Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Archive for 8 aprile 2019

Gen. Giovanni Nistri: “Pronti a costituirci parte civile contro i carabinieri indagati”

Posted by fidest press agency su lunedì, 8 aprile 2019

Questa decisione è giunta dopo un lungo percorso di interlocuzioni da parte del Gen. Giovanni NISTRI con la famiglia del geometra romano, deceduto a Roma il 22 ottobre 2009, mentre era sottoposto a custodia cautelare, la cui morte è al centro del processo tuttora in corso. Il SIM Carabinieri prende atto della dichiarazione del Comandante Generale dell’Arma, esprimendo soddisfazione della volontà di difendere l’immagine di tutta l’Arma, nella misura in cui verrà accertata ogni responsabilità di pochi infedeli, per la tutela di tutti i Carabinieri che svolgono il loro servizio con dedizione ed onestà.
Ma il SIM Carabinieri allo stesso modo non può non dichiarare con fermezza, la profonda delusione e amarezza per non aver mai sentito dagli stessi vertici dell’Arma, la possibilità di costituirsi parte civile in favore e a difesa dei Carabinieri che subiscono sputi e insulti da manifestanti nelle piazze o negli stadi, dai Carabinieri che vengono insultati solo per avere addosso una divisa, dai Carabinieri che sui social vengono posti come bersaglio di frasi di odio e nefandezze al loro indirizzo e dei loro familiari.
Il SIM Carabinieri auspica che da oggi, e per tutti i giorni a venire, il Comandante Generale dell’Arma senta l’impulso di chiedere all’Arma di costituirsi parte civile in ogni processo dove ogni Carabiniere è parte lesa. Noi del SIM Carabinieri lo faremo, perché nessuno sarà mai più lasciato solo!

Posted in Cronaca/News, Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Incontro sul tema: “Scienza a fumetti”

Posted by fidest press agency su lunedì, 8 aprile 2019

Camerino. Il prossimo martedì 9 aprile il Sistema Museale dell’Università di Camerino organizza un incontro sul tema “SCIENZA a FUMETTI” dedicato agli studenti degli Istituti Superiori, aperto anche al pubblico, per parlare di Scienza, allacciandosi ai poteri dei supereroi dei fumetti ideati da Stan Lee, scomparso pochi mesi fa ed i cui personaggi ancora oggi affascinano le nuove generazioni, con sorprendente continuità.
Parteciperanno all’iniziativa, che si terrà presso l’Auditorium Benedetto XIII con inizio alle ore 10, in qualità di relatori, il Rettore Unicam prof. Claudio Pettinari, per raccontare i superpoteri della chimica, il prof. David Vitali, Direttore della Scuola di Scienze e Tecnologie di Unicam e esperto in onde gravitazionali e misteri del Cosmo, il dott. Andrea Ettore Bernagozzi, Astronomo dell’Osservatorio Astronomico Regione Autonoma Valle d’Aosta, per sondare la profondità delle galassie alla ricerca dei supereroi alieni, il prof. Gilberto Pambianchi, Direttore del Polo Museale ed Orto Botanico, il dott. Renato Franchi, Product Manager della Panini Comics che attualmente edita i fumetti Marvel in Italia ed il dott. Alessandro Blasetti, Responsabile dello Staff del Polo Museale di Unicam. Nel corso dell’incontro, dunque, i relatori, attraverso le loro specifiche competenze, tratteranno del rapporto fra Scienza e Fumetti, connubio capace di aprire orizzonti in grado di stimolare i giovani, appassionati e non, ad avvicinarsi al mondo della ricerca e delle scienze applicate, che rendono oggi possibili molte delle straordinarie capacità dei Supereroi Marvel.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Beethoven col pianista Herbert Schuch alla IUC

Posted by fidest press agency su lunedì, 8 aprile 2019

Roma martedì 9 aprile alle 20.30 nell’Aula Magna dell’Università “La Sapienza” Beethoven col pianista Herbert Schuch alla IUC. Nato in Romania da famiglia tedesca e trasferitosi giovanissimo in Germania, Herbert Schuch è molto legato all’Italia, perché è stata la vittoria del Concorso “Casagrande” di Terni – noto per aver scoperto alcuni dei migliori pianisti di oggi – ad averlo lanciato in campo internazionale. Poco dopo è stata la IUC la prima a farlo conoscere al pubblico romano. Da allora è apparso sulle principali scene musicali, tra cui Festival di Salisburgo, Ruhr Piano Festival, Philharmonie di Berlino, Elbphilharmonie di Amburgo e Kennedy Center di Washington, con importanti orchestre come le Filarmoniche di Londra, Monaco di Baviera e Dresda, la NHK di Tokyo, le orchestre radiofoniche di Copenhagen, Torino, Berlino, Colonia e Lipsia e l’Orchestra del Teatro Mariinskij di San Pietroburgo, con grandi direttori quali Pierre Boulez, Valery Gergiev e Yannick Nézet-Seguin, per non citarne che alcuni. Nel 2013 ha vinto l’Echo Klassik, il più importante premio discografico tedesco di quegli anni, con un cd che comprendeva il Concerto n. 3 di Beethoven, il suo autore preferito: ha infatti studiato con Alfred Brendel, uno dei più grandi interpreti di Beethoven della nostra epoca, e si è aggiudicato il Concorso Beethoven a Vienna.
A Beethoven è dedicato anche questo suo concerto, che ha una particolarità: non per caso Schuch si è imposto fra i musicisti più interessanti della sua generazione anche per i suoi programmi concepiti in maniera sorprendente. Nella prima parte infatti suonerà le undici Bagatelle op. 119 di Beethoven, alternandole agli undici brani di Musica ricercata di Ligeti. Il titolo di Beethoven si riferisce alle piccolissime dimensioni di quei suoi pezzi, non certamente al loro valore, perché la brevità è la conseguenza dell’estrema concentrazione, per cui in uno o due minuti è condensata una grande ricchezza di idee: sono tra le opere più straordinarie dell’estrema maturità di Beethoven e tra le ultime sue composizioni per il pianoforte. Ligeti compose Musica ricercata nel 1952-1953 ma la tenne segreta fino al 1969, quando la fece eseguire per la prima volta in pubblico.
La seconda parte è più “normale”, con due tra le più grandi opere pianistiche di Beethoven, la Sonata n. 6 in fa maggiore op. 10 n. 2 e la Sonata n. 21 in do maggiore op. 53 nota come “Waldstein” o anche come “Aurora”. La prima è limpida, elegante e anche umoristica, mentre la seconda è un punto culminante del secondo periodo di Beethoven ed è caratterizzato dall’energia, dalla tensione e dalla drammaticità, tanto che fu definita “una Eroica per pianoforte”, paragonandola così alla Terza Sinfonia dello stesso Beethoven.

Posted in Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

E’ uscito il quaderno “Pro Europa”, realizzato dalla Fondazione Alexander Langer in collaborazione con Una città

Posted by fidest press agency su lunedì, 8 aprile 2019

“L’abbiamo intitolato “Pro Europa” – scrivono i promotori – in ricordo dell’omonima associazione creata da Alexander Langer per sostenere le “buone ragioni” di una scelta europea. Daniel Cohn Bendit, a partire dalla sua biografia, ci parla di cosa l’Europa abbia significato per la sua generazione e del perché sia oggi giusto impegnarsi per la costruzione di una vera democrazia sovranazionale. Alyn Smith, Judith Sargentini e Roza Thun, europarlamentari, affrontano il problema del deficit democratico nel processo della Brexit, in particolare per la Scozia, e quello del rischio di un arretramento nel campo dei diritti civili nei paesi centro-orientali e non solo. Di un’Agenda per i diritti fondamentali in Europa ci parla Francesco Palermo.
Paolo Bergamaschi ci spiega i limiti di una politica estera e di sicurezza le cui competenze restano nelle mani degli stati nazionali, ma anche la forza di attrazione di quello che resta il più grande progetto di pace della storia dell’umanità.
Sulla sfida dell’immigrazione, su cui forse si gioca il futuro dell’Unione europea, Alessandro Cavalli ci spiega perché non si può ridurre tutto a un problema di buoni e di cattivi sentimenti, di generosa apertura e di chiusura egoistica; e dell’inevitabilità, forse, di porre delle soglie; mentre Ferruccio Pastore ci parla delle difficoltà dell’Europa alle prese con la “crisi dei rifugiati”.Giovanni Damiani ripercorre le tante e cruciali azioni messe in campo dall’Ue nel campo ambientale, mentre Françoise Bonnet approfondisce il tema specifico della gestione dei rifiuti. Giuseppe Bronzini ci spiega cos’è il Pilastro sociale europeo lanciato nel 2017 e Marco Cilento, del sindacato europeo, ci ricorda perché l’Europa è importante per i lavoratori, la loro libertà e i loro diritti.
Infine, Franco Praussello, nello spiegare come l’unione monetaria, in assenza di politiche fiscali, rischi di rimanere un processo incompiuto, auspica un progresso sulla via dell’integrazione politica all’insegna del motto “no taxation without representation”.
Nel quaderno poi si può leggere il programma redatto da Langer per le elezioni europee del 1994, ancora di grande attualità per i temi affrontati, assieme a un suo pezzo sull’antirazzismo e su “una vita semplice”.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Perchè non si dice “pornovendetta” invece di “revenge porn?”

Posted by fidest press agency su lunedì, 8 aprile 2019

“Basta colonizzazione anglosassone. Chi si vergogna dell’italiano, emigri”. È quanto scrive il vicepresidente della Camera dei deputati Fabio Rampelli di Fratelli d’Italia sulla sua bacheca Facebook condividendo l’articolo dell’Accademia della Crusca nel quale i linguisti dell’accademia boccia l’uso del termine ‘revenge porn’. “Proporrò alla prestigiosa Accademia un incontro – prosegue il vicepresidente Rampelli – con i parlamentari della Repubblica e gli alti dirigenti della pubblica amministrazione incaricati di scrivere i testi legislativi per fornire qualche consiglio. La lingua italiana va tutelata”. “È una battaglia – ha concluso Rampelli – che sto portando avanti alla Camera a volte con qualche insofferenza da parte dei legislatori e non solo”. (n.r. Condividiamo la “battaglia” condotta da Fabio Rampelli. Il nostro timore è che questa tendenza esterofila vada oltre l’uso delle parole in un’altra lingua per nascondere l’intenzione dei promotori di farci digerire delle verità inconfessabili. Questo richiamo vale anche per i giornalisti nei loro servizi oltre ai politici in generale e al legislatore nello specifico.)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: Rinnovo del contratto in alto mare, ci potrebbero essere 200 euro al mese per Anief

Posted by fidest press agency su lunedì, 8 aprile 2019

Intanto i docenti e gli Ata si devono accontentare di 5 euro ad aprile. Pacifico lancia un appello al ministro Bongiorno: sblocchi la certificazione della rappresentatività e avvii i tavoli di confronto per non smentire il Governo del Cambiamento Sul breve periodo, le risorse destinate al contratto di lavoro nazionale, scaduto lo scorso 31 dicembre, approvate dal Consiglio nazionale Anief pochi giorni fa in una piattaforma realizzata nel decennale del sindacato, sono già presenti nel comparto: riguardano i risparmi di spesa già destinati dalla legge alla carriera. Marcello Pacifico (Anief): Stiamo indicando la via sul breve periodo, ma bisogna reperire le risorse utili a recuperare il divario registrato nell’ultimo decennio e ad allineare all’inflazione gli stipendi anche per il 2020/21. Serve la volontà, come è stato fatto col Reddito di Cittadinanza. Il Governo guardi ai compensi assegnati in Europa invece di concentrarsi sulla crociata della regionalizzazione, che condurrebbe verso assurde gabbie salariali
Gli stipendi dei docenti e Ata della scuola italiana continuano ad essere nemmeno paragonabili a quelli dell’Europa, dove si percepisce in media tra i 30% e il 50% in più. E continuano ad essere di gran lunga i più bassi della pubblica amministrazione. È tutto dire, inoltre, che le retribuzioni medie di docenti e Ata, pari a circa 29 mila euro lordi annuali, hanno perso mille euro di potere d’acquisto solo negli ultimi sette anni, come conseguenza blocco contrattuale tra il 2008 e il 2016 e del mancato recupero dell’inflazione nell’ultimo triennio. Mentre in altri Paesi a noi vicini, come la Germania, la media d’incremento è stata di 3.825 euro in attivo: il dipendente tedesco nel 2010 godeva già in media di una retribuzione lorda più alta di quello italiano, collocandosi a quota 35.621 e nel 2017 è salito a 39.446 euro. Come risolvere questa diversità di trattamento in presenza delle ristrettezze di bilancio? Come si può aumentare il compenso dei dipendenti della scuola di 200 euro almeno al mese, avvicinandoli finalmente ai compensi europei, senza gravare sulle casse dello Stato? Anief ha calcolato che per cominciare a parlare di stipendi equi ed in grado di fronteggiare il costo della vita, servirebbero aumenti minimi di 200 euro al mese. Per raggiungere questo risultato, il giovane sindacato ha trovato una soluzione senza oneri ulteriori per lo Stato: utilizzare i risparmi di spesa già destinati dalla legge alla carriera del docente. Andando così a trovare quelle risorse aggiuntive a quelle emesse dal Governo con la recente Legge di Stabilità, per coprire la cosiddetta “perequazione”. Con quei soldi, si potrebbero coprire i finanziamenti per il prossimo triennio, rispondendo così all’impoverimento degli stipendi degli insegnanti, valorizzando al massimo il loro ruolo professionale, ma anche predisponendo il passaggio di livello funzionale del personale Ata: per il lavoro svolto da amministrativi, tecnici e collaboratori scolastici, l’urgenza non è infatti da meno, perché negli ultimi anni le competenze e responsabilità sono mutate in modo sensibile. La progressione economica, inoltre, dovrà riguardare anche il personale precario e supplente breve, con una profonda modifica alle norme relative alla ricostruzione di carriera.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“L’urgenza come criterio metodologico del contemporaneo”

Posted by fidest press agency su lunedì, 8 aprile 2019

E’ il tema del ciclo seminariale organizzato dall’Ufficio Formazione Integrale dell’Università Europea di Roma (UER) in via degli Aldobrandeschi 190. Dopo un primo incontro interdisciplinare tenuto lo scorso venerdì 8 marzo, dal 9 all’11 Aprile 2019 prosegue la lettura del contemporaneo che lascia emergere come l’urgenza sembra imporsi, in tutti campi del sapere e dell’agire, quale unico e totalizzante criterio metodologico, rispondente alle necessità derivanti tanto dal fisiologico stato di crisi connaturato agli attuali modelli economici quanto dalla trasformazione tecnologica. Si apre così il secondo momento di riflessione che vedrà impegnati i singoli ambiti disciplinari nell’analisi di alcuni aspetti patologici che l’urgenza determina in ciascuno di essi.
Martedì 9 aprile (Ore 9.00 -13.30) sarà la volta dell’ambito di Storia e Filosofia con “L’innovazione sfida l’etica. Tempo noetico e tempo spazializzato”. Interverranno: il Prof. Guido Traversa (UER – Ateneo Pontificio Regina Apostolorum), il Prof. Mario Pollo (già LUMSA), il Prof. Luigi Russo (UER) e il Prof. Gianluca Casagrande (UER).
Mercoledì 10 aprile (Ore 9.00 -13.30) si ritroverà l’ambito di Psicologia con “La Tecnologizzazione della cura. Nuovi strumenti terapeutici e di riabilitazione”. Interverranno” il Prof. Tonino Cantelmi (UER), il Dott. Roberto Malinconico (Psicologo e Psicoterapeuta) e la Prof.ssa Stella Tamburello (Psicologa, Psicoterapeuta – Istituto Skinner Roma).
Giovedì 11 aprile (Ore 9.00 -13.30) conclude la settimana di studio la riflessione affrontata dall’ambito di Scienze della Formazione Primaria con “Alfabetizzazione e inclusione tecnologica. Armonizzazione della conoscenza e trasformazione delle coscienze”. Interverranno: la Prof.ssa Susy Zanardo (UER), il Prof. Mario Pollo (già LUMSA) la Prof.ssa Rebecca Honorati (UER) e la Dott.ssa Fiorella D’Ambrosio (UER).
Saranno momenti di confronto e approfondimento rivolti a studenti e professionisti accomunati dalla condivisione di valori e visione antropologica, al fine di interrogarli in merito a problemi contemporanei indagati con un approccio interdisciplinare tra saperi teleologicamente orientati al bene e ben-essere di tutto l’uomo, di ogni uomo.

Posted in Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Progetto Panorama TV di Sitour Italia

Posted by fidest press agency su lunedì, 8 aprile 2019

Presentato a Milano sul palco di Eataly Smeraldo il progetto Panorama TV di sitour italia, in collaborazione con feratel e La7. La conferenza, moderata dal caporedattore di Dove Fabio Sironi, si è tenuta alla presenza di Michael Mattesich amministratore unico sitour italia, Uberto Fornara amministratore delegato Cairo Communication – La7 e Alessandro Valentini responsabile iniziative speciali Cairo Communication – La7. La televisione è un mezzo democratico e deve mettere lo spettatore al centro dell’attenzione e proporgli ogni giorno nuovi stimoli ed emozioni. Questo il concetto che sta alla base di Panorama Tv, un progetto unico in Italia ideato da sitour italia e in programmazione su La7, ha raggiunto fino ad ora oltre 40 milioni di spettatori in un solo minuto di trasmissione live tutti i giorni nella fascia oraria del primo mattino e del primo pomeriggio. Per la prima volta meravigliosi e suggestivi panorami vengono trasmessi ad altissima qualità da oltre i 2.000 m di quota. Tutto ciò è possibile mediante telecamere MediaCam 4.0 altamente specializzate e con una avanzata tecnologia messa a disposizione da l’austriaca feratel, all’avanguardia per la trasmissione su canali tv e digitali. In questo modo Panorama Tv, grazie alla sinergia tra sitour, feratel e La7, è molto di più di un programma televisivo, diventa un nuovo approccio all’informazione e alla promozione turistica del territorio montano andando a toccare la sfera emozionale dello spettatore.
Panorama Tv è la messa in onda live di un minuto di immagini video riprese e trasmesse dai comprensori sciistici più importanti e suggestivi dell’arco alpino: Plan de Corones, Courmayer, Tofana-Marmolada, Marilleva, La Thuile, Pila, Obereggen, Madonna di Campiglio. Questo progetto ricorda in chiave moderna l’”intervallo” che veniva trasmesso un tempo: l’obiettivo è quello di promuovere il territorio e il turismo montano in Italia in un modo innovativo e speciale. Suggestive immagini ad altissimo livello accompagnate da un sottofondo musicale regalano una piacevole pausa agli spettatori. L’aspetto emozionale che scaturisce da questi meravigliosi panorami porta lo spettatore a voler visitare i comprensori e i territori promossi e, al ritorno, a voler a rivivere attraverso le dirette il tempo trascorso in quei luoghi. Questa peculiarità legata alla sfera emozionale aiuta, inoltre, a veicolare informazioni che garantiscono la sicurezza e l’orientamento del fruitore sulle piste da sci. Infatti, le trasmissioni sono accompagnate, in sovraimpressione, da informazioni sulle aree sciistiche promosse che vengono aggiornate in tempo reale: i dati meteo vengono integrati alle immagini attraverso un sistema overlay.
Il punto di forza di questo progetto è stato l’utilizzo delle MediaCam 4.0 Panorama, speciali telecamere tecnologicamente avanzate posizionate in punti strategici e studiate per convivere nel rispetto del paesaggio. Le MediaCam permettono di riprendere a 360° panorami in movimento in alta qualità e di riproporli in diretta live. Il progetto è in continua crescita e a fine aprile verranno divulgati i dati definitivi, ma il dato eccezionale è che ad oggi Panorama tv ha raggiunto milioni di spettatori italiani per un solo minuto di programmazione nelle due fasce orarie giornaliere. In un’era in cui tutto viaggia alla massima velocità senza lasciare il tempo alle emozioni un solo minuto di qualità è in grado di catturare la nostra attenzione e farci vivere una informazione piacevole.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Clima: in Bangladesh a rischio le vite e il futuro di 19 milioni di bambini

Posted by fidest press agency su lunedì, 8 aprile 2019

Secondo l’UNICEF le inondazioni, i cicloni e altri devastanti disastri ambientali legati al cambiamento climatico stanno minacciando le vite e il futuro di oltre 19 milioni di bambini in Bangladesh.Secondo il nuovo rapporto UNICEF “A Gathering Storm: Climate change clouds the future of children in Bangladesh” (“Una grande tempesta: il cambiamento climatico annebbia il futuro dei bambini in Banglades), anche se il Bangladesh ha sviluppato una grande resilienza, sono necessari maggiori risorse e programmi innovativi per evitare il pericolo del cambiamento climatico per i cittadini più giovani del paese.
Il rapporto sottolinea che la topografia pianeggiante del Bangladesh, la densità della popolazione e la debolezza delle infrastrutture, rendono il paese vulnerabile a forze potenti e imprevedibili che il cambiamento climatico sta aggravando. La minaccia è sentita dalle pianure soggette a inondazioni e siccità nel nord del paese, fino alla costa devastata da tempeste lungo il golfo del Bengala.In seguito a interviste condotte con famiglie, leader e funzionari delle comunità, l’UNICEF ha affermato che l’unione di eventi metereologici estremi – come inondazioni, temporali, cicloni e siccità – e fenomeni di lungo periodo direttamente legati al cambiamento climatico – come l’innalzamento dei livelli del mare e l’intrusione di acqua salata – stanno spingendo sempre più le famiglie verso povertà e sfollamenti. In questi casi, l’accesso dei bambini ai servizi scolastici e sanitari è gravemente interrotto.Tra i bambini maggiormente colpiti, circa 12 milioni vivono nei pressi di potenti sistemi fluviali che attraversano il Bangladesh e straripano regolarmente. La più ampia e recente inondazione del fiume Brahmaputra nel 2017 ha colpito almeno 480 cliniche sanitarie per le comunità e danneggiato circa 50.000 pozzi tubolari, essenziali per garantire acqua sicura alle comunità.Altri 4,5 milioni di bambini vivono in aree costiere regolarmente colpite da potenti cicloni, compreso circa mezzo milione di bambini rifugiati rohingya che vivono in fragili rifugi di bambù e plastica. Altri 3 milioni di bambini vivono nell’entroterra, dove le comunità agricole soffrono per l’ampliarsi dei periodi di siccità.Il rapporto mostra che il cambiamento climatico è un fattore chiave che sta spingendo la popolazione più povera del Bangladesh ad abbandonare le case e comunità e a provare a ricostruire la sua vita in altri luoghi. Molti si dirigono verso Dhaka e altre città più grandi, dove i bambini rischiano di cadere vittime di pericolose forme di lavoro e matrimoni precoci. Il rapporto cita ricerche che dimostrano che in Bangladesh ci sono già 6 milioni di migranti causati dal cambiamento climatico, un numero che potrebbe raddoppiare entro il 2050.“Quando le famiglie migrano dalle loro case nel paese a causa del cambiamento climatico, i bambini praticamente perdono la loro infanzia”, ha dichiarato Edouard Beigbeder, Rappresentante UNICEF in Bangladesh. “Nelle città affrontano pericoli, deprivazione e la pressione di lavorare nonostante il rischio di sfruttamento e abuso.”L’UNICEF ricorda che dagli inizi degli anni 90, investimenti e azioni – sui programmi di preparazione ai disastri e riduzione dei rischi – hanno reso le comunità vulnerabili in Bangladesh maggiormente resilienti ai pericoli causati da shock climatici. Per esempio, negli ultimi decenni, si è registrata una significativa riduzione dei tassi di mortalità dovuti a cicloni.Il rapporto chiede alla comunità internazionale e agli altri partner di supportare i governi ad attuare una serie di iniziative per proteggere i bambini dagli effetti del cambiamento climatico. Un esempio è la tecnologia promossa dall’UNICEF e altri partner grazie alla quale le comunità che vivono lungo le coste vengono aiutare a proteggere le scorte vitali di acqua potabile dall’intrusione di acqua salata dal mare. Il sistema – conosciuto come Managed Acquifer Recharge – è operativo in circa 75 comunità ed è pronto per essere portato su scala maggiore. http://www.unicef.it.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Extraterrestri: “È l’ora di aprire un’ambasciata sulla Terra”

Posted by fidest press agency su lunedì, 8 aprile 2019

Ginevra. È giunta l’ora di organizzare una conferenza internazionale che stabilisca accordi diplomatici per l’apertura di una vera e propria ambasciata, per accogliere civiltà extraterrestri sul pianeta Terra.A Chiederlo all’ONU il movimento dei Raeliani, nella prima settimana di aprile perché Rael, fondatore e leader spirituale del Movimento Raeliano Internazionale e promotore del Progetto Ambasciata, ha proclamato il primo sabato del mese di aprile l’ET Embassy Day (www.EtEmbassyDay.org), allo scopo di sensibilizzare l’opinione pubblica su quello che è il principale obiettivo del Movimento Raeliano: la costruzione di un’ambasciata destinata ad accogliere sulla Terra una civiltà extraterrestre, conosciuta con il nome di Elohim. “Lo scorso anno, i raeliani hanno avviato trattative con il primo paese pronto a considerare l’idea di ospitare un’ambasciata per accogliere degli extraterrestri”, ha dichiarato Daniel Turcotte, Guida raeliana e assistente di Rael per il Progetto Ambasciata, e ha aggiunto “Adesso è giunto il momento di coinvolgere anche le Nazioni Unite”.Turcotte ha anche dichiarato “Mentre ci prepariamo per il nostro ET Embassy Day, intendiamo anche sollecitare le Nazioni Unite ad organizzare una conferenza internazionale perché si discuta un nuovo protocollo nell’ambito della Convenzione di Vienna sulle Relazioni Diplomatiche: il “Protocollo opzionale riguardante le ambasciate per gli Extraterrestri “.Ha spiegato inoltre che varie nazioni hanno risposto alla richiesta di ospitare tale ambasciata e molte di esse hanno mostrato un sincero interesse per questo promettente e importante progetto.”Il numero dei paesi che dimostrano interesse continua a crescere, perché diventa sempre più evidente il fatto che una civiltà extraterrestre sta preparando la nostra umanità ad un contatto ufficiale, attraverso avvistamenti ufo e apparizioni di cerchi nel grano molto complessi in tutto il mondo”, ha continuato.
I raeliani stanno anche preparando una campagna sui social media che include la realizzazione di una pagina web, all’interno della quale i cittadini di tutti i paesi del mondo potranno esprimere il proprio sostegno alla richiesta che verrà inoltrata alle Nazioni Unite, raggiungibile allindirizzo internet http://elohimembassy.org/et-embassy-day.
“Mentre alcuni paesi immaginano, in modo del tutto ingiustificato, una possibile invasione da parte di una civiltà extraterrestre dagli intenti bellicosi e si preparano allo scontro armato, riteniamo sia necessario contrapporre a una posizione così retrograda e violenta un movimento mondiale di pace che aiuti le persone a comprendere che dallo spazio può provenire solo amore. Se l’ONU decidesse di non assumersi tale impegno, lo faranno i paesi con i quali siamo discutendo del progetto “, ha concluso Turcotte.I raeliani credono che una civiltà extraterrestre, chiamata “Elohim” nella Bibbia ebraica originale, abbia creato ogni forma di vita sulla Terra, compresi gli esseri umani. Essi credono anche che questa civiltà extraterrestre sia pacifica e molto più progredita della nostra, sia dal punto di vista scientifico che filosofico, e che un contatto ufficiale con i nostri creatori condurrà la nostra umanità ad entrare in un’era d’oro di pace e prosperità. http://www.EtEmbassyDay.org.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Normativa per il funzionamento dei sindacati per la tutela e rappresentatività dei Carabinieri d’Italia

Posted by fidest press agency su lunedì, 8 aprile 2019

Il SIM CARABINIERI, scevro da condizionamenti esterni, in prossimità della chiusura della fase emendativa al PDL 875 Corda esprime massima fiducia ai parlamentari relatori in commissione su quello che sono le richieste emendative presentate nelle diverse modalità, tendenti ad ottenere una normativa adeguata ed attuale per il futuro funzionamento dei “sindacati” che dovranno occuparsi della Tutela e della Rappresentatività dei Carabinieri d’Italia. Appare impossibile ritenere che la nascente norma possa precludere ai Carabinieri i diritti che con la sentenza n.120/2018 della Corte Costituzionale sono stati definitivamente concessi dopo anni di privazione. E’ proprio per questi motivi non accetterà in alcun modo, categoricamente, nulla che possa continuare a ledere la libertà e la tutela di ogni Carabiniere. Uomini, donne, soldati, sbirri e servitori della
Patria, disposti a donare la propria vita affinché si possano continuare ad affermare i principi di onestà e legalità che contraddistinguono da oltre 200 anni l’Arma dei Carabinieri, patrimonio degli Italiani e del mondo intero. Il SIM Carabinieri si offre di continuare ad essere uno strumento di interfaccia con le parti politiche, come è stato fatto sino ad ora, affinché possano giungere ai citati parlamentari tutti i consigli e l’esperienza che ogni Carabiniere serba in se dopo decenni di “essenza”. L’attesa è lunga ed estenuante, ma con saggezza e calma, siamo certi che nessuno deluderà le nostre aspettative. (Il Segretario Generale Nazionale Antonio Serpi)

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Fondi lussemburghesi di Artemis

Posted by fidest press agency su lunedì, 8 aprile 2019

Ad aprile 2018 Artemis ha lanciato Artemis Funds (Lux), una SICAV di diritto lussemburghese, nell’ambito di una strategia di diversificazione della propria offerta che si propone di venire incontro alle esigenze degli investitori. La Società conta sette comparti attivi, che consentono di accedere ad investimenti quali azioni USA, globali e dei mercati emergenti. Tutti questi fondi si qualificano come OICVM e possono essere distribuiti in tutta l’UE.Artemis è lieta di annunciare che le masse in gestione delle sue SICAV hanno superato i 2 miliardi di sterline (2,4 miliardi di euro) per la prima volta. Tale incremento può essere attribuito alla crescita costante della raccolta e alla decisione dei nostri client europei di riallocare i loro investimenti.Il Responsabile della Distribuzione di Artemis, Jasper Barens, ha così commentato: “Siamo entusiasti del sostegno che stiamo ricevendo dai nostri clienti europei e di vedere come i nostri fondi lussemburghesi attirino costantemente nuovi investimenti. È nostra intenzione ampliare la presenza di questi fondi in tutta Europa e, col tempo, a livello internazionale. A tal fine, prevediamo di lanciare altri fondi, tra cui alcuni di tipo obbligazionario. Il nostro impegno è quello di valorizzare i nostri fondi in modo da poter venire incontro nel miglior modo possibile alle diverse esigenze dei nostri clienti globali.
Artemis, uno dei principali gestori di investimenti con sede nel Regno Unito, offre una gamma di fondi che investono nel Regno Unito stesso, in Europa, negli USA e in tutto il mondo. La Società è specializzata nella gestione attiva degli investimenti per conto di investitori retail e istituzionali. La Società ha masse amministrate pari a circa GBP 28,2 miliardi (EUR 32,7 miliardi/USD 36,7 miliardi) distribuite fra una varietà di fondi, due fondi chiusi, un fondo di venture capital e mandati segregati e gestioni patrimoniali in fondi per investitori istituzionali. Alcuni di questi fondi sono disponibili per gli investitori dell’Europa continentale. https://www.artemisfunds.com

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

UNICEF/Inquinamento: in Francia 3 bambini su 4 respirano aria inquinata

Posted by fidest press agency su lunedì, 8 aprile 2019

Secondo un rapporto lanciato dall’UNICEF Francia, più di 3 bambini su 4 in Francia respirano aria tossica. I bambini sono i primi ad essere colpiti dall’inquinamento, soprattutto a causa dello sviluppo ancora non completo dei loro organismi e della loro frequenza respiratoria (una volta e mezzo maggiore rispetto a quella degli adulti). Un gran numero di patologie che si originano durante l’infanzia e persino durante lo stadio fetale (asma, allergie, eczemi, sindromi depressive, diabete, obesità…) sono direttamente legate all’inquinamento atmosferico. Il rapporto “Pour chaque enfant, un air pur ! Les effets de la pollution de l’air en ville sur les enfants” (“Per ogni bambino un’aria pura! Gli effetti dell’inquinamento atmosferico in città sui bambini”), realizzato dall’UNICEF Francia in collaborazione con WWF Francia, Réseau Action Climat e Respire, ricorda che la principale fonte d’inquinamento atmosferico nelle nostre città è il traffico stradale, a cui è legato il 63% delle emissioni di ossido di azoto. Pertanto, vivere in prossimità di collegamenti stradali a forte densità provocherebbe dal 15 al 30% dei nuovi casi d’asma nei bambini.Inoltre, la maggior parte dei luoghi in cui si riuniscono i bambini si trovano in prossimità di assi stradali, quindi la loro esposizione a un’aria inquinata è accentuata. A Parigi, un istituto scolastico su quattro si trova in un luogo costantemente al di sopra delle normative europee, succede la stessa cosa negli stadi, nei parchi e in altre infrastrutture sportive.L’UNICEF Francia e i suoi partner propongono delle raccomandazioni concrete per invertire questa tendenza:
Estendere le zone a bassa emissione nelle città, soprattutto vicino a luoghi che ospitano gruppi vulnerabili (asili nido, scuole, ospedali…), per ridurre progressivamente la presenza di automobili a benzina e a diesel e favorire l’aumento di motori a emissioni minori;
Supportare e sostenere finanziariamente le collettività e i consumatori per sviluppare soluzioni di mobilità più pulite (camminare, usare la bicicletta, trasporti pubblici, passaggi in auto…) e in questo modo uscire dalla dipendenza da un uso individuale dell’automobile;
Sensibilizzare maggiormente la popolazione sui rischi dell’inquinamento dell’aria per la salute dei bambini. In effetti, diversi studi dimostrano che la riduzione del traffico stradale e un cambiamento delle politiche di mobilità a livello locale e nazionale hanno un effetto diretto sul miglioramento della salute, della qualità della vita, della riduzione dei ricoveri ospedalieri e dell’incidenza di malattie.Di fronte all’urgenza sanitaria dell’esposizione di tutti, in particolare dei bambini, all’inquinamento atmosferico, è giunto il momento di modificare i nostri modelli di vita cittadini per rendere l’aria delle città respirabile.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Gruppo Ebano punta su sostenibilità e impatto sociale

Posted by fidest press agency su lunedì, 8 aprile 2019

8 società controllate, 15 partnership produttive, più di 250 dipendenti e collaboratori, oltre 18 milioni di fatturato aggregato, una clientela media annuale che ormai supera le seimila unità per il solo business della Formazione a distanza: sono alcuni dei numeri del Gruppo Ebano, la holding fondata dall’imprenditore di prima generazione Carlo Robiglio, che emergono dall’Annual Report presentato oggi agli investitori istituzionali e agli stakeholder. La holding, che ha visto crescere in sei anni i ricavi complessivi del 250%, ha supportato un piano di crescita per linee interne ed esterne con investimenti nel solo 2018 di oltre 500 mila euro, importo confermato anche nel piano 2019.
I tre principali filoni di attività del gruppo sono “editoria e formazione”, “comunicazione e marketing” e “innovazione”. Tra i punti di forza c’è la controllata Cef Publishing, leader di mercato in Italia nella progettazione, realizzazione ed erogazione di corsi professionali attraverso modalità Fad (formazione a distanza) ed e-learning in ambiti come il socio assistenziale, l’animal care, il food, l’estetica e il benessere. Docenti dei suoi corsi sono tra gli altri lo Chef stellato Antonino Cannavacciuolo per il corso “Cuoco professionista CHEFuoriclasse” e il truccatore e imprenditore nel mondo della cosmetica Diego Dalla Palma per il corso “Professionista della Bellezza e del Benessere. Percorso Immagine”. La politica aziendale del Gruppo Ebano, volta a perseguire alti standard in termini
di sostenibilità e impatto sociale, ha adottato il modello organizzativo L.231 per se e la controllata Cef. E Cef dal 2018 anche B Corp®, certificazione rilasciata dalla B Corporation, l’ente non-profit americano.
Ebano, sempre tramite Cef Publishing, fa parte di Elite, il programma internazionale di Borsa italiana, nato nel 2012 in collaborazione con Confindustria, dedicato alle aziende ad alto potenziale di crescita, con un modello di business solido ed una chiara strategia di sviluppo. “La storia di Ebano – spiega Carlo Robiglio – ha radici profonde e ha inizio, intorno ai primi anni novanta, con l’idea di dar vita a una iniziativa imprenditoriale nel mondo dell’editoria e della cultura che potesse, in primo luogo, valorizzare la storia, le tradizioni e i valori di un territorio. La formazione continua, insieme agli investimenti in ricerca e innovazione, rappresentano i pilastri strategici per la nostra crescita”.
“Espandiamo il nostro raggio d’azione secondo un modello verticale, sviluppando le competenze acquisite”, continua Robiglio. “Così, dopo la realizzazione di corsi di cucina, siamo passati al social eating, dalla formazione per addestratori di cani abbiamo ampliato l’attività alla vendita e-commerce di prodotti pet e alla gestione di un’apposita piattaforma per promuovere modelli di sharing economy per i possessori di animali da compagnia”. “Ebano – spiega il direttore generale Silvano Mottura – si offre come interlocutore dell’azienda partner per progettare e gestire a 360 gradi servizi in outsourcing, portando efficienza e profitto all’insieme di attività che, nella catena del valore di un’impresa, coinvolgono il rapporto con i propri stakeholders.”

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Investimenti esteri: l’Asia/Oceania è la zona più attrattiva

Posted by fidest press agency su lunedì, 8 aprile 2019

Nella seconda sessione del Workshop “Lo scenario dell’economia e della finanza”, è stato approfondito il tema dei rischi e delle opportunità nei Paesi emergenti.
I 200 imprenditori che hanno partecipato alla rilevazione hanno indicato nell’Asia/Oceania la macro-area emergente che più offrirà opportunità di sviluppo per le loro aziende. Tale zona si colloca al primo posto con il 44,8% delle preferenze, staccando di molto Europa Orientale (20,7%) e Medio Oriente (13,8%). Tra i Paesi più attrattivi per gli investimenti, il 31,7% degli imprenditori ha indicato la Cina, percentuale cresciuta in maniera significativa rispetto a due anni fa, quando il sentiment degli imprenditori si fermava al 17,7%. La Turchia, invece, è il Paese che per il 60,5% degli imprenditori risulta essere meno attrattivo in assoluto, seguito dal Sud Africa (34,4%).

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

“Gradus Taurinensis: Attualità di uno scienziato piemontese del ‘700”

Posted by fidest press agency su lunedì, 8 aprile 2019

Torino 10 aprile alle 16 nella sala Consiglieri di Palazzo Cisterna sarà presentato al pubblico “Gradus Taurinensis: Attualità di uno scienziato piemontese del ‘700”.Oltre all’autore del libro, interverranno il vicesindaco della Città metropolitana di Torino, il presidente della Consulta consiglieri e amministratori Marco Canavoso e lo storico, politico e giornalista Gianni Oliva. L’incontro sarà l’occasione per celebrare il generoso impegno culturale, sociale, amministrativo e politico di Levio Bottazzi, classe 1930, giovanissimo partigiano uscito indenne nel 1945 dalla famigerata caserma di via Asti, tecnico Enel, padre – nella sua veste di presidente dell’Azienda Elettrica Municipale (1980-1985) – del teleriscaldamento a Torino , consigliere provinciale dal 1995 al 2004.
Nel 1759 il re Carlo Emanuele III affidò al padre scolopio Giovanni Battista Beccaria, chiamato dal sovrano a Torino per insegnare la Fisica sperimentale all’Università, l’incarico di calcolare, per la prima volta, la misura di un arco di meridiano in Piemonte. Lo scienziato per quattordici anni compì le misurazioni per la triangolazione tra Mondovì e Andrate passando per i vertici di Sanfrè, Saluzzo, Torino, Rivoli, Superga, Balangero e Mazzè, utilizzando quadranti e settori speciali di sua costruzione. I risultati vennero pubblicati nel 1774 nell’opera “Gradus Taurinensis” e permisero, tra l’altro, di realizzare il tracciamento della Carta Generale dello Stato Sabaudo. Le copie di quest’opera esistenti oggi in Piemonte sono quattro, di cui due a Torino: una nella Biblioteca Reale e l’altra nella Biblioteca di Storia e Cultura del Piemonte “Giuseppe Grosso” della Città metropolitana.
Nel suo saggio, Beccaria presenta il cosiddetto “Meridiano di Torino”, attribuendogli la lunghezza di 112,06 km (un po’ più grande rispetto a quella oggi adottata, che è pari a 111,137 km), e ricavandone anche il valore della circonferenza terrestre, pari a 40.332 km. A ricordo del calcolo, oggi rimangono due piccoli obelischi gemelli: uno a Rivoli al termine di corso Francia, l’altro a Torino, al capo opposto dell’arteria stradale, in piazza Statuto.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Borsa di studio per studenti in veterinaria

Posted by fidest press agency su lunedì, 8 aprile 2019

Boehringer Ingelheim annuncia l’istituzione della Borsa di Studio BVDzero 2019-2020 per gli Studenti di Medicina Veterinaria. L’iniziativa riflette l’impegno di lungo termine dell’azienda a promuovere la salute e il benessere degli animali. Con questa Borsa di Studio Boehringer Ingelheim punta ad accrescere le conoscenze degli studenti di Medicina Veterinaria sulla diarrea virale bovina (BVD). Boehringer Ingelheim ritiene, inoltre, che iniziative di questo genere contribuiscano anche a diffondere la consapevolezza di questa patologia bovina a livello più generale e, di conseguenza, a favorire la riduzione della sua prevalenza.Il Comitato BVDzero, in collaborazione con un rappresentante dell’Associazione Mondiale di Buiatria, individuerà gli studenti di Medicina Veterinaria più meritori a livello mondiale, che possano contribuire a soddisfare le esigenze, in continua evoluzione, sia di salute e benessere degli animali, sia del settore buiatrico nel suo complesso.
Verranno assegnate 10 borse di studio, ciascuna del valore di 1.000 euro, ai 10 studenti di Medicina Veterinaria ritenuti più meritori.Ciascun assegnatario della borsa di studio potrà, inoltre, partecipare al prossimo Congresso Mondiale di Buiatria, che si terrà a Madrid nel 2020; nell’ambito di questa iniziativa Boehringer Ingelheim si farà carico dei costi di iscrizione al Congresso e delle spese di alloggio. Criteri di idoneità dei candidati
· Studenti di Medicina Veterinaria del secondo, terzo e quarto anno;
· Che dimostrino passione per il settore zootecnico, in particolare per i bovini;
· Che diano prova di risultati d’eccellenza accademica;
· Che dimostrino leadership e partecipazione ad attività extra-universitarie.
Le candidature possono essere presentate entro e non oltre il 25 maggio 2019.

Posted in Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Gli italiani ritornano in agricoltura

Posted by fidest press agency su lunedì, 8 aprile 2019

I dati dell’Osservatorio Eban-Nomisma sul lavoro agricolo nel 2017 – dichiara in una nota il Presidente nazionale Confeuro, Andrea Michele Tiso – confermano la volontà dei cittadini italiani di tornare protagonisti di un comparto storico per la vita del Paese, nonché in grado, se ben foraggiato, di garantirgli un futuro.La crescita dell’impiego degli italiani nel settore agroalimentare, e la conseguente diminuzione degli stranieri (- 5%), evidenzia anche un’inversione di tendenza importante. Il primario sta infatti tornando ad essere visto con occhi diversi e non come un aggregato economico dequalificante e legato al passato. Come Confeuro – prosegue Tiso – abbiamo sempre ribadito la necessità di vedere nel mondo agricolo un’importante occasione di sviluppo, non solo economico, ma anche di una crescita sociale e culturale che parli di ambiente e di salvaguardia delle diversità.A confermare la bontà di questa prospettiva sono proprio le evoluzioni del settore, il quale ha fatto registrare in un anno una crescita occupazionale del 4%. Questi dati non sono omogenei ed evidenziano dei chiaroscuri, con una crescita occupazionale al Nord e una decrescita al Sud. Su questi aspetti – conclude Tiso – c’è molto da lavorare, ma la forza trainante del mondo agricolo non può essere messa in alcun modo in discussione, anzi, sarebbe ora che il governo la facesse finalmente sua e decidesse di utilizzarla per portare il Paese fuori dalla crisi.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Alimentare: Ferrarini lancia da Catania “Sapori d’Italia”

Posted by fidest press agency su lunedì, 8 aprile 2019

Ferrarini (https://www.ferrarini.com) lancia partendo da Catania il progetto “Sapori d’Italia” per valorizzare la cultura alimentare italiana e la vendita al dettaglio e rafforza il legame con il territorio e la vicinanza al consumatore con due nuovi prodotti 100% italiani, rivolti al dettaglio tradizionale: il “Big Storico” e “il Nazionale”. Due prosciutti cotti top di gamma pensati per soddisfare le richieste del mercato che premiano l’altissima qualità e l’artigianalità, insieme alla trasparenza sulla provenienza, a partire dalla materia prima.Lo storico marchio, fondato nel 1956 da Lauro Ferrarini, è oggi tra i leader sul mercato nazionale del prosciutto cotto, sia nel canale della grande distribuzione organizzata, sia in quello del dettaglio tradizionale su tutto il territorio nazionale grazie ad una propria struttura distributiva.
Primo brand italiano a produrre prosciutto cotto senza polifosfati aggiunti, Ferrarini è ormai una tra le più importanti realtà europee nel settore agroalimentare e propone in tutto il mondo, oltre al suo prosciutto cotto, i prodotti simbolo del Made in Italy: dal prosciutto di Parma alle diverse specialità di salumeria, accompagnate dai prodotti dell’azienda agricola Ferrarini, dalla quale l’attività imprenditoriale ha preso avvio, come il Parmigiano Reggiano Dop, i vini e l’aceto balsamico di Modena e Tradizionale Dop.
Forte della sua capillarità sul territorio italiano, “Ferrarini- afferma la presidente di Ferrarini Spa, Lisa Ferrarini- è un brand solido, apprezzato e richiesto dal mercato. Siamo storicamente legati al mondo del dettaglio tradizionale, nel quale vogliamo consolidare sempre più la nostra presenza, valorizzando la ‘bottega’ di fiducia dove vince il rapporto umano e il salumiere chiama il cliente per nome”.“Il sostegno all’economia locale – continua Lisa Ferrarini – è per noi fondamentale e riteniamo che il dettaglio tradizionale possa coesistere con la grande distribuzione organizzata”. Per l’imprenditrice, “i negozi di quartiere italiani continuano a rappresentare la storia di questo paese e l’eccellenza del Made in Italy. Lì vince il rapporto umano e il consumatore si affida al salumiere, che si distingue per la sua offerta selezionata di prodotti di alta qualità e gourmet. Questa è la forza che ha consentito a molti negozi al dettaglio di alimentari di crearsi una nicchia di mercato sempre più apprezzata dal consumatore”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Diabete: Tra i giovani è la malattia metabolica più diffusa

Posted by fidest press agency su lunedì, 8 aprile 2019

Colpisce circa 20 mila piccoli italiani. Se ne è discusso a Bari c/o Hotel Excelsior nel corso del Convegno AGD “Ricerche, cure e tecnologie: quale futuro per I giovani con diabete di tipo 1”. Tra le tecnologie condivise, emergono le innovazioni che Theras Group sta proponendo nella gestione del diabete, nati per essere proprio “indossati” perchè senza fili e tubi, sviluppati per il rilascio di insulina e il monitoraggio in continuo della glicemia. “Dai risultati della ricerca, è apprezzato soprattutto dai giovani l’innovatività e la tecnologia dei sistemi, la percezione di utilizzare gli strumenti più avanzati, la miglior terapia possibile per il diabete – spiega Isabella Cecchini, Head of Primary Market Research IQVIA che ha condotto la ricerca sui portatori di device per il diabete – Tra i giovani intervistati emergono tutti i vantaggi degli strumenti che favoriscono il sentirsi “normali” e tecnologici, aprono alla socializzazione, a condividere con gli altri la propria malattia. Si rafforza una soddisfazione che deriva dall’affidabilità delle misurazioni, che si traduce in un benessere fisico, superiore livello di autonomia e incremento di consapevolezza e stima”. L’esperienza dei pazienti e dei loro caregiver ha messo in luce non solo l’effetto positivo dei nuovi device sulla gestione della malattia, ma anche e soprattutto il grande impatto che gli strumenti hanno avuto sulla qualità della vita. “Dopo quella dell’insulina, sono due le grandi rivoluzioni tecnologiche nel diabete – spiega nel corso del suo intervento c/o il Convegno Isabella Alessandrini, Medical&Scientific Advisor Theras-Group – La prima è il dispositivo (POD) che si indossa per 72 ore senza doverlo cambiare, senza tubi e cateteri. La più recente, invece, permette un monitoraggio “in real time” della glicemia in modo più semplice, accurato, sicuro e con un elevato livello di predittività. Siamo molto attenti alle esigenze dei nostri pazienti, soprattutto quelli nella fascia più giovane che si ritrova a gestire il diabete, specie nella fase adolescenziale già ricca di cambiamenti fisici e psicologici. L’innovazione tecnologica sviluppata da Theras Group è in grado di offrire soluzioni innovative scientificamente e tecnologicamente evolute e in linea anche ai bisogni dei più giovani alla ricerca di una maggiore autonomia e attenzione anche nell’estetica e vestibilità dello strumento”.
In linea con quanto indicato, due sono le innovazioni che Theras Group sta proponendo nella gestione del diabete. Il primo è il sistema Omnipod, un microinfusore che rilascia insulina e che si indossa comodamente, senza fili, molto piccolo e impermeabile.Il secondo è il nuovissimo sistema di monitoraggio glicemico in continuo ad altissima precisione, una sorta di “GPS della glicemia” (Dexcom G6, ora disponibile anche in Italia), una vera e propria guida intelligente e automatica nel mondo della glicemia. L’autocalibrazione automatica (che evita le 2 punture capillari al giorno), i livelli di sicurezza ed efficacia, il sistema di applicazione automatico, le dimensioni ridotte, la lunga durata (da sostituire dopo 10 giorni, senza ricalibrazioni perchè automatico), fanno di questo dispositivo l’ultima generazione di monitoraggio in continuo della glicemia, in grado di segnalare i pericoli in anticipo e in tempo utile per intervenire.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »