Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 15

Archive for 30 gennaio 2019

Dario Goldaniga e Davide Bramante: Confini sospesi

Posted by fidest press agency su mercoledì, 30 gennaio 2019

Bologna dal 31.01 al 04.02 2019 Palazzo Bevilacqua Ariosti Via d’Azeglio 31, presentazione “Confini sospesi” A cura di Eli Sassoli de’ Bianchi, Olivia Spatola e in collaborazione con Fabbrica Eos, Milano.
Dario Goldaniga e Davide Bramante, in occasione di Arte Fiera Bologna 2019, realizzano, per Palazzo Bevilacqua Ariosti, due interventi site specific, rispettivamente nella corte esterna e nel Salone, cosiddetto del Concilio di Trento in memoria di una storica seduta che si tenne in questi luoghi. Bologna assurge pertanto a focus temporaneo della visione, nell’ospitare due gesti d’artista che allargano lo sguardo ad abbracciare anche ciò che l’occhio può soltanto intuire. E’ il potere del gesto d’artista che non conosce barriere, che unisce mondi ed emisferi ed abbraccia l’universo come un unicum in continua trasformazione, del quale percepiamo la grande bellezza allorché, nel sospendere per un attimo il tentativo di comprenderne il funzionamento, ci poniamo “in ascolto”.
Lo sguardo esperto di Davide Bramante si dilata, a cogliere, con la velocità di un battito d’ali, ciò che più lo affascina e ne cattura l’attenzione; immagini incise nella memoria, rese immortali dallo scatto fotografico e poi organizzate entro i confini dell’opera e risultanti in una visione apparentemente unitaria, ma che, in realtà, ne custodisce ed armonizza tutte le altre, ancora percepibili ad uno sguardo attento e lasciato libero di soffermarsi a cogliere ciò che più coinvolge, in quel dato momento. L’attivazione di questo scambio dona pertanto vita sempre nuova alle immagini, e consente all’occhio di chi guarda di continuare a volare entro confini, che, appunto, restano sospesi per definizione.
Al centro del Salone, le tre visioni di New York, San Pietroburgo e Madrid con la carta geografica dei continenti, suggeriscono la mappatura geografica del mondo, osservato più da vicino, nel corso dei vari scatti su Bologna, della quale Bramante coglie appieno la bellezza delle architetture e delle piazze, la memoria storica, simboleggiata da dettagli di affreschi di Palazzo Bevilacqua Ariosti e altresì ne coglie l’anima più contemporanea, graffiata e studentesca. Bramante ci trasporta nel suo mondo, un universo per il quale il confine è solo temporaneo; un volo che finisce, per poi subito aprire le ali a quello successivo, seguendo la direzione del proprio sentire e trasportato dall’entusiasmo di ogni nuova scoperta, per continuare ad arricchire di dettagli e di sfumature l’arazzo infinito della nostra esistenza. (Chiostro – orari di visibilità: Giov. 31 e Ven. 01: ore 14.30/21.30
Sab. 02: ore 14.30/18.30 – 21.30/24.00 Dom. 03 e Lun. 04: ore 14.30/21.30) http://www.palazzobevilacqua.it

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: Sostegno disabili, svolta in arrivo per 48 mila assistenti all’autonomia e alla comunicazione?

Posted by fidest press agency su mercoledì, 30 gennaio 2019

In Senato è stato presentato l’ordine del Giorno G.10.100 Granato, Montevecchi (M5S) per impegnare il Governo a stanziare le risorse in tempi certi per garantire l’erogazione dei fondi agli Enti Locali e pagare gli stipendi prima dell’inizio dell’anno scolastico. Marcello Pacifico (Anief) plaude all’iniziativa ma rilancia: bisogna approvare una norma che stabilizzi tale personale direttamente nei ruoli dello Stato, al pari del personale Ata e degli insegnanti di sostegno, essenziale per garantire il diritto all’istruzione degli alunni con disabilità. Potrebbe essere ad una svolta il problema dell’erogazione dei fondi agli Enti Locali per la nomina e il pagamento degli assistenti all’autonomia e alla comunicazione degli alunni con disabilità: questa situazione, mai affrontata, provoca infatti ogni anno la mancata assegnazione di decine di migliaia di operatori, formati e specializzati, con danni palesi sugli alunni che per legge hanno diritto a beneficiare del loro servizio. Eppure, gli assistenti all’autonomia e alla comunicazione sono previsti dall’articolo 13 della L.104/92: sono operatori che hanno il compito di facilitare la comunicazione dello studente con disabilità, stimolare lo sviluppo delle abilità nelle diverse dimensioni della sua autonomia, mediare tra l’allievo con disabilità e il gruppo classe per potenziare le loro relazioni, supportarlo nella partecipazione alle attività, partecipando all’azione educativa in sinergia con i docenti.Alla base della loro mancata nomina vi è l’impossibilità per Comuni ed ex Province, gestori per legge di tali professionalità, di convocare prima dell’inizio dell’anno scolastico gli assistenti all’autonomia e alla comunicazione, proprio perché impossibilitati al pagamento dei loro stipendi. E questo si deve a vari motivi, come la diversa tipologia dei contratti, la crisi finanziaria di Comuni e Regioni, nonostante gli aumenti di 25 milioni del fondo specifico riconosciuto nelle ultime Legge di Stabilità, che non permettono una serena programmazione del lavoro e una risposta immediata alle famiglie per i bisogni dei loro figli.
Nel passaggio alla Camera del decreto-legge 135 Semplificazioni, Marcello Pacifico, presidente Anief, spera a questo punto che “l’attuale maggioranza, sensibile al tema della disabilità, possa impegnarsi per affrontare il problema: occorre approvare una norma che stabilizzi tale personale direttamente nei ruoli dello Stato al pari del personale Ata e degli insegnanti di sostegno, essenziale per garantire il diritto all’istruzione degli alunni con disabilità”. “A questo scopo – conclude Pacifico – occorre anche trovare risorse aggiuntive tali da dotare ogni scuola di un organico funzionale composto anche da queste figure professionali, ormai indispensabili per l’autonomia”.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Come prevenire la fragilità delle persone anziane

Posted by fidest press agency su mercoledì, 30 gennaio 2019

Importante risultato per la ricerca scientifica sviluppata dalla Fondazione Don Gnocchi. Il Centro IRCCS “S. Maria Nascente” di Milano si è infatti aggiudicato un finanziamento da parte della Fondazione Cariplo nell’ambito di un bando per “La ricerca biomedica sulle malattie legate all’invecchiamento”. Il progetto finanziato riguarda le fragilità nelle persone anziane, si intitola “Il ruolo del fattore di trascrizione PREP1 nel fenotipo clinico della Fragilità: studio clinico e biomolecolare” e verrà sviluppato grazie ad una collaborazione tra l’Istituto Fondazione FIRC di Oncologia Molecolare IFOM di Milano (responsabile dello studio il professor Francesco Blasi) e la Fondazione Don Gnocchi IRCCS “S. Maria Nascente” di Milano (responsabile del progetto per la parte della Fondazione Don Gnocchi, la dottoressa Francesca Baglio, neurologa). «Si tratta di un finanziamento importante – sottolinea la dottoressa Francesca Baglio – perché ci consentirà di capire quali sono i meccanismi coinvolti nella Sindrome dell’anziano fragile e, di conseguenza, di avere maggiori strumenti per intervenire precocemente nei soggetti a rischio. Sappiamo infatti che la Fragilità espone i soggetti ad un maggiore rischio di malattie croniche e invalidanti. Intervenire precocemente, con programmi riabilitativi ad hoc, favorirebbe un invecchiamento in salute. Il nostro obiettivo è reclutare 90 persone di età superiore ai 65 anni in due anni presso i nostri ambulatori. Un’attenta valutazione clinica e strumentale stabilirà la presenza o meno della Sindrome della Fragilità e l’integrità di strutture quali il muscolo e il cervello. Con un prelievo di sangue, si misurerà la presenza della proteina PREP1 per capirne il ruolo nella fragilità, ma anche per ricercare un marcatore di identificazione precoce dei soggetti a rischio».Nello specifico, il progetto di ricerca punta a verificare che la fragilità dell’anziano – intesa come sindrome – possa essere predetta da modificazioni nella forma e struttura dei nuclei delle cellule dovuta a una diminuzione o assenza del fattore di trascrizione PREP1. Questo fattore è un “regolatore della struttura nucleare età dipendente”, di recente scoperta. In particolare, il fattore PREP1 controlla le funzioni tipicamente interessate nella fragilità, come ad esempio la funzione delle cellule staminali, il metabolismo mitocondriale e del glucosio, il danno al DNA e la degenerazione delle cellule muscolari. Per questi motivi i ricercatori della Fondazione FIRC e della Fondazione Don Gnocchi ritengono che PREP1 possa essere uno dei principali fattori patogenetici coinvolti nella patogenesi della Sindrome della Fragilità.

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Laini Taylor: La musa degli incubi

Posted by fidest press agency su mercoledì, 30 gennaio 2019

Dalla più raffinata scrittrice fantasy adult americana, tradotta in trenta lingue, finalista al National Book Award e che ha venduto un milione di copie, il seguito de Il sognatore, all’uscita in America arrivato subito nei primi posti della classifica del New York Times tra i bestseller per ragazzi. Il secondo volume di una nuova duologia fantastica, un nuovo mondo magico e un nuovo cast di personaggi sorprendenti che stanno già conquistando i lettori di tutto il mondo. Il libro In seguito a una terribile esplosione, la fortezza dei Mesarthim ha rischiato di precipitare sulla città di Pianto. Ma la tragedia è stata miracolosamente evitata da Lazlo, il quale, proprio in quest’occasione, ha scoperto di possedere dei poteri magici in quanto anch’egli figlio dei divini Mesarthim. L’unica vittima dell’incidente è stata Sarai, sbalzata fuori dall’oscillare della fortezza per andare a schiantarsi sulla città sottostante. Nel nuovo capitolo della storia del Sognatore Strange, Lazlo e Sarai si ritrovano a dover vivere la loro storia d’amore sotto sembianze che non gli appartengono: lei fantasma, lui dio dalla pelle blu. Entrambi dovranno battersi per la propria sopravvivenza e quella della stessa Pianto, mentre una nuova minaccia si profila all’orizzonte e i misteri dei Mesarthim riaffiorano dal passato: da dove sono arrivati, davvero, gli dèi e perché? Che fine hanno fatto le migliaia di bambini nati nella nursery della fortezza? E, soprattutto, i veri eroi devono per forza massacrare mostri per essere tali, oppure possono, al contrario, salvarli? Amore e odio, vendetta e redenzione, distruzione e salvezza si scontrano in questo fantastico seguito del best seller del New York Times Il sognatore. Collana L ain / pp. 280 ca. / euro 10 per il primo mese in libreria In libreria dal 14 febbraio Fazi Editore. In libreria dal 14 febbraio 2019.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Rebecca West: Nel cuore della notte

Posted by fidest press agency su mercoledì, 30 gennaio 2019

E’ il secondo volume della trilogia di Rebecca West. Il fenomeno letterario dell’anno: ai vertici delle classifiche. Amica di Virginia Woolf e Doris Lessing, amante di H.G. Wells, dal quale ebbe un figlio, irrequieta e ribelle, femminista ante litteram, Rebecca West è considerata una delle prosatrici più raffinate del Novecento inglese. Il libro È trascorso qualche anno da quando abbiamo salutato la famiglia Aubrey. Le bambine non sono più tali: i corsetti e gli abiti si sono fatti più attillati, le acconciature più sofisticate; l’ozio delle giornate estive è solo un ricordo. Oggi le Aubrey sono giovani donne, e ognuna ha preso la sua strada: le gemelle Mary e Rose sono due pianiste affermate e vivono le difficoltà che comporta avere un talento straordinario. La sorella maggiore, Cordelia, ha abbandonato le velleità artistiche per sposarsi e accomodarsi nel ruolo di moglie convenzionale. La cugina Rosamund, affascinante più che mai, lavora come infermiera. La madre comincia piano piano a spegnersi, mentre il padre è sparito definitivamente. Poi c’è lui, il piccolo Richard Quin, che si è trasformato in un giovane seduttore brillante e, sempre più, adorato da tutti. La guerra, che piomberà sulla famiglia come una catastrofe annunciata, busserà anche alla sua porta, e sconvolgerà ogni cosa. Mentre l’Inghilterra intera è costretta a separarsi dai suoi uomini, l’universo delle Aubrey si fa sempre più esclusivamente femminile: gli uomini e l’amore rimangono un grande mistero, un terreno inesplorato da attraversare, pagine ancora tutte da scrivere che, forse, troveranno spazio nel prossimo volume di questa appassionante saga familiare. Dopo La famiglia Aubrey, Nel cuore della notte è il secondo capitolo della trilogia di Rebecca West.
Rebecca West (1892 – 1983) Nata Cecily Isabel Fairfield a Londra, prese il suo pseudonimo dall’omonimo personaggio di Ibsen, un’eroina ribelle. Nel corso della sua lunga vita travagliata e romanzesca è stata scrittrice, giornalista, critica letteraria, grande viaggiatrice, femminista ante litteram e politicamente impegnata. La trilogia degli Aubrey è ispirata alla sua storia familiare. Collana Le strade / Traduzione di Francesca Frigerio / pp. 400 ca. / euro 20 (Fazi editore)

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Accenture Opens Intelligent Operations Center in Fukuoka To Help Clients Spur Innovation

Posted by fidest press agency su mercoledì, 30 gennaio 2019

Accenture (NYSE:ACN) today opened a new Accenture Intelligent Operations Center Fukuoka in Fukuoka-shi, Fukuoka Prefecture, as part of the company’s growth plans to expand in Japan. Positioning Fukuoka as one of two major locations in Kyushu along with the Kumamoto Center for providing business process services (BPS), the new Accenture Intelligent Operations Center Fukuoka focuses on helping enterprise clients drive innovation. At the new Accenture Intelligent Operations Center Fukuoka location, clients can work with Accenture’s professionals with expertise in digital and automation technologies, including robotic process automation (RPA), analytics, artificial intelligence (AI) as well as specific industries and business processes, including accounting, finance, HR, procurement, sales, and marketing, to create intelligent operations. Most notably, Accenture professionals from Kumamoto location has achieved a 90 percent improvement in automating the current business operations for local clients.The new Accenture Intelligent Operations Center Fukuoka is also a location for implementing and providing those intelligent operations services to the clients. It is part of Accenture’s global delivery network of more than 50 locations worldwide, Accenture Intelligent Operations Center Fukuoka is connected to these global centers to seamlessly bring the best of Accenture’s global investments and insights to its clients on the ground in Japan, as well as providing advanced business processes from Fukuoka to the world.
The Accenture Innovation Architecture combines capabilities from across the company and is built around six elements to help organizations at any stage of their digital transformation, Accenture Research, Accenture Ventures, Accenture Labs, Accenture Studios, Accenture Innovation Centers, and Accenture Delivery Centers.Accenture Intelligent Operations Center Fukuoka delivers three of these capabilities: Accenture Studio for rapid development and prototyping of applications and the design and creation of digital services, Accenture Innovation Center for demonstrating and scale industry solutions, and Accenture Delivery Center for industrializing the delivery of Accenture innovations globally, unlocking the power of New IT and transform business processes through an unparalleled network across more than 50 locations. AIO Fukuoka will work closely with Accenture’s innovation-generating network all over the world, incorporate the global cutting-edge technologies and successful cases, and communicate innovative business processes from Japan to the world.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »