Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Archive for marzo 2019

Leggere il pensiero: dalla parapsicologia alla scienza

Posted by fidest press agency su domenica, 31 marzo 2019

Roma primo aprile 2019 ore 20,00 Piccolo Eliseo Via Nazionale 183. I media e la fantascienza ci hanno abituato a idee quali poter muovere delle cose con il pensiero, poter “leggere” i pensieri delle persone, poter comandare arti artificiali con la sola volontà mentale. Basta pensare ad un qualsiasi episodio di X-men con i poteri dei diversi super-eroi.
Nel prossimo, attesissimo incontro il prof. Fabio Babiloni, docente di Neuroscienze e Bioingegneria dell’Università La Sapienza di Roma, affronterà il tema di come sia possibile attualmente per la scienza poter interpretare e riconoscere alcuni semplici “pensieri” dell’uomo e degli animali a noi più prossimi (primati) e del modo in cui si è arrivati a decodificare in tempo reale l’attività cerebrale di persone che sono in stato vegetativo e come poter, in maniera molto semplificata, poter dialogare con persone che non possono muovere un muscolo del loro corpo a causa di malattie progressive degenerative.
La speranza è quella di poter muovere con il pensiero arti artificiali, per poter restituire mobilità a persone che l’hanno perduta, o destrezza a persone che non hanno più le mani, così come anche la possibilità di muovere degli oggetti con il pensiero. Il professore ci parlerà, infine, di quanto questa “lettura” della nostra mente potrà farci interagire in un prossimo futuro con gli ambienti di lavoro (aerei, automobili, sale di controllo di metropolitane e ferroviarie) e di quanto ancora la scienza ci separa dalle aspettative che invece la fantascienza ci suggerisce come prossime.
Il prof. Fabio Babiloni è professore di Fisiologia, Neuroscienze e Bioingegneria elettronica presso l’Università La Sapienza di Roma.
Dirige il laboratorio di Neuroscienze industriali, dove si applicano le neuroscienze nei contesti di marketing e di attività di interesse per l’industria italiana e straniera.
E’ autore di 250 pubblicazioni scientifiche peer-reviewed, ha un h-index di 65 (Google scholar). Il prof. Fabio Babiloni è nella lista dei Top Italian Scientists, i migliori 2500 scienziati italiani viventi, in tutti i campi del sapere. Ingresso libero fino a esaurimento posti. (a cura di Viviana Kasam presidente BrainCircleItalia) http://www.brainforum.it

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Le sette decadi di Carlo Iacomucci

Posted by fidest press agency su domenica, 31 marzo 2019

Le sette decadi di Iaco.jpgSettanta anni sono un grande traguardo per ogni persona, ma per un artista rappresentano il momento dei bilanci umani e professionali. Volendo esprimerci in termini prettamente “manageriali”, possiamo affermare che il rendiconto biografico del Maestro Iacomucci è senz’altro positivo, perché ha investito e speso i suoi anni facendo quello che più ama fare: incidere e dipingere. Secondo Sant’Agostino, il numero 70, corrisponde alla totalità di un’evoluzione, rappresenta un ciclo compiuto e dinamico. E’ il numero della creazione, spirito e anima di ogni cosa, rappresenta il perfezionamento della natura umana e dunque il “tutto”o, per dirla con il grande filosofo Platone, l’“anima mundi”. Per Iacomucci, questa affermazione, permettetemi l’ironia, calza davvero … a pennello!
Nel corso della sua carriera artistica, il Maestro Iacomucci si è speso con serietà, con curiosità, con tenacia e con allegria trasferendo nelle opere i suoi trascorsi urbinati e tutte le competenze acquisite presso la prestigiosa Scuola del Libro di Urbino. Le sue frequentazioni giovanili degli ambienti artistici romani, i suoi contatti con i maestri incisori dell’epoca, le sue trasferte all’estero, partecipando a numerose collettive e personali, nel corso degli anni, hanno contribuito a fargli acquisire la formazione e l’esperienza necessaria, che lo hanno portato, nella sua quarantennale carriera, a maturare un’alta ricerca artistica e culturale.Personaggio eclettico e poliedrico, nel suo viaggio stilistico, si è cimentato in percorsi e stili differenti che hanno avuto, come denominatore comune, la tematica del segno attraverso i motivi ricorrenti delle gocce o tracce o segni, che rappresentano la sua inconfondibile impronta. Nelle numerose acqueforti da lui realizzate, il Maestro Iacomucci ha voluto rimarcare la purezza e il rigore dell’incisione: tecnica antica, ma sempre attuale, che richiama ad un ordine e ad una pulizia nello stile, che però, non sempre si lasciano imbrigliare dalla mano dell’incisore.
L’arte di Iacomucci, si è sviluppata in un processo di continua trasformazione, al pari del suo movimento ventoso che, aggirando gli ostacoli che incontra nel suo cammino, si adatta alle circostanze, come in una danza armonica, che tutto tocca e trasforma … così come il suo aquilone, trasportato dal vento che, quando riflette i raggi del sole, acquista i colori dell’arcobaleno!Nelle opere di Iacomucci, troviamo la maestria dei tratti, a volte decisi, a volte delicati, delle sue incisioni, alternando paesaggi e panorami tipici di Urbino, a lui molto cari, a immagini di personaggi, ora figure umane, ora figure angeliche, che sembrano volere uscire dagli spazi in cui sono stati confinati, attraverso l’ottica del sipario o finestra. L’azione stessa dell’affacciarsi dalla finestra, indica la curiosità dell’artista nei confronti del mondo, ma allo stesso tempo il bisogno di sentirsi riparato, protetto e al sicuro. In ogni suo lavoro artistico scorgiamo fitti reticoli di linee, tracce, gocce, segni, aquiloni, personaggi, vortici ventosi, lettere e numeri che si muovono sinuosi, figure alate, motivi e riferimenti religiosi e/o spirituali, alberi antropomorfi. Tutti questi elementi, arricchiti da colori vivaci, sapientemente mescolati tra loro in una fantasiosa girandola di tinte brillanti, danno dinamismo ai suoi quadri e, allo stesso tempo, esprimono un significato simbolico, ma anche realistico della natura da difendere.
Non a caso anche le sue amate e onnipresenti gocce sono in numero di 7, quasi un richiamo alla perfezione del numero, anche in riferimento a tutto ciò che c’è di più bello in natura, come i colori dell’arcobaleno o la soave poesia delle 7 note musicali. Evidentemente, il numero 7 ha fatto sempre parte della vita di Iacomucci artista ed oggi, ancora di più, in questa bellissima occasione del 70° compleanno del Maestro, le sue 7 compagne di strada (stilisticamente parlando), fanno da cornice e da palcoscenico alla sua luminosa e brillante carriera di incisore e pittore.
Iacomucci, in tutti questi anni di intensa attività, ha avuto una compagna di lavoro (in senso artistico!) molto particolare… si tratta della presenza, assai preponderante, della sua mano destra affetta da una patologia tipicamente propria di artisti quali scrittori, musicisti e incisori: distonia idiopatica, meglio conosciuta come “crampo dello scrivano” e definita, da Iacomucci stesso, “mano ribelle”.
Per quasi un decennio, la mano ribelle si è impadronita dello spazio all’interno della produzione artistica del Maestro, ma Iacomucci, forse in un impeto di rivolta e di riscossa, ha sempre tentato di affermare e manifestare, con tutto sè stesso, la supremazia della volontà sulla sua stessa mano ribelle e, con un poderoso “colpo di mano” (mai termine fu più appropriato!), realizzando e portando a compimento le sue opere d’arte, egli ha tenacemente riaffermato la sua autorevolezza e, soprattutto, la sua volontà, mai sopita, di fare arte, nonostante la presenza così ingombrante e limitante della mano ribelle.
Nel corso della sua lunghissima carriera artistica, Iacomucci ha ricevuto numerosi premi e riconoscimenti: nel 2011 gli è stata conferita l’onorificenza di Cavaliere dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana per motivi artistici e culturali; nello stesso anno ha partecipato alla 54° Esposizione Internazionale d’Arte della Biennale di Venezia. Nel 2014, ha ricevuto a Roma il premio “Marchigiano dell’Anno”. In tempi recentissimi, a coronamento del suo splendido percorso stilistico, sono arrivati anche altri due ambiti riconoscimenti: il premio “Orgoglio Marchigiano” per la sezione cultura e l’onorificenza di Ufficiale dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana, come conferma e testimonianza di una vita pienamente vissuta, in senso umano ed artistico.
Tutti questi prestigiosi riconoscimenti, sono la testimonianza tangibile che il Maestro Iacomucci, con la sua arte, ha contribuito a far conoscere e a mantenere alto il nome delle Marche in Italia e fuori dai confini nazionali, così come la sua brillante carriera di uomo e di artista.Auguri vivissimi, Maestro! (By Patrizia Minnozzi + foto in copyright)

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Campionati mondiali di tuta alare

Posted by fidest press agency su domenica, 31 marzo 2019

tuta_alare.jpgRavenna, all’aeroclub Pull Out, dal 23 al 30 agosto, oltre 80 atleti, provenienti da 25 paesi, voleranno sui cieli di Ravenna per i Campionati mondiali di tuta alare. I campionati, che sono giunti alla loro quinta edizione, si svolgeranno per la prima volta in Italia. Venerdì 23 agosto 2019 ci sarà la cerimonia di apertura nel locale “Marina Bay”, dove si svolgerà il lancio degli atleti con le bandiere delle proprie nazioni. La manifestazione è patrocinata dalla Federazione Aeronautica Internazionale, dal Comune di Ravenna, da AeroClub d’Italia (AeCI) e dal Coni. (By Christian Flammia + cppyright foto)

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Giornata di Studio su “L’umanesimo cristiano di Chesterton”

Posted by fidest press agency su domenica, 31 marzo 2019

Roma Giovedì 11 aprile 2019 (ore 8.45, Aula Magna “Giovanni Paolo II”)presso la Pontificia Università della Santa Croce · Piazza di Sant’Apollinare, 49, su iniziativa del Gruppo di ricerca Poetica & Cristianesimo, avrà luogo la Giornata di studio Roma e la fede che ci aiuta a essere umani. L’umanesimo cristiano di Chesterton. La giornata prevede una parte di riflessione teorica e una esperienziale-rappresentativa. Al mattino, le conferenze e il dialogo coi relatori aiuteranno a entrare nel tema e nella mens dello scrittore anglosassone. Nel pomeriggio si potrà fare esperienza dell’arte di Chesterton, attraverso una breve rappresentazione teatrale e una lezione di teatro sull’opera UomoVivo condotta da Giampiero Pizzol ed alcuni studenti dell’Università. Durante il laboratorio ci si potrà anche confrontare sulla didattica teatrale e sul ruolo del teatro nell’apprendimento.

Posted in Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

XXIII Convegno della Facoltà di Diritto Canonico su “L’essenza del Diritto”

Posted by fidest press agency su domenica, 31 marzo 2019

Roma Lunedì 1 e martedì 2 aprile 2019 si svolgerà presso la Pontificia Università della Santa Croce · Piazza di Sant’Apollinare, 49 il XXIII Convegno della Facoltà di Diritto Canonico dal titolo “L’essenza del Diritto. Le proposte di Michel Villey, Sergio Cotta e Javier Hervada”Lo scopo di questo Convegno è approfondire le proposte di tre maestri del pensiero giuridico del Novecento: Michel Villey, Sergio Cotta e Javier Hervada. Pur nella loro diversità, questi autori sono accomunati dalla ricerca di vie che superino il positivismo e il soggettivismo giuridico, nonché da una marcata consapevolezza della specificità del diritto nella triade diritto-morale-politica.

Posted in Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Agenda settimanale: Parlamento europeo

Posted by fidest press agency su domenica, 31 marzo 2019

Bruxelles. Sessione Plenaria e Riunioni commissioni:
Brexit. Il Parlamento discuterà della situazione attuale del ritiro del Regno Unito dall’Ue con il Consiglio e la Commissione (mercoledì).
Futuro dell’Europa. Il dibattito con il Primo Ministro svedese Stefan Löfven sarà il diciannovesimo della serie di dibattiti sul futuro dell’Europa tra i capi di Stato o di governo dell’Ue e gli eurodeputati (mercoledì).
Equilibrio vita-lavoro. Le misure per conciliare carriera e vita privata, compresi dieci giorni lavorativi di congedo di paternità, saranno sottoposti a una votazione finale dopo essere stati concordati informalmente con i ministri dell’Ue (discussione e votazione giovedì).
Mercato del gas dell’Ue. I deputati adotteranno una nuova legislazione sul mercato del gas europeo per garantire che le stesse regole si applichino sia ai gasdotti all’interno dell’Ue sia a quelli che entrano nell’Ue da paesi non Ue (giovedì).
Riforma del settore del trasporto stradale. I deputati voteranno proposte che mirano a contrastare meglio le pratiche illegali nel settore dei trasporti su strada, definire per quali trasporti applicare le norme relative ai lavoratori e modificare i tempi di riposo dei conducenti (giovedì).
Bilancio Ue / Stato di diritto. Sarà votato un nuovo strumento per proteggere il bilancio dell’Ue e sostenere i valori dell’Ue. Potrebbe comportare che i governi che interferiscono con i tribunali o che non affrontano frodi e corruzione rischieranno di veder sospendere i fondi europei (giovedì).
Schengen / controlli alle frontiere. I membri voteranno una proposta per limitare la capacità degli Stati membri di introdurre controlli temporanei alle frontiere all’interno dell’area Schengen per un periodo massimo di un anno, anziché due (giovedì).
Relazioni commerciali Ue-Cina. In vista del 21° vertice Ue-Cina, che si terrà il 9 aprile, i deputati discuteranno lo stato delle relazioni commerciali con la Cina, insieme a Commissione e Consiglio (mercoledì).
Agenda del presidente. Il presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani incontrerà il primo ministro svedese Stefan Löfven e giovedì la presidente dell’Assemblea nazionale vietnamita Nguyen Thi Kim Ngan (mercoledi).

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

«Dispositivi di governance e di controllo sui prodotti bancari al dettaglio»

Posted by fidest press agency su domenica, 31 marzo 2019

“Accogliamo con piacere i nuovi requisiti della Banca d’Italia che danno attuazione agli Orientamenti dell’Autorità Bancaria Europea (EBA) sui «Dispositivi di governance e di controllo sui prodotti bancari al dettaglio», entrati in vigore a gennaio 2019. Auxilia Finance, infatti, da sempre opera nel pieno rispetto delle regole e per la tutela dei consumatori e, per questo, è in grado di offrire attraverso la sua rete di consulenza prodotti bancari sostenibili e coerenti con gli interessi, gli obiettivi e le caratteristiche dei propri clienti”.È questo il messaggio di Samuele Lupidii Amministratore Delegato di Auxilia Finance una società leader nella mediazione creditizia, che ha partecipato quale unico rappresentante del settore al seminario ABI dedicato alle procedure di controllo sui prodotti bancari “Product governance per i prodotti bancari al dettaglio. Modifiche alle disposizioni di trasparenza” in corso a Milano.La normativa ha l’obiettivo di rafforzare il complesso delle disposizioni a presidio della correttezza delle relazioni tra intermediari e clienti, assicurando che l’offerta dei prodotti bancari e finanziari sia rivolta alle tipologie di clientela individuate nella fase di ideazione e di commercializzazione dei prodotti medesimi, per le quali essi possano risultare adatti.Il valore aggiunto rappresentato da queste operazioni permetterà al mediatore una profilazione sempre più approfondita e attenta alle reali esigenze del suo interlocutore, per offrire prodotti, ma anche servizi e strumenti, adeguati alle sue specifiche condizioni economiche, sempre in coerenza agli interessi, gli obiettivi e le caratteristiche della persona a cui è destinato.Oggi la mediazione creditizia rappresenta il 20% del totale del credito ai privati erogato in Italia, una quota che è destinata a crescere sensibilmente per molteplici fattori, uno per tutti sono le trasformazioni in atto nel sistema bancario. Così le nuove disposizioni giungono a proposito, implicando la necessità di adeguamento da parte dei mediatori creditizi ai nuovi requisiti in materia di commercializzazione dei prodotti bancari al dettaglio. Una piccola rivoluzione a cui Auxilia Finance dà il più convinto dei benvenuti.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Energia \ Castelli: “Promuovere una nuova politica energetica”

Posted by fidest press agency su domenica, 31 marzo 2019

Ravenna – “Il sistema Paese ha una sfida da cogliere non più procrastinabile: promuovere una nuova politica energetica nazionale che assicuri il minor impatto possibile sull’ambiente, supporti la crescita economica e garantisca un costo dell’energia il più basso possibile e – al tempo stesso – la certezza degli approvvigionamenti. Un combinato disposto che sarà possibile realizzare solo attraverso il coinvolgimento, in un percorso comune, di tutti gli attori per ridefinire in maniera strategica la politica energetica nazionale e internazionale con altri paesi produttori di petrolio e gas, e trovare il giusto equilibrio tra crescita economica, sviluppo industriale e sostenibilità sociale.
La storia ci insegna che senza l’energia di origine fossile (petrolio, carbone e gas naturale) il mondo non sarebbe come lo conosciamo oggi e la nostra vita sarebbe diversa e difficilmente immaginabile rispetto a quella che abbiamo vissuto. Petrolio, carbone e gas naturale, infatti, alimentano i consumi mondiali di energia “primaria”. Ma siamo consapevoli che queste fonti di energia creano, anche, effetti negativi sull’ambiente. Come accade, soprattutto, nella fase di combustione in cui queste fonti contribuiscono al surriscaldamento globale del pianeta.Da qui l’impegno del Governo nel dare risposte sia ai problemi quotidiani che a quelli futuri, trovando insieme soluzioni possibili per realizzare un ecosistema virtuoso senza cadere in presunti o facili ideologismi distanti dalla soluzione dei problemi. In questa direzione, strumenti necessari sono la formazione, la ricerca e l’innovazione tecnologica – di cui il settore è leader – che devono essere sostenuti con maggiore spessore per trovare soluzioni a tutela dell’ambiente e ricorrendo fin da subito alle diverse competenze che quotidianamente sono chiamate a far progredire il settore a livello nazionale e internazionale.Lo stesso Papa Francesco nella sua Enciclica “Laudato si’” (2015) ha sottolineato l’importanza di lavorare per un uso sostenibile delle risorse naturali, poiché rappresentano un investimento dai benefici economici a medio termine, e per aprire la strada a opportunità differenti in cui la diversificazione di una produzione più innovativa e con minore impatto ambientale può essere molto redditizia, incentivando in questo modo la creatività umana e il progresso.Esempi tangibili della trasformazione in atto sono già sotto i nostri occhi: grazie alle innovazioni tecnologiche, la produzione di energia elettrica cresce insieme a una riduzione delle emissioni. Un nuovo impulso può arrivare dall’estensione dell’efficienza energetica, dalla produzione di energia elettrica all’industria, all’agricoltura, ai servizi e ai trasporti.Abbiamo davanti due priorità strategiche: la decarbonizzazione del mix energetico, obiettivo in linea con l’Agenda 2030, e la trasformazione verde della raffinazione e dell’upstream attraverso zero emissioni nei prossimi anni; uno sforzo che dovrà, certamente, essere accompagnato da una transizione.E’ possibile raggiungere con costi sostenibili e con tecnologie già disponibili gli obiettivi della COP21 per il contenimento della CO2 e, al contempo, accelerare il miglioramento della qualità dell’aria delle città. Allo scopo di abbandonare, quindi, le fonti maggiormente inquinanti, è importante basare il dibattito su elementi oggettivi e sui dati di fatto oggi disponibili, delineando un percorso chiaro con obiettivi intermedi misurabili.In questo scenario, il Mediterraneo gioca un ruolo cardine delle politiche nazionali. Non solo come hub naturale del gas, per l’esportazione in Europa e negli altri mercati del Mediterraneo, ma anche per via della domanda sempre più crescente di trasporto.
È necessario mettere a punto una linea comune, un nuovo ruolo strategico dell’Italia nel Mediterraneo e nel palcoscenico internazionale attraverso una strategia di più ampio respiro volta a migliorare la cooperazione tra i diversi sistemi industriali e sviluppare esempi di laboratori di sostenibilità ambientale nei Paesi produttori di petrolio e gas. Le vecchie visioni del futuro sono state superate così rapidamente dai cambiamenti che rischiamo di immaginare, oggi, nulla che non stia già accadendo in questo momento”.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Personale Giovanni Romano: Dalla terra alla “Luna”

Posted by fidest press agency su domenica, 31 marzo 2019

Galleria 8,75 Artecontemporanea, Reggio Emilia 6-27 aprile 2019 Inaugurazione: sabato 6 aprile, ore 17.30 mostra personale di Giovanni Romano inserita Circuito Off di “Fotografia Europea”.In linea con il tema generale della manifestazione – “LEGAMI. Intimità, relazioni, nuovi mondi” – il fotografo siciliano propone un progetto fotografico dedicato alla sua terra, alle coste incontaminate di Portopalo di Capo Passero e Marzamemi (SR), poste nel punto più a sud d’Italia, dove si incontrano e si scontrano il Mar Mediterraneo e il Mar Ionio.Giovanni Romano fotografa la propria quotidianità, il paesaggio che lo circonda, le meraviglie di una natura silenziosa che diviene luogo dell’anima, frequentato in compagnia della cagnolina Luna. Legame con la propria terra e con il proprio vissuto, ma anche relazione profonda con l’animale, protagonista della scena e narratore inconsapevole di una bellezza da preservare e tutelare.Il percorso espositivo comprende una ventina di fotografie di medie e grandi dimensioni, caratterizzate dal punto di vista ribassato e dalla ripresa del soggetto – Luna – prevalentemente in controluce.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

UNICEF/povertà educativa

Posted by fidest press agency su domenica, 31 marzo 2019

Proseguono le attività del progetto ‘Lost in education’ rivolto a 4.500 ragazzi e ragazze, 900 famiglie, 600 docenti e 255 attori sociali per il contrasto alla povertà educativa minorile. Il progetto, sostenuto da Con i Bambini nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile, che vede l’UNICEF Italia come capofila in collaborazione con Arciragazzi (Nazionale, Sicilia, Liguria, Lazio, Lombardia, Taranto) e con ARCI Liguria, sarà realizzato in 20 scuole secondarie di primo e secondo grado (13 Istituti Comprensivi e 7 Scuole Superiori) di 7 regioni in Italia (Lazio, Lombardia, Sicilia, Puglia, Liguria, Sardegna, Friuli Venezia Giulia) e ha l’obiettivo di rendere questi ragazzi e ragazze, insieme con i loro genitori e insegnanti, consapevoli del cambiamento che possono operare nella società diventando essi stessi “pontieri” tra scuole e altri attori della comunità educante.
La povertà educativa lede il diritto dei bambini e dei ragazzi ad avere una educazione di qualità: la realizzazione delle piene potenzialità dei minorenni è un “bene comune” e ne sono tutti responsabili. Si tratta di lavorare perché la comunità diventi educante, partendo dalle risorse di un luogo, sia in termini di servizi disponibili che di capitale sociale e umano.
In questi giorni a Roma, si svolge il workshop per docenti e operatori “Costruire comunità educanti, insieme!”, introdotto dal Presidente dell’UNICEF Italia Francesco Samengo e dal Coordinatore delle attività istituzionali dell’Impresa sociale Con i Bambini, Alessandro Martina, alla presenza di Camillo Cantelli, Presidente nazionale Arciragazzi.. In questa occasione viene lanciata una video animazione per spiegare ai ragazzi e alle ragazze l’importanza del loro ruolo per costruire insieme ai loro genitori, insegnanti e attori sociali, comunità più inclusive e eque.Nel corso del progetto, inoltre, saranno attivati 7 tavoli di partecipazione attiva (1 per regione) per valorizzare il capitale educativo emerso nella comunità con la prima azione di mappatura; si procederà ad attivare laboratori misti di studenti, docenti, famiglie e attori della comunità con la finalità di costruire ambienti sicuri in cui i ragazzi possano sviluppare le proprie capacità e avviare percorsi territoriali di co-progettazione verso una comunità che si attesta come educante.
Le scuole inserite nel progetto sono: I.C. M. Novaro Imperia; I.C. Taggia; I. I. S. ” E. Ruffini; D. Aicardi” Taggia; I. C. “Andrea Doria” Vallecrosia; I.C. “Roccagorga- Maenza” Latina; I.I.S. “San Benedetto” Latina; I.C. “Novara di Sicilia” Messina; I.I.S. “Il Tagliamento” Spilimbergo; I.C. “Uruguay” Roma; I.I.S. “N. Pellegrini” Sassari; I.C. “Acanfora Dante” Taranto; I.C. ” C. G. Viola” Taranto; I.T.C. ” G. Garibaldi” Marsala; I.C. ” Sturzo-Sappusi” Marsala; I.C. ” L.Pirandello” Mazara del Vallo; I.C. ” Su Planu” Selargius; I.S. ” Einaudi-Casaregis-Galilei” Genova; I.C. Arenzano; I.C. Busalla – Mignanego.
Il progetto, della durata di 38 mesi, è tra i 17 progetti multiregionali approvati da Con i Bambini – impresa sociale cui è affidata l’operatività del Fondo per il contrasto alla povertà educativa – attraverso il Bando Adolescenza (11-17 anni). La valutazione di impatto del progetto sarà realizzata dall’ Università degli Studi di Sassari – Dipartimento di Scienze Umanistiche e Sociali (Laboratorio FOIST per le Politiche Sociali e i Processi Formativi).

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Riparte #ioleggoperché

Posted by fidest press agency su domenica, 31 marzo 2019

L’edizione 2019 del progetto – che conferma la collaborazione con il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (MIUR), con il Centro per il Libro e la Lettura, con l’Associazione Librai Italiani (ALI) e il Sindacato Italiano Librai e Cartolibrai (SIL), con l’Associazione Italiana Biblioteche (AIB) e con il supporto di SIAE – Società Italiana degli Autori ed Editori, – parte oggi e culminerà nel periodo 19 – 27 ottobre.
Da oggi e fino al 20 settembre le scuole italiane (primarie, secondarie di primo e secondo grado e scuole d’infanzia) potranno iscriversi sulla piattaforma http://www.ioleggoperche.it che, successivamente, permetterà loro anche di raccontare le attività avviate grazie ai libri arrivati con il progetto. Il sito diventerà quindi – con il contributo attivo delle scuole – un osservatorio unico e privilegiato, un’agorà di riferimento della lettura tra i banchi. Dalla fine del mese di aprile anche le librerie potranno iscriversi ed entreranno poi nella fase operativa i gemellaggi tra scuole e librerie.La parola d’ordine per il 2019 sarà “crescere ancora”: “La partecipazione diffusa delle scuole – ha sottolineato il presidente di AIE, Ricardo Franco Levi – che ha coinvolto nella scorsa edizione 9.195 scuole in tutta Italia, pari a oltre 2milioni di bambini e ragazzi dai 3 ai 18 anni – è il primo grande tassello di un lavoro di squadra che, a partire dagli editori, coinvolge Istituzioni, biblioteche, media e privati cittadini per formare i lettori di domani”.
La conferma della dimensione sociale viene anche dai numeri. Un’indagine di approfondimento realizzata dall’Ufficio studi AIE (a cui hanno partecipato 2.679 scuole aderenti al progetto 2018) ha evidenziato come i libri di #ioleggoperché siano stati usati nel 54% dei casi per book talk, laboratori, confronti tra studenti, e in un altro 12% per recensioni e schede libro, a opera dei ragazzi stessi, utili a orientare i loro coetanei nella scelta di quali libri leggere, e nel 5% per letture assegnate dall’insegnante. Non solo però attività “di classe”: a sorpresa è emerso dall’indagine anche il piacere di portarsi a casa un libro da leggere. Per primarie e secondarie, risulta che spessissimo (40% delle risposte) le scuole hanno evidenziato la scelta spontanea dei bambini e ragazzi di portarsi a casa i libri, e “sempre” o “spessissimo” i ragazzi si sono consigliati tra loro quale libro leggere tra quelli donati.
La mobilitazione delle scuole è già partita con una circolare del Ministero: “Nella settimana dal 19 al 27 ottobre 2019 – è scritto – si chiederà a tutti gli italiani di acquistare in libreria un libro da donare per contribuire alla biblioteca di una scuola precisa, con cui la libreria è “gemellata”. Il libro sarà marchiato per sempre dal nome del donatore. Sarà possibile per le scuole anche iscriversi al concorso #ioleggoperché, e organizzare insieme alle librerie, durante i nove giorni di campagna in ottobre, un evento o un’attività in libreria per promuovere #ioleggoperché 2019 e incentivare le donazioni. AIE, attraverso gli editori associati, contribuirà a donare altrettanti libri alle scuole partecipanti che ne faranno richiesta, fino a un massimo di 100 mila copie. Tale momento sarà preceduto e seguito – anche in concomitanza e collaborazione con “Libriamoci” del Centro per il libro e la lettura – dalla presenza nelle scuole di editori, autori, redattori per raccontare le professioni dell’editoria”.
#ioleggoperché è un progetto di AIE, in collaborazione con Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (MIUR), con l’Associazione Librai Italiani (ALI), con il Sindacato Italiano Librai e Cartolibrai (SIL), con l’Associazione Italiana Biblioteche (AIB) e con il Centro per il libro e la lettura, con il supporto di SIAE – Società Italiana Autori ed Editori e con il sostegno di Mediafriends.Mediapartner: Corriere della Sera, Gruppo Mondadori, la Repubblica, La7, Rai, SKY, TGcom24.Aderiscono, oltre alle librerie indipendenti di ALI e SIL: Ancora, LaFeltrinelli, Giuntialpunto, Libraccio, Librerie Claudiana, Librerie Coop, MondadoriStore, Paoline, San Paolo, TCI Touring Club Italiano, Ubik. http://www.ioleggoperche.it

Posted in scuola/school, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Le lauree? Ecco quelle più importanti per trovare lavoro

Posted by fidest press agency su domenica, 31 marzo 2019

Milano. Tra le tante difficoltà lavorative di oggi una domanda sorge spontanea: “Conviene ancora laurearsi”? I rapporti Istat ci dicono dunque che i tassi di occupazione di diplomati e laureati differiscono di 14 punti percentuali. Ma il discorso non è certo il medesimo per tutti i titoli di laurea.A dare una visione chiara e precisa dei corsi di laurea più o meno efficaci dal punto di vista del mercato del lavoro sono, come da abitudine, i dati di Almalaurea.Il dato generale ci dice che il 71,1% dei laureati triennali è occupato a un anno dal conseguimento del titolo, percentuale che si alza fino al 73,9% nel caso dei laureati magistrali (questi dati, nel 2007, erano rispettivamente dell’82,8% e dell’80,5%, percentuali abbassate drasticamente dalla crisi; si denota comunque un netto miglioramento negli ultimi quattro anni).Nello specifico, l’ultima indagine Almalaurea dimostra che, a 5 anni dal conseguimento della laurea, il 94% dei laureati magistrali in ingegneria è occupato, con uno stipendio medio di 1.753 euro.Va bene anche per i laureati nelle professioni medico-sanitarie, occupati per il 93,8% dei casi, con uno stipendio di 1.487 euro.Tra i corsi che vantano tassi di occupazione meno lusinghieri ci sono quelli letterari (79,7%) geo-biologici (78,5%) e giuridici (76,5%). Guardando invece alla voce stipendi, i laureati che a 5 anni dal conseguimento del titolo hanno uno stipendio medio minore sono gli psicologi, che si devono accontentare di 1.042 euro.A spiegare i dubbi sulla questione l’head hunter Carola Adami, CEO di Adami & Associati: «Guardando i dati delle richieste delle aziende la laurea oggi è molto importante. I dati però sono chiari, e non c’è dubbio nell’affermare che alcuni titoli di laurea sono poco spendibili nell’attuale mercato del lavoro italiano: penso per esempio alle lauree in psicologia, alle lauree in ambito letterario e sociale, nonché a quelle giuridiche».«Certamente la convenienza della laurea non è così lampante sul breve termine. Gli stessi dati Istat hanno dimostrato che a due anni dal conseguimento del titolo, guardando ai possessori di diploma di maturità e di diploma di laurea, la percentuale di occupati è pressapoco la stessa. I titoli di laurea rivelano però la loro efficacia sul lungo termine: il distacco tra semplici diplomati e laureati cresce infatti a favore di quest’ultimi con l’avanzare del tempo, sia a livello di occupazione che a livello di salari».E le indagini lo confermano, con i laureati under 40 che guadagnano di più rispetto ai coetanei.«I vantaggi della laurea sono dunque netti, ma affinché si manifestino totalmente devono passare alcuni anni» conclude la Adami.

Posted in scuola/school, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La scuola del futuro

Posted by fidest press agency su domenica, 31 marzo 2019

Digital Magics, il più importante incubatore di startup digitali “Made in Italy” attivo su tutto il territorio italiano, e Gruppo Spaggiari Parma, azienda leader nel mondo education con la piattaforma cloud più utilizzata in Italia, lanciano la Call for Innovation “La scuola del futuro, oggi”.
“La scuola del futuro, oggi” è rivolta a tutte le startup e PMI innovative del settore della scuola e della formazione che producono contenuti multimediali interattivi, grazie alle tecnologie all’avanguardia come la realtà virtuale e aumentata e l’intelligenza artificiale, e che sviluppano prodotti, servizi, app e piattaforme cloud per:
– Studenti: nuove metodologie didattiche, ripetizioni on-line, corsi e workshop di approfondimento online, integrazione di attività extrascolastiche, accessibilità a contenuti extrascolastici, nuovi strumenti di orientamento, modalità di creazione e coinvolgimento della community studentesca;
– Famiglie: protezione dei dati, accessibilità e trasparenza delle informazioni, conference streaming live per assemblee e riunioni, accesso a contenuti di approfondimento;
– Docenti: corsi di formazione e aggiornamento, sviluppo delle competenze digitali, metodi ad alto contenuto innovativo per gli alunni con Bisogni Educativi Speciali (BES) e Disturbi Specifici dell’Apprendimento (DSA), strumenti per analizzare l’andamento della classe e per migliorare le procedure del registro elettronico;
– Istituzioni e amministrazioni scolastiche: strumenti organizzativi per favorire la gestione dell’infrastruttura scolastica, potenziamento delle infrastrutture di rete, metodi di pagamento online, marketplace per contenuti didattici, votazione elettronica per consigli di istituto e consigli di classe, prenotazione di aule specialistiche o spazi per riunioni.Per partecipare basta candidarsi entro il 28 aprile sulla piattaforma https://openinnovation.digitalmagics.com/it/challenge/la-scuola-del-futuro-oggi. Fra tutte le application ricevute, saranno selezionate le 10 startup e PMI più interessanti che parteciperanno all’Innovation Day – Lunedì 27 maggio a Talent Garden Milano Calabiana – e che avranno la possibilità di essere valutate dal Gruppo Spaggiari Parma per avviare partnership commerciali e tecnologiche di Open Innovation.“Crediamo che la scuola sia un microcosmo dove nasce la speranza di un futuro migliore. È per questo che da 93 anni ricerchiamo e sviluppiamo le soluzioni più innovative per migliorare la scuola e la vita dei suoi protagonisti. Con questa call per l’innovazione, sviluppata insieme ad un partner riconosciuto come Digital Magics, desideriamo coinvolgere le migliori Start Up al fine di costruire, insieme, la scuola del futuro, oggi”, dichiara Pier Paolo Avanzi, Presidente di Gruppo Spaggiari Parma.“La formazione 4.0 e le competenze digitali sono fondamentali e necessarie per la crescita dell’economia di tutti i Paesi. Solo sviluppando e sostenendo il capitale umano è possibile competere a livello internazionale. Bisogna partire già dalla scuola, coinvolgendo sia gli studenti che gli insegnanti. Il Gruppo Spaggiari Parma è un’azienda storica italiana, da sempre attenta alle evoluzioni e ai cambiamenti del settore scolastico. Selezioneremo le startup italiane più promettenti che, con le loro innovazioni, potranno lavorare insieme al Gruppo per continuare a mettere le basi della scuola del futuro”, ha dichiarato Layla Pavone, Chief Innovation Marketing and Communication Officer di Digital Magics.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

LEVEL UP Rome Developer Conference

Posted by fidest press agency su domenica, 31 marzo 2019

Roma Cinecittà Studios dal 10 al 12 maggio torna LEVEL UP Rome Developer Conference, l’unica conference internazionale in Italia interamente dedicata alla creazione e allo sviluppo dei videogame. Organizzata dall’Accademia Italiana Videogiochi (AIV), in collaborazione con il Rome Video Game Lab, l’evento sarà ospitato presso. Dopo il successo registrato lo scorso anno – con oltre 25 sviluppatori provenienti da 3 continenti e 11 nazioni – Roma tornerà ad essere la Capitale del videogioco. Per questa seconda edizione, AIV ha chiuso importanti accordi con la DevCom di Colonia e la Nordic Game Conference di Malmo (i due eventi di riferimento a livello europeo dedicati alle case di sviluppo dei videogiochi) e porterà nella città eterna oltre 50 tra i più famosi sviluppatori di videogiochi provenienti da ogni parte del mondo.Nel corso delle tre giornate si alterneranno lectio magistralis, talk e workshop su temi centrali per il settore videoludico – dal machine learning alla scultura digitale, fino a realtà virtuale, intelligenza artificiale, AR, MMORPG, mobile, narrative design, tutela del diritto d’autore, serious game, alternative tech, programming techniques, business management, marketing, Indies, procedural, inclusivity. Inoltre, anche quest’anno speaker e professionisti della game industry saranno disponibili per sessioni di portfolio review, offrendo così agli sviluppatori più giovani consigli e feedback sui progetti.Tra gli ospiti di questa edizione Francesco Artibani (sceneggiatore di fumetti e cartoni animati), Roberto Recchioni (fumettista e curatore editoriale), Katja Centomo (Red Whale, Ignition Publishing), Mauro Uzzeo (Sergio Bonelli Editore, Star Comics), Fawzi Mesmar (King Games), Tatiana Delgado (Out of Blue, Vertical Robot), Anne Toole (Writers Guild Award-winner), Teddy Florea (Nordic Game Resources), Mila Irek (MuHa Games). E dall’Italia Diego Ricchiuti (Techland, Affinity Project), Tommaso Bonanni (Caracal Games), Daniele Angelozzi (ZBrush Evangelist) insieme a molti altri professionisti dal mondo della grafica 3D e della programmazione.
LEVEL UP è l’occasione perfetta per toccare con mano il mondo dell’industria dei videogiochi che, in costante crescita, continua a offrire opportunità di lavoro in Italia e all’estero. Grazie al mix di attività tecniche e di intrattenimento – nella splendida e storica cornice di Cinecittà – sarà possibile passare un week-end all’insegna della formazione, dell’informazione e del divertimento. http://www.lvlup.it

Posted in Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Barometro CRIF delle richieste di prestiti: Sono in crescita

Posted by fidest press agency su domenica, 31 marzo 2019

Nel mese di febbraio il numero di interrogazioni registrate sul Sistema di Informazioni Creditizie di CRIF relativamente alle richieste di prestiti da parte delle famiglie italiane (nell’aggregato di prestiti personali e prestiti finalizzati) ha fatto segnare un +11,1% nel confronto con lo stesso mese del 2018. Nello specifico, i prestiti finalizzati hanno registrato l’incremento più consistente, pari a +13,5%, mentre la variazione dei prestiti personali è risultata pari a +8,4%.A febbraio si segnala inoltre un nuovo record per l’importo medio richiesto, che nell’aggregato di prestiti personali e finalizzati è stato pari a 10.171 Euro (+2,4% rispetto allo stesso mese del 2018). Entrando nel dettaglio, per quanto riguarda i prestiti finalizzati, a febbraio l’importo medio richiesto ha raggiunto il valore di 7.459 Euro (+12,2%) mentre i prestiti personali si è attestato a 13.326 Euro (in diminuzione del -1,9%).

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

L’evoluzione nel campo della riproduzione in medicina

Posted by fidest press agency su domenica, 31 marzo 2019

Mallorca (Palma di Maioca Spagna) dal 4 al 6 aprile IVI celebra il proprio Congresso biennale, che quest’anno ha luogo a Mallorca, incentrato sulla condivisione degli ultimi progressi nel settore della Medicina della Riproduzione e su come ottenere miglioramenti che aiutino ad ottimizzare il futuro della professione.In questa occasione, inoltre, l’incontro è realizzato sulla base di una strategia pienamente sostenibile, definita dagli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (ODS) proposti dall’Organizzazione delle Nazioni Unite (ONU) nel settembre del 2015.“Questo Congresso rappresenta un incontro d’avanguardia medica e scientifica durante il quale proviamo a riunire le grandi menti che rendono possibile l’evoluzione nel campo della riproduzione. Essendo un Congresso molto importante, e proseguendo nell’obiettivo di progresso e innovazione che abbiamo sempre perseguito, non possiamo ovviare al concetto di sostenibilità che oggi più che mai rappresenta una necessità fondamentale. Dunque, in questa edizione del nostro Congresso abbiamo voluto scommettere con tutta la nostra forza sugli ODS, consapevoli di quanto sia importante adottare una strategia d’impresa vincolata a questi obiettivi globali”, commenta il Dottor Javier Marqueta, Direttore di IVI Mallorca e Presidente dell’8th IVIRMA Congress.
L’impegno di IVI per la sostenibilità si concretizza in tre aspetti: Economico, Sociale e Ambientale. “Già nel corso della sua precedente edizione tenutasi a Bilbao, per la prima volta, il Congresso organizzato da IVI ha messo in atto una strategia di sostenibilità che ha aiutato a generare un’eredità – informa la Dottoressa Daniela Galliano, Direttrice del Centro IVI di Roma – ed è stato riconosciuto come tale con il certificato di eventi sostenibili concesso dal governo basco. Ora, riprende a viva forza questo piano, essendo l’impegno sociale ed ambientale una parte fondamentale nella sua definizione e implementazione”.Il piano di sostenibilità si articola lungo quattro ambiti in relazione con gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile dell’ONU, un’iniziativa mondiale lanciata da questa organizzazione, che si propone di porre fine alla povertà, proteggere il pianeta e assicurare che tutte le persone godano di pace e prosperità.L’obiettivo è diminuire il più possibile il consumo di materiali e l’inclusione dei criteri di recupero, riutilizzo e riciclo. E tra le misure adottate, si evidenziano la digitalizzazione della documentazione per evitare il consumo di carta mediante la creazione di una APP del Congresso, la riduzione degli elementi del Pack di Benvenuto e uso di materiali riutilizzati e riciclabili per la loro fabbricazione, un manuale di buone pratiche per gli stand, la semplificazione della scenografia e la separazione effettiva dei residui per facilitare la loro gestione e il loro riciclo.

Posted in Estero/world news, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

UNESCO Italian Youth Forum Trieste

Posted by fidest press agency su domenica, 31 marzo 2019

Trieste Venerdi 5 aprile 2019 ore 20 Teatro Verdi Riva Tre Novembre, 1 incontro internazionale dedicato a centinaia di giovani italiani ed europei dai 25 ai 35 anni incentrato sui grandi temi dell’UNESCO, momento d’incontro, di confronto e formazione aperto al pubblico che ha ricevuto il riconoscimento della Medaglia di Rappresentanza del Presidente della Repubblica Italiana. Dopo Roma, Napoli e Matera, la cornice nel quale ospitare l’iniziativa organizzata da UNESCO GIOVANI sarà ora Trieste, città del Mare e della Scienza per eccellenza. Come ogni anno, infatti, il Forum si svolge in uno dei luoghi maggiormente significativi rispetto alla tematica affrontata e Trieste, sede di istituti scientifici e di ricerca di fama internazionale e Capitale Europea della Scienza 2020, rappresenta in tal senso il luogo ideale.
Il 5 aprile avrà così luogo la tavola rotonda sul tema Scienza, Ambiente e Tutela del Mare, mentre nei due giorni successivi, con incontri interni rivolti agli addetti ai lavori, l’argomento verterà su tutte le applicazioni della scienza alla cultura, alla società e allo sviluppo sostenibile del pianeta.
Tra gli ospiti che parteciperanno al convegno di venerdi al Teatro Verdi si segnalano Franco Bernabè, Presidente della Commissione Nazionale per l’UNESCO, Vincenzo Spadafora, Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, Diana Bracco, Presidente Fondazione Bracco e Francesca Lanzara, responsabile della comunicazione Linkedin. Saranno anche presenti con performance sui generis gli artisti Davide “Boosta” Dileo, fondatore dei Subsonica e Daniele Pugliese, Alessio Strazzullo e Simone Petrella, autori della popolare casa di produzione video Casa Surace.
“In pochi anni – afferma Paolo Petrocelli, presidente uscente di UNESCO GIOVANI, la nostra Associazione si è consolidata e sviluppata in quella che oggi è la più grande organizzazione giovanile del sistema UNESCO a livello internazionale. Siamo particolarmente felici di far tappa a Trieste, città d’incontro e dialogo per eccellenza. Con il nostro Forum, offriremo una piattaforma per centinaia di giovani italiani ed europei per confrontarsi, formarsi ed aprirsi al mondo”.
“Abbiamo deciso di puntare sulla scienza – continua Marina Coricciati, rappresentante di UNESCO Giovani per il Friuli Venezia Giulia – per la costruzione di un dialogo tra la città, il suo sistema scientifico e i giovani non solo a livello nazionale ma anche europeo ed internazionale con l’obiettivo di coglierne le opportunità e momenti di crescita e promozione futuri. Questo Forum, infatti, è una grande opportunità per la città che vedrà riempirsi di giovani dai 18 ai 35 anni per una tre giorni che li porterà ad incarnare il perfetto ruolo di ambasciatori affrontando tematiche importanti come quelle ambientali e dello sviluppo sostenibile. Concluderemo infatti il Forum con un documento programmatico che porterà a sviluppare delle azioni per mettere in pratica la nostra campagna #unite4earth”.
Quest’ultima, infatti, incentrata sul tema “Uniti per la terra”, coinvolgerà ospiti importanti con workshop e laboratori in cui si svilupperà il tema delle scienze in relazione all’ambiente quale patrimonio preziosissimo che va tutelato al massimo: una battaglia da combattere per la tutela dell’ambiente e dei mari che proprio ed in particolare le nuove generazioni, esposte a molteplici rischi in tale contesto, possono realizzare concretamente.
Il Forum rientra tra le attività proEsof, il programma di attività in preparazione all’Euroscience Open Forum (ESOF) che si terrà nel luglio 2020.
L’evento gode del patrocinio di Commissione Nazionale Italiana per l’UNESCO, Regione Autonoma FVG, Commissione Europea, FVG Live e ProEsof2020.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Giant Chinese state investment fund drops coal

Posted by fidest press agency su domenica, 31 marzo 2019

China’s State Development and Investment Corp, a sovereign wealth fund with more than US$200 billion in assets under management, has announced that it will cease investments in coal power in favour of renewable energy. The announcement, made to Chinese reporters and confirmed by the Australian Financial Review, tracks a national policy of attempting to shift the country onto a cleaner energy track to reduce both emissions and air pollution in its major cities.The SDIC’s move brings it in line with other major investors—including banks, investment funds and state bodies, from the Norwegian sovereign wealth fund to the city of New York—who have reduced their exposure or entirely divested from coal and other hydrocarbons. Last September the investment firm Arabella Advisors estimated that investors representing more than US$6 trillion in assets under management had now divested from fossil fuels.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Combining artificial intelligence and citizen science to improve wildlife surveys

Posted by fidest press agency su domenica, 31 marzo 2019

A research team testing the capacity of both citizen scientists and machine learning algorithms to help survey the annual wildebeest migration in Serengeti National Park in Tanzania found that both methods could produce accurate animal counts, a boon for park managers.The iconic migration of 1.3 million blue wildebeest (Connochaetes taurinus) and 250,000 common zebra (Equus quagga) between Serengeti and the Masaai Mara National Reserve in Kenya is the largest terrestrial animal migration on Earth. The migration of so many herbivorous animals affects drives other biological process in the grassland ecosystem, including soil nutrient cycles, the balance of trees and grasses, and the abundance of insects, birds and carnivores. The population trend of the wildebeest in particular reflects levels of bushmeat poaching, disease, and other human disturbance. Understanding the health and dynamics of the migration is thus of key interest to both researcher and Park managers, yet the sheer numbers of animals have challenged monitoring efforts.
Scientists have most commonly estimated the population size of these migrating species by flying aerial transects, taking thousands of photographs, and counting the animals seen in the images. From these counts, they statistically estimate the density of animals in the region to come up with an overall population size.However, the labor-intensive task of manually counting the aerial images can take three or four skilled counters several weeks to complete, limiting team’s ability to make a timely, accurate population estimate.
The research team, comprised of researchers from the University of Glasgow in Scotland, the University of Cape Town in South Africa, the Field Museum of Natural History in the USA and the Tanzania Wildlife Research Institute, tested whether two newer strategies for analyzing images – citizen scientists and automated object detection algorithms – could speed the counting process while maintaining accurate wildebeest population estimates.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

FAO’s Kadiresan: CEOs should take responsibility for sustainability

Posted by fidest press agency su domenica, 31 marzo 2019

Speaking on the sidelines of the Responsible Business Forum on Food and Agriculture in Bangkok, Kadiresan said that the creation of dedicated heads of sustainability within large companies shows that they do have a commitment to social responsibility, but that this does not yet go far enough.“Does it translate at the highest level, being the CEO? Does it translate to the board, and does the demand come from the shareholders?” Kadiresan says.
Without that high-level pressure, sustainability initiatives have not necessarily translated into tangible action on the ground, she says, while CEOs are still principally judged on short-term financial metrics, rather than on their long-term sustainability initiatives.“These interests have to change from short-term to long-term,” Kadiresan says. “I have often had, even heard the sustainability heads telling me: ‘we will have to wait for another 10 years when we get a new generation of CEOs’. So what does that tell you? That you’ve got to have not just these units creating buzz, but you need to have the vision and also to influence the shareholders. The shareholders influence the CEO and the board.”
Large international development players like the FAO are increasingly exploring partnerships with multinational agribusinesses as a mechanism to amplify their development impact. However, despite an apparent public consensus on significant issues—from climate change to rural livelihoods—the two sides still often struggle to communicate and find common goals, according to Kadiresan. “Partnerships are pretty difficult, because our agendas and our priorities are often different,” she says. However, the conversations are happening, and “by this dialogue and conversation, hopefully it can build more common understanding and also bring those priorities sooner together rather than later.”

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »