Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 30 n° 265

Archive for 14 giugno 2018

Conte a Parigi nonostante tutto

Posted by fidest press agency su giovedì, 14 giugno 2018

“Conte ha deciso di confermare il suo viaggio a Parigi per incontrare Macron. Mi auguro che non sia per confermare una amicizia tra le due Nazioni che non c’è ormai dal 2011. Da quando il Napoleone da operetta Sarkozy ha attaccato Gheddafi per togliere all’Italia il rapporto privilegiato con la Libia per l’approvvigionamento energetico, creando il caos che è all’origine dell’invasione di clandestini. Da quando la Francia ha sfruttato i governi fantoccio della sinistra per saccheggiare le imprese strategiche italiane, e provare, con la complicità di Renzi e Gentiloni, a prendersi parte delle nostre acque territoriali. Da quando la Francia ha iniziato ad avere un atteggiamento apertamente ostile nei confronti dei nostri interessi nazionali. Mi auguro che Conte vada a Parigi per dire chiaramente che la musica è cambiata. Altrimenti meglio che rimanga in Patria”. È quanto scrive su facebook il Presidente di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Rome Inclusive Fashion Night”

Posted by fidest press agency su giovedì, 14 giugno 2018

Roma Venerdì 15 Giugno ore 21 – St. Regis Rome – Sala Ritz si terrà una sfilata d’eccezione, tra le più originali del panorama fashion. Nei lussuosi spazi del St. Regis di Roma, si potrà assistere, in occasione della “Rome Inclusive Fashion Night”, ad una sfilata che vedrà riunite importanti personalità istituzionali, come la Sindaca di Roma Virginia Raggi, stilisti, testimonial e giornalisti del settore per un defilè davvero inclusivo dove, accanto alle maggiori top model, sfileranno modelle disabili provenienti da tutto il mondo.Organizzata dalla Fondazione Vertical, ente no profit impegnato nella ricerca sulle lesioni midollari, insieme all’Agenzia di Moda inclusiva Iulia Barton, l’appuntamento si configura come uno dei Fashion Show più prestigiosi della moda internazionale.Alcuni fra i più grandi stilisti che rappresentano il made in Italy nel mondo hanno aderito per presentare le loro collezioni e abbracciare la vision che è alla base del progetto: dimostrare come la disabilità non sia una barriera, ma possa rappresentare un’occasione di incontro e apertura. Le grandi maison, come Renato Balestra, Carlo Pignatelli, Giada Curti e Gianni Sapone presenteranno le loro collezioni sulla passerella e i capi saranno indossati da top model e modelle con disabilità.L’evento è patrocinato da Roma Capitale, sostenuto da Euroma2, che condivide i valori alla base del progetto e proietterà sui maxi schermi dello shopping mall le immagini della sfilata, come primo appuntamento in vista del decennale del prossimo 23 giugno.“Siamo orgogliosi di portare a Roma questo evento internazionale con cui celebriamo la bellezza, la femminilità e la diversità – dichiara Fabrizio Bartoccioni, presidente di Fondazione Vertical- e ringrazio le firme che hanno voluto dimostrare con la loro presenza che la moda non ha confini.”Il Presidente dell’Assemblea Capitolina Marcello De Vito, durante la conferenza stampa dell’evento che si è tenuta nella Sala Pietro da Cortona dei Musei Capitolini, ha affermato “è un evento innovativo e originale, che coinvolge top model e modelle con disabilità vestite dalle principali maison italiane per dare un segnale di apertura che va nella direzione dei nostri principi programmatici”.Ѐ poi intervenuto il disability manager del Campidoglio Andrea Venuto, che ha sottolineato l’importanza di questo genere di iniziative, che vogliono essere occasioni di coinvolgimento e sensibilizzazione dell’opinione pubblica sui temi della disabilità.L’intero incasso dell’evento verrà destinato alla Fondazione Vertical per la ricerca sulle lesioni spinali.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il governo non ha una politica industriale?

Posted by fidest press agency su giovedì, 14 giugno 2018

“Nel nostro Paese, solo nel 2017, abbiamo avuto 162 vertenze industriali aperte, con più di 180 mila lavoratori interessati. Padri di famiglia e giovani costretti a sopravvivere nella precarietà e nell’incertezza verso il domani. Ho letto il vostro ‘contratto’ di governo per tentare di capire la vostra idea di politica industriale, ma con mia grande sorpresa non ho trovato traccia di una qualche proposta”.Lo ha detto Pietro Pittalis, deputato di Forza Italia, intervenendo in Aula a Montecitorio nel corso della discussione generale sul dl cig, l provvedimento che punta a rifinanziare gli ammortizzatori sociali per i lavoratori ex Alcoa.“Sarebbe opportuno che il ministro competente riferisca a riguardo, mettendo da parte il pressapochismo e la propaganda. Vorremmo sapere dal super ministro, super solo per il numero di poltrone che si è auto-assegnato, Di Maio cosa devono aspettarsi i lavoratori interessati dalle emergenze, cosa devono aspettarsi i lavoratori dell’Ilva. La linea è quella di Grillo o quella di Di Maio? Basta furbizie.Servono decisioni, serve responsabilità. Di Maio durante la campagna elettorale correva in giro per l’Italia nei luoghi del malessere e del disagio, oggi da ministro non è qui in Aula.Voteremo questo provvedimento, ma auspichiamo sia l’ultima proroga. Basta assistenzialismo, serve il lavoro vero, non il reddito di cittadinanza. Solo con il lavoro vero si salvaguarda la dignità dei lavoratori”. (n.r. Bisognerebbe incominciare con imporre un dazio a quelle imprese italiane che si trasferiscono all’estero e poi  fanno rientrare i prodotti lavorati  a prezzi competitivi.)

Posted in Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Tutto quello che c’è da sapere sul business dell’immigrazione

Posted by fidest press agency su giovedì, 14 giugno 2018

migranti spaIl ruolo delle ONG che operano nel Mediterraneo, l’atteggiamento in certi casi equivoco di alcuni paesi europei, lo sporco lavorio dei trafficanti di essere umani. Tutto quello che stiamo vedendo in questi giorni a proposito della vicenda che ha riguardato la nave Acquarius era in qualche modo stato anticipato nel libro di Pierfrancesco De Robertis, «Migranti Spa», l’ultimo e più aggiornato saggio sul business dell’immigrazione clandestina. L’inchiesta condotta da De Robertis prende l’avvio dall’esame di quanto accaduto nel mar Mediterraneo a partire dall’esplosione della grande crisi migratoria del 2012/2013, quando centinaia di migliaia di persone hanno cominciato a riversarsi nella coste meridionali dell’Europa per cercare una condizione di vita migliore. L’Unione europea si è fatta trovare sostanzialmente impreparata e gestire questo grande afflusso di gente, che ha provocato una grande discussione pubblica in tutti gli stati al punto che le elezioni politiche in ogni stato hanno avuto l’immigrazione come tema principale sul quale i partiti si sono confrontati di fronte agli elettori. L’impreparazione ha creato divisioni anche nette, tra stati e all’interno degli stati. L’Italia è stata lasciata sola ma nel frattempo è riuscita a mettere in piedi quello che in molti hanno definito un proficuo , perché quei cinque o sei miliardi che il nostro Paese spende ogni anno per l’accoglienza dei migranti fanno lavorare molta gente, creano un indotto che tiene insieme molti interessi diversi. Ecco, tutto questo in «Migranti Spa» era ben presente e ben descritto quando ancora la nave Acquarius doveva prendere il largo per salvare in mare il suo carico di disperati.
Lo Stato italiano spende sei-sette miliardi di euro all’anno per l’accoglienza dei migranti, un fiume di soldi. Dove vanno? A chi vanno? Chi guadagna dietro il grande business che si è venuto a creare con l’arrivo in Italia di centinaia di migliaia di immigrati? De Robertis cerca di rispondere a queste domande proponendo storie, analisi e dati sui flussi di denaro che gravitano intorno al mondo dell’accoglienza. Il risultato della sua inchiesta è un affresco composito: da una parte migliaia di volontari che eroicamente si affannano per portare un aiuto ai tanti disperarti che arrivano sulle nostre coste, dall’altro centinaia di improvvisate coop sociali, associazioni e avventurose società che cercano di sfruttare il nuovo business. Per non parlare di dubbie ONG. Lo Stato osserva ma non controlla, anche perché è una situazione che fa comodo a molti. Il libro è arricchito da numerose tabelle contenenti somme, dati, numeri che fotografano una realtà alla quale è finalmente giunto il momento di guardare con obiettività e grande senso di responsabilità civile.
Pierfrancesco De Robertis, giornalista e scrittore, è editorialista del Quotidiano Nazionale e dei giornali del gruppo Poligrafici (“La Nazione”, “Il Resto del Carlino”, “Il Giorno”). Dal 2015 al 2017 ha diretto “La Nazione” di Firenze. Per Rubbettino ha già approfondito importanti fenomeni di cronaca, pubblicando La Casta invisibile delle Regioni e La Casta a statuto speciale.www.rubbettinoeditore.it (foto copertina: migranti spa)

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

A Palermo la mostra di Francesca Leone

Posted by fidest press agency su giovedì, 14 giugno 2018

Palermo Real Albergo dei Poveri Corso Calatafimi 217 Orari: Dal martedì alla domenica dalle ore 10 alle 19 (ultimo ingresso ore 18.30) ingresso gratuito. Lunedì chiuso. L’artista romana, Francesca Leone, torna a Palermo che l’ha accolta nel 2008 con la sua prima esposizione personale e che la ritrova oggi dopo 10 anni con alle spalle un ciclo di grandi mostre nei più importanti musei d’arte contemporanea: Russia, Cile, Argentina e dopo due importanti istallazioni museali realizzate per La Triennale di Milano e per il Museo Macro di Roma. La mostra dall’emblematico titolo “Monaci” è promossa dall’Assessorato Regionale dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana di Palermo Capitale della Cultura 2018 ed è organizzata da Civita. Il percorso espositivo, composto di 26 opere inedite è curato dal critico d’arte Danilo Eccher e sarà un’anticipazione significativa della grande personale che Francesca Leone porterà in autunno a Madrid. “Due file di monaci silenziosi, assorti, appoggiati alle pareti, avvolti in un consunto saio cementizio. Muti esibiscono le stigmate di una crudele quotidianità offrendo stemmi araldici di un’attualità sofferente. Come silenziosi monaci guerrieri assistono alla processione liturgica di confratelli adornati di paramenti cerimoniali della strada, dello scarto, della marginalità. Nelle austere aule del Real Albergo dei Poveri si sta officiando il rito della contemporaneità “(D. Eccher)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

L’innovazione friulana si afferma in Cina

Posted by fidest press agency su giovedì, 14 giugno 2018

Grande interesse per l’offerta economica innovativa delle imprese friulane in Cina, dove si trova in questi giorni una delegazione formata da una decina di aziende del territorio per la missione-studio organizzata dalla Camera di Commercio e da Confindustria Udine, in collegamento con le attività avviate dalla Regione Fvg. Con i presidenti Giovanni Da Pozzo e Anna Mareschi Danieli, nel viaggio d’affari ci sono Engen Meccanica con Cristina Mattiussi, il Gruppo Luci rappresentato da Jacopo Luci, Meccanotecnica con Nicola Collino, Mechanics srl con Giulio Fornasiere, Quin con Fabio Valgimigli, Saitel con Dino Feragotto, Serrametal con Giuseppe Vesca e The Next con Kevin Feragotto.«L’obiettivo di questa visita ricca di appuntamenti con le massime istituzioni e realtà economiche di Pechino e Shanghai – ha commentato il presidente Da Pozzo – è conoscere un territorio in cui si stanno creando sempre più spazi di azione, con un focus puntuale sul digitale, in una sinergia fra il programma di Impresa 4.0 e il progetto Made in Cihina 2025, lanciato nel 2015, che punta a trasformare la “fabbrica del mondo” cinese in una fucina di innovazione, di produzioni automatizzate ad alto valore aggiunto e tecnologie produttive avanzate. In questi primi incontri sono rimasto particolarmente colpito dall’apertura e dall’interesse verso le nostre piccole e medie industrie, che possono esprimere qui un grande potenziale soprattutto per le capacità di innovazione, professionalità, ecologia, qualità».
Come ha evidenziato anche la presidente Mareschi Danieli «con il piano Made in China 2025, la Cina passa dalla produzione di massa a bassa qualità a quelle tecnologicamente innovative. Cosa fare? Collaborare, perché è una grande opportunità, investendo in ricerca e innovazione per essere sempre un passo avanti a loro. La nuova economia con il Programma Made in China 2025 aprirà le porte a molteplici opportunità bidirezionali tra i due Paesi. La Cina si sta aprendo al mercato globale: su questo dobbiamo concentrarci per cogliere subito ogni opportunità per le imprese italiane di svilupparsi in Cina. Il tutto, in un’ottica win win per sviluppare una manifattura sostenibile. La missione in corso, per quanto riguarda Confindustria Udine, ha proprio questo obiettivo: accompagnare ed accreditare le nostre aziende nei confronti di qualificati interlocutori istituzionali e imprenditoriali cinesi».Il programma della delegazione friulana in Cina, reso possibile dalla collaborazione col sistema Italia in Cina, in primis l’Agenzia Ice, è fitto di incontri: gli imprenditori hanno partecipato a un approfondimento sulle specificità del business in Cina, anche dal punto di vista della tutela della proprietà industriale, degli investimenti, delle peculiarità doganali e della business etiquette, con un particolare focus sul sistema ricerca e sviluppo cinese, e hanno quindi cominciato gli incontri istituzionali. Innanzitutto alla China Chamber of Commerce for Machineries and Electronics, dove hanno conosciuto anche imprese cinesi, quindi alla China Chamber of International Commmerce e China Machine Tool and Toolbuilder’s Association. Dopo di che, una nutrita serie di visite ad aziende locali, tra Pechino e Tianjin. Giovedì il trasferimento a Shanghai, dove proseguiranno, con la collaborazione di Danieli China, gli approfondimenti con le principali autorità economiche e dell’innovazione e le visite aziendali, con particolare attesa per quella al Parco Industriale e al Data Centre. La visita a Shanghai è stata studiata anche come anticipazione edizione di China InternatImport Expo (CIIE), che si terrà dal 5 al 10 novembre nel padiglione Italia al National Exhibitioand Convention Center di Shanghai. Sarò un vero e proprio expo legato alle importazioni di tecnologia, beni e servizi delle aziende cinesi e l’Italia ha aderito incaricando l’Ice Agenzia di seguire l’organizzazione delle presenze italiane. Sarò un vero e proprio expo legato alle importazioni di tecnologia, beni e servizi delle aziende cinesi e l’Italia ha aderito incaricando l’Ice Agenzia di seguire l’organizzazione delle presenze italiane.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

A Siena in mostra la pittura di Massimo Lomi

Posted by fidest press agency su giovedì, 14 giugno 2018

Siena 23 giugno la galleria Beaux Arts di Siena (via Montanini, 38) propone “Soltanto la luce…”, un nuovo appuntamento con l’arte contemporanea. Protagonista la pittura di Massimo Lomi caratterizzata da singolari tagli prospettici e atmosfere rarefatte.Sono oggetti di legno in disuso come vecchie persiane o tavole smesse ad accogliere i paesaggi intimi e poetici che propone l’artista labronico: la sua arte colta ed elegante offre scorci urbani che hanno il potere di evocare veri e propri stati d’animo dove la luce è la vera protagonista, capace di plasmare volumi e muovere la materia pittorica creando trasparenze e segnando linee e prospettive.Non mancano tavole che propongono scorci della città di Siena a cui Lomi dedica suggestivi dipinti fatti di delicati cromatismi che descrivono stagioni e sentimenti.Massimo Lomi si diverte a sperimentare con maestria tecniche e linguaggi: la sua è una pittura figurativa che parte da un sapere antico vestendolo di contemporaneità.I suoi soggetti dipinti a tempera con una tecnica che trae ispirazione dalla lezione dei pittori post-macchiaioli.
Classe 1953, Massimo nasce in una famiglia di artisti: il nonno Giovanni, era un noto pittore post-macchiaiolo e apprezzato cantante lirico mentre il padre Federigo un ottimo esecutore di musica jazz.Fin da giovanissimo Massimo Lomi si misura con la pittura en plein air, imparando così ad osservare. Dopo il liceo artistico inizia ad affinare il suo istinto pittorico. Nel 1972, propone la sua prima personale a Milano, dove viene apprezzato per l’originalità che esprimono le sue opere. Da lì inizia la sua carriera che lo porta in numerose città, con esposizioni in gallerie pubbliche e private. Alla sua arte è dedicato il docufim “I colori del sentimento” realizzato nel 2007 dal regista Luca Dal Canto.
Ingresso gratuito Orario: lunedì dalle ore 16 alle ore 19.30 dal martedì al sabato dalle ore 9.30 alle ore 13 e dalle 16 alle 19.30 domenica chiuso.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Fed si mostrerà meno falco di quanto molti credano”

Posted by fidest press agency su giovedì, 14 giugno 2018

Commento di John Bellows, portfolio manager di Western Asset (gruppo Legg Mason) sul meeting della Fed. La Fed si sta avvicinando ad un livello dei tassi considerato “neutrale”, e ciò potrebbe portare ad un cambiamento di strategia. In questo meeting è probabile che il FOMC – oltre a rialzare i tassi – modifichi la sua forward guidance, cancellando ad esempio l’affermazione sul fatto che i tassi resteranno al di sotto del livello previsto nel lungo periodo. Anche la descrizione della politica monetaria potrebbe venir ridimensionata da “accomodante” a “moderatamente accomodante”. Questi cambiamenti sarebbero un prendere atto che, dopo tre anni e sette rialzi dei tassi, la politica monetaria è molto più vicina ad un livello neutrale. È un segnale importante, che potrebbe presagire un cambiamento d’approccio da parte del FOMC. Ogni rialzo “oltre” il livello neutrale, infatti, non potrebbe più essere giustificato come parte della normalizzazione: dovrà invece rappresentare una risposta ai dati economici. Giunta alla neutralità, la Fed dovrà essere ancora più attenta alle sue dichiarazioni sulle future politiche monetarie.A giudicare dai prezzi, i mercati sembrano credere che il prossimo anno la politica monetaria della Fed andrà oltre la neutralità. Dopo quello di questo meeting, il mercato sta prezzando altri tre rialzi da qui a fine 2019: ciò porterebbe i tassi Fed Funds oltre il 2,75%. Si tenga a mente che John Williams ha dichiarato recentemente che a suo parere la “neutralità” sarebbe attorno al 2,5%. E colpisce ancora di più il fatto che il tasso quinquennale previsto tra cinque anni si attesti oggi al 3,15%: insomma, il mercato si aspetta 5 anni in cui il tasso medio venga mantenuto ben oltre la neutralità. Sarebbe una prolungata fase di restringimento, come mai avvenuto prima nella storia della Fed. Ci sono stati periodi di politiche restrittive, certo, ma mai per 5 anni consecutivi. Per giustificare un simile andamento dei tassi ci vorrebbe uno scenario di inflazione molto diverso da quello attuale.Le argomentazioni a favore di una politica restrittiva sono poco chiare, e non è affatto scontato che la Fed decida di restringere la politica monetaria oltre la neutralità. Negli Stati Uniti la crescita ha accelerato, dopo un Q1 leggermente al di sotto delle aspettative, e il tasso di disoccupazione è sceso dello 0,3% rispetto al meeting di maggio. La crescita dovrebbe rimanere solida quest’anno, grazie anche allo stimolo fiscale, ma non è chiaro se la dinamica di crescita sottostante sia cambiata, e ci sono buone ragioni per dubitare che sia così. Cosa ancor più importante, lo scenario dell’inflazione sembra molto lontano dall’essere minaccioso. La misura dell’inflazione preferita dalla Fed è ancora al di sotto dell’obiettivo del 2%, e la crescita dei salari resta a sua volta sotto il 3%. I rischi al ribasso per l’inflazione rimangono significativi, come hanno dimostrato i 5 anni di inflazione inferiore agli obiettivi negli USA, per non parlare della bassa inflazione in Europa e Giappone. A meno che il rischio di inflazione in aumento non diventi più serio, la Fed potrebbe decidere di mantenere una politica più o meno neutrale, per non mettere i bastoni fra le ruote alla ripresa economica in corso.
Il messaggio più importante di questo meeting riguarderà dunque le intenzioni della Fed una volta raggiunta la neutralità. Il rialzo dei tassi infatti è ampiamente previsto e non sorprenderà nessuno. La cosa più importante, invece, sarà il modo in cui il FOMC descriverà le sue intenzioni programmatiche ora che i tassi si avvicinano ad un livello neutrale. Come detto, i mercati sembrano aspettarsi che la Fed andrà oltre la neutralità, portando poi avanti per diversi anni una politica restrittiva. A nostro parere invece, a meno che lo scenario dell’inflazione non cambi radicalmente, la Fed non sentirà il bisogno di andare oltre il livello neutrale. Se la Fed si mostrerà cauta da questo punto di vista, molti operatori di mercato potrebbero restare sopresi. Sarebbe infatti il segnale che la Fed non è così “falco” come molti avevano temuto.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

London Design Festival 2018

Posted by fidest press agency su giovedì, 14 giugno 2018

American Hardwood Export Council (AHEC), Waugh Thistleton Architects e ARUP stanno collaborando per presentare MultiPly, il padiglione principale del London Design Festival 2018. Sarà un padiglione modulare in tulipier americano lamellare a strati incrociati, che si troverà nel Sackler Courtyard del Victoria and Albert Museum (V&A) dal 15 settembre 2018.MultiPly, uno dei progetti di riferimento del London Design Festival, sarà composto da una serie di spazi interconnessi che si sovrappongono e si intrecciano, e incoraggerà i visitatori a riflettere sul modo in cui progettiamo e costruiamo le nostre case e città, affrontando due delle più grandi sfide dell’età attuale: il disperato bisogno di alloggi e l’urgenza di combattere il cambiamento climatico, presentando una possibile soluzione attraverso la fusione di sistemi modulari e materiali da costruzione sostenibili. “L’ambizione principale di questo progetto è di discutere pubblicamente riguardo a come poter affrontare le sfide ambientali attraverso una costruzione innovativa e conveniente”, afferma Andrew Waugh, co-fondatore di Waugh Thistleton. “Siamo a un punto di crisi sia in termini di abitazioni che di emissioni di CO2, e riteniamo che la costruzione attraverso l’utilizzo di un materiale versatile e sostenibile come il tulipier americano sia un modo importante per affrontare questi problemi”.

Posted in Estero/world news, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Padova Pride Village

Posted by fidest press agency su giovedì, 14 giugno 2018

Da venerdì 15 giugno a sabato 15 settembre riaprono a Padova i cancelli del Pride Village, appuntamento estivo ormai imprescindibile del Nord Italia, capace di calamitare ogni anno più di 120.000 persone, provenienti da tutta la penisola, nei padiglioni della Fiera di Padova.
Anche per questa undicesima edizione il Festival porterà in città tre mesi di musica, teatro, cultura e divertimento all’insegna della promozione e del rispetto dei diritti civili delle persone LGBTI.A tagliare il nastro dell’XI edizione, venerdì 15 giugno, sarà Barbara D’Urso, regina della televisione italiana, con ascolti record in tutte le sue trasmissioni, da Pomeriggio 5 a Domenica Live e fino all’attuale edizione del Grande Fratello, e soprattutto da sempre in prima linea per i diritti.«Nella mia vita mi sono sempre battuta per i diritti civili, contro l’omofobia e la violenza sulle donne – spiega Barbara D’Urso – Ho quindi accettato con grande piacere l’invito a partecipare al Padova Pride Village come madrina. Sono sicura sarà una bellissima serata» La sigla ufficiale del Pride Village di quest’anno porta, inoltre, la firma prestigiosa di Cristiano Malgioglio, cantautore che ha firmato successi per artisti del calibro di Mina, Raffaella Carrà, Adriano Celentano, Ornella Vanoni, Patti Pravo e molti altri. Il suo ultimo singolo, la hit dai ritmi latini “Danzando Danzando”, presentata durante la semifinale del GF e già disponibile su tutti gli store digitali, farà ballare il pubblico del Festival per tutta l’estate.Durante l’evento d’inaugurazione lo stesso Malgioglio la canterà insieme a tutta l’animazione del Pride Village, esibendosi poi in un live in cui presenterà tutti i suoi più grandi successi, tra i quali “O maior golpe do mundo (mi sono innamorato di tuo marito)”.Il Padova Pride Village rimarrà aperto, dal mercoledì al sabato, fino a sabato 8 settembre con un’extradate sabato 15 settembre che chiuderà l’estate patavina. Partner dell’undicesima edizione del Padova Pride Village sono Anima, Flexo, Trash&Chic, bitHOUSEweb, Infodiscoteche. Main sponsor: Birra Corona e P31 Green Spritz. Media partner: Radio Company e Gay.it

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

L’export italiano non arresta la sua crescita

Posted by fidest press agency su giovedì, 14 giugno 2018

È un futuro di crescita e opportunità, nonostante le incertezze, quello che attende l’export italiano nei prossimi quattro anni. Forte della profonda evoluzione realizzata negli ultimi dieci anni e dell’eccellente performance del 2017, l’export italiano ha tutto il potenziale per non arrestare la sua crescita e cogliere le opportunità offerte dai mercati esteri anche in un contesto oggettivamente complesso.Questo è il quadro delineato da “Keep Calm & Made in Italy”, l’ultimo Rapporto Export del Polo SACE SIMEST, presentato oggi a Milano.Lo Studio, che include le previsioni 2018-2021 sull’andamento delle esportazioni italiane per Paesi e settori e fornisce approfondimenti sui fenomeni globali a maggiore impatto, prospetta un quadro di vigile ottimismo per le nostre imprese esportatrici e dedica un approfondimento al settore infrastrutturale, elemento chiave per rafforzare la proiezione internazionale dell’Italia.“La performance brillante delle esportazioni italiane nel 2017 non è un successo isolato, ma è la conferma della forza del nostro export, che dalla crisi del 2008 è stato in grado di riadattarsi, migliorare la qualità, aumentare la specializzazione e orientarsi sempre più verso mercati a maggior potenziale – ha dichiarato il Presidente di SACE, Beniamino Quintieri –. Per il 2018 prevediamo una crescita delle esportazioni italiane del 5,8%, un trend positivo che continuerà anche del triennio successivo a un tasso medio annuo del 4,5%: vero e proprio ‘patrimonio nazionale’, l’export continuerà a offrire un contributo decisivo alla crescita del Paese”.“L’incertezza e la volatilità che caratterizzano i mercati in questo momento storico sono importanti, ma dobbiamo abituarci a considerarle come la nuova normalità – ha spiegato Roberta Marracino, Direttore Area Studi e Comunicazione di SACE -. Sono fattori di complessità che devono essere affrontati senza cadere in allarmismi e senza perdere di vista le opportunità esistenti nei mercati esteri e le priorità per coglierle. Tra queste gli investimenti in infrastrutture, soprattutto in ambito portuale, marittimo e del trasporto intermodale, indispensabili per un’economia che basa più del 30% del proprio PIL sull’export e che potrebbero consentirci di recuperare ogni anno 70 miliardi di euro di export”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Droni: nuove norme UE sulla sicurezza

Posted by fidest press agency su giovedì, 14 giugno 2018

I deputati hanno approvato in via definitiva nuove norme UE per garantire un uso sicuro dei droni e aggiornare le norme sulla sicurezza aerea.
I deputati hanno dato martedì il via libero definitivo all’accordo raggiunto, nel novembre 2017, tra i negoziatori del Consiglio e del Parlamento su regole UE per i droni e gli operatori di droni, al fine di garantire un livello comune di sicurezza e contribuire allo sviluppo di prodotti e servizi.Attualmente, la maggior parte dei droni è soggetta a differenti norme nazionali, il che può ostacolare lo sviluppo del mercato.In base alle nuove regole, i droni dovrebbero essere progettati in modo da poter essere utilizzati senza mettere a repentaglio le persone. In base al rischio connesso, ad esempio al peso del drone o all’area operativa, il drone avrà bisogno di dotarsi di caratteristiche specifiche, come l’atterraggio automatico, nel caso in cui l’operatore perda il contatto con il drone, o i sistemi anticollisione.Gli operatori dei droni avranno l’obbligo di essere a conoscenza di tutte le regole in vigore e essere in grado di operare in sicurezza. Ciò significa che alcuni di loro dovranno seguire un corso di formazione prima di poter utilizzare un drone.Per favorire l’identificazione in caso di incidente, gli operatori di droni dovranno essere iscritti in registri nazionali e i loro droni contrassegnati per l’identificazione. Ciò non si applicherà agli operatori di droni più piccoli. Sulla base di questi principi fondamentali, la Commissione europea ha il compito di elaborare norme più dettagliate a livello UE, quali i limiti massimi di altitudine e di distanza per il volo dei droni, e di stabilire quali operazioni e quali tipi di droni dovrebbero essere certificati in base al rischio che comportano. Le norme determineranno inoltre quali operatori dovranno seguire una formazione supplementare ed essere registrati e quali droni dovranno essere dotati di dispositivi supplementari di sicurezza.Oltre a stabilire le regole comunitarie sui droni, le modifiche approvate aggiornano la legislazione UE sulla sicurezza aerea, al fine di mantenere l’alto livello esistente nell’UE, con norme più adatte all’aumento del traffico aereo previsto nei prossimi decenni.
Sarà rafforzata la cooperazione tra l’Agenzia dell’UE per la sicurezza aerea (AESA) e le autorità nazionali per quanto riguarda la valutazione dei rischi in relazione al sorvolo delle zone di conflitto. Inoltre, la Commissione sarà incaricata di elaborare norme per ottenere in tempo reale i dati dai registratori di volo (“scatola nera”) in caso di emergenza di un aeromobile, così da accelerare gli interventi di emergenza.L’accordo provvisorio è stato approvato con 558 voti favorevoli, 71 contrari e 48 astensioni. Le norme dovranno ora essere formalmente approvate dai ministri dell’UE, prima che la legislazione possa entrare in vigore.Vietato l’uso della plastica monouso negli uffici e nei servizi dei palazzi della politica. Il ministero dell’Ambiente ha risposto alla richiesta di Marevivo di vietare l’uso della plastica monouso negli uffici e nei servizi dei palazzi della politica #StopSingleUsePlastic. Il ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, a margine dell’incontro che si è svolto oggi con le 23 associazioni, da Greenpeace a Legambiente, dal Wwf a Marevivo alla Lipu, firmatarie dell'”Agenda Ambientalista 2018″, ha confermato l’impegno che aveva già lanciato in occasione della Giornata mondiale dell’Ambiente di rendere il suo dicastero “plastic free” e di voler utilizzare le leve fiscali per ridurre la produzione degli imballaggi di plastica e quindi dei rifiuti. Proprio durante la riunione, infatti, l’acqua è stata servita in una brocca con bicchieri di vetro, un chiaro segnale di cambiamento. «È una prima vittoria – dichiara Rosalba Giugni, Presidente di Marevivo – al nostro appello di introdurre il divieto dell’uso di prodotti di plastica monouso, come bottiglie, stoviglie, cannucce e tutti gli oggetti che utilizziamo una volta sola prima di buttare via, nei servizi e negli uffici dei palazzi della politica. Il Ministero dell’Ambiente è stato il primo a dare il buon esempio e ci auguriamo che ben presto anche gli altri dicasteri accolgano il nostro appello diventando “plastic free”. Ringrazio Sergio Costa per questa importante decisione, una delle prime azioni concrete in soli pochi giorni dal suo insediamento. Ancora una volta l’Italia anticipa le direttive dell’Unione Europea dimostrando di essere lungimirante sulla salvaguardia dell’ambiente e del mare. A sostenere la nostra azione anche i circa 20.000 firmatari che hanno sottoscritto la petizione, lanciata su Change.org, che ringrazio per il supporto».Il Ministro per la Pubblica Amministrazione e il Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo hanno risposto alla lettera inviata da Marevivo dimostrando il loro interesse alla campagna.Marevivo continuerà a fare pressione affinché tutti i palazzi della politica, dal Senato alla Camera fino a tutti i Ministeri ed istituzioni introducano il divieto della plastica “usa e getta”.

Posted in Diritti/Human rights, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Sharing a meal with migrants and refugees and sharing hope

Posted by fidest press agency su giovedì, 14 giugno 2018

Rome 19th June 2018 Caritas Rome soup kitchen “San Giovanni Paolo II”, via Marsala 109. Caritas will invite migrants, refugees in Rome to share a meal with public and Church figures as part of its Share the Journey campaign. The meal, which will take place at the Caritas soup kitchen at Rome’s Termini Station, will be a moment for migrants and refugees to share their migration stories and experiencesThe Rome meal is part of Caritas’s Share the Journey campaign’s “Global Week of Action” 17-24 June. During that week, the 165 member Catholic confederation will promote meals and activities with migrants and refugees across the globe to mark World Refugee Day. See map for activities in other parts of the world.Speakers at the event will include migrants and refugees plus a family which has welcomed a refugee to live in their home. Other speakers include:
· Msgr. Enrico Feroci, Caritas Rome director
· Michel Roy, Caritas International secretary general
· Oliviero Forti, head of Caritas Italy’s migration department
· Laura Baldassarre, councillor for the community from Rome City Council
Alessandro Gisotti, a journalist from Vatican News, will present the event. Pope Francis launched the Share the Journey campaign in September 2017, emphasising how migration is a reciprocal journey made both by migrants and communities.“Hope is the force that drives us “to share the journey”, because the journey is made jointly: by those who come to our land, and by us who go towards their heart, to understand them, to understand their culture, their language.” Read more.Share the Journey is part of a global effort to build stronger relationships between migrants, refugees and with the communities which they want to leave, where they travel through, where they make their home.

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Migrazioni e soccorso in mare

Posted by fidest press agency su giovedì, 14 giugno 2018

Ginevra. L’OIM, Agenzia ONU per le Migrazioni, ha accolto con favore la decisione della Spagna di offrire un porto sicuro agli oltre 600 migranti – compresi decine di bambini e sette donne incinte – che sono in attesa da domenica a bordo della nave Acquarius.“Sono lieto che la Spagna si sia fatta avanti per attenuare questa crisi, ma temo in ogni caso che sarebbe davvero grave se gli stati iniziassero a rifiutarsi di accogliere i migranti salvati in mare, come è stato minacciato di fare”, ha dichiarato il Direttore Generale dell’OIM, William Lacy Swing.“Tenere in mare le persone soccorse non dissuaderà altri migranti dall’attraversare il Mediterraneo per raggiungere l’Europa e anche questi ultimi dovranno essere salvati prima o poi,” ha aggiunto. Con il peggioramento delle condizioni metereologiche e le crescenti preoccupazioni per il benessere dei migranti più vulnerabili a bordo dell’Aquarius, il governo spagnolo si è offerto di accogliere la nave, anche se ci vorranno altri due giorni per raggiungere il porto di destinazione. L’Aquarius ha soccorso nella giornata di sabato (9 giugno) circa 630 migranti, tra i quali oltre 120 minori non accompagnati e sette donne in gravidanza.
La nave di SOS Mediterranee e Medici Senza Frontiere (MSF), dopo aver soccorso alcuni migranti che si trovavano su gommoni, ne ha poi caricati altri trasferiti da “navi della guardia costiera italiana e da navi mercantili”.L’OIM ritiene che tutti gli Stati membri dell’Unione Europea debbano fare di più per sostenere gli Stati in prima linea e ha accolto favorevolmente l’iniziativa spagnola di portare i migranti al sicuro.“Fermare una o più barche nel Mar Mediterraneo non è la risposta alle sfide poste all’Unione Europea dalla questione migrazione,” ha detto il Direttore Generale Swing. “E’ necessario affrontare il fenomeno migratorio con un approccio globale e complesso che riesca combinare la necessità di creare opportunità di movimento sicuro e regolare, la realizzazione di una più efficace gestione delle frontiere e il rafforzamento della lotta al traffico di esseri umani.”
“Salvare vite deve sempre rimanere la nostra preoccupazione principale. Dobbiamo trovare con urgenza un modo per aiutare i migranti portati in salvo e lavorare per sostenere sia loro sia gli Stati in tutta Europa”, ha sottolineato Swing.
L’OIM sollecita quindi l’Unione Europea a riconsiderare una revisione del Regolamento di Dublino sulla base della proposta del Parlamento Europeo e a raggiungere un accordo all’interno del Consiglio garantendo la solidarietà tra gli Stati membri nel pieno rispetto delle disposizioni dei trattati.

Posted in Diritti/Human rights, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

MEPs demand an end to migrant deaths across the Mediterranean Sea

Posted by fidest press agency su giovedì, 14 giugno 2018

Ahead of the next EU summit on 28-29 June, MEPs urge EU leaders to show real political will and draw up genuine solutions to finally end the migration crises. In a debate with European Commission First Vice-President Frans Timmermans and Deputy Minister for the Bulgarian Presidency of the Council of the EU, Monika Panayotova, on Tuesday morning, MEPs laid out their priorities for the next crucial EU summit in Brussels on 28-29 June.Some of the political groups urged EU leaders at the summit to put an end to formal discussions on migration and start working towards an agreement on the so-called “Dublin system”. They referred to the new Italian government’s recent decision to refuse a boat carrying migrants, the MS Aquarius, to dock in the country over the weekend as a “disgrace” and “a scandal”. EP President Antonio Tajani also called on EU leaders at the summit to press ahead with overhauling the Dublin rules, whilst pointing out that the European Parliament has adopted a clear position on the matter, based on solidarity. Some groups further stressed the need to build new European reception centres to assist migrants arriving in transit countries. Others highlighted that a solution to solve the migration crises, based on quotas and mandatory reallocation of refugees, simply cannot work, as demonstrated so far, and that other options need to be put on the table. MEPs also discussed US trade barriers and reforming the Eurozone, calling on the European Council to take further action with revamping the EMU.

Posted in Politica/Politics, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Scuola – Diplomati magistrali, precariato e organici

Posted by fidest press agency su giovedì, 14 giugno 2018

Secondo il sindacato, urgono soluzioni efficaci per i docenti in possesso del titolo di diploma magistrale interessati dalla sentenza dell’Adunanza plenaria dello scorso 20 dicembre, per gli altri docenti abilitati esclusi dalle GaE, per tutto il personale precario e per la ridefinizione degli organici in linea con quanto disposto dalla direttiva 70/99 UE, a partire dai posti di sostegno agli alunni disabili. Il Ministro è bene che sappia che, alla luce dell’ultima recente risoluzione del Parlamento UE sul precariato nel pubblico impiego degli Stati membri e dei reclami collettivi presentati da Anief alla Commissione delle Petizioni dell’Unione, la posizione dell’Italia in merito al precariato deve necessariamente avere una sterzata. Marcello Pacifico (Anief-Cisal): Vanno salvaguardati i ruoli assegnati come da parere espresso dell’ex presidente della sezione Lavoro della Cassazione, Michele De Luca, e devono essere inseriti nella terza fascia delle GaE tutti i docenti ad oggi esclusi o inseriti con riserva purché in possesso di un titolo abilitante. Qualsiasi altra soluzione, alternativa al decreto d’urgenza che inserisca tutti gli abilitati nelle GaE, genererà soltanto un nuovo contenzioso. Ma è anche sugli organici la battaglia decisiva di cui si dovrebbe occupare un provvedimento urgente che voglia generare un corretto avvio del nuovo anno: non è possibile continuare a sottoscrivere ogni anno, a settembre, 100mila supplenze annuali, di cui la metà su sostegno agli alunni disabili. Parlare in queste condizioni di scuola di qualità, di continuità didattica e di rispetto del diritto allo studio è pura demagogia. Se quello insediato da pochi giorni vuole per davvero essere il governo del cambiamento lo dimostri nei fatti. E lo faccia subito.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Parlamento europeo: Direttiva sul diritto d’autore

Posted by fidest press agency su giovedì, 14 giugno 2018

Bruxelles. “Abbiamo il timore che l’eventuale approvazione della Direttiva sul copyright in discussione a Bruxelles al Parlamento europeo non solo non salverà i bilanci dei grandi editori (dai quali, invece, sarebbe forse lecito aspettarsi un cambiamento dei modelli di business che venga incontro alle esigenze dell’utenza), ma anche che possa limitare oltre misura la facilità di accesso alle informazioni online soprattutto a discapito dei consumatori (oltre che dei piccoli editori indipendenti e delle start up)”. Con queste parole Massimiliano Dona, Presidente dell’Unione Nazionale Consumatori, annuncia di aver scritto agli eurodeputati che voteranno il prossimo 21 giugno la Direttiva sul diritto d’autore nel mercato digitale.
Le preoccupazioni maggiori riguardano nello specifico gli articoli 11 e 13 della Direttiva, i quali rischiano di comportare la chiusura degli aggregatori (come già avvenuto in Spagna con Google News, ma anche con realtà come Planeta Ludico, NiagaRank, InfoAliment e Multifriki), andando paradossalmente a colpire il pluralismo e la diffusione delle notizie, nonché (con l’articolo 13) di obbligare le piattaforme di condivisione online ad attivare filtri preventivi, trasformandole in censori.“La nostra associazione -commenta Dona- sta studiando da mesi il problema con la campagna #pocheparole che fa riferimento alle poche parole di uno snippet (la breve descrizione che accompagna un link con la funzione anticiparne il contenuto): il tema è capire se gli strumenti proposti da Bruxelles segnano una strada giusta per garantire, da una parte, una informazione di qualità e, dall’altra, la facilità di accesso alle news. Nelle scorse settimane abbiamo diffuso un test per indagare sul grado di consapevolezza dei consumatori dal quale è emerso che l’86% dei consumatori digitali non ha mai sentito parlare della proposta di Direttiva o comunque non ne conosce neanche vagamente i contenuti. Un altro dato che merita approfondimento è che il 93% dei consumatori italiani ritiene internet un canale fondamentale di informazione e un italiano su due (il 49%) lo riconosce come il proprio strumento di informazione principale (scarica il report completo). Il dato è confermato anche dalla video inchiesta che abbiamo realizzato indagando sulle abitudini di reperimento e condivisione delle informazioni dei consumatori (guarda il video) ai quali abbiamo anche chiesto di fare un appello ai deputati europei (guarda il video). Alla luce di questi dati, emerge chiaramente l’importanza del web come strumento di informazione, unitamente alla necessità degli utenti di poter accedere alle notizie in forma intermediata e di poterle condividere per restare aggiornati”. “Ci appelliamo quindi al senso di responsabilità di chi voterà questa Direttiva -conclude l’avvocato Dona- chiedendo ai parlamentari, ai quali abbiamo mandato i risultati della nostra indagine, di salvaguardare la libertà della Rete e il diritto dei consumatori ad un’informazione libera e accessibile”.

Posted in Cronaca/News, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Immigrazione: un problema che risale a Renzi

Posted by fidest press agency su giovedì, 14 giugno 2018

“L’atteggiamento e l’azione della sinistra sull’immigrazione, prima di Minniti, sono stati fallimentari. La sinistra è andata in Europa a chiedere più flessibilità sui conti pubblici in cambio di un’accoglienza non regolamentata nel nostro Paese”.Lo ha detto Mariastella Gelmini, capogruppo di Forza Italia alla Camera dei deputati, intervenendo a “Radio Anch’io”, su Rai Radio1.“I toni di Salvini non sono i nostri e non abbiamo lo stesso linguaggio, però gli va dato atto, soprattutto ieri, di aver fatto una scelta simbolica che è quella di porre con decisione all’Europa il tema dell’immigrazione. Purtroppo fino ad oggi l’Europa non ha battuto un colpo, lasciando l’emergenza all’Italia: questo è un fatto oggettivo.Io che appartengo ad un partito fortemente europeista, come Forza Italia non ho argomenti per difendere l’Europa, perché l’Europa non può pensare che il tema dell’immigrazione debba essere scaricato sull’Italia o liquidato come una tensione tra Malta e l’Italia. Ieri a perdere è stata l’Unione europea”.

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Rock Song is a Love Song” a Parma per Meridians Onlus

Posted by fidest press agency su giovedì, 14 giugno 2018

Parma. Torna lunedì 18 giugno alle 20:30 presso il Campus Industry Music in Largo Simonini a Parma, “Rock Song is a Love Song”, il concerto benefico della JC Band in sostegno di Meridians Onlus.Il Gruppo rock, guidato dal frontman Massimo Scaccabarozzi, Presidente e Amministratore Delegato di Janssen Italia e Presidente di Farmindustria, vanta oltre 100 concerti benefici tra l’Italia e l’estero e festeggia quest’anno i 10 anni dalla sua nascita.
L’Associazione Meridians Onlus è impegnata da anni nella realizzazione di progetti umanitari di assistenza sanitaria in Italia e nel mondo in collaborazione con la Scuola di Medicina dell’Università di Bari e la Società Italiana di Nefrologia.La JC Band, il gruppo rock che si esibisce dal 2008, è interamente composta da dipendenti Janssen Italia, guidati dal frontman Massimo Scaccabarozzi, voce e chitarra, Presidente e Amministratore Delegato di Janssen Italia e Presidente di Farmindustria. Insieme a lui, si esibiscono i musicisti-colleghi: Maurizio Lucchini al basso; Orazio Zappalà e Francesco Mondino alle chitarre elettriche, Antonello Caravano alle tastiere e Antonio Campo alla batteria.«Sono grato a Massimo Scaccabarozzi e alla JC Band per il sostegno a questo importante progetto: la riattivazione di un Centro dialisi e di un Centro di immunopatologia renale permetterà di diagnosticare precocemente eventuali danni e procedere tempestivamente con le opportune terapie – ha commentato Domenico Zonno, Presidente di Meridians Onlus -. Si stima, così, che potranno essere salvate più di 2.000 vite umane ogni anno. Una volta realizzato il nostro progetto, con 8 stazioni dialitiche per cronici e 2 per acuti, si prevede di poter assistere circa 32-64 pazienti cronici e circa 100 pazienti acuti l’anno. Il progetto è frutto della collaborazione con i Frati Minori di San Francesco in Africa coordinati da fr. Carmelo Giannone Ofm. In questo momento stiamo lavorando all’elaborazione di un accordo di collaborazione tra l’Ospedale Universitario di Mbarara e diversi partner italiani per il reperimento delle risorse finanziarie e per l’attivazione del Centro”.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

L’Europa incontra la Silicon Valley

Posted by fidest press agency su giovedì, 14 giugno 2018

Computer History Museum, Mountain View, 11 settembre. Si scaldano i motori per la quarta edizione della Conferenza Digitale Europea in Silicon Valley, organizzata da Mind the Bridge e in programma per il prossimo 11 settembre. Evento centrale dell’iniziativa “Startup Europe Comes to Silicon Valley” – SEC2SV (9-15 settembre), l’European Innovation Day (EID) è divenuto nel corso degli anni l’appuntamento di riferimento sull’innovazione e sulle politiche europee (circa 700 i partecipanti registrati durante la scorsa edizione). Una giornata di incontri, stimoli e riflessione, ospitata presso il prestigioso Computer History Museum di Mountain View, che chiama a raccolta le più promettenti aziende – gli Unicorni di oggi e di domani – le migliori startup e i principali policy maker di tutta Europa per un confronto con gli stakeholder dell’economia digitale della Silicon Valley.Il follow-up degli incontri proseguirà nel corso della settimana SEC2SV con agende parallele per i singoli operatori e meeting 1:1 selezionati con funzionari governativi, dirigenti senior di aziende come Google, Dell, Microsoft, Autodesk, LinkedIn e rappresentanti del mondo degli investitori (Andreessen Horowitz, Felicis, Greylock, Social Capital, SoftechVC, USV, Y Combinator, RocketSpace, 500 Startups) e della comunità accademica (Stanford, Berkeley, Singularity University).Tra i temi che animeranno l’edizione 2018:
GDPR: Privacy e Data Storage/Transfer
ICO (Initial Coin Offering) e regolamentazione delle sue criptovalute
L’economia europea dell’innovazione in Silicon Valley
Startup M&A Primi speaker confermati:
Vivek Wadhwa, Technology & Innovation Author, Academic and Futurist
Tim Draper, Venture Capital, founder of Draper Fisher Jurvetson
Peter Arvai, CEO and co-founder, Prezi
Pēteris Zilgalvis, Head of unit, DG Connect, European Commission
Adam Sterling, Executive Director of the Berkeley Center for law and business
Kristin Schreiber, Director COSME programme, DG Grow, European Commission
Sabrina Ross, international privacy and security expert
Sorin Moisa, MEP, European Parliament

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »