Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 34 n° 316

La Roma che piace al turista

Posted by fidest press agency su lunedì, 12 marzo 2018

La bellezza di Roma sta nella sua storia antica. Il suo centro storico è ricco di opere che ci richiamano a un passato che ha riempito intere pagine di immagini e di racconti che partono dal mito e si concretizzano nella sua avventura di città che può raccontare momenti di grandezza e di follia, di gioie e di dolori, di debolezze, tutte umane, e di esaltazioni. Ma è anche una città che da diversi anni a questa parte ha trascurato il suo look e ora mostra di se anche aspetti poco edificanti. Non vogliamo parlare dei vandali che un tempo l’hanno saccheggiata e messa a ferro e fuoco e nemmeno dei contemporanei che si sono dedicati a una forma diversa ma anche più raffinata di vandalismo con l’uso di risorse male impiegate o dirottate a vantaggio di interessi partigiani o a ruberie. Ora se il turista percorre le stradine del foro romano con qualche inciampo di troppo forse si sente con quella stessa atmosfera se cammina per le strade del centro con buche stradali e la pavimentazione dei marciapiedi sconnessa. Di certo non è un bel vedere o per meglio dire camminare o essere alla guida di un’auto o di una moto o bicicletta che sia. Noi conversando con un consigliere comunale dello stesso movimento della sindaca ci ha precisato che le casse del comune sono vuote mentre per mettere mano ai lavori e a farli bene, tenendo in considerazione l’intera viabilità urbana, sono necessari non meno di 350 milioni di euro. Una cifra enorme e irraggiungibile. Ma ci sarebbe un’alternativa proprio pensando ai turisti più danarosi. Perché, mi dice, non si tenta questa strada? Per renderla allettante si potrebbe aprire un fondo internazionale e i donatori potrebbero adottare una via o un marciapiede romano lasciando il loro nome sull’asfalto a memoria dei contributi elargiti. Sarebbe, se non altro, un’idea d’approfondire. Di certo qualcosa va fatto di là delle pezze per coprire le buche e i lavori appena rabberciati che finiscono con l’essere vanificati con la prima pioggia. (redazione Fidest)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: