Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 30 n° 299

Scuola: Concorso dirigenti scolastici, il 20 novembre si pronuncia la Consulta

Posted by fidest press agency su sabato, 7 luglio 2018

La Corte Costituzionale deciderà se l’art. 1, comma 88, della legge 107/15 abbia peccato di illegittimità nel prevedere una procedura riservata per il reclutamento dei dirigenti scolastici rivolto ai soli ricorrenti del concorso 2004 o a quelli del 2011 se destinatari di un provvedimento di primo grado favorevole discriminando così gli altri ricorrenti. Il rischio, se non interviene il Parlamento, è che centinaia di presidi possano essere licenziati. Anief chiede pertanto una modifica al Decreto Legge “Dignità” per ammettere i ricorrenti del 2011 e neutralizzare un eventuale provvedimento che renderebbe illegittima l’assunzione disposta a seguito delle procedure riservate disposte dal D. M. n. 449 del 20 luglio 2015.Marcello Pacifico (Anief-Cisal): Chiediamo a deputati e senatori di estendere a tutti i ricorrenti del 2011 la possibilità di partecipazione al corso-concorso, in un momento in cui ancora per i prossimi due anni scolastici avremo una scuola su quattro scoperta, quindi affidata in reggenza. Abbiamo tentato in tutti i modi di evitare che il contenzioso arrivasse alla Consulta, salvaguardando le immissioni in ruolo avvenute senza pregiudicare l’indizione del nuovo concorso, ma i nostri docenti ricorrenti hanno pieno diritto di ottenere una sessione di concorso a loro riservata, alla luce del danno professionale loro cagionato da un’amministrazione non all’altezza della situazione.

Una Risposta to “Scuola: Concorso dirigenti scolastici, il 20 novembre si pronuncia la Consulta”

  1. Gianvito said

    Onorevoli Ministri Bussetti – Salvini – Di Maio, poichè è in fase di elaborazione il testo del decreto legge contenente le determinazioni relative alle operazioni per il regolare avvio del prossimo anno scolastico, che conterrà certamente misure per la soluzione del problema ” Diplomati Magistrali “, nonchè di alcuni punti della legge 107 del 2015, sarebbe auspicabile, come del resto attenzionato da tutte le sigle sindacali,che in questo provvedimento fosse inserito un articolo che ponga rimedio alla condizione dei ricorrenti pendenti del concorso DS 2011. Un provvedimento, carissimi Signori Ministri, che parli di equità una volta per tutti,estendendo anche per noi poveri penalizzati, come è stato fatto nell’agosto del 2015 per i ricorrenti pendenti del concorso a dirigente scolastico del 2004 e del 2006, le disposizioni di cui alla legge 107/2015, art. 1, commi da 87 a 90 che prevedono un corso intensivo di 80 ore con prova scritta finale per entrare nei ruoli di dirigente scolastico.
    Grato per il vostro sicuro interessamento
    Un docente, come tanti altri, in attesa di giudizio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: