Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 30 n° 318

Archive for 2 ottobre 2018

Sindaco Riace. Ciriani (FdI): conferma immigrazione è grande business

Posted by fidest press agency su martedì, 2 ottobre 2018

“Un fatto molto grave, le accuse sono pesanti. Ovviamente vale anche per il sindaco di Riace la presunzione di innocenza, ma al di là dell’episodio questo conferma quello che Fratelli d’Italia sostiene da molto tempo, e cioè che l’immigrazione era ed è un grande business. Coloro che hanno predicato le porte aperte, l’accoglienza, in realtà spesso lo facevano perchè coltivavano un business alle spalle di questi disperati”. A dirlo il presidente dei senatori di Fratelli d’Italia, Luca Ciriani, nel corso della trasmissione Skytg24. “Per anni Fratelli d’Italia e Giorgia Meloni hanno chiesto, invano, che le cooperative o le organizzazioni senza scopo di lucro, almeno apparente, che gestiscono questi centri di ospitalità per i migranti fossero costrette a rendicontare euro per euro rispetto all’accoglienza stessa. Questo non è mai avvenuto, consentendo che ci fosse un regime troppo nebuloso che permettesse di fare affari attorno ai 35 euro al giorno che le operative ricevono in cambio di ospitalità” conclude il presidente dei senatori di FdI.

Posted in Cronaca/News, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Medicina: Nobel assegnato a James P. Allison e a Tasuku Honjo

Posted by fidest press agency su martedì, 2 ottobre 2018

Ruggero De Maria, Presidente di Alleanza Contro il Cancro, la rete oncologica nazionale fondata nel 2002 dal ministero della Salute, plaude al Nobel assegnato a James P. Allison, ricercatore dell’MD Anderson Cancer Center di Houston aggiudicatosi il prestigioso riconoscimento assieme al collega Tasuku Honjo, per la scoperta della terapia del cancro per inibizione della regolazione immunonegativa. Proprio con Allison e con l’Istituto statunitense, ACC – cui aderiscono 25 IRCCS, ISS, Italian Sarcoma Group, Fondazione CNAO e AIMaC – ha in atto una collaborazione con MD sancita nel 2016 da un accordo alla cui sottoscrizione, avvenuta in Istituto Superiore di Sanità partecipò proprio il premio Nobel. In Italia il gruppo di ricerca più avanzato sulla Immunoterapia fa capo al Working Group della Rete.
«ll premio Nobel ai due scienziati che hanno studiato per primi i checkpoint immunologici alla base dell’immunoterapia dei tumori – dice De Maria – è il giusto riconoscimento a chi ha compiuto gli studi pionieristici che hanno permesso di sviluppare le terapie farmacologiche ad oggi più efficaci per i tumori avanzati. I ricercatori di ACC svolgono ricerche molto competitive sull’immunoterapia dei tumori. Gli oncologi medici di ACC hanno contribuito in maniera importante ai trial clinici che hanno dimostrato come il blocco dei checkpoint immunologici possa curare efficacemente il melanoma metastatico e alcuni tumori al polmone. Inoltre ACC sta studiando come identificare al meglio i pazienti che possono trovare giovamento da queste terapie e, al tempo stesso, cosa sia possibile fare nei pazienti che non rispondono. Il premio Nobel James Allison ha avuto parole di chiaro apprezzamento per il lavoro che ACC sta conducendo sull’immunoterapia dei tumori. Grazie alla partnership con l’MD Anderson e al supporto del Ministero della Salute, sono certo che gli IRCCS della rete oncologica contribuiranno ancora e sempre meglio alla ricerca in questo settore così importante».
Il WG di Immunoterapia di ACC si occupa della identificazione dei biomarcatori altamente predittivi di risposta ai nuovi approcci immunoterapici al fine di identificare in maniera precoce quei pazienti che ne possano beneficiare. In questo modo è possibile evitare di esporli a trattamenti potenzialmente associati ad effetti collaterali in assenza di beneficio clinico. Questo approccio consentirebbe inoltre di ridurre la spesa farmaceutica del Sistema Sanitario Nazionale per terapie ad alto costo. L’attività del Working Group, si sta concentrando sulla conversione dei pazienti non responsivi in responsivi con lo sviluppo di nuove terapie combinate.
E dal 29 al 31 ottobre, all’ospedale San Raffaele di Milano, si parlerà anche di Immunoterapia con i massimi esperti italiani e internazionali nel corso del terzo Annual Meeting di Alleanza Contro il Cancro, in programma all’ospedale IRCCS San Raffaele di Milano, associato ACC.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Daniela Pes vince il ‘Premio dei premi’ 2018

Posted by fidest press agency su martedì, 2 ottobre 2018

È la sarda Daniela Pes la vincitrice del “Premio dei Premi” 2018, il contest che riunisce i vincitori dei concorsi italiani di canzone d’autore e world music intitolati ad artisti scomparsi.L’evento si è tenuto sabato nell’ambito del Mei di Faenza ed ha visto un podio tutto al femminile. Infatti dietro la vincitrice, che rappresentava il Premio Andrea Parodi di Cagliari, si sono piazzate, a pari merito, Federica Morrone (in lizza il Premio Bianca d’Aponte di Aversa) e Agnese Valle (per il Premio Mario Panseri di Cairo Montenotte). La serata è stata una occasione unica per vedere, tutti insieme, i migliori cantautori emergenti del nostro Paese, in quella che è stato definita la “Champions League” della nuova canzone d’autore.
Alla vincitrice numerosi bonus: un “immediate video” della propria canzone, realizzato da Marco Billeci, videomaker e giornalista di Gedi Digital, che sarà pubblicato su su repubblica.it; uno speciale su JamTV e una corposa intervista per il bimestrale “Vinile”. Ma per Daniela Pes ci sarà anche la possibilità di partecipare come ospite a “EdicolAcustica” di Grosseto e al Festival Internazionale della Sardegna Città di Uta. A Federica Morrone invece è andato il premio speciale dell’Officina della Musica e delle Parole di Milano, consistente nella possibilità di partecipare a un corso della stessa Officina del valore di euro 1500.Nel Premio dei Premi, ideato e diretto da Enrico Deregibus e Giordano Sangiorgi, si sono fronteggiati anche Salvario in rappresentanza del Premio Pierangelo Bertoli, Lisbona per il Premio Bindi, i Yosh Whale per il Premio Buscaglione, La Quadrilla per il Premio Alberto Cesa/Folkest, Luchi per il Premio Ciampi, i Mislead per il Premio Augusto Daolio, Giulio Wilson per il Premio Bruno Lauzi e gli Helena per il Premio Manente.Ognuno di loro ha eseguito un brano proprio ed una cover di un protagonista della musica italiana, in una sorta di passaggio di testimone. Ad esempio Daniela Pes ha proposto “Carne”, di un personaggio di rilievo della scena indipendente degli ultimi anni come Iosonouncane, mentre Federica Morrone ha cantato “Mi sono innamorato di te” di Luigi Tenco e Agnese Valle “Un paese di gente bambina” di Mario Panseri. Ma si sono ascoltate anche canzoni di Niccolò Fabi, Fabrizio De André, CCCP, Francesco De Gregori, Piero Ciampi, Mina, Pierangelo Bertoli, Fred Buscaglione.A presentare lo stesso Deregibus insieme alla cantautrice Roberta Giallo, che era stata la vincitrice della scorsa edizione e che si è anche esibita in chiusura di serata. A salire sul palco in veste di ospiti ci sono stati anche Mauro Ermanno Giovanardi (a cui è andato un premio speciale del Mei) e il duo composto da Roberto Angelini e Rodrigo D’Erasmo che ha presentato un omaggio a Nick Drake. Ad inizio serata spazio anche per la giovane band Il generatore di tensione, presentata dalla Fondazione Lucio Dalla. Il “Premio dei Premi” era dedicato ai 40 anni del disco “Pigro” di Ivan Graziani, omaggiato dal cantautore triestino Cortellino.Media-partner dell’evento, insieme a JamTV e Vinile, è Radio Popolare, che trasmetterà la serata nelle prossime settimane.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Premio Virginia Reiter

Posted by fidest press agency su martedì, 2 ottobre 2018

Roma 14 ottobre 2018 presso la Sala Squarzina del Teatro Argentina a partire dalle ore 21.30, con la giuria di esperti presieduta da Ennio Chiodi e composta da Rodolfo Di Giammarco (la Repubblica), Gianfranco Capitta (il Manifesto), Maria Grazia Gregori (l’Unità) e Maurizio Porro e la direttrice artistica della manifestazione Laura Marinoni. Grande attesa per il nome della vincitrice: a contendersi la palma saranno Federica Rosellini, Alice Raffaelli e Lucienne Perreca. Nel corso della serata avranno luogo anchele cerimonie di premiazione della sesta edizione del Premio Giuseppe Bertolucci – intitolato al regista che ha dato tanto impulso al Premio Reiter e ha ideato il Festival omonimo, e assegnato a un talento scelto tra le migliori attrici europee delle giovani generazioni – e del Premio Virginia Reiter alla carriera, il cui Padrinosarà Massimo De Francovich, alla grande interprete italiana Lucia Poli.
Finaliste del Bertolucci sono quest’anno la giovanissima attrice spagnola Laia Artigas, vista nel film Estate 1993, le due attrici Kaya Wilkins ed Elli Harboe, protagoniste del film franco danese Thelma e l’attrice francese Marine Vacth del film Doppio Amore. Mentre Padrini dei due Premi saranno Emanuele Turettaper il Reiter e Vinicio Marchioni per il Bertolucci.
La manifestazione coinvolge anche il Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma attraverso la realizzazione di video tributo a Virginia Reiter e Giuseppe Bertoluccied è realizzata dall’Associazione di Promozione Sociale Virginia Reiter di Modena in collaborazione con il Teatro di Roma. Enti promotori e patrocinanti dell’iniziativa sono ilComune di Romae la Regione Lazio, BPER Banca, Fondazione Cassa di Risparmio di Modena, il MIBACT – Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo, ERT- Emilia Romagna Teatro Fondazione e Amici dei Teatri modenesi, oltre al Comune di Modenae la Regione Emilia Romagna.
Anche quest’anno Santella gioielli di Sperlonga ha realizzato, a cura della designer Daniela Izzi, i gioielli con cui verranno omaggiate le vincitrici del Premio Virginia Reiter e Giuseppe Bertolucci, mentre il manifesto del Festival è stato realizzato dal giovane creativo dello IED Andrea Marchi. Ma saranno tanti gli appuntamenti all’insegna del teatro nell’ambito del Premio Virginia Reitere del Festival omonimo per celebrare la grande attrice del passato, coeva di Eleonora Duse e di Sarah Bernhardt, da cui era ammirata, interlocutrice di D’Annunzio e prima interprete della Lupa di Verga. Il Festival nasce nel 2007 da un’idea del regista e sceneggiatore Giuseppe Bertolucci e già sabato 13 ottobre Lucia Poli, premiata alla Carriera,terrà una lectio magistralis, sempre presso la Sala Squarzina del Teatro Argentina, anticipata da un contributo video di Emma Dantee delle giovani attrici Mariagiulia Colace e Francesca Laviosa. L’appuntamento è a ingresso libero.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Forum della reputazione

Posted by fidest press agency su martedì, 2 ottobre 2018

Roma 4 ottobre 2018, presso la prestigiosa sede della Società Geografica Italiana al Palazzetto Mattei in Villa Celimontana Forum della reputazione.
REPUTAZIONE.ORG vuole riunire e raccogliere, in un evento unico in Italia, le voci dei diretti interessati per sensibilizzare e diffondere la cultura della Reputazione: alzare il velo con cui attualmente le organizzazioni ancora si coprono per esplorare quanto siano ancora un sistema chiuso e immune dalle influenze esterne, soprattutto oggi, nell’era dell’informazione digitale e delle grandi trasformazioni comunicative come l’avvento dei social network.
All’evento porteranno il loro contributo i rappresentanti di organizzazioni top leader in Italia: Luigi Caramiello – Università “Federico II” di Napoli, Andrea Mariani – Fondo Pegaso, Mauro Mannocchi – Confartigianato Imprese Roma, Alessandra Ceccarelli – Federmanager, Marussia Ciriaci – Fondazione Tim, Alessandro Salveti – Confindustria, Angelo Deiana – Confassociazioni.Modera il dibattito Gennaro Ferrara – Tv2000.Per i saluti istituzionali interverrà Daniele Leodori, Presidente del Consiglio della Regione Lazio. Aprirà i lavori Bruno Chiavazzo – Giornalista e scrittoreI risultati dell’indagine e il manifesto della Reputazione saranno presentati rispettivamente da Joe Casini e Davide Ippolito – Zwan.
I lavori del Forum della Reputazione si concludono nella giornata del 4 con la sottoscrizione da parte di tutti i relatori del primo Manifesto della Reputazione.

Posted in Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Maurizio Sartorato è il nuovo Amministratore Delegato di Bidachem Spa

Posted by fidest press agency su martedì, 2 ottobre 2018

Maurizio Sartorato è il nuovo Amministratore Delegato di Bidachem Spa, il polo chimico italiano del Gruppo Boehringer Ingelheim.Sartorato, 44 anni, nato a Vigevano, ha conseguito la Laurea in Chimica presso l’Università di Pavia e un Executive MBA presso la SDA Bocconi di Milano, e può vantare una ventennale esperienza tecnica in ruoli di crescente managerialità, da Direttore di siti produttivi a Direttore Generale nel settore Chimico Farmaceutico.
Maurizio Sartorato subentra a Leonardo Ambrosini che per 18 anni ha guidato l’azienda, vedendo il polo di Fornovo San Giovanni crescere e consolidarsi, come elemento strategico, indispensabile all’interno del Gruppo Boehringer Ingelheim nella produzione di principi attivi.
“Mi sento onorato di ricevere il testimone da Leonardo Ambrosini – dichiara Maurizio Sartorato, neo Amministratore Delegato di Bidachem Spa – che in questi due decenni ha profuso il proprio impegno all’interno dell’azienda, fino a farla diventare un’eccellenza nel settore chimico farmaceutico, oltre che una realtà tecnologicamente avanzata e innovativa”.“Sono convinto che le persone facciano davvero la differenza e in Bidachem possiamo vantare talenti preparati e appassionati al loro lavoro. Il mio impegno – prosegue Sartorato – sarà quello di continuare il percorso in cui l’azienda si è sempre distinta per sicurezza, qualità e innovazione, affrontando con tenacia le nuove sfide e cogliendo le migliori opportunità di business. Da oggi, le mie energie saranno rivolte a fare in modo che Bidachem continui ad essere il punto di riferimento per il Gruppo Boehringer Ingelheim a livello internazionale per la produzione dei nuovi Principi Attivi”.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Bambola” di Isabel de Lorenzo al Furio Camillo

Posted by fidest press agency su martedì, 2 ottobre 2018

Roma venerdì 5 e sabato 6 ottobre 2018 ore 21.00 domenica 7 ottobre 2018 ore 19.00 Teatro Furio Camillo Via Camilla, 44. Bambola è uno spettacolo di teatro danza ideato da Isabel De Lorenzo ed interpretato da Fabio Ciccalè e Violet Scrap. La protagonista Bambola/Antigone accompagna il padre morente e amato. Con una serie di flashback rivive la sua vita. Cresce tra nidi di bambole e giochi di adulti, percependosi come una marionetta rotta, disarticolata e goffa. Negli uomini che incontra ricerca la figura di un padre, di cui è inconsciamente innamorata, che ai suoi occhi appare unico, stimato ed ammirato da tutti. Si concede a molteplici tragicomici incontri inseguendo un’amore immaginato. Bambola scongiurerà il suo naufragio trovando il filo della sua vita e trasformandosi in una pittrice alata. Lo spettacolo è inspirato alle opere visive di Hans Bellmer, Niki de Saint-Phalle, Louise Borgeois e Morton Bartlett.
La compagnia è formata da ISABEL DE LORENZO Danzatrice di origine brasiliana, vive in Italia dal 1998. E’ laureata in Lettere Classiche (Università di São Paulo, 1993), da FABIO CICCALE’ Danzatore contemporaneo e coreografo e da VIOLET SCRAP Danzatrice e insegnante di Tribal Fusion in Italia e nel mondo.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il futuro delle professioni culturali

Posted by fidest press agency su martedì, 2 ottobre 2018

Roma mercoledì 3 ottobre 2018 – ore 10.00 Associazione Civita, Sala Gianfranco Imperatori Piazza Venezia, 11 si terrà il convegno “Il futuro delle professioni culturali: cosa cambia, cosa resta” promosso da Confassociazioni e dall’Associazione Civita, in merito a trasformazioni e prospettive nell’ambito delle professionalità legate al mondo dei beni culturali, anche a seguito degli effetti che la tecnologia digitale ha prodotto nel settore.“L’Italia è il Paese più importante del mondo per quantità di beni culturali e ambientali – dichiara Angelo Deiana, Presidente di CONFASSOCIAZIONI – tanto che la UE ha inserito questo nostro settore fra le piattaforme di mercato che potranno maggiormente generare più occupazione e più attività, oggi e nel futuro. Anche considerato che, come afferma il World Economic Forum, il 65% dei bambini attualmente in età scolare, da adulti faranno un lavoro che ancora non esiste. Ci troviamo dentro ad uno tsunami digitale dove il punto di forza, per cavalcare l’onda piuttosto che lasciarsi travolgere, risulta il fare rete sempre nell’essere coesi e propositivi. Una caratteristica, questa, insita nel DNA della nostra Confederazione che da sempre tutela e promuove le professioni, favorendo l’incontro tra i diversi attori del mercato del lavoro. CONFASSOCIAZIONI è convinta che le professioni della cultura si troveranno al centro di questo tsunami. Ecco perché, in questa iniziativa, proveremo a rispondere a una domanda semplice ma strategica: quale sarà il ruolo delle professioni soft della cultura nell’era del digitale e delle professioni hard?”
L’incontro, moderato da Adriana Apicella, Direttore Generale di Confassociazioni e Vice Presidente Esecutivo della branch Cultura Spettacolo e Moda, si pone come momento di riflessione concreta riguardo alle professioni del settore cosiddette “storiche” che ancora resistono e a quelle che ci saranno nel prossimo futuro. Al centro, anche il ruolo della formazione, posta a monte del mercato del lavoro stesso ed oggi quanto mai necessaria per consentire ai nostri giovani di accrescere la propria competitività sul mercato globale.
Questi i temi su cui si confronteranno gli ospiti dell’incontro, con l’obiettivo di analizzare il mercato di riferimento ed individuare condizioni ed elementi necessari per incentivare un dialogo convinto e condiviso sia tra le parti che tra pubblico e privato.
Valorizzare in termini strategici e a lungo termine le possibili sinergie fra competenze diverse a vantaggio del nostro patrimonio culturale, costituisce un’opportunità significativa per la crescita economica e sociale del Paese. Per far questo occorrono, però, maggiori risorse, a cominciare da quelle umane e professionali.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Giornata Europea della Cultura Ebraica

Posted by fidest press agency su martedì, 2 ottobre 2018

Palermo giovedì 11 Ottobre 2018, ore 18.00 (e fino al 20 Ottobre 2018) Kaddish Arte, storia, memoria 1938-2018. In occasione della Giornata Europea della Cultura Ebraica del 14 ottobre 2018, la direttrice Maria Vittoria Marchetta e le curatrici Cristina Liscaio e Francesca V. Scazzocchio vogliono riproporre nello spazio espositivo pop up di Palermo la mostra già presentata a Roma per la Giornata della Memoria del 27 gennaio scorso. Il progetto iniziale si è concretizzato in una personale del maestro Georges de Canino nella quale sono state presentate al pubblico 30 opere inedite, riporti fotografici su tela con interventi di acrilico e matita voluti fortemente senza telaio dall’artista. “La Giornata Europea della Cultura Ebraica è dedicata quest’anno allo “Storytelling”, al narrare – sostiene la Dottoressa Noemi Di Segni, Presidente dell’Unione Comunità Ebraiche Italiane – […] da diciannove anni appuntamento che invita a scoprire tradizioni, cultura e luoghi ebraici in Italia, nasce proprio per diffondere una narrazione dell’ebraismo rispondente al vero”. Riproporre il lavoro di Georges de Canino a Palermo, dopo il successo di Roma, vuole dunque fungere da collegamento tra due importanti occasioni: quella della Giornata Europea della Cultura Ebraica 2018 e quella di Palermo come capitale italiana della cultura 2018 e di Manifesta 12.
Quello dello storytelling, del racconto come lascito ai posteri, è tanto una pratica quanto una vera e propria necessità che l’artista Georges de Canino sente sua al pari del fare arte.
Selezionato nel 2011 da Vittorio Sgarbi per la 54^ Esposizione Internazionale d’Arte della Biennale di Venezia con l’opera “Golem”, Georges de Canino ha alle spalle quarant’anni di mostre personali e collettive, venendo riconosciuto e apprezzato nel corso degli anni sia in Italia e sia all’estero. Deciso da sempre a mettere la sua sensibilità di artista e di poeta – prima ancora che di ebreo – al servizio della Memoria, ha deciso di intitolare la mostra “Kaddish” non certo a caso. Il Kaddish è nella liturgia ebraica la preghiera di santificazione del Nome di Dio, che recitata con amore e venerazione sottolinea la volontà del popolo ebraico di ringraziare l’Altissimo, riconoscendo i meriti dei defunti o dei maestri. De Canino racconta l’esistenza di persone a lui care, conosciute o non conosciute direttamente, mostrandoci immagini tratte dalle loro vite prima che le Leggi Razziali del 1938 e ciò che ne è conseguito le stravolgessero definitivamente. Vi ritroviamo i ritratti dedicati a Primo Levi, al Rav Elio Toaff, Simone Veil, Anna Frank, ma anche a tanti amici. L’artista dunque, allontanando quello scenario di sofferenza che siamo abituati a vedere quando si parla di Shoah, intende ridare dignità a quelle persone in quanto esseri umani, non solo vittime. Richiamando il passato nel presente, l’artista fa sì che le immagini da testimonianze del passato riescano a diventare, mediante un’arte dello storytelling, attuali. “Senza memoria non vi è storia, non vi è presente, non vi è futuro” sostiene Georges de Canino. Quindi la memoria non è importante quanto segno del passato, ma come movimento nel presente verso il futuro, a ciò che si diviene nel ricordare. Il catalogo della mostra a cura di Cristina Liscaio e Francesca V. Scazzocchio ed edito da Grafiche Turato Edizioni, con testi di importanti esponenti istituzionali del mondo ebraico e della società civile, sarà disponibile in galleria.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

InVenti allo Shakespeare Theatre Academy di Palermo

Posted by fidest press agency su martedì, 2 ottobre 2018

Palermo 20 ottobre alle 21,15, nella Sala Albertazzi della Shakespeare Theatre Academy in corso Calatafimi 382 a Palermo, nell’accademia con rettore onorario Giancarlo Giannini andrà in scena un esperimento che incuriosisce “InVenti”, il nuovo format teatrale ideato da Tony Colapinto. Protagonista sarà il pubblico, o parte di questo, che sarà contemporaneamente spettatore e protagonista.In ogni scena, della durata di non oltre 20 minuti, all’interno dello spettacolo, 5 persone, che dalla platea saliranno sul palco e che avranno volontariamente preparato un monologo lungo non oltre i 4 minuti, avranno la possibilità di esibirsi, e di rielaborare davanti ai presenti il testo, supportati da un maestro di recitazione e regista della Shakespeare Theatre Academy, che li guiderà nel processo creativo del personaggio.
Ogni attore-spettatore avrà a disposizione così venti minuti per lavorare sulla scena con il maestro e regista e “montare” il proprio monologo pubblicamente. Sulla scena: l’attore-spettatore, il maestro di recitazione, e un musicista che accompagnerà l’evoluzione del processo creativo del personaggio.Per partecipare, basta scegliere un monologo e il personaggio e studiarlo a memoria. Avere memoria solida del testo sarà infatti condizione essenziale per lavorare sul processo creativo.Ingresso 5 euro. I partecipanti a inVenti, nei giorni successivi all’evento, avranno la possibilità di seguire una lezione dei corsi per attori.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Mostra “Gioielli d’artista”

Posted by fidest press agency su martedì, 2 ottobre 2018

Roma mercoledì 10 ottobre, nella Boutique Roberto Coin in via del Babuino 73 sarà prorogata la mostra Gioielli d’artista.L’esposizione, realizzata con il supporto del team di Inside Art, che ha suscitato l’interesse dei media e di tanti appassionati, sia di arte che di lusso, propone le pregiate creazioni di nove grandi artisti internazionali, tra pittori e scultori. Parliamo di Arman, Pol Bury, Turi Simeti, Marco Lodola, Lim Dong Lak, Mauro Staccioli, Valerio Adami, Jean Claude Farhi, Emilio Isgrò, interpreti che hanno lasciato il segno nella storia dell’arte contemporanea, che hanno disegnato i preziosi della collezione “Jewels by Contemporary Artists” di Marylart, editore di Lugano da anni impegnato nella realizzazione di gioielli disegnati dai più affermati artisti contemporanei.
La mostra, dal titolo “Gioielli d’Artista”, curata da Marina Ruggieri, da oltre 20 anni editore di gioielli d’artista, è un itinerario di grande fascino nella dialettica e nella poetica di grandi interpreti dell’arte contemporanea che si sono espressi attraverso un’esplosione creativa declinata nello studio del gioiello. Artisti che hanno segnato il Novecento per le diverse sperimentazioni in campo pittorico come Arman, Bury, Adami, o per il modo in cui hanno trattato la materia e le superfici, Staccioli, Farhi, Simeti e Dong Lak, o ancora per essersi inventati un nuovo linguaggio artistico come nel caso delle famose cancellazioni firmate da Isgrò.
Teatro di questa esposizione, che offre l’avvincente possibilità di “divenire” parte di un’opera d’arte, indossando anelli, collier, bracciali, gemelli ed altre creazioni firmati da artisti di spessore internazionale, è la Boutique di Roberto Coin, fondatore del brand e grande amante dell’arte ed egli stesso appassionato collezionista. “Ho sempre considerato il gioiello come una forma d’arte – afferma Roberto Coin – che va ben oltre il semplice accessorio legato al mondo della moda o dello stile. Questa mostra è la dimostrazione di quanto la capacità e la sensibilità artistiche siano fondamentali per dare vita a gioielli preziosi quanto unici”.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Riprende il festival Un Organo per Roma

Posted by fidest press agency su martedì, 2 ottobre 2018

Roma Sabato 6 ottobre ore 19 i concerti si terranno tutti alle ore 19 nella Sala Accademica del Conservatorio di Musica “Santa Cecilia” in via dei Greci 18 e saranno ad ingresso gratuito.
Sabato 6 ottobre, il primo concerto della seconda parte del Festival, “Dialogo tra ance e flauti”, vede il confronto di un’intera orchestra di flauti con l’organo, che eseguiranno tre composizioni contemporanee in prima assoluta: “Turbamento ed estasi” di Ferdinando Curinga, “S’i’ fosse vento” di Antonio Di Pofi e “Divertissment” di Gianluca Ruggeri.L’organo da solo eseguirà inoltre la celeberrima Toccata e fuga in re minore BWV 565 di Johann Sebastian Bach e l’orchestra di fiati da sola la Passacaglia di Handel, un Concerto di Jean Boismortier e Greensleeves di Anne McGinty, una fantasia sulla notissima canzone popolare inglese.Partecipano l’Orchestra di Flauti del Conservatorio “Santa Cecilia” diretta da Franz Albanese, l’organista Cristiano Accardi, la cantante Delia Russo, i percussionisti Francesco Conforti, Rosario Ceraudo, Tommaso Sansonetti e Yuri Vallario.
Il Festival, ideato dall’illustre organista Giorgio Carnini e promosso dalla Camerata Italica in collaborazione con l’Istituzione Universitaria dei Concerti (IUC) e il Conservatorio di Musica Santa Cecilia, è parte di un progetto più ampio che tende a richiamare l’attenzione dell’opinione pubblica e delle istituzioni sulla grave mancanza di un organo da concerto al Parco della Musica come previsto inizialmente da Renzo Piano.“Le precedenti edizioni del Festival – spiega Giorgio Carnini – hanno risvegliato nella nostra città, dopo anni di letargo, l’interesse del pubblico verso il concertismo organistico, grazie ad una scelta dei programmi mirata a sottolineare l’universalità del linguaggio organistico attraverso il dialogo con strumenti e forme musicali diversissime”.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Inaugurazione anno accademico 2018-2019 Ateneo Pontificio Regina Apostolorum”

Posted by fidest press agency su martedì, 2 ottobre 2018

Roma Via degli Aldobrandeschi 190. L’Ateneo Pontificio Regina Apostolorum inaugura l’anno accademico 2018/2019, Relatio Annualis a cura del Magnifico Rettore P. Jesús Villagrasa LC, Lectio Magristralis a cura di S.E. R.ma Card. Luis Francisco Ladaria Ferrer, SI “Sancta Trinitas unus Deus”. “La relatio, in questo 25º anniversario dalla fondazione rivolge lo sguardo alle persone cha hanno percorso il camino che ci ha portato qui. La relatio si sofferma di più negli ultimi 5 anni che ho avuto l’onore di vivere come Rettore, e allarga lo sguardo alle sfide del prossimo futuro – apre il Rettore Villagrasa – Voglio invitarvi a manifestare i sentimenti e gli atteggiamenti di gratitudine, di impegno responsabile e di fiducia, che in diverse occasioni hanno sollecitato i papi san Giovanni Paolo II e Francesco: «Guardare il passato con gratitudine, vivere il presente con passione, abbracciare il futuro con speranza». Questo anniversario ci invita a ringraziare Dio, Uno e Trino, per i doni che ci ha elargiti, perché possiamo svolgere la nostra missione evangelizzatrice in obbedienza al mandato missionario di Cristo. Ringraziamo Maria Regina degli Apostoli che ci ha accompagnati e confortati. Con riconoscenza voglio ricordare i docenti che il Signore ha richiamato alla sua casa, i Professori emeriti che hanno dedicato, e continuano a dedicare, all’Ateneo gran parte dei loro anni, con viva dedizione, costanza e professionalità. Il nostro cuore è fiero quando pensiamo ai tanti nostri alunni oggi sacerdoti, consacrati e laici impegnati che attraverso la loro testimonianza e il loro ministero diffondono il Regno di Cristo nel mondo.” “Il nostro presente si inquadra nel Piano quinquennale 2014-2019. La pianificazione strategica, partendo dall’identità e missione e da un’analisi della situazione attuale, si propone di orientare gli sforzi dell’istituzione con l’intento di porre in essere la propria missione: formare apostoli, leader cristiani, religiosi e laici, al servizio della Chiesa per testimoniare il mistero di Cristo; creare correnti culturali di pensiero cristiano che, in piena comunione con il magistero della Chiesa e in risposta agli interrogativi teorici ed esistenziali dell’uomo, impregnino di spirito cristiano la società.“Per il futuro mi limito ad alcune sfide che provengono dalla nostra identità istituzionale e dagli orientamenti della Costituzione apostolica Veritatis Gaudium (VG). La maturità che vogliamo raggiungere a livello istituzionale ci richiede di affrontare quattro sfide specifiche: accrescere la nostra condizione di “laboratorio culturale”; potenziare il «dialogo a tutto campo, il potenziamento della ricerca e della interdisciplinarietà, e «la necessità urgente di “fare rete” tra le diverse istituzioni.” “Tutte queste sfide che ci presenta il futuro ci portano ad allargare il nostro spirito. Il nostro impegno è di essere un’università ecclesiastica, secondo lo spirito e gli orientamenti della costituzione apostolica Veritatis gaudium.” “Con questa fiducia nel Dio uno e trino, e nella Regina degli Apostoli, iniziamo l’Anno Accademico 2018-2019, XXVIº dalla fondazione, che in virtù dell’autorità che mi è stata conferita, dichiaro solennemente aperto.”

Posted in Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Sposami”… Dalla Russia con i fiori

Posted by fidest press agency su martedì, 2 ottobre 2018

Cosenza 04 ottobre H 14.00 (l’evento continuerà fino al 6 ottobre 2018) Chiostro di Santa Chiara – via Serra.Giunge alla terza edizione la manifestazione “Dalla Russia con i fiori” quest’anno incentrata in particolare sul matrimonio. Come gli altri anni la manifestazione coinvolge fioristi Russi e Italiani che realizzeranno un workshop all’interno del Chiostro di Santa Chiara presso la Biblioteca Civica di Cosenza. L’evento, promosso dall’associazione ACAV è a cura di Marilena Morabito e Tatiana Ogorodnikova è patrocinato dalla Provincia di Cosenza e dalla Biblioteca Civica di Cosenza.Il workshop, è organizzato con l’intento di valorizzare antichi palazzi impiegando le composizioni floreali e rappresenta anche un’occasione per condividere le conoscenze e le esperienze in questo campo tra gli attori nazionali ed internazionali. Nei primi due giorni i partecipanti elaboreranno il progetto di decorazione del chiostro di Santa Chiara e realizzeranno le composizioni floreali.
Sabato 6 ottobre a partire dalle ore 18 il finissage dell’evento “Sposami – dalla Russia con i fiori”, dove sarà presentato il chiostro di Santa Chiara addobbato di decorazioni floreali ed una ricca kermesse di eventi e performance con sfilate di abiti realizzati in fiori, sfilate di moda delle nuove collezioni realizzate dalle designer russe “OlgaSmiArt” e “Arins” e le creazioni degli allievi della Accademia di moda “New Style” di Cosenza. La manifestazione ha come scopo non soltanto la valorizzazione dell’arte floristica, ma rappresenta anche un’opportunità di scambio culturale, una comparazione tra la cultura Russa, Italiana e Arbereshe, inoltre durante la serata finale ci sarà la performance di danza orientale di Elena Vaccaro e la danza rituale, del gruppo Shpirti Arbereshe a cura di Jessica Novello.
Per tutta la durata dell’evento, dal 4 al 6 ottobre, sarà visitabile la mostra fotografica “Il mito di Persephòne” della fotografa Elena Vaccaro a cura di Marilena Morabito.
Durante le tre giornate dell’evento sarà presente il mercatino vintage a cura di Sartoria Bubamara e Vintage Star e, uniche nel loro genere, le sculture floreali di argilla polimerica giaponese di Inna Storozhuk.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

L’UNHCR mette in guardia sulla capacità di salvataggio nel Mediterraneo

Posted by fidest press agency su martedì, 2 ottobre 2018

L’UNHCR, l’Agenzia delle Nazioni Unite per i Rifugiati, esprime gratitudine a Malta per la sua decisione di consentire lo sbarco di 58 persone salvate dalla nave della ONG Aquarius, ponendo così fine dopo giorni di navigazione al loro calvario. L’UNHCR è inoltre grato a Francia, Germania, Portogallo e Spagna che si sono offerti di ricevere queste persone una volta sbarcate a Malta.La leadership e la solidarietà di tutti e cinque questi Paesi è stata la chiave per risolvere questa situazione e dovrebbe essere un esempio per gli altri. L’umanità, la compassione e l’incrollabile impegno a salvare vite e assicurare l’accesso alla protezione internazionale a chi ne ha bisogno devono essere al centro della questione di come l’Europa gestisce le sue frontiere, marittime e terrestri.L’UNHCR continua a incoraggiare che siano stabiliti accordi prevedibili per l’area del Mediterraneo per lo sbarco delle persone soccorse in mare. L’UNHCR esorta gli Stati ad aumentare rapidamente i loro sforzi per migliorare questi accordi. In questo modo si potranno salvare vite umane.La soluzione di oggi è un successo per chi è a bordo dell’Aquarius, ma arriva tra le crescenti incertezze sulle capacità di ricerca e soccorso nel Mediterraneo centrale. In questo periodo l’anno scorso, 5 ONG erano impegnate in operazioni di ricerca e soccorso nel Mediterraneo centrale. Nel 2017, le ONG hanno salvato oltre 46.000 vite secondo la Guardia Costiera Italiana. La revoca della registrazione dell’Aquarius è profondamente preoccupante e rappresenterebbe una drastica riduzione della capacità di ricerca e salvataggio proprio nel momento in cui dovrebbe essere intensificata.”Il rafforzamento della capacità di ricerca e salvataggio nel Mediterraneo centrale e lo sbarco in porti sicuri devono essere l’obiettivo di tutti”, ha affermato l’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i Rifugiati Filippo Grandi. “Stiamo parlando delle vite delle persone. Rifugiati e migranti non possono essere continuamente messi a rischio mentre gli Stati dibattono sulle loro reciproche responsabilità”. L’UNHCR continua a chiedere con forza di aumentare la capacità di ricerca e salvataggio nel Mediterraneo centrale e di lasciare spazio alle ONG affinché contribuiscano in modo coordinato a tali sforzi. Questa è una responsabilità collettiva e salvare le vite la preoccupazione prioritaria.

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Rapporto Sanità 2018: 40 anni del Servizio Sanitario Nazionale

Posted by fidest press agency su martedì, 2 ottobre 2018

Nebo Ricerche PA ha realizzato, in occasione del quarto decennale della fondazione, un Rapporto che fotografa la sanità italiana in quattro tappe fondamentali: la nascita del SSN, la riforma dei primi anni ’90, il passaggio al federalismo sanitario, l’assetto attuale. Il Rapporto si sviluppa intorno ad alcune parole-chiave legate ai dibattiti in corso fra i vari attori del settore.
L’archivio Nebo ha consentito la ricostruzione delle mappe territoriali a partire dal primo elenco di Unità Sanitarie Locali pubblicato nella Relazione sullo stato sanitario del Paese relativa al triennio 1981-1983, nella quale si contano 695 Unità Sanitarie Locali, ridotte fino alle 101 Aziende Sanitarie attuali, affiancate dal 1993 dalle Aziende Ospedaliere.
Lungo quattro decenni è stata abbattuta oltre la metà dei posti letto (da oltre 500 mila a poco più di 200 mila) e la durata media dei ricoveri (da quasi 13 giorni a meno di 7). La decurtazione è evidente, anche se con andamenti diversi sia a livello nazionale che regionale, per le aree delle specialità mediche, chirurgiche e materno-infantili; al contrario, sono aumentati nel tempo i posti letto per la terapia intensiva e per la riabilitazione e la lungodegenza. Il Rapporto dà conto anche dei letti di psichiatria, passati da quasi 70 mila a meno di 5 mila, secondo il percorso avviato dalla legge Basaglia a metà del ’78.
A livello nazionale il rapporto tra posti letto privati e posti letto pubblici è oggi di 1 a 4, contro l’1 a 6 di 40 anni fa, con una evidente eterogeneità fra le regioni: mentre in Liguria e in Basilicata si rileva un letto privato ogni 19 pubblici, in Campania e in Calabria si arriva a contare un posto letto privato ogni due pubblici.
Già a metà degli anni ’80, all’introduzione di questo parametro, era evidente una consistente migrazione di pazienti dalle regioni del Sud verso altre regioni e, al contrario, una maggiore capacità attrattiva di alcune regioni del Nord. Nel tempo regioni come la Lombardia e l’Emilia Romagna tendono ad attrarre sempre più pazienti rispetto a quanti ne perdono, al contrario di regioni dove aumenta il numero di residenti che si ricoverano fuori regione rispetto a ricoverati provenienti da altre regioni, come accade in Puglia e soprattutto in Calabria, dove oltre un quarto dei ricoveri di residenti avviene fuori regione.
Il Servizio Sanitario conta oggi nel complesso (assistenza ospedaliera ed extraospedaliera) su circa 367 mila medici e infermieri dipendenti, circa 70 mila in più rispetto all’esordio. Negli ultimi anni questo numero si è mantenuto pressoché stazionario pur in presenza di un aumento della popolazione, comportando quindi, in proporzione agli assistiti (nel tempo peraltro sempre più anziani), una diminuzione di personale. A livello regionale emerge tuttavia una rilevante variabilità che – in proporzione ai residenti – vede una presenza di medici in Sardegna doppia rispetto a quella del Lazio e una presenza di infermieri in Friuli Venezia Giulia doppia rispetto a quella della Campania.
Il progressivo aumento della popolazione italiana rende ancor più evidente il calo del numero dei medici di medicina generale che si trovano a fronteggiare assistiti sempre più anziani e ai quali spesso vengono affidati anche pazienti in età pediatrica. Anche considerando complessivamente i medici di medicina generale e i pediatri (questi ultimi più che raddoppiati nel corso degli anni considerati), il numero di operatori rispetto agli abitanti risulta in calo a livello medio nazionale e in quasi tutte le regioni, con particolare evidenza in quelle settentrionali.
Il quadro demografico evidenzia il progressivo aumento dell’indice di vecchiaia e della speranza di vita, quest’ultima salita di ben 8 anni nell’arco dei quarant’anni descritti. La variabilità territoriale è presentata nel Rapporto Sanità in cartogrammi che consentono di visualizzare l’indice di vecchiaia attuale calcolato per i territori delle USL originarie, la speranza di vita per genere e provincia, la “popolazione pesata” secondo i pesi adottati all’introduzione e quelli attuali confrontata secondo i confini delle attuali Aziende Sanitarie Locali.«Il fil rouge che abbiamo rilevato nel costruire questo Rapporto sulla sanità pubblica è la carenza, quando non l’assenza, di dati», sottolinea Natalia Buzzi, responsabile scientifico di Nebo Ricerche PA, auspicando il superamento di questa mancanza per garantire trasparenza e diritto di accesso a cittadini, operatori e decisori. La versione integrale del Rapporto Sanità 2018 è disponibile su http://www.programmazionesanitaria.it.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Ancora sfottò sul Molise: è la volta di “Romolo + Giuly” su Fox

Posted by fidest press agency su martedì, 2 ottobre 2018

Non c’è soltanto la solita litania del “Molise che non esiste”, ma anche la scelta del territorio assegnato come punizione e rappresentato dal buio totale. E’ soltanto l’ultima fustigazione mediatica per il Molise quella offerta dalla nuova commedia televisiva in otto episodi intitolata “Romolo + Giuly”, trasmessa su Fox dallo scorso 17 settembre.A rivelare l’ennesimo sfottò per il Molise è l’associazione “Forche Caudine”, lo storico circolo dei molisani a Roma, che ha ricevuto numerose segnalazioni dai propri iscritti. La serie televisiva, che include anche attori molto noti (Paolo Bonolis, Massimo Ciavarro, Giorgio Panariello e Francesco Pannofino, oltre agli youtuber romani Le Coliche) attualizza “Romeo e Giulietta” di William Shakespeare in un contesto conflittuale tra l’opulenta Roma Nord e la verace Roma Sud, in cui s’inseriscono anche Milano e Napoli. Protagonisti della storia sono, appunto, Romolo e Giuly, romani residenti in territori opposti della città. Il soggiorno in Molise, assegnato come punizione, è inserito nel terzo degli otto episodi. La regione è rappresentata come il buio totale. Polemici dall’associazione: “La satira è sacra, ma questo stillicidio che va avanti da anni, con la colpevole assenza di organi istituzionali che dovrebbero porvi un freno ad esempio con un pool di avvocati, sta ulteriormente danneggiando l’immagine del Molise, diventato lo zimbello d’Italia – spiegano in una nota. “Non è questione di essere permalosi, ma a noi cascano le braccia perché con questo clima venefico ogni sforzo promozionale diventa immane, quasi sempre inutile. Persino i tentativi di valorizzare la cultura molisana a Roma vengono sotterrati dai crescenti pregiudizi. Tutto ciò concorre a far ignorare questa terra come possibile meta turistica, contribuendo alla drammatica condizione sociale della regione, tra primati nella disoccupazione di lunga durata, desertificazione imprenditoriale, dissanguamento migratorio, crollo dei valori mobiliari e ritorno nell’obiettivo 1 per i fondi europei. Si provi a danneggiare la Toscana o le località sciistiche più blasonate: ci si ritroverebbe con richieste milionarie di risarcimento danni. Invece gli amministratori al massimo stendono inviti d’oro agli autori di questo umorismo ormai trito e ritrito”.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Def, c’è molta Scuola: corsi di sostegno, riforma reclutamento, trasferimenti limitati, formazione Ata

Posted by fidest press agency su martedì, 2 ottobre 2018

Con il Documento di economia e finanza approvato dal CdM, il Governo intende cambiare la formazione iniziale dei docenti di sostegno, definendo degli indicatori per misurare la qualità dei processi di inclusione in ogni istituto; attuare la revisione del sistema di selezione-formazione iniziale; affrontare il problema dei trasferimenti del personale di ruolo che oggi compromette la continuità didattica danneggiando gli alunni; aggiornare la formazione in servizio del personale amministrativo, tecnico e ausiliario. Per il sindacato Anief, le disposizioni previste rappresentano solo una piccola parte di quelle da attuare. Nelle prossime settimane, sarà importante migliorare le norme già presenti e introdurne delle nuove, attraverso emendamenti alla Legge di Stabilità 2019 che garantiscano la trasformazione dei posti in deroga in organico di diritto. Ma anche riaprendo le GaA, riconducendo a un anno il Fit e stabilizzando il personale con 36 mesi di servizio su posti vacanti, riconoscendo la card al personale Ata, introducendo organici differenziati in base alle esigenze del territorio oltre al tempo pieno e al potenziamento al Sud, garantendo infine il diritto alla famiglia per i lavoratori di ruolo.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Scuola: Tempo pieno al Sud, bene l’accordo di programma del Ministro per la Sicilia

Posted by fidest press agency su martedì, 2 ottobre 2018

Le buone intenzioni di alcuni esponenti della maggioranza parlamentare sul tempo pieno e il potenziamento dell’offerta formativa al Sud vengono raccolte anche dal Ministro dell’Istruzione, giunto in Sicilia per siglare un’intesa tra il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca e la Regione: “Grazie a questa intesa – ha detto Marco Bussetti – potremo concretamente dare il via alla maggiore diffusione del tempo pieno, al potenziamento dell’offerta formativa e ad una più forte collaborazione tra scuola e famiglia. La Sicilia diventerà laboratorio del Sud Italia, protagonista di un progetto di cui sono orgoglioso. Gli studenti siciliani avranno la possibilità di vivere la scuola come una seconda casa, sviluppando un senso di appartenenza e di fiducia verso questa istituzione”.L’accordo di programma coinvolgerà una scuola pilota per provincia, selezionata per l’alto tasso di dispersione scolastica e per un’elevata presenza di alunni in condizioni di svantaggio personale e familiare. “La firma di questo protocollo permetterà la diffusione del tempo pieno e prolungato, il potenziamento dell’offerta formativa relativa alle discipline curriculari di base, tecnico professionali e di lingue straniere, anche attraverso l’apertura pomeridiana delle scuole del primo e secondo ciclo e la creazione di sportelli di ascolto e orientamento scolastico e professionale”.Anief ritiene condivisibile la linea presa dal Governo e dell’amministrazione scolastica centrale: è bene, però, che i buoni intenti siano accompagnati da subito con azioni legislative efficaci. È necessario che l’introduzione dell’orario maggiorato di tempo scuola, sino al pomeriggio, venga allargato a tutto il Meridione e a quelle zone d’Italia dove è disapplicato, anche per mancanza di supporto degli enti locali. Pertanto, chiediamo che nella Legge di Stabilità all’esame del Governo sia introdotto il tempo pieno in tutte quelle zone del Sud Italia dove vi è un divario rispetto alle regioni del Nord. Tra i parametri da considerare, sempre ai fini della deroga sul tetto di organici, vi sono quelli relativi all’alto flusso migratorio, alla scarsità di offerta culturale circostante, all’economica locale depressa, all’alto tasso di disoccupazione e criminalità”. Sono queste le motivazioni che non portano al diploma uno studente su quattro che si iscrive alle superiori. “Quando si parla di rapporto inferiore alunni, come hanno fatto di recente alcuni parlamentari della maggioranza, anche attraverso delle proposte di legge già presentate, è ovvio che in queste circostanze si debba attuare un proporzionale potenziamento del numero di docenti e Ata in servizio: per questo motivo, come Anief insistiamo che venga approvata finalmente una norma che dia il la agli organici differenziati-maggiorati da attuare in tutte le parti d’Italia dove manchi il tempo pieno: la sua mancata adozione infatti, quasi sempre corrisponde a un più alto numero di alunni che lasciano la scuola prematuramente e a un basso livello di standard riguardanti l’acquisizione delle conoscenze e competenze apprese”, conclude Pacifico.A sposare entrambe le necessità – tempo pieno e organici maggiorati – potrebbe essere l’azione legislativa presentata dal Movimento 5 Stelle, avviata nei giorni scorsi attraverso il DDL n. 877 presentato alla Camera a prima firma dell’on. Lucia Azzolina, per mezzo del quale si intende ridurre il rapporto alunni docenti di un punto percentuale che prefigurerebbe il ripristino di quasi 87 mila posti cancellati con le riforme taglia ore e istituti imposte nell’ultimo decennio, a partire dalla legge Berlusconi-Gelmini 133/2008 (comma 1 articolo 64) e dal ddl 81/2009. Particolare apprezzamento va dato alle parole dell’onorevole Luigi Gallo che ha parlato, di recente, della necessità di organizzare delle iniziative culturali nei territori più degradati. Anche il senatore Mario Pittoni (Lega) si è impegnato pubblicamente nel fare approvare già con la prossima legge di bilancio delle norme che favoriscano il tempo pieno al Sud.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Pensioni: Quota 100 con 62 anni e 38 contributi, per la scuola si profila un turn over storico

Posted by fidest press agency su martedì, 2 ottobre 2018

Nelle intenzioni di M5S e Lega vi sarebbe la possibilità di consentire l’uscita dal lavoro nel 2019 dai 400 mila ai 600 mila lavoratori. Ciò darebbe il la ad un ricambio generazionale senza precedenti: tra docenti, Ata e dirigenti scolastici vi sarebbero 200 mila dipendenti delle nostre scuole pubbliche da sostituire. Secondo Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief, l’attuazione della manovra dovrà necessariamente essere fatta senza far perdere un euro ai lavoratori che ne beneficeranno e renderà ancora più impellente l’esigenza di riaprire le GaE, considerando che i concorsi il prossimo anno non saranno ancora terminati e scongiurando in tal modo che le supplenze raggiungano livelli assurdi. Per il comparto scolastico, inoltre, occorre ripensare a ulteriori finestre pensionistiche, oltre alla possibilità dopo 30 anni di insegnamento di poter svolgere altre funzioni rispetto alla didattica frontale: la professione è ad alto rischio burnout.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »