Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 275

Archive for 28 gennaio 2019

Nasce il primo sindacato militare della storia. Ecco il decreto ministeriale che lo autorizza

Posted by fidest press agency su lunedì, 28 gennaio 2019

(GRNET.IT) Roma. Era atteso con trepidazione da molte settimane e finalmente il Brigadiere capo dei Carabinieri Antonio Serpi ha ricevuto il decreto del Ministro della Difesa, Elisabetta Trenta, che lo autorizza alla costituzione del primo sindacato militare della storia. E’ quanto si legge in un articolo pubblicato da GrNet.it, il sito web di notizie su Sicurezza e Difesa. Il sindacato in questione si chiama “Sindacato Italiano Militari Carabinieri” (SIM Carabinieri) e fa parte di un network di sindacati (ognuno indipendente e distinto per ciascuna delle forze armate) che hanno le medesime finalità e scopi. A breve quindi verranno autorizzati – così come ha annunciato il ministro Trenta – il SIM Esercito, SIM Marina, SIM Aeronautica, SIM Guardia Costiera e SIM Guardia di Finanza.«Il sindacato che abbiamo in mente – dichiara l’avv. Giorgio Carta, ex ufficiale dei Carabinieri, tra i fondatori – sarà caratterizzato da un’azione decisa ma responsabile e con il senso delle Istituzioni, le cui azioni saranno tese a migliorare l’efficienza dell’Amministrazione militare, ben consapevole del prevalente interesse pubbico, ma saldo nei principi ed intransigente verso le lesioni dei diritti dei singoli militari. Non vogliamo il sindacalismo estremo, sfascista e di pura contrapposizione all’Amministrazione, ma uno responsabile e costruttivo di dialogo».Sul tema dei diritti dei militari, ricordiamo che nel 2010 l’avv. Carta e l’ex elicotterista della Marina Giuseppe Paradiso, furono “costretti” a fondare un partito (il Partito Operatori Sicurezza e Difesa – POSD) proprio a causa della divieto di sindacato allora vigente, con lo scopo di far rispettare i diritti civili e politici del personale in uniforme. Curiosamente la legge vietava ai militari la costituzione di liberi sindacati di categoria ma nulla diceva circa la loro adesione a partiti politici. Molti comandi militari sanzionarono i militari iscritti al POSD, ma tutti tribunali amministrativi della penisola sancirono il pieno diritto politico del personale in uniforme ed annullarono tutti i provvedimenti disciplinari.Il Brigadiere Serpi ha dichiarato di aver «vissuto con forte emozione il momento in cui mi è stato notificato il decreto del ministro della Difesa».«Il mio pensiero – ha aggiunto Serpi – va principalmente ai colleghi di tutte le Forze Armate che da tanti anni e con tenacia hanno inseguito questo sogno di dotare il mondo militare di nuovi strumenti di tutela dei diritti e del benessere del personale».
Il Brigadiere Serpi ha voluto indirizzare «un caloroso ringraziamento al Ministro della Difesa Elisabetta Trenta che fin dall’inizio del suo mandato ha manifestato sempre la sua vicinanza con i fatti e non con le parole alla realtà militare recependo la necessità di avviare quel processo innovativo affermato dalla Corte Costituzionale con la storica Sentenza n. 120», non dimenticando il Comandante Generale dei Carabinieri.«Oggi non è un traguardo ma un punto di partenza – ha dichiarato inoltre il Brigadire Serpi – e da domani inizierà l’attuazione al Decreto con la tenacia e caparbietà che ci contraddistingue, un percorso che ci porterà alla strutturazione e alla ramificazione su tutto il territorio nazionale. A tutti coloro che ci sostengono da mesi dico che dobbiamo subito rimboccarci le maniche».Adesso con il “Sindacato Italiano Militari” possiamo dire che comincia davvero “l’era” sindacale militare, così come avviente in molti paesi europei. (by GRNET.IT)

Posted in Spazio aperto/open space, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

CIANS, il futuro della formazione artistica passa dal Macro

Posted by fidest press agency su lunedì, 28 gennaio 2019

Roma martedì 29 gennaio 2019, a partire dalle ore 10, presso il Museo Macro di Roma in via Nizza 138. È questo il titolo del co/workshop organizzato dal Cians (Coordinamento istituzioni Afam non statali) per fare il punto sulla formazione artistica in Italia. L’iniziativa, suddivisa in due parti, si terrà martedì 29 gennaio al Museo Macro di Roma, in via Nizza 138.
Alle ore 10, all’interno dell’auditorium, avrà luogo un convegno aperto al pubblico e agli organi di stampa, aperto dai saluti istituzionali del Ministro per i beni e le attività culturali professor Alberto Bonisoli. Un particolare preludio musicale sarà curato dagli allievi della Saint Louis College of Music. Ai lavori, moderati dallo scrittore e filosofo Nicolas Martino e introdotti dal presidente Cians arch. Fabio Mongelli, interverranno: il direttore artistico del Macro Asilo Giorgio de Finis; un rappresentante del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca; l’avv. Anna Rita Fioroni, presidente Confcommercio Professioni; l’arch. Dario Curatolo, membro comitato direttivo Adi; il dott. Marco Tortoioli Ricci, presidente Aiap; la dott.ssa Sofia Gnoli, giornalista ed esperta di moda; il dott. Marcello Smarrelli, direttore artistico Fondazione Ermanno Casoli; il dott. Cesare Biasini Selvaggi, direttore editoriale Exibart. La conclusione sarà preceduta da uno spazio dedicato ai contributi dei direttori degli organi di formazione Cians, tra cui il dott. Giordano Pierlorenzi, autore di “Artigenesi”, un testo dedicato alla ricerca delle radici del design italiano.
Alle 15 in punto le istituzioni Cians (Accademia di Belle Arti “Aldo Galli” di Como, Accademia di Belle Arti e Design Poliarte di Ancona, Accademia di Belle Arti “G.B. Tiepolo” di Udine, Accademia di Costume e di Moda di Roma, Accademia Italiana di Arte, Moda e Design di Firenze, Hdemia di Belle Arti SantaGiulia di Brescia, IAAD – the Italian University for Design, IED – Istituto Europeo di Design di Milano, Istituto Marangoni di Milano, Istituto Modartech di Pontedera (Pi), IUAD – Accademia della Moda di Napoli, LABA – Libera Accademia di Belle Arti di Brescia, LABA – Libera Accademia di Belle Arti di Firenze, NABA – Nuova Accademia di Belle Arti di Milano, RUFA – Rome University of Fine Arts di Roma, Sae Institute di Milano, Saint Louis College of Music di Roma) si riuniranno in conclave, dando forma e sostanza a quattro diversi tavoli di lavoro per determinare un percorso culturale comune.

Posted in Recensioni/Reviews, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Rete IRCCS delle Neuroscienze e della Neuroriabilitazione

Posted by fidest press agency su lunedì, 28 gennaio 2019

La Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli IRCCS è entrata a far parte della Rete IRCCS delle Neuroscienze e della Neuroriabilitazione, il più grande network di ricerca italiano d’ambito fondato nel 2017 dal Ministero della Salute per stimolare la collaborazione tra gli Istituti di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico (IRCCS).«Tra i propri obiettivi la Rete ha anche quello di promuovere la ricerca scientifico-tecnologica e sostenere lo scambio di dati e risultati scientifici – commenta il Presidente, Fabrizio Tagliavini –. L’ingresso della Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli IRCCS, fatto di cui siamo particolarmente lieti, potrà concorrere a incrementare il contributo alle nostre aree di competenza grazie alla condivisione di sperimentazioni, competenze, risultati clinici e allo sviluppo di progetti comuni per migliorare prevenzione, diagnosi, cura e riabilitazione delle malattie specifiche».«L’Area Neuroscienze del Policlinico Universitario A. Gemelli IRCCS – spiega il Direttore Paolo Maria Rossini – include tutte le tecnologie neurochirurgiche più avanzate (incluse le metodiche di neuronavigazione e di robotica) sia nel bambino che nell’adulto, la diagnosi e la cura di tutte le patologie neurologiche maggiori sia a livello del sistema nervoso centrale (stroke, Alzheimer, Parkinson, Sclerosi Multipla, S.L.A., Epilessia) che neuromuscolare (miastenia, polineuropatie, miopatie e distrofie muscolari) come anche delle malattie psichiatriche di maggiore rilievo e diffusione».«L’ingresso della Fondazione Policlinico Universitario A. Gemelli IRCCS nel network dei centri italiani di eccellenza nel campo delle neuroscienze e della neuroriabilitazione – afferma il Direttore Scientifico Giovanni Scambia – è un ulteriore incentivo nel raggiungimento di risultati elevati nella ricerca scientifica in ambito neurologico e nella medicina personalizzata volta alla cura dei cittadini affetti da patologie del sistema nervoso. Tale ingresso si aggiunge a quello già avvenuto nella rete oncologica e geriatrica cui presto seguiranno altre aree specialistiche del Gemelli che si conferma ospedale di riferimento nazionale nella medicina traslazionale, trasferendo rapidamente al paziente quei risultati di ricerca clinica favoriti dalla sinergia tra le principali istituzioni di cura Italiane».La Rete di Neuroscienze e Neuroriabilitazione pone al centro dei propri programmi lo sviluppo di piattaforme tecnologiche e progetti di ricerca a sostegno dell’eccellenza nei processi di diagnosi, cura e continuità assistenziale. Le priorità di ricerca clinica sono concentrate su genomica, proteomica e neuroimaging integrato, strumenti fondamentali per la diagnosi precoce, la caratterizzazione e la stratificazione dei pazienti in endofenotipi e il riconoscimento di fattori di rischio e di marcatori di risposta ai trattamenti, col fine ultimo di un approccio personalizzato al paziente attraverso una medicina di precisione. Con l’ingresso della Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli IRCCS, gli Istituti associati alla Rete sono 27.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Le collezioni della stilista Sabrina Persechino

Posted by fidest press agency su lunedì, 28 gennaio 2019

Roma. La stilista – architetto Sabrina Persechino, le cui collezioni sono inevitabilmente influenzate da contaminazioni proprie del design e da principi e tecniche architettoniche, si è fatta sedurre questa volta dal fascino della geometria, e si diverte a giocare con il rigore “scomposto” del dinamismo. Linee e piani paralleli, che in seguito alla loro deformazione prospettica, creano movimento nello spazio trasformandosi in curve e convergenze.La collezione prende il nome di Dynamic, proprio per il “dinamismo” che si crea in seguito a tale deformazione prospettica.La designer rende le sue creazioni “vive” e “dinamiche”, attraverso creazione di pieni e vuoti, pieghe e tagli, che definiscono le forme degli abiti. E, proprio attraverso tagli paralleli, talvolta divergenti, e plissé convergenti che Sabrina Persechino crea volumi puri ma dinamici, in cui è lo spazio, il vuoto, ad essere il vero protagonista che definisce le forme e il movimento. Istintivamente e sensorialmente il volume puro richiama staticità, razionalità intellettiva, ordine e rigore, mentre il dinamismo suggerisce fluenza, interazioni, che non obbediscono a una progettazione rigorosa e schematica.Così sui modelli rigorosi degli abiti, i tagli, le pieghe e le pelli creano movimenti ed evoluzioni che danno vita a fluidità e dinamismo. Le laserature e le pieghe delle sete creano suggestioni diverse da ogni angolo visuale che, arricchite dal movimento, suggeriscono indicazioni direzionali e allusioni prospettiche.Le sete e i pregiati tessuti si tingono di colori neutri ma incisivi come olivite, bianco, nude, rosa, nero. La ricerca di nuove trame e orditi nasce dalla laseratura di tagli paralleli, più o meno profondi, sui tessuti. Outfit rigorosamente lineari e geometrici ma di estrema eleganza e sensualità, tra cui immancabili i capispalla e le tute, oltre che abiti da cocktail e da grande soirée.Dynamic nasce dalla volontà di modellare silhouette che, pur conservando uno spiccato rigore formale, seguono il libero impulso dettato dalle linee curve, l’elegante susseguirsi di volumi morbidi ed accoglienti, di sensuale eleganza, creando abiti che sono vere e proprie architetture dinamiche e sinuose. (by Barbara Manto & Partners)

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Lavoro, in Italia 193mila posti vacanti: “1 su 3 non sarà mai occupato”

Posted by fidest press agency su lunedì, 28 gennaio 2019

Milano. Checché se ne dica ad oggi in Italia ci sono aziende floride e di successo, che stanno ricevendo una pioggia continua di ordini sia dal nostro Paese che dall’estero e che necessitano urgentemente di nuova forza lavoro. Nonostante questo, quelle stesse imprese talvolta non riescono a lavorare a pieno regime, e si trovano perfino a bloccare gli ordini e a tenere spenta gran parte dei macchinari.
Questo accade perché tante piccole, medie e grandi aziende che non riescono a soddisfare la propria fame di talenti. Dice bene infatti il leader degli industriali Vincenzo Boccia quando afferma che «l’Italia non ha materia prime, ma ha capitale umano, conoscenza e talento, e su questo dobbiamo puntare per costruire il futuro del paese». Il problema è che spesso – troppo spesso – le conoscenze ci sono, ma non sono quelle giuste.Tutto questo, in un Paese che esce da una forte crisi economica e che continua a sbattere contro un altissimo tasso di disoccupazione giovanile, sembra davvero paradossale. Eppure è proprio così.«Le imprese trainanti la ripresa hanno ricominciato ad assumere, ma incontrano di frequente delle serie difficoltà nell’individuare dei candidati con le skills più adatte» spiega Carola Adami, founder e CEO della società di head hunting di Milano Adami & Associati, aggiungendo che «il mismatch tra offerta formativa e domanda delle imprese è un problema che rischia di formare un grave vuoto di competenze».A fotografare il ritardo accumulato dal nostro Paese nel formare specifici profili professionali ci pensa una recente indagine di Confindustria, presentata in occasione della venticinquesima giornata nazionale Orientagiovani. Stando a questo studio, nel triennio 2019-2021 saranno quasi 193mila i posti di lavoro vacanti nei settori dell’alimentare, ICT, meccanica, tessile, chimica e legno-arredo. Il problema, però, è che un terzo di questi lavoratori risulterà introvabile. È proprio questo il minaccioso ‘vuoto di competenze’ al quale ha accennato Adami.La soluzione a questa grave mancanza?
Alla luce di tuto questo diventa fondamentale, per le aziende di qualsiasi dimensione, affidarsi a dei veri specialisti per la ricerca del personale necessario, così da assicurarsi i migliori talenti disponibili sul mercato.
«Appoggiarsi a delle agenzie di selezione del personale esperte significa poter fare affidamento su un attento servizio di HR Investigation, il quale porta all’individuazione del profilo più idoneo in tempi brevi, a tutto vantaggio dell’azienda» sottolinea l’head hunter. In uno scenario in cui i talenti sembrano latitare, non riuscire a mettere le mani per primi su un candidato particolarmente preparato vuol dire lasciarlo alla concorrenza, e il danno rischia così di essere doppio.Nella maggior parte dei casi, i profili più difficili da individuare sono ingegneri, periti tecnici e operai specializzati, tanti ruoli non assegnati che rallentano le imprese non per mancanza di ordini, quanto per carenza di capitale umano.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Risultati della Ricerca dell’Osservatorio Innovazione Digitale nel Retail

Posted by fidest press agency su lunedì, 28 gennaio 2019

Milano 7 Febbraio | 9.00 – 13.00| Aula Magna Carassa e Dadda – Edificio BL28, via Lambruschini 4 Campus Bovisa. Il Retail, in Italia come all’estero, sta attraversando una fase di profonda trasformazione. Il crescente successo dell’eCommerce e il continuo cambiamento delle abitudini e delle esigenze del cliente, accompagnati da una ricerca spinta dell’efficienza, portano infatti i retailer a rivedere strategie e processi. In questo contesto, il digitale, se opportunamente gestito, può rappresentare un fattore critico di successo: può supportare nel miglioramento dei propri processi interni e può abilitare una relazione più ricca e di valore con i propri consumatori. Con l’innovazione, il punto vendita si arricchisce poi di nuovi significati: il negozio, svuotato del suo ruolo originario (accesso fisico al prodotto), diventa uno spazio aperto (perché integrato con gli altri canali digitali) non solo di transazione, ma anche di relazione.Il Convegno dell’Osservatorio, attraverso la presentazione dei risultati della Ricerca e le testimonianze dei protagonisti del settore, vuole far luce sulle opportunità dell’innovazione digitale, fornendo ai retailer degli strumenti per guidare con successo il cambiamento.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Sono in totale 37 le Linee Guida ufficiali prodotte dall’Associazione Italiana di Oncologia Medica (AIOM) nel 2018

Posted by fidest press agency su lunedì, 28 gennaio 2019

Si tratta di documenti elaborati con metodologia GRADE e stilati con l’impegno di oltre 500 professionisti e il coinvolgimento di 45 diverse Società Scientifiche. Solo nel 2018 sono state scaricate e consultate da oltre 500mila persone. L’obiettivo, per quest’anno, è procedere con un costante aggiornamento per perfezionare così la formazione continua degli oncologi. E, al tempo stesso, migliorare e garantire un migliore e più uniforme sistema di cure su tutto il territorio nazionale. E’ quanto emerge dal convegno nazionale organizzato da AIOM Linee Guida AIOM 2019. L’evento si svolge oggi a Roma (presso il Ministero della Salute) e vuole portare all’attenzione delle Istituzioni le modalità con cui vengono prodotte le raccomandazioni in ambito oncologico (modi, tempi, metodologia e collaborazioni). Partecipano al convegno le 45 Società Scientifiche con cui AIOM collabora da anni nella produzione di linee guida oncologiche, tra cui l’Associazione Italiana di Medicina Nucleare ed Imaging Molecolare (AIMN, Presidente Orazio Schillaci), l’Associazione Italiana di Radioterapia ed Oncologica Clinica (AIRO, Presidente Stefano Magrini), l’Associazione Italiana per lo Studio del Fegato (AISF, Presidente Salvatore Petta), l’Associazione Nazionale Italiana Senologi Chirurghi (ANISC, Presidente Mario Taffurelli), l’Associazione Urologi Italiani (AURO, Presidente Roberta Gunelli), la Società Italiana di Anatomia patologica e di Citologia Diagnostica (SIAPEC, Presidente Mauro Truini), la Società Italiana di Chirurgia Oncologica (SICO, Presidente Domenico D’Ugo), la Società Italiana di Ematologia (SIE, Presidente Paolo Corradini), la Società Italiana di Radiologia medica e Interventistica (SIRM, Past president Carmelo Privitera), la Società Italiana di Urologia (SIU, Presidente Salvatore Voce) e la Società Italiana di Urologia Oncologica (SIUrO, Segretario e Tesoriere Giario Conti).
“Le Linee Guida sono uno degli strumenti principali che rappresentano la medicina basata sull’evidenza – spiega Stefania Gori, Presidente nazionale AIOM -. Attraverso un processo sistematico e trasparente rendono possibile il trasferimento nella pratica clinica di tutte le nuove conoscenze prodotte dalla ricerca medico-scientifica. Attualmente le patologie oncologiche sono la seconda causa di decesso nel nostro Paese e ogni giorno sono diagnosticati 1.000 nuovi casi di cancro. Diventa quindi fondamentale, per gli specialisti, avere a disposizione strumenti che favoriscono anche l’appropriatezza prescrittiva dei trattamenti e degli esami diagnostici e strumentali. Gli ultimi provvedimenti legislativi, tra cui la Legge Biondi-Gelli del 2017, hanno rafforzato enormemente il ruolo delle Società Scientifiche nella produzione di Linee Guida. Anche per questo motivo, AIOM ha continuato a lavorare in questo importante progetto che rappresenta uno dei due obiettivi principali della società scientifica. Esistono tuttavia aspetti che vogliamo perfezionare, migliorando sempre più la collaborazione con altre associazioni di specialisti così da ottenere raccomandazioni sempre più condivise e multidisciplinari”.
Nella elaborazione di sei Linee Guida AIOM 2018 hanno preso parte anche i pazienti. “Oltre ai medici specialisti, i malati di cancro sono gli ‘utilizzatori finali’ delle Linee Guida – aggiunge Fabrizio Nicolis, presidente di Fondazione AIOM -. Il coinvolgimento dei pazienti viene suggerito anche dalle Istituzioni sanitarie. Questi pazienti devono essere tuttavia formati adeguatamente e, per questo motivo, Fondazione AIOM, in collaborazione con AIOM, da tre anni ha avviato corsi di formazione specifici”. Fondazione AIOM infatti è da molti anni impegnata per aumentare l’interazione e un dialogo costruttivo fra oncologi e pazienti.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La produzione dell’olio in Italia è in calo

Posted by fidest press agency su lunedì, 28 gennaio 2019

La crisi che sta attraversando la produzione dell’olio (- 36,9% secondo i dati ISTAT relativi al 2018) sta mettendo in ginocchio uno degli alimenti cardine del made in Italy e dell’intera cucina mediterranea. Come è noto – dichiara in una nota il presidente nazionale Confeuro, Andrea Michele Tiso – a pregiudicare gravemente la produzione dello scorso anno è stata la diffusione del batterio della Xylella in Puglia, ma questo non significa che nel resto del Paese la situazione del comparto olivicolo non vivesse gravi difficoltà.
Un aspetto di cui bisogna necessariamente tenere conto – continua Tiso – è che la tutela dell’olio rappresenta diversi elementi fondanti della cultura italiana: tra cui la valorizzazione delle tipicità territoriali, la salvaguardia della genuinità degli alimenti e la tutela dell’agricoltura contadina e familiare. Come Confeuro – conclude Tiso – crediamo fermamente che il rilancio della produzione dell’olio d’oliva non sia un’opzione, ma un obbligo storico e culturale per un brand come quello italiano; ed è per questo che, dopo il piano per debellare la Xylella, auspichiamo l’approvazione di una strategia che coinvolga e rilanci l’intero settore olivicolo.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Presentazione della 45 edizione della Stagione concertistica dell’A.Gi.Mus

Posted by fidest press agency su lunedì, 28 gennaio 2019

Perugia Venerdì 1 febbraio, ore 11, Palazzo Gallenga, Saletta del Rettorato Palazzo Gallenga è convocata la conferenza stampa di presentazione della 45a edizione della Stagione concertistica dell’A.Gi.Mus di Perugia. All’incontro interverranno la rettrice dell’Università per Stranieri di Perugia, prof.ssa Giuliana Grego Bolli; Salvatore Silivestro, presidente e direttore artistico dell’A.Gi.Mus; il Vicepresidente di Agimus Giuseppe Pelli, e Stefano Ragni, docente di Musica all’Università per Stranieri di Perugia.

Posted in Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Raddoppiate in otto anni le imprese con gravi ritardi nei pagamenti

Posted by fidest press agency su lunedì, 28 gennaio 2019

Negli ultimi otto anni (4° trim 2010 – 4° trim2018) sono raddoppiate (+108%), dal 5,5% all’11,4%, le aziende italiane che pagano clienti e fornitori con più di 30 giorni di ritardo, anche se il picco del 15,7% è stato raggiunto nel 2013 e 2014. È quanto emerge dallo Studio Pagamenti 2018 di CRIBIS, società del gruppo CRIF specializzata nella business information.Dall’analisi di CRIBIS, aggiornata al quarto trimestre 2018, emerge che oltre un terzo (35,5%) delle imprese del nostro Paese effettua i suoi pagamenti nei termini previsti, una percentuale in calo rispetto a quella rilevata nello stesso periodo del 2017 (37,3%). Oltre la metà delle aziende (53,1%) adempie i propri obblighi di pagamento con un ritardo massimo di 30 giorni, un valore sostanzialmente in linea con l’anno precedente (52,2%).
“Nell’ultimo trimestre 2018 – spiega Massimiliano Solari, direttore generale di CRIBIS – tra i settori con la minore incidenza di imprese con ritardi oltre i 30 giorni sono state nel manifatturiero (8,1%), nel settore finanziario (8,7%) e nel commercio all’ingrosso (8,8%). La situazione più critica nel commercio al dettaglio con incidenza di imprese con ritardi gravi del 17,3%. Di fronte a un simile scenario generale che vede aumentare i gravi ritardi nei pagamenti, è necessario che le aziende selezionino con sempre maggiore cura e prudenza i loro interlocutori, dotandosi di strumenti di monitoraggio e analisi dell’affidabilità economico-commerciale di partner e fornitori”. I ritardi superiori ai 30 giorni sono molto diffusi anche nel settore rurale, caccia e pesca (12,1%), dei servizi (10,1%) e minerario (10%), mentre percentuali di poco più contenute sono state rilevate nel comparto costruzioni (9,9%), trasorti e distribuzione (9,1%). Lo Studio Pagamenti di CRIBIS rileva che nell’ultimo trimestre 2018, rispetto all’analogo periodo 2017, i pagamenti con ritardi superiori al mese sono aumentati del 9%, mentre quelli con una dilazione inclusa nei 30 giorni sono cresciuti dell’1,7%. Nell’arco dell’anno sono, invece, diminuite del 4,9% le aziende che adempiono puntualmente ai propri impegni pecuniari.L’analisi di CRIBIS, società del gruppo CRIF che offre alle aziende servizi per le decisioni di business in Italia e all’estero, evidenzia che a livello territoriale il 44,1% delle aziende che mantiene i propri impegni entro i termini previsti si trova nel Nord-Est e il 41,3% nel Nord-Ovest, mentre maggiori difficoltà incontrano le aziende del Sud e delle Isole, dove il 19,1% esegue i pagamenti con più di 30 giorni di ritardo) e del Centro (13,1%). In Lombardia ed Emilia-Romagna (45,2% ciascuna) ci sono le aziende più puntuali, mentre in Sicilia (22,1%) e Calabria (21,2%) quelle che dilazionano le scadenze oltre i 30 giorni.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La classifica delle città più care d’Italia del 2018

Posted by fidest press agency su lunedì, 28 gennaio 2019

L’Unione Nazionale Consumatori ha condotto uno studio stilando la classifica completa delle città più care del 2018 (cfr. tabella n. 1), in termini di aumento del costo della vita, sulla base dell’inflazione media registrata dall’Istat.Il capoluogo con i maggiori rincari del 2018 è Bolzano dove l’inflazione media record dell’1,9% determina, per una famiglia tipo, una stangata pari a 632 euro su base annua Al secondo posto Reggio Emilia che, con un incremento dei prezzi pari all’1,8%, registra una spesa annua supplementare di 505 euro, terza Forlì/Cesena, dove l’inflazione dell’1,7% implica un’impennata del costo della vita pari a 477 euro.Al quarto posto Lecco che, con rialzo dei prezzi dell’1,7%, ha un salasso, per una famiglia media, pari a 472 euro su base annua. Al quinto posto, Ravenna, dove l’inflazione dell’1,6% determina una batosta annua pari a 449 euro.
Ben 4 città dell’Emilia Romagna sono nella top ten della classifica (Reggio Emilia, Forlì, Ravenna e Bologna), mentre sono 2 quelle della Toscana (Pistoia al 7° posto con 429 euro e Arezzo in ottava posizione con 403 euro) e della Lombardia (oltre a Lecco, Lodi con 444 euro).Le 3 città con i minori rincari del 2018 sono, invece, Potenza, che con l’inflazione media più bassa, +0,3%, registra, per una famiglia tipo, un aggravio annuo di spesa di appena 63 euro, Ancona, il capoluogo di regione più conveniente, dove la seconda inflazione più bassa (+0,4%) genera un esborso aggiuntivo di soli 87 euro e Caltanissetta, +0,6%, con un aumento del costo della vita pari, nel 2018 a 117 euro.
Confrontando i dati a livello regionale, Cuneo, in termini di aumento del costo della vita, è il capoluogo di provincia più caro del Piemonte (1,5% l’inflazione, +395 euro i rincari del 2018), per la Liguria è La Spezia (+1,7%, +391 euro), per il Veneto è Padova (+1,4%, +369 euro), per il Friuli-Venezia Giulia è Pordenone (+1,3%, +322 euro), per l’Umbria è Terni (+1,5%, +337 euro), per le Marche è Ascoli Piceno (+1,7%, +342 euro), per il Lazio è Roma (+1,1%, +266 euro), anche se la Capitale si colloca solo al 43° posto della classifica generale, per l’Abruzzo è Pescara (+1,2%, +243 euro), per la Campania è Benevento (+1,4%, +292 euro), il capoluogo più caro del Sud, per la Calabria è Reggio Calabria (+1,2%, +225 euro), per la Sicilia è Siracusa (+1,5%, +293 euro), la città più cara delle Isole e del Mezzogiorno, per la Sardegna è Cagliari (+1%, +197 euro).”Anche se nel 2018 l’inflazione media è rimasta allo stesso livello del 2017, +1,2%, per le famiglie si tratta di rincari che hanno peggiorato pesantemente la loro condizione, dato che gli stipendi e le pensioni non sono certo aumentati quanto il rialzo del costo della vita” afferma Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori.”Per una famiglia media italiana la spesa è salita lo scorso anno di 285 euro. Nel Nord-Ovest, la ripartizione con l’inflazione maggiore, +1,3%, la stangata sale addirittura a 351 euro. Nessun lavoratore dipendente ha avuto un incremento della retribuzione così consistente. Finchè tutto aumenta, tranne quanto le famiglie percepiscono, è chiaro che i consumi resteranno al palo, ed il Pil non potrà salire in modo significativo, dato che fino a quando le famiglie non acquistano le imprese non vendono” conclude Dona.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Cinque motivi per essere ottimisti sulle azioni russe nel 2019”

Posted by fidest press agency su lunedì, 28 gennaio 2019

A cura di Hugo Bain, Senior Investment Manager di Pictet Asset Management. Per lungo tempo abbiamo sostenuto che è molto difficile imporre davvero sanzioni alla Russia. E sebbene le sanzioni possano incidere sui prezzi degli attivi russi, ciò tende a colpire di più gli investitori occidentali che quelli russi, che tendono ad avere un’esposizione relativamente limitata al loro mercato azionario interno.Affinché le sanzioni incidano con efficacia sull’economia russa, l’Occidente dovrebbe limitare le esportazioni di idrocarburi del Paese. Ciò è altamente improbabile, dato il livello di dipendenza dell’Europa da petrolio e gas russi.Curiosamente, ritengo che la completa eliminazione delle sanzioni costituirebbe per le istituzioni russe un problema più complesso di quanto sia gestire le attuali limitazioni. Infatti, avendo contribuito a mantenere il rublo debole, le sanzioni hanno paradossalmente contribuito a mantenere il bilancio del governo in attivo, visto che le sue spese sono in una valuta locale depressa, mentre i ricavi sono in valuta forte. Un allentamento delle sanzioni potrebbe condurre a un significativo apprezzamento del rublo, che è l’opposto di quanto vogliono i responsabili della politica russa.
Fino a poco tempo fa, si temeva un significativo aumento delle tensioni nella città siriana di Idlib in cui la Russia è pesantemente coinvolta al fianco del regime di Assad per sconfiggere i ribelli islamici. Tuttavia, un accordo tra Russia e Turchia per evitare un’offensiva militare è motivo di speranza, nonostante l’effetto solo temporaneo.
Ovviamente, ci sono altri rischi, in particolare quello che il Regno Unito imponga ulteriori sanzioni ai soggetti e alle aziende con legami con la Russia in risposta all’avvelenamento di Skirpal e che gli Stati Uniti scatenino i loro attacchi se non saranno rese note le prove dell’interferenza russa durante le elezioni di metà mandato del 2018. Anche i conflitti con l’Ucraina si sono in qualche misura intensificati recentemente, ma siamo convinti che non siano destinati a incidere sui fondamentali economici o societari.Inoltre, a nostro avviso la Russia pare decisa a portare avanti la sua partecipazione al cartello OPEC+, che dovrebbe stabilizzare i prezzi del petrolio nel prossimo anno. Il successo della regola fiscale e di una politica monetaria prudente durante lo scorso periodo di prezzi del petrolio elevati ha favorito lo sganciamento del rublo dal petrolio, aumentando le riserve estere. Di conseguenza, e come indicato nel grafico sotto riportato, il rublo non ha perso terreno di pari passo con il prezzo del petrolio da ottobre 2018 in poi.
Le politiche fiscale e monetaria russe sono eccezionalmente prudenti. Sia il Ministro delle finanze, sia la banca centrale hanno perseguito politiche assennate negli ultimi anni. Il rapporto debito russo/PIL è basso e il bilancio dello Stato è in attivo, in parte grazie alle sanzioni, come già evidenziato. Sarebbe difficile trovare un economista in disaccordo con le politiche monetaria e fiscale della Russia.
Gli esportatori russi sono attualmente in una posizione ottimale per poter generare free cash flow e beneficiano della debolezza del rublo e di prezzi delle materie prime relativamente favorevoli. Per di più, e in gran parte grazie alle sanzioni, i programmi di spesa in conto capitale sono stati ampiamente ridotti e le politiche di distribuzione sono molto favorevoli agli azionisti di minoranza.Per quanto riguarda le aziende che operano nel mercato interno, vi sono grandi società con fondamentali robusti che scambiano con valutazioni quasi in sofferenza e non è per nulla raro trovare società con rendimenti da dividendo a due cifre.
È una previsione pericolosa da fare, ma nel 2019 potemmo assistere a meno notizie negative sulla Russia, con la possibilità per gli investitori di concentrarsi sui fondamentali interessanti del Paese. Quando succederà, crediamo che sarà inevitabile una rivalutazione dei prezzi.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Generici e Biosimilari: il Parlamento Ue spalanca le porte al “Day-1 Launch”

Posted by fidest press agency su lunedì, 28 gennaio 2019

Legalizzare la produzione di generici e biosimilari durante il periodo di vigenza del certificato di protezione supplementare europeo del brevetto (Supplementary Protection Cerificate-SPC) per l’esportazione nei Paesi terzi dove esso non esiste o è già scaduto e consentire lo stoccaggio del prodotto negli ultimi due anni di vigenza del SPC per essere pronti a lanciarlo anche sul mercato interno il primo giorno utile dopo la scadenza (day -1 launch). È con queste due armi di pregio che il Parlamento europeo è intenzionato a dare l’ultima spallata ai paletti che frenano la competitività delle aziende farmaceutiche con sede nell’UE, rispetto agli altri protagonisti del settore off patent a livello mondiale.
Le misure sono contenute nel testo del Regolamento sulla Supplementary Protection Cerificate (SPC) manufacturing waiver approvato ieri dalla Commissione giuridica del PE con una sorta di plebiscito – 22 voti favorevoli e 1 contrario – e con il mandato ad avviare i negoziati trilaterali con Consiglio e Commissione. L’intenzione è quella di concludere i lavori nel Trilogo entro il mese di febbraio e arrivare all’approvazione finale, in plenaria, nel mese di marzo.Un passaggio cruciale e un importantissimo passo avanti rispetto alla versione licenziata appena una settimana fa dal Consiglio.“I parlamentari europei sono convinti che queste misure riaffermeranno l’attrattiva dell’UE come hub globale per gli investimenti nella ricerca farmaceutica innovativa, riducendo al contempo i costi e migliorando l’accesso ai medicinali generici e biosimilari all’interno dell’UE”, spiega il comunicato diffuso ieri dalla Commissione Giuridica del PE.Attualmente, il Supplementary Protection Cerificate (SPC) estende fino a ulteriori 5 anni la durata già ventennale dei brevetti farmaceutici europei, per consentire il recupero del tempo intercorso tra il deposito della domanda e l’ottenimento dell’AIC dei prodotti, creando – secondo la Commissione Juri – “barrriere legali non intenzionali per i produttori di generici e biosimilari con sede nell’UE, ponendoli in una posizione di svantaggio rispetto alle aziende extra-Ue non soggette a tali restrizioni”. E sono i dati a delineare l’entità dei danni che deriverebbero dalla delocalizzazione forzata cui sarebbero sottoposte le aziende per competere alla pari: “I mercati farmaceutici globali stanno subendo profondi cambiamenti e si stanno spostando verso una maggiore quota di mercato per i farmaci generici e biosimilari, con una domanda globale che raggiunge 1,1 trilioni di euro nel 2017. Con un tasso di crescita annuale del 6,9% entro il 2020, biosimilari e generici sono proiettati per rappresentare l’80% di tutte le medicine in volume e il 28% in valore”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Sicurezza sul lavoro: specializzati 1.000 Consulenti del Lavoro

Posted by fidest press agency su lunedì, 28 gennaio 2019

Nel 2019 salgono a 1.000 i Consulenti del Lavoro che hanno scelto di formarsi nel delicato ambito della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, ampliando così la gamma dei servizi da offrire alle aziende clienti. Si tratta di una competenza trasversale, sulla quale l’attenzione della Categoria è altissima, come dimostra la grande partecipazione degli iscritti all’Ordine ai corsi promossi dall’Enpacl, in collaborazione con la Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. Guardando agli ultimi dati disponibili sull’attività di vigilanza in materia di sicurezza, relativi all’anno 2017, sono risultate irregolari tre aziende su quattro (77,09%). Inoltre, secondo le stime elaborate dall’Osservatorio Statistico dei Consulenti del Lavoro sugli open data Inail sugli infortuni sul lavoro avvenuti nei primi 11 mesi del 2018 le denunce di infortunio durante l’attività lavorativa sono aumentate dello 0,5% rispetto allo stesso periodo del 2017. “In questo contesto – sottolinea la Presidente del Consiglio nazionale dell’Ordine Marina Calderone – il ruolo del Consulente del Lavoro è cruciale”.

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Corso di canto gregoriano

Posted by fidest press agency su lunedì, 28 gennaio 2019

Abbazia di Sant’Antimo (Si) 8 – 10 febbraio 2019 l’Arcidiocesi di Siena, Colle val d’Elsa e Montalcino, insieme alla comunità diocesana di Sant’Antimo, promuove presso l’Abbazia il secondo appuntamento della Schola Cantorum Anthimi con un seminario di tre giorni diretto da Livio Picotti, dal titolo “Jubilus, elevazione dell’acutezza – La grazia dell’anima nel canto neumatico”. Il corso inizierà il pomeriggio dell’8 febbraio e terminerà con la partecipazione alla Santa Messa della domenica celebrata in canto gregoriano. Per chi volesse è possibile alloggiare presso la foresteria di Castelnuovo dell’Abate per l’intera durata del seminario.
Le variazioni dinamiche corrispondenti alla diversa intensità che il canto gregoriano assume nei vari momenti liturgici trovano nella dilatazione dei neumi gregoriani il loro segno espressivo. Ad esempio la duplice notazione neumatica sangallese e metense (che troviamo nel Graduale Triplex) conferisce flessibilità e libertà all’esecuzione, che non è imprigionata nel rigore metronomico, ma neppure in quello semiologico. La libertà del segno che ne deriva, ricco di sfumature inimmaginabili nella notazione musicale successiva e in quella contemporanea è dunque ben lontano dal voler creare un sistema esecutivo rigido e predeterminato, ma ricorda semplicemente all’esecutore la natura profonda, viva, vibrante e pulsante del suono da cui proviene e l’immagine della natura divina che in esso si rispecchia. Il seminario approfondirà le tecniche del canto tramite un lavoro sensoriale e sulla percezione, affrontando diverse tematiche: ascolto, equilibrio, respirazione, movimento, risonanze, armonici.I partecipanti che non sanno leggere la musica quadrata su 4 righe, guidati dalla forza comunicativa dei simboli della scrittura neumatica, andranno “a orecchio” come nei migliori ambienti musicali del medioevo e potranno ugualmente imparare i canti.

Posted in Cronaca/News, scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Cresce ancora l’area Banche e Finanza di La Scala Società tra Avvocati

Posted by fidest press agency su lunedì, 28 gennaio 2019

L’Assemblea dello Studio ha ammesso alla partnership Marco Contini e Laura Pelucchi, della sede di Milano, e Federico Valeri della sede di Roma.
Marco Contini, 36 anni, laureato all’Università degli Studi di Pavia, è entrato a far parte di La Scala Società tra Avvocati nel 2009 dove si è occupato in particolare di recupero crediti e diritto civile. Coordina il team Utilities di La Scala dal 2015. Fornisce assistenza a primari operatori delle utilities e delle telecomunicazioni nella risoluzione delle loro criticità tipiche e nel recupero dei crediti correlati.
Laura Pelucchi, 37 anni, laureata all’Università Statale di Milano, ha fatto il suo ingresso in La Scala nel 2012. Si occupa di contenzioso bancario con specializzazione nelle attività di gestione e recupero dei crediti assistendo primari istituti di credito. Pelucchi è autrice di pubblicazioni e approfondimenti, oltre che relatrice a seminari e convegni, in materia di procedure esecutive. E’ membro del comitato scientifico e docente di “La Scala Youth Programme”.
Federico Valeri, 42 anni, laureato all’Università La Sapienza di Roma, è entrato a far parte di La Scala Società tra Avvocati nel 2010. Specializzato in diritto bancario e finanziario con focus nella gestione dei non performing loans, ha maturato esperienze nel coordinamento in outsourcing delle attività di recupero crediti di natura bancaria, in special modo nel settore dei “large ticket”. E’ docente di “La Scala Youth Programme”.
Lo Studio, nelle sue 10 sedi italiane, conta su 290 risorse, comprendendo 190 professionisti e uno staff di 100 persone.Fondato nel 1991, La Scala offre ai propri clienti, da oltre venticinque anni, una gamma completa e integrata di servizi legali. Tra i primi studi legali nel contenzioso bancario e fallimentare, è oggi leader riconosciuto nei servizi di recupero crediti giudiziale. E’ inoltre attivo nei servizi professionali dedicati alle imprese, nonché nel diritto civile e di famiglia.Dopo la sede principale di Milano, nel corso degli anni sono state aperte le altre sedi di Roma, Torino, Bologna, Firenze, Venezia, Vicenza, Padova, Ancona e una seconda sede a Milano.Oggi La Scala comprende circa 190 professionisti e uno staff di oltre 100 persone, e assiste stabilmente tutti i principali gruppi bancari italiani, numerose imprese industriali e commerciali, importanti istituzioni finanziarie.
All’inizio del 2018 La Scala si è trasformato in Società tra Avvocati per azioni.Dal 2000 pubblica IUSLETTER che, nata come rivista bimestrale, nel 2012 è diventata un vero e proprio portale web di informazione giuridica, quotidianamente aggiornato.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Lucien Paris: collection de Roxane Debuisson

Posted by fidest press agency su lunedì, 28 gennaio 2019

Pour la 8e édition de sa vente « Paris mon amour », les 18 et 19 mars, la maison Lucien Paris présentera la collection de Roxane Debuisson, amoureuse inconditionnelle de la ville lumière, de la France et de sa gastronomie. Profondément parisienne, Roxane Debuisson (1927-2018) déambule passionnément tout au long de sa vie dans les rues de la capitale dont elle ne supporte ni la destruction, ni la sur-densification. Érudite, fantasque, rebelle, dotée d’une gouaille très aristocratique, elle réunit dans son grand appartement du boulevard Henri IV une collection incroyable de vestiges de la ville.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Defying conventional education modes

Posted by fidest press agency su lunedì, 28 gennaio 2019

Founders of Green School put the notion of sustainability as the centerpiece of their educational philosophy. Wall-less classrooms allow students to connect with nature directly while environment-friendly infrastructures enable students to discover the significance of sustainability on a daily basis. According to Chickering, the educational goal of Green School is to teach students to become “system thinkers” who aim to steer the world, “be they environmental, economical, societal or personal”, to a sustainable path — a key element to solving current global issues. In order to achieve this goal, educators from Green School focus on helping students understand the importance of reflecting on mistakes, asking the right questions rather than giving the right answers, and additionally offer students choices in their learning journey.
To make the “system thinkers” idea practical, teachers in Green School also educate students to become “world-ready”. According to Chickering, a teacher is “a mentor, a guide, a coach, and most importantly, a co-learner” who creates a structure in which students are able to explore their interests freely and “stretch themselves as a learner”.Glenn Chickering is one of the founding faculty members of Green School, a non-profit private school focusing on environmental stability and educating young green leaders in global citizenship.CMRubinWorld’s award-winning series, The Global Search for Education, brings together distinguished thought leaders in education and innovation from around the world to explore the key learning issues faced by most nations. The series has become a highly visible platform for global discourse on 21st century learning, offering a diverse range of innovative ideas which are presented by the series founder, C. M. Rubin, together with the world’s leading thinkers. (By CMRubinWorld)

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Final statement on Davos by Frank Appel, CEO Deutsche Post DHL Group

Posted by fidest press agency su lunedì, 28 gennaio 2019

A statement by Dr. Frank Appel, CEO of Deutsche Post DHL Group, wrapping up his attendance at the World Economic Forum’s Annual Meeting in Davos: “In view of the still confusing geopolitical situation, which is expressed in sporadic increasing demands for protectionism, for example, globalization was at the top of the agenda of this year’s
World Economic Forum meeting. As one of the most global companies in the world, we are committed to international cooperation and trade, because no country has ever benefited from nationalism and separation. After many discussions here in Davos, I feel that business leaders and politicians of most countries share this view. Now is the time to set the right course for the future, for example with a view to the European elections in May. This election is a forward-looking decision with long-term implications. It will decide
the future of a united Europe, its institutions and its values. In essence, it is about whether we want to take another step towards isolation and nationalism, or whether we want to continue international cooperation in an increasingly complex world. The European Union is one of the greatest political achievements of modernity, with more than 500 million people living in freedom, peaceand prosperity – it cannot survive without active democratic participation”.
Deutsche Post DHL Group is the world’s leading mail and logistics company. The Group connects people and markets and is an enabler of global trade. It aspires to be the first choice for customers, employees and investors worldwide. The Group contributes to the worldthrough responsible business practice, corporate citizenship and environmental activities. By the year 2050, Deutsche Post DHL Group aims to achieve zero emissions logistics.
Deutsche Post DHL Group is home to two strong brands: Deutsche Post is Europe’s leading postal service provider. DHL offers a comprehensive range of international express, freight transport, and supply chain management services, as well as e-commerce logistics solutions. Deutsche Post DHL Group employs approximately 520,000 people in over 220 countries and territories worldwide. The Group generated revenues of more than 60 billion Euros in 2017.
Die Post für Deutschland. The logistics company for the world.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

10th Annual Lumiere Awards at Warner Bros

Posted by fidest press agency su lunedì, 28 gennaio 2019

The Advanced Imaging Society has announced the distinguished recipients of the organization’s top Lumiere Awards, which will be presented during the Society’s 10th annual honors ceremony January 30th at Warner Bros. Studios. Brad Bessey, the two-time Emmy award-winning veteran producer of Entertainment Tonight and CBS’s The Talk, will executive produce the show.The Society has named Academy Award-winning writer, producer, director Christopher McQuarrie as the recipient of its 2019 Harold Lloyd Award. In partnership with the Harold Lloyd family, the honor is annually presented for distinguished achievement in filmmaking to directors who have “marshalled technology to empower storytelling.”
McQuarrie is a frequent collaborator with Tom Cruise, having written and directed Jack Reacher, Mission Impossible: Rogue Nation and 2018’s Mission Impossible: Fallout. He won the Academy Award for Best Original Screenplay for The Usual Suspects, and is a writer for Top Gun: Maverick, which is currently in production.The Society will also present a Governor’s Award to Peter Jackson’s groundbreaking World War I documentary They Shall Not Grow Old.
Directed and produced by Jackson, the acclaimed documentary is an extraordinary look at the soldiers and events of the Great War, using film footage captured at the time, now presented as the world has never seen it. Utilizing state-of-the-art restoration, colorization, and 3D technologies, and pulling from 600 hours of BBC archival interviews, Jackson’s film creates an authentic and powerful experience seen through the eyes of soldiers who lived it.
StereoD, the 3D conversion company renowned for their stereographic technology for feature films, was tapped, alongside Park Road Post in Wellington, New Zealand, to restore, colorize, and dimensionalize the material using artistry, techniques, and new technologies to create the visual feel Jackson intended for audiences. Park Road Post Productions also played a significant role in the restoration and the final DI.The annual Sir Charles Wheatstone Award will be presented to Cinionic for the company’s technical innovation and service leadership in cinema. “The future of our industry’s success with movie fans is in the hands of technical and innovation leaders like Cinionic,” said Chabin.
The Lumiere Awards have been presented over the last decade to the industry’s most respected creative and technical leaders. Previous recipients have included Jon Favreau, James Cameron, Darla Anderson, Martin Scorsese, Ang Lee, Victoria Alonso, Jeffrey Katzenberg, Jean-Pierre Jeunet, Ivan Reitman, Chris Miller, Phil Lord, and many others.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »