Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 30 n° 328

Archive for 4 agosto 2018

È stato aperto stamattina il primo lido sul Tevere della Capitale

Posted by fidest press agency su sabato, 4 agosto 2018

Si chiama Tìberis ed è stato realizzato da Roma Capitale all’altezza di Ponte Marconi: circa 10mila metri quadrati di area attrezzata, per la quale è stata richiesta una concessione di lunga durata alla Regione Lazio.”Abbiamo creduto fortemente in questo progetto, perché il rilancio e la valorizzazione del fiume Tevere è una delle priorità del nostro mandato. È stato creato appositamente un Ufficio speciale che ha messo insieme i tanti soggetti istituzionali competenti, tra cui la Regione Lazio, l’Autorità di Bacino e la Capitaneria di Porto. Abbiamo firmato il Manifesto di intenti per il Contratto di Fiume con enti e associazioni. E ora, come avviene a Parigi e in altre capitali europee, anche a Roma si potrà prendere il sole sulle rive del fiume”, afferma la sindaca di Roma Virginia Raggi.La spiaggia è ad ingresso libero. È stata attrezzata con sdraio, docce dove potersi rinfrescare, distributori automatici di bevande e snack, spogliatoi, ombrelloni e campi sportivi. Aprirà tutti i giorni, comprese le domeniche e i festivi, dalle ore 8 alle 20. La gestione dell’area è a cura di Roma Capitale che si occuperà di garantire pulizia, manutenzione e sicurezza con la stretta collaborazione della Polizia Locale. Una spiaggia accessibile a tutti e adeguata alle specifiche esigenze anche delle persone disabili. Questo è il risultato di un grande lavoro di riqualificazione con un ruolo centrale svolto dal Servizio Giardini e dall’Assessorato alla Sostenibilità Ambientale.“Nel pieno dell’estate abbiamo aperto questo tratto riqualificato di fiume, da luogo degradato a luogo ritrovato, un bellissimo scenario naturalistico immerso nel verde dove, a sorpresa, abbiamo trovato anche un nido di Aironi. Il Tevere è un veicolo di storia e di cultura, porta del Mediterraneo, luogo di nascita della culla della civiltà del mondo. Rappresenta un modello di turismo sostenibile che con il tempo vogliamo implementare e arricchire. Un luogo affascinante dove poter passare il tempo libero in totale relax restando in città, a due passi dal centro. Con la spiaggia chiara e lo stacco immediato del manto erboso questo spazio, che un tempo era in totale abbandono, è stato trasformato in una spiaggia vera e propria nel cuore della Capitale. Abbiamo abbellito l’area portando, direttamente dal Semenzaio di San Sisto, piante ornamentali come querce da sughero, bambù, agrifogli, ulivi, alloro e palme nane. A due passi dalla spiaggia si può prendere anche il battello dal molo di Ponte Marconi fino ad Ostia Antica navigando il fiume, scoprendone il grande valore ambientale e paesaggistico. Durante i lavori di riqualificazione è riemerso l’argine originario dell’area golenale risalente ai primi del ‘900 e sono stati fatti ritrovamenti di epoca romana, che noi intendiamo custodire e valorizzare”, dichiara l’Assessora alla Sostenibilità Ambientale di Roma Capitale Pinuccia Montanari.“L’apertura di questo spazio è un elemento di grande soddisfazione, perché è un esempio di come si possa mettere in campo un protocollo di azioni per garantire un reale presidio del territorio. Abbiamo assicurato la rimozione di insediamenti abusivi e rifiuti, bonificando l’area e riportandola alla fruizione da parte della collettività. Diamo così un ulteriore contributo al progetto di riqualificazione del Tevere, al recupero della bellezza di un luogo che è parte integrante della città”, afferma il direttore generale del Campidoglio Franco Giampaoletti.Determinante anche il contributo dell’Assessorato allo Sport, Politiche Giovanili e Grandi Eventi Cittadini nella realizzazione di un’area per la pratica sportiva, come ricorda l’Assessore Daniele Frongia: “Abbiamo fortemente voluto Tiberis e abbiamo cercato di renderla il più attrattiva possibile: i campi da beach volley riusciranno in questo intento. Mi preme ringraziare non soltanto per l’impegno il Dipartimento Sport e Politiche Giovanili nel fornire parte delle attrezzature, ma anche e soprattutto la Fipav Lazio e la Fipav Roma nelle figure dei due presidenti Andrea Burlandi e Claudio Martinelli per la sensibilità dimostrata nel voler contribuire con materiali e manodopera alla realizzazione dei campi da beach volley. Il lavoro sempre coeso e strettamente coordinato con le varie federazioni che questa Amministrazione sta compiendo palesa quanto di buono si possa fare per i cittadini di Roma”.

Posted in Roma/about Rome, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Scuola: GaE riaperte in Senato col decreto Milleproroghe?

Posted by fidest press agency su sabato, 4 agosto 2018

A proposito della volontà di riaprire le GaE al personale docente precario abilitato, fonti della maggioranza tengono a precisare che in realtà il parere del Governo era contrario e non favorevole, diversamente da come è stato presentato ieri nell’Aula del Senato. Ma la votazione ufficiale non può essere però archiviata come un semplice incidente di percorso: la votazione favorevole dell’Aula del Senato ha illuso centinaia di migliaia di maestri e insegnanti precari, che per alcune ore si sono ritrovate in quella fascia aggiuntiva delle GaE, così come chiesto da svariato tempo dall’Anief e nei giorni scorsi pure da molti partiti politici d’opposizione impegnati alla Camera nell’esame del decreto Dignità. L’emendamento Leu, inoltre, serve a superare la discussa decisione del Consiglio di Stato che con l’Adunanza plenaria del 20 dicembre ha estromesso dalle GaE 60 mila maestri con diploma magistrale, di cui 7 mila già assunti, e chiuso di fatto la porta della stabilizzazione a tutti gli altri abilitati all’insegnamento salvandone solo una minima parte con un ‘concorsino’ da 12 mila cattedre che serve solo a lavare la coscienza del deludente Governo del cambiamento.
Marcello Pacifico (Anief-Cisal): Ma quale incomprensione? I senatori, i relatori, il Governo dovrebbero stare molto attenti a cosa votano in Aula e alle dichiarazioni rese. Noi a questi giochi, a questa superficialità estrema, realizzata ancora una volta sulla pelle dei precari della scuola, diciamo no. Quel voto in Aula è stato reso? Bene, ora i senatori si assumano le loro responsabilità e diano seguito a quanto espresso. Anche perché, se il relatore di maggioranza ha sbagliato, come è possibile che poi centinaia di parlamentari abbiano espresso a loro volta un voto errato? Se qualcosa cambierà alla Camera, questi parlamentari è bene che sappiano che si troveranno 160 mila docenti precari contro. E con loro ci saranno pure le famiglie, assieme a tutti coloro che stanno assistendo ad un voltafaccia senza precedenti, attuato nei confronti di professionisti della formazione che chiedono solo di applicare il diritto europeo sulle immissioni in ruolo e cassare una normativa italiana sul reclutamento che fa acqua da tutte le parti. Quanto accaduto ieri al Senato non può essere liquidato come ‘un errore a cui rimediare’. E non è un caso se in tanti già chiedono di tornare al voto per delle nuove elezioni politiche: si sono resi conto che quanto sta accadendo sui precari è l’esatto opposto di quello che era stato detto prima del voto del 4 marzo scorso. A meno che, magari dopo il caldo africano, si arrivi a più miti consigli. Noi vogliamo continuare a pensare che una speranza si sta davvero realizzando per risolvere il problema del precariato: ancora una volta con Anief, replicando la riapertura delle GaE del 2012, proprio grazie al testo presentato da LeU e votato dalla maggioranza del Parlamento della Repubblica italiana.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Docenti precari, è partita la corsa alle 57 mila assunzioni: molte salteranno

Posted by fidest press agency su sabato, 4 agosto 2018

Sono state inviate agli Uffici Scolastici le istruzioni operative per le immissioni in ruolo, attraverso l’imminente convocazione dei candidati, l’individuazione dell’ambito e contestuale assegnazione della sede ai docenti neo-immessi in ruolo. Il condizionale sull’operazione è d’obbligo, perché molti dei 57.332 posti messi a bando non verranno mai assegnati, andando così ad ingrassare il già considerevole numero di supplenze annuali. Gli Usr attingeranno dalle graduatorie ad esaurimento, cui è destinato il 50% dei posti; dalle graduatorie di merito del concorso 2016 e quelle del concorso del 2018, cui è destinato il restante 50%. Nel caso di ulteriori disponibilità nell’ambito della quota del contingente destinata ai concorsi, si procederà alle ammissioni al terzo anno del percorso FIT. E qui risiede uno dei problemi: perché l’avere svolto il Fit comporta il depennamento da tutte le graduatorie: solo che nella grande maggioranza dei casi le operazioni che portano alla realizzazione delle graduatorie da terzo anno di Fit ancora devono completarsi. Anche laddove sono state avviate con sollecitudine e sembrava che tutto filasse liscio per arrivare alle assunzioni immediate, le commissioni si sono fermate in corrispondenza delle ferie estive: in Lombardia, ad esempio, i colloqui degli aspiranti docenti di diverse classi di concorso riprenderanno solo lunedì 27 agosto.
Marcello Pacifico (Anief-Cisal): In diverse classi di concorso, come ad esempio la matematica alle medie o gli insegnamenti tecnico-scientifici alle superiori, non si attuerà alcuna immissione in ruolo. Perché le GaE e le graduatorie di merito sono esaurite, chi ha fatto il Fit deve in moltissimi casi ancora terminare e gli altri abilitati, ad iniziare da chi ha svolto il Tfa, continuano ad essere relegati nelle fasce d’istituto. Pure tra le 13.329 assunzioni previste sul sostegno, si prevede un alto numero di mancate assegnazioni delle cattedre, anche in questo caso per mancanza di aspiranti. Anzi, gli insegnanti di sostegno specializzati sarebbero presenti e arruolabili nei ruoli: solo che il Miur si ostina a precludere loro l’accesso alle graduatorie pre-ruolo. Lo stesso destino è quello che l’Avvocatura di Stato vorrebbe riservare agli Insegnanti tecnico pratici, i quali solo in presenza di ordinanze cautelari possono accedere con certezza sui posti vacanti a loro destinati. Ci accingiamo a vivere l’ennesima estate con migliaia e migliaia di mancate assunzioni, per colpa di un’amministrazione che continua a far prevalere la burocrazia e ad alzare le barriere, anziché stabilizzare dei precari selezionati e formati ad hoc, aprendo finalmente alla professionalità e al merito. Noi abbiamo da tempo indicato cosa bisogna fare: riaprire le GaE a tutti i docenti precari abilitati, come è accaduto già due volte nell’ultimo decennio. Questo semplice provvedimento, recepito però solo negli emendamenti al decreto Dignità dai partiti d’opposizione, con quelli di maggioranza che hanno fatto ostruzione assoluta, avrebbe evitato guerre intestine tra i precari e l’inevitabile boom di ricorsi che a breve ci accingeremo a presentare.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola – Decreto Milleproroghe: approvato emendamento LeU che apre le GaE a diplomati magistrale e ITP

Posted by fidest press agency su sabato, 4 agosto 2018

Via libera all’inserimento nelle Graduatorie ad esaurimento ai diplomati magistrale a anche agli Insegnanti Tecnico Pratici: grazie all’emendamento, a prima firma Loredana De Petris di Liberi e Uguali, potranno entrare in graduatoria i docenti che hanno conseguito l’abilitazione entro l’anno accademico 2017/2018, inserendosi nella fascia aggiuntiva “ivi inclusi i docenti in possesso di diplomala magistrale o d’insegnamento tecnico-professionale entro l’anno scolastico 2001/2002”. In base alla modifica approvata, l’inserimento dovrebbe avvenire a “decorrere dall’aggiornamento previsto nell’anno scolastico 2017/2018 per il successivo triennio”.
Marcello Pacifico (Anief-Cisal): Finalmente i parlamentari prendono atto della situazione, adottando un provvedimento di apertura delle graduatorie analogo a quello approvato sei anni fa nello stesso Milleproroghe. Questa apertura del Senato risponde alle richieste di chi opera nella scuola e vuole il bene delle nostre scuole, al fine di evitare l’avvio di una guerra tra docenti e compromettere il normale avvio del prossimo anno scolastico. A nome dell’Anief non posso che ringraziare i senatori della maggioranza parlamentare, che hanno compreso l’importanza di questa complicata partita, dando l’assenso ad un provvedimento fondamentale per il futuro professionale di tanti docenti precari abilitati all’insegnamento e anche per gli studenti e le loro famiglie che, in questo modo, potranno contare su docenti finalmente stabili e utili alla realizzazione della perseguita ma mai trovata continuità didattica.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Storie ferragostane: prima parte

Posted by fidest press agency su sabato, 4 agosto 2018

E’ tempo di vacanze per chi può permetterselo o le ritaglia per il fine settimana sdraiato sotto l’ombrellone in una delle tante spiagge che scorrono lungo la nostra penisola o si alza di buon’ora per godersi tra i sentieri di montagna l’albeggio mattutino e il sole che fa capolino tra le cime delle montagne. C’è la vacanza del pigro e di chi si organizza per non sprecare nemmeno un minuto per godersi quest’aria festaiola prima di ritornare a sommergersi nel lavoro. A questo riguardo abbiamo pensato di adeguarci riducendo al minimo le notizie dal mondo e preparando i nostri lettori o chi c’individua per caso a una informativa più “mondana” come se avessimo messo a punto un elzeviro dedicandolo, come vuole la tradizione, ad argomenti di carattere letterario, artistico, storico, spesso con taglio critico. Le abbiamo chiamate “Storie ferragostane” e suddivise in più parti che pubblicheremo quotidianamente per almeno una decina di giorni.
Confidiamo, per chi avrà la bontà di leggerci, di trovare queste trame narrative, per quelle che vorremmo che fossero: d’evasione. Semplici ma non trascurando al tempo stesso un motivo di riflessione e persino uno stimolo per letture senza meno più impegnate facendoci dimenticare per qualche ora l’attrazione fatale per il telefonino e a volte i tediosi programmi televisivi e i soliti titoloni dei quotidiani e dei rotocalchi.
Avere un buon libro sottomano potrebbe riconciliarci con la ricerca di noi stessi e della possibilità di farci riflettere e stimolarci con conversari più ameni con i nostri vicini di sdraio o con gli occasionali incontri per ridarci il piacere di dialogare con le persone su temi che ci coinvolgono culturalmente ed emotivamente.
Il nostro augurio è che l’iniziativa possa incontrare il vostro gradimento. (Redazione Fidest)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Lacoste Ladies Open de France 2018 Des partenaires fidèles et impliqués

Posted by fidest press agency su sabato, 4 agosto 2018

Paris Les partenaires du Lacoste Ladies Open de France, tournoi du Ladies European Tour qui se déroulera du 6 au 9 septembre, proposeront animations et activations tout au long de la semaine au Golf du Médoc Resort.Partenaire de l’open de France féminin depuis 2008, Lacoste a annoncé cet hiver le renouvellement de son soutien au tournoi jusqu’en 2021. Elle lui permet d’afficher cette année une dotation de 275 000 €, en hausse de 10 % par rapport aux précédentes. Jadis simple partenaire officiel, la marque au crocodile est devenue sponsor titre en 2011, et a fait venir l’année suivante le tournoi au golf de Chantaco, le fief de la famille Lacoste dans le Pays basque. Pour cette première au Golf du Médoc Resort, Lacoste animera une boutique au sein du pro-shop du club, où elle mettra en avant sa collection Ryder Cup et offrira aux clients une broderie personnalisée pour tout polo acheté sur place.Partenaire majeur du Lacoste Ladies Open de France depuis 2013, la maison d’horlogerie Richard Mille sera présente au Pian-Médoc, et parrainera comme de coutume le pro-am d’ouverture du mercredi 5 septembre.Parmi les quatre partenaires officiels de cette édition 2018, AccorHotels, Nestlé et NordicTrack renouvellent eux aussi leur soutien. La chaîne hôtelière reste l’hôtel officiel de l’épreuve, via le quatre-étoiles MGallery by Sofitel du Golf du Médoc Resort, tandis que le groupe alimentaire fournira eau, café et barres de céréales aux joueuses ainsi qu’aux invités, et proposera ses produits à la vente dans les espaces de restauration grand public. Quant au fabricant d’équipements de home fitness, il offrira à la première joueuse professionnelle réalisant un trou-en-un au trou numéro 8 un appareil de fitness. Enfin Aviva, l’un des acteurs majeurs du secteur de l’assurance, rejoint le cercle des partenaires officiels du Lacoste Ladies Open de France jusqu’en 2020.Forte de ces multiples soutiens, la 28e édition de l’open de France féminin – la huitième à s’intituler Lacoste Ladies Open de France – s’annonce d’ores et déjà attirante. Rendez-vous au Golf du Médoc Resort, à quelques kilomètres au nord-ouest de Bordeaux, du 6 au 9 septembre! Photo: lacoste)

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Mostra Leda Tagliavini

Posted by fidest press agency su sabato, 4 agosto 2018

Maranello (MO) sabato 8 settembre, ore 18.00 trenta opere inedite dell’artista reggiana Leda Tagliavini in mostra presso lo Spazio Culturale Madonna del Corso Via Claudia, 277. Nata a Reggio Emilia, Leda Tagliavini si è formata all’Istituto d’Arte della città e all’Accademia di Belle Arti di Bologna con Pompilio Mandelli. Pittrice e scultrice, lavora a Reggio Emilia. Ha partecipato a numerose mostre collettive. L’esposizione, promossa dell’Assessorato alla Cultura del Comune di Maranello, sarà inaugurata con il concerto per pianoforte dei giovani musicisti Daniele Ceraolo, Simone Sgarbanti e Alessandro Curti. Il titolo della mostra – “Dedicato. Il colore nell’anima” – racchiude una dedica personale dell’artista, ma anche il riferimento diretto al colore, cuore pulsante della sua ricerca.
Il percorso espositivo, che si articola tra le lesene della chiesa sconsacrata, un tempo convento dei frati Francescani, illustra l’ultima produzione pittorica di Leda Tagliavini, caratterizzata dall’uso di tavole di grandi dimensioni trattate con colori acrilici, vernici ed inserti materici, ma anche dalla presenza di alcuni elementi ricorrenti: dagli uccelli, metafora di libertà, trasformazione e infiniti voli pindarici, alle sagome allungate di matrice giacomettiana, fino agli alberi scheletriti, eco di una natura sfruttata senza riguardo.
«L’artista – si legge nel testo di Chiara Serri – si muove al confine tra astrazione e figurazione, dove convivono geometria e natura, puntelli visivi (a volte a carattere tridimensionale) ed improvvisi slanci poetici. Può capitare che l’onda cromatica sia rafforzata da una pioggia di marmo, che il sole sia eclissato da un tondino metallico o, ancora, che tele di recupero confluiscano in nuovi lavori. Tutto converge nella realizzazione di un’opera che si nutre della realtà che la circonda e del dato naturale, visto attraverso la finestra di casa, in un continuo gioco di rimandi tra dentro e fuori, sguardo personale e memoria collettiva».
La personale, realizzata con il sostegno di Gruppo Alitenda, Mondial Ricambi, Renault – Officina Scarabelli Due S.r.l, SAU S.p.A., sarà visitabile fino al 22 settembre 2018, di lunedì, martedì, mercoledì e venerdì con orario 18.00-20.00, giovedì, sabato e domenica ore 10.00-12.00 e 16.00-20.00. Ingresso libero. http://www.comune.maranello.mo.it

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

L’amore per il Molise viaggia su due ruote

Posted by fidest press agency su sabato, 4 agosto 2018

Nicolangelo Zoppo con altri appassionati delle bici in Molise.JPGE’ sufficiente anche la semplice e affascinante bicicletta per promuovere e far scoprire il Molise più autentico, quello della natura incontaminata, dell’armonico rapporto tra uomo e ambiente, del recupero di antichi valori. Sono sulla stessa linea, con una sensibilità ecologica totale, gli organizzatori di due importanti eventi sulle due ruote non motorizzate in Molise – il “Tour bike della Transumanza” e la “Gran Fondo del Matese”, e i vertici di Forche Caudine, un incontro per incoraggiare e favorire quello che l’associazione dei molisani a Roma chiama “il Molise che vogliamo”.
Il “Tour bike della Transumanza” è un’escursione di quattro giorni – dal 2 al 5 agosto 2018 – in mountain bike sulle vie, appunto, della transumanza, dal Tavoliere delle Puglie fino in Abruzzo passando per il Molise. Le quattro tappe, condotte ad un’andatura da cicloturista proprio per godersi il panorama, rappresentano una stimolante passeggiata alla portata di tutti che fonde l’amore per la bicicletta e per lo sport con l’interesse per la cultura, la storia, il paesaggio.Tra gli organizzatori dell’iniziativa c’è il dermatologo Pietro Lippa, presidente onorario dell’associazione abruzzese “Vallelonga bike: i sentieri del lupo”, nata nel 2003 a Villavallelonga, piccolo centro in provincia dell’Aquila, località di arrivo del tour che parte da Orta Nova, in provincia di Foggia. “Il percorso, per un totale di circa 320 chilometri, segue per buona parte quello che resta del Regio Tratturo Lucera-Castel di Sangro, una delle maggiori ‘autostrade erbose’ seguite dai pastori – ha raccontato Lippa a Francesco Caterina di Forche Caudine nel corso dell’incontro di presentazione dell’attività a beneficio dei molisani a Roma. “Il percorso alterna tratti di sterrato con tratti asfaltati e permette di godere di panorami mozzafiato: dalle aride stoppie bruciate che ricoprono i terreni pianeggianti del Tavoliere delle Puglie, alle verdi colline molisane costellate di pittoreschi borghi, fino alle montagne ‘dolomitiche’ del Parco Nazionale d’Abruzzo – ha continuato Lippa.La promozione molisana attraverso le due ruote permette, tra l’altro, di fare nuove conoscenze e di stringere amicizie, attribuendo un valore anche umano al muoversi in bicicletta, nonché di condividere l’amore per il territorio. Il tour promosso dagli amici abruzzesi è giunto quest’anno alla quindicesima edizione.Altro appuntamento di richiamo, che si svolgerà il 2 settembre a Frosolone, in provincia di Isernia, è la Granfondo del Matese. E’ alla terza edizione, un ritorno dopo quattro anni di inspiegabile sosta. A promuovere la manifestazione è il “GS Largo Sole” di Nicolangiolo Zoppo, nato a Sant’Elena Sannita e residente da anni a Roma, dove promuove eventi su due ruote.Il percorso tutto molisano sarà unico, di 104 chilometri con 2.200 metri di dislivello, panorami meravigliosi e attraversamento di borghi affascinanti, come Macchiagodena, Cantalupo, Roccamandolfi e Guardiaregia. I tratti più caratteristici includono la salita di una ventina di chilometri che passa per Campitello Matese e giunge sul valico della Gallinola a 1.638 metri sul livello del mare, l’attraversamento dell’oasi del Wwf e la salita da Bojano a Frosolone passando per Spinete e Sant’Elena Sannita.Zoppo torna dunque ad offrire un omaggio alla sua terra d’origine, come ha spiegato a “Forche Caudine”, di cui è uno degli storici componenti grazie all’amicizia con l’avvocato Donato Iannone, vicepresidente dell’associazione, ma anche con il presidente Castellotti. Legatissimo al Molise, ha spiegato che le due ruote non motorizzate rappresentano certamente un mezzo di promozione sostenibile per il territorio.L’associazione “Forche Caudine”, che ormai costituisce anche una cassa di risonanza per “il Molise che vogliamo”, oltre a rappresentare uno storico punto di riferimento per l’emigrazione molisana, nel corso dell’incontro ha ribadito l’importanza dell’apporto alla visibilità molisana che giunge dall’esterno, come nel caso dei due appuntamenti ciclistici. (foto: Nicolangelo Zoppo)

Posted in Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Nasce la Bshair Accademy

Posted by fidest press agency su sabato, 4 agosto 2018

Formello. Alta specializzazione, qualità ed esperienza consolidata. Nasce con questo importante know how nella zona industriale di Formello la Bshair Accademy che si prepara ad aprire i battenti il 9 settembre con l’inaugurazione ufficiale. L’Accademia si candida a divenire un polo di eccellenza per quanti vogliano specializzarsi nei settori hair, beauty, make up e nails.
Collocato in una posizione logistica di grande efficacia, la Bshair Accademy unisce la passione e la professionalità di molti hair styilist oltre alla qualità dei prodotti. “Abbiamo segnato l’unione di più settori altamente specializzati – dicono l’imprenditore Luciano Ceremigna e il direttore artistico Giovanni Di Finizio – per rendere la nuova Bshair Accademy un punto di riferimento, sia per i giovani che si vogliano avvicinare al mondo del lavoro che per professionisti che desiderino accrescere il proprio bagaglio tecnico stilistico”. La Bshair Accademy è anche un atelier dove, grazie alle molte professionalità in campo, sarà facile ritrovare una propria bellezza con look personalizzati.L’eccellenza della Bshair Accademy si ritrova anche nei prodotti tutti targati Versum NY, marchio che riesce per la prima volta a creare un connubio fra New York, città “glamour” per antonomasia e le migliori tecnologie del Made in Italy.In questi giorni alla Bshair Accademy in via degli Olmetti 42c, zona industriale di Formello, si stanno mettendo a punto gli ultimi dettagli per il via ufficiale a settembre di tutte le attività, dai corsi al salone di bellezza, all’organizzazione di eventi.Il territorio si dota di un nuovo patrimonio in grado di dare grandi opportunità di crescita in ambito lavorativo e professionale all’insegna dell’eccellenza italiana.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

AccorHotels firma l’accordo per l’acquisizione di 21c Museum Hotels

Posted by fidest press agency su sabato, 4 agosto 2018

AccorHotels ha annunciato oggi la firma dell’accordo per acquisire l’85% di 21c Museum Hotels, società di gestione alberghiera che riduce i confini tra musei e alberghi per offrire un’esperienza di viaggio assolutamente innovativo. 21c combina musei d’arte contemporanea, boutique- hotel e ristoranti gestiti da grandi chef, in undici stabilimenti già aperti e in programma negli Stati Uniti.Questa azienda è stata fondata nel 2006 a Louisville, Kentucky, da Laura Lee Brown e Steve Wilson, filantropi e collezionisti di arte contemporanea. La coppia aveva visto i terreni agricoli della regione e i paesaggi rurali cedere all’urbanizzazione, mentre gli edifici storici del centro di Louisville rimanevano vuoti. Ispirati dall’idea di utilizzare l’arte come motore di rinnovamento urbano e come catalizzatore del tessuto sociale, Brown e Wilson hanno rinnovato una serie di magazzini del XIX secolo nel quartiere delle arti e dei teatri del centro di Louisville, per aprire il primo 21c Museum Hotels.Forti del grande successo riscontrato per la struttura di Louisville, 21c Museum ha ampliato la propria rete e oggi l’azienda gestisce otto immobili sparsi negli Stati Uniti: a Bentonville, Cincinnati, Durham, Kansas City, Lexington, Louisville, Nashville e Oklahoma City, con altri 3 in sviluppo a Des Moines, Miami e Chicago. Il 21c Museum è uno dei più grandi musei di arte contemporanea degli Stati Uniti e l’unico museo del Nord America dedicato esclusivamente all’arte del XXI secolo. Aperto e accessibile 24 ore al giorno, 7 giorni alla settimana, le mostre e i programmi di 21c sono completamente gratuiti per il pubblico. Ogni proprietà rimane un connubio innovativo di genuina ospitalità, design accurato, espressione artistica e creatività culinaria.Il marchio 21c Museum Hotels entrerà a far parte della collezione dei boutique-hotel MGallery di AccorHotels, che segnerà i primi passi del marchio nel mercato nordamericano. Ogni struttura MGallery ha il suo design e la sua storia da raccontare, dall’Hotel Molitor Parigi – MGallery o l’INK Hotel Amsterdam – MGallery, passando per l’Hotel Muse Bangkok Langsuan – MGallery fino all’ Harbour Rocks Hotel Sydney – MGallery. 21c Museum Hotels beneficerà del supporto di AccorHotels in termini di sviluppo, visibilità commerciale e accesso a una delle più grandi reti di distribuzione del settore.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Join a weekend for Europe

Posted by fidest press agency su sabato, 4 agosto 2018

The Jesuit European Social Center (JESC) together with the group “Passion for Europe” are proposing a two days session to share a christian vision of Europe’s current situation and main challenges, and open a dialogue on possible changes of mindset to rediscover the European common good.This two days session will take place in September 21-23 in the Spiritual Centre “La Pairelle”, close to Namur. The debates will be led by experts, including members of the EU institutions and religious organizations, and fostered by participants’ intervention. In the discussion panels, three main areas that represent a challenge for the present and future of the European Union will be covered: migration flows, integral ecology and cultural challenges within the EU.The program will begin on Friday 21/09 at 1:30 pm and will end on Sunday 23/09 at 2:00 pm. Should you have any further questions, please contact Martin Maier, JESC Secretary for European Affairs. (font: The Jesuit European Social Center)

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Disquisire sulla parola “cercare” in tedesco

Posted by fidest press agency su sabato, 4 agosto 2018

Nella sua nota introduttiva Hermann Hesse nel suo libro “Siddharta”, Edizioni club – traduzione di Massimo Mila, disquisiva sulla parola “cercare” in tedesco dove il suo uso è sostantivato.
I tedeschi, infatti, usano il participio presente “suchen” con il sostantivo der suchende (colui che cerca) “per disegnare quegli uomini che non si accontentano della superficie delle cose, ma d’ogni aspetto della vita voglio, ragionando, andare in fondo, e rendersi conto di se stessi, del mondo, dei rapporti che tra loro e il mondo intercorrono.” Quel cercare che è già per se un trovare come disse S. Agostino uno dei più illustri cercatori. Un cercare che è in sostanza un vivere nello spirito.
E’ tutta gente inquieta e in cerca e bisognosa di certezze. Gente che questua una verità su cui fondarsi nell’universale relatività della vita e del mondo. Un assoluto che non si colloca fuori di noi ma dentro e ci permette di realizzarci uscendo dalla banalità quotidiana di un’esistenza.
Un’idea della vita e della morte i cui tasselli come tanti pezzi di un puzzle sono distribuiti sin dalla nascita del mondo e poi ancora di quella degli umani.
Non è facile raccoglierli e ancor più metterli insieme. E’ un lavoro certosino di ricerca e selettivo per sgrossare quella parte che vi è estranea e può confonderci le idee. Quante volte, mi chiedo, se noi viviamo realmente o fingiamo. Riusciamo totalmente a fonderci con l’anima del mondo o appena la sfioriamo?
L’alternativa dell’uomo che muore senza essere riuscito a comprendere l’essenza della vita genera un travaglio profondo e gli impedisce di appropriarsi dei concetti puri.
Se considero la questione da una diversa visuale devo richiamarmi alla figura dell’uomo che cerca se stesso.
In questo il primo aspetto è dato dall’irrealtà del tempo. E’ una conquista del pensiero moderno su cui, dopo Bergson, quasi tutti i grandi spiriti della nostra età si sono soffermati e che gradualmente la stessa scienza sta corroborando con le sue esperienze. Siamo al cospetto di due modi di sapere: uno riguarda solamente la mente, ed è un sapere puramente intellettuale e astratto e uno che è un sapere con l’esperienza di tutto il corpo e l’anima, sapere con la fatica delle proprie membra, sapere con il dolore della propria esistenza, sapere che è vita, partecipazione intensa che impegna tutta la persona. L’individuazione come pena, come tormento, come limitazione: il bisogno d’evadere dai limiti del proprio Io e spaziare nella panica immensità del Tutto, respirare il divino vivere nell’eterno. Sono parole di Massimo Mila che ho espunto nella prefazione del già citato libro di Hermann Hesse.
Mila rileva questi temi proposti dal narratore Hesse e che attendono molto alla meditazione. E soggiunge: “Se si considera quanto poco ci vuole perché una nuova concezione della vita e del mondo si affermi come religione, oppure rimanda sepolta nell’oblio d’una perfezione indivi-duale, se si pensa quanto poco dipenda dalla verità intellettuale del sistema il fatto che un cristianesimo e un islamismo dilaghino come irresistibili maree nella vita pratica e nella storia, e gli Esseni e i Terapeuti rimangano sètte eretiche locali senza conseguenza, se si osserva da quali estrinseche circostanze e da quali doti inessenziali dipendono la sorte diversa di un Gesù o d’uno qualsiasi fra i tanti assertori del logos neoplatonico pullulanti intorno allo sfacelo del mondo antico, la sorte diversa di un Lutero o d’un Socino, allora ameremo vedere in Siddharta uno dei tanti Buddha potenziali, uno dei tanti virtuali fonda-tori di religioni, spariti senza lasciar traccia, che pullularono durante quell’irrequieto germoglio di ideologie filosofiche e religiose in cui si manifestò l’esaurimento dell’antica ortodossia brahminica e della sua civiltà.” (Riccardo Alfonso)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il futuro come lo vedo

Posted by fidest press agency su sabato, 4 agosto 2018

Chiudo gli occhi e tutto si fa nero. Li riapro subitaneamente e mi pervade un timore: e se non fossi stato più capace di riaprirli?
Vi è poi il tempo il cui sonno mi avvince, cogliendomi di sorpresa davanti a uno spettacolo televisivo noioso, o mentre leggo un libro o sono disteso a letto inseguendo taluni miei pensieri.
E quando mi sveglio, è sempre un modo per uscire dalle mie paure.
Non è il buio in se che mi terrorizzi. A volte lo cerco perché lo trovo utile per raccogliere le mie idee e ragionarci intorno.
Penso a volte a quello che dovrebbe essere il mio ultimo libro ora che l’età incalza e non sono più distratto dagli impegni lavorativi.
Sono un pensionato di lungo corso che ha trasformato i suoi anni di “ozio ufficiale” in un alacre impegno nello scrivere e nel leggere di mio e degli altri.
Amo fare delle simulazioni e immagino questi miei piccoli ritagli di vita in un certo modo in luogo di un altro.
Vado con mia moglie con regolarità al cimitero per lasciare a mio figlio, a mia suocera a mio cognato dei fiori.
Guardo le loro tombe e immagino la mia e quella della mia compagna. Siamo rimasti soli e sarà quindi difficile che ci possa essere qualcuno che penserà a noi. Vedo quindi una lapide disadorna, coperta di polvere e di schizzi di fango e chi vi passa accanto, potrà pensare: poverini, li hanno abbandonati.
E’ lo stesso senso di abbandono che avverto pensando alla tomba di mio padre che è sepolto con i resti di mio fratello Mario morto in tenera età e di fronte quella dove è sepolta mia madre con i suoi genitori.
La loro sfortuna è di essere stati sepolti in un cimitero lontano da dove abito.
Poi in altri siti dello stesso cimitero vi sono le tombe dei miei nonni e mia zia.
Forse qua e là si troveranno anche i loculi di qualche amico d’infanzia e di certo dei loro genitori.
E queste tombe vicine e lontane mi fanno riprendere il discorso sul tema a me ricorrente della costante ricerca di chi sono, dove vado e oltre. (Riccardo Alfonso)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Allarme povertà sanitaria

Posted by fidest press agency su sabato, 4 agosto 2018

Secondo il Rapporto Svimez, ancora oggi al cittadino del Sud mancano (o sono carenti) diritti fondamentali e vi è il fenomeno della povertà sanitaria, per cui l’insorgere di patologie gravi costituisce una delle cause più importanti di impoverimento delle famiglie Italiane.
“Una grave denuncia. E’ già indegno di un Paese civile non garantire assistenza sanitaria realmente gratuita, come sanno tutti i malati gravi che, in tutta Italia, sono costretti a fare visite private, sia per accorciare i tempi di attesa sia per rivolgersi a professori conosciuti ed affermati. Ancor più grave, poi, che questo li faccia precipitare nella povertà” afferma Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori.L’associazione di consumatori ricorda che, secondo gli ultimi dati Istat, relativi al 2016, al Sud il 14,9% delle famiglie dichiara di non avere soldi per le cure mediche, contro una media nazionale dell’8,8%, e che il 54% delle famiglie del Sud non riesce a far fronte ad una spesa imprevista di 800 euro, come può accadere in caso di malattie gravi, contro una media per l’Italia di 41,9% (in Sicilia il record, pari al 63,1% delle famiglie).

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Rapporto sulla mobilità sanitaria

Posted by fidest press agency su sabato, 4 agosto 2018

I cittadini italiani possono esercitare il diritto di essere assistiti in strutture sanitarie di Regioni differenti da quella di residenza, alimentando il fenomeno della mobilità sanitaria interregionale. Sotto questo “cappello” si collocano la mobilità attiva – che identifica l’indice di attrazione di una Regione tramite prestazioni offerte a cittadini non residenti e rappresenta una voce di credito – e la mobilità passiva – che esprime l’indice di fuga da una Regione con le prestazioni erogate ai cittadini al di fuori della Regione di residenza e rappresenta una voce di debito. Le compensazioni finanziarie tra Regioni vengono regolate secondo un Testo Unico approvato dalla Conferenza Stato-Regioni che ha individuato 7 flussi finanziari: ricoveri ospedalieri e day hospital (differenziati per pubblico e privato), medicina generale, specialistica ambulatoriale, farmaceutica, cure termali, somministrazione diretta di farmaci, trasporti con ambulanza ed elisoccorso.
Nel 2017 il valore della mobilità sanitaria ammonta a € 4.635,4 milioni, cifra che include anche i conguagli relativi al 2014 (€ 218,9 milioni) e al 2016 (€ 296,3 milioni), importi tuttavia non ancora definitivamente approvati dalla Conferenza delle Regioni e delle Province autonome.
Mobilità attiva. Le Regioni con maggiori capacità attrattive sono Lombardia (25,2%) ed Emilia Romagna (13,3%), che insieme ricevono oltre 1/3 della mobilità attiva; un ulteriore 27% viene attratto da Veneto (8,7%), Toscana (7,8%), Lazio (7,7%) e Piemonte (4,5%). Il rimanente 33% della mobilità attiva si distribuisce nelle rimanenti 15 Regioni, oltre al Bambin Gesù (€ 195,4 milioni) e all’Associazione dei Cavalieri Italiani del Sovrano Militare Ordine di Malta (€ 43,7 milioni). In generale, esiste una forte capacità attrattiva delle grandi Regioni del Nord, a cui fa da contraltare quella estremamente limitata delle Regioni del Centro-Sud, con la sola eccezione del Lazio.
Mobilità passiva. Le Regioni con maggiore indice di fuga dei propri residenti sono Lazio (13,9%) e Campania (10,1%) che insieme contribuiscono a quasi il 25% della mobilità passiva; un ulteriore 29% riguarda Lombardia (7,7%), Calabria (7,5%), Puglia (7,4%), Sicilia (6,5%) e il 46,8% si distribuisce nelle rimanenti 15 Regioni. Rispetto alla mobilità passiva, se quasi tutte le Regioni meridionali hanno elevati indici di fuga, questi sono rilevanti anche in grandi Regioni del Nord, in particolare in Lombardia, ma anche in Piemonte, Emilia Romagna, Veneto e Toscana, un fenomeno verosimilmente attribuibile a preferenze dei pazienti e agevolato dalla facilità di spostamento tra Regioni limitrofe con elevata qualità dei servizi sanitari.
«Dalla valutazione comparativa dei saldi – puntualizza il Presidente – emerge che le Regioni con saldo positivo superiore a € 100 milioni sono tutte del Nord, mentre quelle con saldo negativo maggiore di € 100 milioni tutte del Centro-Sud».
«Considerata la complessità del fenomeno della mobilità sanitaria – conclude Cartabellotta – con i dati attualmente disponibili è impossibile effettuare analisi più dettagliate. Ecco perché la Fondazione GIMBE chiede ufficialmente al Ministro della Salute di rendere pubblicamente disponibili tutti i dati sulla mobilità sanitaria che le Regioni trasmettono al Ministero. Questo permetterebbe di analizzare, per ciascuna Regione, la distribuzione delle tipologie di prestazioni erogate in mobilità, la differente capacità di attrazione di strutture pubbliche e private accreditate e la Regione di residenza dei cittadini che scelgono di curarsi lontano da casa, al fine di identificare quali dinamiche regolano le varie tipologie di mobilità regionale, di cui alcune sono “fisiologiche” ed altre francamente “patologiche”». Il report dell’Osservatorio GIMBE “La mobilità sanitaria interregionale nel 2017” è disponibile a: http://www.gimbe.org/mobilita_sanitaria2017.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Continua la corsa delle macchine per costruzioni italiane sui mercati esteri

Posted by fidest press agency su sabato, 4 agosto 2018

Verona. Anche il secondo bimestre dell’anno conferma il buon momento dell’industria italiana delle macchine da costruzione sui mercati internazionali. Da gennaio ad aprile 2018, l’export di mezzi e attrezzature per cantieri ed edilizia ha raggiunto un valore di 973,3 milioni di euro, in aumento del 13,5% sullo stesso periodo dell’anno precedente. Lo rivela l’Osservatorio di Samoter, il salone della Fiera di Verona dedicato alle macchine per costruzioni, in programma dal 21 al 25 marzo 2020 (www.samoter.it).
Le elaborazioni sul secondo bimestre – realizzate in collaborazione con la società di ricerche Prometeia e con Unacea, l’associazione nazionale delle aziende produttrici di macchine e attrezzature per le costruzioni – mostrano uno sviluppo generalizzato delle esportazioni made in Italy in tutte le diverse categorie di riferimento: movimento terra (+19%), stradale (+17,6%), preparazione di calcestruzzo (+7,1%) e inerti (+3,8%), perforazione (+10,8%) e gru a torre (+14,5%).
I mercati di sbocco evidenziano un doppio andamento. Bene quelli storici come Europa occidentale (+11,4%), Europa orientale e Turchia (+18,7%), Russia (+39,4%), Nord America (+37,8%), Medio oriente (+18,9%), Cina (+39,6%), India (+22,7%) e Oceania (+10,5%). In calo, invece aree geografiche “emergenti” come America centro-meridionale (-31,3%) e Nord Africa (-16,9%).
Nel secondo bimestre dell’anno, per il settore delle macchine da costruzione si consolida anche la ripresa del mercato interno, grazie ad importazioni che hanno sfiorato un totale di 300 milioni di controvalore, con un incremento del 22,2 per cento.Si tratta di ciclo espansivo generale che dovrebbe proseguire con ritmi di crescita a doppia cifra fino al 2020, secondo le previsioni dell’Osservatorio Samoter. Scendendo nel dettaglio, l’aumento della domanda nazionale riguarda le macchine movimento terra (+9,3%), per la preparazione di calcestruzzo (+87,2%) e inerti (+24,8%), perforatrici (+422%) e gru a torre (+49,5%). L’unica nota negativa arriva dal comparto stradale, con una riduzione delle macchine importate pari al 6 per cento.Le importazioni sono in aumento dalle tradizionali aree di riferimento che raggruppano i paesi fornitori come Europa occidentale (+11,4%), Nord America (+66,1%) e Asia (+32,8%).

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Marking breast implants with tomato DNA to prevent counterfeiting

Posted by fidest press agency su sabato, 4 agosto 2018

With business going global, product counterfeiting has become a growing problem for manufacturers. Consumers are at risk when counterfeiters set their sights on sensitive products such as medical equipment and drugs. Fakes are usually inferior. They can seriously harm patients’ health and even jeopardize lives, as the scandal surrounding a French breast implant manufacturer goes to show. The company cut corners, blending in unapproved silicones to slash production costs (more on this in the box “How breast implants are made”).This kind of illegal manipulation is almost untraceable. It takes elaborate analyses to detect such tampering. “Counterfeiters generally buy high-quality individual components from reputable suppliers and stretch them with cheap silicone, which costs a fraction of the premium material. Product pirates turn huge profits,” says Dr. Joachim Storsberg, a scientist at the Fraunhofer IAP in Potsdam and an expert witness in court cases centered on breast implants. A method to substantiate both quantitative and qualitative manipulations of one or more components would be ideal.
Storsberg and his team – which includes Marina Volkert from Berlin’s Beuth University of Applied Sciences – developed precisely this type of procedure. It has already been patented. The idea is to use DNA sequences as permanent markers to positively identify implants. This gives manufacturers the opportunity to tag products with a counterfeit-proof marker and thereby enhance patient safety. The source material is sure to raise eyebrows: tomato DNA makes the perfect marker, as various experiments have substantiated. “We isolated genomic DNA (gDNA) from tomato leaves and embedded it in the silicone matrix. We used approved siloxanes, which are building blocks for silicone products, to manufacture breast implants,” explains Storsberg. The researchers managed to demonstrate the extracted DNA’s temperature stability in pilot experiments. They vulcanized the gDNA in the host silicone at 150 degrees for five hours and then tested it with a polymerase chain reaction (PCR), a technique to amplify DNA, and with a special analytical method call gel electrophoresis. The DNA remained stable and did not degrade.
“Breast implants are made up of components; that is, several silicone polymers that cross-link to form a gel. The components’ manufacturer now has the option of marking silicones with the encapsulated tomato DNA sequence during the production process. He alone knows the type and concentration of the DNA used. The components are marked first, and then sold to the implant manufacturer. The PCR method can detect if the manufacturer stretched components with inferior materials or used a lower concentration. “This works much like a paternity test,” says Storsberg. The advantage of tomato DNA is that it costs next to nothing and is suitable as a counterfeit-proof marker for many polymer-based implants such lens implants. The IAP researchers published their findings in Plastische Chirurgie, a plastic surgery journal.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Gli autori del nuovo cinema portoghese in tour in Italia

Posted by fidest press agency su sabato, 4 agosto 2018

Roma 29 e 30 Settembre alla Casa del Cinema di Roma, dove è in programma un incontro pubblico con i rappresentanti del cinema e della cultura portoghese. Luso – Mostra itinerante del nuovo cinema portoghese è organizzata da Associazione Il Sorpasso – promotrice in Portogallo e in Brasile della Festa del Cinema Italiano – e Arch Film, casa di distribuzione indipendente italiana, in collaborazione con Fundação Calouste Gulbenkian, Ambasciata del Portogallo di Roma, da Instituto Camões e Slingshot Films.Il Portogallo negli ultimi anni ha attirato l’attenzione dei media internazionali per il momento sociale e politico che sta vivendo, ma anche essere diventate una delle mete preferite dei turisti italiani. Parallelamente anche il cinema portoghese sta avendo molto successo nei festival internazionali ma i suoi giovani autori ancora in Italia non hanno avuto modo di essere conosciuti. Le proiezioni si svolgono in sale, multisale, cineteche, centri culturali, al momento hanno già aderito oltre venticinque sale, tra queste Milano, Trieste, Torino, Bologna, Pisa, Perugia, Roma, Palermo, Bari, Lecce e tante altre. I film selezionati sono “A fabrica de nada” di Pedro Pinho, “São Jorge” di Marco Martins, “Verão Danado” di Pedro Cabeleira, “Ramiro” di Manuel Mozos e “Cartas de guerra” di Ivo Ferreira, oltre ai lungometraggi è in corso la selezione di un programma di cortometraggi dei più grandi maestri del cinema portoghese.Luso nasce da una collaborazione tra produttori e distributori impegnati sul cinema portoghese e una rete dinamica e ancora in corso di formazione di sale cinematografiche su tutto il territorio italiano.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Stagione balneare. Quali i diritti e i doveri dei bagnanti? Un piccolo vademecum

Posted by fidest press agency su sabato, 4 agosto 2018

* Le spiagge sono demaniali, di proprietà dello Stato, cioè nostre.
* Vengono date in concessione a gestori, che possono chiedere un biglietto di ingresso, per poter usufruire di alcuni servizi quali le docce, i bagni, gli spogliatoi, il servizio di salvataggio e la pulizia dell’arenile.
* L’affitto di sdraio, ombrelloni e cabine in genere e’ aggiunto al biglietto di ingresso, ma non e’ obbligatorio affittarle, perche’ una volta pagato l’ingresso ci si puo’ sdraiare sul proprio asciugamano.
* Si puo’ accedere alla spiaggia di uno stabilimento balneare, per raggiungere il mare, senza pagare il biglietto d’ingresso, ma non si puo’ sostare ne’ sulla spiaggia in concessione ne’ sulla battigia, spazio che deve essere costantemente libero da persone o cose.
* Non è consentito l’accesso e la sosta agli animali, se non dove espressamente previsto.
* E’ vietato giocare a pallone, a racchette o altri giochi che possano arrecare disturbo ai bagnati, a meno che non ci siano aree allestite allo scopo. (Primo Mastrantoni, segretario dell’Aduc)

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

XXV Festival del Teatro Medievale e Rinascimentale di Anagni

Posted by fidest press agency su sabato, 4 agosto 2018

Anagni dal 24 agosto al 2 settembre 2018. Ingresso gratuito, spettacoli ore 21.00. A venticinque anni dalla prima edizione, il Festival del Teatro Medievale e Rinascimentale di Anagni (FR) si fa strada tra le rassegne teatrali più longeve del nostro Paese per proporre al pubblico un’esperienza artistica ed emotiva nei luoghi più suggestivi della città, attraverso un percorso tra prosa, danza, commedia dell’arte, lirica, spettacoli di luce e teatro d’immagine con Compagnia dei Folli, Giancarlo Giannini, Barbara De Rossi, Marco Baliani, Ruggero Cappuccio, Compagnia Pantakin e tanti altri.
Ogni opera proposta sarà un percorso originale nel piacere, dunque, a partire dalla serata inaugurale del 24 agosto, che vede in piazza lo spettacolo di teatro d’immagine più ambizioso realizzato dalla Compagnia dei Folli: “Luce”, un viaggio visionario attraverso la luce e il fuoco, con sfere volanti, straordinari effetti luminosi e proiezioni. Sabato 25 agosto la piazza ospiterà un gigante del cinema italiano, Giancarlo Giannini, in uno spettacolo originale, Le Parole Note, che fonde in un’alchimia sapiente la musica jazz ad una squisita antologia di brani tratti da capolavori letterari dal duecento ai giorni nostri, con uno speciale omaggio a Shakespeare, e che risponde a pieno alla linea tematica individuata mettendo al centro il tema dell’amore; a seguire, uno spettacolo di Ruggero Cappuccio che è già entrato a pieno diritto nella storia del teatro italiano, “Shakespea Re di Napoli” in scena domenica 26 agosto.Non mancheranno nomi prestigiosi della scena teatrale e cinematografica nazionale, come Barbara De Rossi e Marco Baliani, ed esperienze che tutelano il prezioso patrimonio teatrale italiano di tradizione, ovvero la Commedia dell’Arte, portata in scena dalla compagnia Pantakin di Venezia con lo spettacolo Tempeste d’Amor Perdute (31 agosto).
Ma la novità che rende davvero onore al venticinquesimo anniversario è la realizzazione, per la prima volta nella maestosa piazza Innocenzo III, di un’opera lirica tra le più famose al mondo, individuata tra i grandi capolavori del melodramma italiano che meglio si potessero sposare con l’identità del Festival e con il filo conduttore di questa edizione: Il Trovatore, di Giuseppe Verdi, una produzione Europa Musica, con l’Orchestra Sinfonica Europa Musica e il Coro Lirico Italiano.La sezione teorico-critica del Festival sarà curata dal Prof. Gaetano D’Onofrio, che si occuperà anche delle presentazioni di tutti eventi, Da segnalare, nella Sala della Ragione del Palazzo Comunale, il 28 agosto alle ore 21.00 “I Canzonieri” a cura di Luca Simonelli: un percorso didattico formativo fondato sull’analisi di testi provenienti dal medioevo europeo, dalla prosa popolare alla lirica di corte, con sconfinamenti nel mondo medioevale orientale. l’Amministrazione Comunale di Anagni, inoltre, assegnerà come onorificenza alla carriera la targa “Anagni Città Teatro” a tre grandi personalità del mondo del teatro e del cinema: Maurizio Micheli, Debora Caprioglio e Corrado Tedeschi.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »