’Università di Bologna. La bellezza non ha età, si dice. Ma tante volte gli anni e i secoli accompagnano la grande bellezza. Modenantiquaria quest’anno punta a rafforzare il suo primato italiano e annuncia di voler concretamente cominciare a scalare l’Europa: la storica manifestazione torna a ModenaFiere dal 10 al 18 febbraio e si presenta in veste rinnovata, in linea con il progetto di completo, graduale restilyng che ModenaFiere aveva delineato tre anni or sono.”Modenantiquaria è in assoluto il più importante evento annuale dedicato all’antiquariato in Italia; è anche il primo appuntamento dell’anno, in grado di “tastare il polso” al mercato dell’arte antica: in questo particolare momento – sottolinea Alfonso Panzani, presidente ModenaFiere – il mercato è più ricco rispetto al recente passato di pezzi di grande qualità. Questa 32esima edizione cercherà di attrarre quei pubblici nuovi che sono indispensabili a garantire vitalità ad un settore che sembrava essersi arenato. Quest’anno poi, una nuova organizzazione degli spazi garantirà maggiori servizi agli espositori e soprattutto al pubblico, con l’obiettivo di rendere Modenantiquaria un grande salotto dell’antiquariato europeo. Un punto di incontro per collezionisti, appassionati, arredatori, ma anche per esperti alla ricerca di pezzi di qualità per musei e grandi collezioni internazionali”.
Il record di 36 mila visitatori superato nel 2017, testimonia, insieme alla vivacità commerciale, l’avvenuto giro di boa, così come il percorso della manifestazione rende l’idea di come l’evento sia stato in grado di crescere e rinnovarsi: da 30 espositori nel 1987 su 1.500 metri quadri, a 100 gallerie tra le più prestigiose sul mercato, su un’area espositiva di oltre 15.000 metri quadri. Oggi la kermesse – con i saloni Petra, riservato alle antichità per parchi e giardini, Excelsior alla pittura dell’800, e Modenantiquaria ai tesori dell’antiquariato – è la più completa mostra di alto antiquariato italiana e anche la più visitata, con un’altissima percentuale di pubblico propensa all’acquisto.Per nove giorni i padiglioni del quartiere fieristico di Modena, allestiti con estrema cura, saranno la casa di 100 gallerie, con prestigiose presenze internazionali: tra queste ci sono la Galleria Lampronti di Londra, tra le cui opere spicca uno “studio di testa maschile” di Annibale Carracci (seconda metà ‘500); la prestigiosa Galleria Robilant+Voena di Milano (con altre sedi a Londra e St Moritz) propone una Sacra Famiglia di Lorenzo Garbieri e di Carlo Bononi il “Giosuè che ferma il sole”, entrambi dipinti della prima metà del ‘600. Maurizio Nobile di Bologna porta a Modena un dipinto cinquecentesco di Pietro Faccini che raffigura “Il ritorno del Figliol Prodigo”; Enrico Gallerie d’Arte, con sede a Milano e Genova, presenta un sensuale quadro di Giovanni Boldini, “Dopo il bagno”; Butterfly Institute Fine Art arriva da Lugano, e porta “Buoi al tramoto” un suggestivo dipinto di Giovanni Fattori, tra i principali esponenti del movimento dei Macchiaioli.
Un programma di eventi culturali di rilievo caratterizza questa 32esima edizione. Sono quattro i “salottini” di Modenantiquaria, che approfondiscono tematiche attuali ed eterogenee: da un incontro con esperti sulle tendenze e le nuove norme dell’arte e del suo mercato, alla presentazione dell’esposizione forlivese “L’eterno e il tempo tra Michelangelo e Caravaggio”, fino a una conversazione sulle biografie dei grandi mercanti del Novecento, da Ambrose Vollard a Heinz Berggruen e un focus su Elisabetta Sirani con Eike Schmidt, il direttore delle Gallerie degli Uffizi.
Ma la novità più fresca di questa edizione è un’iniziativa volta a coinvolgere il grande pubblico: sono in programma cinque “grand tour” monografici, ovvero visite guidate dagli studenti del Dipartimento di Arti Visive dell’Università di Bologna, con la supervisione scientifica della professoressa Sonia Cavicchioli, che conducono i visitatori della mostra alla scoperta dell’arte antica: scultura, pittura, ceramica, porcellana e mobili, dal Seicento all’Ottocento.Modenantiquaria è organizzata da ModenaFiere col patrocinio dell’Associazione Antiquari d’Italia, Associazione Antiquari Modenesi e FIMA, la Federazione Italiana Mercanti d’Arte; sponsor della manifestazione è BPER Banca.Modenantiquaria segue i seguenti orari: dal lunedì al mercoledì dalle 15.00 alle 20.00, dal giovedì alla domenica dalle 10.30 alle 20.00. Biglietto intero: euro 15; Biglietto ridotto: euro 12. (foto: salone antiquariato)

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Appello ai giovani: “Non lasciate che gli altri decidano per voi”

Posted by fidest press agency su martedì, 6 febbraio 2018

demigrazione-giovani-italiani-esteroi Carmelo Lentino: Care ragazze, cari ragazzi, nei giorni scorsi, a Otto e Mezzo, su La7, ho visto l’ultimo sondaggio sulle intenzioni di voto e sono rimasto, ancora una volta, colpito da quel 47% di under 25 che non sarebbe intenzionato a recarsi alle urne in occasione delle prossime elezioni politiche. Questo dato merita una riflessione anche se penso di poter comprendere le ragioni che portano ad un “sentimento” di disaffezione. Oramai già qualche anno fa, in seguito ad alcuni studi che abbiamo fatto condurre da istituti di ricerca, ho capito che i giovani partecipano dove gli viene data reale opportunità di farlo, ma in particolare dove comprendono che la loro partecipazione porta ad un risultato concreto. Da questo deriva anche l’importante coinvolgimento dei giovani all’interno delle associazioni. Le nuove generazioni cercano il riconoscimento del merito, non scorciatoie. Cercano opportunità. Di battaglie, in questi anni, ne sono state fatte tante in questa direzione, con risultati alterni ma un dato certo. I giovani hanno cercato, sempre, di affermare la loro presenza il loro impegno, le loro idee, le loro proposte. Non sempre sono stati ascoltati.
In alcuni casi hanno potuto partecipare a percorsi di cittadinanza attiva, in altri casi sono stati i protagonisti di percorsi di dialogo strutturato. Ma questo, lo so, non basta. C’è molto altro da fare.Un bell’esempio di cittadinanza attiva è quello del Forum Nazionale dei Giovani, ed è anche per questa esperienza – per quello che in tanti anni, con tantissime associazioni e migliaia di giovani, siamo riusciti a fare – che mi piace, ancora una volta, mettere in relazione la partecipazione con l’associazionismo.Ho sempre creduto nell’importanza dell’associazionismo, soprattutto di quello giovanile. Ci ho investito (come hanno fatto tanti altri ragazzi e ragazze) gran parte delle mie energie e del mio tempo libero, perché associazionismo e terzo settore sono importanti, molto importanti.Il mondo si cambia anche e soprattutto dal basso, non solo dall’interno delle Istituzioni. Ma il livello istituzionale è essenziale in una democrazia. Vi dico questo, perché non si possono scindere le due cose.L’associazionismo è importantissimo, fondamentale per il nostro Paese, e spesso le associazioni sono composte prevalentemente da giovani. Una generazione che, in larga parte, è delusa dalla politica e difficilmente tende a farsi coinvolgere. Ma dovete essere voi ad invertire questa tendenza, ad occuparvi direttamente di politica nell’accezione più alta e importante del termine.Non fatevi sconfortare. Non andare a votare è la cosa più sbagliata che possiate fare.
A voi rivolgo un forte appello: partecipate, perché siete voi a dover determinare il vostro futuro, non lasciate che gli altri decidano per voi.È vero che negli ultimi decenni hanno fortemente condizionato, in senso negativo, il vostro (nostro) futuro ma siamo accora in tempo a cambiare le cose. E l’approccio fondamentale è quello di non delegare ad altri la scelta, cosa che fareste decidendo di non esercitare il vostro diritto-dovere di voto.Il 4 marzo, anche voi, provate a smentire l’affermazione che l’Italia “non è un Paese per giovani”. (n.r. andare a votare è un diritto-dovere di tutti. Ciò premesso dobbiamo rilevare le ambiguità dei politici italiani anche in questa tornata elettorale che non concorrono a fare chiarezza ma semmai a confermare il sospetto che la partita si stia giocando per fare “fessi” gli italiani. E in questo i giovani non ci stanno anche se la loro reazione è di rifiuto e non di partecipazione attiva. Occorre una “rivoluzione” culturale che sappia coinvolgere in prima persona proprio i politici. Non dimentichiamo che spesso si raccoglie ciò che si semina)

Posted in Lettere al direttore/Letters to the publisher, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

CFA Italy Radiocor Financial Business Survey febbraio 2018

Posted by fidest press agency su martedì, 6 febbraio 2018

borsaIl sondaggio svolto da CFA Society Italy in collaborazione con Il Sole 24 Ore Radiocor presso i suoi Soci tra il 19 ed il 31 gennaio 2018, ha visto la partecipazione di 49 intervistati. Circa l’88% del totale ritiene positiva o stabile la situazione attuale dell’economia italiana. Mirko Porciatti, CFA Strategist dell’Ufficio Market Strategy – MPS Capital Services dichiara: “Il 2018 è iniziato con un lieve rialzo del CFA Italy Sentiment Index, che sale leggermente rispetto al mese precedente, mantenendosi poco al di sopra del minimo degli ultimi sei mesi. Si tratta comunque di un valore assoluto positivo, segnalando che il numero di coloro che hanno aspettative di miglioramento dell’economia italiana nei prossimi mesi è molto superiore rispetto a quello dei pessimisti. In termini assoluti, la maggior parte degli intervistati propende per una situazione economica che resterà stabile nei prossimi mesi in Italia, Eurozona e negli USA. In tutte le aree oggetto del sondaggio, la condizione economica attuale viene valutata positiva a grande maggioranza, così come emerge ottimismo dalla recente revisione al rialzo delle stime di crescita globali da parte del Fondo Monetario Internazionale.
Sul fronte inflazione, la maggioranza degli intervistati continua a ritenere che l’inflazione salirà tra sei mesi. Qualora ciò si verificasse, potrebbero aumentare le pressioni sulla BCE da parte dei “falchi” del Nord-Europa per terminare il QE a settembre. A nostro avviso, l’Istituto difficilmente interromperà bruscamente il piano di acquisti di bond in tale mese, ma propenderà per un’ulteriore riduzione fino ad almeno fine anno. Da menzionare che, per un mero effetto confronto, se il petrolio resterà su livelli elevati, intorno a metà anno si potrebbe assistere ad un rialzo dell’inflazione in Eurozona che potrebbe portarsi in prossimità del target del 2%. Anche negli USA, gli investitori si aspettano un rialzo dell’inflazione. Tale consenso è piuttosto forte (79%).
Sul fronte tassi, la maggioranza degli intervistati si aspetta un rialzo dei tassi a lungo termine in tutte le aree (Italia, Eurozona e USA), probabilmente grazie a: 1) aspettative d’inflazione crescenti; 2) congiuntura economica positiva; 3) Banche Centrali meno accomodanti; 4) superamento di alcuni livelli tecnici di resistenza superati sui tassi decennali USA. Sui tassi a breve termine, l’attesa di un rialzo deciso è solamente presente negli USA (la Fed potrebbe alzare i tassi tre volte nel corso del 2018), mentre in Italia ed in Eurozona oltre il 50% degli intervistati si attende tassi stabili. Di recente Draghi ha dichiarato che le probabilità di un rialzo tassi nel 2018 da parte della BCE sono molto basse.
L’azionario globale in questo inizio 2018 è stato particolarmente brillante (ad eccezione degli ultimi giorni) con nuovi record registrati da numerosi indici. Sebbene la maggior parte degli intervistati sia fiduciosa sull’Italia e sull’Euro Stoxx 50, aspettandosi un rialzo a sei mesi, la fiducia è minore rispetto al mese precedente. Probabilmente questo dato segnala un ottimismo di fondo sull’azionario europeo, alla luce dei buoni fondamentali, ma anche del timore di prese di profitto di breve periodo a causa delle forti performance di inizio anno e della forza dell’euro. Come settori italiani, gli intervistati vedono a grande maggioranza un miglioramento della redditività, in particolare sui titoli bancari, petroliferi ed assicurativi. Non è presente nessun settore dove la maggioranza degli intervistati si aspetti un peggioramento.Sull’azionario USA le prospettive sono peggiori, con oltre il 50% degli intervistati che si aspetta un indice S&P500 invariato tra sei mesi. Alcuni indicatori di sentiment segnalano il rischio di prese di profitto sull’azionario americano nei prossimi mesi, sebbene il quadro di fondo resti positivo.Sul fronte cambi, sullo Yen giapponese la maggior parte degli operatori propende per una valuta nipponica invariata a sei mesi. Sul Dollaro USA aumenta il numero di coloro che prevedono un apprezzamento del biglietto verde nei prossimi mesi (anche se non c’è una view netta). Da segnalare che, secondo la CFTC statunitense, le posizioni nette lunghe sull’euro/dollaro sono a livelli record. Storicamente, quando in passato si è verificata una situazione di posizionamento speculativo estremo a favore dell’euro, nei mesi successivi si è assistito ad un apprezzamento del dollaro. Il nostro ufficio Market Strategy sposa tale aspettativa con la possibilità di ritornare sotto 1,20.
Sul petrolio la maggioranza degli investitori (48%) è a favore di un prezzo invariato a sei mesi, con però anche una percentuale elevata di intervistati (39%) che propende per un rialzo. E’ possibile che la maggior parte degli intervistati possa ritenere che il piano di tagli alla produzione implementato dall’OPEC+ (Russia ed altri produttori inclusi) crei un “floor” al ribasso sul greggio. Anche questa aspettativa è condivisa dal nostro ufficio per il primo semestre del 2018.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

L’irriverente e i fascisti: Forse abbiamo letto e continuiamo a leggere libri diversi…

Posted by fidest press agency su martedì, 6 febbraio 2018

gadgetfascistiSono curioso come, dopo i fatti di Macerata, dove un tizio che -come appare in tutte le foto che hanno diffuso- sembra una macchietta di se stesso, ha sparato per strada ferendo sei persone nere, vengono valutati rispetto da chi viene chiamato in causa dai media a farlo.
Sicuramente il piu’ terribile e’ stato un titolo del Corriere della Sera: “Nella citta’ spaccata che svela l’intolleranza. No, non si spara cosi’, poteva piglia’ qualcuno”. E’ probabile che sia una frase raccolta da qualche parte, ma farne un titolo per comunicare l’umore della citta’… Ah, Corsera, ma ti sei giocato il cervello? O forse non hai capito che quel razzista che l’avrebbe pronunciata non considera qualcuno nessuno di quei sei neri feriti?
E poi ci sono quelli di Casa Pound che sembra abbiano dato la disponiblita’ a pagare l’avvocato a questo tizio. Ma… per difenderlo da cosa, visto che e’ reo-confesso di aver sparato? Vogliono forse combattere in tribunale per sostenere che e’ giusto sparare ad uno che e’ nero?
E poi ci sono tutti quelli che dicono: e’ un folle. Da destra a sinistra, senza distinzione. Sembrano tutti soggetti da analizzare di un libro di antropologia e psicologia. Il meccanismo mentale di questi saggi e’ il seguente: “Fai qualcosa che io reputo essere completamente al di fuori dei miei minimi dettami civici? E’ ovvio che sei un folle”. Cioe’ chi non si allinea ai codici e ai comportamenti civicamente in vigore e accettati, non e’ solo un incivile o un criminale, No! Sarebbe un folle. Anni di Basaglia e della sua legge, con tanto di chiusura dei manicomi, sembra non siano serviti a nulla. Il diverso (che e’ tale pur se perverso) per questi signori sarebbe un folle. Neanche gli antifascisti durante il regime fascista venivano trattati da folli, venivano messi in galera o al confino. Cosi’ come i gulag dell’Unione Sovietica: fatti per i diversi che contestavano Stalin. E forse abbiamo capito perche’: il fascismo, nato e pasciuto nel nostro Stivale, non
e’ stato ancora digerito ed espulso dal proprio corpo. Ed ecco che il fascista non e’ tale, No! E’ un folle. Cioe’ non si vuole ammettere che e’ normale che uno che fa il fascista militante puo’ anche essere assassino contro i propri avversari (proprio come facevano i fascisti durante il loro regime del secolo scorso). Fascista militante da non confondere coi cosiddetti post-fascisti che, pur se nutriti dall’ideologia della lupa romana, oggi si presentano alle elezioni e partecipano al cosiddetto gioco democratico.
Sara’ che noi irriverenti -liberi, antiautoritari e rompiscatole per il rispetto delle regole- abbiamo letto e continuiamo a leggere libri diversi da molti di quelli che oggi, dando del folle al fascista di Macerata, credono di lavasi la coscienza dalle incrostazioni fasciste -per l’appunto- della stessa. Del resto, di che stupirsi? Non e’ un gioco nazionale quello del far finta, negare le evidenze, mettere sotto il tappeto tutto quello che non si vuole ammettere che esista e che vive con noi…. tanto poi col pentimento, a livello individual-religioso, due avemarie e siamo di nuovo illibati. (Vincenzo Donvito, presidente Aduc)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

L’Italia ospite d’onore alla Fiera del Libro di Francoforte

Posted by fidest press agency su martedì, 6 febbraio 2018

francofortefiera del libroL’Italia sarà Ospite d’Onore alla Frankfurter Buchemesse 2023. L’accordo di ospitalità d’onore è stato sottoscritto questa mattina dal Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo, Dario Franceschini, e dal Direttore della Frankfurter Buchmesse, Juergen Boos, alla presenza del Presidente dell’Associazione Italiana Editori, Ricardo Franco Levi.Nel corso dell’incontro Juergen Boos ha dichiarato: „Nel panorama culturale italiano è evidente un nuovo spirito di ottimismo: dopo uno stravolgimento dinamico e un drastico cambiamento intercorso in anni recenti del mercato del libro italiano – che ha compreso il consolidamento di case editrici così come nuovi concetti di libreria e la nuova fiera Tempo di Libri a Milano – ora si percepisce ovunque energia positiva. Questo dinamismo era facilmente percepibile alla Frankfurter Buchmesse: la partecipazione italiana ci ha conquistato con un concetto espositivo incentrato sulla tradizione, il patrimonio culturale e la viabilità del futuro. Siamo felici di poter sostenere questo sviluppo nei prossimi cinque anni e di preparare una straordinaria presentazione per la Fiera del Libro del 2023“.
“La partecipazione italiana in qualità di ospite d’onore dalla Fiera del Libro di Francoforte del 2023 – ha dichiarato il Ministro Dario Franceschini – ha un forte significato simbolico: afferma la considerazione di cui gode la nostra industria creativa in Europa e nel mondo e manifesta con vigore la sua vitalità, la sua forza culturale e il suo valore economico. Grazie a questo accordo l’editoria nazionale ha un’enorme opportunità che sono certo verrà colta in pieno”.“Siamo estremamente orgogliosi per l’importante ruolo che spetta agli editori italiani nel contesto internazionale della Fiera del Libro di Francoforte nel 2023”. Così il presidente dell’Associazione Italiana Editori (AIE) Ricardo Franco Levi ha commentato l’ufficializzazione che l’Italia sarà il paese ospite d’onore della Buchmesse nel 2023. “Questa occasione offrirà all’Italia l’opportunità di presentarsi come un protagonista di primo piano per un anno intero sulla scena tedesca e di mostrarsi al meglio sul piano internazionale, confermando l’editoria come la prima industria culturale del nostro Paese”, ha commentato il presidente Levi. “Siamo felici di avere avuto un piccolo ma non trascurabile ruolo in questa scelta”. “Già adesso, a partire dal 2018 che è l’anno europeo del patrimonio culturale, possiamo dare la giusta valorizzazione al patrimonio legato all’editoria libraria”, ha aggiunto il presidente. “Prepareremo al meglio la nostra partecipazione a Buchmesse 2023”. (foto: fiera del libro)

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La Meloni e la restante destra tradita da Berlusconi?

Posted by fidest press agency su martedì, 6 febbraio 2018

«Rimango basita di fronte alle parole di Silvio Berlusconi che apre alla possibilità di “coalizione allargata” e dice che non parteciperà alla manifestazione del 18 febbraio promossa da Fratelli d’Italia a Roma per dire no agli inciuci. Ma è un atto di chiarezza. Gli italiani ora sanno che Forza Italia si dice disposta a un altro governo con Renzi, mentre Fratelli d’Italia no. Scelgano il prossimo 4 marzo quale opzione preferiscono». Lo scrive su Facebook il presidente di Fratelli d’Italia e candidato premier, Giorgia Meloni. (Che Silvio Berlusconi avesse l’idea di formare un governo con il Pd di Renzi non è una grossa novità. Lo scopre oggi Giorgia Meloni e ha dovuto attendere che i giochi sono stati fatti per convincersene. E Salvini? Stendiamo un velo in proposito. La sua coabitazione con Forza Italia era stata già compromessa sin dall’inizio. D’altra parte era altrettanto noto che Renzi con le sue “epurazioni etniche” all’interno del PD e con le candidature blindate con i suoi fedelissimi aveva ed ha un solo obiettivo: allearsi con Berlusconi ed entrambi hanno fatto i conti della “serva”: 25% dei voti conquistabili da Forza Italia e 27% del PD con i rispettivi alleati. Per buona pace di tutti.)
Il dubbio resta anche dopo il successivo comunicato della Meloni: “«Bene la precisazione di Silvio Berlusconi sul no alle larghe intese: su questo punto non possono esserci ambiguità di nessun tipo. Per questo, però, non comprendo l’indisponibilità a partecipare a una manifestazione che intende ribadire esattamente questo: che non ci saranno i nostri voti per un governo con la sinistra. Quindi rinnovo il mio invito alla manifestazione del 18 febbraio a Roma. In quella sede tutti i nostri candidati si impegneranno solennemente a non tradire il voto degli italiani, rafforzerebbe la credibilità della coalizione se a questa iniziativa partecipassero anche i candidati degli altri partiti di centrodestra». (n.r. e dovremmo fare tanto per non stupircene?)

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Invecchiamento attivo e autodeterminazione per il fine vita: strategie di tutela dell’anziano”

Posted by fidest press agency su martedì, 6 febbraio 2018

anzianiSeppure gli over 70 siano partecipi nella vita sociale e familiare e nel 61% dei casi si ritengano personalmente utili, affrontando tale tematica in termini più generali emerge pessimismo riguardo al loro ruolo sociale, infatti il 46% pensa che la società tenda ad emarginare le persone più avanti con gli anni e solo 1 su 5 è convinto che siano adeguatamente compresi e assistiti, percezione che si fa particolarmente critica fra chi ha delle condizioni di salute e di vita più compromesse e vive in prima persona tali difficoltà. Per la parte di intervistati più anziana e meno autosufficiente la percezione di sé e del proprio futuro è in generale più negativa. Inoltre, 1 over 70 su 5 non sa cosa siano le Dat (Disposizioni anticipate di trattamento) e chi le conosce pensa che il proprio testamento biologico debba essere affidato a familiari (67%) e al medico di famiglia (30%).È questo quanto emerge da una recente indagine condotta da Onda, Osservatorio Nazionale sulla salute della donna e di genere della quale si è discusso oggi a Roma nel corso del convegno “Invecchiamento attivo e autodeterminazione per il fine vita: strategie di tutela dell’anziano”.
In Italia sono oltre 13 milioni gli over 65 e, secondo dati Istat, il 77,2% ha almeno una malattia cronica e solo il 36,6% è in buona salute. Considerando che entro il 2050 il numero di anziani dovrebbe raddoppiare, secondo i dati dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), è sempre più importante per far fronte a questa emergenza sanitaria e sociale promuovere un “invecchiamento attivo” che tenga conto non solo della salute ma anche della partecipazione sociale e della sicurezza dell’anziano.“Quello che gli anziani temono di più è l’impossibilità di vivere la vita degnamente insieme alle difficoltà che l’invecchiamento comporta e alla disabilità ad esso associate”, spiega Francesca Merzagora, Presidente Onda. “È importante preservare dunque oltre la salute anche la rete sociale che è uno straordinario strumento di protezione e garantire la possibilità di scelta e autodeterminazione rispetto alle ultime fasi della vita”.“Già alla fine degli anni ’80”, spiega Luigi Bergamaschini, Professore Associato in Medicina Interna, Università degli Studi di Milano e Direttore IV UOC di riabilitazione Neuro-motoria, A.S.P. IMMeS e Pio Albergo Trivulzio, Milano, “la prestigiosa rivista Science pubblicava un articolo nel quale veniva stigmatizzata la necessità di superare la consolidata tendenza dei medici a distinguere tra gli anziani con malattia e/o disabilità e quelli che sono esenti da entrambe. Negli anni successivi si è andato progressivamente consolidando il concetto che per invecchiamento di ‘successo’ si dovrebbe intendere una condizione caratterizzata da: basso rischio di malattia e disabilità ed essa correlata, elevata riserva funzionale e cognitiva e una vita attiva, partecipata e produttiva. Queste tre condizioni, che devono coesistere sono alla base delle attuali politiche sociosanitarie che propongono un approccio interdisciplinare per aumentare il numero di soggetti che invecchiano bene”.“Alcuni eventi quali perdite, disturbi del sonno e disabilità indotta da alcune malattie, sono fattori significativi di rischio per lo sviluppo di depressione”, sostiene Claudio Mencacci, Direttore Dipartimento Salute Mentale e Neuroscienze, ASST Fatebenefratelli-Sacco, Milano. “L’isolamento sociale facilita l’insorgenza di depressione e decadimento cognitivo in quanto mette in sofferenza il nostro cervello sociale. Studi longitudinali indicano come un rapporto povero o conflittuale con il coniuge o l’assenza stessa di un partner siano associati più frequentemente a episodi depressivi in età senile nel sesso maschile. Risulta inoltre rilevante il supporto amicale (71% degli studi) in età avanzata, mentre il supporto dei familiari (non coniuge) risulta invece meno rilevante (36% degli studi) nel proteggere da episodi depressivi”.

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Tumori: Oncologia di precisione arma vincente

Posted by fidest press agency su martedì, 6 febbraio 2018

tumore metastatico2Negli anni Settanta solo poco più del 30% delle persone colpite riusciva a sconfiggere il cancro, negli anni Novanta questa percentuale arrivava al 47%, oggi 6 persone su dieci sopravvivono al cancro e, quando non si arriva a guarigione, in molti casi è possibile convivere a lungo termine con la malattia con una buona qualità di vita. Il merito va attribuito ai progressi nella diagnosi precoce, alle campagne di prevenzione e all’innovazione nella ricerca contro i tumori. Proprio l’oncologia rappresenta l’area terapeutica in cui si concentrano maggiormente gli sforzi della ricerca farmaceutica: basti pensare che su oltre 7.000 molecole in sviluppo clinico, più di 1.800 appartengono all’area oncologica. “Alle sfide ed opportunità nel mercato farmaceutico nel prossimo triennio” è dedicato il convegno che svolge oggi a Torino. “La nuova frontiera nel trattamento del cancro è rappresentata dall’oncologia di precisione – spiega il prof. Giorgio Scagliotti, Direttore Oncologia Medica all’Università di Torino –. La prima ‘ondata’ è stata costituita dalle terapie a bersaglio molecolare che hanno cambiato l’aspettativa di vita in diverse neoplasie solide e in un considerevole numero di quelle ematologiche, ma che hanno anche mostrato limiti in termini di acquisizione di resistenza. Ad esempio nel tumore del polmone questi trattamenti riescono a controllare la malattia per un lungo periodo di tempo, però sono efficaci solo nei pazienti che presentano specifiche mutazioni genetiche: sono una minoranza, pari a circa il 15%, soprattutto non fumatori. La seconda ‘ondata’ dell’oncologia di precisione ha preso forma con l’immunoterapia che progressivamente ha dimostrato efficacia in diversi tipi di tumori solidi, a partire dal melanoma fino alle neoplasie del rene e del polmone, con importanti prospettive anche in quelle della vescica, del distretto testa collo, del fegato e del colon-retto. Il concetto di medicina di precisione dovrebbe essere applicato in modo ampio a qualsiasi tipo di approccio sistemico nella terapia dei tumori solidi. Queste innovazioni implicano costi sociali rilevanti e impongono con forza il tema della sostenibilità, nell’ambito di un servizio sanitario universalistico come il nostro che offre ogni attività diagnostica e terapeutica a titolo gratuito”. Da un lato vanno considerati i costi legati allo sviluppo di una nuova molecola, che oggi sono pari a più di 2,5 miliardi di dollari, cresciuti più di 13 volte negli ultimi 40 anni (sono soprattutto le fasi di sviluppo clinico ad assorbire più del 50% dell’intero costo di sviluppo del farmaco). Dall’altro vi sono i costi sociali: nel 2015 le uscite associate ai tumori in Italia sono state pari a 18,9 miliardi di euro, di cui il 57% rappresentato da costi diretti (che includono la spesa per assistenza primaria, ambulatoriale, ospedaliera, il pronto soccorso, il follow up e i farmaci) e il restante 43% da ricondurre a perdite di produttività (legate alla mortalità, disabilità e pensionamento anticipato). Non solo. I pazienti oncologici italiani attendono in media 806 giorni, cioè 2,2 anni, per accedere a un farmaco anti-cancro innovativo. È il tempo che trascorre fra il deposito del dossier di autorizzazione e valutazione presso l’Agenzia Europea dei Medicinali (EMA) e l’effettiva disponibilità di una nuova terapia nella prima Regione italiana. Un termine che può dilatarsi fino a tre anni (1.074 giorni) se si considera l’ultima Regione in cui il farmaco viene messo a disposizione. “La sfida è individuare il giusto equilibrio fra immediata disponibilità delle terapie anti-cancro innovative e sostenibilità del sistema sanitario – sottolinea il prof. Scagliotti -. Va affrontato il grave problema dei tempi di accesso a questi trattamenti nelle diverse regioni del nostro Paese. Il ridimensionamento dei prontuari terapeutici regionali potrebbe essere la via da seguire, perché l’inserimento delle nuove terapie in questi elenchi implica inevitabili e inutili tempi di attesa a danno dei pazienti. L’aumento del Fondo sanitario nazionale per garantire la sostenibilità è una ‘soluzione tampone’ che non può essere applicata a lungo termine. Va creato un tavolo di lavoro che includa i diversi attori coinvolti: agenzia regolatoria, industria, società scientifiche, accademia e pazienti. L’obiettivo è ridefinire il concetto di innovazione: non può essere considerato innovativo un farmaco reso disponibile 3 o 4 anni dopo la prima terapia commercializzata in quella specifica classe terapeutica. Bisogna ragionare in termini di costo e di efficacia delle terapie. Vanno fissate regole nuove rispetto a 10 anni fa”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Houlihan Lokey Expands Financial Restructuring Business in Asia-Pacific Region With New Hire

Posted by fidest press agency su martedì, 6 febbraio 2018

Hong KongHong Kong. Houlihan Lokey (NYSE:HLI), the global investment bank, today announced that Edward Middleton has joined the firm as a Managing Director and Co-Head of Financial Restructuring, Asia alongside Brandon Gale. He is based in Hong Kong. Mr. Middleton enjoys an excellent reputation in the international restructuring community, having been a partner at KPMG, where for 10 years he was Head of its Restructuring Services practice in China and the Asia-Pacific region. In this role, Mr. Middleton oversaw formal insolvency and regulatory appointments, out-of-court financial restructuring, crisis management appointments, and operational turnarounds for stressed and distressed assets. Mr. Middleton has spent more than 20 years in Asia, and his experience spans nearly every major industry sector, including banking and financial services, securities, energy and natural resources, transport and distribution, construction, hotels and leisure, electronics, manufacturing, technology, retail, and luxury goods. He began his restructuring career in the U.K. in 1989.“We are looking to selectively expand our restructuring teams in Hong Kong and Singapore in line with growth in the Asian debt capital markets and with a focus on developing expertise outside our core market segment,” said Joseph Swanson, Senior Managing Director and Co-Head of Houlihan Lokey’s European Financial Restructuring Group, who also oversees the firm’s Financial Restructuring business in Asia. “As a practice leader with an outstanding track record of advising on nearly every type of restructuring engagement, Eddie is the perfect candidate to join our team in Hong Kong. I’m confident he will be tremendously beneficial both to our clients and to Houlihan Lokey’s continued growth in the region,” he continued.“With a decades-long reputation as a global leader in financial restructuring and recent expansion of its Financial Restructuring efforts in Sydney and Dubai, Houlihan Lokey is an incredibly exciting opportunity for me. I look forward to partnering with Brandon and leveraging my experience, relationships, and expertise to provide our clients with the superior advice and solutions they have come to expect,” said Mr. Middleton.Mr. Middleton holds a B.A. in Economics & Politics from the University of Manchester. He is a fellow of INSOL International and a member of the International Insolvency Institute, as well as holds fellowship status of both the Association of Chartered Certified Accountants and the Hong Kong Institute of Certified Public Accountants.Houlihan Lokey (NYSE:HLI) is a global investment bank with expertise in mergers and acquisitions, capital markets, financial restructuring, valuation, and strategic consulting. The firm serves corporations, institutions, and governments worldwide with offices in the United States, Europe, the Middle East, and the Asia-Pacific region. Independent advice and intellectual rigor are hallmarks of the firm’s commitment to client success across its advisory services. Houlihan Lokey is ranked as the No. 1 M&A advisor for all U.S. transactions, the No. 1 global restructuring advisor, and the No. 1 global M&A fairness opinion advisor over the past 20 years, according to Thomson Reuters.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Treatment for heart attack patients to be debated at Acute Cardiovascular Care 2018

Posted by fidest press agency su martedì, 6 febbraio 2018

cuoreMilan (Italy) The optimal treatment for heart attack patients will be debated at Acute Cardiovascular Care 2018. The annual congress of the Acute Cardiovascular Care Association (ACCA), a registered branch of the European Society of Cardiology (ESC), will be held 3 to 5 March at the MiCo Milano Congressi in Milan, Italy. Recommendations for treating heart attack patients, such as time windows for diagnosis and treatment, are outlined in the 2017 ESC guidelines for patients with ST-segment elevation myocardial infarction (STEMI).Two ‘Great Debate’ sessions will focus on controversies, including: whether to perform percutaneous coronary intervention (PCI) of non-infarct-related arteries immediately after primary PCI; the usefulness of risk scores in defining the optimal duration of dual antiplatelet therapy; and whether it is time to reconsider aspirin as a routine therapy for preventing a second heart attack.Professor Kurt Huber, Chairperson of the Scientific Programme, said: “Hot topics in acute coronary syndromes will be discussed by leaders in the field in several sessions. We will debate, for example, whether antithrombotic therapy should start in the ambulance or the emergency room.”Controversial treatments in acute heart failure, such as whether morphine should be given to all patients with acute pulmonary oedema, will also be debated. The 2016 ESC heart failure guidelines2 recommend switching to sacubitril/valsartan3 if patients do not improve on standard medications. But awareness of the relatively new treatment is low, especially outside specialist clinics, and its use will be examined.Acute Cardiovascular Care is the leading scientific event for all health professionals caring for acutely ill cardiac patients. It brings together more than 1,000 cardiologists, intensivists, anaesthesiologists, internists, cardiac surgeons, nurses, paramedics and other allied professionals from over 80 countries.One session is devoted to critically ill patients outside of hospital, who are initially seen by emergency doctors or paramedics. Subjects include what to consider when airlifting cardiac patients, when to terminate resuscitation, the cause and treatment of arrhythmias, and whether extracorporeal membrane oxygenation (ECMO) is an option for patients with cardiogenic shock outside the hospital.
ECMO is another hot topic that will be featured and members of the press can get the latest updates from research and practical experience. The use of extracorporeal cardiopulmonary resuscitation (ECPR) will also be covered extensively. “The use of ECPR is gaining more attention and we have invited the leaders in this area to present their data,” said Dr Sergio Leonardi, Co-Chairperson of the Scientific Programme.The congress theme ‘working together for acute cardiovascular patients’ highlights the fact that patients with acute cardiac conditions often have other issues – for example with their kidneys or lungs, or an infection – that contributed to the acute situation. Cooperation among many specialists is needed to ensure that patients receive optimal, timely care.The congress emphasises practical issues in caring for critically ill patients. Hands-on demonstrations and training will be given in the ACCA School, which covers ECMO, pacemakers, implantable cardioverter defibrillators, and renal replacement therapy. These are sessions not to miss for journalists wanting to see and hear the nuts and bolts of treating patients in this field.
Dr Leonardi said: “This is the congress for practical insights into the management of complex patients encountered in everyday clinical practice. Acute cardiac care is a field in which it can be challenging to gather scientific evidence and the congress brings together clinician thought leaders to guide us through some of the most challenging scenarios we face every day.”Professor Huber said: “The special thing about our meeting is that it’s very patient-oriented. We discuss the most recent science and recommendations and then talk about what to do with the patient in front of you. This is the most important acute cardiac care meeting of the year.”

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Vorrei poter dire: Berlusconi l’uomo del domani

Posted by fidest press agency su martedì, 6 febbraio 2018

Silvio BerlusconiMa, purtroppo, non è così. Non è solo una questione anagrafica. L’età si sa ha il suo peso ma lo è altrettanto la mentalità che è stata affidata, anni prima, agli archivi del suo cervello. Sono ricordi che possono influenzare l’agire presente e farlo andare in controtendenza con il nostro futuro. Non a caso alcuni studiosi avevano elaborato una teoria per spiegare taluni arretramenti dei nostri piani evolutivi come se a un certo punto il “tempo storico” si fosse fermato o avesse ingranata la retromarcia. E a quanto pare ora sta accadendo la stessa cosa a Berlusconi. Non sembra aver tratto dal suo trascorso un utile insegnamento ma semmai gli resta la convinzione che repetita iuvant gli potrà giovare per rinnovare il suo passato di successi e di interessi. Di certo l’idea di far soldi e del come metterli a frutto, anche se ciò lo obbligava a cogliere il lato deteriore della politica per farla collimare con i suoi interessi privati, lo attraeva e continua a sedurlo irresistibilmente. (Il Fatto quotidiano, ad esempio, ha annotato decine di leggi emanate ad personam per consolidare il suo impero finanziario e le sue aziende). Continua ad usare le vecchie frasi ad effetto e ad adattarle agli avversari di oggi: allora erano i comunisti, oggi sono i grillini scambiandoli per marxisti dell’ultima ora. Allora vi era la tassa sulla prima casa oggi propone un drastico abbassamento delle imposte facendo, però, la felicità dei ricchi e dei benestanti o non certo della classe medio-bassa. Ma questi sono dettagli che sfuggono al volgo. Restano le suggestioni. Sul fondo del pozzo rimangono gli italiani con la loro memoria corta e la loro distorta convinzione che basta non andare a votare per fare un dispetto alla politica. E la politica si vendica riproponendoci i fantasmi del passato. (Riccardo Alfonso direttore Centro studi politici e sociali della Fidest)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La politica e i suoi paradossi

Posted by fidest press agency su martedì, 6 febbraio 2018

logo fidest ookI temi ricorrenti in questi giorni di campagna elettorale vertono quasi tutti nelle promesse di natura economica da una parte e alla dissacrazione delle stesse definendole irrealizzabili. Il problema, a nostro avviso, non sta tanto nell’aprire o chiudere il borsellino per erogare qualche miliardo di euro da una parte invece che dall’altra, quanto nella necessità di rivedere totalmente le reali priorità che il paese attende da fin troppo tempo. E sono necessità legate a quel diritto sempre bistrattato che ci lega al vivere. Che senso ha, infatti, proclamare il diritto alla vita per poi lasciarla languire tra mille difficoltà? E il tutto parte dalla famiglia che accoglie i nuovi venuti e dalla società che li prende in carica. Che certezze diamo ad essi in tema d’istruzione, di assistenza sanitaria, di sicurezza, di lavoro e per una vecchiaia serena? Poche, purtroppo, sino ad ora. Ed è, invece, il percorso che le istituzione devono garantire in via prioritaria e chi si appresta a governarci deve darcene contezza sin da ora. E su questa misura il popolo degli elettori deve giudicare prima del voto. E’ qui che la politica si trasforma in democrazia e cura l’interesse dei suoi cittadini. E’ quella, per intenderci, che noi chiamiamo la “filiera della vita” dove i giovani devono credere in qualcosa di sicuro dal momento in cui si guardano intorno e dialogano con i loro coetanei e che questa sicurezza ci può accompagnare in tanti modi ma in primo luogo nell’affermare l’intangibilità dei valori per credere ed essere creduti per quello che sono e non per quello che hanno. E i valori hanno bisogno di autorevoli esempi a partire da ciò che noi costruiamo con la crescita di una classe dirigente aperta al bene comune e non chiusa nei loro egoismi e interessi partigiani. Pensiamo quindi che il voto che andiamo ad esprimere possa essere il frutto di questi ragionamenti e la guida, se non altro, possiamo averla pensando alla pochezza delle cose fatte e dell’aria fritta che gli stessi propongono per il nostro futuro. (Riccardo Alfonso direttore centro studi politici e sociali della Fidest)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »