Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 335

“Olio extra vergine d’oliva, un tesoro da custodire”

Posted by fidest press agency su giovedì, 20 dicembre 2018

“L’olio extra vergine d’oliva fa parte della tradizione italiana ed è riconosciuto come un’eccellenza, ma nonostante questo i consumatori non sempre riescono ad orientarsi nel mercato e a farne un corretto utilizzo, per questo la nostra associazione è impegnata fin dalla sua fondazione in campagne di informazione ed educazione alimentare per dare ai consumatori gli strumenti per scegliere in maniera consapevole.” Con queste parole, Massimiliano Dona, Presidente dell’Unione Nazionale Consumatori annuncia la guida “Olio extra vergine d’oliva, un tesoro da custodire”, realizzata da Unc in collaborazione con Assitol e scaricabile sul sito http://www.consumatori.it”.
“L’informazione ai consumatori sui temi alimentari è sempre stata un cavallo di battaglia della nostra associazione -prosegue Dona- la prima campagna contro le frodi olearie, condotta tenacemente dall’Unione, portò alla legge n. 1407 del 13 novembre 1960 con cui furono emanate le ‘Norme per la classificazione e la vendita degli oli d’oliva’; oggi il nemico da sconfiggere sono le fake news, alimentate dal web che fanno male ai consumatori e alla stessa industria olearia. Non basta però dare ai consumatori le corrette informazioni sulle proprietà dell’olio e le caratteristiche di un prodotto di qualità, ma sono necessarie alcune accortezze anche per la conservazione. La nostra guida risponde a questa esigenza con una serie di consigli pratici per conservare l’olio in casa, al ristorante e sceglierlo consapevolmente al supermercato”.
Non tutti sanno ad esempio che il buio è il migliore amico dell’olio che può essere danneggiato dall’eccessiva esposizione al sole e alla luce artificiale, per questo motivo ormai in commercio si trovano quasi esclusivamente bottiglie scure; anche la temperatura è fondamentale, quindi meglio evitare di conservare l’olio vicino ad una fonte di calore, ma anche a temperature troppo basse, così come sarebbe preferibile non congelarlo. Il colore, poi, è uno dei criteri da tenere in considerazione per capire la qualità del prodotto: può spaziare dal giallo oro alle diverse tonalità del verde, ma certamente non può essere rosso-arancio, come qualche consumatore ha segnalato in alcune occasioni agli sportelli dell’Unione Nazionale Consumatori. E’ difficile capire il colore al supermercato con bottiglie scure, ma una volta arrivato a casa e aperta la bottiglia, qualora si riscontrasse un’anomalia il consumatore può chiedere al negozio la sostituzione del prodotto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: