Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 338

Sciopero scuola: 23 febbraio 2018

Posted by fidest press agency su mercoledì, 21 febbraio 2018

Roma Venerdì 23 febbraio alle ore 9,00 saremo davanti al MIUR insieme al sindacalismo alternativo e conflittuale per dire basta a tutto questo, per aprire una nuova stagione di lotte per un salario dignitoso, per la dignità professionale da riconquistare e per ridare centralità ai diritti dei lavoratori nella scuola-azienda dei presidi-sceriffo. Il 23 febbraio si avvicina. Sarà uno sciopero significativo, una opportunità che i docenti e il personale ATA non possono che cogliere per continuare a porre con forza i temi del lavoro pubblico, dei carichi di lavoro, della precarizzazione. Il ridicolo aumento salariale contrattato per la scuola da Cgil Cisl e Uil, al quale si aggiunge la firma del contratto delle funzioni centrali da parte della Cisal e dello Snals, è solo una inutile marchetta preelettorale. I lavoratori hanno assistito con questo rinnovo contrattuale alla debolezza di una rappresentanza sindacale vecchia e ormai logora di complicità con i vari governi, prona alla svendita dei diritti di tutti, completamente inerme e incapace di organizzare la benché minima forma di resistenza e freno all’attacco che i docenti e il personale ATA subiscono quotidianamente: dalle vicende di cronaca, che dimostrano quanto la scuola-azienda sia fallimentare nello smantellamento delle relazioni con l’utenza, all’insipienza di un ministro dell’istruzione che finge di non vedere il pubblico dissenso.USB Scuola ha proclamato lo sciopero del 23 febbraio, lo ha mantenuto contro la firma di un contratto indecente perché occorre ritrovare dignità e coscienza di classe per rispondere duramente:
– al disprezzo manifestato da chi emana decreti d’urgenza per missioni militari in Niger, ma si dichiara impossibilitato a decretare d’urgenza per tutti i maestri e le maestre;
– al disprezzo di un ridicolo aumento salariale che lascia centinaia delle nostre ore di lavoro di docenti e ATA sommerse e non riconosciute né economicamente né di fronte alla pubblica opinione;
– al disprezzo verso la futura classe docente che dopo il superamento di un pubblico concorso si ritroverà nuovamente precarizzata dal percorso Fit, una sorta di nuovo Jobs act applicato al pubblico impiego;
– al disprezzo verso tutti i docenti immobilizzati ed esiliati a causa della buonascuola e dei vergognosi contratti sulla mobilità firmati dai sindacati complici.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: