Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 321

Archive for 11 novembre 2018

Il disegno di Catherine Meurisse incontra la danza di DD Dorvillier

Posted by fidest press agency su domenica, 11 novembre 2018

catherine_meurisse_e_dd_dorvillierRoma giovedì 15 novembre Accademia di Francia Villa Medici Viale della Trinità dei Monti, 1. Ingresso gratuito a partire dalle 18 con lo spettacolo Gli amori degli dei tra intrighi e incanti in cui l’arte è la via per superare la violenza e la morte, una performance che fonde i disegni e la scrittura con la danza. Nell’ambito de La Francia in Scena all’interno del progetto “Bibliothèques vivantes”, che unisce performance e installazioni partecipative a metà tra lo spettacolo dal vivo e l’universo dei libri, il 15 novembre a Villa Medici alle ore 18.30 va in scena “Vois-tu celle-là qui s’enfuit” / “Vedi quella lì che scappa”. Protagoniste la disegnatrice e fumettista Catherine Meurisse e la coreografa DD Dorvillier, la cui ultima pièce Extra Shapes è stata presentata al Centre Pompidou.
Lo spettacolo è inserito nella programmazione dei giovedì della Villa ed è prodotto del festival francese Concordan(s)e creato da Jean- François Munniercon con l’intento di mettere in relazione uno scrittore con una coreografa.La disegnatrice Catherine Meurisse e la coreografa DD Dorvillier si sono incontrate per la prima volta a Roma, nel 2015. Condividono il fascino per una serie di statue della Villa Medici, i Niobidi, che sono una rappresentazione di figure in fuga, i figli di Niobe, uccisi per volontà di Latona. Nella mitologia greca, Niobe ebbe infatti sette figli e sette figlie, e ne era così orgogliosa che si prese gioco di Latona. Lei, che ne aveva avuti solo due (Apollo e Artemide), non esitò a vendicarsi dell’offesa subita facendoli sterminare con le frecce dei due fratelli. Una scena che ha ispirato le sculture di Balthus (1908-2001) nei giardini di Villa Medici. E che rivivrà nei disegni e niobidi2_villa_medici.jpgmovimenti di Catherine Meurisse e DD Dorvillier.La coreografa si muoverà ripetendo le forme delle sculture e interagendo con le immagini dei disegni realizzati di volta in volta da Catherine, proiettate in tempo reale in un video alle sue spalle, con le musiche registrate dei compositori americani Zeena Parkins e Seth Cluett. Saranno dunque due i soggetti in scena che dialogheranno: da una parte DD Dorvillier, con i movimenti del suo corpo, e dall’altra la memoria della disegnatrice, che prenderà vita con penne, inchiostro, carta e acqua. E’ una performance che riguarda il movimento e la pittura; ma è anche una riflessione sulla riproduzione e sul modo di fare arte, sulla comprensione di ciò che si vede usando il proprio corpo, come ci si sente osservando le cose.Durante il suo soggiorno a Roma, la coreografa DD Dorvillier ha contemplato a lungo le statue di Villa Medici prendendo le posizioni, tatuando nel suo corpo le tensioni e contrazioni nervose di questi esseri umani in corsa, già catturati dal loro omicida. La disegnatrice Catherine Meurisse, una delle sopravvissute di Charlie Hebdo, ha cercato di dimenticare il tragico evento circondandosi di bellezza e affidandosi all’arte: “Lavorando con DD sulle statue [le Niobidi di Villa Medici], ho rotto l’incantesimo che mi ha imprigionato”. A partire da queste esperienze, inizia una conversazione sull’arte ed il movimento, sulle modalità del disegno, della danza e della scrittura. Sul palco questa volta, i corpi troncati, storti e contorti emergono dal vivo da enormi fogli di carta in dialogo con le pose della coreografa. “L’arte è una mediazione, un filtro che permette di affrontare la violenza e la morte” spiega Catherine Meurisse “Per cui, mi affido agli artisti in cui ho assoluta fiducia. Sono coloro che mi aiutano a capire il mondo”. (photo: catherine_meurisse_e_dd_dorvillier et niobidi2 villa medici copyright institutfrancais.it)

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Mettere i voti a scuola”

Posted by fidest press agency su domenica, 11 novembre 2018

Parma Giovedì 15 novembre alle 15.30, nell’Aula F del Polo didattico di via Del Prato, è in programma un incontro con Guido Benvenuto, docente della Sapienza – Università di Roma e autore di “Mettere i voti a scuola”. Il volume, edito da Carocci, affronta i problemi della misurazione e della valutazione scolastica con rigore scientifico e linguaggio diretto ed essenziale.L’incontro con l’autore, introdotto da Paolo Calidoni, docente di Didattica e pedagogia speciale all’Università di Parma e promosso dall’Unità di Educazione del Dipartimento di Discipline Umanistiche, Sociali e delle Imprese Culturali – DUSIC, offrirà l’occasione per l’approfondimento e la discussione di tecniche e significati educativi della valutazione nell’istruzione secondaria.La valutazione scolastica è un’attività complessa, e i processi decisionali che si adottano nel mettere voti, attribuire punteggi o formulare giudizi sono spesso viziati da un’eccessiva variabilità e soggettività, che ha un’inevitabile ricaduta sul percorso scolastico degli studenti. È sempre più necessario, quindi, elaborare valide e affidabili forme di accertamento degli apprendimenti. L’incontro, che arricchisce il percorso universitario PF24, è aperto a insegnanti e dirigenti scolastici. È valido come aggiornamento per gli insegnanti che si iscriveranno attraverso la piattaforma S.O.F.I.A. (www.istruzione.it/pdgf; ID Iniziativa Formativa 22754 ID Edizione 32996) e potranno quindi ricevere l’attestato di partecipazione.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola e PA: Dipendenti pubblici, tornano gli aumenti miseria: solo 8 euro, in estate forse arriveranno a 14

Posted by fidest press agency su domenica, 11 novembre 2018

L’indennità di vacanza contrattuale, sparita dal cedolino a partire da giugno 2018 perché inglobata nello stipendio tabellare, tornerà ad essere prevista poiché il contratto 2016/18 scadrà alla fine di dicembre 2018. La somma, insieme all’elemento perequativo, dovrà poi essere riassorbita quando si procederà a stipulare il nuovo contratto. Ma si tratta di cifre vergognosamente basse. Marcello Pacifico (Anief-Cisal): Come si può pensare di coprire il costo della vita con meno di 10 euro al mese? È una domanda che giriamo ai nostri governanti. Per questo motivo Anief continua ad invitare i lavoratori a ricorrere per il conferimento dell’indennità di vacanza contrattuale per il periodo 2015-2018, in modo da recuperare almeno il 50% del tasso IPCA non aggiornato nell’ultimo triennio.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: Sostegno disabili, a due mesi dall’inizio delle lezioni rimangono da assegnare migliaia di docenti

Posted by fidest press agency su domenica, 11 novembre 2018

L’anno scolastico è iniziato da oltre due mesi, ma tanti alunni disabili sono ancora in attesa del docente di sostegno. Solo in questi giorni, infatti, si sta mettendo in modo la macchina organizzativa che porterà all’assegnazione definitiva di circa 50 mila insegnanti da affiancare agli allievi con gravi e certificate problematiche di apprendimento. “Arrivano i posti in deroga, quelli indispensabili per gli alunni ma che continuano ad essere negati nella costituzione degli organici per l’anno scolastico”, scrive oggi la rivista Orizzonte Scuola. Secondo Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief e segretario confederale Cisal, alla base di questa situazione assurda vi è la somma di più problemi irrisolti: lo abbiamo denunciato più volte e ora, a due mesi dall’inizio delle lezioni, i nodi vengono al pettine.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola – Legge Europea, presentato al Senato emendamento Anief-Cisal per l’assunzione dei docenti e Ata precari

Posted by fidest press agency su domenica, 11 novembre 2018

La richiesta di modifica dell’Atto del Senato n. 822 è stata formulata dal sen. Antonio Iannone (FdI), membro della VII Commissione a Palazzo Madama: prevede che qualora “il rapporto di lavoro abbia complessivamente superato i trentasei mesi, comprensivi di proroghe e rinnovi, indipendentemente dai periodi di interruzione”, si proceda automaticamente “all’assunzione a tempo indeterminato, in ottemperanza a quanto previsto dalla direttiva 1999/70/CE del Consiglio, del 28 giugno 1999″. La sua approvazione è fondamentale per dare finalmente seguito alla direttiva UE 70/99, introdotta da Bruxelles proprio per dire basta alla reiterazione dei contratti a tempo determinato e se si vuole superare il problema dei vuoti di organico, vera croce di dirigenti ministeriali e scolastici alla perenne ricerca di supplenti malgrado vi siano decine di migliaia di lavoratori già selezionati, formati, con esperienza e che chiedono solo di essere stabilizzati. “Per il bene del nostro sistema scolastico confidiamo molto nell’approvazione dell’emendamento 12.0.3, anche perché potrebbe evitare la quasi certa condanna dello Stato italiano nella procedura d’infrazione 4231/14 proprio sull’abuso delle supplenze in presenza di posti vacanti e di candidati selezionati e formati. I vantaggi dell’approvazione dell’importante modifica sono stati già espressi nel corso della recente audizione Cisal tenuta presso la XIV Commissione del Senato, dove sono state ricordate le ragioni dell’emendamento 12.0.3 partendo dalla sentenza C-331/17 Sciotto della Corte di Giustizia Europea emessa il 25 ottobre scorso”.

Posted in Diritti/Human rights, scuola/school | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Da aprile 2019 solo 40 euro di aumenti lordi per 3,3 milioni di dipendenti pubblici

Posted by fidest press agency su domenica, 11 novembre 2018

Si rivela davvero poco produttivo lo stanziamento dei fondi previsti dal DEF, ai fini dell’incremento stipendiale degli statali, tra cui 1,2 milioni di docenti e Ata: 1.1 miliardi di euro per il 2019, 1.425 per il 2020 e 1.775 a partire dal 2021, porteranno nelle loro buste paga appena 500 euro annui. I compensi, in realtà, non sono veri e propri aumenti, ma coprono solo l’indennità di vacanza contrattuale, meno della metà del rinnovo approvato nel 2019 dopo quasi dieci anni di blocco. La quota, peraltro, non è nemmeno aggiornata. Secondo Marcello Pacifico (Anief-Cisal) con un impegno annuo che si aggira sul miliardo e mezzo di euro, in pratica, si vuole far passare il concetto che ci stiamo avvicinando agli stipendi degli insegnanti europei. Mentre per colmare davvero questo divario servirebbe uno stanziamento finanziario dieci volte tanto. Per questo, Anief ribadisce l’esigenza di avviare la vertenza giudiziaria per il recupero dei crediti, ricorrendo per il conferimento dell’indennità di vacanza contrattuale per il periodo 2015-2018, in modo da recuperare almeno il 50% del tasso IPCA non aggiornato nell’ultimo triennio. Chi non ricorre al giudice rischia di subire quello che ha appena registrato l’Aran per il periodo 2001-2016, con i compensi annui addirittura in discesa.

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Venezia si illumina di rosso

Posted by fidest press agency su domenica, 11 novembre 2018

Non è la prima volta che ACS illumina importanti monumenti in rosso per i cristiani perseguitati. «Stavolta – ha affermato il direttore di ACS, Alessandro Monteduro – vogliamo dedicare in particolar modo l’evento ad Asia Bibi e con lei a tutte le donne che soffrono violenza a causa della fede. Nella speranza che il movimento del #MeToo vada oltre Hollywood e includa anche queste donne coraggiose». Anche il Patriarca Moraglia ha citato l’esempio coraggioso di Asia Bibi: un modello per il «Cristianesimo in pantofole» di tanti occidentali.Per raccontare l’evento del 20 novembre, ACS ha invitato in conferenza stampa cinque sacerdoti ed una religiosa. Don Robert Digal ha parlato della minaccia del fondamentalismo indù in India e ricordato i pogrom anticristiani dell’Orissa avvenuti nel 2008 anche nel suo villaggio. Suor Caterina Thi Kim Sa Tran della difficoltà di essere cristiani in Vietnam. Don Joseph Fidelis, sacerdote nigeriano ha ricordato le ragazze rapite, violentate e costrette a convertirsi da Boko Haram, in Nigeria. «Oggi voglio rilanciare la domanda che tanti cristiani perseguitati in Nigeria si pongono: “Mentre noi soffriamo dove sono i nostri fratelli occidentali?”». Il sacerdote ha sottolineato l’importanza di far conoscere al mondo le persecuzioni anticristiane con eventi quali quello di Venezia. Un’esigenza espressa anche da Don David John, sacerdote pachistano. «La cosa più difficile per noi è che soffriamo in silenzio. Asia Bibi è da anni in carcere e non abbiamo mai sentito la sua voce. Grazie ACS perché così fate sentire la nostra voce in tutto il mondo».Padre Antoine Alan, francescano egiziano, ha posto l’accento sul pellegrinaggio giovanile che precederà l’evento nella città lagunare. «I giovani occidentali devono sapere cosa accade ai cristiani. A volte incontro dei ragazzi che non sanno neanche che in Egitto vi sono cristiani. E questa ignoranza fa più male del fondamentalismo». A Venezia racconterà le difficoltà dei cristiani egiziani, monsignor Botros Fahim Hanna.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Imbarazzante silenzio su numeri aggressioni agli agenti”

Posted by fidest press agency su domenica, 11 novembre 2018

“Dal ministro della Giustizia Alfonso Bonafede registriamo un imbarazzante silenzio sulle condizioni insostenibili per la polizia penitenziaria all’interno degli istituti penitenziari. Ad oggi non c’è alcun provvedimento che punti a garantire maggior sicurezza e dignità per gli agenti”: è quanto afferma in una nota Edmondo Cirielli, Questore della Camera dei Deputati e parlamentare di Fdi.“I numeri sulle aggressioni nei primi 9 mesi del 2018, diffusi oggi da Sappe e Sap (sigle sindacali della polizia penitenziaria) sono drammatici. Eppure dal governo del cambiamento non è arrivata alcuna proposta per risolvere il problema. Né ad oggi abbiano notizie dell’abolizione del regime di vigilanza dinamica”- spiega Cirielli. “Bonafede se vuole confermare la linea del suo predecessore Andrea Orlando lo dica chiaramente. Noi, come già fatto in passato, continueremo a batterci per ridare onore e dignità alla polizia penitenziaria” – conclude il Questore.

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Sovranismo per recuperare identità europea

Posted by fidest press agency su domenica, 11 novembre 2018

“Recuperare e riscoprire l’identità dell’Europa attraverso il sovranismo, capace di guardare al futuro e di tutelare gli interessi di un popolo in una prospettiva dinamica e non statica”. Così il senatore di Fratelli d’Italia e presidente della Fondazione FareFuturo, Adolfo Urso, aprendo i lavori del master di formazione organizzato dalla stessa Fondazione rivolto alla giovane classe dirigente sovranista. “Sbaglia chi pensa – spiega il senatore di FdI – che sovranismo e populismo siano sinonimi. Il sovranismo è futurista e ragiona secondo la logica della crescita e dello sviluppo. Il populismo è soltanto presentismo, incapace di guardare oltre il proprio orizzonte temporale. Passa anche da questo il rilancio dell’Europa al quale possono dare il loro contributo proprio i Paesi di Visegrad, che più di tutti sentono in questo momento storico il timore di perdere le proprie identità, dopo aver vissuto il peso dell’esperienza sovietica. E infatti il rischio che oggi vive l’Unione europea è proprio quello di trasformarsi in una nuova Unione sovietica”. Invece l’Europa deve recuperare la sua identità “perchè – precisa Urso – in un mondo che riscopre dovunque le proprie identità, finanche nel mondo islamico, l’Ue deve evitare di ridursi ad un guscio vuoto”. Il corso si inserisce nel programma di ricerca “La crescita felice: natalità e investimenti”, che la Fondazione Farefuturo sta realizzando con altre Fondazioni di centrodestra dei Paesi di Visegrad, con l’obiettivo di presentare un comune Rapporto internazionale. Con Farefuturo, sono impegnati: Center for open Policy – Slovacchia, Institute of Politics and Society – Rep. Ceca Szazadveg Politikai Iskola Alapitvany – Ungheria. Il corpo docente del corso selezionerà i migliori partecipanti, cui sarà chiesto di coadiuvare i ricercatori nel progetto di Visegrad. Il corso si articolerà in una serie di sessioni e seminari di studio ai quali parteciperanno esponenti del mondo accademico, della cultura e della politica. La chiusura è prevista per venerdì 14 dicembre con l’intervento del presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Servizi per gli italiani all’estero

Posted by fidest press agency su domenica, 11 novembre 2018

“Ho incontrato il Sottosegretario alla Pubblica Amministrazione, On. Fantinati, per uno scambio di idee sul funzionamento della Pubblica Amministrazione per gli italiani all’estero, i problemi che essi hanno quando tornano in Italia e i servizi all’estero. In particolare gli ho rappresentato la necessità di una Pubblica Amministrazione più interconnessa tra l’Italia e le sedi consolari all’estero attraverso l’uso delle nuove tecnologie per rendere un servizio più efficace ed efficiente ai connazionali. L’incontro è stato molto cordiale e costruttivo nella prospettiva del bene delle nostre Comunità nel mondo”.Lo ha dichiarato l’On. Fucsia Nissoli, deputata eletta nella Circoscrizione estero – Ripartizione Nord e Centro America, dopo aver incontrato il Sottosegretario Fantinati.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Mostra European Identities

Posted by fidest press agency su domenica, 11 novembre 2018

Firenze lunedì 12 novembre, ore 12.00 Le Murate Progetti Arte Contemporanea, Piazza delle Murate mostra European Identities. New Geographies in Artists’ Film and Video a cura di Leonardo Bigazzi.
Dopo il successo delle mostre che si sono tenute a Firenze a Palazzo Strozzi (2015), al Cinema La Compagnia (2016), a Palazzo Medici Riccardi (2017) e in Francia a Passerelle Centre d’art contemporain, Brest (2018), Lo schermo dell’arte presenta quest’anno un nuovo progetto espositivo nato nell’ambito di VISIO. European Programme on Artists’ Moving Images: European Identities. New Geographies in Artists’ Film and Video che si terrà durante la settimana dello Schermo dell’arte negli spazi delle Murate Progetti Arte Contemporanea.
La mostra intende restituire la molteplicità di culture e nazionalità dei 12 artisti partecipanti a VISIO 2018 riunendo opere che riflettono una nuova identità artistica europea.
Artisti presenti: Tekla Aslanishvili (1988, Georgia/Germania) Vincent Ceraudo (1986, Italia, Francia/Olanda) Alice dos Reis (1995, Portogallo/Olanda) Ryan Ferko (1987, Irlanda/Canada) Riccardo Giacconi (1985, Italia) Vanessa Gravenor (1992, Canada, Stati Uniti/Germania) Margaret Haines (1984, Canada/Olanda) Alyona Larionova (1988, Russia/Regno Unito) Lukas Marxt (1983, Austria/Germania) Martina Melilli (1987, Italia) Micha_ Soja e Ró_a Duda (1994-1993, Polonia) Katja Verheul (1988, Olanda).Lo schermo dell’arte Film Festival 2018 è realizzato con il contributo di: Creative Europe/MEDIA, MIBAC Direzione Generale per Il Cinema, Regione Toscana nell’ambito di “Toscanaincontemporanea2018” / Giovani Sì, Città Metropolitana di Firenze, Comune di Firenze,La Compagnia, Progetto realizzato nell’ambito del Programma Sensi Contemporanei Toscana per il Cinema , Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze
con il sostegno di: In Between Art Film, Institut français Firenze, Accademia di Belle Arti di Firenze

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Andersen Global annuncia la propria espansione nell’Arabia Saudita

Posted by fidest press agency su domenica, 11 novembre 2018

Andersen Global ha annunciato un’ulteriore espansione della propria presenza nel Medio Oriente per mezzo dell’aggiunta del più prestigioso studio indipendente di consulenza fiscale del Regno dell’Arabia Saudita quale impresa collaborante.Alrikaz Tax Consultants ha sottoscritto un contratto di collaborazione con Andersen Global che amplierà la presenza di quest’ultima nel Paese economicamente più forte nella regione spianando la strada alla crescita continua della società.Alrikaz possiede cinque Uffici e impiega un centinaio di dipendenti in importanti centri economici nel Regno dell’Arabia Saudita, tra cui Gedda, Riyadh e Al Khobar. L’espansione di Andersen Global nel Medio Oriente è stata considerevole quest’anno e comprende località negli Emirati Arabi Uniti, nel Kuwait, in Giordania e nel Libano.Lo Studio Alrikaz è amministrato dall’amministratore delegato e direttore generale Abdulmohsen S.F. Alkahtani e da Ahmed Ismail e Abdelrahim Elbakheit quali direttori senior, conosciuti per i loro ampi trascorsi nei servizi di consulenza fiscale per conto di alcuni degli Studi più prestigiosi nel settore. Il gruppo è considerato il maggior fornitore indipendente di servizi fiscali nel Regno dell’Arabia Saudita e conta tra i propri numerosi clienti importanti società internazionali e saudite.
Andersen Global è un’associazione di imprese affiliate indipendenti costituenti entità giuridiche a sé stanti che si avvalgono della collaborazione di professionisti dei rami della consulenza fiscale e della consulenza legale in tutto il mondo. Istituita nel 2013 dall’impresa affiliata statunitense Andersen Tax LLC, Andersen Global si avvale ora della collaborazione di più di 3.500 professionisti a livello mondiale ed è presente in più di 121 località attraverso le sue imprese affiliate e collaboranti.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La causa Juliana v. United States può andare avanti

Posted by fidest press agency su domenica, 11 novembre 2018

Lo ha deciso il 2 novembre la Corte Suprema degli Stati Uniti, respingendo la richiesta dell’amministrazione Trump di sospendere il processo. I querelanti, un gruppo di ragazzi tra gli 11 e i 22 anni, accusano il Governo di aver violato il loro diritto alla vita, alla libertà e alla proprietà non implementando dei piani di protezione dell’ambiente sufficientemente incisivi. Chiedono inoltre di varare delle misure che riducano il livello di CO2 nell’atmosfera da 405 ppm a 350 ppm entro il 2100. Non è chiaro quale sarà il destino del processo. È probabile che il Governo negherà che la Costituzione sancisca il diritto a un clima capace di sostenere la vita umana e risponderà che nessun piano di riduzione delle emissioni da parte degli USA basterebbe per raggiungere l’obiettivo richiesto senza il contributo degli altri Paesi del mondo. Ma la recente sentenza della corte di appello dell’Aia nel caso Urgenda lascia ben sperare. Nel frattempo Juliana v. United States ha già ispirato altri casi simili, come quello dei giovani colombiani di Demanda Generaciones Futuras, che hanno vinto la loro causa contro il Ministero dell’Ambiente. Anche in Germania tre famiglie hanno citato in giudizio il Governo Federale tedesco per aver mancato il suo target di riduzione delle emissioni previsto per il 2020, violando così il loro diritto alla vita e alla salute, alla libertà di scegliere una professione e alla proprietà. (fonte: scienza in rete)

Posted in Diritti/Human rights, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Nuova base permanente di prove in mare

Posted by fidest press agency su domenica, 11 novembre 2018

Barcellona. Dopo aver a lungo studiato la migliore opzione logistica, la scelta di Beneteau per la sua nuova base permanente di prove in mare è ricaduta sul Porto di Barcellona. Inaugurata a fine ottobre alla presenza di Annette Beneteau Roux, del direttore generale di Beneteau Luca Brancaleon, del direttore generale del Porto e dell’Aeroporto della Catalogna Pere Padrosa, del concessionario catalano Rodolf Guasch e di 35 giornalisti europei delle più importanti testate nautiche, la base di Port Ginesta è operativa e a disposizione di clienti, giornalisti e partner che avranno la possibilità di provare durante tutto l’anno le novità a vela e a motore, oltre a tutte le proposte del Cantiere della Vandea.
Tra i quattro siti presi in considerazione (Barcellona, Cannes, Palma e Nizza) Port Ginesta si è imposta per contesto, richiamo e funzionalità. Responsabile del progetto e direttore del Servizio Premium, Yves Mandin ricorda come oltre alla vicinanza dell’Aeroporto Internazionale, il dinamismo della città e la sua vivace attività culturale, “Barcellona coniughi la dolcezza del clima alle perfette condizioni di navigazione. Ben protetto, Port Ginesta offre inoltre un accesso rapido al mare senza canale d’entrata. In più, Beneteau ha firmato un accordo della durata di tre anni, ottenuto una struttura dedicata e otto ormeggi da 15 metri. Oltre alla possibilità di poter aumentare il numero di ormeggi in base alle imbarcazioni da accogliere”.

Posted in Estero/world news, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Muayad Alayan: The Reports on Sarah & Saleem

Posted by fidest press agency su domenica, 11 novembre 2018

Milano Giovedì 15 novembre ore 18:20 – The Space Cinema Odeon, via Santa Radegonda 8 Opera seconda del regista palestinese Muayad Alayan, The Reports on Sarah & Saleem arriva a gennaio in Italia, dopo aver conquistato al Festival di Rotterdam sia il Premio del Pubblico Hubert Bals che il Premio Speciale della Giuria per la sceneggiatura, firmata dal fratello Rami Alayan. La passione segreta tra gli adulteri Sarah, proprietaria di un caffè ebraico, e Saleem, fattorino arabo, avrà delle conseguenze ben più importanti della crisi dei loro matrimoni, in una Gerusalemme in cui anche una storia privata tra due persone scatena conseguenze politiche e sociali di portata inimmaginabile.The Reports on Sarah & Saleem sarà distribuito da gennaio 2019 nel nostro Paese da Satine Film che, ancora una volta, dopo i recenti successi di Wajib – Invito al matrimonio e A Quiet Passion, porta in Italia una pellicola che ha colpito il cuore del pubblico e della critica internazionale.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Siria: convoglio umanitario ONU a Rukban

Posted by fidest press agency su domenica, 11 novembre 2018

L’UNICEF, insieme con I partner delle Nazioni Unite e la Syrian Arab Red Crescent, ha partecipato alla missione di sei giorni di un convoglio di aiuti umanitari al campo di Rukban nel Sudest della Siria, vicino al confine con la Giordania. E’ il primo convoglio arrivato dall’interno della Siria al campo, dove vivono circa 50.000 persone, la maggior parte delle quali sono donne e bambini.L’ultima distribuzione di aiuti nell’area è avvenuta lo scorso gennaio e provenivano dalla Giordania.L’UNICEF, come parte del convoglio, ha inviato 21 camion con aiuti umanitari e ha supportato 21 vaccinatori con vaccini, forniture per la catena del freddo e scorte di medicinali per immunizzare 10.000 bambini contro morbillo, polio e altre malattie nel campo. E’ stata una delle più complesse operazioni umanitarie in Siria con oltre 75 camion e più di 100 operatori umanitari e logisti che hanno distribuito aiuti alle persone in stato di necessità del deserto siriano sud orientale.“I bambini e le donne a Rukban hanno avuto un accesso estremamente limitato ai servizi sanitari in condizioni sempre più precarie,” – ha dichiarato Fran Equiza, Rappresentante UNICEF in Siria. “L’UNICEF ha lavorato intensamente per chiedere a tutte le parti che hanno un’influenza di includere i vaccinatori nel convoglio per proteggere I bambini contro malattie mortali.”“La maggior parte dei bambini sotto i 5 anni non sono mai stati vaccinati,” ha dichiarato il Dottor Husam Eddine Baradee, Responsabile UNICEF per la Salute e Nutrizione che ha partecipato alla missione. “Nonostante le difficoltà, abbiamo vaccinato 5.100 bambini nei pochi giorni in cui abbiamo avuto accesso al campo, ma abbiamo bisogno di un accesso sostenuto dato che migliaia di bambini devono ancora essere vaccinati.”Lo staff dell’UNICEf ha descritto le terribili condizioni al campo dove molte persone sopravvivono con un solo pasto al giorno. “Mangio a malapena qualcosa perchè la mia priorità è dare da mangiare ai miei figli,” ha dichiarato una madre all’UNICEF “quando ho allattato in questi giorni mi sono venute le vertigini.”Tra gli aiuti inviati dall’UNICEF con il convoglio c’erano: kit sanitari, per la nutrizione, acqua e servizi igienico sanitari, abiti invernali per I bambini sotto I 14 anni e medicine di base, fra cui antibiotici.L’UNICEF invita tutte le parti in conflitto a permettere a tutti gli sfollati di tornare volontariamente alle loro case o in un luogo di loro scelta in sicurezza e dignità, e a garantire un duraturo accesso umanitario per poter fornire assistenza a tutti i bambini bisognosi a Rukban e altrove in Siria.

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Hotel Beverly Hills Roma, 50 lavoratori a rischio occupazione

Posted by fidest press agency su domenica, 11 novembre 2018

Roma. Si complica la vertenza dei 50 lavoratori dell’Hotel Beverly Hills di Roma che ha annunciato la cessazione attività e circa 50 famiglie saranno senza lavoro!La Tcl capital s.r.l. ha comunicato in data 26.10.2018 l’apertura di una procedura di mobilità di 31 lavoratori paventando una presunta chiusura di 24/30 mesi per ristrutturazione, mentre gli altri circa 18 dipendenti della Società S.I.I. ancora sono in attesa del loro destino.
Il giorno 8 novembre 2018 si sono incontrate Filcams Cgil e Fisascat Cisl e Tcl Capital srl per lo svolgimento del primo confronto sindacale connesso all’apertura di procedura di mobilità.Il prossimo 19 corrente mese si terrà l’assemblea di tutti i lavoratori per sottoporre la proposta dell’azienda e valutare eventuali controproposte.
Il prossimo incontro si effettuerà il 19 novembre alle ore 16. Cristina Silvestri (Fisascat Cisl Roma): “Richiediamo la condivisione dei progetti di ristrutturazione ed un impegno formale per la salvaguardia dei livelli occupazionali ed esterniamo la nostra preoccupazione per il conseguente grave impatto economico e sociale sul territorio di Roma”.

Posted in Uncategorized, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | 2 Comments »

Tumore colon retto: campagna di sensibilizzazione

Posted by fidest press agency su domenica, 11 novembre 2018

Il 12 Novembre l’AMOC, associazione malati oncologici colonretto, da sempre attiva a fianco dei pazienti dell’Istituto Nazionale Tumori Regina Elena, dà il via alla Campagna di sensibilizzazione per la prevenzione del tumore del colonretto.
La Campagna “IO NON RISCHIO” si rivolge alla popolazione residente nella Regione Lazio con età compresa tra i 50 e i 74 anni. L’obiettivo è aumentare l’adesione agli screening avviati dal Ministero della Salute tramite le Regioni, in particolare il test del sangue occulto fecale che permette di individuare lesioni precancerose o polipi che possono sanguinare in modo non visibile ad occhio nudo. Il test effettuato ogni 2 anni riduce la probabilità di ammalarsi di questa neoplasia, tra le principali cause di mortalità nei paesi occidentali.
Nel Lazio la campagna di screening del 2017 ha identificato 530 casi di carcinoma del colon retto e 4.230 casi di adenoma con il conseguente avvio di un percorso terapeutico ed assistenziale. I test diagnostici per il cancro del colon retto, ma anche della cervice uterina e della mammella, non solo salvano numerose vite umane, ma aumentano la sopravvivenza e la qualità della vita, grazie a interventi precoci e tempestivi. Purtroppo l’adesione è ancora bassa, ed è per questo che la campagna sensibilizza alla partecipazione, basta rispondere alla lettera d’invito che arriva a casa o, in mancanza della lettera le persone nel target di età a rischio possono rivolgersi direttamente alla ASL di appartenenza.
“Non possiamo più tollerare che molti pazienti ancora non siano a conoscenza dell’importanza della prevenzione – evidenzia Isabella Francisetti, Presidente dell’AMOC. – Non vogliamo più sentire frasi tipo “Se qualcuno me lo avesse detto”, questo ci spinge a sollecitare l’adesione agli screening regionali, gratuiti e senza liste di attesa, agendo come rete di informazione corretta e aggiornata sulle modalità di accesso ai servizi ed alle prestazioni.”
Il numero verde AMOC 80058699 è a disposizione degli utenti per fornire loro i riferimenti delle varie ASL di appartenenza a cui rivolgersi per il ritiro del test, e dare informazioni a chiunque sia interessato alla cultura della prevenzione, in particolar modo a quanti hanno un rischio di familiarità.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“L’incitamento all’odio nell’Europa Contemporanea”

Posted by fidest press agency su domenica, 11 novembre 2018

Milano Il 12 novembre 2018 presso il Memoriale della Shoah di Milano si svolge il convegno “L’INCITAMENTO ALL’ODIO NELL’EUROPA CONTEMPORANEA”, promosso dalla Presidenza italiana 2018 dell’International Holocaust Remembrance Alliance (IHRA) nell’ambito delle attività del Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca, in collaborazione con il Centro di Documentazione Ebraica Contemporanea – CDEC, l’UCEI (Unione Comunità Ebraiche Italiane) e l’Università Cattolica del S.Cuore di Milano (Centro Relazioni Interculturali) La giornata di studio (h. 10-19) vede come relatori Giovanni Maria Flick (già Presidente Corte Costituzionale) lo storico Andrea Riccardi (Presidente Dante Alighieri), Katharina Von Schnurbein (UE Coordinator on combating antisemitism), il sociologo francese Michel Wieviorka, Giovanni Ziccardi (docente Università di Milano ed esperto di odio online), l’ungherese Peter Kreko ed altri. Porgono un saluto iniziale Liliana Segre, Sandro De Bernardin, Presidente della Delegazione italiana presso l’IHRA, Noemi Di Segni, Presidente dell’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane, Roberto Jarach, Presidente del Memoriale. Modera Giorgio Sacerdoti (Presidente CDEC).Introduce e coordina Milena Santerini (Vicepresidente del Memoriale e Università Cattolica di Milano), organizzatrice del Convegno con Gadi Luzzatto (Direttore CDEC) che osserva: “E’ necessario interrogarsi sulle forme di incitamento all’odio che ieri come oggi portano a escludere, isolare, discriminare. Non dobbiamo rassegnarci al linguaggio violento, specie online, specie quando è utilizzato dalle stesse istituzioni o da esponenti governativi, perché inquina la convivenza sociale e sceglie capri espiatori innocenti come bersaglio. Nel convegno analizzeremo i meccanismi dell’odio in Italia e nell’Europa contemporanea alla luce delle lezioni del passato e delle leggi razziali del 1938, l’antisemitismo oggi e le strategie per contrastare tutte le forme di razzismo”. In occasione dell’anniversario delle leggi razziali (novembre 1938), mentre si assiste alla diffusione di varie forme di odio (dall’antisemitismo alla xenofobia), l’incontro vuole approfondire le tematiche dell’incitamento all’odio analizzando l’hate speech (in particolare online) dal punto di vista storico (le leggi razziali ma anche la storia colonialista italiana), giuridico (le norme costituzionali contro le discriminazioni) e sociopolitico e le possibilità di contrastarlo. La senatrice a vita Liliana Segre, prima firmataria di una proposta di legge per istituire una Commissione parlamentare di indirizzo e controllo sui fenomeni di intolleranza, razzismo e antisemitismo, si riferisce al web come “veicolo d’odio estremamente pericoloso” e ammonisce di contrastare il linguaggio in generale sempre più violento e la fascistizzazione del senso comune che potrebbe creare l’indifferenza che 80 anni fa, con il varo delle leggi razziali “coprì di vergogna l’Italia fascista”. Nella pausa del convegno è prevista la visita al Memoriale della Shoah.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

80th anniversary of Kristallnacht (Night of the Broken Glass)

Posted by fidest press agency su domenica, 11 novembre 2018

80th anniversary “Eighty years ago, the Nazis unleashed a series of horrific attacks against the Jewish population in Germany and Austria, desecrating property and destroying lives and livelihood, a violent offensive that was followed by an intense escalation of the Nazis’ anti-Jewish policies, and ultimately the near genocide of European Jewry,” Lauder said.
“It would be impossible to mark this seminal event in Jewish history without noting the frightening climate of antisemitism and xenophobia currently spreading across Europe and the United States,” Lauder said. “The far-right is gaining power at an alarming speed, and neo-Nazis are feeling emboldened to march in the streets shouting hateful slurs and advocating the most dangerous brands of nationalism and hatred.” “Just last week, 11 people were brutally murdered at a synagogue in a quiet and safe neighborhood in Pittsburgh, just for being Jewish, an attack that for most American Jews was beyond unthinkable,” Lauder said. “In Europe, synagogues and Jewish property are routinely targeted by antisemitic vandals and criminals, with firebombs hurled at buildings and anti-Jewish graffiti scrawled on walls.” “It would also be impossible to mark the anniversary of Kristallnacht without noting the critical difference between November 9, 1938 and November 9, 2018,” Lauder said. “In 1938, firemen stood idly by to ensure that the flames remained contained to inflict maximum damage on Jewish property alone. Police helped rioters loot and attack, goading them on and aiding their aggression. In 1938, the incursion against the Jewish community was designed, promoted, and handled by the government in a direct and systemic attempt to destroy the Jewish presence.”“The antisemitic incidents of 2018, in Pittsburgh and in parts of Europe, are beyond terrifying, and must be treated with utmost severity, but they are not another Kristallnacht. After Pittsburgh, an entire country united in an unprecedented way in condemnation of the attack and solidarity with the Jewish community. Concrete action is being taken by governments and authorities around the world to quell the rise of antisemitism and the proliferation of terror, not to bolster it, as the Nazis did” Lauder said.“There is still so much work that needs to be done to ensure the security and well-being of our Jewish communities, including an across-the-board adoption by governments and international organizations of the universal International Holocaust Remembrance Alliance’s definition of antisemitism,” Lauder added. “In November 2018, we are not at the precipice of another Kristallnacht, but it is all of our duty to prevent such atrocities from ever happening again.”
WJC President Lauder also praised German President Frank-Walter Steinmeier for his “piercing reflections” on Kristallnacht and underscored the critical nature of nations coming to terms with the crimes of their forefathers.In an address delivered Friday, Steinmeier said that the Kristallnacht pogroms “stand for the incomparable break of civilization, for the crash of Germany into barbarism, and asked what he called “the most difficult and painful question in German history”: How the same society that made such progress in so many areas of human endeavor – in music, art, politics, and culture – could later allow extremists to gain power, and stand either idly by or as active participants as the ruling regime led Europe into war and annihilated Jews and other minorities.Lauder said: “President Steinmeier’s piercing reflections on the anniversary of these atrocious pogroms are all the more poignant in today’s climate, as we seek to understand what causes average people to deteriorate into hatred, xenophobia, and even incitement to violence.”“No country has come as deeply to terms with its culpability in the Holocaust as Germany has, and its leaders should be commended for taking their moral responsibility to this regard as seriously and comprehensively as they have,” Lauder added. “Germany today has again become a hotbed of antisemitic and neo-Nazi activity, with demonstrations in the streets and even attacks in some cases against Jews visibly displaying their identity. And yet, we know that in Germany, both society and its official representatives are acutely aware of the dangers of such manifestations and will do their utmost to ensure that the country’s good name will never again be besmirched by such evil.”
“We hope that other countries around the world will follow Germany’s lead, come to terms with their role and responsibility in the near destruction of European Jewry and internalize the dangers that can arise from apathy,” Lauder said.of Kristallnacht (Night of the Broken Glass)

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »