Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Archive for 19 aprile 2018

A Parigi i ferrovieri francesi contro il neoliberismo di Macron

Posted by fidest press agency su giovedì, 19 aprile 2018

“Convergence des luttes” è la parola d’ordine con la quale la CGT ha organizzato una giornata di scioperi, proteste e cortei in tutta la Francia contro le politiche e le strategie neoliberiste di Macron, con ben 133 manifestazioni che hanno punteggiato il paese dal Nord al Sud. A trascinare la lotta sono i ferrovieri della SNCF – i primi entrati nel mirino degli ardori privatizzatori dell’Eliseo – giunti già all’ottavo giorno di sciopero dei 36 indetti da tutte le sigle sindacali contro le riforme di Macron, ma la giornata della rabbia ha portato in piazza tra gli altri anche i dipendenti della Sanità e delle Poste. L’Unione Sindacale di Base su invito della CGT è presente oggi alla manifestazione partita alle 14 dalla stazione di Montparnasse con destinazione Place d’Italie, per portare la solidarietà in prima persona ai lavoratori francesi esposti ai diktat neoliberisti di Macron e dei suoi sodali.
Altissima è stata l’adesione allo sciopero degli “cheminots”: viaggiano un solo Tgv su tre e due soli convogli regionali su cinque. Alla giornata di mobilitazione si sono aggiunti anche gli studenti, mentre i lavoratori del comparto energetico stanno pianificanzo azioni di appoggio allo sciopero dei ferrovieri.

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La Unión de Periodistas Árabes condena la triple agresión contra Siria

Posted by fidest press agency su giovedì, 19 aprile 2018

La Unión de Periodistas Árabes condenó la triple agresión contra Siria, y manifestó su solidaridad con Siria.En un comunicado, dijo que la Unión siguió muy preocupada la triple agresión occidental contra el territorio sirio la madrugada del sábado pasado, que atacó centros científicos, y de investigación, y posiciones militares, exigió iniciar una investigación internacional al respecto.La Unión expresó su solidaridad con el pueblo sirio contra la agresión que tuvo lugar antes de esperar el resultado de la visita de los expertos de la OPAQ a la ciudad de Douma. La Unión de Periodistas Árabes exigió a la comunidad internacional asumir sus responsabilidades para alcanzar una solución política a la crisis, con el fin de detener el derrame de la sangre siria, y garantizar la soberanía del territorio sirio. (font: Sana la Agencia Arabe Siria de noticias)

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Un anno potenzialmente favorevole per le obbligazioni asiatiche”

Posted by fidest press agency su giovedì, 19 aprile 2018

A cura di Clifford Lau, Head of Fixed Income, Columbia Threadneedle Investments. In contrasto con l’inasprimento monetario negli Stati Uniti e con il rallentamento del quantitative easing nell’Unione europea, le banche centrali asiatiche mantengono attualmente una politica monetaria accomodante. Da un punto di vista macro, ciò dà sostegno ai mercati obbligazionari asiatici.In questo contesto stabile, il reddito fisso asiatico offre potenzialmente ricche opportunità per il 2018. Tra i temi chiave figurano: il premio di rendimento delle obbligazioni asiatiche, il miglioramento della solidità delle aziende, il progresso dei mercati di frontiera e il vigore delle valute del continente.Tuttavia, nel 2018 sarà importante adottare un approccio più selettivo che nel 2017. I rischi d’inflazione sono in aumento in tutto il mondo a causa del rialzo dei prezzi di generi alimentari ed energia. In Asia l’inflazione appare ancora gestibile, ma anche qui si registrano rischi crescenti. La situazione è in netto contrasto con il 2017, quando le banche centrali locali hanno ridotto i tassi d’interesse a fronte dell’attenuazione delle pressioni inflazionistiche.
L’aumento dei consumi, la diffusione della tecnologia e la crescente urbanizzazione in Asia sono temi positivi per gli investitori obbligazionari. In generale, l’Asia rimane su una traiettoria di rapido sviluppo che favorisce il miglioramento degli standard di vita e l’arricchimento dei nuclei famigliari, incrementando le opzioni di spesa e modificando le preferenze dei consumatori. L’investimento in obbligazioni di società con un’esposizione a questi temi importanti può generare rendimenti interessanti per gli obbligazionisti.Il tema dei consumi è caratterizzato da un miglioramento della qualità della vita, da un aumento delle opportunità di viaggio e di svago, da maggiori acquisti di prodotti di moda e di abbigliamento, da una domanda più sostenuta di servizi finanziari e da livelli più elevati di credito al consumo. L’innovazione tecnologica coinvolge produttori di hardware e software e operatori dell’e-commerce, con un’espansione degli ecosistemi digitali e l’integrazione regionale tramite attività economiche condivise. Tra le caratteristiche della rapida urbanizzazione in corso si annoverano la conversione da carbone a gas, la nascita di una “Silicon Valley” nella Shenzhen Greater Bay Area e l’emergere di grandi società immobiliari a livello regionale.
Inoltre, vi sono importanti iniziative promosse dalle autorità che contribuiranno a definire la traiettoria economica dell’Asia e a generare opportunità per gli investitori globali. In Cina queste iniziative comprendono la Belt & Road Initiative, la riduzione dell’indebitamento aziendale e l’esportazione della capacità inutilizzata. Nel resto della regione, le più importanti sono la ricapitalizzazione delle banche indiane e le opportunità transfrontaliere per le società del Sudest asiatico nell’ambito della Comunità economica dell’ASEAN.Lo scorso anno i titoli di Stato asiatici hanno attratto gli investitori globali che erano alla ricerca di un rendimento incrementale, e le loro valutazioni, al pari dei loro fondamentali sottostanti, rimangono appetibili rispetto a quelli del reddito fisso core dei mercati sviluppati. Nello specifico, le prospettive d’inflazione favorevoli della regione sostengono le obbligazioni a duration lunga, ad esempio dell’Indonesia.
Le emissioni sovrane dei mercati di frontiera asiatici offrono attualmente un premio di rendimento ancora più elevato. Da una prospettiva macroeconomica, questi mercati includono economie con fondamentali positivi quali: l’adesione alle linee guida dell’FMI (Sri Lanka), ricadute positive del rialzo dei prezzi delle materie prime (Mongolia) e l’attenuazione del rischio politico (Pakistan).
Molte società asiatiche hanno annunciato una crescita vigorosa degli utili nel 2017 e dovrebbero fare lo stesso quest’anno. La robusta domanda interna, l’aumento dei volumi delle esportazioni (con buona pace delle tensioni commerciali tra USA e Cina), l’uso efficace dell’e-commerce per incrementare le vendite e ridurre i costi, e il supporto logistico fornito dallo sviluppo delle infrastrutture contribuiscono tutti ad accrescere la redditività. Il miglioramento della solidità aziendale dovrebbe essere sostenuto dall’ulteriore riduzione dell’indebitamento, che potenzia la copertura degli interessi e i profili di liquidità.Gli spread delle obbligazioni investment grade asiatiche rispetto alle omologhe statunitensi potrebbero subire un’ulteriore compressione (nonostante i livelli storicamente ridotti), specialmente sulla scia dell’indebolimento dei fondamentali societari negli Stati Uniti. Lo spread per unità di leva in Asia, a 146 punti base (pb), è più interessante rispetto a quello delle obbligazioni corporate investment grade dei mercati sviluppati, che offrono appena 40-50 pb, ed è indicativo del profilo di rischio-rendimento molto più favorevole della regione. Le recenti operazioni di allungamento delle scadenze hanno inoltre ridimensionato i rischi di rifinanziamento a fronte dell’aumento dei tassi d’interesse statunitensi.Le obbligazioni societarie high yield asiatiche si presentano generalmente solide, anche se i fondamentali sono più robusti al di fuori del settore immobiliare e di quello minerario, dove registrano nondimeno un miglioramento grazie all’aumento dei contratti di vendita stipulati nel primo e dei rincari delle materie prime nel secondo. Il tasso d’insolvenza è pari al 2%, contro la media del 2,4% dei mercati emergenti, e il segmento high yield asiatico resta relativamente sottovalutato con un minor rischio di duration in un contesto globale.
L’andamento dei tassi di cambio rimarrà una determinante fondamentale della performance dei mercati obbligazionari locali asiatici. Lo scorso anno molte banche centrali regionali hanno adottato politiche accomodanti in risposta all’inflazione modesta; le valute beneficiavano della vulnerabilità del dollaro USA ed erano ulteriormente sostenute dalla solidità dei saldi esterni. La situazione nel 2018 sarà probabilmente più sfumata. Gli investitori si concentreranno verosimilmente sui mercati obbligazionari locali di paesi con prospettive d’inflazione moderate e tassi d’interesse reali più elevati rispetto agli omologhi regionali, con significative riserve di valuta estera da usare come contrafforte contro la volatilità dei tassi di cambio e una crescita economica sostenibile rafforzata da sistemi politici stabili.Più in generale, la rapida crescita del PIL in quasi tutti i paesi asiatici dovrebbe sostenere le divise locali. Solo l’Indonesia è in leggero ritardo sulla base dei dati relativi all’indice PMI.
Gli investitori devono operare in chiave selettiva in tutti i segmenti dei mercati obbligazionari asiatici, individuando quelli che dovrebbero prosperare nell’attuale scenario macroeconomico. Riteniamo opportuno evitare alcuni settori, come quello delle telecomunicazioni indiano, dove la concorrenza spietata minaccia di spingere al ribasso i margini. Permangono inoltre pericoli sul fronte geopolitico, in particolare il rischio di un intervento armato nella penisola coreana e la minaccia di una guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina.Tuttavia, la crescente presenza di investitori asiatici sta rafforzando i mercati obbligazionari della regione. Le sottoscrizioni di nuove emissioni e la performance del mercato secondario sono molto meno dipendenti dagli asset manager statunitensi ed europei rispetto ad alcuni anni fa. Un ruolo importante è svolto anche dalle società di wealth management in espansione e dalle compagnie assicurative regionali. I loro specifici requisiti di portafoglio aggiungono nuove spessore ai mercati.Per ottenere rendimenti positivi e regolari dagli investimenti occorre un approccio flessibile e diversificato all’investimento in Asia che dia agli investitori la possibilità di generare alfa nell’arco del ciclo economico.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

All’Università di Parma la finale regionale dei Giochi della Chimica

Posted by fidest press agency su giovedì, 19 aprile 2018

Parma sabato 21 aprile, alle ore 9.30, al Nuovo Polo Didattico dell’Università di Parma in via Kennedy (angolo vicolo Santa Maria) si svolgerà la finale regionale dei “Giochi della Chimica”.
Alla gara, valida per la selezione della rappresentativa italiana che parteciperà alla cinquantesima edizione delle Olimpiadi internazionali della Chimica (in programma a Bratislava e Praga dal 19 al 29 luglio), parteciperanno 167 allievi provenienti da più di 10 istituti di istruzione superiore.Quest’anno la regione Emilia-Romagna guadagna il primo posto in Italia come numero di partecipanti, con un totale di 809 allievi provenienti da 50 scuole.I Giochi della Chimica, patrocinati dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (MIUR), sono stati inseriti dal MIUR tra le iniziative di valorizzazione delle eccellenze riguardanti gli studenti delle scuole secondarie superiori.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Scuola: – 50mila diplomati magistrale fuori dalle GaE

Posted by fidest press agency su giovedì, 19 aprile 2018

Maxi-ricorso in Cassazione: 10 buoni motivi per chiedere l’annullamento della sentenza n. 11 del Consiglio di Stato. Ci sono almeno dieci validi motivi per impugnare alla suprema Corte la sentenza n. 11 dell’Adunanza Plenaria del Consiglio di Stato dello scorso 20 dicembre, che ha estromesso dalle GaE docenti precari con diploma magistrale. Le motivazioni toccano più punti: dall’eccesso di potere giurisdizionale al difetto assoluto di giurisdizione, fino alla violazione della Costituzione e della Cedu. Quattordici sono i legali patrocinanti tra cui gli avvocati Zampieri, Galleano, De Michele, Miceli: hanno agito per Anief, che ha già notificato il ricorso a Strasburgo, ha depositato il reclamo collettivo al Consiglio UE e ha fornito un parere motivato firmato dall’ex presidente della Cassazione per le docenti immessi in ruolo con riserva che hanno superato l’anno di prova. Marcello Pacifico (presidente nazionale Anief): Questa nuova azione legale permetterà di chiedere la sospensione dei processi e il congelamento delle posizioni delle maestre e di maestri che insegnano nelle nostre scuole, in attesa di una risposta della politica sulla richiesta della riapertura delle GaE: è una richiesta per noi fondamentale, i cui esiti interessano anche tutto il resto del personale regolarmente abilitato all’insegnamento che continua ad essere lasciato senza ragione fuori dalle supplenze annuali e delle stabilizzazioni.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Libro: Fra mani rifiutate di Pietro Romano

Posted by fidest press agency su giovedì, 19 aprile 2018

Esce il secondo volume della collana diretta da Nicola Vacca nella collana Z per i Quaderni del Bardo Edizioni. “La poesia è la casa delle parole e il poeta cerca la porta per potere abitare le sue stanze. Fra mani rifiutate è il libro di Pietro Romano, un poeta che scava nelle stanze delle poesia con l’intenzione di stabilire un contatto con le parole. I suoi versi indicano attraversamenti, scorticano la realtà fino a cogliere della sua forma tutta la scarnificazione che è necessaria a stabilire un contatto con l’esistenza. La sua poesia, in questo senso, è coma di varianti infinite che esplorano l’esistenza e i suoi campi minati. Il poeta prende tra le mani la parola e con gli occhi vigili sul mondo, quasi a voler lasciare una testimonianza, si insinua tra le pagine di quel “sentimento dell’esserci”, perché quello che conta nell’insensatezza di tutto è lasciare una traccia. Fra mani rifiutate è il libro di un poeta consapevole dell’importanza delle parole e del fatto che non ci sono parole all’altezza del presente che ci inghiotte. Davanti alle ustioni del mondo il poeta ha il dovere di inventare una lingua che brucia. Pietro Romano nelle sue poesie incendia le parole, chiama lo spavento in cui siamo finiti con il suo nome e non fa sconti al disincanto che ci assedia.” (Nicola Vacca)
Pietro Romano (Palermo 1994) Appassionato di arte e letteratura, inizia fin dalla tenera età ad abbozzare brevi poesie e racconti. Dopo essersi diplomato al Liceo Classico Vittorio Emanuele II di Palermo, frequenta il corso di Laurea in Lettere della sua città laureandosi con una tesi dal titolo “Le due anime di Giuliana Saladino: fra giornalismo e letteratura”. È autore di una raccolta di poesie, dal titolo “Il sentimento dell’esserci” (Rupe Mutevole, 2015). Suoi scritti compaiono in diverse antologie cartacee e riviste, fra cui Nel nome di Alda (Ursini Edizioni, 2015) e Repertorio di Arte e Poesia (Ursini Edizioni, 2016), In Verbis Lingue Letterature Culture anno VI, n 1, 2016 Ridersela della cultura. Comicità e sovversione delle idee dominanti tra XV e XVIII secolo (Carocci, 2016).
Nicola Vacca è nato a Gioia del Colle, nel 1963, laureato in giurisprudenza. È scrittore, opinionista, critico letterario, collabora alle pagine culturali di quotidiani e riviste. Svolge, inoltre, un’intensa attività di operatore culturale, organizzando presentazioni ed eventi legati al mondo della poesia contemporanea.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Con l’Orchidea dell’UNICEF fai rifiorire la vita”

Posted by fidest press agency su giovedì, 19 aprile 2018

Il prossimo fine settimana, 21 e 22 aprile, in oltre 2.200 piazze in tutta Italia torna l’Orchidea dell’UNICEF a sostegno dei “Bambini Sperduti”, colpiti da conflitti, violenze, calamità o povertà, alla ricerca di una vita migliore. Quest’anno circa 11.000 volontari UNICEF si mobiliteranno per promuovere l’iniziativa. A fronte di un contributo sarà possibile ricevere l‘Orchidea UNICEF e sostenere la campagna “Bambini Sperduti” per garantire aiuto, sostegno e protezione a tanti bambini. “Siamo orgogliosi di annunciare che anche quest’anno torna in piazza l’Orchidea dell’UNICEF, arrivata ormai al nono anno” – ha dichiarato Giacomo Guerrera, Presidente dell’UNICEF Italia. “Grazie al sostegno di migliaia di volontari e di tutti coloro che hanno deciso di sostenere l’UNICEF in questa iniziativa, in otto edizioni, abbiamo raccolto più di 12 milioni di euro e salvato così le vite di milioni di bambini in tutto il mondo. Il nostro lavoro però non si ferma, perché insieme possiamo fare molto di più. Per cui invito tutti a scendere in piazza i prossimi 21 e 22 aprile per sostenere l’UNICEF e tutti quei bambini che hanno bisogno del nostro aiuto.” Grazie alla campagna “Bambini Sperduti”, nel 2017 in Italia nell’ambito di ONE UNICEF Response sono stati oltre 7.000 i minori stranieri non accompagnati raggiunti dall’UNICEF; 1.195 i kit d’emergenza distribuiti a bordo delle navi della Guardia Costiera; 1.600 gli operatori sociali formati; 2.100 gli adolescenti che hanno partecipato ad attività di supporto ai percorsi educativi e oltre 500 i minori ascoltati attraverso piattaforma digitale U-Report on the move, che permette un canale diretto con i minori con cui si è condotto un percorso volto all’empowerment e allo sviluppo delle competenze di vita.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Invito al matrimonio si aggiudica il Premio del Pubblico al Middle East Now

Posted by fidest press agency su giovedì, 19 aprile 2018

Un altro grande successo di critica e di pubblico per Wajib – Invito al matrimonio. Già vincitore al Festival Internazionale del Cinema di Dubai come Miglior Film e Miglior Attore, ieri il film si è aggiudicato il Premio del Pubblico al Middle East Now Festival di Firenze, di cui è stato anche il film di apertura. Ambientato nella comunità cristiana di Nazareth, in Palestina, il film – diretto dalla pluripremiata regista palestinese di When I saw you, Annemarie Jacir, e interpretato da due straordinari attori, Mohammed e Saleh Bakri, padre e figlio sullo schermo e nella vita – evidenzia le criticità e le difficoltà del vivere in una terra martoriata, in cui pragmatismo e idealismo non sempre riescono a convivere. Il titolo Wajib, che tradotto in italiano significa “dovere”, fa riferimento alla tradizione palestinese secondo la quale il padre e i fratelli della sposa hanno il dovere sociale di consegnare personalmente gli inviti di matrimonio. Un gesto solenne e culturalmente importante che dà vita a un road-movie profondo ed emozionante, che esplora la complessità del rapporto padre-figlio nel confronto tra liberà e dovere, modernità e tradizione.Il film, che ha ottenuto anche il Premio ISPEC (Istituto di Storia e Filosofia del Pensiero Contemporaneo) al Festival di Locarno 2017, sarà distribuito da Satine Film a partire dal 24 aprile 2018.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Menarini sceglie Google Cloud per la trasformazione digitale

Posted by fidest press agency su giovedì, 19 aprile 2018

Il Gruppo Menarini, azienda farmaceutica italiana leader nel mondo con una presenza in 136 paesi, annuncia una nuova collaborazione con Google per un progetto di trasformazione di digitale. Al centro di questo percorso d’innovazione è lo smart working, inteso come un nuovo approccio al lavoro, più facile e agile, che permetterà ai 17.000 dipendenti del gruppo di collaborare in tempo reale a livello globale, grazie a G Suite, la soluzione enterprise di Google Cloud per la collaborazione e la condivisione aziendale.
Menarini, che da sempre promuove l’innovazione tecnologica, ha deciso di puntare su Google Cloud per consentire alle persone di collaborare in modo sempre più veloce ed efficace. G Suite consiste, infatti, in una serie di strumenti accessibili ovunque da ogni dispositivo e permette di accedere a documenti o fogli di lavoro in tempo reale, lavorando contemporaneamente alle modifiche tramite un unico documento condiviso all’interno di un team. Completano la suite: Gmail per la posta elettronica aziendale, il Calendario per l’organizzazione delle agende e Hangouts/Meet per chat aziendali e videoconferenze.In circa sei mesi, l’azienda ha migrato su Google Cloud tutti gli utenti del gruppo, avviando un cambiamento culturale e organizzativo e supportando al meglio l’operatività dei singoli e dei team di lavoro. La transizione è stata coordinata dalla Direzione Information and Communications Technology e Sviluppo Organizzativo del Gruppo, tramite azioni mirate volte a facilitare il processo di adozione della nuova piattaforma. Attraverso G Suite è stato realizzato, inoltre, un portale multilingua finalizzato a supportare tutto il personale nel mondo, mediante: video tutorial, brevi manuali d’uso e risposte a domande frequenti.“Investire su un sistema di comunicazione efficiente, all’avanguardia e sicuro era fondamentale per un’azienda come Menarini” – ha detto Alberto Giovanni Aleotti, vicepresidente del Gruppo Menarini – “Con Google più di 17.000 dipendenti possono contare su una piattaforma innovativa, smart e protetta”.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Le collezioni di Daniela Moretti a “Fucina Madre”

Posted by fidest press agency su giovedì, 19 aprile 2018

Matera dal 21 al 25 aprile. Il suo laboratorio è la sua terra, le mura entro le quali forgia sono rappresentate dal vento, dalla forza dell’acqua e dal sole. La creatrice di gioielli contemporanei Daniela Moretti è figlia della Basilicata, patria di cultura e di arte, ma anche di fatiche e sacrifici. Elementi che si riscoprono in ogni opera e che non sfuggono all’occhio attento dell’osservatore che, nella simbologia, ritrova i significati della genesi.
Ed è esattamente nel compimento di questo percorso che la designer originaria di Rionero in Vulture (Pz), parteciperà all’edizione 2018 di “Fucina Madre”. Si tratta, nello specifico, di un progetto turistico integrato, nato per far conoscere e promuovere la grande tradizione artigiana della Basilicata, che affonda le sue radici nella pratica millenaria del “saper fare”. Nello splendido paesaggio lucano, tra borghi arroccati e città d’arte, l’inventiva e l’ingegno entrano in contatto non solo con chi ha desiderio di conoscenza, ma anche con lo scenario incantato di Matera, dichiarata “Patrimonio dell’Umanità”. È la Capitale Europea della Cultura 2019, infatti, ad accogliere le ramificazioni di questo evento così particolare. Daniela Moretti sarà presente dal 21 al 25 aprile con una propria collezione nell’area dedicata all’”Expò dell’artigianato e del design”, declinando a suo modo le sfumature di una regione che vive nell’abbraccio di due mari un rapporto quasi simbiotico con la natura.«È innegabile – evidenzia la Moretti – che l’artigianato, inteso nel senso più nobile del termine, è una contaminazione perfetta tra ideazione e manualità: con il saper inventare e il saper produrre si contribuisce ad impreziosire il luogo in cui si opera e la comunità in cui si sviluppato il singolo essere artista. Ed è esattamente da questo punto di vista che il lavoro diventa sinonimo di offerta turistica, considerato la modalità in cui l’arte trasforma il territorio in destinazione. Nel corso di questi anni – il mio brand è stato lanciato ufficialmente sul mercato solo due anni addietro – ho tenuto sempre bene in mente cosa significa nascere e crescere in Basilicata e partecipando a “Fucina Madre” sono pronta a rendere la mia testimonianza: i gioielli che presento a Matera sono un atto d’amore verso la terra della luce».

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Teatro Palladium: dalla ‘Fedra’ di Seneca

Posted by fidest press agency su giovedì, 19 aprile 2018

Roma Venerdì 20 aprile 2018 – Ore 21 Teatro Palladium – Università Roma Tre Piazza Bartolomeo Romano 8, spettacolo liberamente tratto da Fedra di Seneca di e con Maria Elena Curzi e Alessandra De Luca videoarte e foto Adriano Pucciarelli musiche originali Roberto Ribuoli costumi Arianna Pioppi e Medea Labate disegno luci Francesco Ciccone voce fuori campo Daniele Di Matteo foto di scena Matteo Nardone. Prezzi spettacoli: intero € 15 / ridotto € 10 / studenti € 5.
Uno spettacolo che mette in campo una riflessione su qualcosa di primitivo ma che ci appartiene tuttora: il tema della perdita, dell’abbandono, della mancanza, degli affetti scomparsi e poi ritrovati in altra forma, distrutti in frammenti e poi ricuciti nei ricordi, della violenza, della solitudine, della paura. Questo è Klamata kardìa liberamente ispirato alla Fedra di Seneca. Lo spettacolo, in programma il 20 aprile al Teatro Palladium nella sezione “Laboratori in scena”, è risultato dell’impegno che la Fondazione Roma Tre Teatro Palladium sta mettendo in campo in progetti sperimentali presentati da giovani autori ed interpreti.
“Si tratta di qualcosa che appartiene all’uomo primitivo, alla tragedia classica, al canto delle prefiche che ha un sapore antico e primigenio, ma anche a noi – affermano le curatrici. “Il ritmico risuonare del battito dei nostri cuori dentro e fuori di noi fa da continua base di sostegno, e dà il tempo alla vita: la materia prima con cui il teatro si confronta.
Eména mu dispiàcesse, kéccia-mu, ma satti icusa i sperazziuna (A me dispiacque, piccola mia, quando ho sentito le campane a morto). Così inizia una delle nenie che intonavano in griko le prefiche salentine non troppi anni fa, ripresa poi dal documentario Stendalì – Suonano ancora di Cecilia Mangini, con testi di Pierpaolo Pasolini. Partendo da questa nenia e dal racconto mitologico della morte di Ippolito, Klamata kardìa – Il pianto del cuore ci mette davanti a un dolore da accettare. Senza sconti, senza cedere al consolatorio. Ce ‘nna clàssome na clàssome /na mi’ pposéssome macata (dobbiamo piangere e piangere/ senza mai riposo), continuano a dirci le prefiche, nella consapevolezza che solo l’essere attraversati fino in fondo da questo dolore ne può permettere il superamento. Ippolito lotta contro un mostro, così come fece suo padre Teseo. Ma questa volta il mostro vince. Il suo corpo viene fatto a brandelli, impossibili da ricucire insieme. Forse però qualcosa resta intatto in chi rimane, il ricordo d’un gesto d’una sillaba”.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Design week di Shenzhen. La Silicon Valley cinese celebra l’Italia

Posted by fidest press agency su giovedì, 19 aprile 2018

Barbara Pietrasanta, ambasciatrice del Design italiano, artista e designer milanese, direttore creativo di Anyway group, sarà ospite d’onore alla Cerimonia di apertura del “Design Week di Shenzhen”, importante città del sud della Cina.
L’edizione di quest’anno, che si svolgerà dal 20 al 30 aprile in contemporanea a quella milanese, avrà proprio il Padiglione italiano quale ospite di primaria importanza con la partecipazione di numerose realtà produttive italiane, curato dal Politecnico di Torino e dal Naba di Milano.
Barbara Pietrasanta ritorna per la terza volta in quest’area della Cina dopo essere intervenuta nel marzo scorso, su invito del Ministero Affari Esteri, alle iniziative svolte nella città per l’Italian Design Day, all’Università di Xiamen illustrando la tematica della XXII Triennale di Milano dedicata al Design e sostenibilità e, successivamente come membro della Giuria internazionale per lo Shenzhen Global Design Award. Si apre così un rapporto di continuità e di scambi di esperienze e cultura del design tra Triennale di Milano e questa importante realtà cinese, centro di quella che viene definita la “Silicon Valley” del Paese, sede dei più importanti marchi tecnologici internazionali, e che si sta ormai caratterizzando come il capoluogo del Design della Terra di Mezzo e sta diventando un polo di attrazione di designer ed architetti da tutto il mondo, con importanti Musei dedicati all’arte, all’architettura e al design e lo sviluppo di realtà specializzate soprattutto nell’interior e nel gioiello.
Barbara Pietrasanta è Vice Presidente di Fondazione Museo del Design della Triennale di Milano, membro del Direttivo del Museo della Permanente di Milano e del Board di Fondazione Achille Castiglioni.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Tecnologie avanzate di miglioramento genetico che incrementino i raccolti per sfamare milioni di persone

Posted by fidest press agency su giovedì, 19 aprile 2018

L’International Crops Research Institute for the Semi-Arid Tropics (ICRISAT – Istituto internazionale di ricerca delle colture per le zone tropicali semi-aride) e Corteva Agriscience™, Divisione Agricoltura di DowDuPont, hanno siglato nei giorni scorsi una partnership pluriennale per rafforzare la sicurezza alimentare migliorando le colture che nutrono milioni di persone, attraverso la condivisione di tecniche di miglioramento genetico di ultima generazione.Il contratto quadro di collaborazione (Master Alliance Agreement) è stato firmato da Peter Carberry, facente funzione di Direttore Generale di ICRISAT e Tom Greene, Senior Research Director, Corteva Agriscience™. La condivisione della tecnologia comprende la tecnica di editing genomico CRISPR-Cas, adattando le tecniche di modificazione alle nuove colture, e applicando la conoscenza dei meccanismi biochimici delle piante, con l’obiettivo di migliorare produttività e qualità per colture che sfamano milioni di persone. DuPont Pioneer, che ora fa parte di Corteva Agriscience™, fornirà l’accesso alla proprietà intellettuale, al materiale e al know-how relativi a CRISPR-Cas e alla modificazione delle piante.
Carberry, che ricopre anche la carica di direttore del Programma CGIAR di Ricerca Globale su Legumi da Granella e Cereali delle terre aride (GLDC), ha dichiarato: “ICRISAT e Corteva Agriscience™ condividono l’obiettivo di sviluppare tecnologie innovative e promuovere la loro applicazione ai prodotti agricoli di prossima generazione, a vantaggio dei piccoli agricoltori delle regioni aride. Le partnership pubblico-private come questa vengono ricercate attivamente e sono di fondamentale importanza per ottenere il successo e l’impatto desiderato del programma GLDC.
Tom Greene, Corteva Agriscience™, ha affermato: “Non vediamo l’ora di applicare una tecnologia innovativa come CRISPR-Cas, per rispondere alle problematiche sulla qualità da parte dei consumatori e alle sfide della produzione agricola. L’unione tra l’esperienza dei nostri scienziati e la messa a punto di nuove tecnologie offre ampi margini di ricerca e sviluppo per selezionare colture che non ricevono abbastanza attenzione, anche se queste colture sfamano milioni di persone.” “Grazie al lavoro degli scienziati di Corteva Agriscience™ e ISCRAT, assisteremo ad un rapido miglioramento delle tecnologie per lo sviluppo di colture più produttive e ed un’agricoltura più prospera per i piccoli agricoltori,” ha aggiunto Pooja Bhatnagar-Mathur, Principal Investigator, ICRISAT e co-sviluppatore del progetto di ricerca.“La collaborazione unirà competenze ed esperienze che si completeranno a vicenda. Appena abbiamo iniziato a discutere sul progetto di ricerca, abbiamo trovato velocemente il punto di incontro”, ha concluso Amitabh Mohanty, Principal Investigator, Corteva Agriscience™, e co-sviluppatore del progetto di ricerca.Il progetto di collaborare su colture come sorgo e miglio si è concretizzato durante un incontro al 2017 World Food Prize, dove il Direttore Generale di ICRISAT David Bergvinson e Tom Greene di Corteva Agriscience™ hanno sottolineato i concetti generali della ricerca, gli obiettivi e la tecnologia disponibile per contribuire a trovare le soluzioni.
Corteva Agriscience™ sta applicando CRISPR-Cas come strumento avanzato di editing genomico per sviluppare colture con maggiore resilienza ambientale, produttività e sostenibilità. Si sono definiti i principi guida di CRISPR-Cas, tra cui il permesso a chi vuole sviluppare prodotti agricoli di usare CRISPR-Cas, fornendo l’accesso alla sua proprietà intellettuale, alle capacità tecnologiche, alle infrastrutture e alle competenze scientifiche.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Perugia: Si tinge di rosso la Fontana Maggiore

Posted by fidest press agency su giovedì, 19 aprile 2018

Il 20 ed il 21 aprile il sangue dei martiri cristiani tornerà a “tingere” idealmente un monumento per denunciare il dramma dei tanti fedeli uccisi ancora oggi in odio alla fede. Dopo il Colosseo, sarà la volta della Fontana Maggiore, simbolo della città di Perugia. Un’iniziativa, patrocinata da Aiuto alla Chiesa che Soffre, che vede l’impegno congiunto dell’amministrazione comunale e dell’Arcidiocesi di Perugia-Città della Pieve e che intende in special modo richiamare l’attenzione della cittadinanza sul dramma delle popolazioni sofferenti in Medio Oriente e soprattutto in Siria.Il 20 sera alle 21, l’appuntamento è in Piazza IV Novembre – dove è sita la Fontana Maggiore – per un momento di preghiera organizzato, come ogni 20 del mese, dal Comitato Nazarat di Perugia.
Il dramma dei Cristiani in Medio Oriente, questo il titolo della conferenza che si terrà sabato 21 aprile alle ore 17, presso la Sala del Rettorato, adiacente al Chiostro della Cattedrale di Perugia. L’evento è promosso da ACS in collaborazione con l’Arcidiocesi e il Comune di Perugia, il Comitato Nazarat e l’Associazione culturale Esserci.L’incontro sarà moderato da padre Giuseppe Battistelli, Commissario di Terra Santa per l’Umbria, e sarà aperto dall’intervento del Cardinale Gualtiero Bassetti, arcivescovo di Perugia-Città della Pieve e presidente della Conferenza Episcopale italiana. La presenza del cardinale è espressione della vicinanza della Chiesa perugina e italiana alle popolazioni colpite dai conflitti.Interverrà poi Alessandro Monteduro, direttore di Aiuto alla Chiesa che Soffre, per una panoramica sulla persecuzione anticristiana nel mondo e in particolar modo in Medio Oriente. Monteduro parlerà inoltre del vitale sostegno offerto dalla Fondazione pontificia alle locali comunità cristiane che oggi rischiano di scomparire a causa di guerre e fondamentalismo.Seguirà l’intervento del giornalista Gian Micalessin, inviato di guerra, per una descrizione della situazione dei cristiani in Siria, una realtà che il giornalista, più volte in questi anni di conflitto nel martoriato Paese mediorientale, conosce da vicino.Concluderà l’incontro Ayman Haddad, italo-siriano, docente di lingua e cultura araba a Perugia.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Preoccupante situazione sulla gestione del castello Orsini-Cesi di Sant’Angelo Romano”

Posted by fidest press agency su giovedì, 19 aprile 2018

Lettera aperta alla sindaca di Sant’Angelo Romano Martina Domenici sulla gestione del Castello Orsini-Cesi e del Museo Preistorico del Territorio Tiburtino-Cornicolano. A sottoscriverla sono Alessandra Andò, dell’Associazione Sant’Angelo Romano – Economia e Territorio, Italia Nostra Lazio, Carlo Boldrighini, Italia Nostra – Sezione Aniene e Monti Lucretili, Vittorio Emiliani del Comitato per la Bellezza, Vezio De Lucia per Associazione Bianchi Bandinelli, Salviamo il Paesaggio – Roma e Lazio, il Comitato per il Risanamento Ambientale. Nella nota, le associazioni impegnate da anni nella tutela e nella valorizzazione e fruizione pubblica dei beni ambientali e culturali del territorio, giudicano preoccupante la situazione che si è venuta a creare nel comune di Sant’Angelo Romano, dove l’amministrazione comunale ha lanciato, oltre sette mesi fa, un’indagine esplorativa sui possibili nuovi soggetti per la gestione del castello Orsini-Cesi, di proprietà comunale.“Ad oggi – scrivono nella lettera aperta – siamo ad un punto morto, col risultato di una lunga ed inspiegabile chiusura dell’intero immobile e col conseguente nocumento di cittadini e possibili fruitori. Infatti, sia il noto e bellissimo castello, sia il museo preistorico ivi presente sono tenuti privi di orari di apertura al pubblico e, di fatto, senza soluzione su date o atti sui quali incardinare la futura programmazione degli spazi di museo e castello e le relative successive attività e iniziative.Resta il fatto oltremodo doloroso che un museo chiuso fa perdere occasioni culturali ed economiche per l’intero territorio e segnatamente per le popolazioni scolastiche, mentre, dall’agosto scorso, si è creata una falsa aspettativa sulla possibile soluzione gestionale attraverso la redazione di un bando pubblico fantasma. La presente lettera aperta – sottolineano le associazioni – vuole essere anche concreto stimolo a chiarire le responsabilità amministrative sulla mancata soluzione del problema, facendo anche ricorso ad altre vie, compresa la Corte dei conti, per rappresentare i mancati introiti economici dovuti all’inspiegabile chiusura del prezioso immobile comunale”.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Le Coup – il suolo ti farà vacillare”

Posted by fidest press agency su giovedì, 19 aprile 2018

Roma dal 26 al 29 aprile 2018 mart-sab: 21:00 / dom: 17:30 Teatro Trastevere via Jacopa de’Settesoli 3, regia: Raffaele Balzano Drammaturgia: Martina Tiberti Con: Aurora Piermarini Bilato Musiche originali: Studio Invisibile. Le coup è una ricerca teatrale e musicale ispirata alla figura del più grande funambolo vivente, Philippe Petit. È la storia di un uomo che ha scelto di vivere tra le nuvole e del suo ritorno a terra. Un’entità bambina si tiene ad un filo nel tentativo di alzarsi e iniziare la sua passeggiata nella vita. Comincia così la storia del funambolo: un’immagine di un corpo in divenire che trova la forza di alzarsi e crescere mettendo a fuoco il proprio sogno e la propria ragione d’essere. Dopo anni di preparazione e studio arriva il momento della traversata finale: la camminata sul filo è una riflessione sul concetto di limite, equilibrio e purezza. Sulla spinta temeraria di chi sceglie di rischiare per un gesto apparentemente inutile: lasciare anche un’unica immagine di bellezza ad ombra di sé in un mondo sempre più orientato alla miopia dell’obiettivo finale. Le tracce musicali seguono il colore emotivo di tutte le fasi narrative rendendone più interessante l’uso linguistico e la connessione con il suono e il ritmo: esprimere un desiderio, tenersi a distanza, esercitarsi, imparare a fare nodi saldi ma facili da sciogliere, conoscere i segreti del vento e delle
maree, non avere paura, cadere, rialzarsi e raccontarsi sono gli stadi su cui si muove il piede leggero del protagonista. La storia è narrata da una donna che dopo essere nata ed essersi messa
in piedi incontra della difficoltà: si ammala, perché ha troppo vuoto intorno, la sua vita è simbolicamente appesa ad un filo. Non sapendocosa fare spera di trovare una soluzione leggendo la storia di un uomo che abbia avuto la sua stessa esperienza. Cercando nel suo dizionario
personale (un gomitolo di fili e carte appallottolate) trova il nome ‘funambolo’ e in seguito quello di Philippe Petit.
Il monologo ha due letture: la prima, più specifica, è quella che descrive la disciplina metodica del funambolo prima, dopo e durante la traversata; la seconda è quella che traspone la camminata sul filo in un’immagine carica di significati universali, la crescita di un sogno, la paura, il concetto di limite, la caducità del corpo e l’immortalità dei pensieri. Poesia, gestualità e musica sono gli elementi che caratterizzano maggiormente lo spettacolo, in un crescendo di azioni che culmineranno nell’unico finale possibile.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Note in biblioteca

Posted by fidest press agency su giovedì, 19 aprile 2018

Roma Venerdì 20 aprile alle 20.30 nella biblioteca di Villa Leopardi (via Makallé) musiche per violino e pianoforte a “Note in Biblioteca”, la serie di incontri musicali della IUC ad INGRESSO GRATUITO nelle biblioteche di Roma Capitale. I protagonisti di questo incontro sono due giovani musicisti brasiliani, il pianista João Tavares Filho, che ha già nel suo curriculum premi in diversi concorsi internazionali e concerti in America del Nord e del Sud e in Europa, e il violinista Francisco Cóser, anch’egli vincitore di vari premi internazionali, che ha suonato sia da solo che con varie orchestre e gruppi da camera in Brasile, USA, Cina e in varie importanti citta europee come Londra, Vienna, Atene e Roma. Nel 2014 Cóser e Tavares hanno costituito un duo che si è esibito tra l’altro in Brasile, a Chicago, a Bologna e a Roma.
Iniziano il loro concerto con la Fantasia op. 159, il più ampio e bel brano per violino e pianoforte scritto da Franz Schubert. Proseguono con “Il trillo del diavolo” di Giuseppe Tartini, un brano di difficoltà veramente diabolica, che il compositore disse essergli stato dettato in sogno dal diavolo in persona. Poi la Sonata n. 2 op. 100 di Johannes Brahms, una composizione introspettiva e intimistica. Infine Desafio III del compositore contemporaneo brasiliano Marlos Nobre.Introduce all’ascolto Luca Pandolfi, specializzando in musicologia all’Università “Sapienza” di Roma. Questi incontri sono organizzati dalla IUC in collaborazione con Sapienza Università di Roma e Biblioteche di Roma.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Le Gallerie degli Uffizi ricevono in dono il Ritratto di signora in Giardino

Posted by fidest press agency su giovedì, 19 aprile 2018

E’ del 1883. E’ una delle opere più importanti e significative del percorso artistico di Silvestro Lega, dipinta in un periodo in cui l’artista aveva trovato una certa serenità presso la famiglia Tommasi a Bellariva (Firenze). Come afferma il direttore delle Gallerie, Eike Schmidt, “Un altro capolavoro della pittura macchiaiola si aggiunge alle nostre collezioni. In linea con il pensiero paterno, Josie Taragoni ha voluto destinare quest’opera al museo fiorentino che possiede la raccolta più rilevante di quella corrente artistica: a lei va il pensiero grato delle Gallerie, dei fiorentini e di tutti i visitatori futuri che potranno così ancor meglio comprendere ogni aspetto della creatività di Silvestro Lega”.
Josie Taragoni dichiara: “Sono davvero felice per questa operazione che considero molto importante perché penso che questo quadro, in particolare, possa ulteriormente internazionalizzare la pittura dei Macchiaioli”. Per la densità materica dell’impasto pittorico e l’approccio diretto e quasi fotografico al soggetto, infatti, l’opera è fondamentale per documentare al meglio le risorse formali della pittura macchiaiola, da intendersi come fucina stilistica di sconvolgente modernità e patrimonio di risorse per molte espressioni figurative del Novecento, non soltanto in ambito italiano.
Contro una spalliera di foglie verdi e carnose perché gonfie di linfa, la figura femminile emerge con una forza quasi arcaica, dovuta alla sintesi formale nella resa del volto, isolato e assorto in pensieri distanti e come a disagio, forse per la costrizione della seduta di posa, o per un consapevole distacco psicologico della protagonista rispetto all’immagine di sé vestita a festa che l’artista immortala sulla tela.
Il personaggio ritratto (la signora Frediani, secondo Josie Taragoni) sprigiona come un’aura primordiale che la avvicina alle severe e ruvide eroine sociali della “pittura dei campi”, secondo la visione naturalista del pittore francese Jules Breton, particolarmente apprezzata in Toscana da Adolfo Tommasi ed Egisto Ferroni.
Il risultato è volutamente inquietante, perché se da una parte il pittore sembra voler rapire in velocità l’immagine, esprimendo la forza e la sovranità della donna, dall’altra si sofferma su dettagli che ne dichiarano l’appartenenza alla classe borghese: l’elegante abito celeste polvere, la goletta di pizzo fermata da uno spillo d’oro a forma di freccia, e il tocco gentile del mazzolino di fiori appuntato sul petto.
Da oggi oggi il Ritratto di signora in giardino è esposto nella sala 18 della Galleria d’arte moderna, su una splendida parete dove all’inizio si ammira il Ritratto della Figliastra di Giovanni Fattori del 1889, e al centro un altro capolavoro del pittore livornese, Lo Staffato, del 1880.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Scuola – Studenti impreparati in Matematica?

Posted by fidest press agency su giovedì, 19 aprile 2018

Per l’ex Ministro Profumo è colpa dei docenti non specializzati. Replica Pacifico (Anief): si assuma le sue responsabilità L’ex titolare del Miur: I risultati così negativi dei test Pisa nelle materie scientifiche “sono tali perché il 60% dei docenti delle medie non sono docenti di matematica. Abbiamo un turn-over di circa 8.000 insegnanti l’anno a fronte di 100.000 domande e questo non è un modo corretto di fare, indipendentemente dalla politica sindacale. I problemi di welfare si risolvono in altro modo”.Il sindacalista autonomo risponde: Le responsabilità vanno ascritte principalmente ai ministri dell’istruzione che si sono succeduti negli ultimi anni, incapaci di assorbire nei ruoli quegli insegnanti abili all’insegnamento ma lasciati ai margini per mere, quanto risibili, motivazioni di finanza. Di certo, non è colpa degli insegnanti che stanno nelle cattedre sbagliate: se si trovano lì, è perché si sono andati a formare dei buchi, delle voragini, in organico che l’amministrazione centrale prima non ha preventivato e poi nemmeno saputo fronteggiare. Per l’ex ministro, peraltro, un laureato in matematica dopo il 2001 non avrebbe potuto neanche partecipare ai concorsi, se non fosse stato per i ricorsi vinti da Anief in tribunale. Stupisce anche che ancora non sappia che vi sono ottantamila posti vacanti e disponibili, ma da sempre appannaggio dell’organico di fatto, anziché in quello di diritto, loro sede naturale. Anche sulle lodi espresse da Profumo sulla nuova formazione – “grosso passo avanti l’introduzione di due anni di tirocinio per diventare insegnanti” – Anief sostiene che si tratta di una affermazione altrettanto discutibile: perché una cattedra su otto continua ad essere assegnate dalle GaE e l’inserimento nelle Grame non assicura l’assunzione in ruolo. Pertanto, la XVIII legislatura che s’insedierà dopo il voto odierno, dovrà mettere mano di nuovo alla materia con l’unica soluzione immediata possibile e logica: la riapertura delle GaE, come previsto vent’anni fa.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Nuance OmniPage Server 2 Delivers Company’s Most Comprehensive and Powerful Document Conversion Solution to Date

Posted by fidest press agency su giovedì, 19 aprile 2018

Nuance Communications  announced OmniPage Server 2, the newest version of Nuance® OmniPage Server, featuring several optimisations including an enhanced user experience with flexible configuration options, API-enabled document classification and cloud deployment options through Amazon Web Services and Microsoft Azure. Nuance OmniPage Server 2 extends the capabilities of previous offerings, delivering an industrial-strength, reliable, fast and accurate solution for high volume document and image conversion.The most significant enhancement in OmniPage Server 2, the updated user interface with new simplified installation option, enables set-up on a single machine in minutes making it accessible to new audiences. Dealers and organisations without networking or server configuration expertise can install and begin executing high-volume document conversion processes almost immediately. Once setup, users will immediately appreciate the enhanced Web Conversion Client, with its intuitive interface, as they configure and run document conversion jobs.
OmniPage Server 2’s document conversion and classification services are foundational technologies for robotic process automation applications. Document-based information must be converted to machine-readable formats and be identified by “type” to perform advanced analytics. Utilising OmniPage Server, organisations can drive analytics, streamline document-based business processes and accurately deliver information to an unlimited number of folders and subfolders. “Folder watching” capabilities can detect PDF and image files and automatically designate them for conversion, bringing greater efficiencies to the end-to-end document conversion workflow.
Nuance® OmniPage Server 2 converts PDFs and other popular file types into searchable PDFs and other editable files. Other updates include improved OCR accuracy and speed, support for right-to-left languages, such as Arabic and Hebrew, and enhanced Intelligent Workflow Runner, which when combined with the Workflow Designer can easily create more complex workflows.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »