Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 30 n° 318

Lucina Lanzara: “Una voce che diventa il canto delle sirene”

Posted by fidest press agency su mercoledì, 23 maggio 2018

Palermo Giovedì 24 maggio, tra gli eventi organizzati nell’ambito della BIAS, alle ore 21.00 all’ex Chiesa di San Mattia dei Crociferi in Via Torremuzza 28, si terrà la performance live Isòla, Porta dell’Anima di e con Lucina Lanzara. “Una voce che diventa il canto delle sirene” è questo il tema della iniziativa che vede protagonisti oltre alla cantante Lucina Lanzara anche Giovanni Mattaliano al clarinetto, Massimo Patti al contrabbasso, Rosellina Guzzo all’Arpa Celtica. Mentre le immagini sono curate da Giorgia Görner Enrile, Salvo Gravano, Stefania Rallo, Francesco Dragotto, Anna Vicentini. Lucina Lanzara, cantautrice e produttrice siciliana, sperimentatrice vocale prodotta dalla RAI e dalla Sonzogno. Per l’ingresso allo spettacolo è prevista una donazione minima per il progetto PortAbility che prevede la costruzione di un Presidio ospedaliero odontoiatrico e otorinolaringoiatrico per Comunità Beduina della Penisola del Sinai. All’interno del progetto, sono tanti gli artisti e professionisti che lavorano a scopo umanitario. Prima tra tutti il presidente della BIAS, Chiara Modica Donà dalle Rose. Rosa Mundi, con la collaborazione della Performer e attrice Sarita Marchesi, ha elaborato ed eseguito un complesso progetto artistico, che ha coinvolto amici, professionisti, artisti, ed ha consentito all’Arte, linguaggio universale che non conosce barriere geopolitiche e socio-culturali, di essere strumento privilegiato di comunicazione, promozione e salvaguardia della comunità beduina del Sud della Penisola del Sinai.
La comunità dei beduini è una comunità antichissima, ricca di cultura e con una grande dignità da conoscere, tutelare e “traghettare”, con urgenza, verso migliori condizioni di vita igienico-sanitarie.
In occasione del Workshop organizzato da Rosa Mundi in più tappe e in Egitto, con la collaborazione di volontari, amici e artisti, nel cuore del villaggio di Nuweiba, l’artista ha coinvolto anche medici siciliani e italiani, nonché industriali del settore odontoiatrico, per formare e aggiornare in Italia i medici locali e per creare un moderno ed equipaggiato presidio ospedaliero per la cura e la prevenzione dei denti, prima di tutto dei bambini, dai 4 ai 12 anni. Le prime indagini, condotta con materiale sterilizzato, nella forma dei set odontoiatrici monouso, dal Dott. Giuseppe Ferrantelli, hanno evidenziato una condizione sanitaria dei bambini molto compromessa. Il Workshop si è svolto attraverso un’opera di riciclo di materiali naturali reperiti in mare e tra le dune del deserto, persino per strada, attraverso i pigmenti estratti da piante e pietre locali. Da ciò i bambini beduini hanno creato sculture, disegni, acquerelli, offrendo la propria e personale interpretazione del concetto di porta, tema della BIAS 2018. Inoltre, con l’aiuto di Sarita Marchesi, Vittorio Buset, Loretta Grigoletto, Lorena Rancati, Anna Peria, Giuseppe Ferrantelli, sono stati coinvolti sia i ragazzi che le mamme e le sorelle più grandi della comunità locale, nella realizzazione di un ricamo su cinque grandi zanzariere, nella città di Dahab, su disegno di Rosa Mundi, raffigurante le principali costellazioni di riferimento, sin dall’antichità, per le popolazioni nomadi beduine.
La Biennale, rappresenta un momento di alto valore culturale per la città di Palermo e della Sicilia tutta.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: