Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 30 n°158

Archive for 16 maggio 2018

European Agenda on Migration Why a new European Agenda on Migration?

Posted by fidest press agency su mercoledì, 16 maggio 2018

The EU’s external borders have increasingly been the scene of human tragedies to which the EU, together with its Member States, must take immediate action. At the same time, migration needs to be better managed in all its aspects; through this new Agenda, the EU aims at providing its Member States with tools to do so in the medium as well as long term.Migration management is a shared responsibility, not only among EU Member States, but also vis-à-vis non-EU countries of transit and origin of migrants. By combining both internal and external policies, the Agenda provides a new, comprehensive approach grounded in mutual trust and solidarity among EU Member States and institutions.The European Agenda on MigrationSearch for available translations of the preceding linkEN••• responds to the priorities identified in the Political Guidelines of European Commission President Jean-Claude Juncker.The EU aims at taking immediate action to prevent further losses of migrants’ lives at sea by providing additional funding to Frontex joint search and rescue operations, to the safe and legal resettlement of people to Europe, to the Regional Protection and Development Programmes and to the most affected Member States located at the EU’s external borders. In addition, the EU aims to strengthen the role of Europol as an intelligence hub for dismantling criminal networks and intends to launch Common Security and Defence Policy (CSDP) operations in the Mediterranean to capture and dismantle boats. The EU will also activate the emergency system provided in the Treaties so that asylum seekers may be relocated in a more solidary manner, as well as establish a pilot multi-purpose centre in Niger, in cooperation with the International Organization for Migration and the UN Refugee Agency. An altogether new concept, the Hotspot, will allow EASO, Frontex and Europol to work on the ground in affected EU Member States to swiftly identify, register and fingerprint arriving migrants and to assist in investigating and dismantling migrant smuggling networks.Migration is both an opportunity and a challenge for the EU. The medium to long term priorities consist of developing structural actions that look beyond crises and emergencies and help EU Member States to better manage all aspects of migration. The Agenda is built upon four pillars:Reducing the incentives for irregular migration: the focus is on addressing the root causes behind irregular migration in non-EU countries, dismantling smuggling and trafficking networks and defining actions for the better application of return policies.
Saving lives and securing the external borders: this involves better management of the external border, in particular through solidarity towards those Member States that are located at the external borders, and improving the efficiency of border crossings.
Strengthening the common asylum policy: with the increases in the flows of asylum seekers, the EU’s asylum policies need to be based on solidarity towards those needing international protection as well as among the EU Member States, whose full application of the common rules must be ensured through systematic monitoring.
Developing a new policy on legal migration: in view of the future demographic challenges the EU is facing, the new policy needs to focus on attracting workers that the EU economy needs, particularly by facilitating entry and the recognition of qualifications.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Il Presidente Juncker alla riunione dei leader e al vertice UE-Balcani occidentali a Sofia

Posted by fidest press agency su mercoledì, 16 maggio 2018

Oggi a Sofia il Presidente Juncker parteciperà a un pranzo informale con i leader dell’UE28 in vista del vertice dei Balcani occidentali. Alla luce dei recenti avvenimenti, i leader dovrebbero discutere delle relazioni commerciali UE-USA, del futuro dell’accordo sul nucleare iraniano, della risposta dell’UE agli annunci degli USA in merito all’imposizione di sanzioni e di come proteggere al meglio gli interessi economici delle imprese europee.
Nel contesto dell’agenda dei leader, adottata nell’ottobre 2017, il dibattito si concentrerà anche sulla ricerca e l’innovazione e sulle azioni da intraprendere per completare il mercato unico digitale. Ieri la Commissione europea ha presentato i suoi contributi in una nuova agenda europea per la ricerca e l’innovazioneCerca le traduzioni disponibili del link precedenteEN••• e una serie di azioni concrete per tutelare la privacy dei cittadini e realizzare il mercato unico digitale entro la fine del 2018.Il 17 maggio si terrà il vertice UE-Balcani occidentali, cui parteciperanno i capi di Stato o di governo degli Stati membri dell’UE e i loro omologhi dei Balcani occidentali. Oltre al Presidente Juncker, saranno presenti l’Alto rappresentante/Vicepresidente Mogherini e i Commissari Hahn e Gabriel. Si tratta del primo vertice con i leader dei Balcani occidentali degli ultimi 15 anni.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Letter to CEO John Ridding and editors of the Financial Times

Posted by fidest press agency su mercoledì, 16 maggio 2018

Eminences,Today I have read your article entitled “Rome opens its gates to the modern barbarians” and, with all due respect to a historical newspaper like yours, I have to be very honest, I think you need to better understand what is taking place in Italy and, perhaps, getting to know the 5 Star MoVement a little more closely. The last 30 years in Italy have been characterized by a constant mixture of politics, the mafia and occult affairs that have literally shattered our country to the bone, marking every negative record in our history. Today Italy suffers about 6 million people under the absolute poverty line and about 100,000 young people every year go to look for luck elsewhere, often right in your country. All this is the result of barbarians, old barbarians of whom I have never read so many negative things on your editorials as I am reading these days on us. The 5 Star Movement was born in 2009 with a specific purpose, to bring the popular will back to the center of the political debate and the decisions of the central government. In just 9 years we have grown so much that we can now touch the achievement of this goal thanks to over 11 million people who trusted us in the last elections.
We succeeded by working with our heads down, studying, always struggling in defense of Italians.
We succeeded with the younger, more educated and more gender-balanced parliamentary group that the history of Italy has ever seen.
The Italians who believed in us have always done it on these bases and on the awareness that everything we have promised or written in a program, has become a reality on the first occasion we have had to make it happen. In your article you are talking about a contract of government that is difficult to implement and economically unsustainable, a pity that you have not read this contract yet and this offends the profession of journalism.On one thing you are right, the contract we are writing is challenging and it will not be easy to remedy the damage done by 30 years of political barbarians to the government. But we are doing our best to give the Italians the hope they have lost and a better future.If you want to understand better how we will achieve this goal too, do not waste time raising false news created ad-hoc by the Italian press, come to know and report the truth. (By Five stars Luigi Di Maio)

Posted in Estero/world news, Lettere al direttore/Letters to the publisher | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Maremmani: “I colori dell’Iride”

Posted by fidest press agency su mercoledì, 16 maggio 2018

Milano Inaugurazione, giovedì 17 aprile dalle 18.30 alle 21.30 Red Lab Gallery di via Solari 46 mostra “I colori dell’Iride”. La mostra resterà aperta fino al 31 omaggio con i seguenti orari: lun – ven 10.00-12.30 / 15.30-19.00; sab 9.30-12.30 / 15.30 – 19.00. Sette colori che definiscono la luce. Sette colori che racchiudono una passione. Anzi due con un Fabio Maremmani, fotografo milanese classe 1974 con la passione per i motori. Nelle quattordici opere esposte Maremmani mostra come l’arte della fotografia possa coniugarsi con la passione per le macchine da corsa, mettendo in evidenza la scia di colori che normalmente si formano ogni volta che un’auto da corsa passa davanti a un obiettivo, grazie soprattutto alla capacità del fotografo di modificare le molecole di luce che vengono rese uniche da un singolo scatto, attraverso cui filtrano vere e proprie emozioni visive. “I colori dell’Iride”, curata da Roberto Mutti, richiama i sette colori dell’arcobaleno (rosso, arancione, giallo, verde, blu, indaco, violetto), ed è il viaggio privato di Fabio Maremmani alla ricerca della sintesi perfetta tra motori e fotografia, mettendo in evidenza come luce e velocità possano formare giochi di colori che vanno oltre la stessa gamma dell’iride.Le fotografie esposte, tutte realizzate a bordo pista mentre le macchine percorrono i rettilinei sfrecciando a velocità che solo lo scatto fotografico sa fermare in immagini spettacolari, evidenziano la capacità dell’obbiettivo di catturare e creare emozioni attraverso i colori dell’iride colti da Maremmani su circuiti diversi, sia durante gare professionistiche sia durante gare amatoriali. “I colori dell’iride” è inserita all’interno di PhotoFestival 2018, la rassegna annuale dedicata alla fotografica d’autore promossa da AIF ASSOCIAZIONE ITALIAA FOTO & DIGITAL IMAGING e giunta quest’anno alla 13° edizione sotto la direzione artistica di Roberto Mutti.
La mostra è prodotta da photoSHOWall, il sistema composto di cornici standard inserite in strutture a teca che ospitano immagini intere o scomposizioni inedite. Il circuito photoSHOWall consiste in una rete di installazioni permanenti o temporanee pensate per la diffusione dei contenuti che vi aderiscono. http://www.redlabgallery.com

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

World Jewish Congress President Ronald S. Lauder mourns loss of life in Gaza border violence

Posted by fidest press agency su mercoledì, 16 maggio 2018

NEW YORK – Reacting to the deadly demonstrations on the Gaza Strip’s border with Israel this week, World Jewish Congress President Ronald S. Lauder said: “The World Jewish Congress mourns the senseless loss of civilian life on the Israel-Gaza border, and holds Hamas fully responsible for the violent developments.“Hamas is a terrorist organization that has hijacked the Palestinian citizens’ right to protest peacefully and brought bloodshed and misery to the people for whose welfare it claims to be responsible.”By fueling hatred against Israelis and massive unprecedented violence on the border, Hamas has incited both innocent civilians and confirmed terrorists to commit acts of suicidal violence against Israel. The hallmark of the group is the cynical use of its own people, including children, as cannon fodder.“Israel has the right, like all sovereign nations, to defend its borders from attack and infiltration, and to protect its citizens.“It is critical to recognize the fact that Hamas is controlling and leading this violence, and endangering the lives of tens of thousands of its own citizens by pushing them to charge toward the border fence into the path of fire.”We urge the international community to call for calm, and to ensure that the facts of this situation are disseminated accurately and widely. The lives of both Palestinians and Israelis depend on this,” Lauder said.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

‘Siamo tutti terroristi’

Posted by fidest press agency su mercoledì, 16 maggio 2018

E’ il nuovo libro del giornalista Jacopo Storni, con prefazione di Emma Bonino, in uscita il 17 maggio per Castelvecchi Editore (pagine 256, costo 17,50 euro, foto di copertina Alysa Martinova). Un viaggio nell’Italia multiculturale tra immigrati di successo e borghi multietnici. L’immigrazione e l’integrazione oltre pregiudizi, stereotipi e luoghi comuni. Il libro è un viaggio attraverso l’Italia multiculturale tra immigrati di successo, famiglie multiculturali, borghi e città che hanno fatto della pluralità un valore aggiunto. Tra le 22 storie del libro – edizione aggiornata e arricchita de ‘L’Italia siamo noi’ – quella di Fuad, primario somalo; Dédé, avvocatessa togolese al Foro di Milano; Nelu, imprenditore edile romeno che costruisce le case dei vip e Sumaya, consigliera comunale musulmana. E poi i luoghi d’Italia dove l’integrazione è già realtà: Baranzate, il comune più multietnico d’Italia; Acquaformosa, dove i profughi salvano il paese dallo spopolamento; Campi Bisenzio, dove cinesi e italiani convivono, Mazara del Vallo, dove tunisini e siciliani lavorano insieme da anni.
Questo libro – il cui titolo provocatorio riprende un’espressione utilizzata più volte da Gianna Nannini – è un viaggio nell’Italia meticcia del presente e del futuro, un viaggio tra persone, borghi e città. Ma anche un viaggio alla scoperta, tramite la voce dei protagonisti, delle vere ragioni dell’emigrazione verso l’Europa, spesso conseguenza di un invisibile crimine contro l’umanità, quello delle potenze occidentali ai danni dei popoli più deboli.“Il libro – dice Storni – nasce da una frustrazione, quella di vedere rappresentati gli immigrati sempre nello stesso modo: immigrati uguale profughi, poveracci, delinquenti, terroristi. Giusto raccontare queste categorie, ma sarebbe giusto non dimenticarsi di tutti gli altri immigrati, che sono la stragrande maggioranza: lavoratori, imprenditori, ingegneri, medici, architetti. Finché i media racconteranno gli immigrati sempre nello stesso modo, l’immigrazione sarà percepita soltanto come minaccia, invece che come risorsa. E’ importante andare oltre le apparenze, oltre la superficie dei pregiudizi, per raccontare le storie dell’altra immigrazione, quella degli stranieri che contribuiscono al nostro Pil e quella dei luoghi dove l’integrazione non è un fatto di cronaca nera, ma realtà conclamata”.“Come diceva Marco Pannella, su certe questioni bisogna avere il coraggio di essere impopolari, per non diventare antipopolari nella sostanza – ha scritto Emma Bonino nella prefazione del libro – Bisogna avere il coraggio di dirlo: l’immigrazione è una risorsa, abbiamo bisogno degli immigrati. E dirlo una volta per tutte: siano benedetti i sei milioni di immigrati regolari residenti nel nostro Paese… Invece che aiutarli a casa loro, io dico un’altra cosa: aiutateci a casa nostra”.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Vittime sul lavoro: Aumentare i controlli sulla sicurezza

Posted by fidest press agency su mercoledì, 16 maggio 2018

«C’è un letale combinato disposto alla base della tragica serie di incidenti sul lavoro che sta funestando l’Italia da nord a sud in questo 2018: da una parte la tendenza a considerare la questione occupazionale esclusivamente sotto il profilo numerico, quantitativo; dall’altra lo svilimento degli istrumenti ispettivi, che hanno drammaticamente visto ridimensionare la propria funzione deterrente».Lo dichiara l’ing. Sandro Simoncini, docente a contratto di Urbanistica e Legislazione Ambientale presso l’università Sapienza di Roma e presidente di Sogeea SpA, azienda specializzata nella sicurezza sui luoghi di lavoro.«La crisi decennale che ha investito il nostro Paese ha provocato una distorsione pericolosissima del mercato del lavoro: la corsa al miglioramento degli indici occupazionali ha portato a legittimare molteplici forme di precariato, a tollerare il sistematico ricorso al subappalto, a bruciare tempi e modi per un’adeguata formazione, a istituzionalizzare il massimo ribasso come parametro imprescindibile di qualsiasi gara tra privati. Tutto questo, va sottolineato, senza dimenticare il poderoso apparato dell’economia sommersa, che secondo l’Istat impiega poco meno di quattro milioni di lavoratori, ovviamente senza tutele ed esposti quotidianamente a rischi altissimi.Chi non vuole rispettare le regole, d’altronde, ha potuto osservare una netta contrazione del numero delle ispezioni, fondamentali per spingere le imprese a dotarsi di procedure e sistemi di sicurezza: in cinque anni si sono ridotte di oltre un terzo, complici l’inadeguatezza del numero degli addetti, la mancanza di risorse a loro disposizione e l’eccessiva burocratizzazione derivante dall’accorpamento di competenze seguito alla creazione dell’Ispettorato Nazionale del Lavoro. Per ridare centralità alla questione della sicurezza – conclude Simoncini – bisogna necessariamente reperire risorse per implementare i controlli, ma si deve anche tornare a riflettere sui temi dell’occupazione da un punto di vista qualitativo: non un lavoro purchessia, ma un lavoro svolto in sicurezza ed equamente retribuito».

Posted in Uncategorized, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Gaza. Meotti: la colpa di quei morti è di Hamas

Posted by fidest press agency su mercoledì, 16 maggio 2018

Roma 21 maggio, alle 17,30, presso il Centro Studi Americani di via Caetani 32 si discuterà del libro di Giulio Meotti «Israele. L’ultimo stato europeo» e seguirà il commento sugli fatti di Gaza. All’evento, moderato da Barbara Pontecorvo, prenderanno parte Angelino Alfano, Emanuele Fiano, Enrico Mentana, Stefano Parisi e Ofer Sachs.
Per Giulio Meotti «È grave il bilancio di morti e feriti palestinesi oggi al confine fra Gaza e Israele. Lo stato ebraico, che nelle stesse ore è impegnato a Gerusalemme a celebrare lo spostamento lì dell’ambasciata americana e il riconoscimento di quella città come capitale, a Gaza sta difendendo il suo confine riconosciuto dalla comunità internazionale. La responsabilità degli scontri ricade infatti su Hamas, il movimento terrorista che vuole distruggere Israele e governa la Striscia di Gaza. Qualsiasi altro paese difenderebbe i propri confini e le proprie case da manifestazioni con 50.000 persone che vuole abbatterli. I tragici scontri di Gaza illuminano la condizione unica in cui si trova Israele fin dalla sua nascita 70 anni fa, ovvero quella di una democrazia minacciata nel suo diritto a esistere e a difendersi.»Questo il commento a poche ore dalla notizia degli ultimi scontri in M.O. di Giulio Meotti, giornalista de «Il Foglio» e autore per Rubbettino del libro in uscita in libreria “Israele. L’ultimo stato europeo” nel quale l’autore definisce lo stato israeliano come un avamposto della democrazia, del diritto e della cultura occidentale, che il fondamentalismo islamico vuole spazzare via e che l’Occidente dovrebbe avere a cuore. Perché un piccolo paese assediato nelle sedi internazionali e sui campi di battaglia è tra i più felici del mondo? Il segreto di Israele risiede in un modello culturale opposto a quello oggi in voga in un Occidente dominato dal relativismo, dal pacifismo e dal politicamente corretto. A 70 anni dalla nascita, Israele è una delle più antiche democrazie al mondo che ha eccelso in tutti i campi dello scibile umano e uno dei più straordinari successi della società aperta. Mentre raccoglieva i Premi Nobel, compiva scoperte scientifiche, riempiva le sale da concerto e stampava il più alto numero di libri pro capite, Israele si difendeva con le unghie e con i denti. È la grande storia della “villa nella giungla”. L’Occidente è quello che è grazie alle sue radici bibliche e illuministiche. Se l’elemento ebraico di quelle radici è rovesciato e Israele è perso, allora anche l’Occidente è perso. Per questo come va per la stato ebraico, andrà per tutti noi. Israele è la frontiera felice della cività occidentale.

Posted in Recensioni/Reviews, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

UNICEF: stop agli attacchi sui bambini

Posted by fidest press agency su mercoledì, 16 maggio 2018

“Durante i primi quattro mesi dell’anno, dalla Repubblica Centrafricana al Sud Sudan, e dalla Siria all’Afghanistan, gli attacchi sui bambini nel corso di conflitti sono continuati ininterrottamente. Con scarso rimorso e ancor meno trasparenza, le parti in conflitto continuano apertamente a ignorare una delle regole basilari durante una guerra: la protezione dei bambini.
Non è stata proibita nessuna strategia bellica, non tenendo conto di quanto possa essere letale per i bambini: attacchi indiscriminati su scuole, ospedali e altre infrastrutture civili, rapimenti, reclutamento di bambini, assedio, abusi nella detenzione e negazione dell’assistenza umanitaria sono state tutte pratiche all’ordine del giorno.
Per esempio, in Yemen, sembra che oltre 220 bambini siano stati uccisi e oltre 330 feriti dall’inizio dell’anno a causa del conflitto. Circa 4,3 milioni di bambini rischiano di soffrire di fame, un aumento del 24% rispetto ai livelli del 2017. Un’epidemia di diarrea acquosa acuta e colera, che l’anno scorso ha ucciso oltre 400 bambini sotto i 5 anni, sta minacciando di provocare ancora più giovani vittime, mentre comincia la stagione delle piogge e le condizioni igieniche peggiorano ulteriormente.
A Gaza, dall’inizio di marzo abbiamo visto bambini uccisi e feriti nelle proteste, con notizie (di ieri) di ulteriori bambini colpiti in quello che si dice sia stato il giorno di violenze più cruento per le violenze dalla guerra di Gaza del 2014.
In Siria, le speranze di ottenere una pace rimangono deboli. Nel corso dei primi tre mesi dell’anno sono stati verificati oltre 70 attacchi su ospedali e strutture sanitarie, negando così ai bambini e alle famiglie servizi sanitari vitali. Oltre 300 strutture scolastiche sono state attaccate dall’inizio del conflitto. Circa 5,3 milioni di bambini sono sfollati interni o sono diventati rifugiati e circa 850.000 bambini continuano a vivere in aree assediate o difficili da raggiungere.
In Bangladesh, oltre 400.000 bambini rifugiati rohingya, sopravvissuti alle recenti atrocità in Myanmar, hanno bisogno di assistenza umanitaria. Con l’avvicinarsi della stagione dei monsoni, il rischio di colera e altre malattie legate all’acqua è maggiore che mai.
In Sud Sudan, il primo paese che ho visitato da Direttore Generale dell’UNICEF, almeno 2,6 milioni di bambini sono stati costretti a fuggire dalle proprie case. Oltre un milione di bambini soffrono di malnutrizione acuta, di cui 250.000 grave e a rischio maggiore di morte. Anche se fino ad ora quest’anno circa 600 bambini sono stati rilasciati dai gruppi armati, circa 19.000 continuano ad essere utilizzati come combattenti, messaggeri, facchini, cuochi e anche come schiavi sessuali per le parti in conflitto.In Afghanistan, a causa del conflitto sembra siano stati uccisi più di 150 bambini e oltre 400 feriti nei primi tre mesi dell’anno.Nella Repubblica Centrafricana, la ripresa delle violenze nei mesi passati ha costretto circa 29.000 bambini a fuggire dalle loro case, portando il numero totale dei bambini sfollati interni vicino a 360.000. Oltre 2 bambini su 5 sotto i 5 anni soffrono di malnutrizione cronica e un terzo dei bambini in età scolare non sta andando a scuola.In tutti questi paesi e in molti altri, i team impegnati dell’UNICEF e dei partner stanno facendo tutto il possibile per alleviare le sofferenze dei più vulnerabili, di quelli separati dalle famiglie, terrorizzati e soli, di coloro che si ammalano in campi per rifugiati densamente popolati, di quelli che migrano nella stagione dei monsoni e in quella secca e di coloro che sono affamati.
Nonostante la mancanza dei fondi necessari – abbiamo ricevuto solo il 16% di quelli richiesti per quest’anno – siamo fermamente impegnati a portare assistenza ai più vulnerabili. Stiamo vaccinando bambini, li stiamo curando dalla malnutrizione, mandando a scuola, fornendo loro servizi di tutela e stiamo cercando di rispondere ai loro bisogni di base.Ma l’aiuto umanitario da solo non basta. I bambini hanno bisogno di pace e protezione sempre. Le regole di guerra proibiscono che si colpiscano illecitamente i civili; gli attacchi su scuole e ospedali, l’utilizzo, il reclutamento e la detenzione illegale di bambini; e la negazione di assistenza umanitaria. Quando scoppia un conflitto, queste regole devono essere rispettate e coloro che le infrangono devono essere chiamati a risponderne. Quando è troppo è troppo. Stop agli attacchi sui bambini”.

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Domenica a Roma la seconda edizione delle Olimpiadi degli Angeli, con i volontari di Angeli per un giorno

Posted by fidest press agency su mercoledì, 16 maggio 2018

Roma Domenica 20 maggio 2018 i volontari di Angeli per un giorno, attività del Movimento Regnum Christi sostenuta dall’Università Europea di Roma, organizzano la seconda edizione delle “Olimpiadi degli Angeli”.Sarà una giornata di sport e solidarietà dedicata a bambini in situazioni di difficoltà, ospiti di case famiglia e d’accoglienza.Si terrà nel caratteristico quartiere di Montespaccato, presso il campo sportivo Virtus Boccea, via Stefano Vaj 73. I bambini arriveranno alle 10.00, e insieme agli Angeli formeranno delle squadre organizzate in una mini olimpiade per nazioni. Partecipando così a giochi, gare, prove sportive e di abilità, cercheranno di aggiudicarsi un posto sul podio! Inoltre sono previste molte sorprese e regali. Tutta la giornata si svolgerà all’aperto, in un contesto di sole, spazi verdi e natura e sarà presente il vescovo Mons. Joseph Clemens. Si concluderà alle 17.00 con la premiazione e una merenda offerta dalle famiglie dell’Università Europea di Roma e dai responsabili delle installazioni sportive. Gli Angeli volontari sono principalmente studenti dell’Università Europea di Roma ed amici, membri del Rotaract club (Roma Eur e Roma Mediterraneo) e tanti altri giovani provenienti da tutta la città.
Già da molti anni, grazie ad Angeli per un giorno e al contributo di Anastasi Volkswagen, riescono a regalare momenti di allegria ai bambini, organizzando incontri di giochi e di sport. Molti di questi volontari non si limitano ad essere “Angeli per un giorno”, ma portano avanti il loro impegno in modo continuativo. Chi lo desidera, infatti, può prolungare la propria collaborazione con le case famiglia, scegliendo liberamente quanto tempo dedicare ai bambini.

Posted in Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | 1 Comment »

Expert System conquista un nuovo primato nell’Artificial Intelligence

Posted by fidest press agency su mercoledì, 16 maggio 2018

Innovazione tecnologica e nuove frontiere per l’Artificial Intelligence grazie ad Expert System. La società, quotata sul mercato AIM Italia, organizzato e gestito da Borsa Italiana, ha esteso l’uso del machine learning all’ottimizzazione delle capacità cognitive di Cogito® per rendere ancora più efficace l’analisi dei testi aziendali.Cogito è la prima e unica piattaforma di intelligenza artificiale capace di combinare diversi approcci e funzionalità per meglio comprendere e sfruttare qualsiasi tipo di testo. Il cuore di Cogito è un motore proprietario che comprende il significato delle parole e delle frasi (disambiguazione) grazie a un ricco knowldge graph multilingue che contiene milioni di concetti, attributi e relazioni fra concetti.Da sempre fortemente orientata all’innovazione, Expert System nel corso degli anni ha sfruttato le più avanzate tecniche di intelligenza artificiale, combinando machine learning e deep learning con algoritmi di elaborazione del linguaggio naturale e comprensione semantica per arricchire automaticamente il proprio knowledge graph, arricchendone la conoscenza e raggiungendo nuovi livelli di qualità con il minimo sforzo possibile.Le più recenti conquiste nell’ambito dell’intelligenza artificiale applicata ai testi (come language modelling su word embedding, cioè sistemi di apprendimento automatico basati sulla rappresentazione distribuita delle parole) hanno dimostrato un’ottima capacità nell’individuare il significato di ogni parola a partire da grandi volumi di documenti. Sfruttando tali progressi, Expert System ha potenziato il proprio knowledge graph, migliorando lo stato dell’arte della text analytics. Infatti, grazie all’approccio “ibrido” che combina il rigore dell’attività manuale alla base del knowedge graph con la ricchezza espressiva del linguaggio così come si presenta nel mondo reale, il processo di disambiguazione di Cogito risulta potenziato, consentendo anche un facile trasferimento fra lingue diverse delle conoscenze acquisite, con immediati benefici nel mondo del business.“Siamo orgogliosi di essere ancora una volta in prima linea nell’artificial intelligence,” ha dichiarato Marco Varone, Presidente e CTO di Expert System. “La collaborazione con la comunità scientifica è una parte importante della nostra strategia di R&D e innovazione. Con il nostro lavoro, infatti, puntiamo a sfruttare appieno il potere dell’AI per semplificare e ottimizzare i processi aziendali, migliorare l’efficienza e l’efficacia delle nostre soluzioni, rispondere in modo sempre puntuale alle necessità dei nostri clienti.” La linea di ricerca pioneristica dei Cogito Lab di Expert System, orientati allo sviluppo di metodologie di intelligenza artificiale ibride (Towards a Vecsigrafo: Portable Semantics in Knowledge-based Text Analytics, tecnologia semantica, approcci statistici come machine learning e deep learning, unite all’elaborazione del linguaggio naturale), è stata recentemente presentata alla comunità scientifica all’ultimo HSSUES workshop (Hybrid Statistical Semantic Understanding and Emerging Semantics), che si è svolto nell’ambito dell’ISWC, l’evento di punta nel mondo del Semantic Web.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Una legge sul “Consumo del suolo” considerando la situazione di degrado e dissesto di Roma e del Lazio

Posted by fidest press agency su mercoledì, 16 maggio 2018

Da ben tre anni il nostro paese attende una legge nazionale che fermi il continuo selvaggio consumo del suolo ancora libero che ogni anno scompare sotto il cemento. Dai dati ufficiali si sono ridotti negli ultimi 25 anni del 28% i terreni coltivati, si è devastato il paesaggio e, fatto ancora più grave, si è provocato l’aumento del dissesto idrogeologico dei territori già a rischio. I dati delle percentuali regionali dell’ISPRA rendono evidente questa preoccupante situazione che è collegata alla continuo cambio di destinazione delle aree agricole in aree edificabili, alla devastazione del paesaggio ed in particolare al dissesto idrogeologico che sta provocando enormi danni economici e purtroppo anche vittime.
Per quanto riguarda il territorio agricolo secondo analisi del 2017 negli ultimi 25 anni la cementificazione e l’abbandono provocato dalla speculazione fondiaria hanno portato a una riduzione del 28% dei terreni coltivati e ristretto a 12,8 milioni di ettari la superficie agricola coltivata. Coldiretti stima in 400 milioni l’anno i danni economici che il settore primario agricolo deve a questa gestione dissennata del territorio. Roma ha perso anno dopo anno il suo prezioso “agro romano” ricco di tanti bei casali rurali e di reperti archeologici e di paesaggi storici. Un patrimonio di bellezza perduto per sempre insieme a un terreno particolarmente fertile per far posto a tanti nuovi quartieri costruiti con la legge 167, in mezzo alla campagna, e alle devastanti “compensazioni edilizie”consentite in regalo ai costruttori alleati alla proprietà fondiaria delle antiche grandi tenute agricole, ben lieta di potere realizzare maggiori profitti rispetto a quelli che potevano ricavare dalla attività agricola.
La volontà di poter costruire comunque e dovunque mai contrastata da Sindaci di Roma e dai Presidenti della Regione Lazio, per ragioni spesso di ricerca di consenso elettorale, non ha fermato l’abusivismo man mano premiato con successive sanatorie anche se su terreni vincolati dalla legge Galasso o da altre tutele paesaggistiche. Lo stesso è avvenuto per le richieste dei Comuni che volevano realizzare i loro PRG.
Infatti la Regione Lazio ha adottato dal 2007 un Piano Territoriale Paesaggistico Regionale (PTPR) che ha cancellato le forti tutele dei Piani Territoriali Paesaggistici (PTP) che per Roma approvati in numero di 15. Dal 2007 la Regione con vari passaggi e delibere di Giunta ha reso sempre più permissivo il PTPR (rinviando la sua definitiva approvazione in Consiglio al 2019) proprio con la ragione di dovere accontentare le richieste dei Comuni.Il più esigente e distruttivo è stato il Sindaco Veltroni che ha chiesto per il suo PRG del 2008, che era ancora in itinere circa 500 declassamenti delle aree d’interesse pubblico individuate dai singoli PTP e in particolare proprio di quelle che chiedevano il vincolo di inedificabilità per valori panoramici, di visuali verso i complessi archeologici o architettonici o di propri valori di paesaggio. Ulteriori cancellazioni e modifiche di normativa sono avvenute nel 2015 ed in ultimo nel 2016 sempre attraverso delibere di Giunta. Per fortuna l’approvazione definitiva avverrà solo nel 2019 anche se è uno scandalo che un PTPR serva come continuo strumento di ricatto elettorale.
Per questa grave situazione regionale, che ritengo non riguarda solo il Lazio, non basta una legge sul consumo del suolo in quanto ancora prima va ristabilita la normativa della legge Galasso e le stesse ancora valide linee guida di tutela della 1497/39 (Decreti Ministeriali e provvedimenti regionali).A Roma queste due leggi stanno determinando la distruzione dei bei villini del novecento con sostituzione di edifici con maggiori cubature e altezze e la futura possibilità di potere demolire anche nel centro storico (sito Unesco!) con una sola delibera di Giunta.
La sezione di Roma sta verificando che serve urgentemente la revisione dello stesso
Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio del 2004 (modificato ben due volte nel 2016 con D.Lgs.) che non da’ garanzie sull’interpretazione degli articoli spesso prolissi e poco chiari ben diversi dalle poche chiare e valide norme delle due leggi 1089 e 1497 del 1939 del ventennio fascista, che recepivano la legge sulla tutela del paesaggio di Benedetto Croce del 1922 e che anche la nostra Costituzione impone con l’Art.9.Questa richiesta dovrebbe essere una delle priorità del nuovo Consiglio nazionale di Italia Nostra.Un’ultima considerazione riguarda il danno provocato al territorio dalla continua espansione del cemento senza aver prima aver verificato la situazione di grave dissesto già evidente da anni e non aver voluto finanziare un piano nazionale di prevenzione che impedisse di edificare nelle aree a rischio di frane, di alluvioni di cavità sotterranee.
Si è affidato questo compito di mappatura, in maniera frammentaria parte all’ISPRA, parte alle Autorità di Bacino e ai Dipartimenti delle Protezioni Civili locali mentre alle Regioni e al loro Genio Civile la verifica del rischio sismico dei progetti edilizi singoli.Questa frammentazione di competenze non ha prodotto validi risultati come è apparso evidente dalla recente importante convegno del 6 aprile scorso sul dissesto di Roma promosso da Erasmo D’Angelis, Segretario Generale dell’Autorità di Distretto idrografico Italia Centrale. “Per la prima volta –ha dichiarato Erasmo D’Angelis, – Roma avrà l’esatta radiografia del suolo, del sottosuolo e delle acque, dei rischi naturali che nel tempo sono stati molto amplificati da una urbanizzazione a tratti senza limite né cautele e da una scarsa o assente manutenzione in aree molto fragili messe a rischio anche dall’estrema variabilità meteorologica e climatica. Sono temi molto sottovalutati e a lungo rimossi e rilevati da ingegneri idraulici, geologi, esperti di idrologia”
Da questa breve esposizione dello stato insostenibile di un territorio sempre più in dissesto e che continua a perdere i sui valori culturali e ambientali identitari rendono urgente una legge nazionale sul “consumo del suolo” che però non si riduca alla sola esposizione di normative di facciata come di fatto sono anche quelle degli altri paesi europei, ma sia più complessa e faccia riferimento specifico alla immediata salvaguardia e potenziamento del reale utilizzo del territorio agricolo, alla vera tutela del nostro paesaggio, anche quello urbano, e dei suoi beni culturali.Diventa poi essenziale la mappa delle aree a grave rischio di dissesto che devono essere da subito rese inedificabili in attesa d’interventi di messa in sicurezza ancor prima di ottenere la legge.(A cura di Mirella Belvisi, vicepresidente Sezione di Roma di Italia nostra e pubblicato integralmente sul sul bollettino di Italia Nostra di aprile 2018)

Posted in Diritti/Human rights, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

L’Ente Luglio Musicale Trapanese si accinge a festeggiare il 70° anniversario con una stagione storica

Posted by fidest press agency su mercoledì, 16 maggio 2018

Trapani. Giorni intensi per il Luglio Musicale Trapanese. In queste giorni, infatti, il direttore artistico dell’Ente, Giovanni De Santis, ha illustrato il progetto “Medithéâtres” alla Direzione Generale per la Promozione del “Sistema Paese” del Ministero degli Affari Esteri alla Farnesina. Un progetto che mira a mettere Trapani al centro della proposta culturale condivisa tra i paesi del Mediterraneo.Inoltre, è giunta notizia che il progetto di cooperazione transfrontaliera con la Tunisia presentato dall’ Ente Luglio Musicale Trapanese (Bando ENI Italia-Tunisia 2014-2020) ha superato la prima fase di selezione. Il progetto è sviluppato in partnership con il Distretto Turistico della Sicilia Occidentale, gli Amici della Musica di Trapani, l’Agence de Mise en Valeur du Patrimoine et de Promotion Culturelle de la Tunisie, l’Orquestre Symphonique Tunisien e la Confédération des Enterprises Citoyennes de Tunisie. L’approvazione definitiva del progetto permetterà la nascita del primo polo “turistico – culturale” legato alla grande musica messa in scena nei teatri antichi del Mediterraneo. Nel frattempo, in questi giorni, in Tunisia una squadra di operai sta già lavorando alla realizzazione di una delle scenografie che la prossima estate allestiranno il palco della villa Margherita per una delle opere in cartellone.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Aleppo Est, linfa ai centri comunitari per sostenere la ripresa nei quartieri più devastati

Posted by fidest press agency su mercoledì, 16 maggio 2018

È stato avviato il nuovo progetto di COOPI in Siria, volto a sostenere la popolazione di Aleppo est duramente colpita dal lungo e tragico assedio terminato nel 2016. Grazie al finanziamento dell’Agenzia delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR), la ONG italiana raggiungerà più di 4.000 persone, tra cui uomini, donne e bambini che soffrono di traumi psicologici, disabilità permanenti, malnutrizione, privazioni ed i volontari che saranno formati ad assisterli. Attraverso il coinvolgimento di 4 centri comunitari e l’attivazione di 2 nuove unità mobili, COOPI fornirà materiali di prima assistenza, medicinali di base ed un sostegno psicologico specializzato, allo scopo di rafforzare la capacità di recupero e di ripresa della popolazione.
Aleppo è stata coinvolta dal 2012 al 2016 in una delle più tragiche battaglie della crisi siriana. Ad oggi non esiste una stima esatta dei danni riportati e delle vittime; tuttavia, a più di un anno dalla fine dell’assedio, la situazione è ancora molto grave: la distruzione è ovunque, decine di migliaia di persone non hanno accesso ad acqua ed elettricità, il sistema scolastico e la sanità devono essere ricostruiti, nell’area urbana, come in quella rurale attorno alla città sono diffusi ordigni esplosivi ancora da rimuovere. Decine di migliaia di persone hanno subito direttamente gravi danni a causa del conflitto; il 30% di queste con disabilità psicologiche e fisiche permanenti.In questo quadro, l’intervento di COOPI si svolge su un doppio binario: aiutare i soggetti più svantaggiati da una parte, offrendo loro servizi di assistenza medica e psicologia e dall’altra, creando un tessuto sociale solidale e protettivo verso gli stessi, che abbia una durata maggiore rispetto all’intervento in sé.Spiega Marco Loiodice, responsabile progetti di COOPI in Medio Oriente: “Lavoreremo nei centri comunitari dei quartieri di Bustan Alkasser, Shaar e Fardous, ad Aleppo, a stretto contatto con il network dei volontari per rispondere alle necessità delle famiglie e dei singoli in maggiore difficoltà e per recuperare quei legami sociali che la guerra ha sfaldato. Solo riattivando i meccanismi di protezione sociale, potremo aiutare le persone ad affrontare le sfide che hanno di fronte, la comunità ad opporsi alla tentazione di stigmatizzare chi vive una condizione di diversità, le famiglie a promuovere pratiche più attente ai bambini e agli anziani”.La crisi siriana, che Filippo Grandi, Alto Commissario dell’UNHCR, ha definito la più devastante della nostra epoca, è entrata nel suo ottavo anno di conflitto. Mentre lo scontro continua senza ragionevoli speranze di soluzioni a breve termine, COOPI ed UNHCR lavorano con i partner locali e internazionali, a partire dalla SARC (la Mezzaluna Crescente Rossa Siriana) per sostenere la capacità di resilienza della popolazione.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | 1 Comment »

Dario Moltrasio nominato Amministratore Delegato di Zurich Investments Life S.p.A.

Posted by fidest press agency su mercoledì, 16 maggio 2018

Milano Camillo Candia, Country CEO di Zurich Italia, annuncia la nomina di Dario Moltrasio ad Amministratore Delegato di Zurich Investments Life S.p.A. la società del Gruppo Zurich dedicata alla distribuzione di prodotti vita, di investimento, di risparmio e pensionistici.Laureato in Economia e Commercio presso l’Università Cattolica di Milano, Dario Moltrasio vanta un’esperienza di oltre 20 anni nel settore assicurativo, dove ha ricoperto diversi ruoli all’interno di primari operatori internazionali, tra cui Marsh S.p.A, ING Insurance, Winterthur Insurance e AIG Life Ireland.Nel 2008 entra in Zurich come Responsabile del canale dedicato alla distribuzione di prodotti assicurativi tramite accordi con istituti bancari e assume poi il ruolo di Responsabile della distribuzione Retail attraverso banche, reti di promotori finanziari e agenti.Moltrasio ha inoltre ricoperto il ruolo di Responsabile della Partnership distributiva con il Gruppo Deutsche Bank in Italia, Germania e Spagna per tutto il Gruppo Zurich.
È membro del Comitato di Gestione di Zurich dal 2009.Camillo Candia, Country CEO di Zurich Italia, ha dichiarato: “Dario è un manager di comprovata esperienza, con una profonda conoscenza del settore e grandi competenze tecniche; nel corso del suo percorso di carriera all’interno di Zurich ha dimostrato un approccio fortemente orientato ai bisogni del Cliente e una grande capacità di individuare i nuovi trend del mercato. Sono certo che con lui raggiungeremo nuovi ed importanti traguardi per il Gruppo”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

I cristiani indonesiani sotto attacco degli integralisti islamici

Posted by fidest press agency su mercoledì, 16 maggio 2018

«Non vi era mai stato un simile attacco a Surabaya. I cristiani indonesiani sono disperati e terrorizzati, ma io ho detto ai miei fedeli di non avere paura. È proprio questo quello che vogliono i terroristi, spaventarci». Così dichiara ad Aiuto alla Chiesa che Soffre monsignor Robertus Rubiyatmoko, arcivescovo di Semarang, la cui provincia ecclesiastica comprende la diocesi di Surabaya.Il presule ha raccontato la reazione della comunità cristiana locale dopo i drammatici attacchi kamikaze che ieri hanno colpito tre chiese, una cattolica e due protestanti. Le vittime accertate sono finora 11, di cui tre cattolici. L’attentato rivendicato da Isis è stato con molta probabilità compiuto da islamisti appartenenti ad una stessa famiglia, da poco rientrati dalla Siria. «Purtroppo in Indonesia vediamo sempre più espandersi il raggio di azione dei fondamentalisti. Isis in special modo ha numerosi sostenitori su tutto il territorio nazionale e in particolare nell’isola di Giava, dove si trovano Surabaya e Semarang. La situazione può anche sembrare calma in alcuni momenti, ma poi all’improvviso si verificano degli attacchi, proprio come successo ieri».A causa del pericolo di nuovi attentati, le Chiese hanno chiesto ai loro fedeli di fare attenzione se durante le funzioni vedono persone che normalmente non frequentano quella parrocchia. Inoltre diverse chiese hanno intenzione di dotarsi di videocamere di sicurezza. «I nostri fedeli hanno paura ma noi pastori li invitiamo costantemente alla calma. I terroristi vogliono spaventarci, ma noi dobbiamo rimanere sereni e pregare affinché Dio converta i loro cuori», ha affermato monsignor Rubiyatmoko.L’unico dato positivo di questa drammatica situazione sono la solidarietà mostrata dalla locale comunità islamica e in genere il miglioramento dei rapporti interreligiosi. «Ieri, accanto all’arcivescovado, cristiani, musulmani, induisti e buddisti si sono riuniti per pregare assieme e lo stesso è successo anche a Giacarta».Il presule ha infine lanciato un appello alla comunità cattolica italiana: «Pregate per noi indonesiani, e soprattutto per noi cristiani, stiamo affrontando un momento estremamente difficile perché vi sono tanti terroristi che lavorano nell’ombra e vogliono spaventarci. Pregate per noi, affinché possiamo avere una vita tranquilla».

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Mostra fotografica Hungrian Cubes

Posted by fidest press agency su mercoledì, 16 maggio 2018

Roma Venerdì 18 maggio p.v. alle ore 19.30 presso la Galleria dell’Accademia d’Ungheria in Roma (Palazzo Falconieri – Via Giulia, 1) si terrà l’inaugurazione della mostra fotografica HUNGARIAN CUBES, la baracca più allegra del blocco sovietico, di Katharina Roters e József Szolnoki, a cura di Tamás Torma. La mostra organizzata dall’Accademia d’Ungheria in Roma in collaborazione con la Galleria ACB di Budapest resterà aperta fino al 15 giugno p.v. Si tratta degli scatti della fotografa, artista visiva tedesco-ungherese Katharina Roters che ha deciso di realizzare un progetto fotografico su un fenomeno piuttosto interessante dell’architettura ungherese del XX secolo, ovvero sulle case unifamiliari e standardizzate sorte nei sobborghi di Budapest e delle periferie di numerose cittadine nell’Ungheria comunista del dopoguerra, soprannominate “Kádár kocka” (Cubi di Kádár), dal nome del leader comunista János Kádár, al potere in Ungheria tra il 1956 e il 1988.
La Roters attraverso i suoi scatti è riuscita a spogliare degli dettagli eccedenti (ringhiere, recinzioni, antene, segnali stradal, linee elettriche) le case che aveva fotografo, consentendo allo spettatore di concentrarsi sulle decorazioni ornamentali delle facciate e di vedere come esse siano state un’opportunità per i proprietari delle stesse per l’individualismo e una forma di protesta nei confronti della conformità del sistema comunista.
Parallelamente alla mostra fotografica di cui sopra, sul Piano Nobile dell’Accademia d’Ungheria in Roma verrà inaugurata anche un’altra mostra, quella delle opere pervenute all’omonimo concorso e workshop “Hungarian Cubes” organizzati in collaborazione con Sapienza, l’Università di Roma.
Io non mi vedo fotografa bensì pittrice. Anche da queste foto si percepisce che il colore all’epoca ebbe un ruolo piuttosto importante. Anche gli elementi decorativi erano favorevoli poiché la loro estetica prevedeva l’uso di colori tipici della Pop art. Quindi colori semplici, vivaci. Le foto realizzate con tecnica analogica in seguito ai lavori digitali di finissage – quindi l’eliminazione degli elementi ridonanti (quali fili elettrici, antenne e piante) – divennero dei simboli nitidi. Ciascuna foto è frontale. Quindi non si tratta di spazi, forme o volumi architettonici. La tipologia dei portait d’edifici esteticamente astratti ha reso possibile la raffigurazione del punto centrale delle facciate.(Katharina Roters, fotografa)

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

F.A.I. Campania: in 500 ad Ischia alla conquista dell’Europa

Posted by fidest press agency su mercoledì, 16 maggio 2018

In 500 ad Ischia per celebrare i venti anni della F.A.I. Campania, che fa parte della Federazione autotrasportatori italiani, fondatore di Conftrasporto. I numeri sono esaltanti – 1700 le aziende di autotrasporto che danno lavoro a 10.000 persone, un parco di 20.000 automezzi, 5 le sedi operative – così come entusiasmante è stata la convention organizzata nell’Isola Verde, dove hanno partecipato anche 36 delegazioni F.A.I., rappresentanti di altre regioni d’Italia. Nel corso del convegno, al quale hanno preso parte il presidente nazionale FAI-Conftrasporto Paolo Uggè, il segretario generale nazionale Conftrasporto Pasquale Russo, il segretario regionale F.A.I. Campania Angelo Punzi e il presidente nazionale di Conftrasporto Fabrizio Palenzona, moderati da Massimo Mucchetti, i partecipanti sono rimasti incollati alle sedie fino alla fine dell’incontro, nel corso del quale ci sono stati momenti di emozione pura, di commozione e di confronto, dove ognuno ha portato la propria esperienza, che viene da lontano e porta ancora più avanti, come ha ben delineato in apertura dei lavori Palenzona, che ha subito chiarito: “La competitività della nostra economia passa per la capacità di dare soddisfazione al trasporto e all’intermodalità dei porti dove non accetteremo monopoli ma siamo pronti a dialogare con la politica però da soggetti liberi”. Di sfondo a queste affermazioni anche la battaglia che F.A.I. Campania sta conducendo per migliorare le condizioni di lavoro e di sicurezza nello scalo salernitano, condivisa dai rappresentanti della federazione di tutta Italia. E proprio sulla vicenda del porto di Salerno Angelo Punzi ha ricordato che “abbiamo indetto come F.A.I. Salerno un fermo dell’autotrasporto dal 21 al 25 maggio prossimo, che metteremo in atto se non avremo risposte concrete alle istanze che abbiamo avanzato”. Alle parole di Palenzona hanno fatto eco quelle di Pasquale Russo, tese a sottolineare che il progresso della logistica e dell’autotrasporto, vanno di pari passo con la crescita economica del Paese. “La F.A.I. è l’unico baluardo contro chi vuol conquistare il settore dell’autotrasporto. La nostra forza è la nostra capacità di rappresentanza e di tutela dei nostri associati, che abbiamo dimostrato in questi venti anni di impegno. Proprio ultimamente, nei porti di Salerno e di Napoli, siamo impegnati in altre battaglie per difendere le nostre imprese e i nostri lavoratori. Ci aspettiamo che il nuovo governo abbia la lungimiranza di confrontarsi con noi ampliando il discorso a livello europeo”.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Astronave Arione” sul connubio tra arti, scienze e tecnologie

Posted by fidest press agency su mercoledì, 16 maggio 2018

Bologna 21 e il 22 maggio Centro Arti e Scienze Golinelli di Bologna in via Paolo Nanni Costa 14, per l’incontro La democrazia nell’era di internet. la democrazia nell’era di internet (21-22 maggio) con il filosofo Pierre Lévy, e la narrazione del Cosmo (25-26 giugno) con il fisico Alvaro De Rujula. Il teorico della cybercultura inaugura il programma di incontri, intitolato “Astronave Arione”, che si inserisce nelle attività promosse dal centro di ricerca e sperimentazione voluto da Fondazione Golinelli (progettato dall’architetto Mario Cucinella) – a completamento di Opificio Golinelli – e dedicato fin dalla sua ideazione al connubio tra arte, scienza e tecnologia. Il format degli incontri, suddivisi in due giorni, prevede un doppio appuntamento: una conferenza pomeridiana aperta al pubblica (ingresso libero) e una mattinata di studio rivolta a un gruppo ristretto di ricercatori e dottorandi (su prenotazione).
Lunedì 21 maggio, alle 17, si terrà una conferenza aperta al pubblico su The Evolution of the Algorithmic Medium per presentare gli sviluppi più recenti delle nuove tecnologie comunicative e il loro rapporto con la creatività. Introdurrà il filosofo francese, il professore Adriano Fabris. Per Lévy il medio algoritmico è un’infrastruttura di comunicazione che aumenta il potere dei mezzi di comunicazione precedenti rendendo possibile un trattamento automatizzato delle operazioni simboliche. Dai grandi calcolatori elettronici alla nascita di Internet, dal diffondersi dei personal computer ai social network, fino agli ulteriori sviluppi che si stanno delineando, lo studioso mostrerà l’interazione fra creatività umana e intelligenza artificiale, nonché le conseguenze a livello socio-cognitivo che le tecnologie emergenti comportano, delineando gli scenari futuri. Il giorno successivo, dalle 9 alle 13, Lévy si terrà un seminario per ricercatori e dottorandi su “How to make meaning computable?”.
“L’esplorazione dello spazio nel quale si incontrano arte e scienza – dice il presidente di Fondazione Golinelli, Andrea Zanotti – conoscerà diverse articolazioni. Nel prossimo biennio rimarrà in orbita l’Astronave Arione che Fondazione Golinelli sta lanciando oggi. Arione era il leggendario cavallo immortale del mito greco: salendo sulla sua groppa si poteva viaggiare ovunque e vedere lontano. Perché una astronave e chi vi prenderà posto? L’astronave offre il vantaggio di poter osservare la terra da lontano assumendone in maniera netta i contorni: allo stesso modo l’idea di osservare questo fenomeno con un po’ di distanza e in maniera diversa da quella ormai prevalente della congestionata brevità delle rete, non può che aiutare una comprensione e favorire il confronto. A bordo saliranno autorevoli intellettuali per riannodare i fili interrotti che un tempo hanno legato arte e scienza”.
Dopo Pierre Lèvy, secondo ospite del Centro Arti e Scienze Golinelli sarà il fisico teorico del Cern di Ginevra Alvaro De Rujula, che il 25 e il 26 giugno parlerà di Tra arte e scienza: la narrazione del Cosmo, assieme al fisico Sergio Bertolucci.“La prima orbita – dice Zanotti – guida nella comprensione dell’incidenza di internet sulla democrazia; la seconda porta a investigare quali nessi tra arti e scienze si intessono dopo la frammentazione determinata dalla teoria della relatività e il tramonto delle cosmologie e a chiedere poi se l’universo può ancora restituire quella cifra narrativa estetica così potente da consentire di collocare nello specchio del cielo e delle costellazioni i nostri desideri e la nostra memoria”.
Il gruppo di lavoro, presieduto e coordinato da Andrea Zanotti, è composto da Andrea Bonaccorsi, Luca De Biase, Adriano Fabris, Marcello Veneziani.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Napoli al vertice della ricerca contro il tumore del colon

Posted by fidest press agency su mercoledì, 16 maggio 2018

L’Istituto Nazionale Tumori “Pascale” del capoluogo partenopeo ha contribuito in maniera decisiva alla validazione internazionale di un nuovo test, l’immunoscore, per la classificazione del cancro del colon, che nel 2017 in Italia ha fatto registrare 37.500 nuovi casi. Lo studio ha coinvolto un consorzio di 14 centri di 13 Paesi, sotto l’egida della Società dell’immunoterapia contro il cancro (Society for Immunotherapy of Cancer, SITC), ed è stato pubblicato sull’importante rivista scientifica The Lancet. “Si tratta di un decisivo passo in avanti nella lotta contro questa malattia perché lo studio ha dimostrato che l’immunoscore costituisce il biomarcatore prognostico oggi più efficace: permette cioè di stabilire in modo accurato l’evoluzione della malattia, cioè le possibilità di recidiva e, di conseguenza, di sopravvivenza delle persone colpite da una delle neoplasie più frequenti – spiega il prof. Paolo Ascierto, Direttore Unità di Oncologia Melanoma, Immunoterapia Oncologica e Terapie Innovative del ‘Pascale’ e membro del Consiglio Direttivo della SITC –. Questa validazione porterà all’inserimento del test nelle linee guida internazionali. La valutazione dell’immunoscore facilita la prognosi determinando il livello di infiltrazione delle cellule immunitarie nel tumore. Il progetto per la validazione è partito proprio da Napoli nel febbraio 2011 e l’Istituto ‘Pascale’ è il centro in Italia che ha arruolato il maggior numero di pazienti, circa 200, su un totale di 2.681. Sono stati incluse persone colpite da tumore del colon in stadio da I a III. Un punteggio, cioè uno score, alto è stato associato a una migliore sopravvivenza”. In particolare i pazienti con un immunoscore alto presentavano minori possibilità di recidiva a 5 anni dalla diagnosi (che riguardava solo l’8% delle persone con alto immunoscore rispetto al 19% di quelli con un livello medio e al 32% di quelli con livello basso). Non solo. Nei pazienti con alto immunoscore si è registrato un miglioramento della sopravvivenza globale del 56% rispetto ai pazienti con livelli bassi. “Questo test viene eseguito sul tessuto tumorale e servono circa 10 giorni per i risultati – afferma il prof. Gerardo Botti, Direttore Scientifico e Responsabile Dipartimento di Patologia diagnostica e di Laboratorio del ‘Pascale’ -. È stato validato per la prima volta nel tumore del colon grazie a questo studio internazionale, in prospettiva potrà essere impiegato anche nel melanoma e nelle neoplasie della mammella e dell’ovaio. La diagnosi è un momento fondamentale nella lotta contro il cancro. Solo partendo da una puntuale individuazione delle caratteristiche del tumore è possibile stabilire il miglior percorso di cura. I sistemi diagnostici hanno visto negli ultimi anni un’evoluzione che è andata di pari passo con quella dei farmaci: si tratta di test, marcatori biologici, utilizzati per definire il profilo molecolare della malattia. Strumenti indispensabili sia per il medico che per il paziente”. “L’integrazione fra le varie discipline rappresenta lo standard nella cura dei tumori – continua il prof. Paolo Delrio, Direttore Oncologia addominale ad indirizzo colon rettale del ‘Pascale’ -. Il ricorso al bisturi è di solito il primo passo nella lotta contro il tumore del colon. Consiste nell’asportazione del tratto di intestino interessato dal tumore e nella rimozione delle aree di drenaggio linfatico. Rispetto agli interventi demolitivi di anni fa, oggi la chirurgia di questo tipo di tumore è diventata meno invasiva. E l’introduzione di questo test potrà rappresentare uno step fondamentale nella definizione della pericolosità della malattia”. “Il valore aggiunto dell’Istituto Pascale – dichiara il direttore generale Attilio Bianchi – è rappresentato dall’ elevatissimo livello della nostra ricerca, riconosciuto a livello mondiale. E questo genera valore alla nostra attività assistenziale, perché i risultati delle varie attività di ricerca sono immediatamente disponibili per la pratica clinica, per i pazienti che ogni giorno si affidano alle nostre strutture”. Nell’era dell’immunoterapia cambia la classificazione del tumore. “Nella lotta alle neoplasie si stanno aprendo nuove strade per somministrare la terapia giusta al paziente giusto – conclude il prof. Ascierto –. Il prossimo passo è la valutazione dell’immunoscore come biomarcatore in grado di identificare i pazienti che potranno beneficiare dell’immunoterapia”. Anche in questo ambito il ‘Pascale’ è in prima linea con lo studio “Nicole” che sarà avviato a breve, coordinato dal dott. Antonio Avallone e dal dott. Alfredo Budillon dell’Istituto partenopeo.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »