Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 344

Archive for 2 agosto 2018

Promethera Biosciences Appoints Mutsuki Takano as General Manager of its Branch Office in Tokyo

Posted by fidest press agency su giovedì, 2 agosto 2018

Promethera Biosciences SA, a global innovator in cell-based medicines and liver diseases, announced the appointment of Mutsuki Takano as Branch General Manager of Promethera Biosciences Japan Branch and Member of the Management Team of Promethera Biosciences SA. As announced in May 2018, Promethera’s branch office in Tokyo marks the starting point for building a strong presence of Promethera in Japan and additional Asian markets.Mutsuki Takano joins Promethera from Mitsui & Co., Ltd, one of the biggest Japanese conglomerate where he was influential in international business activities such as new company launches, the set-up of joint ventures, foreign company operations and restructuring projects in the US, UK, India, China, and other Asian countries. Most recently, his work focused on private equity transactions in the biotechnology sector for Mitsui Global Investment, the venture capital arm of Mitsui & Co. Ltd. Mutsuki has contributed to the successful development of more than 10 portfolio companies as a board observer. He received a Bachelor of Science in Politics and Economics from the Waseda University, Tokyo, Japan and did his EMBA at Sun Yat-Sen University, Guangzhou, China.“In looking to fill this new position, the ideal candidate had to offer a strong network in Japan and the wider Asian region, combined with a strong biopharma investment and corporate development expertise. Mutsuki fulfilled all this and more and we are thus very pleased to present him as the new head of our recently established branch office in Tokyo and to welcome him in our Management team,” said John Tchelingerian, PhD, President & CEO of Promethera Biosciences SA.“The positive climate and regulatory environment for cell therapy and regenerative medicine in Japan represent a special opportunity for Promethera as we drive product and corporate development activities in the region. I am excited and very much looking forward to contributing to the continued success of Promethera in Japan/Asia and worldwide,” commented Mutsuki Takano, Branch General Manager of Promethera Biosciences Japan Branch.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Psoriasi: le Università di Genova e Verona identificano i geni della Psoriasi

Posted by fidest press agency su giovedì, 2 agosto 2018

Uno studio effettuato dai ricercatori dell’Università di Genova e dell’Università di Verona, guidati rispettivamente dal Prof. Antonio Puccetti e dal prof Claudio Lunardi e dalla Prof.ssa Marzia Dolcino, e pubblicato sulla prestigiosa rivista “Frontiers in Immunology”, ha svelato che esistono dei fattori genetici che determinano lo sviluppo della malattia psoriasica nella sua forma cutanea, osteoarticolare (artrite psoriasica) e metabolica.La psoriasi è una malattia infiammatoria cronica immuno-mediata della pelle diffusa in tutto il mondo (frequenza variabile da 0.6 a 4.8%) L’artrite psoriasica (PsA) è un’artrite infiammatoria, caratterizzata da infiammazione delle entesi (zone di inserzione dei tendini e legamenti sulla superficie ossea) che porta ad erosione ossea e neo-formazione di tessuto osseo. Colpisce il 10-30% dei pazienti con psoriasi cutanea e ha una frequenza stimata di circa l’1%.La malattia psoriasica è considerata una malattia immuno-metabolica in quanto si associa spesso a sindrome metabolica, caratterizzata da obesità addominale, ipertensione, dislipidemia aterogenica, diabete di tipo 2 dell’adulto, insulino-resistenza e steatosi epatica non alcolica.La malattia psoriasica è una malattia autoimmune, la cui origine è ancora ignota, ma che dipende dalla combinazione di fattori ambientali, genetici, epigenetici.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Estate, tutti i farmaci utili in vacanza: Vademecum della Sif

Posted by fidest press agency su giovedì, 2 agosto 2018

Un antidolorifico, un antinfiammatorio, un cortisonico, un antibiotico a largo spettro, un procinetico, un antidiarroico e un kit di pronto soccorso. Questi alcuni dei prodotti che non possono mancare nella”farmacia”da viaggio secondo le indicazioni della Società Italiana di Farmacologia (Sif) che ha curato un breve vademecum che tiene conto della meta vacanziera, delle temperature, di eventuali patologie croniche e della presenza o meno di bambini.
Prima di partire per le vacanze e mettere i farmaci in valigia, precisa la Sif, è bene innanzitutto porsi un paio di domande: andiamo in un luogo caldo? Viaggiamo con dei bambini? In estate, poi, dobbiamo prestare una maggiore attenzione alla scelta della preparazione farmaceutica (pomata, compressa, sciroppo, gocce etc.) da portare con noi e alle corrette modalità di conservazione.Consigli generali:
Un farmaco va sempre conservato in un luogo fresco ed asciutto, a temperature non superiori ai 24°C.
Preferire le formulazioni solide a quelle liquide, in quanto, in generale, meno sensibili alle temperature elevate
Se viaggiamo in auto, i farmaci vanno trasportati nell’abitacolo più fresco. Se viaggiamo in aereo è meglio nel bagaglio a mano: nelle stive degli aerei la temperatura scende anche di molti gradi sotto lo zero.
Se sei in terapia con farmaci salvavita, ricordarti di portare con sé la prescrizione medica.
Non sostituire mai la confezione originale del farmaco, è questa che rende riconoscibile il farmaco stesso, riporta la data di scadenza e contiene il foglietto illustrativo, utile se si ha qualche problema o se lo deve consultare per te un’altra persona che non ti conosce e non ha preparazione medica.
Controllare sempre il foglietto illustrativo del farmaco, alcuni farmaci possono causare reazioni da fotosensibilizzazione (Una volta assunti, se ci si espone al sole si può avere un effetto indesiderato), che possono presentarsi come dermatiti, eczemi e altre manifestazioni cutanee.
Non conservare i farmaci in ambiente umido: l’umidità può alterare compresse, capsule e cerotti medicati. Conservare in frigorifero gli sciroppi e i colliri e le preparazioni liquide.
Se si viaggia con bambini in una zona dove può essere difficile reperire medicinali, è opportuno prima di partire consultare il pediatra su cosa mettere in valigia, in base alle esigenze del bambino, altrimenti sono sufficienti due o tre farmaci base.I farmaci che possono servire sono:
Un antidolorifico/antipiretico come il paracetamolo (da utilizzare anche nei bambini).
Un antinfiammatorio come l’ibuprofen.
Un farmaco per il trattamento delle cinetosi (mal d’auto, mal di mare, etc.).
Un cortisonico per via iniettabile, utile in caso di reazione allergica.
Un antibiotico a largo spettro da assumere per via orale, se viaggiamo con bambini anche in formulazione pediatrica.
Pomate a base di cortisone e di antistaminici, che possono essere utili nelle punture di insetti, eritemi solari o contatti con meduse (da utilizzare anche nei bambini).
Un farmaco per l’iperacidità gastrica o un procinetico.
Un antidiarroico e un antiemetico. Se si viaggia con un bambino può essere utile anche una soluzione reidratante orale, che può aiutare il piccolo a recuperare i sali minerali persi con il vomito o la diarrea. Un piccolo kit di pronto soccorso: disinfettante, garze sterili e cerotti. (fonte: farmacista33)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Morsi e graffi di animali

Posted by fidest press agency su giovedì, 2 agosto 2018

Vacanze, viaggi e passeggiate all’aria aperta. Che siate al mare o in montagna, in Paesi lontani o in Italia, il pericolo di morsi di animali è purtroppo molto frequente, soprattutto per i bambini. Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), la rabbia è ampiamente diffusa in tutto il globo e si stima che ogni anno, a causa di questa malattia, muoiano più di 55 mila persone. Di questi decessi, il 95% si registra in Asia e Africa. Il 99% dei casi di rabbia nell’uomo dipendono da rabbia canina e circa il 30-60% delle vittime di morsi di cane sono soggetti minori di 15 anni.
“La rabbia – sottolinea la prof.ssa Susanna Esposito, ordinario di Pediatria all’Università degli Studi di Perugia e presidente dell’Associazione Mondiale per le Malattie Infettive e i Disordini Immunologici, WAidid – è una malattia molto pericolosa per l’uomo e pressochè sempre mortale. Se si sta programmando un viaggio, soprattutto in Paesi endemici, è fondamentale sempre informarsi bene sui rischi infettivi a cui si potrebbe andare incontro e le vaccinazioni necessarie. Tutta la famiglia dovrebbe accertarsi di essere stata vaccinata contro il tetano con un richiamo vaccinale effettuato nei 10 anni precedenti la partenza. La vaccinazione antirabbica pre-esposizione, invece, è raccomandata soltanto in casi di reale rischio di malattia, molto raro”.
Quali sono le infezioni più diffuse causate da morsi, graffi e saliva di animali? Ecco i consigli di WAidid su come riconoscerle e intervenire:
La rabbia è una malattia infettiva, mortale, causata da un virus (della famiglia Rabdovirus) che colpisce prevalentemente i mammiferi come cani, lupi, volpi e pipistrelli. Il virus penetrato con il morso risale lungo i nervi periferici e raggiunge il sistema nervoso centrale dove agisce distruggendo le cellule nervose. L’incubazione della malattia della rabbia è variabile e può prolungarsi anche per mesi. Non esiste una terapia per la rabbia quindi l’unico modo per prevenire la malattia conclamata è intervenire durante il periodo di incubazione con la somministrazione della vaccinazione antirabbica che consente all’organismo di reagire con un’efficace risposta immunitaria prima che il virus abbia raggiunto il sistema nervoso centrale.
Il tetano è una malattia infettiva acuta non contagiosa causata dal batterio Clostridium tetani che, normalmente presente nell’intestino degli animali (bovini, equini, ovini) ed eliminato con le feci, riesce a sopravvivere a lungo nell’ambiente sotto forma di spore.I sintomi più evidenti causati dal tetano sono: contrazioni muscolari, febbre, sudorazione, tachicardia. La somministrazione di immunoglobuline umane antitetaniche (TIG) e l’accurata pulizia della ferita infetta, con rimozione dell’eventuale tessuto necrotico, l’uso di disinfettanti ad azione ossidante (come l’acqua ossigenata) e la somministrazione di antibiotici (penicillina) sono importanti per prevenire la fissazione alle cellule nervose della tossina eventualmente ancora presente in circolo e per impedire che ne venga prodotta di nuova. La prevenzione della malattia si basa sulla vaccinazione, prevista in Italia per tutti i nuovi nati: la somministrazione di tre dosi di vaccinazione antitetanica conferisce una protezione molto elevata, con un’efficacia superiore al 95%. La durata della protezione nel tempo è di almeno 10 anni ed è ulteriormente garantita dall’esecuzione dei richiami.
Malattia da graffio di gatto. L’agente eziologico della malattia è Bartonella henselae, un parassita ematico trasmesso all’uomo dalle pulci e dal gatto. La malattia da graffio di gatto (Cat Scratch Disease, CSD) viene considerata la causa più comune di adenopatia (linfonodi ingrossati), cronica, benigna, in bambini e giovani adulti. Da 3 a 10 giorni dopo il contatto con l’animale, nel punto di inoculazione compare una lesione cutanea pustolosa, papulosa o vescicolosa, che può persistere per giorni o settimane, guarendo senza lasciare cicatrici. La terapia si basa sull’impiego di macrolidi. In alcuni casi può essere necessario intervenire chirurgicamente.
Le dermatofitosi (Tigna) sono micosi cutanee, causate da microscopici funghi (specie diverse di Microsporum e Trichophyton) che colpiscono gli animali domestici (causando aree tonde alopeciche) e l’uomo su capelli, pelle e unghie, particolarmente nei bambini. Cani, gatti e topi sono tra i responsabili della diffusione della malattia attraverso contatto diretto o indiretto. Gli antimicotici topici sono generalmente efficaci. Terbinafina da banco è un fungicida e consente un trattamento più breve. L’econazolo o il ciclopirox possono portare a risultati migliori nei casi in cui non si possa escludere un’infezione da Candida.Gli antifungini orali sono usati soprattutto nelle infezioni ungueali e del cuoio capelluto, nelle infezioni cutanee resistenti, le dosi e la durata differiscono in base alla sede dell’infezione.Per contribuire ad alleviare il prurito e l’infiammazione, possono essere utilizzati corticosteroidi in associazione alle creme antimicotiche.
La scabbia o rogna, infezione altamente contagiosa è causata da parassiti invisibili ad occhio nudo (Sarcoptes scabiei), gli acari, che scavano microscopiche gallerie nella pelle di uomo e animali domestici. Il sintomo più comune della scabbia è un forte prurito – con formazione di vescicole e croste – che può peggiorare di notte o dopo un bagno, quando l’attività degli acari aumenta a causa del caldo.Si può trattare a livello topico utilizzando creme a base benzoato di benzile, crotamitone o permetrina utili a debellare gli acari e le loro uova. Molto importante è anche lavare i vestiti, le lenzuola e gli altri oggetti con cui si è entrati in contatto a 90° così da eliminare eventuali parassiti depositati.
Morsi di ragni. Tutte le 40 000 specie di ragni conosciuti sono velenose. Tuttavia, i denti della maggior parte delle specie sono troppo corti o fragili per penetrare nella cute. Reazioni sistemiche gravi si verificano più frequentemente con morsi di:
– ragno bruno: violino, marrone recluso (Loxosceles sp)
– ragni vedova: vedova nera (Latrodectus sp), vedova marrone (L. geometricus])
I morsi di ragni bruni, più frequenti negli Stati Uniti, sono recentemente tornati di attualità anche nel nostro Paese. Alcuni morsi sono inizialmente indolori, ma il dolore, che può essere grave e interessare l’intero arto, si sviluppa in tutti i casi entro 30-60 min. La zona del morso diventa eritematosa ed ecchimotica e può essere pruriginosa. Nella sua sede si forma una bolla centrale, spesso circondata da un’area ecchimotica irregolare (lesione a occhio di bue).
Come intervenire. ll comune trattamento per tutti i morsi di ragno comprende la pulizia della ferita, il ghiaccio per ridurre il dolore, l’elevazione dell’arto, la profilassi antitetanica e l’osservazione.
Morsi di serpenti. Si raccomanda di: NON tagliare la ferita da morso, NON tentare di succhiare il veleno, NON applicare lacci, acqua o ghiaccio. Nei casi di morsi di vipera si instaura nella zona un edema duro e dolente di colore rosso-bluastro con ecchimosi. Dopo 1-6 ore circa, l’edema si estende a tutto l’arto colpito con formazione di chiazze cianotiche. Entro 12 ore si possono avvertire sintomi come secchezza della bocca e sete intensa, vomito e diarrea, crampi muscolari, pallore progressivo, vertigini e mal di testa. Come intervenire. Recarsi il prima possibile al Pronto Soccorso, il siero antivipera può essere somministrato soltanto da personale medico.

Posted in Spazio aperto/open space, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

Immigrato ferisce poliziotto e il collega gli spara

Posted by fidest press agency su giovedì, 2 agosto 2018

«Ancora una volta sarebbe stato indispensabile il taser, poiché l’unico strumento in dotazione ai due agenti della Polfer, era la pistola di ordinanza». Commenta così Stefano Paoloni, Segretario Generale del Sindacato Autonomo di Polizia (Sap), quanto avvenuto ieri sera all’esterno della stazione ferroviaria di Torino Porta Nuova. Per sottrarsi ad un controllo di Polizia, un cittadino somalo di 20 anni, ha ferito uno dei due poliziotti alle spalle con un oggetto contundente. L’altro agente, per difendere il collega dall’improvvisa aggressione, ha aperto il fuoco ferendo l’extracomunitario ad una gamba.
«Se il cittadino somalo, che stava attentando alla vita di un poliziotto, è stato solo ferito senza ulteriori conseguenze, lo si deve alla bravura del collega e alla buona sorte, poiché il colpo poteva recidere organi vitali. Il collega ora rischia anche un “atto dovuto” da parte della Magistratura e di rispondere personalmente, anche dal punto di vista economico, nei confronti dell’Autorità Giudiziaria. Questo, oggi – spiega Paoloni -, risulta maggiormente inaccettabile, perché è stato previsto per tutte le Forze dell’Ordine, l’utilizzo del taser. Ad oggi ci risulta che il Capo della Polizia Gabrielli, non abbia ancora impartito alcuna disposizione sulla sperimentazione nelle città in cui è prevista e, tra queste, vi è appunto Torino. Non è arrivato nessun taser, non sono stati individuati né formatori né operatori per l’utilizzo. E’ inaccettabile pensare – prosegue – che su un bilancio di 8 miliardi non sia possibile in via d’urgenza acquistare l’apparecchio per somme fino a 40mila euro senza procedere al bando Europeo, snellendo i tempi e dando avvio alla sperimentazione. Purtroppo, la sensazione – conclude – è che l’eccesso di burocrazia che ha bloccato l’introduzione delle telecamere sulle divise, oramai in sperimentazione da tre anni in quattro città, stia bloccando anche la sperimentazione della pistola taser».

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

The Times meets Trump, and Ronan Farrow takes on the system

Posted by fidest press agency su giovedì, 2 agosto 2018

By Pete Vernon. President Trump kicked up a journalistic firestorm Sunday morning, tweeting about an off-the-record meeting with New York Times publisher A.G. Sulzberger. Trump claimed that the two had “a very good and interesting meeting at the White House,” and discussed “the vast amounts of Fake News being put out by the media.”Sulzberger, viewing Trump’s comment as putting the meeting on the record, responded with a lengthy statement, explaining that his main reason for meeting with Trump “was to raise concerns about the president’s deeply troubling anti-press rhetoric. I told the president directly that I thought that his language was not just divisive but increasingly dangerous.” NYT editorial page editor James Bennett also attended the meeting, which took place on July 20.The nature of the talk stood in contrast to the paper’s post-election interview with Trump, one that the newsroom fought to be put on the record after television anchors were criticized for taking an off-the-record meeting with the then-president-elect. While it’s easy to argue that Sulzberger and Bennett shouldn’t be agreeing to conditions from a man who has continuously demeaned the reporting of their employees, it’s also hard to imagine them turning down a chance to challenge the president on his attacks. Where Sulzberger erred was expecting that Trump would both provide an accurate account of the meeting and change his approach to the media, two things he has shown no interest in doing.Politico’s Andrew Restuccia and Brent D. Griffiths note that “The Times has long been a convenient foil for Trump, a regular Times reader who has a fascination with the paper despite his loud criticism of its coverage. So it was no surprise that Trump would try to spin the meeting with Sulzberger to his advantage.”Trump responded later in the day with a thread of angry tweets, accusing the media of being “unpatriotic.” He added, “The failing New York Times and the Amazon Washington Post do nothing but write bad stories even on very positive achievements — and they will never change!”
The Times’s Mark Landler spoke with Sulzberger, who said Trump took pride in popularizing the phrase “fake news.” Sulzberger also noted that at one point he told the president that media organizations had resorted to “posting armed guards outside their offices because of a rise in threats against journalists. The president, he said, expressed surprise that they did not already have armed guards.” (font: CJR Editors)

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Logic Biosciences Announces International Award for LBS-101 Program

Posted by fidest press agency su giovedì, 2 agosto 2018

Logic Biosciences, Inc., a development-stage pharmaceutical company, today announced that its lead product candidate, LBS-101, has been recognized with an Innovation in Oral Care Award from the International Association for Dental Research (IADR). LBS-101 is a long-acting topical formulation of a novel salt of bupivacaine, being developed for oral pain from mouth ulcers (oral mucositis) secondary to chemotherapy or radiation therapy for cancer. The award also includes research funding to the University of Connecticut (UConn), to advance the drug development program. This funding is supported by GlaxoSmithKline, through an unrestricted grant to the IADR. Awardees are selected by a scientific review panel of the IADR. The award was given at the IADR conference held in London, England from July 25-28, 2018.Mahesh Kandula, CEO of Logic Biosciences, stated, “We are excited about this international recognition for the LBS-101 program. It is noteworthy that the panel of distinguished judges saw the scientific value of our approach and selected this program for this honor. Since our novel drug is based on a known pharmaceutical agent, we expect to have relatively lower drug development costs and a faster path to approval.”Rajesh Lalla, DDS, PhD, Associate Professor at UConn and Chief Scientific Advisor of Logic Biosciences, stated, “Oral Mucositis causes severe pain that often requires systemic opioids, which have significant side-effects. The development of a locally acting anesthetic that is more potent and longer-acting than the current standard of care would be of great value to our patients and could reduce the need for systemic opioids.”This program had previously also received funding from the SPARK Technology Commercialization Fund at UConn, where a novel drug formulation has been developed in collaboration with Distinguished Professor Diane Burgess of the UConn School of Pharmacy. A Phase I clinical study is being planned, tentatively for 2019.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

OFX Group Turns to Box for Cloud Content Management

Posted by fidest press agency su giovedì, 2 agosto 2018

Box Inc. (NYSE:BOX), a leader in cloud content management, today announced that OzForex Limited, trading as OFX, part of the OFX Group (OFX:ASX) (“OFX”), the Australian international money transfer specialist, has moved its workforce to Box. Since 2016, OFX has been using Box in its seven global offices as part of its strategy to become a truly digital workplace.“Box has completely transformed how we work on content,” said Phillip Scott, Head of IT Operations at OFX. “From our internal procedures through to how we process content from clients, Box has helped us to modernise our systems, making us significantly more efficient and productive and ultimately helped us to serve our customers better.”“Additionally, by leveraging Box Platform our consumer and corporate clients can easily provide us with documents like passports, driver’s licenses, and bank statements, in a secure and compliant way. Such documents are essential for the new client registration process. Further, by adding metadata within Box, we’re able to tag attributes like Geography, Client, Type, etc. This makes processing, accessing, and tracking vital information immeasurably better than our old way of working.” “OFX is a great example of a Fintech which is benefitting by modernising its business processes,” said Scott Leader, Box VP of ANZ. “The IT team has taken a new approach to managing content and is reaping the rewards. We’re delighted that Box has given OFX greater control and security over content, and that we can help keep OFX compliant with Australia’s strict data regulations.”

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »