Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 259

Archive for 19 marzo 2018

European Sudden Cardiac Arrest network explores gender-based prevention and treatment

Posted by fidest press agency su lunedì, 19 marzo 2018

Barcelona, Spain Researchers will use a European network of 90,000 patients to explore different approaches to prevention and treatment of sudden cardiac arrest for men and women, they announced today during a workshop on sex and gender differences at EHRA 2018.1
The European Sudden Cardiac Arrest network (ESCAPE-NET) is backed by the European Heart Rhythm Association (EHRA), a branch of the European Society of Cardiology (ESC), and the European Resuscitation Council (ERC).Sudden cardiac arrest is the consequence of a heart rhythm disorder called ventricular fibrillation. It is deadly within minutes if left untreated and survival rates are just 5–20%.
ESCAPE-NET has pooled the patient populations of 16 organisations across Europe. The resulting database of sudden cardiac arrest in the community is sufficiently large to study causes, treatments and prevention strategies, and how these vary between women and men.The electrical properties of the heart differ between men and women. The heart beats by an electrical conduction system in which ions (electrically charged molecules such as potassium) move back and forth across channels in the membranes of heart cells. Women have fewer potassium channels than men.Commonly prescribed drugs that work by blocking ion channels can increase the risk of ventricular fibrillation and sudden cardiac arrest. For potassium channel blockers, such as selective serotonin reuptake inhibitors (SSRIs) for depression, antibiotics including erythromycin, antifungal medications, and domperidone, the increased risk of sudden cardiac arrest may be larger in women.“Doctors want to know when these drugs can be safely prescribed in women,” said Dr Hanno Tan, ESCAPE-NET project leader and cardiologist, Academic Medical Centre, Amsterdam, The Netherlands.
One of the aims of ESCAPE-NET is to create a risk score that includes age, sex, comorbidities and genetic profile. Doctors will be able to use the score to determine the risk, for example, of prescribing erythromycin for a female patient.Dr Tan said: “We think that sudden cardiac arrest is caused by the interaction of various risk factors. Our research will uncover which factors are relevant in women and men and use this information to develop a risk score.”There is also evidence that women are more likely to die from sudden cardiac arrest than men because they are less likely to be resuscitated by a bystander. This appears to be due to sociological factors rather than biological sex. For example, women are more likely to be living alone because they have outlived their spouse.
ESCAPE-NET will identify specific reasons for differences in survival between men and women and which factors might be changed.Dr Tan said: “The major strength of ESCAPE-NET is the large number of patients. These cohorts are normally very difficult to collect because sudden cardiac arrest occurs quickly.”

Posted in Estero/world news, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Study finds the heart can terminate atrial fibrillation itself after local gene therapy

Posted by fidest press agency su lunedì, 19 marzo 2018

Barcelona, Spain The heart is capable of terminating arrhythmias itself after local gene therapy, potentially avoiding the need for patients to undergo painful electric shocks, according to a proof-of-concept study presented today at EHRA 2018, a European Society of Cardiology congress.Atrial fibrillation is the most common heart rhythm disorder (arrhythmia). Treatment aims to restore the heart’s normal rhythm and includes drugs, which are not effective in all patients, ablation, for which efficiency remains suboptimal in the long-term, and electric shocks, which are effective but painful and require hospitalisation. This leaves a large and growing group of patients without optimal treatment options.That is why study author Dr Emile Nyns, a physician and PhD candidate in the laboratory of Daniël Pijnappels at the Leiden University Medical Centre, Leiden, the Netherlands, took a completely different approach. He said: “As the heart itself is already electrically active, we tested whether and how it could generate the electrical current needed for arrhythmia termination.”
The researchers used a technique called optogenetics, which uses light to control functioning of cells that have been genetically modified to express light-sensitive ion channels.First they genetically modified the right atrium in eight adult rats using a process called gene painting, which involves a small thoracic incision and actually painting the atrium with vectors coding for these ion channels.The researchers waited four to six weeks for the light-sensitive ion channels to be expressed, then made a small incision in the thorax of each rat and induced atrial fibrillation. Next they shone a light on the atrium for one second. This terminated 94% of atrial fibrillation.
Dr Nyns said: “Shining light on the atrium opened the light-sensitive ion channels. This led to depolarisation of the atrium, which terminated atrial fibrillation and restored the heart’s normal rhythm. We only needed a single light pulse of one second to terminate nearly all arrhythmias.“The heart itself generated the electrical current needed to stop the arrhythmias,” he continued. “It is completely pain free, unlike electric shocks.” He said: “Our study provides proof-of-concept that the heart can be enabled to terminate atrial fibrillation by itself after optogenetic gene therapy.” In future Dr Nyns envisages that the technique could be used in atrial fibrillation patients together with an implantable light-emitting diode (LED) device. “The result would be continuous, ambulatory and pain free maintenance of the heart’s normal rhythm, something that cannot be achieved today,” he said. “The quality of life and prognosis of AF patients could be significantly increased, especially for patients with frequent episodes of drug refractory, symptomatic atrial fibrillation, despite ablation therapy.” The researchers did not observe adverse effects from the method, but Dr Nyns said: “Further research is certainly needed before this technique can be used in patients. However, the results are promising and we believe that the time has come to develop the next generation of therapy for cardiac arrhythmias, which do not rely on pills or electronics, but on biology instead.”

Posted in Estero/world news, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Siblings of cot death victims have four-fold cot death risk

Posted by fidest press agency su lunedì, 19 marzo 2018

Barcelona, Spain Siblings of cot death victims have a four-fold higher risk of cot death, according to research presented today at EHRA 2018, a European Society of Cardiology congress.1 The 38-year study in nearly 2.5 million infants suggests that autopsies should be carried out on SIDS victims and that family members should have cardiology tests.
The incidence of sudden infant death syndrome (SIDS), also known as cot death, has declined in the last 20 years following public health campaigns to avoid placing infants in the prone sleeping position and not to smoke during pregnancy or near infants. However, “SIDS remains a leading cause of death during the first year of life, affecting thousands of infants each year in Europe and the US,” noted study author Dr Charlotte Glinge, a physician and PhD student at The Heart Centre, University Hospital of Copenhagen, Denmark.
The exact cause of SIDS is unknown, but it is thought to be caused by a combination of genetic and environmental factors. The aim of this study was to determine whether siblings of SIDS victims have a higher risk of SIDS than the general population.The study used nationwide health and administrative registries in Denmark, where all residents are given a permanent and unique civil registration number at birth or immigration that enables linkage of individual registry data. The study included nearly 2.5 million infants under one year of age between 1978 and 2015.From the cause of death registry, the researchers identified 1,535 infants who were the first, or only, infant in a family to die of SIDS during the 38-year study period. From the Danish fertility registry, the researchers identified 2,373 younger brothers and sisters of the group of infants who died of SIDS. They were followed from the date of their elder sibling’s death from SIDS to whichever of the following outcomes came first: SIDS, death from another cause, emigration, age of one year, or study end on 31 December 2015.
The researchers calculated the incidence of SIDS in the younger siblings compared to the general population. After adjusting for sex, age, and calendar year, they found that the younger siblings of SIDS victims had a four-fold increased risk of SIDS compared to the general population.
Dr Glinge said that a post-mortem examination by a cardiac pathologist should be undertaken in all young victims of sudden death. Although SIDS is believed to be a combination of genetic and environmental factors, if a genetic mutation is identified that may have contributed to SIDS, siblings and parents should be tested for the mutation.All parents should be asked about family history of sudden cardiac death. Parents and siblings should be offered cardiology tests, including an electrocardiogram (ECG) and echocardiography, to provide the best chance of identifying an inherited cardiac condition. Management of surviving family members is complex and requires a multidisciplinary team.Dr Glinge said: “All parents should follow public health advice on how to prevent SIDS. But by screening families of SIDS victims, we can identify whether there are additional steps that can be taken to stop a sibling dying of SIDS.”

Posted in Estero/world news, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

New EHRA Practical Guide on non-vitamin K antagonist oral anticoagulants launched

Posted by fidest press agency su lunedì, 19 marzo 2018

Barcelona, Spain. A new version of the EHRA Practical Guide on the use of non-vitamin K antagonist oral anticoagulants (NOACs) in patients with atrial fibrillation is published online today in European Heart Journal and an executive summary in EP Europace, and presented at EHRA 2018, a European Society of Cardiology (ESC) congress.1–3 The guide, now in its third edition with more than 400,000 copies of previous versions distributed worldwide, was produced by the European Heart Rhythm Association (EHRA), a branch of the ESC.
“ESC guidelines state that NOACs should be preferred over vitamin K antagonists, such as warfarin, for stroke prevention in patients with atrial fibrillation, except those with a mechanical heart valve or rheumatic mitral valve stenosis, and their use in clinical practice is increasing,” said first author Jan Steffel.The guide gives concrete, practical advice on how to use NOACs in specific clinical situations. While companies provide a Summary of Product Characteristics for a drug, there are legal restrictions on the content and the information is often not detailed enough for doctors.
The 2018 edition has several new chapters. One outlines how to use NOACs in particular groups of patients, including those with very low body weight, the very obese, athletes, frail patients in whom there is concern about bleeding, and patients with cognitive impairment who may forget to take their pills.Another new chapter briefly summarises the correct dosing of NOACs in conditions other than atrial fibrillation, such as prevention of deep venous thrombosis, treatment of venous thromboembolism, and treatment of ischaemic heart disease. “The dosing for each condition is different, which may lead to confusion, so we have outlined this clearly,” said senior author Professor Hein Heidbuchel, who initiated the EHRA Practical Guide in 2013 and an update in 2015.
Updated advice is given on the combined use of antiplatelets and NOACs in patients with coronary artery disease, particularly those with an acute coronary syndrome or patients scheduled for percutaneous coronary intervention with stenting. “We provide guidance around which and how many antiplatelets, for how long, with which NOAC, and at what dose of that NOAC,” said Professor Heidbuchel.There is also more scientific evidence on the use of anticoagulants around cardioversion. The document gives detailed advice on what to do in patients on long-term NOAC treatment who need cardioversion versus patients newly diagnosed with atrial fibrillation and started on a NOAC before cardioversion.Since the previous edition of the guide was published, the first NOAC reversal agent has received market approval. Advice is given on how to use idarucizumab – which reverses the anticoagulant effect of dabigatran – when there is acute bleeding, when urgent surgery is required, or when the patient has a stroke. Guidance is also included on andexanet alfa, another reversal agent expected to receive market approval, with the caveat that the instructions on the label should be followed.Unlike warfarin, NOACs do not require monitoring of plasma levels followed by dose adjustments. The guide describes rare scenarios in which physicians might want to know the NOAC plasma level. One scenario concerns patients undergoing major surgery in whom it is unclear, for example because of other drugs or renal dysfunction, whether the usual practice of stopping the NOAC 48 hours in advance is sufficient. The plasma level of the NOAC could be measured just before surgery to confirm that the anticoagulant effect has waned.The chapter on drug-drug interactions has been expanded with anticancer and antiepileptic drugs, Dr Steffel added: “While this is mostly based on potential pharmacokinetic interactions and case reports, it is the first of its kind. This is likely to be adapted and become more complete over the years as our experience increases at this new frontier.”

Posted in Estero/world news, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Italia in vendita: offresi

Posted by fidest press agency su lunedì, 19 marzo 2018

“Il Governo Gentiloni sta tentando con un ultimo ignobile colpo di coda di regalare alla Francia parte delle nostre acque territoriali e con queste alcuni ricchissimi giacimenti di petrolio scoperti al largo della Sardegna. È la conseguenza di un folle trattato firmato da Gentiloni nel 2015 quando era ministro degli Esteri e che Fratelli d’Italia aveva contestato anche all’epoca. Un accordo senza senso che penalizza l’Italia e le cui motivazioni sono incomprensibili. Gentiloni non si azzardi a questa operazione e blocchi prima del 25 marzo, come previsto dal Trattato di Caen, la cessione delle nostre acque territoriali. Fratelli d’Italia non farà sconti su questa operazione dai contorni torbidi, chiediamo l’immediato intervento del Presidente della Repubblica Mattarella e annunciamo fin da ora azioni durissime in ogni sede. Non permetteremo che venga regalata l’Italia”. Lo scrive su Facebook il presidente di fratelli d’Italia Giorgia Meloni.(n.r. Non conosciamo nei dettagli quanto denuncia l’on.le Giorgia Meloni e lasciamo a quanto espone il beneficio del dubbio. In ogni caso è evidente che da tempo la sudditanza dell’Italia è notoria nei confronti dei nostri vicini, e non solo. Nel futuro governo, se riusciranno a farlo, ci auguriamo che il ministero degli esteri venga, per lo meno, affidato alla Meloni.)

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il ruolo degli anziani

Posted by fidest press agency su lunedì, 19 marzo 2018

Dal Consiglio Nazionale di Senior Italia FederAnziani, che si è tenuto a Chianciano Terme, si alza letteralmente un’ovazione alla proposta d’amore del Santo Padre, quella di assegnare un premio Nobel agli anziani. La Federazione della terza età ringrazia ancora una volta Papa Francesco per il suo tenace impegno a fianco degli anziani, nel sottolinearne sempre alle orecchie di questa società il ruolo insostituibile, il tesoro inestimabile che conservano in quanto custodi della memoria, il contributo impagabile in termini morali che offrono ogni giorno alla comunità, soprattutto attraverso il dialogo con le nuove generazioni. Come già nelle numerose occasioni in cui Senior Italia FederAnziani ha avuto la possibilità d’incontrarlo, e come in tante altre occasioni in cui il Santo Padre ha ribadito l’importanza del loro ruolo nella società, oggi Papa Francesco, con questo straordinario messaggio, ha ancora una volta dimostrato di essere il grande sostenitore degli anziani – in un mondo che troppo spesso, a suo discapito, li trascura -, ergendosi contro la cultura dello scarto e contro la rimozione della memoria.

Posted in Cronaca/News, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Campidoglio: archiviato da Corte dei Conti esposto Codacons su albero di Natale

Posted by fidest press agency su lunedì, 19 marzo 2018

“È stato archiviato dalla Corte dei Conti l’esposto dell’associazione di consumatori Codacons sull’albero di Natale allestito da Roma Capitale in Piazza Venezia. Il massimo organo di controllo della spesa della Pubblica Amministrazione, dopo aver acquisito dal Dipartimento di Tutela Ambientale tutti gli atti e una relazione dettagliata sulle procedure, non ha rilevato alcuna irregolarità.Voglio esprimere soddisfazione per questa notizia che ribadisce, ancora una volta, la correttezza di questa Amministrazione nella gestione dei soldi dei cittadini e voglio ringraziare la dirigente Rosalba Matassa, insieme a tutto il personale del Servizio Giardini, per il grande lavoro che hanno svolto e che stanno svolgendo. Nel 2017 sono state espletate 28 gare pubbliche nel settore del verde di cui 16 per forniture e 12 per servizi. Tutto nella massima trasparenza e correttezza. Si tratta di un cambio di rotta che i cittadini della Capitale si aspettavano dopo le gravi vicende giudiziarie che hanno coinvolto la manutenzione del verde di Roma nel recente passato.Il nostro Spelacchio, diventato idolo di grandi e piccini, anche a causa di una campagna denigratoria senza precedenti, esce a testa alta anche da questa vicenda. Presto tornerà a Roma, come promesso, trasformato in una casetta di legno dedicata alle mamme e a i loro bambini” così in una nota, Pinuccia Montanari, Assessora alla Sostenibilità Ambientale di Roma Capitale.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola – Sostegno: l’Istat certifica il boom di ricorsi in tribunale delle famiglie per ottenere le ore di didattica specializzata negate dallo Stato

Posted by fidest press agency su lunedì, 19 marzo 2018

Diventa un fenomeno comune, soprattutto nel Sud Italia, quello di vedersi riconoscere le ore settimanali stabilite dalla equipe di medici cui gli uffici scolastici non danno seguito. La tendenza in crescita è rilevata dal report pubblicato dall’Istat, in queste ore, sull’integrazione degli alunni con disabilità nelle scuole primarie e secondarie di primo grado: se si analizzano i cambiamenti di insegnante, ben il 41,1% degli alunni nella scuola primaria e il 37,2% in quella secondaria di primo grado sono caduti in questa cattiva prassi. Nel report annuale, inoltre, si evidenzia che circa il 9% delle famiglie di alunni con disabilità della scuola primaria e il 5% della secondaria di primo grado hanno presentato negli anni un ricorso per ottenere l’aumento delle ore di sostegno: si sono rivolti al Tribunale civile o al Tar il 6,7% delle famiglie degli alunni della scuola primaria e il 4,7% di quelle della scuola secondaria di primo grado. Nell’a.s. 2016/17, gli alunni con disabilità erano circa 90 mila nella scuola primaria (pari al 3% del totale degli iscritti) e 69 mila nella scuola secondaria di I grado (il 4% del totale): in tutto, circa 3 mila in più rispetto all’anno precedente. Se si considera anche la secondaria di secondo grado i numeri diventano impressionanti: oggi, sono iscritti ad un corso di studi della scuola pubblica circa 280mila alunni, quasi il doppio dei 160mila del 2006. Eppure l’organico di diritto è bloccato al 70% del fabbisogno. E il tentativo di bloccare i posti in deroga è stata bocciata dalla Consulta nel 2010.
Marcello Pacifico (Anief-Cisal): Oggi più che mai il diritto all’istruzione rimane ad appannaggio dei tribunali. Lo sa bene l’Anief che con l’iniziativa ‘Non un’ora di meno’ ha permesso a tanti alunni di ottenere quel sostegno che nessuno voleva dare loro. Tutto ha avuto origine con l’articolo 40 della Legge 449/1997, introdotta come provvisoria dei posti in deroga su sostegno, da assegnare con contratto a tempo determinato per garantire il diritto allo studio degli studenti con disabilità, poi reiterata nel tempo: la norma transitoria è stata infatti riproposta nel 2007, sancita nel 2010 e confermata dall’ex Ministro Maria Chiara Carrozza con la Legge 128/2013, che ha portato a 90mila unità di organico, imponendo però sempre la copertura del 30% dei posti di sostegno liberi con supplenze 30 giugno. Oggi l’organico dei docenti di sostegno è di oltre 140 mila docenti, ma più di 40 mila cattedre sempre in deroga: sono queste le ‘forze’, insufficienti, con cui i 280mila alunni con disabilità o problemi di apprendimento dovrebbero vedersi garantito il diritto allo studio. E nemmeno il decreto legislativo n. 66 della Legge 107/2015 fa giustizia. Pensare che lo Stato possa ‘risparmiare’ sui diritti dei più deboli concretizza il vero fallimento del nostro sistema pubblico di istruzione. Ecco perché insistiamo con i ricorsi, la cui crescita è stata ora registrata dall’Istat.
Famiglie, insegnanti, personale Ata, dirigenti e cittadini che intendono vederci chiaro per la mancata nomina dei docenti di sostegno o delle ore non assegnate come indicato dalle commissioni mediche dello Stato possono sempre scrivere all’indirizzo e-mail sostegno@anief.net. Il ricorso per ottenere la stabilizzazione dell’organico di sostegno con la trasformazione dei posti in deroga in posti in organico di diritto fa da corollario all’azione di sensibilizzazione che l’Anief promuove da anni gratuitamente con l’iniziativa “Sostegno, non un’ora di meno!”, attraverso cui il sindacato promuove ricorsi presso il tribunale.

Posted in Diritti/Human rights, scuola/school | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Mostra Alessandra Di Francesco: Nel Mezzo

Posted by fidest press agency su lunedì, 19 marzo 2018

Roma Vernissage 21 marzo 2018 ore 18.30 Interno 14 Via Carlo Alberto 63 La mostra è visitabile fino al 14 aprile 2018 a cura di Roberta Melasecca.
“Esiste un tempo, una condizione in cui, vivendo in un altro elemento come la profondità del mare, si cambia, ci si trasforma come fanno alcuni pesci che, durante la loro lunga vita, mutano sesso per riprodursi. Esiste uno stato per il quale si anela e si scopre una leggerezza, un abbandono ad essa.” (Alessandra Di Francesco) “Nel Mezzo. Essere nella terra di mezzo, in quel momento dell’esistenza che sancisce l’appartenenza ad una stagione intermedia. Guardare passato e futuro nel medesimo modo, annullando ogni elemento temporale. Nella terra di mezzo rimane l’immanenza della vita, sulla quale scorre il velo leggero che congela ferite e lacerti. Nel mezzo la coscienza vibra sulla superficie senza peso e può immergersi nelle profondità recondite dell’anima. Alessandra Di Francesco si muove aleggiando in volo di danza nel mezzo della sua vita di donna e di artista. Connettere e svelare, proteggere e riparare: Alessandra di volta in volta ricama sulla tela codici, fili, reti, trame che fondono tradizione decorativa e ricerca scientifica, sapere teorico e sapienza tecnica. (…) Peregrinando tra superficie e profondità, con i soli strumenti di chi sperimenta morte e resurrezione, Alessandra arriva nel mezzo, domandandosi se davvero può esistere qualcosa o qualcuno che riesca a riconnettere tali realtà, ora fossilizzate tra la negazione e l’annullamento della sofferenza e la corsa alla perfezione di ogni umano agire. Di fronte alla lenta pietrificazione del mondo, più o meno avanzata a seconda delle persone e dei luoghi (cit. I.Calvino) opera anche lei, come Italo Calvino, una sottrazione di peso. Come minuscoli pulviscoli, le figure di Alessandra si librano nell’aria, affrancate dalla pesantezza di quelle reti che le agganciavano inesorabilmente alla terra. In battiti d’ali non si dissolvono nel sogno e nell’irrazionale ma acquistano nuovo corpo e ignota vita. I contorni, che prima profumavano di ferite sanate, diventano linee impercettibili, fondendosi con il delirio primaverile di fiori volteggianti, anch’essi di irriconoscibili fattezze; sulla superficie della tela le profondità dei pensieri si materializzano ora in onde vibranti e fuggenti, ora in scarti di colore nascosto.
Nel mezzo anche Alessandra ricerca una reazione al peso del vivere (cit. I.Calvino): ma lo fa con la leggerezza della consapevolezza. Che nulla va mai dimenticato, che tutto non può essere guarito. Annega così ogni elemento in un campo magnetico dove non sono più necessarie formule per decodificare attimi e memorie. Osserva la magnificenza e la fragilità di ogni sospiro e le tramuta in coltri trasparenti. Non più solitarie in azioni isolate ma reagenti e interagenti.
Stare ora nel contingente e nel metafisico. Leggerezza di essere nel mezzo.” (dal testo critico di Roberta Melasecca)
Alessandra Di Francesco nasce a Roma nel 1965, si diploma presso l’Accademia di Belle Arti nel 1988. La prima mostra personale in Germania, a Wuppertal, la città che ospita il Tanz-Theater di Pina Bausch, segna in modo imprescindibile il suo legame con questa artista. Seguono numerose esposizioni, personali e collettive, in Italia e all’estero. La mostra “Imbastire legami crea trame” del 2001 (Galleria Maniero, Roma) costituisce un punto X del percorso artistico: da una pittura di matrice espressionista Alessandra approda all’idea, al concetto, al processo logico che procede per nessi. Dipingere diventa l’azione di connettere qualcosa di antico con qualcosa di presente e di assolutamente nuovo. Introduce, di volta in volta, i codici, dal morse al braille, usati come supportanti di un messaggio che andava svelato ed insieme protetto: le trame, desunte dai merletti e dalla tradizione decorativa, accompagnano i ritratti, i soggetti come una vera e propria scrittura da decodificare. L’indagine si dipana nel cercare i nessi tra il merletto di filo e le reti neuronali, tra l’imbastitura e il codice morse, tra la sezione del DNA e il centrino della nonna. Tra le principali mostre personali: 2015, Stich and Pierce, Galleria Sinopia Roma; 2015, Quattro Tempi, Spazio Foldes (Ex Lanificio Pietralata) Roma; 2013, Il fior fiore, 3B Gallery Roma; 2012, Mit Ihnen “come un vento che soffia senza fine”, Spazio le cinque lune Roma; 2011, Defrente-detras, Centro Cultutal Inboccalupo Buenos Aires; 2010, In-vestiti, Galleria Maniero Roma; 2007, Stars, Horti Lamiani, Bettivò, Roma; 2003, Pas de bourrèe, Galleria Maniero Roma; 2001, Imbastire legami crea trame segui il filo, Galleria Maniero Roma; 1996, Vocazione, Bachstubengalerie, Wuppertal (Germania) doppia personale con Elena Pinzuti; 1993, Rievocando affermando, Stanze indipendenti Roma; 1989, Ohne Titel, Bachstubengalerie, Wuppertal Germania.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Da Salerno a Capri ripartono le linee Alicost

Posted by fidest press agency su lunedì, 19 marzo 2018

Riparte il 26 marzo dal Molo Manfredi la linea della compagnia marittima ALICOST da Salerno a Capri. Ore 8:40 il primo collegamento che apre la stagione turistica a bordo della Motonave RELAX, per navigare in costiera amalfitana e raggiungere l’isola di Capri. La partenza da Salerno sarà alle 8:40, da Amalfi alle 9:30 e da Positano alle ore 10:00. “Inauguriamo la stagione turistica con il primo collegamento fino a Capri – dichiara l’armatore Fabio Gentile, amministratore della compagnia marittima Alicost – le biglietterie sono già attive presso la nuova Stazione Marittima di Salerno e ai porti di Amalfi e Positano così come sul nostro sito internet http://www.alicost.it”.Da giugno ripartiranno anche i collegamenti per Ischia e per il Cilento, che arriveranno fino al porto di Sapri, creando in questo modo un ulteriore servizio in supporto ai comuni della fascia costiera al confine tra Campania e Basilicata. Le nuove Linee marittime turistiche sono competitive anche sotto il profilo dell’impatto ambientale, pienamente conformi alle norme internazionali vigenti.“La nostra flotta vanta 8 unità veloci, tra cui High Speed Craft e motonavi, con motori esterni ed arredi completamenti nuovi – continua l’armatore Fabio Gentile. Il nostro obiettivo è da sempre garantire una navigazione sicura e in pieno confort tra le bellezze dei Golfi di Napoli e Salerno, con servizi efficienti e personale altamente specializzato”.

Posted in Cronaca/News, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il Polo Museale della Calabria al Planetario

Posted by fidest press agency su lunedì, 19 marzo 2018

Roma – Aula Ottagona (Planetario) delle Terme di Diocleziano Angela Acordon, direttore del Polo Museale della Calabria, è stata protagonista al ciclo di incontri Musei italiani – Sistema nazionale, organizzato dalla Direzione generale Musei del MiBACT, che si è tenuto a Roma, presso l’Aula Ottagona (Planetario) delle Terme di Diocleziano. La dottoressa Acordon ha relazionato sulla struttura che dirige che consta di sedici Sedi di straordinaria importanza (Galleria Nazionale di Cosenza, Chiesa di San Francesco d’Assisi, La Cattolica, Le Castella, Museo Archeologico Nazionale “Vito Capialbi”di Vibo Valentia, Museo Archeologico Nazionale di Crotone, Museo Nazionale Archeologico della Sibaritide, Museo Archeologico e Parco Archeologico dell’antica Kaulon, Museo e Parco Archeologico Nazionale di Capo Colonna, Museo e Parco Archeologico Nazionale di Locri, Museo e Parco Archeologico Nazionale di Scolacium, Museo Statale di Mileto, Museo Archeologico Nazionale di Amendolara, Museo Archeologico Lametino, Museo Archeologico di Metauros, Museo e Parco Archeologico “Archeoderi”) ed ha lasciato in esposizione nella suggestiva cornice del Platenario lo Spallaccio dalla colonia achea di Kaulonia, odierna Monasterace Marina. Spallaccio (elemento di armatura di oplita greco per proteggere la spalla destra) in bronzo con maschera gorgonica (VI secolo a.C.) dall’area del Tempio dorico di Punta Stilo. Faceva parte di un gruppo di offerte alla divinità ed è uno dei pochi esempi di tale tipo di offerte (armi di difesa e offesa) rinvenute in Magna Grecia.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

IX Salone dell’alternanza Scuola-Lavoro e delle Professioni

Posted by fidest press agency su lunedì, 19 marzo 2018

Venezia il 21 e il 22 marzo dalle 9 alle 14, nel Magazzino 42 della Stazione Marittima la IX edizione della manifestazione nata per far incontrare studenti delle scuole superiori e mondo del lavoro pensa in grande e fa il salto di qualità. Saranno più di 1000 gli studenti partecipanti, più del doppio dello scorso anno, e un centinaio i professionisti coinvolti. Non più le sale della sede camerale, ma i padiglioni del Magazzino 42, in testa alla Stazione Marittima, ospiteranno l’evento promosso dalla Camera di Commercio Venezia Giulia e realizzato da Aries in collaborazione con l’Ufficio Scolastico Regionale.
La fiera coinvolgerà gli studenti delle classi quinte delle scuole secondarie di secondo grado di Trieste e saranno 30 gli stand dove Enti (Regione, Comune e Unioncamere) rappresentanze delle imprese (Associazioni di categoria) ordini e collegi professionali, Università, Azienda sanitaria, Istituti Tecnici Superiori (Its) e di Formazione Tecnica Superiore (Ifts), Forze Armate, Protezione civile potranno incontrare gli studenti e fornire tutte le informazioni richieste sulle diverse opportunità di orientamento e di lavoro.
Con la legge di riforma del Sistema Camerale, entrata in vigore a fine 2016, è stato ufficialmente assegnato alle Camere di commercio la funzione di orientamento al lavoro e alle professioni: “Questo è il primo anno che questo lavoro, fatto da 8 anni, è certificato da una nuova legge che formalizza il compito dell’Ente camerale nell’alternanza scuola-lavoro – spiega Antonio Paoletti, presidente della Camera di Commercio Venezia Giulia -. Il salone è un importante momento per rendere più stretto il collegamento fra formazione-orientamento-lavoro-impresa. Voglio ricordare anche l’importante strumento del Registro dell’Alternanza Scuola Lavoro, la piattaforma ufficiale realizzata e gestita dal sistema camerale, che permette di consultare online gratuitamente una mappa delle imprese e degli Enti disposti ad ospitare gli studenti per un’esperienza formativa”.Sono previsti, inoltre, dei workshop informativi (curriculum e colloquio di lavoro, le professioni più richieste, l’idea imprenditoriale vincente) e workshop settoriali su alcuni settori trainanti per delineare i profili professionali che saranno richiesti sul futuro mercato del lavoro. “Grazie a questi workshop puntiamo l’attenzione su tre settori che conosciamo molto bene e sono riconosciuti come strategici anche dalla Regione: il biomedicale, la filiera del caffè e l’economia del mare – spiega Patrizia Andolfatto, direttore di Aries- Azienda Speciale della Camera di Commercio Venezia Giulia -. Settori che sono o saranno sempre più importanti, in cui sono racchiuse tante figure professionali che i giovani spesso non conoscono, ma che riservono loro opportunità di lavoro. Qui sul nostro territorio”. D’altro canto verrà spiegato anche come compiere, a livello pratico, i primi passi nel mondo del lavoro: “Nulla di nuovo, ma sapere scrivere correttamente un curriculum, sapere come presentarsi a un colloquio di lavoro o ancora da dove partire per mettersi in proprio sono tutti argomenti che affronteremo con i ragazzi con workshop dedicati” spiega Francesco Auletta, Responsabile Area Creazione e Sviluppo d’impresa di Aries.

Posted in Cronaca/News, scuola/school, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Makkox: ecco come si fanno i nuovi fumetti in tivù

Posted by fidest press agency su lunedì, 19 marzo 2018

Roma 27 marzo WeGIL Ore 18.00 – Largo Ascianghi 5. Sarà Marco “MAKKOX” Dambrosio il protagonista dell’incontro nell’appuntamento di chiusura dei due mesi di fumetti che hanno visto l’hub culturale aperto da Regione Lazio con ArtBonus e gestito da LAZIOcrea trasformarsi in luogo di riferimento per tutti gli esperti e gli amanti di fumetto, animazione, anime e non solo.Volto noto della tv e matita satirica “al servizio” della squadra di Gazebo su RAI Tre e Propaganda live su La7, di cui è anche autore insieme a Diego “Zoro” Bianchi, Makkox racconterà i dietro le quinte delle sue strisce satiriche televisive, con filmati, confessioni e improvvisazioni, in una chiacchierata/spettacolo ironica e intelligente condotta da Luca Raffaelli.
Nato a Formia nel 1965, ma cresciuto a Gaeta, Dambrosio viene “allevato” artisticamente da una zia professoressa di scenografia. Mentre lavora come grafico per la GDO, il 28 febbraio 2007 debutta sul web con il blog Canemucco, adattando le sue strisce in verticale per adeguarsi allo scrolling delle pagine Internet. Ben presto riscuote successo e inizia a collaborare con il quotidiano Liberazione, con il settimanale d’informazione Internazionale e con la Coniglio Editore, con la quale (oltre a comparire sulle riviste di fumetti Blue ed Animals) pubblica nel 2009 il suo primo libro a fumetti: Le [di]visioni imperfette.Da maggio dell’anno 2010 pubblica con la Coniglio Editore una rivista mensile, Il Canemucco (The PaperShow), mentre dal mese di settembre 2010 pubblica una vignetta pressoché quotidiana, sul sito Il Post. Una raccolta delle migliori vignette viene stampata nell’ottobre 2011 dalla BAO Publishingcon il titolo Post Coitum – Satire di un Tardo Impero e sempre nel 2011 vengono pubblicate due raccolte di storie precedentemente uscite su rivista: Se muori siamo pari e Ladolescenza.Dal 2013 al 2017 è ospite fisso nella trasmissione di Rai 3 Gazebo, di cui è anche autore e a partire dal 29 Settembre 2017 partecipa alla trasmissione Propaganda Live.Ingresso gratuito fino a esaurimento posti. http://www.wegil.it

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Three-dimensional modeling of Mount Etna volcano: volume assessment, trend of eruption rates and geodynamic significance

Posted by fidest press agency su lunedì, 19 marzo 2018

Getna.pngiovanni Barreca, Stefano Branca, Carmelo Monaco (2018), Three-dimensional modeling of Mount Etna volcano: volume assessment, trend of eruption rates and geodynamic significance. Tectonics, https:// doi: 10.1002/2017TC004851. 3D modeling of Mt. Etna, the largest and most active volcano in Europe, has for the first time enabled acquiring new information on the volumes of products emitted during the volcanic phases that have formed Mt. Etna and particularly during the last 60 ka, an issue previously not fully addressed. Volumes emitted over time allow determining the trend of eruption rates during the volcano’s lifetime, also highlighting a drastic increase of emitted products in the last 15 ka. The comparison of Mt. Etna’s eruption rates with those of other volcanic systems in different geodynamic etna1.pngframeworks worldwide revealed that, since 60 ka ago, eruption rates have reached a value near to that of oceanic-arc volcanic systems, although Mt. Etna is considered a continental rift strato-volcano. This finding agrees well with previous studies on a possible transition of Mt. Etna’s magmatic source from plume-related to island-arc related. As suggested by tomographic studies, trench-parallel breakoff of the Ionian slab has occurred north of Mt. Etna. Slab gateway formation right between the Aeolian magmatic province and the Mt. Etna area probably induced a previously softened and fluid-enriched supra-subduction mantle wedge to flow towards the volcano with consequent magmatic source mixing. Keywords: 3D modeling, Mt. Etna volcano, emitted volumes, eruption rates, slab breakoff, mantle flow, magmatic source mixing. (Published on: Tectonics dell’American Geophysical Union (https:// doi: 10.1002/2017TC004851) (photo: etna)

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Ipertensione, effetto del sodio nella dieta in relazione ad altri nutrienti

Posted by fidest press agency su lunedì, 19 marzo 2018

Uno studio multicentrico internazionale pubblicato su Hypertension, organo ufficiale dell’American Heart Association (AHA), suggerisce che l’effetto dannoso del sodio sulla pressione sanguigna potrebbe non essere compensato appieno da altri nutrienti, e ribadisce la necessità di una riduzione del sale nell’alimentazione. Per giungere a queste conclusioni i ricercatori hanno esaminato i dati sull’assunzione di sodio, sui livelli di escrezione di sodio e potassio nelle urine e sull’assunzione di 80 sostanze nutritive tra cui proteine, grassi, vitamine, minerali e amminoacidi in 4.680 donne e uomini di età compresa tra 40 e 59 anni in Giappone, Repubblica popolare cinese, Regno Unito e Stati Uniti. Tutti erano parte dello studio INTERMAP, un trial internazionale del 2003 su pressione sanguigna e apporto di macro- e microintegratori. «Consumare regolarmente quantità eccessive di sodio, derivate principalmente da prodotti alimentari commercialmente trasformati, è un fattore importante nell’eventuale futuro sviluppo di ipertensione» osserva Cheryl Anderson, vicepresidente del Comitato Nutrizionale dell’AHA, spiegando che per prevenire e controllare l’epidemia in corso di pre-ipertensione e ipertensione il contenuto di sale nella dieta deve essere ridotto in modo significativo. Secondo gli autori, circa 3/4 dell’introito di sodio negli Stati Uniti non proviene dalla saliera della tavola o dall’aggiunta di sale alla cottura, bensì da alimenti trasformati preconfezionati e da quelli consumati al ristorante. «L’AHA raccomanda agli adulti di consumare non più di un cucchiaino di sale (2.300 mg di sodio) totale al giorno» riprende Anderson. E aggiunge: «Sebbene l’attenzione sugli effetti del sodio resti alta, stiamo imparando molto anche sul ruolo che svolgono altre sostanze nutritive nell’influenzare gli effetti del sale della pressione sanguigna». Secondo gli autori i ristoranti e le aziende alimentari che producono cibi preconfezionati devono essere coinvolte nella prevenzione, in quanto gli americani desiderano la possibilità di scegliere alimenti che consentano loro di ridurre l’introito di sodio. «Per questo l’AHA sta convocando i leader del settore alimentare e gli influencer con l’obiettivo di identificare strategie per migliorare l’alimentazione riducendo l’apporto di sodio» conclude Anderson. (fonte: doctor33)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Festa del libro… in giallo

Posted by fidest press agency su lunedì, 19 marzo 2018

Orbassano Da giovedì 22 a domenica 25 marzo a Orbassano torna la Festa del libro, il tradizionale appuntamento dedicato alla promozione della lettura tra i giovani (e non solo), che quest’anno compie vent’anni. Un compleanno importante, per il quale è stato definito un programma ricco di eventi, tra cui incontri con gli autori, presentazioni di romanzi, spettacoli teatrali e convegni, tutti legati al mondo della narrativa e in particolare al genere giallo.Sarà infatti questo il colore che animerà la nuova edizione della Festa, che si terrà nel palatenda “Erminio Macario” di via Torino angolo via Gozzano.L’inaugurazione ufficiale è in programma giovedì 22 marzo alle 18, alla presenza delle autorità locali, della banda musicale, delle majorettes orbassanesi e del gruppo storico “Dame e Cavalieri”. Per l’occasione saranno consegnati alcuni riconoscimenti ai protagonisti della prima edizione, in un momento di celebrazione del ventennale della manifestazione.Per quattro giorni a Orbassano sono attesi scrittori e personaggi di spicco del panorama culturale italiano, tra cui il presentatore della trasmissione televisiva “Voyager” Roberto Giacobbo, che presenterà il suo libro “L’uomo che fermò l’Apocalisse”. Ci saranno anche il criminologo Alessandro Meluzzi; il giallista Alessandro Perissinotto, che presenterà il suo nuovo libro “La neve sotto la neve”; lo scrittore torinese e cofondatore dell’associazione letteraria “Torinoir” Rocco Ballacchino. Per la gioia dei più piccoli alla Festa del Libro di Orbassano tornerà Lorenzo Branchetti, uno dei protagonisti della “Melevisione”. Si rinnova anche l’iniziativa “Vieni alla Festa del Libro e vinci!”, un concorso a premi ad estrazione, al quale i visitatori possono partecipare semplicemente compilando e imbucando una cartolina nello stand della biblioteca comunale. Sono in palio tre buoni libro dal valore di 50 euro ciascuno, che saranno estratti domenica 25 marzo alle 18.La Festa del Libro di Orbassano è patrocinata dalla Città Metropolitana di Torino.Per ulteriori informazioni si può consultare il portale Internet del Comune http://www.comune.orbassano.to.it

Posted in Cronaca/News, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Accordo tra agenzia Carpe Diem e Aidr

Posted by fidest press agency su lunedì, 19 marzo 2018

Il digitale rappresenta un’enorme opportunità di crescita del tessuto economico e sociale del Paese. In futuro ci saranno sbocchi per imprese, progetti online e nuovi servizi che determineranno un’espansione del mercato. Ciò avviene anche nel settore della comunicazione online, come sostiene Monica Macchioni, specialista di fama che con la sua agenzia Macchioni Communications Carpe Diem (www.mm-com.it) ha sottoscritto un accordo di collaborazione con Mauro Nicastri dell’Agenzia per l’Italia digitale e presidente dell’associazione Italian Digital Revolution (www.aidr.it).
“Siamo nel bel mezzo di una rivoluzione – spiega l’autorevole esponente della comunicazione politica – in quanto finalmente in Italia si sta affermando la volontà di fare innovazione. Così, per rafforzare il nostro posizionamento in campo digitale, abbiamo instaurato una collaborazione con l’Aidr che dispone di un network di professionisti, ciascuno esperto in aree definite e in settori di mercato specifici, che hanno approfondito e fatto propri argomenti di grande importanza”.
L’intesa prevede tra l’altro la promozione di opportunità che “i digital media possono offrire alle diverse categorie economiche (profit, non profit, ong, istituzioni pubbliche e politiche)”, “mediante tutti gli strumenti di comunicazione a disposizione dell’associazione” come il sito internet, la newsletter, l’Aidr web tv, i momenti associativi, l’assemblea dei soci, i convegni e la diffusione di comunicati stampa, la realizzazione di interviste televisive e radiofoniche.
Negli ultimi anni infatti il digitale è stato il principale motore della trasformazione aziendale. Le imprese hanno fame di competenze perché vogliono comprendere, imparare, crescere e Italian Digital Revolution è nata come risposta a questa domanda di conoscenza.
“La nostra scelta – asserisce Nicastri – è ricaduta sull’agenzia diretta da Monica Macchioni perché rappresenta la via migliore per intercettare la diversità di esigenze e gli obiettivi che caratterizzano il mondo della comunicazione tradizionale e digitale. Si dà troppo spesso per scontato che la comunicazione digitale presto o tardi prenderà definitivamente il posto di quella tradizionale. Forse accadrà, ma per il momento impariamo a usare i due canali insieme per dare lustro al brand. In sostanza – conclude Nicastri – viene offerta la possibilità di individuare, tra i partner dell’Aidr e di quanti altri lo richiederanno, la necessità di formazione e di visibilità in un’ottica professionale ma anche commerciale, orientata ad esempio all’utilizzo dei social network per aprire reti di business e di employer branding, cioè di sfruttamento dei canali di comunicazione digitali e tradizionali per costruire e migliorare l’immagine aziendale. Si tratta in definitiva di temi molto dinamici che puntiamo a sviluppare con iniziative specifiche utilizzando le nuove tecnologie e le potenzialità del web”.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Mostra personale di Lorenzo Puglisi, Scintille di un fuoco nero

Posted by fidest press agency su lunedì, 19 marzo 2018

Bologna dal 24 marzo al 5 maggio 2018 alla LABS Gallery di Bologna Mostra personale di Lorenzo Puglisi, Scintille di un fuoco nero a cura di Martina Cavallarin. La prima personale a Bologna di Lorenzo Puglisi si configura come un’esperienza partecipata e immersiva. Il suono dell’album Bitches Brew di Miles Davis, le immagini di capolavori della Storia dell’Arte riprodotti in loop su un tablet, l’illuminazione calda delle candele, sono gli elementi che accompagnano lo spettatore alla visione dell’opera pittorica di Puglisi. Nell’ampia sala rettangolare della galleria, in passato luogo di culto religioso, tre opere a olio su tavola di dimensioni monumentali realizzate site specific per la mostra (Il Grande sacrificio, 195×375 cm; Nell’orto degli ulivi, 208×158 cm; Matteo e l’angelo, 208×158 cm) sono abissi neri calibrati e disciplinati, note gigantesche sullo spartito bianco costituito dai muri perimetrali dell’aula. A completare il percorso espositivo, nella stanza attigua, una costellazione di opere più piccole compone un carosello nero, immerso nel silenzio.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Le amare lezioni del protezionismo

Posted by fidest press agency su lunedì, 19 marzo 2018

Se gli Stati Uniti, la prima potenza economica e militare mondiale, lanciano una politica protezionistica imponendo alti dazi sulle importazioni, evidentemente intendono iniziare una vera e propria guerra commerciale. Le recenti dichiarazioni di Trump nei confronti della Cina e dell’Unione europea ne sono la prova.
Eppure Washington sa che, quando in passato sono state introdotte simili politiche, esse hanno soltanto esacerbato le crisi in corso aggravando le tensioni politiche internazionali.
Ciò avvenne dopo il crollo di Wall Street del 1929 con la conseguente Grande Depressione. Nel 1930 il presidente Herbert Hoover e, più ancora, il Congresso americano, allora dominato dal Partito Repubblicano, approvarono la legge Smoot-Hawley Tarif Act (dai nomi dei due parlamentari che la presentarono) che impose pesanti dazi su oltre 20.000 prodotti d’importazione.
Si trattò di una specie di “America First” che avrebbe dovuto rilanciare produzioni, consumi e occupazione, sbarrando la strada ai prodotti provenienti da altri paesi. Fu la risposta negativa all’appello generale fatto in precedenza, nel 1927, dalla Lega della Nazioni, precursore dell’ONU, che, al contrario, chiedeva di “porre fine alla politica dei dazi e di andare nella direzione opposta”. Fino allora gli Usa avevano avuto una bilancia commerciale positiva, con un surplus delle esportazioni. I dazi imposti sui beni inclusi nella lista, che mediamente erano del 40,1% nel 1929, raggiunsero il livello di 59,1% nel 1932, con un aumento del 19%.
Ovviamente su tali politiche restrittive sono stati fatti molti studi. Però nessuno mette in discussione l’effetto recessivo e depressivo provocato dai dazi.
Nel quadriennio 1929 – 1933 le importazioni americane diminuirono del 66% e le esportazioni scesero del 61%. Anche l’export-import con l’Europa crollò. Il Pil Usa passò da 103 miliardi di dollari del 1929 a 76 nel 1931 e a poco più di 56 nel 1933. Anche il commercio mondiale nel suo insieme si ridusse di circa il 33%.
Nello stesso periodo la disoccupazione americana salì dall’8% del 1930 al 25% nel 1933. Questa tendenza cambiò solo durante la seconda guerra mondiale con la grande mobilitazione produttiva bellica.
Purtroppo oggi c’è la tendenza a ignorare le lezioni del passato.
Gli Usa e le corporation americane sono stati loro a iniziare la cosiddetta politica dell’outsorucing e a portare all’estero le produzioni di componenti di prodotti manifatturieri, perché c’è mano d’opera a basso costo.
E’ stata la Federal Reserve a inondare il mondo, soprattutto le economie emergenti, con tanta liquidità a bassissimi tassi d’interesse. Fu il famoso Quantitative easing che ha favorito gli acquisti all’estero di beni da parte delle imprese americane e ha sostenuto al contempo i consumi interni. Al contrario i paesi emergenti hanno visto crescere i loro debiti e hanno accentuato la propria destabilizzazione finanziaria.
L’economia è stata quindi messa sottosopra, generando deficit enormi nella bilancia commerciale americana e di molti altri paesi. Si consideri che nel 2006 negli Usa esso era di 762 miliardi di dollari e nel 2017 era ancora di 566 miliardi. Però il deficit commerciale del settore dei beni reali va ben oltre gli 810 miliardi di dollari.
Di conseguenza anche il budget federale Usa è andato in tilt con deficit strepitosi: oltre 1400 miliardi nel 2009, 1300 miliardi nel 2011 e ancora 665 nel 2017. Quest’anno dovrebbe salire a oltre 830. Tali politiche hanno portato a un grande indebitamento americano anche verso l’estero, in particolare verso la Cina, che detiene circa 1.000 miliardi di dollari in obbligazioni del Tesoro Usa, evidentemente emesse per coprire i deficit di bilancio.
Purtroppo Washington si sta muovendo come un elefante in un negozio di porcellane. Provoca tensioni con i partner commerciali, a cominciare dalla Cina e dall’Ue, e nello stesso tempo continua a esporsi con deficit e debiti che il resto del mondo dovrebbe in certo qual modo garantire. C’è il forte timore che un qualsiasi evento non prevedibile in campo economico e finanziario possa generare guerre commerciali e monetarie con conseguenze incalcolabili. Ovviamente non solo negli Usa. (Mario Lettieri già sottosegretario all’Economia e Paolo Raimondi economista)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola – Prove Invalsi terza media, solo un computer ogni 2-3 alunni

Posted by fidest press agency su lunedì, 19 marzo 2018

Da quest’anno, in occasione degli esami di licenza media le verifiche si svolgeranno, tra il 4 e il 21 aprile avvalendosi, del personal computer. Ma ora si scopre, leggendo un comunicato emesso in queste ore dall’Invalsi, che non vi sono le condizioni tecnologiche per garantire ad ogni alunno di utilizzare un proprio computer: “gli studenti coinvolti sono 574.600 e – dal censimento delle strutture informatiche effettuato da INVALSI – le postazioni effettive risultano 216.000, il che significa che ogni scuola ha a disposizione un computer per ogni 2,5 studenti circa”. L’Invalsi parla di “un dato molto incoraggiante”, ma non è così: le prove dovranno infatti necessariamente essere somministrate in momenti diversi e, andando oltre alla mancata contemporaneità, preoccupa che la dotazione complessiva tecnologica in seno ai nostri istituti sia così povera.Marcello Pacifico (Anief-Cisal): Nelle scuole italiane il numero di postazioni digitali ‘vere’, in grado di essere connesse ad una rete internet moderna e reggere il peso di sistemi operativi e software aggiornati, risulta del tutto inadeguato rispetto alla quantità dei nostri alunni. Perché, se a dividersi una postazione sono tra i due e i tre alunni delle classi di terza media, come dice l’Invalsi, questo significa che, quando si considerano anche le prime e le seconde classi, ogni istituto può mettere a disposizione appena un computer ogni otto-nove alunni. Questo preoccupante dato conferma la lontananza dell’Italia dalle realtà scolastiche più avanzate, come i Paesi del Nord Europa, dove le dotazioni informatiche risultano in numero maggiore, garantendo in molti casi un computer per ogni allievo. A tale avvilente constatazione si aggiunge la logica distorta che c’è dietro all’imposizione delle prove Invalsi. L’eccesso di uniformità andrebbe sostituito con un investimento verso la formazione di tipo attivo, come giochi di simulazione, cooperative learning and serving, peer education e flipped classroom. Lasciando alle prove Invalsi il loro unico obiettivo, ovvero l’effettuazione di monitoraggi per indicazioni generali. Sul piatto va infine messo anche un altro dato: quello che i test Invalsi hanno ripercussioni dirette sul Rav, il rapporto di autovalutazione scolastico, e anche sulla valutazione diretta dei singoli insegnanti, senza che venga conferito un peso adeguato al tessuto sociale. Ad esprimere forti perplessità, recentemente, sono state anche decine di accademici di tutto il mondo.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »