Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 30 n° 265

Take Me (I’m yours)

Posted by fidest press agency su sabato, 26 maggio 2018

Roma Giovedì 31 maggio 2018 Ore 16.30 Anteprima per la stampa alla presenza dei curatori Ore 17.30 Talk di Hans Ulrich Obrist con artisti e invitati speciali, ingresso libero Ore 19 Apertura al pubblico. Villa Medici è lieta di presentare Take Me (I’m yours), mostra collettiva e partecipativa che riunisce le opere dei 15 pensionnaires di Villa Medici affiancati a numerosi artisti internazionali, per un totale di 89 artisti.
Take Me (I’m yours) incorpora la mostra annuale del ciclo L ORO concepita come laboratorio per gli artisti e i ricercatori in residenza all’Accademia di Francia a Roma. Un terreno di confronto dove s’incrociano molteplici discipline ed esperienze eterogenee che nascono all’interno della Villa. Luogo d’interazione tra i visitatori e gli artisti, Take Me (I’m yours) è caratterizzata dalla sua forma aperta e in continua evoluzione. I visitatori sono autorizzati ad adottare comportamenti normalmente proibiti nei musei — interagire, toccare, testare, prelevare, degustare, esperire, scambiare — prendendo così parte alla completa disseminazione, trasformazione e rinascita delle opere esposte. Take Me (I’m yours) è anche una mostra sulla trasmissione e sulla memoria, poiché i progetti si costruiscono al mattino e si dissolvono la sera, in costante mutazione fino al momento in cui le sale rimarranno vuote, le opere saranno disperse per la città e il visitatore, entrando a Villa Medici, si troverà davanti a un’esposizione da immaginare.Take Me (I’m yours) è dedicata all’artista belga Jef Geys, recentemente scomparso e sostenitore di un’arte concettuale rivoluzionaria, alla base della prima edizione della mostra.Concepita nel 1995 da Christian Boltanski e Hans Ulrich Obrist per la Serpentine Gallery di Londra, Take Me (I’m yours) ha avuto — grazie alla sua riproposizione nel 2015 a Parigi insieme a Chiara Parisi — numerose orchestrazioni, e ogni volta si arricchisce e si sviluppa, coinvolgendo un numero sempre maggiore di artisti invitati a interrogarsi su questo format.Vent’anni dopo l’edizione londinese, una prima riedizione si è svolta alla Monnaie de Paris, suscitando un enorme entusiasmo, tanto da essere riproposta alla Kunsthalle Charlottenborg di Copenaghen e al Jewish Museum a New York. In seguito, nel 2017, Take Me (I’m yours) ha fatto parte di Bienalsur, la Biennale d’arte contemporanea dell’America del Sud, ed è stata presentata all’HangarBicocca a Milano. E a partire da Villa Medici, la mostra curatoriale Take Me (I’m yours) sarà disseminata e lasciata libera di essere ricreata altrove.Luogo di produzione e di sperimentazione, ogni anno Villa Medici accoglie artisti e ricercatori di nazionalità, generazioni e discipline diverse, offrendo loro l’opportunità di dedicarsi pienamente alla propria ricerca. La mostra raccoglie i progetti dei borsisti: Giulia Andreani, Juan Arroyo, Eric Baudelaire, Boris Bergmann, Lise Charles & Aurélien Dumont, David Douard, Maxime Guitton in collaborazione con il celebre musicista e compositore Alvin Curran, Cyril Gerbron, Claire Lavabre, Marc Leschelier, Roque Rivas, Moussa Sarr, Stéphanie Solinas, Odysseas Yiannikouris in collaborazione con Alessandra Monarcha. Vede inoltre la partecipazione degli artisti di fama internazionale di generazioni e provenienze geografiche diverse: aaajiao, Etel Adnan, Micol Assaël, Artur Barrio, Gianfranco Baruchello, Christian Boltanski, Mohamed Bourouissa, Pedro Victor Brandão, Paulo Bruscky, James Lee Byars, Luis Camnitzer, Cao Fei, Maurizio Cattelan, Liliana Cavani, Ian Cheng & Rachel Rose, Claire Fontaine, Patrizio Di Massimo, Maria Eichhorn, Simone Fattal, Hans-Peter Feldmann, Andrea Fraser, Charles Gaines, Martino Gamper, Mario García Torres, Alberto Garutti, Gilbert & George, Dominique Gonzalez-Foerster, Felix Gonzalez-Torres, Douglas Gordon, Joseph Grigely, Ho Rui An, Carsten Höller, David Horvitz, Fabrice Hyber, Invernomuto, Alex Israel, Alison Knowles, Koo Jeong-A, Armin Linke, Franck Krawczyk, Ugo La Pietra, Fernanda Laguna, Jorgi Macchi, Angelika Markul, Annette Messager, Bruce Nauman, Rivane Neuenschwander, Otobong Nkanga, Yoko Ono, Luigi Ontani, Philippe Parreno, Diego Perrone, Cesare Pietroiusti, point d’ironie, Emilio Prini, Faith Ringgold, Martha Rosler, Anri Sala, Tomás Saraceno, Tino Sehgal, Daniel Spoerri, Wolfgang Tillmans, Rirkrit Tiravanija, Franco Vaccari, Francesco Vezzoli, Danh Vo, Lawrence Weiner e Franz West.L’esposizione a Villa Medici è concepita come un cantiere, secondo la tradizione rinascimentale, dove tutte le discipline si mescolano nella costruzione di un progetto unitario. Una vera industria urbana nella quale si ritrovano artisti, architetti, designer, musicisti, scrittori, che per intere giornate lavorano insieme. Collocando il visitatore al centro del progetto, Take Me (I’m yours) si trasforma giorno dopo giorno e permette al pubblico di fare un’esperienza unica d’incontro con l’arte, in tutte le sue forme. La mostra abbatte la barriera fisica e morale che generalmente separa i visitatori dalle opere d’arte, invitandoli a portarle con sé, a continuarle, a dar loro una nuova vita, a prendere il tempo per un incontro e condividere un ricordo.La mostra include i progetti speciali Take Villa Medici (it’s yours) e lo Speaker’s Corner, dove la parola viene data a Roma. Nel primo caso gli artisti in città possono “appropriarsi” delle sale con un progetto specifico in linea col format della mostra, e all’angolo degli oratori, secondo la tradizione inglese, chiunque può presentarsi senza essere annunciato e parlare di qualsiasi argomento desideri.
In occasione dell’inaugurazione, giovedì 31 maggio, nel Grand Salon a partire dalle ore 17.30 si svolgerà uno straordinario talk-maratona tenuto da Hans Ulrich Obrist insieme ad artisti e ospiti d’eccezione attorno alle diverse reincarnazioni della mostra. Un momento di condivisione e di domande sulle sfide delle opere presentate e sul format della mostra, tra doni, dispersione, scambio e partecipazione attiva.La partecipazione alla mostra di Cyril Gerbron prenderà forma in una conferenza sul tema: Un’immagine può offrire qualche cosa? che si terrà il 1 giugno 2018 nel Grand Salon.Accompagna l’esposizione una box di immagini che include un ampio apparato iconografico delle opere esposte e un testo curatoriale inedito.
Ingresso: 6 €, borsa Boltanski inclusa. Orari di apertura della mostra: da martedì a domenica, chiuso il lunedì, dalle 12 alle 19 (ultimo ingresso alle 18.30).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: