Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 30 n° 340

Ammodernamento delle Forze Armate in sinergia con il ‘’Sistema Paese’’

Posted by fidest press agency su venerdì, 12 ottobre 2018

I profondi cambiamenti dello scenario internazionale, caratterizzato da grande instabilità e radicali mutamenti delle minacce alla difesa ed alla sicurezza, impongono l’ammodernamento e l’acquisizione di mezzi, materiali e piattaforme che soddisfino in pieno le esigenze delle Forze Armate.
E’ questo un concetto ribadito da tempo, soprattutto da quando le risorse finanziarie dedicate al settore difesa “non son più quelle di una volta’’.
E’ il refrain che segna ogni intervento dei Capi di Stato maggiore delle varie Forze armate quando, in occasione di convegni, illustrano gli sforzi che le varie istituzioni della difesa devono compiere per realizzare il ‘’meglio con poco’’.
E’ compito del Segretariato della Difesa sviluppare i programmi tenendo conto sia delle esigenze sia dei costi.
E il 9 ottobre scorso, nell’Auditorium di palazzo Guidoni a Roma, nel corso dell’avvicendamento nella carica di Segretario Generale della Difesa e Direttore Nazionale degli Armamenti tra il generale di Squadra Aerea Carlo Magrassi ed il subentrante generale di Corpo d’Armata Nicolò Falsaperna e di fronte ad una platea ricca di personaggi del mondo dell’industria dedicata alla difesa, della politica e delle forze armate, il generale Carlo Magrassi, al tavolo con la ministra della difesa Elisabetta Trenta e il capo di stato maggiore della difesa generale Claudio Graziano, ha esposto un sintetico quanto ben chiaro quadro dei programmi sviluppati nel corso della sua attività quale segretario generale e direttore degli armamenti, per mantenere ad alto livello ogni parte attiva delle Forze Armate.
“Per la componente terrestre, è in fase di avanzato stato di realizzazione il progetto “’Forza Nec’’, l’acquisizione della ‘’Nuova autoblindo Centauro” e una serie di accordi a favore della difesa aerea a corto raggio, del sistema MLRS e dei vicoli blindati.
Per la componente navale, progressi son stati fatti nel “programma FREMM”, in quello per la realizzazione di sommergibili e nel programma “Vulcano” per il munizionamento a lunga gittata.
Per la componente aerea, importanti sviluppi del “programma JSF”, nel programma per un nuovo elicottero di esplorazione e scorta AW249, (in sostituzione dell’AH 129); il programma di cooperazione internazionale dell’elicottero NH90; e passi avanti per il programma sui veicoli d’addestramento basico (M345) e Avanzato (M346)
Per quanto riguarda i programmi di interesse comune, Magrassi ha fatto notare come sia “importante l’evoluzione del programma FSAF-PAAMS, basata su una cooperazione Italia-Francia-Inghilterra che si propone di realizzare una famiglia di sistemi missilistici di difesa antimissile e antiaereo con capacità antibalistiche”…. continua su http://www.cybernaua.it

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: