Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 34 n° 316

IoT ed Edge Computing creano opportunità per i partner di canale

Posted by fidest press agency su giovedì, 22 febbraio 2018

Le Le opportunità date dall’edge computing e dall’ Internet of Things (IoT) per i partner di canale stanno per raggiungere il loro massimo picco grazie alla crescita esponenziale di queste tecnologie. Secondo proiezioni di IDC, la spesa per l’IoT raggiungerà 1,3 trilioni di dollari entro il 2020, e il 43% dei dati dell’Internet of Things sarà processato a livello di edge, alla periferia della rete. Il report dell’analista prevede inoltre che il numero di “cose connesse” raggiungerà i 30 miliardi nel 2020 per salire a 80 miliardi nei successivi 25 anni. Un trend che pone le basi per notevoli opportunità di crescita per il canale.I Channel Partner, in particolare gli integratori di rete, i Managed Service Provider (MSP) e i provider con esperienza in SaaS (Software as a Service) e servizi hosted, si trovano nella posizione ideale per cogliere le opportunità create da queste tecnologie. Infatti, per mantenere i sistemi funzionanti in modo ottimale per i processi decisionali in tempo reale, sia l’IoT che l’edge computing richiedono monitoraggio remoto, implementazione standardizzata e sicurezza fisica – tutti aspetti su cui i nostri partner hanno una vasta e solida esperienza.
L’obiettivo dell’IoT è quello di mettere in comunicazione tra loro tutti i dispositivi o macchinari che possono essere collegati tramite Internet, o tramite comunicazioni private a banda larga, per generare un flusso continuo di informazioni che aiuti le organizzazioni a perfezionare il loro funzionamento e a produrre risultati migliori. Per processare i dati che fluiscono da questi dispositivi sarà necessaria una larghezza di banda e di memorizzazione molto più ampia della capacità attuale.Oltre alla raccolta dei dati, le aziende avranno sempre più bisogno di supporto per accedere e utilizzare tali dati in modo efficiente per prendere decisioni aziendali e avere maggior controllo sui costi. A causa del volume dei dati e della quantità di connessioni di rete necessarie per la loro trasmissione, sarà necessario disporre di un’infrastruttura distribuita o on premise e di adeguate piattaforme di gestione del sistema. L’utilizzo in cloud di questi sistemi ad alta intensità di dati può essere problematico. Se i dati devono viaggiare centinaia o migliaia di miglia fino a un cloud centralizzato, la latenza che si verifica potrebbe influire sulla rapidità con cui viene eseguita l’azione richiesta.L’edge computing soddisfa queste esigenze creando una rete di micro data center che elaborano i dati appena fuori – o all’edge – del punto in cui i dati vengono generati. Ciò elimina i problemi di latenza, aumenta l’affidabilità e consente di prendere decisioni in tempo reale. Il local edge computing fornisce delle stazioni tra infrastrutture cloud, reti aziendali e data center per mantenere le cose in movimento come dovrebbero.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: