Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n°159

Nasce l’Osservatorio Mondiale della Famiglia

Posted by fidest press agency su martedì, 11 dicembre 2018

Murcia. “L’obiettivo di questo Osservatorio è fornire un servizio importante di formazione e assistenza alle famiglie, in particolare le più destrutturate, in tutto paesi del mondo”, ha detto il Presidente dell’UCAM, José Luis Mendoza, riferendosi al nuovo Osservatorio Internazionale della Famiglia che è stato presentato nella Sala Stampa del Vaticano giorni fa.
In questo progetto, che ha come germe la richiesta di Papa Francesco di indagare sulla situazione attuale della famiglia, sarà effettuata una ricerca a livello mondiale, che si concentrerà sulla famiglia e sulla povertà con due linee principali: la povertà relazionale e la povertà economica.Nell’atto di presentazione dell’Osservatorio sono intervenuti con José Luis Mendoza, Presidente della UCAM; l’Arcivescovo Vincenzo Paglia, Presidente del Pontificio Istituto Teologico Giovanni Paolo II e Francesco Belletti, Direttore del Centro internazionale di studi familiari (CISF) con sede a Milano.José Luis Mendoza ha dichiarato che in questo Osservatorio “mettiamo a disposizione del progetto le risorse umane, logistiche ed economiche necessarie per creare una rete di contatti locali nei cinque continenti: istituzioni specializzate nella ricerca scientifica della famiglia o che lavorano quotidianamente con o per le famiglie, per essere in grado di raccogliere dati affidabili”.Il Presidente dell’UCAM ha anche aggiunto che questo progetto inizierà a svilupparsi in Africa, a Nairobi, in Mozambico, ma anche a Nuova Delhi e in Cina e nei paesi dell’America Latina, seguendo un processo evolutivo. Il Presidente dell’UCAM ha ricordato che la sede centrale di questo osservatorio internazionale della famiglia sarà a Murcia, nella sede dell’Università.José Luis Mendoza ha indicato, inoltre, che “il contributo che l’UCAM offre all’attività dell’Osservatorio, come corpo co-fondatore, è in perfetta armonia con la sua natura, cioè l’aumento della cultura superiore e la piena promozione della persona umana, la diffusione della conoscenza scientifica e lo sviluppo integrale dei membri della comunità accademica”.La UCAM copre la maggior parte del budget di questo progetto che conta di una squadra di traduttori che si scambiano informazioni in tempo reale in cinque lingue.Nel suo intervento, Monsignor Vincenzo Paglia ha ringraziato l’UCAM per fornire la logistica e il centro di collegamento internazionale che riunisce le istituzioni accademiche di 15 paesi in tutto il mondo già in questa fase di presentazione, al quale si aggiungeranno centinaia di università e istituzioni specializzate.Da parte sua, il Direttore del CISF, Francesco Belletti, ha sottolineato “l’interesse nel confrontare sia le vulnerabilità della famiglia sia l’efficacia pratica dei diversi tipi di aiuti, nonché le modalità nelle quali i paesi investono per affrontare l’implosione demografica e il rapido invecchiamento della popolazione in Europa, America e Asia”. (Ursula Vagnozzi)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: