Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n°159

Archive for 7 marzo 2019

Commemorazione della figura di Joe Petrosino a 110 anni dalla scomparsa

Posted by fidest press agency su giovedì, 7 marzo 2019

petrosino nissoliIeri, si è svolta, nella Sala Stampa di Montecitorio, la commemorazione della figura di Joe Petrosino a 110 anni dalla scomparsa. La manifestazione, promossa dall’on. Fitzgerald Nissoli (eletta nella Circoscrizione estera – Ripartizione Nord e Centro America) ed organizzata dall’Associazione Joe Petrosino di New York e di Padula (Salerno), con il supporto del responsabile media dell’Associazione Petrosino di New York , Stefano Santoro, è stata introdotta dall’on. Nissoli Fitzgerald e moderata dall’avv. Sabrina D’Elpidio.
L’on. Nissoli, introducendo la manifestazione ha ricordato che “Joe Petrosino fu il precursore della lotta al crimine organizzato” e proprio grazie “anche a persone come lui, oggi gli italiani possono godere di una alta stima nella società americana”.
“Petrosino con il suo impegno per la legalità ha mostrato il volto buono dell’Italia, di quell’Italia che era ed è maggioritaria e che lavora duramente per realizzare i propri obiettivi ed il bene comune – ha detto l’on. Nissoli sottolineando che – se oggi la cultura italiana in USA è apprezzata ed amata, ed è ormai lontana dall’idea di mafia e mandolino, è anche grazie alla figura di un eroe come Petrosino che ha pagato con la vita il suo impegno per la legalità”. “L’Italia – ha concluso Nissoli – deve esserne orgogliosa e celebrarlo come uno dei suoi eroi e questo è possibile anche grazie al Vostro impegno che fate conoscere, a partire anche da questa sede, la figura di Petrosino: un italiano vero!”.Per l’Associazione Petrosino è intervenuto il Vice Presidente della sede di New York, Jerry D’Amato, che ha evidenziato che “l’Associazione “Joseph Petrosino”, in America, ha come scopo e missione lo sviluppo della lingua italiana, del patrimonio e della cultura italiana, inoltre, di onorare e non dimenticare mai l’ultimo sacrificio fatto da quest’uomo coraggioso.” Poi, D’Amato, richiamando le attività dell’Associazione ha sottolineato l’impegno “per sviluppare immagini positive di italiani e italoamericani”.Presenti all’incontro anche il luogotenente americano, Pizzo, il pronipote di Petrosino, Nino Melito Petrosino, e il Presidente dell’Associazione Petrosino di Padula, Vincenzo La Manna.E’ stata una tappa della celebrazione di questo eroe che unisce l’Italia e l’America nella battaglia per la legalità e che proseguirà, nei prossimi giorni, a Padula e poi a Palermo.
“E’ bello che Petrosino sia stato ricordato anche nel Parlamento, espressione della nostra democrazia!”, ha detto l’on. Nissoli salutando gli ospiti.

Posted in Politica/Politics, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il Maestro Arlia: “Tra classica e jazz, una serata di grande musica”

Posted by fidest press agency su giovedì, 7 marzo 2019

Verona 1 aprile 2019. Stefano Bollani sarà al Teatro Filarmonico di Verona con la Berliner Symphoniker diretta da Filippo Arlia. Eseguirà al pianoforte la Rapsodia in blu di George Gershwin. A completare il programma musiche di Pyotr Ilyich Tchaikovsky e Modest Petrovic Mussorgsky. Il giovane direttore d’orchestra Filippo Arlia che ha alle spalle più di 400 concerti in tutto il mondo e che dirige la prima stagione sinfonica del Teatro Politeama di Catanzaro spiega: “Mi sto preparando a questo prestigioso appuntamento con grande entusiasmo e con il massimo impegno”. La rapsodia in blu fonde due generi, la musica jazz e la musica classica: “Sarà per me una serata particolarmente emozionante ma soprattutto piena di ricordi: la Rapsodia in blu è il brano con cui ho debuttato sulla scena internazionale quando avevo 18 anni, e con i Quadri di un’esposizione di Mussorgsky ho debuttato nel mondo discografico con Warner Music”. “Bollani – aggiunge Arlia – è senza dubbio il musicista più rappresentativo per il jazz italiano nel mondo, oltre ad essere un volto televisivo conosciuto anche dai più giovani. Quello del primo aprile – conclude il direttore d’orchestra – è un appuntamento da non perdere perché il Teatro Filarmonico è bellissimo e l’orchestra Berliner Symphoniker è tra le più prestigiose al mondo. I tedeschi hanno una tradizione antichissima per la musica classica”.
Lui si definisce un insegnante (“ho un bellissimo rapporto con i miei studenti, mi diverto”), un artista (“sul palco cerco di trasmettere al pubblico tutta la mia passione per la musica”) e un organizzatore di eventi (“dirigo la prima stagione sinfonica del Teatro Politeama di Catanzaro”). Per la critica internazionale è uno dei più brillanti e versatili musicisti italiani della sua generazione. Certo è che Filippo Arlia, classe ‘89, pianista e direttore d’orchestra è un talento. Un talento che si è fatto apprezzare nella sua terra, la Calabria, e in tutto il Paese. E che presto ha superato i confini nazionali: negli ultimi anni ha diretto prestigiose orchestre in tutto il mondo e ha tenuto 400 concerti come solista e direttore in più di 25 Paesi. Arlia si è diplomato in pianoforte a Vibo Valentia a soli 17 anni con il massimo dei voti. Nel 2011 ha deciso di dedicarsi anche alla direzione e ha fondato l’Orchestra Filarmonica della Calabria, di cui è oggi Direttore Principale. Negli ultimi anni ha collaborato con alcuni dei musicisti più noti: da Ramin Bahrami a Sergej Krylov, da Yuri Shishkin a Fernando Suarez Paz passando per Michel Camilo. È stato protagonista su palcoscenici autorevoli: la Carnegie Hall e la Mary Flager Cary Hall di New York, la Sala “Rachmaninov” di Mosca, la Novaya Opera di Mosca, la Cairo Opera House, l’Auditorio Nacional de Musica di Madrid. Insegna al Conservatorio di Musica Tchaikovsky, a Nocera Terinese in Provincia di Catanzaro.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Formare una rete tra attivisti e giornalisti

Posted by fidest press agency su giovedì, 7 marzo 2019

Firenze 10 di marzo dalle 10.30 alle 18, al Circolo ARCI “Fra i lavoratori di Porta al Prato” in via delle Porte Nuove, 33 a.L’incontro, aperto al pubblico, si realizza in collaborazione con numerose realtà associative e testate giornalistiche sia locali che nazionali: ARCI Bassa Val di Cecina, Assemblea Beni Comuni/Diritti, Comitato Fermiamolaguerra, Comitato No Tunnel TAV, Centro Studi Umanisti “Ti con Zero”, COSPE, Associazione Diritti e Frontiere, La Bottega del Barbieri, La città invisibile – perUnaltracittà, Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza, Multimage, PeaceLink, Sì – Toscana a Sinistra, Tavolo per la Pace della Val di Cecina, WILPF.All’incontro hanno confermato la loro presenza Angelo Baracca, Moreno Biagioni, Tiziano Cardosi, Amalia Chiovaro, Francesca Conti, Lorenzo Guadagnucci, Jeff Hoffman, Cristiano Lucchi, Anna Meli, Gianni Monti, David Lifodi, Giovanna Pagani, Anna Polo, Olivier Turquet.Le tematiche e le conclusioni dell’incontro verranno riportate all’incontro nazionale che si svolgerà al Monastero del Bene Comune, a Sezano, il 6 e 7 Aprile prossimi. (by Redazione italiana di Pressenza)

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Convegno nazionale Migrazione

Posted by fidest press agency su giovedì, 7 marzo 2019

Roma 14 marzo 2019, ore 15.00 -18.30 Camera dei Deputati – Auletta dei Gruppi Parlamentari, via di Campo Marzio 78. Il ruolo delle Diaspore Med-Africane in Italia è essenziale per facilitare l’inclusione dei nuovi arrivati e per contrastare possibili derive jihadiste o terroristiche, non solo per promuovere progetti di co-sviluppo nei Paesi d’origine.Il Convegno è volto a dare voce innanzitutto proprio a queste organizzazioni diasporiche, alle loro istanze e alle loro concrete esperienze sul terreno, cui i rappresentanti delle istituzioni nazionali e locali sono chiamati a dare risposta. Il Convegno si propone altresì di creare canali di contatto e di comunicazione tra le diverse istituzioni nazionali e locali, le cui iniziative talora procedono in parallelo.Il Convegno si propone come complementare al recente Summit delle Diaspore, tenutosi nel Dicembre 2018 a Milano, che è stato centrato sulle questioni del Co-Sviluppo, mentre questa iniziativa è focalizzata sulle politiche di inclusione dei migranti nel medio periodo. Programma
ore 14.30 Registrazione partecipanti ore 15.00 Apertura lavori Presiedono:
Janiki Cingoli, Presidente del Centro Italiano per la Pace in Medio Oriente (CIPMO)
Claudio Paravati, Direttore del Centro Studi e Rivista Confronti
Welcome speech:
Lia Quartapelle, membro della Commissione Affari Esteri e Comunitari della Camera dei Deputati
Intervento di apertura:Emanuela C. Del Re, Vice Ministra degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale
Una panoramica della situazione:Antonio Ricci, Vice Presidente del Centro Studi e Ricerche IDOS
Panel I: La voce delle Diaspore Med- Africane Introduce e modera:
Cleophas Adrien Dioma, Coordinatore del Gruppo di lavoro “Migrazione e sviluppo” del Consiglio Nazionale per la Cooperazione allo Sviluppo. Intervengono:
Marie Thérèse Mukamitsindo, Presidente della Cooperativa sociale Integrata A.R.L. Karibu di Latina, Vincitrice del Moneygram Awards 2018
Ouejdane Mejri, Presidente dell’Associazione Pontes – Mediterraneo, docente all’Università di Roma Tre e al Politecnico di Milano
Diye Ndiaye, Assessore alla Pubblica Istruzione e Cooperazione Internazionale del Comune di Scandicci, Presidente dell’Associazione dei Senegalesi di Firenze e Circondario e Presidente di Fasi – Federazione delle Associazioni Senegalesi in Italia
Berthin Nzonza, Responsabile Staff Mosaico Azioni per i rifugiati
Ada Ugo Abara, membro del direttivo del CoNNGI – Coordinamento Nazionale Nuove Generazioni Italiane e responsabile dell’associazione Arising Africans di Padova
Panel II: La risposta delle Istituzioni Introduce e modera: Rando Devole, Sociologo, esperto di migrazioni. Intervengono: Lorenzo Fioramonti, Vice Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Nicola Molteni, Sottosegretario di Stato al Ministero dell’Interno (tbc) Tatiana Esposito, Direttrice Generale dell’Immigrazione e delle Politiche di integrazione del Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali Leonardo Carmenati, Direttore Vicario dell’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo (AICS)
Daniela Di Capua, Direttrice del Servizio centrale SPRAR/SIPROIMI Carlos Talamas, Responsabile dell’Ufficio Relazioni Internazionali di Formaper – Camera di Commercio di Milano, Monza, Brianza e Lodi. Conclusioni:
Armando Barucco, Capo Unità di Analisi, Programmazione, Statistica e Documentazione storica del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale.L’Iniziativa è promossa dal Centro Italiano per la Pace in Medio Oriente – CIPMO – in partnership con la Centro Studi e Rivista Confronti, con la collaborazione del Centro Studi e Ricerche IDOS – Dossier Statistico Immigrazione, del Centro Piemontese di Studi Africani (CSA) e del Centro Studi di Politica Internazionale (CeSPI), sostenuta dall’Unità di Analisi, Programmazione, Statistica e Documentazione storica del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale.

Posted in Roma/about Rome, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Conferenza Innovation Arabia

Posted by fidest press agency su giovedì, 7 marzo 2019

Dubai. Durante la cerimonia di apertura della Conferenza Innovation Arabia, organizzata a Dubai dalla HBMSU – Hamdan Bin Mohammed Smart University, nasce il primo Consorzio Internazionale finalizzato alla creazione di indicatori specifici in grado di definire scientificamente i criteri di qualità su cui si devono basare strutture e sistemi per la valutazione delle Università a distanza su Internet a livello globale.
Il nuovo Consorzio nasce con il sostegno del Ministero dell’Educazione e dell’Agenzia di valutazione della qualità delle Università degli Emirati Arabi Uniti, tra i membri fondatori: l’Associazione delle Università Arabe (AArU), l’Associazione Europea delle Università a Distanza (EADTU), l’Associazione Asiatica delle Open University, la Rete Araba per l’Assicurazione della Qualità nell’Istruzione Superiore (ANQAHE), il Commonwealth of Learning (CoL), l’Open Polytechnic of New Zealand, la Hamdan Bin Mohammed Smart University di Dubai e l’Università Telematica Internazionale UNINETTUNO, rappresentata a Dubai dal Rettore prof. Maria Amata Garito che ha anche rappresentato l’EADTU.
Tra gli obiettivi del Nuovo Consorzio vi è quello di supportare le Agenzie Nazionali di Valutazione nell’individuazione di criteri comuni a livello globale per la valutazione della qualità delle università online. L’Università Telematica Internazionale UNINETTUNO è stata chiamata fra i soci fondatori sia per il suo modello di Università online riconosciuto dalla comunità scientifica internazionale, sia perché da anni svolge attività di ricerca nel settore della qualità dell’e-learning ed ha già contribuito a definire, grazie ai progetti di ricerca Europei Excellence ed Excellence+ coordinati da EADTU, i criteri di valutazione del modello a distanza e misto a livello Europeo.
UNINETTUNO continua a svolgere attività di ricerca in questo settore e numerose sono le pubblicazioni su prestigiose riviste internazionali, dove vengono presentati gli indicatori per la valutazione della qualità che vengono utilizzati costantemente dal presidio di qualità dell’Ateneo. UNINETTUNO, infatti, oggi è l’unica università telematica italiana ad aver superato con un giudizio molto positivo la valutazione dell’ANVUR – Agenzia Nazionale per la Valutazione del sistema Universitario e della Ricerca.
Con queste parole il Rettore di UNINETTUNO, Professoressa Garito, ha commentato la cerimonia di firma della carta costituente del nuovo Consorzio per la Qualità delle Università Online: “Al pari della lotta alle fake news è tempo di far nascere un movimento
di lotta contro la fake formazione su Internet. Ogni giorno nascono nuove Università online e nuovi corsi di formazione su Internet, spesso mancano informazioni chiare sulle metodologie didattiche, sui modelli psico-pedagogici, sui nomi e sui curricula degli autori dei contenuti. Molte di queste Università non sono accreditate dai loro governi e spesso rilasciano titoli di studio non validi e forniscono competenze non adeguate alle promesse. Ormai la formazione online è diventata un business a livello internazionale e, più che alla qualità, gli imprenditori di questo settore guardano al loro successo economico. Come membri della comunità scientifica e accademica internazionale, abbiamo oggi l’obbligo di tutelare sia gli studenti dalla fake formazione online, che il mondo accademico, che la reputazione delle vere Università Online che ormai stanno sempre di più sviluppandosi a livello globale, e sempre di più si stanno caratterizzando come un modello vincente di Università del XXI secolo”. (fonte: http://www.uninettunouniversity.net)

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Lonquich: 18 affinità elettive e le monumentali Variazioni Diabelli di Beethoven

Posted by fidest press agency su giovedì, 7 marzo 2019

Roma sabato 9 marzo alle 17.30 nell’Aula Magna dell’Università Sapienza (Città Universitaria, Piazzale Aldo Moro 5). Il pianista tedesco, che da anni si è stabilito in Italia e vive tra Firenze e Roma, ha ideato un concerto a due facce, con una prima e una seconda parte diversissime tra loro, ma complementari. È un programma pensato attraverso considerazioni che trascendono il significato puramente pianistico e si rifanno a una profonda visione dei lati più intimi e segreti della musica.La prima parte, intitolata “Le affinità elettive”, accosta diciotto brevissimi brani di compositori molto lontani tra loro, che rivelano però somiglianze e parentele segrete: si va dal settecentesco Carl Philip Emanuel Bach al grande filosofo del ventesimo secolo Thedor Wisengrund Adorno, dal seriosissimo Anton Bruckner ad un innamorato della musica brasiliana come Darius Milhaud, dal romantico Robert Schumann all’ironico e graffiante Stravinskij di Circus Polka.
La seconda parte è invece interamente dedicata ad una delle più monumentali composizioni di tutta la letteratura pianistica, le trentatré Variazioni in do maggiore su un valzer di Diabelli op. 120, uno dei massimi capolavori di Ludwig van Beethoven, che negli anni della sua piena maturità artistica riuscì a ricavare sviluppi inimmaginabili da un banalissimo valzerino: un lavoro che lo impegnò per ben quattro anni, dal 1819 al 1823. Fu il compositore ed editore viennese Diabelli a chiedergli di comporre una singola variazione su questo valzer, da inserire in un’antologia comprendente brani di ben cinquantuno compositori, alcuni dei quali erano dilettanti. Beethoven rifiutò sdegnato, però quel tema gli rimase impresso nella mente e finì per comporre non una singola variazione ma un’intera serie. Da quando ha vinto il Concorso “Casagrande” nel 1977 Alexander Lonquich ha dato in tutto il mondo concerti con grandi orchestre e illustri direttori, tra cui Claudio Abbado Ton Koopman, e Marc Minkowski. Una parte importante della sua attività è dedicata alla musica da camera. Alexander Lonquich, nel cui campo ha collaborato con artisti del calibro di Christian Tetzlaff, Joshua Bell, Steven Isserlis, Isabelle Faust, Carolin Widmann e molti altri. Ha suonato in festival prestigiosi come le Settimana Mozartiana di Salisburgo, il Festival Beethoven di Bonn e la Schubertiade di Hohenems. Ha ottenuto numerosi riconoscimenti dalla critica internazionale quali, il “Premio Abbiati” della critica musicale italiana come miglior solista del 2016, il “Diapason d’Or” in Francia e il “Premio Edison” in Olanda. Da qualche anno si dedica con successo anche alla direzione d’orchestra. Questa ampiezza dei suoi orizzonti si riflette nella scelta dei programmi dei suoi concerti, che non sono mai assemblati a caso e offrono sempre stimoli molto interessanti all’ascoltatore.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Conoscere e Curare il Cuore

Posted by fidest press agency su giovedì, 7 marzo 2019

Firenze, 28/02 – 3/03 2019. Il simposio organizzato da Bayer «Rivaroxaban: protezione su misura per pazienti con malattie cardiovascolari» fa il punto sui nuovi approcci terapeutici nel paziente “fragile” Negli ultimi vent’anni l’incremento della popolazione anziana ha determinato un aumento delle patologie croniche, tra cui quelle del sistema cardio-vascolare. In Italia, ad esempio, l’ictus è responsabile ogni anno del 10 – 12% di tutti i decessi, per questo motivo richiede un’importante gestione preventiva dei fattori di rischio, soprattutto in pazienti affetti da Fibrillazione Atriale, una frequente anomalia del ritmo cardiaco che ha una prevalenza stimata fra l’1% e il 2% della popolazione generale (ma ben il 10% degli ultra-ottantenni), ed è causa del 15-20% di tutti gli ictus trombo-embolici.In presenza di Fibrillazione Atriale, per esercitare misure preventive adeguate, viene raccomandata una terapia anticoagulante valida.L’utilizzo di una terapia anticoagulante alternativa a quella tradizionale (antagonisti della vitamina K – AVK), rappresentata dagli anticoagulanti ad azione diretta (DOAC – Direct Oral Anti Coagulant), viene considerata una tappa fondamentale nella prevenzione delle complicanze tromboemboliche della Fibrillazione Atriale, in accordo con le più recenti Linee Guida europee.
Nonostante i vantaggi introdotti dai nuovi anticoagulanti orali, ad oggi, si registra ancora un sottoutilizzo degli stessi, a discapito, soprattutto, di una corretta gestione dei pazienti complessi o cronici, il cui percorso terapeutico comporta un lavoro integrato tra diversi specialisti. Eppure, l‘introduzione nella pratica clinica dei DOAC attualmente disponibili è stato preceduto da rigorosi studi Internazionali di confronto tra le singole molecole e gli antagonisti della vitamina K. Tali studi hanno dimostrato una pari o superiore efficacia preventiva dello stroke e degli eventi tromboembolici sistemici dei nuovi farmaci rispetto al warfarin (AVK), con minori effetti secondari emorragici e con particolare riguardo agli eventi maggiori (emorragie intracraniche e sanguinamenti fatali).
Oltre a un aumento del rischio di eventi cerebrovascolari, legati al ruolo riconosciuto della Fibrillazione Atriale come fattore di rischio, un paziente può presentare altre condizioni di «fragilità»: come l’insufficienza renale o malattie oncologiche.Rispetto alla popolazione generale, i pazienti affetti da insufficienza renale cronica hanno un rischio maggiore sia di stroke che di sanguinamento: diventa, quindi, fondamentare una terapia anticoagulante in grado di proteggere da entrambi i rischi.
Nonostante le attuali Linee Guida raccomandino l’impiego di antiaggreganti piastrinici per il trattamento di CAD e PAD, purtroppo questa terapia lascia esposti i pazienti ad una elevata percentuale di eventi cardiovascolari. Per questo motivo Bayer, mediante lo Studio Compass, ha indagato una nuova e più efficace terapia per il trattamento di CAD e PAD.
Nei pazienti affetti da CAD e PAD, rivaroxaban al dosaggio vascolare di 2,5 mg due volte al giorno associato ad aspirina 100 mg una volta/die, ha ridotto il rischio combinato di ictus, infarto del miocardio e morte per cause cardiovascolari del 24% rispetto ad aspirina 100 mg una volta/die in monoterapia.La terapia combinata rivaroxaban/aspirina ha inoltre ridotto del 42%, 22% e 14%, rispettivamente il rischio relativo di ictus, mortalità per cause vascolari e di infarto, mostrando un buon profilo di sicurezza.Un altro elemento significativo è che in pazienti affetti da PAD, con arteriopatie periferiche, si è avuta una significativa riduzione degli eventi cardiovascolari maggiori a carico degli arti (-46%), e una riduzione imponente (-70%) delle amputazioni degli arti legate a cause vascolari.Lo Studio è stato interrotto dopo un tempo medio di trattamento di 23 mesi, in anticipo sui tempi stabiliti, per manifesta superiorità della terapia combinata rivaroxaban/aspirina rispetto al braccio di confronto.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Michela Marzano: Idda

Posted by fidest press agency su giovedì, 7 marzo 2019

Torino Venerdì 8 marzo, ore 18 Circolo dei lettori, via Bogino, 9. Un appassionato romanzo sull’identità, la memoria, la potenza carsica delle relazioni. Michela Marzano consegna ai lettori il ritratto indimenticabile di due donne che, pur appartenendo a mondi diversi e lontani, trovano inaspettatamente l’una nell’altra ciò che avevano perduto. Ospite del Circolo, l’autrice racconta Idda (Einaudi)
Alessandra è una biologa che insegna a Parigi, dove abita con Pierre. Da anni non va nel Salento, il luogo in cui è nata e che ha lasciato dopo un evento drammatico, perché non riesce a fare i conti con le ombre della sua famiglia. Quando Annie, l’anziana madre di Pierre, è ricoverata in una clinica perché sta progressivamente perdendo la memoria, Alessandra è costretta a rimettere tutto in discussione.Chi siamo quando pezzi interi della nostra vita scivolano via? Che cosa resta di noi? Svuotando la casa della suocera, che deve essere messa in vendita, Alessandra entra nell’universo di questa stenodattilografa degli anni Quaranta, e pian piano ne riscostruisce la quotidianità, come fosse l’unico modo per sapere chi era, adesso che smarrendosi Annie sembra essere diventata un’altra. Nel rapporto con lei, ogni giorno più intimo, Alessandra si sente dopo tanto tempo di nuovo figlia, e d’improvviso riaffiorano le parole dell’infanzia e i ricordi che aveva soffocato. È grazie a Idda, ad Annie, che ora può affrontarli, tornando là dove tutto è cominciato. Bisogna attraversare le macerie, recuperare la propria storia, per scoprire che l’amore sopravvive all’oblio. «La dottoressa ha detto che l’unica frase che non scompare mai è “ti amo”; è quella che scelgono i suoi pazienti quando chiede loro di scrivere su un foglio la frase che preferiscono, anche se della propria esistenza non ricordano più nulla. È come se solo l’amore potesse ancora tenerli in vita». Michela Marzano (Roma, 1970) è professore ordinario di Filosofia morale all’Università Paris Descartes, editorialista de la Repubblica e autrice di numerosi libri tradotti in molte lingue. In Italia ha pubblicato, tra gli altri, Volevo essere una farfalla (2011), L’amore è tutto: è tutto ciò che so dell’amore (Premio Bancarella 2014), Papà, mamma e gender (2015). Per Einaudi ha pubblicato L’amore che mi resta (2017 e 2018) e Idda (2019).

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: Sostegno, corsi di specializzazione organizzati a caso

Posted by fidest press agency su giovedì, 7 marzo 2019

La scuola ha bisogno di docenti di sostegno specializzati: anche il Ministro dell’Istruzione lo ha detto più volte nel corso degli ultimi mesi, annunciando l’intenzione di avviare corsi specializzanti per 40 mila docenti in tre anni. La prima tranche dei corsi è stata avviata qualche giorno fa attraverso il Decreto n. 92/2019, con 14.224 posti disponibili per l’anno accademico 2018/2019: successivamente, però, è stato pubblicato un secondo decreto, il 24 febbraio, che nel ripartire quei posti ha incredibilmente penalizzato numerose regioni e province dove il fabbisogno è altissimo. Si è prodotta una ripartizione di posti illogica, con numeri del tutto insufficienti, in diverse regioni, a coprire il fabbisogno di docenti specializzati.
Esaminando la “tabella riassuntiva dell’offerta formativa di specializzazione sul sostegno”, desta scalpore, ad esempio, la scelta fatta per la provincia di Palermo, dove nella scuola secondaria a fronte di complessivi 2.350 posti liberi, tra vacanti e in deroga, il Miur non ha attivato alcun corso. Ci sono anche altre regioni ad essere state penalizzate. Vale per tutti quanto accade in Piemonte, dove si attiverà un solo corso di specializzazione, all’Università di Torino, per la misera di 200 posti, di cui appena 15 riservati alla scuola dell’infanzia. Eppure, in provincia di Torino, nell’anno scolastico in corso sul sostegno sono state assegnate circa 3 mila supplenze, quasi tutte affidate a docenti non specializzati e per assenza di personale con titolo specifico.
“Si tratta, inoltre, – afferma Marcello Pacifico – di uno schiaffo rivolto anche agli studenti, alle famiglie, alle scuole e all’amministrazione scolastica delle regioni svantaggiate. È amaro ammetterlo, ma ancora una volta siamo costretti a rivolgerci ai tribunali per garantire il diritto all’inclusione degli studenti con disabilità certificata”.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

10 finalisti dell’acceleratore Magic Wand Retail Revolution

Posted by fidest press agency su giovedì, 7 marzo 2019

Milano. Dal consulente sartoriale del “Made in Italy”, allo shopping virtuale grazie alla simulazione 3D; dagli assistenti vocali e chatbot intelligenti che danno suggerimenti ai clienti, agli strumenti tecnologici che analizzano i comportamenti e i gusti delle persone; dal “commesso virtuale”, alla piattaforma contro lo spreco che verifica in tempo reale l’integrità di prodotti alimentari nella catena di distribuzione.Sono alcuni dei prodotti e servizi innovativi sviluppati dalle 10 startup finaliste di “Magic Wand Retail Revolution”: il primo programma di accelerazione in Italia dedicato al settore retail lanciato da Digital Magics con i partner Auchan Retail Italia, Cisco, Do different, Nava Design, Nexi, RDS 100% GRANDI SUCCESSI, SisalPay e UBI Banca.Fra le oltre 70 idee, inviate su http://magicwand.digitalmagics.com, sono stati selezionati i 10 progetti che hanno accesso alla prima fase dell’acceleratore con oltre 300 ore di formazione qualificata e advisoring. L’attività di formazione è a cura della divisione della Digital Magics Startup University.
Le startup finaliste, che hanno ricevuto i primi 5.000 Euro, sono: Dilium, Disignum, ELIGO, ELSE Corp, Impossible Minds, InTribe, Optimist, Predixit, Scratch&Screen e Wenda.
“Magic Wand Retail Revolution” ha come obiettivo accelerare le migliori startup italiane, in grado di competere a livello globale, per innovare il settore del retail, migliorare l’esperienza dei clienti e creare il negozio del futuro, connesso e omnicanale, con le tecnologie più evolute.Dopo aver valutato le performance rispetto agli obiettivi di crescita delle 10 finaliste, saranno scelte le 6 startup che concluderanno “Magic Wand Retail Revolution”. Digital Magics e i partner Auchan Retail Italia, Cisco, Do different, Nava Design, Nexi, RDS 100% GRANDI SUCCESSI, SisalPay e UBI Banca offriranno durante il programma di 6 mesi supporto economico, condivisione delle esperienze, advisorship e sviluppo internazionale del business.Le 6 startup vincitrici di “Magic Wand Retail Revolution” riceveranno 15.000 Euro e un percorso di incubazione in Digital Magics del valore di 75.000 Euro, entrando a far parte della squadra del più importante incubatore di startup digitali “Made in Italy” attivo su tutto il territorio italiano.Saranno inoltre protagoniste di eventi dedicati a Londra e a Milano per presentare i loro modelli innovativi e scalabili ai più importanti investitori, business angel, venture capitalist italiani e internazionali.Alla fine del programma le 6 startup di “Magic Wand Retail Revolution” apriranno un round di investimento e Digital Magics parteciperà, investendo fino a 150.000 Euro in ogni startup. In partnership con 200 Crowd, piattaforma di equity crowdfunding, sarà costituito un veicolo d’investimento per raccogliere fino a 150.000 Euro da investire nel round di ciascuna startup. (fonte: http://www.digitalmagics.com)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Sudari: notizie e informazione liquefatta

Posted by fidest press agency su giovedì, 7 marzo 2019

Roma martedì 12 marzo 2019 ore 18.30 (13 marzo / 10 maggio 2019) Via della Conciliazione 4 In collaborazione con la Galleria Luigi De Ambrogi. Arrivano per la prima volta a Roma “I sudari” del giornalista e artista Gianluigi Colin: in un periodo in cui la carta stampata è messa sotto attacco costante e viene accusata di “superamento” da parte dei nuovi media, le parole liquefatte delle rotative si fanno opere e trovano nuova forma e nuovo significato. Una metafora della comunicazione contemporanea in cui Gianluigi Colin, dal privilegiato punto di vista di artista e giornalista, pone al centro della propria ricerca la mitologia dei quotidiani, dei libri, della cultura, riflettendo sul sistema dei media, operando nel dialogo tra immagini e parole e affrontando il tema dello sguardo e della memoria.
I Sudari di Colin sono una sequenza di opere astratte, cariche di sedimentazioni cromatiche, di striature ripetute, di campiture dilatate nello spazio. La particolarità di questa nuova serie risiede nell’origine di questi lavori e mette in luce la storia personale e la radice concettuale della recente ricerca dell’artista: Gianluigi Colin, infatti, si appropria di grandi tessuti utilizzati per pulire le rotative di quotidiani e di stabilimenti di arti tipografiche. Si tratta di “roto-pitture” su tessuti in poliestere, usati per “rimuovere” simbolicamente le parole e le immagini nella produzione editoriale.
Le opere in mostra nascono nel complesso magma della realtà tipografica, portatrice della memoria di giorni, mesi, anni di informazioni, intrise di inchiostri ed energie collettive. Autentici “stracci di parole”: il grado zero di ogni forma di scrittura.L’artista, dal suo punto di vista privilegiato, osserva il mondo attraverso il suo farsi storia a partire dal flusso infinito delle immagini della cronaca quotidiana, che arrivano a depositarsi nella memoria individuale solo dopo il filtro dei media. Il “capitale” iconografico della nostra storia presente è il punto di partenza dell’indagine, che mette da parte una lettura ideologica per porre al centro la ricerca sulle trasformazioni tecnologiche che in questi anni hanno mutato i processi conoscitivi, la cultura della rappresentazione e, soprattutto, l’atteggiamento progettuale. Per queste ragioni, la mostra Sudari rappresenta un capitolo del tutto nuovo, inatteso e sorprendente nel percorso di Gianluigi Colin.

Posted in Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Una grande festa per il Saint Patrick’s Day

Posted by fidest press agency su giovedì, 7 marzo 2019

Roma Sabato 16 marzo 2019 ore 22,30 Orion Club | Viale J. F. Kennedy, 52 Ciampino Ingresso: 10 €. Le leggende intorno alla figura di San Patrizio sono numerose: schiavo, cacciatore di serpenti, patrono d’Irlanda e custode dell’ingresso del Purgatorio. Per questo (e per altri motivi) in Irlanda e in tutto il mondo si festeggia il 17 marzo in suo onore. A omaggiare questa ricorrenza in una grande festa tra musica dal vivo, fiumi di birra e sláinte (brindisi in irlandese), i Beer Brodaz e gli Inna Cantina Sound, due realtà storiche dell’underground romano e della scena indipendente, per la prima volta insieme sullo stesso palco sabato 16 marzo alle ore 22,30 all’Orion Club (Viale J. F. Kennedy, 52-Ciampino).
Band romana già nota nel panorama reggae italiano, gli Inna Cantina Sound aprono il live della serata ripercorrendo i loro successi, ultimo fra tutti “A piedi nudi”, album prodotto da La Grande Onda, etichetta di Tommaso “Piotta” Zanello e che li hai visti protagonisti di un tour tra Italia, Grecia e Croazia. Il sound degli Inna Cantina rispecchia le sonorità tipiche del raggamuffin, strizza l’occhio a suoni più moderni, come nell’ultimo singolo “Non Svegliarmi”, senza mai dimenticare le proprie origini come nel brano “Il ballo del cantinaro”. Fomentatori delle folle, “Jimmy” Amatucci, Riccardo Venturini aka Ientu e Viola Rossi insieme a tutta la formazione al completo dell’Inna Cantina Sound animeranno il palco dell’Orion, in perfetto stile Inna Cantina.A seguire sul palco l’indie-punk dei Beer Brodaz, gruppo del quartiere Laurentino attivo dal 2003, formato da Corrado Traballesi, Arman Derviskadic, Massimo Ricciardi e Stefano Mazzuca. Come ogni grande occasione il gruppo presenterà in anteprima la loro ultima fatica “Serenata Loska”, brano dalle sonorità ska, narra della più romantica delle situazioni: un giovane innamorato intona una serenata sotto la finestra della sua bella, e come tutta la discografia dei Beer Brodaz non mancherà il colpo di scena politically incorrect.Negli anni grazie ai loro testi comici e dissacranti e al loro animo punk i Beer Brodaz si sono affermati come una tra le principali realtà indipendenti della scena romana. Sebbene sia difficile inquadrarli in un genere musicale definito, s’ispirano a gruppi come Elio e le Storie Tese e Latte & i Suoi Derivati: il loro sound spazia dal funk al reggae, dal punk allo ska, passando per il pop e il rock. Le loro rime baciate e licenziose non sono mai volgari, come nell’ultimo successo estivo “Vescica Loca”, che mette in parodia il genere del tormentone latino-americano; è invece ispirato ai cortometraggi horror degli anni ’80 il videoclip de “La Notte delle streghe”. Merita poi una menzione speciale il brano “Delinquenti prestati al mondo della palla ovale”, realizzato in collaborazione con l’omonima seguitissima pagina Facebook, è l’inno della nazionale di rugby italiana e conta ad oggi oltre 2 milioni di views sui social. Dall’osservazione divertita della loro generazione, i quattro artisti romani raccontano la città, gli amori, l’amicizia, i problemi e le paure dei giovani con una narrazione leggera e comica che si sposa a un sound mai banale e ripetitivo, a suo modo intimamente rock. Nei loro concerti è l’imprevedibilità a dettare il ritmo della continua interazione col pubblico.Dopo il concerto, si balla fino a tarda notte con il dj set a cura di Astarbene – The Reggae Radio Show, portale dedicato al reggae e a tutte le sue derivazioni da anni impegnato nella sua diffusione in Italia e con il Beatbox di Eddy Harper, uno dei beatboxer più in vista della scena romana. E come ogni festa di San Patrizio che si rispetti, non mancherà una selezione di birre artigianali proposte per l’occasione dal birrificio romano Rebel’s.Alla serata sono inoltre presenti con spazi informativi: l’associazione Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori (LILT – Sezione Provinciale di Roma), l’equipe di Oltre il muro, progetto nato con l’obiettivo di prevenire e ridurre i rischi legati al consumo di sostanze psicotrope legali e illegali, e la testata indipendente Scomodo. Media partner della serata è Radio Sonica 90.7 FM che seguirà in diretta l’evento a partire dal sound check.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

“Implicazioni del rapido invecchiamento demografico per gli investimenti”

Posted by fidest press agency su giovedì, 7 marzo 2019

A cura di Alessandro Aspesi, Country Head Italia di Columbia Threadneedle Investments. Ai quattro angoli del pianeta sta per infrangersi un’“onda grigia”. In Giappone i decessi superano le nascite da un decennio e oltre un quarto della popolazione ha più di 65 anni. L’Europa è avviata nella stessa direzione: secondo Eurostat la percentuale di ultrasessantacinquenni dell’UE dovrebbe aumentare dal 19,5% nel 2017 al 27% nel 2040, con un incremento di quasi il 40% in poco più di vent’anni.Secondo qualsiasi criterio, siamo in presenza di un cambiamento epocale con importanti implicazioni per le aziende e gli investitori, al punto che il britannico International Longevity Centre terrà il suo primo Business Summit, incentrato sulle opportunità commerciali del cambiamento demografico, a metà del 2019. Con il rallentamento della natalità, il numero di persone che entrano nella forza lavoro comincerà a ridursi, incrementando la concorrenza tra le imprese per attrarre personale. Per gli investitori che mirano a tener conto di questi cambiamenti demografici nelle loro decisioni di portafoglio, alcune conclusioni sono evidenti. Innanzitutto, nei prossimi decenni gli anziani eserciteranno un’influenza maggiore sui modelli di consumo a causa della loro crescente numerosità e ricchezza. La cautela è d’obbligo: gli anziani non sono un gruppo più coeso di qualsiasi altro. Ma le società di settori quali viaggi e turismo (le compagnie di crociera sono tra le preferite), beni di lusso, cosmetica, prodotti di salute e benessere, alta gastronomia e cibi pronti potrebbero beneficiare dell’aumento della domanda. Anche la disponibilità degli anziani a spendere somme considerevoli per i loro animali da compagnia dovrebbe dimostrarsi un trend affidabile.
Analogamente, il prolungamento della vita attiva rafforzerà la domanda di un’ampia gamma di prodotti e dispositivi medici. Smith & Nephew, un produttore di dispositivi ortopedici e medicali quotato nel Regno Unito, afferma di “operare in un mercato in forte crescita, trainato dall’invecchiamento demografico e dalla capacità della tecnologia di consentire ai pazienti di vivere più a lungo e di godere di una vita più attiva”.3 Il fatto che i nostri corpi si logorano con l’età produrrà verosimilmente opportunità analoghe, ad esempio, per le società specializzate in tecnologie odontoiatriche avanzate. Minore futuro è per le case di riposo.Nel 2018 più di tre quarti degli intervistati hanno dichiarato all’American Association of Retired Persons di voler rimanere nella propria casa nel periodo della vecchiaia.Data questa preferenza diffusa, vi saranno maggiori opportunità per le aziende che sviluppano tecnologie mirate ad adattare le abitazioni alle esigenze dei loro occupanti anziani. Si va dalle soluzioni di domotica per alleviare il carico delle faccende domestiche come le pulizie, alle soluzioni di efficienza energetica che permettono di ridurre al minimo i costi di gestione nel corso degli anni di occupazione supplementare dell’alloggio.Il riconoscimento vocale potrebbe giocare un ruolo importante in questi prodotti; la platea dei consumatori anziani potrebbe inoltre fornire una grande opportunità ai fornitori di veicoli autonomi che favoriscono l’indipendenza e la mobilità.Tuttavia, non dobbiamo focalizzarci unicamente sulle preferenze dei consumatori anziani: il cambiamento demografico interessa ogni singola parte della società.
In questo contesto le aziende dovranno trovare il modo di fidelizzare i lavoratori anziani per evitare di perdere le loro competenze ed esperienze, magari attraverso prassi lavorative più flessibili che meglio si adattino alle priorità di vita nella terza età. L’esame delle politiche volte a trattenere in azienda tali talenti potrebbe diventare parte dell’analisi ambientale, sociale e di governance (ESG) applicata abitualmente dagli investitori.Per le autorità di governo, intanto, le pressioni per migliorare l’efficienza e la produttività dei servizi sanitari diventeranno schiaccianti, il che produrrà significative opportunità per aziende di aree come la medicina rigenerativa, che sfrutta le proprietà autocurative dell’organismo per ridurre i costi del trattamento di determinate patologie.Nel caso dei giovani, la consapevolezza di trovarsi probabilmente a lavorare ben oltre i 65 anni di età alimenterà la domanda di riqualificazione professionale a metà carriera e di formazione per adulti. Nei prossimi decenni il numero di bambini in età scolare potrebbe in effetti diminuire, ma la necessità di svolgere due o tre professioni nell’arco della vita lavorativa riempirà le aule scolastiche di persone mature. Il cambiamento demografico in atto interesserà ogni aspetto della nostra società: l’invecchiamento non riguarda solo gli anziani.
Sicuramente in questo ambito guardiamo anche con molta attenzione alle principali macro-tendenze ed evoluzioni di mercato, cercando di individuare le società best in class che al meglio le cavalcano.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Nuovo Position Paper sulle malattie neuromuscolari

Posted by fidest press agency su giovedì, 7 marzo 2019

Favorire il più possibile il riconoscimento precoce delle gravi malattie neuromuscolari attraverso un sempre maggiore coinvolgimento e attenzione del pediatra di famiglia. È questo l’obiettivo dell’ultimo Position Paper redatto dalla Federazione Italiana Medici Pediatri (FIMP), in collaborazione con l’Associazione Italiana Miologia (AIM) e la condivisione di Parent Project e UILDM, sulle Malattie Neuromuscolari e sulla Distrofia Muscolare di Duchenne in particolare. Il documento fa parte del progetto PETER PaN(PEdiatria TErritoriale eRiconoscimento Precoce MalattieNeuromuscolari), il primo realizzato in Italia su una patologia rara e dedicato alla medicina del territorio. “Può diventare un prezioso strumento di lavoro per tutti i pediatri di libera scelta italiani – afferma il dott. Paolo Biasci, Presidente Nazionale FIMP -. Questa nostra presenza capillare sul territorio e il rapporto di fiducia che abbiamo con le famiglie possono essere utili anche per la presa in carico di una particolare categoria di pazienti. Si calcola che siano oltre 20mila i bambini residenti nel nostro Paese colpiti da problemi neuro muscolari. Possiamo svolgere un ruolo importante sia nel riconoscimento precoce che nel monitoraggio nel tempo della patologia”. La Distrofia di Duchenne provoca una perdita delle capacità di movimento del giovanissimo. E l’aspettativa di vita risulta ancora molto bassa, intorno ai 30 anni. “Un ritardo nel suo riconoscimento determina un ritardo nell’avvio delle strategie terapeutiche e un conseguente anticipo del danno irreversibile ai muscoli scheletrici e cardiaci – aggiunge il dott. Mattia Doria, Segretario Nazionale FIMP alle Attività Scientifiche ed Etiche -. Inoltre riduce l’efficacia delle terapie standard, in primis fisioterapia e corticosteroidi, e l’accesso a quelle molecolari di nuova generazione. La diagnosi precoce passa dall’osservazione longitudinale dello sviluppo delle abilità neuro-psico-motorie. La condivisione di un percorso diagnostico tra pediatra, specialisti di malattie neuromuscolari e genitori è cruciale per sostenere in modo significativo la gestione clinico terapeutica del bimbo”. Il progetto PETER PaN, oltre al Position Paper, prevede diverse attività formative su tutto il territorio nazionale e la distribuzione di materiale informativo per pazienti e caregiver. “Siamo orgogliosi di promuovere queste iniziative che vogliono aumentare il livello di conoscenza e riconoscimento di questi e altri importanti problemi di salute – conclude Biasci -. Come Società Scientifica siamo convinti che per salvaguardare la salute di bambini e adolescenti alla prese con malattie molto gravi e complesse sia necessario un lavoro di squadra e questo primo documento ne è un esempio”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Autonomie regionali e ruolo del Parlamento

Posted by fidest press agency su giovedì, 7 marzo 2019

“Bene centralità delle Camere sul percorso delle autonomie, come sembra essere stato stabilito dai presidenti Fico e Casellati nel colloquio con il Capo dello Stato. Ma il nostro ordinamento prevede due procedure sulla materia: quella di rango costituzionale con le 4 letture tra Camera e Senato oppure quella prevista dall’articolo 116 della Costituzione, limitatamente ad alcune materie e dopo aver normato l’applicazione dell’articolo citato. Il governo Gentiloni aveva varato un disegno di legge al riguardo, ma non arrivò mai in Parlamento. Se si vuole utilizzare questa procedura semplificata occorre quindi approvare prima una legge che regolamenti l’uso del 116. Questo devono chiedere i presidenti delle Camere al Governo. Non è sufficiente stabilire ‘eccezioni’ procedurali, che in quanto tali lasciano il tempo che trovano, per coinvolgere il Parlamento, in via del tutto straordinaria e non prevista in modo da consentire di emendare le intese tra il Governo e alcune regioni. Serve la norma di attuazione dell’articolo 116 della Costituzione prima che venga attivato”. È quanto dichiara il vicepresidente della Camera dei Deputati Fabio Rampelli di Fratelli d’Italia.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

I picchi di smog registrati a Roma e nel Lazio

Posted by fidest press agency su giovedì, 7 marzo 2019

Sono stati presi in osservazione gli otto punti “critici” della città di Roma scelti in base alle segnalazioni dei cittadini e dei circoli di Legambiente. In questi punti sono state fatte misurazioni della durata di un’ora delle polveri sottili con l’obiettivo di scattare una fotografia dell’inquinamento atmosferico. Se i valori medi di polveri sottili (Pm10) registrati a Roma non sono preoccupanti e variano tra 5,8 e 21,1 microgrammi/mc (come media oraria), a destare forte preoccupazione sono i numerosi picchi registrati durante l’ora di monitoraggio. Questi incidono sulla salute delle persone che passeggiano, lavorano, circolano in queste zone congestionate dal traffico.Il picco più elevato si è registrato in Viale Europa dove si è raggiunto il valore di 180 µg/mc per alcuni minuti a cui sono seguiti diversi picchi di polveri sottili oltre i 100 µg/mc e frequenti picchi nell’ora monitorata tra i 50 e i 100 µg/mc. Non è andata tanto meglio sulla Circonvallazione Ostiense, Viale Marconi e via di Portonaccio (all’angolo con via Tiburtina) dove i picchi più elevati di polveri hanno fatto registrare valori rispettivamente di 165,9 µg/mc, 163 µg/mc e 156,1 µg/mc, mentre decine di ulteriori altri picchi tra i 60 e i 120 µg/mc hanno caratterizzato l’ora di monitoraggio in tutte le postazioni.I punti monitorati sono stati Viale Libia (media oraria di 9,2 µg/mc), Viale regina Elena (5,8 µg/mc), Via di Portonaccio all’angolo con via Tiburtina (13,3 µg/mc), Piazza Fiume (10,1 µg/mc), Viale Marconi (21,1 µg/mc), Largo Fochetti nella zona dell’EUR (12,3 µg/mc), Circonvallazione Ostiense (11,8 µg/mc) e Viale Europa (13,4 µg/mc). È quanto emerge dalla fotografia scattata dal Treno Verde, la campagna di Legambiente e del Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane, con il patrocinio del Ministero dell’Ambiente e Tutela del Territorio e del Mare che in questi giorni ha fatto tappa a Roma. I risultati del monitoraggio scientifico della qualità dell’aria – realizzato grazie al progetto di Citizen Science di Legambiente Volontari per Natura – sono stati presentati questa mattina, a bordo della quarta carrozza del convoglio ambientalista, dal Coordinatore dell’ufficio scientifico nazionale di Legambiente Andrea Minutolo e da Roberto Scacchi , Presidente di Legambiente Lazio. Com’è noto Roma comincia male l’anno anche per quanto riguarda i risultati delle analisi effettuate dall’ ARPA Lazio per presenza di Polveri Sottili, con due centraline che hanno registrato più di 10 giorni di superamento del limite previsto per il Pm10: quella denominata Tiburtina, dove sono già 15 i giorni di superamento del limite giornaliero previsto dalla normativa (50 µg/mc come media giornaliera da non superare per più di 35 volte in un anno), mentre nella centralina denominata Preneste gli sforamenti sono stati già 11. Seguono con 7 giorni di sforamento le centraline di Fermi e Magna Grecia e Ciampino (RM).
Situazione ben più critica a livello regionale, quella della provincia di Frosinone, dove il bonus dei 35 giorni è stato ampiamente superato già dalla centralina di Frosinone scalo e Ceccano dove si sono raggiunti i 41 superamenti, seguita da quella di Cassino con 33 e Ferentino 16; a Colleferro (centralina Europa) – comune ricadente nella provincia di Roma ma al confine con l’area del frusinate, sono stati già invece 23 i giorni di superamento nel nuovo anno. Dopo la tappa di Roma, il viaggio del Treno Verde prosegue verso Pescara.

Posted in Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

PRCO apre in Asia

Posted by fidest press agency su giovedì, 7 marzo 2019

PRCO, il Gruppo internazionale di comunicazione integrata specializzato in brand di lusso, annuncia l’apertura di due nuovi uffici a Hong Kong e a Shanghai, dando l’avvio a PRCO Asia. Gary Yu, che in passato ha supervisionato l’espansione di GHC Asia in Cina, diventa il responsabile della nuova divisione, con l’obiettivo di fornire le migliori strategie per i Clienti del settore viaggi, real estate e lifestyle.PRCO Asia apre con il seguente portfolio Clienti: McArthurGlen, Chelsea Barracks e One Wall Street. “PRCO è attiva da tempo in Asia attraverso uffici associati” commenta Robert Lyle, Presidente di PRCO. “L’apertura di PRCO Asia ci permette di assumere il controllo diretto nell’area economica più dinamica del mondo e di fornire la nostra consulenza in modo fluido in 8 diversi mercati”. Dalla sua fondazione a Londra nel 1990, PRCO non ha mai arrestato la sua crescita, sviluppando il proprio organico aziendale fino a diventare una delle agenzie di comunicazione integrata leader al mondo nel segmento lusso. Oggi PRCO conta oltre 100 dipendenti negli uffici di proprietà a Londra, Milano, Parigi, Monaco di Baviera, Mosca, Dubai, Hong Kong e Shanghai.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il 97% dello spazio abitato dalla vita è Mare

Posted by fidest press agency su giovedì, 7 marzo 2019

Roma sabato 9 marzo 2019 ore 18 Lungotevere A. da Brescia Sala Petrassi Auditorium Parco della Musica. Tutti gli esseri viventi del pianeta provengono dal Mare. L’equilibrio e la stabilità del clima derivano dal Mare. L’incontro trai i popoli e le culture ha come ispirazione il Mare. L’associazione Marevivo, Dialogues e Fondazione Recchi hanno organizzato all’Auditorium Parco della Musica l’evento “MadreMare” per scoprire, attraverso verità, emozioni e leggende, i segreti del mare.
Dopo un’introduzione della presidente di Marevivo Rosalba Giugni con Benedetta Rinaldi giornalista Rai , Ferdinando Boero illustrerà la funzione vitale e vivifica del mare. Claudio Strinati e Alberto Luca Recchi racconteranno la storia di due passioni, una per l’arte e una per il mare. Nonostante l’apparente lontananza di questi mondi, i due esperti faranno scoprire al pubblico analogie sorprendenti tra i momenti fondamentali della loro vita e riusciranno a trasformare il dialogo in un racconto di opere e di creature marine, entrambe così fragili e bisognose di tutela che solo la loro profonda conoscenza può salvare.L’evento, sotto la regia di Luca Brignone, vedrà inoltre la partecipazione di Patrizio Rispo e sarà accompagnato dalla musica di Vincenzo De Filippo Marmediterra. L’incontro è organizzato con il supporto di Grimaldi Lines. http://www.marevivo.it

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Conferenza: «Genere femminile, numero plurale

Posted by fidest press agency su giovedì, 7 marzo 2019

Custonaci 8 marzo, in occasione della Giornata internazionale della Donna, il «Centro Studi Dino Grammatico – Istituto per la Cultura della Legalità» organizza (Sala Conferenze Solina Quartana – Ore 18.00) una conferenza dal titolo «Genere femminile, numero plurale. Percorsi di affermazione». La Giornata Internazionale della Donna è stata, infatti, istituita proprio per ricordare le conquiste sociali, politiche ed economiche acquisite dalle donne, ma anche per non dimenticare le discriminazioni e le violenze di cui le stesse esse sono tuttora oggetto in molte parti del mondo. Per Maria Cristina Castiglione e Valentina Pipitone, componenti del «Centro Studi Dino Grammatico», questa giornata va celebrata di anno in anno per l’importanza storica che riveste e per la costante necessità di sensibilizzazione in tema di parità di genere. Apriranno la conferenza Fabrizio Fonte (Presidente del «Centro Studi Dino Grammatico») ed il Sindaco di Custonaci Giuseppe Bica. Introdurranno Maria Cristina Castiglione e Valentina Pipitone. Interverranno il Tenente Virginia Coni (Comandante del Nucleo Operativo e Radiomobile di Marsala), Miriam Vitrano (medico chirurgo dell’Ospedale dei Bianchi di Corleone), Caterina Maria Peraino (esperta in politiche di Genere e di Pari Opportunità), Luana Li Voti (Assistente Sociale e Vice Presidente Associazione Prof.As.S.), Paola Stabile (Presidente della Compagnia Teatrale dei Mirtilli). Porteranno la testimonianza dell’impegno della componente femminile nel mondo associativo: Leonarda Errante (FIDAPA Paceco-Terre dell’Elimo Ericino), Antonella Ruggirello (Unitalsi Sottosezione di Trapani), Sara Alagna (Alfaomega – Associazione Culturale Universitaria) e Maria Martinico (Interact Trapani-Birgi-Mozia). Modererà l’incontro la giornalista Ornella Fulco.L’evento è, infine, accreditato per la formazione permanente continua per gli iscritti all’ordine degli Assistenti

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Tumore della prostata

Posted by fidest press agency su giovedì, 7 marzo 2019

Un nuovo antiandrogeno non steroideo, darolutamide, ha ridotto del 59% il rischio di metastasi o morte in pazienti colpiti da carcinoma prostatico resistente alla castrazione non metastatico (nmCRPC). Lo dimostrano i risultati dello studio di fase III ARAMIS che hanno evidenziato un miglioramento della sopravvivenza libera da metastasi (MFS) con darolutamide associato a terapia di deprivazione androgenica (ADT) rispetto al placebo associato ad ADT. La sopravvivenza libera da metastasi mediana è stata di 40,4 mesi nel braccio darolutamide e di 18,4 mesi nel braccio placebo, con un miglioramento complessivo mediano di 22 mesi. È stato osservato anche un trend positivo nella sopravvivenza globale (OS) e in tutti gli altri endpoint secondari è stato evidenziato un beneficio in favore di darolutamide. È importante sottolineare che l’incidenza di eventi avversi (AE) associati al trattamento con frequenza pari o superiore al 5% o di grado 3–5 è risultata paragonabile tra il braccio darolutamide e il braccio placebo; soltanto la fatigue è stata riscontrata in più del 10% dei pazienti. Gli esiti in termini di qualità della vita sono risultati simili tra i gruppi di trattamento. Questi dati sono stati presentati al congresso internazionale sui tumori genitourinari (American Society of Clinical Oncology Genitourinary Cancers Symposium, ASCO GU) che si è svolto recentemente a San Francisco e contemporaneamente sono stati pubblicati sul New England Journal of Medicine.”Oltre a un beneficio in termini di MFS, nei pazienti affetti da carcinoma prostatico resistente alla castrazione non metastatico, che sono nella maggior parte asintomatici, è fondamentale avere a disposizione farmaci con un profilo di sicurezza favorevole, perchè le decisioni terapeutiche possono influire sul loro benessere generale, sulla prognosi e sull’aderenza al trattamento, nonché sulle possibili interazioni con gli altri medicinali generalmente utilizzati in questa popolazione di pazienti. Questi dati sono entusiasmanti per la comunità di pazienti affetti da carcinoma prostatico; non dimostrano soltanto la notevole efficacia di darolutamide nel prevenire la diffusione del carcinoma prostatico, ma anche il suo profilo di tollerabilità favorevole che, in seguito all’approvazione, potrebbe consentire ai pazienti di proseguire la propria vita quotidiana senza incorrere in alcun peggioramento della qualità di vita”, ha dichiarato Karim Fizazi, M.D., Ph.D., Professore di Medicina presso l’Institut Gustave Roussy, Università di Paris Sud (Francia).
“Sebbene negli ultimi anni siano state sviluppate numerose nuove opzioni terapeutiche nell’ambito del carcinoma prostatico, ci sono ancora dei bisogni non soddisfatti, in particolare per quanto riguarda la necessità di fornire ai pazienti trattamenti efficaci e al tempo stesso caratterizzati da un profilo di sicurezza che non comporti un peggioramento della loro qualità di vita” ha dichiarato Scott Z. Fields, M.D., Vice President senior e Responsabile dello Sviluppo oncologico nella Divisione Pharmaceuticals di Bayer. “Bayer sta lavorando con impegno per riuscire a offrire trattamenti innovativi, con un buon profilo di efficacia e tollerabilità”. Bayer, che prevede di discutere i dati dello studio ARAMIS con le autorità regolatorie, ha ricevuto dall’ente regolatorio statunitense (Food and Drug Administration, FDA) la designazione “Fast Track” per darolutamide nei pazienti affetti da nmCRPC. Darolutamide viene sviluppato in maniera congiunta da Bayer e Orion Corporation, un’azienda farmaceutica finlandese operante su scala mondiale.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »