Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 30 n° 318

Antartide: quattro ecosistemi marini vulnerabili sul fondo del mare

Posted by fidest press agency su domenica, 22 luglio 2018

LONDRA. Le ricerche effettuate nel gennaio scorso con un sottomarino, durante la spedizione di Greenpeace in Oceano Antartico, hanno permesso di identificare quattro diversi Ecosistemi Marini Vulnerabili (EMV). Si tratta di aree che, secondo i ricercatori internazionali, devono essere tutelate con misure di protezione speciale. La ricerca è stata condotta dalla dottoressa Susanne Lockhart, dell’Accademia delle Scienze della California, e da John Hocevar, biologo marino di Greenpeace che, grazie al supporto della nave Arctic Sunrise di Greenpeace, con un sommergibile hanno esplorato i fondali dell’Oceano Antartico per documentarne le tante specie rare e vulnerabili. «Sono estremamente felice ed emozionata all’idea di proteggere queste aree», commenta la dottoressa Susanne Lockhart. «I filmati raccolti durante questa spedizione testimoniano l’ampia presenza di rari e quasi sconosciuti organismi. I fondali dell’Oceano Antartico sono davvero un mondo delle meraviglie, ricco di biodiversità, messo però seriamente a rischio dalla pesca intensiva e dai cambiamenti climatici». Greenpeace sta portando avanti una campagna per proteggere l’Oceano Antartico con una rete di aree protette, tra cui un Santuario nell’Oceano Antartico che, con una superfice di 1,8 milioni di chilometri quadrati, rappresenterebbe la più vasta area protetta sulla Terra.«È un privilegio per noi poter partecipare a questo tipo di ricerche scientifiche», afferma John Hocevar di Greenpeace, alla guida del sottomarino durante le ricognizioni. «Sappiamo ancora così poco su queste acque, per questo la loro protezione preventiva deve essere un imperativo. Dobbiamo proteggere questi luoghi meravigliosi prima di perdere qualcosa che non abbiamo avuto nemmeno il tempo di conoscere. I nostri risultati si aggiungono al crescente numero di prove che testimoniano la necessità di avere una rete di aree protette a tutela dell’Oceano Antartico».Le analisi dei filmati di questi ecosistemi marini, che si trovano nell’Antarctic Sound e nello Stretto di Gerlache, lungo la penisola antartica, sono state presentate la scorsa settimana a Cambridge dalla dottoressa Lockhart, durante un workshop tenuto da esperti della Commissione per la Conservazione delle Risorse Marine Viventi dell’Antartide (CCAMLR). Una volta riconosciuti ufficialmente dalla Commissione nella sua prossima riunione, che si terrà a ottobre a Hobart, in Tasmania, un’area con un raggio di miglio nautico attorno a ciascuno dei siti verrà immediatamente protetta.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: