Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 30 n° 315

Archive for 9 aprile 2018

Riunioni delle commissioni Parlamento europeo

Posted by fidest press agency su lunedì, 9 aprile 2018

Bruxelles. Sistema comune europeo di asilo. La commissione Libertà civili, giustizia e affari interni voterà un nuovo progetto di regolamento che istituisce una procedura unica comune per i richiedenti asilo, nel quadro della revisione del Sistema Comune europeo di Asilo. Lo scopo delle nuove regole è di evitare il cosiddetto “asylum-shopping”, semplificando e riducendo le procedure, e offrendo garanzie ai richiedenti asilo. La bozza di regolamento inoltre chiarifica e armonizza il concetto di paese di origine sicuro. (Giovedì).
Ungheria: I deputati della commissione Libertà civili, giustizia e affari interni discuteranno il progetto di relazione sulla situazione in Ungheria, valutando se il Paese è rischio di violare seriamente i valori dell’Unione europea e se il Parlamento debba chiedere al Consiglio di agire in base all’articolo 7(1) del Trattato UE. Il relatore terrà una conferenza stampa dopo il dibattito. Pluralismo dei media e libertà dei media nell’UE. (Giovedì)
Preparazione della Plenaria I gruppi politici prepareranno la sessione plenaria di aprile a Strasburgo (16-19/4). In primo piano la visita del Presidente della Repubblica francese, Emmanuel Macron e il conseguente dibattito in aula sul futuro dell’Europa.Gli eurodeputati voteranno nuove regole che incoraggiano il riciclo dei rifiuti e il riutilizzo dei prodotti, contenute nel pacchetto di direttive sull’economia circolare.Altri voti previsti riguarderanno obiettivi vincolanti di riduzione delle emissioni di gas a effetto serra, disposizioni per prevenire il riciclaggio di denaro e il finanziamento del terrorismo, norme concernenti l’etichettatura degli alimenti biologici, regole più restrittive in materia di omologazione delle vetture e incentivi per aumentare l’efficienza energetica degli edifici.
I parlamentari europei approveranno inoltre risoluzioni sulla protezione dei giornalisti investigativi (a seguito dell’omicidio di Ján Kuciak) e sul pluralismo, la parità di genere e la libertà nei media.
Infine, gli eurodeputati terranno un dibattito con il Presidente del Consiglio europeo, Donald Tusk, sugli esiti del summit UE svoltosi a Bruxelles il 22 e 23 marzo 2018.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

The Business Beyond Borders

Posted by fidest press agency su lunedì, 9 aprile 2018

During the International Air and Space Fair, in Santiago, Chile (3rd – 7th April), the first BBB event in South America focused on small and medium enterprises (SMEs) and clusters in the aerospace, defence and security sectors. Over the course of FIDAE, BBB facilitated over 350 matchmaking meetings booked between more than 250 companies representing 37 countries.
As highlighted by the Head of the EU Delegation to the Republic of Chile, Ambassador Stella Zervoudaki, it also marked the first time that “the EU has a united B2B meeting space [at FIDAE], proving the importance the EU gives to the aerospace industry”. The EU Ambassador has also met with the Chilean Undersecretary of Telecommunications, Pamela Gidi, at the BBB stand in the EU Pavilion. BBB is a European Commission-funded initiative which helps EU businesses to expand regionally and globally. By facilitating a series of Business-to-Business (B2B), Cluster-to-Cluster (C2C), and Business-to-Cluster (B2C) matchmaking events at the top international trade fairs around the world, the aim of the initiative is for new international business partnerships to be formed and deals to be brokered. Besides the BBB one-to-one matchmaking sessions at the trade fair’s European Pavilion, SMEs and clusters also had the opportunity to participate in technical sessions and workshops on EU space programmes; research and innovation international cooperation; IP protection; business and technology transfer in South America. Other BBB-supported activities included informal networking sessions co-organised by the SME Instrument’s Oversea Trade Fairs Programme, and the BBB Social Media Competition, which sought to help participating companies increase their visibility online.
Davide Venturelli of Archon Techonologies, Italy said the BBB matchmaking sessions provided added-value for his company at FIDAE: “We see potential partnership opportunities with other companies, typically medium-sized ones, which regard Archon as an opportunity to differentiate and expand their position; and for us, it’s an opportunity to solidify our presence in Chile and Latin America, which starts to be significant. SMEs seeking to grow should definitely try the BBB matchmaking sessions.” The next two BBB matchmaking events will take place on 15th-17th May at CeBIT Australia, and on 26th-29th June at AMB Iran; and will be aimed at companies operating in the business technology and metal-cutting technology industries, respectively. To find out more about how European businesses can benefit from this opportunity to grow across borders with a complete package of professional support, visit the Business Beyond Borders website at http://www.businessbeyondborders.info

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“I patrioti europei festeggiano la conferma di Viktor Orbán alla guida dell’Ungheria”

Posted by fidest press agency su lunedì, 9 aprile 2018

“Difesa dell’identità, lotta all’islamizzazione forzata, contrasto alla speculazione finanziaria e al globalismo: è il modello che Fratelli d’Italia vuole seguire anche in Italia”. È quanto scrive su Facebook il presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni.
Viktor Orbán conquista nuovamente la maggioranza costituzionale dei due terzi nell’Assemblea nazionale, accaparrandosi 134 seggi su 199. L’altissima affluenza alle urne a dispetto di quanti nelle opposizioni paventavano la possibilità che ne derivasse un forte partito di opposizione e il ridimensionamento del suo successo ha di fatto favorito Orbán. Il 68,8% degli elettori si è recato alle urne con oltre 5,5 milioni di elettori ovvero l’8% in più rispetto alle elezioni del 2002. L’incertezza che era stata segnalata alla vigilia del voto è stata clamorosamente smentita. Orbán ha staccato di ben 20 punti percentuali il secondo partito d’opposizione. Al terzo posto si è piazzata l’alleanza rosso-verde con il 12%.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Guerra commerciale tra USA e Cina

Posted by fidest press agency su lunedì, 9 aprile 2018

Londra. Commento di Kim Catechis, Head of Global Emerging Markets di Martin Currie (Legg Mason), sugli effetti della guerra commerciale tra USA e Cina.
Le offensive commerciali tra Stati Uniti e Cina sembrano destinate ad intensificarsi. Non dovrebbero però degenerare in una guerra commerciale su vasta scala e, sul lungo periodo, investitori accorti potrebbero ottenere dei benefici: lo sostiene Kim Catechis, head of global emerging markets di Martin Currie, affiliata del gruppo Legg Mason. I rapporti tra i due colossi sono precipitati il 22 marzo, quando gli Stati Uniti hanno annunciato un nuovo piano di tariffe contro la Cina, con l’accusa che questa stia favorendo il furto di proprietà intellettuali delle aziende americane. I dazi USA sulle compagnie cinesi, concentrati soprattutto sulle importazioni di acciaio e alluminio, potrebbero raggiungere un totale di 60 miliardi di dollari, andando a deteriorare una relazione già molto tesa, e destando timori di una guerra commerciale su vasta scala che danneggerebbe le aziende di entrambi i paesi. La Cina ha risposto subito con sanzioni che potrebbero colpire beni del valore di 3 miliardi di dollari. I mercati di tutto il mondo hanno già reagito, con il crollo di alcuni indici chiave. Tuttavia Catechis – che gestisce il fondo Legg Mason Martin Currie Emerging Markets – ritiene che la guerra commerciale potrebbe rivelarsi una buona porta di ingresso all’azionario cinese e ad altri mercati emergenti. “Le tensioni commerciali e politiche tra Cina e Stati Uniti” spiega Catechis “dovrebbero intensificarsi da qui a metà 2018, ma è probabile che non degenereranno in una guerra commerciale totale o in un conflitto più grave.” “La minaccia di ulteriori dazi per 60 miliardi di dollari non è giunta inaspettata: i cinesi si sono fatti trovare pronti e hanno preparato a loro volta una lunga lista di dazi per contrattaccare.” “Pechino ha avuto molto tempo per organizzarsi, e proprio come l’Unione Europea nel recente caso dei dazi sull’acciaio, ha quindi identificato una serie di prodotti da colpire in risposta ad un’eventuale escalation di dazi da parte degli Stati Uniti. Si è dunque già preparata per una lunga battaglia e difficilmente farà passi indietro, mentre il progetto Nuova via della seta, insieme ad altre iniziative, accelera la diversificazione cinese su più mercati.” Per gli investitori, la reazione sul breve termine dei mercati potrebbe rivelarsi un’occasione da sfruttare. “I titoli dei giornali possono aver generato allarme tra chi investe nei mercati emergenti “ afferma Catechis “ma, sul lungo periodo, queste restrizioni commerciali probabilmente serviranno solo ad accelerare la rapida crescita del commercio intraregionale tra mercati emergenti, con l’esclusione degli Stati Uniti. A nostro parere, ciò sposterà ulteriormente il baricentro del commercio mondiale in favore dei mercati emergenti.” Catechis ritiene che uno scontro commerciale alimentato dagli USA potrebbe accelerare alcuni processi già in corso relativi al commercio internazionale.
Innanzitutto c’è la RCEP, un nuovo accordo commerciale multilaterale tra paesi asiatici, promosso dalla Cina, che comprende anche India, Giappone, Australia, Nuova Zelanda, Corea del Sud e i paesi ASEAN dell’Asia meridionale. Insieme, queste nazioni rappresentano circa il 40% del commercio mondiale.Nel frattempo, l’iniziativa cinese “One Belt One Road” – che vuole ricreare l’antica Via della Seta – sta costruendo infrastrutture per facilitare il commercio, raggiungendo 65 nazioni. Per Catechis, già ora questo progetto sta avendo effetti positivi sulla velocità delle rotte commerciali tra Europa e Cina.Infine c’è il Partenariato Trans Pacifico, il trattato che venne negoziato dall’amministrazione Obama e per poi essere scartato dalla Casa Bianca l’anno scorso, che continua nonostante l’uscita degli Stati Uniti. Le altre undici nazioni, tra cui le emergenti Messico, Perù, Cile e Malesia, stanno infatti andando avanti coi negoziati. Guardando nello specifico alla Cina, Catechis aggiunge di preferire alcune tipi di compagnie che operano molto sul mercato domestico, e che sono particolarmente esposte alla crescita della classe media. “Vediamo opportunità molto interessanti in Cina, indipendentemente dai rapporti con gli USA” dichiara “soprattutto in quelle aziende favorite dalla crescita della classe media, nelle aree del consumo privato e dei servizi.” Il gestore predilige anche quelle compagnie legate al mondo internet, che in genere assicurano una crescita elevata e redditizia senza aver bisogno di finanziamenti esterni.
Sul lungo periodo, le aziende da seguire sono quelle che traggono vantaggio dal “sogno cinese” del presidente Xi: società ambientali che assicurano acqua e aria pulite, e compagnie di servizi che tagliano tempi di attesa e costi.I settori potenzialmente da evitare, dunque, sono quelli della ‘vecchia economia’: ossia l’industria pesante, che è altamente indebitata, molto inquinante e tende ad avere margini di profitto minimi.“È una scelta limpida” chiude Catechis “preferire l’economia nuova, brillante, con elevato ritorno sul capitale a quella vecchia, inquinante, poco redditizia e molto indebitata.”

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Milano: 42,195 chilometri di runforwishes

Posted by fidest press agency su lunedì, 9 aprile 2018

Milano in Corso Venezia sono partiti alla volta di un circuito ad anello con un obiettivo ben preciso: contribuire alla realizzazione dei desideri del cuore di due bambini gravemente ammalati. Si tratta di Marco, 15 anni, affetto da tumore, il cui sogno più grande è trascorrere qualche momento nella natura più incontaminata alla scoperta di foreste e animali in via di estinzione e Valentina, 10 anni, affetta da leucemia, che desidera trascorrere qualche giorno nel magico mondo Disney dove tutto è bello e colorato.È per loro che Make-A-Wish® Italia Onlus ha aderito in qualità di bronze partner alla charity run che già nel 2017 ha coinvolto più di 24.000 persone, 600 runner solidali e una raccolta fondi che ha superato 1.600.0000 euro. Numeri record, quasi raddoppiati rispetto all’anno precedente, che hanno convinto Make-A-Wish® Italia Onlus a partecipare formando ben 22 staffette di runner pronte a correre la #runforwishes nel nome di Marco e Valentina, bambini che stanno vivendo un momento della loro vita molto più difficile rispetto a quella dei loro coetanei e per i quali la realizzazione di un desiderio significa tantissimo.Quando un bambino si trova costretto ad affrontare le cure per una grave malattia, infatti, un desiderio che si realizza è molto più dell’esperienza di un singolo momento, è qualcosa che cambia la vita e dura nel tempo. È un potente pensiero positivo che gli dà la forza di lottare, affrontando al meglio le terapie, e lo aiuta a ritrovare la speranza. A testimoniarlo, gli oltre 1.700 bambini e ragazzi che dal 2004 hanno visto, grazie a Make-A-Wish® Italia Onlus, i loro desideri diventare realtà.«Anche questa volta ci siamo posti un obiettivo ambizioso: raccogliere, attraverso il grande cuore degli sportivi, i fondi che ci aiuteranno nella realizzazione dei desideri di Marco e Valentina, bambini che da quando hanno scoperto di essere gravemente ammalati hanno dovuto rinunciare alla loro infanzia e adolescenza e a cui possiamo donare un nuovo sorriso e una nuova speranza. Un obiettivo che grazie al sostegno dei tanti che hanno scelto di correre per noi, speriamo di raggiungere. – ha dichiarato Sune Frontani, co-fondatrice e Direttore Generale di Make-A-Wish® Italia, ricordando: È dimostrato che la realizzazione di un desiderio ha il potere di migliorare la qualità della vita di chi è affetto da una grave malattia perché offre l’opportunità di vivere intense emozioni positive che rendono il paziente più forte. Un desiderio che si realizza aiuta bambini e ragazzi a ritrovare la gioia di vivere. Grazie a tutti coloro che credono in noi e ci aiutano ogni giorno a portare avanti la nostra missione».Unire le forze nel nome di chi ha più bisogno, è il gesto più bello che si può fare. Lo sanno bene i volontari e i tanti sostenitori di Make-A-Wish® Italia – Onlus affiliata a Make-A-Wish®International, una delle organizzazioni benefiche più note al mondo – che ha realizzato in 14 anni di attività oltre 1700 desideri, avvalendosi della collaborazione di 250 volontari e ricevendo segnalazioni dai principali ospedali pediatrici del Paese. I modi per sostenerla sono tanti: si può adottare, per intero o parzialmente un desiderio, diventare partner dell’Associazione o collaborare come volontario. Ma è possibile anche dare il proprio contributo acquistando le bomboniere solidali, inserendo Make-A-Wish® Italia Onlus come beneficiaria nel proprio testamento, donandole il 5×1000 o organizzando un evento in suo nome.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Politica: i rituali della politica di ieri e di oggi

Posted by fidest press agency su lunedì, 9 aprile 2018

Gli inviti a un pranzo o a cena in quel di Arcore sono diventati degli incontri che nel tempo si sono istituzionalizzati e danno l’impressione che più di una colazione di lavoro si tratti di rituale che vuole celebrare il rispetto dovuto al dominus che convoca i suoi vassalli per dettare loro le linee guida nei rapporti con i sudditi. Se è questa la percezione che si ricava ha senza dubbio ragione Di Maio nell’affermare che se Salvini non taglia questa specie di cordone ombelicale non si può pensare ad un’azione politica di rinnovamento del sistema paese. Ma rinnovare cosa e perché? E soprattutto quali sono stati i guasti che in passato hanno provocato tanti danni e determinata una diffusa sfiducia nelle istituzioni e nei partiti che in qualche modo ne sono stati complici?
E’ opinione diffusa che dopo il boom degli anni post bellici la spinta non l’abbiamo colta nella sua interezza perdendo l’occasione d’offrire agli italiani un modello di società diverso. Ci siamo, invece, ripiegati su noi stessi e abbiamo cercato solo di gestire l’esistente o al massimo operare piccoli aggiustamenti qua e là. Non dimentichiamo, ad esempio, che la disoccupazione in Italia fin dagli anni della ricostruzione è stata in gran parte assorbita con procedure anomale. Si è pensato agli ammortizzatori sociali con le assunzioni fuori quota nella pubblica amministrazione che ha fatto gonfiare artificiosamente gli organici, con la leva obbligatoria e i fuori corsi universitari che hanno ritardato l’accesso al lavoro dei giovani. Non si è pensato ai una sistemica e seria politica industriale che prescindesse dagli interessi regionali o dalle mode del tempo per comprendere ciò che occorresse fare guardando al futuro e non al contingente. E questa stagnazione ha alla fine generato dei mostri come la corruzione, gli sprechi, l’urbanizzazione selvaggia trasformando le periferie delle grandi città in ghetti o in quartieri dormitori e una mobilità interna confusa e scarsamente regolamentata. Ora è illusorio pensare che in pochi anni possiamo invertire questa tendenza. Eppure è necessario porvi mano, ma non si può fare se continuiamo a gestire il paese con chi pensa ancora che questa specie di luna di miele possa continuare in eterno. Oggi non possiamo contare sulla compiacenza internazionale come è accaduto ai tempi della guerra fredda. Oggi gli stati si difendono persino con l’autarchia e l’Italia con tutte le sue debolezze rischia di essere schiacciata del tutto. (Riccardo Alfonso)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Claudia Sala: E’ ora

Posted by fidest press agency su lunedì, 9 aprile 2018

Palermo martedì 10 aprile alle 21 da I Candelai in via Candelai 65 sarà presentato il primo Ep della cantante palermitana Claudia Sala. Un lavoro pop con sonorità folkeggianti, che percorre tappe importanti e diverse della sua vita. Un viaggio alla ricerca della bellezza, autenticità, condivisione, verità e libertà di scoprire ed essere se stessi. «Un viaggio di gioie e dolori – lo descrive la stessa Claudia Sala – dubbi e speranze, esperienze e sogni, prese di coscienza e nuovi orizzonti che, canzone dopo canzone, conducono ad una nuova crescita e all’inizio di un nuovo percorso».I brani sono scritti in inglese e italiano dalla cantautrice – che in passato ha lavorato con Elisa, Amii Stewart, Sonohra, Modena City Ramblers, Casa del Vento, Katia Ricciarelli, Giovanni Sollima e ha avuto numerose esperienze negli Stati Uniti – in collaborazione con Carmelo Piraino e Luca Lanzi. “E’ ora” è prodotto da Massimo Scalici. In questi giorni Claudia Sala è in tour i Germania con il cantautore Pippo Pollina.
Sul palco con Claudia Sala saranno ben dieci musicisti che hanno accompagnato la formazione del disco Il biglietto di ingresso costa 10 euro.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Vetustà ed obsolescenza del parco tecnologico

Posted by fidest press agency su lunedì, 9 aprile 2018

Roma Martedì 10 Aprile 2018 dalle 9.00 alle 13.30 a Roma, presso il Centro Congressi Roma Eventi Fontana di Trevi – Sala Montale, in Piazza della Pilotta 4 si parlerà di “Vetustà ed obsolescenza del parco tecnologico. Soluzioni innovative per la gestione ed il rinnovo” organizzato dall’Associazione “Giuseppe Dossetti: i Valori – Tutela e Sviluppo dei Diritti” Onlus.
L’Associazione ha già predisposto una proposta di Legge da sottoporre all’attenzione del Parlamento. Secondo il Segretario Nazionale Claudio Giustozzi: “Rinunciare all’innovazione vuol dire generare un duplice danno alla persona che vede compromessa la tutela tanto del suo status di paziente quanto quella di utente/consumatore. Nel caso dei mammografi obsoleti, ad esempio, maggiore precisione ed affidabilità nella diagnosi e velocità di esecuzione degli esami farebbero la differenza in termini diagnostici e quindi di prevenzione”.
Tra gli altri interverranno il Dott. Mauro Grigioni Direttore del Centro Nazionale Tecnologie Innovative in Sanità Pubblica – Istituto Superiore di Sanità, la Dott.ssa Fernanda Gellona Direttore Generale di Assobiomedica, il Dott. Massimo Giuseppe Barberio Direttore Affari Istituzionali & Health Economics GE Healthcare, il Prof. Vittorio Donato Presidente eletto dell’Associazione Italiana di Radioterapia ed Oncologia Clinica AIRO, il Dott. Carmelo Privitera Presidente della Società Italiana di Radiologia Medica e Interventistica SIRM ed il Dott. Gianni Saguatti Presidente del Gruppo Italiano Screening Mammografico GISMa.
Modera la Dott.ssa Laura Cancellieri, presiede i lavori Claudio Giustozzi, Segretario Nazionale dell’Associazione “Giuseppe Dossetti: i Valori – Tutela e Sviluppo dei Diritti” Onlus (http://www.dossetti.it/).

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Mostra Matt Mullican “The Feeling of Things”

Posted by fidest press agency su lunedì, 9 aprile 2018

Milano Martedì 11 aprile 2018, 19.00 Pirelli HangarBicocca Via Chiese 2. La mostra di Matt Mullican The Feeling of Things a cura di Roberta Tenconi prosegue dal 12 aprile al 16 settembre 2018. Intervengono: Marco Tronchetti Provera, Presidente Pirelli HangarBicocca Vicente Todolí, Direttore Artistico, Pirelli HangarBicocca.
In Pirelli HangarBicocca vengono presentati oltre quarant’anni di lavoro di Matt Mullican a iniziare dagli anni Settanta in cui frequenta, come allievo di John Baldessari, il California Institute of the Arts di Valencia (USA), la scuola di belle arti supportata, tra gli altri, da Walt Disney, fino ad opere recenti, del 2018, realizzate appositamente per la mostra di Milano.
Un percorso che restituisce nella sua totalità l’abbondante produzione dell’artista e la straordinaria varietà di media utilizzati: sculture, grandi installazioni, opere su carta, in vetro, pietra, metallo, manifesti, multipli ed edizioni, neon, fotografie, dipinti eseguiti con la tecnica del frottage, video, performance, lightbox e progetti al computer e di realtà virtuale. Oltre a un campionario iconografico vastissimo: Mullican dà vita ai suoi personali pittogrammi (“Signs”). attingendo da elementi tratti dal mondo dei film e dei fumetti, dalle icone contemporanee di comunicazione, così come dalla segnaletica degli aeroporti, da illustrazioni scientifiche, da immagini derivate da diverse tradizioni (come i mandala hindu, immagini tantriche e simboli indiani hopi) e da altre di carattere primordiale, relative anche all’idea di nascita e morte, del fato e del destino.
La mostra occupa i 5.000 metri quadrati delle Navate di Pirelli HangarBicocca. I visitatori sono invitati a percorrere questo spazio addentrandosi all’interno di un’imponente struttura architettonica rettangolare, suddivisa in cinque aree di diverso colore i cui tratti rimandano alle iconiche cosmologie dell’artista.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Banca Etica colloca il suo primo “Microcredito Africa – Impact Bond”

Posted by fidest press agency su lunedì, 9 aprile 2018

Banca Etica ha avviato il collocamento di un nuovo Prestito Obbligazionario, il primo dedicato al microcredito in Africa. L’obiettivo è quello di raccogliere 15 milioni di euro per finanziare progetti ad impatto sociale, promossi da partner qualificati, con particolare attenzione allo sviluppo della microfinanza nell’Africa sub-sahariana. L’offerta è rivolta a investitori istituzionali e clientela retail con profilo di rischio adeguato e verificato. Il collocamento dei titoli è iniziato il 3 aprile 2018 e resterà aperto fino al 1 giugno 2018. I prestiti obbligazionari di Banca Etica sono una forma di risparmio vincolato e hanno l’obiettivo di reperire risorse per finanziare progetti sociali a medio-lungo termine.L’offerta prevede un investimento minimo di 1.000 €, il pagamento di una cedola semestrale al tasso fisso lordo del 0,60% (annua 1,20% lordo), la durata è di sette anni.I partner di Banca Etica per queste attività sono, tra gli altri:
Sidi – Solidarité Internationale pour le Développement et l’Investissement opera dal 1983 ed è stata fondata da alcune Ong francesi e dal Comitato della Chiesa francese contro la fame e per lo sviluppo. Sidi ha avviato partnership con oltre 100 istituzioni finanziarie in oltre 30 paesi dell’America Latina, dell’Africa e dell’Asia, offrendo supporto alle micro-imprese e alle organizzazioni di piccoli produttori, per favorire uno sviluppo socialmente, ecologicamente e umanamente sostenibile.
Oikocredit, con sede nei Paesi Bassi, è una cooperativa internazionale di finanza etica che orienta il risparmio di persone e organizzazioni verso progetti imprenditoriali con impatti sociali positivi nei paesi in via di sviluppo. Opera in 71 paesi del mondo con un focus specifico in Africa, raggiungendo oltre 37 milioni di beneficiari.
Coopmed nasce per la cooperazione finanziaria a sostegno dell’economia sociale e solidale nel Mediterraneo, con l’obiettivo di sostenere lo sviluppo, tecnico e finanziario, di attività economiche espressione della società civile e finalizzate alla lotta ai cambiamenti climatici, alla crescita dell’imprenditoria femminile o all’integrazione delle fasce fragili della popolazione. Attualmente opera in Libano, Palestina , Tunisia e Marocco.
Microfides: Fondazione spagnola, di Pamplona, che si occupa di microfinanza e sviluppo in paesi del sud del mondo; in Africa è presente in Senegal e Benin.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

London Book Fair

Posted by fidest press agency su lunedì, 9 aprile 2018

Londra dal 10 al 12 aprile a Londra nella sede storica di Olympia. Il nostro Paese parteciperà con uno stand collettivo (stand 5C110) di circa 110 mq, realizzato dall’Associazione Italiana Editori (AIE) e dall’ICE-Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane. Sono 21 le aziende che esporranno nella collettiva, un numero in crescita rispetto alle edizioni passate: Atlantyca, Bologna Children’s Book Fair, Cartiere del Garda, Corraini Edizioni, DeA Planeta Libri, Editoriale Jaca Book, Egea, G. Canale & C., Gruppo Albatros Il Filo, Guerra Edizioni Edel, Hoepli, Kimerik, #logosedizioni, La Rana Volante, Leone Editore, LSWR Group, Nomos Edizioni, Officine Grafiche Muzzio, Piccin Nuova Libraria, Printer Trento, Stige.L’edizione 2017 della London Book Fair ha registrato 60 Paesi espositori, circa 1500 stand e 220 seminari ed eventi a cui hanno partecipato oltre 25mila partecipanti tra visitatori professionali, espositori e partecipanti ai convegni.I Paesi Baltici sono i paesi Market Forum della London Book Fair 2018 a cui è dedicato un ciclo di approfondimenti culturali.

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Emone l’Antigone rivisitata da Antonio Piccolo

Posted by fidest press agency su lunedì, 9 aprile 2018

Roma Dal 10 al 15 aprile al Teatro India Lungotevere Vittorio Gassman (già lungotevere dei Papareschi). La tragedia de Antigone seconno lo cunto de lo innamorato, del giovane drammaturgo napoletano Antonio Piccolo che rivisita l’Antigone di Sofocle, ma vista dagli occhi del figlio di Creonte (per l’appunto Emone), col tramite di una lingua di nuovo conio portata ai nostri tempi, vincitore della prima edizione del “Premio Platea per la Nuova Drammaturgia” (pubblicazione Einaudi). Un’originale riscrittura in cui il mito rivive sul ritmo di una lingua quasi inventata, un dialetto napoletano che mescola alto e basso, registri letterari e popolari, nella messinscena di Raffaele Di Florio, su produzione del Teatro di Roma – Teatro Nazionale, Teatro Stabile di Napoli – Teatro Nazionale, Teatro Stabile di Torino –Teatro Nazionale, in collaborazione con P.L.A.TEA. Fondazione per l’Arte Teatrale. Antonio Piccolo ripropone l’emblematica storia dell’eterno conflitto tra autorità e potere della celebre “Antigone” di Sofocle, attraverso lo sguardo di Emone, personaggio minore della tragedia, figlio di Creonte, promesso sposo dell’eroina sofoclea. Con alcune varianti che riguardano, tra l’altro, i rapporti tra Ismene, la sorella di Antigone, e lo stesso Emone. «Le parole di questo dramma – spiega l’autore Antonio Piccolo – vanno lette tutte per intero, senza troncamenti, aferesi o elisioni, tranne dove indicato con l’apostrofo. Richiedono, insomma, che si leggano non come parla il napoletano contemporaneo, bensì come si usa fare con la lingua di Giovan Battista Basile, che è il principale – ma non unico – inarrivabile maestro a cui questo testo si ispira. Le libertà linguistiche restano comunque tante e tali perché si è giocato, in maniera presepiale e volutamente naïf, con vocaboli e codici dalle derivazioni più disparate, compresi quelli provenienti direttamente dalla fantasia dell’autore».Biglietti: intero 20€ _ ridotto 14€ Orari spettacolo: 10 e 11 aprile ore 21 e dal 12 al 15 aprile ore 19 Durata spettacolo: 1 ora e 20 minuti.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Al Teatro India Ivan, dai Fratelli Karamazov

Posted by fidest press agency su lunedì, 9 aprile 2018

Roma Dal 12 al 22 aprile al Teatro India Lungotevere Vittorio Gassman (già lungotevere dei Papareschi) un titanico Fausto Russo Alesi è il protagonista assoluto di IVAN, appassionante e appassionato monologo tratto dal celebre romanzo di Dostoevskij, I fratelli Karamazov, diretto con sensibilità da Serena Sinigaglia, in una riscrittura di Letizia Russo. Uno scrigno di ispirazione e riflessioni, un esercizio di teatro alto, un’unica voce che si fa espressione di una polifonia di più personaggi attraverso una scrittura raffinata e una struttura ad anello che ruota intorno alla Leggenda del Grande Inquisitore. Infatti, ad andare in scena è lo splendido capitolo dei Karamazov in cui Dostoevskij immagina che Cristo torni sulla terra, nella Siviglia dell’Inquisizione e sia messo in catene dal Grande Inquisitore. «Amo i classici. Amo la grande letteratura russa dell’800 – riflette Serena Sinigaglia – perché in essa gli uomini osavano ancora chiedersi il perché delle cose, osavano affrontare i grandi temi dell’esistenza. Chi sei? Cos’è l’uomo? Quale il senso del suo agire nel mondo? Cos’è la libertà? Esiste un ordine nel caos? E la violenza, la violenza di cui è intriso l’uomo, ha un’espiazione possibile? Abbandonarsi alla lettura de I fratelli Karamazov è un viaggio nel tempo attraverso gli uomini, nell’uomo. Ed ecco spiccare un uomo tra gli uomini, o forse è solo un ragazzo troppo maturo per i suoi anni». http://www.teatrodiroma.net Biglietti: intero 20€ _ ridotto 14€ Orari spettacolo: tutte le sere ore 21.00 _ domenica ore 17.00 _ 19 – 20 – 21 aprile ore 19.30_ Durata 1 ora e 15 minuti.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Chirurgia estetica, boom di ritocchi al naso per i selfie

Posted by fidest press agency su lunedì, 9 aprile 2018

Negli Stati Uniti il 55% degli specialisti ha operato al naso pazienti che volevano migliorare sui social: “Un fenomeno diffuso anche in Italia, dove sono sempre di più i “pazienti Instagram”, i Millennial che condividono i ritocchini in tempo reale” dice il chirurgo plastico Pierfrancesco Bove, socio della Federazione Italiana Medici Estetici (FIME) Nel 2017 il 55% dei chirurghi plastici ha avuto pazienti che si sono rifatti il naso per migliorare nei selfie: è il risultato di un’indagine condotta dalla AAFPRS, l’American Academy of Facial Plastic and Reconstructive Surgery, che registra un trend in continua crescita (+13% rispetto al 2016). “I numeri sono destinati a crescere ancora nei prossimi anni – dice Pierfrancesco Bove, chirurgo plastico socio della FIME (Federazione Italiana Medici Estetici) e amato sui social, con una pagina Facebook da 10mila like e un canale Instagram con quasi 30mila followers -. Tra i miei pazienti, sono sempre di più quelli che si sottopongono a rinoplastica e che lo fanno proprio perché non sono soddisfatti dell’immagine che vedono sui social network”.
In realtà, spesso i selfie restituiscono un’immagine alterata e non veritiera: lo dimostra uno studio pubblicato sempre negli Stati Uniti sulla rivista JAMA Facial Plastic Surgery: “I selfie non funzionano come specchi, ma distorcono l’immagine – afferma Bove -. Scattare foto a distanza ravvicinata, senza il bastoncino, fa sembrare il naso più largo del 30% negli uomini e del 29% nelle donne Questa spiegazione tuttavia non basta a far cambiare idea a chi ha deciso di sottoporsi a un intervento: i pazienti arrivano dal chirurgo plastico dopo aver attentamente analizzato il proprio aspetto e aver individuato con precisione quello che vogliono correggere. Fino a qualche anno fa, ero io che mostravo ai pazienti le differenze che, inevitabilmente, ci sono tra la parte destra e sinistra del viso e del corpo, oggi sono i pazienti a mostrarmi le asimmetrie. Inoltre, grazie all’utilizzo di filtri fotografici, sanno quanto potrebbe migliorare il proprio aspetto con qualche accorgimento e vogliono raggiungere quel risultato nella realtà e non solo in modo virtuale”.I “pazienti Instagram”, come li ha ribattezzati il dottor Bove, sono giovani, “di solito sotto i 40 anni”. Per loro la chirurgia estetica non è un tabù, ma un’esperienza da condividere sui social: “Una volta chi si faceva il ritocchino lo nascondeva, oggi ci sono moltissime pazienti che si scattano una foto prima di entrare in sala operatoria o poco dopo essersi operate, con ancora i bendaggi: vogliono condividere l’esperienza e raccontare in tempo reale come è andata” dice Bove.Il viso è la parte del corpo più gettonata per i ritocchini: “Molto richiesti sono i trattamenti per prevenire l’invecchiamento e la richiesta è sempre per risultati naturali – afferma il chirurgo plastico -. Il naso è l’intervento più gettonato perché, oltre a essere in primo piano nei selfie, richiede un intervento molto meno traumatico rispetto a qualche anno fa. Grazie alla smart rinoplastica, ho messo a punto un protocollo che abbina ottimi risultati estetici con un post operatorio rapido e indolore: si utilizza un dispositivo medico che, grazie a un campo elettromagnetico pulsato, aiuta la guarigione delle cellule danneggiate. Dopo soli 4 giorni si tolgono le medicazioni e non si usano più i tamponi, di solito molto temuti dai pazienti”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Thomas Berra: Tutti dobbiamo dei soldi al vecchio sarto di Toledo

Posted by fidest press agency su lunedì, 9 aprile 2018

Milano mostra 12 aprile – 8 giugno orari: dal lunedì al venerdì, 10:00 – 18:00 Spazio Leonardo via della Liberazione 16/a (opening su invito mercoledì 11 aprile 18:00 – 21:00)
UNA è lieta di presentare la sua prima collaborazione con Spazio Leonardo, il nuovo contenitore di Leonardo Assicurazioni – Generali Milano Liberazione. Spazio Leonardo è concepito come un organismo che cresce e si modifica, in continua evoluzione: un luogo di lavoro che si mette a disposizione della città e l’accoglie, arricchendola con nuovi spazi e proposte culturali.
In quest’ottica di apertura e interdisciplinarità, Spazio Leonardo affida la direzione artistica della sua Gallery, una lunga parete di 22 metri posizionata all’ ingresso della sede e visibile dall’esterno, a UNA, nuova galleria d’arte contemporanea dedicata alla promozione di artisti emergenti e alla ricerca. Nasce quindi un programma annuale che, da aprile a dicembre 2018, propone una serie di tre mostre personali di giovani artisti italiani: Thomas Berra (aprile – giugno); Simone Monsi (giugno – settembre); Irene Fenara (ottobre – dicembre).
Ogni artista è invitato a realizzare un progetto site-specific, pensato per la Gallery, che attraverserà la hall dell’agenzia dialogando con la natura multiforme di Spazio Leonardo e verrà documentato in un catalogo con testi critici e installation view. Le mostre saranno fruibili al pubblico gratuitamente durante gli orari di apertura dell’agenzia, costituendo un’occasione di scambio e incontro tra lo spazio e la città.
La collaborazione tra UNA e Spazio Leonardo, due realtà operanti in ambiti differenti ma che condividono una visione aperta al futuro e alle sinergie, vuole essere un esempio virtuoso della relazione tra arte e impresa, capace di produrre effetti positivi e di crescita non solo per gli attori coinvolti ma anche per il territorio di riferimento.
Il primo appuntamento del programma espositivo è la mostra personale di Thomas Berra: Tutti dobbiamo dei soldi al vecchio sarto di Toledo. Fulcro del progetto site-specific è un grande wall painting lungo tutta la parete della Gallery, una delicata gouache improntata alla pittura segnica e gestuale, su cui si posizionano una serie di lavori su carta e su tela di piccolo e medio formato. “Con la sua ultima produzione Thomas Berra indaga e sperimenta la natura dei segni”.In questi lavori la superficie, sia quella del foglio che quella della parete, si presta ad accogliere l’esperienza fisica dell’artista, che riscopre la gioia e la vitalità di un gesto che traccia una linea con una mano rapida e sicura. Quelli di Thomas Berra sono colpi veloci e pre-razionali, segni dell’attimo: forme semplici e morbide dai colori liquidi e dalle tinte luminose e chiare. Attraverso questa ossessiva ripetitività del segno l’artista sembra voler affermare l’impossibilità di una pittura puramente intellettuale.”
(Simona Squadrito)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: Mobilità docenti di sostegno

Posted by fidest press agency su lunedì, 9 aprile 2018

Forte delle sentenze delle sezioni unite della Cassazione, che riconoscono la parità di trattamento tra personale a tempo determinato e indeterminato, il giovane sindacato consiglia agli interessati di non soccombere alla norma iniqua imposta dal Ministero di Viale Trastevere: perché gli anni validi ai fini del raggiungimento del quinquennio sono sia quelli svolti da precari, sia successivamente alla stipula del contratto di assunzione in ruolo, sempre su sostegno .Marcello Pacifico (Anief-Cisal): Su questa lunghezza d’onda si sono anche sintonizzati tutti i tribunali del lavoro, specialmente dopo le sentenze delle sezioni unite della Corte Cassazione che riconoscono la parità di trattamento tra personale a tempo determinato e indeterminato. Noi siamo convinti che tale espressione non può rimanere lettera morta: per questo, invitiamo tutti gli insegnanti di sostegno che hanno superato l’anno di prova ed in precedenza svolto servizio sullo stesso posto, per un periodo complessivo di almeno cinque anni, a rivolgersi al nostro sindacato per presentare domanda di mobilità entro il prossimo 26 aprile.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Alunni disabili: la metà cambia docente di sostegno ogni anno eppure la soluzione è a portata di mano

Posted by fidest press agency su lunedì, 9 aprile 2018

Almeno 100 mila allievi con problemi di apprendimento (il 43% dei 233 mila alunni disabili presenti quest’anno nelle classi di ogni ordine di scuola) si sono visti assegnare un insegnante specializzato diverso: tuttavia, la rivista Tuttoscuola ha calcolato come una spesa per le Casse dello Stato di circa 1.650 euro per alunno disabile permetterebbe la stabilizzazione dei posti di sostegno. Solo il 7% di quanto già si spende, ma il risultato sarebbe del tutto diverso. Una soluzione è necessaria, anche perché aumenta di anno in anno il numero degli alunni disabili (+106% negli ultimi vent’anni) e con esso anche quello dei docenti di sostegno precari: 10 mila nel 99-00 (17% del totale docenti di sostegno), 30 mila nel 2004-05 (38%), 40 mila nel 2007-08 (45%!), 41.021 nel 2016-17 (29,8%). Che ‘deroga’ è un fenomeno che da decenni riguarda una fetta così larga del corpo degli insegnanti di sostegno? Una contraddizione in termini. Eppure ancora oggi dunque quasi un insegnante di sostegno su 3 è ‘in deroga’, cioè precario per scelta (dello Stato), non per necessità.Marcello Pacifico (presidente nazionale Anief): Ben 100mila alunni disabili sono costretti a subire il valzer dei 41 mila supplenti chiamati ogni anno su posti vacanti e disponibili, ma esclusi dal reclutamento per colpa delle leggi dello Stato. Per ragioni di finanza, applicando la L.244/07, sino alla più recente L.128/13, l’organico di diritto del sostegno è bloccato al 70% di quello annualmente utilizzato, nonostante invece ogni anno cresca di quasi 8 mila unità il numero di alunni con disabilità certificata iscritti nelle nostre scuole. Inoltre, ora che secondo la Cassazione i precari hanno diritto allo stesso trattamento economico dei colleghi di ruolo, non si comprende perché debba essere impedito il diritto alla continuità didattica da parte del personale a tempo determinato: è un problema facilmente risolvibile, non con l’assegnazione di supplenze triennali, come autorizza il D.lgs 66/17, ma piuttosto con la stabilizzazione del personale e incentivi a permanere nei ruoli e non invece penalizzazioni per i passaggi di ruolo.

Posted in scuola/school, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Flotte aziendali con LoJack Connect: servizi di connettività avanzata a misura di fleet manager

Posted by fidest press agency su lunedì, 9 aprile 2018

Semplificare e rendere più efficiente la gestione quotidiana del parco auto, consentendo ai fleet manager di attuare saving sulla base delle informazioni rilevate in tempo reale sui veicoli e di renderli più sicuri misurando e migliorando anche lo stile di guida dei propri driver.
Con questi obiettivi nascono le innovative soluzioni di mobilità avanzata per le flotte aziendali illustrate da LoJack, la società americana che fa parte del colosso della telematica CalAmp, in occasione del Fleet Motor Day, l’evento annuale dedicato ai fleet e mobility manager tenutosi presso l’autodromo di Vallelunga.
La tecnologia LoJack Connect apre oggi nuove prospettive per i fleet manager, guidando la telematica al servizio delle loro necessità attraverso una gamma di servizi a valore aggiunto, come “Driving Behavour”, il sistema unico che analizza gli stili di guida dei singoli driver sulla base di alcuni parametri (velocità, partenze e frenate brusche, ad esempio), assegnando loro un punteggio che, in base al grado di correttezza di guida, li qualifica in una di cinque categorie: driver tranquillo, prudente, regolare, nervoso, aggressivo. Questo monitoraggio consente al fleet manager di intervenire in modo proattivo per aumentare il livello di sicurezza della propria flotta con iniziative mirate, ad esempio attraverso corsi di formazione per i driver meno virtuosi e con premi per i più attenti, ma anche di ottimizzare i costi assicurativi potendo verificare concretamente il livello di guida del proprio parco.
Sempre nell’ottica della promozione della safety e del contenimento dei costi assicurativi si inquadra CrashBoxx™, il sistema affidabile di gestione del rischio che fornisce ai gestori di flotte una conoscenza in tempo reale, dettagliata e attiva degli eventi di crash, permettendo assistenza in tempo reale.Grazie alle molteplici informazioni raccolte ed elaborate costantemente da LoJack Connect, è possibile monitorare efficacemente i principali indicatori dei veicoli in noleggio, semplificando la gestione di alcuni momenti critici della locazione (dai citati crash, alla manutenzione, passando per il monitoraggio dei consumi di carburante, i furti, l’analisi degli stili di guida dei singoli driver, i costi e i tempi di riparazione e le multe), generando così saving economici per le aziende e migliorando l’assistenza ai driver.
“Negli ultimi 10 anni per il mondo della mobilità aziendale, e non solo” – ha commentato Massimo Braga, Vice Direttore Generale di LoJack Italia – “LoJack ha rappresentato uno strumento efficace per recuperare auto e moto rubate grazie all’esclusiva tecnologia in radiofrequenza, alla partnership consolidata con le forze dell’ordine e a un team Law Enforcement sempre attivo sul territorio; elementi unici che hanno consentito di restituire ai legittimi proprietari oltre 3.000 veicoli a noleggio, anche in condizioni estreme e superando barriere fisiche (container, garage sotterranei) e tecnologiche (jammer) utilizzate dai malviventi.
Oggi connettività, analisi in tempo reale e Big Data costituiscono ‘The New How’ di LoJack per la connected economy. Grazie all’offerta innovativa di servizi telematici e a nuove soluzioni hi-tech modulabili sulle diverse esigenze, i fleet manager possono analizzare in maniera sofisticata le informazioni provenienti dai veicoli e migliorarne l’utilizzo in modo tangibile”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Assemblea Generale dell’EGU, l’European Geosciences Union

Posted by fidest press agency su lunedì, 9 aprile 2018

Vienna fino al 13 aprile si terrà L’European Geosciences Union (EGU) ha lo scopo di fornire un forum scientifico a tutti quei ricercatori impegnati nelle varie discipline legate alle Geoscienze (Scienze della Terra, Planetarie, Spaziali), e vede la partecipazione di geoscienziati da tutto il mondo. Le attività che da anni vedono impegnati i professori Andrea Catorci e Paola Scocco in progetti di sostenibilità ambientale delle attività zootecniche finalizzati alla salvaguardia della biodiversità dei pascoli naturali e al rispetto del benessere animale, attraverso ricerche volte alla gestione conservativa degli ecosistemi pastorali in condivisione con le aziende agro-zootecniche del territorio, hanno fatto sì che il prof. Martin Wikelski, Direttore al Max Planck Institute for Ornithology-Radolfzell, e la dott.ssa Uschi Müller, Project Manager di ICARUS (che ha tra le sue finalità quella di prevedere disastri mediante gli animali), arrivati all’indomani del sisma per improntare uno studio sul comportamento degli animali domestici in relazione alle scosse sismiche, si rivolgessero ai due docenti della Scuola di Bioscienze e Medicina veterinaria di UNICAM per la pianificazione dei necessari rilievi.La consueta disponibilità dell’azienda Angeli di Capriglia di Pievetorina, ha consentito di radiocollarare soggetti di diverse specie animali che sono stati monitorati per vari mesi. I dati raccolti e analizzati hanno permesso di individuare modificazioni significative rispetto al livello basale, delle attività di accelerazione corporea collettiva degli animali, che precedono da 2 a 18 ore gli eventi sismici in funzione della distanza dall’ipocentro. I dati preliminari, che verranno presentati nella sessione “Predizione a breve termine dei terremoti e valutazione multi-parametrica tempo-dipendente del rischio sismico” costituiscono il punto di partenza per l’ottenimento di parametri che potranno in futuro essere integrati nei processi decisionali di gestione degli eventi sismici.

Posted in Estero/world news, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il gruppo Technicis annuncia l’acquisizione di TextMaster

Posted by fidest press agency su lunedì, 9 aprile 2018

Parigi. Il gruppo Technicis, leader europeo della traduzione professionale, è lieto di annunciare l’acquisizione di TextMaster. Questa operazione si inscrive nella strategia del gruppo Technicis – di cui fa parte anche il gruppo italiano Arancho Doc -, mirata a rafforzare la propria offerta tecnologica, per proporre nuove soluzioni a clienti e traduttori e potenziare la propria presenza sul mercato della traduzione online.
Fondata nel 2011, TextMaster è la prima soluzione globale di traduzione professionale in SaaS (Software as a Service). La società riunisce in un’unica piattaforma tecnologie proprietarie di intelligenza artificiale e una rete di traduttori esperti in tutto il mondo, per consentire alle aziende di accelerare il loro sviluppo internazionale. Presente in Francia, Belgio, Germania, Paesi Bassi e Italia e con una rete di oltre 12.000 clienti in 150 paesi, TextMaster si è imposta in meno di sei anni come il leader della traduzione online in Europa. Tra i suoi clienti si annoverano vente-privee, Estée Lauder, Maisons du Monde e Club Med.
L’acquisizione da parte del gruppo Technicis conferma il successo di un’azienda che, fin dalla sua creazione, registra una crescita media di oltre il 100% e un fatturato di 7 milioni di euro nel 2017, di cui il 30% realizzato all’estero. Gli investitori (Serena, Alven ed eFounders), nonché i fondatori e i business angel che hanno contribuito al finanziamento di TextMaster, escono dal capitale dell’azienda in seguito a questa acquisizione.Thibault Lougnon, CEO di TextMaster, spiega: “Sono particolarmente felice di questa unione che viene a coronare cinque anni di intenso sviluppo tecnologico e commerciale. TextMaster, cresciuta rapidamente da 0 a 7 milioni di euro di fatturato, dispone ora dei mezzi industriali necessari per accelerare ulteriormente il suo sviluppo e raggiungere, insieme a Technicis, i vertici del settore.”Benjamin du Fraysseix, CEO del gruppo Technicis, dichiara: “TextMaster ci ha immediatamente conquistato per due ragioni: la tecnologia di cui dispone, fra le più sviluppate sul mercato, e un team giovane e dinamico di circa 40 persone, che accelera la digitalizzazione del gruppo. Siamo lieti di accogliere TextMaster nel gruppo Technicis e di unire le nostre forze sul mercato europeo.” L’acquisizione di TextMaster è l’ultima del gruppo Technicis dopo V.O. Paris (2012), Cogen (2015), Translation Probst (2016) e Arancho Doc (2017). Il marchio TextMaster manterrà la sua autonomia e continuerà a esistere sotto questo nome.
Grazie ai suoi 320 collaboratori in Francia, Svizzera, Belgio, Italia, Spagna, Finlandia, Repubblica Ceca e Canada, il gruppo Technicis ha come obiettivo un fatturato di 60 milioni di euro nel 2018. Con un portafoglio di oltre 2.500 clienti, il gruppo collabora con la maggior parte delle società del CAC 40, nonché con grandi organizzazioni europee e americane. Già presente nella top 10 mondiale delle società di traduzione, il gruppo ambisce a entrare nella top 5 entro due anni grazie a nuove acquisizioni.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »