Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 312

Tossicologo ambientale: professione del futuro

Posted by fidest press agency su mercoledì, 5 settembre 2018

Una delle più note fotografie (o fotomontaggi…) di Charles Darwin lo raffigura mentre “fa le corna” con la mano sinistra, visibilmente preoccupato…Forse il Padre delle teorie evoluzionistiche aveva ben compreso il ruolo dirompente che l’Uomo poteva svolgere negli equilibri naturali della Vita, in questo minuscolo frammento dell’Universo conosciuto. L’evoluzione di qualsiasi vivente è infatti il frutto di una “selezione adattativa” ambientale a partire dalla “variabilità genetica” di ogni specie: se consideriamo che la gran parte della biomassa terrestre è costituita da batteri si comprende, alla luce della velocissima capacità di mutare, propria di organismi dalla vita individuale brevissima, come l’impiego sconsiderato di antibiotici possa aver messo in atto una evoluzione rapidissima e drammaticamente incontrollabile delle specie patogene per l’uomo. L’era antibiotica, iniziata con la scoperta da parte di Fleming della penicillina, forse sta già terminando dopo pochi decenni (un tempo infinitesimale nella storia naturale del fenomeno-vita) e già vediamo all’orizzonte “superbatteri” capaci di sterminare la specie umana, insensibili agli antibiotici, anzi, selezionati proprio dagli antibiotici, utilizzati male in Medicina e soprattutto impiegati sconsideratamente in ambito zootecnico. Nel 2050 i morti si conteranno a milioni ma già oggi le infezioni contratte in ambiente ospedaliero uccidono più di infarti e ictus, mente un nemico invisibile, la Legionella, penetra incontrollato ogni ambiente dove ci sia acqua (impianti idrici, impianti di riscaldamento, impianti di condizionamento), arrivando fino ai polmoni in particelle aerodisperse, per sviluppare una forma di polmonite che diventa letale nei soggetti immunocompromessi. Che fare? La strada della ricerca di nuovi farmaci antibatterici è visibilmente senza uscita (e quand’anche se ne sviluppassero sarebbe solo un altro stimolo adattativo per i batteri), restano solo il rinforzo immunitario (coi suoi limiti: molti farmaci utilizzati per le più svariate patologie presentano come effetto collaterale una compromissione dell’immunità) e, soprattutto, la sistematica disinfezione di ogni ambiente a rischio. Nasce per questo il Corso biennale di “Tossicologo ambientale”, forte della collaborazione fra St. George Campus, Scuola di Formazione, e Infinity Biotech SpA, leader mondiale sulle tecnologie di disinfezione. Il prossimo prossimo 21 settembre parte il primo Corso, biennale e riservato a Diplomati e Laureati, certificante e qualificante ad una Professione di crescente e vitale importanza. Il Corso è articolato in 5 livelli, con altrettante attestazioni. Per informazioni scrivere a radamass1@gmail.com (Prof. M. Radaelli, Responsabile del Corso), per iscrizioni visitare il sito della Scuola: http://www.stgcampus.it

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: