Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Scuola: Nuova vittoria Udir

Posted by fidest press agency su mercoledì, 26 settembre 2018

La RTS di Catania ha liquidato ad alcuni dirigenti scolastici rappresentati da Udir le somme decurtate relative al Cir 2015/16, correggendo gli errori commessi sulle trattenute che non tenevano conto dell’aggiornamento degli stipendi stabiliti dal contratto integrativo regionale 2015/2016. Le cifre sono state corrisposte senza la necessità di ricorrere in tribunale, ma a seguito dell’atto di diffida che il giovane sindacato ha inviato in nome e per conto dei suoi iscritti.
Nello specifico, i dirigenti scolastici che hanno inviato la diffida fornita dal giovane sindacato hanno ricevuto dall’Rts di Catania per l’a.s. 2014/2015 circa 11 mila euro al lordo e per l’a.s. 2015/2016 circa 7 mila euro al lordo. Dunque, si tratta di cifre non indifferenti che, creati anche i precedenti, i DS hanno tutto il diritto di esigere.
Sono tanti i riconoscimenti registrati dal sindacato che tutela i diritti dei DS: è la volta di alcuni dirigenti siciliani che hanno ottenuto quanto gli spettava. Giungono quindi buone nuove: le ragionerie territoriali dello Stato cominciano a rimborsare e a riassettare i loro stipendi, grazie alle diffide presentate da Udir. Ma c’è un’altra buona notizia: il tutto sta accadendo senza la necessità di ricorrere in tribunale, ma a seguito dell’atto messo a disposizione dal giovane sindacato contro gli errori commessi sulle trattenute relative al Cir 2015/16 che non tenevano conto degli stipendi aggiornati dei DS di alcune province. In una nota Udir ha già chiarito che in Sicilia, a partire da luglio 2017, sono stati messi in pagamento i contratti regionali relativi agli anni scolastici che vanno dal 2012/2013 al 2015/2016. L’Iter non riguarda tutti i DS, poiché in alcune province le RTS hanno operato correttamente: sono stati aggiornati gli stipendi, applicando i nuovi importi stabiliti dal Contratto integrativo regionale 2015/2016 e di conseguenza sono stati pagati gli arretrati. In altre province, come Agrigento, Catania, Messina, Palermo e Siracusa, le RTS hanno liquidati gli arretrati, ma gli stipendi non sono stati aggiornati, per cui i dirigenti scolastici di queste province vengono pagati oggi con gli importi stabiliti dal CIR 2011/2012.
Infatti, nelle province sopra citate, le RTS hanno liquidato solamente una sorta di una tantum. Ciò è del tutto illegittimo, per quanto attiene alla retribuzione di posizione/quota variabile che è un elemento fisso e continuativo della retribuzione, pagato mensilmente in base al contratto regionale pro-tempore vigente. Perché il CIR oggi vigente, quello relativo all’a.s. 2015/2016, all’art. 6, comma 2, stabilisce testualmente: “I criteri e le modalità di utilizzo del fondo regionale definiti dal presente contratto continuano ad applicarsi fino alla stipula di un nuovo C.I.R., con riserva di conguaglio a credito o a debito.”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: