Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 244

Le Nazioni Unite chiedono 920 milioni di dollari USA per la crisi umanitaria che ha colpito i Rohingya

Posted by fidest press agency su martedì, 19 febbraio 2019

Le agenzie umanitarie delle Nazioni Unite e le ONG partner hanno lanciato oggi il Piano congiunto di risposta 2019 per la crisi umanitaria che ha colpito la popolazione Rohingya. L’appello mira a raccogliere 920 milioni di dollari USA per rispondere alle consistenti esigenze di oltre 900.000 rifugiati dal Myanmar e di oltre 330.000 bangladesi vulnerabili delle comunità di accoglienza.La copertura di aiuti e servizi cruciali quali cibo, acqua potabile, servizi igienico-sanitari e alloggi corrisponde a oltre la metà dei fondi necessari quest’anno. Altri settori chiave dell’appello includono assistenza sanitaria, gestione dei campi di accoglienza, attività legate alla protezione dei minori e alla risposta alla violenza sessuale e di genere, all’istruzione e alla nutrizione.Oltre 745.000 rifugiati Rohingya sono fuggiti dallo Stato di Rakhine, in Myanmar, recandosi in Bangladesh a partire da agosto 2017, per sottrarsi alla violenze in atto, e andando così ad aggiungersi agli altri circa 200.000 già stabilitisi nell’area di Cox’s Bazar, in seguito alla recrudescenza di scontri precedenti.Grazie alla generosità e al supporto delle autorità e delle comunità di accoglienza bangladesi, le prime a rispondere all’emergenza, è stato possibile soddisfare le esigenze più urgenti e salvare numerose vite umane.
Il nuovo Piano congiunto di risposta prevede uno sforzo umanitario onnicomprensivo finalizzato al conseguimento di tre obiettivi strategici. Riunendo 132 partner – agenzie delle Nazioni Unite, ONG internazionali e nazionali ed enti governativi – in uno sforzo collettivo, il Piano mira ad assicurare protezione a donne, uomini e minori rifugiati, garantire assistenza di base e promuovere la coesione sociale.Il Piano di risposta per il 2019 costituisce il terzo appello umanitario congiunto e poggia sui risultati conseguiti finora col fine di stabilizzare ulteriormente la situazione dei rifugiati Rohingya.
Negli ultimi dodici mesi le agenzie umanitarie hanno lavorato per migliorare le condizioni degli insediamenti di rifugiati grazie al Piano congiunto di risposta 2018, che ha permesso di assicurare assistenza di base, elevare la qualità delle condizioni di vita nei campi e adottare misure di riduzione del rischio di catastrofi per le stagioni dei monsoni e dei cicloni. L’impatto ambientale del flusso di persone è stato limitato adottando misure quali la riduzione della domanda di legna da ardere, grazie alla fornitura di gas di petrolio liquefatti (GPL) da utilizzare come combustibili alternativi per cucinare e riscaldare. La prevalenza dei casi di malnutrizione acuta nel mondo, che aveva toccato livelli allarmanti a fine 2017, oggi è scesa sotto la soglia di emergenza (dal 19 al 12 per cento), la sicurezza alimentare è migliorata, la copertura delle vaccinazioni ha raggiunto l’89 per cento, e il numero di gestanti che partoriscono in strutture sanitarie è cresciuto dal 22 al 40 per cento. A dispetto di questi e di altri risultati ottenuti, i Rohingya continuano a trovarsi in una situazione estremamente precaria, e ciò non fa che sottolineare l’importanza di assicurare un sostegno duraturo. Fino a quando le cause alla radice delle migrazioni dal Myanmar non saranno affrontate e i rifugiati messi nelle condizioni di potervi fare ritorno volontariamente in condizioni sicure e dignitose, sarà necessario garantire supporto alle autorità del Bangladesh per poter rispondere ai bisogni dei rifugiati e delle comunità di accoglienza.Il Piano congiunto di risposta 2018 era stato finanziato per il 69 per cento, vale a dire 655 milioni di dollari USA rispetto ai 950 milioni richiesti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: