Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 30 n° 318

Archive for 5 ottobre 2018

Riapertura dell’Ambasciata italiana a Santo Domingo

Posted by fidest press agency su venerdì, 5 ottobre 2018

Presente alla riapertura dell’Ambasciata italiana a Santo Domingo insieme al Sottosegretario Merlo e l’On. Mario Borghese, il Senatore Adriano Cario ha anche rilevato l’importanza della plenaria del CGIE: “Mettiamoci d’accordo sul voto, sul ruolo dei consolati e soprattutto dei COMITES e andiamo avanti tutti insieme, il momento della svolta è oggi”. Sarebbe impossibile non analizzare la riapertura dell’Ambasciata italiana a Santo Domingo dopo due anni di assenza, senza fare memoria delle recenti politiche sbagliate prese dagli ultimi governi verso gli italiani all’estero, chiudendo Ambasciate e Consolati in tutto il mondo lasciando alla deriva milioni di connazionali. “Dobbiamo valorizzare questa riapertura perchè significa un successo politico importantissimo”, ha distaccato il Senatore Cario, che ha anche sottolineato che “il governo dimostra così che non ha consegnato la Sottosegreteria per la prima volta alla guida degli italiani all’estero come un mero segnale. È anche stata una chiara intenzione di riaprire l’Italia al mondo cominciando per i migliori ambasciatori, i milioni di connazionali sparsi per il mondo”. Alla cerimonia inaugurale, dov’è anche stata la presentazione dell’esposizione fotografica “IILA un sogno italo-latinoamericano” in merito al 50° anniversario dalla fondazione dello stesso istituto, il Sottosegetario Ricardo Merlo ha ribadito l’importanza di questa riapertura nell’ambito dei 120 anni di relazioni diplomatiche tra i paesi: “Sono tantissime le imprese italiane che cercano spazi in Repubblica Dominicana e che desiderano contribuire allo sviluppo del Paese”.Sono anche stati presenti il cancelliere di Repubblica Dominicana Miguel Vargas; l’ambasciatore d’Italia nel paese, Andrea Canepari; l’ambasciatrice dominicana a Roma, Peggy Cabral; il Segretario Generale dell’IILA, Donato Di Santo, e l’On. Mario Borghese.“Il nostro lavoro è continuare su questo cammino- ha chiarito Cario – i risultati della Sottosegreteria cominciano a osservarsi, e sebbene siamo consapevoli che sarà difficile per l’attualità economica dell’Italia, battaglieremo per riaprire ognuna delle ambasciate e consolati che ha chiuso lo scorso governo, come quello di Montevideo, che per me sarebbe anche una sfida personale”.Oltre la riapertura dell’Ambasciata, i parlamentari hanno scelto farsi presenti nel paese caraibico per assistere all’Assemblea Plenaria del CGIE che si terrà fino ad oggi in questa capitale. “Una volta finalizzata la cellebrazione, ci sarò insieme ai consiglieri del CGIE per continuare a dibattere ed aiutare a costruire le politiche verso gli italiani all’estero”, ha detto Cario che ha anche puntato sull’importanza dell’ordine del giorno della plenaria: “Mettiamoci d’accordo sul voto, sul ruolo dei consolati e soprattutto dei COMITES e andiamo avanti tutti insieme, il momento della svolta è oggi”. (by Pablo Mandarino – L’eco d’Italia)

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Nadia Murad: Primo Nobel fra i perseguitati per la fede

Posted by fidest press agency su venerdì, 5 ottobre 2018

«Istituzioni non confessionali si rendono finalmente conto che nel mondo la libertà religiosa è violata in modo drammatico». Così Alfredo Mantovano e Alessandro Monteduro, presidente e direttore di Aiuto alla Chiesa che Soffre, plaudono al Premio Nobel per la Pace oggi conferito a Nadia Murad, yazida rapita e ridotta in schiavitù dallo Stato Islamico a causa della sua religione.«E’ un riconoscimento a tutte le donne che come Nadia sono state perseguitate e hanno subito violenza in nome della fede professata», affermano Mantovano e Monteduro ricordando in particolar modo la storia di Rebecca Bitrus, cristiana nigeriana rapita e violentata da esponenti di Boko Haram, che ACS ha portato all’attenzione del mondo in occasione del Colosseo illuminato di rosso lo scorso febbraio.«Nel giugno scorso ACS ha lanciato una campagna di sensibilizzazione in favore delle donne abusate e oppresse perché appartenenti a minoranze religiose. Abbiamo chiesto che il movimento #MeToo andasse oltre Hollywood, interessandosi pure del dramma delle yazide rese schiave da Isis. Il Nobel a Nadia Murad mostra che eravamo nel giusto».ACS continuerà a richiamare l’attenzione sulla persecuzione e sulle violenze subite dalle donne nel mondo per motivi di fede. Il prossimo 22 novembre a Roma, in occasione della presentazione della nuova edizione del Rapporto sulla libertà religiosa nel mondo, la Fondazione ospiterà un’altra ragazza yazida rapita nell’agosto 2014 dallo Stato Islamico e tenuta in schiavitù fino al luglio 2017, che narrerà la sua storia.Congratulandosi per l’assegnazione del Nobel per la Pace a Nadia Murad – premiata assieme al ginecologo congolese Denis Mukwege – ACS coglie l’occasione per un nuovo appello alle istituzioni italiane. «Dal governo italiano – dichiarano Mantovano e Monteduro – attendiamo azioni concrete che pongano al centro il tema della libertà religiosa violata».

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Oggi La portaerei Cavour e la fregata Virginio Fasan sono a Civitavecchia

Posted by fidest press agency su venerdì, 5 ottobre 2018

portaerei cavour.jpgCivitavecchia fino al 7 ottobre 2018 le due unità della marina militare italiana effettueranno una sosta nel porto di Civitavecchia. Le due navi saranno ormeggiate presso le banchine del porto di Civitavecchia e accessibili alla popolazione, con le seguenti modalità:
– Portaerei Cavour, ormeggiata alla banchina 13 sull’antemurale: sabato 6 ottobre dalle ore 14.30 alle ore 18.00 e domenica 7 ottobre dalle ore 09.00 alle ore 12.00.
– Nave Fasan, ormeggiata al molo numero 8: venerdì 5 ottobre dalle ore 16.30 alle ore 19.00, sabato 6 ottobre dalle ore 09.00 alle ore 12.00 e dalle ore 14.30 alle ore 18.00, domenica 7 ottobre dalle ore 09.00 alle ore 12.00.
Le due unità navali sono dotata di moderne tecnologie e soluzione ingegneristiche all’avanguardia e rappresentano alcune delle molteplici capacità operative della Marina Militare volte a garantire la sorveglianza degli spazi marittimi, la protezione delle linee di comunicazione e tutela degli interessi nazionali sul mare e al contempo a sviluppare tematiche nell’ambito della attività duali e complementari a favore della collettività.
nave fasan.jpgNave Cavour con un equipaggio fisso di 540 persone, a cui si possono aggiungere oltre 600 persone delle componenti specialistiche imbarcate, rappresenta una piattaforma versatile che svolge il compito primario di portaerei, ma è anche unità di comando e controllo delle operazioni aeronavali, piattaforma logistica ed anfibia e nave ospedale.
Nave Virginio Fasan è la seconda delle unità classe FREMM (Fregata Europea Multi Missione), nonché la prima in configurazione ASW (Anti Submarine Warfare) chepuò essere impiegata in differenti contesti e missioni.
Le unità parteciperanno nei prossimi giorni all’esercitazione “Mare Aperto 2018-II”, che vedrà impegnato un dispositivo aero-navale della Marina Militare in attività addestrativa nel Mediterraneo Centrale, condotta allo scopo di favorire il processo di integrazione tra le Unità per assicurare la tutela degli interessi nazionali, la protezione delle linee di comunicazione marittima e le attività di presenza e sorveglianza nel bacino del mediterraneo. (foto: Copyright Marina Militare)

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Oggi la giornata mondiale degli insegnanti

Posted by fidest press agency su venerdì, 5 ottobre 2018

In Italia sono 822.723, hanno 54 anni di media, l’82% è donna, più di tutti operano alle superiori e in Lombardia, il 13,5% è precario.
La Giornata Mondiale dell’Insegnante, è stata istituita dall’Unesco con la firma della Raccomandazione del 1966 sullo status di insegnante, che definì diritti e doveri di chi insegna e la necessità di una formazione permanente della categoria: in Italia si continua ad entrare di ruolo dopo i 40 anni e ci si ritrova con moltissimi docenti ultrasessantenni, anche a causa delle riforme pensionistiche che non prevedono anticipi per una professione ad alto rischio burnout. Come se non bastasse, anche dopo la Buona Scuola di Renzi che doveva abbattere la supplentite, i contratti annuali sono cresciuti di 35 mila unità. Poi ci sono gli stipendi ridotti all’osso, le difficoltà a trasferirsi e l’operare in classi sempre più spesso ‘pollaio’. L’amaro commento del presidente Anief Marcello Pacifico: quella che una volta veniva considerata la professione più bella del mondo oggi non prevede più alcuna stabilità economica e professionale.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Applicare i principi dell’economia circolare al settore ICT

Posted by fidest press agency su venerdì, 5 ottobre 2018

E’ possibile rigenerando vecchi prodotti informatici e aiutando le imprese a ottenere risparmi fino a 340 euro per dipendente e a ridurre le emissioni di CO2 fino a 400 kg per lavoratore. Sono gli obiettivi della bolognese Green Idea Technologies, la prima startup innovativa e società benefit specializzata nella gestione ecosostenibile circolare dei prodotti informatici, che per raccogliere i 100 mila euro necessari al progetto ha lanciato una campagna sulla piattaforma di equity crowdfunding ‘CrowdFundMe’ con il supporto di Kick-ER, servizio di orientamento al crowdfunding gestito da Aster, società della Regione Emilia-Romagna per l’innovazione e la ricerca industriale.
Chiunque voglia sostenere Green Idea Technologies può versare il proprio contributo (minimo 600 euro), entro il 20 novembre tramite la pagina dedicata sulla piattaforma CrowdFundMe. I sostenitori del progetto diventeranno soci della startup. I fondi raccolti saranno impiegati per implementare le attività di R&D, incrementare le attività commerciali e di marketing e potenziare il software ICT Circular Soft, cuore pulsante del business di Green Idea Technology.
“Il software messo a punto da Green Idea Technologies – dichiara l’amministratore delegato Domingo Noguera – permette alle aziende di risparmiare in media 340 euro per dipendente fin dal primo giorno di applicazione del modello di gestione. “Tecnologicamente ci differenziamo perché la nostra suite tecnologica ICT CircularSoft è il primo strumento in Europa che permette l’interazione di tutti gli stakeholder in un settore che, prima di noi, faticava a comunicare correttamente e per tale motivo presenta delle inefficienze”.Green Idea Technologies è la sola azienda italiana riconosciuta dalla Fondazione Ellen MacArthur, l’istituzione leader nel mondo per la promozione e lo sviluppo dell’economia circolare. La startup propone alle aziende servizi di consulenza che risolvono il problema dello smaltimento di apparecchi ICT (computer, stampanti, telefoni aziendali). Grazie al suo software le imprese possono vendere i loro prodotti informatici a “fine vita”, trasformando i costi di smaltimento in un guadagno, e acquistare nuovi prodotti ricondizionati/rigenerati certificati ottenendo un risparmio medio del 30%. È anche possibile certificare le emissioni di CO2 risparmiate grazie a queste azioni.Dopo solo un anno e mezzo di attività Green Idea Technologies conta già più di 20 PMI clienti e progetti con aziende del calibro di Intesa Sanpaolo, Dedagroup. Ha inoltre raccolto manifestazioni di interesse da parte di Enel, Aeroporto di Bologna, AXA Assicurazioni, Conad, Banca Etica Nel 2017 si è aggiudicata il primo premio nell’ambito del Climate-Kic Startup Accelerator (promosso dall’European Intitute of Innovation and Technology) e di Start To Be Circular, premio creato da Fondazione Bracco in collaborazione con Fondazione Mai di Confindustria e Banca Prossima, volto a sostenere le startup impegnate nell’economia circolare.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

L’innovazione dietro alla tazzina

Posted by fidest press agency su venerdì, 5 ottobre 2018

La produzione di macchine per caffè di CMA diventa “espressa”. Per l’azienda di Susegana (Treviso), titolare dei marchi Astoria e Wega, la gestione 4.0 dei processi portata dalle soluzioni di Tecnest ha migliorato efficienza e competitività: «Negli ultimi cinque anni i volumi sono aumentati di oltre il 36%, passando dalle 110 macchine prodotte al giorno a 150». Maurizio Gaio, responsabile dei sistemi informativi di CMA, ha comunicato i risultati a Tecnest, durante la visita che i collaboratori dell’azienda di Udine, specializzata in soluzioni di supply chain management, hanno fatto ai moderni stabilimenti di Treviso.«Il mondo delle macchine per caffè non si ferma a un buon espresso: dietro a ogni tazzina non c’è solo tecnologia all’avanguardia unita a materie prime eccellenti, ma anche la capacità di rispondere alle richieste del mercato in termini di rapidità delle consegne, qualità e monitoraggio dei processi produttivi», ha proseguito Gaio. «Per mantenere il nostro vantaggio competitivo, da sempre l’azienda investe in tecnologia e innovazione, non solo sui prodotti ma anche sui processi. La collaborazione con Tecnest è cominciata nel 2007 e, negli anni, ha portato alla realizzazione di un progetto articolato che ha via via coinvolto e informatizzato tutti i principali processi operativi, dalla pianificazione e schedulazione della produzione al monitoraggio, raccolta dati, controllo qualità e tracciabilità in produzione”.Tutto questo tenendo conto delle peculiarità e dei vincoli dei processi produttivi dell’azienda di Treviso, che opera prevalentemente con una logica “Assembly To Order” (assemblaggio dei componenti su commessa). «Ci siamo trovati davanti a due reparti principali – uno dedicato allo stampaggio di alcuni componenti e l’altro al montaggio del prodotto finito – che dovevano essere gestiti in modo sincronizzato per migliorare la precisione delle date di consegna. Questo in un contesto caratterizzato da un’elevata variabilità delle richieste e delle priorità in produzione, lotti medio-piccoli, numerose varianti di prodotto e vincoli produttivi dati dal numero finito di attrezzi e dalla complessità dei setup delle macchine di stampaggio”, ha ricordato Fabrizio Taboga, project manager Tecnest che ha gestito il progetto con CMA Macchine per Caffè, «Da tenere in considerazione, inoltre, la necessità di gestire specifici collaudi, controlli qualitativi e garantire la tracciabilità dei componenti critici, come valvole e caldaie, nel rispetto delle normative a cui è sottoposta l’azienda».La soluzione è stata quella di implementare un sistema integrato di schedulazione e gestione della produzione che tenesse conto di tutti questi aspetti. «Il progetto che abbiamo realizzato in CMA ha visto l’introduzione delle soluzioni FLEX APS (Advanced Planning & Scheduling) per la schedulazione della produzione e FLEX MES (Manufacturing Execution System) per la raccolta dati e monitoraggio in tempo reale, la tracciabilità di prodotto e di processo con rilevazione dei materiali critici, la gestione dei collaudi e dei controlli qualità e l’analisi delle performance in produzione», ha spiegato Taboga. Il risultato ha avuto impatti notevoli in termini di crescita della competitività. Oltre all’aumento della produzione che dal 2012 a oggi ha portato da 24.000 a 33.000 le macchine per caffè in uscita da CMA ogni anno, il sistema ha migliorato anche la puntualità delle consegne.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Torino: Il Regio per i giovani

Posted by fidest press agency su venerdì, 5 ottobre 2018

Torino. “L’ampliamento delle iniziative rivolte ai giovani da parte della Sovrintendenza del Teatro Regio, che permetterà loro di avvicinarsi alla Stagione lirica, è una notizia confortante per chi, come me, è chiamata a ricoprire responsabilità pubbliche in campo culturale, in un’epoca complessa che ci richiede il massimo rigore.– afferma l’assessora alla cultura, Francesca Leon –. Ritengo che allargare la platea agli adolescenti, alle ragazze, ai ragazzi e in generale a tutti gli under 25, sia un ottimo investimento. Sono loro gli spettatori che coinvolgeremo oggi perché diventino quelli di domani. Offrire l’opportunità di acquistare un biglietto a 2 euro per assistere all’opera e alle rappresentazioni in cartellone permetterà di avvicinare ulteriormente i giovani alla musica con un’azione concreta già più volte sollecitata dai consiglieri comunali e sostenuta dal Ministro dei Beni e della Attività Culturali Alberto Bonisoli. Sono sicura che per la nostra città sarà un successo”.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

L’Ue deve sostenere attivamente le politiche ambientali

Posted by fidest press agency su venerdì, 5 ottobre 2018

Operazioni come il blocco del diesel in pianura padana – dichiara in una nota il presidente azionale Confeuro, Andrea Michele Tiso – non sono altro che palliativi rispetto all’esigenza di affrontate in modo sistemico e metodico la questione ambientale. Quel che serve, infatti, è l’adozione di misure che producano risultati concreti sin da ora pur inquadrandosi, ne contempo, in un percorso a medio-lungo termine. A tal proposito – continua Tiso – siamo assolutamente convinti dell’urgenza di politiche europee che, attraverso finanziamenti specifici, spingano verso la produzione (entro il 2022) di mezzi di trasporto unicamente ibridi ed elettrici.Per molto tempo – continua Tiso – le politiche di tutela ambientale sono state bloccate da interessi contrapposti e da veti di varia natura, e questo non ha fatto altro che favorire il proliferare di pratiche in ampio contrasto con la richiesta di salvaguardia dei territori avanzata a più riprese dai cittadini. Il nostro auspicio – conclude Tiso – è che si agisca in discontinuità con il passato e che le istituzioni internazionali e internazionali si facciano carico di questi temi inserendoli tra le priorità dei rispettivi mandati.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“In questi anni l’Italia ne ha subite di cotte e di crude dall’Europa”

Posted by fidest press agency su venerdì, 5 ottobre 2018

“Gli insulti di Macron sono solo l’ultimo degli attacchi pretestuosi rispetto a quanto detto già dagli eurocrati nei nostri confronti. Per uscire dall’angolo senza drammatizzare ritengo che ogni tanto una stoccata a chi ci insulta o minaccia. Serve a far capire che non abbiamo più voglia di essere sottomessi. L’Europa non può fare a meno dell’Italia e da tempo è in corso una guerra di conquista che non si materializza con l’invasione dei confini da parte dei carri armati, ma attraverso l’Opa franco-tedesca sulle nostre aziende in difficoltà, anche sugli asset strategici. Alcuni Stati fondatori puntano a marginalizzare e dominare l’Italia sul piano sia politico che economico. Per far cessare l’attuale status di sudditanza e recuperare autorevolezza e sovranità si deve reagire alle provocazioni. Le dichiarazioni di Moscovici o di Jünker non sono solo di cattivo gusto, ma rappresentano una minaccia perché condizionano i mercati. Punzecchiarli con battute feroci non sarà elegante per i funghetti della diplomazia, ma è legittima difesa”. E’ quanto ha dichiarato Fabio Rampelli, vicepresidente della Camera e deputato di Fdi, intervenuto come ospite a ‘Coffee Break’ su La7.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Via libera alla revisione dell’IVA per semplificare il sistema e ridurre le frodi

Posted by fidest press agency su venerdì, 5 ottobre 2018

Bruxelles. Il PE ha sostenuto mercoledì i punti principali della proposta di riforma dell’IVA presentata dalla Commissione e proposto alcuni adeguamenti come la fissazione di un’aliquota massima.Sono stati messi ai voti due atti legislativi. Il primo mira a facilitare gli scambi, soprattutto per le PMI, nel mercato unico e a ridurre le frodi sull’IVA, mentre il secondo stabilisce un sistema più chiaro di aliquote IVA. Entrambe le misure fanno parte del pacchetto di riforma del sistema IVA.Secondo alcuni studi, ogni anno i Paesi dell’UE perdono fino a 50 miliardi di euro a causa di frodi transfrontaliere in materia di imposta sul valore aggiunto.
Con queste due votazioni, i deputati hanno sostenuto l’iniziativa della Commissione e proposto di stabilire un’aliquota IVA massima del 25% e introdurre un meccanismo di risoluzione delle controversie, un sistema di notifica automatica delle modifiche alle norme IVA fra i diversi Stati membri e un portale informativo, attraverso il quale ottenere rapidamente informazioni accurate sulle aliquote IVA in tutta l’UE.La risoluzione sulla semplificazione del sistema IVA è stata approvata con 536 voti a favore, 19 contrari e 110 astenuti. Quella sulle aliquote con 615 a favore, 9 contrari e 43 astensioni. Le proposte di miglioramento saranno ora trasmesse al Consiglio, che avrà il compito di adottare la legislazione, poiché il Parlamento è solo consultato in materia di fiscalità.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Parlamento europeo: Promuovere la valutazione congiunta dei farmaci per diminuire costi

Posted by fidest press agency su venerdì, 5 ottobre 2018

Bruxelles. Il progetto legislativo approvato mira a evitare la duplicazione delle valutazioni nazionali per determinare il valore aggiunto di un farmaco, che serve a fissarne il prezzo.
I deputati sottolineano che vi sono molti ostacoli all’accesso alla medicina e alle tecnologie innovative nell’UE, come la mancanza di nuovi trattamenti per alcune malattie e il prezzo elevato dei farmaci, che in molti casi non comportano un valore terapeutico aggiunto.Gli operatori sanitari, i pazienti e le istituzioni hanno la necessità di sapere se un nuovo farmaco o un dispositivo medico rappresenta un miglioramento rispetto a quelli esistenti. Le valutazioni delle tecnologie sanitarie (HTA) servono quindi a identificare il valore aggiunto e l’efficacia di un farmaco, confrontandolo con altri prodotti.La nuova legge, ancora da concordare con i Ministri UE, mira a rafforzare la cooperazione tra gli Stati membri nel campo dell’HTA, stabilendo la procedura per effettuare delle valutazioni congiunte, su base volontaria. Le disposizioni riguardano diversi aspetti, tra cui le regole per la condivisione dei dati, l’istituzione di gruppi di coordinamento, la prevenzione dei conflitti di interesse tra esperti e la pubblicazione dei risultati dei lavori congiunti.
La valutazione delle tecnologie sanitarie è una materia di competenza esclusiva degli Stati membri. Secondo i deputati, tuttavia, la duplicazione delle valutazioni sui nuovi farmaci portate avanti dai vari Paesi, attuata in base a legislazioni nazionali divergenti, può comportare un aumento dell’onere finanziario e amministrativo per gli sviluppatori di tecnologie sanitarie.Tale onere costituisce un ostacolo alla libera circolazione delle tecnologie sanitarie e al buon funzionamento del mercato interno e ritarda l’accesso dei pazienti alle cure innovative.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Turchia: tagliati 70 milioni di euro per il mancato rispetto dei valori UE

Posted by fidest press agency su venerdì, 5 ottobre 2018

Il PE ha deciso martedì di cancellare 70 milioni di euro in fondi di preadesione destinati alla Turchia, poiché non è migliorato il rispetto dello Stato di diritto nel paese.Lo scorso novembre, durante i negoziati sul bilancio 2018, il Parlamento e il Consiglio avevano deciso di porre in riserva 70 milioni di euro in fondi di preadesione per la Turchia (70 milioni di euro in impegni e 35 milioni di euro in pagamenti), da erogare a condizione che fossero conseguiti “miglioramenti tangibili nei settori dello Stato di diritto, della democrazia, dei diritti umani e della libertà di stampa, in base alla relazione annuale della Commissione”.Tuttavia, nella relazione annuale della Commissione europea sulla Turchia, pubblicata il 17 aprile 2018, si afferma che “la Turchia si è molto allontanata dall’Unione europea, specie per quanto riguarda lo Stato di diritto, i diritti fondamentali e l’indebolimento del sistema di bilanciamento dei poteri.”. I deputati hanno perciò sottolineato come la condizione necessaria non sia stata soddisfatta.Di conseguenza, hanno sostenuto il progetto di bilancio rettificativo n. 5/2018, nel quale la Commissione propone di trasferire i 70 milioni di euro destinati alla Turchia per rafforzare lo strumento europeo di vicinato. La somma finanzierà le azioni legate alla rotta migratoria del Mediterraneo centrale, gli impegni dell’UE a favore della Siria e il potenziamento dell’aiuto umanitario (quest’ultimo con i 35 milioni di euro in pagamenti).

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Nuove regole per i media audiovisivi e le piattaforme video

Posted by fidest press agency su venerdì, 5 ottobre 2018

Il Parlamento ha dato il via libera definitivo all’aggiornamento delle norme UE sui media audiovisivi. Il testo è già stato concordato con i Ministri UE. Dopo la votazione finale su questo accordo, la legislazione rivista si applicherà alle emittenti radio e TV, alle piattaforme di video on demand (ad esempio Netflix, Amazon Video, Google Play, iTunes), a quelle di condivisione di video, come YouTube o Facebook, nonché allo streaming in diretta.
I media audiovisivi dovranno predisporre misure adeguate a combattere i contenuti che incitano alla violenza, all’odio e al terrorismo, mentre la violenza gratuita e la pornografia saranno soggette a limiti ancora più severi.La legislazione non prevede un sistema di filtri al momento del caricamento di contenuti, ma, su richiesta del Parlamento, le piattaforme dovranno creare un meccanismo trasparente e facile da usare per consentire agli utenti di segnalare i contenuti. Inoltre, i siti di condivisione video dovranno garantire una risposta rapida a tali segnalazioni da parte degli utenti.
La nuova legge UE introduce norme in materia di pubblicità e di product placement nei programmi televisivi per bambini e nei contenuti disponibili sulle piattaforme di video on demand. I deputati, durante i negoziati con i ministri, sono riusciti a inserire un meccanismo di protezione dei dati personali dei minori per garantire che i loro dati raccolti dai media audiovisivi non siano trattati per uso commerciale, per la profilazione o la pubblicità mirata.
30% di contenuti europei nei cataloghi delle piattaforme online. Al fine di sostenere la diversità culturale del settore audiovisivo europeo, i deputati hanno approvato una norma che prevede che il 30% dei contenuti dei cataloghi delle piattaforme di video on demand dovrà essere europeo.Tali piattaforme dovranno inoltre contribuire allo sviluppo delle produzioni audiovisive europee, investendo direttamente nei contenuti o contribuendo ai fondi nazionali. Il livello di contributo in ciascun paese dovrà essere proporzionale alle entrate nel paese in questione (lo Stato membro in cui sono stabilite le piattaforme o in quello a cui i contenuti sono destinati, interamente o principalmente).In base alla nuova normativa, la pubblicità potrà occupare al massimo il 20% del tempo di trasmissione giornaliera tra le 6.00 e le 18.00, con la possibilità per l’emittente di adattare la propria offerta pubblicitaria. È stata inoltre prevista una finestra di prime time tra le 18:00 e le 0:00, con un nuovo limite del 20% del tempo di trasmissione.La legislazione comprende infine anche disposizioni che riguardano l’accessibilità, l’integrità del segnale di un’emittente, il rafforzamento delle autorità di regolamentazione e la promozione delle competenze dei media.La risoluzione legislativa è stata approvata con 452 voti a favore, 132 contrari e 65 astensioni. L’accordo deve ancora essere formalmente approvato dal Consiglio dei ministri dell’UE prima che la legge possa entrare in vigore. Gli Stati membri dispongono di 21 mesi dalla sua entrata in vigore per recepire le nuove norme nella legislazione nazionale.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Emissioni CO2 auto: il Parlamento europeo chiede riduzione del 40% entro il 2030

Posted by fidest press agency su venerdì, 5 ottobre 2018

Bruxelles. Nel progetto di legge votato i deputati hanno proposto di fissare la riduzione delle emissioni delle nuove autovetture al 40% entro il 2030, con un obiettivo intermedio del 20% entro il 2025 (anno di riferimento 2021). Un taglio più significativo rispetto al 30% chiesto dalla Commissione Europea. Obiettivi analoghi sono fissati per i nuovi furgoni.I costruttori le cui emissioni medie di CO2 supereranno tali obiettivi pagheranno un’ammenda al bilancio dell’UE. Tali fondi saranno destinati ai lavoratori altamente qualificati colpiti da cambiamenti nel settore automobilistico.Le case automobilistiche dovranno inoltre garantire che i veicoli a emissioni zero e a basse emissioni – ZLEV (auto elettriche o veicoli che emettono meno di 50 g CO2/km) abbiano una quota di mercato del 35% sulle vendite di nuove auto e furgoni entro il 2030 e del 20% entro il 2025.Il Parlamento invita la Commissione europea a presentare, entro due anni, una proposta per introdurre test delle emissioni di CO2 in condizioni di guida reali, utilizzando un dispositivo portatile come quello recentemente introdotto per la valutazione delle emissioni di NOx. Fino ad allora, le emissioni di CO2 dovrebbero essere misurate sulla base dei dati dei contatori del consumo di carburante delle automobili. Il test delle emissioni in guida reale deve essere operativo dal 2023, chiedono i deputati.
I deputati riconoscono che una transizione socialmente accettabile e giusta verso una mobilità a emissioni zero richiede cambiamenti in tutta la catena del settore automobilistico, con possibili impatti sociali negativi. L’UE dovrebbe pertanto promuovere lo sviluppo delle competenze e la ridistribuzione dei lavoratori del settore, in particolare nelle regioni e nelle comunità più colpite dalla transizione, attraverso strumenti di finanziamento dell’Unione più forti. I deputati chiedono inoltre di sostenere la produzione europea di batterie.
Entro la fine del 2019, la Commissione europea dovrà proporre una legislazione per fornire ai consumatori informazioni accurate e comparabili sul consumo di carburante, sulle emissioni di CO2 e sulle emissioni inquinanti delle autovetture nuove.A partire dal 2025, le case automobilistiche dovranno comunicare alla Commissione il ciclo di vita delle emissioni di CO2 delle nuove automobili immesse sul mercato, utilizzando una metodologia comune.
La risoluzione legislativa è stata approvata con 389 voti a favore, 239 contrari e 41 astensioni. I ministri dell’UE adotteranno la loro posizione comune il 9 ottobre. I negoziati con i deputati al Parlamento per un accordo in prima lettura inizieranno quindi il 10 ottobre.
Allo stesso tempo, il settore automobilistico globale sta cambiando rapidamente, in particolare per quanto riguarda i gruppi propulsori elettrici. Se le case automobilistiche europee si impegneranno tardi nella necessaria transizione energetica, rischieranno di perdere il loro ruolo guida.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Consegna del Premio “Road Safety Award” di Dekra

Posted by fidest press agency su venerdì, 5 ottobre 2018

Milano martedì 30 ottobre a Milano presso l’Enterprise Hotel in Corso Sempione, 91, a partire dalle ore 9.00. Due i temi principali che animeranno la discussione: il vuoto legislativo e i tanti problemi insoluti che ostacolano lo sviluppo della guida autonoma e i progressi compiuti per assicurare la mobilità a chi ė affetto da disabilità. La prima sessione di lavori sarà dedicata al tema “Guida autonoma: tra concretezza e passi da lumaca” e vedrà confrontarsi manager di primo piano nel settore della mobilità, leader a livello globale nel campo della tecnologia, esperti e rappresentanti del mondo associativo e assicurativo. Ad avviare il dibattito una provocazione: “Se il ‘sistema’ avesse sposato per tempo il cambio di passo del settore automotive, con benefici per la sicurezza e il traffico, l’auto senza pilota sarebbe già realtà. Invece, nonostante i costruttori abbiano già le tecnologie necessarie, non ci sono ancora le infrastrutture per promuovere il cambiamento”.
Spazio poi al tema “Disabilità. Se è l’automotive ad abbattere le barriere”. Il talk show focalizzerà l’attenzione su un mondo spesso nell’ombra, evidenziando i notevoli passi avanti compiuti dal mondo dell’industria, ad esempio, per consentire l’autonomia a chi ha problemi di mobilità, per esaudire i sogni degli appassionati delle due ruote e permettere ai non vedenti di “percepire” il paesaggio che li circonda. Ad approfondire questi e altri temi, senza dimenticare il forte gap sul fronte delle infrastrutture, ci saranno esponenti delle istituzioni, dell’automotive e dello sport motoristico. Assoluta novità di questa edizione sarà il Road Safety Award di Dekra che approda a FORUMAutomotive, affiancandosi al premio “Personaggio dell’anno per #FORUMAutoMotive” (conferito ogni anno a marzo), e che sarà assegnato ad Alberto Bombassei, presidente di Brembo. Proprio Bombassei sarà protagonista del “Faccia a faccia” con Pierluigi Bonora, giornalista e fondatore di FORUMAutoMotive che lo solleciterà sui temi di più stretta attualità sul fronte economico e automotive.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Fallimenti ai minimi da 7 anni ma tornano a crescere le liquidazioni

Posted by fidest press agency su venerdì, 5 ottobre 2018

Mai così pochi fallimenti da sette anni a questa parte. A dirlo è l’”Osservatorio fallimenti, procedure e chiusure di imprese” di Cerved, primario operatore in Italia nell’analisi e nella gestione del rischio di credito e nella fornitura di soluzioni commerciali e marketing per le aziende, che ha analizzato i dati del primo semestre 2018. In calo anche le procedure concorsuali diverse dal fallimento, trascinate dal crollo dei concordati preventivi, mentre torna ad aumentare il numero di imprenditori che decide di liquidare volontariamente società in bonis, dato che potrebbe indicare minore ottimismo da parte di chi si assume il rischio di impresa.Tra marzo e giugno è dunque proseguito un trend positivo che dura ormai da undici trimestri consecutivi, cioè dalla fine del 2015: 2.949 le imprese che hanno portato i libri in Tribunale, un anno prima erano 3.236 (-8,9%). Complessivamente nella prima metà dell’anno sono fallite 5.964 società, il 5,7% in meno rispetto allo stesso periodo del 2017.Ancora più sostenuto il calo dei default diversi dal fallimento: tra gennaio e giugno sono state avviate 709 pratiche, un quinto in meno dell’anno precedente. Inversione di tendenza per le liquidazioni coatte amministrative (-18,9% su base annua), che erano risultate in crescita fino ai primi tre mesi dell’anno.Il contributo principale al calo arriva dal concordato preventivo, che sembra stia tornando ad essere uno strumento marginale nella gestione delle nostre crisi di impresa: solo 246 domande nella prima metà dell’anno, -27% rispetto al 2017. Sono poi state liquidate volontariamente nel primo semestre 29.445 imprese in bonis, cioè senza precedenti procedure concorsuali: una cifra in aumento (+1,3% su base annua) che segna un’inversione di tendenza rispetto allo stesso periodo del 2017, quando le chiusure volontarie erano calate del 3,7%.“Nel secondo trimestre del 2018 è proseguito il miglioramento sul fronte delle chiusure aziendali, con i fallimenti che hanno raggiunto il minimo da sette anni a questa parte – conferma Marco Nespolo, amministratore delegato di Cerved -. I miglioramenti sono diffusi a tutti i settori economici, ma non a tutta la Penisola: in alcune regioni, come Sicilia, Calabria e Lazio, la tendenza è negativa. L’aumento delle liquidazioni volontarie di imprese in bonis nella prima metà dell’anno potrebbe riflettere aspettative di profitto meno ottimistiche da parte degli imprenditori, coerenti con il rallentamento atteso della nostra economia”. In effetti, in alcune regioni il miglioramento tarda a manifestarsi. È il caso della Calabria, del Lazio e della Sicilia, in cui il numero dei fallimenti ha continuato ad aumentare nella prima parte del 2018, rimanendo a livelli doppi o comunque molto più elevati rispetto a quelli del 2008. Ragionando invece per macro-aree, il fenomeno è ormai rientrato su livelli fisiologici nel Nord-Est (971 imprese fallite nel primo semestre, -16% sull’anno precedente e in linea con il 2008), mentre nelle altre aree il miglioramento è più lento.
Nel Nord-Ovest si contano 1.808 procedure (-3,1% su base annua), nel Centro 1.582, l’1,7% in meno: pesa il dato del Lazio, dove i fallimenti sono tornati ad aumentare (+1,4%). Nel Sud e nelle Isole fallimenti in netto calo (-5,1% su base annua): 1.603, grazie al miglioramento di Puglia, Campania, Molise e Sardegna. Purtroppo tornano a peggiorare Basilicata, Calabria e Sicilia. Per quanto riguarda invece i settori produttivi, tutti sono in calo, così come tutte le tipologie di impresa, in particolare le società di persone (-13,5%), le imprese individuali e altre forme (-14,4%), meno le società di capitale (-2,7%), dove si concentra la maggioranza delle procedure fallimentari (4.541, circa tre quarti del totale). Il trend risulta particolarmente positivo nelle costruzioni (1.192 imprese fallite nel primo semestre, -7,2% sul 2017). Prosegue la fase positiva anche nell’industria che, con 835 fallimenti contro gli 885 dell’anno precedente (-5,6%), è al di sotto dei livelli pre-crisi. Più lento il miglioramento nei servizi, settore con più fallimenti: tra gennaio e giugno ce ne sono stati 3.288, in diminuzione del 4,5% rispetto al 2017.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

L’insulina degludec migliora il controllo glicemico

Posted by fidest press agency su venerdì, 5 ottobre 2018

Berlino. Presentati al 54th Annual Meeting of the European Association for the Study of Diabetes (EASD 2018), in svolgimento a Berlino, i risultati delle analisi post-hoc dagli studi SWITCH 1 e 2. I dati dimostrano che le persone con diabete tipo 1 e 2 nella pratica clinica possono raggiungere un miglior controllo glicemico (HbA1c) con l’insulina degludec rispetto a insulina glargine 100 U, senza un aumento degli episodi di ipoglicemia, che consistono in abbassamenti dei livelli dello zucchero nel sangue potenzialmente pericolosi.Abbassare il livello di zucchero nel sangue è importante per aiutare a prevenire le complicanze del diabete, ma questa riduzione può aumentare il rischio di ipoglicemia. In queste analisi post-hoc, si stima che le persone con diabete possano raggiungere una riduzione media del livello di HbA1c dello 0,61 per cento, nel diabete tipo 1, e dello 0,67 per cento, nel tipo 2, con l’insulina degludec rispetto a insulina glargine 100 U con tassi simili di ipoglicemia. Questa analisi post-hoc è stata fatta sulla base dei dati dei soggetti arruolati negli studi SWITCH 1 e 2. Il programma di studi SWITCH ha dimostrato tassi statisticamente significativamente più bassi di ipoglicemia sintomatica complessiva rispetto all’insulina glargine 100 U in persone con diabete tipo 1 e 2.2,3. Queste analisi post-hoc hanno studiato a livello individuale il rischio di incorrere in episodi di ipoglicemia con insulina degludec e insulina glargine 100 U al fine di confrontare in che modo il controllo glicemico cambi con tassi simili di ipoglicemia. In ogni visita il livello di HbA1c di ciascuno dei partecipanti allo studio veniva collegato al numero di episodi di ipoglicemia avuti a partire dall’ultima visita. La riduzione del rischio di ipoglicemia con insulina degludec è stata calcolata utilizzando la riduzione dell’ipoglicemia osservata con insulina degludec rispetto all’insulina glargine 100 U negli studi SWITCH.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Roma al centro della diplomazia internazionale

Posted by fidest press agency su venerdì, 5 ottobre 2018

Dopo le 9600 presenze e i 240 speakers della passata edizione, il IX Festival della Diplomazia, dal 18 al 26 ottobre 2018, torna a Roma con 72 incontri, oltre 120 ore di approfondimenti, 70 Ambasciate e 8 Università coinvolte.Organizzato con il patrocinio del Ministero degli Affari Esteri, della Cooperazione Internazionale, della Rappresentanza in Italia della Commissione Europea e di Roma Capitale, il Festival della Diplomazia 2018, è una manifestazione diffusa nella città, l’unica al mondo dedicata alla Diplomazia e alle Relazioni Internazionali, con un ricco programma di seminari e incontri dislocati nella capitale, tra sedi istituzionali e luoghi “altri”, che rende per 9 giorni Roma protagonista assoluta del dibattito sulla geopolitica e sull’attività diplomatica.
Novità di questa nona edizione è il focus sulla cultura come strumento di comprensione e analisi, con l’apertura affidata allo spettacolo “Le Linee Rosse” di Federico Rampini al Teatro Palladium e alla prima italiana della mostra: “Resolution 808” – Inside the Yugoslavia Tribunal”, di Martino Lombezzi e Jorie Horsthuis, dedicata al Tribunale Penale Internazionale dell’ONU sui Crimini di Guerra in ex-Jugoslavia ospitata da Officine Fotografiche. Un percorso unico che racconta attraverso foto e interviste inedite l’esperienza pionieristica del Tribunale creato per perseguire i crimini che avvennero durante il conflitto sull’altra sponda dell’Adriatico. L’iniziativa è parte del programma di Contemporaneamente Roma 2018 promossa da Roma Capitale-Assessorato alla Crescita culturale. Tema centrale di quest’anno: Gli Stati Nazionali stanno perdendo la loro sovranità? Trita Parsi, Carla Del Ponte, Brian Klaas, Chris Langdon, sono solo alcuni dei 260 relatori protagonisti delle giornate di Diplomacy 2018. La necessità della concertazione internazionale è al centro della discussione su problemi che non possono essere risolti dai singoli Stati ma che appaiono di difficile soluzione ora che l’approccio multilaterale della Governance globale è messa in crisi da nazionalismi e protezionismi.Linee guida e grandi contenitori tematici su cui si articoleranno gli eventi di quest’anno saranno: Geopolitica, Giovani e il Futuro, Economia, Ambiente, Cultura e Identità.
Il “Festival della Diplomazia” nasce nel 2009 dalla consapevolezza della centralità di Roma in ambito internazionale. Roma è considerata un luogo nevralgico per le relazioni diplomatiche, con 139 Ambasciate accreditate presso la Repubblica Italiana, 78 presso la Santa Sede, 134 presso la FAO, 73 presso San Marino. A questo, va aggiunto il ricco tessuto di Organizzazioni Internazionali, università, accademie e istituti di cultura stranieri che vanno a consolidare la proiezione di Roma come prima città internazionale al mondo.Il programma completo su http://www.diplomacy.it

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

“Roma Capitale per i giovani: condividi le tue idee per la città”

Posted by fidest press agency su venerdì, 5 ottobre 2018

Il Dipartimento Sport e Politiche Giovanili ha pubblicato un avviso denominato “Roma Capitale per i giovani: condividi le tue idee per la città”. In attuazione dei fini istituzionali e degli obiettivi programmatici annuali e pluriennali, l’Amministrazione vuole realizzare iniziative tese a favorire una partecipazione attiva dei giovani alla vita cittadina, acquisendo delle idee progettuali che possano avviare dei processi di sviluppo e promozione economica del territorio, promuovere idee imprenditoriali giovanili per creare occupazione, dare ai giovani la possibilità di esprimere idee, conoscenze, competenze, vocazioni come opportunità di sviluppo che siano sostenibili e legate al territorio, integrare le politiche giovanili attraverso la partecipazione in prima persona dei giovani, premiandone lo spirito di iniziativa.La partecipazione è riservata ai giovani fra i 18 e i 35 anni e può avvenire sia in forma singola che collettiva come gruppi di studenti, comunità giovanili o associazioni senza scopo di lucro, esclusa la partecipazione di gruppi con finalità politiche, indispensabile essere residenti o domiciliati nella Città Metropolitana.Le proposte possono riguardare i diversi settori, particolare riguardo avranno quelle che valorizzano il territorio, la sostenibilità ambientale e la responsabilità sociale d’impresa; termine per la presentazione fissato alle ore 12.30 del 30.11.2018.Tutte le informazioni sulla documentazione e la modalità di presentazione della stessa sono disponibili sul sito istituzionale di Roma Capitale al link: https://www.comune.roma.it/web/it/scheda-servizi.page?contentId=INF48159&pagina=9.

Posted in Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Roma Capitale a sostegno dei diritti dei bambini”

Posted by fidest press agency su venerdì, 5 ottobre 2018

“La nostra attenzione al fenomeno dei maltrattamenti nelle scuole resta alta. Siamo fermamente convinti che lo strumento migliore per scongiurare i vari episodi di abusi nei confronti dei piccoli sia la prevenzione.L’argomento è stato ampiamente trattato nella Commissione Scuola odierna, dove l’organizzazione internazionale Save the Children ha parlato di un progetto sviluppato in collaborazione con le istituzioni del Municipio XIII. Attraverso il confronto continuo e costante con i funzionari educativi, il personale Ata e altre figure a stretto contatto quotidiano con i bambini, si è pervenuti all’elaborazione di una serie di linee guida che prevedono un patto educativo con gli insegnanti, alla redazione di un manuale relativo alle misure di prevenzione e di segnalazione degli abusi e alla definizione di adeguati percorsi di formazione finalizzati a evitare potenziali ‘burn-out’ da parte di chi è preposto all’educazione dei piccoli alunni delle scuole romane.Al riguardo, assieme all’Assessorato alla Persona, Scuola e Comunità Solidale di Roma Capitale e al Dipartimento Scuola, stiamo implementando una serie di provvedimenti atti a contrastare eventuali episodi di maltrattamenti: tra questi, la reintroduzione (dopo anni di assenza) del Piano triennale per l’aggiornamento e la formazione delle educatrici e delle insegnanti, la diffusione delle buone prassi, la sensibilizzazione alla cultura della segnalazione di comportamenti, una convenzione stipulata con l’ordine degli psicologi tre mesi fa e una fitta interlocuzione, avviata con Save The Children nel gennaio 2017, per la stipula di un protocollo da applicare in tutti gli istituti scolastici di competenza comunale.Una serie di importanti iniziative che la Commissione Scuola monitorerà attentamente e che saranno argomento di discussione di altre sedute della Commissione stessa”.Lo dichiara, in una nota stampa, il presidente della Commissione capitolina Scuola Maria Teresa Zotta.

Posted in Diritti/Human rights, Roma/about Rome, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »