Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 321

Archive for 6 agosto 2018

City of Hiroshima peace declaration

Posted by fidest press agency su lunedì, 6 agosto 2018

Hiroshima. Today marks the 73rd anniversary of the bombing of Hiroshima, which with the bombing of Nagasaki 3 days later, caused the immediate deaths of over 200,000 people, and the subsequent deaths of tens of thousands more. Every year, the City of Hiroshima commemorates the victims and calls for peace and the elimination of nuclear weapons. Pressenza reproduces this year’s declaration below.It’s 73 years ago and a Monday morning, just like today. With the mid-summer sun already blazing, Hiroshima starts another day. Please listen to what I say next as if you and your loved ones were there. At 8:15 comes a blinding flash. A fireball more than a million degrees Celsius releases intense radiation, heat, and then, a tremendous blast. Below the roiling mushroom cloud, innocent lives are snuffed out as the city is obliterated.“I’m so hot! It’s killing me!” From under collapsed houses, children scream for their mothers.“Water! Please, water!” come moans and groans from the brink of death. In the foul stench of burning people, victims wander around like ghosts, their flesh peeled and red. Black rain fell all around. The scenes of hell burnt into their memories and the radiation eating away at their minds and bodies are even now sources of pain for hibakusha who survive.
Today, with more than 14,000 nuclear warheads remaining, the likelihood is growing that what we saw in Hiroshima after the explosion that day will return, by intent or accident, plunging people into agony.The hibakusha, based on their intimate knowledge of the terror of nuclear weapons, are ringing an alarm against the temptation to possess them. Year by year, as hibakusha decrease in number, listening to them grows ever more crucial. One hibakusha who was 20 says, “If nuclear weapons are used, every living thing will be annihilated. Our beautiful Earth will be left in ruins. World leaders should gather in the A-bombed cities, encounter our tragedy, and, at a minimum, set a course toward freedom from nuclear weapons. I want human beings to become good stewards of creation capable of abolishing nuclear weapons.” He asks world leaders to focus their reason and insight on abolishing nuclear weapons so we can treasure life and avoid destroying the Earth.
Last year, the Nobel Peace Prize went to ICAN, an organization that contributed to the formation of the Treaty on the Prohibition of Nuclear Weapons. Thus, the spirit of the hibakusha is spreading through the world. On the other hand, certain countries are blatantly proclaiming self-centered nationalism and modernizing their nuclear arsenals, rekindling tensions that had eased with the end of the Cold War.Another hibakusha who was 20 makes this appeal: “I hope no such tragedy ever happens again. We must never allow ours to fade into the forgotten past. I hope from the bottom of my heart that humanity will apply our wisdom to making our entire Earth peaceful.” If the human family forgets history or stops confronting it, we could again commit a terrible error. That is precisely why we must continue talking about Hiroshima. Efforts to eliminate nuclear weapons must continue based on intelligent actions by leaders around the world.Nuclear deterrence and nuclear umbrellas flaunt the destructive power of nuclear weapons and seek to maintain international order by generating fear in rival countries. This approach to guaranteeing long-term security is inherently unstable and extremely dangerous. World leaders must have this reality etched in their hearts as they negotiate in good faith the elimination of nuclear arsenals, which is a legal obligation under the Nuclear Non-Proliferation Treaty. Furthermore, they must strive to make the Treaty on the Prohibition of Nuclear Weapons a milestone along the path to a nuclear-weapon-free world.We in civil society fervently hope that the easing of tensions on the Korean Peninsula will proceed through peaceable dialogue. For leaders to take courageous actions, civil society must respect diversity, build mutual trust, and make the abolition of nuclear weapons a value shared by all humankind. Mayors for Peace, now with more than 7,600 member cities around the world, will focus on creating that environment.I ask the Japanese government to manifest the magnificent pacifism of the Japanese Constitution in the movement toward the entry into force of the Treaty on the Prohibition of Nuclear Weapons by playing its proper role, leading the international community toward dialogue and cooperation for a world without nuclear weapons. In addition, I hereby demand an expansion of the black rain areas along with greater concern and improved assistance for the many people suffering the mental and physical effects of radiation, especially the hibakusha, whose average age is now over 82.Today, we renew our commitment and offer sincere consolation to the souls of all A-bomb victims. Along with Nagasaki, the other A-bombed city, and with much of the world’s population, Hiroshima pledges to do everything in our power to achieve lasting world peace and the abolition of nuclear weapons. MATSUI Kazumi Mayor The City of Hiroshima (by Pressenza Budapest News published by the Pressenza Bureau in Budapest Hungary)

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

14 migranti rimasti uccisi in due incidenti stradali nel foggiano

Posted by fidest press agency su lunedì, 6 agosto 2018

L’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni (OIM) esprime il proprio cordoglio per la tragica morte di 14 migranti rimasti vittime di due gravi incidenti stradali avvenuti a soli due giorni di distanza.
Sabato 4 agosto Amadou Balde, Ceeay Aladje, Moussa Kande e Alì Dembele, 4 migranti che lavoravano come braccianti nelle campagne del foggiano, sono rimasti uccisi in uno scontro frontale che ha coinvolto il furgone sul quale viaggiavano stipati e un tir che trasportava pomodori. Insieme a loro, altre quattro persone sono rimaste ferite e lottano per la vita presso gli Ospedali Riuniti di Foggia.
Oggi altri 10 migranti sono morti in un identico incidente avvenuto sempre nel foggiano. Pare che le vittime avessero terminato da poco il turno di lavoro nei campi di Capitanata e che il loro furgone si sia scontrato frontalmente con un camion carico di pomodori.
Nonostante i diversi interventi di Istituzioni e società civile e un dialogo sempre più avanzato nella lotta a caporalato e sfruttamento, ogni estate le cronache locali costringono a commentare la morte di lavoratori italiani e stranieri nel settore agroalimentare.Questo tragico evento impone di concretizzare quanto prima i programmi interregionali di contrasto dello sfruttamento già avviati e fare in modo che nessuno possa più morire di lavoro nelle campagne italiane. E’ nell’interesse di tutti promuovere percorsi di legalità e garantire il rispetto delle norme di base in materia di lavoro e sicurezza, fare emergere casi di sfruttamento e contrastare i caporali, regolarizzando i trasporti e prevedendo alloggi dignitosi per i lavoratori stagionali che sono sempre più importanti per il settore agroalimentare.
E’ importante infine che ogni soggetto coinvolto – dalle Istituzioni al settore datoriale, dalla società civile alla Grande Distribuzione – contribuisca fattivamente al ripristino della legalità.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Dieci braccianti morti e altri tre feriti in un incidente stradale

Posted by fidest press agency su lunedì, 6 agosto 2018

E’ avvenuto nel primo pomeriggio di oggi sulla strada statale 16 in località Ripalta, nel comune di Lesina. In 48 ore sale così a 14 il numero dei lavoratori agricoli deceduti nel Foggiano mentre tornavano dalla raccolta del pomodoro nei campi.Impressionanti le analogie con l’incidente di sabato scorso: anche qui un furgone che trasportava i braccianti si è scontrato con un tir.L’Unione Sindacale di Base ha subito mobilitato i propri delegati, che hanno raggiunto il luogo dell’incidente per fornire supporto agli scampati all’ennesima mattanza di un settore che va avanti all’insegna dello sfruttamento e della negazione dei diritti.USB esprime solidarietà e vicinanza alle famiglie dei lavoratori coinvolti e conferma lo sciopero dei braccianti già indetto per mercoledì 8, con la marcia dei berretti rossi che dalle campagne di San Severo raggiungerà la prefettura di Foggia. Sicurezza, dignità e diritti per i lavoratori agricoli.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Incendio a Bologna sul raccordo autostradale tra mezzi che trasportavano liquidi infiammabili

Posted by fidest press agency su lunedì, 6 agosto 2018

Scrive l’on. Tonelli (Lega):«Quanto accaduto oggi a Bologna mi lascia sgomento. Non ci sono parole per definire una così grave tragedia. Esprimo il mio cordoglio ai famigliari delle vittime e solidarietà a tutti i feriti, tra cui 3 colleghi poliziotti, uno di loro, agente di 33 anni ferito in maniera più grave, e 11 Carabinieri». È il commento del Deputato della Lega Gianni Tonelli, a seguito del gravissimo incidente avvenuto oggi a Bologna. «I colleghi sono rimasti feriti mentre svolgevano servizio e tanti altri ancora, compresi Vigili del Fuoco e volontari, sono impegnati senza sosta, in queste ore, nelle attività di ricerche e soccorso alla popolazione. A loro, alla loro forza e professionalità in situazioni così tragiche, va il mio pensiero. A tutti i feriti la mia vicinanza e un augurio di pronta guarigione».
A sua volta Paoloni (Sap): «Solidarietà a famiglie delle vittime e a tutti i feriti. Colleghi feriti mentre prestavano soccorso» «Il nostro pensiero va ai famigliari delle vittime del tragico incidente avvenuto quest’oggi a Bologna. Ci stringiamo a loro nel dolore e auguriamo a tutte le persone rimaste ferite, tra cui tre poliziotti e 11 carabinieri, una pronta e rapida guarigione». Commenta così Stefano Paoloni, Segretario Generale del Sindacato Autonomo di Polizia (Sap), l’incendio scoppiato stamane a Bologna, a causa di un incidente stradale in autostrada tra mezzi che trasportavano liquidi infiammabili.
A causa della deflagrazione sono rimaste ferite all’incirca 60 persone tra cui 11 carabinieri della vicina compagnia e 3 poliziotti: uno del commissariato di Bologna che ha riportato ustioni di secondo e terzo grado a schiena e nuca e due agenti della stradale che hanno riportato lievi scottature.«Nessun collega versa fortunatamente in pericolo di vita – prosegue Paoloni – è stata, questa di oggi, una terribile pagina di cronaca che ha visto delle vittime e che ci porta a chiedere ancora maggiori accortezze su strade e autostrade. I colleghi – conclude – sono rimasti feriti mentre prestavano soccorso».

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Fabrizio Bosso & Julian Oliver Mazzariello in concerto presentano “Tandem”

Posted by fidest press agency su lunedì, 6 agosto 2018

Roma Martedì 7 agosto, alle 21.30, nella Terrazza del Gianicolo Piazzale Giuseppe Garibaldi per la manifestazione “Gianicolo in jazz”, Fabrizio Bosso e Julian Oliver Mazzariello presentano “Tandem”, un progetto che ripercorre e reinterpreta grandi canzoni e temi della musica internazionale, senza distinzione di genere.
Da Oh Lady Be Good di George Gershwin a Luiza di Antonio Carlos Jobim, dall’omaggio al grande Michel Legrand in una versione di Windmills of your Mind, al tema di Taxi Driver di Bernard Herrmann, brani che confermano nuovamente, dopo l’interpretazione di Nuovo Cinema Paradiso, l’omaggio a Nino Rota e la sonorizzazione de Il Sorpasso, la fascinazione di Fabrizio per il mondo del cinema. Non mancherà spazio anche ai brani originali con Wide Green Eyes e Dizzy’s Blues di Fabrizio Bosso e Goodness Gracous di Julian Oliver Mazzariello.Questo progetto dimostra che ci sono due modi di fare le cose insieme: perseguire due strade parallele che portano alla stessa meta, oppure pedalare all’unisono. Quest’ultima è la scelta che hanno fatto Fabrizio Bosso e Julian Oliver Mazzariello e l’album “Tandem” è l’approdo naturale di un rapporto artistico già rodato, di un’unione iniziata sul palco ma che trascende le regole delle classiche collaborazioni.
Bosso e Mazzariello si incontrano nella primissima formazione degli High Five, una “All Stars” di giovani talenti del firmamento jazzistico italiano. Da quel giorno li lega un’amicizia complice che li fa mettere naturalmente a disposizione della stessa passione per la musica e della sperimentazione tra generi.Nell’album, uscito nel 2014 per la Verve/Universal, partecipano anche due ospiti eccellenti. Fabio Concato interpreta la sua celebre Gigi dove la tromba di Bosso e il piano di Mazzariello si fanno più lievi, come ad accompagnare, con discrezione, un testo importante che racconta un padre attraverso parole in cui ognuno può ritrovare la propria espressione del rapporto con un genitore.Fiorella Mannoia invece è stata invitata a cantare, per la prima volta, il classico di Trovajoli-Garinei-Giovannini Roma nun fa la stupida stasera: una voce elegante al servizio di uno dei celebri brani della tradizione romanesca.
Ad aprile 2017, Fabrizio Bosso ha pubblicato il doppio live dal titolo State of the Art in quartetto con il pianista Julian Oliver Mazzariello, il contrabbassista Jacopo Ferrazza e il batterista Nicola Angelucci. Lo scorso 24 novembre, per Warner Music, Fabrizio Bosso con la stessa formazione di “State of the Art”, e la partecipazione straordinaria di Walter Ricci e Karima ha pubblicato “Merry Christmas Baby”: canzoni che conducono alla riscoperta dell’immaginario natalizio, caratterizzate dalle magiche e inconfondibili sonorità di questa formazione. Ingresso con consumazione.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Storie ferragostane: La droga ci aiuta a vivere?

Posted by fidest press agency su lunedì, 6 agosto 2018

Ci riferiamo non solo a tutte le famiglie dei psicofarmaci ma anche alle droghe pesanti dalla morfina all’eroina. Essi, per giunta, a differenza della produzione “naturale”, hanno una ricaduta sull’organismo umano molto distruttiva e procurano, altresì, dipendenza.
E’, se vogliamo vederla in questo modo, il classico esempio del come l’organismo, da una parte, tende a difendersi con le proprie armi e, dall’altra, poco gradisce le interferenze esterne, anche se apparentemente appaiano più efficaci e tempestive come è avvenuto nel caso del cortisone, usato come antidolorifico ed antiallergico.
Da qui partono i grandi entusiasmi e le tragiche depressioni a loro volta obliate dal potere delle droghe. La sofferenza umana non è solo il frutto dell’inclemenza del tempo, dalla violenza degli elementi che esso scatena, dai cataclismi naturali, dall’insidia degli altri esseri viventi non umani, ma è prodotta pure dai propri simili.
Così è sgranata, pallina dopo pallina, la collana del rosario con qualche opportuno interludio tra il momento del pater noster e quello del De profundis.
Dentro e intorno a questo rosario i giorni si susseguono inesorabili, lo sguardo diventa stanco e i capelli s’incanutiscono. La pelle raggrinzisce e noi ci guardiamo sorpresi, davanti allo specchio della vita, mentre essa, inesorabile, si dissolve sotto i nostri sguardi stupiti e impauriti. Perché, mi chiedo a questo punto, è stato imposto a me e ai miei simili il ruolo della nullità? Ho vissuto nel più oscuro anonimato se faccio eccezione dell’agente delle tasse, l’unico che ti riconosce e perseguita dalla nascita a oltre la morte, poiché se la prende persino con gli eredi. Ho sempre fatto a pugni con i soldi: più ne avevo bisogno e più mi mancavano. (Riccardo Alfonso) (I precedenti sono reperibili sulla pagina “confronti” terza parte)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

TV2000 e il Papa: Francesco incontra i giovani del Sinodo al Circo Massimo

Posted by fidest press agency su lunedì, 6 agosto 2018

Roma sabato 11 agosto dalle ore 16 e domenica 12 dalle 9.10 – Papa Francesco incontra i giovani al Circo Massimo in vista del Sinodo. in diretta su Tv2000 in collaborazione con Vatican Media. In onda lo speciale della trasmissione ‘Il diario di Papa Francesco’ condotto da Gennaro Ferrara. Domenica lo speciale del Diario di Papa Francesco con ospiti in studio e la diretta della messa del Papa con i giovani da piazza san Pietro. E alle 12.20 l’instant film della veglia del Papa.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Per Barclay Cavallerizza Palazzo Mazzarino

Posted by fidest press agency su lunedì, 6 agosto 2018

Palermo 08 Settembre 2018 ORE 12:00 Palazzo Mazzarino, Via Maqueda 383 a cura di Agata Polizzi. Per Barclay ama Palermo, le sue contraddizioni, la sua architettura affascinante e decadente. È attratto proprio dai contrasti forti che caratterizzano la Città. Durante la visita all’interno della Cavallerizza rimane affascinato dalla sua architettura, dalla bellezza dello spazio e dalla sua storia. Il contrasto tra le preesistenze del contesto circostante, i materiali utilizzati e le forme, fanno si che istintivamente si configuri in Barclay l’idea di lavorare sull’armonia, inondando la stanza di olio per far specchiare in esso la potenza narrativa della dimora storica, capovolgendone il senso e la percezione. Lo scarto tra l’idea e la possibilità è sottile, ed è preceduto dall’esatta percezione di un nuovo immaginifico lavoro “d’inondazione” non solo di un ambiente architettonico, ma anche al contempo della mente e dello spirito, in cui l’arte si moltiplica. In cui il passato e il presente si scambiano i connotati e diventano un unico potente riflesso della luminosa genialità dell’artista. Cesare Brandi nella sua straordinaria difesa dell’arte diceva che le opere hanno in sé due polarità una estetica ed una storica, queste due insieme, danno il peso specifico dell’opera d’arte.
L’installazione è stata fruibile fino al 31 Luglio e dal 8 settembre lascerà spazio ad una mostra che includerà oltre le fotografie realizzate in questa occasione una selezione di opere storiche di Per Barclay e sarà visitabile fino al 4 Novembre data di chiusura di MANIFESTA12.
Per Barclay loves Palermo, its contradictions, as well as its fascinating and decadent architecture. He’s particularly attracted by the strong contrasts that are specific to the city. When he visited the rooms of the Cavallerizza, he was seduced by its architecture, by the beauty of its spaces and its history. The contrast between the pre-existing architecture of the surrounding context, the materials used and the shapes instinctively led Barclay to consider the idea of working on the harmony, inundating the room with oil in order to reflect the narrative power of this historical palace, thus overturning its meaning and perception. The gap between an idea and its expression is narrow, and is preceded by the exact perception of a new visionary work of “inundation” flowing both in the architectural environment and in mind and spirit, where the art multiplies itself, where past and present exchange their characteristics and become one single powerful reflection of the artist’s brilliant creativity.
In his extraordinary defense of the arts, Cesare Brandi said that the works of art enshrine both an aesthetical polarity and a historical polarity, which together determine the specific weight of the work of art. The installation was available until July 31st. As per September 8, it will be replaced by an exposition that will include not only the pictures taken on this occasion but also a selection of Per Barclay’s historical works. It can be visited until November 4, which is the closing date of MANIFESTA12. curated by Agata Polizzi.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Industria: produzione giugno +0,5% su mese, +1,7% su anno

Posted by fidest press agency su lunedì, 6 agosto 2018

Secondo i dati resi noti oggi dall’Istat, la produzione industriale a giugno sale dello 0,7% su base mensile e del 2,1% su base annua.”Bene che, dopo i continui sali e scendi, ci siano stati due mesi consecutivi di rialzi, ma non basta! A giugno, infatti, siamo solo tornati sullo stesso livello di marzo e l’indice destagionalizzato è ancora inferiore rispetto a dicembre 2017. Insomma, siamo ben lontani dall’aver imboccato un percorso positivo di crescita, che è quello che servirebbe al Paese” afferma Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori.”Se, infatti, si confrontano i dati di oggi con quelli pre-crisi del giugno 2008, la produzione industriale è ancora inferiore del 17,1% ed i beni di consumo durevoli hanno una voragine da colmare, un gap del 32,4 per cento. Va meglio per i beni di consumo non durevoli, anche se permane una distanza del 5,1 per cento” conclude Dona.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Giochi invernali 2026: In Italia per la cultura sportiva

Posted by fidest press agency su lunedì, 6 agosto 2018

Il Prof. Franco Ascani, Coordinatore Scientifico del Master Universitario in “Sport Management, Marketing and Society – SMMS” dell’Università di Milano-Bicocca, unico italiano Membro della Commissione Cultura e Patrimonio Olimpico del CIO e Presidente della FICTS – Fédération Internationale Cinéma Télévision Sportifs, ha dichiarato oggi – dopo la decisione del Consiglio Nazionale del CONI – alle Agenzie di Stampa:“La scelta del CONI per la Candidatura per i Giochi Olimpici Invernali 2026, guidata dalla forza motrice del Presidente Malagò, costituirà un fattore di sviluppo e di slancio per lo sport italiano, con l’obiettivo di far crescere la cultura sportiva dell’Italia (che ne ha bisogno) con una positiva ricaduta economica sul territorio.Come sostenevo quando ero Segretario Generale del Comitato Milanolimpica 2000 oggi – come allora – “l’Italia ha capacità, uomini e mezzi” per essere sede dei Giochi (sarebbe la quarta volta).
Ora occorre operare “tutti insieme appassionatamente” (“We work together”) per analizzare soluzioni adatte a riportare in Italia il più affascinante evento di cultura ed educazione sportiva per i cittadini, con i giovani a fare da protagonisti.Il CONI propone al CIO una innovativa formula allargata sul territorio, lo “spezzatino” però dovrà valutare i costi per la sicurezza.Le sedi olimpiche nelle diverse realtà territoriali, potrebbero diventare le sedi ideali di significative attività culturali – “Londra 2012 docet” – connesse ai Giochi previste dalla Carta Olimpica.L’Italia, che dovrà confrontarsi con le altre candidature, può farcela se vorrà e se saprà “giocare bene le carte” utilizzando le qualificate risorse umane del settore presenti nel “primo Paese al mondo per patrimonio culturale, storico ed architettonico”.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Piccoli negozi: perso un quinto delle vendite in 11 anni

Posted by fidest press agency su lunedì, 6 agosto 2018

Secondo i dati Istat resi noti oggi, a giugno le vendite in valore scendono dello 0,2% su maggio e salgono dell’1,5% su giugno 2017.”Di male in peggio! I consumi scendono su base mensile ed il rialzo su base annua è troppo lieve e, soprattutto, è più che altro dovuto all’aumento dei prezzi, come dimostra il calo delle vendite alimentari, che in volume si abbassano dello 0,4 per cento, mentre incorporando l’inflazione si alzano dell’1,9%” afferma Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori.”Se si confrontano i dati di oggi con quelli pre-crisi del giugno 2007, le vendite totali sono inferiori del 4%. Solo la grande distribuzione ha recuperato quanto perso durante la recessione, registrando un incremento del 6,6%: +10% per gli alimentari, -0,4% per i non alimentari. I piccoli negozi, invece, sono ancora ben lontani dall’aver compensato le perdite subite in questi anni difficili. Rispetto ad 11 anni fa, le vendite complessive sono ancora inferiori dell’13,5%, mentre quelle alimentari segnano addirittura un crollo del 20,9%, ossia hanno lasciato sul campo oltre un quinto delle vendite” conclude Dona.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Master in “Turismo Culturale dei Territori”

Posted by fidest press agency su lunedì, 6 agosto 2018

Parma. È stato pubblicato sul sito web dell’Università di Parma il bando (link https://www.unipr.it/node/21724) per il Master di I livello in “Turismo Culturale dei Territori” 2018-19, rivolto a laureati triennali o magistrali che intendono qualificarsi nel campo del turismo culturale per essere in grado di elaborare strategie di sviluppo del territorio a sostegno di enti pubblici o imprese private.Le iscrizioni alla selezione d’accesso al Master, promosso dal Dipartimento di Giurisprudenza, Studî Politici e Internazionali, devono essere effettuate on line sul sito web di Ateneo entro il 12 novembre 2018, cliccando sul banner “Iscrizioni on line” http://www.unipr.it/iscrizioni, scegliendo la voce “Iscrizione a corsi post laurea ed Esami di Stato” e seguendo la procedura guidata.Il Master mira a formare “Progettisti in Turismo Culturale dei Territori”, figure di elevato profilo che uniscano a un’organica preparazione tecnico-giuridica nella legislazione dei beni culturali e del turismo approfondite competenze culturali, economico-manageriali e comunicative-informatiche idonee a consentirne l’inserimento nei processi di valorizzazione turistica delle risorse che costituiscono il peculiare patrimonio culturale degli ambiti territoriali in cui operare.I “Progettisti” che usciranno dal Master saranno in grado di individuare le opportunità strategiche di crescita del turismo nel territorio di riferimento, in modo da inserirsi a pieno titolo nei processi di valorizzazione turistica in contesti sia pubblici (istituzioni, enti) sia privati (imprese).Gli insegnamenti affronteranno tematiche tecnico-giuridiche, culturali-comunicative ed economico-manageriali, grazie a una collaborazione tra i Dipartimenti di Giurisprudenza, Studî Politici e Internazionali, delle Discipline Umanistiche, Sociali e delle Imprese Culturali (DUSIC) e delle Scienze Economiche e Aziendali dell’Università di Parma.
Il percorso formativo del Master, che durerà da gennaio a dicembre 2019 per un totale di 1.500 ore (esame finale tra gennaio e marzo 2020), si articola in didattica frontale e seminariale, attività integrative di carattere pratico-operativo e tirocini formativi o project work in enti pubblici e privati.
Il Master è rivolto a chi sia in possesso di una laurea triennale, quinquennale, specialistica, magistrale o di vecchio ordinamento. È considerato titolo preferenziale il possesso di un diploma di laurea afferente a uno di questi ambiti: giuridico, politologico e delle relazioni internazionali, umanistico, sociologico, economico.
La prova di selezione si svolgerà il 21 novembre 2018 alle 10 nell’Aula 1 del Dipartimento di Giurisprudenza, Studî Politici e Internazionali (via Università, 12).

Posted in Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Turismo esperienziale: Monferrato

Posted by fidest press agency su lunedì, 6 agosto 2018

E’ il cavallo di battaglia del Monferrato, la terra divenuta Patrimonio dell’Umanità quattro anni fa. Qui ci si prepara a lanciare nuove proposte turistiche che entreranno nel vivo con il prossimo autunno, una delle stagioni nelle quali si registrano i maggiori flussi nelle aree a cavallo fra le colline del vino piemontese, la piana del Po e la vicina Lomellina.
Per un turismo in continuo cambiamento e alla ricerca di emozioni, l’offerta si evolve e coniuga le esigenze di relax e distrazione con la scoperta del territorio in modo originale. E così, dalle prossime settimane i visitatori diretti in Monferrato o desiderosi di scoprire le peculiarità di questo territorio potranno approfittare dei nuovissimi Voucher Esperienziali, frutto della partnership fra il Consorzio Turistico Mon.D.O. e l’innovativa start-up sul turismo StayDo che sul proprio portale di promozione e commercializzazione delle proposte http://www.staydo.it ha già inserito oltre dieci “esperienze” fra le più varie, per incuriosire un pubblico vario, italiano e straniero. “I voucher – aggiunge il founder della piattaforma StayDo Paolo Pastorino – permettono una grande libertà di scelta fra diversi operatori dello stesso settore, dando così la possibilità al turista di costruirsi in maniera flessibile il proprio percorso di esperienze attraverso il territorio.”
Quali sono le esperienze che si potranno vivere in Monferrato, fra collina e pianura?
Si va dal wellness con massaggi e servizi Spa senza dimenticare pratiche rigeneranti di yoga fino ai percorsi dedicati al vino e alla grappa con degustazioni sensoriali e tour guidati per respirare profumi e segreti delle produzioni locali. E per chi ama le tipicità culinarie la scelta sarà ampia: dai salumi ai formaggi, dal miele al riso, con opportunità di assistere a show coking o partecipare ad abbinamenti gastronomici o aperitivi “made in Monferrato”. Per i più sportivi le terre Unesco saranno da vivere in e-bike e fra percorsi in oasi naturali mentre gli appassionati di castelli, parchi, giardini e dimore suggestive potranno trovare luoghi di loro interesse tutti da scoprire. Fra le esperienze più esclusive della stagione autunnale figurano anche le uscite nelle campagne monferrine per la cerca del rinomato tartufo. Il tutto approfittando anche di proposte mirate per colazioni, pranzi, cene e pernottamenti fra l’incanto delle terre Unesco, tutte consultabili anche su http://www.monferrato.org alla sezione “Esperienze di Gusto e di charme in Monferrato”.

Posted in Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Le delegazioni dell’Hubei (Cina) in Molise? In realtà ne è piena l’Italia

Posted by fidest press agency su lunedì, 6 agosto 2018

Le delegazioni provenienti dalla regione cinese dell’Hubei sono da anni una consuetudine in mezza Italia e finora con quell’area cinese hanno intessuto rapporti soltanto una cinquantina di aziende italiane. E’ quanto emerge nell’approfondita inchiesta pubblicata da Next quotidiano, tra i più letti giornali on-line (https://www.nextquotidiano.it/hubei/).Nel pezzo si fa riferimento anche al Molise: “Lunedì 14 novembre 2016 sono otto i cinesi dell’Hubei che approdano in Molise. Ospitalità da ricambiare in quanto i vertici molisani sono già stati in trasferta istituzionale in Cina ‘per avviare un percorso’, come spiegano il governatore Frattura e il presidente del Consiglio regionale Cotugno. Però di quel percorso, visti i disastrosi dati economici del Molise, c’è davvero poca traccia. In compenso si firma un importante ‘Protocollo d’amicizia’ – si legge nell’inchiesta pubblicata dal quotidiano on-line. Ed ancora, in riferimento alla visita più recente del 2018: “Fine giugno, di nuovo ossessivamente il Molise, dove tra funzionari amministrativi e giornalisti, la delegazione del Dragone ne conta ben sedici. Dopo la visita alla struggente mostra dei disegni realizzati dagli scolari di Macchia di Isernia, accoglienza sul belvedere di Ferrazzano, ‘deliziati dalla presenza dell’Assessore Cotugno’, come scrive il giornale on-line ‘Un mondo di italiani’. Calato il sipario sul Molise, di cui resta una foto dell’assessore e del cinese avvolti dalla bandiera regionale, il giorno seguente l’Hubei è protagonista nuovamente in Abruzzo, con cui è gemellata ormai da due anni”.L’inchiesta del quotidiano nazionale, realizzato a Roma, dimostra come di delegazioni provenienti dall’Hubei sia ormai piena l’Italia ed elenca innumerevoli località piccole e grandi, da Nord a Sud, in cui i cinesi di questa piccola regione siano stati ospiti della politica locale. Oltre a mezza Campania, soprattutto tra il 2011 e il 2013 per il dinamismo dell’europarlamentare Rivellini (Napoli, Caserta, Benevento, ecc.), Milano e hinterland per l’Expo2015, Torino, Vicenza, Siena, Terni, Spoleto, Teramo, Avezzano, più volte Roma e località dei Castelli Romani, Cassino, Messina, ecc., anche piccole città come Tagliacozzo o Cori. Dappertutto tante speranze legate a possibili investimenti cinesi, dai collegamenti aerei al restauro di zone archeologiche. Ma finora, appunto, pochi fatti, salvo missioni bilaterali, con frotte di amministratori italiani in trasferta nel Paese asiatico.Preferiscono non commentare dall’associazione “Forche Caudine”, che di recente ha incluso numerosi imprenditori cinesi, tra cui Marco Wong, presidente onorario di Associna, membro del cda di Extrabanca ed ex amministratore di Hauwei Italia, ma anche due giovani imprenditrici che hanno acquistato un casale a Pietrabbondante per un progetto ricettivo. Ed altre operazioni sono in cantiere per l’autunno.(Cim-Comitato imprese Molise – Roma)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Round aperto per la Startup che aiuta Startup e PMI

Posted by fidest press agency su lunedì, 6 agosto 2018

Il 60% delle problematiche delle aziende sono legate ai risultati del marketing. Traction sviluppa soluzioni per automatizzare il marketing e le performance e avvia un proprio round di finanziamento. Il 90% delle startup non riesce a superare la fase di crescita. Nel 60% dei casi le problematiche sono riconducibili al marketing, il 50% delle soluzioni può essere automatizzato.
Sono questi i numeri dell’ecosistema delle Startup e quelli che rappresentano la mission di Traction.La maggior parte delle aziende dopo il primo round di finanziamento, si trova in grande difficoltà, non riesce a crescere e manda in fumo il budget di marketing.La soluzione risiede nell’adozione di una serie di strumenti di marketing automation e nel supporto da parte di esperti.Traction (www.tractionmanagement.it) è una realtà unica sul territorio nazionale: un progetto innovativo fondato da esperti che hanno deciso di mettere le loro capacità a servizio dei founder e delle loro iniziative imprenditoriali, sviluppando tools per supportarli nelle attività di Digital Marketing. Ad oggi soni più di 30 le aziende che hanno utilizzato Traction. I tools sviluppati ad oggi sono già 4, il migliore è Email Urgency, che incrementa il click rate delle mail commerciali del 20%.Traction ricerca ora investitori (bit.ly/invest-in-traction), smart money per accelerare il percorso di crescita dell’azienda. Il round è aperto: 300.000€ per il 16,7% di Traction, con la possibilità di assessment gratuito per tutte le aziende facenti parte del network del singolo investor. Per farlo ha chiesto il supporto di BacktoWork24 che nel suo track-record annovera solo successi e più di 20€ Milioni di euro raccolti per le aziende del network.Abbiamo deciso di coinvolgere altri soci per ottenere una maggiore copertura dell’ecosistema delle aziende innovative e supportare su scala ancor più larga la creazione delle aziende del futuro. D’altro canto, per farlo dobbiamo concentrare gli investimenti nello sviluppo di altri Tools di Marketing Automation per la creazione di una cassetta degli attrezzi utile a chiunque voglia crescere spendendo bene il budget di marketing sia nel BTB che nel BTC – afferma Pier Francesco Geraci, CEO di Traction.Traction è in campagna di crowdfunding su BacktoWork24, per tutti coloro che sono interessati ad investire è possibile ricevere ulteriori informazioni a questo LINK: bit.ly/invest-in-traction.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Mercati, Campidoglio: 4 milioni in bilancio per le strutture di Roma

Posted by fidest press agency su lunedì, 6 agosto 2018

Roma Ammontano a 4 milioni di euro i fondi stanziati dall’Amministrazione di Roma Capitale in favore dei mercati cittadini.L’assestamento generale di bilancio 2018-2020 prevede infatti il trasferimento dei fondi ai Municipi che ospitano i mercati rionali, da destinare alla manutenzione straordinaria delle strutture, all’adeguamento e messa a norma degli impianti e alla riqualificazione, secondo le priorità individuate caso per caso. L’iter di rilancio, partecipato e condiviso da tutti i Municipi coinvolti, ha evidenziato fabbisogni di strutture e operatori, in vista di una valorizzazione che passa anche per nuovi servizi ai cittadini, promozione delle attività commerciali, azioni per la sicurezza di chi vende e di chi compra.
“I mercati rionali ci stanno particolarmente a cuore. Rappresentano la romanità della tradizione, quella del rito della spesa dei clienti abituali e del piacere della scoperta per visitatori e turisti. Realtà importantissime, catalizzatrici di attività commerciali e vissuto sociale: prodotti di qualità, ma anche familiarità e coesione. Il nostro obiettivo è quello di rilanciarli a tutto tondo, dall’estensione degli orari di apertura alla facilitazione delle somministrazioni e dell’assegnazione dei banchi rimasti vuoti. Investimenti e innovazione, a beneficio della Roma operativa, che lavora e produce”, dichiara Carlo Cafarotti, Assessore allo Sviluppo economico, Turismo e Lavoro di Roma Capitale.
Il PIANO INVESTIMENTI MERCATI 2018 si cumula ai 4 milioni di euro già stanziati nel 2017, e riguarda diversi Municipi, che singolarmente hanno deciso su quali realtà mercatali investire.
Nello specifico, i finanziamenti per la manutenzione straordinaria sono così articolati: 1.320.000 euro al I Municipio, 729.000 euro al II, cui vanno anche 219.795 euro per gli interventi adeguamento impiantistico del parcheggio di via Chiana del Mercato Trieste.
Ancora: 350.000 euro al III Municipio, 650.000 euro al V, 1.310.000 euro al VII Municipio, con l’aggiunta di 110.000 per la riqualificazione del Mercato Metronio. Sempre per interventi strutturali di manutenzione, 108.692,60 euro sono destinati all’VIII Municipio, 150.000 al IX e 300.000 al X.
Attenzionate anche le realtà di vendita diretta di prodotti agricoli, per le quali Roma Capitale è stata fra le prime città d’Italia a dotarsi di un regolamento specifico: 105.000 euro serviranno infatti all’adeguamento e messa a norma dell’impiantistica del Farmer’s Market Garbatella.

Posted in Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Soggetto giuridico: L’Italia deve guardare avanti e non indietro

Posted by fidest press agency su lunedì, 6 agosto 2018

L’epoca degli anni Novanta è ormai finita e il mondo del lavoro è radicalmente cambiato. Per riuscire a governare i nuovi cambiamenti serve un approccio diverso, ma anche la capacità di leggere ed interpretare le situazioni in un modo innovativo. Questo genere di capacità, è bene dirlo sin da ora, non si intravede affatto nel Decreto Dignità dell’esecutivo; anzi, questo provvedimento, semmai, denota solo ulteriore caos e confusione.Stando ai dati ufficiali, in Italia la percentuale dei contratti a tempo determinato è molto vicina a quella della media europea (15,5% e 16%), eppure nel Bel Paese c’è molta più instabilità e difficoltà nel reinserire delle professionalità nel mercato del lavoro. Questo contesto è figlio di numerose concause, ma ce n’è una in particolare a causare i danni maggiori, e cioè la totale assenza di una rete di protezione sociale che consenta a chi perde il lavoro o sta cercando di cambiarlo di non essere assorbito dal virus della disoccupazione cronica.La verità è che non serve cambiare per l’ennesima volta la struttura dei contratti o renderne più complesso l’utilizzo di alcuni (quelli a tempo determinato); serve semmai verificare e sperimentare misure che abbiano le finalità dell’assegno di ricollocazione e che guardino quindi a come tenere le persone nel mercato del lavoro. La stessa flessibilità, diversa dalla precarietà, non va percepita come un nemico, ma come un’occasione per creare un mercato snello e dinamico nel quale le professionalità siano valorizzate e non depresse. Di tutto questo però si parla poco e si continua invece a confrontarsi su basi ideologiche ormai fuori contesto. Il Paese ha bisogno di riforme radicali e coraggio, e non di continuare a giocare con le regole di un mondo che oramai non esiste più e che invece sarebbe bene lasciarsi alle spalle. (fonte: http://www.soggettogiuridico.it)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

C’è tempo fino al 10 agosto per iscriversi agli incontri gratuiti organizzati dall’Università di Parma

Posted by fidest press agency su lunedì, 6 agosto 2018

Parma. Per gli studenti che per l’anno accademico 2018-2019 intendono partecipare alle prove di ammissione ai corsi di laurea a numero programmato nazionale. Per iscriversi è necessario compilare i form online aperti sul sito web di Ateneo fino a venerdì 10 agosto alle 12:
https://www.unipr.it/node/20880 per i corsi di area medico-sanitaria
https://www.unipr.it/node/20881 per il corso di Architettura Rigenerazione Sostenibilità
Gli studenti interessati ai test per l’ammissione ai corsi di Professioni sanitarie, Medicina e Chirurgia, Odontoiatria e Protesi dentaria e Medicina Veterinaria per l’anno accademico 2018-2019 potranno partecipare gratuitamente, dal 23 al 31 agosto 2018, ad alcune lezioni che forniranno un inquadramento sui contenuti essenziali delle principali discipline oggetto delle prove di ammissione e sulle modalità di svolgimento dei test. Le lezioni saranno tenute da alcuni docenti dei Dipartimenti di Medicina e Chirurgia, Scienze Chimiche, della Vita e della Sostenibilità Ambientale, Scienze Matematiche, Fisiche e Informatiche e Scienze Medico-Veterinarie e si terranno nelle Aule Nuove dell’Ospedale Maggiore, in via Gramsci 14.
Per gli studenti che provengono da fuori sede, ER.GO – Azienda Regionale per il Diritto agli Studi Superiori mette a disposizione un certo numero di alloggi nella Residenza universitaria Volturno, in via Rossellini 1, al costo di 140 euro per l’intero periodo 22-31 agosto. La domanda dovrà essere presentata, inviando una e-mail con i propri dati personali, al sito istituzionale http://www.er-go.it, ERGO RISPONDE/SCRIVICI, con l’intestazione “Corso di preparazione Università di Parma – Richiesta Alloggio”. Le domande verranno accolte fino ad esaurimento dei posti: lo studente riceverà comunque una e-mail, sia in caso di disponibilità (con le indicazioni del pagamento), sia in caso di indisponibilità.
Per gli studenti interessati al test di Architettura Rigenerazione e Sostenibilità si terrà un incontro di informazione e orientamento lunedì 3 settembre, dalle ore 10 alle ore 13, nell’Aula A della Sede Didattica di Ingegneria – Campus Scienze e Tecnologie – Parco Area delle Scienze 69/A. L’incontro sarà tenuto da alcuni docenti del Dipartimento di Ingegneria e Architettura.
Per informazioni relative alla didattica dei corsi: prof. Stefano Grolli, (per il corso di lezioni relative all’area medico-sanitaria) prof.ssa Eva Coisson, (per l’incontro relativo ad Architettura Rigenerazione e Sostenibilità)

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Focus su EUR-USD: prospettive con il test dei discorsi opposti

Posted by fidest press agency su lunedì, 6 agosto 2018

A cura di Antonio Cesarano, Chief Global Strategist, Intermonte SIM. Il tanto discusso tema dei dazi che in questi giorni si sta riacuendo tra Cina ed USA, in vista della scadenza del 5 settembre, sta avendo impatti a volte contrapposti sul fronte cambi.
Proviamo a fare due opposti ragionamenti sul tema dei potenziali impatti sul cambio, emulando (per gli amanti del genere) il metodo dei cosiddetti “discorsi opposti” (“dissoi lògoi” si direbbe in greco antico) , tanto amato dai sofisti nell’antica Grecia. In particolare, all’epoca veniva insegnato come sostenere due tesi opposte sullo stesso argomento (in questo caso il dollaro), con uguale enfasi e convinzione, una sorta di allenamento all’ars oratoria.
Primo ragionamento: l’intensificazione dell’ipotesi dazi potrebbe impattare sulla crescita globale, riducendola sensibilmente, riducendo allo stesso tempo anche i possibili rialzi futuri della FED. Se così fosse, l’impatto finale sarebbe quello di favorire un deprezzamento del dollaro;
Secondo ragionamento: i dazi applicati con un’aliquota molto elevata (al momento l’ipotesi è al 25% su tutti i 250Mld$ di beni presi in considerazione dagli USA), in ultima istanza si risolverebbe in un marcato incremento dell’inflazione, aumentando pertanto le spinte affinché la Fed innalzi i tassi come finora dichiarato. In questo secondo caso sarebbe pertanto favorito un apprezzamento del dollaro. Come si può vedere, la differenza base tra i due ragionamenti non è tanto nell’imposizione di dazi su vasta scala (ipotesi 250Mld$ di beni), quanto piuttosto nell’aliquota applicata. Se l’aliquota diventa molto alta, allora il timore dell’impatto sulla crescita si trasferisce a quello sul possibile rialzo dell’’inflazione. Non a caso in questi giorni, l’avanzata dell’ipotesi aliquota al 25% si sta verificando in un contesto di tassi in rialzo soprattutto sul lungo termine (Treasury 10 anni nuovamente al 3%) e dollaro in apprezzamento.L’emblema dell’intensificazione dello scontro è diventato lo yuan, che continua a deprezzarsi, o meglio continua ad essere deprezzato, dal momento che il movimento appare molto stimolato e controllato dalla Cina in chiave di ritorsione contro i ventilati dazi. Come già segnalato in altra sede, per poter controbilanciare il danno di circa 60Mld$ derivante da dazi al 25% su 250Mld$ di beni, occorre uno yuan intorno a 7/7,10, per avere un ritorno di pari importo da parte della Cina sui circa 500Mld$ di export complessivo vs gli USA.In ultima istanza, pertanto, il deprezzamento dello yuan diventa un innesco anche dell’appezzamento del dollaro verso le principali valute tra cui l’euro, dal momento che diventa segnaletico del livello di tensione USA Cina e quindi della probabilità attribuita al rischio che davvero le minacce di Trump si traducano in fatti, alias inflazione globale.
Il tempo “concesso” da Trump per le trattative scade il 5 settembre. In questo gioco negoziale è possibile che i toni siano molto più forti nella fase iniziale, quando ciascuna delle controparti cerca di mettere sul tavolo il livello massimo di minaccia potenziale. Pertanto, se fosse corretta l’ipotesi di yuna in area 7 vs dollaro, questo significherebbe che il dollaro potrebbe apprezzarsi vs euro fino a quando non si raggiungerà quel livelo di yuan. Allo stesso tempo occorre però anche mettere in conto i possibili “twitt avversi” di Trump, ossia twitt che segnalano la contrarietà del presidente ad un dollaro troppo forte. In questo caso il movimento in apprezzamento del dollaro potrebbe essere frenato.Altro elemento importante è anche la dinamica salariale di cui avremo oggi l’aggiornamento di luglio (ore 14:30): se fosse in accelerazione, potrebbe accelerare anche l’apprezzamento del dollaro.
In sintesi, la fase negoziale sull’ipotesi dazi al 25% tende a far apprezzare il dollaro nelle fasi più acute. L’area 1,145/1,15 in questa fase (soprattutto fino a metà mese ossia circa a metà della tempistica concessa da Trump fino al 5 settembre) diventa un supporto importante. Da tenere sotto occhio il livello raggiunto giorno per giorno dallo yuan vs usd come indice del livello di tensioni Usa Cina.
Trump potrebbe di tanto in tanto far deprezzare il dollaro con twitt ad hoc, come già fatto in passato. L’avvicinarsi della scadenza del 5 settembre, nell’ipotesi che alla fine si arriverà ad una tregua/accordo (Trump ha necessità di “vendere” una vittoria ai suoi elettori in vista delle mid term elections del 6 novembre), i timori inflattivi svanirebbero ed il dollaro potrebbe registrare un rapido deprezzamento vs area 1,18/1,19 vs euro. Trump ha molto bisogno di recuperare in termini di consensi: ieri si è vantato del 50% di approvazione registrato da uno degli innumerevoli sondaggi, ma a ben vedere la media dei sondaggi delle ultime settimane è ferma intorno al 43%.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Summit BRICS in Sud Africa, nel disinteresse dell’Europa

Posted by fidest press agency su lunedì, 6 agosto 2018

È appena finito il decimo summit dei paesi BRICS tenutosi a Johannesburg, in Sud Africa. Purtroppo, nella più totale indifferenza da parte dell’Europa, sia quella delle più alte istituzioni politiche sia quella dei mass media. Un atteggiamento miope che rivela tutta l’impotenza politica dell’Unione europea di fronte ai grandi cambiamenti geopolitici che stanno determinando la storia. Nessuno pensa che si debbano rompere le tradizionali alleanze o immaginare nuove strategie avventurose. Si chiede semplicemente di non chiudere gli occhi di fronte alla realtà mutata e alle sue continue evoluzioni. E’ come se l’Europa fosse voluta rimanere incatenata al periodo iniziale della CECA, la comunità del carbone e dell’acciaio, mentre il mondo “andava” verso il petrolio, il nucleare e poi verso la fusione nucleare e le più sofisticate tecnologie delle energie rinnovabili. L’Unione europea e i singoli governi dell’Europa sembrano sempre vincolati al documento 2011/2111 (INI) del 2012: “Proposta di risoluzione del Parlamento europeo sulle politiche nazionali dell’UE nei confronti dei paesi BRICS e di altre potenze emergenti: obiettivi e strategie”. Vi si afferma che “in considerazione delle principali divergenze con i BRICS rispetto alle loro politiche, ai loro sistemi economici, alle tendenze demografiche e sociali e alle politiche estere, l’Europa adotta una politica estera sfumata, coinvolgendo partenariati e accordi separati per costruire sinergie con i singoli paesi BRICS e altri paesi emergenti e scoraggiare il consolidamento di gruppi alternativi di stati potenzialmente colludenti in termini di politica estera”. L’Europa, quindi, di fatto preferisce trascurare i BRICS intesi come gruppo, sottovalutando che esso, nel frattempo, rappresenti il 23% del pil mondiale e il 18% dell’intero commercio globale. Si mira solo a mantenere relazioni bilaterali.Comunque la dichiarazione finale del citato summit, tra i tanti argomenti affrontati, pone l’accento sull’importanza di cercare alternative virtuose alle destabilizzanti politiche dei dazi e delle guerre commerciali volute da Trump. Riteniamo che sarebbe significativo e certamente incisivo se, sull’argomento, si aggiungesse anche la voce dell’Europa. In questo momento, purtroppo, molti vorrebbero far saltare e non riformare i vari trattati di collaborazione e cooperazione internazionale come quello dell’Organizzazione Mondiale del Commercio. I BRICS, invece, correttamente propongono con forza l’adesione ai principi della Carta delle Nazioni Unite e rinnovano l’impegno per un ordine mondiale multipolare e per il rafforzamento delle istituzioni multilaterali della goverance globale. Sul fronte economico essi individuano con puntualità le sfide maggiori “nei crescenti conflitti commerciali, nei rischi geopolitici, nella volatilità dei prezzi delle commodity, nell’alto indebitamento privato e pubblico e nella crescita diseguale e non sufficientemente inclusiva”. A nostro parere, i loro deliberati vanno nella giusta direzione, quella di gettare le basi per un possibile nuovo ordine monetario mondiale. A tal fine utilizzano bene la Nuova Banca di Sviluppo e il Contingent Reserve Arrangement (CRA), l’accordo finanziario per sostenere i paesi in difficoltà di bilancio. Intanto è entrato in vigore il Local Currency Bond Fund, il fondo per l’emissione di obbligazioni nelle monete locali dei BRICS, finalizzato a promuovere investimenti nelle infrastrutture e nella modernizzazione delle loro economie e anche di quelle degli altri paesi emergenti. Si ricordi che nei mesi passati sono continuate le politiche interne ai paesi del BRICS, prima di tutto della Cina e della Russia, nel processo di diversificazione delle loro riserve monetarie e di progressiva dedollarizzazione delle economie.
In Russia, per esempio, nell’ultimo decennio la quota dell’oro è decuplicata, mentre gli investimenti nei titoli di debito del Tesoro USA sono calati al minimo. Se nel 2010 Mosca deteneva obbligazioni americane per 176 miliardi di dollari, oggi ne detiene 15 miliardi.
La Russia è fra i primi cinque paesi per riserve auree. Secondo alcune stime, dovrebbe detenere circa 2.000 tonnellate di oro, pari al 18% di tutte le riserve auree nel mondo. Simili processi sono in corso anche in Cina, che nei passati 4 anni ha acquistato 800 tonnellate d’oro, e, anche se in modi più attenti, sta diminuendo i titoli di debito americano, scesi dal picco di 1,6 trilioni di dollari del 2014 ai circa 1,2 trilioni di oggi. In occasione della celebrazione del centesimo anniversario della nascita di Nelson Mandela, il summit ha posto grande enfasi sulla realizzazione di infrastrutture e di investimenti nell’intero continente africano. Anche su presto programma l’interesse europeo dovrebbe essere più attento, partecipe ed effettivo. Del resto a Bruxelles e nelle altre capitali europee, l’argomento principale, e politicamente molto complesso, è la gestione dei flussi migratori provenienti dal continente africano. Perciò il suo sviluppo e ogni politica di effettivo sostegno alla crescita economica e democratica dei paesi dell’Africa dovrebbero interessare l’intera Europa, in primis il nostro paese. (Mario Lettieri già sottosegretario all’Economia e Paolo Raimondi economista)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »