Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 338

Presentazione del libro “Pensiero discordante” di Teresa Macrì

Posted by fidest press agency su sabato, 2 febbraio 2019

Roma Martedì 5 febbraio 2019 ore 17.30 Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea viale delle Belle Arti 131, Ingresso accessibile Via Gramsci 71 Ingresso libero intervengono: Teresa Macrì, critica d’arte e autrice del libro Matteo Lucchetti, Visible chief curator (Cittadellarte-Fondazione Pistoletto/Fondazione Zegna)
La Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea presenta Pensiero Discordante, l’ultimo libro di Teresa Macrì, per le edizioni postmedia books 2018. Nella data di apertura al pubblico della mostra da lei curata, You Got to Burn to Shine, che inaugura il 4 febbraio alla Galleria Nazionale, la presentazione di questo libro è un’occasione per parlare di temi e personalità che condividono con il progetto espositivo un’indagine su una dimensione del reale alternativa.In questa epoca di deriva, in cui buona parte del pianeta appare oppiato e ipnotizzato in una univoca visione del mondo, compiaciuta di sé stessa e sublimata da reconditi meccanismi di produzione del consenso, è necessario fermarsi e ragionare sulle sollecitazioni e sulle visioni che si distaccano da essa. Il pensiero discordante è quel pensiero che si smarca dalle convenzioni e dai valori che regolano la piattezza culturale e contrattacca con il riposizionamento dell’essere pensante e con la decostruzione dell’ordine simbolico dominante. A ciò contribuiscono gli artisti e i pensatori con le loro utopie estetiche, i loro paradossi, le loro metafore, i loro sovvertimenti estetici e l’attitudine a fare e disfare i mondi. John Giorno, Francis Alÿs, Luca Vitone, Sislej Xhafa, John Cage e Luca Guadagnino, tra gli altri, delineano un orizzonte destabilizzante, che riorganizza un pensiero altro. La prima dissertazione concerne il pensiero. Che significa pensare in una società che esercita l’anestetizzazione e la propria dispersione? Hannah Arendt suggeriva che pensare è dialogare con se stessi, cioè porsi di fronte alla scelta fra il giusto e l’ingiusto, il bello e il brutto. Chiunque pensa si dissocia, si allontana, anche senza operare, dissente e apre lo spazio al giudizio. Il pensiero è l’unica difesa contro la massificazione e il conformismo che sono le forme di imbarbarimento contemporaneo. Il riflesso è che il pensiero possiede in sé un effetto “distruttivo”, tale da erodere alla radice tutti i criteri fissati, i fondamenti condivisi, i modelli del bene e del male, insomma tutte le consuetudini morali ed etiche. Urge, dunque, capire la sorgente da cui ha origine la caduta del pensiero e fissare, in una epoca che tende ad alienarlo, le ragioni della sua solitudine. (Teresa Macrì)
Teresa Macrì è critica d’arte, scrittrice e curatrice indipendente. Vive e lavora a Roma.
Matteo Lucchetti è curatore, storico dell’arte e scrittore. Orari di aperturadal martedì alla domenica: 8.30 – 19.3ultimo ingresso 45 minuti prima della chiusura biglietti intero: € 10,00 ridotto: € 5,00

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: