Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 259

Archive for 25 ottobre 2018

Corte Europea dei Diritti dell’Uomo: Italia condannata per il 41bis a Provenzano

Posted by fidest press agency su giovedì, 25 ottobre 2018

Un’importante sentenza della Corte Europea dei Diritti dell’Uomo è stata depositata in data odierna in materia di diritti. La CEDU, evidenzia Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti” ha condannato l’Italia perché decise di continuare ad applicare il regime duro carcerario del 41bis a Bernardo Provenzano, dal 23 marzo 2016 alla morte del boss mafioso. Secondo i giudici, il ministero della Giustizia italiano ha violato il diritto di Provenzano a non essere sottoposto a trattamenti inumani e degradanti. Allo stesso tempo la Corte di Strasburgo ha affermato che la decisione di continuare la detenzione di Provenzano non ha leso i suoi diritti.

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La manovra economica Di Maio – Salvini dentro la gabbia dell’Unione Europea

Posted by fidest press agency su giovedì, 25 ottobre 2018

Con le dichiarazioni di Dombrovskis e Moscovici, che hanno bocciato la manovra economica e chiesto al governo italiano di scriverne una nuova, è arrivata la posizione ufficiale della Commissione europea sul DEF del governo Conte. Il testo che uscirà dalla trattativa che ora si avvia tra il governo italiano e la Commissione potrebbe risultare molto diverso da quello varato nei giorni scorsi.Che la Nota di Aggiornamento al DEF del governo Conte costituisca una novità rispetto alle manovre degli ultimi anni lo hanno già detto e scritto in tanti. La filosofia che guida il documento è quella di utilizzare il debito pubblico per rilanciare la domanda interna ed anche i consumi, contravvenendo ad una delle regole base dell’UE sulla riduzione del debito ed il contenimento della spesa. Ma questa posizione non può essere sbandierata ai quattro venti e poi sempre più ridimensionata nel corso delle trattative. Già, rispetto alla prima stesura annunciata alla stampa, il rapporto debito/PIL al 2,4% è stato limitato al solo 2019, con significative riduzioni per i due anni successivi, mentre in un primo tempo si era dichiarato di voler mantenere quella percentuale per tutto il triennio. E questo concretamente significa minori investimenti pubblici per miliardi di euro ed un forte indebolimento di tutta la manovra. Ora, le prime dichiarazioni del governo dopo la risposta ufficiale della UE, lasciano intendere la disponibilità a rivedere ulteriormente al ribasso la manovra, magari mettendo mano alle misure più attese dai settori popolari, ossia il rialzo delle pensioni al minimo e l’introduzione del reddito di cittadinanza.In tutti questi anni a governare la politica economica del nostro paese è stata una sorta di pilota automatico, sia che fosse al governo Berlusconi o il Pd oppure tecnici come Monti. Ora il governo gialloverde manifesta la volontà di interrompere questa abitudine mortificante ma il rischio evidente è che tutto si risolva in frasi roboanti e apparenti braccia di ferro, e che la manovra alla fine risulti più la sintesi di promesse mancate che l’inizio di una nuova fase.Del resto i condizionamenti della Commissione europea sono già ben presenti nella attuale stesura del DEF. Pur avendo introdotto margini di flessibilità nella gestione del debito ben più ampi di quelli concessi dalle regole europee, il governo Conte ha comunque previsto interventi limitati sia sul fronte delle pensioni che sul tema del reddito. Certo, finalmente si registra uno stop al periodico innalzamento dell’età pensionabile, ma l’intervento previsto con quota 100 andrà a favore di una platea limitata. Per il reddito è innegabile che i 10 miliardi annunciati sono superiori di cinque volte a quelli stanziati per il REI dal governo precedente, ma è altrettanto evidente che le persone che beneficeranno della misura non saranno i 6 milioni e mezzo annunciati, ma solo poco più di un milione.La manovra peraltro non risente solo dei vincoli europei, ma anche delle contraddizioni tra le forze al governo. Il sostegno ai settori sociali più in difficoltà viene subordinato ad obblighi e condizioni che trasformano la disoccupazione in una colpa e la manovra economica viene accostata ad altre disposizioni (vedi il Decreto Salvini) finalizzate ad una regolazione autoritaria della società. La stessa enfasi adottata nel tornare a dare centralità all’amministrazione pubblica non è utilizzata per rimettere al centro i diritti sociali ma come strumento di disciplinamento della società. La nuova centralità riconosciuta ai Centri per l’Impiego, per esempio, non serve a contenere l’influenza del mercato nelle modalità di assunzione ma a controllare il disoccupato che percepisce il sussidio.
E poi c’è il capitolo del fisco. Da una parte c’è un po’ di ossigeno per chi muore di debiti, ma sul piatto dall’altra parte compare l’ennesimo condono. E soprattutto è stata fugata ogni preoccupazione sulla possibile introduzione di una patrimoniale sui redditi da capitale e sui grandi patrimoni, mentre all’orizzonte resta lo spettro della flat tax che rappresenterebbe un ulteriore attacco al sistema di tassazione progressiva.La manovra del popolo l’hanno soprannominata i leader del governo e così la sbandierano contro le ingiunzioni dei tecnocrati UE. Ma una manovra del popolo richiederebbe ben altro, a cominciare da un vero piano di rinazionalizzazione delle aziende strategiche, come abbiamo rivendicato in tanti sabato 20 nella bella manifestazione di Roma. Servirebbe una scelta chiara a sostenere le ragioni di chi in questi anni ha subito gli effetti delle politiche di austerity imposte dall’UE e non una manovra contraddittoria e la disponibilità di rivederla al ribasso. E una manovra per il popolo rispettando i vincoli dei Trattati europei e rimanendo dentro l’euro è semplicemente impossibile.Lo scenario che ci aspetta nei prossimi mesi non è brillante. Il governo continuerà a sbandierare la sua opposizione ai vincoli UE ma avrà il coraggio di sfidare I diktat dell’Unione Europea?Le opposizioni di sua maestà, vedi Cgil, Cisl e Uil, che non hanno mai messo in discussione l’adesione all’UE, balbetteranno piattaforme in aperta contraddizione con quello che hanno sostenuto per anni e anni sotto i governi precedenti. Mentre le opposizioni parlamentari di Pd e Forza Italia continueranno a fare il tifo per il rialzo dello spread. In questo contesto, l’unico modo per ristabilire la verità è quello di misurarsi con i dati concreti e chiamare questo governo a fare i conti con le aspettative suscitate. Il cambiamento non può essere solo evocato per guadagnare consensi, deve produrre effetti concreti e perché questo avvenga servono scelte ben più coraggiose di quelle promosse dal duo Salvini-Di Maio.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Malta: Italy Blockchain Summit

Posted by fidest press agency su giovedì, 25 ottobre 2018

Malta 24 Novembre 2018, la Camera di Commercio Italo Maltese organizza Italy Blockchain Summit.L’evento rientra all’interno del primo Malta Italy Business Forum che si terrà dal 21 al 24, organizzato dalla Camera di Commercio Italo Maltese. 4 giornate dedicate ai professionisti e imprenditori italiani e maltesi che operano nel settore dell’internazionalizzazione, fiscalità internazionale, fintech, blockchain e quotazioni in borsa.”Malta è stata definita la Blochchain Island – dice Victor Camilleri, presidente della Camera di Commercio Italiana a Malta – in quanto dal 1 di Novembre entrerà in vigore la nuova legislazione che regolamenta la Blockchain e le Crypto valute, trasformando Malta nel primo hub regolamentato in Europa e tra i primi a livello mondiale”.Durante il primo Blockchain Summit Italiano a Malta, gli imprenditori e i professionisti italiani del settore si confronteranno con i più importanti avvocati e consulenti nel settore della Blockchain dell’isola. Il programma è molto vasto e saranno trattate tutte le peculiarità della legislazione maltese del settore quali la procedura di avvio di una ICO, la differenza tra utility o security Token, la tassazione dei token e delle monete virtuale.”Cercheremo di fornire una panoramica chiara sulla Blockchain a Malta – ha dichiarato Oliver La Rosa, membro del Consiglio della MICC e esperto di Blockchain – i nostri relatori, tra i più affermati professionisti di Malta, affronteranno nel dettaglio la peculiarità della nuova legislazione. Attraverso casi concreti, i partecipanti avranno la possibilità di capire al meglio la regolamentazione delle ICO del futuro e di come gestire una già realizzata prima del 1 novembre”.I posti sono limitati ed è posssibile prenotare sul sito del Malta Italy Business Forum http://www.italiamalta.net

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Metro Roma e adeguamento vie di fuga

Posted by fidest press agency su giovedì, 25 ottobre 2018

“Il pericolosissimo incidente che ha coinvolto ieri i tifosi russi dimostra l’inadeguatezza della metro A soprattutto delle fermate centrali. La dinamica dell’evento, il malfunzionamento delle scale mobili, sono da accertare. Ma dire che quelle scale sono state sottoposte a un peso eccessivo per via delle intemperanze dei tifosi testimonia la totale inadeguatezza del sistema di entrata e di uscita. In caso di attentati o di scene di panico il deflusso sarebbe incontrollabile, le banchine risultano troppo strette per consentire finanche un’uscita ordinaria, che nelle ore di punta diventa addirittura a rischio incolumità per gli utenti, figuriamoci cosa scaturirebbe dalla fuga di centinaia di persone incastrate tra le banchine e le aree di scambio metro e scale mobili. Ci chiediamo se oltre alla manutenzione ordinaria, che evidentemente non è più sufficiente, sia stato fatto un adeguato piano di sicurezza in casi emergenziali.
Credo sia necessaria una immediata convocazione della sindaca in Prefettura per esaminare lo stato della sicurezza della metropolitana di Roma e un interessamento puntuale del ministero dei Trasporti per indagare al riguardo. Abbiamo avuto ieri un’avvisaglia, è bene recepire il segnale e agire velocemente di conseguenza”. È quanto dichiara il vicepresidente della Camera dei deputati Fabio Rampelli di Fratelli d’Italia.

Posted in Politica/Politics, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Roma. Crollo della scala mobile alla fermata Repubblica della linea A della metropolitana

Posted by fidest press agency su giovedì, 25 ottobre 2018

Martedì sera, potrebbe anche avere avuto il fattore scatenante nel comportamento inappropriato dei tifosi russi, nonostante i vigili del fuoco abbiano già espresso perplessità su questa ipotesi. Saranno le inchieste a stabilirlo, sia quella della magistratura che quella interna di Atac. Di sicuro c’è che quella scala mobile, una volta avvenuto il cedimento, non si è comportata come avrebbe dovuto: non c’è stato il blocco automatico dell’impianto, che dovrebbe scattare in situazioni simili, con la conseguenza che i passeggeri della metro si sono trovati lanciati in discesa a folle velocità.
Oggi siamo qui a rallegrarci per un bilancio che sarebbe potuto essere disastroso, e contemporaneamente a interrogarci sulla manutenzione di Atac, a denunciare per l’ennesima volta una politica dello struzzo che ha effetti devastanti tanto su gomma quanto su rotaia. Effetto della dissennata esternalizzazione, degli appalti, della dispersione di un patrimonio di conoscenze una volta tutto interno all’azienda, che come unico risultato ha fatto lievitare il numero degli incidenti, dei mezzi andati a fuoco, dei blocchi del servizio, dei cedimenti e dei crolli come quello di martedì sera. Acqua al mulino di chi invoca la privatizzazione del trasporto pubblico, come se i privati proprio qui nella Capitale non avessero dato ampia dimostrazione della incapacità di offrire un servizio decente agli utenti e certezze ai lavoratori.L’Unione Sindacale di Base torna a chiedere con forza la reinternalizzazione dei servizi di manutenzione di Atac e il taglio definitivo con un passato fatto di incapacità gestionale e di malversazioni. Un taglio che anche questa amministrazione comunale ha dimostrato di non voler perseguire, negando al contrario risorse al trasporto pubblico, con le devastanti conseguenze sotto gli occhi di tutti.La sicurezza degli utenti e dei lavoratori deve essere in cima alla lista delle priorità, cosa che ad Atac evidentemente non piace, arrivando al paradosso di premiare il personale che non segnala i guasti delle vetture. Per questo USB ha scioperato nello scorso luglio, uno sciopero effettuato nelle ore serali per non danneggiare i cittadini. A USB Atac ha saputo rispondere soltanto inanellando una serie di comportamenti antisindacali, con l’arroganza di chi sente di non dover rispondere a nessuno. Né ai lavoratori, né ai cittadini che vorrebbero usufruire di un servizio pubblico degno di essere definito tale.Anche per questo USB ribadisce l’importanza di sbarrare la strada a chi vorrebbe allargare il perimetro del privato nel trasporto pubblico locale promuovendo un referendum dissennato come quello dell’11 novembre. Atac di tutto ha bisogno tranne che di finire in mano ai soliti privati e per questo ricordiamo l’importanza di votare NO a entrambi i quesiti oggetto della consultazione.

Posted in Politica/Politics, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Atac. Campidoglio, 11 milioni Bilancio 2018-2020 per manutenzione e sostituzione scale mobili in metro

Posted by fidest press agency su giovedì, 25 ottobre 2018

In merito a notizie di stampa sulla richiesta del 2015 di intervento manutentivo da parte di Atac a Roma Capitale, l’Amministrazione precisa di aver messo a Bilancio 2018-2020 circa 11 milioni di euro per manutenzione e sostituzione di scale mobili e ascensori delle metropolitane per rispondere alle esigenze e necessità primarie dell’azienda dei trasporti. Inoltre 18 milioni di euro per la sostituzione di ruote e deviatoi della Metro A, così come 425 milioni di euro destinati alle infrastrutture delle metro e all’acquisto di nuovi treni. Queste le risorse impiegate a servizio della sicurezza delle metropolitane di Roma.
La sicurezza del trasporto pubblico della Capitale è nostra priorità. Per rispondere alle esigenze dell’azienda ad agosto 2016 abbiamo impiegato 18 milioni per la sostituzione delle ruote dei treni e dei deviatoi sulla Metro A, indicati da Atac come urgenza primaria.
A maggio 2017 l’amministrazione ha poi lavorato per compilare e redigere schede e progetti per il restyling delle metro e il rinnovo dei binari, documentazione presentata al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti per un importo di 425 milioni di euro.
Nel frattempo abbiamo messo a Bilancio 2018-2020 risorse per un importo di 11 milioni di euro per la sostituzione e manutenzione di 22 scale mobili, 4 marciapiedi mobili e 22 ascensori delle metro. Interventi per cui Atac sta predisponendo gli atti di gara. Lavori che saranno effettuati nel 2019.Così in una nota l’Assessore alla Città in Movimento di Roma Capitale, Linda Meleo.

Posted in Politica/Politics, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Metro. Piccolo (PD): “425 mln stanziati a dicembre 2017 dal ministro Del Rio per le metro di Roma, ancora fermi per assenza convenzione”

Posted by fidest press agency su giovedì, 25 ottobre 2018

“Il Campidoglio può accedere ai 425,52 milioni di euro da destinare a interventi per le linee metropolitane A e B di Roma Capitale ma ancora non è stata stipulata la convenzione con il Ministero dei Trasporti. Di fronte al grave incidente della stazione metro di Repubblica, le cui cause saranno accertate dalle autorità competenti è necessario intervenire con urgenza e riportare sicurezza e serenità tra gli utenti e gli operatori delle metro romane, oggi infatti si aggiungono le preoccupazioni dei lavoratori, delle OO.SS, e dei cittadini. È bene ricordare che l’ex ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Graziano Del Rio, ha firmato a fine 2017 il decreto di riparto per le linee metropolitane, filoviarie e in generale del trasporto rapido di massa che destina fondi per un ammontare complessivo di 1,397 miliardi. Di questi fondi 425 milioni di euro sono destinati alla Capitale per interventi di manutenzione e miglioramento della rete esistente, l’avvio di nuove tratte, il miglioramento tecnologico, la fornitura di nuovi mezzi e materiale rotante. Ad oggi per avviare le manutenzioni e gli ammodernamenti, a quasi un anno dall’entrata in vigore del decreto, manca ancora la convenzione con il Ministero delle Infrastrutture. L’Ing. Cialdini prima di rassegnare le dimissioni dalla società Roma Metropolitane ha scongiurato il Campidoglio di non perdere quei fondi, paventando l’ipotesi chiusura del servizio. Noi siamo dello stesso avviso e siamo a disposizione per addivenire nel più breve tempo possibile ad una convenzione per dare avvio alle opere necessarie per alzare il livello di sicurezza delle metro della nostra città e tranquillizzare cittadini e lavoratori. Così in una nota la consigliera del pd capitolino e Vicepresidente commissione mobilità di Roma capitale Ilaria Piccolo

Posted in Politica/Politics, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Capitale allo sbando?

Posted by fidest press agency su giovedì, 25 ottobre 2018

“Cosa sta succedendo alla nostra città? In pochi giorni 3 episodi drammatici hanno sconvolto la vita della capitale. Prima l’alluvione che ha mandato in tilt Roma con scene apocalittiche, strade allagate, stazione della metropolitana chiuse, salvataggi di automobilisti dalle auto in panne immerse nell’acqua. Poi la tragica fine di una giovane trovata morta a San Lorenzo, sembrerebbe vittima della droga e di uno stupro da parte di un branco di africani e arabi extracomunitari. Questo caso accende ancora una volta i riflettori sui tanti immobili occupati, terra di nessuno, che sono preclusi ai controlli mentre andrebbero immediatamente sgomberati. Infine, ieri la scala mobile della metropolitana che crolla sotto i piedi dei tifosi del CSKA Mosca venuti per una partita di calcio, che avrebbero provocato il collasso della struttura. Ma c’è da chiedersi cosa sarebbe successo se ci fosse stato un attacco terroristico e la folla si fosse riversata verso le scale mobili per abbandonare la stazione della metropolitana.Se questa è la manutenzione che viene eseguita sulle nostre infrastrutture pubbliche c’è da preoccuparsi.Tre episodi in meno di una settimana che lasciano basiti e dimostrano ancora una volta l’inadeguatezza dell’amministrazione Raggi e dei 5 Stelle. Roma deve rispondere, deve reagire, deve mandare a casa questi incompetenti”.È quanto dichiara Fabrizio Santori, dirigente regionale della Lega.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Tutela degli azionisti delle banche popolari

Posted by fidest press agency su giovedì, 25 ottobre 2018

Bari, martedì 30 ottobre alle ore 16 incontro pubblico promosso dalla Camera Arbitrale e della Mediazione della CCIAA di Bari, in collaborazione con il Comitato per la tutela degli azionisti della Banca Popolare di Bari e tutte le Associazioni di consumatori componenti, che si svolgerà presso la Camera di Commercio. Nel corso della riunione saranno descritte sia le novità succedutesi negli ultimi mesi, sia tutte le azioni che si stanno svolgendo e da intraprendere in sede di proposta legislativa, civile, penale, e dinanzi alle Autorità di Vigilanza.INTERVENTI:
SALUTI Alessandro Ambrosi – Presidente della CCIAA di Bari e Avv. Marina Del Vecchio – Vice presidente della Camera Arbitrale e della Mediazione
Avv. Antonio Pinto – responsabile Confconsumatori: La tutela degli azionisti attraverso la Consob
Avv. Vincenzo Laudadio – responsabile Adusbef: La tutela degli azionisti attraverso il contenzioso in sede civile.
Dr. Andrea Cardinale – responsabile di Unione Nazionale Consumatori: La tutela degli azionisti attraverso la Banca d’Italia.
Dr. Francesco Decanio – responsabile Assoconsum: La tutela degli azionisti attraverso lo strumento della mediazione e conciliazione.
Avv. Alessandro Amato – responsabile Codacons: La tutela degli azionisti in sede penale.
Dr. Canio Trione – Presidente del Comitato per la tutela degli azionisti: La tutela degli azionisti attraverso una legge.
Modera l’incontro il Dr. Vincenzo Riglietta – responsabile di Adiconsum.

Posted in Diritti/Human rights, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Mostra fotografica di Massimiliano Camellini

Posted by fidest press agency su giovedì, 25 ottobre 2018

Torino Opening giovedì 17 gennaio, ore 19, (18 gennaio – 17 febbraio 2019) Bookshop Fondazione Sandretto Re Rebaudengo via Modane, 16 mostra fotografica di Massimiliano Camellini Ore 18.00, l’orario è finito. E’ un progetto fotografico realizzato da Camellini all’interno degli spazi dell’ex Cotonificio Leumann di Collegno (Torino) dal 2010 al 2012, e curato da Lorand Hegyi; il lavoro è stato esposto, a partire dalla sua prima presentazione al MIA (Milan Image Art Fair) del 2013, nell’ambito del Festival Fotografico Europeo 2013 presso il Museo del Tessile di Busto Arsizio, all’interno della rassegna Italian Nostalgia presso il Museo della Fotografia di Seoul nel 2014 ed è stato oggetto della mostra “La suite du temps” organizzata dal MAMC – Museo d’Arte Moderna e Contemporanea di Saint Etienne nel 2015; il progetto ora finalmente approda a Torino, territorio di partenza di questa ricerca, da un punto di vista iconografico ma anche emotivo e storico. Il luogo all’interno del quale si è sviluppato il lavoro di Massimiliano Camellini è l’antico Cotonificio Leumann di Collegno, in provincia di Torino, al centro dell’innovativo villaggio operaio che l’industriale Napoleone Leumann fece costruire attorno all’opificio tra fine Ottocento e inizio Novecento: un esperimento imprenditoriale illuminato che si faceva carico della riproduzione delle stesse risorse sociali sulle quali la fabbrica incideva.Il progetto fotografico racconta la fine dell’era industriale in Europa, l’epilogo di un sogno basato sull’espansione manifatturiera e il suo welfare e che a suo tempo non aveva fatto i conti con la globalizzazione.Le immagini sono state realizzate dal 2010 al 2012, e raccontano la presenza dei lavoratori che hanno vissuto la fabbrica e che l’hanno lasciata varcando per l’ultima volta quei cancelli nell’aprile del 2007, quanto fu chiusa per sempre. Ogni cosa era stata lasciata al suo posto, quasi a significare che la cessazione dell’attività fosse stata improvvisa. Le immagini ricostruiscono l’ultimo giorno di lavoro, quel momento dove la fine dell’orario lavorativo (18.00) ha coinciso con la fine di un’epoca. http://www.massimilianocamellini.org

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Incontro con Li Kunwu

Posted by fidest press agency su giovedì, 25 ottobre 2018

Torino Martedì 30 ottobre, ore 21 Circolo dei lettori, via Bogino 9 Incontro con Li Kunwu. L’intreccio di epica privata e storia, in un poetico memoir a fumetti con Bruno Ventavoli, responsabile di TuttoLibria partire da Una vita cinese (add) in collaborazione con Istituto Confucio di Torino. Quando il diplomatico Philippe Ôtié avvicina Li Kunwu per proporgli di trasporre la sua vita in un fumetto, l’artista cinese, accademico e membro del Partito Comunista, ha alle spalle decine di libri in madrepatria e molti lavori apparsi su riviste come Lianhua Huabao e Humo Dashi. Ha prodotto opere di propaganda per poi concentrarsi sulla vita delle minoranze dello Yunna, sua provincia di origine, ma non è conosciuto all’estero. La sua prima opera prodotta per il mercato internazionale è Una vita cinese (add), libro nato dalla collaborazione con Ôtié, desideroso di raccontare attraverso la biografia dell’artista la storia recente della Cina. È un percorso che comincia nel 1955, anno di nascita di Li Kunwu, e termina nel 1976 quando muore Mao Zedong e la folla raccolta davanti agli altoparlanti nelle città e nei villaggi viene investita dall’impensabile.
Pubblicato in sedici paesi, Una vita cinese ha ricevuto il premio d’eccellenza del Japan Media Art Festival; il Dragone d’oro del Gran premio del fumetto cinese; doppia nomina agli Eisner Awards; il premio Château de Cheverny del fumetto storico e il premio del pubblico ai Rendez-vous de l’Histoire de Blois; il premio del pubblico dell’Ouest France du salon Quai des Bulles; è stato segnalato al Festival internazionale del fumetto di Angoulême.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Superare i momenti no, prima di arrivare alla depressione

Posted by fidest press agency su giovedì, 25 ottobre 2018

Scrive Giovanni Porta: “E’ capitato a tutti di sentirsi depressi, si tratta nella maggior parte delle volte di momenti legati a delusioni o lutti. Fin qui tutto normale, i problemi sorgono quando non riusciamo a reagire e la sensazione di tristezza si prolunga troppo nel tempo e comincia a influenzare in modo pesante la nostra vita. L’Istat stima che il 5,4% della popolazione in Italia sia depressa. Tutti noi utilizziamo regolarmente delle strategie psicologiche, che possono assumere varie forme: cerchiamo di farci coraggio per compensare il senso d’inadeguatezza, razionalizziamo i comportamenti scorretti, ci distraiamo accendendo la televisione o mangiamo per rilassarci. Se non bastano, però, occorre fare un passo in più. Il segreto è semplice, anche se non è banale riuscire a metterlo in pratica, soprattutto quando la sofferenza è importante. Se non si riesce da soli è necessario utile chiedere l’aiuto di un professionista.
E se invece siamo paurosi e immersi nell’ansia, e passiamo la vita a prepararci per future difficoltà da affrontare, al punto che quasi non abbiamo più tempo per godere del presente? “In primis, rendiamoci conto che non tutta l’ansia vien per nuocere, e che c’è una (piccola) percentuale di volte in cui realmente si realizza ciò che temiamo. (se usciamo di casa con l’ombrello e piove, potremo lodarci per la nostra avvedutezza). – spiega lo psicoterapeuta Giovanni Porta – Soprattutto, però, è importante imparare a vivere l’imprevisto senza farne un dramma, notando che di solito insieme alla paura proviamo anche un po’ di eccitazione di fronte alla futura incertezza. Magari, proprio quando non siamo stati previdenti ci possono succedere cose nuove, per esempio fare nuovi incontri mentre ci ripariamo sotto un androne per la pioggia battente, che non possiamo affrontare non avendo l’ombrello. Occorre godere del brivido dell’imprevisto invece che passare la vita ad ammassare soluzioni a problemi solo possibili. In questo modo la nostra attenzione può finalmente allontanarsi dai pensieri preoccupati e concentrarsi su cosa stiamo provando in questo specifico momento presente. Quando ascoltiamo le nostre emozioni è come se tutto il mondo intorno a noi si ravvivasse”.
Diceva Sant’Agostino: “Un fatto ora è limpido e chiaro: né futuro, né passato esistono. E’ inesatto dire che i tempi sono tre: passato, presente, futuro. Forse sarebbe esatto dire che i tempi sono tre presente del passato, presente del presente e presente del futuro. Questi tre specie di tempi esistono in qualche modo nell’animo e non li vedo altrove: il presente del passato è la memoria, il presente del presente è la visione, il presente del futuro è l’attesa”.
GIOVANNI PORTA (www.giovanniporta.it) Psicoterapeuta esperto nell’utilizzo di tecniche artistiche nella relazione di aiuto, perfomer teatrale e poetico. Psicologo psicoterapeuta di orientamento gestaltico, è esperto in alimentazione e teatroterapia. Vive e lavora tra Roma e Milano.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il Premio Dedalo Minosse arriva all’Istituto di Cultura Italiana di Chicago

Posted by fidest press agency su giovedì, 25 ottobre 2018

Chicago (USA). Farà tappa a Chicago fino al 2 novembre, presso la sede del locale Istituto Italiano di Cultura, il tour della Mostra itinerante del Premio Dedalo Minosse. La cerimonia di apertura si terrà mercoledì 24 ottobre dalle 18:00 alle 20:00 nella sala espositiva dell’Istituto, al 500 N Michigan Ave – Suite 1405.Promosso con cadenza biennale da ALA – Assoarchitetti e dalla Regione Veneto, il Premio Internazionale Dedalo Minosse alla Committenza di Architettura è stato fondato nel 1997 ed è giunto ormai alla decima edizione. L’appuntamento promuove la qualità dell’architettura, analizzando e ponendo l’accento sul processo progettuale e costruttivo e sulle figure che determinano il successo dell’opera: l’architetto e il committente, con al loro fianco gli esecutori (le imprese) e i decisori (le pubbliche amministrazioni).La tappa di Chicago è realizzata con il supporto di Fondazione Inarcassa e si svolge in concomitanza con la presenza di una delegazione di circa 40 tra architetti e ingegneri che parteciperà al “II Workshop internazionale” promosso dalla stessa Fondazione e che avrà inizio domani, 23 ottobre, per concludersi sabato 27. Oltre alla cerimonia di premiazione al Teatro Olimpico di Vicenza, ALA – Assoarchitetti allestisce una mostra delle opere vincitrici del Premio Dedalo Minosse a Palazzo Chiericati, uno degli edifici palladiani del centro storico di Vicenza.La mostra itinerante è una sintesi dell’esposizione principale che si tiene a Vicenza e viaggia per il mondo, toccando diverse tappe per i due anni successivi, grazie ad accordi tra ALA Assoarchitetti, il Ministero degli Affari Esteri, gli Istituti Italiani di Cultura e Associazioni italiane e straniere. Le mostre itineranti, che hanno già toccato Parigi, Buenos Aires e Tokyo, sono occasione per esportare il premio e l’immagine dell’Italia, nonché per promuovere la cultura e la qualità dell’architettura nel mondo.Grazie alla collaborazione con Enti e Associazioni locali di architetti e di imprese, il Premio viene a coinvolgere non solo gli addetti all’architettura, ma un pubblico internazionale più vasto, costituito di committenti, investitori, amministratori e professionisti.

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Up Again After Stroke” è il tema scelto questanno dalla World Stroke Organization

Posted by fidest press agency su giovedì, 25 ottobre 2018

A.L.I.Ce. Italia Onlus presenta la XIV Giornata mondiale contro l’ctus cerebrale che si tiene, come ogni anno, il prossimo 29 ottobre. L’ictus cerebrale è una malattia grave e disabilitante che colpisce ogni anno nel mondo circa 15 milioni di persone e nel nostro Paese circa 150.000; quelle che sono sopravvissute, con esiti più o meno invalidanti, sono oggi almeno 800.000.
L’ictus è un evento improvviso, inatteso, traumatico di fronte al quale è normale sentirsi sconfortati e increduli e che ha un forte impatto non solo sulla persona colpita, ma anche sulla sua famiglia”.Per le persone colpite da ictus è, dunque, fondamentale che siano organizzate al meglio le reti di supporto: nella fase cronica della malattia, è principalmente la famiglia che ha la responsabilità di prendere decisioni molto impegnative, quali, ad esempio, utilizzare ancora qualche servizio della sanità pubblica oppure rivolgersi a servizi privati o a personale retribuito.
A.L.I.Ce. Italia Onlus è attiva, oltre che sulla sensibilizzazione e informazione alla popolazione sulla malattia, anche sul fronte della prevenzione come quello del post-ictus.
Obiettivo dell’iniziativa, realizzata grazie al contributo non condizionato di Boehringer-Ingelheim, è stato quello di estendere il messaggio di prevenzione all’intera popolazione, diffondendolo sul territorio, informando il pubblico sui fattori di rischio dell’ictus, sul “pericoloso legame” con questa anomalia del ritmo cardiaco, sulle diverse e innovative opzioni terapeutiche a disposizione e sulle limitazioni che ne possono derivare.
Il tema della riabilitazione post-ictus, costituisce per il paziente e i familiari un aspetto fondamentale che purtroppo però, nel nostro Paese, viene applicato in modo disomogeneo e frammentario, con inevitabili e gravi ripercussioni su chi sopravvive e sulla sua famiglia. La riabilitazione costituisce un approccio terapeutico fondamentale, a partire dalla fase acuta, per migliorare gli esiti di chi è stato colpito da ictus e per restituirgli la maggiore autonomia possibile, anche per evitare le complicanze causate dalla immobilità.
Risulta dunque urgente la realizzazione di un equo e uniforme accesso al Servizio Sanitario nazionale, che superi le attuali, gravi differenze territoriali e che, più in generale, si traduca in un’azione concreta per affrontare una così importante e delicata questione.
Tutte le informazioni sulle numerose iniziative nazionali, regionali e locali previste in occasione della Giornata Mondiale del prossimo 29 ottobre saranno inserite sul sito: http://www.aliceitalia.org.
Terza causa di morte, prima di invalidità e seconda di demenza: parliamo dell’ictus cerebrale, patologia dai numeri già non certo trascurabili, ma in costante crescita, considerando che oggi si vive più a lungo, che l’Italia è tra i paesi europei con speranza di vita più elevata e che le cure disponibili sono in continuo miglioramento e costante evoluzione. Fondamentale per la prevenzione è la adeguata consapevolezza da parte dei cittadini dei fattori di rischio che da soli o, ancora di più, in combinazione tra di loro aumentano la possibilità di incorrere in un ictus: ipertensione arteriosa, obesità, diabete, fumo, sedentarietà ed alcune anomalie cardiache e vascolari. Le nuove terapie della fase acuta (trombolisi e trombectomia meccanica) possono evitare del tutto o migliorare spesso in modo sorprendente questi esiti, ma la loro applicazione rimane a tutt’oggi molto limitata per una serie di motivi. I principali sono rappresentati dalla scarsa consapevolezza dei sintomi da parte della popolazione, dal conseguente ritardo con cui chiama il 112 e quindi arriva negli ospedali idonei, dal il ritardo intra-ospedaliero e, infine, dalla mancanza di reti ospedaliere appropriatamente organizzate.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

ExpoSalus and Nutrition

Posted by fidest press agency su giovedì, 25 ottobre 2018

Roma si terrà dall’8 all’11 novembre alla Fiera di Roma. Sarà un punto di incontro tra 22 società scientifiche, Università, enti di ricerca e Associazioni dei pazienti per parlare d salute, benessere e qualità di vita. 4 giorni tra check-up ed eventi per parlare di medicina del futuro e di gestione della salute. Si affronteranno i temi della prevenzione, della razionalizzazione delle risorse e della collaborazione tra operatori sanitari, pazienti e cittadini, ponendo possibile soluzioni. In una era in cui il progresso scientifico e tecnologico sta modificando velocemente il mondo della salute, cambia anche il ruolo del medico e dell’operatore sanitario. C’è bisogno quindi di un confronto e di una formazione continua e uno scambio di saperi tra i diversi professionisti che lavorano in sanità per far si che le nuove pratiche diventino “virali” su tutto il territorio. Si parlerà del ruolo del Big Data nella sanità, le nuove frontiere dell’ intelligenza artificiale le sfide della robotica e della realtà virtuale. 4 giorni aperti ai giovani: sarà dato Spazio alle scuole e agli studenti universitari. L’informazione ai cittadini passerà attraverso il Teatro Salus al padiglione 9 in un viaggio attraverso la salute tra presente e futuro. A disposizione dei cittadini anche postazioni di organizzazioni sanitarie, laboratori, associazioni di pazienti. Nella 4 giorni di Fiera saranno offerti gratuitamente consulti, visite e test diagnostici a tutti i visitatori.I temi della Nutrizione e della Dieta Mediterranea saranno il filo conduttore della manifestazione perché trasversali alla nostra salute.

Posted in Recensioni/Reviews, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Presentazione dell’attività del Polo Astronomico di Alpette

Posted by fidest press agency su giovedì, 25 ottobre 2018

Torino Martedì 30 ottobre alle 15 nella Sala Stemmi del palazzo della Città Metropolitana di Torino, in corso Inghilterra 7, è in programma una presentazione dell’attività del Polo Astronomico di Alpette, dedicata in particolare agli insegnanti e ai dirigenti delle istituzioni scolastiche. In tale occasione il Polo riceverà la Certificazione Herity International, rilasciata dall’organismo non governativo e non profit per la gestione di qualità del patrimonio culturale. Herity deriva il proprio nome dall’unione delle parole inglesi “heritage” e “quality”.La prima sessione dell’evento si aprirà con i saluti istituzionali della Consigliera metropolitana delegata all’istruzione Barbarà Azzarà e del Sindaco di Alpette, Silvio Varetto. Il Presidente dell’associazione Amici del Polo Astronomico, Daniele Corna, presenterà la storia e l’attività scientifica e didattica che si svolge ad Alpette, mentre il fisico Sabino Saracino entrerà nel dettaglio sulla strumentazione dell’osservatorio e del planetario e sui progetti in corso nel Polo. L’astronomo Walter Ferreri si soffermerà sugli eventi astronomici più importanti del 2018 e del 2019 e su come vengono seguiti ad Alpette. Ernesto Torti, autore di testi di divulgazione, parlerà di come si può “Scrivere l’astronomia”. Il progetto di CLIL-Content and Language Integrated Learning che coinvolge il Polo Astronomico sarà illustrato dall’ACLE-Associazione Culturale Linguistica Educational e dal CeseDi, il Centro Servizi Didattici della Città Metropolitana di Torino.La seconda sessione si aprirà alle 17 e sarà condotta dal giornalista scientifico Antonio Lo Campo. Sono previsti i saluti istituzionali del Sindaco di Alpette e della Consigliera metropolitana delegata al turismo, alle relazioni internazionali e ai progetti europei, Anna Merlin. A seguire la coordinatrice di Herity Italia, Gaia Marnetto – insieme al professor Maurizio Quagliuolo, Segretario generale di Herity – conferirà la Certificazione Herity al Polo Astronomico di Alpette. Al termine la Coldiretti proporrà un buffet con i prodotti della tradizione canavesana.
L’osservatorio è posizionato sulla parte più alta del palazzo municipale, mentre il planetario è a poca distanza, nella vicina piazzetta Gran Paradiso. La cupola dell’osservatorio misura circa 5,5 metri. Vi è alloggiato un nuovo telescopio di tipo Ritchey-Chretien di 60 centimetri di diametro, al quale è accoppiato un telescopio di tipo rifrattore APO di 12 centimetri di diametro. Il telescopio principale consente di scorgere astri che emettono una luce più debole di quella del pianeta Plutone. Si tratta di strumentazioni ideali per osservare oggetti celesti della nostra galassia – come pianeti, nebulose, ammassi stellari – e altre galassie più lontane. Il planetario, inaugurato nell’ottobre del 2010, ha la possibilità di accogliere 54 visitatori per volta e consente di osservare la sfera celeste e i suoi fenomeni, proiettati sulla cupola, anche durante il giorno e con qualsiasi condizione climatica e atmosferica. È dotato di un sistema di proiezione a tecnologia digitale con risoluzione Ultra HD.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Medicina: ormoni, metabolismo e sport

Posted by fidest press agency su giovedì, 25 ottobre 2018

L’Organizzazione Mondiale della Sanità indica nell’inattività fisica il quarto più importante fattore di rischio di mortalità nel mondo e il maggiore fattore di rischio per le malattie non trasmissibili, quali le patologie cardiovascolari, i tumori e il diabete.Ma, d’altra parte, anche il concetto “sport e salute” è un azzardo e un po’ più complicato di quando possa apparire.Dall’ultimo report del Ministero della Salute dei controlli effettuati nel 2017 su giovani e sport amatoriali emerge che non c’è sport che sfugga al doping inteso come uso di un farmaco o di una pratica medica non a scopo terapeutico ma per migliorare il rendimento psicofisico. Sempre il Ministero rileva che le sostanze più utilizzate sono gli agenti anabolizzanti (48,3%), stimolanti (17,2%), corticosteroidi (8,6%) e diuretici e agenti mascheranti (8,6%).Quali conseguenze sulla salute quando lo sport diventa un’ossessione? Di questi temi si parla il 26 ottobre a Verona in occasione di un convegno “Ormoni, metabolismo e sport”, promosso da AME, Associazione Medici Endocrinologi, dal CONI e la Federazione Medico Sportiva sotto la guida scientifica di Roberto Castello, direttore di Medicina Generale ed Endocrinologia AOUI, Verona e di Paolo Cannas, medico ospedaliero e medico sportivo della squadra di Basket A2 di Verona.
Ma cosa succede all’organismo umano quando fa sport? “L’impatto dell’esercizio fisico sull’attività del sistema endocrino”, prosegue Roberto Castello, “è ancora non del tutto conosciuto, in parte a causa dei numerosi fattori e variabili che possono interferire, sia dipendenti dall’esercizio fisico stesso (tipo, intensità, durata), che dal soggetto che lo svolge (età, sesso, composizione corporea, stato nutrizionale, patologie, farmaci e fattori psicologici). Le risposte ormonali dell’organismo possono essere acute e croniche. Le risposte del sistema endocrino sono proporzionali all’intensità dell’esercizio svolto, anche se non sempre in maniera lineare. Inizialmente, nel giro di pochi secondi dall’inizio dell’esercizio fisico, viene attivato il sistema nervoso simpatico con produzione di catecolamine anche da parte della ghiandola surrenalica; allo stesso tempo viene inibita la produzione pancreatica di insulina e viene stimolata la secrezione di glucagone. Proseguendo si passa alla seconda fase, che inizia sempre nel giro di un minuto dall’inizio dell’attività fisica, nella quale l’ipofisi inizia a secernere altri ormoni.
Le malattie endocrine possono influenzare diverse attività metaboliche che presiedono lo stato della massa muscolare, del metabolismo energetico e dell’integrità psicofisica. Per questo è importante per chi volesse fare attività sportiva escludere un’alterazione ormonale. Ci sono alcune patologie endocrine (ipogonadismo, ipotiroidismo, iposurrenalismo e deficit dell’ormone della crescita) per le quali sono necessarie terapia sostitutive con farmaci che rientrano tra quelli vietati dal Comitato Olimpico Internazionale.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Lorenzo Galletti ai vertici della Società europea cardiochirurgica

Posted by fidest press agency su giovedì, 25 ottobre 2018

Bergamo. Il primario della Cardiochirurgia del Papa Giovanni XXIII Lorenzo Galletti è stato nominato Presidente del Dominio Cardiopatie Congenite della Società Europea di Chirurgia Cardiotoracica (EACTS). La nomina è giunta dal gotha mondiale dei cardiochirurghi nella giornata di apertura del Meeting annuale della Società ospitato a Milano (18-19-20 ottobre). EACTS è infatti una delle più grandi associazioni mondiali in questo campo medico. Conclusi i lavori di Milano, alcuni fra i big della cardiochirurgia pediatrica si sono trasferiti a Bergamo per affinare le tecniche di sala operatoria per la cura delle malattie valvolari nei bambini.Al nuovo Presidente Lorenzo Galletti spetterà il compito di curare l’attività di formazione, aggiornamento e addestramento chirurgico dei professionisti che si dedicano al trattamento delle cardiopatie congenite. Gli incontri di addestramento EACTS (skill course) affrontano le tecniche di sala operatoria e il trattamento di malattie cardiache che in molti casi richiedono interventi salvavita fin dalla tenera età. Ma la mission di EACTS si estende alla promozione della ricerca sulle patologie cardiovascolari e toraciche e sulla loro cura, con l’obiettivo di diffonderne la conoscenza a beneficio dei pazienti. Dal 1986, anno della sua Fondazione, EACTS è cresciuta fino a contare oltre 4000 componenti attivi tra chirurghi, perfusionisti e altri specialisti del settore.
A presentare i casi clinici delle tre sessioni (valvola aortica, mitrale e tricuspide), con l’ausilio di proiezioni di video in aula e all’osservazione in diretta da due sale operatorie dell’Ospedale di Bergamo, si sono alternati cardiochirurghi di fama mondiale. Pedro J. Del Nido, direttore del Dipartimento di Chirurgia cardiovascolare del Boston Children Hospital, USA) è noto tra l’altro per aver inventato una particolare soluzione per la perfusione del cuore. J.P. Da Silva (Hospital Hospital Beneficencia Portuguesa di San Paolo, Brasile) ha dato il nome a una tecnica di riparazione della valvola tricuspide, nota come anomalia di Ebstein. Gebrine El Khoury, direttore del Dipartimento di Chirurgia cardiovascolare e Toracica delle Cliniche universitarie Saint-Luc di Bruxelles (Belgio) è uno dei pionieri della valvuloplastica aortica. Christian Pizarro è direttore del Dipartimento di Chirurgia pediatrica cardiotoracica del Nemours Alfred I. duPont Hospital for Children, Wilmington, USA. Presenti anche Tom Roland Karl del Johns Hopkins All Children’s Hospital, Saint Petersburg, USA, insieme a una decina di altri colleghi europei specializzati in cardiochirurgia pediatrica. Per effetto della recente nomina, Lorenzo Galletti entra automaticamente a far parte del Council di EACTS, organismo di indirizzo della Società. I 15 componenti del Council sovrintendono ai quattro ambiti in cui EACTS è articolata (Vascolare, Toracico, Cardiopatie acquisite e Cardiopatie congenite).E’ soprattutto la data della nomina di Lorenzo Galletti ai vertici di EACTS ad assumere un valore particolare. Nel 2018 ricorre infatti il trentennale dell’“annus mirabilis” della cardiochirurgia orobica. Il 19 giugno 1988 si tenne proprio a Bergamo – grazie a un’intuizione (e alla caparbietà) di Lucio Parenzan – il primo Congresso Mondiale di Cardiochirurgia Pediatrica. L’evento richiamò circa 800 delegati dai 5 continenti. 235 le relazioni assegnate ai massimi esperti mondiali. Il Congresso ebbe il merito tra l’altro di sancire definitivamente l’opportunità clinica di anticipare il trattamento chirurgico delle malformazioni cardiache al periodo neonatale, sotto il primo anno di vita.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Wang Jun e Italo Calvino a confronto con l’Orlando Furioso di Ludovico Ariosto 翻译与重写:王军与卡尔维诺笔下的《疯狂的罗兰》 原著:卢多维科·阿里奥斯托

Posted by fidest press agency su giovedì, 25 ottobre 2018

Shanghai自由入场 Sinan Literature’s House, Middle Fuxing Rd 505, Huangpu District, 日期|Data: 2018.10.27 Sab. 周六, 14:00 地点|Luogo: 思南文学之家(上海市黄浦区复兴中路505号) Entrata Libera
Nel 2018 il prof. Wang Jun, della Beijing International Studies University, ha vinto il premio Lu Xun per la traduzione grazie alla sua traduzione del poema cinquecentesco di Ludovico Ariosto, Orlando Furioso, pubblicata in dicembre 2017 dalla Zhejiang University Press. Il prestigioso riconoscimento ha voluto premiare il successo di un’impresa senz’altro molto ardua, in cui il traduttore si è trovato a affrontare, oltre alle più ovvie, e comunque infinite, divergenze sul piano puro e semplice della lingua, l’impostazione drammaticamente diversa tra la letteratura cinese e quella italiana del sistema dei generi letterari.
In particolare, nella letteratura cinese manca del tutto il genere del poema narrativo, e quindi manca quel modello di lungo racconto in versi che nella cultura europea ha sempre rivestito un ruolo fondamentale, da Omero in poi. Della sua battaglia col testo ariostesco, volta a renderlo accessibile a un pubblico cinese, Wang Jun parlerà il 27 al pubblico dell’Associazione degli Scrittori di Shanghai, in dialogo con Marco Lovisetto, docente di traduzione, scrittura e comunicazione interculturale presso la Zhejiang Normal University di Jinhua, che invece concentrerà la sua attenzione sui problemi legati alla traduzione intralinguistica. Il punto di partenza sarà questa volta Italo Calvino, o meglio la trascrizione dell’Orlando Furioso in italiano moderno che nel 1970 Calvino offrì al nuovo pubblico nazionale, consapevole che l’originale cinquecentesco poteva presentare al lettore novecentesco difficoltà tali da rendere poco godibile un’opera che pure per molti può essere considerata uno dei massimi capolavori della letteratura italiana. Dal Cinquecento al Novecento, rifletteva Calvino, in Italia è cambiato tutto, dall’assetto politico a quello sociale, culturale e nella fattispecie linguistico.Muovendo quindi dal premio assegnato all’eccellente lavoro di Wang Jun, questa conferenza vuole essere un momento di riflessione sul lavoro di traduzione in quanto tale, nel suo aspetto di riscrittura di un testo col quale sempre, inevitabilmente, si stabilisce un rapporto di fedeltà e infedeltà, restituzione e superamento.
今年,北京外国语大学意大利语教授王军凭借翻译十六世纪意大利伟大诗人卢多维科·阿里奥斯托的叙事长诗《疯狂的罗兰》(意译汉,浙江大学出版社 2017年12月出版)荣获第七届鲁迅文学奖文学翻译奖。这份殊荣肯定了译者在这部巨制史诗的翻译工作上所取得的杰出成就。翻译《疯狂的罗兰》无疑是一个异常艰巨的任务,译者要面对的,不仅是显而易见的但无穷无尽的语言表达上的差异,更有意大利文学和中国文学在文体上的巨大鸿沟。事实上,中国文学中并不存在“叙事长诗”这种形式,而反观欧洲文学,自荷马时代起它就成为了一种极其重要的文学体裁。那么,应该如何使阿里奥斯托的这部伟大叙事诗为中国读者所理解呢?就此话题,10月27日思南读书会,王军教授将与思南文学之家的读者进行探讨,深入解析语际翻译的困难与应对策略。本场的讲座还邀请到了浙江师范大学的罗马克教授共同主讲。作为翻译、写作与跨文化交流学者,罗马克教授将以卡尔维诺改写的《疯狂的罗兰》版本为出发点,着重分析语内翻译的相关问题:鉴于原著写于十六世纪,内容艰深,为了二十世纪的读者更好地欣赏这部意大利文学代表作之一,卡尔维诺于1970年将其改写为现代意大利语的版本。正如卡尔维诺所言,从十六世纪至二十世纪以来,无论是政治体制、社会结构、文化生活还是语言表达,意大利都已发生了翻天覆地的变化。 综上,本次讲座将以荣获大奖的王军教授译作为基础,对翻译工作进行反思,讨论翻译在重写文本时与之不可避免地形成的忠实与背叛、回归与超越的关系。

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Annabel’s

Posted by fidest press agency su giovedì, 25 ottobre 2018

London – Christie’s will hold a landmark auction celebrating Annabel’s, 44 Berkeley Square ·1963–2018· on 20 November 2018. The legendary destination of royalty, fashion icons, recording stars and Hollywood greats alike, from Kate Moss to Frank Sinatra, The Rolling Stones and The Beatles, to Jack Nicholson, Elizabeth Taylor and Leonardo DiCaprio, among many others, Annabel’s was founded 55 years ago by Mark Birley; Richard Caring acquired the Birley Group – including Annabel’s – in 2007. The auction comprises over 250 lots, spanning Modern British, Old Master, 19th century and Victorian Paintings and Drawings; Political Cartoons; Prints; Vintage Posters; Furniture, Glassware, Silver and Lighting; as well as a complete Annabel’s table setting for eight (estimate: £1,000-1,500); the sale will also feature a small number of works from Harry’s Bar. Led by one of the final portraits of Henry Thomas by Glyn Philpot, R.A., 1937 (estimate: £80,000-120,000), estimates range from £50 to £120,000. Offering unprecedented access to the normally private world of Annabel’s, the pre-sale public view will take place in-situ at 44 Berkeley Square from 16 to the 20 November, with one catalogue admitting two visitors. The auction at Christie’s, King Street, will also be live streamed into the new club at 46 Berkeley Square.Among the rich array of evocative highlights offered from the old Annabel’s club, including ‘the red velvet corner sofa’ (estimate: £2,000-4,000) and the iconic Bodhisattva from The Buddha Room (estimate: £10,000-20,000), is Christian Voigt’s last picture of Annabel’s taken before the doors were closed (estimate: £5,000-8,000, illustrated above). The proceeds from this lot by Voigt, along with another lot comprising 10 framed prints by photographer Richard Young celebrating the many legendary Members and Friends who have gathered at Annabel’s over the years – including iconic images of Princess Diana, Elizabeth Taylor, Kate Moss, Jack Nicholson & Michael Caine, will go to The Children’s Charity For The Good Of All Children (estimate: £5,000-8,000).Orlando Rock, Christie’s UK Chairman: “Everyone has a story to tell about Annabel’s, the iconic and visionary London nightclub founded by Mark Birley over half a century ago. Emerging from the ashes of London’s post-war gloom, Annabel’s became synonymous with glamorous sophistication, epitomising the heady cocktail where ‘old’ and ‘new’ world’s collided. Witnessed by a cast of thousands who represent a veritable who’s who of London society since the ‘60s, Christie’s is incredibly excited to have been chosen to present the iconic backdrop of so many fabled evenings for sale at auction.The taste is uniquely Birley’s – caricatures by Bateman and sketches by Ward jostling with theatrical Jazz age posters by Colin and costume designs by Bakst from the Ballet Russes, whilst Modern British works by Philpot, Orpen and Munnings remind us all of the intellectual inheritance of his painter father Sir Oswald Birley. Each and every lot – from The Buddha Room’s Bodhisattva to the well-trodden dance floor and even the toast racks – is sure to evoke many memories and excite collectors internationally who want to celebrate the unique atmosphere, laughter and friendships that Annabel’s represents. We look forward to welcoming the public to the free pre-sale public exhibition in-situ at Annabel’s 44 Berkeley Square from 16 November, ahead of the sale on 20 November.” Richard Caring: ‘Since its ground-breaking opening 55 years ago, Annabel’s has earned a global reputation founded on luxury, style and unrivalled atmosphere making it one of the most elegant and glamorous Clubs in the world. Home to an Aladdin’s cave of treasures, known and loved as a landmark of opulence and revelry, it is my great privilege to offer Annabel’s Members and friends the chance to own a piece of its history as a permanent keepsake. It’s a celebration of the atmosphere, style and people who made Annabel’s the place to be, then and now. Annabel’s has always been an avid supporter of charitable causes and I am delighted that the proceeds of Christian Voigt’s iconic photograph of the Club, as well as Richard Young’s celebrity portraits taken at Annabel’s, will be sold to benefit The Children’s Charity For The Good Of All Children. As the greatest and most iconic nightclub in the world, I’m honoured to have had the opportunity to carry on its legacy.’

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »