Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 321

Archive for 2 aprile 2019

Il delitto politico di Maria “la molisana”: 75 anni fa una pagina di storia a Roma

Posted by fidest press agency su martedì, 2 aprile 2019

Una pagina di storia sconosciuta, tornata alla luce in questi giorni grazie ad un giornale di quartiere a Roma (“AppiOH”) e all’associazione “Forche Caudine”, che proporrà al VII Municipio l’apposizione di una targa. Protagonista una giovane molisana a Roma, Maria Di Salvo, nata a Salcito il 6 aprile 1899 da Giovanni Di Salvo e Giuseppina Di Giorgio, abitante in via Tuscolana 42, presso piazza dei Re di Roma. E’ la fine di marzo del 1944, sono 203 giorni che Roma è occupata dai tedeschi. Sono trascorsi appena cinque giorni dall’attentato di via Rasella e quattro dall’eccidio di rappresaglia delle Fosse Ardeatine ed il clima è particolarmente teso. La giovane molisana, definita “sovversiva” nei verbali delle forze dell’ordine nella retorica del periodo fascista, probabilmente una partigiana, è vittima di un conflitto a fuoco con la polizia in via Orvieto, non molto lontano da casa. Resta ferito anche un poliziotto. Lei viene colpita alla testa, è grave. Condotta all’ospedale San Giovanni, vi morirà poco più di due ore dopo il fatto.La vicenda è emersa proprio dai verbali del noto ospedale romano, dove compaiono anche i nomi delle guardie che accompagnarono la salcitana nel nosocomio (Michele Brilli e Guglielmo Franci), la targa del veicolo (Roma 73204) e il numero del referto (2838).
Una vicenda fino ad oggi ignota, raccontata nello scarno linguaggio burocratico del mattinale di polizia al pronto soccorso dell’ospedale San Giovanni, data 28 marzo 1943, quattro giorni dopo il massacro delle Ardeatine.Il quotidiano L’Unità, allora clandestino, pubblicò la notizia che su un muro di via Orvieto qualcuno aveva sfidato il coprifuoco per scrivere in vernice bianca, a poche ore da quel decesso: “A Roma tutti eroi. Morte ai fascisti e ai tedeschi”. Maria “la molisana” per più di qualcuno era stata un’eroina.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Ricordare, Unire, Rinnovare” in memoria delle vittime in Ruanda

Posted by fidest press agency su martedì, 2 aprile 2019

Roma domenica 7 aprile, alle ore 15.45, presso l’Aula magna Regina della John Cabot University, via della Lungara 233, Trastevere: “Ricordare, Unire, Rinnovare” questo il titolo – e il significato – della manifestazione, che vuole richiamare alla memoria quanto accadde dal 7 aprile al 4 luglio del 1994 nel piccolo Paese dell’Africa orientale, quando un milione di persone – tra cui donne e bambini, famiglie intere – furono massacrate a colpi di machete, mazze chiodate e armi da fuoco. Le Nazioni Unite hanno proclamato il 7 aprile “Giornata internazionale di riflessione sul genocidio in Ruanda”.La manifestazione, a cura dell’Istituto Guarini per gli Affari Pubblici della JCU, è organizzata da “Ibuka Italia – Memoria e Giustizia”, un’associazione composta da italiani e ruandesi residenti nel nostro Paese.«La prima missione della nostra associazione è quella di tenere viva la memoria del genocidio dei Tutsi: Ibuka in ruandese significa “ricorda”. Fra i nostri obiettivi c’è anche quello di contrastare ogni forma di negazionismo o di revisionismo. Chiediamo inoltre giustizia, perché ci sono tantissimi responsabili di quegli atti orribili che vivono ancora liberi in diverse nazioni del mondo», ha spiegato Honorine Mujyambere, presidente di Ibuka Italia.Alla commemorazione prenderanno parte Emanuela Del Re, viceministra agli Affari esteri con delega per l’Africa; Béata Ntamanyoma, presidente della diaspora ruandese in Italia, Annalisa Manta di Unric Italia; Lyal S. Sunga, già special investigator per il Consiglio di sicurezza delle Nazioni unite; Angélique Rutayisire, sopravvissuta. Un particolare ricordo arriverà dalla Famiglia Igihozo, gruppo di ex studenti scampati al genocidio. Chiuderà gli interventi Honorine Mujyambere. Aprirà i lavori il professor Federigo Argentieri, direttore dell’Istituto Guarini per gli Affari pubblici della JCU. Modererà Giuseppe Mazza.

Posted in Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Verità Nascoste inganni millenari che ci rendono schiavi” di Antonio Milazzo

Posted by fidest press agency su martedì, 2 aprile 2019

Palermo sabato 6 aprile alle 16.30 presso l’Hotel Addaura Village, (lungomare C. Colombo n° 4452) di Palermo sarà presentato il libro di Antonio Milazzo: “Verità Nascoste inganni millenari che ci rendono schiavi”. Interverranno: il Prof. Vito Piero Di Stefano del Centro Ufologico Nazionale, il presidente dell’associazione Nos Estamos Solos, Juan Martins, il regista Varo Venturi. Modererà l’incontro, Mario Caminita di Radio Time.Sono previste anche altre presentazioni in Sicilia, nello specifico: giovedì 18 aprile presso il CAST di Palermo e sabato 11 maggio a Catania, presso Mondadori Bookstore di Piazza Roma.Il libro sarà presente anche alla 32a edizione del Salone Internazionale del libro di Torino presso lo stand della casa editrice Bonfirraro
Nucleo del libro di Antonio Milazzo è la singolare ricerca del protagonista, il signor Tiravanti che, dopo aver scoperto alcune importantissime sfaccettature palesi e occulte della realtà in cui vive, le svela al mondo con l’intento di chiarire e smontare l’odierno caos in cui viviamo. Il signor Tiravanti indica alcune leve o percorsi che l’uomo ha a disposizione per uscire da questa Matrix. Perché oggi non viene data agli uomini la possibilità di acquisire quella “consapevolezza” che consentirebbe loro, non solo di difendersi dalle trame terrestri ed extraterrestri, ma di proteggere la cosa più importante che questi possiedono, ovvero quell’Anima o singolare Energia che alcuni occulti “Signori” di questa terra, vogliono sfruttare?

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Esposizione collettiva: Resilienza

Posted by fidest press agency su martedì, 2 aprile 2019

Reggio Emilia. dal 7 aprile al 4 maggio 2019, presso la sede di via Montagnani Marelli 18 a “OfficinARS Fotografia – Durante e dopo: Resilienza”, esposizione collettiva con opere fotografiche di Cecilia Del Gatto, Francesca Giannelli, Giulia Lazzaron, Isabella Quaranta, Jessica Raimondi, vincitori dell’omonimo concorso.Inserita nel circuito Off di “Fotografia Europea”, la mostra raccoglie una selezione di opere che affrontano il tema della “resilienza” secondo punti di vista differenti, accomunati tuttavia da una spiccata sensibilità verso i rapporti tra mondi interiori, identità personali e relazioni umane.
Giunto alla quarta edizione, il Premio OfficinARS trae spunto dalla storia dell’edificio che lo ospita – scuola ottocentesca riservata alle fanciulle povere – per individuare e promuovere gli artisti emergenti che operano sul territorio nazionale. Le attività dell’Associazione Villa Sistemi Reggiana, presieduta da Maria-Teresa Crispo, tendono inoltre a stabilire un legame tra l’arte e la solidarietà, sostenendo un’associazione che gestisce un orfanotrofio a Goma, nella Repubblica Democratica del Congo.
La mostra “OfficinARS Fotografia – Durante e dopo: Resilienza” è l’esito di un concorso ad accesso gratuito al quale hanno partecipato fotografi di età compresa tra i 20 e i 40 anni. La giuria, composta da Daniele De Luigi (curatore di fotografia e arte contemporanea), Francesca Baboni (critico d’arte, curatrice) e Francesco Criscuolo (Villa Sistemi Reggiana), ha selezionato i cinque vincitori, le cui opere sono state inserite nel catalogo annuale di Villa Sistemi Reggiana.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Venia Dimitrakopoulou: Futuro Primordiale

Posted by fidest press agency su martedì, 2 aprile 2019

Trieste venerdì 12 aprile, ore 17 alla presenza dell’artista Inaugurazione Civico Museo Sartorio e Incontro con l’artista al Castello di San Giusto sabato 13 aprile, ore 12. A Trieste, nelle storiche sale del Civico Museo Sartorio e del Castello di San Giusto, si compie la trilogia di esposizioni italiane della scultrice greca Venia Dimitrakopoulou con la mostra “Futuro Primordiale – Suono” a cura di Afrodite Oikonomidou e Matteo Pacini, dal 13 aprile al 16 giugno 2019.
Con la terza importante personale italiana l’artista, dopo aver affrontato le tematiche della “materia” a Palermo e del “logos” a Torino, propone ora una nuova selezione di lavori dedicati al tema del “suono”, che vanno, come da sua impronta stilistica, dalla piccola alla grande dimensione e spaziano dalla scultura tradizionale all’installazione, dal video all’azione, dalla scrittura alla grafica. La trilogia italiana “Futuro Primordiale”, intesa come un unico progetto in evoluzione, ha voluto presentare in ciascuna città e spazio espositivo opere diverse, con l’obiettivo di integrare il lavoro della scultrice nell’ambiente museale al fine di creare un dialogo visivo con gli oggetti esposti.A Trieste l’artista procede quindi per evocazioni sonore e l’esposizione si snoda tra le pregevoli stanze della villa settecentesca, sede del Civico Museo Sartorio, in dialogo con gli arredi d’epoca ancora presenti. È così che troviamo ad accogliere il visitatore, al piano terra, l’emblematico video Zoodochos Pighi (Fonte di Vita, 2011), opera drammatica in senso etimologico del termine, che vede le mani dell’artista ergersi a simbolo della forza generatrice della dimensione scultorea, in un incessante processo metamorfico di creazione e distruzione della forma sottolineato dalla musica del noto compositore contemporaneo Pablo Ortiz.La mostra si completa poi sul colle di San Giusto, tra le mura del Castello triestino, spazio ideale per intrecciare una profonda riflessione sulla creazione monumentale Promahones, opera simbolo dell’artista. Gli imponenti dischi in acciaio, sfrangiati sulla sommità, attualmente esposti nel cortile principale del Museo Archeologico Nazionale di Atene, sono qui evocati attraverso la video installazione The Sound of Promahones, che restituisce i suoni provenienti dall’opera stessa rielaborati da Ortiz con la scultrice.
Arricchiscono l’allestimento alcune teste di guerrieri che simbolicamente rimandano alla prima mostra palermitana, a conclusione di un percorso lineare e circolare allo stesso tempo, come afferma l’artista stessa: «La trilogia si conclude a Trieste, città rilevante sia per la sua posizione geografica che per la sua storia. Un crocevia che collega il Nord al Sud, esattamente come la Grecia. Del resto, la dualità è uno dei cardini principali del mio lavoro, come anche lo spazio intermedio. Iniziando da Palermo dove protagonista è stata la Materia, con tappa intermedia a Torino con il Logos, arrivo ora a Trieste con il Suono, cioè la “non materia”. Un tentativo di mappatura della condizione umana e del ciclo della vita, così come io la percepisco. Il momento storico in cui si svolge la mia traversata in Italia è un momento di grandi cambiamenti sia in Europa che nel mondo. In questo paesaggio piuttosto annebbiato, l’arte oggi può avere un ruolo importante e l’artista deve affrontare la sua responsabilità. La memoria e la storia sono il filo conduttore che arriva dal profondo del tempo e sento che, se riusciamo a tenerlo stretto tra le mani, ci potrà guidare al futuro con maggiore sicurezza. A Trieste quindi tento, con mezzi semplici e intangibili, in particolare attraverso i suoni, di attivare la memoria. Il ricordo individuale e personale al Museo Sartorio e il ricordo collettivo al Castello di San Giusto».Le tre esposizioni di Venia Dimitrakopoulou nel nostro Paese, a Palermo, Torino e Trieste, rientrano nel programma “Tempo Forte Italia – Grecia”, iniziativa promossa dall’Ambasciata d’Italia ad Atene e sancita nel corso del Primo Vertice Intergovernativo tra Italia e Grecia, tenutosi il 14 settembre 2017 a Corfù, volta a favorire e sostenere il rafforzamento delle relazioni culturali tra i due Paesi, nel rispetto dell’equilibrio tra i vari ambiti culturali, dalla tradizione al contemporaneo, dal passato al futuro.La rassegna è accompagnata da un esaustivo catalogo bilingue, italiano e inglese, edito da Umberto Allemandi.
Venia Dimitrakopoulou è una scultrice greca, le cui opere fanno parte di importanti collezioni pubbliche e private in tutto il mondo.
Orari Civico Museo Sartorio: giovedì-domenica 10-17 | Castello di San Giusto: tutti i giorni 10-19
Aperture straordinarie: 21 aprile, 22 aprile e 1 maggio Ingresso Civico Museo Sartorio: libero Castello di San Giusto: compreso nel prezzo del biglietto intero € 3,00 – ridotto € 2,00 Catalogo edito da Umberto Allemandi con testo critico di Franco Fanelli.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Presentazione del libro “Lenin, un uomo”

Posted by fidest press agency su martedì, 2 aprile 2019

Roma Venerdì 12 Aprile, dalle 18:00 alle 19:30 Centro Congressi Cavour, Via Cavour 50/a presentazione di “Lenin, un uomo” di M. Gor’kij, ed. Sellerio, a cura del prof. Marco Caratozzolo (professore associato dell’Univ. di Bari), dal prof. Lapo Sestan (professore ordinario all’Orientale di Napoli) e dal direttore dell’Istituto prof. Carlo Fredduzzi (slavista e giornalista).«Non ho mai incontrato un uomo che sapesse ridere in modo così contagioso come Vladimir Il’ič. Bisognava godere di un benessere grande e forte per ridere così».Questo era Lenin come persona, secondo Maksim Gor’kij, celebre scrittore, che era tutt’altro che un «leninista» («sono un marxista molto dubbioso, credo poco nella ragione delle masse in generale») ma lo conobbe bene dai primi del Novecento, nell’esilio (il famoso soggiorno di Capri) e poi con la rivoluzione (in cui Gor’kji non credeva tanto).
Quello che interessa l’autore è l’uomo, il carattere, quello che si provava a stare insieme a lui. Si scopre un punto di vista inaspettato su un personaggio morto in realtà prima che la storia potesse capirlo fino in fondo. E senza che ci sia troppo di politica, queste pagine dicono forse sul Lenin politico, sulla sua ispirazione politica, di più di un’analisi metodica.
Maksim Gor’kij (1868-1936), nato povero, autodidatta, per anni vagabondo in Russia occupato in lavori miseri alla ricerca di «materiali umani» per le sue opere, è stato a lungo l’immagine dello «scrittore proletario». Amico di Tolstoj e Čechov, i suoi romanzi e drammi sono considerati l’avvio del cosiddetto «realismo socialista».
Marco Caratozzolo, professore associato, è docente di lingua e letteratura russa presso l’Università degli Studi di Bari Aldo Moro. È autore di studi sull’opera di Dostoevskij, sull’emigrazione russa in Francia dopo la Rivoluzione, sui rapporti tra Gramsci e il potere sovietico in Italia. Attualmente approfondisce i legami tra Tommaso Fiore e la cultura russa. Bari.

Posted in Recensioni/Reviews, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: Nuovo sciopero generale in vista a maggio

Posted by fidest press agency su martedì, 2 aprile 2019

I sindacati rappresentativi attivano lo stato di agitazione per uno sciopero generale unitario a maggio contro regionalizzazione e contratto scaduto. Anief si dichiara pronta a seguirlo come ha fatto per gli scioperi e le manifestazioni proclamati da alcuni sindacati autonomi della scuola nei mesi scorsi. I cinque maggiori sindacati del comparto Istruzione hanno deciso di avviare i passaggi formali – tentativo di conciliazione a Miur, Funzione Pubblica e Commissione di Garanzia – per giungere alla proclamazione dello stop delle attività: a chiederlo, giustamente, sono gli stessi loro rappresentanti dei lavoratori, incontrati nei giorni scorsi a Napoli, Venezia e Roma dopo le iniziative a cui Anief ha aderito nei mesi scorsi. Alla base della mobilitazione ci sono il nuovo blocco contrattuali e la necessità di aprire un reale dibattito sull’autonomia regionale coinvolgendo le parti sociali. Marcello Pacifico (Anief): Siamo favorevoli alla protesta massima, tutti i cittadini devono sapere quali sono le sterili politiche di un Governo che guarda alla scuola con la stessa modesta attenzione di chi lo ha preceduto. Ieri abbiamo manifestato insieme contro la Buona scuola, oggi siamo pronti contro la Regionalizzazione e per il rinnovo del Contratto a cui siamo pronti a dare il nostro contributo migliorativo. Il mancato rinnovo del contratto e la regionalizzazione sono questioni fondamentali per il futuro della scuola e dei suoi lavoratori, per i quali, assieme al problema della stabilizzazione di oltre 100 mila precari e alla mancata equiparazione dei diritti di personale supplente e di ruolo, Anief si sta battendo da lungo tempo. Ben vengano, dunque, le iniziative sindacali di lotta, perché stanno facendo emergere l’ennesima mancata presa di coscienza da parte del Governo e dell’amministrazione centrale sulle difficoltà in cui versa oggi la scuola pubblica italiana e la scarsa volontà per affrontarle e risolverle. Meglio ancora se sono mobilitazioni compatte e condivise, perché mettono l’Esecutivo e l’amministrazione scolastica davanti alle loro responsabilità. Spiace soltanto che ognuno proceda sempre per la sua strada senza concordare tutti insieme un percorso comune. Ad ogni modo, il tema è più importante di sterili polemiche e ben venga ancora una volta la mobilitazione. “Il nostro sindacato – dichiara Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief –, pur se non invitato alle iniziative congiunte organizzate dalle altre organizzazioni di categoria, si dice oggi favorevole alla protesta unitaria programmata dai sindacati maggiori del comparto, soprattutto perché alla base della mobilitazione vi sono le nostre istanze, come il ricorso alla Corte di giustizia europea, oggi raccolte e rilanciate da altri. In ogni caso, ci dichiariamo da subito favorevoli ad una eventuale giornata di sciopero generale, da proclamare nel mese di maggio, perché tutti i cittadini italiani devono sapere che si sta portando la scuola verso un vicolo cieco”. Nella fattispecie, Anief ricorda che un eventuale modello d’autonomia differenziata produrrebbe l’immediata accentuazione dell’attuale gap formativo tra Nord e Sud, con la nostra Penisola formata sempre più da due Italie: da una parte il Nord, dove il tempo pieno continuerebbe ad essere garantito per l’intera domanda, e i servizi, come gli scuola-bus, le mense, le istituzioni territoriali a supporto del sistema istruzione. Al Meridione, invece, il livello di servizi ed infrastrutture, a partire dalle grandi opere, continuerebbe ad essere arretrato, con l’unica certezza di garantire l’offerta formativa costituita dall’opera preziosissima ed encomiabile del corpo docente e del personale tutto in servizio in istituti dove si lavora in condizioni ambientali spesso disagevoli.
Nel contempo, rimangono da risolvere con urgenza i problemi del contratto nazionale, scaduto lo scorso 31 dicembre, e che lasciano oggi gli stipendi dei lavoratori della scuola ben al di sotto il costo della vita e dopo che negli ultimi anni il valore salariale si è ridotto ulteriormente, peraltro costringendo il personale a rimanere in servizio sino alle soglie dei 70 anni. Va inoltre attuata con sollecitudine l’immissione in ruolo di tantissimi precari, oltre 100 mila, già selezionati e formati, attraverso le GaE oppure con la stabilizzazione derivante dalla norma europea che fa scattare l’immissione nei ruoli dello Stato dopo 36 mesi di servizio. Una mancanza, quest’ultima, che a breve farà inevitabilmente esplodere il malcontento, con le richieste di risarcimento danni in tribunale destinate a moltiplicarsi.
Anief ricorda, a questo proposito, che la strada da percorrere è indicata anche nell’ultimo rapporto Pirls, attraverso il quale si chiede di ripristinare l’insegnamento per moduli alla primaria, anche reintroducendo i 30 mila posti tagliati a partire dal dimensionamento voluto dal Governo Berlusconi-Gelmini. Poi ci sono altre decine di migliaia di posti da introdurre a sostegno del sistema Scuola, attraverso quegli organici differenziati, di docenti e Ata, che permetterebbe finalmente di superare la formazione delle cattedre solo in base alla mera quantità delle iscrizioni: solo introducendo delle variabili di criticità del territorio, legate pure ai tassi di disoccupazione, al numero di Neet, oltre che di dispersione scolastica e il grado di criminalità, si riuscirebbe ad avere quella svolta che tutti vogliono ma che nessun Governo poi attua. Ovviamente bisogna riaprire le GaE, sbloccare le immissioni in ruolo del personale Ata, attuare le stabilizzazioni e adeguare l’organico di fatto a quello di diritto, specie su posti di sostegno, senza dimenticare i tanti docenti idonei e i precari con 36 mesi che aspettano l’assunzione, ma anche quelli di ruolo che aspirano a ritornare a casa o ai passaggi verticali.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Installazione delle telecamere nelle scuole dell’infanzia

Posted by fidest press agency su martedì, 2 aprile 2019

Si apprende dalla stampa che il Comune di Gorizia attiverà un sistema di videosorveglianza in 15 istituti scolastici cittadini,che consenta un controllo continuativo sulle scuole, sia esternamente sia internamente, mentre l’assessore comunale di Terni annuncia che sono stati attivati i sistemi di videosorveglianza presso la scuola d’infanzia “Felice Fatati” di Gabelletta dove in passato si erano verificati dei furti. Marcello Pacifico (Udir): Il controllo sterile non porta a nulla e risulta invece necessario focalizzare le risorse sulla prevenzione del burnout, come ha più volte affermato il dottor Lodolo D’Oria, massimo esperto, che sottolinea come la risoluzione del problema passi per una maggiore tutela di lavoratori della scuola e discenti.Il sindacato ha ampiamente discusso della questione, presentando anche ai parlamentari della Camera degli emendamenti al Ddl Concretezza, pure durante l’audizione a cui ha preso parte il presidente Marcello Pacifico, e torna a occuparsene; infatti, rimangono da verificare i profili di possibile violazione della normativa sulla protezione dei dati personali, nonché del dettato costituzionale e comunitario in tema di diritti umani per una modalità di rilevamento della presenza oggettivamente invasiva. Bisogna ricordare inoltre che più volte il Garante dell’Infanzia si è detto pubblicamente contrario a qualsiasi tipo di telecamera installata all’interno degli istituti scolastici, a meno che non si tratti di “telecamere a circuito chiuso accessibili solo su autorizzazione dell’autorità giudiziaria e in presenza di una segnalazione; inoltre il Garante della Privacy ha posto diversi paletti, ritenendo “fondato” l’utilizzo della videosorveglianza solo per l’esigenza di tutela dei bambini (in particolare in età di nido) e per agevolare la ricostruzione probatoria rispetto a reati commessi nei confronti dei minori, ponendo dei dubbi sull’eventuale impiego delle telecamere in modo sistematico e generalizzato, visto che “la tutela dei soggetti fragili può avvenire efficacemente anche con mezzi meno invasivi”. Marcello Pacifico, presidente nazionale Udir, ribadisce il suo punto di vista: “Il sistema scolastico italiano presenta delle crepe e noi lottiamo costantemente per la risoluzione delle criticità, ma crediamo fermamente che il Governo debba occuparsi pure delle crepe fisiche, visto che metà deli istituti italiani risale a prima del 1970. In breve, perché non risolvere prima i problemi urgenti? Il compito di vigilare deve essere restituito al Ds e ai suoi collaboratori e non bisogna certamente scomodare Orwell: abbiamo bisogno di prevenzione e azioni mirate. Infine, bisogna rispettare il Regolamento europeo sul trattamento dati da poco recepito nel nostro ordinamento, tanto che potrebbero essere illegittime le azioni disposte dagli enti locali menzionati”.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: Maestri con diploma magistrale, a maggio il concorso ordinario per 16 mila posti ma non servirà a molto

Posted by fidest press agency su martedì, 2 aprile 2019

Sarà bandito entro due mesi, metterà a disposizione 16 mila posti con assunzioni a settembre 2020. Ma il prossimo anno scolastico inizierà con cattedre scoperte per via del licenziamento di 40 mila maestre al 30 giugno, mentre 7 mila di ruolo potrebbero andare a casa se non vincono il concorso riservato anche se il sindacato Anief promette battaglia nei tribunali. Bussetti sarà l’unico responsabile. I dettagli sono stati rivelati dal Ministro dell’Istruzione, Marco Bussetti, nel corso di una video intervista alla Repubblica rilasciata nei giorni scorsi. I posti sono aumentati, rileva oggi la rivista Orizzonte Scuola, perché erano 10.183 nella bozza presentata a novembre. Si prevede un numero di adesioni altissimo. Nel frattempo, il prossimo anno scolastico una cattedra su due continuerà ad andare a supplenza. Secondo Marcello Pacifico, presidente Anief, si tratta di un processo derivante anche dalla decisione presa dagli Uffici Scolastici di procedere ai depennamenti dalle GaE, per dare seguito alle sentenze di merito già emanate, conseguenti alla sentenza del Consiglio di Stato delle scorse settimane, in vista del nuovo aggiornamento che partirà a breve. In questo quadro, diventano ancora più importanti i pareri della Cassazione, che sulla questione si è riunita il 12 marzo, della Corte Costituzionale sulla legittimità del concorso straordinario bandito con DDG n. 85 del 1° febbraio 2018 per i professori abilitati della secondaria, con riflessi inevitabili sul primo ciclo; ma anche la risposta del Consiglio d’Europa sul reclamo collettivo da noi presentato sull’abuso delle supplenze pur in presenza di posti vacanti. Comincia a prendere forma la selezione dei maestri da immettere in ruolo: il concorso avrà validità biennale, e sarà bandito solo in quelle regioni in cui le graduatorie del concorso 2016 presentano pochi aspiranti al ruolo. I requisiti di accesso saranno quelli del conseguimento del diploma magistrale – entro l’a.s.2001/02 – oppure la laurea in Scienze della Formazione o analogo titolo estero equipollente. Per i posti di insegnamento sul sostegno sarà richiesta la specializzazione. Non sarà invece indispensabile il servizio di insegnamento ai fini dell’accesso. La domanda che tutti gli aspiranti maestri si pongono è la seguente: quanti candidati parteciperanno al concorso? Al momento, l’unica certezza è che saranno tantissimi: un numero decisamente maggiore i posti messi a bando. Perché, potenzialmente, ai diplomati magistrale espulsi dalle GaE dal Consiglio di Stato si aggiungeranno i laureati in Scienze della Formazione e tutti i precari in possesso di un titolo analogo. Considerando la mancata richiesta di un minimo di giorni di supplenze, è prevedibile che le richieste di accesso al test preselettivo, pressoché scontato, toccheranno numeri stratosferici. E che quindi il problema del precariato sarà tutt’altro che superato. “Nel frattempo – ricorda Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief – si sarà svolto il concorso straordinario riservato allo stesso ciclo scolastico, introdotto con il DDG n. 1456 del 9 novembre 2018. Ma anche quella procedura, non selettiva ma che metterà in fila tutti i precari con un numero minimo di annualità di servizio alle spalle, non metterà in ruolo un numero adeguato di docenti precari. Intanto, considerando che siamo sul finire dell’anno scolastico, il pericolo fondato è che nel prossimo mese di settembre i posti vacanti che andranno coperti da personale non di ruolo raggiungeranno livelli mai visti: prevediamo che una cattedra del primo ciclo su due sarà priva del titolare”. “Intanto – continua Pacifico – continua la battaglia di Anief per la riapertura della GaE, per la stabilizzazione automatica di chi ha effettato già 36 mesi di supplenze e sulla necessità di far scattare risarcimenti adeguati, in presenza di utilizzo reiterato di contratti a termine pur essendovi invece i presupposti per l’assunzione a tempo indeterminato. Per tutelare chi sarà licenziato sia supplente sia di ruolo con la più grande battaglia giudiziaria conosciuta dallo Stato italiano che citeremo, pure in giudizio per violazione della normativa comunitaria presso il tribunale di Roma con richieste di risarcimenti milionari”.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

L’oro italiano: Chi è il proprietario?

Posted by fidest press agency su martedì, 2 aprile 2019

“Domani finalmente è prevista in discussione al Senato la mozione di Fratelli d’Italia, depositata mesi addietro, per ribadire che le riserve auree detenute da Banca d’Italia sono di proprietà dello Stato e del popolo italiano e non di Palazzo Koch. Probabilmente per non riconoscere a Fratelli d’Italia la parternitá di questa storica battaglia, la maggioranza grillo-leghista si è sbrigata a presentare una identica mozione collegata alla nostra. Siamo felicissimi di aver svegliato la maggioranza dal suo torpore, dopo che il premier Conte in Senato a un question time di Fratelli d’Italia su questo tema aveva clamorosamente dichiarato che le riserve auree appartengono a Bankitalia. È tempo di mettere fine a questa pericolosa situazione e certificare una volta per tutte che l’oro della Patria è degli italiani e non dei banchieri”. E’ quanto dichiara il presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni.
“Fratelli d’Italia rivendica con forza due meriti: di essere stato il primo partito ad avere denunciato la questione della proprietà delle riserve auree detenute dalla Banca d’Italia, e di aver costretto su questo tema la maggioranza ad uscire allo scoperto e assumere una posizione che, tra l’altro, riprende la nostra. Infatti, mercoledì in Aula al Senato sarà votata la nostra mozione, presentata lo scorso 6 febbraio, alla quale quella della maggioranza sarò soltanto abbinata, in quanto depositata appena due giorni fa, il 28 marzo. E’ evidente che la nostra battaglia ha imposto al M5S e alla Lega di battere un colpo e di prendere, finalmente, coscienza che su un tema così delicato e importante non potevano continuare a rimanere silenti e assenti. Questo soprattutto dopo che il premier Conte in risposta a un nostro question time in Senato del 21 febbraio aveva affermato che la proprietà delle riserve auree non è degli italiani ma dei banchieri. Stigmatizziamo l’atteggiamento di questa maggioranza che, come in altre occasioni, va a rimorchio delle nostre iniziative, riprendendole nel contenuto, come nel caso della mozione sulle riserve auree, e addirittura intestandosele. Un comportamento che, senza dubbio, è ai limiti della correttezza istituzionale”. Lo dichiara il presidente dei senatori di Fratelli d’Italia, Luca Ciriani.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Libro: La Donna Napoletana divisa per quartieri e impronte labiali

Posted by fidest press agency su martedì, 2 aprile 2019

Napoli Giovedì 4 aprile 2019/ ore 16.00 presso NapoliCittàLibro – Salone del Libro e dell’editoria – Sala Ponente – Colonnese Editore è lieta di presentare La Donna Napoletana divisa per quartieri e impronte labiali (Colonnese Editore, 2019 ) di Salvatore Pica.
Nuova edizione con testo inglese a fronte – 2019 prefazione di Gaetano Gravina Traduzione di Rossella Patruno. Raccolta erotico-sociale di racconti nei quali la donna napoletana regna come protagonista indiscussa, connotata, nelle sue mille sfaccettature, dai quartieri di provenienza.Le Camille, ragazze di Via dei Mille, continuano a difendere strenuamente il titolo di “più pericolose per l’uomo” e sono quelle dalle quali gli altri esemplari femminili devono necessariamente guardarsi.
Le vomeresi restano vincolate al loro quartiere “senza storia”, proiettate esclusivamente verso tutto ciò che è appagante e scintillante, al tempo stesso permeate di pragmatismo e concretezza.
Le donne di Fuorigrotta sono le stoiche lavoratrici dall’animo intriso di valori proletari e le puteolane, veraci, passionali e sanguigne, vantano un’emblematica rappresentante: Sophia Loren.
Dinanzi a figure femminili così spiccatamente particolareggiate, dipinte con i colori vivaci e diversi che le caratterizzano in ogni retaggio, c’è l’uomo. Il maschio. A tratti predatore, forse più spesso inconsapevole preda, quasi sempre vittima di un gioco che non sempre riesce a comprendere. Un delicato manuale partenopeo, un modello di vita e di pensiero dove donne e uomini si comprendono, con animo allegro e ripulito da ogni doppiezza, in una città in cui la figura della coppia, ovvero due persone che camminano fianco a fiano, è ormai svanita nell’orizzonte urbano. Ad impreziosire i volume le impronte sensuali e scarlatte di labbra femminili, che fanno bella mostra a inizio di ogni capitolo. Alla presentazione insieme all’autore Salvatore Pica interverrà Jean-Noël Schifano e la psicologa Maria Albergamo.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Rifiuti elettronici: le EcoIsole RAEE di Milano diventano modello per il C40 -Cities Climate Leadership Group

Posted by fidest press agency su martedì, 2 aprile 2019

Le EcoIsole RAEE realizzate dal consorzio Ecolight diventano modello per una nuova raccolta dei piccoli rifiuti elettronici. Una delegazione del C40 – Cities Climate Leadership Group, rete globale costituita dai sindaci delle maggiori città del mondo per combattere i mutamenti climatici, durante il sopralluogo a Milano ha fatto tappa oggi, venerdì 29 marzo, nel quartiere Baggio per vedere il funzionamento dell’EcoIsola RAEE posizionata al Municipio 7. Guidati da Amsa-Gruppo A2A, una decina di rappresentanti di città quali Los Angeles, Abu Dhabi, Tel Aviv e Rotterdam, aderenti alla rete mondiale impegnata nella tutela dell’ambiente, hanno voluto vedere il funzionamento dell’innovativa soluzione adottata da Milano per la raccolta di prossimità dei piccoli RAEE. Grazie infatti al progetto avviato da Amsa-Gruppo A2A in collaborazione con Ecolight, otto EcoIsole sono state posizionate in altrettanti municipi del capoluogo lombardo: nei soli primi due mesi del 2019, sono state utilizzate da 2 mila cittadini che hanno conferito oltre 1,5 tonnellate di piccoli elettrodomestici, cellulari e lampadine a risparmio energetico.
«I RAEE sono tra i rifiuti che crescono ad un tasso maggiore nel mondo. Potenziare la loro raccolta è quindi una necessità per tutelare maggiormente l’ambiente», ricorda Giancarlo Dezio, direttore generale di Ecolight, consorzio nazionale per la gestione dei RAEE, delle pile e degli accumulatori esausti. «L’EcoIsola RAEE offre ai cittadini una possibilità in più per conferirli correttamente e così avviarli ad percorso di trattamento e recupero».
L’EcoIsola è un cassonetto intelligente, interamente automatizzato, nato da un progetto europeo che Ecolight ha realizzato per la raccolta di prossimità dei RAEE con l’esplicito scopo di facilitare la raccolta dei rifiuti elettronici di piccole dimensioni. Vi possono essere conferiti cellulari, telecomandi, tablet, ma anche lampadine a risparmio energetico, piccoli led e neon non più funzionanti. «Sono questi i rifiuti elettronici più difficili da intercettare: solamente poco più del 20% segue un corretto percorso di trattamento e recupero. Eppure sono riciclabili fino a oltre il 90% del loro peso», aggiunge Dezio.
Per utilizzare l’EcoIsola RAEE l’utente deve strisciare nell’apposita fessura la Carta Regionale dei Servizi (tessera sanitaria) quindi selezionare il tipo di rifiuto che intende conferire, inserendolo successivamente all’interno dello sportello dedicato. Quando i contenitori interni sono pieni è la stessa macchina ad avvisare gli operatori di Ecolight Servizi per il loro svuotamento. Per evitare possibili vandalismi le EcoIsole sono dotate di un sistema antintrusione.
Ecolight – Costituito nel 2004, è uno dei maggiori sistemi collettivi per la gestione dei Raee, delle Pile e degli Accumulatori. Il consorzio Ecolight, che raccoglie quasi 1.800 aziende, è il secondo a livello nazionale per quantità di immesso e il primo per numero di consorziati. È stato inoltre il primo sistema collettivo in Italia ad avere le certificazioni di qualità ISO 9001 e ISO 14001. È punto di riferimento per la grande distribuzione (Gdo) e tratta tutte le tipologie di Raee. http://www.ecolight.it

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il Career Day dell’Università Europea di Roma

Posted by fidest press agency su martedì, 2 aprile 2019

Roma mercoledì 3 aprile 2019, alle 10.15, in via degli Aldobrandeschi 190, si terrà il Career Day dell’Università Europea di Roma, con ingresso libero, sul tema “Lead your talent” (Guida il tuo talento).Il fine è quello di incoraggiare gli studenti ad essere “imprenditori di sé stessi” attraverso l’espressione del proprio talento e promuovendo così la proattività e l’iniziativa.“Il Career Day – spiega Liborio Desantis, Responsabile dell’Ufficio Orientamento e Job Placement dell’Università Europea di Roma – vuole offrire ai giovani studenti e ai laureati la possibilità di acquisire maggiori informazioni circa gli sbocchi professionali e di entrare in contatto con le più interessanti opportunità di lavoro.Al tempo stesso il Career Day vuole essere il luogo dove ci si prepara per il futuro. Un luogo dove giovani coraggiosi, con idee che vale la pena diffondere e raccontare, possano essere ascoltati ed interagire con il mondo esterno e con le imprese”.
Il Career Day sarà aperto sarà aperto alle 10.15 da un saluto di Padre Pedro Barrajón LC, Rettore dell’Università Europea di Roma.
Seguirà, alle 10.40, l’intervento di Romano Benini, esperto di politiche attive del lavoro.
Alle 11.00 si terrà la premiazione dei vincitori del concorso “Made in UER: Raccontaci la tua storia”.
Alle 11.15 interverrà Daniele Barbone, imprenditore e ultra-maratoneta.
Seguirà alle 11.30 “InnovAction Corner”, performance di studenti che esprimono il loro talento e che vogliono costruire il proprio futuro.
Alle 12.00 presentazioni aziendali e alle 14.15 apertura degli stand e colloqui con le aziende partecipanti.

Posted in Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Together in Hope and Witness: CEC Presidency Meets in United Kingdom

Posted by fidest press agency su martedì, 2 aprile 2019

The following is a message from the presidency of the Conference of European Churches. Rev. Christian Krieger (President, Reformed Protestant Church of Alsace and Lorraine), Rt Rev. Dr Guli Francis-Dehqani (Vice-President, Church of England), and Metropolitan Cleopas (Vice-President, Ecumenical Patriarchate) met in Leicester (UK) today to continue implementation of the CEC Strategic Plan 2019-2023. The strategic plan focusses on three aims: promoting peace, justice, and reconciliation in Europe; deepening church communion and ecumenical fellowship; and raising the Churches’ voice in Europe and toward the European Institutions. The presidency will also participate in a vigil service with civic, interfaith, and community leaders at Leicester Cathedral later in the day. Today, we reaffirm the bonds of ecclesial and ecumenical fellowship that unite Churches across Europe. We respond to the same call—to follow the one Christ and be moved by the same Holy Spirit. These are bonds that unite us across time and history, and move us forward together in hope and witness.The Conference of European Churches emerged from a fragmented and divided Europe following the Second World War. At that time there was a real need to overcome political divisions, and work for healing and peace. Today, the continent experiences pain from unhealed wounds and new divisions. We also recall our place in the broader world and the global challenges that we face. European Churches have to look to their roots and history, and again act as an instrument of peace and understanding.We will continue to build bridges of peace and hospitality in our communities, and remain committed to strengthening relationships among churches in Europe. We are enriched by our differences and the diversity of paths leading to the realisation of European ideals. Our common responsibility for the future of Europe compels us toward solidarity and friendship, even in the midst of uncertain and challenging political circumstances.Together we pray that the God of reconciling hope guide us through history’s turmoil and lead us to the flourishing of unity. May we look toward the dawning of the Easter hope and find strength in the mission God has entrusted to us.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Primo Congresso Provinciale UIL Sicurezza Roma

Posted by fidest press agency su martedì, 2 aprile 2019

Roma Grande soddisfazione per il primo Congresso Provinciale UIL SICUREZZA ROMA dove il Segretario Generale Antonio Lanzilli e il Segretario Nazionale Sergio Di Folco hanno ribadito l’importanza del sindacato nella Roma Capitale. E’ evidente che in una città come Roma , afferma il Segretario Di Folco, le problematiche relative alla sicurezza come i furti in casa, lo spaccio e le violenze sono in aumento , l’unica soluzione è radicalizzare la polizia non soltanto nel centro della città ma anche nelle periferie. Per fare tutto ciò bisogna mettere in condizione i poliziotti di fare il proprio lavoro con delle tutele in più che oggi non hanno. Potenziare, tutelare i poliziotti vuol dire mettere in sicurezza i cittadini . Chiude il Segretario Generale Uil Sicurezza Antonio Lanzilli complimentandosi con il Segretario Generale Provinciale UIL SICUREZZA ROMA Martino Esposito e il Segretario GENERALE AGGIUNTO UIL Sicurezza Roma VITTORIO DI PIETRO che insieme a Sergio Di Folco, ribadisce, sono convinto che riusciranno a far crescere sempre di più la segreteria della UIL SICUREZZA ROMA creando un filo conduttore tra l’amministrazione e i cittadini.

Posted in Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

AlbumArte: rassegna di proiezioni di film e video d’artista

Posted by fidest press agency su martedì, 2 aprile 2019

Roma Mercoledì 3 aprile 2019 alle ore 19.00, presso lo spazio espositivo di AlbumArte in via Flaminia 122, apre l’ultimo dei cinque appuntamenti della nuova serie di AlbumArte VideoArtForum, rassegna di proiezioni di film e video d’artista. Marco Trulli presenterà al pubblico una selezione di lavori video degli artisti Luca Coclite, Khaled Jarrar, Randa Maddah, Youssef Ouchra, Anna Raimondo. Dopo la proiezione seguirà un dibattito aperto al pubblico in sala, con la partecipazione di Saverio Verini. Tutti i video verranno proiettati nuovamente in loop, nei giorni 4 e 5 aprile, dalle 15.00 alle 19.00.
Mediterraneo sensibile è uno screening video che incentra la propria attenzione su alcune pratiche d’arte nello spazio pubblico mediterraneo, oggetto negli ultimi anni di una serie di mostre, workshop e residenze curate da Marco Trulli e realizzate all’interno del progetto La ville ouverte promosso da Arci nazionale nell’ambito del network di BJCEM – Biennale dei Giovani Artisti d’Europa e del Mediterraneo. In occasione dell’uscita di una pubblicazione riepilogativa (La ville ouverte. Politiche e poetiche dello spazio pubblico mediterraneo, Viaindustriae publishing, 2018) sul lavoro di osservazione, ricerca e produzione di questo progetto, viene mostrata una selezione di video di artisti attivi nell’area mediterranea, con un’attenzione particolare a quei lavori centrati sul delicato intreccio tra le forme del poetico e del politico.
Il progetto AlbumArte | VideoArtForum – iniziato nel 2016 e diretto da Cristina Cobianchi con il coordinamento di Valentina Fiore – ha presentato artisti e curatori italiani e internazionali e conferma l’interesse di AlbumArte per la videoarte, medium espressivo del quale si è occupato fin dagli esordi (2011) in Italia e all’estero, continuando a definire l’indagine in questo ambito come una delle caratteristiche più specifiche del suo percorso di ricerca.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Alla scoperta dei glicini in fiore

Posted by fidest press agency su martedì, 2 aprile 2019

Alassio Sabato 13 e domenica 14 aprile si terrà il laboratorio di giardinaggio per grandi, bambini e famiglie “Profumo di glicine!” che unisce alla visita guidata del Parco, un giardino inglese di 22.000 metri quadrati con vista sul mare, attività pratiche e manuali.
Un’occasione per scoprire la storia, i metodi di coltivazione e le caratteristiche dei glicini, che a Villa della Pergola formano una collezione di 35 varietà recentemente censite dalla SOI, la Società di Ortoflorofrutticoltura Italiana, tutte diverse per forma e colore.Tra tutti i glicini si distinguono Wisteria sinensis “Prolific”, viola e dal profumo intenso; Wisteria sinensis “Texas Purple” dai fiori grandi allungati e con giovani foglie color porpora; Wisteria sinensis “Jako” dai fiori bianchi e profumati; la novità Wisteria sinensis “Peter Valder”; Wisteria floribunda “Longissima Alba” dai fiori bianco puro a grappoli lunghi; Wisteria floribunda “Black Dragon”, unica varietà semidoppia; Wisteria floribunda “Macrobotrys” dai fiori viola chiaro con macchia porpora, a grappoli lunghi un metro; Wisteria floribunda “New Blue Fountaine” dai fiori blu/viola; Wisteria floribunda “Honbeni” i cui fiori sfumano dal bianco al rosa.Il secondo appuntamento dei laboratori sarà in giugno, con due giorni di iniziative che avranno invece come filo conduttore la collezione di Agapanti, anch’essa censita dal SOI, con più di 430 varietà.Costo del laboratorio abbinato alla visita guidata: € 15 adulti, € 12 soci FAI, € 5 bambini, gratuito per bambini fino ai 6 anni accompagnati da un adulto. Durata: due ore: 1 ora di visita e 1 ora di laboratorio.Prenotazione obbligatoria (Tel. +39 0182 646130 – +39 0182 646140). http://www.giardinidivilladellapergola.com

Posted in Cronaca/News, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

25° Convegno Internazionale di Ricerche Parapsichiche e Bioenergetiche

Posted by fidest press agency su martedì, 2 aprile 2019

Montesilvano (PE) dal 4 al 7 aprile Sala Congressi Grand Hotel Adriatico Via Carlo Maresca, 10, si terrà il convegno sull’uomo multimensionale: 4 giorni interamente dedicati alla spiritualità, alla salute, al benessere, alla guarigione spirituale, al destino dell’anima, agli angeli, allo sciamanesimo, con l’apporto di scienziati di fama internazionale. Vi sarà inoltre un concerto dal vivo di musica per il cuore, la mente e l’anima. Il nostro impegno è offrire il massimo nella qualità dei relatori, nazionali ed internazionali.
La finalità del Convegno è quella di essere un punto di incontro per tutti coloro che avvertono imprescindibile e ineluttabile il desiderio, la spinta, l’attrazione verso la Ricerca, verso un indistinto ‘qualcosa’ che esiste al di là della ragione e del quotidiano mondo sensibile e materiale.Da ogni parte del mondo ed in tante lingue diverse, numerosi Studiosi e Ricercatori si incontrano, tutti accomunati dal comune sentire – quasi un imperativo dell’Anima e dell’Interiorità – una fede invincibile nell’evidenza della Realtà Trascendentale che invita ad approfondire le tematiche spirituali nella consapevolezza che ogni verità, anche materiale, è fondamentalmente Spirito ed è inscindibile dal senso del Mistero e del Sacro che tutto permea.Da più di vent’anni il dr. Cutolo e l’Associazione da lui fondata si impegnano per l’organizzazione di momenti di incontro tra Anime affini.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

L’agricoltura ha bisogno dell’ambiente

Posted by fidest press agency su martedì, 2 aprile 2019

L’agricoltura e l’ambiente non sono nemici, anzi. Il settore primario – dichiara in una nota il presidente nazionale Confeuro, Andrea Michele Tiso – ha estremo bisogno di un contesto naturale e paesaggistico in buona salute. Naturalmente questo non significa dire che tutto quello che avviene nel comparto agroalimentare è ecosostenibile; ed è per questo che bisogna porre fine a pratiche come quella degli allevamenti intensivi.Ad ogni modo il presunto dualismo tra agricoltura e ambiente ha fatto molto male al Paese e continua a farlo tutt’ora. Quel che serve, invece – prosegue Tiso – è una forte inversione di tendenza e una chiara indicazione sulla necessità di un percorso congiunto che valorizzi le pratiche agroecologiche.La stessa lotta per la salvaguardia ambientale va condotta con maggiore determinazione e per salvare il pianeta non può bastare la direttiva del Parlamento Ue per il divieto d’utilizzo della plastica monouso dal 2021, serve molto di più e politiche più stringenti per obbligare i Paesi ad adottare le pratiche di riciclo e ad aumentare i controlli sulla salute delle acque marine e dolci.Come Confeuro – conclude Tiso – abbiamo sempre sostenuto, e continueremo a sostenere, l’esigenza di unificare il ministero dell’Ambiente e dell’Agricoltura, e questo non solo per dare un segnale strategico forte sul futuro del mondo agricolo, ma anche per poter lanciare un nuovo paradigma culturale fondato sugli elementi essenziali per il genere umano: l’ambiente e il cibo.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Verde: Tornano gli appuntamenti con i trekking urbani

Posted by fidest press agency su martedì, 2 aprile 2019

Roma. Si terranno nel verde organizzati dal Dipartimento Tutela Ambientale: occasioni per riscoprire la bellezza dell’enorme patrimonio verde di Roma.Ricco il calendario di itinerari per il mese di aprile con la guida degli esperti dell’Ufficio Visite Guidate capitolino.
Da Villa Sciarra al Parco dei Martiri di Forte Bravetta, dalle Passeggiate del Pincio e del Gianicolo al parco del Colle Oppio, dai Giardini dell’Aventino ai diversi itinerari all’interno di Villa Pamphilj, la più grande villa storica di Roma. I trekking ambientali della durata di circa tre ore condurranno alla scoperta dei tanti alberi monumentali e della vegetazione di pregio della Capitale.Per prenotare le visite – gratuite per gli over 65, i ragazzi fino a 14 anni, i disabili e al costo di 6 euro per tutti gli altri – è sufficiente inviare una email all’indirizzo: trekambientali@comune.roma.it non oltre due giorni prima del trekking scelto.Nel 2018 sono stati oltre 1000 i partecipanti ai 59 eventi organizzati – tra visite guidate e trek ambientali – mentre nei primi due mesi del 2019 sono già state registrate 236 presenze.Il calendario degli appuntamenti di aprile ed ulteriori informazioni sono disponibili al link: https://www.comune.roma.it/web/it/informazione-di-servizio.page?contentId=IDS245030.

Posted in Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »